LOWaste MARKET PLACE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA 11 MAGGIO 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LOWaste MARKET PLACE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA 11 MAGGIO 2012"

Transcript

1 LOWaste MARKET PLACE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA 11 MAGGIO 2012 With the contribution of the LIFE financial instrument of the European Community

2 NO.WA - No Waste NOME PROGETTO Comune di Reggio Emilia Comune di Trento Reggio nel Mondo srl Ambiente Italia srl Coop Consumatori Nordest scrl DURATA Gennaio Dicembre 2014 PARTNER

3 OBIETTIVI Obiettivi generali del progetto Contribuire al successo delle politiche europee e nazionali in materia di prevenzione dei rifiuti attraverso la firma di accordi volontari locali tra le autorità locali, stakeholders e Grande Distribuzione Organizzata, la definizione di un Piano di prevenzione / riduzione dei rifiuti con la GDO (previa mappatura delle migliori esperienze di riduzione rifiuti nella GDO) e lo studio di fattibilità di un «centro del riuso» che raccoglie l invenduto non food della GDO e i «rifiuti» conferiti dai cittadini ai centri di raccolta.

4 Target Il progetto è dedicato alla Grande Distribuzione Organizzata locale e a tutta la cittadinanza intesa come consumatori e come utenti del centri di raccolta dei rifiuti urbani. Territorio di riferimento I territori di riferimento sui quali impatteranno i risultati del progetto e le sue attività sono i territori comunali di Reggio Emilia e Trento.

5 GOVERNANCE Il progetto prevede la firma di un protocollo d intesa (Attività 4.2) per l'applicazione sperimentale del Piano di riduzione dei rifiuti nella GDO a Reggio Emilia e a Trento. Saranno organizzati uno o più eventi per presentare il progetto e i suoi obiettivi generali e specifici. Lo scopo di questi incontri è quello di raggiungere un accordo completo sugli obiettivi e firmare un protocollo d'intesa attraverso il quale ogni soggetto coinvolto si impegna a raggiungere gli obiettivi prefissati. Dopo l'analisi di mercato del riuso, se i risultati saranno positivi e si dimostreranno i benefici derivanti dalla creazione di un sistema integrato di centri del riuso, sarà redatto e sottoscritto un accordo di programma (Attività 5.3), al fine di impegnare le parti interessate alla realizzazione futura di questo sistema.

6 DELIVERABLES PRINCIPALI Reuse Market Analysis analizzerà il mercato potenziale dei riuso a livello locale basandosi sull'adozione di strumenti di analisi statistiche ed economiche da applicare alla realtà del riutilizzo: valutazione dell'offerta e della domanda del mercato del riuso, analisi della legislazione vigente e valutazione dell impatto economico Reuse centre feasibility study verrà sviluppato un Business Plan per i centri di raccolta; prevederà la creazione di un centro del riuso dotato di spazi per le attività di riutilizzo (laboratori e vendita); consentirà la redazione di un progetto di una rete di riutilizzo locale, che farà parte della dichiarazione d'intenti da sottoscrivere tra le parti coinvolte Reggio Emilia s and Trento s Waste Reduction Plan azioni pratiche di riduzione dei rifiuti, campagna di comunicazione, sistema di monitoraggio Memorandum of Understanding of the Municipality of Reggio Emilia and Trento stabilirà gli impegni da intraprendere da parte di tutti i soggetti coinvolti nella sperimentazione del Piano di riduzione dei rifiuti

7 DELIVERABLES PRINCIPALI Virtual Platform e Info sheets database si svilupperà uno strumento (ospitato sul sito web del progetto) che supporti una continuità di contatti e di possibili sinergie tra gli attori dedicata allo scambio di informazioni e approfondimenti + banca dati contenente tutte le schede di raccolta dati con l'obiettivo di evidenziare le migliori pratiche nel settore della riduzione dei rifiuti riguardo in modo specifico alla fattibilità, alla replicabilità a livello locale delle azioni selezionate, alla pertinenza e ai risultati raggiunti Signed Declaration of Intent for a reuse centre in the Municipality of Reggio Emilia accordo di programma al fine di impegnare le parti interessate alla realizzazione futura di un sistema integrato di centri del riuso Final Guidelines and Implementation kit conterranno la strategia definita per l'attuazione del Piano di Riduzione dei Rifiuti nella GDO, l'analisi del mercato e lo studio di fattibilità di un centro del riuso + un kit applicativo composto da un modello di ogni strumento utilizzato nel progetto per attuare efficacemente le azioni (protocollo d intesa, materiali locali di comunicazione utilizzati per le sperimentazioni locali, suggerimenti per l attuazione del piano di riduzione dei rifiuti nella GDO)

8 EVENTI DI DIFFUSIONE Per l anno 2012: Accadueo (Ferrara) maggio 2012 Terrafutura (Firenze) 25 maggio 2012 in occasione dell assemblea annuale del Coordinamento Agende 21 Locali Italiane Ravenna 2012 (Ravenna) settembre 2012 Ecomondo (Rimini) 7-10 novembre 2012

9 TIMELINE Partnership Agreement /02/2012 Operative Manual /02/2012 Work Plan /03/2012 Implementation Monitoring Protocol /03/2012 Actions Monitoring Protocol /05/2013 Project s Monitoring Protocol /05/2013 Activities Effectiveness Evaluation Report /11/2014 Best practices info sheets filled in /11/2012 Virtual Platform /05/2013 Info sheets database /05/2013 Reggio Emilia s Waste Reduction Plan /04/2013 Trento s Waste Reduction Plan /04/2013 Reggio Emilia s Waste Reduction Communication Plan /04/2013 Trento s Waste Reduction Communication Plan /04/2013 Memorandum of Understanding of the Municipality of Reggio Emilia /04/2013 Memorandum of Understanding of the Municipality of Trento /04/2013 Reuse Market Analysis /02/2013 Reuse centre feasibility study /04/2013 Signed Declaration of Intent for a reuse centre in the Municipality of Reggio Emilia /08/2013 Lobbying Guidelines /07/2014 Communication Plan /04/2012 Communication Materials /07/2012 Final Guidelines and Implementation kit /12/2014 After Life Communication Plan 31/12/2014

10 IDEE PER IL NETWORKING... Ambito NOWASTE LOWASTE NOW ECOCOURTS IDENTIIS WEE - svolgimento attività di - coinvolgimento attori di ricerca congiunte (creazione interesse comune (GDO) di un mercato per prodotti - utilizzo deliverables??? riutilizzabili) - utilizzo deliverables??? CONNESSIONI OPERATIVE SCAMBIO INFORMAZIONI Specificare quali possono essere le possibili sinergie attivabili tra il proprio progetto e gli altri - condivisione risultati ricerche interne (creazione di partnership) - facilitazione contatti con soggetti potenzilamente rilevanti per il progetto (coop sociali) - svolgimento attività di ricerca congiunte (imballaggi, legno/plastica, RAEE) - coinvolgimento attori di interesse comune (GDO e coop sociali) - utilizzo deliverables??? - condivisione risultati ricerche interne (imballaggi, legno/plastica, RAEE) - facilitazione contatti con soggetti potenzilamente rilevanti per il progetto (GDO locale) - svolgimento attività di ricerca congiunte (RAEE) - coinvolgimento attori di interesse comune (multiutility) - utilizzo deliverables??? - condivisione risultati ricerche interne (riutilizzo beni) - facilitazione contatti con soggetti potenzilamente rilevanti per il progetto (multiutility) COMUNICAZIONE - partecipazione congiunta ad eventi di disseminazione e sensibilizzazione - condivisione canali informativi - scambio informazioni su siti web di progetto - partecipazione congiunta ad eventi di disseminazione e sensibilizzazione - scambio informazioni su siti web di progetto - partecipazione congiunta ad eventi di disseminazione e sensibilizzazione - scambio informazioni su siti web di progetto - partecipazione congiunta ad eventi di disseminazione e sensibilizzazione - scambio informazioni su siti web di progetto

LOWaste MARKET PLACE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA 11 MAGGIO 2012

LOWaste MARKET PLACE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA 11 MAGGIO 2012 LOWaste MARKET PLACE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA 11 MAGGIO 2012 With the contribution of the LIFE financial instrument of the European Community NOME PROGETTO

Dettagli

NOW No More Organic Waste. NO.WA - No Waste

NOW No More Organic Waste. NO.WA - No Waste REPORT FESTIVAL LOWASTE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA, VENERDÌ 11 MAGGIO 2012 Documento di restituzione delle considerazioni emerse durante il Workshop tecnico

Dettagli

IMPLEMENTATION MONITORING PROTOCOL

IMPLEMENTATION MONITORING PROTOCOL IMPLEMENTATION MONITORING PROTOCOL Monitoraggio dell attuazione del progetto NO.WA No Waste 31/03/2012 2 Introduzione... 4 Introduction... 4 1. Ruoli e responsabilità... 5 Project Coordinator e Project

Dettagli

LOWaste MARKET PLACE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA 11 MAGGIO 2012

LOWaste MARKET PLACE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA 11 MAGGIO 2012 LOWaste MARKET PLACE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA 11 MAGGIO 2012 With the contribution of the LIFE financial instrument of the European Community NOME PROGETTO

Dettagli

Il Progetto LIFE+ del mese

Il Progetto LIFE+ del mese Il Progetto LIFE+ del mese LIFE10 ENV/IT/000307 Beneficiario coordinatore: Comune di Reggio Emilia Via Emilia San Pietro, 12 42121 Reggio Emilia Referente progetto: Laura Montanari Tel. 0522-456251 Email

Dettagli

LOWaste MARKET PLACE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA 11 MAGGIO 2012

LOWaste MARKET PLACE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA 11 MAGGIO 2012 LOWaste MARKET PLACE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA 11 MAGGIO 2012 With the contribution of the LIFE financial instrument of the European Community NOME PROGETTO

Dettagli

Azione 4. Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata

Azione 4. Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata Azione 4 Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata Protocollo d intesa (Memorandum of Understanding) Comune di Reggio Emilia LIFE10 ENV/IT/307 NO.WA No Waste PROTOCOLLO

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: Identis WEE Promotore/i: Soggetti partner: Ente Ente pubblico/gdo GDO altro (specificare)

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 - Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: Ecoacquisti Trentino Promotore/i: Provincia autonoma di Trento Soggetti partner: Ente Ente

Dettagli

LOWaste. Local Waste Market for second life products. Incontro Ferrara, settembre 2011

LOWaste. Local Waste Market for second life products. Incontro Ferrara, settembre 2011 LOWaste Local Waste Market for second life products Incontro Ferrara, settembre 2011 Contenuti dell incontro Che cos è il Programma LIFE+ Introduzione progetto LOWaste Gli obiettivi Le azioni previste

Dettagli

Progetto: LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA

Progetto: LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA Progetto: LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA «No Waste» Azione 2 Monitoraggio dell efficacia del progetto Azione 3 - Mappatura dei progetti di riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata Reggio

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE AFTER LIFE LIFE09 ENV/IT/000068

PIANO DI COMUNICAZIONE AFTER LIFE LIFE09 ENV/IT/000068 PIANO DI COMUNICAZIONE AFTER LIFE LIFE09 ENV/IT/000068 1 ABSTRACT The project WASTELESS IN CHIANTI has developed a pilot experience of success for the effective implementation and monitoring of an integrated

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 - Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: WASTELESS IN CHIANTI Promotore/i: Provincia di Firenze Soggetti partner: Ente Ente pubblico/gdo

Dettagli

Progetto: LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. «No Waste» AZIONE 1 Gestione del progetto

Progetto: LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. «No Waste» AZIONE 1 Gestione del progetto Prgett: LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA «N Waste» AZIONE 1 Gestine del prgett Azine 1 «Gestine del prgett» Obiettivi Garantire il crdinament delle attività Garantire i cntatti cn la Cmmissine eurpea e cn TIMESIS

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: Brutti ma Buoni Promotore/i: Coop Consumatori Nordest Soggetti partner: Ente Ente pubblico/gdo

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: Prisca Promotore/i: Comune di San Benedetto del Tronto Soggetti partner: Ente Ente pubblico/gdo

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 GENERALITÀ Azione 3 Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura Denominazione della buona pratica: Meno rifiuti da imballaggio nella grande distribuzione organizzata (GDO) Promotore/i: Provincia/ATO

Dettagli

TRA VISTI. - il D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale ;

TRA VISTI. - il D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale ; Accordo tra Regione Emilia-Romagna, ATERSIR e Centro di Coordinamento RAEE, per favorire il recupero e l incremento dei tassi di raccolta differenziata dei RAEE di origine domestica attraverso la sperimentazione

Dettagli

LIFE10 ENV/IT/307. Azione 4. Piano di Comunicazione Allegato al Piano di Riduzione dei rifiuti nella grande distribuzione

LIFE10 ENV/IT/307. Azione 4. Piano di Comunicazione Allegato al Piano di Riduzione dei rifiuti nella grande distribuzione LIFE10 ENV/IT/307 Azione 4 Piano di Comunicazione Allegato al Piano di Riduzione dei rifiuti nella grande distribuzione LIFE10 ENV/IT/307 NO.WA No Waste SOMMARIO SOMMARIO... 2 1 PREMESSA... 3 2 MODALITÀ

Dettagli

Presentazione avanzamento progetto. Col contributo dello strumento finanziario LIFE della Commissione Europea.

Presentazione avanzamento progetto. Col contributo dello strumento finanziario LIFE della Commissione Europea. Presentazione avanzamento progetto Col contributo dello strumento finanziario LIFE della Commissione Europea. DELIVERABLES E MILESTONES PER OGNI AZIONE LE AZIONI AZIONE 1 WP1. DEFINIZIONE DEL SISTEMA INTEGRATO

Dettagli

Mariano Mazzacani Presentazione Cauto 01/10/2O14

Mariano Mazzacani Presentazione Cauto 01/10/2O14 1 Mariano Mazzacani Presentazione Cauto 01/10/2O14 2 Azione B 1 Screening delle strutture sanitarie e dei presidi veterinari che dismettono attrezzature e apparecchi biomedicali; Azione B 3 Gestione dei

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE LOCALE LOCAL COMMUNICATION PLAN Aggiornamento Gennaio 2013 Update January 2013

PIANO DI COMUNICAZIONE LOCALE LOCAL COMMUNICATION PLAN Aggiornamento Gennaio 2013 Update January 2013 PIANO DI COMUNICAZIONE LOCALE LOCAL COMMUNICATION PLAN Aggiornamento Gennaio 2013 Update January 2013 LIFE09 ENV/IT/000068 WASTELESS in CHIANTI Prevenzione e riduzione dei rifiuti nel territorio del Chianti

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 GENERALITÀ Azione 3 Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura Denominazione della buona pratica: EFFECORTA: un negozio alla spina e a km 0 nel Comune di Capannori (LU) Promotore/i: Ente gestore/società

Dettagli

Kick-Off Meeting progetto «No Waste» VERBALE

Kick-Off Meeting progetto «No Waste» VERBALE Kick-Off Meeting progetto «No Waste» VERBALE DATA: 23 Febbraio 2012 SEDE: Reggio Emilia, Piazza Prampolini 1, Sala Rossa PARTECIPANTI Ugo Ferrari Laura Montanari Giovanni Ferrari Patrizia Catellani Antonio

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: Sconsigli per gli acquisiti Promotore/i: Provincia/Ato Provincia di Ferrara Soggetti partner:

Dettagli

CAPACITY BUILDING PLAN. LIFE+ LOWasteENV/IT/000373 Deliverable #11 Action C1 Deadline: 30/09/2012. Con il contributo di

CAPACITY BUILDING PLAN. LIFE+ LOWasteENV/IT/000373 Deliverable #11 Action C1 Deadline: 30/09/2012. Con il contributo di CAPACITY BUILDING PLAN LIFE+ LOWasteENV/IT/000373 Deliverable #11 Action C1 Deadline: 30/09/2012 Con il contributo di Il progetto e il Percorso formativo Il Progetto LIFE+ LOWaste vede impegnata sul territorio

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 GENERALITÀ Azione 3 Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura Denominazione della buona pratica: Free Pack Net. Realizzazione e commercializzazione di un imballo ritornabile e riutilizzabile

Dettagli

I RISULTATI DEL PROGETTO Strategie di gestione integrata per la lotta al cambiamento climatico

I RISULTATI DEL PROGETTO Strategie di gestione integrata per la lotta al cambiamento climatico I RISULTATI DEL PROGETTO Strategie di gestione integrata per la lotta al cambiamento climatico Marzio Marzorati Coordinamento Agende 21 locali italiane Orsola Bolognani - Ambiente Italia Rimini, 10 novembre

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: Baby Bazar Promotore/i: Privati Leotron sas Soggetti partner: Ente Ente pubblico/gdo GDO altro

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 - Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: DETERSIVI SELF SERVICE Promotore/i: REGIONE PIEMONTE, Direzione Ambiente, Settore Programmazione

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 Attività 3.1 Azione 3 Attività 3.1 GENERALITÀ Organizzazione delle attività di mappatura Denominazione della buona pratica: LOCERI VERSO RIFIUTI ZERO Promotore/i: Partnership: Comune di Loceri, Coop. Sociale Serena,

Dettagli

Giugno 2013 June 2013

Giugno 2013 June 2013 Azione 2 Monitoraggio dell efficacia del progetto Protocollo di monitoraggio del progetto e delle azioni e identificazione delle performance obiettivo Project s and Action s Monitoring Protocol and identification

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: MERCATINO FRANCHISING S.r.l. Verona Promotore/i: Ente gestore/società Mercatino Franchising

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: Scopri il valore dello spreco, Venette Waste Promotore/i: Soggetti partner: Ente Ente pubblico/gdo

Dettagli

TWG LOWaste Ferrara Sala Tonda, Comune di Ferrara 15 gennaio 2013

TWG LOWaste Ferrara Sala Tonda, Comune di Ferrara 15 gennaio 2013 TWG LOWaste Ferrara Sala Tonda, Comune di Ferrara 15 gennaio 2013 Programma della giornata Orario 15.00 16.00 16.00 16.30 16.30 17.00 17.00 17.30 17.30 17.45 17.45 18.00 Intervento Stato avanzamento Progetto

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 - Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: ELBA PLASTIC FREE Promotore/i: Provincia di Livorno Soggetti partner: Ente Ente pubblico/gdo

Dettagli

NATIONAL INFORMATION DAY 2012 PROGRAMMA DI AZIONE COMUNITARIA IN TEMA DI SALUTE (2008-2013) La progettazione di qualità e la gestione di progetti

NATIONAL INFORMATION DAY 2012 PROGRAMMA DI AZIONE COMUNITARIA IN TEMA DI SALUTE (2008-2013) La progettazione di qualità e la gestione di progetti NATIONAL INFORMATION DAY 2012 PROGRAMMA DI AZIONE COMUNITARIA IN TEMA DI SALUTE (2008-2013) La progettazione di qualità e la gestione di progetti Stefano Benvenuti Lorenzo Gios CReMPE Regione Veneto Coordinamento

Dettagli

c) sviluppare un approccio metodologico avanzato che includa sia una dimensione locale sia una transnazionale;

c) sviluppare un approccio metodologico avanzato che includa sia una dimensione locale sia una transnazionale; Titolo del progetto Localizzazione dell intervento Programma INTourAct Area SEE South East Europe Asse I Cooperazione economica, sociale e istituzionale Misura Sviluppo delle sinergie transazionali per

Dettagli

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 Piano di comunicazione 2015 Indice Premessa 3 Azioni di comunicazione 3 Azione propedeutica: definizione dell immagine

Dettagli

L impegno del Gruppo di Lavoro Turismo Sostenibile del Coordinamento Nazionale delle Agende 21 italiane: risultati raggiunti e azioni future.

L impegno del Gruppo di Lavoro Turismo Sostenibile del Coordinamento Nazionale delle Agende 21 italiane: risultati raggiunti e azioni future. Aalborg Commitments e Protocollo di Kyoto: idee progetti iniziative delle destinazioni turistiche italiane per la prevenzione dei cambiamenti climatici L impegno del Gruppo di Lavoro Turismo Sostenibile

Dettagli

OPERATIVE MANUAL. Guida alla rendicontazione del progetto LIFE+ NO.WA No Waste

OPERATIVE MANUAL. Guida alla rendicontazione del progetto LIFE+ NO.WA No Waste OPERATIVE MANUAL Guida alla rendicontazione del progetto LIFE+ NO.WA No Waste 23/02/2012 2 Introduzione... 4 1. Documenti di riferimento... 5 2. Costi ammissibili... 5 Personnel costs (Costi di personale)...

Dettagli

PROGETTARE CENTRI DI RIUSO

PROGETTARE CENTRI DI RIUSO PROGETTARE CENTRI DI RIUSO DATI DI CONTESTO E CASI STUDIO Maya Battisti Centro di Ricerca Economica e Sociale Occhio del Riciclone Roma, Facoltà di Architettura de La Sapienza 18 Dicembre 2014 Occhio del

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: Buon Samaritano Promotore/i: Città di Torino e dell'amiat Spa Soggetti partner: Ente Ente

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 - Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: GreenEvent Promotore/i: Agenzia provinciale per l ambiente della Provincia autonoma di Bolzano

Dettagli

Presentazione avanzamento progetto. Col contributo dello strumento finanziario LIFE della Commissione Europea.

Presentazione avanzamento progetto. Col contributo dello strumento finanziario LIFE della Commissione Europea. Presentazione avanzamento progetto Col contributo dello strumento finanziario LIFE della Commissione Europea. INDICE LE AZIONI DELIVERABLES E MILESTONES PER OGNI AZIONE OBIETTIVI DI COMUNICAZIONE E STRUMENTI

Dettagli

Il Progetto LIFE+ del mese

Il Progetto LIFE+ del mese Il Progetto LIFE+ del mese LIFE10 ENV/IT/000373 Beneficiario Coordinatore: Comune di Ferrara Viale Alfonso D'Este 17 44123 Ferrara Laura Sitti Tel: 0532/419316 E-mail: a.piganti@comune.fe.it Sito web:

Dettagli

Progetto LOWaste Steering Committee meeting. Sala Arazzi, Comune di Ferrara 29 ottobre 2013

Progetto LOWaste Steering Committee meeting. Sala Arazzi, Comune di Ferrara 29 ottobre 2013 Progetto LOWaste Steering Committee meeting Sala Arazzi, Comune di Ferrara 29 ottobre 2013 Programma della giornata Orario 15.00 15.15 15.15 15.45 15.45 16.15 16.15 16.30 16.30 16.45 Argomenti all ordine

Dettagli

Deeper Sviluppo di un programma di formazione innovativo ed integrato rivolto ai rifugiati ed ai richiedenti asilo.

Deeper Sviluppo di un programma di formazione innovativo ed integrato rivolto ai rifugiati ed ai richiedenti asilo. Deeper Sviluppo di un programma di formazione innovativo ed integrato rivolto ai rifugiati ed ai richiedenti asilo. Developing innovative and integrate training program for refugees and asylum seekers

Dettagli

Procedura di Valutazione Interna

Procedura di Valutazione Interna LIFE Project Number Inception Report - ANNEX Covering the project activities from 01/01/2012 to 31/08/2012 Reporting Date LIFE+ PROJECT NAME or Acronym

Dettagli

Il ruolo e le responsabilità del Punto di Contatto Nazionale di LIFE

Il ruolo e le responsabilità del Punto di Contatto Nazionale di LIFE Il ruolo e le responsabilità del Punto di Contatto Nazionale di LIFE Dott.ssa Stefania Betti Punto di Contatto Nazionale LIFE Ministero dell Ambiente della Tutela del Territorio e del Mare Direzione generale

Dettagli

Il ruolo delle imprese per l implementazione dell Agenda 2030 e degli SDGs

Il ruolo delle imprese per l implementazione dell Agenda 2030 e degli SDGs Il ruolo delle imprese per l implementazione dell Agenda 2030 e degli SDGs Angelo Riccaboni Rettore Università di Siena Chair SDSN MED Ecomondo, Rimini, 4 novembre 2015 SDGs - OBIETTIVI DI SVILUPPO SOSTENIBILE

Dettagli

Workshop S: Il Riutilizzo, le sue filiere e la gestione dei rifiuti ESEMPI CONCRETI E STRUTTURATI DI CENTRI DEL RIUSO

Workshop S: Il Riutilizzo, le sue filiere e la gestione dei rifiuti ESEMPI CONCRETI E STRUTTURATI DI CENTRI DEL RIUSO Workshop S: Il Riutilizzo, le sue filiere e la gestione dei rifiuti ESEMPI CONCRETI E STRUTTURATI DI CENTRI DEL RIUSO 26 settembre 2013 Mario Sunseri Labelab www.rifiutilab.it Progetto sviluppato a partire

Dettagli

HUSH project Harmonization of Urban noise reduction Strategies for Homogeneous action plans

HUSH project Harmonization of Urban noise reduction Strategies for Homogeneous action plans HUSH project Harmonization of Urban noise reduction Strategies for Homogeneous action plans AFTER LIFE COMMUNICATION PLAN With the contribution of the LIFE financial instrument of the European Community

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

Il primo anno di esperienza del progetto HeraLAB. Focus HeraLAB Ravenna

Il primo anno di esperienza del progetto HeraLAB. Focus HeraLAB Ravenna Il primo anno di esperienza del progetto HeraLAB Focus HeraLAB Ravenna 1 Agenda Stato avanzamento lavori e risultati raggiunti I criteri di valutazione delle iniziative Le iniziative approvate dal LAB

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

L Osservatorio nazionale Smart City Per una via italiana alle Smart Cities. Gennaio 2015 Valentina Piersanti

L Osservatorio nazionale Smart City Per una via italiana alle Smart Cities. Gennaio 2015 Valentina Piersanti L Osservatorio nazionale Smart City Per una via italiana alle Smart Cities Gennaio 2015 Valentina Piersanti L Osservatorio Nazionale Smart City Nasce nell aprile 2012 sulla base di una convinzionedell

Dettagli

"COMUNI RICICLONI ABRUZZO"

COMUNI RICICLONI ABRUZZO ALLEGATO REGION"E ABRUZZO LEGAMBIENTE PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE ABRUZZO E LEGAMBIENTE ONLUS ABRUZZO "COMUNI RICICLONI ABRUZZO" PER COPIA CONFORME ALL'ORiGINALE Pescara, AllEGATO ".~ase integrante

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO 2 1. STRUTTURARE UN PROGETTO Definizione

Dettagli

Per essere utili, ovunque

Per essere utili, ovunque MASTER IN ECONOMIA DELLO SVILUPPO E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ANNO ACCADEMICO 2013-2014 In collaborazione con Per essere utili, ovunque LINK CAMPUS UNIVERSITY VIA NOMENTANA, 335 00162 Roma Tel: + 39

Dettagli

Alessandra Laghi Indica Srl Bologna, 18 aprile 2012

Alessandra Laghi Indica Srl Bologna, 18 aprile 2012 Alessandra Laghi Indica Srl Bologna, 18 aprile 2012 This project is co-- financed by the European Regional Development Fund and made possible by the INTERREG IVC programme Il progetto GAIA nasce dall idea

Dettagli

REGIONE ABRUZZO/ARAEN

REGIONE ABRUZZO/ARAEN / IEE BIOGAS REGIONS Seminario per tecnici e consulenti SEE Sustainable Energy Europe CAMPAGNA ENERGIA SOSTENIBILE PER L EUROPA 2005-2008 Energia sostenibile per l'europa è un'iniziativa della Commissione

Dettagli

Premesso che. I progetti LIFE+ di promozione e sviluppo di buone pratiche in materia di prevenzione e recupero dei rifiuti

Premesso che. I progetti LIFE+ di promozione e sviluppo di buone pratiche in materia di prevenzione e recupero dei rifiuti Premesso che Il tema della riduzione dei rifiuti è una delle priorità delle politiche ambientali europee, come affermato nel Sesto Programma d Azione ambientale e ribadito nella proposta di Programma d

Dettagli

tra Provincia di Lecce, Provincia di Torino, Camera di Commercio I.A.A. di Lecce e BIC Lazio

tra Provincia di Lecce, Provincia di Torino, Camera di Commercio I.A.A. di Lecce e BIC Lazio PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DELLE RETI D IMPRESA In data tra Provincia di Lecce, Provincia di Torino, Camera di Commercio I.A.A. di Lecce e BIC Lazio premesso che Con l'art. 3, comma 4-ter, del

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

Interreg IIIB CADSES. Common best practices in spatial planning for the promotion of sustainable POLYcentric DEVelopment

Interreg IIIB CADSES. Common best practices in spatial planning for the promotion of sustainable POLYcentric DEVelopment Interreg IIIB CADSES Common best practices in spatial planning for the promotion of sustainable POLYcentric DEVelopment POLY.DEV. Seminario Progetti INTERREG III Sala Verde, Palazzo Leopardi - 8 novembre

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: Vendita di prodotti sfusi negli ipermercati Promotore/i: Privati Auchan S.P.A. Soggetti partner:

Dettagli

Per essere utili, ovunque

Per essere utili, ovunque MASTER IN ECONOMIA DELLO SVILUPPO E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ANNO ACCADEMICO 2013-2014 In collaborazione con Con il patrocinio del Per essere utili, ovunque LINK CAMPUS UNIVERSITY VIA NOMENTANA 335

Dettagli

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE Il progetto In Pratica Idee alla pari e alcuni esempi di pratiche realizzate e di esperienze regionali di successo IRS Istituto per la Ricerca

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra Il Comune di Perugia, con sede in Corso Vannucci N. 19 - PERUGIA P.IVA 00218180545 e C.F.00163570542, rappresentato dal Sindaco Wladimiro Boccali, domiciliato per le proprie funzioni

Dettagli

PROGRAMMA DI VALUTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM

PROGRAMMA DI VALUTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM PROGRAMMA DI VALU UTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM Versione del 24/ /01/2014 LIFE099 ENV/IT/000068 WASTE LESS in CHIANTI Prevenzione e riduzione dei rifiuti nel territorio del Chianti INDICE

Dettagli

La progettazione comunitaria come fattore di opportunità per lo sviluppo strategico

La progettazione comunitaria come fattore di opportunità per lo sviluppo strategico La progettazione comunitaria come fattore di opportunità per lo sviluppo strategico CONTESTO L importanza crescente della programmazione comunitaria nelle politiche di sviluppo locale, sia in termini di

Dettagli

REGIONE ABRUZZO/ARAEN

REGIONE ABRUZZO/ARAEN / Dott. Ing. Alessandra Santini SEE Sustainable Energy Europe CAMPAGNA ENERGIA SOSTENIBILE PER L EUROPA Energia sostenibile per l'europa è un'iniziativa della Commissione europea varata nel quadro del

Dettagli

Ferrara, l energia e il clima: dal Patto al Piano di Azione per l Energia Sostenibile

Ferrara, l energia e il clima: dal Patto al Piano di Azione per l Energia Sostenibile Ferrara, l energia e il clima: dal Patto al Piano di Azione per l Energia Sostenibile SUNSHINE Training Workshop on Energy Maps Ferrara, 25 settembre 2015 Valentina Caroli Comune di Ferrara Per le Comunità

Dettagli

LA PREVENZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI NELLA PIANIFICAZIONE REGIONALE

LA PREVENZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI NELLA PIANIFICAZIONE REGIONALE LA PREVENZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI NELLA PIANIFICAZIONE REGIONALE PIANO d AZIONE per la RIDUZIONE dei RIFIUTI urbani (P.A.R.R.) L.R. 26/03 stabilisce che: art. 14 il sistema regionale di gestione

Dettagli

Progetto: LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. «No Waste» Gestione integrata dei rifiuti Azione 4 - Comune di Trento

Progetto: LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. «No Waste» Gestione integrata dei rifiuti Azione 4 - Comune di Trento Progetto: LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA «No Waste» Gestione integrata dei rifiuti Azione 4 - Comune di Trento Gestione integrata dei rifiuti nel Comune di Trento Introduzione nuove modalità di raccolta: sistema

Dettagli

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore)

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) FOCUS: IL POSSIBILE CO-MARKETING Il focus intende coinvolgere i presidenti delle cooperative nell analisi di un possibile co-marketing. Raccogliere

Dettagli

YEPP International Resource Centre (YEPP IRC)

YEPP International Resource Centre (YEPP IRC) YEPP International Resource Centre (YEPP IRC) Introduzione Il termine YEPP si riferisce all approccio e al metodo, riguardanti l empowerment dei giovani e lo sviluppo di comunità, che sono stati sviluppati

Dettagli

I partner di progetto

I partner di progetto Il Progetto PRISCA Progetto pilota di riutilizzo su scala a partire dal flusso dei rifiuti solidi urbani ENV11/IT/000277 - a cura di Scuola Superiore Sant Anna e Coop. sociale Insieme - I partner di progetto

Dettagli

Dal porta a porta alla tariffa puntuale nel Comune di Trento. Michelangelo Marchesi Assessore ad ambiente, mobilità e smart city del Comune di Trento

Dal porta a porta alla tariffa puntuale nel Comune di Trento. Michelangelo Marchesi Assessore ad ambiente, mobilità e smart city del Comune di Trento Dal porta a porta alla tariffa puntuale nel Comune di Trento Michelangelo Marchesi Assessore ad ambiente, mobilità e smart city del Comune di Trento Brescia, 30 aprile 2015 Legislazione italiana ed europea

Dettagli

Il progetto LIFE+ del mese

Il progetto LIFE+ del mese Il progetto LIFE+ del mese LIFE12 ENV/IT/000289 Beneficiario coordinatore: Regione Liguria Dipartimento Ambiente - Settore Ecosistema Costiero e Ciclo delle Acque Coordinatore del progetto: Ilaria Fasce

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 - Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: CPR System Promotore/i: Privati - CPR System Scarl Soggetti partner: Ente Ente pubblico/gdo

Dettagli

Sabrina Bozzoli (bozzoli@apre.it) Punto di Contatto Nazionale Aspetti Legali e Finanziari VII PQ

Sabrina Bozzoli (bozzoli@apre.it) Punto di Contatto Nazionale Aspetti Legali e Finanziari VII PQ Gestione degli aspetti legali & finanziari nel VII PQ - FASE DI NEGOZIAZIONE - Sabrina Bozzoli (bozzoli@apre.it) Punto di Contatto Nazionale Aspetti Legali e Finanziari VII PQ CICLO DI VITA DEI PROGETTI

Dettagli

ALTERENERGY PROGETTO STRATEGICO «per una comunità adriatica delle energie rinnovabili»

ALTERENERGY PROGETTO STRATEGICO «per una comunità adriatica delle energie rinnovabili» CBC IPA ADRIATICO 2007/2013 ALTERENERGY PROGETTO STRATEGICO «per una comunità adriatica delle energie rinnovabili» Bari, Palace Hotel, 09 Settembre 2014 Claudio Polignano, Responsabile di progetto IL PROGETTO

Dettagli

innovation ACADEMY SCUOLA DI IMPRENDITORIALITÀ E DI INNOVAZIONE PERCORSO FORMATIVO

innovation ACADEMY SCUOLA DI IMPRENDITORIALITÀ E DI INNOVAZIONE PERCORSO FORMATIVO 2015 innovation ACADEMY SCUOLA DI IMPRENDITORIALITÀ E DI INNOVAZIONE PERCORSO FORMATIVO moduli specialistici Addetti al settore della meccatronica Addetti al settore della sostenibilità Novembre Dicembre

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: REMIDA Centro di Riciclaggio Creativo Promotore/i: Comune di Reggio Emilia e di Iren Emilia,

Dettagli

IL PROGETTO STRATEGICO ALTERENERGY

IL PROGETTO STRATEGICO ALTERENERGY CBC IPA ADRIATICO 2007 2013 IL PROGETTO STRATEGICO ALTERENERGY ALTERENERGY (Energy Sustainability for Adriatic Small Communities) è la nuova sfida per la sostenibilità ambientale che punta a favorire la

Dettagli

PROTOCOLLO D' INTESA PER L ATTUAZIONE DELL ASSE 6 CITTA AT- TRATTIVE E PARTECIPATE DEL POR FESR EMILIA ROMAGNA 2014-2020

PROTOCOLLO D' INTESA PER L ATTUAZIONE DELL ASSE 6 CITTA AT- TRATTIVE E PARTECIPATE DEL POR FESR EMILIA ROMAGNA 2014-2020 Allegato parte integrante - 2 Allegato B) PROTOCOLLO D' INTESA PER L ATTUAZIONE DELL ASSE 6 CITTA AT- TRATTIVE E PARTECIPATE DEL POR FESR EMILIA ROMAGNA 2014-2020 TRA Regione Emilia Romagna, in persona

Dettagli

I Laboratori per lo Sviluppo sostenibile

I Laboratori per lo Sviluppo sostenibile I Laboratori per lo Sviluppo sostenibile a cura di Paola Poggipollini Realizzazione dell ufficio pubblico ideale : un idea riusabile che parte dal Servizio Tributi del Comune di Ferrara Ferrara, 15 novembre

Dettagli

Ri-cibiAmo al ristorante-studio di fattibilità

Ri-cibiAmo al ristorante-studio di fattibilità Al Presidente comitato territoriale IREN di Piacenza Progetto: RI-CIBIAMO chi ama il cibo non lo spreca! Il progetto Ri-cibiamo Il progetto Ri-cibiamo al ristorante si propone come un modello utile per

Dettagli

IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE

IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE I SERVIZI DI ACCOMPAGNAMENTO ALLE IMPRESE PER LA PARTECIPAZIONE AI BANDI Ludovico Monforte EURODESK Brussels

Dettagli

Progetto PercoRSI. Rete responsabile. Cambiamento = Apertura = Saper Co. COnnettersi, COndividere, COllaborare, COprogettare

Progetto PercoRSI. Rete responsabile. Cambiamento = Apertura = Saper Co. COnnettersi, COndividere, COllaborare, COprogettare Progetto PercoRSI Rete responsabile Cambiamento = Apertura = Saper Co. COnnettersi, COndividere, COllaborare, COprogettare Con il contributo di: Partner operativo Finalità generali di PercoRSI Dal 2004

Dettagli

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Relazione illustrativa sul SEAP (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Il Parlamento Europeo nel dicembre 2008 ha approvato il pacchetto clima-energia volto a conseguire

Dettagli

LIFE09ENVIT000188-EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER

LIFE09ENVIT000188-EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER -EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER Linee Guida Modello di gestione ambientale ECO-CLUSTER: programma ambientale di cluster Comune di Collagna Responsabile dell azione Istituto

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli

L integrazione degli strumenti per la sostenibilità. Monica Bertuccioli U.O.A. Sviluppo Sostenibile Provincia di Rimini

L integrazione degli strumenti per la sostenibilità. Monica Bertuccioli U.O.A. Sviluppo Sostenibile Provincia di Rimini L integrazione degli strumenti per la sostenibilità Monica Bertuccioli U.O.A. Sviluppo Sostenibile Provincia di Rimini Sviluppo Sostenibile sviluppo che offre servizi ambientali, sociali ed economici di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CORTONA 2 SEDE: Via dei Combattenti, TERONTOLA - 52044 - CORTONA (AR) - tel / fax 0575 67519

ISTITUTO COMPRENSIVO CORTONA 2 SEDE: Via dei Combattenti, TERONTOLA - 52044 - CORTONA (AR) - tel / fax 0575 67519 ISTITUTO COMPRENSIVO CORTONA 2 SEDE: Via dei Combattenti, TERONTOLA - 52044 - CORTONA (AR) - tel / fax 0575 67519 CF: 92082410512 - cod. MIUR: ARIC841007 - email: aric841007@istruzione.it pec:aric841007@pec.istruzione.it

Dettagli

Città amica dei bambini e degli adolescenti. Un osservatorio per i diritti dell'infanzia sul territorio. Protocollo d'intesa tra

Città amica dei bambini e degli adolescenti. Un osservatorio per i diritti dell'infanzia sul territorio. Protocollo d'intesa tra Città amica dei bambini e degli adolescenti. Un osservatorio per i diritti dell'infanzia sul territorio Protocollo d'intesa tra Comune di Prato e Comitato Italiano per l'unicef onlus / Comitato provinciale

Dettagli

MILANO, 14 MAGGIO 2013

MILANO, 14 MAGGIO 2013 I FINANZIAMENTI EUROPEI PER L ECO-INNOVAZIONE LAST CHANCE 2013 MILANO, 14 MAGGIO 2013 LUDOVICO MONFORTE HEAD OF EU BRUSSELS OFFICE UNIONCAMERE LOMBARDIA Le attività che l Eurodesk organizza sono: EURODESK

Dettagli