IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO"

Transcript

1 SITO ERSAF

2 OSSERVATORIO AGROALIMENTARE LOMBARDO QUADERNO n 23 EDIZIONE MAGGIO 2014 di Cosmino Giovanni Basile IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 2

3 Indice 1. IL SETTORE SUINICOLO IN LOMBARDIA (2013) Il patrimonio suinicolo IL PANORAMA SUINICOLO NAZIONALE (2013) Il patrimonio suinicolo La produzione Le importazioni Le esportazioni TREND DEI PRINCIPALI MERCATI SUINICOLI NAZIONALI (2013) TREND DEI PRINCIPALI MERCATI CEREALICOLI ZOOTECNICI (2013) IL PANORAMA SUINICOLO NEL MONDO (2013) Produzione IL CONSUMO DI CARNE SUINA NEL MONDO (2013) GLI SCAMBI COMMERCIALI DI CARNE SUINA NEL MONDO (2013) Gli scambi (Importazioni ed Esportazioni) LE PREVISIONI PER IL IL PANORAMA SUINICOLO NELL UE (2013) La consistenza LA PRODUZIONE SUINICOLA NELL UE (2013) La produzione e le Macellazioni IL CONSUMO DI CARNE SUINA NELL UE (2013) GLI SCAMBI COMMERCIALI DI CARNE SUINA NELL UE (2013) Esportazioni Importazioni Prezzi LE PREVISIONI PER IL Riferimenti Bibliografici Tabelle e Grafici IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 3

4 1. IL SETTORE SUINICOLO IN LOMBARDIA (2013) 1.1 IL PATRIMONIO SUINICOLO Nel 2013 il patrimonio suinicolo lombardo (dati forniti dagli uffici agricoltura delle province e dalle Camere di commercio) ha subito una contrazione del 3% rispetto al 2012, attestandosi a capi. La flessione si è verificata in tutte le province di produzione ad esclusione di Lecco e Como: Nel dettaglio nei principali bacini di produzione: Mantova -4,7%, Bergamo -6,6%, Cremona -1,8% e Brescia -1,4%. Anche il parco riproduttori delle scrofe si è fortemente ridimensionato con un calo de 9,5%, mentre il parco verri è cresciuto del 10,4%. Il PATRIMONIO SUINICOLO IN LOMBARDIA (dati al 1 dicembre 2013 Ripartizione del patrimonio suinicolo nel 2013 LOMBARDIA ITALIA UE_27 MONDO capi capi capi capi 52,38% Italia 5,86% UE_27 15,48% Mondo 100% IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 4

5 IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 5

6 Il PATRIMONIO SUINICOLO IN LOMBARDIA IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 6

7 Aziende con allevamenti e relativi capi di suini per Regione Dati 6 Censimento dell agricoltura Anni 2010 e 2000 IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 7

8 2. IL PANORAMA SUINICOLO NAZIONALE (2013) 2.1 IL PATRIMONIO SUINICOLO Nel 2013 il patrimonio suinicolo nazionale si è attestato a poco più di capi con un calo dell 1,2% rispetto al Tra le regioni principali produttrici il calo più significativo si è registrato in Emilia Romagna (-43%), mentre in Lombardia e in Piemonte il calo è stato più contenuto, rispettivamente -1,1% e -0,7%. In Veneto si è invece registrato un aumento del numero delle scrofe pari al 4% circa. Per quanto riguarda il parco riproduttori emerge una forte flessione del patrimonio scrofe nazionale con -12,3% rispetto all anno precedente. Oltre l 80% del patrimonio suinicolo nazionale è concentrato in Lombardia (che rimane la regione leadership), Emilia Romagna, Piemonte e Veneto. IL PATRIMONIO SUINICOLO NAZIONALE IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 8

9 Consistenza suinicola nazionale. Dettaglio per regione al 1 dicembre 2013 (numero di capi) IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 9

10 2.2 LA PRODUZIONE Le macellazioni Nel 2013 sono stati abbattuti poco più di 13 milioni di capi suini, con una diminuzione del 2,1% rispetto al È leggermente aumentato il peso vivo, il peso morto totale dei capi grassi macellati e la resa delle carcasse. L attività di macellazione si concentra essenzialmente nei principali bacini di produzione, Lombardia ed Emilia Romagna, che insieme rappresentano il 70% della produzione nazionale. MACELLAZIONE DI SUINI IN ITALIA IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 10

11 MACELLAZIONI MENSILI DI SUINI IN ITALIA (2012) IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 11

12 Macellazioni di suini (peso in quintali). Dettaglio per regione Anno 2010 IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 12

13 Macellazione di suini, per tipo di mattatoio (peso in quintali). Dettaglio per Provincia - Anno 2010 Macellazione di suini, per categoria di animali abbattuti (peso in quintali). Dettaglio per regione - Anno 2010 IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 13

14 IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 14

15 2.3 LE IMPORTAZIONI Nel 2013 le importazioni di suini vivi hanno sono diminuite del 18,7% rispetto all anno precedente, mentre le importazioni di carni suine hanno mostrato un progresso di +3,4%. I paesi fornitori, sono essenzialmente i nostri patners europei, dai quali importiamo quasi il 100% di suini vivi (soprattutto capi d allevamento) e circa il 98% di carne suina e derivati. IMPORTAZIONE MENSILE DI SUINI E CARNE SUINA IN ITALIA NEL 2013 IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 15

16 IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 16

17 IMPORTAZIONE CAPI SUINI E CARNI SUINE NEL 2013 Fonte: ANAS IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 17

18 2.4 LE ESPORTAZIONI Nel 2013 l esportazione di suini vivi è cresciuta del 19,4% rispetto al 2012, mentre l esportazione della carne suina ha registrato un calo del 3% rispetto all anno precedente. ESPORTAZIONE MENSILE DI SUINI E CARNE SUINA IN ITALIA NEL 2013 IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 18

19 IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 19

20 ESPORTAZIONE SUINI VIVI E CARNI SUINE 2013 IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 20

21 3.TREND DEI MERCATI SUINICOLI NAZIONALI (2013) BILANCIO ANNO 2013 Nel 2013, i corsi dei suini grassi sono leggermente cresciuti rispetto al Alla Borsa Merci di Modena, il listino dei suini da industria ha registrato un rialzo complessivo di +0,6%, mentre alla Borsa Merci di Milano, le quotazioni dei suini pesanti sono diminuite dell 1%. Il segno meno della piazza di Milano è però viziato dalle numerose sedute di non quotato che si sono verificate nell arco dell anno e che hanno condizionato negativamente il prezzo medio annuo. Il MERCATO ITALIANO IL MERCATO DEI SUINI DA MACELLO Il 2013, il trend mercantile è stato abbastanza soddisfacente per la nostra suinicoltura. Tutte le categorie dei suini pesanti, seppur lievemente, hanno mostrato il segno più rispetto all anno precedente. Il prezzo minimo dei capi da 156/176 kg si è fermato a 1,295 /kg di peso vivo (Borsa Merci di Modena, seduta del 27/5/2013), mentre il prezzo massimo ha raggiunto quota 1,822 /kg (Borsa Merci di Modena, seduta del 9/9/2013). IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 21

22 L andamento è stato differente nel corso dell anno; nel secondo semestre, i corsi si sono mantenuti a un livello sufficientemente elevato, alla Borsa Merci di Modena il prezzo medio dei 156/176 kg si è attestato a 1,576 /kg di peso vivo, mentre nel primo semestre il prezzo medio è rimasto decisamente più basso, 1,419 /kg. Il costo delle materie prime è rimasto più o meno sullo stesso livello del I prezzi dei cereali, mais, orzo e crusca, sono diminuiti rispettivamente del 3,94%, 6,12 e 2,25%, mentre quello dalla farina di soia nazionale è cresciuto del 5,63%. L esportazione verso i Pesi Terzi e verso i nostri Patners europei si è mantenuta su livelli soddisfacenti e ciò ha compensato in parte il calo dei consumi interni per effetto della crisi economica e per un sostanziale mutamento delle politiche di acquisto dei generi alimentari delle famiglie italiane. Anche nel 2013 non sono mancate le criticità all interno delle commissioni prezzi, dovute ai forti contrasti che si sono creati tra le parti (allevatori e macellatori). La Borsa merci di Mantova ha quotato per tutto l anno solo i suini d allevamento lasciando un perenne non quotato per i suini da industria, alla Borsa merci di Milano i suini pesanti sono rimasti senza quotazione in moltissime sedute e in seno alla Commissione Unica Nazionale (CUN) oltre a emettere numerosi non quotati negli ultimi tre mesi dell anno i prezzi sono stati definiti solo dagli allevatori in quanto i macellatori non si sono presentati alle riunioni. IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 22

23 MILANO TREND SUINI DA MACELLO ( ) Categoria 156/176 chili IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 23

24 IL MERCATO DEI SUINI D ALLEVAMENTO Nel 2013, le quotazioni dei suini d allevamento hanno segnato una flessione complessiva dell 1,653% rispetto al 2012 ma l andamento è stato differente a secondo delle categorie. Per i capi da 25 a 65 kg il prezzo medio annuo è risultato in territorio negativo, mentre i capi da 15, 80 e 100 kg hanno registrato il segno più. IL MERCATO DI MODENA MODENA 2013 SUINI D'ALLEVAMENTO (Euro/Kg) IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 24

25 IL MERCATO DI MILANO MILANO 2013: TREND SUINI D ALLEVAMENTO IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 25

26 4. TREND DEI MERCATI CEREALICOLI ZOOTECNICI (2013) BILANCIO 2013 MERCATI CEREALICOLI ZOOTECNICI Granoturco nazionale (-3,94% rispetto al 2012) Orzo nazionale (-6,12% rispetto al 2012) Crusca e cruschello (-2,25% rispetto al 2012) Farina di soia nazionale (+5,63% rispetto al 2012) TREND DEI PRINCIPALI PRODOTTI ALIMENTARI AD USO ZOOTECNICO (Borsa Merci di Milano) IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 26

27 TREND DEI PRINCIPALI PRODOTTI ALIMENTARI AD USO ZOOTECNICO (Borsa Merci di Milano) IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 27

28 GRANOTURCO NAZIONALE Alla Granaria di Milano, le quotazioni, si sono mantenute su buoni livelli di prezzo per tutto il primo semestre (sopra i 22 euro al quintale), mentre nel secondo semestre il listino è crollato a causa dello scarso interesse delle industrie mangimistiche. Anche nel 2013, la quota di mais destinata alla produzione di bioenergie è aumentata sensibilmente. PRODUZIONE MAIS IBRIDO IN LOMBARDIA 2013 IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 28

29 ORZO NAZIONALE Nel 2013 l orzo, ha evidenziato un diverso andamento tra il primo e il secondo semestre ma è rimasto sempre su livelli mercantili importanti. PRODUZIONE ORZO NAZIONALE IN LOMBARDIA 2013 IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 29

30 SOJA NAZIONALE Nel 2013 il prezzo della farina di soia in valore medio è cresciuto del 5,63% rispetto al Il listino ha evidenziato un trend, con forti oscillazioni per tutto il periodo dell anno (come si evince dal grafico) ma si è comunque mantenuto sopra la soglia di 40 /q. PRODUZIONE SOIA NAZIONALE IN LOMBARDIA (2013) IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 30

31 CRUSCA E CRUSCHELLO Negativo il trend della crusca nel 2013 che registra un calo del 2,25% rispetto al Anche per la crusca si evidenzia un andamento migliore nel primo semestre dell anno, mentre nel secondo semestre il prezzo è sceso sensibilmente. PRODUZIONE FRUMENTO TENERO IN LOMBARDIA (2013) IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 31

32 5. IL PANORAMA SUINICOLO NEL MONDO (2013) 5.1. LA PRODUZIONE La produzione mondiale di carne suina nel 2013 ha registrato una progressione dell 1,8% rispetto al 2012, con una produzione totale di oltre 107 milioni di tonnellate di carne prodotta. La Cina rimane leader con una produzione che supera i 53 milioni di tonnellate e rappresenta il 48% della produzione totale, segue l UE a 27 con oltre 22 milioni (20%) e gli USA con oltre 10 milioni di tonnellate di carne suina (9%). PRODUZIONE SUINICOLA NEI PRINCIPALI BACINI DI PRODUZIONE IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 32

33 6. IL CONSUMO DI CARNE SUINA NEL MONDO (2013) IL CONSUMO DI CARNE SUINA NEL MONDO NEL 2013 (kg/procapite) USA 28 Kg CANADA 23 Kg BIELORUSSIA 47 Kg RUSSIA 22 Kg CINA 37 Kg UKRAINA 17 Kg GIAPPONE 20 Kg UE27 39 Kg HONG KONG 66 Kg MESSICO 15 Kg BRASILE 14,6 Kg VIETNAM 20,6 Kg CILE 23 Kg ARGENTINA 8 Kg AUSTRALIA 22 Kg IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 33

34 AUTOSUFFICIENZA DI CARNE SUINA NEL MONDO NEL 2013 UKRAINA 78,5% RUSSIA 70,9% Corea del Sud 75,7% ALENA 121,2% UE_27 110,4% CINA 98,4% +1,65% GIAPPONE 51,1% TAIWAN 95% VIETNAM 100,6% CILE 133,7% BRASILE 121,6% Australia 68,2% Fonte: FAO IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 34

35 7. GLI SCAMBI COMMERCIALI DI CARNE SUINA NEL MONDO (2013) 7.1 GLI SCAMBI (Importazioni ed Esportazioni) La crescita della domanda globale continua. Gli economisti sono convinti che la progressione del consumo di carne dovrebbe proseguire anche nel 2013 e che in un contesto di calo della produzione sia nell UE27 che nella America del Nord il prezzo della carne di maiale dovrebbe aumentare. PRINCIPALI PAESI ESPORTATORI DI CARNE SUINA IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 35

36 I principali Paesi importatori: Cina, Russia, Giappone e Corea del Sud, sono i principali paesi importatori, ai quali si aggiungono le il Messico e le Filippine dove la domanda di carne suina è in crescita. PRINCIPALI PAESI IMPORTATORI DI CARNE SUINA NEL 2012 (tonnellate) CINA/HONG KONG (rialzo importante delle importazioni +4,9%) PAESE CHIAVE DELLA CONGIUNTURA DEL SETTORE SUINICOLO MONDIALE IMPORTAZIONE DI CARNE SUINA (UE, rimane il primo fornitore della Cina nonostante il calo dell 11,88%) La Cina è contemporaneamente il primo produttore e il primo consumatore di carne suina nel mondo. Nel 2013 ha importato circa 1,4 milioni di tonnellate di carne suina e 600 mila tonnellate di prodotti a base di carne suina che rappresenta quasi il 3% del consumo totale. L approvvigionamento di Hong Kong è molto più variegato di quello della Cina, il 20% dell importazione di carne suina proviene dal Brasile che è il primo fornitore, mentre la Germania è il primo fornitore di prodotti lavorati. IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 36

37 IMPORTAZIONE DI CARNE SUINA PRINCIPALI PAESI FORNITORI DI CARNE SUINA CINA: APROVVIGIONAMENTO DI CARNE SUINA 2013 UE ,5% CANADA t +16,8% USA t -3% Verso Hong Kong BRASILE t -2,77% IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 37

38 CINA: I PRINCIPALI PAESI DI APROVVIGIONAMENTO DI CARNE SUINA (2013) IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 38

39 IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 39

40 GIAPPONE (ribasso delle importazioni, -3%) Nel 2013 il Giappone ha importato 1,2 milioni di tonnellate di cui 960 mila di carne suina con una flessione del 3% rispetto al Il mercato giapponese è molto importante essendo autosufficiente solo per il 50%. GIAPPONE: IMPORTAZIONE DI CARNE SUINA (Importazioni Totali: tonn, -3%) GIAPPONE: APROVVIGIONAMENTO DI CARNE SUINA 2013 UE: t +2,4% CANADA: t -17,9% USA: t -10,5% IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 40

41 RUSSIA (importazione in caduta, +2,5%) Nel 2013 le importazioni in Russia sono diminuite del 18% per volontà delle autorità russe che hanno ridotto il volume di importazione per proteggere il mercato interno e con l obiettivo di raggiungere in pochi anni l autosufficienza. Le esportazioni canadesi sono diminuite del 55% e quelle statunitensi hanno subito un crollo del 78% a causa dell embargo russo decretato nel corso del La Germania primo fornitore della Russia ha diminuito il suo volume del 24% (-50 mila tonnellate in meno rispetto al 2012) e la Spagna ha addirittura dimezzato la sua quota di mercato con un calo di oltre il 50% che corrisponde a meno 68 mila tonnellate di carne esportata. Tuttavia il calo dell esportazione tedesca e spagnola è stato compensato con l aumento degli altri partner europei. Nel 2013 la Danimarca è diventato il secondo paese fornitore della Russia, dopo la Germania, mentre il Brasile è al terzo posto. La produzione nel 2013 è cresciuta del 2,3% con un forte impulso dato dagli allevamenti intensivi. DANIMARCA t +27% SPAGNA t -54% FRANCIA t +13% GERMANIA t -24,0% RUSSIA: APROVVIGIONAMENTO CARNE SUINA 2013 ( tonn, -18%) CANADA t -59% USA t -93% BRASILE t +1% Esportazione di carne suina in Russia IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 41

42 DANIMARCA t +46% RUSSIA: APROVVIGIONAMENTO CARNE SUINA (PEZZI STACCATI) tonn, -18% GERMANIA t -6% CANADA t -56% USA t -93% SPAGNA t -40% BRASILE t +2% FRANCIA t +18% IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 42

43 COREA DEL SUD (forte ribasso dell importazione -23,2%) Nel 2013 la Corea del Sud ha importato meno di 300 mila tonnellate di carne suina con una flessione del 23,2% rispetto all anno precedente. Tutti i principali fornitori hanno mostrato il segno meno. COREA DEL SUD: IMPORTAZIONE DI CARNE SUINA E CONGELATA COREA DEL SUD: APROVVIGIONAMENTO PRODOTTI CARNE SUINA 2013 ( tonn, -23,2%) UE t -25% CANADA t -30% USA t -34,0% IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 43

44 I principali Paesi esportatori UE, USA, Canada e Brasile sono i principali paesi esportatori di carne suina nel mondo. I PRINCIPALI PAESI ESPORTATORI IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 44

45 USA (esportazione in forte ribasso -5,2%) Nel 2013 la produzione è stata condizionata negativamente da problemi sanitari: la comparsa della PED (diarrea epidemica) ha causato la morte di suinetti in moltissimi allevamenti (gli analisti stimano l abbattimento di circa 3 milioni di capi. Gli effetti probabilmente continueranno anche nel Nel 2013 sono stati macellati 112 milioni di maiali con un ribasso dell 1% rispetto al L attività di macellazione è concentrata in dieci macelli con oltre l 80% dei suini totali abbattuti che operano sui mercati mondiali. Nel 2013 gli USA hanno esportato il 22% della produzione di carne suina, L esportazione verso la Russia è diminuita del 78% in seguito alla presenza nelle carni della Ractopamine. Nel 2013 il costo di produzione è stato molto elevato a causa della siccità del Il prezzo medio si è attestato a 1,41 dollari per chilogrammo di peso vivo. La debolezza del dollaro americano ha accentuato la competitività sui mercati mondiali. I PRINCIPALI MERCATI DI ESPORTAZIONE BILANCIO SETTORE SUINICOLO IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 45

46 CANADA (esportazione lievemente in calo -0,4%) Nel 2013 l esportazione canadese è leggermente diminuita rispetto al 2012 (-0,4%). Il segno negativo che si è registrato nell esportazione verso il Giappone (-9,4%) e la Russia (-55,3%) è stato compensato dall aumento evidenziato verso gli altri paesi. I principali mercati rimangono gli USA e il Giappone, con circa il 70% del totale. La Cina diventato il terzo mercato sorpassando la Russia. La produzione è in crescita grazie anche a un basso costo alimentare che la rende molto competitiva sui mercati. La filiera canadese è strutturata in modo molto efficace: due principali macelli raggruppano il 75% dell attività di macellazione totale. La sinergia tra le imprese è molto efficiente e la buona collaborazione tra le Organizzazioni e l Amministrazione favorisce la riuscita sul piano internazionale. I PRINCIPALI MERCATI DI ESPORTAZIONE BILANCIO SETTORE SUINICOLO IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 46

47 BRASILE (l esportazione rappresenta un quarto della produzione) La produzione nel 2013 si è attestata a 37,4 milioni di capi abbattuti, con un parco scrofe di 1,67 milioni capi. La produzione 2014 è prevista in leggero rialzo del +0,5%. Il Brasile è il quarto paese produttore il terzo paese esportatore di carne suina nel mondo. Nel 2013 l esportazione del Brasile ha segnato un ribasso dell 11% rispetto all anno precedente. Il prezzo della carne di maiale in Brasile ha raggiunto nel 2013 il livello record di 3,63 R$ per kg di carne (R$ = Real brasiliano). I principali paesi di esportazione sono: la Russia con il 26% e Hong Kong con il 23%. Il consumo interno è leggermente calato sotto la soglia di 15 kg procapite/anno. La produzione è concentrata nei grandi allevamenti integrativi privati e cooperative, dove le attività comprendono anche l allevamento di altri animali (bovini, avicoli ecc) e spesso anche ad altri prodotti agricoli. Queste imprese di macellazioni e trasformazione fortemente orientate all esportazione, stipulano dei pre-contratti con gli allevatori con i quali programmano le produzioni. I PRINCIPALI MERCATI DI ESPORTAZIONE IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 47

48 BILANCIO SETTORE SUINI IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 48

49 8. LE PREVISIONI PER IL 2014 Proseguendo il trend di diversi anni in espansione, la produzione prevista di carni suine dovrebbe aumentare dell'1,1% portandosi ad un livello record di 115,5 milioni di tonnellate nel 2014, con l'aiuto dei costi dei mangimi minori, la maggior parte dell'aumento è previsto si verifichi nei paesi in via di sviluppo, dove ha origine oltre il 60% della produzione totale, mentre un aumento della produzione è previsto anche nei paesi sviluppati. L'Asia è la regione leader nella produzione di carne di maiale, che rappresenta più della metà della produzione totale. L'aumento della domanda da parte dei consumatori e gli aiuti di governo hanno spinto negli ultimi anni la produzione in Cina dell 1,6% a circa 55 milioni di tonnellate, pari al 48% della produzione mondiale. Altrove in Asia, sono previsti da lievi a moderati aumenti in Vietnam, Filippine, Giappone, Thailandia e Indonesia. Nella Repubblica di Corea, si prevede di ridurre la produzione a causa della diminuzione del numero dei riproduttori e dell'introduzione di un nuovo sistema di classificazione che prevede incentivi per la riduzione dei pesi di macellazione. Brasile, il 4 più grande produttore al mondo, è destinato ad aumentare la produzione ad un livello record di 3,6 milioni di tonnellate, guidati da migliori prezzi e costi dei mangimi ridotti. È anche prevista una crescita costante in Messico, con una produzione sostenuta dal miglioramento genetico e dalla produttività, che si dovrebbe tradurre in più suinetti per nidiata. La produzione in Europa, il 2 produttore dopo la Cina, con 22,8 milioni di tonnellate, è destinata a crescere poco a causa delle limitazioni imposte dal rispetto delle norme sul benessere degli animali. Negli Stati Uniti, che è al 3 posto nella produzione mondiale, la propagazione della diarrea epidemica dei suini (PED ), che provoca un aumento della mortalità dei suinetti dovrebbe causare un calo dell'1,9% della produzione. Nella Federazione Russa si prevede che la riduzione dei prezzi dei mangimi e le politiche governative che favoriscono le grandi aziende agricole porterà ad un aumento del 2,9%, dando luogo a più di un decennio di crescita. Gli investimenti in nuovi allevamenti ed una migliore redditività dovrebbe anche aumentare la produzione in Ucraina. Il Giappone si conferma il Paese maggiore importatore di carne suine nel mondo, seguito da Russia, Messico e Cina. Gli Stati Uniti mantengono il primato di Paese maggior esportatore a livello mondiale (nonostante il calo registrato nel 2013 dovuto probabilmente ad una riduzione dell'export verso la Russia e il Giappone, seguiti dalla UE, Canada e Brasile. Per quanto riguarda i consumi, si prevede una situazione di sostanziale stabilità nell UE, mentre negli altri Paesi la tendenza è indicata in aumento. IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 49

50 9. IL PANORAMA SUINICOLO NELL UE (2013) 9.1. LA CONSISTENZA Nel 2013 il patrimonio suinicolo nell UE ha evidenziato una nuova regressione, -0,4% rispetto al Il costo di produzione elevato e l adeguamento delle porcilaie alle nuove norme hanno creato anche nel 2013 molte criticità nel settore. Nel dettaglio il calo più importante si è registrato in Francia (-2,5%), Germania (-1%) e Italia e Polonia (-1,2%). Significativo il ribasso del parco scrofe (- 1,7%) che malgrado l ammodernamento delle performance tecniche dovrebbero diminuire anche nel IL PATRIMONIO SUINICOLO NEI PRINCIPALI BACINI DI PRODUZIONE EUROPEA (n capi) (dati 1 dicembre 2013) BELGIO ,5% OLANDA ,8% DANIMARCA ,1% REGNO UNITO ,0% GERMANIA ,0% FRANCIA ,5% POLONIA ,2% ROMANIA ,1% SPAGNA ,5% ITALIA ,2% Patrimonio suinicolo nell UE28: -0,4% 2012: capi 2013: capi IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 50

51 LA CONSISTENZA SUINICOLA NELL UNIONE EUROPEA IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 51

52 IL PARCO SCROFE NELL UNIONE EUROPEA IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 52

53 10. LA PRODUZIONE SUINICOLA NELL UE (2013) LA PRODUZIONE E LE MACELLAZIONI La produzione suinicola europea è diminuita dello 0,4% nel La tendenza a ribasso è proseguita per tutto l anno 2013, ma il calo più accentuato si è registrato nel secondo semestre. L attività di macellazione è diminuita in diversi bacini di produzione: Spagna (-0,4%), Francia (-1,6%), Danimarca (-1,8%) e Olanda (-4%). LA PRODUZIONE SUINICOLA NEI PRINCIPALI BACINI DI PRODUZIONE ANNO 2013 (capi) BELGIO ,9% OLANDA ,0% DANIMARCA ,8% REGNO UNITO ,0% GERMANIA ,7% FRANCIA ,6% POLONIA ,5% ROMANIA ,0% SPAGNA ,4% ITALIA ,4% PRODUZIONE SUINICOLA NELL UE_28 NEL 2013: capi (-0,4%) IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 53

54 LA PRODUZIONE SUINICOLA NELL UE IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 54

55 LA PRODUZIONE DI CARNE SUINA NEI PRINCIPALI BACINI DI PRODUZIONE (2013) (tonnellate) BELGIO ,9 OLANDA ,7% DANIMARCA ,7% REGNO UNITO ,0% GERMANIA ,3% FRANCIA ,9% POLONIA ,6% SPAGNA ,8% ITALIA ,3% Produzione Suinicola UE 28: -0,4% 2012: tonnellate 2013: tonnellate IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 55

56 LA PRODUZIONE DI CARNE SUINA NELL UE IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 56

57 Macellazioni Fra gli indicatori di mercato i dati sulle macellazioni sono essenziali per comprendere l evoluzione del prezzo. Nel 2013 il volume dei suini macellati è diminuito nella maggior parte dei principali bacini di produzione dell Unione Europea. Il calo è stato relativamente contenuto nell UE a 15. L attività di macellazione è scesa nettamente in Francia (-2,12%), Olanda (-1,73%), e Danimarca (- 1,44%), mentre in Spagna il calo è rimasto più contenuto (-0,37%). Trend positivo in Germania (+1,08%), Italia (+3,43%) e Regno Unito (+0,15%). LE MACELLAZIONI SUI PRINCIPALI BACINI DI PRODUZIONE IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 57

58 11. IL CONSUMO DI CARNE SUINA NELL UE (2013) IL CONSUMO EUROPEO DI CARNE SUINA E STATO PENALIZZATO DAL PREZZO ELEVATO Nel 2013 i consumi di carne suina nell UE si sono attestati attorno a 20 milioni di tonnellate, con un ribasso dell 1,1% rispetto al 2012 dove i consumi avevano raggiunto il livello più basso degli ultimi dieci anni. I consumi sono rimasti pressoché stabili nell UE a 15 (+0,3%) ma sono calati fortemente nei nuovi dieci paesi membri (-6,7%). Nel 2013 il consumo procapite si è attestato a 39 kg/anno nell UE a 28, con un ribasso dell 8% rispetto agli ultimi cinque anni (nel 2007 il consumo procapite aveva raggiunto la soglia di 43 kg/anno). La crisi economica ha fortemente condizionato il consumo di carne in tutta l Europa. IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 58

59 BILANCIO SETTORE SUINICOLO IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 59

60 12. GLI SCAMBI COMMERCIALI DI CARNE SUINA NELL UE (2013) ESPORTAZIONI ESPORTAZIONI EUROPEE IN CALO NEL 2013 E RIBASSO DELLA DOMANDA MONDIALE La domanda globale è stata inferiore al La competitività del prezzo della carne suina europea sul mercato mondiale è rimasta relativamente favorevole nel Lo scarto del prezzo si è mantenuto vantaggioso con l America del Nord e il Brasile, malgrado un leggero rialzo del prezzo europeo (+2,3%). I problemi sanitari hanno caratterizzato fortemente la competitività della carne europea sui mercati mondiali. Russia e Cina, i due principali importatori di carne suina dell UE, hanno diminuito fortemente l importazione di carne suina americana in seguito ai residui di ractopamine e ciò ha avvantagiato gli esportatori europei (in particolare Germania, Danimarca, Polonia, Francia e Regno Unito. Tuttavia il volume totale di esportazione dell UE ha mostrato solo un leggero progresso (+0,6% rispetto al 2012). Nel 2013, la Russia ha ridotto l importazione di carne suina di oltre 100 mila tonnellate. L attività commerciale dei paesi europei verso la Bielorussia e l Ucraina, che rappresentano il circuito commerciale alternativo verso il mercato russo, ha subito un forte calo. Per l UE, il ribasso delle esportazioni verso la Corea del Sud (-24,9%), Ucraina (-24,1%) e Bielorussia (-29%) è stato compensato dalla forte crescita verso la Cina (+13,5), e Filippine (+37,9%) per una volume totale in termine di valore di 6 milioni di euro. Nel 2013 la domanda di carne suina della Cina è cresciuta del 5% rispetto al La produzione cinese ha registrato una progressione dell 1,8% e ciò ha permesso di diminuire le importazioni. Le esportazioni dell UE verso i Paesi Terzi ESPORTAZIONE CARNE SUINA E DERIVATI DELL'UE A 27 IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 60

61 Le esportazioni in dettaglio verso i Paesi Terzi Nel dettaglio, la Germania si conferma leadership nell esportazione, tra i paesi dell UE seguita dalla Danimarca e Spagna. IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 61

62 COMMERCIO INTRACOMUNITARIO PRESSOCHE STABILE NEL 2013 (+0,7%) Gli scambi intracomunitari di carne suina, nel periodo in esame, hanno raggiunto circa 5,7 milioni di tonnellate (+0,7%). I principali paesi esportatori sui mercati comunitari sono la Germania con il 26% del volume totale, la Spagna con il 14,5% e la Danimarca con il 14,4%. La Francia si è attestata al 7%. I principali paesi importatori sui mercati comunitari sono la Germania e l Italia con il 18,7% ciascuno del volume totale. L Italia è un mercato nettamente deficitario, mentre la Germania con i suoi paesi satelliti (Olanda, Belgio e Danimarca) compensa la forte importazione con la massiccia esportazione sia verso i mercati comunitari, che sui mercati mondiali. Le importazioni francesi rappresentano il 7,2% degli scambi complessivi. Le esportazioni dei suinetti di OLANDA e DANIMARCA Nel 2013 l esportazione olandese di suinetti ha evidenziato un lieve rialzo di +0,5%, mentre la Danimarca ha registrato una crescita più importante (+4,7%.) I principali mercati di esportazione dei suinetti olandesi e danesi sono il mercato tedesco con il 70% del totale, la Polonia con il 20%, la Repubblica Ceca con il 4% e Italia 3,5%. IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 62

63 LA SITUAZIONE IN SPAGNA Nel 2013 l esportazione di carne suina in Spagna è diminuita del 3,6% rispetto al Il divieto di esportare in Russia verso la fine dell anno ha provocato il segno negativo. La Francia rimane il primo paese di esportazione delle imprese spagnole con oltre il 27% dell esportazione totale, corrispondenti a tonnellate di carne suina. Segue l Italia con oltre il 12% del mercato totale. L aumento delle vendite verso la Cina (+9%), Hong Kong (+20%) e il Giappone (+31%) ha permesso di compensare il forte calo di vendite che si è verificato verso la Russia (-51%), Germania (-19%) e Danimarca (-37%). La Spagna esporta l80% della carne suina totale verso gli stati membri della comunità europea e il restante 20% verso i paesi terzi. Nel 2013 il prezzo medio della carne suina è cresciuto di 4,3 centesimi al chilo attestandosi a 1,378 kg di peso vivo. Nel mese di agosto i corsi hanno raggiunto il livello più alto con 1,533 /kg di peso vivo. I consumi di carne suina in Spagna hanno mostrato un progresso di 1,7% per la carne fresca e +1,5% sui prodotti trasformati. SPAGNA: PAESI DI ESPORTAZIONE IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 63

64 LA SITUAZIONE IN GERMANIA L attività di macellazione in Germania è cresciuta dell 1,1% rispetto all anno precedente. Il prezzo medio della carne di maiale è rimasto pressoché stabile (1,70 /kg di carne suina, nel 2012 si era attestato a 1,71 /kg). Nel mese di agosto i corsi hanno registrato un forte rialzo motivato dagli analisti tedeschi con il calo della produzione, ma a settembre i prezzi erano già in flessione. La posizione geografica avvantaggia notevolmente la Germania e le imprese tedesche, rispetto agli altri paesi concorrenti per questo il mercato tedesco è il più importante d Europa e anche nel mondo. L esportazione tedesca raggiunge i 2,81 milioni di tonnellate di carne suina e di prodotti congelati. Il 74% del volume totale è esportato verso i paesi dell UE mentre il 26% viene esportato verso i paesi terzi. L Italia rimane il primo mercato acquirente con il 12,5% del volume totale tedesco, segue l Olanda con un valore percentuale dell 11,6%. Il principale mercato dei paesi terzi è la Cina con il 7,1%. GERMANIA: ESPORTAZIONE DI CARNE SUINA IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 64

65 GERMANIA: BILANCIO 2013 L attività di macellazione in Germania e molto bene organizzata. Nei primi tre macelli, viene abbattuto il 55% dei suini totali macellati e nei primi 10 macelli il 76%. I PRINCIPALI MACELLI IN GERMANIA IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 65

66 LA SITUAZIONE IN FRANCIA SERVIZIO EVOLUZIONE MERCATI Nel 2013 l esportazione francese è rimasta sullo stesso livello del L Italia rimane il primo paese di esportazione con circa 129 tonnellate di carne di maiale che consolida il primato con un incremento nel 2013 del 2% rispetto all anno precedente. Seguono la Spagna (+17,1), Cina (+9,7) e Russia (+12%). FRANCIA: ESPORTAZIONE DI CARNE SUINA FRANCIA: BILANCIO SETTORE SUINICOLO I PRINCIPALI MACELLI SUINI IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 66

67 LA SITUAZIONE IN POLONIA Per il primo anno, dopo il 2008, la produzione in Polonia resta pressoché stabile (-0,5%). Rispetto al 2002, la Polonia ha ridotto la sua produzione del 40% con una flessione di 870 mila scrofe. Nel 2013 il parco scrofe è calato ancora del 5,6%. L autosufficienza si è attestata al 95% e un terzo delle sue importazioni, provengono dalla Germania Belgio e Danimarca. ESPORTAZIONE DI CARNE SUINA IMPORTAZIONE DI CARNE SUINA IMPORTAZIONE DI SUINI VIVI IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 67

68 12.2. IMPORTAZIONI Nuovo ribasso delle importazioni di carne suina dell UE nel La Svizzera e il Cile sono i principali fornitori di carne suina; Il Cile ha fornito all UE tonnellate di carne suina, mentre la Svizzera ha fornito tonnellate di carne e suini vivi. Le importazioni da Paesi Terzi UE: Importazione di carne suina IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 68

69 12.3. PREZZI Nel 2013 il prezzo della carne di maiale sul mercato comunitario ha mostrato complessivamente un trend leggermente positivo. Nel dettaglio i corsi sono cresciuti in Spagna del 3,22% rispetto al 2012, con un guadagno di 4 centesimi per kg di carne. Anche l Italia (+0,81%), Danimarca (+0,53%) e Francia (+0,69%) sono rimaste in territorio positivo, mentre sono leggermente calati in Germania -0,47% e Olanda -0,12%. La forte domanda cinese ha contribuito nel primo semestre 2012 a mantenere un prezzo elevato su tutte le piazze europee, mentre nel secondo semestre il calo dell esportazione verso i paesi terzi ha attenuato la crescita dei corsi, rimanendo comunque su livelli soddisfacenti. PREZZO MEDIO DEL MAIALE NELL UE COSTO DI PRODUZIONE INDICATIVO NEI PRINCIPALI BACINI DI PRODUZIONE IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 69

70 13. LE PREVISIONI PER IL 2014 Nel 2013 il ribasso della produzione di carne suina nell UE è rimasto modesto (-1%), malgrado il forte ribasso del parco scrofe che si era verificato nel Gli investimenti per la messa a norma negli allevamenti secondo il regolamento per il benessere degli animali ha portato miglioramenti sostanziali nella produttività. I problemi sanitari riscontrati dagli operatori americani nel 2013 ha permesso all UE di mantenere un volume di esportazione importante nonostante il ribasso della domanda globale. Il blocco delle esportazioni europee verso la Russia ha un po complicato la situazione, ma si spera di risolvere al più presto i conflitti esistenti con le autorità russe. Il prezzo della carne suina a livello globale, dipenderà molto dall evoluzione della situazione sui mercati mondiali e ciò potrebbe orientare il prezzo sui mercati comunitari. Le previsioni degli esperti dei Paesi UE per il 2014 sono condizionate dall'incertezza circa la soluzione a breve e medio periodo del blocco dell'export verso la Russia, pertanto, soprattutto i Paesi esportatori stimano una leggera flessione delle quotazioni. In ogni caso, le previsioni potrebbero migliorare in ragione dell'importante diminuzione produttiva Nord americana dovuta all'epidemia di PED (Porcine Epidemic Diarrhoea). I prezzi Nord americani sono significativamente aumentati ed hanno reso più competitiva la carne suina europea sui mercati asiatici. Per quanto riguarda l'italia è previsto un modesto miglioramento dei prezzi rispetto all'anno precedente. I consumi nel 2013 sono stati poco dinamici condizionati ancora dalla crisi economica. BILANCIO DI PREVISIONE 2014 IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 70

71 RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI - Eurostat - Agrimer - Ofival - Tecni-Porc, - Baromètre-Porc, - MPB - Gira - USDA - Istat - Regione Lombardia IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 71

72 TABELLE E GRAFICI IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 72

73 IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 73

74 MILANO 2013 TREND SUINI D'ALLEVAMENTO Euro/Kg) MILANO 2013 TREND SUINI DA MACELLO (Euro/Kg) IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 74

75 MERCATO DI MANTOVA SUINI D'ALLEVAMENTO ( /Kg) SUINI DA MACELLO ( /Kg) ANNO da 6 da 15 da 25 da 30 da 40 da 50 da 65 da 80 da / / / / /180 > nq 2,540 2,021 1,964 1,791 1,558 1,333 1,205 1,130 nq nq 1,060 1,117 1,134 1, nq nq 1,925 1,873 1,716 1,511 1,301 1,235 1,198 nq nq 1,106 1,165 1,181 1, nq nq 2,230 2,126 1,887 1,666 1,464 1,387 1,342 nq nq 1,236 1,293 1,308 1, nq nq 1,843 1,734 1,522 1,373 1,243 1,180 1,143 nq nq 1,027 1,084 1,099 1, nq nq 1,861 1,751 1,519 1,358 1,278 1,191 1,175 nq nq 1,016 1,073 1,089 1, nq nq 2,388 2,243 1,939 1,729 1,555 1,435 1,399 nq nq 1,260 1,314 1,331 1, nq nq 2,369 2,255 1,938 1,770 1,586 1,389 1,375 nq nq 1,260 1,341 1,356 1, nq nq 2,582 2,366 2,034 1,891 1,620 1,485 1,472 nq nq 1,294 1,340 1,356 1, nq nq 2,177 1,947 1,680 1,550 1,368 1,223 1,236 nq nq 1,075 1,121 1,136 1, nq nq 1,842 1,710 1,454 1,339 1,195 1,132 1,123 nq nq 0,990 1,037 1,052 0, nq nq 2,502 2,338 2,046 1,859 1,599 1,389 1,358 nq nq 1,190 1,237 1,252 1, nq nq 3,218 2,968 2,611 2,340 1,949 1,718 1,678 nq nq 1,470 1,516 1,532 1, nq 3,240 2,760 2,470 2,060 1,890 1,610 1,430 1,400 nq nq 1,187 1,233 1,249 1, nq 3,510 2,600 2,200 1,900 1,770 1,600 1,390 1,340 nq nq 1,194 1,240 1,257 1, nq 3,344 2,305 1,968 1,697 1,598 1,529 1,327 1,282 nq nq 1,169 1,216 1,234 1, nq 3,260 2,270 2,070 1,790 1,640 1,470 1,400 1,340 nq nq 1,055 1,105 1,130 1, ,050 3,420 2,470 2,270 2,000 1,830 1,590 1,470 1,400 nq nq 1,162 1,212 1,237 1, ,060 3,230 2,240 1,940 1,590 1,480 1,320 1,300 1,280 nq nq 1,065 1,115 1,141 1, ,640 3,020 2,100 1,920 1,700 1,630 1,490 1,380 1,350 nq nq 1,249 1,288 1,318 1, nq 3,430 2,400 2,050 1,630 1,440 1,360 1,320 1,310 nq nq 1,161 1,190 1,225 1, nq 3,470 2,400 2,150 1,810 1,600 1,450 1,330 1,330 nq nq 1,148 1,178 1,228 1, nq 3,346 2,363 2,161 1,879 1,653 1,511 1,423 1,415 nq nq nq nq nq nq ,337 3,763 2,879 2,634 2,276 1,985 1,738 1,628 1,599 nq nq nq nq nq nq 2013 nq 3,882 2,814 2,550 2,117 1,870 1,704 1,668 1,625 nq nq nq nq nq nq Fonte: Borsa Merci di Mantova nq = non quotati IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 75

76 IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 76

77 IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 77

78 IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 78

79 Fonte: ANAS IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 79

80 Previsioni dei prezzi delle carcasse di classe E (classe R per l Italia) nell UE IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 80

Mercato Mercati nazionali /2014. di Cosmino Giovanni Basile BILANCIO ANNO 2013

Mercato Mercati nazionali /2014. di Cosmino Giovanni Basile BILANCIO ANNO 2013 01/2014 Mercato Mercati nazionali 5.1.10 di Cosmino Giovanni Basile BILANCIO ANNO 2013 Nel 2013, i corsi dei suini grassi sono leggermente cresciuti rispetto al 2012. Alla Borsa Merci di Modena, il listino

Dettagli

BILANCIO ANNO BORSA MERCI DI MODENA Prezzo medio 156/176 kg: 1,356 /kg (-7,7%)

BILANCIO ANNO BORSA MERCI DI MODENA Prezzo medio 156/176 kg: 1,356 /kg (-7,7%) 01/2016 Mercato Mercati nazionali 5.1.12 di Cosmino Giovanni Basile BILANCIO ANNO 2015 BORSA MERCI DI MODENA Prezzo medio 156/176 kg: 1,356 /kg (-7,7%) Nel 2015 il prezzo medio dei suini grassi destinati

Dettagli

IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO

IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO OSSERVATORIO AGROALIMENTARE LOMBARDO QUADERNO n 23 EDIZIONE GIUGNO 2015 di Cosmino Giovanni Basile IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 2 Indice 1. IL SETTORE

Dettagli

IL MERCATO DEI SUINI

IL MERCATO DEI SUINI ANNO 2011 IL MERCATO DEI SUINI IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 2011 1 OSSERVATORIO AGROALIMENTARE LOMBARDO QUADERNO n 21 EDIZIONE LUGLIO 2012 di Cosmino Giovanni Basile IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE

Dettagli

IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO

IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO OSSERVATORIO AGROALIMENTARE LOMBARDO QUADERNO n 25 EDIZIONE LUGLIO 2017 di Cosmino Giovanni Basile IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 2 Indice 1. IL SETTORE

Dettagli

IL MERCATO DEI SUINI

IL MERCATO DEI SUINI ANNO 2010 IL MERCATO DEI SUINI IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 2010 1 OSSERVATORIO AGROALIMENTARE LOMBARDO QUADERNO n 20 EDIZIONE GIUGNO 2011 di Cosmino Giovanni Basile IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE

Dettagli

IL MERCATO DEI SUINI

IL MERCATO DEI SUINI ANNO 2012 IL MERCATO DEI SUINI IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 2012 1 OSSERVATORIO AGROALIMENTARE LOMBARDO QUADERNO n 22 EDIZIONE GIUGNO 2013 di Cosmino Giovanni Basile IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE

Dettagli

IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO

IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO OSSERVATORIO AGROALIMENTARE LOMBARDO QUADERNO n 24 EDIZIONE GIUGNO 2016 di Cosmino Giovanni Basile IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 2 Indice 1. IL SETTORE

Dettagli

IL MERCATO DEI SUINI

IL MERCATO DEI SUINI IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO ANNO 2008 IL MERCATO DEI SUINI Produzione e Consumo 2009 1 OSSERVATORIO AGROALIMENTARE LOMBARDO QUADERNO n 18 EDIZIONE APRILE 2009 di Ernesto Faravelli Cosmino

Dettagli

IL MERCATO DELLE CARNI

IL MERCATO DELLE CARNI OSSERVATORIO AGROALIMENTARE LOMBARDO QUADERNO N 12 EDIZIONE OTTOBRE 2014 Di Cosmino Giovanni Basile IL MERCATO DELLE CARNI BOVINE, OVICAPRINE E AVICUNICOLE PRODUZIONE E CONSUMO ANNO 2013 IL MERCATO DELLE

Dettagli

IL MERCATO DELLE CARNI

IL MERCATO DELLE CARNI IL MERCATO DELLE CARNI BOVINE, OVICAPRINE E AVICUNICOLE PRODUZIONE E CONSUMO ANNO 2011 OSSERVATORIO AGROALIMENTARE LOMBARDO QUADERNO N 10 EDIZIONE SETTEMBRE 2012 Di Cosmino Giovanni Basile IL MERCATO DELLE

Dettagli

IL MERCATO DELLE CARNI

IL MERCATO DELLE CARNI IL MERCATO DELLE CARNI BOVINE, OVICAPRINE E AVICUNICOLE PRODUZIONE E CONSUMO ANNO 2012 OSSERVATORIO AGROALIMENTARE LOMBARDO QUADERNO N 11 EDIZIONE OTTOBRE 2013 Di Cosmino Giovanni Basile IL MERCATO DELLE

Dettagli

IL MERCATO DEI SUINI

IL MERCATO DEI SUINI ANNO 2009 IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO 2009 1 OSSERVATORIO AGROALIMENTARE LOMBARDO QUADERNO n 19 EDIZIONE APRILE 2010 di Ernesto Faravelli Cosmino

Dettagli

IL MERCATO DELLE CARNI

IL MERCATO DELLE CARNI OSSERVATORIO AGROALIMENTARE LOMBARDO QUADERNO N 13 EDIZIONE OTTOBRE 2016 Di Cosmino Giovanni Basile IL MERCATO DELLE CARNI BOVINE, OVICAPRINE E AVICUNICOLE PRODUZIONE E CONSUMO ANNO 2015 IL MERCATO DELLE

Dettagli

BORSA MERCI DI MILANO Anno PREZZO MEDIO 156/176 Kg: 1,123 (-8,550%)

BORSA MERCI DI MILANO Anno PREZZO MEDIO 156/176 Kg: 1,123 (-8,550%) 01/2006 Mercato Mercati nazionali 5.1.2 di Ernesto Faravelli e Cosmino Giovanni Basile BORSA MERCI DI MILANO Anno 2005 PREZZO MEDIO 156/176 Kg: 1,123 (-8,550%) L EVOLUZIONE INTERNAZIONALE Nel 2005, i prezzi

Dettagli

PREZZO MEDIO 156/176 Kg: 1,240 (+10,42%)

PREZZO MEDIO 156/176 Kg: 1,240 (+10,42%) 01/2007 Mercato Mercati nazionali 5.1.3 di Cosmino Giovanni Basile PREZZO MEDIO 156/176 Kg: 1,240 (+10,42%) L EVOLUZIONE INTERNAZIONALE Analizzando i prezzi medi del 2006, traspare una fase di ciclo al

Dettagli

IL MERCATO DELLE CARNI

IL MERCATO DELLE CARNI OSSERVATORIO AGROALIMENTARE LOMBARDO QUADERNO N 13 EDIZIONE SETTEMBRE 2015 Di Cosmino Giovanni Basile IL MERCATO DELLE CARNI BOVINE, OVICAPRINE E AVICUNICOLE PRODUZIONE E CONSUMO ANNO 2014 IL MERCATO DELLE

Dettagli

IL MERCATO DELLE CARNI

IL MERCATO DELLE CARNI IL MERCATO DELLE CARNI BOVINE, OVICAPRINE E AVICUNICOLE PRODUZIONE E CONSUMO ANNO 2010 OSSERVATORIO AGROALIMENTARE LOMBARDO QUADERNO N 9 EDIZIONE OTTOBRE 2011 Di Cosmino Giovanni Basile IL MERCATO DELLE

Dettagli

IL MERCATO DEI SUINI

IL MERCATO DEI SUINI IL MERCATO DEI SUINI PRODUZIONE E CONSUMO ANNO 27 IL MERCATO DEI SUINI Produzione e Consumo 27 1 OSSERVATORIO AGROALIMENTARE LOMBARDO QUADERNO n 17 EDIZIONE APRILE 28 di Ernesto Faravelli Cosmino Giovanni

Dettagli

Nel corso del 2006 il patrimonio

Nel corso del 2006 il patrimonio Bilancio 2006 delle carni suine: quotazioni, produzione, export e consumi Vania Corazza Foto Gianni Volpi Com è andato nel 2006 il settore delle carni suine? Tutti i dettagli in questa approfondita analisi

Dettagli

L attuale evoluzione dei mercati suinicoli: tendenze e prospettive

L attuale evoluzione dei mercati suinicoli: tendenze e prospettive L attuale evoluzione dei mercati suinicoli: tendenze e prospettive Prof. Gabriele Canali Direttore Crefis Convegno promosso dall OI Gran Suino Italiano Come valorizzare le carni suine per competere sui

Dettagli

Il 2007 è stato un anno estremamente. Il comparto suinicolo, bilancio 2007 PATRIMONIO SUINICOLO. Indicatori Economici

Il 2007 è stato un anno estremamente. Il comparto suinicolo, bilancio 2007 PATRIMONIO SUINICOLO. Indicatori Economici Il comparto suinicolo, bilancio 2007 Vania Corazza PATRIMONIO SUINICOLO Il 2007 è stato un anno estremamente movimentato per il settore agroalimentare, come noto, infatti, già dalla primavera si sono registrate

Dettagli

Giovedì agricoli mantovani: Prospettive per la suinicoltura mantovana. Mantova, 16 febbraio 2012

Giovedì agricoli mantovani: Prospettive per la suinicoltura mantovana. Mantova, 16 febbraio 2012 Giovedì agricoli mantovani: Prospettive per la suinicoltura mantovana Mantova, 16 febbraio 2012 Prezzi settimanali suini da macello pesanti 160-176 Kg (circuito tutelato) - CUN Fonte: elaborazioni Crefis

Dettagli

SCENARIO MONDIALE E POSIZIONAMENTO ALL ESTERO DEI SALUMI ITALIANI

SCENARIO MONDIALE E POSIZIONAMENTO ALL ESTERO DEI SALUMI ITALIANI SCENARIO MONDIALE E POSIZIONAMENTO ALL ESTERO DEI SALUMI ITALIANI RAFFAELE BORRIELLO ISMEA 13 giugno 2017 MERCATO MONDIALE DELLA CARNE 140.000 120.000 100.000 80.000 60.000 40.000 2005 2007 2009 2011 TREND

Dettagli

LA PRODUZIONE DI CARNE AVICOLA VENETA A CONFRONTO COL RESTO D EUROPA (EU27)

LA PRODUZIONE DI CARNE AVICOLA VENETA A CONFRONTO COL RESTO D EUROPA (EU27) LA PRODUZIONE DI CARNE AVICOLA VENETA A CONFRONTO COL RESTO D EUROPA (EU27) Il progetto AGRICONFRONTI EUROPEI intende, attraverso la raccolta di dati da fonti ufficiali (Eurostat e Istat), mettere a confronto

Dettagli

Suini. Mercato origine-trend nazionale. N. 21 Settimana dal 13 al 19 luglio Mercato nazionale-mercato estero

Suini. Mercato origine-trend nazionale. N. 21 Settimana dal 13 al 19 luglio Mercato nazionale-mercato estero Suini N. 21 Settimana dal 13 al 19 luglio 20 Mercato nazionale-mercato estero Mercato origine-trend nazionale Prosegue l andamento al ribasso per i suinetti che in questa settimana hanno visto interessate

Dettagli

Prime valutazioni sull andamento del settore agroalimentare veneto nel Rapporto di sintesi

Prime valutazioni sull andamento del settore agroalimentare veneto nel Rapporto di sintesi Prime valutazioni sull andamento del settore agroalimentare veneto nel 2016 Rapporto di sintesi Il valore complessivo della produzione lorda agricola veneta nel 2016 è stimato in 5,5 miliardi di euro,

Dettagli

IL MERCATO DELLE CARNI BOVINE, OVICAPRINE E AVICUNICOLE PRODUZIONE E CONSUMO

IL MERCATO DELLE CARNI BOVINE, OVICAPRINE E AVICUNICOLE PRODUZIONE E CONSUMO IL MERCATO DELLE CARNI BOVINE, OVICAPRINE E AVICUNICOLE PRODUZIONE E CONSUMO ANNO 2006 OSSERVATORIO AGROALIMENTARE LOMBARDO QUADERNO N 5 Di Ernesto Faravelli Cosmino Giovanni Basile IL MERCATO DELLE CARNI

Dettagli

IL MERCATO DELLE CARNI

IL MERCATO DELLE CARNI IL MERCATO DELLE CARNI BOVINE, OVICAPRINE E AVICUNICOLE PRODUZIONE E CONSUMO ANNO 2009 OSSERVATORIO AGROALIMENTARE LOMBARDO QUADERNO N 8 EDIZIONE APRILE 2010 Di Ernesto Faravelli Cosmino Giovanni Basile

Dettagli

Direzione Servizi per lo sviluppo rurale. I numeri della filiera del pomodoro da industria

Direzione Servizi per lo sviluppo rurale. I numeri della filiera del pomodoro da industria Direzione Servizi per lo sviluppo rurale I numeri della filiera del pomodoro da industria Roma, giugno 2017 I numeri della filiera del pomodoro da industria La produzione Nel 2016, i volumi mondiali di

Dettagli

LA PRODUZIONE DI CARNE BOVINA

LA PRODUZIONE DI CARNE BOVINA LA PRODUZIONE DI CARNE BOVINA Il progetto AGRICONFRONTI EUROPEI intende, attraverso la raccolta di dati da fonti ufficiali (Eurostat e Istat), mettere a confronto la situazione dell agricoltura veneta

Dettagli

Rapporto trimestrale sulle filiere suinicole Primo trimestre 2013

Rapporto trimestrale sulle filiere suinicole Primo trimestre 2013 Presentazione del Rapporto trimestrale sulle filiere suinicole Primo trimestre 2013 Prof. Gabriele Canali Direttore Crefis Unioncamere Lombardia, Milano 14 maggio 2013. Gli altri partner e sponsor del

Dettagli

Mais e soia: tendenze e dinamiche recenti

Mais e soia: tendenze e dinamiche recenti Mais e soia: tendenze e dinamiche recenti Produzione di mais e soia in flessione Dopo due annate record, l offerta mondiale di mais per la campagna di commercializzazione 2015/16 evidenzia, in base alle

Dettagli

REPORT VINO Scambi internazionali I trimestre 2014

REPORT VINO Scambi internazionali I trimestre 2014 REPORT VINO Scambi internazionali I trimestre 2014 Il punto del primo trimestre 2014 sul commercio internazionale 16 luglio 2014 Battuta d arresto per gli scambi in volume e valore Il primo trimestre del

Dettagli

Il mercato delle carni suine Rapporto Regione Lombardia, via Pola 12, sala 1, Milano 14 dicembre 2010

Il mercato delle carni suine Rapporto Regione Lombardia, via Pola 12, sala 1, Milano 14 dicembre 2010 Il mercato delle carni suine Rapporto 2010 Regione Lombardia, via Pola 12, sala 1, Milano 14 dicembre 2010 Il progetto e gli enti finanziatori Crefis presenta oggi il Rapporto 2010 su Il mercato delle

Dettagli

Mais e soia: tendenze e dinamiche recenti

Mais e soia: tendenze e dinamiche recenti e soia: tendenze e dinamiche recenti In ripresa i prezzi agricoli del mais. mentre cedono quelli della soia I primi sette mesi della campagna di commercializzazione 2015/16 sono stati caratterizzati dalla

Dettagli

3. Il Commercio Internazionale

3. Il Commercio Internazionale 27 Bollettino di Statistica 3. Il Commercio Internazionale Aumenta l export napoletano Nei primi nove mesi del 2011 il valore a prezzi correnti delle esportazioni della provincia di Napoli ammonta ad oltre

Dettagli

SETTORE PELLETTERIA: CONSUNTIVO 2015 e 1 TRIMESTRE 2016

SETTORE PELLETTERIA: CONSUNTIVO 2015 e 1 TRIMESTRE 2016 SETTORE PELLETTERIA: CONSUNTIVO 2015 e 1 TRIMESTRE 2016 Nel 2015 il settore ha beneficiato ancora della spinta generata dal fatturato estero (6,5 miliardi il valore complessivo delle merci esportate),

Dettagli

Agroalimentare Made in Italy: export e import dell Italia con i Paesi BRICS e TICKS

Agroalimentare Made in Italy: export e import dell Italia con i Paesi BRICS e TICKS Agroalimentare Made in Italy: export e import dell Italia con i Paesi BRICS e TICKS BRICS e TICKS sono acronimi, adottati da alcuni fondi internazionali di investimento finanziario, che individuano i principali

Dettagli

Suini. Mercato origine-trend nazionale. N. 11 Settimana n 13 dal 26 marzo al 1 aprile Mercato nazionale-mercato estero

Suini. Mercato origine-trend nazionale. N. 11 Settimana n 13 dal 26 marzo al 1 aprile Mercato nazionale-mercato estero Suini N. 11 Settimana n 13 dal 26 marzo al 1 aprile 20 Mercato nazionale-mercato estero Mercato origine-trend nazionale Il buon andamento dei suinetti da allevamento per le taglie da 20 a 65 kg ha trovato

Dettagli

I prezzi delle Camere di Commercio CEREALI

I prezzi delle Camere di Commercio CEREALI I prezzi delle Camere di Commercio CEREALI Giugno 2014 in collaborazione con REF Ricerche FRUMENTO DURO- MAGGIO 2014 MERCATO NAZIONALE: CHIUSURA DI CAMPAGNA ALL INSEGNA DELLA STABILITA DEI PREZZI Le battute

Dettagli

Il mercato della carne suina Rapporto 2012

Il mercato della carne suina Rapporto 2012 Il mercato della carne suina Rapporto 2012 Milano - Unioncamere Lombardia, 20 dicembre 2012 Prof. Gabriele Canali Direttore Crefis - Università Cattolica del S. Cuore Oltre all Assessorato Agricoltura

Dettagli

Mercato del grano: dieci anni di instabilità

Mercato del grano: dieci anni di instabilità Mercato del grano: dieci anni di instabilità Le cronache recenti trasmettono, come mai in precedenza, l allarme degli agricoltori italiani per il crollo dei prezzi di vendita della produzione di grano:

Dettagli

OSSERVATORIO DEI MERCATI DELLA 15 SETTIMANA E DEI MERCATI DEL LUNEDI DELLA 16 DELL ANNO 2014

OSSERVATORIO DEI MERCATI DELLA 15 SETTIMANA E DEI MERCATI DEL LUNEDI DELLA 16 DELL ANNO 2014 OSSERVATORIO DEI MERCATI DELLA 15 SETTIMANA E DEI MERCATI DEL LUNEDI DELLA 16 DELL ANNO 2014 RISERVATO AGLI ASSOCIATI IL MERCATO ITALIANO lunedì 7 lunedì 7 giovedì 10 MILANO MODENA MANTOVA KG 7/C NON QUOTATO

Dettagli

Costo di produzione e redditività del suino in Italia e in Europa Kees de Roest

Costo di produzione e redditività del suino in Italia e in Europa Kees de Roest Giornata della suinicoltura 5 Giugno 2015 Quartiere fieristico Reggio Emilia Scenari ed opportunità per la suinicoltura al 2020 e redditività del suino in Italia e in Europa Kees de Roest ASSER Centro

Dettagli

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani. Periodo: LE CONSERVE DI TARTUFO

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani. Periodo: LE CONSERVE DI TARTUFO Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani Periodo: 2006-2008 LE CONSERVE DI TARTUFO NOTA INTRODUTTIVA Le elaborazioni statistiche si propongono di fornire al Lettore uno strumento per l immediata

Dettagli

Agricoltura biologica in Italia: nel 2015, i produttori sono cresciuti dell 8,1%, la SAU del 7,5%

Agricoltura biologica in Italia: nel 2015, i produttori sono cresciuti dell 8,1%, la SAU del 7,5% Agricoltura biologica in Italia: nel, i produttori sono cresciuti dell 8,1%, la SAU del 7,5% Nel, secondo l ultimo rapporto pubblicato dal SINAB (Sistema d Informazione Nazionale sull Agricoltura Biologica),

Dettagli

IL VINO VENETO OLTRE LA CRISI I DATI EXPORT 2010

IL VINO VENETO OLTRE LA CRISI I DATI EXPORT 2010 a cura del SETTORE ECONOMIA, MERCATI E COMPETITIVITÀ Rapporto n. 15 Luglio 211 Numero speciale IL VINO VENETO OLTRE LA CRISI I DATI EXPORT 21 IL VINO VENETO OLTRE LA CRISI: I DATI EXPORT 21 Secondo i dati

Dettagli

Commercio estero e attività internazionali delle imprese 2014

Commercio estero e attività internazionali delle imprese 2014 Commercio estero e attività internazionali delle imprese 2014 L'edizione 2014 dell'annuario statistico realizzato dall'istat e l'ice fornisce un quadro aggiornato sulla struttura e la dinamica dell'interscambio

Dettagli

Comunicato stampa del 24 marzo 2017

Comunicato stampa del 24 marzo 2017 Comunicato stampa del 24 marzo 2017 Brusca frenata dell export in Sardegna: tengono le esportazioni nei Paesi dell Ue grazie al siderurgico, ma la domanda di prodotti sardi è in caduta libera Il 2016 si

Dettagli

L agricoltura italiana a confronto con gli altri principali paesi agricoli dell UE

L agricoltura italiana a confronto con gli altri principali paesi agricoli dell UE L agricoltura italiana a confronto con gli altri principali paesi agricoli dell UE Confrontando i paesi dell Unione Europea per i principali indicatori statistici dell agricoltura, si vede (ultimi rilevamenti

Dettagli

La bilancia commerciale dell agroalimentare italiano nel Elementi di analisi congiunturale e di medio periodo

La bilancia commerciale dell agroalimentare italiano nel Elementi di analisi congiunturale e di medio periodo La bilancia commerciale dell agroalimentare italiano nel 2016 Elementi di analisi congiunturale e di medio periodo Roma, marzo 2017 1 La bilancia commerciale dell agroalimentare italiano nel 2016 Nel 2016

Dettagli

REPORT VINO Scambi internazionali 2013

REPORT VINO Scambi internazionali 2013 REPORT VINO Scambi internazionali 2013 Il punto del 2013 sul commercio internazionale 5 maggio 2014 Battuta d arresto per gli scambi in volume ma cresce il valore Secondo dati ancora provvisori il 2013

Dettagli

L effetto Brexit sull agroalimentare italiano

L effetto Brexit sull agroalimentare italiano L effetto Brexit sull agroalimentare italiano Con l uscita dalla UE, la politica commerciale del Regno Unito sarà sottoposta a rinegoziazione. Da un lato, le imprese britanniche non potranno più beneficiare

Dettagli

IL MERCATO DELLE CARNI BOVINE, OVICAPRINE E AVICUNICOLE

IL MERCATO DELLE CARNI BOVINE, OVICAPRINE E AVICUNICOLE IL MERCATO DELLE CARNI BOVINE, OVICAPRINE E AVICUNICOLE PRODUZIONE E CONSUMO Anno OSSERVATORIO AGROALIMENTARE LOMBARDO QUADERNO N 2 Di Ernesto Faravelli Cosmino Giovanni Basile IL MERCATO DELLE CARNI BOVINE,

Dettagli

I prezzi delle Camere di Commercio CEREALI

I prezzi delle Camere di Commercio CEREALI I prezzi delle Camere di Commercio CEREALI Luglio 2015 in collaborazione con REF Ricerche FRUMENTO DURO- GIUGNO 2015 MERCATO NAZIONALE: LA NUOVA CAMPAGNA SI APRE CON PREZZI IN RIALZO Le prime rilevazioni

Dettagli

I prezzi delle Camere di Commercio CEREALI

I prezzi delle Camere di Commercio CEREALI I prezzi delle Camere di Commercio CEREALI Il sistema camerale per la trasparenza dei prezzi e dei mercati Agosto 2017 in collaborazione con REF Ricerche FRUMENTO DURO LUGLIO 2017 MERCATO NAZIONALE: PREZZI

Dettagli

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2008-2010 le conserve di tartufo Direzione Dipartimento Promozione NOTA INTRODUTTIVA Le elaborazioni statistiche si propongono di fornire al Lettore uno

Dettagli

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 Una leggera frenata del trend che rimane comunque ampiamente positivo nei dieci mesi dell anno: tra gennaio e ottobre sono stati esportati prodotti per 5,3 miliardi,

Dettagli

Il quadro del commercio mondiale: opportunità per le imprese. Alessandra Lanza, Prometeia spa

Il quadro del commercio mondiale: opportunità per le imprese. Alessandra Lanza, Prometeia spa Il quadro del commercio mondiale: opportunità per le imprese Alessandra Lanza, Prometeia spa Esportare perché? Fatturato trainato dall export indici mensili del fatturato nel settore manifatturiero (2010=100)

Dettagli

Esportazioni di prodotti agroalimentari italiani. Periodo 2005 2007. Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani Periodo 2005 2007

Esportazioni di prodotti agroalimentari italiani. Periodo 2005 2007. Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani Periodo 2005 2007 Esportazioni di prodotti agroalimentari italiani Periodo 2005 2007 Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani Periodo 2005 2007 LE PASTE ALIMENTARI Conserve di tartufo NOTA INTRODUTTIVA Le elaborazioni

Dettagli

LE ESPORTAZIONI AGRICOLE E DELL INDUSTRIA ALIMENTARE DELL EMILIA-ROMAGNA. Gennaio 2016

LE ESPORTAZIONI AGRICOLE E DELL INDUSTRIA ALIMENTARE DELL EMILIA-ROMAGNA. Gennaio 2016 LE ESPORTAZIONI AGRICOLE E DELL INDUSTRIA ALIMENTARE DELL EMILIA-ROMAGNA Gennaio 2016 DATI CONGIUNTURALI: I PRIMI NOVE MESI DEL 2015 2 LE ESPORTAZIONI REGIONALI NEL 2015 Nei primi nove mesi del 2015 l

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI: LE ULTIME TENDENZE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI: LE ULTIME TENDENZE L INDUSTRIA ITALIANA UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI: LE ULTIME TENDENZE Centro Studi & Cultura di Impresa I PRINCIPALI PRODUTTORI NEL 2015 Cina 19.910 +8,4% Giappone Germania

Dettagli

IL MERCATO DELLE CARNI BOVINE, OVICAPRINE E AVICUNICOLE PRODUZIONE E CONSUMO

IL MERCATO DELLE CARNI BOVINE, OVICAPRINE E AVICUNICOLE PRODUZIONE E CONSUMO IL MERCATO DELLE CARNI BOVINE, OVICAPRINE E AVICUNICOLE PRODUZIONE E CONSUMO ANNO 2007 OSSERVATORIO AGROALIMENTARE LOMBARDO QUADERNO N 6 EDIZIONE MAGGIO 2008 Di Ernesto Faravelli Cosmino Giovanni Basile

Dettagli

BILANCIO ANNO 2014. MERCATO DI MODENA Prezzo medio categoria 156/176 kg: 1,469 /kg (-2,1%)

BILANCIO ANNO 2014. MERCATO DI MODENA Prezzo medio categoria 156/176 kg: 1,469 /kg (-2,1%) 01/2015 Mercato Mercati nazionali 5.1.11 di Cosmino Giovanni Basile BILANCIO ANNO 2014 MERCATO DI MODENA Prezzo medio categoria 156/176 kg: 1,469 /kg (-2,1%) Nel 2014, il prezzo medio dei suini da industria

Dettagli

CEREALI PREZZI ATTUALI E ASPETTATIVE DEGLI OPERATORI OTTOBRE 2012. 1. Frumento duro 2. Frumento tenero 3. Mais 4. Farina di soia nazionale

CEREALI PREZZI ATTUALI E ASPETTATIVE DEGLI OPERATORI OTTOBRE 2012. 1. Frumento duro 2. Frumento tenero 3. Mais 4. Farina di soia nazionale CEREALI PREZZI ATTUALI E ASPETTATIVE DEGLI OPERATORI OTTOBRE 2012 1. Frumento duro 2. Frumento tenero 3. Mais 4. Farina di soia nazionale 1. Frumento duro 24 28 settembre 2012* Frumento duro nazionale

Dettagli

UNGHERIA CONGIUNTURA ECONOMICA E COMMERCIO ESTERO

UNGHERIA CONGIUNTURA ECONOMICA E COMMERCIO ESTERO UNGHERIA CONGIUNTURA ECONOMICA E COMMERCIO ESTERO 2012 Agenzia per la promozione all estero e e l internazionalizzazione delle imprese italiane Ufficio di Budapest Maggio 2013 IL QUADRO CONGIUNTURALE Congiuntura

Dettagli

IL MERCATO DELLE CARNI BOVINE, OVICAPRINE E AVICUNICOLE

IL MERCATO DELLE CARNI BOVINE, OVICAPRINE E AVICUNICOLE IL MERCATO DELLE CARNI BOVINE, OVICAPRINE E AVICUNICOLE PRODUZIONE E CONSUMO Anno 2005 OSSERVATORIO AGROALIMENTARE LOMBARDO QUADERNO N 4 Di Ernesto Faravelli Cosmino Giovanni Basile IL MERCATO DELLE CARNI

Dettagli

Il commercio estero: sfide e opportunità per l agroalimentare regionale

Il commercio estero: sfide e opportunità per l agroalimentare regionale IL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE DELL EMILIA-ROMAGNA BOLOGNA, 31 MAGGIO 2016 Il commercio estero: sfide e opportunità per l agroalimentare regionale e Renato Pieri Università Cattolica del S. Cuore, sede di

Dettagli

Mais e Soia: tendenze e dinamiche recenti

Mais e Soia: tendenze e dinamiche recenti Mais e Soia: tendenze e dinamiche recenti Prezzi in flessione In Italia calo dei raccolti di mais e stabili quelli di soia Aumenta l import di mais e soia Offerta mondiale record Prospettive del mercato

Dettagli

EUROPA Il mercato delle autovetture a gennaio 2012

EUROPA Il mercato delle autovetture a gennaio 2012 EUROPA Il mercato delle autovetture a gennaio 2012 Nell Europa27+EFTA 1 sono state registrate complessivamente 13,57 milioni di vetture nel 2011, con una flessione dell 1,4% rispetto allo stesso periodo

Dettagli

Il mais: prodotto strategico per

Il mais: prodotto strategico per Il mais: prodotto strategico per l agricoltura italiana Prof. Vasco Boatto Dip. Tesaf Università di Padova Cristian Bolzonella Contagraf - Università di Padova Analisi di scenario del mercato maidicolo

Dettagli

LA LOMBARDIA E IL COMMERCIO INTERNAZIONALE IL SETTORE DEL TESSILE E ABBIGLIAMENTO. A cura di PROMETEIA per UNIONCAMERE LOMBARDIA

LA LOMBARDIA E IL COMMERCIO INTERNAZIONALE IL SETTORE DEL TESSILE E ABBIGLIAMENTO. A cura di PROMETEIA per UNIONCAMERE LOMBARDIA LA LOMBARDIA E IL COMMERCIO INTERNAZIONALE IL SETTORE DEL TESSILE E ABBIGLIAMENTO A cura di PROMETEIA per UNIONCAMERE LOMBARDIA Settembre 2007 INDICE 1. IL TESSILE E ABBIGLIAMENTO SUI MERCATI INTERNAZIONALI...1

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GENNAIO 2017 L indice del commercio mondiale è calato a ottobre 2016 a seguito della leggera riduzione dell export dei paesi sviluppati e del calo più marcato dell export

Dettagli

Il mercato del tondo per cemento armato Periodo: Primo trimestre 2004 Fonte: Federacciai

Il mercato del tondo per cemento armato Periodo: Primo trimestre 2004 Fonte: Federacciai Il mercato del tondo per cemento armato Periodo: Primo trimestre 4 Fonte: Federacciai Nel 3 in Italia la produzione di tondo per cemento armato è stata pari a 4,6 milioni di tonnellate con un aumento del

Dettagli

Il quadro del commercio mondiale: opportunità per le imprese. Alessandra Lanza, Prometeia spa

Il quadro del commercio mondiale: opportunità per le imprese. Alessandra Lanza, Prometeia spa Il quadro del commercio mondiale: opportunità per le imprese Alessandra Lanza, Prometeia spa Esportare perché? Fatturato trainato dall export indici mensili del fatturato nel settore manifatturiero (2010=100)

Dettagli

F.V.G. - Export vini:

F.V.G. - Export vini: F.V.G. - Export vini: A) A) Dati Dati 2010 2010 (provvisori) B) B) Dati Dati e comparazioni anni anni 2006/2010 2006/2010 24 24 giugno giugno 2011 2011 Franco Franco Passaro Passaro Direttore Direttore

Dettagli

Newsletter aprile 2012

Newsletter aprile 2012 Newsletter aprile 2012 La filiera suinicola nel mese di aprile 2012 Sul mercato italiano, ad aprile, il prezzo di entrambi i principali fattori di produzione, ha continuato a salire, mentre sui mercati

Dettagli

Frumento tenero. Panificabile francese

Frumento tenero. Panificabile francese Aprile 2014 In sintesi Per tutto il 2013 e i primi mesi del corrente anno, il mercato del frumento e del mais è stato contraddistinto dalla strutturale volatilità che caratterizza le commodities, pur manifestando

Dettagli

Macellazione e commercio con l estero del bestiame vivo e delle carni rosse Anno 2004

Macellazione e commercio con l estero del bestiame vivo e delle carni rosse Anno 2004 9 agosto 2005 Macellazione e commercio con l estero del bestiame vivo e delle carni rosse Anno 2004 Macellazione Ufficio della comunicazione Tel. + 39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica

Dettagli

IL SETTORE CONCIARIO ITALIANO NEL 2016

IL SETTORE CONCIARIO ITALIANO NEL 2016 IL SETTORE CONCIARIO ITALIANO NEL 2016 Nonostante la conferma della propria leadership internazionale sia in termini di valore (65% del totale UE, 19% a livello mondiale) che di qualità delle produzioni,

Dettagli

1. IMPORTAZIONE ED ESPORTAZIONE DEL GRANO DURO. La coltivazione di grano duro viene attuata principalmente in Europa, in Medio

1. IMPORTAZIONE ED ESPORTAZIONE DEL GRANO DURO. La coltivazione di grano duro viene attuata principalmente in Europa, in Medio 1. IMPORTAZIONE ED ESPORTAZIONE DEL GRANO DURO 1.1 Mondo La coltivazione di grano duro viene attuata principalmente in Europa, in Medio Oriente e nel Nord Africa. L Unione Europea rappresenta poco più

Dettagli

VARIAZIONI E CONTRIBUTI ALLA VARIAZIONE DELL'EXPORT NAZIONALE 47,5 30,3 19,7 8,5 5,9 2,3

VARIAZIONI E CONTRIBUTI ALLA VARIAZIONE DELL'EXPORT NAZIONALE 47,5 30,3 19,7 8,5 5,9 2,3 LE ESPORTAZIONI NEL PRIMO SEMESTRE 2017 AUMENTO IN LIGURIA DEL 19,7% Nel primo semestre del 2017 in Italia le vendite di beni sui mercati esteri risultano in aumento dell 8,0% rispetto allo stesso periodo

Dettagli

STOVIGLIERIA. 9a edizione

STOVIGLIERIA. 9a edizione STOVIGLIERIA 9a edizione 49 INTRODUZIONE Confindustria Ceramica ha realizzato l'ottava indagine statistica per il settore della porcellana e ceramica da tavola, allo scopo di monitorare i principali dati

Dettagli

Evoluzione del settore agricolo nel corso della crisi: il contributo della cooperazione

Evoluzione del settore agricolo nel corso della crisi: il contributo della cooperazione Evoluzione del settore agricolo nel corso della crisi: il contributo della cooperazione Convegno di settore delle cooperative agricole Trento 3 giugno 2016 Introduzione Contrariamente alla tendenza a sottovalutare

Dettagli

DELLE ESPORTAZIONI. La provincia di Modena ha esportato merci per 10,7 miliardi, con un aumento del 2,6%

DELLE ESPORTAZIONI. La provincia di Modena ha esportato merci per 10,7 miliardi, con un aumento del 2,6% indicatori 35 In positivo indicatori il bilancio DELLE ESPORTAZIONI 2013 La provincia di ha esportato merci per 10,7 miliardi, con un aumento del 2,6% MAURA MONARI Sia Prometeia sia il Bollettino Economico

Dettagli

Resta vivace il ciclo delle esportazioni modenesi nel 2 trimestre del 2006 I quantitativi esportati settore per settore ed i mercati di destinazione

Resta vivace il ciclo delle esportazioni modenesi nel 2 trimestre del 2006 I quantitativi esportati settore per settore ed i mercati di destinazione Modena, 26 settembre 2006 Prot. 20/06 Agli Organi di informazione COMUNICATO STAMPA Resta vivace il ciclo delle esportazioni modenesi nel 2 trimestre del 2006 I quantitativi esportati settore per settore

Dettagli

I prezzi delle Camere di Commercio CEREALI

I prezzi delle Camere di Commercio CEREALI I prezzi delle Camere di Commercio CEREALI Aprile 2016 in collaborazione con REF Ricerche FRUMENTO DURO - MARZO 2016 MERCATO NAZIONALE: SI ARRESTA LA CADUTA DEI PREZZI Dopo la fase di prolungato ribasso

Dettagli

I prezzi delle Camere di Commercio CEREALI

I prezzi delle Camere di Commercio CEREALI I prezzi delle Camere di Commercio CEREALI Gennaio 2017 in collaborazione con REF Ricerche FRUMENTO DURO DICEMBRE 2016 MERCATO NAZIONALE: CHIUSURA D ANNO CON PREZZI SOSTANZIALMENTE STABILI Le ultime rilevazioni

Dettagli

Quadro del Settore lattiero-caseario. Report n 4 Ottobre 2010

Quadro del Settore lattiero-caseario. Report n 4 Ottobre 2010 Quadro del Settore lattiero-caseario Report n 4 Ottobre 2010 Le Produzioni di Latte Oceania La Nuova Zelanda, in particolare nel mese di Settembre, è stata colpita da intense perturbazioni che hanno rallentato

Dettagli

Il mercato estero delle Pere Europee

Il mercato estero delle Pere Europee Elisa Macchi, /WAPA Pere: il trend dei principali Paesi esportatori UE dove vengono destinate le pere belghe? RUSSIA - prima dell embargo era la 1 destinazione con oltre il 40% del totale esportato (fino

Dettagli

I prezzi delle Camere di Commercio CEREALI

I prezzi delle Camere di Commercio CEREALI I prezzi delle Camere di Commercio CEREALI Ottobre 2015 in collaborazione con REF Ricerche FRUMENTO DURO- SETTEMBRE 2015 MERCATO NAZIONALE: PREZZI IN RIBASSO Prezzi all ingrosso in calo a settembre nel

Dettagli

COMUNICATO STAMPA 26/2017

COMUNICATO STAMPA 26/2017 AI GIORNALI E CORRISPONDENTI DELLE PROVINCE DI BIELLA E VERCELLI LORO SEDI COMUNICATO STAMPA 26/2017 EXPORT: NEL 1 TRIMESTRE 2017 AUMENTO SOSTENUTO PER BIELLA E VERCELLI Le vendite all'estero crescono

Dettagli

a cura di Francesca Mattioli e Matteo Rinaldini Università di Modena e Reggio Emilia Osservatorio economico, coesione sociale e legalità

a cura di Francesca Mattioli e Matteo Rinaldini Università di Modena e Reggio Emilia Osservatorio economico, coesione sociale e legalità L economia vista dai mercati a cura di Francesca Mattioli e Matteo Rinaldini Università di Modena e Reggio Emilia DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE 59000 58500 58828 Totaleimpreseregistrate. Reggio Emilia. Serie

Dettagli

Tel

Tel Servizio relazioni con i media Tel. 02/8515.5224-5298 Tel. 0392807511 0392807521 3356413321. Comunicati www.mi.camcom.it Grazie al vertice Asem la reputazione di Milano nel mondo spicca il volo Cdc- Voices

Dettagli

Suini: tendenze e dinamiche del settore

Suini: tendenze e dinamiche del settore 000.t Suini: tendenze e dinamiche del settore Segnali di ripresa per il settore grazie al traino dell export in Cina Dopo un 2015 particolarmente difficile per il settore del suino, nei primi otto mesi

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 9 OTTOBRE 2016 L indice del commercio mondiale è calato a luglio 2016 a seguito della riduzione dell export dei paesi sviluppati e dei paesi emergenti. Nel secondo trimestre

Dettagli

I prezzi delle Camere di Commercio CEREALI

I prezzi delle Camere di Commercio CEREALI I prezzi delle Camere di Commercio CEREALI Marzo 2016 in collaborazione con REF Ricerche FRUMENTO DURO - FEBBRAIO 2016 MERCATO NAZIONALE: PREZZI AI MINIMI DEGLI ULTIMI CINQUE ANNI E continuata anche a

Dettagli

Mappa del Posizionamento Internazionale. Un nuovo strumento per l analisi ed il posizionamento dell Impresa sui mercati esteri

Mappa del Posizionamento Internazionale. Un nuovo strumento per l analisi ed il posizionamento dell Impresa sui mercati esteri Mappa del Posizionamento Internazionale Un nuovo strumento per l analisi ed il posizionamento dell Impresa sui mercati esteri Mappa del Posizionamento Internazionale COSA È E uno strumento informativo

Dettagli

Homepage > Carni» Carne suina e salumi» News e report» News mercati» 2017» Settembre» Settimana n. 35/2017. Suini d'allevamento

Homepage > Carni» Carne suina e salumi» News e report» News mercati» 2017» Settembre» Settimana n. 35/2017. Suini d'allevamento Homepage > Carni» Carne suina e salumi» News e report» News mercati» 07» Settembre» Settimana n. 35/07 Carne suina e salumi - News mercati il settimanale Ismea di informazione sui prodotti agricoli e agroalimentari

Dettagli