Scheda sintetica del progetto arvore da vida

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Scheda sintetica del progetto arvore da vida"

Transcript

1 Scheda sintetica del progetto arvore da vida Contesto AVSI collabora con FIAT Brasile dal 2004, con il progetto di responsabilità sociale Arvore da Vida, nelle aree prossime allo stabilimento di Belo Horizonte, in Minas Gerais in Brasile. Il quartiere Jardim Terezopolis, abitanti, equivalenti a circa famiglie in un area di circa 260 ettari era una grande sacca di povertà, basso indice di sviluppo umano (basso livello di istruzione, scarsa qualificazione professionale), e indici di violenza tra i più alti del Brasile, Alcuni risultati: migliorate le condizioni di vita di circa persone che vivevano in situazione di vulnerabilità; in particolare: famiglie tra bambini e adolescenti, giovani giovani stabilmente inseriti nel mondo del lavoro. Metodologia community development approach, metodologia integrata e partecipativa che coinvolge i diversi attori pubblici e privati sul territorio attenzione alla componente di specializzazione professionale e di introduzione al mondo del lavoro per giovani e donne disoccupate Partership pubblico, privato sociale, business Il progetto voluto da Fiat ha coinvolto una ong che ha coordinato l intervento nella comunità il municipio, interessato a migliorare il contesto socio-ambientale del territorio una rete di imprese sensibili alla dimensione sociale: FIAT ha coinvolto fornitori e canale distributivo, arrivando a 51 imprese la comunità locale ha partecipato attivamente come protagonista attraverso persone e CBOs Il progetto ha beneficiato 1 - Interventi nell ambito della Disgregazione sociale Addensamento dei servizi presenti nel quartiere, coinvolgimento di 48 iniziative locali pubbliche private che offrono servizi all interno del quartiere (centri infantili, scuole, associazioni per l avvio al lavoro, associazioni culturali, forze dell ordine, centri sportivi, istituzioni assistenziali, associazioni commerciali, assessorati municipali, centri di qualificazione professionale, giornali e radio di quartiere) in fase di definizione e realizzazione del progetto Riqualificazione di 9 centri educativi attraverso interventi di ristrutturazione e adeguamento delle attrezzature che accolgono circa bambini, adolescenti e rispettive famiglie Costruzione a avvio di un centro polisportivo di circa mq Rafforzamento e miglioramento delle iniziative presenti nel quartiere in una prospettiva di sostenibilità dei servizi attraverso la formazione di 159 persone che attuano nell ambito gestionale e amministrativo con l obiettivo di favorire l aumento delle capacità/possibilità di accesso a risorse locali

2 Coinvolgimento di circa persone equivalente al 42 % della popolazione di Terezopolis 2 - Disagio Giovanile Riduzione del tasso di violenza giovanile, nel 2004 Jardim Terezopolis aveva indici di violenza tra i più alti del Brasile. I crimini violenti registrati nella comunità nel 2005, anno di inizio del progetto, furono 191; nel 2010 i crimini violenti si sono ridotti ulteriormente passando a 81. Il tasso di violenza si é pertanto ridotto di circa 58 punti percentuali tra il 2004 e il Anche per quanto riguarda gli omicidi commessi nella comunit a i dati mostrano milgiormenti consistenti. Nel nel 2004 gli omicidi sono stati 29e nel 2010 solamente 11 con una diminuzione del 62%. Avvio di un Centro a Sostegno delle Famiglie - CAF Centro de Apoio à Família 34,1 % dei bambini e adolescenti tra i 7 15 anni hanno partecipato al progetto (Circa 2000 bambini e adolescenti) 35,3 % dei giovani tra i 16, - 24 anni hanno partecipato alle attività del progetto (Circa 2000 giovani) Accompagnamento di famiglie del quartiere attraverso il CAF 3 - Interventi nell ambito della Educazione Il tasso di analfabetismo della comunità è passato dal 5,9 del 2004 al 3,6 nel 2008 Il tasso di completamento della scuola primaria è passato dal 21,3 % nel 2004 al 26,4 % nel 2008 e 29,4% nel 2011 Il tasso di completamento delle scuole secondarie è passato da 10% del 2004 al 15,9 % nel 2008 e 17,5% nel 2011 Rafforzamento di servizi educativi per l infanzia e adolescenza nell area attraverso corsi di aggiornamento per 715 educatori che attuano nelle scuole e centro educativi complementari presenti nel quartiere adolescenti e giovani hanno frequentato attività educative ricreative (danza, musica, teatro) e sportive 825 adolescenti e giovani hanno partecipato ad attività di alfabetizzazione, recupero scolastico e di doposcuola 4 - Interventi nell ambito della Occupazione o Avvio di un centro di orientamento al lavoro o il reddito famigliare dell area è aumentato del 130.1% passando da R$ 135,72 (circa 60 euro) a R$ 351,19 (circa 154,00 euro). Nell area metropolitana di Belo Horizonte è aumentato dell 88.5%, in Brasile del 65.5% o il tasso di disoccupazione è passato dal 12.6% del 2004 al 7.3% nel 2011 o il lavoro informale è passato dal 4.1%all 1.6%. o giovani qualificati o giovani avviati al mondo del lavoro o ragazzi attualmente impiegati in un lavoro degno, 800 dei quali in FIAT e suo indotto o 210 giovani hanno frequentato corsi di qualificazione specializzata di ore o Avvio di una cooperativa di 27 donne che, per poter conciliare la necessità di lavorare con le responsabilità familiare, hanno dato vita ad una iniziativa per la produzione di oggetti utilizzando materiale di riciclo delle lavorazioni FIAT. o 163 attività imprenditoriali presenti nel quartiere rafforzate o Coinvolgimento 51 imprese (fornitori e indotto)

3 Lezioni apprese e la sfida del nuovo polo industriale della FIAT in Pernambuco Il progetto Arvore da vida suggerisce 2 way forward che hanno come denominatore comune la partnership settore imprenditoriale, ong e istituzioni pubbliche: YOUTH EMPLOYMENT AND INCLUSION AT THE BASE OF PYRAMID: favorendo la qualificazione professionale e l introduzione al mondo del lavoro di giovani disoccupati. Un modello che riesce da un lato a soddisfare le esigenze del settore imprenditoriale di rispondere ad un mercato del lavoro sempre più competitivo e dall altro offre la possibilità di contrastare disoccupazione e sottoccupazione offrendo opportunità ai giovani di cercare e trovare lavoro o creare fonti alternative di reddito per sé e la propria famiglia, uscendo dal circolo vizioso della povertà che spese volte si traduce fenomeni di violenza (Recife e Salvador). Il tutto con il sostegno di politiche pubbliche finalizzate a questo (es.jovem Aprendiz). Il secondo modello riguarda il community development sostenable e si inserisce in un ambito più ampio di politiche per la riduzione della povertà, l inclusione sociale e sviluppo sostenibile, passando da un approccio reattivo (interventi per rimediare alla formazione di agglomerati abitativi informali, con degrado umano e ambientale, all intorno delle aree industriali) ad un approccio preventivo, in cui la fase di insediamento è accompagnata da studio di impatto e programmazione con il coinvolgimento della comunità locale, valorizzandone le risorse. Questo modello è particolarmente interessante in un momento storico in cui molte aziende si stanno installando nelle aree dei Paesi in crescita. L azienda oltre ad essere un fattore di crescita economica starà contribuendo alla definizione e diffusione di una nuova cultura di sviluppo del territorio nel rispetto dell ambiente e della comunità locale (cultural, social, sostainable chain) compatibile con quello industriale. E il caso del nuovo impianto che la FIAT vuole avviare nel Nord Est del Brasile nell area metropolitana di Recife dove si gioca la sfida di una industria del terzo millennio non solo per l impatto ambientale, ma soprattutto per l impatto sociale ed umano. Il modello che verrà sperimentato nel nuovo polo industriale della FIAT in Pernambuco può far scuola ad altre aziende, a livello nazionale e internazionale. In questo modo, FIAT, oltre ad essere fattore di crescita economica, starà contribuendo alla definizione e diffusione di una nuova cultura di sviluppo del territorio e della comunità locale compatibile e sostenibile con quello industriale.

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

Le donne e lo sviluppo rurale. Per garantire. un futuro. all'europa rurale. Commissione europea Direzione Generale Agricoltura

Le donne e lo sviluppo rurale. Per garantire. un futuro. all'europa rurale. Commissione europea Direzione Generale Agricoltura Commissione europea Direzione Generale Agricoltura Le donne e lo sviluppo rurale Per garantire un futuro all'europa rurale Numerose altre informazioni sull'unione europea sono disponibili su Internet via

Dettagli

Gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio: un patto tra le nazioni per porre fine alla povertà umana

Gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio: un patto tra le nazioni per porre fine alla povertà umana SINTESI Gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio: un patto tra le nazioni per porre fine alla povertà umana Il nuovo secolo si è aperto con una dichiarazione di solidarietà e una determinazione senza precedenti

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Le prospettive di sviluppo dei white jobs in Italia

Le prospettive di sviluppo dei white jobs in Italia Le prospettive di sviluppo dei white jobs in Italia Servizi sanitari, sociali e alla persona: i settori economici con il potenziale di occupazione più elevato (29 luglio 2014, ver. 1.2) Azione di Sistema

Dettagli

IPOTESI PER UN PROGETTO DI RIORGANIZZAZIONE DEL COMPARTO EDUCATIVO E FORMATIVO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

IPOTESI PER UN PROGETTO DI RIORGANIZZAZIONE DEL COMPARTO EDUCATIVO E FORMATIVO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO IPOTESI PER UN PROGETTO DI RIORGANIZZAZIONE DEL COMPARTO EDUCATIVO E FORMATIVO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO L opera del maestro non deve consistere nel riempire un sacco ma nell accendere una fiamma

Dettagli

Osservatorio Nazionale sull Inclusione Finanziaria dei Migranti in Italia

Osservatorio Nazionale sull Inclusione Finanziaria dei Migranti in Italia progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi Terzi migranti CITTADINANZA ECONOMICA SECONDO REPORT (2013) Osservatorio Nazionale sull Inclusione Finanziaria

Dettagli

Roma, aprile 2012 L EVOLUZIONE NEI RAPPORTI TRA UNIVERSITÀ,

Roma, aprile 2012 L EVOLUZIONE NEI RAPPORTI TRA UNIVERSITÀ, Roma, aprile 2012 L EVOLUZIONE NEI RAPPORTI TRA UNIVERSITÀ, TERRITORIO E MONDO DEL LAVORO IN ITALIA: Un riepilogo delle principali trasformazioni degli ultimi venti anni di Cristiana Rita Alfonsi e Patrizia

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Caratteristiche e cause del fenomeno e analisi delle politiche per contenerlo e ridurlo AGOSTO 2011 Not

Dettagli

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3)

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere riconoscibile

Dettagli

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO 26.4.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 120/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO del 22 aprile 2013 sull'istituzione di una garanzia

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali LIBRO BIANCO SUL WELFARE PROPOSTE PER UNA SOCIETÀ DINAMICA E SOLIDALE

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali LIBRO BIANCO SUL WELFARE PROPOSTE PER UNA SOCIETÀ DINAMICA E SOLIDALE Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali LIBRO BIANCO SUL WELFARE PROPOSTE PER UNA SOCIETÀ DINAMICA E SOLIDALE ROMA FEBBRAIO 2003 Il Libro Bianco sul welfare è stato redatto da un gruppo di lavoro

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI DIREZIONE GENERALE DELLE POLITICHE SOCIALI

REPUBBLICA ITALIANA MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI DIREZIONE GENERALE DELLE POLITICHE SOCIALI UNIONE EUROPEA FONDO SOCIALE EUROPEO REPUBBLICA ITALIANA MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE DIREZIONE GENERALE DELLE

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE LIBRO VERDE. Promuovere un quadro europeo per la responsabilità sociale delle imprese

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE LIBRO VERDE. Promuovere un quadro europeo per la responsabilità sociale delle imprese COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 18.7.2001 COM(2001) 366 definitivo LIBRO VERDE Promuovere un quadro europeo per la responsabilità sociale delle imprese (presentato dalla Commissione) INDICE

Dettagli

L introduzione dell ottica di genere nei processi di sviluppo locale

L introduzione dell ottica di genere nei processi di sviluppo locale L introduzione dell ottica di genere nei processi di sviluppo locale Modello Europeo e Linee Guida per il progetto internazionale W. In D. Women in Development Davide Barbieri Barbara Bittarelli Flavia

Dettagli

AZIONE per UN TURISMO EUROPEO PIÚ SOSTENIBILE

AZIONE per UN TURISMO EUROPEO PIÚ SOSTENIBILE Si ringrazia il governo italiano (Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per lo Sviluppo e la Competitività del Turismo) per avere fornito la versione italiana di questo rapporto. AZIONE

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. COMUNE DI CATTOLICA cod. NZ 02255

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. COMUNE DI CATTOLICA cod. NZ 02255 (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI MISANO ADRIATICO (Capofila) COMUNE DI CATTOLICA COMUNE DI BELLARIA-IGEA

Dettagli

GLI SCENARI DEL WELFARE TRA NUOVI BISOGNI E VOGLIA DI FUTURO

GLI SCENARI DEL WELFARE TRA NUOVI BISOGNI E VOGLIA DI FUTURO GLI SCENARI DEL WELFARE TRA NUOVI BISOGNI E VOGLIA DI FUTURO Rapporto finale Roma, 5 ottobre 2010 Questo rapporto è stato realizzato da un gruppo di lavoro del Censis diretto da Maria Pia Camusi e composto

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Guida ai finanziamenti europei per la progettazione sociale

Guida ai finanziamenti europei per la progettazione sociale Guida ai finanziamenti europei per la progettazione sociale Schede dei principali Programmi co-finanziati dall UE per la realizzazione di progetti sociali A cura di Progetti Sociali s.r.l. Impresa Sociale

Dettagli

EaSI. Nuovo programma ombrello comunitario per l occupazione e la politica sociale. sociale

EaSI. Nuovo programma ombrello comunitario per l occupazione e la politica sociale. sociale EaSI Nuovo programma ombrello comunitario per l occupazione L Europa sociale EaSI Nuovo programma ombrello comunitario per l occupazione Commissione europea Direzione generale per l Occupazione, gli affari

Dettagli

I PROCESSI DI CAMBIAMENTO NEI SISTEMI PRODUTTIVI DI ALICANTE E TREVISO

I PROCESSI DI CAMBIAMENTO NEI SISTEMI PRODUTTIVI DI ALICANTE E TREVISO I PROCESSI DI CAMBIAMENTO NEI SISTEMI PRODUTTIVI DI ALICANTE E TREVISO INTRODUZIONE... 4 PARTE A - I DISTRETTI IN PROVINCIA DI TREVISO... 12 1. IL SETTORE DELL ABBIGLIAMENTO... 12 1.1 Caratteristiche ed

Dettagli

Commissione di studio e di indirizzo sul futuro della formazione in Italia RAPPORTO SUL FUTURO DELLA FORMAZIONE IN ITALIA

Commissione di studio e di indirizzo sul futuro della formazione in Italia RAPPORTO SUL FUTURO DELLA FORMAZIONE IN ITALIA Commissione di studio e di indirizzo sul futuro della formazione in Italia RAPPORTO SUL FUTURO DELLA FORMAZIONE IN ITALIA Roma, 10 novembre 2009 La Commissione, istituita con Decreto del Ministro del Lavoro

Dettagli

EDUCAZIONE ALL ENERGIA

EDUCAZIONE ALL ENERGIA EDUCAZIONE ALL ENERGIA Insegnare ai futuri consumatori di energia Direzione generale dell Energia e dei trasporti COMMISSIONE EUROPEA Lussemburgo: Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle Comunità europee,

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI

L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI Gli agri-asili: qualità della vita nelle aree rurali Gli standard minimi dei servizi di cura per l infanzia nelle Regioni e nelle Province Autonome italiane: L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI Documento

Dettagli

Linee PER LO SVILUPPO DI ATTIVITA VOLTE A CONTRASTARE LA SOLITUDINE E L ISOLAMENTO DELLE PERSONE ANZIANE

Linee PER LO SVILUPPO DI ATTIVITA VOLTE A CONTRASTARE LA SOLITUDINE E L ISOLAMENTO DELLE PERSONE ANZIANE AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE DIREZIONE GENERALE SANITÀ E POLITICHE SOCIALI SERVIZIO DELL INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA E DELLE POLITICHE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA AREA INNOVAZIONE SOCIALE Linee

Dettagli