Programma di cooperazione transnazionale MED

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programma di cooperazione transnazionale MED 2014-2020"

Transcript

1 Analisi sulla cooperazione italiana al Programma di Cooperazione Transnazionale MED e raccomandazioni a supporto della delegazione nazionale Programma di cooperazione transnazionale MED

2 Indice 1. Obiettivi e metodologia Obiettivi Fonti e strumenti d indagine I temi affrontati nei progetti finanziati dal programma I temi dell Asse I temi dell Asse I temi dell Asse I temi dell Asse La partecipazione italiana al programma MED L intensità della cooperazione italiana La partecipazione all Asse La partecipazione all Asse La partecipazione all Asse La partecipazione all Asse La cooperazione tra i soggetti italiani e i partner dell area MED La partecipazione dei territori Stato di avanzamento e principali risultati dei progetti I principali risultati e l impatto dei progetti Problemi nell attuazione I progetti di capitalizzazione Swot analysis e raccomandazioni Appendice... 5 Annesso I - Elenco degli intervistati... 5 Annesso II - Questionario del sondaggio ai referenti di progetto... 5 Annesso II - Questionario del sondaggio ai referenti di progetto... 5 Annesso III - L intensità della leadership nell ambito del programma di cooperazione transnazionale MED (valori percentuali) Annesso IV - Partecipazione dei soggetti italiani ai quattro assi prioritari (valori assoluti) Annesso V - Principali risultati dei progetti frequenze in valore assoluto

3 1. Obiettivi e metodologia 1.1. Obiettivi La finalità del presente documento è quella di analizzare lo stato di attuazione del Programma di Cooperazione Transnazionale MED e di elaborare proposte e spunti di riflessione per la delegazione italiana partecipante alle riunioni della Task Force sul futuro Programma di Cooperazione Territoriale transnazionale MED Il lavoro di ricerca, finalizzato a fornire l evidenza empirica a fondamento delle raccomandazioni, è articolato nei seguenti obiettivi: 1. analisi dei temi che sono stati affrontati nei progetti; 2. analisi della partecipazione italiana al programma, attraverso: l identificazione dei soggetti italiani che hanno contribuito ai progetti finanziati; l analisi dell intensità della loro partecipazione; le caratteristiche delle partnership; 3. analisi dei principali risultati ottenuti dai progetti; 4. identificazione dei punti di forza e debolezza, opportunità e minacce dei diversi Assi prioritari del programma MED, in relazione alle caratteristiche delle partnership, ai temi, ai risultati raggiunti. In questo documento sono presentati i risultati delle attività di analisi condotte sui punti sopra citati. 1.2 Fonti e strumenti d indagine Al fine di garantire il raggiungimento di questi obiettivi, sono state utilizzate fonti e metodologie di ricerca diversificate. L analisi della partecipazione italiana è stata realizzata attraverso le seguenti attività: - l analisi dei dati del sistema Presage 1, contenente informazioni anagrafiche dei progetti e dei partner. Il modo in cui i dati sono stati raccolti e organizzati nel sistema Presage ha presentato vari limiti e per utilizzarne le informazioni sono stati creati due database in formato Microsoft Excel, uno avente come unità di analisi i progetti e un altro avente come unità di analisi i partner dei progetti. Nei due data base sono state effettuate delle ricodifiche e sono state aggiunte alcune variabili nuove (in particolare una sulle tipologie di attori partecipanti ai progetti ottenuta dalla ricodifica e dall accorpamento di variabili del sistema Presage). 1 Il sistema di monitoraggio PresageCTE è il sistema utilizzato dal Programma di Cooperazione Transnazionale MED per raccogliere dati sulla spesa e sulle caratteristiche dei progetti e dei partner. L accesso al sistema è stato reso possibile dalla Regione Toscana, che si desidera qui ringraziare, in qualità di National Contact Point del Programma in Italia. 2

4 - interviste telefoniche e faccia a faccia con i lead partner dei progetti finanziati nell ambito del programma MED. Sono state realizzate 12 interviste con i rappresentanti di enti capofila che hanno seguito le fasi di sviluppo dei progetti (l elenco degli intervistati è disponibile in appendice). I progetti sono stati selezionati in modo da essere rappresentativi dei diversi assi, dei diversi obiettivi specifici e dei diversi ambiti territoriali italiani. Le interviste sono state rivolte ad approfondire i seguenti aspetti: la storia del progetto; i suoi obiettivi, attività, risultati principali; caratteristiche e dinamiche interne ed esterne alle partnership (ruolo e contributo dei diversi partner, rapporto tra i diversi partner, rapporto con altri soggetti esterni ecc.); punti di forza e debolezza riguardanti le partnership (relazioni fra partner e capacità della partnership di garantire efficienza, efficacia e continuità del progetto ecc.), la pianificazione, l implementazione e i risultati dei progetti. - sondaggio ai capofila italiani dei progetti finanziati (in corso e terminati) dal Programma di Cooperazione Transnazionale MED Il sondaggio online è stato rivolto soprattutto a cogliere le principali caratteristiche delle partnership (dimensione, composizione, dinamiche relazionali) e il tipo di risultati raggiunti. I destinatari del sondaggio sono stati i project manager dei progetti e, dove non presenti/rintracciabili, altri referenti istituzionali indicati nel data base on line dei progetti accessibile dal sito web del programma MED capofila hanno risposto alla quasi totalità delle domande del sondaggio. I risultati sono stati utilizzati per arricchire i risultati dell analisi e sono stati inseriti in una serie di box a completamento dei paragrafi. L analisi dei temi affrontati nei progetti è effettuata a partire dalla banca dati Presage. La banca dati consente di individuare assi, obiettivi specifici e contenuti dei singoli progetti finanziati (terminati e in corso) e di identificare gli attori che sono stati protagonisti sui diversi temi. Attraverso le interviste è stato invece possibile indagare i motivi in base ai quali certi soggetti hanno partecipato poco/per niente allo sviluppo di certe tematiche nei progetti MED. L analisi della partecipazione italiana è condotta facendo riferimento dei partecipanti italiani al Programma (372), mentre le analisi dei temi e delle caratteristiche dei progetti sono condotte facendo riferimento all universo dei progetti approvati dal Programma, sia in corso che conclusi (per un totale di 144 progetti). L analisi dei risultati è effettuata in base a: interviste telefoniche e faccia a faccia; 2 3

5 sondaggio online destinato ai capofila italiani dei progetti; analisi dei documenti dei progetti contenti informazioni sui risultati finali dei progetti. Nella SWOT analysis confluiscono tutti i dati e le informazioni su aspetti di criticità/forza, minacce/opportunità emersi nel corso delle attività di ricerca. La SWOT è effettuata per ciascun Asse e tiene conto di: temi forti e deboli, identificati a partire dalla capacità del programma di attrarre soggetti e territori su determinati assi/obiettivi e tematiche specifiche; punti di forza e debolezza delle partnership (la loro composizione, il contributo dei diversi soggetti alle diverse fasi/attività dei progetti ecc.); il tipo di risultati ottenuti dai progetti e l impatto potenziale nel medio e nel lungo termine. Le raccomandazioni per la nuova programmazione sono sviluppate sulla base della SWOT analysis. 4

6 2. I temi affrontati nei progetti finanziati dal programma L analisi dei 144 progetti finanziati dal Programma di Cooperazione Transnazionale MED ha consentito di individuare temi forti e temi deboli sviluppati dalle partnership. L analisi dei temi è stata effettuata analizzando sistematicamente i contenuti delle descrizioni dei progetti accessibili dal sistema Presage. La ricorrenza dei temi (cfr. la tab. n. 1) riflette l investimento finanziario e il numero di progetti realizzati sui diversi assi prioritari ed obiettivi specifici. Nella tab. n. 2 è possibile osservare che l Asse 1 e l Asse 2 sono quelli sui quali sono stati realizzati il numero più alto dei progetti (rispettivamente 60 e 48) e sui quali sono state allocate la maggior parte delle risorse FESR. Di molto inferiore l investimento sull Asse 3 e sull Asse 4 sia in termini di progetti che di finanziamenti concessi. I temi sono distinguibili in temi forti e deboli, a seconda della loro ricorrenza nei progetti approvati 3. Tab. n. 1 - Ricorrenza di temi specifici nei progetti finanziati dal programma operativo MED * Temi specifici Ricorrenza Asse cooperazione fra enti pubblici e attori dello sviluppo economico 1 tecnologie 1 conoscenza/know-how 1 energia rinnovabile/efficienza energetica 2 1 gestione/tutela delle risorse e del patrimonio naturale 2 porti 3 sviluppo sostenibile 4 governance policy Sono stati considerati temi forti quelli che presenti in progetti per asse (quelli a cui sono stati attribuite quattro e cinque stelle nella tab. n. 1) mentre sono considerati deboli quelli presenti 1-10 volte (ovvero quelli a cui sono state attribuiti da una a tre stelle). 5

7 design 1 agricoltura/agro-food 1 prevenzione dai rischi naturali 2 intermodalità/multimodalità 3 management 1 cultura 1 4 creatività 1 prevenzione rischi marittimi 2 prevenzione e contrasto dell inquinamento 2 sicurezza marittima 2 informazioni 3 ICT 3 logistica 3 ferrovie 3 trasporti locali 3 sviluppo policentrico 4 turismo 4 * la ricorrenza è espressa in stelle corrispondenti al numero di volte in cui il tema è presente nei progetti dei diversi assi: 1-5 = ; 6-10 = ; = ; 16-20= ; 21-25= Fonte: nostra elaborazione su dati Presage 6

8 Tab. n. 2 - Numero di progetti approvati ed ammontare dei fondi FESR per asse prioritario ed obiettivo Assi e obiettivi del programma operativo MED Totale progetti approvati Totale fondi FESR Asse 1 - Rafforzamento delle capacità innovative Ob Disseminazione di know-how e tecnologie innovative Ob. 1.2 Rafforzamento della cooperazione strategica fra attori dello sviluppo economico ed enti pubblici ,436,896 30,179,861 35,257,035 Asse 2 Protezione dell ambiente e promozione di uno sviluppo territoriale sostenibile Ob Protezione e miglioramento del patrimonio e delle risorse naturali Ob Promozione delle energie rinnovabili e miglioramento dell'efficienza energetica Ob Prevenzione dei rischi marittimi e rafforzamento della sicurezza marittima Ob Prevenzione e contrasto dei rischi naturali ,673,739 22,020,522 34,676,089 8,617,027 3,354,500 Asse 3 Miglioramento della mobilità e dell accessibilità territoriale Ob. 3.1 migliorare l accessibilità marittima e il transito di capacità attraverso l intermodalità e la multimodalità Ob. 3.2 sostenere l uso delle ICT per migliorare l accessibilità e la cooperazione territoriale ,142,335 23,122,128 5,020,207 Asse 4 Promozione dello sviluppo policentrico e integrato dello spazio MED Ob. 4.1 coordinamento delle politiche di sviluppo e del miglioramento della governance territoriale Ob. 4.2 rafforzare le identità e migliorare le risorse culturali per integrare lo spazio MED ,305,035 Fonte: nostra elaborazione su dati Presage 7

9 2.1 I temi dell Asse 1 Il box seguente mostra i temi toccati nei progetti finanziati sull Asse 1, dedicato al rafforzamento delle capacità innovative. Temi specifici affrontati nei progetti Ricorrenza dei temi cooperazione fra enti pubblici e attori dello sviluppo economico tecnologie conoscenza/know-how energia rinnovabile/efficienza energetica governance policy design agricoltura/agro-food management cultura creatività Coerentemente con gli obiettivi specifici dell Asse 1 fra i temi più forti vi sono quello della cooperazione strategica fra attori dello sviluppo economico ed enti pubblici e quello del trasferimento di conoscenze e know-how. Su quest Asse è stato finanziato il numero più elevato di progetti (60 in totale) che sono stati rivolti in particolar modo alle piccole e medie imprese e più verso alcuni settori che altri. Uno dei temi più affrontati e finanziati dal programma è stato quello della disseminazione di know-how e tecnologie innovative (ob. 1.1). In particolare, i progetti sono stati incentrati sullo sviluppo delle capacità e delle conoscenze, soprattutto ICT, delle imprese dei settori dell energia sostenibile, dell agricoltura/agro-food, della cultura/creatività/design. Due progetti sono rivolti all industria del mobile, due all industria floreale. Sono presenti anche progetti rivolti a promuovere l innovazione delle imprese del settore nautico, dell industria ittica, del commercio al dettaglio, della tutela della biodiversità animale ecc. L obiettivo del rafforzamento della cooperazione strategica fra attori dello sviluppo economico ed enti pubblici (ob. 1.2) è stato uno di quelli maggiormente perseguiti dai soggetti partecipanti ed è stato quello più sostenuto finanziariamente. Nei progetti il tema della cooperazione fra istituzioni pubbliche e gli attori dello sviluppo economico (soprattutto le piccole e medie imprese) è infatti molto ricorrente. Si fa riferimento allo sviluppo della cooperazione fra gli attori della ricerca e quelli dell industria ed a quella fra le imprese e i policy makers. I temi riguardanti altri tipi di innovazione e di trasferimento di know-how, come quelli riguardanti le innovazioni nei processi di sviluppo e integrazione delle 8

10 policy e i modelli di governance, sono nel complesso più deboli. Un progetto di capitalizzazione ha la finalità di sostenere l accesso all investimento privato da parte delle piccole e medie imprese. Obiettivi Asse 1 La relazione fra i temi dei progetti e gli obiettivi dell Asse Disseminazione di know-how e tecnologie innovative 1.2 Rafforzamento della cooperazione strategica fra attori dello sviluppo economico ed enti pubblici Fra i temi più presenti, il trasferimento di know-how riguarda soprattutto conoscenze in campo ICT ed è rivolto prevalentemente alle piccole e medie imprese. Temi riguardanti altri tipi di innovazione (es. nuovi modelli di governance o innovazioni nei processi di sviluppo/integrazione di policy) sono meno presenti. Ad esempio il progetto MEDLAB ha supportato la costruzione di una struttura di governance che potesse favorire la sinergia tra R&D e le strategie regionali e locali. Il tema della cooperazione fra enti diversi è molto diffuso nei progetti ed è inteso in particolare come cooperazione fra centri del sapere (università, organismi di ricerca) e le imprese di alcuni settori economici specifici (energia sostenibile, agricoltura/agro-food, industria culturale). 2.2 I temi dell Asse 2 La tabella mostra i temi affrontati dai progetti dell Asse 2, focalizzato sulla protezione dell ambiente e lo sviluppo sostenibile. Temi specifici affrontati nei progetti energia rinnovabile/efficienza energetica gestione/tutela delle risorse e del patrimonio naturale prevenzione dai rischi naturali prevenzione rischi marittimi prevenzione e contrasto dell inquinamento sicurezza marittima Ricorrenza dei temi Il tema più frequente nei progetti dell Asse 2 sono quelli dell efficienza energetica e delle energie rinnovabili. Il tema dell efficienza energetica in particolare è associato all obiettivo di promuovere l uso di strumenti, metodologie e anche di materiali per il miglioramento della performance di specifici settori (edilizia pubblica e privata, edilizia scolastica, sistemi idrici, parchi tecnologici). Un altro tema forte è quello della gestione e tutela delle risorse naturali (nei progetti si fa riferimento a risorse ambientali e paesaggistiche, alla biodiversità ecc.). La protezione dell ambiente è spesso legata alla ricerca di metodologie e strumenti di gestione e pianificazione del patrimonio ambientale, costiero, marittimo e idrico. Più deboli sono i temi della prevenzione dei rischi naturali (come incendi, incidenti legati al climate change ecc.) e dei rischi marittimi e quello della sicurezza marittima. Questi ultimi due temi sono associati allo sviluppo di sistemi integrati di controllo e comunicazione e all uso delle tecnologie. 9

11 Obiettivi Asse 2 La relazione fra i temi dei progetti e gli obiettivi dell Asse Protezione e miglioramento del patrimonio e delle risorse naturali Promozione delle energie rinnovabili e miglioramento dell efficienza energetica Prevenzione dei rischi marittimi e rafforzamento della sicurezza marittima Prevenzione e contrasto dei rischi naturali Il tema della protezione delle risorse naturali è uno dei più ricorrenti nei progetti dell Asse ed è declinato soprattutto come protezione del patrimonio ambientale, paesaggistico, idrico, costiero, marittimo: ad esempio, il progetto APICE sviluppa ha sviluppato strategie comuni per la riduzione delle emissioni dei porti, delle industrie e delle città mentre il progetto FREE MED si è occupato della gestione dei territori fluviali e delle loro risorse. In un caso si fa riferimento alla salvaguardia della biodiversità. Il tema dell efficienza energetica è quello più diffuso dell Asse ed è associato all obiettivo di promuovere l uso di strumenti, metodologie e materiali per il miglioramento della performance energetica in specifici settori - edilizia pubblica e privata (Es: SCORE, ELIH-MED), edilizia scolastica (Es: Teeenergy Schools), sistemi idrici, parchi tecnologici. Rischi marittimi e sicurezza marittima sono temi poco presenti nell asse. Sono associati allo sviluppo di sistemi integrati di controllo e comunicazione e all uso delle tecnologie. Il tema dei rischi naturali è nel complesso poco presente. Nei progetti il riferimento è ad incendi come ad esempio i progetti PROTECT e CYPFIRE mirano alla protezione delle foreste dai rischi incendiari mentre altri sviluppano incidenti legati al climate change il progetto CATMED mira a prevenire i rischi legati al cambiamento climatico attraverso la promozione di un modello urbano sostenibile. 2.3 I temi dell Asse 3 Temi specifici affrontati nei progetti porti intermodalità/multimodalità informazioni ICT logistica ferrovie trasporti locali Ricorrenza dei temi Come mostra il quadro sopra, i temi più forti dell asse 3, focalizzato sull accessibilità e la mobilità territoriale, sono quelli relativi ai porti e alle infrastrutture portuali. Su 18 dei progetti finanziati da quest asse ben 15 riguardano l obiettivo 3.1, rivolto a migliorare l accessibilità marittima e il transito di capacità attraverso l intermodalità e la multimodalità. L accessibilità è declinata soprattutto come una questione di interconnessione fra infrastrutture e sistemi di trasporto via 10

12 mare e via terra. La maggior parte dei progetti sono incentrati sulla creazione e lo sviluppo di connessioni fra navi e infrastrutture sulla terraferma e sulla messa in rete dei diversi attori chiave dell accessibilità e della mobilità marittima attraverso la creazione di reti, lo sviluppo di sistemi per lo scambio di informazioni, la creazione e il test di specifici modelli di governance. Un progetto è dedicato al trasporto di un tipo specifico di merci (prodotti chimici) sia su acqua che su rotaia. Solo due progetti sono dedicati ai trasporti locali. È il caso di un progetto rivolto a promuovere i trasporti sostenibili con l uso delle biciclette e di un altro progetto sull integrazione del trasporto pubblico locale. I progetti che rispondono all obiettivo 3.2 invece sono solo 3. L uso e il trasferimento delle tecnologie usati per migliorare l accessibilità e la cooperazione territoriale sono orientati a: migliorare i sistemi informativi dei porti; trasferire le tecnologie da un porto a un interporto; e-logistics systems; usare e rendere accessibili le informazioni del settore pubblico; creare soluzioni ICT per il management di sistemi informativi usati dai porti per le loro attività; ICT e servizi cargo telematici. Obiettivi Asse 3 La relazione fra i temi dei progetti e gli obiettivi dell Asse migliorare l accessibilità marittima e il transito di capacità attraverso l intermodalità e la multimodalità 3.2 sostenere l uso delle ICT per migliorare l accessibilità e la cooperazione territoriale L accessibilità marittima è promossa nei progetti come una questione di interconnessione fra infrastrutture e sistemi di trasporto via mare e via terra e di messa in rete dei diversi attori chiave. I porti e le infrastrutture portuali sono i temi più ricorrenti: i progetti FUTURMED e MEDNET sviluppano nuovi modelli di informazione e gestione dei porti mentre altri tipi di trasporti/infrastrutture sono molto meno citati. Meno diffusi sono i temi dell intermodalità/multi modalità: il progetto TRANSit si occupa di sviluppare una piattaforma informativa per gestire i flussi di trasporto. I temi della diffusione delle informazioni e delle ICT, seppur presenti, sono poco ricorrenti. 2.4 I temi dell Asse 4 Temi specifici affrontati nei progetti sviluppo sostenibile governance policy cultura sviluppo policentrico turismo Ricorrenza dei temi 11

13 Il tema dello sviluppo sostenibile è il tema più forte dell Asse 4 Promozione dello sviluppo policentrico e integrato dello spazio MED. I progetti dell Asse 4 sono stati rivolti soprattutto a sviluppare proposte e modelli di governance e di policy sullo sviluppo sostenibile. Gran parte dell attenzione è stata rivolta allo scambio di strumenti di governance, al miglioramento della governance territoriale attraverso proposte di policy e alla sperimentazione di modelli di governance. Le politiche alle quali viene fatto riferimento nei progetti sono soprattutto politiche forestali, politiche per l agricoltura, la sostenibilità urbana, il turismo. Il tema dello sviluppo policentrico, che è una delle finalità dell Asse 4 insieme a quello dello sviluppo integrato, è stato complessivamente poco sviluppato nei progetti. Una delle eccezioni è rappresentata dal progetto In.flow.ence, che fa della produzione di un modello di analisi, monitoraggio e management dei flussi centro-periferia il suo obiettivo principale. Il progetto è rivolto a valorizzare le relazioni centro-periferia (economiche e logistiche) al fine di rafforzare il potenziale di competitività dei territori. Nella maggior parte dei progetti viene sviluppato invece il tema dello sviluppo integrato, che è perseguito soprattutto attraverso lo sviluppo di reti e di modelli di governance multilivello e di piani di gestione integrata di specifici temi (in particolare sullo sviluppo sostenibile). Il fare integrazione è quindi interpretato nei progetti come un integrazione fra attori di diverso livello istituzionale (es. piccoli centri-città grandi) e fra attori di diverso tipo (es. enti locali-attori economici). Debole è anche il tema delle risorse culturali, sebbene costituisca il focus di un obiettivo specifico dell Asse. Obiettivi Asse 4 La relazione fra i temi dei progetti e gli obiettivi dell Asse coordinamento delle politiche di sviluppo e del miglioramento della governance territoriale 4.2 rafforzare le identità e migliorare le risorse culturali per integrare lo spazio MED I temi della governance e delle policy di sviluppo sostenibile sono i più frequenti di quest Asse. Il progetto IN.FLOW.ENCE sviluppa una governance multilivello per la pianificazione delle strategie di sviluppo integrato. Cultura e turismo sono temi poco presenti nei progetti. Un esempio è il progetto C.U.L.T.U.R.E. che si occupa della protezione del patrimonio storico urbano e della conformazione del territorio. In conclusione, i temi più forti ovvero più ricorrenti sono quelli relativi all Asse 1 e all Asse 2. Per il primo, si registra un interesse dei partner soprattutto verso i temi della cooperazione fra enti pubblici e privati, della produzione e/o del trasferimento di conoscenze e know-how e delle ICT. Il tema della cooperazione fra enti diversi è inteso in particolare come cooperazione fra università/enti di ricerca e le imprese di alcuni settori economici specifici (energia sostenibile, agricoltura/agro-food, industria culturale). Anche i temi dell efficienza energetica e delle energie rinnovabili sono rintracciabili molto frequentemente nei progetti finanziati dall Asse 1 e costituiscono, insieme a quelli della gestione/tutela delle risorse e del patrimonio naturale, i temi più presenti anche per l Asse 2. I temi più forti dell Asse 3 e dell Asse 4 sono invece quelli riguardanti i porti e lo sviluppo sostenibile. 12

14 I temi più deboli dell Asse 1 e 2 sono quelli relativi a cultura e creatività, innovazione di governance e di policy, agricoltura/agro-food, la prevenzione dai rischi naturali e dei rischi marittimi, la prevenzione e il contrasto dell inquinamento. Per quanto riguarda gli Assi 3 e 4, i temi della diffusione delle informazioni e delle ICT e quelli della cultura e del turismo sono nel complesso poco presenti nei progetti finanziati dal programma. Lo stesso vale per il concetto di intermodalità/multimodalità nonostante costituisca un obiettivo esplicito dell Asse La partecipazione italiana al programma MED 3.1 L intensità della cooperazione italiana Il programma MED è fortemente caratterizzato dalla presenza di soggetti italiani che sono capofila di progetto nel 43% dei casi (cfr. Annesso III in appendice), contro il 26% della Spagna, il 16% della Grecia e il 10% della Francia. L Italia partecipa al programma con il numero più elevato di regioni (18) rispetto agli altri paesi dell area MED e con un totale di 372 partner su 1388 complessivi (sia dei progetti chiusi che in corso). Dai dati ricavati dal sistema Presage è stato possibile osservare quali tipi di attori hanno partecipato ai progetti MED. 4. I soggetti italiani che partecipano ai progetti di cooperazione MED con più intensità sono in assoluto le Regioni che rappresentano il 26% dei soggetti seguite da altri enti (24%) e da altre autorità locali (22%). Molto minore è la partecipazione delle agenzie pubbliche e degli enti statali (tra 8 e 9%) con un picco sull asse 2 (16%) e una partecipazione minimale sull asse 4 (2%). I soggetti appartenenti al settore no profit rappresentano il 7% mentre gli operatori economici non vanno oltre il 3% seppur arrivano al 6% sull asse 1. 4 La variabile relativa alla tipologia di partner utilizzata nel sistema presenta dei limiti metodologici sia nel modo di classificare i soggetti che nella fase di inserimento dei dati (essi sono stati fatti dagli stessi soggetti partecipanti). 13

15 Assi Totale Soggetti Italiani Operatori economici 6% 2% 2% 2% 3% Organizzazioni no profit, associazioni.. 9% 7% 2% 5% 7% Altri enti 35% 14% 17% 26% 24% Altre autorità locali 18% 27% 23% 23% 22% Agenzie Pubbliche 7% 8% 15% 4% 8% Regioni 21% 25% 32% 39% 26% Enti Statali 6% 16% 9% 2% 9% Totale 100% 100% 100% 100% 100% Casi Partner Stranieri Assi Totale Operatori economici 2% 1% 3% 0% 1% Organizzazioni no profit, associazioni 10% 7% 14% 5% 9% Altri enti 51% 33% 38% 34% 41% Altre autorità locali 7% 16% 7% 16% 11% Agenzie Pubbliche 14% 14% 14% 13% 14% Regioni 9% 11% 9% 27% 12% Enti Statali 8% 17% 16% 6% 12% Totale 100% 100% 100% 100% 100% Casi Le organizzazioni no profit straniere partecipano in misura leggermente maggiore (9%) di quelle italiane (7%) e la differenza maggiore si nota nella partecipazione all asse 3 (2% soggetti italiani e 14% soggetti stranieri). Nettamente maggiore sembra essere la partecipazione di soggetti stranieri appartenenti alla categoria altri enti (41%) mentre soggetti stranieri appartenenti alla categoria altre autorità locali partecipano in misura minore (11%) rispetto ai soggetti italiani (22%). Le agenzie pubbliche straniere si distribuiscono in maniera uguale sui vari assi mentre in Italia si concentrano sull asse 3. E importante notare che le regioni italiane partecipano in misura significativamente maggiore rispetto a quelle straniere (12%). Gli enti statali stranieri risultano più presenti degli altri soggetti (12%) rispetto all Italia con una concentrazione più elevata sull asse 2 e 3. Dopo il confronto con i partner stranieri approfondiamo la tipologia di soggetti italiani sugli assi utilizzando la nostra classificazione 5. Fra questi, gli attori che partecipano di più in termini assoluti 5 La classificazione dei soggetti è stata fatta attraverso la distinzione dei soggetti pubblici in istituzionali (Regioni, Province, Comuni e Comunità Montane) e non istituzionali (agenzie regionali e provinciali, università insieme ai centri di ricerca pubblici e i parchi scientifici). Altri soggetti hanno formato categorie distinte (camere di commercio, autorità portuali, parchi naturali, associazioni di categoria, imprese), mentre si è provveduto ad accorpare le associazioni del terzo settore, le associazioni e i think tank da una parte e le università, i parchi scientifici e gli enti di ricerca pubblici. 14

16 sono le regioni (96), dalle organizzazioni del terzo settore, onlus, associazioni e think thank (47) seguiti dalle province (46) e dalle agenzie regionali, provinciali e comunali per l ambiente, per l energia e lo sviluppo (46). Significativa è anche la partecipazione di università, parchi scientifici, centri di ricerca pubblici (43). Seguono comuni e comunità montane, imprese e autorità portuali. Una quota minore dei partecipanti ai progetti è composta da associazioni di categoria, camere di commercio, enti di formazione e scuole private, enti parco e altri enti. Fig. n. 1 Intensità di partecipazione e leadership dei soggetti italiani ai progetti MED (valori assoluti) Altro Terzo settore/onlus/associazioni/think Imprese/operatori privati Enti di formazione/scuole private Associazioni di categoria Camera di commercio Parco naturale Autorità portuale Università/parco scientifico/centro di ricerca pubblico Agenzia Regionale/provinciale Comune/COM montana Provincia Regione Partner Leader Fonte: nostra elaborazione su dati Presage Se consideriamo il numero medio dei partner partecipanti ai progetti dei diversi assi, emerge che ai progetti dell Asse 1 partecipano in media 2.4 soggetti italiani mentre ai progetti dell Asse 2 partecipano in media 2.5 soggetti italiani. Le medie più alte sono quelle dell Asse 3 e dell Asse 4. Sui progetti dell Asse 3 sono infatti presenti una media di 2.9 partner italiani mentre su quelli dell Asse 4 la media sale a dei 15 rispondenti al questionario hanno dichiarato che ci sono dei soggetti che avrebbero voluto partecipare e non hanno partecipato ai progetti di cooperazione. Tra le ragioni addotte dai rispondenti si evidenziano problemi legati alla disponibilità finanziaria e la scelta di evitare una partecipazione eccessiva di attori di alcune aree geografiche. 15

17 Tab. n. 3 - La partecipazione dei soggetti italiani ai quattro assi prioritari (valori percentuali) Tipologia di soggetto Asse 1 Asse 2 Asse 3 Asse 4 Totale (valori percentuali) Totale (valori assoluti) Regione 20% 24% 32% 39% 26% 96 Terzo settore/ Onlus/associazioni/think tank 12% 10% 6% 26% 13% 47 Provincia 10% 17% 6% 14% 12% 46 Agenzie regionali e provinciali 18% 12% 4% 7% 12% 46 Università/centri di ricerca pubblici/parchi scientifici 13% 17% 6% 4% 12% 43 Comune/Comunità Montana 3% 9% 8% 9% 6% 24 Imprese, operatori economici privati 5% 2% 13% 2% 5% 18 Autorità portuali 1% 2% 25% 0% 5% 17 Associazioni di categoria 8% 1% 0% 0% 3% 12 Camera di commercio 7% 1% 0% 0% 3% 11 Parchi naturali 0% 3% 0% 0% 1% 4 Enti di formazione/scuole private 2% 1% 0% 0% 1% 4 Altro 1% 2% 2% 0% 1% 4 Totale (valore assoluto) Fonte: nostra elaborazione su dati Presage Sul totale dei partner le regioni sono presenti per più di un quarto (26%) e sono fortemente presenti sull asse 4 (41%). Con una presenza molto simile sul totale degli assi, il terzo settore (13%) si concentra sull asse 4 con una presenza del 26%, secondo solo alle regioni. Le province esibiscono 16

18 una presenza sui diversi assi pari al 12% e sono i soggetti più presenti sull asse 2. Le agenzie regionali e provinciali hanno la stessa partecipazione delle province sul totale degli assi e rappresentano il soggetto più presente sull asse 1. Le università e gli enti scientifici pubblici partecipano per il 12% e rappresentano il soggetto più presente sull asse 2 rispetto agli altri, al pari delle province. I comuni e le comunità montane, le imprese e le autorità portuali hanno una presenza tra il 5% e il 6%. Le autorità portuali hanno una fortissima presenza sull asse 3 mentre sono quasi assenti sui restanti assi. Le associazioni di categoria e le camere di commercio esibiscono un tasso di presenza pari al 3% sui diversi assi concentrandosi sull asse 1 con una presenza tra 7 e 8%. Seguono parchi naturali, che seppur pesando poco sul totale degli assi si concentrano sull asse 2, gli enti di formazione e altri enti. 3.3 La partecipazione all Asse 1 Le partnership dell Asse 1 vedono tipicamente al loro fianco le regioni, gli attori della ricerca/conoscenza (università, centri di ricerca nazionali ecc.), le imprese stesse (soprattutto in consorzio) e/o altri soggetti come le camere di commercio e dell industria ed associazioni di categoria. Sull Asse 1, come su tutti gli altri Assi, i principali partner degli attori italiani sono nell ordine spagnoli, greci e francesi. Generalmente il ruolo di università/centri di ricerca nell ambito dei partenariati è appunto quello di trasferire conoscenze e know-how agli attori economici. I soggetti della ricerca possono essere visti come attori strategici per quest asse. Anche quando non sono capofila, il loro ruolo è cruciale sia in fase di sviluppo dell idea progettuale e redazione del progetto che per il trasferimento delle conoscenze e del know-how. Dalla tabella in appendice (Annesso IV) è possibile osservare la dimensione della partecipazione dei soggetti italiani partecipanti all Asse 1. In termini assoluti a prevalere sono le regioni e le agenzie sviluppo regionali e provinciali. Seguono università/centri di ricerca/parchi tecnologici, il terzo settore, province, associazioni di categoria e imprese, camere di commercio). Si segnalano due consorzi per lo sviluppo industriale, un consorzio per il biologico, uno sulla casa, un centro sperimentale del mobile e dell arredamento, un centro per arredi di legno, una società di tecnologie avanzate applicate, uno studio di progettazione/architettura, un consorzio per l'applicazione della ricerca e la creazione di aziende innovative, un distretto per la floricoltura. Non hanno invece partecipato istituti finanziari, Ministeri, organismi di certificazione e controllo, che pure erano previsti come possibili beneficiari dal programma (cfr. la tabella dei beneficiari in allegato). Si noti che i soggetti partecipanti a quest asse hanno privilegiato l obiettivo Rafforzamento della cooperazione strategica fra attori dello sviluppo economico ed enti pubblici rispetto all obiettivo Disseminazione di know how e tecnologie innovative (cfr. fig. n. 2) che è coerente con la bassa presenza di soggetti con competenze nel campo tecnologico. Se le imprese e gli enti di formazione hanno partecipato di più sull obiettivo 1.1, i centri di ricerca tra i quali il CNR, l ENEA, un osservatorio sul turismo e un centro di ricerca sull elettronica) hanno partecipato maggiormente all obiettivo

19 Fig. n. 2 - Incidenza dei partner sugli obiettivi dell Asse Disseminazione di know how e tecnologie innovative 57% 43% 1.2 Rafforzamento della cooperazione strategica fra attori dello sviluppo economico ed enti pubblici Fonte: nostra elaborazione su dati Presage Obiettivi Asse Disseminazione di know-how e tecnologie innovative 1.2 Rafforzamento della cooperazione strategica fra attori dello sviluppo economico ed enti pubblici Esempi di partnership Camera di commercio dell industria, dell artigianato e dell agricoltura italiana (capofila); camera di commercio e dell industria francese; camera di commercio e dell industria greca; camera della professioni greca; camera di commercio e dell industria spagnola; università spagnola; agenzia per l innovazione italiana; fondazione spagnola per un mercato della conoscenza e dell innovazione; fondazione greca per la ricerca. Consiglio nazionale delle ricerche italiano (capofila); Federazione spagnola di comuni e province; Business e innovation centre spagnolo; Regione italiana x; Regione italiana y; Business e innovation centre greco; Parco tecnologico e culturale greco; Regione greca; Università portoghese; Università di un paese esterno all Area MED. Provincia di città metropolitana italiana (capofila); consorzio sullo sviluppo industriale italiano; agenzia di sviluppo cretese; fondazione maltese; Regione greca; consorzio spagnolo per la promozione dell occupazione e dell economia. Nel corso delle interviste ai referenti dei progetti dell Asse 1 è emersa una certa difficoltà a coinvolgere le imprese. È il caso di un progetto avente fra i suoi obiettivi quello di diffondere i principi della responsabilità sociale tra le imprese, che hanno mostrato un basso livello d interesse. È stata segnalata inoltre la difficoltà di coinvolgere le associazioni di categoria, che sarebbero troppo politicizzate ed orientate ad altro.. non hanno una visione a lungo termine (cit. da intervista). Esse non esprimerebbero grande interesse a partecipare a programmi come il MED. Un 18

20 altro elemento di debolezza indicato nel corso delle interviste è rappresentato dal diverso peso politico-amministrativo dei partner di progetto e dalla conseguente diversità di capacità/competenze sia tecniche che gestionali che hanno comportato diversi tempi di attuazione delle varie attività. 3.4 La partecipazione all Asse 2 Le partnership dell Asse 2 riuniscono soprattutto regioni, enti locali (singoli o associati), università/centri di ricerca, agenzie regionali e provinciali e in misura minore enti e associazioni che si occupano della tutela e gestione del patrimonio naturale (es. enti parco, WWF ecc.). Ai progetti dell Asse 2 hanno partecipato nell ordine regioni (Dipartimenti delle Infrastrutture e dei Trasporti, quelli dell Ambiente e della Pianificazione territoriale, dell Agricoltura, Forestazione e Pesca), province, università/centri di ricerca pubblici/parchi scientifici, agenzie regionali e provinciali. Minore la partecipazione di comuni e comunità montane e poco rilevante quella di tutti gli altri enti. Si segnala la debole partecipazione degli enti dei parchi naturali (presenti solo su questo asse) e delle ONG/associazioni. Di queste partecipano unicamente realtà dell associazionismo molto strutturate e di esperienza consolidata (WWF, CITEMA, Legambiente). È importante notare la mancata partecipazione delle imprese dei settori rilevanti per l Asse (energia, risorse naturali) cosi come di organizzazioni per la promozione del turismo, di enti finanziari e di istituzioni per la protezione civile (indicati come beneficiari potenziali nel programma operativo). Se si considerano gli specifici obiettivi dell Asse, si può osservare che circa il 40% degli attori che hanno lavorato su progetti finanziati dall Asse 2 si è concentrato sull obiettivo Protezione e miglioramento del patrimonio e delle risorse naturali e un altro 40% sull obiettivo Promozione delle energie rinnovabili e miglioramento dell'efficienza energetica (cfr. fig. n. 3). Gli altri due obiettivi, Prevenzione dei rischi marittimi e rafforzamento della sicurezza marittima e Prevenzione e contrasto dei rischi naturali hanno avuto una capacità piuttosto limitata di attrazione. Sia le agenzie per l ambiente, l energia e lo sviluppo che le poche associazioni presenti nei progetti dell Asse 2 hanno lavorato esclusivamente sugli obiettivi 2.1 e 2.2; università e centri di ricerca hanno partecipato in misura significativa ai primi tre obiettivi e molto poco all ultimo obiettivo sulla prevenzione dei rischi naturali. Le Province hanno contribuito in modo consistente sui temi della tutela delle risorse naturali e dell efficienza energetica (obiettivi 2.1 e 2.2) mentre non hanno contribuito all obiettivo della protezione dei rischi marittimi e della sicurezza marittima (obiettivo 2.3); hanno partecipato solo marginalmente a progetti sulla protezione dai rischi naturali (obiettivo 2.4). Si noti la praticamente nulla partecipazione delle organizzazioni di categoria imprese e di consorzi specializzati nei settori di riferimento dell Asse 2. Bassa la partecipazione complessiva dei comuni, che è nulla sull obiettivo della prevenzione dai rischi marittimi (2.3). La Guardia Costiera invece ha partecipato ad un solo progetto riguardante la sicurezza marittima. 19

I soggetti della Programmazione MED 2014-2020

I soggetti della Programmazione MED 2014-2020 I soggetti della Programmazione MED 2014-2020 Sommario Introduzione... 1 1. I soggetti della nuova Programmazione MED... 2 1.1. Obiettivi e metodologia... 2 1.2. Indicazioni emerse dall analisi precedente

Dettagli

Interreg MED 2014-2020

Interreg MED 2014-2020 Interreg MED 2014-2020 http://interreg-med.eu/en/first-call-for-project-proposals/ Lo scorso 23 giugno a Marsiglia si è aperto ufficialmente il programma di cooperazione transnazionale Interreg MED. Queste

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO

PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO 1 PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO SICOMAR Indice 1. Obiettivi del Piano di comunicazione... 4 2. Il Target della comunicazione... 6 3. La strategia di comunicazione...

Dettagli

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

Il Programma MED 2014-2020

Il Programma MED 2014-2020 Il Programma MED 2014-2020 Obiettivo generale Promuovere una crescita sostenibile nel bacino mediterraneo favorendo pratiche innovative e un utilizzo ragionevole delle risorse (energia, acqua, risorse

Dettagli

PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space Programme 2014-2020

PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space Programme 2014-2020 PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space Programme 2014-2020 La presente scheda ha lo scopo di illustrare sinteticamente i contenuti del Programma di Cooperazione per il periodo 2014-2020, approvato dalla

Dettagli

Orientamenti per il POR del Veneto,

Orientamenti per il POR del Veneto, Orientamenti per il POR del Veneto, parte FESR 2014 2020 Venezia, 23 settembre 2013 Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Segreteria Generale della Programmazione Direzione Programmazione Orientamenti

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC

PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC Finalità: Obiettivo generale Migliorare, attraverso la cooperazione interregionale l efficacia dello sviluppo di politiche regionali nelle aree innovative, l economia della

Dettagli

URBACT III e il ruolo delle città per lo sviluppo urbano sostenibile in Europa

URBACT III e il ruolo delle città per lo sviluppo urbano sostenibile in Europa URBACT III e il ruolo delle città per lo sviluppo urbano sostenibile in Europa Il programma URBACT III Obiettivi e attività Aree tematiche 3 Tipi di network Beneficiari Come partecipare Calendario previsto

Dettagli

Osservazioni sulla proposta di Piano Strategico dell Area Vasta Brindisina Marzo 2009. Atto NVVIP n. 214 del 16 marzo 2009

Osservazioni sulla proposta di Piano Strategico dell Area Vasta Brindisina Marzo 2009. Atto NVVIP n. 214 del 16 marzo 2009 Osservazioni sulla proposta di Piano Strategico dell Area Vasta Brindisina Marzo 2009 Atto NVVIP n. 214 del 16 marzo 2009 La costruzione del PS Il percorso che ha condotto alla stesura del PS è ampiamente

Dettagli

La valutazione del contributo dei progetti MED alla programmazione regionale: l esperienza della Regione Puglia

La valutazione del contributo dei progetti MED alla programmazione regionale: l esperienza della Regione Puglia La valutazione del contributo dei progetti MED alla programmazione regionale: l esperienza della Regione Puglia La valutazione delle politiche internazionali delle regioni Caserta, 13 febbraio 2014 Brigida

Dettagli

ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità

ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità 9. ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità Un altra tipologia di strumentazioni di supporto alla concretizzazione di una pratica di sostenibilità, intesa prettamente

Dettagli

I bandi e le procedure previste per le proposte progettuali da finanziare:

I bandi e le procedure previste per le proposte progettuali da finanziare: Lodovico Gherardi 1 I bandi e le procedure previste per le proposte progettuali da finanziare: L esempio della Partecipazione della Regione Emilia-Romagna ai primi bandi dei Programmi di Cooperazione territoriale

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA - SLOVENIA

PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA - SLOVENIA PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA - SLOVENIA Finalità: Obiettivo generale Rafforzare l attrattività e la competitività dell area-programma ASSI PRIORITARIE 1 Ambiente, trasporti e integrazione territoriale sostenibile

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO MED Cooperazione Territoriale Transnazionale 2007-2013

PROGRAMMA OPERATIVO MED Cooperazione Territoriale Transnazionale 2007-2013 1 PROGRAMMA OPERATIVO MED Cooperazione Territoriale Transnazionale 2007-2013 OBIETTIVI L'obiettivo del programma Med, finanziato con fondi FESR è quello di far divenire l'intera area Mediterranea un territorio

Dettagli

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR)

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) UNA CULTURA, UNA TRADIZIONE, UN SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE: IL CASO DI CASTELLI (TE) Indicazioni progettuali per un analisi territoriale, per un progetto di

Dettagli

Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali

Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali A cosa servono queste linee guida? Queste linee guida identificano gli elementi la cui presenza è ritenuta necessaria per i progetti della Coalizione Nazionale

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 2 3 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE Il progetto In Pratica Idee alla pari e alcuni esempi di pratiche realizzate e di esperienze regionali di successo IRS Istituto per la Ricerca

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia/Francia Marittimo 2007-2013

Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia/Francia Marittimo 2007-2013 Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia/Francia Marittimo 2007-2013 ACRONIMO PROGETTO MA_R_TE + TITOLO PROGETTO OBIETTIVO GENERALE MARE, RURALITÀ E TERRA: POTENZIARE L UNITARIETÀ STRATEGICA Favorire

Dettagli

Le opportunità della Politica Regionale Unitaria 2007 2013 Cooperazione territoriale

Le opportunità della Politica Regionale Unitaria 2007 2013 Cooperazione territoriale Le opportunità della Politica Regionale Unitaria 2007 2013 Cooperazione territoriale Cagliari, T Hotel 10 giugno 2009 La cooperazione transfrontaliera All interno dell Obiettivo CTE, l intervento FESR

Dettagli

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Armando De Crinito Direttore Generale Vicario DG Attività produttive, Ricerca e Innovazione Regione

Dettagli

Sistemi di infomobilità merci e passeggeri per il miglioramento della competitività e della sosteniblità dei sistemi porto-hinterland dell area Med

Sistemi di infomobilità merci e passeggeri per il miglioramento della competitività e della sosteniblità dei sistemi porto-hinterland dell area Med Migliorare la competitività dei sistemi porto-hinterland dell area Med Sistemi di infomobilità merci e passeggeri per il miglioramento della competitività e della sosteniblità dei sistemi porto-hinterland

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

Cap. II L attuazione delle politiche di sviluppo in Abruzzo del periodo 2000-2006: inquadramento programmatiche e dati finanziari.

Cap. II L attuazione delle politiche di sviluppo in Abruzzo del periodo 2000-2006: inquadramento programmatiche e dati finanziari. Cap. II L attuazione delle politiche di sviluppo in Abruzzo del periodo 2000-2006: inquadramento programmatiche e dati finanziari. Premessa Per politiche di sviluppo intendiamo sia azioni di promozione

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

La Governance partenariale

La Governance partenariale La Governance partenariale Sommario Introduzione... 1 1. Modello di governance del partenariato per il Programma di cooperazione MED 2014-2020... 2 1.1. Introduzione... 2 1.2. Codice europeo di condotta

Dettagli

Il sistema scolastico ed educativo

Il sistema scolastico ed educativo Il sistema scolastico ed educativo La scuola, in provincia di Siena, in questi ultimi anni, è cresciuta in quantità e qualità. La popolazione scolastica, che ammonta nel 2008-2009 a 32.861 studenti, dalla

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 (CCI N 2007 IT 161 PO 008) Decisione della Commissione Europea C (2007) 6322 del 7 dicembre 2007

POR CALABRIA FESR 2007/2013 (CCI N 2007 IT 161 PO 008) Decisione della Commissione Europea C (2007) 6322 del 7 dicembre 2007 UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA FESR 2007/2013 (CCI N 2007 IT 161 PO 008) Decisione della Commissione Europea C (2007) 6322 del 7 dicembre 2007 ASSE I Ricerca Scientifica,

Dettagli

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020 Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020 Tiziana Dell Olmo Regione Piemonte, Settore Programmazione Macroeconomica Biella, 28 gennaio

Dettagli

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Domenico Merlani COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Linee di indirizzo Febbraio 2013 «Sviluppo del Territorio» significa lavorare per rendere il Lazio una regione attraente localmente e globalmente

Dettagli

Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia/Francia Marittimo 2007-2013

Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia/Francia Marittimo 2007-2013 Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia/Francia Marittimo 2007-2013 ACRONIMO PROGETTO TITOLO PROGETTO OBIETTIVO GENERALE DESCRIZIONE DEL PROGETTO Co.R.E.M. COOPERAZIONE DELLE RETI ECOLOGICHE

Dettagli

Cura del Documento: Giuseppe Gargano. Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia - Slovenia

Cura del Documento: Giuseppe Gargano. Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia - Slovenia Cura del Documento: Giuseppe Gargano Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia - Slovenia Tipologia di cooperazione Area eleggibile Transfrontaliera Ai sensi dell art. 7(1) del reg. 1083/2006,

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto.

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto. BANDO I PARCHI E LE AREE MARINE PROTETTE: UN PATRIMONIO UNICO DELL ITALIA Il contesto Il sistema delle Aree Naturali Protette in Italia (disciplinato dalla legge 394 del 6 dicembre 1991) rappresenta una

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO SPAZIO ALPINO 2007-2013

PROGRAMMA OPERATIVO SPAZIO ALPINO 2007-2013 PROGRAMMA OPERATIVO SPAZIO ALPINO 2007-2013 Finalità: Obiettivo generale Accrescere la competitività e l attrattività dell area di cooperazione sviluppando azioni comuni in tutti i campi che richiedono

Dettagli

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA IL SISTEMA PRODUTTIVO DELL EMILIA EMILIA-ROMAGNA ALCUNI PUNTI DI FORZA ALCUNI PUNTI DI DEBOLEZZA ALTO LIVELLO

Dettagli

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Adozioni nazionali e internazionali in Toscana: il quadro complessivo e i percorsi in atto per favorire l'inserimento scolastico dei bambini

Dettagli

La CSR in Italia. Alcune tendenze in atto

La CSR in Italia. Alcune tendenze in atto La CSR in Italia. Alcune tendenze in atto Sodalitas Social Solution www.sodalitas.socialsolution.it Sodalitas Social Solution è l Osservatorio on line sulla Responsabilità e la Sostenibilità delle Aziende,

Dettagli

IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE

IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE I SERVIZI DI ACCOMPAGNAMENTO ALLE IMPRESE PER LA PARTECIPAZIONE AI BANDI Ludovico Monforte EURODESK Brussels

Dettagli

Presentazione del Programma di Cooperazione Italia-Francia Marittimo 2014-2020. La cooperazione al cuore del Mediterraneo

Presentazione del Programma di Cooperazione Italia-Francia Marittimo 2014-2020. La cooperazione al cuore del Mediterraneo Presentazione del Programma di Cooperazione Italia-Francia Marittimo 2014-2020 La cooperazione al cuore del Mediterraneo Carta d identità Chi? 5 regioni di Francia e Italia: PACA, Corsica, Liguria, Toscana,

Dettagli

Europa, sostegno ed. ecomusei. Interessa? Partecipazione e reti. Con chi? In che ambiti? Con chi? Punti critici

Europa, sostegno ed. ecomusei. Interessa? Partecipazione e reti. Con chi? In che ambiti? Con chi? Punti critici Europa, sostegno ed Partecipazione e reti ecomusei Interessa? Cagliero, Maggi, Retilunghe. Gli ecomusei e l integrazione europea In che ambiti? Con chi? Cagliero, Maggi, Retilunghe. Gli ecomusei e l integrazione

Dettagli

I seguenti Enti, Istituzioni e Organizzazioni Economiche del territorio piacentino:........................

I seguenti Enti, Istituzioni e Organizzazioni Economiche del territorio piacentino:........................ PROTOCOLLO D INTESA per la promozione, ideazione, progettazione e realizzazione di iniziative del Sistema istituzionale, economico e sociale della provincia di Piacenza in vista della Esposizione Universale

Dettagli

FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30

FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30 PROGRAMMAZIONE 2014-2020 DEI FONDI SIE PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE GOVERNANCE E CAPACITA ISTITUZIONALE FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30 Il PON Governance e capacità istituzionale

Dettagli

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 ALL. A Accordo per l adesione alla fase applicativa degli Osservatori Turistici di Destinazione

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria. 16 novembre 2015

Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria. 16 novembre 2015 Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria 16 novembre 2015 1 Vision La nuova maggioranza crede fermamente nello sviluppo sostenibile della propria economia e nella possibilità di portare

Dettagli

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO COMMISSIONE 3: SERVIZI PER LO SVILUPPO LOCALE DEI TERRITORI Sintesi risultati incontro del 11 Marzo 2009 ASSISTENZA TECNICA A CURA DI: RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO

Dettagli

L'immagine del Sud Italia nel mondo: i risultati di una indagine demoscopica del Dipartimento per le Politiche di Sviluppo presso gli operatori

L'immagine del Sud Italia nel mondo: i risultati di una indagine demoscopica del Dipartimento per le Politiche di Sviluppo presso gli operatori 1 L INDAGINE Nel giugno 2003, il Servizio per le politiche dei Fondi strutturali comunitari del Dipartimento per le politiche di sviluppo del Ministero dell Economia e delle Finanze ha affidato, a seguito

Dettagli

Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali

Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali Obiettivo generale del POR FESR Abruzzo Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali ASSI PRIORITARI DI INTERVENTO: Ґ Ricerca

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

Europa 2020 Obiettivi:

Europa 2020 Obiettivi: Europa 2020 Obiettivi: 1. Occupazione 2. R&S innalzamento al 75% del tasso di occupazione (per la fascia di età compresa tra i 20 e i 64 anni) dell'ue aumento degli investimenti in ricerca e sviluppo al

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEI FONDI COMUNITARI 2014-2020

PROGRAMMAZIONE DEI FONDI COMUNITARI 2014-2020 PROGRAMMAZIONE DEI FONDI COMUNITARI 2014-2020 27 gennaio 2014 1 PROGRAMMAZIONE 2014-2020 DEI FONDI COMUNITARI SINTESI DEL PERCORSO E STATO DELL ARTE A. Negoziato Europeo Il 2 dicembre 2013 il Consiglio

Dettagli

PQU Regione Lazio MISE DPS Agenzia per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa S.p.A. Scheda Intervento AR-LAZ-01-SDF

PQU Regione Lazio MISE DPS Agenzia per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa S.p.A. Scheda Intervento AR-LAZ-01-SDF ALLEGATO 2 DEL. CIPE N. 7/2006 PROGRAMMI OPERATIVI DI SUPPORTO ALLO SVILUPPO 2007-2009 MIGLIORAMENTO DELLA COMMITTENZA PUBBLICA E ADVISORING PER LO SVILUPPO DI STUDI DI FATTIBILITA PQU Regione Lazio MISE

Dettagli

22 maggio 2013 INEA (sala Cinema, via nomentana 41, Roma

22 maggio 2013 INEA (sala Cinema, via nomentana 41, Roma 22 maggio 2013 INEA (sala Cinema, via nomentana 41, Roma Il contributo di Leader nel migliorare la governance locale: quale ruolo e quali compiti per i GAL Slide a cura di: Raffaella Di Napoli Rete Rurale

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Assessorato Attività Economiche Servizio Attività Produttive, Commercio e Turismo Ufficio Sportello Europa Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità

Dettagli

IL PROGETTO STRATEGICO ALTERENERGY

IL PROGETTO STRATEGICO ALTERENERGY CBC IPA ADRIATICO 2007 2013 IL PROGETTO STRATEGICO ALTERENERGY ALTERENERGY (Energy Sustainability for Adriatic Small Communities) è la nuova sfida per la sostenibilità ambientale che punta a favorire la

Dettagli

Aspetti economici e strutturali del sistema produttivo veneto in relazione agli assi di trasporto europei

Aspetti economici e strutturali del sistema produttivo veneto in relazione agli assi di trasporto europei Il nuovo Piano nazionale della logistica 2011-2020: effetti sul territorio veneto Aspetti economici e strutturali del sistema produttivo veneto in relazione agli assi di trasporto europei Gian Angelo Bellati

Dettagli

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Il programma di Sviluppo Italia

Dettagli

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 1. Istituzione del gruppo di lavoro Decisione della Conferenza delle Alpi in merito all istituzione del Gruppo di

Dettagli

CITTA DI GIUGLIANO IN CAMPANIA

CITTA DI GIUGLIANO IN CAMPANIA CITTA DI GIUGLIANO IN CAMPANIA (Provincia di Napoli) BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DEI PRIVATI AL FINE DELLA PIANIFICAZIONE PARTECIPATA PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO

Dettagli

L esperienza della Banca Dati BuoniEsempi.it. Rita Pastore Roma, 4 marzo 2010

L esperienza della Banca Dati BuoniEsempi.it. Rita Pastore Roma, 4 marzo 2010 L esperienza della Banca Dati BuoniEsempi.it Rita Pastore Roma, 4 marzo 2010 Mission Il progetto fin dal 2001 si è posto un duplice obiettivo: offrire alle P.A. - in particolare alle amministrazioni locali

Dettagli

PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita

PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita FONDI STRUTTURALI E DI COESIONE 2014/2020 PROGRAMMAZIONE EUROPEA: A livello europeo: Quadro Strategico Comune A

Dettagli

Un progetto territoriale condiviso. Giovanna Rossi Enrico Bartoletti Provincia di Livorno

Un progetto territoriale condiviso. Giovanna Rossi Enrico Bartoletti Provincia di Livorno Il Piano di Azione Congiunto per l Energia sostenibile dell Isola d Elba Un progetto territoriale condiviso Giovanna Rossi Enrico Bartoletti Provincia di Livorno LA RISPOSTA DEL JRC 2 Gli Interventi previsti

Dettagli

La proposta di Accordo di Partenariato 2014-2020 e la complementarità con i Programmi Tematici a gestione diretta

La proposta di Accordo di Partenariato 2014-2020 e la complementarità con i Programmi Tematici a gestione diretta #OPENFESR Dalle idee al commento del Programma Operativo FESR 2014-2020 La proposta di Accordo di Partenariato 2014-2020 e la complementarità con i Programmi Tematici a gestione diretta Raffaele Colaizzo

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

Progetto F.I.S.I.Agri Formazione Integrata per la Sostenibilità e

Progetto F.I.S.I.Agri Formazione Integrata per la Sostenibilità e Progetto F.I.S.I.Agri Formazione Integrata per la Sostenibilità e l Innovazione in Agricoltura Progetto finanziato dal FSE e dalla Provincia di Pistoia 1 Bando MM 2006-2007 FSE POR OB 3 mis. D1, C3 PROGETTI

Dettagli

REGIONANDO 2001. REGIONE PIEMONTE Settore Osservatorio Statistico Aspetti di qualità della vita nel Comune

REGIONANDO 2001. REGIONE PIEMONTE Settore Osservatorio Statistico Aspetti di qualità della vita nel Comune REGIONANDO 2001 Parte 1: Anagrafica REGIONE PIEMONTE Settore Osservatorio Statistico Aspetti di qualità della vita nel Comune Titolo del Progetto: Aspetti di qualità della vita nel Comune Amministrazione

Dettagli

La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale

La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale Il Consiglio dell Unione europea ha adottato a dicembre 2013 il Regolamento relativo al Quadro Finanziario Pluriennale per il periodo

Dettagli

5.1 Organizzazione delle fonti di finanziamento e coinvolgimento del settore privato

5.1 Organizzazione delle fonti di finanziamento e coinvolgimento del settore privato 5. IL PIANO FINANZIARIO 5.1 Organizzazione delle fonti di finanziamento e coinvolgimento del settore privato La predisposizione del piano finanziario per il POR della Basilicata è stata effettuata sulla

Dettagli

Assistenza tecnica funzionale alla

Assistenza tecnica funzionale alla definizione, alla identificazione ed alla gestione dei Sistemi Turistici Locali ed altri idonei strumenti di promozione turistico territoriale complementari agli STL, e utili allo sviluppo del settore

Dettagli

La nuova logica di realizzazione dei progetti. Fabio Girotto Regione Lombardia

La nuova logica di realizzazione dei progetti. Fabio Girotto Regione Lombardia La nuova logica di realizzazione dei progetti Fabio Girotto Regione Lombardia LE SCELTE STRATEGICHE DEL NUOVO PROGRAMMA Obiettivo Tematico 1 Priorità d investimento 1b (rapporti tra imprese e mondo della

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AGENZIA NAZIONALE PER I GIOVANI PROTOCOLLO D INTESA Tra la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e l Agenzia Nazionale per i Giovani in relazione alle attività e

Dettagli

PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space 2014-2020

PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space 2014-2020 PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space 2014-2020 La presente scheda ha lo scopo di illustrare sinteticamente i contenuti del Programma di Cooperazione per il periodo 2014-2020, approvato dalla Commissione

Dettagli

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020 Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020 Tiziana Dell Olmo, Regione Piemonte PROGRAMMAZIONE 2014-2020 IN PIEMONTE Programmi regionali

Dettagli

Il Progetto di Marketing Unitario (PMU) Livorno, 21 marzo 2014

Il Progetto di Marketing Unitario (PMU) Livorno, 21 marzo 2014 Il Progetto di Marketing Unitario (PMU) Livorno, 21 marzo 2014 Il quadro di riferimento Por Creo 2007-2013, Linea di intervento 5.3 Obiettivo dell' Attività 5.3. Por Creo 2007-2013: attivare progetti integrati

Dettagli

PROGRAMMA REGIONALE DI PROMOZIONE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE IN VENETO

PROGRAMMA REGIONALE DI PROMOZIONE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE IN VENETO giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2888 del 28 dicembre 2012 pag. 1/11 PROGRAMMA REGIONALE DI PROMOZIONE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE IN VENETO 2012-2013 ALLEGATOA alla Dgr

Dettagli

Sviluppo rurale e approccio LEADER nella programmazione2014-2020. Pierpaolo Pallara

Sviluppo rurale e approccio LEADER nella programmazione2014-2020. Pierpaolo Pallara Sviluppo rurale e approccio LEADER nella programmazione2014-2020 Pierpaolo Pallara Mesagne, 7 marzo 2014 In quale contesto si inserisce il nuovo processo di programmazione della politica di sviluppo rurale

Dettagli

IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO DELLA GALLURA NEL COMPARTO NAUTICO. I progetti prioritari per lo sviluppo del territorio. Olbia, 25 novembre 2011

IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO DELLA GALLURA NEL COMPARTO NAUTICO. I progetti prioritari per lo sviluppo del territorio. Olbia, 25 novembre 2011 IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO DELLA GALLURA NEL COMPARTO NAUTICO I progetti prioritari per lo sviluppo del territorio Olbia, 25 novembre 2011 INDICE DELLA PRESENTAZIONE 1. Il disegno strategico 2. Alcune

Dettagli

FONDI COMUNITARI E LORO UTILIZZAZIONE

FONDI COMUNITARI E LORO UTILIZZAZIONE FONDI COMUNITARI E LORO UTILIZZAZIONE Corso di formazione convenzionato da INPS per i dipendenti delle Amministrazioni pubbliche partecipanti al programma Valore P.A. A.A. 2015-2016 1. Finalità I Fondi

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

SPAZI PER BAMBINI E ADULTI

SPAZI PER BAMBINI E ADULTI PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE ISTRUZIONE, FORMAZIONE, LAVORO E POLITICHE SOCIALI allegato e Gruppo di Coordinamento Provinciale dei servizi integrativi SPAZI PER BAMBINI E ADULTI QUESTIONI, RIFLESSIONI

Dettagli

INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi.

INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi. INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi. Obiettivi generali Obiettivi specifici 5. Target: chi può partecipare 6. Progetto Pianifica T.U.:

Dettagli

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana L impegno per le famiglie adottive in Toscana. Lavorare insieme per favorire l inserimento e l accoglienza a scuola Firenze 23 gennaio 2014 Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo

Dettagli

BANDO DI CONTRIBUTO (ristretto) Preambolo

BANDO DI CONTRIBUTO (ristretto) Preambolo BANDO DI CONTRIBUTO (ristretto) Preambolo Il progetto DUE SPONDE. Sviluppo economico e promozione di imprese socialmente orientate nei dipartimenti d origine dell immigrazione peruviana in Italia, ha come

Dettagli

Circuito turistico integrato

Circuito turistico integrato ospiti di valore Circuito turistico integrato Terre di Siena Ospiti di Valore Codice di comportamento Art. 1 - Valori delle Terre di Siena Lo sviluppo economico delle Terre di Siena dipende dalla capacità

Dettagli

Misura 124 "Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale"

Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale Misura 124 "Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale" Consorzio Iniziative per la Formazione dei Divulgatori Agricoli

Dettagli

Il ruolo della valutazione e del sistema di governance delle pari opportunità nella programmazione 2007-2013

Il ruolo della valutazione e del sistema di governance delle pari opportunità nella programmazione 2007-2013 MELTING BOX - FIERA DEI DIRITTI E DELLE PARI OPPORTUNITA PER TUTTI TORINO Centro Congressi Lingotto, 22-24 ottobre 2007 Diritti e Pari Opportunità nella nuova programmazione comunitaria 2007-2013 Il ruolo

Dettagli

Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna. Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR

Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna. Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR Il POR FESR Emilia Romagna ASSE 1 Ricerca industriale e trasferimento tecnologico 115 milioni

Dettagli

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena SCHEDA-PROGETTO PER LE ATTIVITÀ DI SPESA CORRENTE PROMOSSE DA EE.LL. (PUNTO 2.2, LETTERE A. E B. DELL ALLEGATO A) FINALIZZATE AD INTERVENTI RIVOLTI AD ADOLESCENTI E GIOVANI. (L.R. 14/08 "NORME IN MATERIA

Dettagli

c) sviluppare un approccio metodologico avanzato che includa sia una dimensione locale sia una transnazionale;

c) sviluppare un approccio metodologico avanzato che includa sia una dimensione locale sia una transnazionale; Titolo del progetto Localizzazione dell intervento Programma INTourAct Area SEE South East Europe Asse I Cooperazione economica, sociale e istituzionale Misura Sviluppo delle sinergie transazionali per

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO 1 REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Partenariato del Programma Operativo FESR Basilicata 2014-2020 (art. 5 Regolamento UE n. 1303/2/13; Regolamento Delegato (UE) n. 240/2014; D.G.R. n. 906 del 21 luglio 2014)

Dettagli

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione Empowerment of Migrant Associations for Co-development,

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità 2013-2015 INDICE 1. Introduzione: organizzazione e funzione dell Agenzia Regionale per la Tecnologica e l Innovazione - ARTI... 2 2. I dati... 4 2.1

Dettagli

Presentazione della Società. Maggio 2014

Presentazione della Società. Maggio 2014 Presentazione della Società Maggio 2014 La Società La Struttura Produttiva Il Sistema di Competenze Il Posizionamento I Dati Economico - Finanziari 2 La Società La Storia 2004 Costituzione della StraDe

Dettagli

ORIENTAMENTI PER L APPLICAZIONE DEL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT IN ITALIA

ORIENTAMENTI PER L APPLICAZIONE DEL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT IN ITALIA ORIENTAMENTI PER L APPLICAZIONE DEL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT IN ITALIA I. Le principali sfide da affrontare con il CLLD Il Community-led local development (CLLD) è uno strumento normato dai regolamenti

Dettagli