Il Grand Tour da Montaigne a Heine

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Grand Tour da Montaigne a Heine"

Transcript

1 Il Grand Tour da Montaigne a Heine Grand Tour è locuzione francese codificatasi in ambito linguistico inglese; venne usata per la prima volta nel 1636 per il viaggio in Francia di Lord Granborne. La si trova quindi sotto la penna di Richard Lassels nel Voyage of Italy: or a Compleat Journey Through Italy (1670), e da allora sino alla fine del Settecento designò il viaggio di formazione intrapreso dal fior fiore dell aristocrazia e dell intellighenzia europea segnatamente inglese, francese e tedesca attraverso la Francia e, soprattutto, l Italia. Il Grand Tour ha una sua precisa periodizzazione, una sua non meno precisa topografia e altrettanto codificate scansioni temporali. L Italia era stata a lungo, su tutto l arco del Medioevo, meta di ferventi pellegrinaggi. Cristiani di tutta Europa (i «romei») confluivano a per visitare i luoghi sacri. Schiere di scolari varcavano le Alpi per studiare negli atenei di, di o Pavia. Una prima cesura è segnata, nell inverno , dal viaggio di Martin Lutero, col quale cambia improvvisamente segno, rivelandosi non già culla della cristianità ma centro dell apostasia. Con le sue Novantacinque tesi rese pubbliche a Wittenberg il 31 ottobre 1517 affisse sulla porta della chiesa del castello (Schloßkirche), secondo la tradizione il monaco tedesco innescò una svolta epocale nella storia dell Europa moderna che ebbe conseguenze decisive anche per la storia del viaggio in Italia. Ben presto, non saranno più motivazioni eminentemente religiose o accademiche a spingere gli europei a percorrere la penisola. Di lì a qualche anno, nel 1559, il trattato di Cateau- Cambrésis concluso tra la Francia e la Spagna segnerà per quasi due secoli e mezzo la fine di una lunga e tormentata èra di spedizioni militari: i conflitti fra le grandi potenze europee si dislocano a nord delle Alpi e l Italia può diventare lo spazio privilegiato di viaggi di formazione, pur subendo ancora, sporadicamente, disastrosi saccheggi (come quello perpetrato dalle truppe imperiali ai danni di Mantova, nel 1630, durante la guerra del Monferrato). Nello stesso torno d anni, con lo sviluppo delle più importanti università europee in particolare nei paesi di religione riformata l Italia perde il monopolio del sapere universitario. I santuari della cattolicità restano tappe ineludibili del viaggio, ma vengono guardati con un altro occhio, critico se non scientifico (proto-etnologico); e accanto alle basiliche di Sant Antonio a e di San Pietro a, o accanto alla Santa Casa di Loreto, si stagliano con sempre maggior nitidezza altre mirabilia: l arena di Verona, le rovine di antica, ma anche la Villa d Este di Tivoli, gli edifici palladiani di Vicenza e di, i grandi palazzi fiorentini e romani, le collezioni d arte e le biblioteche che sin dal Cinquecento aprivano le loro porte a personalità di rango. Per un élite aristocratica di colti, se non per umili masse di pellegrini cattolici, il viaggio in Italia diventa laico ed erudito. Con alcune variazioni di percorso a seconda della provenienza dei viaggiatori, dalla Germania o dalla Francia, si codifica una nuova mappa che contempla alcune tappe obbligate. L Italia del Grand Tour si configura come una piramide rovesciata che culmina a, e la cui spina dorsale è costituita dalla direttrice --. Arrivando da ovest, i francesi e gli inglesi generalmente raggiungono passando da Genova, Livorno e Pisa, oppure da e, e si fermano a alla fine del periplo. I tedeschi invece, entrando in Italia più a est (dal Brennero), iniziano l itinerario con la visita di Verona, e (e spesso anche di Mantova). La via del ritorno conduce da nuovamente a, dove pertanto la stragrande maggioranza dei viaggiatori soggiorna due volte. Da si può risalire verso, oppure (con tappe a Terni, Spoleto e Foligno) biforcare verso Loreto e risalire lo stivale lungo la costa adriatica, fermandosi ad Ancona, Urbino, Rimini, San Marino,. Mancano si sarà notato località a sud di : fino alla seconda metà del Settecento l Italia finisce con l antica Partenope, e «tutto il resto è Africa», come dirà ancora nel 1806 Augustin-François Creuzé de Lesser nel suo Voyage en Italie et en Sicile en 1801 et Centro e fulcro è, «unica città comune e universale» (Montaigne), «capitale del mondo» (Goethe), ma anche città d oltretomba (Chateaubriand), e quindi scenario privilegiato di rêveries sia classiche che romantiche. Per quanto riguarda il calendario dei viaggi, si arriva in Italia a settembre, a ad ottobre, a a novembre; il primo soggiorno romano si protrae, con escursioni ai colli e nell Agro romano, fino a Pasqua; si prosegue poi per, dove ci si sofferma fino a giugno (per ascendere il Vesuvio e visitare, a partire da metà Settecento, Pompei ed Ercolano); dopo il secondo soggiorno romano, si risale la penisola durante

2 Il Grand Tour da Montaigne a Heine 717 [Monaco di Baviera] Innsbruck Bressanone Bolzano Trento Verona Vicenza Torino Pavia Piacenza Lucca Pisa Urbino Siena Foligno Ancona Loreto Spoleto Narni Ostia Tivoli Figura 1. Michel Eyquem de Montaigne (22 giugno novembre 1581). l autunno e si arriva a nel febbraio successivo, prima di tornare a nord. Sono ovviamente possibili tabelle di marcia più serrate, in modo da ridurre il viaggio all arco (minimo) di un anno. Se il terminus post quem coincide col trattato di Cateau- Cambrésis, il terminus ad quem è costituito dalla campagna d Italia avviata da Napoleone nel , che segna come ben intuirono Stendhal nella Chartreuse de Parme e Ippolito Nievo nelle Confessioni d un italiano la fine dell ancien régime nell Italia centro-settentrionale: il Grand Tour finisce con il tramonto improvviso della forma di vita aristocratica che ne aveva legittimato l eccentrico ma pianificato svagamento, nonché con la dispersione di ciò che Goethe chiamò il «corpo artistico» (Kunstkörper) dell Italia. Allo scadere della rapinosa epopea napoleonica, vennero alla luce alcune tra le maggiori testimonianze di quell irripetibile stagione, prima fra tutte la Italienische Reise di Goethe ( ), come a fissare nella memoria europea un patrimonio perduto per sempre. Perché partire? Molti si mettono in viaggio per completare la propria formazione. Ma c è chi parte per scappare. Il signore di Montaigne, Michel Eyquem, autore degli Essais, lasciò il suo castello presso Bordeaux il 22 giugno 1580, seguendo un tortuoso itinerario che lo condusse a traversare la Francia settentrionale e la Germania meridionale prima di sconfinare in Italia (fig. 1). La Francia era dilaniata dalle guerre di religione, e al desiderio di conoscere altri paesi si mischiava, come annota il segretario redattore della prima parte del diario, «un po di passione del disprezzo del proprio paese, che aveva in odio e in uggia per altre considerazioni». Anche Goethe scappa oltralpe, abbandonando segretamente, il 3 settembre 1786, i bagni termali di Karlsbad, in Boemia: non per fuggire da guerre civili, ma cercando un esito all impasse nel-

3 718 L età di [Ginevra] Vicenza Verona Genova Nizza Lucca Pisa Livorno Siena Figura 2. John Milton (maggio agosto 1639). la quale sentiva di essersi ingolfato con l aver intrapreso, al servizio del duca di Sachsen-Weimar, una febbrile attività amministrativa che intralciava lo sviluppo della sua opera letteraria. In questi due casi, altamente significativi, il viaggio in Italia scaturisce da una forte sensazione di disagio, che si esprime letteralmente e metaforicamente in patologie mediche: Montaigne è tormentato dal mal della pietra e si fermerà in svariati luoghi di cura, primi fra tutti i Bagni di Lucca, inventariandone meticolosamente le proprietà terapeutiche. Goethe confessa di aver sofferto per anni di una strana malattia che gli impediva, pena orrendi dolori, di «guardare un qualsivoglia autore latino, di considerare qualsiasi cosa rinnovasse in [lui] l immagine dell Italia». Già gli inglesi di età elisabettiana consideravano il viaggio in Italia come una medicina per guarire la malinconia: un viaggio, dunque, taumaturgico e terapeutico. Come viaggiare? Il poeta inglese John Milton, che intraprende il Grand Tour fra il maggio del 1638 e l agosto dell anno successivo (fig. 2), sottolinea con fierezza la peculiarità della sua iniziativa, esibendo la propria qualità e la propria fede: Milton infatti non era un nobile (costituisce quindi l esempio, assai raro in quei tempi, di un viaggiatore borghese), né era cattolico bensí protestante (come Goethe, del resto). La baldanza con la quale manifestò le proprie convinzioni, anche in ambienti ecclesiastici, non mancò di impensierire i suoi amici italiani, tra i quali, a, Jacopo Gaddi, Carlo Dati e Antonio Francini, e a Giovan Battista Manso, già amico e poi biografo di Torquato Tasso. A, o meglio ad Arcetri, nella tarda estate del 1638, Milton rende visita a Galileo, da anni agli arresti domiciliari, come ricorderà nel suo Paradise Lost (I, ) e soprattutto nell Areopagitica: «È là che trovai e visitai il celebre Galileo, invecchiato, prigionie-

4 Il Grand Tour da Montaigne a Heine 719 Innsbruck [Monaco di Baviera] Graz [Vienna] Torino Novara Alessandria Savona Vado Spotorno Noli Finale Lago Maggiore Genova Portofino Portovenere Parma Livorno Rovereto Verona Modena Lucca Pisa Vicenza Mantova Siena Trento Cesena San Marino Foligno Rimini Macerata Tolentino Spoleto Fano Senigallia Ancona Loreto Figura 3. Charles-Louis de Montesquieu (agosto luglio 1729). Dall Italia si dirige verso l Inghilterra, dove soggiorna tutto il ro dell Inquisizione, perché in astronomia pensava diversamente dai suoi censori francescani e domenicani». Ricordo che suona come un monito ai compatrioti, affinché salvaguardino la libertà: di fatto, il viaggio in Italia consente a Milton di definirsi come inglese e come esponente di una «nazione filosofica». Montaigne, che viaggia a cavallo accompagnato da una dozzina di persone (il fratello, il cognato, due amici e vari domestici), cerca invece di conservare l incognito in modo da non «rendersi rimarchevole per qualche atteggiamento nemico del gusto di coloro che lo vedevano». Vuole insomma passare inosservato, ma per meglio osservare e agevolare il contatto con la gente: con artigiani, gentiluomini, eruditi italiani, polacchi, francesi, con medici e poeti (si sa che rese visita a Torquato Tasso prigioniero a, ma non se ne trova menzione nel Journal de voyage, bensì nell Apologie de Raymond Sébond). Soprattutto, Montaigne vuole «provare del tutto la diversità dei costumi e dei modi», adattandosi di volta in volta alla cucina del luogo e agli usi domestici. Così anche Goethe, che viaggia sotto il falso nome di Filippo Miller, spacciandosi per pittore e vivendo come un italiano. Durante la visita del santuario di Santa Rosalia sul monte Pellegrino, presso Palermo, un monaco lo prenderà per un genovese. L amico Johann Gottfried Herder si stizzirà di questo mimetismo, temendo che nascondesse un vero e proprio mutamento identitario. E infatti nel corso dei due anni vissuti in Italia Goethe rinacque italiano, malgrado avesse inizialmente sentenziato che gli abitanti della penisola «stanno troppo discosti da noi»: «uomini di natura che sotto lo splendore e la dignità della religione e delle arti non sono affatto diversi da come sarebbero nelle caverne e nelle foreste». Giunto a, forse alludendo agli ozi trascorsi a Capua da An-

5 720 L età di [Lione] Torino Siena Gaeta Figura 4. François-René de Chateaubriand (maggio gennaio 1804). nibale, confessa di essersi dimenticato di se stesso, e di riconoscersi a malapena: gli sembra «di essere un uomo completamente diverso». Nel giro di qualche mese, Goethe s è completamente assimilato. A non frequenta soltanto gli esponenti della colonia tedesca, ma anche scrittori e intellettuali italiani, come Vincenzo Monti. Il 4 gennaio 1787 viene ammesso nell Accademia degli Arcadi col nome di Megalio Melpomenio. A incontra il giurista Gaetano Filangieri, il quale gli consiglia di leggere gli scritti di Giambattista Vico. Come e cosa guardare? Ne L Italie en 1818, Stendhal propone di distinguere coloro che s interessano ai costumi (mœurs), ovvero ai «pregiudizi» e alle «diverse maniere di cercare la felicità di un popolo», da coloro che vedono soltanto i muri (murs). Acutamente il romanziere francese individua così i due tipi fondamentali di viaggiatori in Italia, due tipi che sembrano coesistere piuttosto che avvicendarsi nel corso dei secoli: da un lato gli esponenti del viaggio scientifico, i quali palesano un attenzione antropologica per la popolazione (atteggiamento che si accentua durante l illuminismo); dall altro gli esponenti del viaggio di formazione culturale ed estetica, per i quali la penisola è prevalentemente un museo a cielo aperto. Stendhal non assegna all osservazione del paesaggio una valenza differenziale, e i testi gli danno ragione, benché la sensibilità per la natura si fosse acuita, estetizzandosi, nel corso del Settecento. Fra i primi Stendhal colloca soltanto Charles de Brosses, ma avrebbe potuto aggiungere alla lista per lo meno Montaigne e Montesquieu. In effetti, pur ammirando la facciata della Certosa di Pavia, i parchi di Pratolino e della villa di Castello, o i paesaggi dell Umbria, Montaigne osserva con insaziabile curiosità costumi e istituzioni politiche, considerando l Italia alla stregua di un libro di storia e di un laboratorio po-

6 Il Grand Tour da Montaigne a Heine 721 litico. Fedele al compianto amico Étienne de La Boétie, per il quale i veneziani incarnavano «l ideale delle libertà politiche», Montaigne vuole vedere a tutti i costi. E, al ritorno, conferma l ipotesi dell amico: «aveva ragione». Similmente Montesquieu concepisce il suo iter come un viaggio di studio sul campo: giunge a da Graz, nell Impero asburgico, il 14 settembre del 1728, e da lì deviando verso occidente attraversa l Italia settentrionale fino a Torino, quindi si ricongiunge con la via maestra dei viaggiatori francesi transitando da Genova (da dove fa una puntata in feluca a Savona, Vado, Spotorno, Noli e Finale), per proseguire alla volta di Livorno e (fig. 3). Come ebbe a dire d Alembert nell Éloge de M. le Président de Montesquieu pubblicato nell Encyclopédie, l autore dell Esprit des Lois intraprese i suoi viaggi con l intenzione di nutrire le proprie opere di storico e teorico delle istituzioni: «Il suo obiettivo era di esaminare dappertutto il fisico e il morale, di studiare le Leggi e la costituzione di ogni paese, di visitare i Sapienti, gli Scrittori, gli Artisti celebri». E infatti gli appunti italiani di Montesquieu pullulano di meticolose e penetranti notazioni di sociologia, di topografia e di geografia, di geologia, di climatologia e di idrometria, di diritto costituzionale e di storia politica. A osserva che gli stranieri non sono ammessi nei «cazins» nei quali i veneziani incontrano le loro dame; sempre a discetta sui modesti emolumenti riservati al doge e sulla limitatezza dei suoi poteri. A Torino si stupisce, viceversa, dell ampiezza delle prerogative che il sovrano s è arrogate a danno della nobiltà, nonché dei suoi interventi sul mercato agricolo, a profitto dei propri interessi economici e imprenditoriali. A Genova constata che «tutti i nobili sono dei veri mercadans» gelosi delle loro immense ricchezze, tant è vero che negli sfarzosi palazzi sovente alloggia «una sola serva che fila». Come a Montaigne e a Milton, preme a Montesquieu incontrare studiosi e filosofi: Antonio Conti a, Bernardo Lama a Torino, Ludovico Antonio Muratori a Modena, Scipione Maffei a Verona. Gli preme anche ricorda ancora d Alembert studiare i capolavori della pittura italiana, allo stesso modo in cui studiava la natura. Ammira sì la «grande maniera» del Giudizio universale di Michelangelo e la «fusione dei colori» nel Correggio, ma il pittore che più gli è congeniale è Giulio no: negli affreschi del Palazzo Te a Mantova, «tutto è così ben ordinato che non c è nulla di confuso. L occhio vede tutto e tutto d un colpo». Esattamente come nei libri di Montesquieu. Del secondo tipo di viaggiatori Stendhal si limita a tracciare l identikit, senza far nomi. Avrebbe potuto citare i grandi viaggiatori inglesi fra Sei e Settecento: John Evelyn, Richard Lassels o Joseph Addison. Non c è dubbio tuttavia che intendesse celiare Chateaubriand, il cui Itinéraire de Paris à Jérusalem (1811) abbondava in descrizioni di rovine greche. Stendhal aveva certo presenti anche le lettere scritte a Louis de Fontanes e a Joseph Joubert da e durante la missione diplomatica del (fig. 4), uscite sul «Mercure de France» nel 1806 e destinate a essere raccolte in volume soltanto nel 1827, nell ambito dell edizione delle Œuvres complètes: testi nei quali Chateaubriand, indulgendo a una bozzettistica neoclassica di maniera, compone preziosi idilli e landscapes che sembrano (per prendere a prestito un celebre motto di Cézanne) «rifare Poussin sulla natura». L altro bersaglio era probabilmente Goethe, di cui Stendhal conosceva il Viaggio in Italia, ma di seconda mano: giudizio che appare peraltro, alla luce di quanto sinora esposto, alquanto parziale. Coglie tuttavia l altra dimensione della Italienische Reise, quella per cui il libro goethiano divenne il breviario della Italiensehnsucht tedesca. Infatti, se Goethe dedica alle mœurs degli italiani (e segnatamente dei romani) celebri pagine, è attraverso la rabdomantica lettura dei muri, ma anche delle pietre e della flora, che rieduca progressivamente il proprio sguardo per affondarlo nell essere, seguendo un itinerario che dal fisico conduce al metafisico: dal singolo fenomeno alla legge, dal presente contingente all origine. Genio tutto occhi, e memore dell insegnamento di Winckelmann, Goethe concepisce il viaggio in Italia come un «alta scuola» della vista: in Italia tutto è da vedere perché vi si vede il tutto, in una sorta di panopticum che minaccia di stordire il malcapitato viaggiatore. Di fronte al sovraccarico di stimoli esterni, bisogna disimparare tutto per poi riapprendere tutto, operando una vera e propria conversione epistemologica. Solo a questo patto si può sostenere la luce che irradia dalle tele di Tiziano, e la visione gigantesca di Michelangelo. Grazie alle nuove potenzialità acquisite dalla vista, il poeta può puntare uno sguardo ai raggi X sulla Città Eterna, per «sviscerare l antica dalla nuova»: «voglio vedere la immutabile, non la che trapassa con ogni secolo». Ad aiutarlo saranno le letture dei classici latini e greci, rinnovate sul posto. Goethe sembra, in questo, reiterare un luogo comune della letteratura di viaggio in Italia, attestato da Richard Lassels e Joseph Addison. Ma contrariamente ai suoi predecessori, il poeta tedesco non rilegge Tacito in loco per capirlo, bensì per ri-conoscerlo, come attraverso un anamnesi platonica: «inizia una nuova vita quando si vede con gli occhi il tutto che in parte si conosce nel più profondo intimo». Il contenuto di verità, anzi l intero patrimonio di senso della tradizione classica, risulta così restaurato e presentificato. Grazie a questa operazione gnoseologica, Goethe guarisce dalla «malattia» di cui soffriva in Germania e riesce al contempo a sanare nella ricostruzione retrospettiva della scrittura la frattura della civiltà europea diagnosticata da Friedrich Schiller nel saggio Über naive und sentimentalische Dichtung (Sulla poesia ingenua e sentimentale, 1795). Un operazione che culmina in Sicilia, dove Goethe scopre la natura intatta dei poemi omerici, ovvero la Natura. Esaminando campioni mineralogici presso il monte Pellegrino, e trascurando i ragguagli storici della guida che lo accompagna, il poeta tedesco riesce a «farsi un idea delle vette eternamente classiche dell antichità della terra». «Non esiste miglior commento all Odissea»: in presenza degli arcaici paesaggi siciliani, e anzi avendone presente per sempre nell ani-

7 [Monaco di Baviera] Innsbruck [Coira] Brennero Vipiteno Spluga Bolzano Como Torbole Malcesine Verona Trento Rovereto Vicenza Parma Modena Cento Foligno Perugia Assisi Spoleto Terni Civita Castellana Velletri Gaeta Capua Salerno Paestum Messina Segesta Palermo Alcamo Taormina Castelvetrano Catania Sciacca Caltanissetta Agrigento Figura 5. Johann Wolfgang Goethe (3 settembre giugno 1788).

8 [Zurigo] Graz [Vienna] Trieste Piacenza Parma Modena Siena Forlì Rimini Fano Sinigallia Ancona Loreto Macerata Foligno Spoleto Terni Messina Palermo Catania Agrigento Licata Gela Ragusa Siracusa Figura 6. Johann Gottfried Seume (6 dicembre agosto 1802).

9 724 L età di [Vienna] Bolzano Trento Torino Pavia Genova Brescia Verona Mantova Parma Modena Vicenza Cento Livorno Pisa Loreto Bastia CORSICA Figura 7. Gotthold Ephraim Lessing (aprile-dicembre 1775). ma ogni singolo rilievo, la parola di Omero gli diventa «una parola viva». Non sfuggirà il singolare paradosso della posizione di Goethe nell ambito della letteratura di viaggio in Italia: è tra i primi, dopo Johann Hermann von Riedesel (1766) e Patrick Brydone (1770), ad avventurarsi oltre Paestum e lo stretto di Messina, ma la sua Sicilia è quella di Ulisse (fig. 5). Novello Ulisse, in un giardino nei pressi della rada di Palermo si sente trasportato sull isola dei Feaci. Per assistere alla scoperta della Sicilia e dell Italia reale bisogna aprire lo Spaziergang nach Syrakus im Jahre 1802 (1803) dell illuminista plebeo Johann Gottfried Seume, primo viaggio risolutamente rivolto all osservazione, spesso disincantata, della società civile e del territorio, e in questo senso come ebbe a dire una studiosa vero e proprio «controviaggio» in Italia (fig. 6). Come rendere testimonianza del Grand Tour? Scrivendo testi sperimentali, che segnano spesso una svolta nell opera di ciascun autore, perché elaborano un nuovo modo, intentato, di fare letteratura di viaggio (non a caso resteranno a lungo inediti i diari di viaggio di Montaigne e di Montesquieu). Montaigne scrive il suo Journal allo stesso modo in cui viaggia: moltiplicando le digressioni, tornando sui propri passi e completando o correggendo, a distanza di pagine, notazioni incomplete o rivelatesi errate. Ma forse era il viaggio stesso a ricalcare il ritmo della scrittura saggistica già sperimentata nella prima edizione degli Essais (1580): il segretario di Montaigne, che redige la prima parte del diario, racconta che «quando ci si lamentava con lui che guidasse la truppa per vie e contrade diverse, ritornando spesso in prossimità del luogo da cui era partito (ciò che faceva ora avendo notizia di qualche cosa degna d esser vista, ora cambiando parere a seconda delle occasioni), rispondeva che, in quanto a lui, non andava in altro luogo se non in quello in cui si trovava, e che non poteva fallire né torcere il cammino, non avendo altro progetto se non quello di andare a zonzo attraverso luoghi sconosciuti». Si-

10 Il Grand Tour da Montaigne a Heine 725 [Monaco di Baviera] Innsbruck Bergamo Pavia Marengo Genova Bolzano Trento Brescia Verona Livorno Pietrasanta Lucca Figura 8. Heinrich Heine (luglio-dicembre 1828). milmente, nel diario di Montesquieu frequenti sono i ripensamenti e le aggiunte inserite fuori contesto: nel capitolo su Pisa, lo scrittore certo giocando sull iperetimologia riferisce di aver assistito in quel di Savona alla fabbricazione del sapone (savon); un appunto stravagante su Genova è intercalato nel capitolo su. Ma l adeguazione della scrittura all esperienza del viaggio investe la lingua stessa. Goethe osserva che di fronte alla straripante ricchezza delle impressioni bisognerebbe scrivere «con mille stili» (ossia con mille penne). Ad altri non basta una sola lingua. Montaigne, che dal soggiorno romano in poi si fa carico in prima persona della stesura del diario, adotta improvvisamente l italiano durante il primo soggiorno ai Bagni di Villa presso Lucca, nel maggio del 1581; tornerà al francese solo nel novembre dello stesso anno, varcando il Moncenisio. Lo stesso metodo che orienta il viaggio il saggiare e il saggiarsi regge l uso della lingua straniera: «Assaggiamo di parlar un poco questa altra lingua massime essendo in queste contrade dove mi pare sentire il più perfetto favellare della Toscana». Anche Montesquieu, in misura minore e saltuaria, oscilla tra il francese e l italiano, ad esempio nelle pagine dedicate alla gestione della spesa pubblica a Lucca, citando le sue fonti direttamente in italiano, senza tradurle, e usando poi l italiano al posto del francese: «Habbiamo visto due gallerie di quadri. La [sic] del signor Alessandro Bonvisi, nobile famiglia di questa città». Un altro esempio viene dal diario di viaggio di Gotthold Ephraim Lessing da Vienna a (aprile-dicembre 1775; fig. 7), nel quale costante è l andirivieni fra il tedesco e un italiano impiegato per lo più per l innesto di citazioni e di frammenti di parlato. La fine del Settecento registra dunque il momento di massima simbiosi tra l intellighenzia europea d Antico Regime e l Italia intesa e presa nella sua complessa realtà politica, sociale, economica, culturale, linguistica. Nell Ottocento dopo Napoleone e dopo il Congresso di Vienna l Italia non sarà più il locus amoenus nel cui alveo un ceto vario ma ristretto di nobili e di ricchi borghesi percorreva le tappe di un itinerario iniziatico, obbedendo a una spinta interiore: al richiamo dell arte, dell archeologia, della musica, della natura. Il viaggio moderno, organizzato o meno, si qualifica ormai come viaggio d evasione, di vacanza, orientato verso mete circoscritte e avulse da un più ampio contesto culturale. Nell estate del 1828 Heinrich Heine si fermerà come Montaigne ai Bagni di Lucca, dopo avere attraversato la pianura padana in una diligenza «accuratamente chiusa da ogni parte» per riparare i viaggiatori dal polverone delle strade lombarde, negando così al poeta la vista del paesaggio italiano evocato dall incantatorio Lied di Mignon nel Wilhelm Meister di Goethe: «Conosci tu il paese dove fioriscono i limoni?» Il Giro di Heine toccherà quindi,,, e, ma di queste tappe il diario nulla dice (fig. 8). Finisce così, sardonicamente, la tradizione del Grand Tour, prima di essere volgarizzata e commercializzata, ormai nel Novecento, dai tour operator di mezzo pianeta. edoardo costadura

11 726 L età di j. milton, The Reason of Church Government against Prelacy ( ), Areopagitica (1644) e Pro Populo Anglicano Defensio secunda (1654), ora in id., Complete Prose Works of John Milton, a cura di D. M. Wolfe, Yale University Press - Oxford University Press, New Haven Conn. - London (vol. I, p. 809; II, pp ; IV/1, pp ); m. de montaigne, Journal de voyage (1774), a cura di F. Rigolot, Presses universitaires de France, Paris 1992 (ed. it. Viaggio in Italia, trad. di A. Cento, prefazione di G. Piovene (1958), Laterza, -Bari 1991); j. g. seume, Spaziergang nach Syrakus im Jahre 1802 (1803), cura e commento di A. Meier in collaborazione con A. Syndikus e M. Sedlmeier, Deutscher Taschenbuch-Verlag, München 1994, 1ª ed (ed. it. L Italia a piedi: 1802, a cura di A. gnoli, Longanesi, 1973); j. w. goethe, Italienische Reise ( ), in Sämtliche Werke nach Epochen seines Schaffens. Münchner Ausgabe, a cura di K. Richter in collaborazione con H. G. Göpfert, Hanser, München , vol. XV a cura di A. Beyer (1992) (ed. it. Viaggio in Italia, commento di H. von Einem adattato da E. Castellani, prefazione di R. Fertonani, Mondadori, 2007); f.-r. de chateaubriand, Voyage en Italie (1827), in id., Voyage en Amérique. Voyage en Italie. Cinq jours à Clermont. Le Mont-blanc, ed. diretta da B. Didier, a cura di H. Rossi e Ph. Antoine (Œuvres complètes, voll. VI-VII), Champion, Paris 2008 (ed. it. Viaggio in Italia, a cura di P. Tucci, Carocci, 2010); h. heine, Reisebilder, III (Reise von München nach Genua - Die Bäder von Lucca) (1829), in Säkularausgabe. Werke, Briefwechsel, Lebenszeugnisse, a cura della Stiftung Weimarer Klassik (Weimar) e del Centre National de la Recherche Scientifique (Paris), Akademie-Verlag, Berlin 1970 sgg., voll. XIV-XV a cura di C. David (1989) (ed. it. Impressioni di viaggio, a cura di F. Masini e V. Perretta, Istituto Geografico De Agostini, Novara 1972); ch. de montesquieu, Voyage de Gratz à la Haye: Italie (1894), in id., Œuvres complètes, a cura di R. Caillois, Gallimard, Paris 1949, vol. I, pp (ed. it. Viaggio in Italia, a cura di G. Macchia e M. Colesanti, Laterza, -Bari 2008, 1ª ed. 1971); stendhal, L Italie en 1818 (1933), in Voyages en Italie, a cura di V. Del Litto, Gallimard, Paris 1973, pp ; f. venturi, L Italia fuori d Italia, in Storia d Italia, a cura di R. no e C. Vivanti, vol. III, Dal primo Settecento all Unità, Einaudi, Torino 1973, pp ; c. de seta, L Italia nello specchio del «Grand Tour», in Storia d Italia. Annali, vol. V, Il paesaggio, a cura di C. De Seta, Einaudi, Torino 1982, pp (ora L Italia del Grand Tour. Da Montaigne a Goethe (1992), Electa, 2001); w. hädecke, Heinrich Heine. Eine Biographie, Hanser, München-Wien 1985; a. brilli, Il viaggio in Italia. Storia di una grande tradizione culturale dal xvi al xix secolo (1987), Silvana Editoriale, 1989 (ora Il viaggio in Italia. Storia di una grande tradizione culturale (2006), il Mulino, 2008); e. haufe (a cura di), Deutsche Briefe aus Italien. Von Winckelmann bis Gregorovius, Beck, München 1987; a. meier, Ein unsäglich schönes Land. Goethes «Italienische Reise» und der Mythos Siziliens. Un paese indicibilmente bello. Il «Viaggio in Italia» di Goethe e il mito della Sicilia, Sellerio, Palermo 1987; y. hersant, Italies. Anthologie des voyageurs français aux xviii e et xix e siècles (1988), Laffont, Paris 1996; aa.vv., Montaigne e l Italia, Slatkine, Genève 1991; l. ritter santini, Da Vienna a in carrozza. Il viaggio di Lessing in Italia, Istituto Italiano per gli Studi Filosofici - Herzog August Bibliothek Wolfenbüttel, -Hannover 1991; ph. antoine, Les récits de voyage de Chateaubriand: contribution à l étude d un genre, Champion, Paris 1997; l. desgraves, Chronologie critique de la vie et des œuvres de Montesquieu, Champion, Paris 1998; g. von wilpert, Goethe-Lexikon, Kröner, Stuttgart 1998; c. de seta (a cura di), Grand tour: viaggi narrati e dipinti, Electa, 2001; g. marcenaro e p. boragina, Viaggio in Italia: un corteo magico dal Cinquecento al Novecento, Electa, 2001; n. miller, Der Wanderer. Goethe in Italien, Hanser, München 2002; j. black, Italy and the Grand Tour, Yale University Press, New Haven Conn. 2003; a. himy, John Milton ( ), Fayard, Paris 2003; l. sciascia, L adorabile Stendhal, a cura di M. Andronico Sciascia, Adelphi, 2003; r. babel e w. paravicini (a cura di), Grand Tour: adeliges Reisen und europäische Kultur vom 14. bis zum 18. Jahrhundert, Thorbecke, Ostfildern 2005; g. bertrand, Le Grand Tour revisité. Pour une archéologie du tourisme: le voyage des Français en Italie, milieu xviii e - début xix e siècle, École française de Rome, 2008; v. magrelli, Magica e velenosa. nel racconto degli scrittori stranieri, Laterza, -Bari 2010; (sito della Biblioteca Nazionale di dedicato ai viaggiatori inglesi e francesi in Toscana, secc. xvii-xix).

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ITALIA POPOLAZIONE Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 11 A. Le idee importanti l L Italia è uno Stato con 20 regioni e 103 province l In Italia ci sono molte città. Le

Dettagli

AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco

AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco http://www.agimeg.it/?p=2768 AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco Giochi 2012, Milano la provincia dove si è giocato di più. In sole 4 province finisce il 25% delle giocate Sul podio anche

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

MILANO AGOAL CONCOREZZO SOMMA LOMBARDO

MILANO AGOAL CONCOREZZO SOMMA LOMBARDO viaggi brevi... I CORTI Un emozione vive lo spazio di un momento, ma il suo ricordo accompagna colui che lo vive per sempre Scoprite questi preziosi cammei ricchi di emozioni da vivere, che racchiudono

Dettagli

-5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano.

-5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano. -5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano., 43 anni, 27 ore di lavoro a settimana per un totale di 35 dichiarate con

Dettagli

CASE DI LUSSO AL TOP A FIRENZE E GENOVA

CASE DI LUSSO AL TOP A FIRENZE E GENOVA CASE DI LUSSO AL TOP A FIRENZE E GENOVA Degli oltre 74.400 immobili di lusso presenti in Italia che garantiscono alle casse dei Comuni poco più di 91 milioni di euro all anno di Imu, Firenze e Genova sono

Dettagli

UNIVERSITÀ G. d ANNUNZIO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Dipartimento di Studi Filosofici, Storici e Sociali - Laboratorio di Geografia

UNIVERSITÀ G. d ANNUNZIO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Dipartimento di Studi Filosofici, Storici e Sociali - Laboratorio di Geografia 1 UNIVERSITÀ G. d ANNUNZIO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Dipartimento di Studi Filosofici, Storici e Sociali - Laboratorio di Geografia Gerardo Massimi Le attività d interesse per il turismo

Dettagli

Persone alloggiate presso strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero

Persone alloggiate presso strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero Cod. ISTAT INT 00066 Settore di interesse: Industria, costruzioni e servizi: statistiche settoriali Persone alloggiate presso strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero Titolare: Dipartimento

Dettagli

UFFICI DIREZIONE GENERALE

UFFICI DIREZIONE GENERALE OPERAZIONE TRASPARENZA (LEGGE 18 GIUGNO 2009, N. 69) DATI RELATIVI AI TASSI DI ASSENZA E PRESENZA DEL PERSONALE Maggio 2011 Assenze (Ore) 37.475,60 Area Assenze (Ore) ABRUZZO CASA SOGGIORNO PESCARA 252,10

Dettagli

RISTORANTI ETNICI. Quanti sono e dove sono?

RISTORANTI ETNICI. Quanti sono e dove sono? L INFLUSSO DELLA CUCINA ETNICA SULLE ABITUDINI ALIMENTARI DEGLI ITALIANI L integrazione alimentare coinvolge di più i giovani e i residenti al Nord e al Centro A Milano, Prato e Trieste la maggiore presenza

Dettagli

Geocultura e geopolitica del Mediterraneo. Il Mare Nostrum nell'epoca dell'americanizzazione del mondo.

Geocultura e geopolitica del Mediterraneo. Il Mare Nostrum nell'epoca dell'americanizzazione del mondo. Geocultura e geopolitica del Mediterraneo. Il Mare Nostrum nell'epoca dell'americanizzazione del mondo. Mirko Bradley Geocultura e geopolitica del Mediterraneo. Il Mare Nostrum nell'epoca dell'americanizzazione

Dettagli

TOUR CON L ARCHEOLOGA IL BAROCCO DI ROMA

TOUR CON L ARCHEOLOGA IL BAROCCO DI ROMA IL BAROCCO DI ROMA L arte della meraviglia e del movimento. Una passeggiata nel centro della città a vedere e fotografare piazze, chiese, fontane e statue del Seicento. Il giro include alcuni capolavori

Dettagli

Numero di Banche in Italia

Numero di Banche in Italia TIDONA COMUNICAZIONE Analisi statistica Anni di riferimento: 2000-2012 Tidona Comunicazione Srl - Via Cesare Battisti, 1-20122 Milano Tel.: 02.7628.0502 - Fax: 02.700.525.125 - Tidonacomunicazione.com

Dettagli

Nuovi pensieri e ricordi. Forse aforismi

Nuovi pensieri e ricordi. Forse aforismi Nuovi pensieri e ricordi Forse aforismi Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Mauro Baldassini NUOVI PENSIERI E RICORDI

Dettagli

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso Chieti L'Aquila Pescara Teramo Matera Potenza Catanzaro Cosenza Crotone 3 7 3 5 6 4 5 7 6 A03 CHIMICA E TECNOLOGIE CHIMICHE A06 COSTRUZIONI E TECNICO A07 DISCIPLINE ECONOMICO-AZIENDALI 3 A09 DISCIPLINE

Dettagli

Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 2011

Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 2011 GRAFICI STATISTICI Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 211 RAMI VITA - Premi lordi contabilizzati per ramo di attività e per tipologia di premio: 73.869 milioni di euro Malattia,

Dettagli

Regione sede cod. ICCD ente sigla. Veneto Venezia 205 Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici del Veneto DR

Regione sede cod. ICCD ente sigla. Veneto Venezia 205 Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici del Veneto DR Piemonte Torino 201 Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici del Piemonte Torino 64 Soprintendenza per i beni archeologici del Piemonte SBA Torino 66 Torino 67 Soprintendenza per i beni

Dettagli

Mailing List FEDERAZIONE NAZIONALE DEI MAESTRI DEL LAVORO D ITALIA. MAILING LIST (Agenda Indirizzi di Posta Elettronica aggiornata al 1 giugno 2013)

Mailing List FEDERAZIONE NAZIONALE DEI MAESTRI DEL LAVORO D ITALIA. MAILING LIST (Agenda Indirizzi di Posta Elettronica aggiornata al 1 giugno 2013) Mailing List FEDERAZIONE NAZIONALE DEI MAESTRI DEL LAVORO D ITALIA MAILING LIST (Agenda Indirizzi di Posta Elettronica aggiornata al 1 giugno 2013) Consolati Regionali Consolati Provinciali Indirizzo Posta

Dettagli

L età comunale può essere suddivisa in due periodi: inizi del Trecento); 1378 circa).

L età comunale può essere suddivisa in due periodi: inizi del Trecento); 1378 circa). L età comunale può essere suddivisa in due periodi: 1. periodod affermazione daffermazione(da metà XII secolo agli inizi del Trecento); 2. periodo di crisi (dai primi decenni del Trecento al 1378 circa).

Dettagli

Elenco distretti relativi all'anagrafe delle scuole 2009-2010

Elenco distretti relativi all'anagrafe delle scuole 2009-2010 Abruzzo Chieti DISTRETTO 009 Abruzzo Chieti DISTRETTO 010 Abruzzo Chieti DISTRETTO 011 Abruzzo Chieti DISTRETTO 015 Chieti Conteggio 4 Abruzzo L'Aquila DISTRETTO 001 Abruzzo L'Aquila DISTRETTO 002 Abruzzo

Dettagli

6 mesi dall'entrata in vigore del presente regolamento

6 mesi dall'entrata in vigore del presente regolamento Allegato 1 Data limite entro cui la Provincia, in assenza del Comune capoluogo di provincia, convoca i Comuni dell ambito per la scelta della stazione appaltante e da cui decorre il tempo per un eventuale

Dettagli

L IMMAGINE DELLE CITTÀ

L IMMAGINE DELLE CITTÀ L IMMAGINE DELLE CITTÀ La Provincia di Ancona tra vedutismo e cartografia a cura di Fabio Mariano Provincia di Ancona il lavoro editoriale L assetto di un territorio e lo sviluppo delle città non vengono

Dettagli

Ufficio Città Totali Distretto

Ufficio Città Totali Distretto Ufficio Città Totali Distretto Procura della Repubblica Termini Imerese 296 Palermo Procura della Repubblica Sciacca 254 Palermo Ufficio di Sorveglianza Trapani 108 Palermo P.G. della Rep. presso Corte

Dettagli

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute ABRUZZO Case di cura / Ospedali / Day-Surgery CHIETI e provincia L'AQUILA e provincia PESCARA e provincia Centri diagnostici /Poliambulatori/Studi

Dettagli

IMU: PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI

IMU: PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI : PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI. ABITAZIONE PRINCIPALE DA 33 A 133 MEDI EURO L ANNO. SECONDE CASE SCONTI IN 59 CITTA PER I REDDITI MEDIO

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali Direzione Generale per gli Studi, la Statistica

Dettagli

SCHEDA DI ADESIONE AL PROGETTO LINGUE 2000 ANNO SCOLASTICO 2000/2001 (da inviare al Provveditorato entro il 30/09/2000)

SCHEDA DI ADESIONE AL PROGETTO LINGUE 2000 ANNO SCOLASTICO 2000/2001 (da inviare al Provveditorato entro il 30/09/2000) Lettera circolare n 195/2000 Allegato 1/1 SCHEDA DI ADESIONE AL PROGETTO LINGUE 2000 ANNO SCOLASTICO 2000/2001 (da inviare al Provveditorato entro il 30/09/2000) 1. DATI GENERALI DELLA SCUOLA DATI ANAGRAFICI

Dettagli

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO -

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO Previnet è in grado di mettere a disposizione dei propri clienti un network

Dettagli

La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo.

La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo. La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo. La parola BIBBIA deriva da una parola greca (biblia) che vuol dire I LIBRI. Possiamo dire, infatti che la Bibbia è una BIBLIOTECA perché raccoglie 73 libri.

Dettagli

CRONOLOGIA DEI CONGRESSI NAZIONALI DELLA F.U.C.I. DAL 1920

CRONOLOGIA DEI CONGRESSI NAZIONALI DELLA F.U.C.I. DAL 1920 CRONOLOGIA DEI CONGRESSI NAZIONALI DELLA F.U.C.I. DAL 1920 Nota: i titoli dei congressi fino al 1967 riportano i titoli delle principali relazioni svolte 1920 Trento 12 Congresso Nazionale della F.U.C.I.

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014) Il monitoraggio di Unioncamere sui Contratti di rete, su dati Infocamere, mette in luce che al 31 dicembre

Dettagli

Numero eventi di malattia per classe di durata dell'evento in giorni e settore - Anni 2012 e 2013

Numero eventi di malattia per classe di durata dell'evento in giorni e settore - Anni 2012 e 2013 Numero certificati di malattia per settore - Anni 2012 e 2013 2012 2013 Var. % 2012/2013 Settore privato 11.738.081 11.869.521 +1,1 Settore pubblico 5.476.865 5.983.404 +9,2 Totale 17.214.946 17.807.925

Dettagli

ITIN I E N RANDO D 2011

ITIN I E N RANDO D 2011 ITINERANDO 2011 ITINERARI DIEL TOURING CLUB ITALIANO guide tascabili ricchissime di immagini, fotografie, mappe e suggerimenti per le località italiane più affascinanti Roma fuoriporta Firenze fuoriporta

Dettagli

In collaborazione con UN ESPERIENZA UNICA

In collaborazione con UN ESPERIENZA UNICA In collaborazione con UN ESPERIENZA UNICA Cofanetti SCRINIUM SCRINIUM è una linea di cofanetti dedicata alle mete dello Spirito in Italia e nel Mondo che dona alle persone la possibilità di vivere esperienze

Dettagli

Le frasi sono state mescolate

Le frasi sono state mescolate Roma o Venezia? 1 Questo percorso ti aiuterà a capire che cosa sia e come si costruisca un testo argomentativo Nella prossima pagina troverai un testo in cui ad ogni frase corrisponde un diverso colore.

Dettagli

anno 2015 Le visite sono riservate ai soli iscritti

anno 2015 Le visite sono riservate ai soli iscritti PROGRAMMA CULTURALE anno 2015 Le visite sono riservate ai soli iscritti Per prenotazioni: tel. 055 4472435-4472450 dal lunedi al venerdi dalle ore 10:00 alle ore 12:00 spisesto@firenze.tosc.cgil.it La

Dettagli

Viaggio in Germania 2-6 giugno 2005

Viaggio in Germania 2-6 giugno 2005 Viaggio in Germania 2-6 giugno 2005 Alla Wartburg presso Eisenach: alla gara dei Minnesänger sulle orme di Lutero e della Riforma. nella patria di J. S. Bach nella fucina della nuova nazione tedesca A

Dettagli

UNIVERSITÀ PER STRANIERI PERUGIA CELI 3 CERTIFICATO DI CONOSCENZA DELLA LINGUA ITALIANA LIVELLO 3 PROVA DI COMPETENZA LINGUISTICA.

UNIVERSITÀ PER STRANIERI PERUGIA CELI 3 CERTIFICATO DI CONOSCENZA DELLA LINGUA ITALIANA LIVELLO 3 PROVA DI COMPETENZA LINGUISTICA. CELI 3 2 fascicolo UNIVERSITÀ PER STRANIERI PERUGIA CELI 3 CERTIFICATO DI CONOSCENZA DELLA LINGUA ITALIANA LIVELLO 3 PROVA DI COMPETENZA LINGUISTICA (Punteggio della prova: 20 punti) Tempo: 45 minuti Cognome

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

AMBITI del 1 RAGGRUPPAMENTO dell'all. 1 DM 226/2011

AMBITI del 1 RAGGRUPPAMENTO dell'all. 1 DM 226/2011 Tabella riportante per ciascun ambito le date aggiornate per l intervento sostitutivo della Regione di cui all'articolo 3 del, in caso di mancato avvio della gara da parte dei Comuni, in seguito a DL n.69/2013

Dettagli

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Docente: Prof.ssa Mariotti Maria Adele Libri di testo adottati

Dettagli

Indicatori di domanda e offerta in materia civile dei Tribunali italiani (per circondario). Anno 2012 Sedi completamente rispondenti.

Indicatori di domanda e offerta in materia civile dei Tribunali italiani (per circondario). Anno 2012 Sedi completamente rispondenti. Ministero della Giustizia Direzione Generale di Statistica Indicatori di domanda e offerta in materia civile dei Tribunali italiani (per circondario). Anno 2012 Sedi completamente rispondenti. Circondario

Dettagli

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO e curricolo di Istituto TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA. L alunno/a conosce elementi significativi del passato del suo ambiente

Dettagli

Log-on 2.0. 120 Ordini professionali e associazioni di categoria pagano Europaconcorsi per offrire a tutti i loro iscritti i nostri servizi

Log-on 2.0. 120 Ordini professionali e associazioni di categoria pagano Europaconcorsi per offrire a tutti i loro iscritti i nostri servizi Log-on 2.0 Dal 1998 europaconcorsi.com è il sito internet di riferimento per gli architetti italiani. Da oltre 10 anni forniamo servizi d'informazione e comunicazione professionale ai maggiori Ordini professionali

Dettagli

IN ARRIVO LO SPAURACCHIO TASI: CON LA PRIMA RATA DI GIUGNO I COMUNI INCASSERANNO 2,3 MILIARDI DI EURO

IN ARRIVO LO SPAURACCHIO TASI: CON LA PRIMA RATA DI GIUGNO I COMUNI INCASSERANNO 2,3 MILIARDI DI EURO IN ARRIVO LO SPAURACCHIO TASI: CON LA PRIMA RATA DI GIUGNO I COMUNI INCASSERANNO 2,3 MILIARDI DI EURO Con la scadenza della prima rata della Tasi prevista per il prossimo 16 giugno, i Comuni incasseranno

Dettagli

«Io sono la via, la verità e la vita»

«Io sono la via, la verità e la vita» LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono la via, la verità e la vita» Gv 14,1-12 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,1-12) In quel tempo, Gesù disse ai

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I contratti di rete Il monitoraggio sui Contratti di rete di Unioncamere, su dati Infocamere, mette in

Dettagli

+5,7% l aumento degli imprenditori stranieri nell ultimo anno I numeri dell imprenditoria straniera.

+5,7% l aumento degli imprenditori stranieri nell ultimo anno I numeri dell imprenditoria straniera. +5,7% l aumento degli imprenditori stranieri nell ultimo anno La sempre maggiore presenza di imprese gestite da stranieri rappresenta un ostacolo per gli imprenditori italiani, ma il vero problema rimane

Dettagli

ALLEGATO 1 Ripartizione delle sale «Bingo» per provincia

ALLEGATO 1 Ripartizione delle sale «Bingo» per provincia Decreto Direttoriale 16 novembre 2000 Approvazione del piano di distribuzione territoriale delle sale destinate al gioco del Bingo. (G.U. 29 novembre 2000, n. 279, S.O.) Art. 1-1. È approvato l'allegato

Dettagli

A cura del Servizio politiche Territoriali della UIL TARIFFA RIFIUTI (TARI): IN 4 ANNI AUMENTI MEDI DEL 32,4% (3,3% TRA IL 2014 E 2015)

A cura del Servizio politiche Territoriali della UIL TARIFFA RIFIUTI (TARI): IN 4 ANNI AUMENTI MEDI DEL 32,4% (3,3% TRA IL 2014 E 2015) A cura del Servizio politiche Territoriali della UIL TARIFFA RIFIUTI (TARI): IN 4 ANNI AUMENTI MEDI DEL 32,4% (3,3% TRA IL 2014 E ) NEL IL COSTO MEDIO DELLA TARI E DI 296 EURO, CON UN AUMENTO DI 10 EURO

Dettagli

OGGETTO: Verbale di Accordo del 16 luglio 2009 - inserimenti sportelleria.

OGGETTO: Verbale di Accordo del 16 luglio 2009 - inserimenti sportelleria. Risorse Umane ed Organizzazione Relazioni Industriali Alle Segreterie Nazionali delle OO.SS. SLC-CGIL SLP-CISL UIL-POST FAILP-CISAL CONFSAL. COM.NI UGL-COM.NI Roma, 2 dicembre 2009 OGGETTO: Verbale di

Dettagli

PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE

PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE La Macchina del Tempo Il progetto ideato e realizzato da L Asino d Oro Associazione Culturale per le scuole primarie, dal titolo La Macchina del Tempo, si propone come uno strumento

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di 35.000 nomine per l'a.s. 2005/06. Personale docente ed educativo

Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di 35.000 nomine per l'a.s. 2005/06. Personale docente ed educativo Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del di 35.000 nomine per l'a.s. 2005/06. Personale doce ed educativo Provincia Scuola infanzia Scuola primaria Scuola secondari a di I grado Scuola

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Ricavare da fonti di tipo diverso informazioni e conoscenze su aspetti del passato. CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Individuazione delle parole del tempo (prima, dopo, poi, infine, mentre ). Individuazione

Dettagli

Indagine dell Osservatorio periodico sulla fiscalità locale IMU: IL 17 SETTEMBRE LA 2 RATA DELLA PRIMA CASA

Indagine dell Osservatorio periodico sulla fiscalità locale IMU: IL 17 SETTEMBRE LA 2 RATA DELLA PRIMA CASA Indaginedell Osservatorioperiodicosullafiscalitàlocale dellauilserviziopoliticheterritoriali IMU:IL17SETTEMBRELA2 RATADELLAPRIMACASA STANGATINAAUTUNNALEDA44EUROMEDICONPUNTEDI154EURO ADOGGI34CITTA CAPOLUOGOHANNOAUMENTATOL

Dettagli

AGRIGENTO Ass. Amministrativo 584 561 23 2 ALESSANDRIA Ass. Amministrativo 332 307 25 2 ANCONA Ass. Amministrativo 451 380 71 5 AREZZO Ass. Amministrativo 337 270 67 5 ASCOLI PICENO Ass. Amministrativo

Dettagli

Intervista telematica a Sonia Grineva

Intervista telematica a Sonia Grineva BTA Bollettino Telematico dell'arte ISSN 1127-4883 Fondato nel 1994 Plurisettimanale Reg. Trib. di Roma n. 300/2000 dell'11 Luglio 2000 1 Gennaio 2010, n. 549 http://www.bta.it/txt/a0/05/bta00549.html

Dettagli

I PARCHI D ITALIA REGIONE PER REGIONE

I PARCHI D ITALIA REGIONE PER REGIONE I PARCHI D ITALIA REGIONE PER REGIONE Piemonte Parchi in totale 87 Provincia di Torino 30 Provincia di Alessandria 5 Provincia di Asti 6 Provincia di Biella 6 Provincia di Cuneo Provincia di Novara Provincia

Dettagli

Imparare l inglese nell antica Roma

Imparare l inglese nell antica Roma PROGETTI CLIL PER LE SCUOLE SUPERIORI Imparare l inglese nell antica Roma Questo percorso di approfondimento storico ed archeologico vuole unire due aspetti importanti della formazione scolastica di uno

Dettagli

I percorsi di viaggio

I percorsi di viaggio I percorsi di viaggio L Italia ed il turismo internazionale nel 2005 Venezia 11 Aprile 2006 Paolo Sergardi Pragma Carla Natali TNS Infratest CONTESTO DI RIFERIMENTO Il contesto di analisi è costituito

Dettagli

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Una parola per te Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Prima edizione Fabbri Editori: aprile

Dettagli

Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni

Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni Luca Mori Questo articolo presenta i passaggi salienti di una conversazione tra bambini di quinta elementare sulla percezione dell opera d arte 1,

Dettagli

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010 La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la quarta annualità un indagine

Dettagli

COMPARTO AZIENDE MONOPOLI DI STATO RILEVAZIONE DELEGHE 31 DICEMBRE 2002

COMPARTO AZIENDE MONOPOLI DI STATO RILEVAZIONE DELEGHE 31 DICEMBRE 2002 COMPARTO AZIENDE MONOPOLI DI STATO RILEVAZIONE DELEGHE 31 DICEMBRE 2002 SCHEDA N. 1 - MONOPOLI DI STATO Amministrazione Comune Provincia n. dipendenti al 31.12.2002 n. deleghe al 31.12.2002 schede da compilare

Dettagli

GIUNTA REGIONE MARCHE

GIUNTA REGIONE MARCHE Come noto, Recanati è il paese natale di Giacomo Leopardi. Il suo centro caratteristico, gli itinerari culturali e artistici e la vicinanza con alcune delle più note località balneari della riviera Marchigiana,

Dettagli

Workshop PERSONE SENZA DIMORA

Workshop PERSONE SENZA DIMORA Workshop PERSONE SENZA DIMORA VERSO PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE E LAVORATIVA Palazzo Valentini - Roma - 29 Marzo 2011 1 VAI A LAVORARE 2 Fattori condizionanti Mercato del lavoro Regime di Welfare Tipologia

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

IL PAESAGGIO VENEZIANO tra vedut"mo, romantic"mo ed impression"mo. A cura $ Tarabo%i Jessica

IL PAESAGGIO VENEZIANO tra vedutmo, romanticmo ed impressionmo. A cura $ Tarabo%i Jessica IL PAESAGGIO VENEZIANO tra vedut"mo, romantic"mo ed impression"mo A cura $ Tarabo%i Jessica PRESENTAZIONE Il tema della mostra d arte è il paesaggio veneziano: uno dei paesaggi più suggestivi al mondo

Dettagli

La classifica finale. classifica finale ecosistema Urbano XXi edizione

La classifica finale. classifica finale ecosistema Urbano XXi edizione La classifica finale classifica finale ecosistema Urbano XXi edizione 1 Verbania 85,61% 36 Aosta 54,42% 71 Grosseto 45,88% 2 Belluno 74,49% 37 Bergamo 54,07% 72 Prato 45,51% 3 Bolzano 70,65% 38 Modena

Dettagli

assaggifigurepaesaggi

assaggifigurepaesaggi Giorgia Fiorio Franco Fontana Ferdinando Scianna assaggifigurepaesaggi Snam Rete Gas per il paesaggio italiano PassaggiFigurePaesaggi 2010 Snam Rete Gas www.snamretegas.it Tutti i diritti riservati. Ogni

Dettagli

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze SEZIONE DIDATTICA 2011 Schede

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

AMBITO ANTROPOLOGICO

AMBITO ANTROPOLOGICO ISTITUTO COMPRENSIVO AVIO - SCUOLA PRIMARIA DI AVIO - AMBITO ANTROPOLOGICO classe 5^ Insegnante: Paola Martinelli Anno scolastico 2013/2014 STORIA Competenze 1 e 2 al termine del 3 biennio (classe 5^ scuola

Dettagli

Fermo Potenza Firenze Prato Fonte: UIL Servizio Politiche Territoriali

Fermo Potenza Firenze Prato Fonte: UIL Servizio Politiche Territoriali LA MAPPA DELLE CITTA DOVE IL 16 OTTOBRE SI PAGHERA L ACCONTO TASI CITTA CITTA CITTA Agrigento Foggia Ragusa Alessandria Gorizia Ravenna Ascoli Piceno Grosseto Reggio Calabria Asti Imperia Rieti Avellino

Dettagli

Montale - poetica pag. 1

Montale - poetica pag. 1 pag. 1 Genova 1896 - Milano 1981 Premio nobel 1975 Percorso poetico lungo e complesso; vive in prima persona, da intellettuale, poeta, saggista, cittadino, tutti i movimenti letterari (ma anche avvenimenti

Dettagli

Espresso: il piacere di

Espresso: il piacere di Espresso: Cartine d Italia Proponiamo 6 possibili attività didattiche da fare in classe con le Cartine d Italia di Espresso, la Cartina delle bellezze d Italia in cui sono evidenziati monumenti, prodotti

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI SEDI ELETTORALI RSU DELL AUTOMOBILE CLUB d ITALIA

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI SEDI ELETTORALI RSU DELL AUTOMOBILE CLUB d ITALIA PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI SEDI ELETTORALI RSU DELL AUTOMOBILE CLUB d ITALIA Le Delegazioni dell Amministrazione e delle sottoscritte Organizzazioni Sindacali, riunitesi il giorno 19 settembre 2007

Dettagli

idealista, crescono i rendimenti nel settore immobiliare

idealista, crescono i rendimenti nel settore immobiliare idealista, crescono i rendimenti nel settore immobiliare Nello scenario peggiore tutti i prodotti immobiliari fruttano il doppio dei Btp a 10 anni (2%) In Italia l investimento in immobili è sempre più

Dettagli

ABRUZZO. Segretariato regionale del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo per l'abruzzo, con sede a L Aquila

ABRUZZO. Segretariato regionale del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo per l'abruzzo, con sede a L Aquila ABRUZZO Segretariato regionale del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo per l'abruzzo, con sede a L Aquila 2 Soprintendenza unica Archeologia, belle arti e paesaggio per la città

Dettagli

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia Isola di Ortigia Isola di Ortigia costituisce la parte più antica della città di Siracusa. Il suo nome deriva dal greco antico ortyx che significa quaglia. È il cuore della città, la prima ad essere abitata

Dettagli

A GENOVA I GIOVANI VIVONO MEGLIO

A GENOVA I GIOVANI VIVONO MEGLIO Tel. 0392807521 0392807511 Gli under 30 italiani e la qualità della vita per provincia A GENOVA I GIOVANI VIVONO MEGLIO Nel capoluogo ligure gli under 30 hanno più opportunità a livello lavorativo e più

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

Il NEOCLASSICISMO ha come personalità di spicco nell ambito letterario: In Ambito artistico:

Il NEOCLASSICISMO ha come personalità di spicco nell ambito letterario: In Ambito artistico: IN ITALIA: Il NEOCLASSICISMO ha come personalità di spicco nell ambito letterario: VINCENZO MONTI IPPOLITO PINDEMONTE UGO FOSCOLO In Ambito artistico: Lo scultore ANTONIO CANOVA GIOVAN BATTISTA PIRANESI

Dettagli

Le comunità straniere residenti in Italia 2002-2008

Le comunità straniere residenti in Italia 2002-2008 Università degli Studi G. d Annunzio Facoltà di Lingue e Letterature Straniere - Laboratorio di Geografia Gerardo Massimi Le comunità straniere residenti in Italia 2002-2008 Elaborazioni su dati di fonte

Dettagli

DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE

DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE Direzione Generale per la Motorizzazione Centro Elaborazione Dati Ufficio Statistiche ESITI

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

Istituto Comprensivo n.6 Verona a.s. 2013-2014 Scuola Secondaria di I Grado Fainelli

Istituto Comprensivo n.6 Verona a.s. 2013-2014 Scuola Secondaria di I Grado Fainelli Istituto Comprensivo n.6 Verona a.s. 2013-2014 Scuola Secondaria di I Grado Fainelli Unità d apprendimento Il viaggio: alla scoperta di sé e dell altro Comprende: schema di unità d apprendimento scheda

Dettagli

MERCATI DI TRAIANO - MUSEO DEI FORI IMPERIALI

MERCATI DI TRAIANO - MUSEO DEI FORI IMPERIALI 1 MUSEI CAPITOLINI Le collezioni dei Musei Capitolini - itinerario - La Pinacoteca Capitolina - Il Tabularium e la Galleria Lapidaria - Il Palazzo dei Conservatori - Mito e storia nelle collezioni di Palazzo

Dettagli

La produzione di rifiuti urbani in Italia

La produzione di rifiuti urbani in Italia La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER 1 RIFIUTI OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE APRILE 2010 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la terza annualità un indagine

Dettagli

DONNE E SCIENZA. Breve excursus storico A cura di Marisa Salabelle

DONNE E SCIENZA. Breve excursus storico A cura di Marisa Salabelle DONNE E SCIENZA Breve excursus storico A cura di Marisa Salabelle NEL CORSO DELLA STORIA il cammino delle donne ha avuto difficoltà a incontrarsi con quello della scienza specialmente per quanto riguarda

Dettagli

INDICE GENERAlE CAPITOlO 1 - la Riforma protestante in Euro- pa: conseguenze pedagogiche...3

INDICE GENERAlE CAPITOlO 1 - la Riforma protestante in Euro- pa: conseguenze pedagogiche...3 Indice generale Capitolo 1 - La Riforma protestante in Europa: conseguenze pedagogiche...3 1. La Riforma protestante... 3 2. Martin Lutero e la nuova concezione del problema educativo... 6 3. Il problema

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

3) Contributi integrativi volontari di cui all art.4 del D.P.R. N.1432/1971. a) Operai agricoli a tempo determinato;

3) Contributi integrativi volontari di cui all art.4 del D.P.R. N.1432/1971. a) Operai agricoli a tempo determinato; Versamenti volontari del settore agricolo - Anno 2005 (Inps, Circolare 29 luglio 2005 n. 98) Si illustrano di seguito le modalità di calcolo, per l anno in corso, dei contributi volontari relative alle

Dettagli

PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015. Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1

PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015. Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1 PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 CLASSE III D Professoressa Cocchi Monica Programma svolto di storia Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1 Istituzioni,

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Foglio1. Totale Alberghiere 384570 Agrigento

Foglio1. Totale Alberghiere 384570 Agrigento Totale Alberghiere 384570 Agrigento Totale Complementari 51828 Agrigento/Caltanissetta Totale Alberghiere 286547 Agrigento/Caltanissetta/Enna Totale Complementari 13157 Totale Alberghiere 339585 Alessandria

Dettagli

Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese

Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese 17 giugno 2013 Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese I dati desk sul credito alle imprese Dall avvento della crisi (dal 2008 in poi) l andamento dei prestiti alle imprese italiane

Dettagli