Requisiti qualitativi dei combustibili legnosi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Requisiti qualitativi dei combustibili legnosi"

Transcript

1 Piccoli e medi impianti a biomasse legnose: Esperienze in Toscana Requisiti qualitativi dei combustibili legnosi Norme precedenti - Cippato (ÖNORM M7133, nessuna in Italia) - Pellet (PelletGold, ÖNORM M7135, DIN 51731) - Legna da ardere (ÖNORM M7132) - Nessuno standard comune europeo CEN TC EN pren Specifiche e classi - pren Pellet - pren Cippato - pren Legna da ardere Fonte:

2 CIPPATO A1 e A2 piante intere senza radici, tronchi, residui lavorazione latifoglie B1 Piantagioni legnose, SRC, legno da manutenzione giardini B refili Rami latifoglie stanghe tronchi A1-2

3 Esempio: Cippato P31,5 M23 Vaglio per la determinazione della pezzatura Almeno il 75 % in peso ricadente nella frazione 8 P 31,5 mm Frazione fine, dimensioni inferiori a 3,15 mm 8% Frazione grossolana (% in peso), 6% lungh. max > 45 mm, e tutte quelle < 120 mm, sup. max attrav. < 2 cm² Contenuto idrico (M) 23 % ( 25) CONTENUTO IDRICO (M %) Misurazione del contenuto idrico direttamente all imposto o in piattaforma Prima della cippatura Dopo la cippatura

4

5 ENERGIA PRIMARIA 1 l gasolio = 10 kwh = 1 mc metano 1 l GPL = 6,82 kwh 1 litro gasolio = 3 kg cippato 1 litro gasolio = 2 kg PELLET 1litro GPL = 2 kg cippato 1 litro GPL = 1,5 kg PELLET 100 /t : 3,4 /MWh /msr A1

6 Come garantire la qualità dei combustibili legnosi? Oltre al controllo dei parametri qualitativi è importante curare la LOGISTICA Per il cippato di maggior qualità (classi A1 A2) e la legna da ardere Piattaforme/piazzole BIOMASSE Per il cippato di qualità inferiore (classe B) Ottimizzare i cantieri forestali e i trasporti

7 Piattaforma cippato di Mair Roland (Deutschnofen - BZ) m 2 + ca piazzale Prod msr/anno Cippato P45, M15 Prezzo 30 /msr (2011) Parti fini < 2% Prod. 2,5-3 msr/h 10kWe kwt e in Toscana? L inizio La piattaforma logistico-commerciale dei combustibili legnosi di Campotizzoro (San Marcello Pistoiese, Pistoia) In fase di realizzazione Studio di fattibilità Arsia Aiel su progetto Biomass Trade Centres

8 Determina della Provincia di Pistoia ai sensi della L.244/07 Art. 2 Comma 134 Progetto presentato sul bando del Gal Garfagnana Ambiente & Sviluppo, PSR Regione Toscana , Asse 4 metodo Leader, misura 321 c Affidamento a Coop. Bosco Domani di: Progettazione definitiva ed esecutiva Realizzazione Gestione della Piattaforma Caratteristiche della piattaforma di Campotizzoro Superficie totale mq Superficie coperta mq. 500 (struttura modulare) Superficie inghiaiata (per deposito tronchi, stanghe e ramaglie) mq Superficie asfaltata (compresa viabilità di servizio) mq Cippato processato nella fase iniziale t (c.a msr), classi A1 e A2. Il cippato di classe B, o comunque destinato a grandi impianti, non passerà dalla piattaforma Totale investimento Iva esclusa

9 COSTO DEL CIPPATO Alcuni esempi Costi di produzione del cippato

10 Costi di produzione del cippato Costi di trasporto in base alla distanza e alla tipologia del mezzo Tragitti e tipologia di mezzo presi in esame Campotizzoro Pescia* con autotreno carico 20 t. distanza Km 45 Campotizzoro - Sammommè con trattore e rimorchio carico 8 t. distanza Km 10 Campotizzoro Maresca* con camion piccolo carico 1,5 t. distanza Km 6 Campotizzoro Lamporecchio** con camion medio carico 5 t. distanza Km 45 Campotizzoro Cutigliano** con camion medio carico 5 t. distanza Km 17 * Impianti realizzati, ma non ancora in funzione ** Impianti di prossima realizzazione

11

12 Esempio di tabella per il calcolo dei prezzi del cippato in base al contenuto energetico Contenuto Idrico M% P.c.i. MWh/t Prezzo cippato /MWh Prezzo cippato /t Prezzo per classi di contenuto idrico 15 4,27 106, ,21 105, ,15 103, ,10 102,38 103, ,04 100, ,98 99,47 (classe A1) 21 3,92 98, ,86 96, ,80 95,10 95, ,75 93, ,69 92,19 (classe A1) 26 3,63 90, ,57 89, ,51 87,83 88, ,45 86, ,40 84,92 (classe A2) 31 3,34 83, ,28 82, ,22 80,55 80, ,16 79, ,11 77,64 (classe A2) Esempio di tabella per forniture a grandi impianti (cippato classe B) Prezzo energia /MWh 21,50 /ton. Classi di contenuto idrico IVA escl. IVA incl. M % 75,00 82,50 M % 69,00 75,90 M % 60,00 66,00 M % 56,00 61,60

13 Esempio di costo del cippato franco centrale Località Sammommè, Comune di Pistoia Proprietà: Comune di Pistoia Costo base del cippato M 30 P 45, di 57,00 euro a tonnellata ( 16,76/Mwh) franco partenza - esempio: tragitto Campotizzoro - Sammommè con trattore, carico 8 t. Cippato classe A2. SERVIZI ENERGETICI Fornitura cippato a volume/peso (+M) Fornitura di cippato a contenuto energetico (conta kwh) Fornitura cippato (MWh) + manutenzione caldaie Fornitura di calore (contracting puro) Esempio: 1 t. di cippato al 30 % di contenuto idrico (M) fornisce 3,40 MWh di energia Prezzo del cippato 80,00/t. + IVA (10%) Prezzo di vendita dell energia (calore) 85,00 /MWh + IVA (10%) VALORE energia/t. di cippato = 289,00 + IVA (10%) RICAVO al netto del solo prezzo del cippato = 180,00 + IVA (10%)

14 Esempi di impianti a biomasse forestali in Toscana L impianto di Camporgiano Garfagnana (Lu) Principali dati della centrale di Camporgiano (fonte: Ing. Giacomo Carrari) Proprietà e gestione: Comune di Camporgiano Investimento (fondi LEADER e mutuo comunale) Entrata in funzione: novembre 2006 Utenze servite 11 per un volume di mc tra cui: - Asilo, Scuole elementari e medie, mensa - Ater 1 e 2 - Centro museale - Centro servizi - Incubatori d azienda - Comune Fornitore del cippato: Comunità Montana della Garfagnana

15 Valutazioni economiche sull impianto di Camporgiano (fonte: Ing. Giacomo Carrari) L impianto di Sammommè, Comune di Pistoia Proprietà: Comune di Pistoia Potenza installata 580 Kw Utenze tutte private (1 albergo): a completamento degli allacciamenti 83 Entrata in funzione novembre 1010 Prezzo vendita calore 82,50/Mwh iva compresa Modello: contratto di prestazione energetica (PEC)

16 Un esempio di impianto a biomassa forestale a servizio di produzioni agricole: l Azienda floricola Natali Stefano, Pescia (Pt) Coltivazione: gerbera fuori suolo in serra, superficie coperta Mq Potenza intallata 400 kw Sostituzione di 2 caldaie a gasolio e (olio pesante) da 300 kw, ancora posizionate in parallelo sull impianto (back-up). Impianto partito in novembre 2008, finora ore di funzionamento litri accumulo inerziale 45 C riscaldamento basale 75 C tubazioni aeree x deumidificazione (ventoline per omogeneizzare temperatura aria) stagione termica: sett-aprile Aspetti economici dell impianto Situazione precedente: Consumo medio di gasolio e 12/13 l (1.000 MWh) Costi gasolio da riscaldamento serre media 0,713 /l (Iva esclusa) Costo annuo litri x 0,713 = /anno Situazione attuale Cippato conferito da coop Bosco Domani Costo e consumo cippato M30 80 /t (Iva esclusa) per 390 t Risparmio annuo = /a Investimento (tutto incluso) / = 5 anni tempo di ritorno Valore economico sostituzione gasolio x 25 anni = Valore retribuzione cippato locale x 25 anni =

17 L IMPIANTO DELL ISTITUTO MARCHI-SISMONDI DI PESCIA Proprietà Provincia di Pistoia Progettazione/Realizzazione Ing. Filippo Marini Potenza installata kw (due caldaie in cascata kw) Volume Riscaldato Mc Fabbisogno di cippato (M25-30) previsto* 570 t./anno * L impianto è in fase di avvio Il cippato sostituisce: Kg di BTZ (non più utilizzabile) Mc di metano

18 Soffiaggio automatico per la pulizia del fascio tubiero Accumuli termici (puffer) Deposito del cippato con alimentazione a rastrelli Parametri ambientali

19 Il punto di partenza della filiera bosco-legno-energia. E lui! Grazie per l attenzione! Carlo Franceschi Cell Socio Referente Per il Centro Italia

Piccoli e medi impianti a biomasse legnose: il modello Toscana

Piccoli e medi impianti a biomasse legnose: il modello Toscana Piccoli e medi impianti a biomasse legnose: il modello Toscana Requisiti qualitativi dei combustibili legnosi Norme precedenti - Cippato (ÖNORM M7133, nessuna in Italia) - Pellet (PelletGold, ÖNORM M7135,

Dettagli

Piccoli e medi impianti a biomasse legnose: Esperienze in Toscana

Piccoli e medi impianti a biomasse legnose: Esperienze in Toscana Piccoli e medi impianti a biomasse legnose: Esperienze in Toscana Requisiti qualitativi dei combustibili legnosi Norme precedenti - Cippato (ÖNORM M7133, nessuna in Italia) - Pellet (PelletGold, ÖNORM

Dettagli

Energia dal legno dal bosco al camino!

Energia dal legno dal bosco al camino! Energia dal legno dal bosco al camino! Associazione di filiera Associazione di filiera (oltre 350 imprese..). dal bosco al camino Produzione/distribuzione biocombustibili agroforestali Tecnologie uso energetico

Dettagli

Le tecnologie per la Green Economy: normativa ed impianti a biomassa/biogas di piccola-media taglia.

Le tecnologie per la Green Economy: normativa ed impianti a biomassa/biogas di piccola-media taglia. Moduli di sviluppo delle competenze CAMBIAMENTI CLIMATICI E SVILUPPO SOSTENIBILE IL RUOLO DEGLI ENTI LOCALI dal 7 al 11 ottobre 2013 - Brindisi Le tecnologie per la Green Economy: normativa ed impianti

Dettagli

Il MODELLO CONTRACTING Dalla gestione del territorio alla fornitura di calore, alcune esperienze italiane

Il MODELLO CONTRACTING Dalla gestione del territorio alla fornitura di calore, alcune esperienze italiane Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna STRATEGIE PER LA VALORIZZAZIONE ENERGETICA DELLE BIOMASSE LEGNOSE FORESTALI Il MODELLO CONTRACTING Dalla gestione del territorio alla

Dettagli

FILIERA FORESTALE LEGNO ENERGIA L ESPERIENZA DELLE COMUNALIRE PARMENSI E L IMPIANTO DELL OSPEDALE DI BORGO VAL DI TARO

FILIERA FORESTALE LEGNO ENERGIA L ESPERIENZA DELLE COMUNALIRE PARMENSI E L IMPIANTO DELL OSPEDALE DI BORGO VAL DI TARO FILIERA FORESTALE LEGNO ENERGIA L ESPERIENZA DELLE COMUNALIRE PARMENSI E L IMPIANTO DELL OSPEDALE DI BORGO VAL DI TARO Nicola Dall Olio DG Agricoltura LA FILIERA PARTE DALL USO SOSTENIBILE DEL BOSCO BIOMASSE

Dettagli

Filiera corta legno-energia Esperienze nel Biellese

Filiera corta legno-energia Esperienze nel Biellese Esperienze nel Biellese giovedì 24/09/09 Dott. Ing. Alberto Colucci 1 INTERLOCUTORE UNICO RESPONSABILE DEL PROCESSO E DEI RISULTATI FINALI PROGETTAZIONE GESTIONE COSTRUZIONE giovedì 24/09/09 Dott. Ing.

Dettagli

Minireti di TLR a cippato locale: aspetti socioeconomici, ambientali e criteri di corretta progettazione

Minireti di TLR a cippato locale: aspetti socioeconomici, ambientali e criteri di corretta progettazione Minireti di TLR a cippato locale: aspetti socioeconomici, ambientali e criteri di corretta progettazione SOMMARIO Breve presentazione di AIEL Rinnovabili termiche: decarbonizzazione e occupazione (economia

Dettagli

Che cos è Agenbiella:

Che cos è Agenbiella: Che cos è Agenbiella: Agenbiella è un consorzio pubblico-privato senza fine di lucro il cui socio di maggioranza è la Provincia di Biella. Gli altri soci sono: - Comune di Biella - A.S.L. 12 -U.I.B. -

Dettagli

REGIONE BASILICATA. COMUNE DI CALVELLO Provincia di Potenza

REGIONE BASILICATA. COMUNE DI CALVELLO Provincia di Potenza REGIONE BASILICATA COMUNE DI CALVELLO Provincia di Potenza MINISTERO PER LE POLITICHE AGRICOLE - PROGRAMMA NAZIONALE BIOCOMBUSTIBILI - ENERGIA RINNOVABILE DA BIOMASSE (PROBIO). IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO

Dettagli

DALLA GESTIONE FORESTALE ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA A BIOMASSE UNA STRATEGIA DI FILIERA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE. Marino Berton Direttore Generale

DALLA GESTIONE FORESTALE ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA A BIOMASSE UNA STRATEGIA DI FILIERA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE. Marino Berton Direttore Generale DALLA GESTIONE FORESTALE ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA A BIOMASSE UNA STRATEGIA DI FILIERA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE Marino Berton Direttore Generale Lo sviluppo del settore delle biomasse non può essere

Dettagli

L esperienza dei Comuni di Tirano - Sondalo - Valfurva sul teleriscaldamento a biomassa e altre fonti rinnovabili

L esperienza dei Comuni di Tirano - Sondalo - Valfurva sul teleriscaldamento a biomassa e altre fonti rinnovabili L esperienza dei Comuni di Tirano - Sondalo - Valfurva sul teleriscaldamento a biomassa e altre fonti rinnovabili MILANO 12 Marzo 2008 Walter Righini Fiper in numeri 21 Aziende 39 Comuni 60 impianti di

Dettagli

Gassificazione di cippato legnoso e motori a gas. Ing. Paolo Magneschi

Gassificazione di cippato legnoso e motori a gas. Ing. Paolo Magneschi Gassificazione di cippato legnoso e motori a gas Ing. Paolo Magneschi Utilizzi delle biomasse in relazione alle loro caratteristiche Potere calorifico legna di castagno Variazione del potere calorifico

Dettagli

Professionalità dei produttori biomasse e mercato dei biocombustibili di origine forestale

Professionalità dei produttori biomasse e mercato dei biocombustibili di origine forestale Professionalità dei produttori biomasse e mercato dei biocombustibili di origine forestale 2^ Conferenza Nazionale delle Imprese Boschive: azioni, risultati e proposte Massimo Negrin Laura Baù Fiera di

Dettagli

IMPIANTI TERMICI BIOMASSE LEGNOSE

IMPIANTI TERMICI BIOMASSE LEGNOSE IMPIANTI TERMICI BIOMASSE LEGNOSE Sede operativa e staff fondata nel 2001 9 persone a tempo pieno 3 referenti territoriali Campus Agripolis Università degli Studi di Padova www.aiel.cia.it Associazione

Dettagli

Progetto CONTO TERMICO CONTO TERMICO

Progetto CONTO TERMICO CONTO TERMICO In collaborazione con Progetto CONTO TERMICO CONTO TERMICO Un incentivo per il risparmio energetico nella aziende agricole Bologna, 9 novembre 2018 Che cosa viene incentivato Interventi per produzione

Dettagli

Sviluppo del mercato con approccio di filiera: i gruppi AIEL

Sviluppo del mercato con approccio di filiera: i gruppi AIEL Sviluppo del mercato con approccio di filiera: i gruppi AIEL Valter Francescato, dir. AIEL Saluggia, VC 03.07.2012 Requisiti incentivi pubblici: nostra proposta certificazione/conformità UNI EN 14961 Tipo

Dettagli

del Volume 3: Monitoraggio 20/05/09

del Volume 3: Monitoraggio 20/05/09 PIANO ENERGETICO del COMUNE DII COLLESALVETTI Volume 3: Monitoraggio 20/05/09 INTRODUZIONE Il presente volume del Piano Energetico Comunale si sostanzia di: Monitoraggio delle azioni previste dal Piano

Dettagli

Milano, 27 giugno 2013!

Milano, 27 giugno 2013! Cogenerazione Termotecnica Industriale Pompe di Calore Milano, 27 giugno 2013! Udt Giugno 2013 www.uniconfort.com Uniconfort produce e fornisce tecnologie per la conversione energetica delle biomasse provenienti

Dettagli

Termotecnica Pompe di Industriale. Gli atti dei convegni e più di contenuti su

Termotecnica Pompe di Industriale. Gli atti dei convegni e più di contenuti su Termotecnica Pompe di Industriale Calore Gli atti dei convegni e più di 9.000 contenuti su www.verticale.net Il consumo di biomassa legnosa in Italia: qualche riflessione sui numeri per guardare il futuro

Dettagli

Il riscaldamento a legna vince la gara della convenienza

Il riscaldamento a legna vince la gara della convenienza Le stufe a pellets sono un alternativa anche per le grandi città Il riscaldamento a legna vince la gara della convenienza L energia solare e quella eolica sono da considerarsi, salvo rare eccezioni, non

Dettagli

SCHEDA DESCRITTIVA DELL INTERVENTO

SCHEDA DESCRITTIVA DELL INTERVENTO SCHEDA DESCRITTIVA DELL INTERVENTO SCHEDA N. 3.03: CALDAIE A BIOMASSA Con riferimento all intervento eseguito nel Comune di (TN) sull immobile situato a quota m s.l.m., contrassegnato dai seguenti dati

Dettagli

Milano, 27 giugno 2013!

Milano, 27 giugno 2013! Cogenerazione Termotecnica Industriale Pompe di Calore Milano, 27 giugno 2013! Impianti di gassificazione a cippato da 50 a 300 kwel Una soluzione efficiente ed affidabile per la cogenerazione a biomassa

Dettagli

Dalle biomasse uno sviluppo sostenibile per il territorio

Dalle biomasse uno sviluppo sostenibile per il territorio Dalle biomasse uno sviluppo sostenibile per il territorio 28 Gennaio duemila14 Roma Via Antonio G. Guattani, 9 Legacoop Sala Basevi 10.00 REGISTRAZIONE 10.15 SALUTI Giuliano Poletti Presidente Legacoop

Dettagli

LA GEOTERMIA NELLA MARCA. Il contributo dei sistemi di geoscambio in campo agricolo zootecnico

LA GEOTERMIA NELLA MARCA. Il contributo dei sistemi di geoscambio in campo agricolo zootecnico LA GEOTERMIA NELLA MARCA Il contributo dei sistemi di geoscambio in campo agricolo zootecnico dott. agr. Giacomo Gazzin STUDIO AGRIPLAN - PADOVA Preganziol, 10 giugno 2011 PROTOCOLLO DI KYOTO -Riduzione

Dettagli

Capriasca Calore. L impianto di teleriscaldamento della Capriasca Energia termica rinnovabile da risorse locali. shutterstock

Capriasca Calore. L impianto di teleriscaldamento della Capriasca Energia termica rinnovabile da risorse locali. shutterstock Capriasca Calore L impianto di teleriscaldamento della Capriasca Energia termica rinnovabile da risorse locali shutterstock IL CALORE DEL TERRITORIO Capriasca Calore è stata creata dal Comune di Capriasca

Dettagli

MERCATI&PREZZI MERCATI&PREZZI MERCATI&PREZZI

MERCATI&PREZZI MERCATI&PREZZI MERCATI&PREZZI ANNO X N. 4 / DICEMBRE 2018 - TRIMESTRALE RIVISTA TECNICA ENERGIA RINNOVABILE DALL AGRICOLTURA E DALLE FORESTE prezzi aggiornati a ottobre 2018 SOMMARIO Costo dell energia primaria 3 Legna da ardere 4

Dettagli

SCHEDA RIASSUNTIVA. 1.3 Localizzazione dell intervento Comune/i (Provincia), località, zona/quartiere

SCHEDA RIASSUNTIVA. 1.3 Localizzazione dell intervento Comune/i (Provincia), località, zona/quartiere Programma Operativo Regionale POR 2007 2013 Parte FESR Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Asse Prioritario 2. Linea di intervento 2.1 Azione 2.1.2 Interventi di riqualificazione energetica

Dettagli

Aspetti economici delle colture da biomassa a ciclo breve

Aspetti economici delle colture da biomassa a ciclo breve Biella, 28 Settembre 2007 Aspetti economici delle colture da biomassa a ciclo breve PRIMA PARTE Mercato del legno e nuova filiera BIOMASSE - ENERGIA Domenico Coaloa CRA Unità di ricerca per le produzioni

Dettagli

PROGETTO FUOCO 2012 A cura di Valter Francescato, Annalisa Paniz, Eliseo Antonini AIEL 22-26 febbraio 2012

PROGETTO FUOCO 2012 A cura di Valter Francescato, Annalisa Paniz, Eliseo Antonini AIEL 22-26 febbraio 2012 PROGETTO FUOCO 2012 A cura di Valter Francescato, Annalisa Paniz, Eliseo Antonini AIEL 22-26 febbraio 2012 IL PROGRESSO TECNOLOGICO DELLE CALDAIE 94% 88% 1 CALDAIE A PEZZI DI LEGNA con tiraggio forzato

Dettagli

Teleriscaldamento a biomassa: Uno strumento per la gestione attiva delle Foreste Venete

Teleriscaldamento a biomassa: Uno strumento per la gestione attiva delle Foreste Venete Teleriscaldamento a biomassa: Uno strumento per la gestione attiva delle Foreste Venete Pian del Cansiglio 16 Novembre 2018 ore 9,30 biomassa biogas biometano www.fiper.it PREMESSE FIPER in numeri (Biomassa)

Dettagli

Aspetti economici delle colture da biomassa a ciclo breve

Aspetti economici delle colture da biomassa a ciclo breve Biella, 28 Settembre 2007 Aspetti economici delle colture da biomassa a ciclo breve PRIMA PARTE Mercato del legno e nuova filiera BIOMASSE - ENERGIA Domenico Coaloa CRA Unità di ricerca per le produzioni

Dettagli

ERCATI&PREZZ MERCATI&PREZZI MERCATI&PREZZI MERCATI&PREZZI MERCATI&PREZZI. prezzi aggiornati aprile 2018

ERCATI&PREZZ MERCATI&PREZZI MERCATI&PREZZI MERCATI&PREZZI MERCATI&PREZZI. prezzi aggiornati aprile 2018 ANNO X N. / GIUGNO 018 TRIMESTRALE RIVISTA TECNICA ENERGIA RINNOVABILE DALL AGRICOLTURA E DALLE FORESTE ERCATI&PREZZ prezzi aggiornati aprile 018 3 SOMMARIO Costo dell energia primaria Legna da ardere

Dettagli

COMUNE DI SESTOLA Prov. di Modena

COMUNE DI SESTOLA Prov. di Modena COMUNE DI SESTOLA Prov. di Modena CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LA LAVORAZIONE E FORNITURA DI LEGNAME CIPPATO PROVENIENTE DA MATERIALE FORNITO DALLA AMMINISTRAZIONE Sestola,li 8 gennaio 2018 Ufficio

Dettagli

Prestazioni e Consumi di Heliotherm: Caso Teorico e Reale

Prestazioni e Consumi di Heliotherm: Caso Teorico e Reale 1 L azienda Heliotherm: Heliotherm nasce nel 1987 dall attuale proprietario e amministratore delegato Andreas Bangeri. Al momento ha installate in tutta Europa circa 33.000 pompe di calore per riscaldamento

Dettagli

Programma degli investimenti sulla produzione di energia per le aree rurali Domanda di contributo L.R. n. 70 del 27/12/2005

Programma degli investimenti sulla produzione di energia per le aree rurali Domanda di contributo L.R. n. 70 del 27/12/2005 Allegato A2 Fac simile domanda Programma degli investimenti sulla produzione di energia per le aree rurali Domanda di contributo L.R. n. 70 del 27/12/2005 Tipo di domanda (da compilare a cura del beneficiario)

Dettagli

L impianto di Castel d Aiano

L impianto di Castel d Aiano IMPIANTI DI COGENERAZIONE A BIOMASSE IL SISTEMA GASSIFICAZIONE + MOTORE STIRLING L impianto di Castel d Aiano Porretta Terme, 27 settembre 2008 Ing. Sergio Palmieri Cogenerazione di piccola potenza da

Dettagli

Le biomasse da attività silvo-colturale La biomassa forestale è stata individuata come la fonte rinnovabile dotata della maggiore possibilità di utilizzazione nel territorio e come componente capace di

Dettagli

MERCATI&PREZZI MERCATI&PREZZI MERCATI&PREZZI

MERCATI&PREZZI MERCATI&PREZZI MERCATI&PREZZI ANNO X N. 3 / SETTEMBRE 2018 - TRIMESTRALE RIVISTA TECNICA ENERGIA RINNOVABILE DALL AGRICOLTURA E DALLE FORESTE prezzi aggiornati luglio 2018 SOMMARIO Costo dell energia primaria 3 Legna da ardere 4 Pellet

Dettagli

La copertura dei fabbisogni energetici del territorio della Garfagnana e della Lunigiana attraverso lo sfruttamento delle biomasse forestali

La copertura dei fabbisogni energetici del territorio della Garfagnana e della Lunigiana attraverso lo sfruttamento delle biomasse forestali La copertura dei fabbisogni energetici del territorio della Garfagnana e della Lunigiana attraverso lo sfruttamento delle biomasse forestali Prof. Ing. Franco Donatini Docente Energia Geotermica Università

Dettagli

FILIERA DIVALORIZZAZIONE DEL LEGNO COMBUSTIBILE IN VAL D AYAS Per l alimentazione di moderne caldaie di piccola e media taglia

FILIERA DIVALORIZZAZIONE DEL LEGNO COMBUSTIBILE IN VAL D AYAS Per l alimentazione di moderne caldaie di piccola e media taglia Progetto strategico n.iii Renerfor Conferenza finale Aosta 9 maggio 2013 FILIERA DIVALORIZZAZIONE DEL LEGNO COMBUSTIBILE IN VAL D AYAS Per l alimentazione di moderne caldaie di piccola e media taglia Annalisa

Dettagli

ENERGIE ALTERNATIVE RINNOVABILI

ENERGIE ALTERNATIVE RINNOVABILI ENERGIE ALTERNATIVE RINNOVABILI ACQUA CALDA 25-35-50 kw ACQUA CALDA DA 100 A 1.000 kw ARIA CALDA DA 35 A 350 kw TRASPORTO PELLET E SILOS LA BLUCALOR È RAPIDA E CON BASSISSIMA INERZIA TERMICA! 10 sec PREVENTILAZIONE/

Dettagli

Piacenza Palazzo dell Agricoltura 20 marzo 2009

Piacenza Palazzo dell Agricoltura 20 marzo 2009 1 Le fonti rinnovabili La conferenza mondiale di Kyoto nel Dicembre 1997 stabilì, nel quadro di un apposito protocollo, obiettivi differenziati di riduzione delle emissioni di anidride carbonica (CO2)

Dettagli

CHIEDE 1. ANAGRAFICA LEGALE RAPPRESENTANTE 2. ANAGRAFICA ENTE ALLEGATO 1

CHIEDE 1. ANAGRAFICA LEGALE RAPPRESENTANTE 2. ANAGRAFICA ENTE ALLEGATO 1 1. ANAGRAFICA LEGALE RAPPRESENTANTE Il/la sottoscritto/a nato/a a il residente in provincia alla via civico C.F. in qualità di dell Ente 2. ANAGRAFICA ENTE Denominazione Ente C.F. ENTE con sede legale

Dettagli

Energia dalle Biomasse - Parte B

Energia dalle Biomasse - Parte B Tecnologie delle Energie Rinnovabili Energia dalle Biomasse - Parte B Daniele Cocco Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei Materiali Università degli Studi di Cagliari daniele.cocco@unica.it

Dettagli

Agenbiella è un consorzio pubblico-privato senza fine di lucro (Socio di Maggioranza: Provincia di Biella) Nata con contributo Europeo (Programma

Agenbiella è un consorzio pubblico-privato senza fine di lucro (Socio di Maggioranza: Provincia di Biella) Nata con contributo Europeo (Programma Corso AIRU UTILIZZO DELLA BIOMASSA NEI SISTEMI DI RISCALDAMENTO URBANO Milano 25 novembre 2004 LE LE ESPERIENZE DELLA PROVINCIA DI DI BIELLA Ing. Ing. Alberto Colucci (AGENBIELLA) Cos èagenbiella? AGENBIELLA?

Dettagli

Il Teleriscaldamento: Un esempio virtuoso di utilizzazione della biomassa legnosa. Roma 6 Febbraio 2015 Walter Righini

Il Teleriscaldamento: Un esempio virtuoso di utilizzazione della biomassa legnosa. Roma 6 Febbraio 2015 Walter Righini Il Teleriscaldamento: Un esempio virtuoso di utilizzazione della biomassa legnosa Roma 6 Febbraio 2015 Walter Righini FIPER in numeri 86 impianti di teleriscaldamento a biomassa 22 impianti a biogas agricolo

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEL LEGNO ALLE ENERGIE RINNOVABILI

IL CONTRIBUTO DEL LEGNO ALLE ENERGIE RINNOVABILI IL CONTRIBUTO DEL LEGNO ALLE ENERGIE RINNOVABILI Milano 17 Novembre 2010 Walter Righini Presidente FIPER Chi siamo Dal 23 Marzo 2001 la Federazione Italiana di Produttori di Energia Rinnovabile (FIPER)

Dettagli

PRIMA CONFERENZA PROVINCIALE SULL ENERGIA

PRIMA CONFERENZA PROVINCIALE SULL ENERGIA PRIMA CONFERENZA PROVINCIALE SULL ENERGIA La Filiera Legno-Energia Giovedì 22 settembre 2005 PIANO ENERGETICO DELLA PROVINCIA DI BIELLA Alcuni dati BIELLA PIEMONTE ITALIA Tot. superf. [km 2 ] 913 25.399

Dettagli

Dai residui vegetali, urbani e zootecnici energia per il territorio

Dai residui vegetali, urbani e zootecnici energia per il territorio Dai residui vegetali, urbani e zootecnici energia per il territorio Tecnologie ed Applicazioni Energetiche Delle Biomasse Agroforestali Foligno Palazzo Trinci 25 Ottobre 2007 Relatore Prof. Ing. Franco

Dettagli

08 ottobre Ing. Filippo Marini. La biomassa legnosa come risorsa energetica ecocompatibile

08 ottobre Ing. Filippo Marini. La biomassa legnosa come risorsa energetica ecocompatibile 08 ottobre 2009 Ing. Filippo Marini Pagina 1 24/09/2009 Esperienze nell Appenino Tosco Emiliano Avviamento di una filiera del legno completa e sostenibile nel territorio Introduzione di nuove tecnologie

Dettagli

Energia dalle Biomasse - Parte B

Energia dalle Biomasse - Parte B Tecnologie delle Energie Rinnovabili dalle Biomasse - Parte B Daniele Cocco Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei Materiali Università degli Studi di Cagliari daniele.cco@dimeca.unica.it

Dettagli

Stime sul consumo di biocombustibili di origine forestale e proposte di sostegno fiscale all acquisto legale di legna da ardere.

Stime sul consumo di biocombustibili di origine forestale e proposte di sostegno fiscale all acquisto legale di legna da ardere. Stime sul consumo di biocombustibili di origine forestale e proposte di sostegno fiscale all acquisto legale di legna da ardere. Massimo Negrin Referente Gruppo Produttori Professionali Biomasse FORLENER

Dettagli

BANDO SCHEDA DESCRITTIVA DELL INTERVENTO

BANDO SCHEDA DESCRITTIVA DELL INTERVENTO BANDO 2012 - SCHEDA DESCRITTIVA DELL INTERVENTO (SCHEDA N. 7: GENERATORI DI CALORE A BIOMASSA Caldaie a caricamento automatico a pellet o cippato) da compilare, per le rispettive attività e competenze,

Dettagli

FISCALITA nella gestione di un impianto di teleriscaldamento a biomassa

FISCALITA nella gestione di un impianto di teleriscaldamento a biomassa APPUNTI DI LAVORO FISCALITA nella gestione di un impianto di teleriscaldamento a biomassa Legge 23 dicembre 1998, n. 448 Art. 8 (Tassazione sulle emissioni di anidride carbonica e misure compensative)

Dettagli

obiettivo raggiunto albergo analisi dello stato energetico iniziale specifiche climatiche gradi giorno [GG] zona climatica

obiettivo raggiunto albergo analisi dello stato energetico iniziale specifiche climatiche gradi giorno [GG] zona climatica raggiunto albergo specifiche aziendali settore operativo albergo ubicazione Toscana altitudine [m s.l.m.] / zona altim. 33 / collina litor. camere [nr] 73 specifiche climatiche gradi giorno [GG] 1.399

Dettagli

LE BIOMASSE ENERGETICHE E IL TERRITORIO: UN CONNUBIO INEVITABILE

LE BIOMASSE ENERGETICHE E IL TERRITORIO: UN CONNUBIO INEVITABILE rigenergia08 8-11 maggio 2008 Piazza Plouves-Aosta tecnocamp AGENDA Camera Valdostana Chambre valdôtaine Attiva Srl LE BIOMASSE ENERGETICHE E IL TERRITORIO: UN CONNUBIO INEVITABILE Aosta, Sabato 10 Maggio

Dettagli

Nordby-Mårup a

Nordby-Mårup a Nordby-Mårup a Samsø 1 MWt caldaia a cippato 2.500 m 2 solare termico 800 m 3 accumulo 320 litri /m 2 installato 2 o 3 giorni senza sole Caldaia di emergenza a olio combustibile Risultati sul campo Criterio

Dettagli

Esempi di interventi UNIVERSITA DEGLI STUDI PALERMO. Spese tot: Incentivo tot: = 20 % delle spese

Esempi di interventi UNIVERSITA DEGLI STUDI PALERMO. Spese tot: Incentivo tot: = 20 % delle spese M U LT I I N T E R V E N T O * UNIVERSITA DEGLI STUDI PALERMO Sostituzione luci Interventi su finestre Impianto a pompa di calore Building automation Spese tot: 215.000 Incentivo tot: 44.000 = 20 % delle

Dettagli

Studio di fattibilita per la realizzazione di un impianto di gassificazione in Friuli Venezia Giulia

Studio di fattibilita per la realizzazione di un impianto di gassificazione in Friuli Venezia Giulia Università di Udine Dipartimento di scienze agrarie e ambientali Studio di fattibilita per la realizzazione di un impianto di gassificazione in Friuli Venezia Giulia D. Dell Antonia, R. Gubiani, G. Pergher,

Dettagli

AlterPELLET. Pensare l alternativa locale e sostenibile al pellet

AlterPELLET. Pensare l alternativa locale e sostenibile al pellet programma di sviluppo rurale PSR 2007-2013 realizzato con il contributo congiunto di Unione Europea, Stato Italiano, Regione Piemonte AlterPELLET combustibile locale alternativo al pellet L ENERGIA DEL

Dettagli

GLI IMPIANTI A BIOMASSA DI PICCOLA TAGLIA

GLI IMPIANTI A BIOMASSA DI PICCOLA TAGLIA 2 nd World Conference and Technology Exhibition on Biomass for Energy, Industry and Climate Protection. ROMA 12 Maggio 2004 GLI IMPIANTI A BIOMASSA DI PICCOLA TAGLIA Relatore: Ing. Alberto Colucci AGENBIELLA

Dettagli

Energy-Contracting Indice Concetto Energy - Contracting La tendenza verso energie rinnovabili e le loro possibilità di mercato Confronto di costi dei vari combustibili Esempi di conversione da gasolio

Dettagli

Le opportunità delle coltivazioni dedicate

Le opportunità delle coltivazioni dedicate Le opportunità delle coltivazioni dedicate Via Rottaiole, 3 Scandolara Ravara CREMONA www.r-innova.it Angelo Scaravonati Alberto Bergonzi Parma, 14 Ottobre 2008 L energia ha un ruolo fondamentale nella

Dettagli

MERCATI&PREZZI MERCATI&PREZZI MERCATI&PREZZI

MERCATI&PREZZI MERCATI&PREZZI MERCATI&PREZZI ANNO XI N. 1 / MARZO 2019 - TRIMESTRALE RIVISTA TECNICA ENERGIA RINNOVABILE DALL AGRICOLTURA E DALLE FORESTE prezzi aggiornati a gennaio 2019 SOMMARIO Costo dell energia primaria 3 Legna da ardere 4 Pellet

Dettagli

Biomasse agroforestali nel conto termico: opportunità per il settore primario

Biomasse agroforestali nel conto termico: opportunità per il settore primario Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Biomasse agroforestali nel conto termico: opportunità per il settore primario Roberto Murano Verona 8 febbraio 2013 Il Decreto 28 dicembre 2012,

Dettagli

PRODUZIONE E CARATTERISTICHE

PRODUZIONE E CARATTERISTICHE PRODUZIONE E CARATTERISTICHE ENERGETICHE DI LEGNA, CIPPATO E PELLET 22-26 FEBBRAIO 2012 Massimo Negrin - AIEL Valter Francescato AIEL Progetto Fuoco 22-26 Febbraio 2012 Verona Fiere DIPENDENZA ENERGETICA

Dettagli

SOMMARIO BEST PRACTICES : CASI DI SUCCESSO DELLA FILIERA DELLA BIOMASSA IN ITALIA. CONTROVALORE ECONOMICO 2,5 Miliardi di Euro

SOMMARIO BEST PRACTICES : CASI DI SUCCESSO DELLA FILIERA DELLA BIOMASSA IN ITALIA. CONTROVALORE ECONOMICO 2,5 Miliardi di Euro BEST PRACTICES : CASI DI SUCCESSO DELLA FILIERA DELLA BIOMASSA IN ITALIA Valter Francescato AIEL SOMMARIO Legna da ardere in moderne caldaie: benefici energetici e ambientali Legna da ardere in moderne

Dettagli

Gassificazione e motore Stirling L'esperienza dell'impianto di Castel d'aiano

Gassificazione e motore Stirling L'esperienza dell'impianto di Castel d'aiano Gassificazione e motore Stirling L'esperienza dell'impianto di Castel d'aiano Venerdì 28 maggio 2010 Università degli Studi di Udine, Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali Le prospettive della gassificazione

Dettagli

AgriforenergyMed, biomasse sostenibili per il Mediterraneo

AgriforenergyMed, biomasse sostenibili per il Mediterraneo ANNO VII N. 3 / OT TOBRE 2013 TRIMESTR ALE RIVISTA TECNICA EURO 10,00 ENERGIA RINNOVABILE DALL AGRICOLTURA E DALLE FORESTE BIOMASSE SOLIDE AGROFORESTALI, BIOGAS E BIOMETANO, BIOCARBURANTI AGRICOLI E MATERIE

Dettagli

SOMMARIO. Moderne tecnologie PER RISCALDARE L AGRITURISMO CON LA LEGNA E IL CIPPATO. Cenni di dendroenergetica masse, volumi, pc legno, qualità

SOMMARIO. Moderne tecnologie PER RISCALDARE L AGRITURISMO CON LA LEGNA E IL CIPPATO. Cenni di dendroenergetica masse, volumi, pc legno, qualità Moderne tecnologie PER RISCALDARE L AGRITURISMO L CON LA LEGNA E IL CIPPATO A cura di Valter Francescato ed Eliseo Antonini AIEL SOMMARIO Cenni di dendroenergetica masse, volumi, pc legno, qualità Dendro-termotecnica

Dettagli

Specifiche sulle proprietà e sulla classificazione dei biocombustibili legnosi

Specifiche sulle proprietà e sulla classificazione dei biocombustibili legnosi Laboratorio BioCombustibili Dipartimento Territorio e Sistemi Agro- Forestali Università degli Studi di Padova Associazione Italiana Energie Agroforestali Specifiche sulle proprietà e sulla classificazione

Dettagli

Scegli la Qualità Certificata

Scegli la Qualità Certificata Scegli la Qualità Certificata ISO 17225 A1+ A1 A2 B Cippato Legna da ardere Bricchette www.aiel.cia.it Cos è EN 17225-4 ISO 17225 A1 + A1 A2 B A 1 A2 B BIOMASSPLUS è uno schema di certificazione volontario

Dettagli

ERCATI&PREZZ MERCATI&PREZZI MERCATI&PREZZI MERCATI&PREZZI MERCATI&PREZZI. prezzi aggiornati a febbraio 2018

ERCATI&PREZZ MERCATI&PREZZI MERCATI&PREZZI MERCATI&PREZZI MERCATI&PREZZI. prezzi aggiornati a febbraio 2018 ANNO X N. 1 / FEBBRAIO 2018 - TRIMESTRALE RIVISTA TECNICA ENERGIA RINNOVABILE DALL AGRICOLTURA E DALLE FORESTE ERCATI&PREZZ prezzi aggiornati a febbraio 2018 3 SOMMARIO Costo dell energia primaria Legna

Dettagli

Centrale termica a cippato e rete di teleriscaldamento a Intragna

Centrale termica a cippato e rete di teleriscaldamento a Intragna Incontro «I Comuni e l energia: le dimensioni non contano» Lumino, 5.12.2018 Centrale termica a cippato e rete di teleriscaldamento a Intragna Axel Centovalli e Più SA 1 Ubicazione Comune delle Centovalli

Dettagli

Scegli la Qualità Certificata

Scegli la Qualità Certificata Scegli la Qualità Certificata ISO 17225 A1 + A1 A2 B Cippato Legna da ardere Bricchette www.aiel.cia.it Cos è ISO 17225 A1 + A1 A2 B BIOMASSPLUS è uno schema di certificazione volontario ideato da AIEL

Dettagli

APPROVAZIONE BILANCIO D ESERCIZIO E PRESENTAZIONE BILANCIO CONSOLIDATO

APPROVAZIONE BILANCIO D ESERCIZIO E PRESENTAZIONE BILANCIO CONSOLIDATO APPROVAZIONE BILANCIO D ESERCIZIO E PRESENTAZIONE BILANCIO CONSOLIDATO L ENERGIA SARÀ DIFFUSA PIÙ EFFICIENZA PER I SOCI In corso una rivoluzione globale e un importante cambio di paradigma Il picco di

Dettagli

La Generazione Distribuita: Un Nuovo Modello di Sviluppo Sostenibile

La Generazione Distribuita: Un Nuovo Modello di Sviluppo Sostenibile La Generazione Distribuita: Un Nuovo Modello di Sviluppo Sostenibile Sonia Sandei Responsabile Sviluppo Generazione Distribuita Enel Energia Soluzioni per Grandi Clienti Le Biomasse come vettore energetico:

Dettagli

Comune di Budoia IL COMUNE DI BUDOIA RINNOVA L IMPIANTO TERMICO CONVERSIONE A CIPPATO PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO LOCALE

Comune di Budoia IL COMUNE DI BUDOIA RINNOVA L IMPIANTO TERMICO CONVERSIONE A CIPPATO PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO LOCALE Comune di Budoia calore dal legno IL COMUNE DI BUDOIA RINNOVA L IMPIANTO TERMICO CONVERSIONE A CIPPATO PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO LOCALE Il Comune di Budoia ha deciso di convertire il vecchio impianto

Dettagli

Anna Bortolazzi, Luca Carisio, Giacomo Corvaro, Manuel Gallo D.M. 28 DICEMBRE 2012 CONTO TERMICO

Anna Bortolazzi, Luca Carisio, Giacomo Corvaro, Manuel Gallo D.M. 28 DICEMBRE 2012 CONTO TERMICO Anna Bortolazzi, Luca Carisio, Giacomo Corvaro, Manuel Gallo D.M. 28 DICEMBRE 2012 CONTO TERMICO INTRODUZIONE Decreto attuativo del D.L 3 Marzo 2011 n. 28 Incentiva la realizzazione di diverse tipologie

Dettagli

Accordo EGP Lega Coop sulle minibiomasse cogenerative Un opportunità di sviluppo per il territorio

Accordo EGP Lega Coop sulle minibiomasse cogenerative Un opportunità di sviluppo per il territorio Accordo EGP Lega Coop sulle minibiomasse cogenerative Un opportunità di sviluppo per il territorio Roma, 28 Gennaio 2014 Sonia Sandei Responsabile Generazione Distribuita Agenda Il Protocollo tra Lega

Dettagli

Barcheri Stefano Sales Engineer Uniconfort srl Generazione di calore da biomassa legnosa

Barcheri Stefano Sales Engineer Uniconfort srl Generazione di calore da biomassa legnosa Barcheri Stefano Sales Engineer Uniconfort srl Generazione di calore da biomassa legnosa Proprietà Uniconfort S.r.l. - Italy 1 Uniconfort produce e fornisce tecnologie per la conversione energetica delle

Dettagli

LA BIOMASSA LEGNOSA NEGLI IMPIANTI DOMESTICI E INDUSTRIALI

LA BIOMASSA LEGNOSA NEGLI IMPIANTI DOMESTICI E INDUSTRIALI HERZ ENERGIETECHNIK LA BIOMASSA LEGNOSA NEGLI IMPIANTI DOMESTICI E INDUSTRIALI Ing. Cristiano Carletti Le biomasse si possono considerare una forma sofisticata di accumulo dell energia solare che avviene

Dettagli

legnacippatopelletbrichetti LABORATORIO ANALISI BIOCOMBUSTIBILI AGROFORESTALI

legnacippatopelletbrichetti LABORATORIO ANALISI BIOCOMBUSTIBILI AGROFORESTALI legnacippatopelletbrichetti LABORATORIO ANALISI BIOCOMBUSTIBILI AGROFORESTALI IL LABORATORIO Il Laboratorio Analisi Biocombustibili di origine Agricola e Forestale fa parte del Dipartimento Territorio

Dettagli

Processi di trasformazione

Processi di trasformazione LA FILIERA Affinché un impianto alimentato a biomasse funzioni al meglio dal punto di vista ambientale ed economico è necessario analizzare preventivamente la filiera dell utilizzo delle biomasse; tale

Dettagli

Catalogo Bruciatori a pellet

Catalogo Bruciatori a pellet www.gome.it Dal 1960 produce RISPARMIO Catalogo Bruciatori a pellet 2015-2016 L AZIENDA Il passato Hi Tech Resource è proprietaria dello marchio GOME, storica azienda a conduzione familiare, che da oltre

Dettagli

Combustibili e caldaie per la zootecnia

Combustibili e caldaie per la zootecnia P.S.R. Sicilia 2007-2013 Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo, alimentare, ed in quello forestale ECODENS - ECOSTABILIZZAZIONE DELLE SANSE

Dettagli

STUDIO SULLA FILIERA FORESTALE DEL COSSATESE E DELLA COMUNITA MONTANA PREALPI BIELLESI

STUDIO SULLA FILIERA FORESTALE DEL COSSATESE E DELLA COMUNITA MONTANA PREALPI BIELLESI Comunità Montana Prealpi Biellesi STUDIO SULLA FILIERA FORESTALE DEL COSSATESE E DELLA COMUNITA MONTANA PREALPI BIELLESI SCHEDA DI INTERVENTO N 13/33 AZIONI DI INCREMENTO DEL RISPARMIO ENERGETICO Operazione

Dettagli

Ruolo delle Agenzie Provinciali per l Energial

Ruolo delle Agenzie Provinciali per l Energial Ruolo delle Agenzie li per l Energial Auditorium ENEA di Saluggia (VC) Giovedì 28 settembre 2006 Chi è AGENBIELLA Agenzia per l Energia l della E nata da un progetto europeo SAVE II nel 1998 E un Consorzio

Dettagli

Localizzazione, aspetti tecnici e modello di gestione. Ing. Sergio Palmieri

Localizzazione, aspetti tecnici e modello di gestione. Ing. Sergio Palmieri Localizzazione, aspetti tecnici e modello di gestione Ing. Sergio Palmieri 2001-2002 L uso energetico delle biomasse in Appennino 2005 2006 Nel quadro di una gestione sostenibile non c è contraddizione

Dettagli

Applicazioni di cogenerazione di piccola taglia con l'orc Clean Cycle 125 di General Electric

Applicazioni di cogenerazione di piccola taglia con l'orc Clean Cycle 125 di General Electric Applicazioni di cogenerazione di piccola taglia con l'orc Clean Cycle 125 di General Electric TIPI DI BIOMASSE Le Biomasse sono normalmente prodotte come scarti nelle attività boschive, o agricole Biomasse

Dettagli

Corso Cippato di qualità ottimale Cadenazzo, 11 ottobre 2018

Corso Cippato di qualità ottimale Cadenazzo, 11 ottobre 2018 Avvio di un progetto di teleriscaldamento con generatore a cippato di legna Spunti di riflessione sulla base di esperienze di progetti di piccole - medie dimensioni Fabrizio Conceprio Corso Cippato di

Dettagli

ESPERIENZE DI MICROGENERAZIONE E TELERISCALDAMENTO A SERVIZIO DI UNA COMUNITA'

ESPERIENZE DI MICROGENERAZIONE E TELERISCALDAMENTO A SERVIZIO DI UNA COMUNITA' ESPERIENZE DI MICROGENERAZIONE E TELERISCALDAMENTO A SERVIZIO DI UNA COMUNITA' Loris Meneghini perito industriale e dr. in Ingegneria Industriale - Vicenza 1 La realtà che vogliamo presentare è quella

Dettagli

SINTESI DELLE ATTIVITA DEL PROGETTO BIOMASS IN SARDEGNA E GLI SVILUPPI DEL PROGETTO BIOMASS+

SINTESI DELLE ATTIVITA DEL PROGETTO BIOMASS IN SARDEGNA E GLI SVILUPPI DEL PROGETTO BIOMASS+ PROVINCIA DI NUORO Direzione Generale Arch Paolo Maylander, Ing. Barbara Farris, Ing Gialuca Farina Università di Sassari Giovanni Deplano, Sandro Dettori, Maria Rosaria Filigheddu Dip. Economia e Sistemi

Dettagli

IL CIPPATO LOCALE: UN APPROVVIGIONAMENTO

IL CIPPATO LOCALE: UN APPROVVIGIONAMENTO IL CIPPATO LOCALE: UN APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO SOSTENIBILE ED ECONOMICO Magnifica Comunità di Fiemme Massimo NEGRIN m.negrin@mcfiemme.eu Hotel Lagorai Cavalese 20 Gennaio 2012 Progetto BIO-EN-AREA

Dettagli

ariapulita accende la 5ª stella

ariapulita accende la 5ª stella ANNO XII N. 1 / FEBBRAIO 2018 - TRIMESTRALE EURO 10,00 RIVISTA TECNICA ENERGIA RINNOVABILE DALL AGRICOLTURA E DALLE FORESTE POSTE ITALIANE s.p.a. - SPEDIZIONE IN A. P. - D.L. 353/2003 (Conv. in L. 27/02/2004

Dettagli

Ing. Riccardo Castorri

Ing. Riccardo Castorri Reti di teleriscaldamento AIMAG a Mirandola, dalla Cogenerazione ad Alto Rendimento all uso progressivo di calore rinnovabile a chilometro zero: UNA OPPORTUNITA PER IL TERRITORIO Ing. Riccardo Castorri

Dettagli

Evoluzione del settore delle biomasse legnose

Evoluzione del settore delle biomasse legnose M ILLUMINO DI LEGNO foreste ed energia: sfide dati e strumenti Evoluzione del settore delle biomasse legnose In collaborazione con: Andrea Crocetta Dipartimento Energia Sistemi per l Energia e l Ambiente

Dettagli