Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1)"

Transcript

1 Comune di Prato Servizio Risorse Umane Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) 1 Prova Scritta- Quiz con risposte esatte le risposte esatte sono sottolineate QUIZ C (QUIZ ESTRATTO) L'art. 125 del D.Lgs n. 163/2006 presuppone che i lavori in economia sono ammessi fino all'importo di... A) euro. B) euro. C) euro. A norma di quanto dispone l'art. 132 del D.Lgs. n. 163/2006, sono ammesse varianti in corso d'opera per rinvenimenti imprevisti o non prevedibili nella fase progettuale? A) No, a far data dal 1 gennaio 2006 le varianti in corso d'opera non sono più ammesse. B) Si, tra i motivi che ammettono varianti in corso d'opera, è compresa la suddetta motivazione. C) Si, a far data dal 12/4/2006 è in facoltà della stazione appaltante decidere autonomamente in merito alle varianti in corso d'opera. Ai sensi del D.Lgs. 12 aprile 2006 n. 163, la stazione appaltante ha il diritto di recedere in qualunque tempo dal contratto previo il pagamento dei lavori eseguiti e del valore dei materiali utili esistenti in cantiere, oltre al decimo delle opere non eseguite? A) Si, in qualunque tempo. B) Solo entro novanta giorni dall'inizio dei lavori. C) Solo entro trenta giorni dalla stipula del contratto di affidamento dei lavori. Dispone l'art. 48 del D.Lgs. n. 267/2000 che la giunta comunale... A) Collabora con il Sindaco nell'attuazione degli indirizzi generali del consiglio. B) Approva i bilanci annuali e pluriennali. C) Approva i piani territoriali ed urbanistici, i programmi annuali e pluriennali per la loro attuazione e le eventuali deroghe ad essi. Ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006, le varianti in corso d'opera... A) Sono ammesse, tra l'altro, qualora si manifesti un errore od omissione del progetto esecutivo che pregiudichi, in tutto o in parte, la realizzazione dell'opera. B) Sono sempre ammesse quando ve ne sia necessità. C) Non sono più ammesse in nessun caso. 1

2 Per l'esecuzione di lavori pubblici affidati in appalto, le amministrazioni aggiudicatrici sono obbligate ad istituire l'ufficio di direzione dei lavori? A) No, non sussiste obbligo. B) Si, ma solo se richiesto dal responsabile del procedimento. C) Si, lo dispone il D.Lgs. n. 163/2006. Ai sensi del D.Lgs. 12 aprile 2006 n. 163, codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture, per tutti i lavori oggetto del codice è redatto un certificato di collaudo secondo le modalità previste dal regolamento. Nel caso di lavori di importo sino a euro il certificato di collaudo è sostituito... A) Dal certificato di regolare esecuzione. B) Direttamente dal certificato di collaudo definitivo. C) Da un certificato sostitutivo firmato dal progettista. Ai sensi dell'art. 131 del D.Lgs. n. 163/2006, il piano di sicurezza e di coordinamento... A) Viene redatto solo dopo la consegna dei lavori. B) Quando previsto dalla normativa vigente forma parte integrante del contratto d'appalto C) Fa parte della documentazione allegata al progetto preliminare. Ai sensi del D.P.R. n. 207/2010, il piano di manutenzione dell'opera e delle sue parti è a corredo: A) Del progetto preliminare. B) Del progetto esecutivo. C) Del progetto definitivo. Secondo l'art. 132 del D.Lgs. n. 163/2006 il soggetto aggiudicatore procede alla risoluzione del contratto e indice nuova gara alla quale è invitato l'aggiudicatario iniziale, ove le varianti eccedano: A) Un quarto dell'importo originario del contratto. B) Un terzo dell'importo originario del contratto. C) Un quinto dell'importo originario del contratto. Ai sensi dell art. 141 del D.P.R. n. 207/2010, nel caso di sospensione dei lavori di durata superiore a 45 giorni la stazione appaltante: A) Sospende ogni pagamento in acconto fino alla ripresa dei lavori. B) Dispone il pagamento in acconto degli importi maturati fino alla data di sospensione. C) Ordina la ripresa immediata dei lavori. Ai sensi dell art. 152 del D.P.R. n. 207/2010, nella fase esecutiva dei lavori l ordine di servizio nei confronti dell esecutore: A) E impartito esclusivamente dal responsabile del procedimento. B) Può essere impartito da un direttore operativo o da un ispettore di cantiere. C) Può essere impartito dal direttore dei lavori, ma deve essere vistato dal responsabile del procedimento. Ai sensi dell art. 159 del D.P.R. n. 207/2010, nel caso di sospensione dei lavori: 2

3 A) Qualunque sia la causa deve essere riconosciuto all esecutore un appropriato indennizzo. B) La sua durata non è calcolata nel tempo fissato dal contratto per l esecuzione dei lavori, salvo cause attribuibili all esecutore. C) Il responsabile del procedimento avvia la procedura di risoluzione del contratto Ai sensi dell art. 190 del D.P.R. n. 207/2010, nel caso in cui l esecutore abbia firmato il registro di contabilità con riserva: A) Il direttore dei lavori, nei successivi 15 giorni, espone sul registro le sue motivate deduzioni. B) Il responsabile unico del procedimento può avviare le procedure per la risoluzione del contratto. C) Il direttore dei lavori ordina immediatamente la sospensione dei lavori. Ai sensi dell art. 194 del D.P.R. n. 207/2010, il direttore dei lavori redige uno stato d avanzamento dei lavori: A) Nei termini e alle modalità specificate nel contratto. B) Ogni settimana, in base alle liste settimanali delle somministrazioni. C) In base all andamento dei lavori, a suo insindacabile giudizio. Ai sensi dell art. 199 del D.P.R. n. 207/2010, nel caso in cui l esecutore comunichi l intervenuta ultimazione di lavori, pur rimanendo da eseguire lavorazioni di piccola entità del tutto marginali e non incidenti sull uso e la funzionalità dell opera eseguita: A) Il direttore dei lavori applica le penali previste dal contratto per la ritardata ultimazione dei lavori. B) Il responsabile del procedimento affida le lavorazioni mancanti ad altro esecutore di fiducia. C) Il direttore dei lavori emette comunque il certificato di ultimazione, assegnando all esecutore un termine perentorio per la realizzazione delle lavorazioni mancanti. Ai sensi dell'art. 37 del D.Lgs. n. 163/2006, i calcoli esecutivi degli impianti, facenti parte dei documenti del progetto esecutivo,... A) Sono eseguiti con riferimento alle condizioni di esercizio e consentono la definizione di tutti gli elementi e di determinarne il prezzo. B) Sono eseguiti in modo sommario, per essere perfezionati durante l esecuzione dei lavori. C) Non possono essere eseguiti mediante utilizzo di programmi informatici. Il costo della manodopera viene determinato: A) Dall'appaltatore in accordo con l'amministrazione appaltante B) Dal direttore dei lavori C) Dai contratti collettivi di lavoro Chi dispone il pagamento della rata in acconto? A) Il direttore dei lavori con la compilazione dello stato di avanzamento B) Il responsabile del procedimento con l emissione dell apposito certificato C) L'assessore di riferimento In un Piano Regolatore Generale le zone definite come F ai sensi del Decreto interministeriale 2 aprile 1968 n sono quelle parti del territorio destinate a : 3

4 A) Nuovi insediamenti per impianti industriali o ad essi assimilati B) Usi agricoli C) Attrezzature ed impianti di interesse generale Il committente dei lavori può svolgere la funzione di coordinatore in fase di progettazione e esecuzione dei lavori: A) No, mai B) Si, ma solo se in possesso dei requisiti di cui al Dlgs 81/2008 C) Si, ma solo se iscritto all'albo o ordine professionale Nel procedimento di collaudo, sono stati riscontrati difetti di lieve entità dell'opera che non pregiudicano comunque la funzionalità della stessa, in tal caso il collaudatore: A) Dichiara la non collaudabilità dell'opera B) Rimanda a data successiva la visita di collaudo C) Prescrive all'appaltatore i lavori di ripristino da farsi in un tempo prestabilito Il Cronoprogramma di un progetto: A) Contiene un diagramma che rappresenta graficamente la pianificazione delle lavorazioni B) Consiste in una perizia sommaria dei lavori C) Indica i tempi necessari per l approvazione del progetto Con l'acronimo D.U.R.C. si intende... A) Documento unico di regolarità contributiva e serve ad accertare la regolarità contributiva dell esecutore dei lavori B) Dichiarazione Ultimazione di Regolari Contribuzioni ed è relativa ai dipendenti della ditta esecutrice dei lavori C) Dichiarazione di uniformità del regolamento comunale e serve ad accertare che non vi siano norme contraddittorie in un regolamento comunale Il Coulomb è l unità di misura... A) Della differenza di potenziale elettrico B) Della carica elettrica C) Della capacità elettrica di un condensatore Un Chilowattora corrisponde a A) 0,10 Joule B) 1,00 Joule C) Joule Il Giornale dei lavori: A) E il principale documento per accertare l entità dei lavori eseguiti B) E un notiziario dell Autorità dei lavori pubblici C) E un registro che va tenuto in cantiere Il Libretto delle misure: A) E un documento di contabilità dove vengono riportati gli accertamenti e le registrazioni dei lavori eseguiti B) E un elaborato di progetto da predisporre nella fase esecutiva 4

5 C) E un elaborato di progetto da predisporre nella fase definitiva Il Sommario del registro di contabilità A) E l ultima riga del Registro di contabilità B) E un documento sul quale vengono raggruppate per articoli le varie partite delle opere eseguite C) E un documento di cantiere contenente la somma delle opere eseguite giornalmente Il Registro di contabilità: A) E un documento in cui si annotano le presenze di manodopera in cantiere B) Riporta le partite dei lavori eseguiti in ordine rigorosamente cronologico C) E il principale elaborato di progettazione, in quanto determina l importo complessivo dei lavori QUIZ A A quale soggetto l'art. 10 del D.Lgs. n. 163/2006 affida il compito di curare, in ciascuna fase di attuazione degli interventi il controllo sui livelli di prestazione, di qualità e di prezzo determinati in coerenza alla copertura finanziaria e ai tempi di realizzazione dei programmi e di curare il corretto e razionale svolgimento delle procedure di affidamento e di esecuzione dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture? A) Responsabile Unico del Procedimento. B) Direttore dei lavori. C) Progettista. "Il committente o il responsabile dei lavori, prima dell'inizio dei lavori, trasmette all'ausl e alla direzione provinciale del lavoro territorialmente competenti la notifica preliminare elaborata conformemente all'allegato XII, nonché gli eventuali aggiornamenti". L'obbligo, previsto dall'art. 99 del D.Lgs. 81/2008, riguarda, tra l'altro... A) I cantieri che, inizialmente non soggetti all'obbligo di notifica, per effetto di varianti sopravvenute in corso d'opera prevedono la presenza di più imprese esecutrici, anche non contemporanea. B) I cantieri in cui opera un'unica impresa la cui entità presunta di lavoro non sia inferiore a 120 uomini-giorno. C) I cantieri ove le lavorazioni si svolgono in più turni. Ai sensi dell'art. 141 del D.Lgs. n. 163/2006, il pagamento della rata di saldo dei lavori pubblici costituisce presunzione di accettazione dell'opera? A) Si, in ogni caso. B) Si, ma solo se indicato nel contratto d'appalto. C) No. Secondo l'art. 155 del D.P.R. n. 207/2010, se sono riscontrate differenze fra le condizioni locali ed il progetto esecutivo,... 5

6 A) Non si procede alla consegna, e il direttore dei lavori ne riferisce immediatamente al responsabile del procedimento proponendo i provvedimenti da adottare. B) Non si procede alla consegna, e il direttore dei lavori nomina un ispettore di cantiere. C) Il direttore dei lavori procede comunque alla consegna dei lavori. A norma di quanto dispone l'art. 132 del D.Lgs. n. 163/2006, sono ammesse varianti in corso d'opera per rinvenimenti imprevisti o non prevedibili nella fase progettuale? A) No, a far data dal 1 gennaio 2006 le varianti in corso d'opera non sono più ammesse. B) Si, tra i motivi che ammettono varianti in corso d'opera, è compresa la suddetta motivazione. C) Si, a far data dal 12/4/2006 è in facoltà della stazione appaltante decidere autonomamente in merito alle varianti in corso d'opera. A norma di quanto dispone il T.U. in materia di attività edilizia (D.P.R. n. 380/2001), rientrano nel novero delle opere di urbanizzazione primaria... A) Scuole dell'obbligo. B) Rete idrica. C) Centri sociali. Qual è, nell'ambito dell'amministrazione comunale, l'organo di indirizzo e di controllo politico-amministrativo? A) Il Consiglio. B) La Giunta. C) Il Presidente della Provincia. Ai sensi dell'art. 153 del D.P.R. n. 207/2010, se l'esecutore non si presenta nel giorno stabilito per la consegna dei lavori, il direttore dei lavori fissa una nuova data? A) No, in tal caso il direttore dei lavori risolve immediatamente il contratto. B) Si, ma la decorrenza del termine contrattuale resta comunque quella della data della prima convocazione. C) No, in tal caso il direttore dei lavori incamera la cauzione. In materia di garanzie a corredo dell'offerta, l'art. 75 del D.Lgs. n. 163/2006 dispone che... A) La garanzia copre la mancata sottoscrizione del contratto per volontà dell'affidatario, ed è trattenuta dall'amministrazione aggiudicante in aggiunta alla cauzione definitiva. B) La garanzia copre la mancata sottoscrizione del contratto per fatto dell'affidatario, ed è svincolata automaticamente al momento della sottoscrizione del contratto medesimo. C) La garanzia non può essere prestata mediante fideiussione assicurativa. Per l'esecuzione di lavori pubblici affidati in appalto, le amministrazioni aggiudicatrici sono obbligate ad istituire l'ufficio di direzione dei lavori? A) No, non sussiste obbligo. B) Si, ma solo se richiesto dal responsabile del procedimento. C) Si, lo dispone il D.Lgs. n. 163/

7 Ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006, gli interventi disposti dal direttore dei lavori per risolvere aspetti di dettaglio... A) Sono a tutti gli effetti considerati varianti in corso d'opera. B) Servono a risolvere errori progettuali che potrebbero pregiudicare la funzionalità dell'opera. C) Non sono considerati varianti in corso d'opera. Ai sensi dell'art. 89 del D.Lgs. 81/2008, il Piano Operativo di Sicurezza è un documento redatto: A) Dal datore di lavoro dell'impresa esecutrice. B) Dal coordinatore per la progettazione. C) Dal coordinatore per l'esecuzione. Ai sensi dell art. 152 del D.P.R. n. 207/2010, nella fase esecutiva dei lavori l ordine di servizio nei confronti dell esecutore: A) E impartito esclusivamente dal responsabile del procedimento. B) Può essere impartito da un direttore operativo o da un ispettore di cantiere. C) Può essere impartito dal direttore dei lavori, ma deve essere vistato dal responsabile del procedimento. Ai sensi dell art. 153 del D.P.R. n. 207/2010, il termine utile per il compimento dei lavori: A) Decorre dall inizio effettivo dei lavori. B) Decorre dalla data di stipula del contratto. C) Decorre dalla data del verbale di consegna dei lavori. Ai sensi dell art. 190 del D.P.R. n. 207/2010, nel caso in cui l esecutore abbia firmato il registro di contabilità con riserva: A) Il direttore dei lavori, nei successivi 15 giorni, espone sul registro le sue motivate deduzioni. B) Il responsabile unico del procedimento può avviare le procedure per la risoluzione del contratto. C) Il direttore dei lavori ordina immediatamente la sospensione dei lavori. Ai sensi dell art. 191 del D.P.R. n. 207/2010, relativamente all ammissibilità delle riserve formulate dall esecutore, quale di queste affermazioni non è vera: A) Devono essere iscritte nel primo atto dell appalto idoneo a riceverlo. B) Devono essere iscritte nel registro di contabilità. C) Devono essere iscritte sul giornale dei lavori, con specifica motivazione. Ai sensi dell art. 199 del D.P.R. n. 207/2010, nel caso in cui l esecutore comunichi l intervenuta ultimazione di lavori, pur rimanendo da eseguire lavorazioni di piccola entità del tutto marginali e non incidenti sull uso e la funzionalità dell opera eseguita: A) Il direttore dei lavori applica le penali previste dal contratto per la ritardata ultimazione dei lavori. B) Il responsabile del procedimento affida le lavorazioni mancanti ad altro esecutore di fiducia. C) Il direttore dei lavori emette comunque il certificato di ultimazione, assegnando all esecutore un termine perentorio per la realizzazione delle lavorazioni mancanti. 7

8 Ai sensi dell art. 200 del D.P.R. n. 207/2010, relativamente al conto finale dei lavori, quale di queste affermazioni non è vera: A) Il direttore dei lavori compila il conto finale e lo trasmette il conto finale al responsabile del procedimento accompagnato da una relazione e allegando la relativa documentazione. B) Il conto finale attesta l avvenuta ultimazione dei lavori e la loro regolarità esecutiva secondo il progetto approvato. C) Il conto finale è compilato secondo le stesse modalità previste per lo stato d avanzamento dei lavori. Ai sensi dell'art. 37 del D.Lgs. n. 163/2006, i calcoli esecutivi degli impianti, facenti parte dei documenti del progetto esecutivo,... A) Sono eseguiti in modo sommario, per essere perfezionati durante l esecuzione dei lavori. B) Sono eseguiti con riferimento alle condizioni di esercizio e consentono la definizione di tutti gli elementi e di determinarne il prezzo. C) Non possono essere eseguiti mediante utilizzo di programmi informatici. Nell'attività di contabilizzazione non rientra: A) L'individuazione e la classificazione delle opere eseguite B) La descrizione delle opere eseguite C) La liquidazione del credito Il lavoratore autonomo che esercita direttamente la propria attività nel cantiere deve: A) Utilizzare i dispositivi di protezione individuale conformemente alle disposizioni in materia B) Redigere il piano di sicurezza e coordinamento C) Utilizzare le attrezzature di lavoro presenti in cantiere dopo l'autorizzazione del direttore dei lavori Che cos è l'attestazione SOA? A) Il certificato di collaudo tecnico-amministrativo di un opera pubblica B) Una certificazione di efficienza energetica di un edificio C) Un certificato circa l idoneità tecnica-finanziaria di un impresa necessaria per partecipare a gare di appalto di opere pubbliche Che cos è l atto di sottomissione? A) Un patto tra due soggetti posti in posizioni gerarchiche diverse B) L accettazione di clausole penalizzanti per una delle due parti in un accordo extragiudiziale C) Un atto unilaterale con cui l impresa appaltatrice si assume l onere di realizzare ulteriori lavori nell ambito del medesimo appalto Quando un'offerta presenta un ribasso talmente eccessivo da far dubitare dell'affidabilita della stessa, ci troviamo di fronte ad: A) Un'offerta anomala. B) Un'offerta illegittima. C) Un'offerta atipica. Il Lumen è l unità di misura... A) Dell illuminamento di una superficie B) Del flusso luminoso emesso da una sorgente puntiforme 8

9 C) Della carica elettrica Un Chilogrammo peso corrisponde a A) Circa 0,10 Newton B) 1,00 Newton C) 9,806 Newton Il Giornale dei lavori: A) E il principale documento per accertare l entità dei lavori eseguiti B) E un notiziario dell Autorità dei lavori pubblici C) E un registro che va tenuto in cantiere Il Libretto delle misure: A) E un documento di contabilità dove vengono riportati gli accertamenti e le registrazioni dei lavori eseguiti B) E un elaborato di progetto da predisporre nella fase esecutiva C) E un elaborato di progetto da predisporre nella fase definitiva Il Sommario del registro di contabilità A) E l ultima riga del Registro di contabilità B) E un documento sul quale vengono raggruppate per articoli le varie partite delle opere eseguite C) E un documento di cantiere contenente la somma delle opere eseguite giornalmente Il Registro di contabilità: A) E un documento in cui si annotano le presenze di manodopera in cantiere B) Riporta le partite dei lavori eseguiti in ordine rigorosamente cronologico C) E il principale elaborato di progettazione, in quanto determina l importo complessivo dei lavori QUIZ B A norma di quanto dispone il D.Lgs. n. 163/2006 l'esecuzione del contratto può avere inizio prima che lo stesso sia divenuto efficace? A) No, in nessun caso l'esecuzione del contratto può avvenire prima che lo stesso sia divenuto efficace. B) No, salvo che, in casi di urgenza, la stazione appaltante o l'ente aggiudicatore ne chieda l'esecuzione anticipata, nei modi e alle condizioni previste dal regolamento. C) Si, di prassi l'esecuzione del contratto può avere inizio prima che lo stesso sia divenuto efficace. In materia di garanzie a corredo dell'offerta, l'art. 75 del D.Lgs. n. 163/2006 dispone che... 9

10 A) La garanzia dell'offerente, pari al 2% del prezzo base indicato nel bando o nell'invito, non può essere prestata mediante fideiussione bancaria. B) L'offerta da presentare per l'affidamento dell'esecuzione dei contratti pubblici è corredata da una garanzia pari al 2% del prezzo base indicato nel bando o nell'invito. C) L'offerta da presentare per l'affidamento dell'esecuzione dei contratti pubblici non va corredata da alcun tipo di cauzione Ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006, entro quando deve essere effettuato il collaudo finale di un'opera? A) Non oltre 3 mesi dall'ultimazione dei lavori. B) Non oltre 60 giorni dall'ultimazione dei lavori. C) Non oltre 6 mesi dall'ultimazione dei lavori. Sono organi di «governo» del comune: la giunta,... A) Il consiglio, il Sindaco e il Segretario comunale. B) Il consiglio, il Sindaco e il Collegio dei revisori. C) Il consiglio e il Sindaco. Ai sensi dell'art. 153 del D.P.R. n. 207/2010, se l'esecutore non si presenta nel giorno stabilito per la consegna dei lavori, il direttore dei lavori fissa una nuova data? A) No, in tal caso il direttore dei lavori risolve immediatamente il contratto. B) Si, ma la decorrenza del termine contrattuale resta comunque quella della data della prima convocazione. C) No, in tal caso il direttore dei lavori incamera la cauzione. Ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006, le varianti in corso d'opera... A) Sono ammesse, tra l'altro, qualora si manifesti un errore od omissione del progetto esecutivo che pregiudichi, in tutto o in parte, la realizzazione dell'opera. B) Sono sempre ammesse quando ve ne sia necessità. C) Non sono più ammesse in nessun caso. Ai sensi dell'art. 10 del D.Lgs. n. 163/2006, per i lavori, le funzioni di responsabile del procedimento possono coincidere con quelle di progettista? A) Si, la legge non prevede alcuna incompatibilità al riguardo. B) Si, entro limiti di importo massimo e di tipologia di lavoro stabiliti con apposito Regolamento di esecuzione e attuazione del Codice. C) No, tali funzioni sono assolutamente incompatibili. In quale dei seguenti casi, a norma delle disposizioni contenute all'art. 99 del D.Lgs. 81/2008, il committente o il responsabile dei lavori prima dell'inizio dei lavori deve trasmettere la notifica preliminare all'ausl e alla direzione provinciale del lavoro territorialmente competenti? A) Solo nei cantieri nei quali l'entità presunta di lavoro non sia inferiore a 100 uomini-giorno. B) Nei cantieri in cui è prevista la presenza di più imprese esecutrici, anche non contemporanea. C) Solo nei cantieri nei quali si lavora su più turni. 10

11 Ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006, gli interventi disposti dal direttore dei lavori per risolvere aspetti di dettaglio... A) Sono a tutti gli effetti considerati varianti in corso d'opera. B) Servono a risolvere errori progettuali che potrebbero pregiudicare la funzionalità dell'opera. C) Non sono considerati varianti in corso d'opera. Ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006, la progettazione dei lavori pubblici si articola secondo tre livelli di successivi approfondimenti tecnici: preliminare, definitiva ed esecutiva. Il progetto esecutivo... A) É redatto in conformità al progetto definitivo. B) Individua in via generale le caratteristiche qualitative e funzionali dei lavori. C) Definisce il quadro delle esigenze da soddisfare e delle specifiche prestazioni da fornire. Indicare quale tra le seguenti affermazioni riferite all'art. 131 (Piani di sicurezza) è conforme a quanto dispone il D.Lgs. n. 163/2006. A) Gli oneri relativi ai piani di sicurezza e di coordinamento vanno evidenziati nei bandi di gara e non sono soggetti a ribasso d'asta. B) Il piano operativo di sicurezza non è parte integrante del contratto di appalto o di concessione. C) Le gravi o ripetute violazioni dei piani di sicurezza e di coordinamento da parte dell'appaltatore o del concessionario, possono dar luogo solo all'applicazione di penali ma in nessun caso possono essere causa di risoluzione del contratto. Ai sensi dell art. 141 del D.P.R. n. 207/2010, nel caso di sospensione dei lavori di durata superiore a 45 giorni la stazione appaltante: A) Sospende ogni pagamento in acconto fino alla ripresa dei lavori. B) Dispone il pagamento in acconto degli importi maturati fino alla data di sospensione. C) Ordina la ripresa immediata dei lavori. Ai sensi dell art. 153 del D.P.R. n. 207/2010, il termine utile per il compimento dei lavori: A) Decorre dall inizio effettivo dei lavori. B) Decorre dalla data di stipula del contratto. C) Decorre dalla data del verbale di consegna dei lavori. Ai sensi dell art. 159 del D.P.R. n. 207/2010, nel caso di sospensione dei lavori: A) Qualunque sia la causa deve essere riconosciuto all esecutore un appropriato indennizzo. B) La sua durata non è calcolata nel tempo fissato dal contratto per l esecuzione dei lavori, salvo cause attribuibili all esecutore. C) Il responsabile del procedimento avvia la procedura di risoluzione del contratto Ai sensi dell art. 191 del D.P.R. n. 207/2010, relativamente all ammissibilità delle riserve formulate dall esecutore, quale di queste affermazioni non è vera: A) Devono essere iscritte nel primo atto dell appalto idoneo a riceverlo. B) Devono essere iscritte nel registro di contabilità. C) Devono essere iscritte sul giornale dei lavori, con specifica motivazione. Ai sensi dell art. 194 del D.P.R. n. 207/2010, il direttore dei lavori redige uno stato d avanzamento dei lavori: 11

12 A) Nei termini e alle modalità specificate nel contratto. B) Ogni settimana, in base alle liste settimanali delle somministrazioni. C) In base all andamento dei lavori, a suo insindacabile giudizio. Ai sensi dell'art. 37 del D.Lgs. n. 163/2006, i calcoli esecutivi degli impianti, facenti parte dei documenti del progetto esecutivo,... A) Sono eseguiti con riferimento alle condizioni di esercizio e consentono la definizione di tutti gli elementi e di determinarne il prezzo. B) Sono eseguiti in modo sommario, per essere perfezionati durante l esecuzione dei lavori. C) Non possono essere eseguiti mediante utilizzo di programmi informatici. Nell'attività di contabilizzazione non rientra: A) La descrizione delle opere eseguite B) L'individuazione e la classificazione delle opere eseguite C) La liquidazione del credito Chi dispone il pagamento della rata in acconto? A) Il direttore dei lavori con la compilazione dello stato di avanzamento B) Il responsabile del procedimento con l emissione dell apposito certificato C) L'assessore di riferimento Da chi deve essere predisposto il fascicolo dell'opera? A) Dal coordinatore in fase di progettazione B) Dal coordinatore in fase di esecuzione C) Dal direttore dei lavori In una procedura espropriativa comunale chi emette il decreto di esproprio? A) Il Sindaco B) La Giunta Comunale C) Il Dirigente del Servizio Espropri La relazione separata e riservata viene redatta: A) Per l'emissione del conto finale B) Per lo svincolo della cauzione a garanzia dei lavori C) Nel caso di iscrizione di riserve da parte dell'appaltatore Il Quadro economico di un progetto: A) Contiene le specifiche tecniche e funzionali dell opera B) Fornisce gli elementi atti a dimostrare la rispondenza del progetto alle finalità dell intervento C) Comprende le ulteriori somme a disposizione della stazione appaltante La Conferenza di Servizi è : A) Un istituto di semplificazione amministrativa dell'attività della pubblica amministrazione, volta ad acquisire autorizzazione, atti, licenze, permessi e nulla-osta comunque denominati mediante convocazione di apposite riunioni collegiali, i cui termini sono espressamente disposti dalla normativa vigente B) E un organo specificatamente autorizzato e abilitato dalla regione per garantire i Servizi 12

13 nella Pubblica Amministrazione C) E un organo specificatamente autorizzato al controllo al fine di garantire il rispetto dei principi di correttezza e trasparenza delle procedure Il Farad è l unità di misura... A) Della differenza di potenziale elettrico B) Della capacità elettrica di un condensatore C) Della carica elettrica Un Joule corrisponde a A) 0,10 Newtonmetro B) 10,00 Newtonmetro C) 1,00 Newtonmetro Il Giornale dei lavori: A) E il principale documento per accertare l entità dei lavori eseguiti B) E un notiziario dell Autorità dei lavori pubblici C) E un registro che va tenuto in cantiere Il Libretto delle misure: A) E un documento di contabilità dove vengono riportati gli accertamenti e le registrazioni dei lavori eseguiti B) E un elaborato di progetto da predisporre nella fase esecutiva C) E un elaborato di progetto da predisporre nella fase definitiva Il Sommario del registro di contabilità A) E l ultima riga del Registro di contabilità B) E un documento sul quale vengono raggruppate per articoli le varie partite delle opere eseguite C) E un documento di cantiere contenente la somma delle opere eseguite giornalmente Il Registro di contabilità: A) E un documento in cui si annotano le presenze di manodopera in cantiere B) Riporta le partite dei lavori eseguiti in ordine rigorosamente cronologico C) E il principale elaborato di progettazione, in quanto determina l importo complessivo dei lavori 13

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Il Termine di Esecuzione Lavori

Il Termine di Esecuzione Lavori Il Termine di Esecuzione Lavori Il carattere non essenziale del termine Di regola negli appalti di lavori pubblici il termine contrattuale di ultimazione non è essenziale (art. 1457 del cod.civ.). Come

Dettagli

La Direzione dei Lavori

La Direzione dei Lavori La Direzione dei Lavori L istituzione della Direzione lavori. Ai sensi dell art.10, comma 1, lett.l, del Reg., l istituzione dell ufficio di direzione dei lavori è promossa dal responsabile del procedimento

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

REGIONE PUGLIA. Bari, LORO SEDI

REGIONE PUGLIA. Bari, LORO SEDI Prot. n. Area Politiche per la promozione della salute, delle persone e delle pari opportunità Servizio Politiche Benessere sociale e pari opportunità Bari, Ai Soggetti beneficiari dei finanziamenti di

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

Task-Force e Servizi Integrati di accompagnamento sulle attività negoziali

Task-Force e Servizi Integrati di accompagnamento sulle attività negoziali Task-Force e Servizi Integrati di accompagnamento sulle attività negoziali FESR-ASSE II- Qualità degli ambienti scolastici (Avviso prot. AOODGAI n. 7667/15-06-2010) MANUALE DELLE PROCEDURE PER L ESECUZIONE

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA Oggetto: Affidamento, mediante appalto integrato e con procedura aperta, degli interventi per la Valorizzazione

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO: FUNZIONI E RESPONSABILITÀ

IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO: FUNZIONI E RESPONSABILITÀ IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO: FUNZIONI E RESPONSABILITÀ (tratto da Linee guida per la qualificazione del procedimento di Lavori Pubblici - IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO: FUNZIONI E RESPONSABILITÀ

Dettagli

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping)

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping) LEGGE REGIONALE 18 maggio 1999, n. 9 DISCIPLINA DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 35 Titolo III PROCEDURA DI

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra-

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra- . ROMA CAPITALE BANDO DI GARA D'APPALTO SEZIONE I) AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale - Dipartimento Risorse Economiche - Direzione per la

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

Le Varianti. Le Varianti

Le Varianti. Le Varianti Le Varianti L attuale regime delle variazioni ed addizioni al contratto di appalto di lavori pubblici è stabilito dall articolo 132 del Dlgs 163/06 e dal Regolamento. Con tale norma che si vuol preservare

Dettagli

Percorsi monografici LE CAUZIONI NEGLI APPALTI PUBBLICI. a cura del Dott. Michele Lombardo - Studio Rota Rusconi

Percorsi monografici LE CAUZIONI NEGLI APPALTI PUBBLICI. a cura del Dott. Michele Lombardo - Studio Rota Rusconi Il Sole 24 Ore - DOSSIER N. 3-2008 - Codice degli Appalti Percorsi monografici a cura del Dott. Michele Lombardo - Studio Rota Rusconi LE CAUZIONI NEGLI APPALTI PUBBLICI Aggiornamento: Marzo 2008 Selezione

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Verbale consegna lavori in via d urgenza

Verbale consegna lavori in via d urgenza Mod. ATE.03.03 Pag.1 di pag 5 AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VERONA Finanziamento: Lavori: per la realizzazione di....in Comune di Importo lavori di appalto: Affidamento

Dettagli

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA AVVISO PUBBLICO PER UNA INDAGINE DI MERCATO FINALIZZATA ALL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIREZIONE DELL ESECUZIONE DELL APPALTO PER LA FORNITURA, INSTALLAZIONE E MESSA IN OPERA DI UN SISTEMA DI RADIOCOMUNICAZIONI

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

INDICE PARTE II - CONTRATTI PUBBLICI RELATIVI A LAVORI NEI SETTORI ORDINARI

INDICE PARTE II - CONTRATTI PUBBLICI RELATIVI A LAVORI NEI SETTORI ORDINARI INDICE SCHEMA DI REGOLAMENTO DI ESECUZIONE E ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO 12 APRILE 2006, N. 163, RECANTE CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI RELATIVI A LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ATTUAZIONE DELLE

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3. Art. 4. Art. 5.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. Art. 4. Art. 5. D.M. 15 dicembre 1955, n. 22608 «Disciplinare tipo» per il conferimento di incarichi a liberi professionisti per la progettazione e direzione di opere pubbliche SCHEMA DISCIPLINARE TIPO contenente le norme

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA ESECUZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE DA REALIZZARSI A SCOMPUTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE

REGOLAMENTO PER LA ESECUZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE DA REALIZZARSI A SCOMPUTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE REGOLAMENTO PER LA ESECUZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE DA REALIZZARSI A SCOMPUTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 13 del 26 febbraio 2014. REGOLAMENTO

Dettagli

CONDIZIONI PARTICOLARI CONTRATTI DI APPALTO DI LAVORI SERVIZI FORNITURE CON POSA IN OPERA ITALIA

CONDIZIONI PARTICOLARI CONTRATTI DI APPALTO DI LAVORI SERVIZI FORNITURE CON POSA IN OPERA ITALIA CONDIZIONI PARTICOLARI ITALIA Pagina 1 di 30 Rev. 02 Titolo: CONDIZIONI PARTICOLARI CONTRATTI DI APPALTO DI LAVORI SERVIZI FORNITURE CON POSA IN OPERA ITALIA Il presente documento, in conformità alla nota

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

RISPOSTE A QUESITI (21.01.2014) 1) DOMANDA

RISPOSTE A QUESITI (21.01.2014) 1) DOMANDA RISPOSTE A QUESITI (21.01.2014) 1) DOMANDA Poiché risulta che alla gara possono partecipare anche imprese in possesso di attestazione SOA per la sola costruzione indicando i progettisti si chiede quale

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

(ultimo aggiornamento: legge 11 novembre 2014, n. 164 e legge 27 febbraio 2015, n. 11)

(ultimo aggiornamento: legge 11 novembre 2014, n. 164 e legge 27 febbraio 2015, n. 11) Decreto del Presidente della Repubblica 5 ottobre 2010, n. 207 Regolamento di esecuzione ed attuazione del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, recante «Codice dei contratti pubblici relativi a

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI RELATIVI A LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ATTUAZIONE DELLE DIRETTIVE 2004/17/CE e 2004/18/CE

CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI RELATIVI A LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ATTUAZIONE DELLE DIRETTIVE 2004/17/CE e 2004/18/CE RELATIVI A LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ATTUAZIONE DELLE DIRETTIVE Decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 (Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 100 del 2 maggio 2006) Autorità per la vigilanza

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture DOCUMENTO BASE Problematiche applicative delle disposizioni in materia di opere a scomputo degli oneri di urbanizzazione

Dettagli

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE II Commissario delegato per la ricostruzione - Presidente della Regione Abruzzo STRUTTURA TECNICA DI MISSIONE Azioni di supporto ai Comuni colpiti dal sisma del 6 aprile 2009 INCENTIVI PER ATTIVITA DI

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

POR CAMPANIA FESR 2007-2013 Asse 6-Obiettivo Operativo 6.1. PIU EUROPA della Città di Caserta

POR CAMPANIA FESR 2007-2013 Asse 6-Obiettivo Operativo 6.1. PIU EUROPA della Città di Caserta OGGETTO: Affidamento della progettazione definitiva ed esecutiva sulla base del progetto preliminare ed esecuzione dei lavori, nonché affidamento dell incarico di coordinatore per la sicurezza in fase

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente STAZIONE UNICA APPALTANTE GUIDA ALLA CONVENZIONE AMBITO DI OPERATIVITA La si occupa dei seguenti appalti: lavori pubblici di importo pari o superiore ad 150.000,00 forniture e servizi di importo pari o

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

CRITERI PER LA SCELTA DELLE DITTE DA INVITARE

CRITERI PER LA SCELTA DELLE DITTE DA INVITARE CRITERI PER LA SCELTA DELLE DITTE DA INVITARE PROCEDURA NEGOZIATA ART. 33 L.P. 26/1993 PROCEDURE IN ECONOMIA ART. 52 L.P. 26/1993 COMUNE DI CLES PROVINCIA DI TRENTO PROCEDURE NEGOZIATE: CRITERI PER LA

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

IL RAPPORTO TRA L EX D.LGS. 494/96 ED IL D. LGS. 81/08 ( TESTO UNICO ) - prime note

IL RAPPORTO TRA L EX D.LGS. 494/96 ED IL D. LGS. 81/08 ( TESTO UNICO ) - prime note 11 - IL RAPPORTO TRA L EX D.LGS. 494/96 E IL D. LGS. 81/08 ( TESTO UNICO ) - prime note IL RAPPORTO TRA L EX D.LGS. 494/96 ED IL D. LGS. 81/08 ( TESTO UNICO ) - prime note di Rosario Giurintano - ENGINEERING

Dettagli

Guida alle semplificazioni. del decreto legge del Fare

Guida alle semplificazioni. del decreto legge del Fare Guida alle semplificazioni del decreto legge del Fare Approvato il decreto del Fare, si apre la fase importante e delicata dell attuazione delle nuove norme. Per questo è essenziale che cittadini e imprese

Dettagli

SPORTELLO UNICO PREVIDENZIALE Modello per la richiesta telematica del Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC)

SPORTELLO UNICO PREVIDENZIALE Modello per la richiesta telematica del Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC) SPORTELLO UNICO PREVIDENZIALE Modello per la richiesta telematica del Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC) MODELLO UNIFICATO: 1) APPALTI DI LAVORI PUBBLICI Quadri da compilare : "A" + "B"

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Fornitura di un'unità di gestione del programma per l'attuazione del programma TradeCom II

Fornitura di un'unità di gestione del programma per l'attuazione del programma TradeCom II 2015/S 082-144972 Fornitura di un'unità di gestione del programma per l'attuazione del programma TradeCom II Bando di gara relativo a un appalto di servizi Ubicazione tutti i paesi ACP 1.Riferimento della

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI QUESITI RICORRENTI E RISPOSTE DI ESPERTI QUALIFICATI

SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI QUESITI RICORRENTI E RISPOSTE DI ESPERTI QUALIFICATI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI NOVITA INTRODOTTE DALL' UNICO TESTO NORMATIVO SULLA SICUREZZA SUL LAVORO (D.Lgs. 81/08) QUESITI RICORRENTI E RISPOSTE DI ESPERTI QUALIFICATI I quesiti sul Decreto 81/08: sugli

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Visto l'art. 2, comma 1, lettera mm), della legge 23 ottobre 1992, n. 421;

Visto l'art. 2, comma 1, lettera mm), della legge 23 ottobre 1992, n. 421; Decreto Legislativo 12 febbraio 1993, n. 39 (Gazz. Uff. 20 febbraio 1993, n. 42) Norme in materia di sistemi informativi automatizzati delle amministrazioni pubbliche, a norma dell'art. 2, comma 1, lettera

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

OGGETTO:Programma Integrato Urbano PIU Europa PO FESR Campania 2007-2013 Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1.

OGGETTO:Programma Integrato Urbano PIU Europa PO FESR Campania 2007-2013 Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1. *** *,. * *** La tua Campania cresce in Europa Via De Turris n.16 "Palazzo S. Anna" Te/. 081 3900565 fax 081 3900592 e-mail: urbanistica@comune.castellanunare-di-stabia.napoli.it pec: urbanistica.stabia@asmepec.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER ILCONFER'MENTO D' INCARICHI ESTERN' BESTA CARLO ISTITUTO ALLEGATO ALI,A DELIBERA CDA N. III/11912OL4

REGOLAMENTO PER ILCONFER'MENTO D' INCARICHI ESTERN' BESTA CARLO ISTITUTO ALLEGATO ALI,A DELIBERA CDA N. III/11912OL4 ALLEGATO ALI,A DELIBERA CDA N. III/11912OL4 ISTITUTO NSUROLÓCIC* CARLO BESTA REGOLAMENTO PER ILCONFER'MENTO D' INCARICHI ESTERN' Fond*eione I.R.C.C.S. l*tituto Heumlogica Carlo Besta Vi'r Ceior"ra i Ì,?*i;3

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

Decreto del Commissario Straordinario

Decreto del Commissario Straordinario Decreto del Commissario Straordinario N. 8 del Reg. Data 30/07/2014 OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE ANTICENDIO NELLA FORESTA DEMANIALE REGIONALE DEL MONTE CARPEGNA - PSR MARCHE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA [D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 e ss.mm.ii. (di seguito Codice)] Entrata in vigore delle ultime modifiche (D.Lgs. n. 153/2014): 26 novembre 2014 D.P.C.M. n. 193/2014 Regolamento

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

Direttive comunitarie che coordinano le seguenti procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici:

Direttive comunitarie che coordinano le seguenti procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici: Versione finale del 29/11/2007 COCOF 07/0037/03-IT COMMISSIONE EUROPEA ORIENTAMENTI PER LA DETERMINAZIONE DELLE RETTIFICHE FINANZIARIE DA APPLICARE ALLE SPESE COFINANZIATE DAI FONDI STRUTTURALI E DAL FONDO

Dettagli

LEGGE 28 Gennaio 1977, N. 10 - (Bucalossi) (G.U. 29-1-1977, N. 27) NORME PER LA EDIFICABILITA' DEI SUOLI

LEGGE 28 Gennaio 1977, N. 10 - (Bucalossi) (G.U. 29-1-1977, N. 27) NORME PER LA EDIFICABILITA' DEI SUOLI LEGGE 28 Gennaio 1977, N. 10 - (Bucalossi) (G.U. 29-1-1977, N. 27) NORME PER LA EDIFICABILITA' DEI SUOLI Art. 1. (trasformazione urbanistica del territorio e concessione di edificare) Ogni attività comportante

Dettagli