Lezione 5. Incoraggiare l allattamento al seno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lezione 5. Incoraggiare l allattamento al seno"

Transcript

1 Lezione 5. Incoraggiare l allattamento al seno Obiettivi Alla fine di questa lezione i partecipanti saranno in grado di: Identificare donne che possono avere problemi con l allattamento al seno Discutere dell allattamento al seno con donne in stato di gravidanza Aiutare le madri ad avviare l allattamento al seno subito dopo il parto Durata media consigliata 60 minuti Materiali Proiettore per diapositive e diapositive 2-6 Lavagna luminosa e lucidi 37 e 38 Scheda Storia clinica dell allattamento al seno (Appendice 6) Letture per i partecipanti Protezione, promozione e sostegno dell allattamento al seno. In: Un impegno per l infanzia. Ospedali Amici dei Bambini. L allattamento al seno. Comitato Italiano per l UNICEF. Roma: Anicia Ed., Helping mothers to breastfeed: pagine 1-5 (introduzione), (come dovrebbe iniziare l allattamento al seno). 67

2 Esposizione Introduzione In molte culture le donne danno l allattamento al seno per scontato. In altre, dove i sostituti del latte materno sono stati introdotti ed ampiamente accettati, la maggior parte delle donne decide se allatterà o no prima di partorire. É importante che gli operatori sanitari informino le madri sull opportunità di un avvio dell allattamento al seno che sia quanto più precoce possibile e che identifichino le madri a rischio di difficoltà con l allattamento al seno. 1. Identificare le donne che possono avere problemi con l allattamento al seno Vi sono donne in stato di gravidanza che esprimono perplessità. Queste devono essere identificate ed aiutate a parlare dei problemi che possono influenzare negativamente la loro decisione di allattare. Una donna può avere bisogno di speciale consulenza e sostegno se: Ha già allattato un figlio precedente in una situazione non ottimale, per esempio con il ricorso precoce a poppate dal biberon. Sarà importante aiutarla a capire come può evitare il ripetersi della stessa situazione con il figlio che sta per nascere. Deve trascorrere parte del suo tempo lontano dal bambino perchè lavora distante da casa o frequenta la scuola. Assicurate queste donne che possono allattare comunque anche se lontane dal bambino (vedere Lezione 14). É la famiglia a porre ostacoli. Aiutate la donna a identificare i membri della famiglia che non sono di sostegno e cercate di incontrarli per discutere delle loro perplessità. É depressa. É isolata, senza un gruppo sociale che la sostenga. É una madre giovane o nubile. Ha avuto un precedente intervento o trauma al seno che possono interferire con la produzione di latte. Ha una malattia cronica (vedere Lezione 13). É stata influenzata negativamente durante la gravidanza dal medico o da vicini, amici, familiari, o da idee tradizionali sbagliate. 2. Parlare di allattamento al seno con le donne in stato di gravidanza L educazione prenatale è particolarmante importante per chi resterà dopo il parto in ospedale meno di 24 ore e per le madri di paesi dove i biberon ed il latte artificiale si possono comprare facilmente. Anche se la maggior parte delle madri della vostra comunità allattano esclusivamente al seno e se voi siete in una zona dove le percentuali di allattamento al seno sono alte, sarà lo stesso necessario raccogliere informazioni sulle donne alla loro prima gravidanza. Quando gli operatori sanitari parlano di nutrizione del bambino alle donne prima del parto, possono aiutarle ad optare per l allattamento al seno. Quando durante le visite prenatali gli operatori sanitari scoprono invece che le donne hanno già conoscenze tecniche sull allattamento, allora potranno iniziare ad informarle sulla pratica dell allattamento al seno. 68

3 Discussione Con una copia della scheda Storia clinica dell allattamento al seno (Appendice 6) discutete se il vostro ospedale fornisce un appropriata assistenza prenatale individualizzata. Registrate il nome della donna e lo usate frequentemente quando le parlate? Chiedete alla donna di raccontarvi ciò che lei ritiene importante, a suo modo, lasciandola parlare liberamente, senza fretta? Vi informate degli altri figli e della loro alimentazione? Questo vi potrà essere utile quando darete consigli alla madre sull allattamento al seno del bambino che sta per nascere. Fate alla madre delle domande, facendo attenzione a non sembrare critici, cercando di non ripetere le domande? Preparate le donne a tenere il bambino con sé subito dopo il parto? Chiedete alla donna se ha dei dubbi o delle domande, prima di chiudere l incontro? Registrate le vostre impressioni generali e le vostre osservazioni? Insegnate come allattare esclusivamente al seno per 6 mesi? Esposizione Per poter allattare il bambino esclusivamente al seno fino a 6 mesi di età é necessario osservare le seguenti regole: Non dare latte artificiale, né acqua, né soluzione glucosata, né altri liquidi o alimenti. Null altro che il seno! Allattare ogniqualvolta il bambino lo richiede, di solito da 8 a 12 volte o più nelle 24 ore, per aiutare la produzione di latte. Allattare anche nelle ore notturne. Non dare biberon o succhiotti, perchè possono far assumere al bambino una tecnica di suzione inefficace e causare disorientamento nella suzione. Dare tutte le poppate al seno per mantenere la produzione di latte. Inoltre, é opportuno non incoraggiate consuetudini inutili: Uso di reggiseni speciali. La spremitura del colostro prima della nascita. Gli esercizi al capezzolo o i massaggi al seno. Creme o pomate per il capezzolo. 3. Pratiche che incoraggiano l allattamento precoce L esperienza del travaglio e del parto può condizionare l avvio dell allattamento e se la donna allatterà o meno il bambino per un lungo periodo. Le norme sanitarie che separano le madri dai neonati e che interferiscono con l allattamento al seno vanno cambiate. Le madri hanno bisogno di un atmosfera amichevole, rassicurante, che faccia sentire che ci si prende cura di loro. Per creare un atmosfera di sostegno in sala parto: 69

4 Incoraggiate la donna in travaglio ad avere una persona che la sostenga e l incoraggi durante l intero travaglio ed il parto. Riducete la percentuale di tagli cesarei al minimo, secondo le indicazioni basate sull evidenza scientifica. Utilizzate il minor numero possibile di farmaci durante il travaglio; fate in modo che questo progredisca con il minor numero possibile di complicazioni. Con meno farmaci i neonati saranno più svegli e reattivi, più pronti per iniziare a nutrirsi al seno. Per facilitare l allattamento precoce al seno: Date alle madri analgesici o anestetici solo se necessario. Questi farmaci possono causare sonnolenza al neonato e quindi difficoltà nell allattamento. Essi possono anche far sì che le madri siano meno disponibili verso i loro figli. É meglio, se possibile, evitare questi farmaci. Aiutate le madri a mantenere l idratazione durante il travaglio. Non insistete affinché la donna in travaglio stia distesa. Questo può essere causa di un travaglio più lungo e poi di un allattamento più difficile. Dopo il parto, é indispensabile assicurare un contatto ininterrotto e non frettoloso tra la madre ed il neonato per almeno un ora: Il legame tra la madre e il suo bambino è più forte nelle prime 1-2 ore specialmente con il contatto pelle a pelle. A partire dalla 2 a -3 a ora dopo la nascita è normale per i neonati dormire anche a lungo. I normali batteri presenti sul corpo della madre colonizzeranno l intestino del suo bambino se è lei la prima persona a tenerlo (piuttosto che i batteri dell infermiera, del medico o di altre persone). Se usate la profilassi oculare con nitrato d argento o con una pomata o soluzione antibiotica, applicateli più tardi, per esempio alla fine della prima ora di vita; ciò permetterà il contatto visivo e lo stabilirsi del primo legame fra madre e bambino. Le madri devono essere incoraggiate ad allattare al seno entro la prima ora dopo il parto, quando il bambino mostra d essere pronto: Quando la madre ed il bambino sono calmi e si tengono in contatto pelle a pelle, il bambino inizierà a mostrare dei comportamenti che anticipano la poppata, come il portarsi le mani alla bocca o il fare movimenti di suzione. Insegnate alla madre a rispondere a questi segni. I riflessi di orientamento e di suzione del neonato sono particolarmente forti nelle prime 1-2 ore dopo il parto, quando non é stato fatto uso di farmaci. Le madri che allattano in sala parto sono portate ad allattare più a lungo rispetto a quelle che hanno allattato al seno per la prima volta più tardivamente. L aumento della secrezione di ossitocina a seguito della suzione fa contrarre l utero più rapidamente e frena l emorragia. L uso di routine dell ossitocina sintetica non è necessario quando le madri allattano subito dopo il parto. Il colostro fa sì che il neonato elimini il meconio e fornisce fattori immunologici. Ritardare il primo bagnetto permette alla vernice caseosa di penetrare nella pelle del bambino lubrificandola e proteggendola. Ritardare il bagnetto previene anche la perdita di calore e l abbassamento di temperatura che potrebbe interferire con il primo allattamento al seno. 70

5 Non è necessario affrettare o forzare il neonato al seno. Una madre ed il suo bambino dovrebbero essere tenuti pelle a pelle in un ambiente quieto finché entrambi non siano pronti per l allattamento al seno. É importante offrire aiuto ad ogni madre per iniziare ad allattare e per la prima poppata. Il tempo impiegato dal personale della maternità per l inizio precoce dell allattamento al seno aiuterà le madri ad avviare l allattamento e a prevenire difficoltà che per essere superate richiederebbero più impegno e più persone successivamente. Alcune madri possono non avere bisogno di aiuto; offrite aiuto solo se una madre vi sembra essere esitante o avere difficoltà. Per aiutare una madre alla prima poppata: Mettete il neonato a contatto pelle a pelle sull addome o sul petto della madre immediatamente dopo la nascita; coprite madre e figlio con una coperta calda. Fate in modo che il seno sia disponibile vicino alla bocca del bambino e siate pazienti. Lasciatelo leccare ed esplorare il seno. Siate disponibili ad aiutarlo ad attaccarsi al seno se desidera poppare, ma non ha cominciato spontaneamente entro un ora. Mostrate alla madre come stimolare il riflesso di orientamento del bambino strofinando dolcemente la bocca del bambino col capezzolo. In risposta il bambino si volterà verso il capezzolo ed aprirà la bocca. Tenete la madre ed il bambino assieme mentre lasciano la sala parto. Non separate la madre dal bambino per più di un ora alla volta. La maggior parte delle cure mediche per il bambino possono essere fatte al letto della madre. Non date alcun alimento d attesa prima che la produzione del latte inizi, sia che si tratti d acqua o di qualunque altro liquido. Una madre che ha partorito con taglio cesareo può avere problemi per l allattamento. Il successo nell allattamento al seno può ridare fiducia in se stesse a quelle madri che provano un senso di fallimento perchè non sono state capaci di partorire per via vaginale. La presenza di un operatore sanitario capace di fornire sostegno è importante per aiutare una madre ad iniziare l allattamento dopo un cesareo: Incoraggiate la madre ad allattare entro 30 minuti dal momento in cui risvegliandosi è capace di rispondere al bambino. Questo può accadere nella sala di risveglio dopo l intervento, sebbene la madre possa essere ancora insonnolita dall anestesia. Può essere necessario sistemare adeguatamente la fleboclisi per permettere di tenere il bambino al seno. Incoraggiate il rooming-in non appena la madre può prendersi cura del bambino. Aiutate le madri che hanno subito il taglio cesareo a trovare una posizione comoda per allattare: Distesa sul fianco. Questa posizione aiuta ad evitare il dolore nelle prime ore dopo il parto e permette l allattamento anche se la testa della madre deve stare giù dopo un anestesia spinale. Seduta con un cuscino sopra l incisione o con il bambino tenuto lungo il fianco. Distesa supina con il bambino adagiato sul corpo. Mettetele un sostegno (per esempio un cuscino) sotto le ginocchia quando è seduta, o fra le ginocchia e dietro la schiena se giace di fianco. 71

6 Autovalutazione State parlando a un gruppo di madri prima del parto. Esse non vi ascoltano. Non capiscono perchè parlate così tanto dell allattamento al seno prima che i loro bambini siano nati. Come vi comportereste? Gabriella è una giovane madre non sposata. Vive con i genitori. Sua madre ha sempre nutrito i propri figli con il biberon e non capisce perchè Gabriella voglia allattare al seno senza ricorrere al biberon. Come potete aiutare Gabriella a mantenere un allattamento al seno esclusivo? 72

7 Quali sono le cose più importanti che una madre deve sapere a proposito dell allattamento al seno prima della nascita del bambino? Andare al passo 4 dei 10 passi per allattare al seno con successo. Cosa potrebbe essere fatto per aiutare una madre e il suo bambino ad avere un contatto pelle a pelle rilassato dal momento della nascita per una o più ore? 73

8 Riassunto della lezione 5 Come identificare le donne a rischio di problemi con l allattamento al seno: Difficoltà con l allattamento di figli precedenti. Difficoltà da parte della famiglia. Età, stato anagrafico, stato psicologico. Separazione dal figlio. Problemi medici e fisici. Procedure durante il travaglio ed il parto: Incoraggiare le donne in travaglio ad avere vicino una persona che le sostenga. Facilitare l avvio precoce dell allattamento al seno. Dare alle madri e ai bambini un contatto ininterrotto pelle a pelle per un ora dopo la nascita. Offrire aiuto per la prima poppata se la madre ne ha bisogno. Parto cesareo: Incoraggiare la madre ad allattare entro 30 minuti dal momento in cui diventa capace di reagire in risposta al bambino. Incoraggiare il rooming-in non appena la madre può prendersi cura del bambino. Aiutare la madre a trovare una posizione comoda per allattare. 74

Lezione 3. Come il bambino riceve latte dal seno

Lezione 3. Come il bambino riceve latte dal seno Lezione 3. Come il bambino riceve latte dal seno Obiettivi Alla fine di questa lezione i partecipanti saranno in grado di: Identificare le parti del seno coinvolte nella lattazione Descrivere il ruolo

Dettagli

Lezione 16. Come rendere la tua comunità amica del bambino

Lezione 16. Come rendere la tua comunità amica del bambino Lezione 16. Come rendere la tua comunità amica del bambino Obiettivi Alla fine di questa lezione i partecipanti saranno in grado: Discutere la politica sanitaria nazionale o locale sull allattamento al

Dettagli

Politica aziendale per la protezione, promozione e sostegno dell'allattamento al seno

Politica aziendale per la protezione, promozione e sostegno dell'allattamento al seno Azienda Usl 7 di Siena Azienda Sanitaria delle zone Senese, Alta Val d'elsa, Amiata Val d'orcia e Valdichiana Senese DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE Il libretto è stato elaborato dal gruppo di lavoro multidisciplinare

Dettagli

Lezione 13. Problemi del seno ad insorgenza tardiva

Lezione 13. Problemi del seno ad insorgenza tardiva Lezione 13. Problemi del seno ad insorgenza tardiva Obiettivi Alla fine di questa lezione i partecipanti saranno in grado: Aiutare le madri a trattare un dotto galattoforo bloccato Aiutare le madri a gestire

Dettagli

Lezione 9. Bambini che rifiutano il seno

Lezione 9. Bambini che rifiutano il seno Lezione 9. Bambini che rifiutano il seno Obiettivi Alla fine di questa lezione i partecipanti saranno in grado di aiutare: Il bambino che rifiuta di andare al seno Il bambino che non riesce ad attaccarsi

Dettagli

Programma della Formazione A Distanza (FAD) "Incentivare l allattamento al seno come strategia di promozione della Salute"

Programma della Formazione A Distanza (FAD) Incentivare l allattamento al seno come strategia di promozione della Salute Formazione A Distanza "Incentivare l allattamento al seno come strategia di promozione della Salute" del Istituto Superiore di Sanità e verifica dei contenuti equivalenti nel corso OMS/UNICEF 20 ore. A

Dettagli

Promuovere, proteggere e sostenere l allattamento materno.

Promuovere, proteggere e sostenere l allattamento materno. Promuovere, proteggere e sostenere l allattamento materno. Beatrice Dalla Barba Formatore Azienda Ospedaliera: Ostetrica E.Righetti PERCHE E COSI IMPORTANTE PROMUOVERE L ALLATTAMENTO AL SENO? L AS nei

Dettagli

Promuovere, proteggere e sostenere l allattamento al seno: un Programma d Azione per l Europa

Promuovere, proteggere e sostenere l allattamento al seno: un Programma d Azione per l Europa Promuovere, proteggere e sostenere l allattamento al seno: un Programma d Azione per l Europa Il Programma d Azione per l allattamento al seno in Europa è un progetto che mira ad aiutare le donne ad avere

Dettagli

SEGNI CHE UN BAMBINO NON PRENDE ABBASTANZA LATTE. Segni attendibili

SEGNI CHE UN BAMBINO NON PRENDE ABBASTANZA LATTE. Segni attendibili 21. Poco latte 101 Sessione 21 POCO LATTE Introduzione La maggior parte delle madri può produrre latte a sufficienza per uno o anche due bambini. Generalmente, anche quando una madre pensa di non avere

Dettagli

Atmosfera in sala travaglio. Presenza del marito o persona di fiducia durante il travaglio Clistere e tricotomia

Atmosfera in sala travaglio. Presenza del marito o persona di fiducia durante il travaglio Clistere e tricotomia Atmosfera in sala travaglio Presenza del marito o persona di fiducia durante il travaglio Clistere e tricotomia Libertà di movimento in travaglio Assunzione cibi e liquidi Monitoraggio continuo o intermittente?

Dettagli

AUMENTARE LA PRODUZIONE DI LATTE E RIALLATTARE

AUMENTARE LA PRODUZIONE DI LATTE E RIALLATTARE 27. Aumentare la produzione di latte e riallattare 129 Sessione 27 AUMENTARE LA PRODUZIONE DI LATTE E RIALLATTARE Introduzione Se l offerta di latte di una madre si riduce, è necessario aumentarla. Ciò

Dettagli

Lezione 8. Problemi del seno ad insorgenza precoce

Lezione 8. Problemi del seno ad insorgenza precoce Lezione 8. Problemi del seno ad insorgenza precoce Obiettivi Alla fine di questa lezione i partecipanti saranno in grado di: Esaminare il seno ed i capezzoli di una madre Identificare i capezzoli rientranti

Dettagli

U.O. OSTETRICIA-GINECOLOGIA

U.O. OSTETRICIA-GINECOLOGIA U.O. OSTETRICIA-GINECOLOGIA Nascere 1 COSA NON SI DEVE DIMENTICARE Tessera sanitaria; Codice Fiscale; Cartella della gravidanza con tutti gli esami e le ecografie eseguite. NELLA VALIGIA DELLA MAMMA Camicia

Dettagli

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Allattamento al Seno Alcuni suggerimenti per le mamme Regione Lazio La Regione Lazio, nel suo Piano Sanitario 2002-2004 e con la Delibera n. 1741 del 20 Dicembre

Dettagli

Lezione 10. Bassa produzione di latte

Lezione 10. Bassa produzione di latte Lezione 10. Bassa produzione di latte Obiettivi Alla fine di questa lezione i partecipanti saranno in grado: Identificare variazioni nella crescita dei bambini allattati al seno Distinguere la bassa produzione

Dettagli

POLITICA AZIENDALE PER L ALLATTAMENTO AL SENO E L ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI

POLITICA AZIENDALE PER L ALLATTAMENTO AL SENO E L ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI POLITICA AZIENDALE PER L ALLATTAMENTO AL SENO E L ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI INTRODUZIONE Questa Azienda sostiene e promuove l allattamento al seno in quanto modalità naturale di alimentazione del neonato,

Dettagli

INCENTIVAZIONE DELL ALLATTAMENTO AL SENO

INCENTIVAZIONE DELL ALLATTAMENTO AL SENO INCENTIVAZIONE DELL ALLATTAMENTO AL SENO Il reparto Maternità del Gaslini favorisce l'allattamento al seno, in base alle norme definite dall'oms (Organizzazione Mondiale della Sanità) e dall'unicef (Fondo

Dettagli

Il Piano d Azione per l allattamento al seno e l alimentazione dei bambini

Il Piano d Azione per l allattamento al seno e l alimentazione dei bambini uniti per i bambini INSIEME PER L ALLATTAMENTO Ospedali&Comunità Amici dei Bambini uniti per la protezione, promozione e sostegno dell allattamento materno Il Piano d Azione per l allattamento al seno

Dettagli

INIZIATIVA OSPEDALE AMICO DEI BAMBINI Riveduta, aggiornata ed ampliata per un approccio integrato alle cure

INIZIATIVA OSPEDALE AMICO DEI BAMBINI Riveduta, aggiornata ed ampliata per un approccio integrato alle cure INIZIATIVA OSPEDALE AMICO DEI BAMBINI Riveduta, aggiornata ed ampliata per un approccio integrato alle cure Maternity, 1963, 2003 Estate of Pablo Picasso/Artists Rights Society (ARS), New York Strategia

Dettagli

ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI

ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI POLITICA AZIENDALE PER L ALLATTAMENTO AL SENO E L ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI REVISIONE MARZO 2014 INTRODUZIONE Questa Azienda sostiene e promuove l allattamento al seno in quanto modalità naturale di alimentazione

Dettagli

Iniziativa Ospedale Amico del Bambino Il ruolo della direzione. L esperienza dell Ospedale Alto Vicentino

Iniziativa Ospedale Amico del Bambino Il ruolo della direzione. L esperienza dell Ospedale Alto Vicentino L esperienza dell Ospedale Alto Vicentino 1giovedì, 21/05/2015 Daniela Carraro Direttore Generale Ulss4 23 maggio 2015 Perché aderire all iniziativa Ospedale Amico del Bambino? Obiettivo tutela della salute

Dettagli

Sessione 16 RIFIUTO DEL SENO. 76 16. Rifiuto del seno. Introduzione

Sessione 16 RIFIUTO DEL SENO. 76 16. Rifiuto del seno. Introduzione 76 16. Rifiuto del seno Sessione 16 RIFIUTO DEL SENO Introduzione In alcune comunità il rifiuto del seno da parte del bambino è una delle ragioni più comuni che provocano la sospensione dell allattamento

Dettagli

La spremitura del latte è utile in numerose situazioni perché permette ad una madre di avviare o continuare l allattamento al seno.

La spremitura del latte è utile in numerose situazioni perché permette ad una madre di avviare o continuare l allattamento al seno. 20. Spremere il latte 92 Sessione 20 SPREMERE IL LATTE Introduzione La spremitura del latte è utile in numerose situazioni perché permette ad una madre di avviare o continuare l allattamento al seno. Spremere

Dettagli

Allattamento al seno: un diritto della mamma e del bambino

Allattamento al seno: un diritto della mamma e del bambino Direzione Generale della sicurezza degli alimenti e della nutrizione e Direzione Generale della comunicazione e relazioni istituzionali Allattamento al seno: un diritto della mamma e del bambino www.salute.gov.it

Dettagli

Sessione 22 IL PIANTO. 106 22. Il pianto. Introduzione

Sessione 22 IL PIANTO. 106 22. Il pianto. Introduzione 106 22. Il pianto Sessione 22 IL PIANTO Introduzione Molte madri cominciano a dare aggiunte inutili perché il loro bambino piange. Tuttavia le aggiunte spesso non fanno piangere di meno un bambino, che

Dettagli

Parto Naturale o Taglio Cesareo? Quando e perchè

Parto Naturale o Taglio Cesareo? Quando e perchè Parto Naturale o Taglio Cesareo? Quando e perchè Secondo l Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) il parto naturale è quello che inizia spontaneamente e che si mantiene tale, senza segni di disfunzione,

Dettagli

NUTRIZIONE DELLE DONNE, SALUTE E FERTILITÁ WHO/CDR/93.6 31/1 DA DOVE PROVIENE L ENERGIA PER PRODURRE IL LATTE MATERNO. 200 Calorie.

NUTRIZIONE DELLE DONNE, SALUTE E FERTILITÁ WHO/CDR/93.6 31/1 DA DOVE PROVIENE L ENERGIA PER PRODURRE IL LATTE MATERNO. 200 Calorie. 31. Nutrizione delle donne, salute e fertilità 151 Sessione 31 (Sessione aggiunta) NUTRIZIONE DELLE DONNE, SALUTE E FERTILITÁ Introduzione Quando aiutate una madre ad allattare al seno, è importante ricordarle

Dettagli

Promuovere, proteggere e facilitare l allattamento nel bambino con labiopalatoschisi

Promuovere, proteggere e facilitare l allattamento nel bambino con labiopalatoschisi Promuovere, proteggere e facilitare l allattamento nel bambino con labiopalatoschisi Allattare quando c è una labiopalatoschisi: quali sono le difficoltà? Dipende dalla posizione e l entità della schisi

Dettagli

Gusto di mamma. Allattare al seno con facilità e soddisfazione. con il patrocinio della ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E PER LA FAMIGLIA

Gusto di mamma. Allattare al seno con facilità e soddisfazione. con il patrocinio della ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E PER LA FAMIGLIA Gusto di mamma Allattare al seno con facilità e soddisfazione con il patrocinio della ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E PER LA FAMIGLIA Questo quaderno è dedicato alla memoria e al sorriso di Anna Maria

Dettagli

Ministero della Salute Istituto Superiore di Sanità. Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute

Ministero della Salute Istituto Superiore di Sanità. Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute Ministero della Salute Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute Allattamento materno una goccia di saggezza una grande opportunita latte materno

Dettagli

PERCHÈ L'ALLATTAMENTO AL SENO É IMPORTANTE

PERCHÈ L'ALLATTAMENTO AL SENO É IMPORTANTE 1. Perché l allattamento al seno è importante 3 Sessione 1 PERCHÈ L'ALLATTAMENTO AL SENO É IMPORTANTE Introduzione Prima di imparare come aiutare le madri, dovete capire perché l allattamento al seno è

Dettagli

ALLATTARE AL SENO ITALIANO

ALLATTARE AL SENO ITALIANO ALLATTARE AL SENO ITALIANO Il latte materno è un investimento prezioso per il benessere e la salute tua e del tuo bambino. Presso i nostri Centri potete contare sull aiuto per consigli di operatori esperti

Dettagli

ESERCIZI SU POCO LATTE E SUL PIANTO

ESERCIZI SU POCO LATTE E SUL PIANTO 23. Esercizi su poco latte e sul pianto 111 Sessione 23 ESERCIZI SU POCO LATTE E SUL PIANTO Esercizio 15. Poco latte e Il pianto Come svolgere l esercizio: Le storie che trovate qui di seguito riguardano

Dettagli

Guida per i formatori

Guida per i formatori Guida per i formatori Obiettivi del corso Favorire la trasformazione degli ospedali con reparti di maternità in Ospedali Amici dei Bambini, mediante l applicazione dei 10 passi per allattare al seno con

Dettagli

La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze

La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze Corso per Operatori Servizio Emergenza Sanitaria della CROCE ROSSA ITALIANA IL PARTO D URGENZA UN PROCESSO NATURALE La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene

Dettagli

LA CONSULENZA IN ALLATTAMENTO

LA CONSULENZA IN ALLATTAMENTO Alice De Luca LA CONSULENZA IN ALLATTAMENTO Promozione, sostegno e protezione dell allattamento al seno Ora so che l allattamento non è uno sforzo, e men che meno un sacrificio che la donna fa per il bene

Dettagli

Come allattare al. meglio. senza. stress?

Come allattare al. meglio. senza. stress? meglio Come allattare al senza stress? Allattare al seno è naturale, istintivo, ma c'è molto da imparare. Adottando la "tecnica" giusta fin dagli inizi, ogni poppata sarà un momento prezioso di profonda

Dettagli

Lettere ai genitori. Il primo mese di vita di vostro figlio o di vostra figlia

Lettere ai genitori. Il primo mese di vita di vostro figlio o di vostra figlia Lettere ai genitori Il primo mese di vita di vostro figlio o di vostra figlia 1 Indice Imparare a conoscersi e ad amarsi 4 Coccolare e curare 10 Allattamento al seno e/o con il biberon? 14 Succhiare non

Dettagli

IL PARTO D URGENZA IL PARTO UN PROCESSO NATURALE

IL PARTO D URGENZA IL PARTO UN PROCESSO NATURALE D URGENZA UN PROCESSO NATURALE La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze OBIETTIVO DEL SOCCORRITORE Valutazione dell imminenza del parto Assistenza

Dettagli

Perché è. meglio. allattare. al seno?

Perché è. meglio. allattare. al seno? meglio Perché è allattare al seno? Il latte materno è l'alimento perfetto creato da Madre Natura per nutrire il tuo bambino e farlo crescere in salute. Non a caso l'organizzazione Mondiale della Sanità

Dettagli

ALLATTAMENTO AL SENO Luca RIgon neonatologo ULSS15

ALLATTAMENTO AL SENO Luca RIgon neonatologo ULSS15 PROMUOVERE LA SALUTE NEI PRIMI ANNI DI VITA Programma Regionale GenitoriPiù quali novità? ALLATTAMENTO AL SENO Luca RIgon neonatologo ULSS15 REGIONE VENETO - AZIENDA ULSS 15 Alta Padovana Dipartimento

Dettagli

Linee guida per l'allattamento al seno

Linee guida per l'allattamento al seno Politica aziendale relativa all allattamento al seno e all alimentazione dei bambini adottata presso l Ospedale di Lucca Linee guida per l'allattamento al seno Allegato alla deliberazione del Direttore

Dettagli

> Gravidanza > Parto > Puerperio

> Gravidanza > Parto > Puerperio 1 > Gravidanza > Parto > Puerperio accompagnamento ad una assistenza appropriata 2 1 3 > La gravidanza 4 2 GRAVIDANZA E UN EVENTO BIO - PSICO - SOCIALE 5 BISOGNI BIOLOGICI: RIGUARDANO IL CORPO, QUINDI

Dettagli

Il Il ruolo del Pediatra di famiglia nell allattamento al seno

Il Il ruolo del Pediatra di famiglia nell allattamento al seno Il Il ruolo del Pediatra di famiglia nell allattamento al seno Dott.Raffaele D Errico Pediatra di famiglia ASL Napoli 1 Distretto 48 Federazione Italiana Medici Pediatri di Napoli «Anche l uomo l potrebbe

Dettagli

Manuale del partecipante

Manuale del partecipante WHO/CDR/93.4 UNICEF/NUT/93.2 DISTRIBUZIONE: GENERALE ORIGINALE: INGLESE ALLATTAMENTO AL SENO: CORSO PRATICO DI COUNSELLING Manuale del partecipante OMS Questo documento non è una pubblicazione ufficiale

Dettagli

Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali

Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali uniti per i bambini INSIEME PER L ALLATTAMENTO Ospedali&Comunità Amici dei Bambini uniti per la protezione, promozione e sostegno dell allattamento materno Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali

Dettagli

Il latte della mamma. Neonatologia NEONATOLOGIA. Unità operativa complessa. Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata

Il latte della mamma. Neonatologia NEONATOLOGIA. Unità operativa complessa. Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata www.hsangiovanni.roma.it Unità Operativa Complessa NEONATOLOGIA Unità operativa complessa Neonatologia Recapiti Telefono 06 77056841 Fax: 06 77055544 A cura

Dettagli

Tecnologia appropriata per la nascita

Tecnologia appropriata per la nascita Tecnologia appropriata per la nascita (Raccomandazioni O.M.S. 9 maggio 1985) Il congresso sulla tecnologia appropriata per la nascita ha prodotto le raccomandazioni che seguono. Queste raccomandazioni

Dettagli

Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca.

Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca. 1. Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca. Circa un bambino su cinque è vittima di varie forme di abuso o di violenza sessuale. Non permettere che accada al tuo bambino. Insegna al tuo bambino

Dettagli

LE MIGLIORI CANDIDATE ALL'INTERVENTO DI COMPLICANZE

LE MIGLIORI CANDIDATE ALL'INTERVENTO DI COMPLICANZE astopessi 1 MASTOPESSI Con il passare degli anni le mammelle di una donna subiscono dei cambiamenti dovuti a fattori come la gravidanza, l'allattamento e la forza di gravità. Poichè la cute perde la sua

Dettagli

Clinica universitaria di anestesiologia e terapia del dolore. Informazioni per i pazienti

Clinica universitaria di anestesiologia e terapia del dolore. Informazioni per i pazienti Clinica universitaria di anestesiologia e terapia del dolore Informazioni per i pazienti Breve introduzione generale Sala di risveglio centrale Nel laboratorio di ricerca La clinica universitaria di anestesiologia

Dettagli

La diagnosi e il trattamento di questi problemi servono sia a curare la madre sia a permettere la prosecuzione dell allattamento.

La diagnosi e il trattamento di questi problemi servono sia a curare la madre sia a permettere la prosecuzione dell allattamento. 14. Problemi del seno 59 Sessione 14 PROBLEMI DEL SENO Introduzione Esistono numerosi problemi del seno che a volte rendono difficile l allattamento: Capezzoli piatti o invertiti, capezzoli molto lunghi

Dettagli

INTEGRAZIONE OSPEDALE TERRITORIO

INTEGRAZIONE OSPEDALE TERRITORIO Casa Internazionale della Donna Roma, 24 giugno 2011 INTEGRAZIONE OSPEDALE TERRITORIO Ostetrica Antonella Bernardini INTEGRAZIONE OSPEDALE E TERRITORIO L INTEGRAZIONE TRA LE STRUTTURE OSPEDALIERE E QUELLE

Dettagli

E la vostra salute Siate coinvolti

E la vostra salute Siate coinvolti E la vostra salute Siate coinvolti Il finanziamento per questo progetto e stato fornito dal Ministero della Sanita e dell Assistenza a Lungo Termine dell Ontario www.oha.com 1. Siate coinvolti nella cura

Dettagli

Evidenze I A Anita Regalia Barbara Zapparoli

Evidenze I A Anita Regalia Barbara Zapparoli Evidenze I A Anita Regalia Barbara Zapparoli LIVELLI DI PROVA I L esecuzione di questa procedura è fortemente raccomandata II Prove ottenute da un solo studio randomizzato di disegno adeguato III Prove

Dettagli

Il neonato: istruzioni per l uso. Dott. Gennaro Salvia Responsabile UOC Pediatria Neonatologia-U.T.I.N. Ospedale Buon Consiglio Fatebenefratelli

Il neonato: istruzioni per l uso. Dott. Gennaro Salvia Responsabile UOC Pediatria Neonatologia-U.T.I.N. Ospedale Buon Consiglio Fatebenefratelli Il neonato: istruzioni per l uso Responsabile UOC Pediatria Neonatologia-U.T.I.N. Ospedale Buon Consiglio Fatebenefratelli Percorso di accompagnamento alla nascita Allattamento materno Formazione a piccoli

Dettagli

Le donne e il tumore al seno: informazione e programmi di prevenzione. Ricerca quantitativa settembre 2012

Le donne e il tumore al seno: informazione e programmi di prevenzione. Ricerca quantitativa settembre 2012 Le donne e il tumore al seno: informazione e programmi di prevenzione Ricerca quantitativa settembre 2012 Questa ricerca COMMISSIONATA AD ASTRARICERCHE DA LILT NEL SETTEMBRE 2012 REALIZZATA TRA L'11 E

Dettagli

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Casa di Cura Città di Roma via Maidalchini, 20 00152 Roma Servizio di Anestesia e Rianimazione dipartimento.anestesia@gruppogarofalo.com tel: 06.58471/204 PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Il Punto

Dettagli

L'allattamento in Italia

L'allattamento in Italia XXXIX congresso dell Associazione Italiana di Epidemiologia Alimentazione e salute nell era della globalizzazione SEMINARIO SATELLITE 27 ottobre 2015 Allattamento e alimentazione infantile come strategia

Dettagli

Informazione sul processo di morte

Informazione sul processo di morte Informazione sul processo di morte Se non avete mai visto qualcuno morire, potreste temere ciò che accadrà, ma il momento della morte è solitamente tranquillo. Questa brochure è stata progettata per aiutarvi.

Dettagli

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Anno scolastico 2008/2009 INTRODUZIONE Il piano educativo fa parte del Piano dell offerta formativa dell Istituto ed è stato elaborato seguendo

Dettagli

Dichiarazione congiunta OMS/UNICEF

Dichiarazione congiunta OMS/UNICEF Dichiarazione congiunta OMS/UNICEF L allattamento al seno: protezione, incoraggiamento e sostegno. L importanza del ruolo dei servizi per la maternità. OMS, Ginevra, 1989 I 10 PASSI PER IL SUCCESSO DELL

Dettagli

Sessione 12 ESERCIZI SU COME INFONDERE FIDUCIA. Accettare ciò che una madre pensa

Sessione 12 ESERCIZI SU COME INFONDERE FIDUCIA. Accettare ciò che una madre pensa 48 12. Esercizi su come infondere fiducia Sessione 12 ESERCIZI SU COME INFONDERE FIDUCIA Esercizio 6. Accettare ciò che una madre pensa Gli esempi da 1 a 3 sono concetti errati in cui le madri potrebbero

Dettagli

ESSERE OPERATI DI GLAUCOMA

ESSERE OPERATI DI GLAUCOMA DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI DI GLAUCOMA OPUSCOLO CON INFORMAZIONI ED ISTRUZIONI PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA VOLONTARI DEL SOCCORSO GRAVIDANZA E PARTO. V.d.S. Marcello CESINARO

CROCE ROSSA ITALIANA VOLONTARI DEL SOCCORSO GRAVIDANZA E PARTO. V.d.S. Marcello CESINARO CROCE ROSSA ITALIANA VOLONTARI DEL SOCCORSO GRAVIDANZA E PARTO V.d.S. Marcello CESINARO OBIETTIVO COMPORTAMENTO E AZIONI DA ADOTTARE NEL CASO IN CUI LA PAZIENTE SIA IN GRAVIDANZA OPPURE SI PROSPETTI UN

Dettagli

5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA

5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA Collana PROMUOVERE IL BENESSERE PSICOLOGICO A cura di Dott.ssa Sabina Godi 5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA Roberto è un uomo di 40, lavora come impiegato in una azienda farmaceutica. Da ormai 20 anni

Dettagli

L uso delle mani e del corpo

L uso delle mani e del corpo PARTE SECONDA 77 78 1 L uso delle mani e del corpo Il contatto: massimo Il contatto delle mani e, quando possibile, delle avambraccia sul corpo, deve essere pieno e senza interruzioni. Durante il massaggio

Dettagli

Politiche di protezione, promozione e sostegno dell allattamento al seno dell ASL Milano 1

Politiche di protezione, promozione e sostegno dell allattamento al seno dell ASL Milano 1 Politiche di protezione, promozione e sostegno dell allattamento al seno dell ASL Milano 1 A cura di: Distretti e Direzione Sociale - Consultori Familiari Asl Milano 1 Direzione Sanitaria - UOC Promozione

Dettagli

Dopo la formazione i mentori saranno consapevoli che

Dopo la formazione i mentori saranno consapevoli che Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor 2.5. Perché e in che modo le competenze pedagogiche sono importanti per i mentori che lavorano nella formazione professionale (VET) Tempistica Tempo totale 2 ore:

Dettagli

Taglio Cesareo: la scelta dell anestesia

Taglio Cesareo: la scelta dell anestesia Taglio Cesareo: la scelta dell anestesia Your anaesthetic for Caesarean section, 1st Ed, March 2003 ITALIAN Circa un bambino su cinque nasce con taglio cesareo e due volte su tre l intervento è imprevisto;

Dettagli

Cartellino culla. Richard Le Gallienn. Ambulatorio allattamento presso il NIDO previa prenotazione telefonica (0424 888552 opp.

Cartellino culla. Richard Le Gallienn. Ambulatorio allattamento presso il NIDO previa prenotazione telefonica (0424 888552 opp. Al mio bambino fragili ali appena nate, piccola voce che canta, nuovo cuoricino che batte, non temere la tua nascita, né il mondo poichè sei l infinito. Il sole risplende, la terra gira, per darti il benvenuto

Dettagli

ASLTO5 LE CURE ALLA NASCITA

ASLTO5 LE CURE ALLA NASCITA ASLTO5 LE CURE ALLA NASCITA IL PUNTEGGIO DI APGAR Il punteggio di Apgar esprime il livello di adattamento alla vita fuori dall'utero materno viene assegnato al primo e al quinto minuto di vita dal personale

Dettagli

PROBLEMI DEL SENO. Ost. Giovo Maura

PROBLEMI DEL SENO. Ost. Giovo Maura PROBLEMI DEL SENO Ost. Giovo Maura 1 SESSIONE 14 OBIETTIVI DIAGNOSTICARE E TRATTARE CAPEZZOLI PIATTI, INVERTITI E LUNGHI LINFEDEMA DA MONTATA LATTEA INGORGO E STASI DEL LATTE DOTTI GALATTOFORI BLOCCATI

Dettagli

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori a cura del Comitato nazionale multisettoriale per l allattamento materno 1. Tutte le mamme hanno il latte Allattare al seno è un gesto naturale. Fin dall inizio del mondo, attraverso il proprio latte le

Dettagli

Un neonato in casa. Ricominciamo in tre

Un neonato in casa. Ricominciamo in tre Un neonato in casa. Ricominciamo in tre Genitori si diventa. Quando arriva un neonato è sempre una rivoluzione. Il piccolo, fin dalle prime ore di vita, impone nuove regole, diversi orari, cambiamenti

Dettagli

COMMISSIONE NATIONALE NAZIONALE STILLKOMMISSION

COMMISSIONE NATIONALE NAZIONALE STILLKOMMISSION COMMISSIONE NATIONALE NAZIONALE STILLKOMMISSION Stillempfehlungen Informazioni per für die l'allattamento Säuglingszeit materno Commissione nazionale per l'allattamento materno presso l'istituto federale

Dettagli

ANATOMIA E FISIOLOGIA DELL ALLATTAMENTO AL SENO. Ost. Giovo Maura

ANATOMIA E FISIOLOGIA DELL ALLATTAMENTO AL SENO. Ost. Giovo Maura ANATOMIA E FISIOLOGIA DELL ALLATTAMENTO AL SENO Ost. Giovo Maura Come il latte va dal seno al bambino SESSIONE 6 2 Per aiutare una mamma con l'allattamento al seno bisogna sapere come è prodotto il latte

Dettagli

Riconoscere lo stato di incoscienza. Saper effettuare manovre su pazienti incoscienti. Saper riconoscere un paziente in stato di shock

Riconoscere lo stato di incoscienza. Saper effettuare manovre su pazienti incoscienti. Saper riconoscere un paziente in stato di shock Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA INFORTUNATO INCOSCIENTE SHOCK OBIETTIVO DELLA LEZIONE Riconoscere lo stato di incoscienza Saper effettuare manovre su pazienti incoscienti

Dettagli

Lifting del seno con protesi

Lifting del seno con protesi Lifting del seno con protesi I seni di una donna aiutano a definire la sua femminilità e il suo individualismo, ma come altre zone del corpo, subiscono cambiamenti dovuti al processo di invecchiamento,

Dettagli

Siamo piccoli ma cresceremo... e ci sposeremo

Siamo piccoli ma cresceremo... e ci sposeremo Siamo piccoli ma cresceremo... e ci sposeremo RACCONTO PER LE SCUOLE 28 febbraio 2013 Malattie Rare senza Frontiere Dedicato a Luigi Pio Memeo Siamo Piccoli ma cresceremo... e ci sposeremo a cura dell

Dettagli

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate!

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Il Consiglio d'europa è un'organizzazione internazionale con 47 paesi membri. La sua attività coinvolge 150 milioni

Dettagli

COCCOLA DI MAMMA QUI MAMMA CI COVA. Associazioni di Promozione Sociale

COCCOLA DI MAMMA QUI MAMMA CI COVA. Associazioni di Promozione Sociale COCCOLA DI MAMMA QUI MAMMA CI COVA Associazioni di Promozione Sociale Chi siamo? Siamo genitori che vivono con i loro bambini e non nonostante loro. Siamo donne, compagne, mogli, amiche e... Mamme! Siamo

Dettagli

Comportamento in gravidanza

Comportamento in gravidanza Comportamento in gravidanza Minore aggressività Possibile discesa nella gerarchia Si ritira più facilmente se minacciata Maggiore appetito Riluttanza su percorsi difficili Preparazione al parto Isolamento

Dettagli

CORSO DI PREPARAZIONE AL PARTO

CORSO DI PREPARAZIONE AL PARTO CORSO DI PREPARAZIONE AL PARTO 9 incontri cadenza settimanale Durata incontro 2 ore Il corso di accompagnamento alla nascita e alla genitorialità mira ad aiutare i futuri enitori nel momento delicato della

Dettagli

Lezione 12. Bambini che hanno bisogno di attenzione speciale

Lezione 12. Bambini che hanno bisogno di attenzione speciale Lezione 12. Bambini che hanno bisogno di attenzione speciale Obiettivi Alla fine di questa lezione i partecipanti saranno in grado: Aiutare le madri di bambini prematuri e di basso peso a gestire l allattamento

Dettagli

MASTOPESSI LA CHIRURGIA PER IL SOLLEVAMENTO DEL SENO

MASTOPESSI LA CHIRURGIA PER IL SOLLEVAMENTO DEL SENO MASTOPESSI LA CHIRURGIA PER IL SOLLEVAMENTO DEL SENO dottor Alessandro Gennai CHIRURGIA PLASTICA RICOSTRUTTIVA ed ESTETICA dottor Luigi Izzo CHIRURGIA PLASTICA RICOSTRUTTIVA ed ESTETICA La chirurgia plastica

Dettagli

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti La perdita di una persona cara è un esperienza emotiva tra le più dolorose per gli esseri umani e diventa ancora

Dettagli

La Politica aziendale dell A.S.S. n. 1 Triestina per l allattamento al seno e l alimentazione dei bambini

La Politica aziendale dell A.S.S. n. 1 Triestina per l allattamento al seno e l alimentazione dei bambini Ospedali & Comunità Amici dei Bambini uniti per la protezione, promozione e sostegno dell allattamento materno La Politica aziendale dell A.S.S. n. 1 Triestina per l allattamento al seno e l alimentazione

Dettagli

L allattamento al seno: una risorsa cm 0. Leonardo Speri

L allattamento al seno: una risorsa cm 0. Leonardo Speri L allattamento al seno: una risorsa cm 0 Leonardo Speri, e il latte materno? Benché sia già stato detto continuiamo a sprecare non solo e non tanto un nutrimento, ma una sorgente (stra)ordinaria di energie

Dettagli

LA NASCITA Credenze, attualità e curiosità

LA NASCITA Credenze, attualità e curiosità C l a u d i o P a g a n o t t i LA NASCITA Credenze, attualità e curiosità Prefazione di Attilio Gastaldi Marco Serra Tarantola Editore SOMMARIO Prefazione...7 Introduzione...9 1. LA NASCITA TRA STORIE

Dettagli

CORSO DI PREPARAZIONE ALLA NASCITA

CORSO DI PREPARAZIONE ALLA NASCITA A.I.E.D Associazione Italiana Educazione Demografica Sezione Livia Bottardi Milani - Brescia CORSO DI PREPARAZIONE ALLA NASCITA Condotto da: Valentina Cornali, ostetrica Dott.ssa Nadia Ghirardi, psicologa

Dettagli

Comune di Romano d Ezzelino VIA G. GIARDINO, 105 ROMANO D EZZELINO (VI)

Comune di Romano d Ezzelino VIA G. GIARDINO, 105 ROMANO D EZZELINO (VI) L Asilo Nido Comunale Girotondo VIA G. GIARDINO, 105 ROMANO D EZZELINO (VI) 1 PREMESSA L allattamento al seno costituisce il miglior metodo alimentare per garantire una sana crescita ed un sano sviluppo

Dettagli

AISMEL Associazione Italiana Studio Malformazioni Esterne e Labiopalatoschisi

AISMEL Associazione Italiana Studio Malformazioni Esterne e Labiopalatoschisi AISMEL Associazione Italiana Studio Malformazioni Esterne e Labiopalatoschisi LABIOPALATOSCHISI BABY CARE INFERMIERISTICO E COUNSELLING AI GENITORI Sala Gronchi, Tenuta di S. Rossore 4 Giugno 2011 Baby-

Dettagli

ACCOGLIERE, RILEVARE ed INTERVENIRE La valutazione del rischio in un servizio di emergenza

ACCOGLIERE, RILEVARE ed INTERVENIRE La valutazione del rischio in un servizio di emergenza ACCOGLIERE, RILEVARE ed INTERVENIRE La valutazione del rischio in un servizio di emergenza D.ssa Donatella Galloni Assistente Sociale Specialista Violenza Sessuale e Domestica (SVSeD) Fondazione IRCCS

Dettagli

NASCERE A ROMA ideato da: Laura Ricci

NASCERE A ROMA ideato da: Laura Ricci NASCERE A ROMA ideato da: Laura Ricci progetto di: LEELOO e STUDIOMAKER Ogni anno a Roma nascono circa 70 bambini al giorno. Anche oggi ne stanno nascendo 70. Se analizzassimo questo dato facendo un balzo

Dettagli

Azienda USL Valle d Aosta. Informazioni ostetriche sul. Parto Cesareo

Azienda USL Valle d Aosta. Informazioni ostetriche sul. Parto Cesareo Azienda USL Valle d Aosta Informazioni ostetriche sul Parto Cesareo Informazioni ostetriche sul Parto Cesareo In Italia e in Valle d Aosta, il parto cesareo (PC) riguarda ormai un caso di parto su tre.

Dettagli

Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore. Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente

Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore. Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente Legga attentamente questo foglio prima di usare questo medicinale perché

Dettagli

Questionario Informativo

Questionario Informativo Medicina del Dolore e Cure Palliative Questionario Informativo Gentile Signore, Gentile Signora, Le chiediamo solo pochi minuti del Suo tempo per compilare il presente questionario: poche domande che hanno

Dettagli

www.pacificprime.com

www.pacificprime.com Guida all assicurazione sanitaria individuale La maternità Una guida per aiutarvi a scegliere il miglior piano assicurativo per la maternità www.pacificprime.com info@pacificprime.com LA NOSTRA MISSIONE

Dettagli

Presentazione di Calma : La soluzione di alimentazione adatta per l allattamento al seno MEDELA

Presentazione di Calma : La soluzione di alimentazione adatta per l allattamento al seno MEDELA Presentazione di Calma : La soluzione di alimentazione adatta per l allattamento al seno MEDELA 1 2 MEDELA Con Calma, il vostro bambino può respirare, alimentarsi e fare una pausa proprio come al seno.

Dettagli