Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza Classe LMG/01 Magistrale in Giurisprudenza

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza Classe LMG/01 Magistrale in Giurisprudenza"

Transcript

1 hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza Classe LMG/01 Magistrale in Giurisprudenza Sedi del corso: - Como - Varese MANIFESTO DEGLI STUDI - ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Presentazione del Corso. Presso il Dipartimento di Diritto Economia e Culture della sede di Como dell Università degli Studi dell Insubria è attivato il Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza di durata quinquennale appartenente alla Classe delle lauree Magistrali in Giurisprudenza (LMG/01). Nell a.a. 2013/2014 sono attivati: nella sede di Como il primo, il secondo e il terzo anno di corso nella sede di Varese il primo, il secondo e il terzo anno di corso Obiettivi formativi e sbocchi professionali Il Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza intende fornire allo studente una solida formazione giuridica spendibile sia nel mondo del lavoro (come giurista d'impresa, consulente, etc.) sia, previo superamento di prove di esami concorsuali, per l'esercizio delle professioni di avvocato e notaio nonché per l'esercizio della magistratura, previa frequenza dei corsi di formazione post-laurea. Durante il quinquennio di studi, il fenomeno è analizzato nella dimensione storica e in quella vigente, con particolare attenzione al diritto internazionale e dell'unione europea; in particolare, quanto al diritto svizzero, è acquisibile dallo studente interessato una specifica formazione comparatistica e di diritto positivo. L'assimilazione di appropriate metodologie di studio del diritto vigente - basata sui tradizionali strumenti per il reperimento del dato e delle fonti di cognizione nonché sulle tecnologie digitali e sulle risorse informatiche - è rivolta a contrastare la rapida obsolescenza delle competenze giuridiche 1

2 nonché a garantire la capacità di riprodurre e aggiornare costantemente le conoscenze e le competenze acquisite. Rientrano in particolare tra gli obiettivi del corso l'acquisizione di solida consapevolezza circa: a) gli aspetti istituzionali ed organizzativi degli ordinamenti giudiziari; b) la deontologia professionale, la logica e l'argomentazione giuridica e forense, la sociologia giuridica, l'informatica giuridica; c) il linguaggio di almeno una lingua straniera. Il quadro così delineato, sotto il profilo metodologico e didattico, mira essenzialmente a che i laureati possano rispondere pienamente, per preparazione e per attitudini logico-interpretative, alla figura del "giurista europeo". Il Corso prepara alla professione di: Avvocati - ( ) Esperti legali in imprese - ( ) Esperi legali in enti pubblici - ( ) Notai - ( ) Magistrati - ( ) PROFESSIONALE - AVVO TICA PROFESSIONALE - NOTAIO Accesso al corso di laurea e modalità di verifica della preparazione iniziale Fatti salvi i requisiti previsti dalla legislazione vigente in materia di accesso agli studi universitari, il Corso di Laurea non prevede alcuna limitazione numerica delle immatricolazioni né prova di accesso. Nondimeno, gli studenti devono sottoporsi e superare una prova di verifica delle competenze linguistiche di base (logico-sintattiche, testuali, semantico-lessicali, stilistiche e sociolinguistiche), che ha luogo in ottobre, secondo un calendario che verrà reso noto sulla pagina web del corso. Gli studenti che abbiano conseguito esito insufficiente in tale prova hanno come specifico obbligo formativo aggiuntivo la partecipazione alle iniziative didattiche del Dipartimento mirate a superare le carenze rilevate nella prova iniziale e a sostenere con successo la prova nelle sessioni di recupero (organizzate a partire da novembre). Gli studenti non potranno sostenere esami di profitto fino a che non avranno superato con successo la prova di verifica delle competenze linguistiche. Frequenza Il corso di laurea in Magistrale in Giurisprudenza prevede la frequenza continuativa, il cui accertamento è demandato al titolare del corso secondo modalità e criteri definiti in relazione alla natura del corso stesso. La frequenza continuativa è considerata ai fini della valutazione in sede di esame. Modalità didattica: lezioni frontali, seminari, esercitazioni, didattica assistita (attività di elaborazione di testi e di somministrazione di prove intermedie per la valutazione progressiva della preparazione degli studenti attraverso ad es. mediante la piattaforma e-learning). In vista di una maggiore mobilità degli studenti nell ambito dei programmi di scambio internazionale, potranno essere individuati, con l aiuto di un tutor, percorsi di frequenza e di studio compatibili con il soggiorno all estero. Riconoscimento crediti formativi Ai fini dell iscrizione al corso di laurea e della maturazione dei crediti formativi, agli studenti potranno essere accreditate sia le attività formative sia le attività lavorative pregresse, secondo quanto stabilito dal Consiglio di Dipartimento. 2

3 Articolazione del corso degli studi Il corso di laurea ha durata quinquennale e comporta l acquisizione da parte dello studente di 300 crediti formativi, la cui ripartizione è illustrata nell ordinamento didattico sotto riportato. Regime a tempo parziale Gli studenti che si iscrivono al corso di laurea Magistrale in Giurisprudenza possono optare all inizio dell anno accademico per il regime a tempo parziale che prevede un ordinamento di durata di sei anni o di sette anni secondo l articolazione di seguito specificata. Calendario attività didattica 1 Semestre Inizio lezioni 30 Settembre 2013 Termine lezioni 20 Dicembre 2013 Sessione esami dal 7 Gennaio 2014 al 28 Febbraio 2014 (4 appelli) 2 Semestre Inizio lezioni 3 Marzo 2014 Termine lezioni 30 Maggio 2014 Vacanze di Pasqua dal 17 Aprile al 22 Aprile 2014 Sessione esami dal 3 Giugno 2014 al 31 Luglio 2014 (4 appelli) dal 1 Settembre 2014 al 19 Settembre 2014 (1 appello) 3

4 PIANO DEGLI STUDI [laurea magistrale 5 anni] (Valido per gli studenti immatricolati nell a.a. 2013/2014 e precedenti) SEDE DI COMO Nell anno accademico 2013/2014 sono attivati solo il primo, il secondo e il terzo anno. I ANNO Insegnamenti Storia del Diritto Romano IUS/18 a) Storico Filosofia del Diritto IUS/20 a) Filosofico 12 Istituzioni di Diritto Privato IUS/01 a) Privatistico 11 Diritto Costituzionale IUS/08 a) Costituziona 13 listico Istituzioni di Diritto Romano IUS/18 a) Storico 9 Storia del Diritto Contemporaneo IUS/19 a) Storico- Economia Politica SECS-P/01 b) Economico 9 e pubblicistic o TOTALE CREDITI II ANNO Insegnamenti Diritto Pubblico Comparato oppure Diritto Privato Comparato (il corso viene tenuto nel secondo semestre) IUS/21 IUS/02 b) Comparatist ico Diritto Penale IUS/17 b) Penalistico un insegnamento tra i seguenti: Sociologia del diritto Informatica Giuridica Teoria generale del diritto IUS/20 a) Filosofico Diritto commerciale IUS/04 b) Commercial istico Diritto ecclesiastico IUS/11 a) Costituzion alistico

5 Lingua straniera e) 4 Lingua inglese Lingua tedesca (1 semestre) Lingua spagnola (1 semestre) Attività affini e integrative c) (materie a scelta anche con articolazioni modulistiche) TOTALE CREDITI 57 III ANNO Insegnamenti attività* Diritto Internazionale I parte * IUS/13 b) Internazion alistico Attività affini e integrative c) (materie a scelta anche con articolazioni modulistiche) Storia del Diritto Medievale e IUS/19 a) Storico- 9 moderno Diritto del lavoro I parte * IUS/07 b) Laburistico 5 Diritto dell Unione Europea IUS/14 b) Comunitaris 9 tico Diritto Processuale Civile IUS/15 b) Processualc 10 ivilistico Diritto Internazionale II parte * IUS/13 b) Internazion alistico Diritto Amministrativo I parte* IUS/10 b) Amministra 11 tivistico Diritto del lavoro II parte * IUS/07 b) Laburistico 5 TOTALE CREDITI 7 IV ANNO Insegnamenti Diritto Amministrativo II parte * IUS/10 b) Amministrat ivistico Diritto del lavoro III parte * IUS/07 b) Laburistico 5 Diritto civile I parte * IUS/01 a) Privatistico 7 Diritto Processuale civile IUS/15 b) Processualci 8 Progredito vilistico Diritto Commerciale progredito IUS/04 b) Commercial 8 istico Diritto Processuale Penale IUS/1 b) Processualp 10 enalistico Diritto Penale progredito IUS/17 b) Penalistico 8 TOTALE CREDITI

6 V ANNO Insegnamenti Diritto Processuale Penale IUS/1 b) Processualp 8 Progredito enalistico Diritto tributario IUS/12 b) Economico e pubblicistic o Diritto civile II parte * IUS/01 a) Privatistico 7 TOTALE CREDITI 21 Ulteriori conoscenze linguistiche, f) abilità informatiche e relazionali, tirocini e altro (vedi elenco attività integrative) A scelta dello studente d) (tra le materie a scelta e le attività affini e integrative, ove non già scelte) PROVA FINALE e) 20 TOTALE CREDITI 32 TOTALE COMPLESSIVO 300 * insegnamento diviso in più parti con un unico esame finale attività a) formazione di base b) formazione caratterizzante c) formazione affine e integrativa d) scelte autonome dello studente e) prova finale e lingua straniera f) altre art. 10 c. 5 let. d

7 PIANO DEGLI STUDI [laurea magistrale 5 anni] (Valido per gli studenti immatricolati nell a.a. 2013/2014 e precedenti) SEDE DI VARESE Nell anno accademico 2013/2014 sono attivati solo il primo, il secondo e il terzo anno. I ANNO Insegnamenti Storia del Diritto Romano IUS/18 a) Storico Filosofia del Diritto IUS/20 a) Filosofico 12 Istituzioni di Diritto Privato IUS/01 a) Privatistico 11 Diritto Costituzionale IUS/08 a) Costituziona 13 listico Istituzioni di Diritto Romano IUS/18 a) Storico 9 Storia del Diritto Contemporaneo IUS/19 a) Storico- Economia Politica SECS-P/01 b) Economico 9 e pubblicistic o TOTALE CREDITI II ANNO Insegnamenti Diritto Penale IUS/17 b) Penalistico 10 un insegnamento tra i seguenti: Sociologia del diritto Informatica Giuridica Teoria generale del diritto IUS/20 a) Filosofico Diritto Pubblico Comparato oppure Diritto Privato Comparato IUS/21 IUS/02 b) Comparatist ico 12 Diritto commerciale IUS/04 b) Commercial istico Diritto ecclesiastico IUS/11 a) Costituzion alistico 10 9 Lingua straniera Inglese e) 4 Attività affini e integrative c) 7

8 (materie a scelta anche con articolazioni modulistiche) TOTALE CREDITI 57 III ANNO Insegnamenti attività* Diritto Processuale Civile IUS/15 b) Processualc ivilistico Diritto Internazionale I parte * IUS/13 b) Internazion Attività affini e integrative (materie a scelta anche con articolazioni modulistiche) Storia del Diritto Medievale e moderno 10 alistico c) IUS/19 a) Storico- 9 Diritto del lavoro I parte * IUS/07 b) Laburistico 5 Diritto dell Unione Europea IUS/14 b) Comunitaris 9 tico Diritto Internazionale II parte * IUS/13 b) Internazion alistico Diritto Amministrativo I parte* IUS/10 b) Amministra 11 tivistico Diritto del lavoro II parte * IUS/07 b) Laburistico 5 TOTALE CREDITI 7 IV ANNO Insegnamenti Diritto Amministrativo II parte * IUS/10 b) Amministrat ivistico Diritto del lavoro III parte * IUS/07 b) Laburistico 5 Diritto civile I parte * IUS/01 a) Privatistico 7 Diritto processuale civile IUS/15 b) Processualci 8 progredito vilistico Diritto Commerciale progredito IUS/04 b) Commercial 8 istico Diritto Processuale Penale IUS/1 b) Processualp 10 enalistico Diritto Penale progredito IUS/17 b) Penalistico 8 TOTALE CREDITI V ANNO Insegnamenti Tipo di 8

9 Diritto Processuale Penale IUS/1 b) Processualp 8 Progredito enalistico Diritto tributario IUS/12 b) Economico e pubblicistic o Diritto civile II parte * IUS/01 a) Privatistico 7 TOTALE CREDITI 21 Ulteriori conoscenze linguistiche, f) abilità informatiche e relazionali, tirocini e altro (vedi elenco attività integrative) A scelta dello studente d) (tra le materie a scelta e le attività affini e integrative, ove non già scelte) PROVA FINALE e) 20 TOTALE CREDITI 32 TOTALE COMPLESSIVO 300 * insegnamento diviso in più parti con un unico esame finale attività a) formazione di base b) formazione caratterizzante c) formazione affine e integrativa d) scelte autonome dello studente e) prova finale e lingua straniera f) altre art. 10 c. 5 let. D 9

10 MATERIE DI CUI ALLA LETTERA c) AFFINI E INTEGRATIVE - E A SCELTA DELLO STUDENTE LETTERA D) Lo studente dovrà conseguire crediti al II anno e crediti al III anno (lettera c attività affini e integrative), tra le materie elencate in calce al presente regolamento (ove non già scelte come materie obbligatorie). Fermo restando il rispetto delle propedeuticità, le materie di cui alla lettera c), per i crediti previsti al III anno, possono essere sostenute già a partire dal secondo anno, previa presentazione del piano degli studi. Lo studente inoltre, dovrà conseguire i crediti a scelta (lettera d), tra le materie di seguito elencate e rientranti nella relativa tipologia di attività. Tali attività, fermo restando il rispetto delle propedeuticità, potranno essere sostenute a partire dal II anno previa presentazione del piano degli studi. ATTIVITA INTEGRATIVE (lettera f) Lo studente può scegliere tra i corsi integrativi elencate in calce al presente regolamento oppure tra altri organizzati successivamente, tra le attività opzionali ove già non scelte; può sostenere l esame di una lingua straniera tra quelle non scelte come materia obbligatoria e/o esami sostenuti presso altri corsi di laurea del Dipartimento di Diritto Economia e Culture o di altri Dipartimenti dell Ateneo. Fermo restando il rispetto delle propedeuticità, le materie di cui alla lettera f) possono essere sostenute già a partire dal secondo anno, previa presentazione del piano degli studi ove richiesto. ELENCO MATERIE DI CUI ALLA LETTERA c) E A SCELTA DELLO STUDENTE Insegnamento Como Varese attività* Criminologia MED/43 c) d) X X Diritto amministrativo IUS/21 c) d) comparato * Diritto amministrativo svizzero IUS/10 c) - d) 3 X Diritto bancario e degli IUS/05 c) d) X intermediari finanziari Diritto canonico/diritto IUS/11 c) d) X comparato delle religioni Diritto degli atti consensuali IUS/10 c) d) X della p.a. Diritto della concorrenza IUS/04 c) d) X Diritto dell esecuzione civile IUS/15 c) d) X X Diritto degli appalti pubblici IUS/10 c) d) X Diritto degli enti locali IUS/10 c) d) X X* Diritto dell ambiente * IUS/10 c) d) Diritto della proprietà IUS/04 c) d) X industriale e intellettuale Diritto di famiglia * IUS/01 c) d) Diritto fallimentare IUS/15 c) d) X X Diritto penale commerciale IUS/17 c) d) X X 10

11 Diritto penale svizzero IUS/17 c) - d) 3 X Diritto penitenziario IUS/1 c) d) X X Diritto privato comparato IUS/02 c) d) X X Diritto privato svizzero IUS/02 c) d) X Diritto processuale civile IUS/15 c) - d) 3 X svizzero Diritto processuale penale IUS/1 c) d) X comparato Diritto processuale penale IUS/1 c) - d) 3 X svizzero Diritto pubblico comparato IUS/21 c) d) X X Diritto pubblico comparato IUS/21 c) d) X progredito Diritto pubblico svizzero IUS/21 c) d) X Diritto pubblico dell economia IUS/10 c) d) X Diritto regionale IUS/10 c) d) X Diritto romano IUS/18 c) d) X Diritto sindacale IUS/07 c) d) X X Diritto urbanistico e IUS/10 c) d) X dell ambiente Dottrina dello Stato SPS/02 c) d) X Economia e politica industriale SECS-P/01 c) d) X Epigrafia giuridica IUS/18 c) d) X Giustizia amministrativa IUS/10 c) d) X Giustizia riparativa e IUS/17 c) d) X X mediazione penale Informatica giuridica IUS/20 c) d) X X Legislazione dei beni culturali * IUS/10 c) d) Medicina legale MED/43 c) d) X X Politica economica SECS-P/02 c) d) X Religioni e diritti nella società IUS/11 c) d) X multiculturale prove di convivenza: il caso dell Islam Scienza delle finanze SECS P/03 c) d) X Sociologia del diritto IUS/20 c) d) X X Storia delle dottrine politiche SPS/02 c) d) X Tecniche di redazione degli atti IUS/10 c) d) X e dei provvedimenti della p.a. Teoria e tecnica della IUS/10 c) d) formazione e dell interpretazione delle leggi amministrative * Teoria generale del diritto IUS/20 c) d) X X * insegnamento non attivato nell a.a. 2013/

12 ELENCO ATTIVITA INTEGRATIVE (lettera f) Corso integrativo Corso di formazione per l utilizzo dei servizi bibliotecari e di risorse elettroniche e banche dati Deontologia e ordinamento Como Varese attività* f) 3 X IUS/15 f) 3 X X professionale forense Summer School IUS/02 f) 5 X Law & Cinema IUS/02 f) 3 X X 12

13 Regime a tempo parziale della durata di sei anni (Valido per gli studenti immatricolati nell a.a. 2013/2014 e precedenti) Gli studenti che si iscrivono al corso di laurea Magistrale in Giurisprudenza possono optare all inizio dell anno accademico per il regime a tempo parziale che prevede un ordinamento di durata di sei anni secondo l articolazione di seguito specificata. Tali studenti possono anticipare al massimo due esami dell anno successivo purché abbiano presentato, entro i termini stabiliti dall Amministrazione, il piano degli studi individuale con l indicazione del titolo di tali insegnamenti. SEDE DI COMO Nell anno accademico 2013/2014 sono attivati solo il primo, il secondo e il terzo anno. I ANNO Insegnamenti Storia del Diritto Romano IUS/18 a) Storico Filosofia del Diritto IUS/20 a) Filosofico 12 Istituzioni di Diritto Privato IUS/01 a) Privatistico 11 Diritto Costituzionale IUS/08 a) Costituziona listico 13 Istituzioni di Diritto Romano IUS/18 a) Storico 9 Storia del Diritto Contemporaneo IUS/19 a) Storico- TOTALE CREDITI 57 II ANNO Insegnamenti Diritto Pubblico Comparato oppure Diritto Privato Comparato (il corso viene tenuto nel secondo semestre) un insegnamento tra i seguenti: Sociologia del diritto Informatica Giuridica Teoria generale del diritto IUS/21 IUS/02 b) Comparatist ico IUS/20 a) Filosofico 12 Diritto commerciale IUS/04 b) Commercial istico Economia Politica SECS-P/01 b) Economico e pubblicistic o Diritto ecclesiastico IUS/11 a) Costituzion alistico

14 Lingua straniera e) 4 Lingua inglese Lingua tedesca Lingua spagnola Attività affini e integrative c) (materie a scelta anche con articolazioni modulistiche) TOTALE CREDITI 5 III ANNO Insegnamenti attività* Diritto Internazionale I parte * IUS/13 b) Internazion alistico Diritto Penale IUS/17 b) Penalistico 10 Diritto del lavoro I parte * IUS/07 b) Laburistico 5 Diritto dell Unione Europea IUS/14 b) Comunitaris 9 tico Diritto Internazionale II parte * IUS/13 b) Internazion alistico Diritto del lavoro II parte * IUS/07 b) Laburistico 5 TOTALE CREDITI 41 IV ANNO Insegnamenti Diritto del lavoro III parte * IUS/07 b) Laburistico 5 Diritto Processuale Civile IUS/15 b) Processualci vilistico Diritto Commerciale progredito IUS/04 b) Commercial 8 istico Diritto Amministrativo I parte* IUS/10 b) Amministra 11 tivistico Diritto Penale progredito IUS/17 b) Penalistico 8 TOTALE CREDITI 42 V ANNO Insegnamenti Diritto Amministrativo II parte * IUS/10 b) Amministrat 11 ivistico Attività affini e integrative c) (materie a scelta anche con articolazioni modulistiche) Storia del Diritto Medievale e IUS/19 a) Storico- 9 moderno Diritto Processuale Penale IUS/1 b) Processualp 10 enalistico Diritto civile I parte * IUS/01 a) Privatistico

15 Diritto Processuale civile IUS/15 b) Processualci 8 Progredito vilistico TOTALE CREDITI 51 VI ANNO Insegnamenti Diritto Processuale Penale IUS/1 b) Processualp 8 Progredito enalistico Diritto tributario IUS/12 b) Economico e pubblicistic o Diritto civile II parte * IUS/01 a) Privatistico 7 TOTALE CREDITI 21 Ulteriori conoscenze linguistiche, f) abilità informatiche e relazionali, tirocini e altro (vedi elenco attività integrative) A scelta dello studente d) (tra le materie a scelta e le attività affini e integrative, ove non già scelte) PROVA FINALE e) 20 TOTALE CREDITI 32 TOTALE COMPLESSIVO 300 * insegnamento diviso in più parti con un unico esame finale attività a) formazione di base b) formazione caratterizzante c) formazione affine e integrativa d) scelte autonome dello studente e) prova finale e lingua straniera f) altre art. 10 c. 5 let. d MATERIE DI CUI ALLA LETTERA c) AFFINI E INTEGRATIVE - E A SCELTA DELLO STUDENTE LETTERA D) Lo studente dovrà conseguire crediti al II anno e crediti al V anno (lettera c attività affini e integrative) tra le materie elencate in calce al presente regolamento (ove non già scelte come materie obbligatorie). Fermo restando il rispetto delle propedeuticità, le materie di cui alla lettera c) per i crediti previsti al V anno, possono essere sostenute già a partire dal secondo anno, previa presentazione del piano degli studi, anche come moduli di insegnamenti curriculari. In quest ultimo caso lo studente dovrà concordare con il docente il programma aggiuntivo dell esame. Lo studente, inoltre, dovrà conseguire i crediti a scelta (lettera d), tra le materie di seguito elencate e rientranti nella relativa tipologia di attività. Tali attività, fermo restando il rispetto 15

16 delle propedeuticità, potranno essere sostenute a partire dal II anno previa presentazione del piano degli studi. ATTIVITA INTEGRATIVE (lettera f) Lo studente può scegliere tra i corsi integrativi elencati in calce al presente regolamento oppure tra altri organizzati successivamente, tra le attività opzionali ove già non scelte; può sostenere l esame di una lingua straniera tra quelle non scelte come materia obbligatoria e/o esami sostenuti presso altri corsi di laurea del Dipartimento di Diritto Economia e Culture o di altri Dipartimenti dell Ateneo. Fermo restando il rispetto delle propedeuticità, le materie di cui alla lettera f) possono essere sostenute già a partire dal secondo anno, previa presentazione del piano degli studi ove richiesto. 1

17 Regime a tempo parziale della durata di sei anni (Valido per gli studenti immatricolati nell a.a. 2013/2014 e precedenti) Gli studenti che si iscrivono al corso di laurea Magistrale in Giurisprudenza possono optare all inizio dell anno accademico per il regime a tempo parziale che prevede un ordinamento di durata di sei anni secondo l articolazione di seguito specificata. Tali studenti possono anticipare al massimo due esami dell anno successivo purché abbiano presentato, entro i termini stabiliti dall Amministrazione, il piano degli studi individuale con l indicazione del titolo di tali insegnamenti. SEDE DI VARESE Nell anno accademico 2013/2014 sono attivati solo il primo, il secondo e il terzo anno. I ANNO Insegnamenti Storia del Diritto Romano IUS/18 a) Storico Filosofia del Diritto IUS/20 a) Filosofico 12 Istituzioni di Diritto Privato IUS/01 a) Privatistico 11 Diritto Costituzionale IUS/08 a) Costituziona listico 13 Istituzioni di Diritto Romano IUS/18 a) Storico 9 Storia del Diritto Contemporaneo IUS/19 a) Storico- TOTALE CREDITI 57 II ANNO Insegnamenti un insegnamento tra i seguenti: Sociologia del diritto Informatica Giuridica Teoria generale del diritto IUS/20 a) Filosofico Diritto Pubblico Comparato IUS/21 oppure b) Comparatist Diritto Privato Comparato IUS/02 ico Diritto commerciale IUS/04 b) Commercial istico Economia Politica SECS-P/01 b) Economico e pubblicistic o Diritto ecclesiastico IUS/11 a) Costituzion alistico

18 Lingua straniera Inglese e) 4 Attività affini e integrative c) (materie a scelta anche con articolazioni modulistiche) TOTALE CREDITI 5 III ANNO Insegnamenti attività* Diritto Internazionale I parte * IUS/13 b) Internazion alistico Diritto Penale IUS/17 b) Penalistico 10 Diritto del lavoro I parte * IUS/07 b) Laburistico 5 Diritto dell Unione Europea IUS/14 b) Comunitaris 9 tico Diritto Internazionale II parte * IUS/13 b) Internazion alistico Diritto del lavoro II parte * IUS/07 b) Laburistico 5 TOTALE CREDITI 41 IV ANNO Insegnamenti Diritto del lavoro III parte * IUS/07 b) Laburistico 5 Diritto Processuale Civile IUS/15 b) Processualci 10 vilistico Diritto Commerciale progredito IUS/04 b) Commercial istico 8 Diritto Amministrativo I parte* IUS/10 b) Amministra 11 tivistico Diritto Penale progredito IUS/17 b) Penalistico 8 TOTALE CREDITI 42 V ANNO Insegnamenti Diritto Amministrativo II parte * IUS/10 b) Amministrat 11 ivistico Attività affini e integrative c) (materie a scelta anche con articolazioni modulistiche) Storia del Diritto Medievale e IUS/19 a) Storico- 9 moderno Diritto Processuale Penale IUS/1 b) Processualp 10 enalistico Diritto civile I parte * IUS/01 a) Privatistico 7 18

19 Diritto Processuale civile IUS/15 b) Processualci 8 Progredito vilistico TOTALE CREDITI 51 VI ANNO Insegnamenti Diritto Processuale Penale IUS/1 b) Processualp 8 Progredito enalistico Diritto tributario IUS/12 b) Economico e pubblicistic o Diritto civile II parte * IUS/01 a) Privatistico 7 TOTALE CREDITI 21 Ulteriori conoscenze linguistiche, f) abilità informatiche e relazionali, tirocini e altro (vedi elenco attività integrative) A scelta dello studente d) (tra le materie a scelta e le attività affini e integrative, ove non già scelte) PROVA FINALE e) 20 TOTALE CREDITI 32 TOTALE COMPLESSIVO 300 * insegnamento diviso in più parti con un unico esame finale attività a) formazione di base b) formazione caratterizzante c) formazione affine e integrativa d) scelte autonome dello studente e) prova finale e lingua straniera f) altre art. 10 c. 5 let. d MATERIE DI CUI ALLA LETTERA c) AFFINI E INTEGRATIVE - E A SCELTA DELLO STUDENTE LETTERA D) Lo studente dovrà conseguire crediti al II anno e crediti al V anno (lettera c attività affini e integrative) tra le materie elencate in calce al presente regolamento (ove non già scelte come materie obbligatorie). Fermo restando il rispetto delle propedeuticità, le materie di cui alla lettera c) per i crediti previsti al V anno, possono essere sostenute già a partire dal secondo anno, previa presentazione del piano degli studi, anche come moduli di insegnamenti curriculari. In quest ultimo caso lo studente dovrà concordare con il docente il programma aggiuntivo dell esame. Lo studente, inoltre, dovrà conseguire i crediti a scelta (lettera d), tra le materie di seguito elencate e rientranti nella relativa tipologia di attività. Tali attività, fermo restando il rispetto 19

20 delle propedeuticità, potranno essere sostenute a partire dal II anno previa presentazione del piano degli studi. ATTIVITA INTEGRATIVE (lettera f) Lo studente può scegliere tra i corsi integrativi elencati in calce al presente regolamento oppure tra altri organizzati successivamente, tra le attività opzionali ove già non scelte; può sostenere l esame di una lingua straniera tra quelle non scelte come materia obbligatoria e/o esami sostenuti presso altri corsi di laurea del Dipartimento di Diritto Economia e Culture o di altri Dipartimenti dell Ateneo. Fermo restando il rispetto delle propedeuticità, le materie di cui alla lettera f) possono essere sostenute già a partire dal secondo anno, previa presentazione del piano degli studi ove richiesto. 20

21 Regime a tempo parziale della durata di sette anni (Valido per gli studenti immatricolati nell a.a. 2013/2014 e precedenti) Gli studenti che si iscrivono al corso di laurea Magistrale in Giurisprudenza possono optare all inizio dell anno accademico per il regime a tempo parziale che prevede un ordinamento di durata di sette anni secondo l articolazione di seguito specificata. Tali studenti possono anticipare al massimo due esami dell anno successivo purché abbiano presentato, entro i termini stabiliti dall Amministrazione, il piano degli studi individuale con l indicazione del titolo di tali insegnamenti. SEDE DI COMO Nell anno accademico 2013/2014 sono attivati solo il primo, il secondo e il terzo anno. I ANNO Insegnamenti Storia del Diritto Romano IUS/18 a) Storico Istituzioni di Diritto Privato IUS/01 a) Privatistico 11 Diritto Costituzionale IUS/08 a) Costituziona listico 13 Istituzioni di Diritto Romano IUS/18 a) Storico 9 TOTALE CREDITI 39 II ANNO Insegnamenti Filosofia del Diritto IUS/20 a) Filosofico Attività affini e integrative (materie a scelta anche con articolazioni modulistiche) 12 c) Storia del Diritto Contemporaneo IUS/19 a) Storico Economia Politica SECS-P/01 b) Economico e pubblicistic o TOTALE CREDITI 33 III ANNO Insegnamenti Diritto Pubblico Comparato oppure Diritto Privato Comparato (il corso viene tenuto nel secondo semestre) IUS/21 IUS/02 attività* b) Comparatist ico 9 Diritto del lavoro I parte * IUS/07 b) Laburistico

22 un insegnamento tra i seguenti: Sociologia del diritto Informatica Giuridica Teoria generale del diritto IUS/20 a) Filosofico Diritto commerciale IUS/04 b) Commercial istico Diritto ecclesiastico IUS/11 a) Costituzio 9 nalistico Lingua straniera e) 4 Lingua inglese Lingua tedesca Lingua spagnola Diritto del lavoro II parte * IUS/07 b) Laburistico 5 TOTALE CREDITI 51 IV ANNO Insegnamenti Diritto Internazionale I parte * IUS/13 b) Internaziona listico 10 Diritto Penale IUS/17 b) Penalistico 10 Diritto dell Unione Europea IUS/14 b) Comunitaris 9 tico Diritto del lavoro III parte * IUS/07 b) Laburistico 5 Diritto Internazionale II parte * IUS/13 b) Internaziona listico TOTALE CREDITI 3 V ANNO Insegnamenti Tipo Storia del Diritto Medievale e moderno di IUS/19 a) Storico Diritto Processuale Civile IUS/15 b) Processualci vilistico Diritto Amministrativo I parte* IUS/10 b) Amministrat 11 ivistico Diritto Penale progredito IUS/17 b) Penalistico 8 TOTALE CREDITI VI ANNO Insegnamenti Diritto Amministrativo II parte* IUS/10 b) Amministrat 11 ivistico Attività affini e integrative c) (materie a scelta anche con articolazioni modulistiche) 22

23 Diritto Commerciale progredito IUS/04 b) Commercial 8 istico Diritto Processuale Penale IUS/1 b) Processualp 10 enalistico Diritto Processuale civile IUS/15 b) Processualci 8 Progredito vilistico Diritto civile I parte * IUS/01 a) Privatistico 7 TOTALE CREDITI 50 VII ANNO Insegnamenti Diritto Processuale Penale IUS/1 b) Processualp 8 Progredito enalistico Diritto tributario IUS/12 b) Economico e pubblicistic o Diritto civile II parte * IUS/01 a) Privatistico 7 TOTALE CREDITI 21 Ulteriori conoscenze linguistiche, f) abilità informatiche e relazionali, tirocini e altro (vedi elenco attività integrative) A scelta dello studente d) (tra le materie a scelta e le attività affini e integrative, ove non già scelte) PROVA FINALE e) 20 TOTALE CREDITI 32 TOTALE COMPLESSIVO 300 * insegnamento diviso in più parti con un unico esame finale attività a) formazione di base b) formazione caratterizzante c) formazione affine e integrativa d) scelte autonome dello studente e) prova finale e lingua straniera f) altre art. 10 c. 5 let. d MATERIE DI CUI ALLA LETTERA c) AFFINI E INTEGRATIVE - E A SCELTA DELLO STUDENTE LETTERA D) Lo studente dovrà conseguire crediti al II anno e crediti al VI anno (lettera c attività affini e integrative) tra le materie di elencate in calce al presente regolamento (ove non già scelte come materie obbligatorie). 23

24 Fermo restando il rispetto delle propedeuticità, le materie di cui alla lettera c), per i crediti previsti al VI anno, possono essere sostenute già a partire dal secondo anno, previa presentazione del piano degli studi, anche come moduli di insegnamenti curriculari. In quest ultimo caso lo studente dovrà concordare con il docente il programma aggiuntivo dell esame. Lo studente, inoltre, dovrà conseguire i crediti a scelta (lettera d), tra le materie di seguito elencate e rientranti nella relativa tipologia di attività. Tali attività, fermo restando il rispetto delle propedeuticità, potranno essere sostenute a partire dal II anno previa presentazione del piano degli studi. ATTIVITA INTEGRATIVE (lettera f) Lo studente può scegliere tra i corsi integrativi elencati in calce al presente regolamento oppure tra altri organizzati successivamente, tra le attività opzionali ove già non scelte; può sostenere l esame di una lingua straniera tra quelle non scelte come materia obbligatoria e/o esami sostenuti presso altri corsi di laurea del Dipartimento di Diritto Economia e Culture o di altri Dipartimenti dell Ateneo. Fermo restando il rispetto delle propedeuticità, le materie di cui alla lettera f) possono essere sostenute già a partire dal secondo anno, previa presentazione del piano degli studi ove richiesto. 24

25 Regime a tempo parziale della durata di sette anni (Valido per gli studenti immatricolati nell a.a. 2013/2014 e precedenti) Gli studenti che si iscrivono al corso di laurea Magistrale in Giurisprudenza possono optare all inizio dell anno accademico per il regime a tempo parziale che prevede un ordinamento di durata di sette anni secondo l articolazione di seguito specificata. Tali studenti possono anticipare al massimo due esami dell anno successivo purché abbiano presentato, entro i termini stabiliti dall Amministrazione, il piano degli studi individuale con l indicazione del titolo di tali insegnamenti. SEDE DI VARESE Nell anno accademico 2013/2014 sono attivati solo il primo, il secondo e il terzo anno. I ANNO Insegnamenti Storia del Diritto Romano IUS/18 a) Storico Istituzioni di Diritto Privato IUS/01 a) Privatistico 11 Diritto Costituzionale IUS/08 a) Costituziona listico 13 Istituzioni di Diritto Romano IUS/18 a) Storico 9 TOTALE CREDITI 39 II ANNO Insegnamenti S ettore scientifico Filosofia del Diritto IUS/20 a) Filosofico Attività affini e integrative (materie a scelta anche con articolazioni modulistiche) 12 c) Storia del Diritto Contemporaneo IUS/19 a) Storico Economia Politica SECS-P/01 b) Economico e pubblicistic o TOTALE CREDITI 33 III ANNO Insegnamenti attività* 9 Diritto del lavoro I parte * IUS/07 b) Laburistico 5 un insegnamento tra i seguenti: Sociologia del diritto Informatica Giuridica IUS/20 a) Filosofico 25

26 Teoria generale del diritto Diritto Pubblico Comparato IUS/21 oppure b) Comparatist 12 Diritto Privato Comparato IUS/02 ico Diritto commerciale IUS/04 b) Commercial 10 istico Diritto ecclesiastico IUS/11 a) Costituzio 9 nalistico Lingua straniera Inglese e) 4 Diritto del lavoro II parte * IUS/07 b) Laburistico 5 TOTALE CREDITI 51 IV ANNO Insegnamenti Diritto Internazionale I parte * IUS/13 b) Internaziona listico Diritto Penale IUS/17 b) Penalistico 10 Diritto del lavoro III parte * IUS/07 b) Laburistico 5 Diritto dell Unione Europea IUS/14 b) Comunitaris 9 tico Diritto Internazionale II parte * IUS/13 b) Internaziona listico TOTALE CREDITI 3 V ANNO Insegnamenti Storia del Diritto Medievale e IUS/19 a) Storico- 9 moderno Diritto Processuale Civile IUS/15 b) Processualci 10 vilistico Diritto Amministrativo I parte* IUS/10 b) Amministrat 11 ivistico Diritto Penale progredito IUS/17 b) Penalistico 8 TOTALE CREDITI 38 VI ANNO Insegnamenti Diritto Amministrativo II parte* IUS/10 b) Amministrat 11 ivistico Attività affini e integrative c) (materie a scelta anche con articolazioni modulistiche) 2

27 Diritto Commerciale progredito IUS/04 b) Commercial 8 istico Diritto Processuale Penale IUS/1 b) Processualp 10 enalistico Diritto Processuale civile IUS/15 b) Processualci 8 Progredito vilistico Diritto civile I parte * IUS/01 a) Privatistico 7 TOTALE CREDITI 50 VII ANNO Insegnamenti Diritto Processuale Penale IUS/1 b) Processualp 8 Progredito enalistico Diritto tributario IUS/12 b) Economico e pubblicistic o Diritto civile II parte * IUS/01 a) Privatistico 7 TOTALE CREDITI 21 Ulteriori conoscenze linguistiche, f) abilità informatiche e relazionali, tirocini e altro (vedi elenco attività integrative) A scelta dello studente d) (tra le materie a scelta e le attività affini e integrative, ove non già scelte) PROVA FINALE e) 20 TOTALE CREDITI 32 TOTALE COMPLESSIVO 300 * insegnamento diviso in più parti con un unico esame finale attività a) formazione di base b) formazione caratterizzante c) formazione affine e integrativa d) scelte autonome dello studente e) prova finale e lingua straniera f) altre art. 10 c. 5 let. d MATERIE DI CUI ALLA LETTERA c) AFFINI E INTEGRATIVE - E A SCELTA DELLO STUDENTE LETTERA D) Lo studente dovrà conseguire crediti al II anno e crediti al VI anno (lettera c attività affini e integrative) tra le materie di elencate in calce al presente regolamento (ove non già scelte come materie obbligatorie). 27

28 Fermo restando il rispetto delle propedeuticità, le materie di cui alla lettera c), per i crediti previsti al VI anno, possono essere sostenute già a partire dal secondo anno, previa presentazione del piano degli studi, anche come moduli di insegnamenti curriculari. In quest ultimo caso lo studente dovrà concordare con il docente il programma aggiuntivo dell esame. Lo studente, inoltre, dovrà conseguire i crediti a scelta (lettera d), tra le materie di seguito elencate e rientranti nella relativa tipologia di attività. Tali attività, fermo restando il rispetto delle propedeuticità, potranno essere sostenute a partire dal II anno previa presentazione del piano degli studi. ATTIVITA INTEGRATIVE (lettera f) Lo studente può scegliere tra i corsi integrativi elencati in calce al presente regolamento oppure tra altri organizzati successivamente, tra le attività opzionali ove già non scelte; può sostenere l esame di una lingua straniera tra quelle non scelte come materia obbligatoria e/o esami sostenuti presso altri corsi di laurea del Dipartimento di Diritto Economia e Culture o di altri Dipartimenti dell Ateneo. Fermo restando il rispetto delle propedeuticità, le materie di cui alla lettera f) possono essere sostenute già a partire dal secondo anno, previa presentazione del piano degli studi ove richiesto. 28

29 Esami Il docente stabilisce la natura e la modalità dell esame che potrà essere in forma scritta e/o orale. L acquisizione dei crediti relativi a ciascun insegnamento diviene operante col superamento dell esame, il quale si traduce di norma in una votazione espressa in trentesimi. Propedeuticità Il superamento degli esami di Istituzioni di Diritto Privato e di Diritto Costituzionale è propedeutico ad ogni altro esame di diritto positivo. Per esame di diritto positivo si intendono, oltre a quelli relativi alle materie obbligatorie del 2 anno e degli anni successivi, i seguenti: Diritto Regionale Diritto penale commerciale Diritto Sindacale Diritto della proprietà industriale e intellettuale Diritto Bancario Diritto dell Ambiente Diritto fallimentare Diritto pubblico dell economia Diritto pubblico svizzero Diritto della concorrenza Diritto processuale civile svizzero Diritto degli atti consensuali della p.a. Giustizia riparativa e mediazione penale Diritto Privato Svizzero Diritto degli appalti pubblici Giustizia amministrativa Diritto Urbanistico Legislazione dei Beni Culturali Diritto penitenziario Diritto delle successioni Diritto degli Enti locali Diritto penale svizzero Diritto di famiglia Diritto dell esecuzione civile nonché le seguenti propedeuticità specifiche: per Diritto romano per Diritto fallimentare: per Epigrafia Giuridica: per Economia e Politica Industriale: per Diritto penitenziario: per Diritto dell Esecuzione Civile per Diritto della proprietà industriale e intellettuale: per Diritto Bancario: per Diritto Processuale Penale: per Diritto Penale Commerciale: per Diritto Penale Progredito: per Diritto Penale Svizzero: per Diritto Pubblico Svizzero: per Diritto Processuale Penale Progredito: per Diritto Processuale Civile Svizzero: per Diritto Processuale Civile Progredito: per Diritto Amministrativo I e II parte: per Teoria Generale del diritto: per Giustizia riparativa e mediazione penale: per Criminologia: per Medicina Legale: Istituzioni di diritto romano Diritto commerciale Storia del Diritto Romano Istituzioni di Diritto Romano Economia Politica Diritto penale Diritto Processuale Civile Diritto Commerciale Diritto Commerciale Diritto Penale Diritto Penale Diritto Penale Diritto Penale Diritto Pubblico comparato Diritto Processuale Penale Diritto Processuale Civile Diritto Processuale Civile Diritto processuale civile Filosofia del diritto Diritto penale Diritto penale Diritto penale 29

30 per Diritto Commerciale Progredito: per Diritto della concorrenza: per Diritto Processuale penale comparato: per Diritto Pubblico comparato progredito: per Tecniche di redazione degli atti e dei provvedimenti della p.a.: per Diritto degli atti consensuali della p.a.: Diritto commerciale Diritto commerciale Diritto processuale penale Diritto pubblico comparato Istituzioni di diritto privato Diritto costituzionale Diritto commerciale Diritto amministrativo Istituzioni di diritto privato Diritto costituzionale Diritto commerciale Diritto amministrativo Piani di studio individuali Ogni studente all atto dell iscrizione al II anno deve presentare il piano di studio individuale con l indicazione della lingua straniera (per gli studenti iscritti presso la sede di Como) e delle materie a scelta. Lingua straniera Lo studente potrà sostenere l esame della lingua straniera prescelta, oppure potrà presentare una certificazione rilasciata da Enti qualificati e riconosciuti dal Miur che dimostri il raggiungimento del livello minimo di competenza linguistica, corrispondente al livello B 1 della scala globale predisposta dal Consiglio d Europa (per l inglese, tale livello corrisponde al Preliminary English Test - PET -della University of Cambridge, all ISE I del Trinity College e all English Diploma B1 del British Institutes); per il francese, corrisponde al DELF 1 grado; per lo spagnolo, al C.I.E.; per il tedesco, al Zertifikat Deutsch - ZD -). Lo studente che abbia superato test di livello più alto avrà crediti in eccedenza che potranno essere riconosciuti come "ulteriori conoscenze linguistiche" (ad esempio, chi abbia conseguito il First Certificate, corrispondente al livello B2 della scala globale predisposta dal Consiglio d'europa, otterrà il riconoscimento di crediti, dei quali 4 potranno coprire quelli richiesti per la lingua straniera e 2 saranno riconosciuti come "ulteriori conoscenze linguistiche"). In ogni caso, dopo aver conseguito i 4 crediti per la lingua straniera, gli studenti potranno presentare richiesta per l eventuale riconoscimento di crediti per ulteriori conoscenze linguistiche fondata su certificati di conoscenza di lingue straniere diverse. Caratteristiche della prova finale La prova finale consiste nell'elaborazione scritta, sotto la guida di un docente, di una tesi monografica in materia giuridica con carattere di originalità. La tesi deve poi essere discussa oralmente davanti ad una Commissione. Il giudizio sulla discussione della tesi di laurea può portare ad un aumento di voti, rispetto alla media, corrispondente a: fino a 2 punti sopra la media per le tesi compilative (sufficiente); fino a 4 punti per le tesi complete e ben strutturate (buono); fino a punti per le tesi ben fatte e con qualche spunto ricostruttivo (molto buono). La Commissione potrà comunque valutare eventuali punteggi superiori sulla base di una relazione argomentata predisposta dal docente relatore. Como, 5 Giugno 2013 IL DIRETTORE (Prof.ssa Laura Castelvetri) 30

Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza

Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Giurisprudenza Como Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza Sede del corso: - Como, Via Sant Abbondio, 12 MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in Giurisprudenza

Corso di Laurea Specialistica in Giurisprudenza UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Giurisprudenza Como Corso di Laurea Specialistica in Giurisprudenza Sede del corso: Como MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2007/2008 Presentazione del

Dettagli

Corso di Laurea in Discipline Giuridiche AD ESAURIMENTO

Corso di Laurea in Discipline Giuridiche AD ESAURIMENTO hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como Corso di Laurea in Discipline Giuridiche Classe L-14 Scienze dei Servizi Giuridici Degree in LEGAL ISSUES

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze del Turismo Sede del corso: Como

Corso di Laurea in Scienze del Turismo Sede del corso: Como hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Giurisprudenza - Como Corso di Laurea in Scienze del Turismo Sede del corso: Como MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2009/20 Presentazione del

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze del Turismo

Corso di Laurea in Scienze del Turismo hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Giurisprudenza Como Corso di Laurea in Scienze del Turismo Sede del corso: Como MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2006/2007 Presentazione del

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze del Turismo Sede del corso: Como

Corso di Laurea in Scienze del Turismo Sede del corso: Como hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Giurisprudenza - Como Corso di Laurea in Scienze del Turismo Sede del corso: Como MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 200/2009 Presentazione del

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze dei Servizi Giuridici per Giuristi d Impresa e della Pubblica Amministrazione Sede del corso: Como

Corso di Laurea in Scienze dei Servizi Giuridici per Giuristi d Impresa e della Pubblica Amministrazione Sede del corso: Como hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Giurisprudenza - Como Corso di Laurea in Scienze dei Servizi Giuridici per Giuristi d Impresa e della Pubblica Amministrazione Sede del corso: Como

Dettagli

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA Manifesto degli Studi a.a. 2008-2009

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA Manifesto degli Studi a.a. 2008-2009 FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA Manifesto degli Studi a.a. 200-2009 La Facoltà di Giurisprudenza dell Università degli Studi del Salento attiva, nell a.a. 200-2009, i seguenti Corsi di studio: Corso di Laurea

Dettagli

Facoltà di Giurisprudenza

Facoltà di Giurisprudenza Facoltà di Giurisprudenza CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA A CICLO UNICO (classe LMG/01) Anno accademico 2011-2012 1. Caratteri, finalità e sbocchi Il corso di laurea magistrale in Giurisprudenza

Dettagli

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Definizioni 1. Ai sensi del presente Regolamento si intende: a) per Facoltà: la Facoltà

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015 Vengono riportati di seguito i prospetti dell organizzazione dei Corsi di Laurea e Laurea magistrale che saranno attivati presso il Dipartimento di Giurisprudenza nell

Dettagli

PASSAGGI DI CORSO E RICONOSCIMENTO CREDITI

PASSAGGI DI CORSO E RICONOSCIMENTO CREDITI PASSAGGI DI CORSO E RICONOSCIMENTO CREDITI (Riconoscimento di crediti conseguiti nel Corso di laurea in Scienze giuridiche (classe 31) dell Università di Messina) 1. Gli studenti che hanno conseguito la

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE Classe 31 Scienze giuridiche

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE Classe 31 Scienze giuridiche CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE Classe 31 Scienze giuridiche Art. 1 Le seguenti disposizioni disciplinano l organizzazione didattica del Corso di Laurea in Scienze giuridiche, in conformità alle

Dettagli

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA (Approvato con delibera del C.d.F. del 07.05.03, modificato con delibera del CdF del 8.10.03, del 12.05.04, del 01.06.2005, 21.12.2005) Regolamento

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE SCIENZE GIURIDICHE

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE SCIENZE GIURIDICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE SCIENZE GIURIDICHE (Approvato con delibera del CdS e CdF del 03.05.06 e modificato con delibera del CdS del 07.03.07 e del CdF del 04.04.07) Regolamento didattico

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI CONSULENTE DEL LAVORO ED ESPERTO DI RELAZIONI INDUSTRIALI

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI CONSULENTE DEL LAVORO ED ESPERTO DI RELAZIONI INDUSTRIALI CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI CONSULENTE DEL LAVORO ED ESPERTO DI RELAZIONI INDUSTRIALI (Modificato con delibere del CdF e CdS del 22.01.03, del 07.05.2003, del 8.10.2003; del 25.02.2004;

Dettagli

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Giurisprudenza - Como

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Giurisprudenza - Como hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Giurisprudenza - Como Corso di Laurea in Discipline Giuridiche Sede del corso: Como con indirizzi per: GIURISTI D'IMPRESA - CONSULENTI DEL LAVORO

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011 Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011 ART. 1 Finalità 1. Il presente Regolamento disciplina il Corso di Laurea Magistrale in Storia

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO 1. Il presente Regolamento specifica gli aspetti organizzativi del corso di laurea specialistica in Scienze del lavoro (classe delle

Dettagli

Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14)

Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14) Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14) Curriculum in Consulente del lavoro PIANO DI STUDIO COORTE DI RIFERIMENTO A.A. 2014-2015 I anno II anno IUS 01 - Istituzioni

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento

Dettagli

Corso di Laurea Quadriennale in Giurisprudenza Nuovo Ordinamento didattico

Corso di Laurea Quadriennale in Giurisprudenza Nuovo Ordinamento didattico Corso di Laurea Quadriennale in Giurisprudenza Nuovo Ordinamento didattico La Facoltà di Giurisprudenza di Foggia conferisce la laurea in Giurisprudenza in conformità alle vigenti disposizioni. Il corso

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE CLASSE DELLE LAUREE IN SERVIZIO SOCIALE L-39 Ai sensi del D.M. 270/2004 (Social Service) A.A. 2014/2015 TITOLO

Dettagli

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA ART. 1

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA ART. 1 SEZIONE PRIMA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA ART. 1 Alla Facoltà di Giurisprudenza afferiscono i seguenti corsi di laurea specialistica: a) corso di laurea specialistica in Giurisprudenza b) corso di laurea

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA (Approvato con delibera del CdF del 03.05.06 e modificato con delibere del CdF del 07.03.07, del 12.03.08 e del 08.04.08) Regolamento didattico

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE E SISTEMI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE E SISTEMI AMMINISTRATIVI Università degli Studi di Siena Facoltà di Giurisprudenza REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE E SISTEMI AMMINISTRATIVI Art. 1 E istituito presso la Facoltà di Giurisprudenza il Corso

Dettagli

DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA E SCIENZE POLITICHE, ECONOMICHE E SOCIALI

DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA E SCIENZE POLITICHE, ECONOMICHE E SOCIALI DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA E SCIENZE POLITICHE, ECONOMICHE E SOCIALI UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE AMEDEO AVOGADRO REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale Sede del corso: Como

Corso di Laurea in Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale Sede del corso: Como hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Giurisprudenza - Como Corso di Laurea in Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale Sede del corso: Como MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO

Dettagli

Corso di Laurea Triennale in

Corso di Laurea Triennale in UNIVERSITA DELLA CALABRIA Facoltà di Economia Corso di Laurea Triennale in Discipline Economiche e Sociali per la cooperazione, lo Sviluppo e la Pace Classe di laurea n.35 Scienze Sociali per la Cooperazione,

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze del Turismo Classe L-15 Scienze del Turismo Degree in Tourism Management

Corso di Laurea in Scienze del Turismo Classe L-15 Scienze del Turismo Degree in Tourism Management ho igio UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como Corso di Laurea in Scienze del Turismo Classe L-1 Scienze del Turismo Degree in Tourism Management Sede del

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze del Turismo Classe L-15 Scienze del Turismo Degree in Tourism Management

Corso di Laurea in Scienze del Turismo Classe L-15 Scienze del Turismo Degree in Tourism Management hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como Corso di Laurea in Scienze del Turismo Classe L-1 Scienze del Turismo Degree in Tourism Management Sede del

Dettagli

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE UNIVERSITÀ DEL SALENTO FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN TRADUZIONE LETTERARIA E TRADUZIONE TECNICO-SCIENTIFICA Classe 104/S La laurea

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza Classe LMG/01 Magistrale in Giurisprudenza

Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza Classe LMG/01 Magistrale in Giurisprudenza hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza Classe LMG/01 Magistrale in Giurisprudenza Sedi del corso: - Como -

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA AZIENDALE XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014) Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO del Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza (Classe LMG01)

REGOLAMENTO DIDATTICO del Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza (Classe LMG01) REGOLAMENTO DIDATTICO del Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza (Classe LMG01) TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Istituzione 1. E istituito presso la Facoltà di Giurisprudenza il Corso di Laurea

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA CLASSE LMG/01

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA CLASSE LMG/01 Art. 1 Definizioni 1. Ai sensi del presente Regolamento si intende: a) per Dipartimento: il Dipartimento di

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO di LAUREA in Economia aziendale

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO di LAUREA in Economia aziendale REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO di LAUREA in Economia aziendale L -18 Scienze dell economia e della gestione aziendale COORTE 2015-2016 approvato dal Senato Accademico nella seduta del 27 ottobre 2015 1. DATI

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA IN DIRITTO E ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA IN DIRITTO E ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE Università degli Studi di Siena Facoltà di Giurisprudenza REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA IN DIRITTO E ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE Art. 1 1. E istituito presso la Facoltà di Giurisprudenza il Corso di

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

Regolamento del Corso di laurea triennale in Scienze giuridiche (1) classe n. 31 delle Lauree in SCIENZE GIURIDICHE. I - Disposizioni generali

Regolamento del Corso di laurea triennale in Scienze giuridiche (1) classe n. 31 delle Lauree in SCIENZE GIURIDICHE. I - Disposizioni generali 1 Regolamento del Corso di laurea triennale in Scienze giuridiche (1) classe n. 31 delle Lauree in SCIENZE GIURIDICHE I - Disposizioni generali Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA (CLASSE LMG/01 GIURISPRUDENZA) Art. 1 Premesse

Dettagli

Articolo 12. Articolo 13

Articolo 12. Articolo 13 CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE GIURIDICHE PER LA CONSULENZA DEL LAVORO E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI NUOVO ORDINAMENTO Classe L-14, Classe delle lauree triennali in Scienze dei servizi giuridici

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA (LMG-01)

LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA (LMG-01) LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA (LMG-01) Il corso di laurea in breve ll Corso di laurea magistrale in Giurisprudenza, in modalità E-learning, si propone di formare gli studenti al dominio

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Giurisprudenza. LAUREA IN Scienze per operatori dei servizi giuridici

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Giurisprudenza. LAUREA IN Scienze per operatori dei servizi giuridici UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Giurisprudenza LAUREA IN Scienze per operatori dei servizi giuridici REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008 DESCRIZIONE Presso la Facoltà

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MARKETING E ORGANIZZAZIONE D IMPRESA (CLASSE L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale) Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN Scienze per la formazione

Dettagli

Decreto 25 novembre 2005 : Definizione della classe del corso di Laurea magistrale in Giurisprudenza (G.U. n. 293 del 17 dicembre 2005) IL MINISTRO

Decreto 25 novembre 2005 : Definizione della classe del corso di Laurea magistrale in Giurisprudenza (G.U. n. 293 del 17 dicembre 2005) IL MINISTRO Decreto 25 novembre 2005 : Definizione della classe del corso di Laurea magistrale in Giurisprudenza (G.U. n. 293 del 17 dicembre 2005) IL MINISTRO Visto l'articolo 17, comma 95, della legge 15 maggio

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA E FINANZA INTERNAZIONALE

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA E FINANZA INTERNAZIONALE REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA E FINANZA INTERNAZIONALE 1. Il presente Regolamento specifica gli aspetti organizzativi del corso di laurea specialistica in Economia e finanza

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà ECONOMIA E LEGISLAZIONE D IMPRESA 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E COMMERCIO XXVIII Scienze economiche Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione dei contenuti e le modalità

Dettagli

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como Corso di Laurea in Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale Classe L-12 Mediazione Linguistica

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011) Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013

Dettagli

corso di laurea in consulente del lavoro e delle relazioni industriali laurea per sindacalisti

corso di laurea in consulente del lavoro e delle relazioni industriali laurea per sindacalisti corso di laurea in consulente del lavoro e delle relazioni industriali laurea per sindacalisti L O M B A R D I A Anno Accademico 2007-2008 università progetto Il Congresso per meglio adeguare l organizzazione

Dettagli

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in Regolamento Corso di Laurea Magistrale in AMMINISTRAZIONE, ECONOMIA E FINANZA. (Classe LM-77, Scienze Economico Aziendali) Art. 1 Attivazione Il Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà MARKETING E COMUNICAZIONE 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI SEGRETERIA NAZIONALE 00198 ROMA VIA TEVERE, 46 TEL. 06.84.15.751/2/3/4 FAX 06.85.59.220 06.85.52.275 SITO INTERNET: www.fabi.it E-MAIL: federazione@fabi.it FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI Ai Sindacati

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 Premesse e finalità 1. Il Corso di laurea magistrale in Scienze Storiche afferisce alla Classe delle lauree magistrali LM-84 in Scienze

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E MANAGEMENT DELLE IMPRESE DI SERVIZI XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA -

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA - Scuola di Lettere e Beni culturali LAUREA MAGISTRALE IN CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE CLASSE LM-65 REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA - Art. 1 Requisiti per l'accesso

Dettagli

SEZIONE NONA FACOLTÀ DI SCIENZE BANCARIE, FINANZIARIE E ASSICURATIVE ART. 1

SEZIONE NONA FACOLTÀ DI SCIENZE BANCARIE, FINANZIARIE E ASSICURATIVE ART. 1 SEZIONE NONA FACOLTÀ DI SCIENZE BANCARIE, FINANZIARIE E ASSICURATIVE ART. 1 Alla Facoltà di Scienze bancarie, finanziarie e assicurative afferiscono i seguenti corsi di laurea di specialistica: a) corso

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Giurisprudenza. LAUREA MAGISTRALE IN Giurisprudenza

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Giurisprudenza. LAUREA MAGISTRALE IN Giurisprudenza UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Giurisprudenza LAUREA MAGISTRALE IN Giurisprudenza REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2009-2010 DESCRIZIONE Presso la Facoltà di Giurisprudenza

Dettagli

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como Corso di Laurea in Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale Classe L-12 Mediazione Linguistica

Dettagli

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ACADEMIC REGULATIONS PROGRAMME IN ADMINISTRATION STUDIES

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ACADEMIC REGULATIONS PROGRAMME IN ADMINISTRATION STUDIES UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL AMMINISTRAZIONE (Classe L-16 Scienze dell amministrazione e dell organizzazione) UNIVERSITY

Dettagli

Il Dipartimento offre due Corsi di laurea, orientati sia alle professioni forensi sia -più generalmente- agli impieghi pubblici e

Il Dipartimento offre due Corsi di laurea, orientati sia alle professioni forensi sia -più generalmente- agli impieghi pubblici e Generalità Il Dipartimento di Giurisprudenza dell Università degli Studi di Brescia ha sede in due Palazzi storici del centro della città: - Palazzo Calini ai Fiumi (via San Faustino 41, di fronte alla

Dettagli

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO. Art. 1 Definizioni

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO. Art. 1 Definizioni FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 1. Ai sensi del presente Regolamento si intende: REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Definizioni a) per Facoltà: la Facoltà

Dettagli

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN EUROPEAN STUDIES ACADEMIC REGULATIONS

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN EUROPEAN STUDIES ACADEMIC REGULATIONS UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN STUDI EUROPEI (Classe LM-90 Studi Europei) UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16) CORSO DI LAUREA INTERCLASSE SCIENZE POLITICHE E RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento disciplina,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA - DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA - DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA SEDE DI GENOVA * PARTE GENERALE Capo I - Disposizioni preliminari 1. Ambito di competenza. 1. Il presente Regolamento disciplina,

Dettagli

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA MANIFESTO DEGLI STUDI ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2010-2011

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA MANIFESTO DEGLI STUDI ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2010-2011 FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA MANIFESTO DEGLI STUDI ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2010-2011 1 INDICE 1.MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI DALL A.A.2006/07 - Laurea magistrale in Giurisprudenza con percorso

Dettagli

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN INTERNATIONAL STUDIES ACADEMIC REGULATIONS

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN INTERNATIONAL STUDIES ACADEMIC REGULATIONS UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI (Classe LM-52 Relazioni Internazionali) UNIVERSITY OF SIENA FACULTY

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ANALISI, CONSULENZA E GESTIONE FINANZIARIA (INTERCLASSE LM-16 FINANZA

Dettagli

Facoltà di Giurisprudenza Corsi di laurea in: Scienze Giuridiche Giurisprudenza 22/S Giurisprudenza (LMG/01) Giurisprudenza (quadriennale)

Facoltà di Giurisprudenza Corsi di laurea in: Scienze Giuridiche Giurisprudenza 22/S Giurisprudenza (LMG/01) Giurisprudenza (quadriennale) Facoltà di Giurisprudenza Corsi di laurea in: Scienze Giuridiche Giurisprudenza 22/S Giurisprudenza (LMG/01) Giurisprudenza (quadriennale) Sede: Facoltà di Giurisprudenza Palazzo Ducale Piazza Cavour n

Dettagli

Corso di laurea triennale in LINGUE E MEDIAZIONE LINGUISTICO-CULTURALE Classe L-12 / Classe delle lauree in Mediazione Linguistica

Corso di laurea triennale in LINGUE E MEDIAZIONE LINGUISTICO-CULTURALE Classe L-12 / Classe delle lauree in Mediazione Linguistica Dipartimento di Lingue Letterature e Culture Straniere Corso di laurea triennale in LINGUE E MEDIAZIONE LINGUISTICO-CULTURALE Classe L-12 / Classe delle lauree in Mediazione Linguistica Corso di laurea

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze Giuridiche

Corso di Laurea in Scienze Giuridiche hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Giurisprudenza Como Corso di Laurea in Scienze Giuridiche Sede del corso: Como MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2008/2009 Presentazione del

Dettagli

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE E INTERNAZIONALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI INTERNATIONAL STUDIES (Classe LM 52 Relazioni

Dettagli

Dipartimento di Scienze economiche, politiche e delle lingue moderne

Dipartimento di Scienze economiche, politiche e delle lingue moderne Classe di laurea L-18 in SCIENZE DELL'ECONOMIA E DELLA GESTIONE AZIENDALE Regolamento didattico del Corso di Laurea L - 18 in Economia aziendale e bancaria usiness administration and banking ai sensi dell

Dettagli

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in. AMMINISTRAZIONE ECONOMIA E FINANZA (Classe LM-77, Scienze Economico Aziendali)

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in. AMMINISTRAZIONE ECONOMIA E FINANZA (Classe LM-77, Scienze Economico Aziendali) Regolamento Corso di Laurea Magistrale in AMMINISTRAZIONE ECONOMIA E FINANZA (Classe LM-77, Scienze Economico Aziendali) Art. 1 Attivazione La Facoltà di Economia attiva il Corso di Laurea Magistrale in

Dettagli

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN Scienze politiche, sociali ed internazionali (classe 15) REGOLAMENTO 2008-2009

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN Scienze politiche, sociali ed internazionali (classe 15) REGOLAMENTO 2008-2009 CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN Scienze politiche, sociali ed internazionali (classe 15) REGOLAMENTO 2008-200 (studenti immatricolati nell a. a. 2008/0) Obiettivi formativi qualificanti Il laureato in Scienze

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INFERMIERISTICHE ED OSTETRICHE (CLASSE LM/SNT1 - SCIENZE

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2009/2010

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2009/2010 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali di Laurea in Scienze e Tecnologie dell Informazione Sede del corso: Como MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2009/2010

Dettagli

Sede del corso: Como MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2015/2016

Sede del corso: Como MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2015/2016 DIPARTIMENTO DI DIRITTO, ECONOMIA E CULTURE - DiDEC Corso di Laurea Magistrale in Lingue Moderne per la Comunicazione e la Cooperazione Internazionale Classe LM-3 Lingue Moderne per la Comunicazione e

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza Classe di appartenenza: LMG/01 LAW

Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza Classe di appartenenza: LMG/01 LAW Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza Classe di appartenenza: LMG/01 LAW REGOLAMENTO DIDATTICO (modificato con D.R. 18341/I/003 del 26.9.2011) Art.1 Presentazione E istituito presso

Dettagli

GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO. Classe di Laurea LMG/01. DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA - Palermo -

GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO. Classe di Laurea LMG/01. DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA - Palermo - CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO GIURISPRUDENZA Classe di Laurea LMG/01 DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA - Palermo - PRESIDENTE DEL CORSO DI LAUREA Prof. Pietro Lo Iacono E-mail: p.loiacono@lumsa.it

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica

Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica Laurea di primo livello Classe L-31 Scienze e Tecnologie Informatiche (studenti immatricolati negli

Dettagli

Scuola di Giurisprudenza

Scuola di Giurisprudenza Scuola di Giurisprudenza PARTE NORMATIVA DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA - sede di Bologna ART. 1 REQUISITI PER L'ACCESSO AL CORSO Per essere ammesso

Dettagli

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in ECONOMIA E GESTIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. (Classe LM-63, Scienze delle pubbliche amministrazioni)

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in ECONOMIA E GESTIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. (Classe LM-63, Scienze delle pubbliche amministrazioni) Regolamento Corso di Laurea Magistrale in ECONOMIA E GESTIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI (Classe LM-63, Scienze delle pubbliche amministrazioni) Art. 1 Istituzione La Facoltà di Economia istituisce

Dettagli

Pos. AG Decreto n. 449 IL RETTORE

Pos. AG Decreto n. 449 IL RETTORE Pos. AG Decreto n. 449 IL RETTORE Vista la legge 9.5.89, n. 168; Vista la legge 19.11.90, n. 341; Vista la legge 15.5.97, n. 127; il D.P.R. 27.1.98, n. 25; il D.M. 3.11.99, n. 509 recante norme concernenti

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue e Letterature straniere

Regolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue e Letterature straniere Regolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue e Letterature straniere classe delle lauree n. 11 Lingue e culture moderne approvato dal Consiglio di Facoltà del 17 Dicembre 2003 ART. 1 DENOMINAZIONE

Dettagli

Libero con valutazione dei requisiti di accesso B66

Libero con valutazione dei requisiti di accesso B66 GENERALITA' Classe di laurea di appartenenza: Titolo rilasciato: Curricula attivi: Durata del corso di studi: Crediti richiesti per l'accesso: 180 Cfu da acquisire totali: 120 Annualità attivate: 1 Modalità

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica Classe di laurea magistrale n. LM-33 Ingegneria meccanica DM 270/2004,

Dettagli

Corso di Laurea in CONSULENTE DEL LAVORO REGOLAMENTO

Corso di Laurea in CONSULENTE DEL LAVORO REGOLAMENTO Università degli Studi di Siena Facoltà di Giurisprudenza Corso di Laurea in CONSULENTE DEL LAVORO REGOLAMENTO Art. 1 E istituito presso la Facoltà di Giurisprudenza il Corso di Laurea in Consulente del

Dettagli

Scuola di Lettere e Beni culturali

Scuola di Lettere e Beni culturali Scuola di Lettere e Beni culturali Titolo: SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE Testo: LAUREA IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE - CLASSE L- 20 REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA Art. 1 Requisiti

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOLOGIA (CLASSE LM-6 BIOLOGIA) Art. 1 Premesse e finalità

Dettagli

Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA Corso: 0966 - CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE (LM) Ordinamento: DM270

Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA Corso: 0966 - CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE (LM) Ordinamento: DM270 Page 1 of 5 Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA Corso: 0966 - CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE (LM) Ordinamento: DM270 Titolo: CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE Testo: LAUREA MAGISTRALE

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO del Corso di Laurea Specialistica in Giurisprudenza (Classe 22s)

REGOLAMENTO DIDATTICO del Corso di Laurea Specialistica in Giurisprudenza (Classe 22s) Università degli Studi di Siena Facoltà di Giurisprudenza REGOLAMENTO DIDATTICO del Corso di Laurea Specialistica in Giurisprudenza (Classe 22s) Art. 1 E istituito presso la Facoltà di Giurisprudenza il

Dettagli

Corso di Laurea in Discipline Giuridiche Classe L-14 Scienze dei Servizi Giuridici Degree in LEGAL ISSUES

Corso di Laurea in Discipline Giuridiche Classe L-14 Scienze dei Servizi Giuridici Degree in LEGAL ISSUES hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Giurisprudenza - Como Corso di Laurea in Discipline Giuridiche Classe L-14 Scienze dei Servizi Giuridici Degree in LEGAL ISSUES Sede del corso:

Dettagli