DETASSAZIONE e WELFARE NELLA LEGGE DI STABILITA'

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DETASSAZIONE e WELFARE NELLA LEGGE DI STABILITA'"

Transcript

1 DETASSAZIONE e WELFARE NELLA LEGGE DI STABILITA' 07 giugno 2016

2 DETASSAZIONE e WELFARE NELLA LEGGE DI STABILITA' Detassazione Modifiche all'art. 51 TUIR Possibili scenari applicativi

3 LEGGE DI STABILITA' 2016 Principali novità introdotte dalla L. n. 208/2015 che interessano PDR e WELFARE AZIENDALE: Introduce in maniera strutturale la detassazione Consente entro limiti precisi al dipendente di convertire il PDR o gli UTILI in misure di Welfare Modifica e aggiorna alcune previsioni del TUIR in materia di Welfare Prevede l'adozione di un Decreto interministeriale in materia di detassazione e welfare

4 I numeri della detassazione Imposta sostitutiva IRPEF sull'importo relativo a: PDR Partecipazione agli utili Importo massimo detassabile (PDR + partecipaz. utili) 10% Elevabile a in caso di coinvolgimento paritetico Limite del reddito da lavoro dipendente dell'anno precedente

5 Coinvolgimento paritetico Importo massimo detassabile (PDR + partecipaz. utili) Elevabile a in caso di coinvolgimento paritetico I contratti collettivi devono prevedere un PIANO di coinvolgimento dei lavoratori Unico esempio del Decreto: GRUPPI DI LAVORO costituiti da RESP. AZIENDALI + LAVORATORI finalizzati al miglioramento / innovazione di aree produttive o sistemi di produzione con strutture permanenti di consultazione e monitoraggio degli obiettivi da raggiungere e delle risorse necessarie che predispongano report periodici su attività svolte e risultati raggiunti

6 I requisiti del PDR CONTRATTO AZIENDALE O TERRITORIALE AMMONTARE VARIABILE MISURABILITA' e VERIFICABILITA' degli incrementi BASATO SU INCREMENTI ONERE DI DEPOSITO

7 I requisiti del PDR CONTRATTO AZIENDALE O TERRITORIALE Contratti collettivi nazionali, territoriali o aziendali stipulati da associazioni sindacali comparativamente piu rappresentative sul piano nazionale Contratti collettivi aziendali stipulati dalle RSU/RSA

8 I requisiti del PDR AMMONTARE VARIABILE L'importo erogato varia in funzione del raggiungimento degli obiettivi (LOGICA PROPORZIONALE ) DUBBIO: Il requisito della variabilità è rispettato anche con erogazioni di importo fisso in erogazione solo se vengono raggiunti gli obiettivi (LOGICA INTERRUTTORE ON-OFF )???

9 I requisiti del PDR BASATO SU INCREMENTI Circolare Min. Lav. 14/2014 Decreto detax pubblicato il 16/05/2016 Per retribuzione di produttività si intendono le voci retributive erogate [ ] con espresso riferimento ad indicatori quantitativi di produttività, redditività, qualità, efficienza ed innovazione Per premi di risultato si intendono le somme [ ] la cui corresponsione sia legata ad incrementi di produttività, redditività, qualità, efficienza ed innovazione DUBBIO: Il riferimento ad INCREMENTI rende necessario che le performance siano in CRESCITA o AUMENTO rispetto ad un parametro storico??

10 I requisiti del PDR MISURABILITA' e VERIFICABILITA' degli incrementi I contratti collettivi devono prevedere criteri di: MISURAZIONE degli incrementi VERIFICA del raggiungimento degli incrementi Le misurazioni e verifiche andranno effettuate rispetto ad un << PERIODO CONGRUO >> definito dal contratto stesso Il raggiungimento dell'obiettivo deve mediante INDICATORI (numerici o appositamente individuati essere verificabile di altro genere)

11 Partecipazione agli utili CONTRATTO AZIENDALE O TERRITORIALE CONCORRE NEL LIMITE DEI 2.000/2.500 BASATA SUGLI UTILI NETTI (SEMBRA) NON NECESSITI DI DATI INCREMENTALI ONERE DI DEPOSITO

12 Deposito telematico ONERE DI DEPOSITO Deposito del CONTRATTO COLLETTIVO entro 30 giorni dalla sottoscrizione. Deposito della DICHIARAZIONE DI CONFORMITA' entro 30 giorni dalla sottoscrizione dell'accordo I depositi avvengono contestualmente mediante MODULO ONLINE (cliclavoro.gov.it) REGIME TRANSITORIO Agevolazione anche per PDR e UTILI relativi al 2015 in erogazione nel 2016 Deposito entro il 15/06/2016 sia del TESTO (consigliato) sia della DICHIARAZIONE DI CONFORMITA' al Decreto 2016 PROBLEMA: molto probabile che il PDR sottoscritto nel 2015 non sia strutturato come richiesto dal decreto 2016 (mancanza di criteri di verifica, del periodo congruo ) 30

13 Deposito telematico

14 Deposito telematico

15 Deposito telematico

16 LEGGE DI STABILITA' 2016 Introduce in maniera strutturale la detassazione 1 In sintesi: Applicabile ai PDR o UTILI erogati in esecuzione di contratti aziendali o territoriali Le somme godono di una imposta IRPEF sostitutiva del 10% max ( se operante il coinvolgimento paritetico) Reddito da lavoro dipendente anno precedente max

17 LEGGE DI STABILITA' Consente entro limiti precisi al dipendente di convertire PDR o UTILI in misure di welfare In sintesi: I valori erogati sotto forma di welfare non concorrono a formare reddito da lavoro dipendente, né sono soggetti all'imposta sostitutiva (10%), anche se sono fruiti, PER SCELTA DEL LAVORATORE, in sostituzione in tutto o in parte degli importi del premio di risultato

18 LEGGE DI STABILITA' Modifica e aggiorna alcune previsioni del TUIR in materia di Welfare Art. 51, comma 2, lettera f), DPR 917/1986 (TUIR): Vecchia formulazione Nuova formulazione l'utilizzazione delle opere e dei servizi di cui al comma 1 dell'articolo 100 da parte dei dipendenti e dei soggetti indicati nell'articolo 13 l'utilizzazione delle opere e dei servizi riconosciuti dal datore di lavoro volontariamente o in conformita' a disposizioni di contratto o di accordo o di regolamento aziendale, offerti alla generalita' dei dipendenti o a categorie di dipendenti e ai familiari indicati nell'articolo 12 per le finalita' di cui al comma 1 dell'articolo 100

19 LEGGE DI STABILITA' Modifica e aggiorna alcune previsioni del TUIR in materia di Welfare Art. 51, comma 2, lettera f-bis), DPR 917/1986 (TUIR): Vecchia formulazione Nuova formulazione le somme, i servizi e le prestazioni erogati dal datore di lavoro alla generalita' dei dipendenti o a categorie di dipendenti per la frequenza degli asili nido e di colonie climatiche da parte dei familiari indicati nell'articolo 12, nonche' per borse di studio a favore dei medesimi familiari; le somme, i servizi e le prestazioni erogati dal datore di lavoro alla generalita' dei dipendenti o a categorie di dipendenti per la fruizione, da parte dei familiari indicati nell'articolo 12, dei servizi di educazione e istruzione anche in eta' prescolare, compresi i servizi integrativi e di mensa ad essi connessi, nonche' per la frequenza di ludoteche e di centri estivi e invernali e per borse di studio a favore dei medesimi familiari

20 LEGGE DI STABILITA' Modifica e aggiorna alcune previsioni del TUIR in materia di Welfare Art. 51, comma 2, lettera f-ter), DPR 917/1986 (TUIR): Vecchia formulazione -- Nuova formulazione le somme e le prestazioni erogate dal datore di lavoro alla generalita' dei dipendenti o a categorie di dipendenti per la fruizione dei servizi di assistenza ai familiari anziani o non autosufficienti indicati nell'articolo 12

21 LEGGE DI STABILITA' Modifica e aggiorna alcune previsioni del TUIR in materia di Welfare Art. 51, comma 3-bis, DPR 917/1986 (TUIR): Vecchia formulazione -- Nuova formulazione Ai fini dell'applicazione dei commi 2 e 3, l'erogazione di beni, prestazioni, opere e servizi da parte del datore di lavoro puo' avvenire mediante documenti di legittimazione, in formato cartaceo o elettronico, riportanti un valore nominale

22 LEGGE DI STABILITA' Prevede l'adozione di un Decreto interministeriale in materia di detassazione e welfare Il Decreto attuativo pubblicato il 16/05/2016 stabilisce: I criteri di misurazione per i premi di risultato Gli strumenti e le modalità del coinvolgimento paritetico dei lavoratori Impiego di voucher per l'erogazione delle misure di welfare aziendale

23 Regimi dei Welfare Plan

La fiscalita del premio di risultato e del welfare aziendale Bernoni & Partners. All rights reserved.

La fiscalita del premio di risultato e del welfare aziendale Bernoni & Partners. All rights reserved. La fiscalita del premio di risultato e del welfare aziendale Paola Lova 9 marzo 2016 Agenda Agevolazioni che riguardano i rapporti di lavoro dipendente: Detassazione dei «premi produttività» Trattamento

Dettagli

Welfare aziendale questo sconosciuto

Welfare aziendale questo sconosciuto Welfare aziendale Welfare aziendale & flexible benefit Welfare aziendale questo sconosciuto E uno strumento che trasforma un compenso economico in servizi per i collaboratori. Pensato per migliorare il

Dettagli

Al Comitato di Presidenza Al Consiglio Direttivo Alla Commissione Legale Alla Commissione Sindacale Alle Associazioni Territoriali

Al Comitato di Presidenza Al Consiglio Direttivo Alla Commissione Legale Alla Commissione Sindacale Alle Associazioni Territoriali Roma, 04 aprile 2016 Al Comitato di Presidenza Al Consiglio Direttivo Alla Commissione Legale Alla Commissione Sindacale Alle Associazioni Territoriali Circolare n. 60/2016 Oggetto: Lavoro - Detassazione

Dettagli

WELFARE AZIENDALE E NORMATIVA DI FAVORE

WELFARE AZIENDALE E NORMATIVA DI FAVORE WELFARE AZIENDALE E NORMATIVA DI FAVORE ISTITUTI AGEVOLATI Legge 208/2015 - articolo unico commi 182/191 -salari di produttività -misure di welfare La detassazione: aspetti gestionali -ambito: premi di

Dettagli

Legge di stabilità Il nuovo welfare aziendale. Francesco Iasi Consulente del lavoro Milano, 16 febbraio 2016

Legge di stabilità Il nuovo welfare aziendale. Francesco Iasi Consulente del lavoro Milano, 16 febbraio 2016 Legge di stabilità Il nuovo welfare aziendale Francesco Iasi Consulente del lavoro Milano, 16 febbraio 2016 Il Welfare aziendale Che cos è? Il welfare aziendale è l insieme coordinato di beni e servizi

Dettagli

WELFARE AZIENDALE. A cura di Alberto Bortoletto Consulente del Lavoro in Padova -

WELFARE AZIENDALE. A cura di Alberto Bortoletto Consulente del Lavoro in Padova - WELFARE AZIENDALE Reddito da lavoro dipendente: determinazione Art. 51 comma 1 Il reddito di lavoro dipendente è costituito da tutte le somme e i valori in genere, a qualunque titolo percepiti nel periodo

Dettagli

Camera del Lavoro della Provincia di Ravenna. Legge di Stabilità 2016

Camera del Lavoro della Provincia di Ravenna. Legge di Stabilità 2016 DECRETO DETASSAZIONE SCHEDA TECNICA Viene reintrodotta, in modo strutturale, la tassazione al 10 % per i premi ed è esteso il beneficio alla partecipazione agli utili dell impresa e la possibilità di ricevere

Dettagli

Opportunità previste nella Legge di Stabilità 2016 per Azioni di Welfare Aziendale / Work-Life Balance. sintesi

Opportunità previste nella Legge di Stabilità 2016 per Azioni di Welfare Aziendale / Work-Life Balance. sintesi Opportunità previste nella Legge di Stabilità 2016 per Azioni di Welfare Aziendale / Work-Life Balance sintesi Novità per il Welfare Aziendale nella Legge di Stabilità 2016 Condizioni-ostacoli fino ad

Dettagli

La detassazione dei premi di risultato. Angelo Marinelli Coordinatore Dipartimento Democrazia Economica CISL Confederazione

La detassazione dei premi di risultato. Angelo Marinelli Coordinatore Dipartimento Democrazia Economica CISL Confederazione La detassazione dei premi di risultato Angelo Marinelli Coordinatore Dipartimento Democrazia Economica CISL Confederazione Detassazione premi produttività Sui premi di risultato di ammontare variabile

Dettagli

Prot. n. 11 LC/lc Torino, 25 gennaio 2016

Prot. n. 11 LC/lc Torino, 25 gennaio 2016 ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LA PREVIDENZA E ASSISTENZA COMPLEMENTARE Prot. n. 11 LC/lc Torino, 25 gennaio 2016 Anno 2016 circ. n. 5 Agli Associati Loro sedi Oggetto: Le novità in tema di fiscalità dei redditi

Dettagli

Il Welfare Aziendale Le novità della Legge di Stabilità 2016

Il Welfare Aziendale Le novità della Legge di Stabilità 2016 Il Welfare Aziendale Le novità della Legge di Stabilità 2016 Pasquale Sole, Wealth Advisory Catania, 15 aprile 2016 Agenda Gli ambiti di intervento della Legge 208/2015 Le prospettive di sviluppo I vantaggi

Dettagli

WELFARE AZIENDALE E DETASSAZIONE PREMI PRODUTTIVITÀ

WELFARE AZIENDALE E DETASSAZIONE PREMI PRODUTTIVITÀ WELFARE AZIENDALE E DETASSAZIONE PREMI PRODUTTIVITÀ Annibale Dodero, Direttore Centrale Normativa Agenzia delle Entrate Verso un nuovo welfare aziendale Senato della Repubblica, Sala dell Istituto di Santa

Dettagli

La legge di stabilità e welfare aziendale. Salerno 10 giugno 2016

La legge di stabilità e welfare aziendale. Salerno 10 giugno 2016 La legge di stabilità e welfare aziendale Salerno 10 giugno 2016 Il welfare aziendale: definizione Si definisce Welfare Aziendale l insieme delle iniziative volte ad incrementare il benessere del lavoratore

Dettagli

Circolare Tax n. 3/2016 Legge di Stabilità 2016 Novità in tema di Welfare aziendale Milano, 29 gennaio 2016

Circolare Tax n. 3/2016 Legge di Stabilità 2016 Novità in tema di Welfare aziendale Milano, 29 gennaio 2016 Circolare Tax n. 3/2016 Legge di Stabilità 2016 Novità in tema di Welfare aziendale Milano, 29 gennaio 2016 Lexalia è uno Studio Legale e Tributario indipendente, con sede a Milano, composto da avvocati

Dettagli

PREMI DI RISULTATO E WELFARE AZIENDALE

PREMI DI RISULTATO E WELFARE AZIENDALE PREMI DI RISULTATO E WELFARE AZIENDALE Nuovi modelli di welfare aziendale @Roma Gabriella Ferretti, Direzione Centrale Normativa Agenzia delle Entrate Roma, 25 ottobre 2016 RETRIBUZIONE AGEVOLATA e WELFARE

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 87 del 14 Giugno 2016 Ai gentili clienti Loro sedi Premi produttività: il punto Gentile cliente, la informiamo che a seguito della reintroduzione - da parte della legge

Dettagli

Detassazione 2016, benefit e welfare aziendale

Detassazione 2016, benefit e welfare aziendale VideoLavoro - 16 giugno 2016 Detassazione 2016, benefit e welfare aziendale Bruno Bravi Rubrica a cura di Laurenzia Binda 1 DETASSAZIONE PREMI DI PRODUTTIVITA E WELFARE AZIENDALE 2 La Legge di Stabilità

Dettagli

I benefici fiscali e contributivi della detassazione dei premi di risultato erogati per il tramite della contrattazione di secondo livello.

I benefici fiscali e contributivi della detassazione dei premi di risultato erogati per il tramite della contrattazione di secondo livello. I benefici fiscali e contributivi della detassazione dei premi di risultato erogati per il tramite della contrattazione di secondo livello. 31 marzo 2016 Con il Decreto del Ministro del Lavoro e delle

Dettagli

NUOVI MODELLI DI. Vincenzo LEOPOLDO ( TORINO, 14 novembre 2016

NUOVI MODELLI DI. Vincenzo LEOPOLDO ( TORINO, 14 novembre 2016 NUOVI MODELLI DI WELFARE AZIENDALE Vincenzo LEOPOLDO vincenzo.leopoldo@agenziaentrate.it ( 0650545178 TORINO, 14 novembre 2016 RETRIBUZIONE AGEVOLATA e WELFARE AZIENDALE Premi di Risultato art. 1, co.

Dettagli

DIREZIONE GENERALE CIRCOLARE n. 2580

DIREZIONE GENERALE CIRCOLARE n. 2580 DIREZIONE GENERALE CIRCOLARE n. 2580 Roma, 18 maggio 2016 ALLE ASSOCIAZIONI E AI SINDACATI TERRITORIALI ALLE UNIONI REGIONALI Loro sedi e loro indirizzi (Via e-mail) OGGETTO: DECRETO INTERMINISTERIALE

Dettagli

Aspetti fiscali, giuslavoristici ed operativi nel nuovo welfare aziendale

Aspetti fiscali, giuslavoristici ed operativi nel nuovo welfare aziendale Milano 28 gennaio 2016 Aspetti fiscali, giuslavoristici ed operativi nel nuovo welfare aziendale Dott. Paolo Giacometti Partner Chiomenti Studio Legale Avv. Emanuele Barberis Partner Chiomenti Studio Legale

Dettagli

DETASSAZIONE Area sindacale e delle relazioni industriali. Piero Baggi. ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE della Provincia di Varese

DETASSAZIONE Area sindacale e delle relazioni industriali. Piero Baggi. ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE della Provincia di Varese DETASSAZIONE 2016 Area sindacale e delle relazioni industriali Piero Baggi ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE della Provincia di Varese aderente CONFAPI INDICE 1. Genesi della detassazione 2. Condizioni

Dettagli

Welfare aziendale e novità normative. Emmanuele Massagli Presidente ADAPT @EMassagli

Welfare aziendale e novità normative. Emmanuele Massagli Presidente ADAPT @EMassagli Welfare aziendale e novità normative Emmanuele Massagli Presidente ADAPT @EMassagli Non esiste nella normativa l espressione «welfare aziendale» Il Testo Unico delle Imposte sui Redditi (TUIR) si riferisce

Dettagli

Sviluppo d impresa e buona occupazione. LA CONCILIAZIONE LAVORO-FAMIGLIA SISTEMA DI GESTIONE, BUONE PRATICHE e RICONOSCIMENTI

Sviluppo d impresa e buona occupazione. LA CONCILIAZIONE LAVORO-FAMIGLIA SISTEMA DI GESTIONE, BUONE PRATICHE e RICONOSCIMENTI Sviluppo d impresa e buona occupazione LA CONCILIAZIONE LAVORO-FAMIGLIA SISTEMA DI GESTIONE, BUONE PRATICHE e RICONOSCIMENTI Il Trattamento fiscale delle iniziative di welfare aziendale A cura di: Ezio

Dettagli

PREMI DI RISULTATO E WELFARE AZIENDALE. La circolare A.E. n. 28/E del 15 giugno 2016

PREMI DI RISULTATO E WELFARE AZIENDALE. La circolare A.E. n. 28/E del 15 giugno 2016 PREMI DI RISULTATO E WELFARE AZIENDALE La circolare A.E. n. 28/E del 15 giugno 2016 I riferimenti normativi e di prassi Legge n. 208/2015 (Legge di Stabilità 2016), art. 1, c. 182-190 Decreto Interministeriale

Dettagli

PREMESSO TENUTO CONTO

PREMESSO TENUTO CONTO Roma, 23 novembre 2016 Tra le organizzazioni datoriali e le organizzazioni sindacali dei lavoratori PREMESSO che la Legge di stabilità per l anno 2016 (l. n. 208/2015, art. 1 cc. 182-190) e il successivo

Dettagli

per maggiori info vai su:

per maggiori info vai su: Il DPCM firmato ieri precisa che le somme erogate a titolo di retribuzione di produttività, in esecuzione di contratti collettivi di lavoro sottoscritti a livello aziendale o territoriale sono soggette

Dettagli

Welfare aziendale: disciplina tributaria

Welfare aziendale: disciplina tributaria Settore Fisco e Diritto d Impresa Documento aggiornato al 19 aprile 2016 Welfare aziendale: disciplina tributaria Premessa L art. 51, comma 2, del Testo Unico delle Imposte sui Redditi elenca tassativamente

Dettagli

PREMESSO TENUTO CONTO SI CONVIENE

PREMESSO TENUTO CONTO SI CONVIENE Tra Confartigianato Imprese CNA Casartigiani CLAAI e CGIL CISL UIL PREMESSO che la Legge di stabilità per l anno 2016 (l. n. 208/2015, art. 1 cc. 182-190) e il successivo Decreto Interministeriale del

Dettagli

WELFARE AZIENDALE SEMINARIO UNIONE INDUSTRIALE TORINO

WELFARE AZIENDALE SEMINARIO UNIONE INDUSTRIALE TORINO WELFARE AZIENDALE SEMINARIO UNIONE INDUSTRIALE TORINO 18 luglio 2016 Conversione di premi o di utili in welfare Art. 1, comma 184 della Legge di stabilità 2016 184. Le somme e i valori di cui al comma

Dettagli

PREMI DI RISULTATO E WELFARE

PREMI DI RISULTATO E WELFARE Aggiornamento con Legge di Bilancio 2017 Comunicazione di Graziano De Munari - Cisl Veneto Norme e prassi di riferimento Legge di Stabilità 2016 Legge 28 dicembre 2015 n.208 (art. 1 commi da 182 a 189)

Dettagli

Accordo Quadro Territoriale. per la Detassazione dei Premi di Produttività. della Partecipazione Agli Utili. e per i Servizi di Welfare

Accordo Quadro Territoriale. per la Detassazione dei Premi di Produttività. della Partecipazione Agli Utili. e per i Servizi di Welfare Accordo Quadro Territoriale per la Detassazione dei Premi di Produttività della Partecipazione Agli Utili e per i Servizi di Welfare Addì 21 Settembre 2016 presso la sede di Confcommercio Mantova di Via

Dettagli

Primo commento al decreto 25 marzo 2016 sulla detassazione. dei premi di produttività

Primo commento al decreto 25 marzo 2016 sulla detassazione. dei premi di produttività Primo commento al decreto 25 marzo 2016 sulla detassazione dei premi di produttività All art 1 il decreto definisce il suo campo d azione individuandolo, sinteticamente: -- nei criteri di misurazione degli

Dettagli

WELFARE AZIENDALE UN OCCASIONE IMPERDIBILE

WELFARE AZIENDALE UN OCCASIONE IMPERDIBILE WELFARE AZIENDALE UN OCCASIONE IMPERDIBILE WELFARE AZIENDALE : UTILE Realizzato da COS È, A COSA SERVE? Beni e servizi finalizzati ad aumentare il benessere lavorativo, personale e familiare dei dipendenti;

Dettagli

giugno 2016 LE ULTIME NOVITÀ

giugno 2016 LE ULTIME NOVITÀ Riduzione dell orario di lavoro per i lavoratori prossimi alla pensione Circolare INPS n. 90 del 26 maggio 2016 Decreto interministeriale 7 aprile 2016 Indicazioni su Tirocini e Programma Garanzia Giovani

Dettagli

L adesione agli Accordi Quadro Territoriali è pari alla durata del periodo congruo individuato dall azienda.

L adesione agli Accordi Quadro Territoriali è pari alla durata del periodo congruo individuato dall azienda. ACCORDI QUADRO DETASSAZIONE TERZIARIO Indicazioni operative per le imprese associate Milano, 8 settembre 2016 GLI ACCORDI QUADRO TERRITORIALI PER MILANO, LODI, MONZA E BRIANZA PER LA DETASSAZIONE DEI PREMI

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi

Le Circolari della Fondazione Studi Le Circolari della Fondazione Studi ANNO 2016 CIRCOLARE NUMERO 10 WELFARE AZIENDALE: ORA IL QUADRO NORMATIVO E COMPETITIVO 1. Premesse La Legge 28 dicembre 2015, n. 208 (legge di stabilità 2016), con il

Dettagli

La Nuova Detassazione ed il Welfare aziendale dopo la Legge di Stabilità 2016 Gli aspetti fiscali

La Nuova Detassazione ed il Welfare aziendale dopo la Legge di Stabilità 2016 Gli aspetti fiscali La Nuova Detassazione ed il Welfare aziendale dopo la Legge di Stabilità 2016 Gli aspetti fiscali Vicenza, 7 giugno 2016 Paolo Meneguzzo Area Fiscale Confindustria Vicenza Confindustria Vicenza 1 Schema

Dettagli

Circolare N.60 del 5 Aprile 2013

Circolare N.60 del 5 Aprile 2013 Circolare N.60 del 5 Aprile 2013 Detassazione premi di produttività. Pubblicato in Gazzetta il DPCM per il 2013 Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che la finanziaria per il 2013 ha riproposto

Dettagli

Welfare. Trattamento Fiscale. Tax & Legal. 1 luglio 2016, Pavia

Welfare. Trattamento Fiscale. Tax & Legal. 1 luglio 2016, Pavia Welfare Azi e ndal e Trattamento Fiscale Tax & Legal 1 luglio 2016, Pavia Indice Contesto Trattamento fiscale Principali esperienze italiane Novità Legge di Stabilità 2016 Regno Unito 3 4 10 11 14 2 Welfare

Dettagli

Le disposizioni in materia di lavoro nello schema di legge di stabilità 2016

Le disposizioni in materia di lavoro nello schema di legge di stabilità 2016 Le disposizioni in materia di lavoro nello schema di legge di stabilità 2016 DISEGNO DI LEGGE n. 2111 "Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità

Dettagli

Il Welfare Aziendale I vantaggi per l azienda e per il lavoratore

Il Welfare Aziendale I vantaggi per l azienda e per il lavoratore S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il Welfare Aziendale I vantaggi per l azienda e per il lavoratore Avv. Enrico De Luca De Luca & Partners Dott. Salvatore Vitiello Consulente del Lavoro HR

Dettagli

Le novità Irpef. Contributo di solidarietà Detassazione premi di produttività Addizionali Comunali e Regionali. 22 dicembre 2011

Le novità Irpef. Contributo di solidarietà Detassazione premi di produttività Addizionali Comunali e Regionali. 22 dicembre 2011 Le novità Irpef Contributo di solidarietà Detassazione premi di produttività Addizionali Comunali e Regionali 1 / 18 Contributo di solidarietà CHI Tutti i soggetti Irpef con reddito complessivo superiore

Dettagli

Studio Tributario e Societario LEGGE DI STABILITA 2016 WELFARE AZIENDALE E ALTRE DISPOSIZIONI RILEVANTI PER IL SOSTITUTO D IMPOSTA

Studio Tributario e Societario LEGGE DI STABILITA 2016 WELFARE AZIENDALE E ALTRE DISPOSIZIONI RILEVANTI PER IL SOSTITUTO D IMPOSTA Studio Tributario e Societario LEGGE DI STABILITA 2016 WELFARE AZIENDALE E ALTRE DISPOSIZIONI RILEVANTI PER IL SOSTITUTO D IMPOSTA Welfare aziendale e salari di produttività: le novità introdotte dalla

Dettagli

Le novità della legge di bilancio 2017 per i Datori di Lavoro

Le novità della legge di bilancio 2017 per i Datori di Lavoro Associazione Nazionale Consulenti del Lavoro U.P. di Brescia Le novità della legge di bilancio 2017 per i Datori di Lavoro Martedì 17 gennaio 2017 SALONE CONFERENZE DELLA CAMERA DI COMMERCIO BRESCIA relatore:

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici N. 121 28. 06.2016 Benefit aziendali: erogazione in voucher Il valore nominale del voucher non deve eccedere il limite di 258,23

Dettagli

Newsletter Ed. Speciale 28 giugno 2016

Newsletter Ed. Speciale 28 giugno 2016 Newsletter Ed. Speciale 28 giugno 2016 Legale - Fiscale Diritto delle società e fiscalità d'impresa Premi di risultato e welfare aziendale: i chiarimenti dell Agenzia Premi di risultato e welfare aziendale:

Dettagli

Detassazione dei premi di risultato: i chiarimenti dell Agenzia delle entrate

Detassazione dei premi di risultato: i chiarimenti dell Agenzia delle entrate Detassazione dei premi di risultato: i chiarimenti dell Agenzia delle entrate L Agenzia delle Entrate ha emanato la circolare n. 28/E del 15 giugno 2016, con la quale fornisce, d intesa con il Ministero

Dettagli

Legge di stabilità 2016 Lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2016 Lavoro e previdenza Dr. Anton Pichler Dr. Walter Steinmair Dr. Helmuth Knoll Sparkassenstraße 18 Via Cassa di Risparmio I-39100 Bozen Bolzano T 0471.306.411 F 0471.976.462 E info@interconsult.bz.it I www.interconsult.bz.it

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Premi di risultato e welfare aziendale articolo 1 commi legge 28 dicembre 2015, n. 208 (Legge di Stabilità 2016).

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Premi di risultato e welfare aziendale articolo 1 commi legge 28 dicembre 2015, n. 208 (Legge di Stabilità 2016). CIRCOLARE N. 28/E Direzione Centrale Normativa Roma, 15 giugno 2016 OGGETTO: Premi di risultato e welfare aziendale articolo 1 commi 182-190 legge 28 dicembre 2015, n. 208 (Legge di Stabilità 2016). 2

Dettagli

LEGGE DI STABILITA ANNO 2016: NOVITA IN MATERIA DI LAVORO Legge n. 208/2015 in vigore dal 01/01/2016

LEGGE DI STABILITA ANNO 2016: NOVITA IN MATERIA DI LAVORO Legge n. 208/2015 in vigore dal 01/01/2016 LEGGE DI STABILITA ANNO 2016: NOVITA IN MATERIA DI LAVORO Legge n. 208/2015 in vigore dal 01/01/2016 Si riportano di seguito le principali novità in materia di lavoro introdotte dalla legge di stabilità

Dettagli

Obiettivi del welfare aziendale

Obiettivi del welfare aziendale Il welfare aziendale Insieme coordinato di iniziative nelle quali l impresa si fa carico dei bisogni del lavoratore concedendo dei benefit nonindenaro,bensìsottoformadibenieservizi. I piani di welfare

Dettagli

Circolare N. 95 del 26 Giugno 2015

Circolare N. 95 del 26 Giugno 2015 Circolare N. 95 del 26 Giugno 2015 Premi di secondo livello 2014: decontribuzione più leggera nel limite dell'1,6% della retribuzione del lavoratore Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

LE NUOVE BASI TECNICHE ANIA PER LA NON AUTOSUFFICIENZA: UN PUNTO DI PARTENZA PER L EVOLUZIONE DELLE STRATEGIE DI COPERTURA ROMA, 17 NOVEMBRE 2016

LE NUOVE BASI TECNICHE ANIA PER LA NON AUTOSUFFICIENZA: UN PUNTO DI PARTENZA PER L EVOLUZIONE DELLE STRATEGIE DI COPERTURA ROMA, 17 NOVEMBRE 2016 LE NUOVE BASI TECNICHE ANIA PER LA NON AUTOSUFFICIENZA: UN PUNTO DI PARTENZA PER L EVOLUZIONE DELLE STRATEGIE DI COPERTURA ROMA, 17 NOVEMBRE 2016 L UTILIZZO DEL PREMIO DI PRODUTTIVITA AI FINI WELFARE:

Dettagli

CIRCOLARE N. 28 / E. Roma, 15/06/2016

CIRCOLARE N. 28 / E. Roma, 15/06/2016 CIRCOLARE N. 28 / E Direzione Centrale Normativa Roma, 15/06/2016 OGGETTO: Premi di risultato e welfare aziendale articolo 1 commi 182-190 legge 28 dicembre 2015, n. 208 (Legge di Stabilità 2016). Agenzia

Dettagli

ACCORDO SINDACALE REGIONALE. II giorno 23 gennaio 2012 in Bari, alla piazza Garibaldi 18, la Fisascat CISL e la CISL FP della Regione Puglia nella

ACCORDO SINDACALE REGIONALE. II giorno 23 gennaio 2012 in Bari, alla piazza Garibaldi 18, la Fisascat CISL e la CISL FP della Regione Puglia nella ACCORDO SINDACALE REGIONALE II giorno 23 gennaio 2012 in Bari, alla piazza Garibaldi 18, presso la sede dell'uneba, si sono riuniti: l'uneba - Federazione regionale della Puglia rappresentata dal Presidente,

Dettagli

Circolare N. 159 del 17 Novembre 2016

Circolare N. 159 del 17 Novembre 2016 Circolare N. 159 del 17 Novembre 2016 Attivazione dei premi produttività: il contenuto dell accordo aziendale/territoriale Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che la legge di Stabilità

Dettagli

Nuove opportunità per ampliare l offerta Welfare grazie alle novità della Legge di Stabilità 2016

Nuove opportunità per ampliare l offerta Welfare grazie alle novità della Legge di Stabilità 2016 Nuove opportunità per ampliare l offerta Welfare grazie alle novità della Legge di Stabilità 2016 L esperienza di UBI Banca Leonardo Orlando Responsabile sviluppo manageriale e sistemi retributivi Milano,

Dettagli

GUIDA FISAC. PremidiRisultato CGIL FISAC

GUIDA FISAC. PremidiRisultato CGIL FISAC GUIDA FISAC PremidiRisultato 2016 CGIL FISAC FISAC CGIL - Dipartimento Comunicazione - www.fisac-cgil.it - Guida Seggi Elettorali e Cariche Pubbliche 2016 Guida premi di risultato L Imposta sostitutiva

Dettagli

Agli Iscritti e-news. Oggetto: Premi di risultato e welfare aziendale Circolare Agenzia delle entrate n. 28/E del 15 giugno 2016

Agli Iscritti e-news. Oggetto: Premi di risultato e welfare aziendale Circolare Agenzia delle entrate n. 28/E del 15 giugno 2016 Roma - 21/06/2016 Prot.138 Ai Segretari Generali Regionali Alle Strutture Regionali Alle Strutture Territoriali Ai Responsabili Sindacali Agli Iscritti e-news Oggetto: Premi di risultato e welfare aziendale

Dettagli

Welfare Aziendale e detassazione premi di produttività. Un nuovo modo di fare impresa.

Welfare Aziendale e detassazione premi di produttività. Un nuovo modo di fare impresa. Perugia, 8 giugno 2016 Welfare Aziendale e detassazione premi di produttività. Un nuovo modo di fare impresa. Golf Club Perugia - Mercoledì 8 Giugno 2016 Welfare Aziendale: il contesto in breve Dott. Cino

Dettagli

Guida alla detassazione Tabelle di sintesi. Fonti normative e prassi

Guida alla detassazione Tabelle di sintesi. Fonti normative e prassi Guida alla detassazione 2011 Tabelle di sintesi Fonti normative e prassi Legge n.122/2010 (dl 78/10) art. 53 (proroga la detassazione al 2011, ma non definisce la misura) Legge n.220/10 art.1 comma 47

Dettagli

Articolo 51 TUIR. Invariato. Comma. 1. Comma. 1

Articolo 51 TUIR. Invariato. Comma. 1. Comma. 1 Comma. 1 Il reddito di lavoro dipendente è costituito da tutte le somme e i valori in genere, a qualunque titolo percepiti nel periodo d imposta, anche sotto forma di erogazioni liberali, in relazione

Dettagli

DOSSIER ALLA DETASSAZIONE DEI PREMI DI PRODUTTIVITA 2016 (Comparti privati)

DOSSIER ALLA DETASSAZIONE DEI PREMI DI PRODUTTIVITA 2016 (Comparti privati) N. Speciale A cura di Antonio Marchini www.abcdeidiritti.it www.fpcgil.it DOSSIER ALLA DETASSAZIONE DEI PREMI DI PRODUTTIVITA 2016 (Comparti privati) Indice Breve Guida alla detassazione Contenuti della

Dettagli

L ufficio paghe informa: a cura della responsabile Consulente del lavoro Cristiana Viduli

L ufficio paghe informa: a cura della responsabile Consulente del lavoro Cristiana Viduli Associazione Artigiani Piccole e Medie Imprese di Trieste L ufficio paghe informa: a cura della responsabile Consulente del lavoro Cristiana Viduli Detassazione dei premi di risultato La Legge di Stabilità

Dettagli

DI DIPENDENTI O DI COLLABORATORI NON LEGATI ALLA SOCIETÀ DA RAPPORTI DI LAVORO SUBORDINATO

DI DIPENDENTI O DI COLLABORATORI NON LEGATI ALLA SOCIETÀ DA RAPPORTI DI LAVORO SUBORDINATO 1 BOZZA DI PROPOSTA Pag. 1 di 5 A FAVORE DEI CONSIGLIERI DI AMMINISTRAZIONE, DI DIPENDENTI O DI COLLABORATORI NON LEGATI ALLA SOCIETÀ DA RAPPORTI DI LAVORO SUBORDINATO Le Disposizioni di vigilanza in materia

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio del 11 Settembre 2015 News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Decontribuzione su contrattazione 2 livello: invio delle richieste fino al prossimo 24 settembre 2015 Gentile cliente

Dettagli

Riforma della disciplina fiscale della previdenza complementare, a norma dell'articolo 3 della L. 13 maggio 1999, n. 133.

Riforma della disciplina fiscale della previdenza complementare, a norma dell'articolo 3 della L. 13 maggio 1999, n. 133. D.Lgs. 18-2-2000 n. 47 Riforma della disciplina fiscale della previdenza complementare, a norma dell'articolo 3 della L. 13 maggio 1999, n. 133. Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 marzo 2000, n. 57, S.O. D.Lgs.

Dettagli

ACCORDO QUADRO TERRITORIALE PER LA DETASSAZIONE DEI PREMI DI PRODUTTIVITÀ DELLA PARTECIPAZIONE AGLI UTILI E PER I SERVIZI DI WELFARE

ACCORDO QUADRO TERRITORIALE PER LA DETASSAZIONE DEI PREMI DI PRODUTTIVITÀ DELLA PARTECIPAZIONE AGLI UTILI E PER I SERVIZI DI WELFARE ACCORDO QUADRO TERRITORIALE PER LA DETASSAZIONE DEI PREMI DI PRODUTTIVITÀ DELLA PARTECIPAZIONE AGLI UTILI E PER I SERVIZI DI WELFARE Addì, 29 luglio 2016 presso la sede di Unione Confcommercio Milano,

Dettagli

Gli Approfondimenti di Lavorofacile.it Numero 26/2016 Giovedì 30 giugno 2016

Gli Approfondimenti di Lavorofacile.it Numero 26/2016 Giovedì 30 giugno 2016 Gli Approfondimenti di Lavorofacile.it Numero 26/2016 Giovedì 30 giugno 2016 La nuova detassazione L Agenzia delle entrate, con la circolare n. 28 del 15 giugno 2016, ha fornito chiarimenti in merito all

Dettagli

Produttività e welfare contrattuale

Produttività e welfare contrattuale #merito&bisogno Produttività e welfare contrattuale Team Economico @ Palazzo Chigi 3 novembre 2016 Produttività e welfare contrattuale Aumenta la detassazione del salario di produttività: potranno avvalersene

Dettagli

Legge di Stabilità 2016

Legge di Stabilità 2016 Legge di Stabilità 2016 Detassazione premi di produzione Welfare aziendale e contrattazione II livello Lavoro a tempo parziale e pensionamento Le nuove deduzioni IRAP La nuova Certificazione Unica: ultimi

Dettagli

REGIME FISCALE DELLE COOPERATIVE IN MATERIA DI IRES

REGIME FISCALE DELLE COOPERATIVE IN MATERIA DI IRES REGIME FISCALE DELLE COOPERATIVE IN MATERIA DI IRES SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI AGEVOLAZIONI FISCALI DELLE CO- OPERATIVE DEDUCIBILITÀ DELLE SOMME DE- STINATE ALLE RISERVE INDIVISIBILI NORME DI ESENZIONE

Dettagli

La detassazione dei premi di risultato e il welfare aziendale

La detassazione dei premi di risultato e il welfare aziendale 3 Settembre 2016 N www.cgil. bergamo.it La detassazione dei premi di risultato e il welfare aziendale C on l inserimento nella Legge di stabilità (L. 208/2015; artt. 182-190) la detassazione diventa un

Dettagli

m_lps.33.registro UFFICIALE.USCITA

m_lps.33.registro UFFICIALE.USCITA m_lps.33.registro UFFICIALE.USCITA.0004274.22-07-2016 Direzione Generale dei sistemi informativi, dell innovazione tecnologica e della comunicazione Tutte le Direzioni Interregionali e Territoriali del

Dettagli

CONTRATTAZIONE COLLETTIVA INTEGRATIVA E DI PROSSIMITÀ

CONTRATTAZIONE COLLETTIVA INTEGRATIVA E DI PROSSIMITÀ INCONTRI MENSILI www.tcpercorsi.it CONTRATTAZIONE COLLETTIVA INTEGRATIVA E DI PROSSIMITÀ il nuovo modo di fare formazione BOLOGNA - CAGLIARI - CASERTA - CATANIA - NAPOLI - PADOVA - PALERMO ROMA - TORINO

Dettagli

RISOLUZIONE N. 451/E

RISOLUZIONE N. 451/E RISOLUZIONE N. 451/E Roma, 25 novembre 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Premi di rendimento- imposta sostitutiva decreto

Dettagli

730, Unico 2015 e Studi di settore

730, Unico 2015 e Studi di settore 730, Unico 2015 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 21 21.04.2015 Le somme percepite per incremento della produttività Novità e compilazione del rigo C4 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria:

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI BORSE DI STUDIO PER LA FREQUENZA SCOLASTICA E PER LA PARTECIPAZIONE A SOGGIORNI DI STUDIO ALL ESTERO

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI BORSE DI STUDIO PER LA FREQUENZA SCOLASTICA E PER LA PARTECIPAZIONE A SOGGIORNI DI STUDIO ALL ESTERO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI BORSE DI STUDIO PER LA FREQUENZA SCOLASTICA E PER LA PARTECIPAZIONE A SOGGIORNI DI STUDIO ALL ESTERO Premessa Ai sensi dell art. 49, co.5 del CCNL 9.08.2000, così come integrato

Dettagli

Circolare N. 140 del 13 Ottobre 2016

Circolare N. 140 del 13 Ottobre 2016 Circolare N. 140 del 13 Ottobre 2016 Lavoro accessorio: con i correttivi al Jobs Act cambia la comunicazione Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con il D.Lgs. n. 185 del 24.09.2016

Dettagli

CORSO DI DIRITTO TRIBUTARIO IL DIRITTO TRIBUTARIO PER IL NOTAIO CONSULENTE. Normativa

CORSO DI DIRITTO TRIBUTARIO IL DIRITTO TRIBUTARIO PER IL NOTAIO CONSULENTE. Normativa D.P.R. 29 settembre 1973 n. 600 Disposizioni comuni in materia di accertamento delle imposte sui redditi. Art. 27 Ritenuta sui dividendi. 1. Le società e gli enti indicati nelle lettere a) e b) del comma

Dettagli

Politiche di welfare: aspetti tributari

Politiche di welfare: aspetti tributari Politiche di welfare: aspetti tributari 1 /13 Reddito di lavoro dipendente: definizione Articolo 51 del TUIR 1. Il reddito di lavoro dipendente è costituito da tutte le somme e i valori in genere, a qualunque

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 27 dicembre 2012 Determinazione, per l'anno 2012, della misura massima percentuale della retribuzione di secondo livello oggetto dello sgravio contributivo

Dettagli

Politiche di welfare rivolte ai dipendenti: aspetti tributari

Politiche di welfare rivolte ai dipendenti: aspetti tributari Politiche di welfare rivolte ai dipendenti: aspetti tributari 1 Gli aspetti fiscali in capo al dipendente Principi generali I buoni spesa I benefit di cui alla lettera f) I benefit di cui alla lettera

Dettagli

Approvazione del testo unico delle imposte sui redditi.

Approvazione del testo unico delle imposte sui redditi. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 22 dicembre 1986, n. 917 Approvazione del testo unico delle imposte sui redditi. Vigente al: 30 12 2016 Capo IV REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE Art. 51 (Determinazione

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA Roma, 27/5/1998

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA Roma, 27/5/1998 ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA Roma, 27/5/1998 I N P D A P DIREZIONE CENTRALE Alle Sedi provinciali INPDAP ENTRATE CONTRIBUTIVE A tutti gli Enti con personale

Dettagli

RISOLUZIONE N. 83/E. Roma, 17 agosto 2010. Direzione Centrale Normativa

RISOLUZIONE N. 83/E. Roma, 17 agosto 2010. Direzione Centrale Normativa RISOLUZIONE N. 83/E Roma, 17 agosto 2010 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Imposta sostitutiva Retribuzioni erogate ai dipendenti per lavoro notturno e straordinario - articolo

Dettagli

NOTA ILLUSTRATIVA DELLE MISURE SPERIMENTALI PER L INCREMENTO DELLA PRODUTTIVITÀ

NOTA ILLUSTRATIVA DELLE MISURE SPERIMENTALI PER L INCREMENTO DELLA PRODUTTIVITÀ Dipartimento Democrazia Economica,Economia Sociale, Fisco e Previdenza NOTA ILLUSTRATIVA DELLE MISURE SPERIMENTALI PER L INCREMENTO DELLA PRODUTTIVITÀ DEL LAVORO CONTENUTI NELL ART. 2 DEL D. LGS 93/2008,

Dettagli

ESPOSIZIONE DEL QUESITO

ESPOSIZIONE DEL QUESITO RISOLUZIONE N. 34/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 10 marzo 2004 Oggetto: Istanza di interpello Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. WX spa Utilizzo di opere e servizi da parte

Dettagli

Willis Towers Watson. ABI HR Forum Welfare I piani PDR e Flexible Benefits Cesare Lai. 10 maggio 2016

Willis Towers Watson. ABI HR Forum Welfare I piani PDR e Flexible Benefits Cesare Lai. 10 maggio 2016 Willis Towers Watson ABI HR Forum 2016 Welfare I piani PDR e Flexible Benefits Cesare Lai 10 maggio 2016 2016 Willis Towers Watson. All rights reserved. Le domande sul nuovo welfare Come è cambiata la

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. tra. premesso che

VERBALE DI ACCORDO. tra. premesso che VERBALE DI ACCORDO Il giorno, in Milano (anche nella qualità di Capogruppo) le Delegazioni Sindacali di Gruppo delle OOSS tra e premesso che il comma 481 dell art. 1 della legge 24 dicembre 2012 n.228

Dettagli

Circolare n. 31 del 21/10/2016

Circolare n. 31 del 21/10/2016 Direzione Generale degli Ammortizzatori sociali e I.O. Circolare n. 31 del 21/10/2016 Oggetto: Decreto legislativo n. 185 del 24 settembre 2016 recante Disposizioni integrative e correttive dei decreti

Dettagli

SERVIZIO LAVORO E PREVIDENZA

SERVIZIO LAVORO E PREVIDENZA SERVIZIO LAVORO E PREVIDENZA CIRCOLARE N. 29 del 19.05.2016 OGGETTO: Benefici fiscali per premi di risultato. Il Decreto ministeriale 25-3-2016, pubblicato il 16-5-2016 nell'area pubblicità legale del

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Economia e delle Finanze Visto l articolo 1, comma 91, della legge 23 dicembre 2014, n. 190, il quale dispone, tra l altro, che, a decorrere dal periodo di imposta 2015, agli enti di previdenza

Dettagli

Roma, 6 luglio 2012 ALLE ASSOCIAZIONI ALBERGATORI ALLE UNIONI REGIONALI AI SINDACATI NAZIONALI AL CONSIGLIO DIRETTIVO AI REVISORI DEI CONTI LORO SEDI

Roma, 6 luglio 2012 ALLE ASSOCIAZIONI ALBERGATORI ALLE UNIONI REGIONALI AI SINDACATI NAZIONALI AL CONSIGLIO DIRETTIVO AI REVISORI DEI CONTI LORO SEDI Roma, 6 luglio 2012 Circ. n. 167 / 2012 Prot. n. 554 / AGC Arch. n. 4 / ALLE ASSOCIAZIONI ALBERGATORI ALLE UNIONI REGIONALI AI SINDACATI NAZIONALI AL CONSIGLIO DIRETTIVO AI REVISORI DEI CONTI LORO SEDI

Dettagli

CONSEGNA DELLE CERTIFICAZIONI DEI SOSTITUTI D IMPOSTA

CONSEGNA DELLE CERTIFICAZIONI DEI SOSTITUTI D IMPOSTA CONSEGNA DELLE CERTIFICAZIONI DEI SOSTITUTI D IMPOSTA Con la presente si ricorda il termine del 28 febbraio 2014 per la consegna delle certificazioni dei compensi corrisposti nel corso dell anno solare

Dettagli

Roma, 28 settembre 2010 Prot. PU_CIR_3891_VC_fg_nn

Roma, 28 settembre 2010 Prot. PU_CIR_3891_VC_fg_nn SEDE NAZIONALE Via Abruzzi, 3 00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caf.nazionale@cisl.it www.cafcisl.it Roma, 28 settembre 2010 Prot. PU_CIR_3891_VC_fg_nn - Al Responsabile Servizi fiscali Cisl

Dettagli

Detassazione e decontribuzione: dalla prima sperimentazione alle novità per il 2012

Detassazione e decontribuzione: dalla prima sperimentazione alle novità per il 2012 Detassazione e decontribuzione: dalla prima sperimentazione alle novità per il 2012 di Alessandro Corvino Avvocato Foro di Bergamo Labour Lawyers La detassazione: quadro normativo - Art. 2, decreto legge

Dettagli