Sommario 1 Introduzione progetto Soluzione Integrazione Conclusioni... 10

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sommario 1 Introduzione progetto Soluzione Integrazione Conclusioni... 10"

Transcript

1 SISS SUITE

2 Sommario 1 Introduzione progetto Soluzione Integrazione Conclusioni

3 1 INTRODUZIONE L OMNICOM SISS Suite è una libreria DLL espressamente concepita per facilitare l adeguamento delle applicazioni alle specifiche regionali del CRS-SISS. La OMNICOM SISS Suite è realizzata utilizzando le più avanzate metodologie software, e rappresenta lo stato dell arte nell impiego degli strumenti di sviluppo e degli standard internazionali.net, C#, XML, COM. 2 PROGETTO OMNICOM srl produce e assiste soluzioni applicative per la Sanità validate e certificate SISS dal Nel percorso seguito da OMNICOM per l adeguamento delle proprie applicazioni al SISS, è stato privilegiato l aspetto globale dell integrazione orientato a sviluppare una soluzione il più possibile indipendente dai meccanismi di comunicazione, dai metodi, e dal formato dei messaggi. Questa linea progettuale ci ha permesso di realizzare un componente in grado di risolvere tutte le problematiche del SISS presenti e future. 3 SOLUZIONE In particolare il componente è stato ingegnerizzato in modo tale che è in grado di realizzare tutti i metodi richiesti dal SISS, sia lato Client che Server, sia verso l adattatore SEBC che verso l adattatore SYSS Way della piattaforma standard regionale ed è indipendente dal formalismo del messaggio di comunicazione. Le informazioni che vengono passate o ricevute dal componente nel dialogo da e verso il SISS attraverso i metodi del componente sono indipendenti dall adattatore presente sulla PDL e dalla versione in uso. Inoltre il componente OMNICOM nasconde allo sviluppatore la complessità del formato XML/SOAP, che è lo standard adottato per lo scambio di informazioni con il CRS-SISS sia per quanto riguarda la stringa di comunicazione con l adattatore ( SEBC o SYSS Way ), sia per quanto riguarda la risposta. Seguendo lo stesso criterio di semplificazione il componente espone un unico metodo per l invio e la ricezione di messaggi SOAP, in modo da renderlo indipendente dagli scenari, e dalla modalità ( porta Delegata, porta Applicativa). Inoltre il metodo di comunicazione utilizzato dal componente OMNICOM garantisce la certezza dell utilizzo per qualunque tipo di integrazione in quanto impiega un interfaccia di rete al posto di componenti SW pre-installati, pertanto è indipendente dal linguaggio e dall ambiente di esecuzione dell applicazione integrata. 3

4 In fig viene mostrato un esempio in C# di istanziazione della libreria OMNICOM SISS Suite in una applicazione tipo, per attivare uno dei metodi previsti dallo scenario di identificazione del cittadino. fig 1 4

5 fig 2 fig 3 5

6 In fig 4 viene mostrato il flusso della comunicazione tra una applicazione e il CRS-SISS. Nell esempio si vede come l applicazione Client ( installato sulla PDL dove risiedono i servizi SISS ) grazie all interoperabilità COM comunica i dati da inviare al SISS attraverso la OMNICOM SISS interface semplicemente come una struttura dati. La OMNICOM SISS Adapter si occupa di comunicare con il servizio remoto OMNICOM SISS engine che provvede alla costruzione del messaggio SOAP e alla validazione e verifica dei vincoli. Il messaggio SOAP viene inviato alla OMNICOM SISS comunicator che provvede all inoltro all adattatore SEBC. Il messaggio SOAP di risposta allo stesso modo viene convertito in un oggetto risposta e consegnato alla applicazione come parametro di ritorno del metodo start scenario. fig 4 6

7 Grazie ad un tools grafico, è possibile partendo dai template XML della documentazione originale dei messaggi da implementare, modellare automaticamente le classi C# che concorreranno a formare le DLL da integrare. Queste DLL sono le interfacce che instanziate nelle applicazioni esporranno attraverso le loro proprietà i tag dell XML. I metodi SISS a seconda dello scenario richiesto richiedono che i valori passati dalla stringa XML siano sottoposti a vincoli di validità. Mediante lo stesso Tools è possibile associare ad ogni proprietà della classe che ha una corrispondenza con un tag XML il vincolo richiesto. In questo modo i valori inviati dalla applicazione vengono validati prima di procedere alla costruzione della stringa XML da inviare all adattatore SISS. Questa soluzione ha permesso di realizzare un sistema con un avanzato indice di aderenza alla evoluzione dei modelli informativi prolungando il ciclo di vita dello stesso. fig 5 In fig 5 viene mostrato come esempio la costruzione della libreria OMNICOM SISS interface per la implementazione dello scenario GP ( prenotazione ) partendo dai file XML della documentazione originale. 7

8 In fig 6 viene mostrato un messaggio XML prima di essere processato dal generatore della classe. fig 6 In fig 7 e in fig 8 viene mostrato come vengono attivati i vincoli o i controlli richiesti dalla documentazione SISS. fig 7 8

9 fig 8 9

10 4 INTEGRAZIONE L integrazione da parte di un applicativo con l OMNICOM SISS Suite avviene attraverso due modalità 1. Omnicom SISS Suite: collezione di librerie COM che attraverso una interfaccia applicativa a oggetti implementano la comunicazione dei messaggi SOAP da e verso il SISS ( vedi esempi di integrazione ) 2. Omnicom SISS GUI: GUI che invocate dall applicativo realizzano per mezzo di una interfaccia grafica, scenari complessi, ad esempio: la firma di documenti, l identificazione del cittadino. ecc. Grazie alle Omnicom SISS GUI è possibile conformare la propria applicazione direttamente ad uno scenario SISS con una modalità ancora più semplice. Questi oggetti sono essenzialmente delle applicazioni complete ed integrate tra di loro in grado di eseguire scenari SISS complessi ( esempio l identificazione del cittadino che richiede la partecipazione di una BAC vedi Omnicom BAC Suite, o di un motore per lo scambio di messaggi HL7 vedi OMNICOM Hydra 2009 ) laddove non sono richieste particolari personalizzazioni ed è preferibile adottare una soluzione standard.per una trattazione più completa di questi componenti si rimanda alla sezione OMNICOM SISS GUI. 5 CONCLUSIONI Vantaggi nell integrare una applicazione con il SISS attraverso l OMICOM SISS Suite rispetto all utilizzo degli adattatori SEBC o standard : elevatissimo grado di astrazione. Questa particolare architettura consente di ottenere il massimo grado di astrazione ottenibile tra la comunicazione SISS ( messaggi SOAP, meccanismi di comunicazione) e il linguaggio di programmazione. o esiste un unico metodo attraverso il quale si attiva la comunicazione verso il SISS ( identifica cittadino carta, identifica cittadino esteso, ecc ). o Al metodo viene passata una struttura dati, non una stringa XML mascherando così la complessità del messaggio SOAP. o Il meccanismo di comunicazione per l invio di richieste verso il SISS è mascherato da un metodo generico startscenario. Lo stesso meccanismo vale per i messaggi di richiesta dalla porta Applicativa, in questo caso la DLL espone un evento di richiesta disponibile. o Dal metodo si ottiene una risposta che contiene l esito. La risposta come la richiesta è una struttura dati ed allo stesso modo viene mascherata la complessità del messaggio SOAP. Aderenza alle evoluzioni del SISS o Le strutture dati di richiesta e di risposta vengono create come DLL a partire dai messaggi XML della documentazione originale, è quindi possibile integrare in una applicazione più versioni. Questo permette di testare una nuova release SISS, mantenendo comunque in produzione una versione precedente dell applicativo o di eseguire con lo stesso applicativo scenari con release diverse. Performance e centralizzazione del software o Le DLL che vengono instanziate nella procedura per eseguire la comunicazione SISS sono solo classi di interfaccia, in quanto tutta la logica di elaborazione ( verifica dei vincoli, costruzione del messaggio SOAP di risposta, parser del messaggio SOAP di richiesta ) avviene attraverso un servizio remotizzato su di un server ( centralizzazione e coerenza delle versioni ). o L invio del messaggio SOAP verso la porta Delegata e la ricezione di una richiesta dalla porta Applicativa avviene localmente mediante la DLL sisscomunicator che implementa il meccanismo di comunicazione( http POST, http Listener ). Grazie alla Omnicom SISS Suite è quindi possibile ampliare i sistemi RIS, HIS, PACS, con personalizzazioni o con programmi trasversali di supporto per l elaborazione della comunicazione al SISS. 10

Sommario 1 Introduzione... 3 2 progetto... 3 3 Integrazione... 4 4 GUI... 5 5 HL7... 13 6 Conclusioni... 13

Sommario 1 Introduzione... 3 2 progetto... 3 3 Integrazione... 4 4 GUI... 5 5 HL7... 13 6 Conclusioni... 13 SIGN GUI Sommario 1 Introduzione... 3 2 progetto... 3 3 Integrazione... 4 4 GUI... 5 5 HL7... 13 6 Conclusioni... 13 2 1 INTRODUZIONE La firma digitale costituisce uno dei cardini del processo di e-governement.

Dettagli

Certificazione e.toscana Compliance. Applicativi di Sistemi Informativi degli Enti Locali (SIL)

Certificazione e.toscana Compliance. Applicativi di Sistemi Informativi degli Enti Locali (SIL) Pagina 1 di Applicativi di Sistemi Informativi degli Enti Locali (SIL) Pagina 2 Dati Identificativi dell Applicativo Nome DOCPRO Versione 6.0 Data Ultimo Rilascio 15.06.2007 Documentazione Versione Data

Dettagli

INTRODUZIONE INTERFACCIA UTENTE SCENARIO D INTEGRAZIONE CON L ANAGRAFE REGIONALE FILTRI DI RICERCA MINIMI RICHIESTI...

INTRODUZIONE INTERFACCIA UTENTE SCENARIO D INTEGRAZIONE CON L ANAGRAFE REGIONALE FILTRI DI RICERCA MINIMI RICHIESTI... !!!" "!!"!# $! !!!$ 1. INTRODUZIONE... 4 1.1. INTERFACCIA UTENTE... 5 1.2. SCENARIO D INTEGRAZIONE CON L ANAGRAFE REGIONALE... 10 1.3. FILTRI DI RICERCA MINIMI RICHIESTI... 11 2. MODALITA DI RICERCA E

Dettagli

Pagina 1 di 6. Client SOAP di test per i servizi del Sistema di Interscambio. Indice

Pagina 1 di 6. Client SOAP di test per i servizi del Sistema di Interscambio. Indice Pagina 1 di 6 Indice 1 Installazione del client SOAP... 2 1.1 Prerequisiti... 2 1.2 Predisposizione ambiente... 2 1.3 Certificato di test... 3 2 Esecuzione del client SOAP... 4 2.1 Personalizzazione del

Dettagli

Infrastruttura per la Cooperazione Applicativa

Infrastruttura per la Cooperazione Applicativa Infrastruttura per la Cooperazione Applicativa - C.A.R.T. Linee guida per lo sviluppo di interfacce tra il Sistema Informativo Locale e il Nodo Applicativo Locale Ver. 1.2 Linee guida per lo sviluppo di

Dettagli

Dematerializzare per Semplificare

Dematerializzare per Semplificare 1 Dematerializzare per Semplificare Dematerializzare non vuol dire solo semplificare. La semplificazione investe tutta la sfera della riorganizzazione dei processi, della trasparenza e dell assunzione

Dettagli

DI GESTIONE E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI

DI GESTIONE E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI COMUNE DI PINEROLO MANUALE DI GESTIONE E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI ALLEGATO N. 6 PIANO DI SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI PIANO DI SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI Articolo 1 Sicurezza fisica

Dettagli

Obiettivi, sviluppo e risultati principali del progetto STEEL

Obiettivi, sviluppo e risultati principali del progetto STEEL Evento conclusivo progetto STEEL CNR Roma 3 novembre 2011 Obiettivi, sviluppo e risultati principali del progetto STEEL Enrico Del Re CNIT e Università di Firenze Il progetto STEEL Progetto Nazionale:

Dettagli

Programma didattico. Sviluppare Applicazioni Distribuite in ambiente. Spring MVC

Programma didattico. Sviluppare Applicazioni Distribuite in ambiente. Spring MVC Programma didattico Sviluppare Applicazioni Distribuite in ambiente Spring MVC Programma del corso 1.Progettazione e Sviluppo Database Relazionali Questa competenza permette di Progettare e Sviluppare

Dettagli

Analisi e comparazione dei Framework OpenSwing e Google Web Toolkit per lo sviluppo di interfacce utente con paradigma MVC.

Analisi e comparazione dei Framework OpenSwing e Google Web Toolkit per lo sviluppo di interfacce utente con paradigma MVC. tesi di laurea Analisi e comparazione dei Framework OpenSwing e Google Web Toolkit. Anno Accademico 2009/2010 relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana correlatore Ing. Luca Anniciello candidato Gianluca

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE

NOTE OPERATIVE DI RELEASE NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. IMPLEMENTAZIONI RELEASE Versione 2017.02.01

Dettagli

Corso Programmazione Java Avanzato

Corso Programmazione Java Avanzato Corso Programmazione Java Avanzato Codice: ITJA0113 Durata: 40 ore Descrizione corso Questo corso fornisce una panoramica sulle tecnologie impiegate per la realizzazione di applicazioni web basate sulla

Dettagli

Comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute. Invio telematico

Comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute. Invio telematico Nota Salvatempo Antielusione - Invio dati fatture 8 settembre 2017 Comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute Invio telematico Operazioni di integrazione, rettifica e annullamento di comunicazioni

Dettagli

Programmi e Oggetti Software

Programmi e Oggetti Software Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica Dispensa 06 Programmi e Oggetti Software Marzo 2010 Programmi e Oggetti Software 1 Contenuti Cosa è un programma Cosa significa programmare Il

Dettagli

Programmi e Oggetti Software

Programmi e Oggetti Software Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1 Dispensa 2 Programmi e Oggetti Software Alfonso Miola Settembre 2007 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf1/ Programmi e Oggetti Software

Dettagli

POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA Mantova 6 luglio Antonio Confalonieri Regione Lombardia - Sviluppo e-government

POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA Mantova 6 luglio Antonio Confalonieri Regione Lombardia - Sviluppo e-government POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA Mantova 6 luglio 2005 Antonio Confalonieri Regione Lombardia - Sviluppo e-government pubblica amministrazione sistema produttivo Regione Lombardia cittadini La posta è da

Dettagli

Servizi di interscambio dati e cooperazione applicativa Guida alla gestione dei servizi web Mipaaf

Servizi di interscambio dati e cooperazione applicativa Guida alla gestione dei servizi web Mipaaf Servizi di interscambio dati e cooperazione applicativa Indice 1 Introduzione... 3 2 Accesso ai servizi... 4 2.1 La richiesta di convenzione... 4 2.2 Le credenziali di accesso al sistema... 5 2.3 Impostazione

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE

NOTE OPERATIVE DI RELEASE NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. IMPLEMENTAZIONI RELEASE Versione 2017.0.1

Dettagli

Architetture Client/Server. Un architettura è centralizzata quando i dati e le applicazioni (programmi) risiedono in un unico nodo elaborativo

Architetture Client/Server. Un architettura è centralizzata quando i dati e le applicazioni (programmi) risiedono in un unico nodo elaborativo Basi di Dati Architetture Client/Server D B M G Architettura centralizzata Un architettura è centralizzata quando i dati e le applicazioni (programmi) risiedono in un unico nodo elaborativo Tutta l intelligenza

Dettagli

BASI DI DATI. basi di dati - introduzione ai sistemi informativi 1

BASI DI DATI. basi di dati - introduzione ai sistemi informativi 1 BASI DI DATI basi di dati - introduzione ai sistemi informativi 1 Sistema Informativo Insieme degli strumenti, risorse e procedure che consentono la gestione delle informazioni aziendali e' essenziale

Dettagli

Applicazioni distribuite e sistemi ad oggetti distribuiti. RPC RMI - Web Services 1

Applicazioni distribuite e sistemi ad oggetti distribuiti. RPC RMI - Web Services 1 Applicazioni distribuite e sistemi ad oggetti distribuiti RPC RMI - Web Services 1 Complessità delle applicazioni distribuite La scrittura di applicazioni distribuite basate sull utilizzo di protocolli

Dettagli

Sistema WebGIS per l accesso a dati geografici eterogenei distribuiti su internet, l elaborazione GIS e la restituzione online.

Sistema WebGIS per l accesso a dati geografici eterogenei distribuiti su internet, l elaborazione GIS e la restituzione online. Sistema WebGIS per l accesso a dati geografici eterogenei distribuiti su internet, l elaborazione GIS e la restituzione online. Luciano Fortunati, Giulio Massei ISTI-CNR luciano.fortunati@isti.cnr.it,

Dettagli

Installazione dell interfaccia ASCOT-SAIA-V3

Installazione dell interfaccia ASCOT-SAIA-V3 Pag.1 di 11 Installazione dell interfaccia ASCOT-SAIA-V3 Versione: 1 Variante: 0 Tutti i diritti riservati. Proprietà INSIEL SpA. Pag.2 di 11 Compendio: Riferimenti: Versione Data 1.0 Principali modifiche

Dettagli

Regole e modalità di utilizzo della PEC e della PEO istituzionale

Regole e modalità di utilizzo della PEC e della PEO istituzionale ALLEGATO 2 al Manuale per la Gestione del Protocollo informatico, dei Flussi documentali e degli Archivi Regole e modalità di utilizzo della PEC e della PEO istituzionale 3 All. 2 Regole e modalità di

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI. introduzione ai sistemi informativi 1

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI. introduzione ai sistemi informativi 1 SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI introduzione ai sistemi informativi 1 Sistema Informativo Insieme degli strumenti, risorse e procedure che consentono la gestione delle informazioni aziendali e' essenziale

Dettagli

Comportamento del Sistema

Comportamento del Sistema INA SAIA Comportamento del Sistema 1/12 INDICE Indice...2 1 INTRODUZIONE...3 1.1 Scopo del documento...3 1.2 A chi si rivolge...3 1.3 Contenuti...3 1.4 Riferimenti Esterni...3 2 Funzionalità esposte...4

Dettagli

SETA Selection Tool del Sistema ARTIST

SETA Selection Tool del Sistema ARTIST Selection Tool del Sistema ARTIST L incarico è stato affidato al RTI composta da: Kayser Italia S.r.l. Daxo con capogruppo Kayser Italia s.r.l. SETA () Espandibilità e flessibilità Delocalizzazione istallazione

Dettagli

ALLEGATO 13 PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI

ALLEGATO 13 PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI ALLEGATO 13 PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI 1 1. FORMAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI 1.1. contenuti 1.2. formati 1.3. sottoscrizione 1.4. datazione 2. GESTIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI

Dettagli

La Conservazione ottica sostitutiva e il protocollo informatico: l'esperienza di InfoCamere. Marco Pellegrini, Direttore Marketing InfoCamere

La Conservazione ottica sostitutiva e il protocollo informatico: l'esperienza di InfoCamere. Marco Pellegrini, Direttore Marketing InfoCamere La Conservazione ottica sostitutiva e il protocollo informatico: l'esperienza di InfoCamere Marco Pellegrini, Direttore Marketing InfoCamere CHI SIAMO IL KNOW HOW Outsourcer della rete e delle applicazioni

Dettagli

ALLEGATO Specifiche di Interfaccia

ALLEGATO Specifiche di Interfaccia ALLEGATO Specifiche di Interfaccia PROGETTO INTEGRAZIONE SISTEMA DI PRENOTAZIONE DELL ENTE (CUP CASSA) VERSO SPORTELLI SELF SERVICE 1 Introduzione Obiettivo di questo documento è descrivere l architettura

Dettagli

in collaborazione tecnico-scientifica con

in collaborazione tecnico-scientifica con in collaborazione tecnico-scientifica con l Università degli Studi di Salerno Dipartimento di Informatica Accordo Integrativo Regionale per la Medicina Generale AIR GESTIONE INTEGRATA DEL DIABETE SERVIZIO

Dettagli

Gateway KNX/DALI 64/16 - da guida DIN GW Manuale Tecnico

Gateway KNX/DALI 64/16 - da guida DIN GW Manuale Tecnico Gateway KNX/DALI 64/16 - da guida DIN GW 90872 Manuale Tecnico 1 Sommario 1 Introduzione... 3 2 Applicazione... 3 2.1 Limiti delle associazioni... 3 3 Menù Generale... 4 3.1 Parametri... 4 3.2 Oggetti

Dettagli

I sistemi RIS e PACS

I sistemi RIS e PACS I sistemi RIS e PACS Il sistema informatico ospedaliero HIS, Hospital Information System generalmente gli aspetti più curati sono quelli amministrativi esistono tre principali classi di dati, quelli relativi

Dettagli

Ordinativo Informatico Gateway su Web Services

Ordinativo Informatico Gateway su Web Services DELLA GIUNTA Allegato tecnico Ordinativo Informatico Gateway su Web Services DELLA GIUNTA Sommario 1. OBIETTIVO 4 2. PREMESSA & REQUISITI ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. 3. INFRASTRUTTURA DI BASE

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE PER L ADEGUAMENTO ALLE SPECIFICHE TECNICHE PER IL FORMATO FATTURAPA (versione 1.2) E PER IL SISTEMA DI INTERSCAMBIO (versione

INDICAZIONI OPERATIVE PER L ADEGUAMENTO ALLE SPECIFICHE TECNICHE PER IL FORMATO FATTURAPA (versione 1.2) E PER IL SISTEMA DI INTERSCAMBIO (versione INDICAZIONI OPERATIVE PER L ADEGUAMENTO ALLE SPECIFICHE TECNICHE PER IL FORMATO FATTURAPA (versione 1.2) E PER IL SISTEMA DI INTERSCAMBIO (versione 1.4) Sommario 1 Premessa... 3 2 Chiusura di SDI per consentire

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2016/2017. I.I.S.S. C. E. GADDA Sede di Langhirano MATERIA DI INSEGNAMENTO TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2016/2017. I.I.S.S. C. E. GADDA Sede di Langhirano MATERIA DI INSEGNAMENTO TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2016/2017 I.I.S.S. C. E. GADDA Sede di Langhirano MATERIA DI INSEGNAMENTO TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI PROF. MAURIZIO MERCURI

Dettagli

Configurazione database remoto MySQL

Configurazione database remoto MySQL Configurazione database remoto MySQL www.powerwolf.it 1. Premessa Questo documento è rivolto a coloro che hanno acquistato, o hanno intenzione di acquistare, un database remoto MySQL per l integrazione

Dettagli

Comuni «fuori dal comune»: Strumenti e tecnologie innovative

Comuni «fuori dal comune»: Strumenti e tecnologie innovative Comune di Iglesias Comune di Montemurlo Comuni «fuori dal comune»: Strumenti e tecnologie innovative Roma, 25 Maggio 2016 1 Strumenti tecnologici: la Piattaforma integrata TessERe e il motore KeySuite

Dettagli

Progetto B2. Interoperabilità Protocollo

Progetto B2. Interoperabilità Protocollo Progetto B2 Interoperabilità Protocollo Il servizio fornito dal progetto Attuare il colloquio applicativo dei sistemi di protocollo di Ente in infrastruttura CART inoltro e ricezione di messaggi protocollati

Dettagli

AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI RETE

AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI RETE AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI RETE 22.1 INTRODUZIONE... 222 22.2 COMITATO DI CONSULTAZIONE... 222 22.3 SOGGETTI TITOLATI ABILITATI A PRESENTARE RICHIESTE DI MODIFICA... 223 22.4 REQUISITI DI RICEVIBILITA

Dettagli

Open Database Connectivity (ODBC)

Open Database Connectivity (ODBC) Open Database Connectivity (ODBC) Open Database Connectivity (ODBC), proposto dalla Microsoft nel 1991, fornisce un interfaccia applicativa standard che permette ad una generica applicazione di accedere

Dettagli

Un nuovo approccio metodologico con FHIR

Un nuovo approccio metodologico con FHIR Un nuovo approccio metodologico con FHIR 1 Workshop FHIR HL7 Italia - Firenze 4 Dicembre 2015 Stefano Micocci - Cup2000 Di cosa parleremo - La rete SOLE: come sta evolvendo e perché - Due sperimentazioni:

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Domenico Lembo Antonella Poggi 1. Architetture dei Sistemi Informativi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico

Dettagli

Fase 2: gli altri documenti del ciclo degli acquisti

Fase 2: gli altri documenti del ciclo degli acquisti GUIDA OPERATIVA ALLA DEMATERIALIZZAZIONE DEL CICLO DEGLI ACQUISTI IN EMILIA ROMAGNA Fase 2: gli altri documenti del ciclo degli acquisti Data: 19 giugno 2014 Versione: 3.1 Autori: Intercent-ER Par-ER INDICE

Dettagli

RIF. CORSO: 2015-GG-39. Scheda progetto

RIF. CORSO: 2015-GG-39. Scheda progetto RIF. CORSO: 2015-GG-39 Scheda progetto FIGURA PROFESSIONALE Denominazione corso: TECNICO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO DI GESTIONE Durata: 200 Descrizione della figura professionale: Il Tecnico

Dettagli

Istruzioni per la Compilazione Online Domanda Servizio Civile

Istruzioni per la Compilazione Online Domanda Servizio Civile Istruzioni per la Compilazione Online Domanda Servizio Civile Sommario 1 Generalità...2 1.1 Scopo...2 1.2 Validità...2 1.3 Riferimenti...2 2 Presentazione...2 3 Funzionalità...2 3.1 Modalità compilazione

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 Servizi di informatica Processo Sviluppo e gestione di prodotti e servizi informatici Sequenza di

Dettagli

Il Sistema rete mammografica: una nuova opportunità per l ottimizzazione delle risorse in sanità

Il Sistema rete mammografica: una nuova opportunità per l ottimizzazione delle risorse in sanità Il Sistema rete mammografica: una nuova opportunità per l ottimizzazione delle risorse in sanità SERVIZI ED INFRASTRUTTURA TECNOLOGICA DELLA RETE MAMMOGRAFICA: DALLA DGR DI SPERIMENTAZIONE ALLA CONCLUSIONE

Dettagli

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE E ATTIVAZIONE DI DARWEB PRO versione 1.0

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE E ATTIVAZIONE DI DARWEB PRO versione 1.0 PROCEDURA DI INSTALLAZIONE E ATTIVAZIONE DI DARWEB PRO versione 1.0 INSTALLAZIONE Per installazione seguire i passi operativi indicati all interno della confezione contenente il CD ricevuto; Le mappe che

Dettagli

Informatica. Posta Elettronica Certificata

Informatica. Posta Elettronica Certificata Informatica Posta Elettronica Certificata Università degli Studi di Napoli Federico II Prof. Ing. Guglielmo Toscano 1 Cos è la PEC: La PEC: Fonti E un sistema di comunicazione simile alla posta elettronica

Dettagli

Manuale del Software

Manuale del Software Manuale del Software RiverPlate MODULO LETTURA TARGHE Versione 1.30.a SW/ RiverPlate Progettato per Microsoft Windows Manuale RiverPlate Il programma RiverPlate serve ad interfacciare il sistema ReaderPlate

Dettagli

Informatica 3. LEZIONE 1: Introduzione. Modulo 1: Introduzione al corso Modulo 2: Introduzione ai linguaggi di programmazione

Informatica 3. LEZIONE 1: Introduzione. Modulo 1: Introduzione al corso Modulo 2: Introduzione ai linguaggi di programmazione Informatica 3 LEZIONE 1: Introduzione Modulo 1: Introduzione al corso Modulo 2: Introduzione ai linguaggi di Informatica 3 Lezione 1- Modulo 1 Introduzione al corso Introduzione Corso di Informatica 3

Dettagli

Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni. <Task AP-1> Documento Descrittivo Accordi di Servizio

Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni. <Task AP-1> Documento Descrittivo Accordi di Servizio Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni Documento Descrittivo Accordi di Servizio 1 INDICE 1. Modifiche al documento... 4 Descrizione Modifica...

Dettagli

Tecnologie di Sviluppo per il Web

Tecnologie di Sviluppo per il Web Tecnologie di Sviluppo per il Web Programmazione Web: Introduzione versione 3.0 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima pagina) G. Mecca mecca@unibas.it

Dettagli

Corso Programmazione Java Standard

Corso Programmazione Java Standard Corso Programmazione Java Standard Codice: ITJS0113 Durata: 40 ore Descrizione corso Questo corso fornisce una panoramica sulle varie sfaccettature della sintassi del linguaggio Java, integrata con mirate

Dettagli

Architetture di rete. 4. Le applicazioni di rete

Architetture di rete. 4. Le applicazioni di rete Architetture di rete 4. Le applicazioni di rete Introduzione L avvento di tecnologie (hw, sw, protocolli) di rete avanzate ha permesso la nascita di architetture software molto evolute che permettono lo

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE

NOTE OPERATIVE DI RELEASE NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. IMPLEMENTAZIONI RELEASE Versione 2017.01.02

Dettagli

PORTALE DELLE CONVENZIONI: MANUALE PER LA CONFIGURAZIONE DEL SISTEMA

PORTALE DELLE CONVENZIONI: MANUALE PER LA CONFIGURAZIONE DEL SISTEMA PORTALE DELLE CONVENZIONI: MANUALE PER LA CONFIGURAZIONE DEL SISTEMA Revisione 1.0 Uso esterno Riservato agli utenti dei servizi in convenzione Pag. 1 di 12 Sommario 0. GENERALITÀ... 3 0.1 REVISIONI...

Dettagli

Traduzione e interpretazione

Traduzione e interpretazione Traduzione e interpretazione Parte dei lucidi sono stati gentilmente forniti dal Prof. Salza VII.1 Linguaggi di programmazione Linguaggi ad alto livello Maggiore espressività Maggiore produttività Migliore

Dettagli

Posta Elettronica Certificata per il il Consiglio Nazionale degli Ingegneri. Roma 15 ottobre 2009

Posta Elettronica Certificata per il il Consiglio Nazionale degli Ingegneri. Roma 15 ottobre 2009 Posta Elettronica Certificata per il il Consiglio Nazionale degli Ingegneri Roma 15 ottobre 2009 :: Indice della presentazione :: Descrizione dell azienda La Posta Elettronica Certificata: normativa e

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INFORMATICA SECONDO BIENNIO. Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate

PROGRAMMAZIONE INFORMATICA SECONDO BIENNIO. Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate PROGRAMMAZIONE INFORMATICA SECONDO BIENNIO Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate Anno scolastico 2017-2018 Programmazione di Informatica pag. 2 / 7 INFORMATICA - SECONDO BIENNIO OBIETTIVI SPECIFICI

Dettagli

Servizio SOLE Sanità OnLinE

Servizio SOLE Sanità OnLinE Servizio SOLE Sanità OnLinE Rete integrata ospedale-territorio nelle Aziende Sanitarie della Regione Emilia-Romagna: Installazione Porta Delegata 3.0 - Manuale La circolazione di questo documento è autorizzata

Dettagli

Per richiedere il certificato l utente deve provvedere, nel proprio ambiente informatico, alla generazione della CSR (Certificate Sign Request).

Per richiedere il certificato l utente deve provvedere, nel proprio ambiente informatico, alla generazione della CSR (Certificate Sign Request). Procedura operativa generazione chiavi SISTRI Per richiedere il certificato l utente deve provvedere, nel proprio ambiente informatico, alla generazione della CSR (Certificate Sign Request). Per poter

Dettagli

GEOPORTALE Arpa Piemonte

GEOPORTALE Arpa Piemonte GEOPORTALE Arpa Piemonte Sistema Informativo Ambientale Geografico Guida all' accesso ai Map Service WMS con Q-GIS Versione 01 novembre 2011 Redazione Arpa Piemonte - Sistema Informativo Ambientale Geografico

Dettagli

TRASMISSIONE TELEMATICA ISTANZE. Manuale Attivazione. Sezione Albo Gestori Regione Piemonte Ottobre 2015

TRASMISSIONE TELEMATICA ISTANZE.  Manuale Attivazione. Sezione Albo Gestori Regione Piemonte Ottobre 2015 TRASMISSIONE TELEMATICA ISTANZE Manuale Attivazione Sezione Albo Gestori Regione Piemonte Ottobre 2015 1 Ecocerved Scarl - Sede di Bologna - Assistenza tecnica Agest Telematico Telefono: 051/6316700 E-mail:

Dettagli

Prof. Pagani corrado JAVA

Prof. Pagani corrado JAVA Prof. Pagani corrado JAVA NASCITA DI JAVA Java è stato creato, a partire da ricerche effettuate alla Stanford University agli inizi degli anni Novanta, da un gruppo di esperti sviluppatori capitanati da

Dettagli

Appalto concorso sistema GAWS

Appalto concorso sistema GAWS Appalto concorso sistema GAWS Data: 29 ottobre 2007 Autore: Fabio Faieta Azienda Proponente: srl Appalto concorso per la realizzazione di un modello software per la automatica di un componente di comunicazione

Dettagli

Informatica 3. Informatica 3. Lezione 1- Modulo 1. LEZIONE 1: Introduzione. Concetti di linguaggi di programmazione. Introduzione

Informatica 3. Informatica 3. Lezione 1- Modulo 1. LEZIONE 1: Introduzione. Concetti di linguaggi di programmazione. Introduzione Informatica 3 Informatica 3 LEZIONE 1: Introduzione Lezione 1- Modulo 1 Modulo 1: Introduzione al corso Modulo 2: Introduzione ai linguaggi di Introduzione al corso Politecnico di Milano - Prof. Sara Comai

Dettagli

Oggetto: SERVIZI PER IMPLEMENTAZIONE E POPOLAMENTO DEL SISTEMA INFORMATIVO NAZIONALE FEDERATO DELLE INFRASTRUTTURE SINFI

Oggetto: SERVIZI PER IMPLEMENTAZIONE E POPOLAMENTO DEL SISTEMA INFORMATIVO NAZIONALE FEDERATO DELLE INFRASTRUTTURE SINFI Collebeato 07/06/2017 N.S. rif. : 01_CAT_INF_SINFI Spett.le AZIENDA Oggetto: SERVIZI PER IMPLEMENTAZIONE E POPOLAMENTO DEL SISTEMA INFORMATIVO NAZIONALE FEDERATO DELLE INFRASTRUTTURE SINFI PREMESSA La

Dettagli

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Test e Correzione: Introduzione versione 1.0 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima pagina)

Dettagli

Modulo 2 Architetture dei SD Lezione 1

Modulo 2 Architetture dei SD Lezione 1 Modulo 2 Architetture dei SD Lezione 1 Corso Sistemi Distribuiti (6 CFU) Docente: Prof. Marcello Castellano Sistemi Distribuiti, LM Ing. Informatica 6 CFU Docente: Marcello Castellano Table of Contents

Dettagli

UML I diagrammi implementativi

UML I diagrammi implementativi Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - UML I diagrammi implementativi E. TINELLI I diagrammi implementativi In UML 2.x esistono 3 tipi di

Dettagli

Guida i-help App. IOS

Guida i-help App. IOS Guida i-help App. IOS Manuale d uso dell applicazione i-help per dispositivi con sistema operativo IOS Ufficio Tecnico ADiTech S.R.L. 28/09/2016 i-help MAN App IOS rev.02 ADITECH S.R.L INDIRIZZO: VIA GHINO

Dettagli

Progetto Gennaio 2016

Progetto Gennaio 2016 UNIVESITÁ DEGLI STUDI DI MILANO LAUREA TRIENNALE IN COMUNICAZIONE DIGITALE PROGETTO LABORATORIO DI RETI DI CALCOLATORI Progetto Gennaio 2016 Matteo Zignani 15 dicembre 2015 1 PRESENTAZIONE DEL PROBLEMA

Dettagli

Basi di Dati. Progettazione di una Base di Dati. Progettazione di una Base di Dati

Basi di Dati. Progettazione di una Base di Dati. Progettazione di una Base di Dati Basi di Dati Cosa vuol dire progettare una base di dati? Il DBMS non va progettato il DBMS si acquista o esiste già è impossibile pensare di sviluppare un DBMS anni di sviluppo necessità di elevate competenze

Dettagli

CONCETTI E ARCHITETTURA DI UN SISTEMA DI BASI DI DATI

CONCETTI E ARCHITETTURA DI UN SISTEMA DI BASI DI DATI CONCETTI E ARCHITETTURA DI UN SISTEMA DI BASI DI DATI Introduzione alle basi di dati (2) 2 Modelli dei dati, schemi e istanze (1) Nell approccio con basi di dati è fondamentale avere un certo livello di

Dettagli

Gestione del DBTR. Introduzione all Editor DBTR per ArcGIS

Gestione del DBTR. Introduzione all Editor DBTR per ArcGIS Gestione del DBTR Introduzione all Editor DBTR per ArcGIS dicembre 2013 Caratteristiche principali L editor DBTR per ArcGIS nasce con lo scopo di fornire uno strumento evoluto per l aggiornamento del DB

Dettagli

In passato, occuparsi di informatica era sinonimo di programmare computer

In passato, occuparsi di informatica era sinonimo di programmare computer Programmare =? In passato, occuparsi di informatica era sinonimo di programmare computer attività poco stimolante, atto finale di un processo dove le fasi creative - analisi e progetto - sono già avvenute

Dettagli

Tesina esame Programmazione di Sistemi Mobile realizzata da Roberto Giuliani matricola Sicurezza e Permission in Android

Tesina esame Programmazione di Sistemi Mobile realizzata da Roberto Giuliani matricola Sicurezza e Permission in Android Tesina esame Programmazione di Sistemi Mobile realizzata da Roberto Giuliani matricola 633688 Sicurezza e Permission in Android La sicurezza al giorno d oggi è uno degli aspetti più importanti dell informatica!

Dettagli

AscotWeb - mediatore Versione dicembre 2015

AscotWeb - mediatore Versione dicembre 2015 AscotWeb - mediatore Versione 1.0.1 21 dicembre 2015 Approvazioni Il presente documento è stato approvato da: 20/05/16 12.17 2 Storia delle Modifiche Versione Data Descrizione 1.0 19/05/2016 Prima versione

Dettagli

Macchina Astratta: struttura e realizzazione.

Macchina Astratta: struttura e realizzazione. Macchina Astratta: struttura e realizzazione. Sommario Macchina Astratta e l interprete di Macchina Hight e Low Level Languages Implementazione di un Linguaggio Macchina Intermedia Gerarchia di Macchine

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO GARA CON PROCEDURA APERTA

CAPITOLATO TECNICO GARA CON PROCEDURA APERTA CAPITOLATO TECNICO GARA CON PROCEDURA APERTA per l affidamento del servizio per la realizzazione, la conduzione tecnica e la manutenzione del sistema informativo integrato di. Cat.7 CPV 72262000-9 RIF.

Dettagli

TRASMISSIONE TELEMATICA ISTANZE. Manuale Attivazione. Sezione Albo Gestori Regione Marche Settembre 2015

TRASMISSIONE TELEMATICA ISTANZE.  Manuale Attivazione. Sezione Albo Gestori Regione Marche Settembre 2015 TRASMISSIONE TELEMATICA ISTANZE Manuale Attivazione Sezione Albo Gestori Regione Marche Settembre 2015 1 Ecocerved Scarl - Sede di Bologna - Assistenza tecnica Agest Telematico Telefono: 051/6316700 E-mail:

Dettagli

Il Sistema Operativo

Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo Il sistema operativo Con il termine sistema operativo si intende l insieme di programmi e librerie che opera direttamente sulla macchina fisica mascherandone le caratteristiche specifiche

Dettagli

EXTERNALAPI CLOUDLIFT. copia n Controllata non controllata Distribuita a: in forma data Firma. 00 X CLIENTI Elettronica 05/06/2017

EXTERNALAPI CLOUDLIFT. copia n Controllata non controllata Distribuita a: in forma data Firma. 00 X CLIENTI Elettronica 05/06/2017 EXTERNAL CLOUDLIFT 1 di 6 IDENTIFICAZIONE: CODICE REVISIONE DATA PERCORSO FILE i.d. 00 www.cloudlift.it Norma di Riferimento UNI EN ISO 9:2015 Paragrafo riferimento 8.2.2 DISTRIBUZIONE: copia n Controllata

Dettagli

- Manuale Operatore -

- Manuale Operatore - - Manuale Operatore - Indice 1 INTRODUZIONE... 2 1.1 Note... 2 2 FUNZIONALITÀ GENERALI... 3 3 MODULO ALER... 6 3.1 Invio File Xml... 6 3.2 Ricerca Report Xml... 7 3.3 Ricerca Report Riclassificato... 8

Dettagli

SOFTWARE 231 DOC. Software 231 Doc è il programma per la corretta gestione degli adempimenti e della documentazione richiesta dal D.lgs 231/2001.

SOFTWARE 231 DOC. Software 231 Doc è il programma per la corretta gestione degli adempimenti e della documentazione richiesta dal D.lgs 231/2001. SOFTWARE 231 DOC Software 231 Doc è il programma per la corretta gestione degli adempimenti e della documentazione richiesta dal D.lgs 231/2001. In particolare il software consente di: 1) realizzare e

Dettagli

POSTALIZZAZIONE Manuale d'uso del modulo di postalizzazione di RipartoIG

POSTALIZZAZIONE Manuale d'uso del modulo di postalizzazione di RipartoIG POSTALIZZAZIONE Manuale d'uso del modulo di postalizzazione di RipartoIG Ultimo Aggiornamento: 15 Aprile 2016 Ultima versione disponibile al link: http://www.inve.it/external/manuale Postalizzazione RipartoIG

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione Roma, 25-03-2010 Messaggio n. 8464 OGGETTO: Nuovi servizi web realizzati per la getione

Dettagli

Elena Baralis 2007 Politecnico di Torino 1

Elena Baralis 2007 Politecnico di Torino 1 Introduzione Sistemi informativi 2 Introduzione Base di dati Modello dei dati Accesso ai dati Vantaggi e svantaggi dei DBMS 4 6 2007 Politecnico di Torino 1 7 8 9 10 Sistema informatico Nei sistemi informatici,

Dettagli

NOTE RILASCIO IATROS SISS v. 2.X

NOTE RILASCIO IATROS SISS v. 2.X NOTE RILASCIO IATROS SISS v. 2.X Il SISS ha chiesto l implementazione obbligatoria di alcune importanti modifiche di funzionalità di integrazione della cartella con i servizi regionali. Le modifiche apportate

Dettagli

Invio SMS MODULO INTEGRATIVO

Invio SMS MODULO INTEGRATIVO Invio SMS MODULO INTEGRATIVO 1 Cosa è Invio SMS A chi è rivolto Come funziona I modelli Integrazione Punti di forza Vantaggi Applicazioni dell SMS INVIO SMS 2 Cosa è Invio SMS? Invio SMS è il modulo che

Dettagli

MANUALE UTENTE Cloud Base Cloud Professional Cloud Enterprise

MANUALE UTENTE Cloud Base Cloud Professional Cloud Enterprise Cloud Base Cloud Professional Cloud Enterprise Rel. 1.2 Cloud Base, Pro e Enterprise Dopo aver effettuato il pagamento è stato attivato il download per il prodotto scelto ed abbiamo provveduto, entro le

Dettagli

Installazione e utilizzo Decoder 2DPlus su sistemi operativi Mac OSX

Installazione e utilizzo Decoder 2DPlus su sistemi operativi Mac OSX Descrizione commessa pag. 1 di 11 PRT 3.0 Installazione e utilizzo su sistemi operativi Mac OSX Release Data Modifiche effettuate 1.0 24/11/2016 Emissione del documento DDP Redatto (acronimo) 1.1 28/11/2016

Dettagli

rchinizer il protocollo informatico obiettivi e strategie dott. michele bianchi

rchinizer il protocollo informatico obiettivi e strategie dott. michele bianchi rchinizer il protocollo informatico obiettivi e strategie dott. michele bianchi Obiettivi migliorare l'efficienza interna ridurre i registri cartacei diminuire gli uffici di protocollo razionalizzare i

Dettagli

E un sistema di comunicazione simile alla posta elettronica. standard a cui si aggiungono delle caratteristiche di sicurezza e

E un sistema di comunicazione simile alla posta elettronica. standard a cui si aggiungono delle caratteristiche di sicurezza e USO DELLA PEC PEC: Che cos è? E un sistema di comunicazione simile alla posta elettronica standard a cui si aggiungono delle caratteristiche di sicurezza e di certificazione della trasmissione tali da

Dettagli

Documento di Analisi. Mockup

Documento di Analisi. Mockup Documento di Analisi Studente: Marco Micera Matricola: 502797 Mockup Breve descrizione Questa semplice applicazione consente all utente di visualizzare le proprie spese finanziarie. A seconda del periodo

Dettagli

Gli strumenti di autenticazione e di accesso ai servizi: CIE, CNS, Carte di Firma, Posta Elettronica Certificata

Gli strumenti di autenticazione e di accesso ai servizi: CIE, CNS, Carte di Firma, Posta Elettronica Certificata Forum PA 2002 Roma, 6-10 maggio Gli strumenti di autenticazione e di accesso ai servizi: CIE, CNS, Carte di Firma, Posta Elettronica Certificata Oronzo Berlen Responsabile Competence Center esecurity Infrastuctures

Dettagli

SCHEDA SANITARIA INFORMATICA

SCHEDA SANITARIA INFORMATICA SCHEDA SANITARIA INFORMATICA PROCEDURA DI QUALIFICAZIONE per l iscrizione nell elenco dei prodotti software compatibili con il SISS in coerenza con le Linee Guida Regionali per la Scheda Sanitaria Informatica

Dettagli

20/04/2017 MANUALE DI ISTRUZIONI DELL APPLICAZIONE ENTRATEL-MULTIFILE VERSIONE 1.0.6

20/04/2017 MANUALE DI ISTRUZIONI DELL APPLICAZIONE ENTRATEL-MULTIFILE VERSIONE 1.0.6 20/04/2017 MANUALE DI ISTRUZIONI DELL APPLICAZIONE ENTRATEL-MULTIFILE VERSIONE 1.0.6 PAG. 2 DI 33 INDICE 1. PREMESSA 3 2. INSTALLAZIONE 4 3. STRUTTURA DELLE CARTELLE 8 4. CONFIGURAZIONE DELL APPLICAZIONE

Dettagli