A S S I S T E N Z A A D E M P I M E N T I TRACCIABILITÀ

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A S S I S T E N Z A A D E M P I M E N T I TRACCIABILITÀ"

Transcript

1 A S S I S T E N Z A A D E M P I M E N T I TRACCIABILITÀ Guida pratica per gli operatori della pesca e acquacoltura

2 Premessa Secondo la legislazione attuale, i prodotti della pesca e della acquacoltura per essere commercializzati devono poter essere rintracciabili in tutte le fasi della produzione, trasformazione e distribuzione, dalla cattura o raccolta alla vendita al dettaglio. Inoltre, per permettere ai consumatori di effettuare scelte consapevoli, è necessario che gli operatori della pesca ed acquacoltura forniscano loro informazioni chiare e complete sul prodotto che intendono acquistare. A tal fine, l Unione europea ha emanato una serie di Regolamenti relativi ai controlli per garantire il rispetto delle norme della politica comune della pesca (Reg. CE 1224/2009), per l organizzazione comune dei mercati nel settore dei prodotti della pesca e dell'acquacoltura (Reg. UE 1379/2013). Questa guida intende aiutare gli operatori della pesca e della acquacoltura ad adempiere a quanto previsto dalla legislazione comunitaria e nazionale nelle fasi anteriori alla prima vendita ai fini della tracciabilità dei prodotti della pesca e della acquacoltura freschi e non pre-imballati. Non sono pertanto contemplate le attività di commercializzazione successive allo sbarco (nota di vendita, assunzioni in carico, ecc ). 2

3 Cenni di legislazione L obiettivo della politica comune della pesca è quello di garantire lo sfruttamento delle risorse acquatiche viventi in condizioni sostenibili dal punto di vista socioeconomico e ambientale, attraverso un regime di controllo efficace, istituito con la pubblicazione del Reg. CE 1224/2009 e del Reg. UE 404/2011. E quindi fondamentale che l intera catena di produzione e di commercializzazione rientri nell ambito di applicazione del suddetto regime. Esso dovrebbe includere un sistema di tracciabilità coerente che integri le disposizioni contenute nel Reg. CE 178/2002, che stabilisce i principi e i requisiti generali della legislazione alimentare, istituisce l Autorità europea per la sicurezza alimentare e fissa procedure nel campo della sicurezza alimentare. Al fine di permettere ai consumatori di effettuare scelte consapevoli, basate su informazioni chiare e complete, il Reg. UE 1379/2013 prevede che siano indicate, all atto della vendita al consumatore finale, informazioni obbligatorie per i prodotti della pesca e dell acquacoltura commercializzati nell Unione europea. In aggiunta a quelle obbligatorie, è possibile fornire, su base volontaria, ulteriori e più dettagliate informazioni a condizione che siano chiare e inequivocabili. 3

4 Tracciabilità Ai fini della tracciabilità, le informazioni minime richieste per tutte le partite di prodotti della pesca e dell acquacoltura devono comprendere: a) numero di identificazione di ogni partita; b) numero di identificazione esterno e nome del peschereccio o nome dell unità di produzione in acquacoltura; c) codice FAO alfa 3 di ogni specie; d) data delle catture o data di produzione; e) quantitativi di ciascuna specie in chilogrammi di peso netto o, se del caso, numero di individui; f) nome e indirizzo dei fornitori; g) informazioni ai consumatori. Queste informazioni possono essere fornite attraverso l etichettatura o l imballaggio della partita o un documento commerciale che accompagna fisicamente la partita. In quest ultimo caso, deve essere apposto sulla partita corrispondente almeno il numero di identificazione della stessa (codice partita). Le informazioni sulla tracciabilità non devono essere fornite per: i prodotti della pesca ed acquacoltura importati che non rientrano nel campo di applicazione del certificato di cattura. ai prodotti della pesca ed dell acquacoltura catturati o allevati in acque dolci. In entrambi i casi, le informazioni ai consumatori devono essere sempre fornite. ai pesci, ai crostacei e ai molluschi ornamentali. Sono esonerati dagli obblighi relativi alla tracciabilità gli operatori che vendono direttamente al consumatore finale piccoli quantitativi di prodotto fino a 50 euro a persona al giorno. 4

5 Elenco informazioni Numero di identificazione di ogni partita Per partita, si intende un quantitativo di prodotti della pesca e dell acquacoltura di una determinata specie della stessa presentazione proveniente dalla stessa pertinente zona geografica e dallo stesso peschereccio, o gruppo di pescherecci, o dalla stessa unità di produzione in acquacoltura. Ad ogni partita deve essere assegnato un codice identificativo costruito con il numero UE dell imbarcazione o nome del sito di acquacoltura, la data di sbarco (GG.MM.AAAA) o di raccolta ed un numero progressivo annuale riferito alle partite. Esempio: n. ITA / /1 Se i prodotti inseriti in una partita provengono da più pescherecci, bisogna utilizzare una numerazione progressiva diversa da quella delle singole imbarcazioni. Esempio: n. UE imbarcazione 1 - n. UE imbarcazione 2/data sbarco/n. progressivo della partita (ITA ITA / /01) Le partite possono essere mescolate solo dopo la prima vendita, purché sia sempre possibile garantire la rintracciabilità del prodotto. 5

6 Elenco informazioni Numero di identificazione esterno e nome del peschereccio o nome dell unità di produzione in acquacoltura Il numero di identificazione esterno corrisponde al numero di matricola (le lettere del porto in cui l unità è immatricolata nonché il numero di matricola su entrambi i lati della prua ) Codice FAO alfa 3 di ogni specie Il codice FAO Alpha 3 è il codice alfabetico internazionale definito dalla FAO (elenco ASFIS delle specie ai fini delle statistiche della pesca). L elenco aggiornato è disponibile nella pagina web: 6

7 Elenco informazioni Data delle catture o data di produzione Sebbene nel codice della partita sia obbligatoria l indicazione della data di sbarco/raccolta, ai fini della tracciabilità e della congruenza con i dati richiesti dalle note di vendita, rimane obbligatoria l indicazione della data di cattura che potrebbe non coincidere con quella di sbarco. Le informazioni relative alla data delle catture possono includere più giorni di calendario o un periodo di tempo corrispondente a più date di catture. 7

8 Elenco informazioni Quantitativi di ciascuna specie in chilogrammi di peso netto o, se del caso, numero di individui Il comandante del peschereccio o un suo delegato, qualora abbia proceduto a sbarcare il pescato per le successive operazioni di pesatura allo sbarco, attraverso sistemi di pesatura certificati CE, ha l obbligo di compilare, prima di prendere il mare per una nuova battuta di pesca, la dichiarazione di sbarco. I pesi riportatati nella dichiarazione di sbarco non dovranno differire più di un valore pari al 10% in positivo o negativo rispetto a quanto stimato e registrato sul giornale di pesca per ciascuna specie. Differenze di peso, in diminuzione, tra quanto indicato nelle dichiarazioni di sbarco e le ulteriori eventuali pesature, non costituiscono motivo di rilievo se connesse ad aspetti fisiologici, quale il calo ponderale, lo scioglimento del ghiaccio di refrigerazione o la suddivisione della partita del prodotto in più lotti. Non può dunque mai accadere di avere pesature successive superiori in quantità rispetto a quanto riportato nella dichiarazione di sbarco. Esempio: Valore medio percentuale calo peso vongole veraci 5,4-7,2% mitili 9,1-10,7%. (fonte: IZS Venezie, 2011) 8

9 Elenco informazioni Informazioni ai consumatori Le informazioni obbligatorie che devono giungere al consumatore finale sono: la denominazione commerciale della specie, Il nome scientifico della specie, il metodo di produzione, in particolare mediante i termini " pescato " o " pescato in acque dolci " o " allevato ", la zona in cui il prodotto è stato catturato o allevato, la categoria di attrezzi da pesca usati nella cattura di pesci, se il prodotto è stato scongelato, il termine minimo di conservazione, se appropriato. 9

10 Informazioni ai consumatori Denominazione commerciale della specie e il suo nome scientifico Per denominazione commerciale si intende la denominazione in lingua italiana delle specie ittiche, come specificato nel DM 5 marzo 2010 e successive modifiche. La denominazione scientifica corrisponde alla denominazione latina di genere e specie dei prodotti della pesca e acquacoltura come specificato nel DM 5 marzo 2010 e successive modifiche. Il decreto è disponibile alla pagina web: 10

11 Informazioni ai consumatori Metodo di produzione L informazione deve essere fornita esclusivamente utilizzando i seguenti termini: " pescato ", per il prodotto catturato in mare " pescato in acque dolci ", " allevato ", per il prodotto preveniente da attività di acquacoltura. Per i miscugli di specie identiche ottenuti con metodi di produzioni diversi occorre indicare il metodo di produzione di ogni partita. 11

12 Informazioni ai consumatori Zona in cui il prodotto è stato catturato o allevato Le informazioni devono essere espresse in termini comprensibili per il consumatore. Per i prodotti catturati in mare, la zona di pesca corrisponde alle GSA (Geographical Sub Area) definite dalla FAO. Per la zona FAO 37 (Mediterraneo e Mar Nero), la zona di produzione deve essere espressa mediante due informazioni: 1) la denominazione scritta della sottozona o della divisione FAO, 2) La denominazione della zona di cui al punto 1), espressa in termini comprensibili per il consumatore, oppure una carta o pittogramma che indichi tale zona. In aggiunta è possibile indicare una zona di cattura più precisa. Per i miscugli di specie identiche catturate in zone diverse o raccolte in Paesi di allevamento diversi, si devono indicare almeno la zona o il Paese della partita quantitativamente più rappresentativa e il fatto che i prodotti provengono da zone o Paesi diversi. 12

13 Informazioni ai consumatori Esempi: Prodotto pescato al largo di Chioggia 1) sottozona o divisione: Mediterraneo centrale (sottozona) 2) ulteriore definizione: Mar Adriatico Prodotto pescato al largo di Gallipoli 1) sottozona o divisione: Mar Jonio(divisione) 2) ulteriore definizione: Golfo di Taranto oppure 1) sottozona o divisione: Mediterraneo centrale (sottozona) 2) ulteriore definizione: Golfo di Taranto Prodotto pescato al largo di Sestri Levante 1) sottozona o divisione: Mediterraneo occidentale(sottozona) 2) ulteriore definizione: Mar Ligure 13

14 Informazioni ai consumatori Per i prodotti catturati in acque dolci: deve essere riportata la menzione del corpo idrico e lo Stato membro di origine (es. Lago di., Italia) o il corpo idrico e il Paese terzo di origine (Fiume Mekong, Repubblica Popolare Cinese). Per i prodotti dell acquacoltura: nel caso di organismi acquatici diversi da molluschi e crostacei, deve essere indicato il Paese (Stato membro o Paese terzo) in cui il prodotto ha raggiunto, nella fase di accrescimento, più della metà del suo peso finale ovvero sia rimasto più della metà del suo periodo di allevamento. per i molluschi e i crostacei, oltre ai criteri sopra descritti, l indicazione dello Stato membro o Paese terzo può coincidere con quello in cui si è svolta l ultima fase del processo di allevamento o di coltura a condizione che la stessa abbia avuto una durata non inferiore a 6 mesi. In aggiunta è possibile indicare una zona di cattura o di produzione più precisa. 14

15 Informazioni ai consumatori Categoria di attrezzi da pesca usati nella cattura di pesci Questa informazione è da inserire solo se il prodotto è catturato mediante attrezzi da pesca in dotazione ad imbarcazioni muniti di opportuna licenza e n. UE (I colonna, All.3 Reg. UE 1379/2013). Questa informazione non deve essere fornita se il prodotto è di acquacoltura. Informazioni obbligatoria da inserire sulla categoria di attrezzi da pesca Corrispondenza degli attrezzi da pesca alla categoria Sciabiche Reti da traino Reti da imbrocco e reti analoghe Reti da circuizione e reti da raccolta Ami e palangari Draghe Nasse e trappole Sciabica da spiaggia Sciabica danese Sciabica scozzese Sciabica a coppia Sfogliare Reti a strascico a tavoloni Reti a strascico in coppia Reti da traino pelagica a divergenti Reti da traino pelagiche a coppia Reti da traino gemelle a divergenti Reti da posta (ancorate) Reti da posta derivanti Reti da posta circuitanti Tremagli Reti combinate (da imbrocco-tremagli) Ciancioli Lampare Reti da raccolta manovrate da natanti Reti da raccolta fisse manovrate da terra Lenze a mano Lenze a mano e lenze a canna (meccanizzate) Palangari fissi Palangari derivanti Lenze al traino Draghe tirate da natanti Draghe a mano usate a bordo di un natante Draghe automatiche, inclusa la draga aspirante Nasse (trappole) 15

16 Informazioni ai consumatori In merito alla particolarità delle acque salmastre, le indicazioni da fornire al consumatore finale sono: In caso di acque salmastre interne (es. vallicoltura): Metodo di produzione: pescato Categoria di attrezzo: da non indicare Zona di pesca: indicare il corpo idrico ed il Paese di origine o il Paese terzo di origine del prodotto. In caso di acque salmastre di laguna: Metodo di produzione: pescato Categoria di attrezzo: indicare la categoria di attrezzo, nel caso si tratti di imbarcazioni muniti di licenza e n. UE. Zona di pesca: es. Laguna di Venezia, Italia (o pittogramma o mappa) 16

17 Informazioni ai consumatori Se il prodotto è stato scongelato Tale indicazione non si applica: a) agli ingredienti presenti nel prodotto finito; b) agli alimenti per i quali il congelamento costituisce una fase tecnologicamente necessaria del processo di produzione; c) ai prodotti della pesca e dell'acquacoltura precedentemente congelati per ragioni di sicurezza sanitaria; d) ai prodotti della pesca e dell'acquacoltura che sono stati scongelati prima di essere sottoposti ad affumicatura, salatura, cottura, marinatura, essiccatura o ad una combinazione di uno di questi processi. L assenza di tali dicitura a livello di vendita al dettaglio indica che il prodotti della pesca e della acquacoltura non sono stati precedentemente congelati e quindi scongelati. Termine minimo di conservazione. Nel caso di prodotti non pre-imballati l indicazione del termine minimo di conservazione non è obbligatoria. 17

18 Normativa di riferimento Regolamento (CE) n del 2009 che istituisce un regime di controllo comunitario per garantire il rispetto delle norme della politica comune della pesca, che modifica i regolamenti (CE) n. 847/96, (CE) n. 2371/2002, (CE) n. 811/2004, (CE) n. 768/2005, (CE) n. 2115/2005, (CE) n. 2166/2005, (CE) n. 388/2006, (CE) n. 509/2007, (CE) n. 676/2007, (CE) n. 1098/2007, (CE) n. 1300/2008, (CE) n. 1342/2008 e che abroga i regolamenti (CEE) n. 2847/93, (CE) n. 1627/94 e (CE) n. 1966/2006. Regolamento (UE) n. 404 del 2011 recante modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 1224/2009 del Consiglio che istituisce un regime di controllo comunitario per garantire il rispetto delle norme della politica comune della pesca. Regolamento (UE) n del 2013 relativo all'organizzazione comune dei mercati nel settore dei prodotti della pesca e dell'acquacoltura, recante modifica ai regolamenti (CE) n. 1184/2006 e (CE) n. 1224/2009 del Consiglio e che abroga il regolamento (CE) n. 104/2000 del Consiglio. Decreto Ministeriale 10 novembre 2011 «Controllo della commercializzazione ai sensi del Reg. (CE) n. 1224/09». DECRETO MINISTERIALE 10 Novembre Decreto direttoriale 28 dicembre Decreto ministeriale 1 marzo Esenzioni dagli obblighi previsti dal Regolamento (CE) 1224/2009. Decreto direttoriale n. 174 del 29 maggio 2012 che apporta modifiche ed integrazioni al decreto direttoriale n. 155 del 28 dicembre 2011, relativo al controllo della commercializzazione dei prodotti ittici. Circolare sugli adempimenti in materia di tracciabilità ed etichettatura dei prodotti ittici ai sensi del Reg.(CE) 1224/2009, del Reg.(UE) 404/2011 e del Reg.(UE) 1379/

IL CONTROLLO NELLA FILIERA ITTICA. (Reg. CE 1224/09)

IL CONTROLLO NELLA FILIERA ITTICA. (Reg. CE 1224/09) IL CONTROLLO NELLA FILIERA ITTICA (Reg. CE 1224/09) Partita il quantitativo di prodotti della pesca e dell acquacoltura di una determinata specie della stessa presentazione proveniente dalla stessa pertinente

Dettagli

Capo 3ªcl Np/Pn MARASCO Pancrazio Nucleo Polizia Marittima 1

Capo 3ªcl Np/Pn MARASCO Pancrazio Nucleo Polizia Marittima 1 DIREZIONE MARITTIMA PESCARA Capo 3ªcl Np/Pn MARASCO Pancrazio Nucleo Polizia Marittima 1 L ETICHETTATURA ALIMENTARE 2 DI COSA SI TRATTA? E la Carta di Identità che accompagna l alimento dal momento della

Dettagli

Informazione dei consumatori. Etichettatura dei prodotti della pesca e dell'acquacoltura

Informazione dei consumatori. Etichettatura dei prodotti della pesca e dell'acquacoltura Informazione dei consumatori Etichettatura dei prodotti della pesca e dell'acquacoltura Roma, 7 novembre 2014 Informazione dei consumatori - scopo Diritto all'informazione / scelta informata Alto livello

Dettagli

Blue Growth in the Mediterranean and the Black Sea: developing sustainable aquaculture for food security

Blue Growth in the Mediterranean and the Black Sea: developing sustainable aquaculture for food security ANNO XXX - NUMERO 1, gennaio 2015 PUBBLICAZIONE MENSILE DI PROBLEMI TECNICI ECONOMICI SINDACALI DEGLI ALLEVATORI ITTICI www.api-online.it - info@api-online.it - tel. 045/580978 - Sede: via del Perlar,

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il D.Lgs. 30 luglio 1999, n. 300, recante Riforma dell organizzazione del Governo a norma dell art. 11 della legge 15 marzo 1997, n. 59 e successive modifiche ed integrazioni ; VISTO il D.Lgs. 30

Dettagli

Forum sulle disposizioni normative comunitarie e nazionali

Forum sulle disposizioni normative comunitarie e nazionali Forum sulle disposizioni normative comunitarie e nazionali Centro Congressi Torino Incontra, 17 giugno 2013 1 M.llo Luogotenente Renato BROSCO Capo Sezione Polizia Marittima e Difesa Costiera Normativa

Dettagli

Roma, 18 dicembre 2014 Alle Organizzazioni Regionali e Provinciali CONFESERCENTI

Roma, 18 dicembre 2014 Alle Organizzazioni Regionali e Provinciali CONFESERCENTI Ufficio Legislativo e Affari Giuridici Roma, 18 dicembre 2014 Alle Organizzazioni Regionali e Provinciali CONFESERCENTI Ai Responsabili territoriali FIESA, FIEPeT, ASSOTURISMO Loro sedi ed indirizzi Prot.n.

Dettagli

La nuova etichetta comunitaria

La nuova etichetta comunitaria Evento Formativo Area Vasta Urbino 20/21 settembre 2012 La nuova etichetta comunitaria Valerio Giaccone Dipartimento Medicina animale, Produzioni e Salute Università di Padova Di cosa parliamo Delle nuove

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il D.Lgs. 30 luglio 1999, n. 300, recante Riforma dell organizzazione del Governo a norma dell art. 11 della legge 15 marzo 1997, n. 59 e successive modifiche ed integrazioni ; VISTO il D.Lgs. 30

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DECRETO 25 luglio 2013 Modalita' applicative ai fini della definizione dell'attestazione di origine dei prodotti della pesca, ai sensi dell'art.

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DECRETO 10 novembre 2011 Controllo della Commercializzazione ai sensi del Regolamento (CE) n. 1224/09. (11A16540) IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE

Dettagli

Cosa si intende per pesca diretta del tonno rosso? Quella praticata da coloro che sono forniti di quota

Cosa si intende per pesca diretta del tonno rosso? Quella praticata da coloro che sono forniti di quota Cosa si intende per pesca diretta del tonno rosso? Quella praticata da coloro che sono forniti di quota Che cosa si intende per pesca accessoria/accidentale di tonno rosso e qual è il limite? Si intende

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DECRETO 28 dicembre 2011 Procedure e modalita' attuative degli adempimenti connessi alle disposizioni del decreto 10 novembre 2011 relativamente

Dettagli

DIREZIONE MARITTIMA PESCARA CONTROLLO DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI ITTICI

DIREZIONE MARITTIMA PESCARA CONTROLLO DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI ITTICI DIREZIONE MARITTIMA PESCARA CONTROLLO DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI ITTICI C 1^Cl. Np Pasquale Fuggetta Ispettore Pesca Nazionale U.E. ICCAT 1 Obblighi in capo agli operatori commerciali nella

Dettagli

Circolare 27 maggio 2002, n

Circolare 27 maggio 2002, n Circolare 27 maggio 2002, n. 1329. Reg. n. 2065/2001 della Commissione del 22 ottobre 2001, recante modalità di applicazione del reg. CE n. 104/2000, relativamente all informazione ai consumatori nel settore

Dettagli

SEMINARIO PRODOTTI ITTICI

SEMINARIO PRODOTTI ITTICI SEMINARIO PRODOTTI ITTICI La legislazione applicata alla commercializzazione dei prodotti della pesca Salvatore Baglieri Servizio Veterinario Igiene degli Alimenti di O. A. - AUSL 7, Ragusa Comiso 05 Marzo

Dettagli

Roma, 27/5/2002. Ministero della Salute D.G. Sanità Pubblica Veterinaria, degli Alimenti e Nutrizionale Ufficio IX ROMA

Roma, 27/5/2002. Ministero della Salute D.G. Sanità Pubblica Veterinaria, degli Alimenti e Nutrizionale Ufficio IX ROMA Roma, 27/5/2002 DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE DI MERCATO DIREZIONE GENERALE PER LA PESCA E L ACQUACOLTURA Divisione..... Prot. N...21329... Posiz Ministero della Salute D.G. Sanità Pubblica Veterinaria,

Dettagli

Corpo delle Capitanerie di Porto e della Guardia Costiera

Corpo delle Capitanerie di Porto e della Guardia Costiera Corpo delle Capitanerie di Porto e della Guardia Costiera Uso dei Codici FAO ASFIS ALFA 3 nella filiera commerciale della pesca C 1^ Cl NP/PES Andrea BUCCIOLI Ispettore Pesca Comandante MV CP 540 Ufficio

Dettagli

DECRETO 28 luglio 2016

DECRETO 28 luglio 2016 MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DECRETO 28 luglio 2016 Misure tecniche per prevenire, scoraggiare ed eliminare la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata. (16A06590)

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DECRETO 28 luglio 2016 Misure tecniche per prevenire, scoraggiare ed eliminare la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata. (16A06590)

Dettagli

IL CONTROLLO NELLA FILIERA ITTICA. questioni aperte e difficoltà applicative

IL CONTROLLO NELLA FILIERA ITTICA. questioni aperte e difficoltà applicative IL CONTROLLO NELLA FILIERA ITTICA questioni aperte e difficoltà applicative CONTROLLO DELLA COMMERCIALIZZAZIONE Titolo V Reg. CE 1224/09 Titolo IV Reg. UE 404/11 DM 10 novembre 2011 DD 28 dicembre 2011

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DECRETO 1 febbraio 2016. Disciplina per l accesso e l esercizio delle attività di pesca nelle acque soggette alla giurisdizione di Paesi Terzi.

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DISCIPLINA DELLA PESCA SPORTIVA E RICREATIVA

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DISCIPLINA DELLA PESCA SPORTIVA E RICREATIVA Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Capitaneria di Porto Guardia Costiera TARANTO Largo Arcivescovado, n 17 tel. 099/4713611 fax 0994718288 taranto@guardiacostiera.it - www.taranto.guardiacostiera.it/

Dettagli

Proposta di REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO. che modifica il regolamento (UE) 2015/104 per quanto riguarda determinate possibilità di pesca

Proposta di REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO. che modifica il regolamento (UE) 2015/104 per quanto riguarda determinate possibilità di pesca COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 20.5.2015 COM(2015) 212 final 2015/0108 (NLE) Proposta di REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO che modifica il regolamento (UE) 2015/104 per quanto riguarda determinate possibilità

Dettagli

Decreto Ministeriale 27 marzo 2002

Decreto Ministeriale 27 marzo 2002 Per garantire un efficace sistema di rintracciabilità il Ministero delle politiche agricole e forestali, ha istituito un sistema di controllo con requisiti obbligatori di etichettatura riferiti ai prodotti

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER OPERATORI DEL SETTORE ITTICO. La filiera

CORSO DI FORMAZIONE PER OPERATORI DEL SETTORE ITTICO. La filiera CORSO DI FORMAZIONE PER OPERATORI DEL SETTORE ITTICO La filiera LA FILIERA ITTICA FILIERA insieme definito delle organizzazioni (o operatori) con i relativi flussi materiali che concorrono alla formazione,

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il D.Lgs. 30 luglio 1999, n. 300, recante Riforma dell organizzazione del Governo a norma dell art. 11 della legge 15 marzo 1997 n. 59 e successive modifiche ed integrazioni ; VISTO il D.Lgs. 30

Dettagli

DECRETO N. 1580/DecA/30 del

DECRETO N. 1580/DecA/30 del L Assessore DECRETO N. 1580/DecA/30 del 14.06.2017 Oggetto: Disposizioni di attuazione della Deliberazione di Giunta n. 13/7 del 14.03.2017 in merito al giornale di pesca del corallo rosso e linee guida

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI DECRETO 27 marzo Etichettatura dei prodotti ittici e sistema di controllo.

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI DECRETO 27 marzo Etichettatura dei prodotti ittici e sistema di controllo. MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI DECRETO 27 marzo 2002 Etichettatura dei prodotti ittici e sistema di controllo. IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALE Vista la legge 14 luglio

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea REGOLAMENTI

Gazzetta ufficiale dell'unione europea REGOLAMENTI L 14/4 REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) 2017/86 DELLA COMMISSIONE del 20 ottobre 2016 che istituisce un piano in materia di rigetti per alcune attività di pesca demersale nel Mar Mediterraneo LA COMMISSIONE

Dettagli

UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI TERRASINI G U A R D I A C O S T I E R A

UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI TERRASINI G U A R D I A C O S T I E R A UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI TERRASINI G U A R D I A C O S T I E R A ORDINANZA N 22/2013 DISCIPLINA DELLA PESCA SPORTIVA E RICREATIVA, E DELLO SBARCO E DELLA REGISTRAZIONE STATISTICA DEL TONNO ROSSO

Dettagli

Pescara, 13 aprile Capitano di Corvetta Giuseppe BARRETTA Capo di 2 cl. Filomena BATTISTA

Pescara, 13 aprile Capitano di Corvetta Giuseppe BARRETTA Capo di 2 cl. Filomena BATTISTA DIREZIONE MARITTIMA DI PESCARA Le violazioni più diffuse nella commercializzazione di prodotti ittici Pescara, 13 aprile 2015 Capitano di Corvetta Giuseppe BARRETTA Capo di 2 cl. Filomena BATTISTA 1 Il

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMPETITIVE, DELLA QUALITÀ AGROALIMENTARE, IPPICHE E DELLA PESCA Linee guida recante istruzioni operative per l indicazione

Dettagli

Tracciabilità e Rintracciabilità a garanzia della qualita` e sicurezza dei prodotti alimentari

Tracciabilità e Rintracciabilità a garanzia della qualita` e sicurezza dei prodotti alimentari Specialisti della Codifica, marcatura ed etichettatura Tracciabilità e Rintracciabilità a garanzia della qualita` e sicurezza dei prodotti alimentari SICUREZZA ALIMENTARE La garanzia della sicurezza degli

Dettagli

Etichettatura dei prodotti alimentari: i prodotti della pesca

Etichettatura dei prodotti alimentari: i prodotti della pesca Etichettatura dei prodotti alimentari: i prodotti della pesca Dr. Luca Pennisi Facoltà di Medicina Veterinaria Università degli Studi di Teramo Introduzione Le etichettature degli alimenti hanno principalmente

Dettagli

Carni avicole. Per le carni di pollame fresche, il termine minimo di conservazione è sostituito dalla data di scadenza.

Carni avicole. Per le carni di pollame fresche, il termine minimo di conservazione è sostituito dalla data di scadenza. Carni avicole Il Regolamento (CE) 543/2008, recante le modalità di applicazione del Regolamento (CE) 1234/2007 e s.m.i., ha stabilito le norme di commercializzazione per le carni di pollame (pollo, tacchino,

Dettagli

Dott.ssa Roberta Nuvoloni

Dott.ssa Roberta Nuvoloni Dott.ssa Roberta Nuvoloni Surimi Con il termine surimi (che significa "pesce tritato") si indica un prodotto composto essenzialmente da polpa di pesce e carboidrati confezionato solitamente in cilindretti

Dettagli

Il prodotto ittico: una risorsa per la produzione,distribuzione e somministrazione a tutela del consumatore.

Il prodotto ittico: una risorsa per la produzione,distribuzione e somministrazione a tutela del consumatore. Il prodotto ittico: una risorsa per la produzione,distribuzione e somministrazione a tutela del consumatore. CAPITANERIA DI PORTO GUARDIA COSTIERA SAVONA Tracciabilità e commercializzazione dei prodotti

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI IT 8.5.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 115/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 395/2010 DELLA COMMISSIONE del 7 maggio 2010 recante modifica del regolamento (CE) n.

Dettagli

FISHJOB DIVERSIFICAZIONE DELL ATTIVITA DI PESCA. Pescaturismo

FISHJOB DIVERSIFICAZIONE DELL ATTIVITA DI PESCA. Pescaturismo DIVERSIFICAZIONE DELL ATTIVITA DI PESCA Pescaturismo CHE COS È IL PESCATURISMO? Per pescaturismo si intendono le attività intraprese dall'armatore singolo, impresa o cooperativa di nave da pesca costiera

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Disposizioni per la gestione informatizzata dei programmi annuali di produzione vegetale, zootecnica, d acquacoltura, delle preparazioni e delle importazioni con metodo biologico e per la gestione informatizzata

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) 22 OTTOBRE 2001, N (Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale C.E. n. 278 del 23 ottobre 2001)

REGOLAMENTO (CE) 22 OTTOBRE 2001, N (Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale C.E. n. 278 del 23 ottobre 2001) REGOLAMENTO (CE) 22 OTTOBRE 2001, N. 2065 (Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale C.E. n. 278 del 23 ottobre 2001) Regolamento (CE) n. 2065/2001 della Commissione del 22 ottobre 2001 che stabilisce le modalità

Dettagli

DECRETO N /DecA/ 55 del

DECRETO N /DecA/ 55 del L Assessore DECRETO N. 2937 /DecA/ 55 del 03.12.2015 Oggetto: Disciplina del rilascio delle autorizzazioni alla pesca subacquea professionale per lo svolgimento di attività di allevamento di spugne di

Dettagli

DECRETO N. 1402/DecA/28 del 13 giugno 2016

DECRETO N. 1402/DecA/28 del 13 giugno 2016 L Assessore DECRETO N. 1402/DecA/28 del 13 giugno 2016 Oggetto: Disposizioni di attuazione della Deliberazione di Giunta n 22/8 del 19.04.206 in merito al giornale di pesca del corallo rosso e linee guida

Dettagli

DIVERSIFICAZIONE DELL ATTIVITA DI PESCA. Pescaturismo

DIVERSIFICAZIONE DELL ATTIVITA DI PESCA. Pescaturismo DIVERSIFICAZIONE DELL ATTIVITA DI PESCA Pescaturismo Pescaturismo DM 13/4/1999 n. 293 Art. 1 Per pesca- turismo si intendono le attività intraprese dall'armatore singolo, impresa o cooperativa di nave

Dettagli

APPROFONDIMENTI NORMATIVI ED ESPERIENZE OPERATIVE.

APPROFONDIMENTI NORMATIVI ED ESPERIENZE OPERATIVE. APPROFONDIMENTI NORMATIVI ED ESPERIENZE OPERATIVE. Approfondimento. LE TAGLIE MINIME. Modifiche al regime sanzionatorio italiano sono state apportate dall'art. 6 del D.Lgs. n. 153/2004 (come mod. dall'art.

Dettagli

L informazione ai consumatori in materia di alimenti e bevande. Verona 19/06/2014

L informazione ai consumatori in materia di alimenti e bevande. Verona 19/06/2014 L informazione ai consumatori in materia di alimenti e bevande Verona 19/06/2014 Regolamento (CE) n. 767/2009 Regolamento (CE) n. 767/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 luglio 2009, sull'immissione

Dettagli

ETICHETTATURA DEI PRODOTTI CONGELATI. dott.ssa Paola Barbisio Verona 19 giugno 2014

ETICHETTATURA DEI PRODOTTI CONGELATI. dott.ssa Paola Barbisio Verona 19 giugno 2014 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI CONGELATI dott.ssa Paola Barbisio Verona 19 giugno 2014 Ministero della Salute Direzione Generale della Sicurezza degli alimenti e della nutrizione Oggetto: Congelamento di carni

Dettagli

Il Regolamento sui Controlli nella pesca (Reg. 1224/09; Reg.404/11)

Il Regolamento sui Controlli nella pesca (Reg. 1224/09; Reg.404/11) Il Regolamento sui Controlli nella pesca (Reg. 1224/09; Reg.404/11) Obiettivi La PCP ha l obiettivo di garantire lo sfruttamento delle risorse acquatiche viventi in condizioni sostenibili dal punto di

Dettagli

Il Sottosegretario di Stato delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Sottosegretario di Stato delle politiche agricole alimentari e forestali Misure per la pesca dei piccoli pelagici nel Mar Mediterraneo e misure specifiche per il Mare Adriatico VISTO il decreto legislativo 9 gennaio 2012, n. 4, recante misure per il riassetto della normativa

Dettagli

ETICHETTATURA MANGIMI per i prodotti da agricoltura biologica

ETICHETTATURA MANGIMI per i prodotti da agricoltura biologica INDICE Argomento Reg. (CE) n. 834/2007 Reg. (CE) n. 889/2008 Reg. (CE) n. 967/2008 Campo di applicazione Art. 59; Art. 95 Uso di termini riferiti alla produzione biologica Art. 23 Uso di marchi commerciali

Dettagli

DECRETO N.648/DecA/13 DEL 1 aprile

DECRETO N.648/DecA/13 DEL 1 aprile L Assessore DECRETO N.648/DecA/13 DEL 1 aprile 2015 ---------------------------- Oggetto: Modifiche al Decreto n. 1553/DecA/40 del 28 ottobre 2014 Calendario della pesca del riccio di mare (Paracentrotus

Dettagli

Decreto 25 gennaio 2016

Decreto 25 gennaio 2016 Decreto 25 gennaio 2016 Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Misure per la pesca dei piccoli pelagici nel Mar Mediterraneo e misure specifiche per il Mare Adriatico. (GU n.122 del

Dettagli

DECRETO N. 2008/DecA/40 DEL

DECRETO N. 2008/DecA/40 DEL DECRETO N. 2008/DecA/40 Oggetto: Misure per migliorare la sostenibilità della pesca marittima nelle acque prospicienti il territorio della Sardegna: arresto temporaneo per le unità abilitate ai sistemi

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali DECRETO 8 agosto 2008 n. 2551 Modalita applicative dei regolamenti (CE) n. 1234/2007 del Consiglio, e n. 566/2008 della Commissione, recante l organizzazione comune dei mercati agricoli e disposizioni

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; ASSESSORATO L AGRICOLTURA E RIFORMA AGRO-PASTORALE L Assessore DECRETO N. 2209/Dec.A/87 08.09.2009 Oggetto: Misure di gestione e tutela della pesca del polpo comune (Octopus vulgaris) nel Mare territoriale

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DECRETO 29 settembre 2016

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DECRETO 29 settembre 2016 MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DECRETO 29 settembre 2016 Misure tecniche per garantire il rispetto dei periodi di chiusura delle catture di pesce spada. (16A08089) (GU n.266

Dettagli

Il decreto D.lgs. 148/2008 ha voluto completare il quadro interno dal punto di vista della polizia sanitaria includendo nuove specie di animali, in

Il decreto D.lgs. 148/2008 ha voluto completare il quadro interno dal punto di vista della polizia sanitaria includendo nuove specie di animali, in Il decreto D.lgs. 148/2008 ha voluto completare il quadro interno dal punto di vista della polizia sanitaria includendo nuove specie di animali, in particolare marine, allevate dal settore dell acquacoltura

Dettagli

Aggiornamento per gli operatori. il Regolamento Controllo. DOTT. GIUSEPPE PALMA Responsabile Sicurezza Alimentare e Politiche di Filiera - Federpesca

Aggiornamento per gli operatori. il Regolamento Controllo. DOTT. GIUSEPPE PALMA Responsabile Sicurezza Alimentare e Politiche di Filiera - Federpesca Aggiornamento per gli operatori della filiera ittica: il Regolamento Controllo DOTT. GIUSEPPE PALMA Responsabile Sicurezza Alimentare e Politiche di Filiera - Federpesca Federazione Nazionale delle Imprese

Dettagli

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI Vista la legge 14 luglio 1965, n.963 e successive modificazioni, recante la disciplina della pesca

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI Vista la legge 14 luglio 1965, n.963 e successive modificazioni, recante la disciplina della pesca IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI Vista la legge 14 luglio 1965, n.963 e successive modificazioni, recante la disciplina della pesca marittima; Vista la legge 17 febbraio 1982, n.41, recante

Dettagli

Info Mese Aprile Contratto Repertorio NOTA MENSILE APRILE 2011

Info Mese Aprile Contratto Repertorio NOTA MENSILE APRILE 2011 Info Mese Aprile Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE EUROPEE ED INTERNAZIONALI DIREZIONE GENERALE DELLA PESCA MARITTIMA E DELL ACQUACOLTURA Servizio Monitoraggio

Dettagli

Il Sottosegretario di Stato delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Sottosegretario di Stato delle politiche agricole alimentari e forestali Disciplina della piccola pesca e della piccola pesca artigianale VISTO il D.Lgs. 9 gennaio 2012, n. 4, recante Misure per il riassetto della normativa in materia di pesca e acquacoltura, a norma dell'articolo

Dettagli

ETICHETTATURA PRODOTTI DELLA PESCA E MOLLUSCHI

ETICHETTATURA PRODOTTI DELLA PESCA E MOLLUSCHI Dipartimento di Sanità Pubblica Programma di Sicurezza Alimentare dott.a Chiara Berardelli ETICHETTATURA PRODOTTI DELLA PESCA E MOLLUSCHI Antonio Tosi Giuseppe Arcimboldo, "L'Acqua", Dipinto ad olio del

Dettagli

DECRETO N. 1996/DecA/39 DEL 1 SETTEMBRE

DECRETO N. 1996/DecA/39 DEL 1 SETTEMBRE L Assessore DECRETO N. 1996/DecA/39 DEL 1 SETTEMBRE 2015 ---------------------------- Oggetto: Deroga al Decreto n. 2524/DecA/102 del 07/10/2009 disciplina della pesca professionale subacquea nel mare

Dettagli

Pesca professionale e molluschicoltura (analisi dei comparti) Nicola Severini Veneto Agricoltura

Pesca professionale e molluschicoltura (analisi dei comparti) Nicola Severini Veneto Agricoltura unità Pesca professionale e molluschicoltura (analisi dei comparti) LA FLOTTA VENETA 1.150 1.100 1.050 1.000 950 900 850 800 750 700 650 FLOTTA MARITTIMA VENETA Dal confronto delle 699 barche rilevate

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO PESCARA ORDINANZA N. 18/2009 DISCIPLINA della pesca e dello sbarco DEL TONNO ROSSO Il Capitano di Vascello (CP) sottoscritto, Capo del

Dettagli

ALLEGATO 4 INDICATORI DI PROGETTO PER CIASCUNA MISURA

ALLEGATO 4 INDICATORI DI PROGETTO PER CIASCUNA MISURA E. INDICATORI ALLEGATO 4 INDICATORI DI PROGETTO PER CIASCUNA MISURA L istante dovrà compilare la sola tabella relativa all iniziativa che intende realizzare. I dati riportati saranno quelli previsionali.

Dettagli

ASSESSORATO DELL AGRICOLTURA E RIFORMA AGRO-PASTORALE. DECRETO N. 3122/Dec.A/111 DEL 23/12/2010

ASSESSORATO DELL AGRICOLTURA E RIFORMA AGRO-PASTORALE. DECRETO N. 3122/Dec.A/111 DEL 23/12/2010 ASSESSORATO L AGRICOLTURA E RIFORMA AGRO-PASTORALE L Assessore DECRETO N. 3122/Dec.A/111 23/12/2010 Oggetto: regolamentazione della pesca con le nasse nelle acque territoriali della Sardegna modifiche

Dettagli

Analisi comparata del settore ittico Nord e Medio/Basso Adriatico

Analisi comparata del settore ittico Nord e Medio/Basso Adriatico L ADRIATICO A CONFRONTO Analisi comparata del settore ittico Nord e Medio/Basso Adriatico Osserrvattorriio Sociio Economiico delllla Pesca e dellll Acquacolltturra Osservatoriio Sociio Economiico delllla

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 Agricoltura, silvicoltura e pesca Processo Acquacoltura e pesca Sequenza di processo Progettazione

Dettagli

LA PESCA, GLI ATTREZZI E LE RISORSE ITTICHE

LA PESCA, GLI ATTREZZI E LE RISORSE ITTICHE LA PESCA, GLI ATTREZZI E LE RISORSE ITTICHE LA PESCA IN MARE L attività di pesca è un attività millenaria. L uomo ha sempre cercato sostentamento anche dal mare. Negli ultimi tempi però vi è una sensibilità

Dettagli

DECRETO N.980/DecA/56 DEL

DECRETO N.980/DecA/56 DEL DECRETO N.980/DecA/56 DEL 26.06.2012 Oggetto: Disposizioni urgenti relative all utilizzo del sistema di pesca denominato circuizione nel mare territoriale della Sardegna lo Statuto Speciale per la Sardegna

Dettagli

ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DELLA PESCA

ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DELLA PESCA Dipartimento di Sanità Pubblica Programma di Sicurezza Alimentare dott.a Chiara Berardelli ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DELLA PESCA Bologna, 30/03/2017 Antonio Tosi Giuseppe Arcimboldo, "L'Acqua", Dipinto

Dettagli

Dott. Agr. Moretti Lorenzo

Dott. Agr. Moretti Lorenzo I sistemi it idi tracciabilità e rintracciabilità: i Strumenti di valorizzazione per le produzioni ittiche Dott. Agr. Moretti Lorenzo Sicilia, 05/09 Maggio 2008 PANORAMA NORMATIVO Norme su etichettatura

Dettagli

1. ANALISI GENERALE ANNO 2015

1. ANALISI GENERALE ANNO 2015 1. ANALISI GENERALE ANNO 2015 L attività svolta sul territorio e lungo la filiera nell anno 2015 ha permesso di rilevare diverse situazioni di illegalità, riassunte nello schema seguente: LUOGO Controlli

Dettagli

MARCHIO COSTA TOSCANA TRACCIABILITÀ E SVILUPPO SOSTENIBILE NELLE ZONE DI PESCA

MARCHIO COSTA TOSCANA TRACCIABILITÀ E SVILUPPO SOSTENIBILE NELLE ZONE DI PESCA MARCHIO COSTA TOSCANA TRACCIABILITÀ E SVILUPPO SOSTENIBILE NELLE ZONE DI PESCA Creare un sistema di tracciabilità e un marchio collettivo per valorizzare il pescato della costa toscana: un ambizioso percorso

Dettagli

La nuova disciplina dell obbligo di sbarco

La nuova disciplina dell obbligo di sbarco La nuova disciplina dell obbligo di sbarco Focal Point MEDAC Italia WG1 Barcellona, 4 marzo 2014 La situazione attuale in Italia D.LGS.4/2012 Art.7, comma 1 VIETATO detenere, sbarcare e trasbordare esemplari

Dettagli

There are no translations available.

There are no translations available. There are no translations available. L'obiettivo fondamentale del progetto è quello di realizzare strumenti e modalità concrete ed efficaci per rendere le tecniche di pesca tradizionali effettuate dagli

Dettagli

DECRETO N. 1031/DecA/24 DEL

DECRETO N. 1031/DecA/24 DEL DECRETO N. 1031/DecA/24 Oggetto: Misure per migliorare la sostenibilità della pesca marittima nelle acque prospicienti il territorio della Sardegna: decorrenza arresto temporaneo per le unità abilitate

Dettagli

SSICA. - Regolamento (UE) 2015/2283 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 25 novembre 2015 relativo ai "Nuovi alimenti"

SSICA. - Regolamento (UE) 2015/2283 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 25 novembre 2015 relativo ai Nuovi alimenti Normativa Regolamento (UE) 2015/2283 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 25 novembre 2015 relativo ai "Nuovi alimenti" Regolamento (UE) N. 1019/2013 della Commissione del 23 ottobre 2013 che modifica

Dettagli

GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA FASE I DEL BANDO DELLA MISURA 3.1 AZIONI COLLETTIVE

GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA FASE I DEL BANDO DELLA MISURA 3.1 AZIONI COLLETTIVE ASSESSORATO DELL AGRICOLTURA E RIFORMA AGRO PASTORALE Servizio Pesca GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA FASE I DEL BANDO DELLA MISURA 3.1 AZIONI COLLETTIVE (art. 37 lettera m) del Regolamento Approvato con Determinazione

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il Decreto Legislativo 9 gennaio 2012, n. 4, recante misure per il riassetto della normativa in materia di pesca e acquacoltura, a norma

Dettagli

DECRETO N. 1786/DecA/40 DEL

DECRETO N. 1786/DecA/40 DEL DECRETO N. 1786/DecA/40 Oggetto: Misure per migliorare la sostenibilità della pesca marittima nelle acque prospicienti il territorio della Sardegna: arresto temporaneo per le unità abilitate ai sistemi

Dettagli

DECRETO N. 1525/DecA/102 DEL 25 ottobre

DECRETO N. 1525/DecA/102 DEL 25 ottobre L Assessore DECRETO N. 1525/DecA/102 DEL 25 ottobre 2012 ---------------------------- Oggetto: Calendario della pesca del riccio di mare (Paracentrotus lividus) per la stagione 2012/2013. lo Statuto Speciale

Dettagli

CCIAA Reggio Calabria. 3 novembre 2015

CCIAA Reggio Calabria. 3 novembre 2015 Reg. Ce 1198/2006 Asse Prioritario 3 - Misure di interesse comune Misura 3.1 Azioni Collettive Azioni volte alla realizzazione di progetti di interesse comune nel settore della pesca e acquacoltura CCIAA

Dettagli

L 16/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 16/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 16/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 20.1.2006 REGOLAMENTO (CE) N. 52/2006 DEL CONSIGLIO del 22 dicembre 2005 che stabilisce, per il 2006, le possibilità di pesca e le condizioni ad esse

Dettagli

Maurizio Martina Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Maurizio Martina Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali PIANO DI AZIONI PER LA PESCA IL PIANO PER LA PESCA La tutela delle nostre risorse marine passa anche attraverso una politica strategica per la pesca e l acquacoltura. Parliamo di un settore che impiega

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Il seguente documento è una copia dell'atto. La validità legale è riferita esclusivamente al fascicolo in formato PDF firmato digitalmente. Decreti Assessorato Agricoltura e riforma agro-pastorale Direzione

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI 1 di 5 07/09/2015 19:47 MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DECRETO 6 agosto 2015 Individuazione delle risorse e dei criteri per l'erogazione degli aiuti alle imprese di pesca che

Dettagli

L acquacoltura, nel mondo del Bio

L acquacoltura, nel mondo del Bio L acquacoltura, nel mondo del Bio Embedded PowerPoint Video By PresenterMedia.com Il Regolamento CE 834/07, il Regolamento CE 710/2009 Il Regolamento CE 834/07 fornisce la base normativa per lo sviluppo

Dettagli

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del XXX

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del XXX COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, XXX [ ](2014) XXX draft REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del XXX che modifica il regolamento (CE) n. 889/2008 recante modalità di applicazione del

Dettagli

Info Mese Settembre NOTA MENSILE SETTEMBRE 2012

Info Mese Settembre NOTA MENSILE SETTEMBRE 2012 Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE EUROPEE ED INTERNAZIONALI DIREZIONE GENERALE DELLA PESCA MARITTIMA E DELL ACQUACOLTURA Servizio Monitoraggio statistico

Dettagli

IV 2007 NEWSLETTER TRIMESTRALE SULLA PESCA PUGLIESE. Caratteristiche tecniche della flotta

IV 2007 NEWSLETTER TRIMESTRALE SULLA PESCA PUGLIESE. Caratteristiche tecniche della flotta NEWSLETTER TRIMESTRALE SULLA PESCA PUGLIESE IV 2007 Caratteristiche tecniche della flotta Le imbarcazioni censite nei Compartimenti Marittimi pugliesi nel 2007 sono 1.704, la stazza complessiva ammonta

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 1343/2011 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. del 13 dicembre 2011.

REGOLAMENTO (UE) N. 1343/2011 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. del 13 dicembre 2011. L 347/44 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 30.12.2011 REGOLAMENTO (UE) N. 1343/2011 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 13 dicembre 2011 relativo a talune disposizioni per la pesca nella zona

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Disposizioni per l attuazione del Reg. (CE) n. 1235/2008 recante modalità di applicazione del Reg. (CE) n. 834/2007 del Consiglio per quanto riguarda il regime di importazione di prodotti biologici dai

Dettagli

LA PESCA IN VENETO. Osservatorio Socio Economico della Pesca e dell Acquacoltura. Sommario. Aggiornamento a Gennaio 2012

LA PESCA IN VENETO. Osservatorio Socio Economico della Pesca e dell Acquacoltura. Sommario. Aggiornamento a Gennaio 2012 LA PESCA IN VENETO Aggiornamento a Gennaio 2012 Sommario STATO DELL ARTE DELLA PESCA VENETA 2 FLOTTA E IMPRESE ITTICHE 3 LA PESCA IN VENETO. 5 ACQUACOLTURA.. 9 COMMERCIO ESTERO.. 10 Osservatorio Socio

Dettagli

Osservatorio Socio Economico della Pesca e dell Acquacoltura. Aspetti economici della produzione di anguille in Veneto

Osservatorio Socio Economico della Pesca e dell Acquacoltura. Aspetti economici della produzione di anguille in Veneto Osservatorio Socio Economico della Pesca e dell Acquacoltura Aspetti economici della produzione di anguille in Veneto Capitolo 1 Produzione di Anguilla tramite cattura La produzione di anguille avviene,

Dettagli

Come migliorare la gestione della pesca nella tua zona?

Come migliorare la gestione della pesca nella tua zona? Come migliorare la gestione della pesca nella tua zona? Grazie del tempo che dedicherai a compilare questo sondaggio. Il questionario è stato sviluppato per raccogliere le opinioni dei portatori di interesse

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DECRETO 10 agosto 2016

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DECRETO 10 agosto 2016 MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DECRETO 10 agosto 2016 Individuazione delle risorse e dei criteri per l'erogazione degli aiuti alle imprese di pesca che effettuano l'interruzione

Dettagli

Note sulla taglia minima su prodotti di acquacoltura

Note sulla taglia minima su prodotti di acquacoltura Note sulla taglia minima su prodotti di acquacoltura Sovente da parte delle autorità di controllo vengono sollevate osservazioni in merito la detenzione di animali con taglia inferiore alla taglia minima

Dettagli