... u parlà u l é cume in arburu, cume in arburu d auriva che ti u tagli e ti u capuli, ma u ven turnà ancù a burrì.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "... u parlà u l é cume in arburu, cume in arburu d auriva che ti u tagli e ti u capuli, ma u ven turnà ancù a burrì."

Transcript

1 Enrico Malan E bestie duméstéghe e sarvaighe de terra, Pesci e bestie de marina, I auxeli... u parlà u l é cume in arburu, cume in arburu d auriva che ti u tagli e ti u capuli, ma u ven turnà ancù a burrì. (da I Nenari di Renzo Villa)

2

3

4

5 Prefaçiun Nonno, me li fai vedere i pescioni in Internet? U mei nevetu, d ubrigau in ca pe a freve, int a giurnà che gh ava imprumessu de purtaru au Müseu Uceanugraficu de Munegu, inte caiche maneira, u vurreva infurmasse insce cheli pesciassi. Pe mi l é staitu in piaixé. Int in pa d ure gh òn tirau zü da u web diverse mene de pesci, dai ciü pecin ai ciü grossi, l ava stampai e inscì impaginai cu a costa. L é staitu in veru piaixé daru a mente intantu ch u sfögliava, cun interessu, u libru che gh àva preparau. Ma ciütostu aviau, u mei Andrea, ch u stava za in po ciü ben, u l é duvüu partì pe turnassene a ca sou, a Sarzana, e a mi, inte l urdinatù, me gh é arrestau tüti cheli pesci che ava pescau pe elu. L é staitu alura che me vegnüu int a testa l idea de fa inscì pe mi in bèlu libro, tütu a curui, cu i pesci d a nostra marina, scritu int u nostru parlà, ma ch u l avesse pe fegüre u ciü puscibile d i mei francubuli. Ghe n àva pareglie scarae mai aduverae, che ava acatau candu ava messu inseme a cugliüa insc e cunchiglie. Sun andaitu a cunsürtà e püblicaçiun d u sciù meigu. Azaretti, cun drente u libretu Imparamu u Ventemigliusu, i çinche vulümi d u Vocabolario delle parlate liguri d a Cunsurta, chelu cu u repertoriu speciale insci a pesca e regordandu tütu chelu che ava imparau candu eiru stau apröu â tematica de francubuli insci a Vita d a Marina, ch a l àva prucürau in mügliu de premi, int ê Mustre Filateliche, a u mei caru amigu Nando Ferrarini, che da tempu, oramai, u ne gh à lasciau. Però, inte Imparamu u Ventemigliusu se parla aiscì de bestie dumestighe e servaighe, de sarpenti, bestiete e auxeli, e alura, vistu che u materiale filatelicu u nu me manca, gh òn azuntau autri dui capituli: Bestie dumesteghe e sarvaighe de terra e Auxeli. Seron pocu mudestu ma chelu ch òn faitu u m é piaixüu. Speru inscì che me nevu, in giurnu, u pöscie apreixà stu mei travagliu, ch u l è staitu propiu elu a ispirame. Enrico Malan

6

7 U nostru parlà 1 E bestie duméstéghe ê ave 2 E bestie sarvaighe de tèrra 3 Pesci e bestie de marina 4 U fundu d a marina 5 U gussu 6 Cüriusità 7 A pesca int a marina 8 A pesca cu a cana int a scciümaira 9 I auxeli 10 Modi de dì e atrassi pe a pesca 11 Glossario

8

9 E bestie dumesteghe

10

11 E bestie dumesteghe Ina vota gh éira tanti cavali ch i serviva a tirà e carrosse pe purtà e gente, e carri e carreti pe purtà a roba. Au sou postu avura gh é i automòbili e i camiùi. ase mü, müra souma In campagna, duve nu gh é de strade pe i automòbili, s aduverava ancura i müi ê müre pe purtà a roba in sci u bastu e, càiche ràira vota, pe u stessu travàgliu, in ase o ina sòuma.

12 vaca crave pegura Vache, crave e pégure, ch i se ciama iscì fée, i se ten pe u laite. cravéu crava crava mùta Ina crava de dui ani, ch a l é bona da mangià cume in cravéu, a se ciama bima. E crave sensa corne, i se ciama crave mùte. böi cun l arau bö ch u tira in carru I böi, ina vota, i se üsava pe lavurà a terra cun l aràu, duve gh éira de fasce larghe e int u cianelu e càiche vota iscì pe tirà u carru, ma avura si travagli i se fan cu e machine. aràu mudernu

13 mautùn o aréu becu U mascciu d a pégura u se ciama mautùn o aréu, chelu d ê crave, becu. E pegure, d estae, i stan insce l arpe e d invernu, candu in sce l arpe gh é a neve, i e porta in cianüra, duve fa ciü caudu. Inti nostri paisi, a transumanza, u viagiu d ê sciòrte d a cianüra a a muntagna, e a revérsa, inta stagiun, u l é ditu ghidàgiu. I padrui de e terre, interessai dau passàgiu de e sciòrte, i dava modu au stercuràgiu, sereva a di ch i gh e lasciava pastürà e passà a nöte, pe utégne l ingràsciu de chele terre, pe u ciü prai o aurivei.

14 vaca vitélu vache Pe a carne, in ciü d i vitéli, d i cravéi e d i agneli, s aleva càiche vota, in porcu porcu porchi porchi e suvente cunigli e gagline, ch i fan iscì i övi. galu e gaglina ciossa cu i pulin pulin bebin bebina frixuna

15 oche oca oche Duve gh é de lone o de bearoti d àiga se pö tegne pàpure e oche, ma da e nostre parte nu se ne vé gairi. papura papureta pàpure

16 De nöte, e vache, e crave, i viteli e e àutre bestie i stan int u stàgiu, in sc in léitu de giassu furmau de paglia, custi e ramete scapüssàe, ch u serve pöi da ingràsciu pe a campagna. cunigliéira cunigli Però, de vote, i cunigli i se ten inte gàgie, ch i se ciama cunigliéire, gali gaglinà galu e gaglina

17 can da gàrdia can can da cacia I cai i serve pe fa a gàrdia e pe andà a cacia, gata cu i pecìn mignìn gatu cu in grumiscélu i gati pe piglià i rati. gatu can gati can

18 Abeglie I Egiçiai, au curmu d a sou çivirtà, i l àn degagiàu l alevàgiu de e àve. Nui àmu pusciü savé che, pe utegne d i amei assai ciü de varù, cavài da pollini e nettari de sciuriüre in spéce, i dàva mòdu a in tipu d alevàgiu ch u l éira faitu stramüàndu i arbinài insce barche, longu u Nilu. abéglia De e abéglie i se sun interessài fina i Assiri, i Babilunesi, i Ebrei, i Greghi e i Rumai. Gh é d arregordasse che l amé u l eira cunsciderau u néttare d i Dei, a sula sustànsa aduçànte pe alura cunusciüa. u brüscu u burégu (trùssu vöiu) l arbinà L arbinà u l é ina casceta adata a mantegne i bugni insce de terai ch i pön bugià, cuscì da purré cuntrulà e levà i prudoti cuntegnüi: amé, çeira o survàt, fandu a menu d amassà e àve.

19 E ave, che ciamamu iscì abeglie, i sun bestiete maiscì laburiuse. A sula ave ch a fa i övi a l é l ave regina. E béghete, sciortie da l övu, i sun mantegnüe cun u mangià d a maire. Dopu catru giurni, chele destinae a diventà regine i cuntügna a esse mantegnüe cun u mangià d a maire, e autre cun l amé. Da ina cuà ghe pö nasce ciü regine, ch i se ne van da l arbinà, cun in pecin sciamu. A prima regina ch a nasce e a nu sciama, a l amassa e autre ascaixi regine, vegnendu a esse a sula regina, inte l arbinà. Pe galà i övi, e regine, i l àn da besögnu d i mascci, ch i sun ben ciü grossi e ensci. Sulu ün d i mascci u l arresce a acubiasse cu a regina, ch a vöra fin che stu li u nu l aciapa. Pöi, i mascci, i möire tüti d â fatiga o amassai dae ave uperaie

20 E uperaie i l àn da fa paregli travagli: da netezà l arbinà a l alevagiu d ê beghete, â frabicaçiun d i favi, faiti de çelete, au masaghinagiu d ê granete, au travagliu de riçerca d u sciügu d ê sciure. E ave i parla infra de ele pe dasse infurmaçiun insci posti duve s atröva da mangià. U sistema ch i l aduvera u l é faitu de fegüre, ch i sun diti bali. Candu i l atröva in postu duve gh é d u mangià, s u l é a metri, l'ave a u dixe ae cumpagne cun in balu a çerciu, ch a l incumensa a fa candu a s é descarregà. A se bugia cun pecin passi, lesti, insce u cian d a brésca, fandu de çerci strenti e scangiandu suvente direçiun. Dopu u balu ch u pö dürà pochi segundi o fina in menütu, l'ave a raca ina taca de u sciügu d ê sciure. Alura e ave i sciörte in gran nümeru. A növa ch a gh a daitu a l é staita: da veixin a l arbinà, versu punente, gh é abundansa d u mangià che v òn purtau.

21 E bestie sarvaighe de terra

22

23 E bestie sarvaighe de terra luvu Sti ani int i boschi gh éira i luvi ch i mangiava e àutre béstie sarvàighe e, càiche vota, iscì pegure e crave, ma l é ascaixi duxent ani ch i sun sparì. vurpe vurpe vurpe Gh eira inscì de vurpe, de fuin, de màrture, fuin fuìn màrtura màrtura

24 tasciu tasciu tasciu de tasci, porchispin, porchispin porcuspin porcuspin U porcuspin u l ha a schina cüverta de spine e pe diféndise u s agrupa, furmandu ina balòtura spinusa.

25 bélura bélura bélura gi gi gi de bélure, gi e scuairöi, scuirö scuirö scuirö scuiröi, scuirö,

26 levre de levre, gati sarvaighi, luire e porchi sarvàighi, che avura i ghe dixe cinghiali. gatu sarvaigu gatu sarvaigu gatu sarvaigu Dau 1709 au 1715, in zeru incustümau, ch u l à fina faitu möire ina bèla partia de antighi arburi d auriva, u l à atrau, suvente, assauti de luvi çervéi, de belure e de gati servaighi. luvu çervé luvu çervé luvu çervé De segnalà a calità de sti assauti se n éira incarregai i Negri, chi fava bataglià a campaneta de l Oratoriu, cun de sonate deferenti, a segunda d a calità de se bestie.

27 luira luira luira E luire i stava int a scciümaira porcu sarvàigu porcu sarvàigu pecin de porcu sarvàigu tarpa capriö camusciu camusciu, camùne

28 ratu Pe contru i rati i sun sempre abundanti, sece cheli pecìn ch i zira pe e cae, sece i rati da cundütu, e gh é de ratapene ch i sun rati ch i vöra de nöte. Gh eira ina vota ina raça de ratin. I l eira cuscì pecin ch i nu purreva sciorte dae sou tane pe çercà caicosa da mangià, percose sübitu caich'autra bestia ciü grossa, cume gati, auxeli e rati ciü grossi, i se gh asbrivava e i feniva mà. Poveri ratin, i nu purreva propriu ciü vive cuscì! In giurnu, u ciü veciu de sta povera raça d e ratui, u sé messu a pregà. Ma chi u l avereva duvüu pregà? U pensava: Nui ratin, a cale scignù purrerescimu ciamà agiütu? U l eira ciacrinau, nu pe elu ma pe tüti cheli ratin ch i l eira nasciüi da pocu tempu e pe tüti i autri soi ratui cume elu. Ma u Scignù d u mundu u stava a sente, e pe purré paixà u veciu ratun, u se gh'apresenta sut a furma d in ratin, ciü o menu cume i l eira sti poveri meschineti, e u ghe dixe: Sun vegnüu pe dave a puscibilità de vive cume tüte e autre bestiete de stu mundu. Ve faron cresce e are e ve ciameré ratapene. Vöreré cume i auxeli, sciortiré sulu de nöte e vörandu truveré tanti muscin che mi òn fau nasce pe vui. Serà cuscì che purreré vive tranchile e vörandu mangeré, e candu u su u scciairirà u celu, vui ratapene, ve n anderé a dorme int e crote, apesi au plafun. Cuscì seré sempre au següru. De seire, mirandu e ratapene ch i vöra cume auxeli scurrendu i muscin, ringraçiu u Scignù. A vita a l è pe tüti cara, ascì pe i ciü pecin. (Erminio Malan)

29 marmote marmota E nostre muntagne i sun cine de marmote, chi fan a sou tana insc e bunde zirae au sù, marcandu e spartenduse tütu u territoriu. De giurnu i sciorte dae tane pe çercà da mangià, ch i cunsüma standu assetae insc e zarpe de darré. Candu i sun föra d a tana, i se tegne alertae, mandanduse de scibri, ch i l àn deferenti cuntegnüi.

30 lona ràina ràina ràina bagiu bagiu bagi Inte l àiga ferma d ê lone e d ê peschéire se tröva de ràine, de bagi e de serpe, ch i ghe fan a cacia pe mangiaseri. sèrpa sèrpa sèrpa

31 sgurbia sgurbia sgurbia Ae sgurbie, ae labrene e ai angöi ghe piàixe invece u càudu e i stan vurenté a piglià u sù. piglià u su cume e sgurbie angö angö angö angö: chelu ch u vé u vö labrena labrena labrena

32 bisciacoca, bisciabornia Inte l erba ghe sta a bisciacoca, che i ciama iscì a bisciabornia percose e gente i se credeva ch a nu ghe viesse. bassa-basseta bassa-basseta bassa-basseta bassa-basseta Int e nöte d estae, i vöra de bestiete negre e i l an ina lüxe ch a s açende e a s asmorsa. Ina vota i fligliöi i ghe cantava: bassa-basseta, végnime in man, che te dagu in tocu de pan!

33 lümassa lümasse lümassa vermu bavusa Candu ciöve sciorte föra i vermi, e lümasse e e bavuse, ch i sun lümasse sensa sgröglia. babarota cu a teragnà E babarote i mangia furmigure, musche, muscìn, sinsare, parpagliöre e autre béstiete ch i vöra e, pe pigliare, i fan e teragnàe duve vüràndu, i van a imbrücàseghe

34 sinsara muscìn sinsara musca musca muscassu furmigura russa furmigure russe furmigura russa furmigura furmigure furmigure

35 bega parpagliöra bega E beghe i sun béstiete ch i mangia a verdüra e a früta, e che pöi i deventa parpagliöre. grilu grilassa grilu cantairö De grili ghe n é de tante mene: gh é i grili de prau, ch i canta in mezu a l èrba, e grilasse, longhe cume u diu, ch i vöra cume auxeli, e i grili cantairöi, ch i sun negri e i canta giurnu e nöte u sou cri-cri. babarotu d u cornu

36 pistùn pistùn pistùn Légi, piaixénti e agaribài i pistùi i sun maiscì ligài a l àiga e intantu che caicün u çèrne de vörà e sacagnà insce lone d ê scciümaire e d ê rivaire, a d i autri gh apiàixe sta insci lagheti d ê aighe càrme, insc ê lone, insc i pantài. cràva muta E cràve mute i sun assai aspèrte inte l arrestà ferme, caminà o cure insciu ciàn de l aiga carma. sücairöi Maire Granda Manin a ne cuntava che, candu a l éira garçunéta, inseme a d i autri figliöi d u sou témpu, inte caude seiràne d estae, a s amüsàva a smorsà e lüxe (stupìn de candére e lümin) ch i ilüminava i taurin d i bar d u tempu, (da veixin au 1890), duve gh éira assetai i scià, pe atastà in sciurbétu o büve ina bribita fresca. I l arresciva a smorsà chele lüxe aduveràndu in grossu parpagliun d a nöte, u sücairö. Ligau de pe e zàrpete cu in fi da cüxe, u l eira lasciàu liberu (se fa pe di ) de svöratà versu ste lüxe, duv u ghe picava surve, smorsàndure. Tütu cantu u l éira acumpagnau da ina firastroca ch a dixeva: Sücairö, sücairö, va insci a sciura de me sö, s autrementi te pelücu ücu, ücu, ücu, ücu

37 E sgröglie ch i sun servie a fa cresce i magnài, e bestiete chi fan a sea, ina vota che stu fi preçiusu u l é staitu arrecampau, i l arresta cuchétu, ch u l é in maiscì bon ingrasciu pe e ciante. tartüca (tartarüga) tartüca (tartarüga) cagnö rabuìn rabuìn tarantura, scurpiùn tarantura, scurpiùn

38 giacumineta A giacumineta, paresce ch a preghe, ma u mascciu, intantu ch i s acùbia, u l arreséga d esse mangiàu. scuraboschi

39 tesuirete tesuirete tesuirete gaglineta d u Bambin A gaglineta d u Bambin a se ciama inscì gaglineta d u Scignù véspa brésca véspa véspa véspa brésca

40 vespàssu babarotu d ê röse spüasanghe babarotu d ê röse rubatabüse Mitulogicu rundelavù d u sù, maiscì adurau, scurpìu insce çentenàe de munümenti egiçi, màrcu d a renasciùn.

41

42

43 Pesci e béstie de marina I pesci i l an in scheletru, che, inte cheli pecin e mezai, u l à pe nome aresca. I l an a pele ricüverta de scaglie, pe contra, se i sun nüi, i l an viscusa de lépegu. De darré au murru, pe respirà, i l an e gögne. I l an a buca cüverta da in lerfu. Surve a buca i l an e narixe, suta, de vote, i l an e barbine. Ai lai du corpu e insci â cua i gh an e arete anciue Fra i pesci de marina, ina vota, l ava grande impurtansa e anciue, ch i vegniva pescae in gran cantità, sarae int i barrì e spedìe föra. Avura però, e anciue, cume tanti àutri pesci, i se sun faite ràire. sardena Gh é invece tante sardene, che apena nasciüe i piglia u nome de giancheti, e, crescendu chelu de putine e pöi de paràsine.

44 Fra i pesci ciü fin, ch i stan insce nostre coste, purremu regurdà: luvassi, déntixi, umbrine, urade, tréglie, mùrmure e sàraghi, lüxerne, e autri. umbrina luvassi dentixu urada treglia mùrmura lüxerna saragu cua negra lüxerna de scögliu Int ê seche e int u brütu, che sereva a di duve u fundu u l é cuvertu de scögli, ghe sta cheli ch i se ciama pesci de scögliu: grunghi, murene, rascasse, capùi, pesci preve, turli, verdùi, ruchei e zigurele, ch i sun boi pe fa u bugliàbasciu e àutre süpe de pesciu. murena rascassa grungu

45 capùn zigurela ruchei pesciu preve turlu turlu

46 cöfanu ziguréla zèrru Insci u fundu d arena o de pauta se ghe reze d i pesci de furma cianela cume büdeghi, raze, rumbi, sole e iscì batinele, ch i sun pesci che candu i se toca i dan a scossa eletrica. batinela büdegu rumbu ferrassa sola Sempre inte l arena ghe vive l aragna, che a l ha de spine velenuse e anche de stele de marina e i cavali marin. aragna de fundu aragna aragnùn

47 cavalu marin stele de marina pesciu San Pe U nome u ven, pe antiga tradiçiun, d â macia negra che u pesciu u l à insci lài, retegnüa cume u marcu lasciau dau diu de San Pe, ch u l à vusciüu cuscì marcà u sou pesciu. U pesciu preve, u l à stu nome percosa u tegne delongu i ögli e a buca zirài versu u cielu. barcheta müsaru lerfàn

48 axèrtu bavecura suralu naselu

49 pesciu vuravù E are i nu sbate pe vörà, ma i serve a sustegne u pesciu inti soi sauti, ch i sun faiti, pe u ciü, pe levasse d inturnu d â cacia d i tuni e d i derfin. Caiche vota se pö vé, purtae in ziru d â currente, de bestie mole trasparente, ch i se ciama e capele. capéle derfin pesciu spa tunu

50 Int a nostra marina i pescicai sun rairiscimi e de passàgiu, ma gh é di pesci d a meixima famiglia ch i sun fina boi da mangià, cume a ninsöra, u gatüssu e u gatubardu. pesciu can aguglian scairu

51 ninsöra gatubardu gatüssu Tüte inseme chele bestie mole, cun tante gambe, i se ciama robamola. E ciü cunusciüe i sun e sciüpie, i totani, e tutanasse, i muscardin e i purpi. sciüpia tutanassa sciüpia muscardin totanu purpu

52 Int ê seche ch i sun föra, ghe sun de araguste e iscì de dügubai, de ghimbari e de çigare aragusta De l aragusta l é ciü bon u ventrame che a crusta düguban Ina vota i dieva che u düguban u l éira u mascciu de l aragusta scampu çigara ghimbaru russu da fundu E grite i sun bestiete ciate, ch i camina de lau grita

53 grita d arenin grita perusa brancüa Au paguro se ghe dixe: lümassa cu a grita, ma gh'é aiscì in autru nome aduverau dai marinai d i barchi a véra ch i l andava in Spagna e i pescavui de mesté, ch i l eira staiti marinai. Sti chi i l aduverava a parola can grégu ch u muntava a gardia insci â porta d a cunchiglia, pe fa in modu che nisciün gh intresse. lümassa cu a grita o aiscì can gregu zin i zin, ch i stan vurenté int i scögli, i sun negri e cüverti de spine, i sun boi da mangià cande i sun cin, ciü di, cande i övi i maüra e i deventa russi zin de fundu

54 capela e in rasteghelu insc ina lümassa d â crena U rasteghelu u l é maiscibon panau e fritu inta paiela aragusta rasteghelu stela marina zin de fundu De cunchiglie ghe n é de tante mene: e patele e i musculi ch i stan atacai ai scögli, e iscì e lümasse cu e spine ch i s inmaglia int ê ré di pescavui. Tüte inseme i se ciama cunchigliagiu. patele: patele d a muffa, chi l an a carne rösa, e i sun ascuse da l arega, e muntagnere ch i se ven cun l aiga bassa, i sechigliui, che, anche ele i se ven cun l aiga bassa, ma i l an a carne düra, e ruchéte ch i l an a cunchiglia ch a sporze a punta musculi

55 lümassa cu e spine ostrega arçela gnacara pelegrina

56 U fundu d a marina U fundu u pö esse brütu, che sereva a dì duve u l é cuvertu de scögli o, dunca, giancu, de pauta o de arena. curalu curalu arega rastegheli Fundu brütu cun lümassa cu e spine, cunchiglie, rasteghelu e stela marina russa

57 cunchigliagiu A tersa cunchiglia de l ürtima fiřa in bassu a l é a Mitra zonata, üna d ê ciü raire intu Mediterraneu. Üna de ste li, versu u 1975, l à atrövà u Sciù Nini (A.G.), espertu acampavù de cunchiglie, drente ina geva de pauta, tirà sciü cu a sciabega au largu d a Marina San Giüsepe. Eira presente candu, çercandu de scciapà a geva, sbalurdiu, u l à vistu paresce sta raira cunchiglia, ciantà inta pauta.

58 U gussu U gussu a l é a cosa ciü impurtante pe cheli ch î vön andà a pescà. Drente u l ha in scheletru fau dae stamenàire e tüt inturnu gh é de tòure ch î furma a pansa. gussu insci â ciaza stamenàire, pansa, inçenta A tòura ciü auta d a pansa, ch a l é ciü spessa d ê autre, a se ciama tòura de l inçenta, e a serve a tégniru inseme. Surva a sta tòura gh é u bordu cu e scherméire e i schermi. scherméira e schermi stropu remi Suta, u gussu, u l à a chiglia e, davanti e derré, dui legni ch i se ciama dritu de prua e de pupa. Duve sti legni i s ataca â chiglia i sun tagliai rundi e i piglia u nome de rode. dritu de prua pernàcia agiàixu zirùn, schermu, pare d i remi

59 Cüriusità I zuveni surali, longhi cume u diu vermelin, i se ne stan, intu primu anu de vita, suta u mòlu d ê capéle e pe lolì i sun ciamai sussacapele. S i sun atacài, i s aciàta int in recantu, drente a capéla E sardene menüe, ch i se tira sciü cu a sciabega, i serve pe inescà i paramiti e pe fa u machetu I se ciama cugömari percose sti pesceti, astracai d â marina insci â ciàsa, i manda in forte audù, ch u l arregorda chelu d u cugömaru Sbèrru pe a furma d a sou cua ch a l arregorda a dugia cua d ina antiga ünifurme d i puliçioti

60 Giüstu cantu a carne d u zérru a nu l é apreixà, i sou zuveni, longhi fina a trei di, diti pignurin, i sun maiscì çercai pe a fritüra giabösa Candu a l é atacà, a spüa ina nivura viola ch a l é velenusa pelegrina - Sta cunchiglia a l éira ciamà cuscì, percose i pelegrin i se serviva d a parte de suta, assai bumbà, cume d ina cupeta pe büve

61 U purpu S é bén aciairiu, de cume u purpu u pö imparà e iscì bugiasse pe via de impürsi de vista e de tucà. U sou inzegnu u l é staitu paragunau a chelu d ê bestie de ca. U l é cüriusu e bon caciavù, che pe u ciü u mangia cunchigliagiu (müsculi, arçéle, ostreghe, ecc.). Pe aciapàri u l aduvera in sistema uriginale: u s aveixina çitu çitu e u gh infira ina prieta int u mezu d ê cunchiglie, fandu in modu ch i nu se pösce ciü serrà. U purpu u l à ötu ganbe, candu totani e sciüpie i n àn deixe. E ganbe de sta robamola i l an de ventuse cu in gancetu, pe pigliàsse u mangià, pe defendise e pe bulegasse. E ganbe tagliae i turna a cresce.

62 A zigurela E ziguréle i sun pesci d urdinariu apröu ae coste basse d u Mediterraneu. Sta calità de pesci a nu l à sugeti mascci o fümele ben ciairi. I nasce fümele e candu i l arresce a vegnì grossi i müa in mascciu, cuscì i sugeti de taglia pecina i sun fümele, cume i ciü grossi e ansiai i sun mascci. Aiscì i curui d ê scaglie i müa cun u sessu: e fümele i l àn curui assai menu gagliurài e sbrilànti d i mascci.

63 Lüxerna de scögliu A lüxerna de scögliu u l é in pesciu che in ciü de esse de taglia u l à ina buca assai granda, inverta de sbiecu, e furnia de denti forti e agüssi. Ghe piaixe sta da veixin ae roche, duve a l atröva tante bele tane pe aciatàsse aspeitàndu i bucui preferî, cume: pescioti, robamola o gritagiu. Assai presente inti fundi d u Mediterraneu, a pö esse longa fina in metru e arrivà a pesà çincanta chiloi.

64 U nome d u pesciu imbriagu u gh arriva da a longhessa, föra d u cumüne, d i rai liberi d ê sou ařete d u peitu. Desganciau d â re, u se bugia brandandu cume in ciucu, arrubatanduse aiscì. I pesci vöravùi i pön vöřà fina a düxéntu metri, cun diversi sauti chi piglia l asvan da de corpi assai lesti d â cua. E sou ařete i se sun scangiae insci u seriu in aře e i sun longhe a metà d a longhessa d u pesciu, ch a l é pocu menu de dui parmi. Ste aře i nu sbate, pe vöřà, ma i serve sulu a tegne dritu u pesciu int i sou sauti. Nu l é vera che i ghinbari i camina indarré. Eli i se bugia in avanti, servenduse d ê zarpete ch i ghe sciorte d â scorsa. Candu i sun suta menaça, i tira a cegà a scorsa a arcu, scatandu pöi cun in sautu indarré, dandu cuscì a fausa impresciun de caminà â reversa.

65 A crusta d u gritàgiu a nu pö cresce cun u corpu d a bestia, l é pe lolì che dopu caiche tempu a se scciàpa e ghe ne ven in autra. Candu i müa, ste bestie, i vegne delicae, cuscì i se deve mete au reparu int e roche scciapàe o inte barmete. Candu a crusta a serà düra abasta, a bestia a pö turna andà in ziru tranchile. A scrocu, drente au belin de ma, ghe vive u gagliotu (in pecin pesciu). U gh intra drente dau dederré e u ghe mangia i afàri pe acubiasse. Se sti scrucui i fusse tropi, u l i càcia föra inseme ai sou bieli, ch i ghe turna a cresce inte poche setemane.

66 A Pesca Pe pescà ghe vö tanti atrassi, cume ré, paràmiti, nasse, fùsciune, arpete, lami, barréi e salabri. fùsciuna nassa fùsciuna lamu arpeta salabru lami da paramiti salabru

67 De ré ghe n é de tante mene: u ressàgliu, i trémari, e manate, a lampara, u tartanùn, a sciàbega e u gianchetà ch u s azunta â sciàbega candu a l é a stagiùn d î giancheti. ré sciàbega ressàgliu

68 A pescà se ghe va pe u ciü cu i gussi che, sti ani, i l andava a vera, a avura i van a muture. gussi I gussi ch î pesca cu a lampara i l an ina grossa lüxe ch a se ciama a lampa e a serve pe fermà i pesci intantu ch i s inçenze cu a ré. Pe divertimentu se pesca iscì d in terra cu a a cana, armà cu ina lensa e lamu,

69 o sedunca d in sci â barca cu u bulentin furmau da ina lensa longa cun diversi lami, ch ì se cara in sci û fundu. gussi bulentin

70 A pesca cu a cana inta scciümaira Pescandu cu a cana inta scciümaira, i se pön piglià d ì pesci cume e trüte, cicunei, ghigiùi d aiga duçe e anghile, ma e anghile i se pesca candu gh é l aiga stèrbura, cu u massame e u paraigu trüte cagnö cicuné témulu gavedàn barbu anghila gagliùn

71 Enrico Malan I auxeli

72

73 I auxeli I auxeli i sun e bestie ciü bèle che ghe sece int a natüra perché i l an de bèli curùi e i canta tütu u giurnu e ghe n é fina ün, u russignö, ch u canta de nöte. russignö Ina vota in ziru ghe n éira tanti: mèrli, turli, russignöi, verdùi, frénghéli, lügari, rébissi, testenegre, spìpure, cardelin, strüneli, cüchi, pichi, garbéi, croi, e de çentu autre mene. mèrlu turlu vèrdùn frénghéli lügaru rébissu

74 téstanegra spìpura cardelin strüneli cücu picu grivéira crou passura ma, au giurnu d ancöi, ghe n é ciü pochi, perché gh é tropi caciavùi ch i ghe spara e perché, cu a terra e l aiga intüscegà, ste povere bestie i nu tröva ciü da mangià.

75 De ün de sti auxeli, ch u se ciamava subachin e in itaglian pulcinella di mare, se n é pèrsa a raça. L ürtimu subachin i l an amassau inti primi ani du 1950, e u sou corpu u se pö ancù vé in vedrina, intu Museu Uceanugraficu de Munegu. subachin Anche i auxeli de rapina ch i sciorte de giurnu, cume i farchéti e i sparavéi, e cheli ch i sciorte de nöte, cume u ciò, a nöitura e u dügu, i se sun fàti ràiri, pe e meixime raixùn. farchéti sparavéi ciò nöitura dügu

76 I auxeli i mangia e semense e a früta, de cheli i vermi, i muscin, e sinsare, e beghe e tüte chele bestiete chi i sun nemighe d ê ciante. I vive duve gh é de àrburi e de custi perché li i tröva da mangià, i pön ascundise e i pön fàseghe u niu e cüaghe i övi.

77 Ghe n é iscì de cheli ch i vive insci â marina, anche se de nöte i dorme insci â costa. Chi da nui gh é de uchin, de òuche, de margui, de ciumbin, de scurrentin e de serrete. I mangia i pescioti ch i l arresce a piglià c u becu, ciantandu a testa sut aiga o fandu de ciumbe, e de vote i se piglia fina i pesci ch i sun arrestai int ê ré d i pescavui. uchin òuca serreta uchin

78 Déme turna e rùndure Lasciü, intu celu, se sta cunsümandu in drama: e rùndure i stan despairéscendu, i nu svurtésa ciü, in gran nümeru, cum i fava inta Prima, caiche anu fa. Basta mirà surve de nui pe acorsise che ghe n é ben poche. Sta andana d amanchi, dai celi d'itaglia e d'europa, a l é ciü che mai duvüa au faitu che i tösceghi aduverai pe travaglià inte campagne i l àn redütu, in modu seriu, e bestiete ch i sun mangiae dae rùndure. A rùndura a vive sulu duve e cundiçiui natürali i nu sun cumprumesse. Ina Prima ch a nu l àge d e rùndure, a nu l é numa in drama pe l ambiente duve vivemu. Aiscì nui supurtamu insci a nostra pele a misa a lögu de l arairì d a pupulaçiun d ê rùndure e d i rundui. S acapisce da l evidente cresce d u nümeru d ê sinsare ch i porta danu inte çitàe e inta campagna longu tüta l estae. A presença de auxeli ch i mangia e bestiete inti nostri celi a l àva u compitu de regulà a pupulaçiun de se bestiete, birançandu i cuntegnüi d in postu.

79

80

81 Modi de dì e atrassi pe a pesca A a issa issa, appena appena a l assu, a filo a l orsa, veleggiare contro vento a riga da marina, orizzonte a vera a sbate, fileggiare della vela abucà, abboccare acabanàsse, acübanàsse, oscurarsi del cielo acetilena, cetilena, lampada a carburo afüstu, fuso, asta verticale dell ancora agiàixu, barra del timone agrüra, tempo umido, piovoso agugliòtu, cardine maschio del timone agutà, aggottare aiga grassa, acqua dolce miscelata a quella salata non trasparente aigaglia de matin, Maistrà, rugiada di mattino, indica l arrivo del Maestrale àighe cine, alta marea àighe magre, bassa marea alestì, armà u gussu sernüu, caricare sulla barca la rete e le corde aléstì, preparare attrezzi amarinà (arc.), nave o barca equipaggiata amatà, alberare un imbarcazione amatàu, imbarcazione alberata amiràndu (arc.), ammiraglio amurrà, arenare - amurràsse, arenarsi anciàli, teli in cui è divisa la menaide anciué, venditore ambulante d acciughe salate in barile andà pe marina, 1 fare il marinaio 2 navigare apruàsse, natante con prua più immersa della poppa apruàu, appruato apupàsse, natante con poppa più immersa della prua apupàu, appoppato apussà, immergere aragàn, uragano aràncuru, calanco arbù, albore (mattina e sera) àrega, alga aregài, ammasso di alghe areghin, alga sottile, scura, con piccoli peli bianchi arena (d ), sabbioso arena, sabbia aréta, pinna aretùn, aletta antirollio ariundà (arc.), mettere in mezza carena la nave per il riassétto della velatura armiràgliu, ammiraglio armitan, il nome del pesce vuol dire piccola grotta scura, per la bocca arcuata e interamente nera. Il nome del pesce in italiano è, infatti, boccanera arpéta, 1 amo a tre punte 2 arpioncello 3 raffio 4 uncino arsénà, arsenale arzigliu, aroma marino, odore caratteristico del mare ascelà, imboccatura del sacco della rete astracà, 1 spingere sulla spiaggia 2 spiaggiare astràcu, deposito lasciato dalle onde avarà, varare una barca B bagnasciüga, battigia baixìn, buco nel sacco della rete chiuso con un cavetto per far uscire il pescato balàsiu, segnale marittimo balésà, movimento della lenza con il pesce all amo sul fondo balùi du Rebossu, nuvole cumuliformi attorno ai rilievi balùn, fiocco supplementare per barche da diporto bancàssa, bancale della barca bandà, mettere in tensione bande, primo pezzo della sciabica baranséla, paranza barbéta du lamu, dardo o punta dell amo barbete, alette della fiocina e dell arpione barbine, barbigli dei pesci barcàgiu, attrezzo da pesca per la cattura delle anguille migranti verso il mare, formato da una cannicciata che sbarra un braccio del fiume barcairö (arc.), imbarcadero barcairö, barcaiolo barcarissu, pontile barcheta, finta seppia di legno con specchi

82 barchézà, fare una gita in barca barcu béstia, nave goletta con albero a velatura quadra barcu, nave in senso generale barra, lungo accumulo di ghiaia attraversata dalla foce del fiume Roia barré, guadino a doppio manico bartarélu, nassa di vimini con una sola imboccatura bartavélu, bertuello bassa prua, cassero bastiméntu, nave di grosso tonnellaggio bastùn, punto terminale della corda e inizio della rete baticua, estremi del tramaglio béchézà, beccheggiare belin de ma, cetriolo di mare. Dentro l oloturia, vive un piccolo pesce parassita, il galiotto, Vi s introduce attraverso l apertura anale, nutrendosi dei loro organi sessuali. Se il numero dei parassiti è eccessivo, l oloturia li espelle insieme con i propri visceri, che sono rigenerati in poche settimane beréta russa, copricapo maschile di panno rosso, caratteristico della gente di mare, tubolare, lungo circa un metro, guarnito con una larga banda nera attorno al bordo da calzare. Fiocco a nappa come chiusura della punta raccolta. E indossato cascante da un lato, ed a volte raggomitolato su se stesso per accorciarlo, ma sovente, è portato sulla spalla, infilato sotto la spallina del panciotto béstin, nome collettivo dato ai pesci cartilaginei béstinàire, speciali tremagli usati per la cattura degli astici (düguban) bétua, barca a fondo piatto e poppa quadra bisciacossa, denominazione antica data alla tartaruga per la somiglianza della testa a quella delle bisce e del carapace ad un vaso di forma concava (cossu) bragòtu, pezzo di corda attaccato alle estremità dei bastoni della rete brandezu, barcollio brassa, brasse, braccia, misure di lunghezza usate dai pescatori (160/170 cm.) brassàu, bracciata brégantìn, brigantino brému da ciungiu, corda cucita sotto la rete dove si mettono i piombi brému da nata, corda cucita sopra la rete dove si infilano i sugheri brému, corda per armare le reti bröma, brüma, fanghiglia e ogni specie di minuscoli animali e vegetali marini che aderiscono alle imbarcazioni lungo la linea di galleggiamento, ed a ogni altro oggetto, sottoposto ad una lunga permanenza in acqua brucàme, lenza con amo annodata alla corda màire del palamito brümezà, 1 brumeggiare 2 pasturare brümezu, 1 brumeggio 2 pastura buca, foce del fiume bùciu (arc.), imbarcazione simile al gozzo bufunà, folata di vento bufurùn, soffio di vento bugàira, bogara, rete da posta a trama unica, con maglie di 15 mm. circa, in teli da 30 m. sostenuta da sugheri e tesa da piombi, e, anticamente, da pietre forate bulà, circondare il pesce con le reti e, con rumori, spaventarlo per farlo irretire bulàsse, tuffarsi buléntìn, bolentino, lenza a mano da fondo con più ami bulézüme, maretta, mare con increspature da brezza bulu, calata delle reti da pesca bunàssa, bonaccia burasca, burrasca burascùn, acquazzone burdésà, costeggiare burdésu, bordeggio burdìga (arc.), recinto formato con giunchi e canne nei canali tra stagni ed il mare, per catturare i pesci burdùn, impugnatura della canna da pesca buriana, burrasca di tramontana busciunéire d u gussu, ombrinali del gozzo büve a catalana, bere a garganella C caiboti, calli alle mani per il remare cainéle, sporgenze di legno a poppa (servono per agganciare la barca al paranco per portarla a secco) caligu, foschia sul mare cambüsa, cambusa cambüsé, cambusiere, marinaio delegato dei viveri sui velieri camin de S. Giacumu, Via Lattea campaneta, gavitello veglia per pesca notturna. Sul pannello era fissata una bottiglia all interno della quale pendeva un sassolino che il movimento delle onde faceva tintinnare, rendendo possibile il ritrovamento del galleggiante anche al buio cancarun, vino forte da taglio del Meridione. Giungeva per mare sui barchi bestia. Le botti erano scaricate in mare e poi tirate sulla spiaggia di Marina San Giuseppe

83 candu da munte Agel cara a pana, ventu da levante in cana, quando dal monte Agel scendono le nuvole bianche, cala il levante. candu â matin a mezu munte Agel gh é a nivura gianca e runda, marca rebossu int u dopu sdernà, quando nella mattinata, a metà del monte Agel c è una nuvola bianca e rotonda, indica che nel pomeriggio cala il rebossu (vento locale) canun de cana, tronchetto di canna capitagnu, capitano capòta, giaccone da marinaio capubarca, capobarca carà a re a dugìn, calare la rete ad anse carà a re, calare la rete carà de l arbù, ultima calata serale della rete cara, 1 arco di tempo tra la partenza e l arrivo dalla pesca 2 calata, punto stabilito per la pesca con la rete carabutìn, palchetto di prua del gozzo carafatà, calafatare carafatu, calafato caramentu d u paramitu: de terra in föra, dugiandu fra fundu secu e ripa in carà, tegnindu contu se a curente a l é da levante o da punente, posizionamento del palamito: da terra verso il largo, con archi tra fondo roccioso e scarpata a picco, tenendo conto se la corrente è da levante o da ponente caramentu, insieme delle reti calate in mare carànca (arc.), distretto marittimo assegnato per la pesca carema, caröma, paroma, fune di 5 mm. di diametro, usata per collegare al gavitello reti o nasse che giacciono sul fondo carize, caligine caroma, paroma, sottile fune usata per collegare al gavitello reti o nasse che giacciono sul fondo Carru grossu, Orsa maggiore Carru pecìn, Orsa minore carümà, salpare la caröma cascavöga, modo di vogare casceletu, porzione di rete con maglie piccole che unisce le bande di una sciabica, al sacco cassairixe, sairixe, canna da pesca al branzino casteli, cumulonembi caudüra, calura cavu d èrba, cavo vegetale cavu, 1 canapo grosso 2 capo (profilo costiero) 3 promontorio cenciolu, 1 cianciolo 2 grossa lampara çéngia, cinghia ad armacollo di filacce di rete con peso finale per tirare la sciabica da terra cetilena, lampada a carburo chiglia, chiglia ciairu d àiga, chiarore che preannuncia la pioggia cianciferu (nauché in 2 ), nocchiere in seconda cianciola, piccolo peschereccio ciapairö, u vive insc ê ciape int â marina, muggine di scoglio con livrea argentea e linee longitudinali verdine (lato testa - coda) ciapami, scogli piatti ciaza, spiaggia aperta çima, cima, la prima corda ad essere tirata a terra nella sciabica çimelu, puntale per canna da pesca cincià, beccheggiare çìngara, affusto dell ancora ciövascu, ciuvascu, piovasco cippa bunassa, bonaccia assoluta citilena, lampada a gas di carburo ciumbà, tuffare ciumba, tuffo ciumbìn, piombino della lenza ciungià, piombare ciungiaüra, impiombatura di corde coca, ammaccatura della lenza contramaire, teli estremi del tramaglio corne, antenne dei crostacei corpu de mà, ondata cotre, cutter, veliero con un solo albero crena, 1 area delle posidonie 2 limite sottomarino fra zone di scogli e di sabbia crota du cielu, volta celeste cugömaru, cetriolo. Pesciolino di pochi centimetri che si trova, in certi periodi, spiaggiato. Emana un forte odore caratteristico che ricorda vagamente quello del cetriolo cunchigliàgiu, nome dato all insieme di conchiglie bivalvi e gasteropodi curdàe, lenze innescate con lombrichi per la pesca notturna delle anguille curdun, cordone di nuvole all orizzonte curune, iniziano dove finisce u spiunetu e formano un sacco di maglie fitte, lungo da 10 a 20 metri cüse, scoglio pescoso sommerso alla profondità di nove braccia (circa 14 metri), per metà in acque territoriali italiane, sul confine marittimo di Ponte S. Luigi custéira, 1 costa 2 costiera cutelàssu, coltellaccio, piccola vela aggiunta sopra la vela quadra per prendere più vento cuteletu, chiglia laterale cüxe a ré, riparare la rete

84 D dà fùndu, ancorarsi dà ina largà â re, piazzare la rete in un ampio arco dà u negru, metodo di difesa del polpo e della seppia, con l espulsione attraverso il sifone durante il nuoto di una sostanza scura prodotta da una ghiandola, che permette di sottrarsi all aggressore dà vouta, fissare una corda de föra a, al largo rispetto ad un dato punto dematà in barcu, disalberare una nave dematàu (barcu), imbarcazione disalberata derradà, scarrocciare descàse, spostamento di un natante dalla rotta per vento o corrente desverinà, stirare il filo della lenza per distenderlo dugià, doppiare dugìn, andane, archi in cui si stendono i palamiti E e bande, bracci laterali della sciabica e bave, bollicine emesse dai pesci e corde, funi per tirare la rete a terra e gure, bocca della sciabica e pate, marre dell ancora fa a möra, raccogliere la corda della rete in forma circolare F faixéla, lampara per la pesca notturna con la fiocina fanai de via, luci di posizione delle imbarcazioni félüca, feluca nave fénicoteru, emigrante clandestino fèrru, àncora finta sciüpia, legno a forma di seppia con incastonati piccoli specchi, usata per la pesca delle seppie firusa, longa lensa cun paregli lami e ciungiu au fundu. A serve pe pescà: axerti, buniti, paramie, surali, firusa lunga lenza con molti ami e piombo al fondo. Utilizzata per la pesca agli sgombri, tonni boniti, palamiti, sugherelli franta, 1 frangente 2 onda schiumosa frasaüra, spellatura della lenza fretìn, pesciolini che a volte si possono mangiare interi fritüra, pesce minuto per frittura fròi, fiocchi, vele triangolari messe tra l albero maestro o il trinchetto ed il bompresso füméla, cardine femmina del timone füméle, vedi cainele fümì, pesce che ricorda per la sua forma, la cappa di un caminetto, che si stringe per immettere il fumo nella canna fumaria fundarin, fondale marino scosceso e imprevisto furgaru, rampone, fiocina a punta con alette mobili furmagéta, pomo all albero della nave fusca, 1 caligine 2 foschia fùscina, fùsciuna, fiocina fùxe, foce G gafa, uncino per agganciare un altra barca gala (a), in superficie galezà, galleggiare gambe, tentacoli dei polpi ganghi, angamo, rete a sacco armata su due semicerchi di ferro fissati tra loro ad angolo retto, era trascinata da una barca su fondali sabbiosi garbìn, nebbia fitta che si forma, a volte, sul mare invernale, assumendo una colorazione giallina garelu, 1 gavitello di sughero rotondo, che si trova sul sacco del gianchetà 2 galleggiante di sughero attaccato al bremu da ciungiu gavùn, foro negli staminali per far defluire l acqua imbarcata gerlu, gerlo, cavo sottile di cui sono munite le vele per legarle quando si chiudono giabösa, lepre marina. Vegetariana. Se attaccata emette una secrezione di color violetto intenso, velenosa e repellente giàira, ghiaia, giairìn, ghiaino giànchetà o brunzin, sciabica per bianchetti. Porzione di rete del sacco della sciabica, molto fino, che si aggiunge alle curune giancheti d anciua, bianchetti d acciuga. Appaiono nei mesi autunnali, hanno minor pregio di quelli di sardina per il gusto amarognolo datogli dalle teste giancheti vestii, bianchetti di sardina in fase di squamazione giancheti, bianchetti. Sardine neonate, semitrasparenti, lunghe fino a 3 cm. Si pescano con la sciabica da gennaio a marzo e sono molto apprezzate giàncu, zona sabbiosa sul fondo del mare giàrdineti, nella costruzione navale, ciascuno dei fianchi dell estremità poppiera dello scafo giuva, asta a forcella porta esche per nassa

85 gögna, branchia grava, ghiaia grossa - gravìn, ghiaino Grécà, Grecale grécalàda, vento forte da Greco Grégalìn, venticello da Grecale grupà, annodare grupu cianélu, nodo piano grupu d impicai, nodo scorsoio grupu, nodo gùndura, gondola ligure, imbarcazione alta di bordo, con prua e poppa poco pronunciate. Banchi mobili a poppa, in modo da consentire il trasporto di merci e passéggeri. Propulsione a quattro o sei remi. In uso sino alla fine del 19 secolo gura, apertura del sacco della sciabica gure, maglie piccole della rete gureze, imboccatura a forma tronco conica per la quale i pesci entrano nella nassa gurfu, 1 golfo 2 insenatura gussu, 1 barca 2 gozzo guvernà, timoneggiare una barca I i l an persu i fundi, smarrire i fondali, in riferimento ai cetacei spiaggiati (astracai) imbandà, inclinare, imbandàsse, inclinarsi imbousà, capovolgere imbragà, imbracare imbragaüra, imbracatura imbriagu, ubriaco. Il nome è dato a questo pesce per l eccessiva lunghezza dei raggi liberi delle pinne pettorali. Liberato dalla rete, si muove oscillando come un ubriaco e, addirittura, cade imbrüscàsse, peggioramento del tempo impastà u paramitu, palamito aggrovigliato da corrente forte in bandu, in abbandono in föra, al largo in perdiçiùn, in perdizione in sarvamentu, in salvo in terra, a riva ina barcà, insieme delle reti calate in mare ina marinà de ventu, burrasca inarburàsse, da riva verso il largo calando le reti inarburàu, diretto al largo incapélàu, investito da una grossa onda inciungià, unire corde intrecciandole inlamà, agganciare con l amo inmaglià, impigliare nella rete inmagliàsse, impigliarsi nella rete inmanegà, far entrare i pesci nella manica della rete insevà i parai, spalmare i parati di sego per ridurre l attrito della carena quando vi scorre sopra insücàsse, prendere un insolazione inzegni, insieme degli attrezzi da pesca, (reti e tremagli) L l uscà, scalo labregià, agitarsi del mare prodotto da pesci a fior d acqua laciàda, mare calmissimo lagaròti, pozze d acqua di mare sulla riva lamu, amo larciàda, mareggiata dovuta a vento di S.S.E. lascu, allentato lavagnìn (u l é freidu cume ina biscia), grecalino (è freddo come una serpe) lavù, 1 paranco 2 verricello lebeciada, vento forte da Libeccio Lebeciu, Libeccio lénga de nata, lingua superiore della rete a strascico lénga du ciùngiu, lingua inferiore della rete a strascico lénsa morta, pesca notturna con lenza a mano effettuata negli scogli per la cattura di gronghi, murene e motellle lénsa, lenza lépegu, agglomerati di vegetali marini che rendono viscide le parti legnose lévantada, forte vento da Levante lévante çereixà, vento da levante di maggio lévante, 1 levante 2 Est lévantolu, brezza da levante lézu, zaffo, tappo della barca lisca, spina dorsale lüna runda, plenilunio lüpete de müseru testùn, piccoli di cefalo calamita utilizzati come esca viva per la pesca del branzino nel periodo settembre/marzo lusca, losca, foro per il passaggio dell asta del timone lüxèrnà, pescatore addetto alla lampara M mà da mezugiurnu, vento da sud mà dritu, austro, vento da mezzogiorno mà leva-leva, mare senza vento, con moto ondoso che tende a rinforzare, per l approssimarsi del libeccio o dello scirocco mà longu, mare con onde lunghe, dopo forti venti mà, mare

86 macarìa, calma piatta di mare machétu, mescolando in un vaso 1 kg. di putine con due etti di sale e lasciando fermentare per due mesi, si prepara una pasta fluida chiamata machetu, che si setaccia e si conserva in bottiglie di vetro maglia ciaira, maglia grossa o larga della rete maglia sega, maglia piccola o stretta della rete màire, 1 corda principale della lenza a palamito da cui si dipartono i braccioli 2 corda superiore della rete da posta, a cui sono fissati i galleggianti 3 teli della rete a tramaglio con le maglie larghe Maistrà, Maestrale, vento che spira tra Ovest e Nord maistra, sughero al centro della manica che serve da guida alla sciabica maistralàda, vento forte di Maestro maistru fümela, vento che dura un solo giorno maistru in canà, vento che punta verso la Corsica maistru mascciu, vento che dura due o più giorni manate, manaide, rete da posta per acciughe mapi, maglie grosse della rete maregassa, violenta mareggiata maréta, maretta mariciùn, mare calmo leggermente increspato marìn, salmastro marinencu, 1 rivierasco 2 abitante del Sestiere Marina marusu, 1 cavallone 2 ondata mascùn, mascone, ciascuno dei due lati della struttura prodiera di una nave massame, mazzacchera, mazzo di lombrichi infilati in un filo, per la pesca delle anguille nell acqua torbida del fiume Roia in piena matalota, vestimento da marinaio mesürà a curente, avanti di calare la rete si misura la corrente con un segnale la nata da curente. Ė fatto con un sughero, due metri di paroma e una pietra legata alla cima. Si piglia un punto di riferimento (mira) e si lancia in acqua. Dopo due minuti si guarda se la corrente ha spostato il segnale a ponente o a levante. Se la corrente è forte, si dice che ce n é in füme. Di notte si lancia in mare un ancora con un gavitello e gli si posiziona vicino un sughero, Dopo due minuti si guarda di quanto questo si è allontanato mignaghi, nome collettivo dialettale di tutti i labridi. Sono pesci ermafroditi proterogini, femmine quando nascono e fino a che non depongono le uova, per poi diventare maschi per la restante parte della vita mignaghi, sorta di palamito con rete molto fine col quale si pescano i labridi mö, molo mösa, scoglio sommerso murinetu, mulinello per canna da pesca murrudüru, arenicola musciame, mosciame, filetto di delfino o di tonno essiccato N nàcara, gnàcara (arc.), madreperla nassa, nassa nata, galleggiante di sughero nàtelu cun u ruchetu, galleggiante per muggini nàtelu, galleggiante di sughero delle reti e delle lenze nauché (arc.), nocchiero naulizà (arc.), noleggiare nave a vera, veliero navegà, navigare navegànte, navigante navigaçiùn, navigazione negà, annegare negiassu, foschia nivure a striscia suta munte Agel, Levante, nuvole a fascia sotto il monte Agel, indicano l arrivo del vento da Levante nivuroti surva u munte Agel, Maistrà, nuvolette sopra il monte Agel, indicano l arrivo del Maestrale nöà da can, nuotare come i cani nöà da dona, nuotare a rana nöà da mortu, nuotare sul dorso O ögliu a ventu, marriu tempu, quando tra le nuvole sottile pare di vedere i colori dell iride, entro 24/48 ore il tempio cambia verso il brutto orsa, gavitello galleggiante collegato, mediante la paroma, agli attrezzi da pesca giacenti sul fondo, per segnalarne la posizione P pachétu, nave passéggeri pagliö, pagliolo, tavolato mobile sul fondo della barca pànfiu (arc.), pànfilo panu, telo centrale del tramaglio

87 paràmitu, palamite paràu, parato, trave per varare le barche parpagliöra, 1 piccolo pagliolo 2 bordo sporgente della paneira per fermare ami innescati parpagliùn, telo salva collo passà a ré, pulire la rete passagiu, migrazione di pesci pasteca a üna o due corde, bozzello di carrucola a una o due corde per tirare sulla spiaggia i gozzi o altro patraca, insetti che vivono sotto le pietre, nell acqua dolce, in prossimità della riva, d aspetto simile alle cimici, bianche o nere, ottime per la pesca alla trota pé de sea, setale di seta o di crine di cavallo pele de gatüssu, pelle del gattuccio usata come carta a vetro pénélu, gettata di massi stesa nel mare a difesa della costa perde tütu, perdere le reti ed il pesce pesca â tréna, pesca al traino pesca cun a cassairixe armà de ruchetu, lamu burdigoto inescau cun ina gambeta de muscardin, sgiancà e messa suta sa, pesca fatta con una canna lunga sino ad 8 m., dotata di un mulinello con lenza di cotone fino e di un amo grosso, innescato con un tentacolo di moscardino, sbiancato e messo sotto sale. Pesca che si faceva d inverno, con la tramontana in favore, per poter lanciare il più lontano possibile l esca sulle onde che frangevano, dove il branzino era in caccia pesca cun u vivu: cana longa cun in tapu rundu, pe esca in müzerotu lüpeta aciapau int i recanti d i möi, pesca al branzino con esca viva: canna lunga con galleggiante rotondo, per esca un piccolo muggine lupeta catturato tra gli scogli dei moli péscà intu brütu, pescare su un fondale roccioso o coperto di alghe pesca sardenà, pesca alle sardine péscavù, pescatore péscavuira, pescivendola pesciu vöravù, possono volare per circa 200 m. con diversi salti provocati dal battito rapido della coda. Le pinne sono trasformate in ali e sono circa la metà della lunghezza del pesce (20/40 cm.). Le ali non battono per volare, ma servono a sostenere il pesce nei suoi salti picu du fro, asta del fiocco picu zenese, vela triangolare per piccole barche piglià ina spuma, si dice del pescatore addetto a calare la rete in mare, quando la cala imbrogliata e annodata piglià u rümegu, calare la rete dove altri l hanno calata da poco pireza, 1 carrucola 2 verricello per alare le barche pirùn, recipiente di vetro per l acqua, con beccuccio sottile, portato in barca dai pescatori pità, abboccare pria a fögu, acciarino pria de Candia, pietra dell isola di Candia usata per affilare Pria Grania (secondo G.Rostan), Pria Naviglia Pria Naviglia, scoglio che era a Marina San Giuseppe, lungo quattro metri, alto due, quasi rotondo spianato da mareggiate verso il 1932 prudésiu (arc.) canapo a prua della nave per legarla a terra pruezà, navigare controvento pùla, imbroglio della lenza punentada, vento forte da Ponente punente, occidente punentolu, brezza da ponente puntùn, pontone pupa, poppa di un imbarcazione purpéira, polpara, attrezzo per la pesca dei polpi, formato da una bacchetta di rame infilata attraverso un grosso tappo da damigiana. Si lega attorno alla parte inferiore del tappo una serie di robusti ami con la punta verso l alto. Sulla bacchetta che esce dalla parte superiore, si lega un pesce e su quello inferiore un piombo che faccia scorrere il tappo sul fondo marino, mentre un rematore spinge adagio la barca R radassa da zin, per raccogliere i ricci di mare radé, nasse collegate tra loro con un cavo radéu, carico di botti che erano scaricate in mare dai velieri e tirati sulla spiaggia con argani ré gianca, rete colma di pesce ré in bandu, rete poco tesa Rébossu, improvvisa mareggiata da Scirocco prodotta dalle onde del Libeccio che passano al largo régantà, frenare la barca con i remi régatà, gareggiare in barca résaca, risacca résca, lisca di pesce réssaglià, retata con rete da lancio tonda réssàgliu, sparviere, rete da lancio di forma rotonda réssöra, rissöra, piccola sciabica con corde d èrba

88 réundà (arc.), il girare in bando della nave ancorata ridà, arridare, dare la tensione voluta alle manovre dormienti di un veliero riga da marina, orizzonte ripa (arc.), agglomerato di case in riva al mare ripa, scalino sul fondo del mare röa de prua, dritto di prua röa de pupa, dritto di poppa röu d a funtana, ribollimento circolare alla superficie del mare, in corrispondenza del getto d acqua dolce della sorgente sottomarina che sgorga a 700 metri dalla costa e a 39 metri di profondità, dagli anfratti di una caverna. Il suo getto è di circa 100 litri al secondo. (Polla Rovereto della Mortola) rümà, frugare il fondo marino con una rete da pesca rundà d a lüna, plenilunio S sandulìn, sandolino, barca a fondo piatto, lunga 4 m. e larga 0,60 con prua e poppa a punta. Trasportava due persone e si manovrava con un solo remo a due pale sarmùira, salamoia sarpà, 1 salpare 2 ricuperare ancora, reti, nasse sarpéléira, piccola rete per la pesca delle salpe sarvamentu, salvataggio sarziüra brüxà, rammendo della rete fatto senza nodi sarziüra cüxia, rammendo della rete completo di nodi sarzùn, fascia di rete per rafforzare gli orli della rete da pesca sàssura, gottazza savura, zavorra sburinada, spruzzo salmastro scabéciu, pesce marinato scafa, scoglio piatto con rientranza nella parte inferiore scangià a tenta, cambiare colore. Particolare metodo di difesa del polpo e della seppia, con produzione di strisce e macchie mimetiche che ingannano l assalitore scarela, scala/barella usata per il trasporto delle reti scarin, punto dove tocca la barca quando giunge a riva scciancùn, strappo del pesce che abbocca scciüma, 1 schiuma 2 spuma del mare schermèira, scalmiera schermotu, scalmotto schermu, scalmo scîà, remare col viso verso prua sciàbega, sciàvega, sciabica. Rete formata da due strisce di rete tenute verticali nell acqua da sugheri nella parte superiore e da piombi in quella inferiore, che finiscono nel sacco. La sciabica si cala col gozzo circondando un area di mare e poi si tira da terra in modo che strisci sul fondo, forzando i pesci ad entrare nel sacco sciabeghela, sciabica piccola sciamina, branco di pesci sciaminà, sciamare scipe, nave goletta scirocàda, vento forte da Scirocco Sciròcu, Scirocco sciüpioti, nuvole che annunciano l arrivo del Ponente sciusci, spiracolo, fessura attraverso la quale l acqua accede alla laringe nei pesci squaliformi scua, aletta antirollio Scüglieti, località Scoglietti scuna, brigantino goletta scurabucui, pesciolini intorno all amo scüru de lüna, luna nuova, momento propizio alla pesca secagnu, secca di scogli vicino alla spiaggia secu, parte superiore di uno scoglio sommerso sghigliùn, approdo d alaggio sgureze, punte di giunco sull orlo dell imbuto della nassa spandelina, cesta piatta per i pesci spégliu de prua, de pupa, specchio di prora, di poppa spérùga (arc.), località marina con grotta spéssi, binda, sezione superiore della sciabica spiunetu, parte superiore del sacco della sciabica, formata da una rete più leggera sprufundà, inabissare spruin, spruzzo nebulizzato di un onda stamenàira, staminale, ordinata laterale della barca Stelùn, Vespero, stella della sera stentissu, afa stera, stella marina stèrburin, acqua torbida stèrburu, torbido stranguragàti, pesci spinosi strépu, stropu, stroppo, laccio che fissa il remo allo schermo stria e lendera, strega e uovo di pidocchio, sono nomi dati in senso dispregiativo alle

89 piccole suacie, la cui cattura era considerata dai pescatori di malaugurio per la giornata di pesca süssacapele, lampreda marina. Il nome dialettale indica succhia pece. Il nome è nato perché le lamprede si attaccavano, in primavera, allo scafo sommerso dei velieri, calafatato con la pece. Le lamprede usavano istintivamente questo mezzo di trasporto per raggiungere località vicine a quelle di un fiume, che riconoscevano per la presenza di acqua dolce, dato che per la loro riproduzione risalivano i fiumi, come fanno i salmoni T tàglia, paranco tambüciu, boccaporto invetriato tambürelu de prua, de pupa, tamburo di prua, di poppa tartanùn, tartanone, sciabica fatta con corde vegetali tassùn, scoglio sommerso ricoperto d alghe tegnüa, scoglio sottomarino che trattiene le reti tenàglie, pinze dei crostacei tenta, sostanza ottenuta dalla bollitura della corteccia di pino polverizzata per la impermeabilizzazione e tintura delle reti da pesca tersairöi, terzaroli, legacci per ridurre la velatura tesà e scote, tesare i cavi della vela per spianarla testa d ase, caviglione tòura de l inçenta, incinta della barca traita de ma, susseguirsi di una serie di cavalloni che si infrangono sulla spiaggia, ai quali fa seguito un breve periodo di relativa calma di mare tramuntana, vento di tramontana trémaru cun a bugaira, rete maritata trémaru, tramaglio (rete) tréna de fundu, lenza di fondo tréna in sce l àiga, traina di superficie con la lenza trainata e armata con uno o più ami trévu, trevo, grande vela quadra, la più bassa degli alberi di trinchetto e di maestra trùca, collare scorrevole che tiene il pennone applicato all albero tutanéira, attrezzo per la pesca del calamaro. Ė formato da un cerchio di punte d acciaio divaricate, sopra le quali si lega, ad una bacchetta di rame, un pesce di colore argenteo, oppure una fetta di lardo bianco e sopra una lenza di nylon robusto, che si cala da una barca leggermente illuminata, tirando poi rapidamente il calamaro quando è agganciato. U u ferru u ciàsa, àncora che ara il fondo u Procida, filo di Procida (lenza) unda, onda V vàira, fondale in prevalenza sabbioso, il cui colore varia qua e là, per la presenza di macchie scure degli scogli (tassui) ricoperti di alghe vairùn, alga trita in decomposizione sul fondo del mare vapuretu, peschereccio varà, varare varu, varo ventatèrra, brezza da terra, tramontana ventixö, 1 venticello 2 brezza 3 refolo ventràme, interiora di pesce ventresca, ventre di tonno ventu, vento ventùn, venticello veraixu, vuole dire autentico, è usato per indicare alcune specie di pesci in contrapposizione con altre specie simili dette bastarde vin navegau, vin de scuna, vino dalla Calabria trasportato con i barchi béstia. Le botti erano scaricate in mare e tirate a secco sulla spiaggia di Marina San Giuseppe vulantina, rete che pesca in verticale con i sugheri a pelo d acqua, utilizzata per la pesca ai muggini in transito Z zinà, divisione fra la superficie marina increspata dal vento e quella liscia di calma zineira, rete per ricci di mare zirùn, girone, parte del remo

90 U gussu

91

92 Suonii e grafiia dell diialletto ventiimiiglliiese La grafia, usata localmente per la trascrizione del dialetto, corrisponde, in generale, per i suoni che sono comuni, a quella in uso nell italiano letterario. Ci limiteremo perciò ad illustrare la pronuncia e la trascrizione dei suoni che non esistono in italiano e il diverso uso d alcuni segni ortografici. ç x ö řř rr rrrr s scc ü z ha il suono di s sorda es. çena, garçuna, giüstiçia ha il suono della j francese es. bàixu, cruxe, grixu ha il suono della eu francese singolo fra due vocali ha un suono tra r e l es. cařà, pařente in altri casi come l r italiano es. ratu, pèrsegu, stropu si usa per indicare il suono di r singolo italiano fra due vocali es. carru, arrubatasse tra due vocali è sempre sonoro es. rösa, cosa, françese ad eccezione del pronome se riflessivo, che è sordo es. ratelasse, bagnasse si pronuncia s sordo + c palatale es. scciümaiřa, scciancuřelu ha il suono della u francese es. mü, refrescüme si pronuncia s sonoro come in francese es. zizuřa, inzegnu, zeřu

93 GLOSSARIO U nostru parlà A abeglia, ava acubiasse agiaixu aguglian agüssu anciua anghila angö apreixàu aragna aragna de fundu aragnùn aragusta aràu arbinà arçela arega arena aresca arete areu arpeta ase astracau atrassi audù axèrtu B babarota babarotu d aiga babarotu d ê röse babarotu d u cornu bagiu barbine barbu barcheta barcu a vera barré barrì bassa-basseta batinela bavecura bavusa bavusa bebin, bebina ape accoppiarsi barra del timone spinarolo imperiale aguzzo acciuga anguilla ramarro apprezzato tracina dragone tracina ragno tracina vipera aragosta aratro alveare vongola alga (Posidonia oceanica) sabbia lisca pinne ariete, montone arpionello asino spiaggiato attrezzi odore sgombro ragno ditisco cetonia dorata scarabeo rinoceronte rospo barbigli dei pesci barbo sciarrano scrittura nave a vela guadino a doppio manico barile lucciola pesce torpedine bavosa limaccia pinarolo fungo tacchino, tacchina becu bega belin de ma belura biscia bisciabornia bisciacoca brancüa bresca brüscu bucun büdegu bugliabasciu bulentin buregu C cagnö camusciu, camùne can can gregu cana capela capriö capun cardelin cassairixe o sairixe cana pe pescà i luvassi cavalu cavalu marin çeira cianela ciaza cicuné çigara ciò ciossa ciü di cöfanu crava crava muta craveu crou cüaghe cuchetu cücu cugömaru caprone bruco oloturia donnola colubro orbettino tartaruga grancevola comune favo arnia conica di paglia boccone lofio martino zuppa di pesce bolentino, lenza da fondo arnia naturale in un tronco cavo grillotalpa e ghiozzo di fiume camoscio cane paguro canna medusa capriolo scorfano rosso cardellino canna per la pesca al branzino cavallo ippocampo cera piatta spiaggia alborella cicala e cicala di mare assiolo chioccia cioè pesce cappone, gallinella capra idrometra e capra senza corna capretto corvo covarci bozzolo del baco da seta cuculo Maurolicus muelleri, cetriolo

94 cunchiglia cuniglieira cunigliu curalu D dentixu derfin diu vermelin dritu de prua, de pupa drüu dugia dügu düguban conchiglia conigliera coniglio corallo dentice delfino dito mignolo dritto di prora, di poppa sodo doppia barbagianni e gufo reale astice grilu cantairö grita grita d arenin grita perusa gritagiu griveira grumiscelu grungu gussu I imbriagu inçenta intöscegà, intüscegà grillo canterino granchio granchio marino comune granciporo insieme di crostacei lodola gomitolo grongo gozzo pesce cappone incinta della barca intossicata, avvelenata F L farchetu ferrassa frenghelu fritüra frixùna fuin fümela furmigura fusciüna G gaglina gaglineta d u Bambin gaglineta d u Scignù gagliotu gagliun gagliurau galu gatu gatubardu gatüssu gavedan geva de pauta ghidagiu ghimbaru ghimbaru russu gì giabösa giacumineta gianchetà giancheti giassu giauneta gnacara gögna grilassa grilu falco pastinaca comune fringuello frittura gallina faraona faina femmina formica fiocina gallina coccinella coccinella galioto, pesche che vive nell oloturia capitone screaziato gallo gatto gattopardo gattuccio cavedano zolla di fango transumanza gambero gambero rosso ghiro lepre marina mantide religiosa rete per pescare i bianchetti bianchetti strame giallina nacchera branchia cavalletta grillo labrena lami lampa lampara lau lensa lepegu lerfu levre lona lügaru luira lümassa lümassa cu a grita lümassa cu e spine lümassa d a crena luvassu luvu luvu çervé lüxerna lüxerna de scögliu M machetu macia magnai manate marmota martura mascciu mautun ména mèrlu merlüssu mignin mòlu mü, müra müà geco ami lampada lampara lato lenza muco labbro lepre laghetto lucherino lontra chiocciola paguro murice murice troncato branzino lupo lince cernia cernia nera pasta di acciughe macchia bachi della seta reta da posta per acciughe marmotta martora maschio montone specie merlo merluzzo gattino molle mulo, mula mutare

95 murena murmura murru murtura musaru lerfan musca muscardin muscassu muscìn musculu musculu perusu N narixe naselu nassa ninsöra nöitura O oca ostrega òuca P pagliö pansa papura para d u remu paramiti parasine parpagliöra parpagliun d a nöte passura pastürà patata patela pauta pegura pelegrina perà pernacia pesca pesciotu pesciu can pesciu preve pesciu San Pé pesciu spa pesciu vuravù picu pignurin pinairö pistùn murena mormora muso mirto cefalo chelone mosca moscardino moscone moscerino muscolo, cozza, mitilo mitilo peloso narice nasello nassa nocciola pesce civetta oca ostrica gabbiano reale pagliolo pancia anatra pala del remo palamiti sardine giovani farfalla falena passero pascolare patata patella fango pecora capa santa radura parte sporgente del dritto di prua di una barca pesca pesciolino pesce cane pesce prete pesce San Pietro pesce spada pesce volante picchio novellame di zerri e boghe pinarolo libellula porcu porcu sarvaigu porcuspin prieta pulin purpu putine R rabuin raina rairüra rascassa rasteghelu ratapena ratin ratu ratu da cundütu raza ré rebissu ressagliu robamola rubatabuse ruché rumbu rundura russignö S s inçenze salabru saragu sardena sàssura sberru sbrilante scaglia scairu scampu scciümaira schermeira schermu sciabega sciorta sciügu d e sciure sciüpia scögliu scua scuirö scüraboschi scurpiun serpa serreta maiale cinghiale riccio pietrolina pulcino polpo novellame di sardina scarafaggio rana radura scorfano attinia pipistrello topolino topo ratto razza rete pettirosso sparviere, rete da lancio insieme di molluschi scarabeo stercorario labro pavone rombo rondine usignuolo si circonda guadino sargo sardina gottazza sargo anulare e rondone brillante scaglia pesce squadro scampo fiume scalmiera schermo sciabica gregge nettare dei fiori seppia scoglio ascosa scoiattolo cervo volante scorpione biscia marangone, marzaiola, smergo minore

96 sgurbia sinsara sola souma sparavei spipura stagiu stamenaira stera de marina stercuragiu stramüandu strépu, stropu strünelu subachin sücairö süpa suralu survat süssacapele T taglia o lavù tanua tarantura tarpa tartanun tartüca tasciu témulu teragnà testanegra tesuirete timùn lucertola zanzara sogliola somara sparvieri pispola stalla staminale stella marina concimazione dei terreni da parte delle greggi nella transumanza spostando stroppo stornello pulcinella di mare falena zuppa sugarello propoli novellame di sugherello paranco cantarella scorpione talpa tartanone rete tartaruga tasso temolo ragnatela capinera forficula timone totanu tradiçiun treglia treglia barbina treglia veraixa tremaru trüta tunetu tunu turlu tutanassa U uchin umbrina urada V vaca verdun vermu vespa vespassu viscusu vitelu vurpe Z zèrru zigurela zin zirùn calamaro tradizione triglia triglia di fango triglia di scoglio tramaglio rete trota tonnetto tonno tordo e tordo di mare totano gabbianello ombrina orata vacca, mucca verdone lombrico vespa bombo viscido vitello volpe zerro donzella riccio di mare girone del remo

97

98 Feniu de stampà int u mese de zenà 2013 a Ventemiglia da Enricu Malan

99

100 U nostru parlà Passa u tempu, scangia a vita,/ scangia e gente int a çità, ma pe e strade, inte biteghe / e int e ciasse d i paisi senté ancu u nostru parlà./ L é mil ani ch u se parla, l é mil ani e u nu vö möire,/ ma savé, fa bèlu dì: u parlà u l é cume in arburu,/ cume in arburu d auriva che ti u tagli e ti u capuli,/ ma u ven turna ancù a burrì. (da I Nenari di Renzo Villa)

Pesci e béstie de marina int u parlà Ventemigliusu. Capituli d u libru. Prefaçiun. Mene de pesca in Ligüria. E mode pe pescà u luvassu

Pesci e béstie de marina int u parlà Ventemigliusu. Capituli d u libru. Prefaçiun. Mene de pesca in Ligüria. E mode pe pescà u luvassu Enrico Malan Pesci e béstie de marina int u parlà Ventemigliusu Capituli d u libru Prefaçiun Mene de pesca in Ligüria E mode pe pescà u luvassu Divisiun d ê bestie de marina Lista d ê bestie de marina

Dettagli

LA PESCA, GLI ATTREZZI E LE RISORSE ITTICHE

LA PESCA, GLI ATTREZZI E LE RISORSE ITTICHE LA PESCA, GLI ATTREZZI E LE RISORSE ITTICHE LA PESCA IN MARE L attività di pesca è un attività millenaria. L uomo ha sempre cercato sostentamento anche dal mare. Negli ultimi tempi però vi è una sensibilità

Dettagli

BARRACUDA E TREMAGLI CACCIA, PESCA, AGRICOLTURA, VENATORIA COD: COD:

BARRACUDA E TREMAGLI CACCIA, PESCA, AGRICOLTURA, VENATORIA COD: COD: CACCIA, PESCA, AGRICOLTURA, VENATORIA BARRACUDA E TREMAGLI COD: 11030041 COD: 11020036 4 Rete barracuda monofilo adatta per la pesca in mare, completa di corda piombata e galleggianti o corda continua

Dettagli

LA SICILIA E LA SARDEGNA SONO LE DUE ISOLE PIÙ GRANDI DEL MAR MEDITERRANEO L ITALIA È CIRCONDATA PER 3 LATI DAL MAR MEDITERRANEO

LA SICILIA E LA SARDEGNA SONO LE DUE ISOLE PIÙ GRANDI DEL MAR MEDITERRANEO L ITALIA È CIRCONDATA PER 3 LATI DAL MAR MEDITERRANEO LA SICILIA E LA SARDEGNA SONO LE DUE ISOLE PIÙ GRANDI DEL MAR MEDITERRANEO L ITALIA È CIRCONDATA PER 3 LATI DAL MAR MEDITERRANEO A SECONDA DEI TRATTI DI COSTA IL MAR MEDITERRANEO ASSUME DIVERSI NOMI: MAR

Dettagli

Nasello. Descrizione

Nasello. Descrizione 1/5 Questa orientale specie tra l'islanda siad trova e nel la sabbioso Mauritania. mar Mediterraneo, nel sud del mar Nerorinvenuti e nell'oceano giovani Predilige tendono i fondali diessere tipo più costieri

Dettagli

Osservatorio nazionale della pesca

Osservatorio nazionale della pesca CARATTERISTICHE DEI SISTEMI DI PESCA: LA CIRCUIZIONE Avoid By Catch FONDO EUROPEO PESCA PROGRAMMAZIONE 2007-2013 Osservatorio nazionale della pesca UNIONE EUROPEA FAI FEDERPESCA CARATTERISTICHEDEISISTEMIDIPESCA:LACIRCUIZIONE

Dettagli

Cosa si intende per pesca diretta del tonno rosso? Quella praticata da coloro che sono forniti di quota

Cosa si intende per pesca diretta del tonno rosso? Quella praticata da coloro che sono forniti di quota Cosa si intende per pesca diretta del tonno rosso? Quella praticata da coloro che sono forniti di quota Che cosa si intende per pesca accessoria/accidentale di tonno rosso e qual è il limite? Si intende

Dettagli

IL SANTUARIO PELAGOS

IL SANTUARIO PELAGOS NEL MAR MEDITERRANEO È STATA ISTITUITA UNA GRANDE AREA MARINA PROTETTA, IL SANTUARIO PELAGOS, CHE SI ESTENDE PER 87.500 KM 2 TRA L ITALIA, LA FRANCIA E IL PRINCIPATO DI MONACO E COMPRENDE IL MAR LIGURE

Dettagli

Una caratteristica del filaccione è quella appunto di non pescare esclusivamente sul

Una caratteristica del filaccione è quella appunto di non pescare esclusivamente sul Il filaccione è una tecnica di pesca molto divertente, che può dare risultati veramente eccezionali. Praticamente si basa sul concetto del palamito, ovvero, caleremo un certo numero di ami che staranno

Dettagli

Arriva a misurare 80 cm per 10 kg di peso, ma normalmente è più piccola.

Arriva a misurare 80 cm per 10 kg di peso, ma normalmente è più piccola. È diffusa nel mar Mediterraneo, nel mar Nero (dove non si riproduce) e nell'oceano Atlantico a nord fino alla congiungente tra la Scandinavia ed il Canada ed a sud tra l'angola e l'argentina. È molto raro

Dettagli

DOMANDE DOMANDE DOMANDE DOMANDE

DOMANDE DOMANDE DOMANDE DOMANDE Attraverso quale sistema gli squali percepiscono i movimenti di un animale ferito? R: Il sistema della linea laterale Da cosa è composto lo scheletro degli squali? R: Gli squali hanno uno scheletro cartilagineo

Dettagli

Il vento è il movimento di una massa d'aria atmosferica da un'area con alta pressione (anticiclonica) ad un'area con bassa pressione (ciclonica)

Il vento è il movimento di una massa d'aria atmosferica da un'area con alta pressione (anticiclonica) ad un'area con bassa pressione (ciclonica) Il vento è il movimento di una massa d'aria atmosferica da un'area con alta pressione (anticiclonica) ad un'area con bassa pressione (ciclonica) Durante le ore notturne, gli stati d'aria inferiori a contatto

Dettagli

La pesca professionale

La pesca professionale La pesca professionale 323 In questa parte di Adriatico operano le imbarcazioni della piccola pesca costiera (in fanese "batèi") che usano reti a strascico e da posta entro 6 miglia dalla costa, i pescherecci

Dettagli

Di Nardo Di Maio Emanuele

Di Nardo Di Maio Emanuele LA PESCA Il giorno 26/04/2016 sono andato nell aula magna per svolgere una lezione nell ambito del progetto la pesca: tecnologie, risorse ed ambiente, presentato dalla professoressa Fanelli alle classi

Dettagli

Attrezzi per la pesca

Attrezzi per la pesca Attrezzi per la pesca Tipologia e utilizzo Le reti da pesca Le reti da pesca utilizzate dai pescatori professionisti si dividono essenzialmente in 2 categorie: reti da traino e reti da posta, queste ultime

Dettagli

Giovanni Pestelli POESIE DI MARE E DI COSTA

Giovanni Pestelli POESIE DI MARE E DI COSTA Giovanni Pestelli POESIE DI MARE E DI COSTA Relitti Molte storie mi hanno raccontato su relitti sommersi visibili con mare limpido e bassi fondali. Ammonimenti per i naviganti, avventure per chi cerca

Dettagli

Un Mare di Emozioni: vivi la pesca!

Un Mare di Emozioni: vivi la pesca! Un Mare di Emozioni: vivi la pesca! 1 2 Contenuti Un emozione unica... 3 I PROMOTORI... 3 I SOGGETTI ATTUATORI... 4 Bluwest... 4 Le cooperative di pesca imperiesi... 4 La Cooperativa Pescatori G. Colombo...

Dettagli

lessico di base in piccoli testi il rilievo

lessico di base in piccoli testi il rilievo il rilievo Montagna /monte Catena montuosa Massiccio Vetta / cima Territorio Rilievo Colle / collina Pianura Sul livello del mare Forma / formare Comprendere Sul territorio vivono gli esseri viventi: uomini,

Dettagli

{loadposition adsense}

{loadposition adsense} Questa Tecnica di pesca è molto praticate nelle nostre zone, perchè noi abbiamo la fortuna di avere a poche miglia dalla costa poste con profondità rilevanti 200-300 metri e anche oltre, senza dover per

Dettagli

Osservatorio nazionale della pesca

Osservatorio nazionale della pesca LA PESCA DELLE ALICI CON IL CIANCIOLO Avoid By Catch FONDO EUROPEO PESCA PROGRAMMAZIONE 2007-2013 Osservatorio nazionale della pesca UNIONE EUROPEA FAI FEDERPESCA LA PESCA DELLE ALICI CON IL CIANCIOLO

Dettagli

PROGETTO LIFE SMILE. Strategies for MarIne Litter and Environmental Prevention of Sea Pollution in Coastal Areas

PROGETTO LIFE SMILE. Strategies for MarIne Litter and Environmental Prevention of Sea Pollution in Coastal Areas !! PROGETTO LIFE SMILE Strategies for MarIne Litter and Environmental Prevention of Sea Pollution in Coastal Areas PRIMO UTILIZZO DELLE TRAPPOLE PER RIFIUTI (12-14 NOVEMBRE 2014) ! Il presente documento

Dettagli

GUIDA ALLA SCELTA DEL GATULOT. Qualche indicazione su come scegliere il Gatulot che fa per te:

GUIDA ALLA SCELTA DEL GATULOT. Qualche indicazione su come scegliere il Gatulot che fa per te: GUIDA ALLA SCELTA DEL GATULOT Qualche indicazione su come scegliere il Gatulot che fa per te: Indice: Diametro - Come scegliere il diametro corretto Tipi di supporto - Gatulot Gambo Lungo - Gatulot Gambo

Dettagli

TACCHINO BRIANZOLO. Uovo Peso minimo g. 70 Bianco avorio fittamente punteggiato di marrone. Anello Maschio: 22 Femmina: 20

TACCHINO BRIANZOLO. Uovo Peso minimo g. 70 Bianco avorio fittamente punteggiato di marrone. Anello Maschio: 22 Femmina: 20 I - GENERALITA' Origine Tacchino di mole leggera, diffuso nel nord Italia, Brianza. Discende probabilmente dal Ronquieres belga, dal quale ha ereditato la variabilità nei colori della livrea. Molto conosciuto

Dettagli

GRUPPO Gente de ma. Titolo elaborato foto-letterario: Pesce e dintorni

GRUPPO Gente de ma. Titolo elaborato foto-letterario: Pesce e dintorni GRUPPO Gente de ma Luana Divizia, Marta Pistone, Elisa Redenti, Kristin Suarez Titolo elaborato foto-letterario: Pesce e dintorni Introduzione: Per questo progetto abbiamo scelto di rappresentare il pesce

Dettagli

ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE

ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE AMBITO DI APPLICAZIONE L ordinanza balneare disciplina, ai fini della sicurezza marittima, la balneazione e le attività ad essa connesse che si svolgono lungo il litorale

Dettagli

SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE SETTORE MARITTIMO. Nella costruzione di un imbarcazione in legno, il primo pezzo che viene impostato è: LA CHIGLIA

SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE SETTORE MARITTIMO. Nella costruzione di un imbarcazione in legno, il primo pezzo che viene impostato è: LA CHIGLIA Sottochiglia SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE SETTORE MARITTIMO MODULO : UNO UNITA : DUE Part.2 SCAFI IN LEGNO Nella costruzione di un imbarcazione in legno, il primo pezzo che viene impostato è: LA CHIGLIA

Dettagli

Paternoster. Mezzofondo

Paternoster. Mezzofondo Trave da corsa Questo trave, derivato dallo Short rovesciato, viene utilizzato prevalentemente nei mesi freddi per fare grandi distanze di lancio in quanto le zone di pascolo sono più lontane; si può utilizzare

Dettagli

CHIAVE DICOTOMICA PER IL RICONOSCIMENTO DI PIANTE ED ANIMALI

CHIAVE DICOTOMICA PER IL RICONOSCIMENTO DI PIANTE ED ANIMALI CHIAVE DICOTOMICA SEMPLIFICATA CHIAVE DICOTOMICA PER IL RICONOSCIMENTO DI PIANTE ED ANIMALI E un animale? II I E un vegetale? A E un pesce? 10 II E un animale diverso dai pesci? 1 Alga: struttura semplice

Dettagli

Esercizi di Cinematica e Statica

Esercizi di Cinematica e Statica Esercizi di Cinematica e Statica Esercizio 1 Una barca sta navigando controcorrente a 14 Km/h rispetto all acqua del fiume, che scorre alla velocità di 9 Km/h rispetto alle sponde. Qual è la velocità della

Dettagli

PREMESSA OBIETTIVI DELLO STUDIO SIMULAZIONI ESEGUITE...4

PREMESSA OBIETTIVI DELLO STUDIO SIMULAZIONI ESEGUITE...4 INDICE 1. PREMESSA...2 2. OBIETTIVI DELLO STUDIO...3 3. SIMULAZIONI ESEGUITE...4 5. CONSIDERAZIONI SULL AGIBILITA NAUTICA NELLA SITUAZIONE DI PROGETTO...5 6. ANALISI CRITICA DEI RISULTATI E CONCLUSIONI...8

Dettagli

C C ub ub ett et o t v o s D a sot eep Div t acqua e Libro 4 primotoys.com

C C ub ub ett et o t v o s D a sot eep Div t acqua e Libro 4 primotoys.com Cubetto s va sott acqua Deep Dive Libro 4 Per consigli su come usare i libri e le mappe, visita primotoys.com/resources Storia di Erin Eby Illustrazioni di Momo Cubetto oggi è molto contento perché è

Dettagli

STRUTTURA DELLA NAVE

STRUTTURA DELLA NAVE STRUTTURA DELLA NAVE CASSERO Sulle navi, il cassero è una sovrastruttura (cioè una struttura sopraelevata rispetto al ponte di coperta) che si estende parzialmente per la lunghezza della nave, ma totalmente

Dettagli

ANIMALI DI MARI E OCEANI

ANIMALI DI MARI E OCEANI ANIMALI DI MARI E OCEANI POLPO IL POLPO È L INVERTEBRATO PIÙ INTELLIGENTE AL MONDO: ACCUMULA SCORTE DI CIBO VICINO ALLA SUA TANA E USA CONCHIGLIE PER COSTRUIRE MURI. NON HA OSSA, QUINDI È MOLTO FLESSIBILE

Dettagli

Reti PoRtaPesci ed accessori

Reti PoRtaPesci ed accessori Reti PoRtaPesci ed accessori 178 Retino porta pesci TONDO cm. 20 Con rete idrorepellente mm. 8 Indispensabile per i pescatori sia in acque interne che in mare. Retino con cerchio rigido. Ottimo rapporto

Dettagli

Resoconto impiego Marine Litter Trap

Resoconto impiego Marine Litter Trap Resoconto impiego Marine Litter Trap Azione A3 Progetto esecutivo delle trappole per rifiuti alla foce del Maremola Azione A3 Progetto esecutivo delle trappole per rifiuti alla foce del Maremola Azione

Dettagli

Lezioni di meteorologia II parte

Lezioni di meteorologia II parte Corso di II livello per istruttori di Vela. Lezioni di meteorologia II parte a cura di Alessandro M, S. Delitala Meteorologo e climatologo. Le onde e lo stato del mare Il moto ondoso. Il vento e il mare.

Dettagli

Federazione Unitaria Lavoratori pag.1

Federazione Unitaria Lavoratori pag.1 Federazione Unitaria Lavoratori pag.1 QUADRO SINOTTICO RIEPILOGATIVO DEI REATI E DEGLI IELLECITI AMMINISTRATIVI PER VIOLAZIONI ALLA LEGGE N 963/1965 E REGOLAMENTO N 1639/1968 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI

Dettagli

Il signor Rigoni DAL MEDICO

Il signor Rigoni DAL MEDICO 5 DAL MEDICO Per i giornali, Aristide Rigoni è l uomo più strano degli ultimi cinquant anni, dal giorno della sua nascita. È un uomo alto, forte, con due gambe lunghe e con una grossa bocca. Un uomo strano,

Dettagli

Progetto ascuoladivela

Progetto ascuoladivela Progetto ascuoladivela ITT Marie Curie a.s. 2015-2016 FONDAMENTI SULLA CONDUZIONE DELLE IMBARCAZIONI A VELA I fondamenti sulla conduzione delle imbarcazioni a vela 1 LA SICUREZZA LO SCAFO (nomenclatura)

Dettagli

Calamenti dimenticati nella pesca del branzino

Calamenti dimenticati nella pesca del branzino Voglio in questo articolo parlarvi di due montature particolari che hanno reso famoso lo spigolaro per eccellenza della mia zona. Oggi questa persona non pesca più ma ha lasciato un bagaglio importante

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO A. FUSINATO SCHIO SCUOLA DELL INFANZIA A.ROSSI ATTIVITA DI PLESSO SIAMO TUTTI UGUALI SIAMO TUTTI DIVERSI!

ISTITUTO COMPRENSIVO A. FUSINATO SCHIO SCUOLA DELL INFANZIA A.ROSSI ATTIVITA DI PLESSO SIAMO TUTTI UGUALI SIAMO TUTTI DIVERSI! ISTITUTO COMPRENSIVO A. FUSINATO SCHIO SCUOLA DELL INFANZIA A.ROSSI ATTIVITA DI PLESSO SIAMO TUTTI UGUALI SIAMO TUTTI DIVERSI! ANNO SCOLASTICO 2013/2014 GUIZZINO In un angolo lontano del mare, viveva una

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 19_ENT

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 19_ENT a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (Km) 0701001019 Punta Chiappe Punta di Sestri * 26,9 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice Istat Regione

Dettagli

Gli anfibi sono i primi vertebrati che hanno colonizzato la terra ferma, tuttavia hanno un ciclo di vita strettamente legato alla vita acquatica.

Gli anfibi sono i primi vertebrati che hanno colonizzato la terra ferma, tuttavia hanno un ciclo di vita strettamente legato alla vita acquatica. GLI ANFIBI Gli anfibi sono i primi vertebrati che hanno colonizzato la terra ferma, tuttavia hanno un ciclo di vita strettamente legato alla vita acquatica. Il termine anfibio è di origine greca e significa

Dettagli

Le spiagge più belle di Lampedusa!

Le spiagge più belle di Lampedusa! LAMPEDUSA Spiaggia dei Conigli Le spiagge più belle di Lampedusa! Incoronata diverse volte come la spiaggia più bella del mondo e d'europa, questa perla naturalistica si trova sul versante meridionale

Dettagli

CRONACA METEO LIGURIA

CRONACA METEO LIGURIA CRONACA METEO LIGURIA Settembre - novembre 2007 A cura di: Paolo Muzio Arriva la stagione autunnale, quella delle grandi piogge, in un anno tra i più avari di precipitazioni. Si spera in questa stagione

Dettagli

Indagine conoscitiva sull uso delle nasse in Sardegna

Indagine conoscitiva sull uso delle nasse in Sardegna Indagine conoscitiva sull uso delle nasse in Sardegna Iolanda Viale, Andrea Palomba, Marco Gerardi Dipartimento per le Produzioni Zootecniche Servizio Risorse Ittiche 16 dicembre 2013, Museo del mare Portotorres

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DISCIPLINA DELLA PESCA SPORTIVA E RICREATIVA

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DISCIPLINA DELLA PESCA SPORTIVA E RICREATIVA Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Capitaneria di Porto Guardia Costiera TARANTO Largo Arcivescovado, n 17 tel. 099/4713611 fax 0994718288 taranto@guardiacostiera.it - www.taranto.guardiacostiera.it/

Dettagli

OSSERVAZIONE, IDENTIFICAZIONE E CONTEGGIO DEI CETACEI

OSSERVAZIONE, IDENTIFICAZIONE E CONTEGGIO DEI CETACEI OPERAZIONE DELPHIS 2015 SCHEDA DELLE OSSERVAZIONI VISIVE Nome osservatore E Mail Tel Nome imbarcazione Porto di partenza Inizio osservazione: H 12.00 Data: COORDINATE IMBARCAZIONE Lat: Nord / Long Est

Dettagli

ragazzi WSvQ/URrEuEY3G4eGqIRbXSTreHmlt2VYK54UhTvulP3AQhDMn5FgQ==

ragazzi WSvQ/URrEuEY3G4eGqIRbXSTreHmlt2VYK54UhTvulP3AQhDMn5FgQ== WSvQ/URrEuEY3G4eGqIRbXSTreHmlt2VYK54UhTvulP3AQhDMn5FgQ== ragazzi Marta e le ı ntervı ste ı mpossı bı lı Gli animali della f atto r ia Marta e le ı ntervı ste ı mpossı bı lı Gli animali della f atto r ia

Dettagli

CRONACA METEO LIGURIA

CRONACA METEO LIGURIA Rivista Ligure di Meteorologia n 25 anno VII CRONACA METEO LIGURIA Marzo - maggio 2007 A cura di: Paolo Muzio Un inverno, questo appena passato, che si ricorderà sicuramente per l anomalia termica positiva:

Dettagli

(considerazione sulla morfologia costiera, sul fondale, flussi di marea, correnti note, direzione e distribuzione dei venti prevalenti)

(considerazione sulla morfologia costiera, sul fondale, flussi di marea, correnti note, direzione e distribuzione dei venti prevalenti) Analisi Geografica (considerazione sulla morfologia costiera, sul fondale, flussi di marea, correnti note, direzione e distribuzione dei venti prevalenti) DA COMPLETARE A.Sartorelli LaserRacing.it Pag.

Dettagli

IL MANUALE DEI NODI A CURA DI: SERGIO PELLIZZIERI REPARTO EDELWEISS - AGESCI ROMA

IL MANUALE DEI NODI A CURA DI: SERGIO PELLIZZIERI REPARTO EDELWEISS - AGESCI ROMA IL MANUALE DEI NODI 1 a EDIZIONE 2014 A CURA DI: SERGIO PELLIZZIERI REPARTO EDELWEISS - AGESCI ROMA 131 - WWW.REPARTO131.ALTERVISTA.ORG I NODI INDICE I NODI DI ARRESTO... 4 IL NODO SEMPLICE... 4 NODO SAVOIA

Dettagli

La Lega Navale Italiana (LNI) è un ente pubblico non economico a base associativa che ha come scopo la diffusione dell'interesse e dell'attenzione

La Lega Navale Italiana (LNI) è un ente pubblico non economico a base associativa che ha come scopo la diffusione dell'interesse e dell'attenzione La Lega Navale Italiana (LNI) è un ente pubblico non economico a base associativa che ha come scopo la diffusione dell'interesse e dell'attenzione verso tematiche relative al mare. Fondata nel 1897 a La

Dettagli

a) Calcolare il modulo di F.

a) Calcolare il modulo di F. 1. (1-2-2011, 3-10-2011, 23-7-2013) Un getto d acqua che cade da un rubinetto si restringe verso il basso. Se l area di una sezione del flusso di acqua è A 1 =1.2 cm 2 e diventa A 2 = 0.35 cm 2 45 mm più

Dettagli

USCITE DIDATTICHE (nodi e materiali)

USCITE DIDATTICHE (nodi e materiali) USCITE DIDATTICHE (nodi e materiali) I materiali portati in uscita possono permetterci di affrontare difficoltà impreviste che si siano presentate lungo il percorso, ma anche di affrontare in sicurezza

Dettagli

DESCRIZIONE DOCUMENTO: prova di verifica della comprensione del testo scientifico

DESCRIZIONE DOCUMENTO: prova di verifica della comprensione del testo scientifico NOME FILE: I PESCI CODICE DOCUMENTO: S SCIENZE B B1 S1 21 DESCRIZIONE DOCUMENTO: prova di verifica della comprensione del testo scientifico SCUOLA: secondaria di 1 grado CLASSE: prima LINK CORRELATI: Nessuno

Dettagli

Innanzitutto per affrontare qualsiasi attività che abbia a che fare con l acqua è essenziale saper nuotare

Innanzitutto per affrontare qualsiasi attività che abbia a che fare con l acqua è essenziale saper nuotare Innanzitutto per affrontare qualsiasi attività che abbia a che fare con l acqua è essenziale saper nuotare Brevetti di Competenza I brevetti legati all acqua ed alle tecniche nautiche sono illustrati di

Dettagli

IL NUOTO PER SALVAMENTO

IL NUOTO PER SALVAMENTO IL NUOTO PER SALVAMENTO Prove per Categoria Gare in piscina E s o r d i e n t i Ragazzi Juniores Seniores Assoluti B A Nuoto con ostacoli m. 200 -- -- -- -- X X Nuoto con ostacoli m. 100 -- -- X X -- --

Dettagli

Gli ami circolari per la riduzione del Bycatch

Gli ami circolari per la riduzione del Bycatch 30 giugno 2015 Roma, Italia Gli ami circolari per la riduzione del Bycatch Sergio Bizzarri AGCI Agrital introduzione Nel Mediterraneo la sperimentazione degli ami circolari è iniziata nel 2005 nell ambito

Dettagli

ALBUM INVERTEBRATI. A cura dell Osservatorio astronomico Serafino Zani e dell Unione Astrofili Bresciani

ALBUM INVERTEBRATI. A cura dell Osservatorio astronomico Serafino Zani e dell Unione Astrofili Bresciani ALBUM INVERTEBRATI A cura dell Osservatorio astronomico Serafino Zani e dell Unione Astrofili Bresciani Il presente album contiene le pagine per la raccolta delle immagini: Fig 01 Helix Pomatia Fig 02

Dettagli

Associazione Lombarda Avicoltori ANATRA CIUFFATA

Associazione Lombarda Avicoltori  ANATRA CIUFFATA ANATRA CIUFFATA I GENERALITA Origine: E' il risultato di una mutazione di anatre comuni europee. Uovo Peso minimo g. 60 Colore del guscio: bianco verdastro. Anello : 16 : 16 II TIPOLOGIA ED INDIRIZZI PER

Dettagli

Gli animali che abitano il mare. Guarda le immagini e dopo rispondi alle domande..

Gli animali che abitano il mare. Guarda le immagini e dopo rispondi alle domande.. Gli animali che abitano il mare Guarda le immagini e dopo rispondi alle domande.. 1 2 3 4 5 1 1) Hai mai visto questi animali? SÌ NO QUALCUNO 2) Se li hai visti, dove? ALLA TELEVISIONE SUL TUO LIBRO DI

Dettagli

L.Lanceri - Dinamica della barca in acqua e nel vento 1

L.Lanceri - Dinamica della barca in acqua e nel vento 1 04-06-2009 L.Lanceri - Dinamica della barca in acqua e nel vento 1 (fluido-)dinamica della barca nell acqua e nel vento Livio Lanceri Dip. di Fisica - Università di Trieste INFN - Sezione di Trieste Trieste,

Dettagli

21 GIUGNO ARRIVA L ESTATE ANNO SCOL. 2010/2011 SEZIONE 5 ANNI A CURA DI PATRIZIA BRUSCHI

21 GIUGNO ARRIVA L ESTATE ANNO SCOL. 2010/2011 SEZIONE 5 ANNI A CURA DI PATRIZIA BRUSCHI 21 GIUGNO ARRIVA L ESTATE ANNO SCOL. 2010/2011 SEZIONE 5 ANNI A CURA DI PATRIZIA BRUSCHI ESTATE E la stagione più bella, si può stare tanto fuori Si va al mare, si gioca sulla sabbia e si mangiano le cocomere

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 20_RIV

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 20_RIV a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (km) Sestri Levante 0701001020 * Punta di Sestri Punta Baffe 11.4 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice

Dettagli

ANATRA MUTA DI BARBERIA

ANATRA MUTA DI BARBERIA ANATRA MUTA DI BARBERIA I GENERALITA Origine: America del Sud. Regione della Barberia, dove ancora oggi si trova allo stato selvatico. Uovo Peso minimo g. 70 Colore del guscio: bianco giallastro. Anello

Dettagli

Il Dinghy 12 Qualche Termine

Il Dinghy 12 Qualche Termine Il Dinghy 12 Qualche Termine Con riferimento al REGOLAMENTO PER LA COSTRUZIONE E LA STAZZA DINGHY 12P. in vigore da gennaio 2005 a dicembre 2008 1.3. - Puntale Puntale - Elemento centrale di sostegno posto

Dettagli

1 As Progetto Mediterraneo

1 As Progetto Mediterraneo sulle coste 1 As Progetto Mediterraneo Il moto ondoso è un movimento variabile della parte superficiale delle masse d acqua, dei mari e degli oceani. La parte bassa delle onde incontra il fondale marino,

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 24_POR

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 24_POR a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (km) 20,8 Capo dell Isolalato ovest Isola 0701101124 (1,7 Tino+3,2 Portovenere Punta Vagno * Palmaria +15,9 Palmaria costa)

Dettagli

La Gabella del Pesce. Istanza dei Cittadini di Torre del Greco. Salvatore Argenziano

La Gabella del Pesce. Istanza dei Cittadini di Torre del Greco. Salvatore Argenziano La Gabella del Pesce Istanza dei Cittadini di Torre del Greco Salvatore Argenziano Istanza dei Cittadini di Torre del Greco 1 1. In primis li detti cittadini et huomini della detta Torre, et Casali petono

Dettagli

Specialità. Tonno all olio d oliva Prima scelta Yellowfin. Tonno 1ª Scelta all olio di oliva Yellowfin Codice AF533 Formato Latta g 160

Specialità. Tonno all olio d oliva Prima scelta Yellowfin. Tonno 1ª Scelta all olio di oliva Yellowfin Codice AF533 Formato Latta g 160 72 Tonno all olio d oliva Prima scelta Yellowfin 73 Specialità di mare Costa De Arosa, un industria alimentare nata negli anni ottanta, conosciuta ed apprezzata per la qualità. Per la produzione dei suoi

Dettagli

LE COSTE. Le coste del mondo

LE COSTE. Le coste del mondo LE COSTE Le coste del mondo Per costa s intende quella fascia di territorio posta tra il mare e il continente che risente delle azioni dirette e indirette del mare. Il suo limite interno sfuma gradualmente

Dettagli

SUONO, RUMORE, SILENZIO

SUONO, RUMORE, SILENZIO SUONO, RUMORE, SILENZIO Andrea m. Andrea m. Mi avete parlato di suono e di rumore ma sono due cose diverse o sono la stessa cosa? Il suono può essere di diverse tonalità, può essere alto o basso, magro

Dettagli

Corso di Meteorologia marina

Corso di Meteorologia marina Corso di Meteorologia marina Studio dell aria: le sue caratteristiche e i movimenti in senso orizzontale e verticale Meteorologia Pressione (1.013 mbar, 760 mmhg, hpa) Temperatura ( C) Umidità (%) Definizioni,

Dettagli

Bordo Libero. Carlo Bertorello

Bordo Libero. Carlo Bertorello Bordo Libero Carlo Bertorello 2015-16 1 -Il bordo libero, la marca di bordo libero e le linee di carico E fondamentale, per la sicurezza della nave, che l immersione non superi un certolimiteinmododagarantireunacongruadistanzatralasuperficiedelmareed

Dettagli

Ho lanciato un sasso, un piccolo sasso tondo e liscio, sull acqua di un mare. Tante piccole onde ho scatenato: righe di mare s inseguivano,

Ho lanciato un sasso, un piccolo sasso tondo e liscio, sull acqua di un mare. Tante piccole onde ho scatenato: righe di mare s inseguivano, Ho lanciato un sasso, un piccolo sasso tondo e liscio, sull acqua di un mare Tante piccole onde ho scatenato: righe di mare s inseguivano, si rincorrevano festanti. Sempre più larghi quei cerchi, sempre

Dettagli

Parabordo gonfiabile con foro passante in PVC morbido. Articolo Ø mm lunghezza mm

Parabordo gonfiabile con foro passante in PVC morbido. Articolo Ø mm lunghezza mm 103 Parabordo gonfiabile con foro passante in PVC morbido Ø mm lunghezza 15.15015 205 495 15.15017 250 650 Parabordo gonfiabile a pera, fabbricato in PVC morbido. Colore bianco, calotta nera. Ø mm lunghezza

Dettagli

Il Chromobotia macracanthus è un piccolo pesce d'acqua dolce che appartiene alla famiglia dei Cobitidae, unica specie del genere Chromobotia.

Il Chromobotia macracanthus è un piccolo pesce d'acqua dolce che appartiene alla famiglia dei Cobitidae, unica specie del genere Chromobotia. Il Chromobotia macracanthus è un piccolo pesce d'acqua dolce che appartiene alla famiglia dei Cobitidae, unica specie del genere Chromobotia. Conosciuto comunemente come Botia pagliaccio, è originario

Dettagli

Le corde della tonnara di Camogli Antonio Uboldi

Le corde della tonnara di Camogli Antonio Uboldi Ciao a tutti, oggi come sappiamo le corde e le reti vengono costruite con materiali sintetici, mentre anticamente erano fatte utilizzando la lisca (Ampelodesmos tenax), una pianta con foglie lunghe e sottili

Dettagli

Specialità. di mare. Tonno all olio d oliva Prima scelta Yellowfin

Specialità. di mare. Tonno all olio d oliva Prima scelta Yellowfin 76 Tonno all olio d oliva Prima scelta Yellowfin 77 Specialità di mare Costa De Arosa, un industria alimentare nata negli anni ottanta, conosciuta ed apprezzata per la qualità. Per la produzione dei suoi

Dettagli

maestro dei nodi di Ivan Mastrosimone - disegni di Jean Claudio Vinci

maestro dei nodi di Ivan Mastrosimone - disegni di Jean Claudio Vinci maestro dei nodi Ho un nodo alla gola, tutti i nodi vengono al pettine e altri modi di dire ma ogni esploratore e guida che si rispetti, quale nodo pensa subito di avere alla gola? Un parlato, sicuramente!

Dettagli

Presentazione di Malindi SITI STORICI IN MALINDI. composto e compilato da: - Maria Grazia - Mr. Athman Anno / 15

Presentazione di Malindi SITI STORICI IN MALINDI. composto e compilato da: - Maria Grazia - Mr. Athman Anno / 15 SITI STORICI IN MALINDI composto e compilato da: - Maria Grazia - Mr. Athman Anno 2007 1 / 15 LA CITTA DI MALINDI Malindi è una delle più antiche città dell Africa orientale, essa è la seconda più grande

Dettagli

Programma di Esercitazioni Marinaresche

Programma di Esercitazioni Marinaresche Programma di Esercitazioni Marinaresche Docente Enzo Guasti Classe formale Prima A Corso Istituto Tecnico Nautico Anno Scolastico 2009/10 Programma svolto Informazioni Generali Lo studio delle esercitazioni

Dettagli

Esperimenti sul galleggiamento

Esperimenti sul galleggiamento Laboratorio di scienze Esperimenti sul galleggiamento Galleggiare e volare sono due fenomeni che, pur basandosi su leggi scientifiche, rimangono sempre alquanto misteriosi. Facendo le esperienze che ti

Dettagli

MARANS I - GENERALITA. Origine

MARANS I - GENERALITA. Origine MARANS I - GENERALITA Origine Francia, città portuale di Marans sull Oceano Atlantico. Razza selezionata incrociando polli locali con soggetti di tipologia combattente e più recentemente con la Langschan

Dettagli

Allegato n 2 Normativa Scuola Vela - PROGETTO FORMATIVO

Allegato n 2 Normativa Scuola Vela - PROGETTO FORMATIVO Allegato n 2 Normativa Scuola Vela - PROGETTO FORMATIVO Le tipologie di corso previste: A) C orso breve B) Corso base C) Corso intermedio D) Corso avanzato I programmi sotto illustrati debbono essere rapportati

Dettagli

ATTREZZO. Peso : Kg. 3 circa

ATTREZZO. Peso : Kg. 3 circa Nome : PICCONE Nome dialettale PIKU Descrizione: description de l outil, et éléments de l outil. Utensile con manico in legno e con testa formata da un estremità a punta ed una a taglio bloccata da un

Dettagli

Classificazione barche da pesca Alberto Sottocornola

Classificazione barche da pesca Alberto Sottocornola Quando si disegna una nuova barca, tutto il suo sviluppo si orienta alla funzionalità, al tipo di carico che trasporterà e che tipo di pesca si desidera realizzare. Esistono delle classificazioni di base,

Dettagli

Laboratorio FISICA. La direzione della forza di gravità. Hai bisogno di: filo a piombo; asta di sostegno; cartoncino.

Laboratorio FISICA. La direzione della forza di gravità. Hai bisogno di: filo a piombo; asta di sostegno; cartoncino. La direzione della forza di gravità Hai bisogno di: filo a piombo; asta di sostegno; cartoncino. la forza di gravità è diretta verso il centro della Terra; il filo a piombo si dispone secondo la verticale

Dettagli

Una grande flotta. Per garantire tutta la bontà dei prodotti Nostromo dal mare alla tavola.

Una grande flotta. Per garantire tutta la bontà dei prodotti Nostromo dal mare alla tavola. PRODOTTI 2013 Una grande flotta. Per garantire tutta la bontà dei prodotti Nostromo dal mare alla tavola. Il pesce è un elemento irrinunciabile all interno di una dieta equilibrata: poche calorie, pochi

Dettagli

D opo avere fatto regate per anni

D opo avere fatto regate per anni CONTENDER: VELOCE ED ACROBATICO Nato in Australia nel 1967, il Contender è lungo 4,87 metri, largo 1,24 e pesa 83 kg con una randa da 11 mq. Questo singolo sta anche vivendo un momento di forte espansione

Dettagli

FISHJOB DIVERSIFICAZIONE DELL ATTIVITA DI PESCA. Pescaturismo

FISHJOB DIVERSIFICAZIONE DELL ATTIVITA DI PESCA. Pescaturismo DIVERSIFICAZIONE DELL ATTIVITA DI PESCA Pescaturismo CHE COS È IL PESCATURISMO? Per pescaturismo si intendono le attività intraprese dall'armatore singolo, impresa o cooperativa di nave da pesca costiera

Dettagli

Istituto Tecnico Trasporti e Logistica. Buccari. Sede: Viale Colombo, Cagliari Tel. 070 / / Fax 070 /

Istituto Tecnico Trasporti e Logistica. Buccari. Sede: Viale Colombo, Cagliari Tel. 070 / / Fax 070 / Istituto Tecnico Trasporti e Logistica Buccari Sede: Viale Colombo, 60-09125 - Cagliari Tel. 070 / 300303-070 / 301793 Fax 070 / 340742 LA ROSA DEI VENTI PUNTI CARDINALI NORD (NORTH) 000 EST (EAST) 90

Dettagli

Luca Dubbini Marco Tito Bordogna

Luca Dubbini Marco Tito Bordogna Luca Dubbini Marco Tito Bordogna Prima di iniziare a veleggiare è importante capire come funziona una vela e i principi secondo i quali viene generata la sua forza propulsiva. La conoscenza di alcune nozioni

Dettagli

Tipi di imbarcazioni:

Tipi di imbarcazioni: La pesca CAP. 2 - LA PESCA Tipi di imbarcazioni: costruzione e attrezzature Le imbarcazioni vengono classificate in base alla loro funzione, per esempio vengono chiamate paranze due pescherecci che, andando

Dettagli

Il taccuino dell esploratore

Il taccuino dell esploratore Il taccuino dell esploratore a cura di ORESTE GALLO (per gli scout: Lupo Tenace) QUINTA CHIACCHIERATA L ORIENTAMENTO (prima parte) Un buon escursionista fra le proprie conoscenze teoriche deve perlomeno

Dettagli

VERIFICA La vita negli ambienti acquatici

VERIFICA La vita negli ambienti acquatici ERIICA La vita negli ambienti acquatici Cognome Nome Classe Data I/1 ero o also? Gli organismi più esigenti in fatto di qualità ambientale si trovano nell alto corso dei fi umi. La fauna del basso corso

Dettagli

I RETTILI SERPENTI, LUCERTOLE, COCCODRILLI E TARTARUGHE SONO RETTILI.

I RETTILI SERPENTI, LUCERTOLE, COCCODRILLI E TARTARUGHE SONO RETTILI. I RETTILI SERPENTI, LUCERTOLE, COCCODRILLI E TARTARUGHE SONO RETTILI. Esistono più di ottomila specie di rettili. Una caratteristica comune a tutti è la pelle impermeabile e squamosa, che protegge lo scheletro

Dettagli

Portata quattro persone sedute sul fondo o cinque persone sedute sulle ginocchia come nelle canoe canadesi.

Portata quattro persone sedute sul fondo o cinque persone sedute sulle ginocchia come nelle canoe canadesi. Dicembre 2006 Canoa 4-5 posti Lunghezza 5 metri Portata quattro persone sedute sul fondo o cinque persone sedute sulle ginocchia come nelle canoe canadesi. Telaio in legno formato da una ossatura trasversale

Dettagli

Osservatorio nazionale della pesca

Osservatorio nazionale della pesca COMPARTIMENTO DI PROCIDA ABC: AVOID BY CATCH Avoid By Catch FONDO EUROPEO PESCA PROGRAMMAZIONE 2007-2013 Osservatorio nazionale della pesca UNIONE EUROPEA FAI FEDERPESCA ABC: AVOID BY CATCH MARINERIA DI

Dettagli