ISTITUTO SEGHETTI PRIMO CORSO DI TECNICHE MANUALI DI BASE. La dispensa viene utilizzata per sole ed esclusive finalità scolastiche

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO SEGHETTI PRIMO CORSO DI TECNICHE MANUALI DI BASE. La dispensa viene utilizzata per sole ed esclusive finalità scolastiche"

Transcript

1 ISTITUTO SEGHETTI PRIMO CORSO DI TECNICHE MANUALI DI BASE La dispensa viene utilizzata per sole ed esclusive finalità scolastiche ANNO SCOLASTICO 2012 / 2013

2 DEFINIZIONE DI MASSAGGIO Il massaggio viene definito come una serie di manualità effettuate sui tessuti molli del corpo a scopo: Igienico Estetico Sportivo Terapeutico Le manualità sono azioni eseguite prevalentemente con le mani. In alcuni casi particolari o in alcune tecniche possono essere usate anche altre parti del corpo. Ogni manualità possiede effetti specifici ed una diversa modalità di esecuzione L efficacia della massoterapia dipende prevalentemente dalla precisa esecuzione tecnica della manualità che esercita dei meccanismi tali da produrre modificazioni fisiologiche anche rilevanti ai più svariati livelli: Cellulare Tissutale Organi Apparati La tipologia di azione può essere: DIRETTA O MECCANICA: esercitata direttamente sui tessuti e sugli organi sottoposti al trattamento. Sono in pratica coinvolti direttamente da uno stimolo fisico imposto dalle manualità INDIRETTA O RIFLESSA: in grado di determinare modificazioni funzionali di organi anche lontani dal punto dove viene esercitata la manualità stessa, come ad esempio: o Rallentamento del battito cardiaco 2

3 o Rallentamento degli atti respiratorio o Risposte vasomotorie o Risposte neurovegetative In termini di generalità l energia trasmessa attraverso il massaggio, provoca molteplici effetti che possono essere sfruttati a scopo terapeutico: o Aumento dell attività dei tessuti in generale o Aumento della temperatura corporea o Miglioramento del circolo ematico o Riduzione parziale o totale di fibrosi dei tessuti molli o Modificazione del tono muscolare o Modificazioni fisiologiche generali TIPOLOGIA DI MASSAGGIO IGIENICO: E un massaggio che si propone di migliorare le condizioni di salute in una persona generalmente sana e di prevenire eventuali possibili patologie. Lo scopo è di aumentare l elasticità dei tessuti e delle strutture muscolo-tendinee, migliorandone la circolazione periferica, accelerandone gli scambi metabolici, aumentandone il reflusso linfatico. Questa descrizione apparentemente banale, raffigura invece, una concezione di unità corporea che traduce per ogni intervento manuale, la possibilità di interagire in diversi contesti corporei: DERMATOMERO: territorio di innervazione del nervo spinale nella cute e nel sottocute MIOTOMO: territorio di innervazione del spinale nella muscolatura scheletrica ENTEROTOMO: territorio di innervazione del nervo spinale negli organi interni ESTETICO: E un massaggio che ha come scopo prevalente la cura di tutti gli in estetismi della cute. In buona sostanza tenta di rallentare il naturale processo di invecchiamento mediante una serie di manualità selezionate per gli strati superficiali del corpo. SPORTIVO: E un massaggio che si pone come obiettivo la ricerca di favorire la massima prestazione dell atleta, riducendo al minimo i rischi provocati dalle sollecitazioni a carico dell apparato muscolare, tendineo e articolare. Per fare in modo che ciò avvenga dovremo farci carico di tre tipologie di intervento: 3

4 1. MASSAGGIO PREGARA: manualità elasticizzati e vascolarizzati. 2. MASSAGGIO INFRAGARA: manualità di mantenimento che molto dipendono dalla tipologia di competizione. 3. MASSAGGIO POST GARA: manualità drenanti, defaticanti e miorilassanti. Terapeutico: E un massaggio che ha lo scopo di ripristinare parzialmente o totalmente le funzioni di uno o più organi che abbiano subito delle lesioni solitamente di tipo funzionale. CONTROINDICAZIONI AL MASSAGGIO Risulta di fondamentale importanza essere a conoscenza del fatto che se un massaggio viene eseguito in talune situazioni patologiche del paziente è in grado di aggravarne notevolmente lo stato fisiologico generale e particolare. Risulta quindi evidente che, soprattutto in virtù della natura scolastica di questo corso, per ogni situazione incerta, è vivamente consigliato di rivolgersi a persone competenti ed eventualmente indirizzare il paziente in centri specializzati. Le principali controindicazioni al massaggio sono: PROCESSI TRAUMATICI RECENTI: E assolutamente sconsigliato intervenire manualmente rispetto a traumi recenti che possiamo identificare in: o Traumi al polso. o Distorsioni articolari o Lussazioni o sub-lussazioni o Contusioni importanti o Colpi di frusta PROCESSI INFIAMMATORI ACUTI: E deleterio intervenire manualmente in un quadro clinico di natura infiammatoria in quanto presenta alcune caratteristiche che possono essere inquadrate in questi termini: o Calor : aumento della temperatura 4

5 o Tumor: tumefazione gonfiore o Rubor: arrossamento o Dolor: dolore o Function lesa: limitazione funzionale FLEBOPATIE: processi infiammatori a carico del sistema venoso tipo flebiti o tromboflebiti. Rappresentano controindicazioni in quanto sono processi infiammatori ed esiste il reale pericolo di un distacco del trombo vascolare. INSUFFICIENZA CARDIACA CON EDEMI AGLI ARTI INFERIORI: in questo particolare caso deve essere eseguita un accurata indagine in quanto l edema è funzionale all incapacità del cuore di agire bene come pompa con conseguente ristagno periferico. Il massaggio potrebbe provocare un sovraccarico venoso insostenibile al paziente cardiopatico. PATOLOGIE DI NATURA TUMORALE: il massaggio favorisce la circolazione linfatica e quindi potrebbe favorire la diffusione metastasica. PATOLOGIE CUTANEE: il massaggio può rappresentare oggetto di processi irritativi sia per il paziente che per l operatore. ZONE INTERDETTE AL MASSAGGIO Le manualità del massaggio non possono essere applicate in modo sistematico e assoluto in tutte le parti del corpo umano. E fondamentale non sottovalutare alcuni accorgimenti relativi alla tecnica e all anatomia che ci consentono di non sottoporre a trattamento quelle zone particolari quali: Malleoli Cresta e piatto tibiale Rotula Grande trocantere Cresta iliaca Apofisi spinose vertebrali 5

6 Osso sacro Sterno Clavicola Scapole Gomito Zona poplitea Zona inguinale Zona ascellare Zona retro claveare Faccia anterolaterale del collo Zona retro auricolare Solco tibiale Risultano naturalmente interdette le sedi di organi genitali per motivi che supponiamo essere ovvi. 6

7 MANUALITA SFIORAMENTO SUPERFICIALE: o ESECUZIONE: è una manovra che consiste nel far scivolare la mano sulla cute, facendo in modo di non trascinarla e cercando di non comprimere la regione sottostante. La pressione esercitata è quella tipica di una carezza dove la presa di contatto tra la mano e la pelle dovrà risultare quasi impercettibile. o AZIONE: questa tipologia di manovra serve al massaggiatore per prendere il primo contatto con la zona da trattare. E da considerarsi una manovra di primo approccio e quindi deve essere condotta in funzione di creare una relazione positiva con il paziente, miorilassante e rassicurante. E una manovra che consente la distribuzione omogenea del lubrificante e di eseguire un primo rilevamento su eventuali anomalie superficiali. SFIORAMENTO APPOGGIATO o ESCUZIONE: è una manovra simile alla precedente eseguita con una pressione tre volte maggiore ed un ritmo tre volte più lento dello sfioramento superficiale. In questa manualità la mano si adatta ai rilievi dei tessuti sottostanti provocando una depressione delle parti molli. o AZIONE: è una manovra che provoca l eliminazione di tossine e di cellule morte dello strato sottocutaneo proprio per l effetto meccanico di spremitura. Rinnova l azione sedativa ed è quindi miorilassante. Aumenta fortemente la circolazione linfatica ed ha un effetto sull aumento delle endorfine in circolo così da risultare efficace per la scomparsa dell affaticamento. FRIZIONE o ESECUZIONE: è una manovra che consiste nella ricerca di mobilizzare i differenti piani tissutali. In questa manualità non si avrà nessun scivolamento tra la mano del massaggiatore e la cute del paziente. La pressione varierà in funzione del livello di mobilizzazione che vorremmo ottenere. Risulterà relativamente leggera se vorremmo mobilizzare i tessuti cutanei di rivestimento, più marcata se vorremmo ottenere uno scollamento delle fibre muscolari sul piano osseo. o AZIONE: ha un effetto di riscaldamento dei tessuti nei vari piani. Risulta manualità determinante nella disgregazione e nel riassorbimento di prodotti patologici quali 7

8 l ematoma post traumatico. Agisce inoltre come elasticizzate in quanto scolla o lacera i tessuti fibrosi tra loro. IMPASTAMENTO: o ESECUZIONE: è una manovra che viene denominata anche spremitura e consiste nello scollamento e sollevamento dei tessuti muscolari contigui. La manualità induce in buona sostanza una pressione, un inizio di torsione ed infine un allontanamento dei tessuti. L impastamento può essere superficiale o profondo in funzione delle masse muscolari che intendiamo trattare. Le modalità di esecuzione possono essere sintetizzate in: SUPERFICIALE: dove la presa avviene sostanzialmente eseguita con i polpastrelli delle dita. In effetti consiste nel sollevare la pelle fino a formare una plica e mobilizzarla. La plica cutanea è trattenuta tra il pollice da una parte ed i polpastrelli di due o tre dita dall altra. La manualità risulterà corretta se eseguita in modo regolare, ritmato, modulato, al fine di agire su tutto il muscolo o su tutto il gruppo muscolare. Per essere efficace dovrà essere ripetuta in maniera sostenuta. PROFONDO: in questo caso la presa può essere determinata in diverse modalità: Pressione delle mani e contro pressione del segmentoosseo sottostante Pressione del pollice di una mano e contro pressione delle dita lunghe della mano stessa Pressione del pollice di una mano e contro pressione delle dita lunghe dell altra mano Anche in questa manualità valgono le stesse rilevanze viste per il superficiale o AZIONE: a questa manualità si deve un ottimo rimescolamento ed una spremitura del liquido interstiziale che viene immesso nel circolo refluo. Favorisce e migliora l elasticità e la contrattilità muscolare. Aumenta l eccitabilità muscolare. Aiuta a togliere fibrosità e favorisce gli effetti antalgici da stress muscolare. VIBRAZIONE O SCUOTIMENTO: o ESECUZIONE: è una manovra eseguita mediante una serie di rapidi movimenti trasmessi in successione ai tessuti. La presa di contato è diretta, mai brusca con la 8

9 mano che cercherà per quanto possibile di adattarsi alla morfologia dei tessuti sottostanti ed all azione ricercata. o AZIONE: le vibrazioni che tendono a propagarsi come un onda, hanno un azione sedativa in quanto diminuiscono l eccitabilità nervosa periferica. Provocano inoltre una vasocostrizione periferica, aumentando la pressione e diminuendo il battito cardiaco, dando così al paziente una sensazione di natura distensiva. PERCUSSIONI: o ESECUZIONE: è una manovra eseguita colpendo con decisione, precisione e velocemente una zona cutanea del corpo. Non avviene né scivolamento né spostamento dei tessuti ma una leggera trazione verso l alto. Il ritmo e la forza impiegati sono variabili a seconda dell effetto ricercato. Esistono diverse tipologie di percussioni: Pizzicamento Battitura a coppetta Battitura ulnare Battitura a pugnetto o AZIONE: tutte queste manualità, provocano una vasodilatazione superficiale con aumento della temperatura e variazione di colorazione dei tessuti. Sono manualità di natura eccitatoria. Sono stimolanti anche in funzione tonica muscolare. 9

10 MANUALITA DELLA COLONNA VERTEBRALE o Sfioramento superficiale bimanuale alternato eseguito in tutte le direzioni e superfici del tronco con lo scopo di spalmare globalmente il lubrificante o Sfioramento superficiale bimanuale alternato eseguito a raggio di sole o ad incrocio in zona sacro lombare o Sfioramento leggermente appoggiato eseguito a quadrifoglio in zona sacro lombare o Sfioramento superficiale bimanuale simultaneo eseguito ai lati della colonna con ritorno in zona lombare dorsale cervicale aggiungendo delle leggere frizioni sui linfonodi cervicali e una leggera vibrazione sul muscolo trapezio o Sfioramento appoggiato bimanuale simultaneo eseguito ai lati della colonna con leggera frizione sui linfonodi cervicali e leggera spremitura alternata dei polli ci tra gli intervalli dei processi spinosi e uscita laterale in zona lombare o Sfioramento appoggiato con mano sovrapposta eseguito ai lati della colonna sia nell emitronco destro che sinistro con successivo impastamento del muscolo trapezio opposto o Frizioni monomanuali e bimanuali alternate e alternanti eseguite in entrambi i lati della colonna e in direzione craniale con sfioramento superficiale bimanuale finale convergente sul trapezio o Dermalgie eseguite in senso trasversale e longitudinale di entrambi gli emitronchi con sfioramento superficiale bimanuale globale o Impastamento profondo dinamico del muscolo gran dorsale in direzione craniale con trazione dello stesso ed azione vibratoria di rilassamento 10

11 o Impastamenti superficiali bimanuali dinamici eseguiti ai lati della colonna con sfioramenti appoggiati alternati di chiusura eseguiti con i pollici in direzione craniale o Frizioni digitali con moderata vibrazione eseguiti ai lati della colonna e per tutta l ampiezza della colonna o Moderate battute a coppetta eseguite su tutta l ampiezza della colonna o Moderate percussioni disto falangee eseguite su tutta l ampiezza della colonna 11

12 MANUALITA DEL SEGMENTO PIEDE PAZIENTE SUPINO o Sfioramento superficiale bimanuale alternato del piede o Mobilizzazione passiva in senso rotatorio delle dita con leggera trazione in flessione ed estensione o Frizione bimanuale orizzontale di apertura nelle sezioni interdigitali eseguita con i polpastrelli di medio e indice supportati dai pollici contrapposti o Frizione monomanuale plantare eseguita in tre sezioni con le nocche della mano stabilizzando il piede con la mano opposta o Frizione scivolata monomanuale eseguita in zona mediale del piede o Frizione scivolata alternata bimanuale eseguita in zona mediale e laterale del piede o Impastamento o spremitura bimanuale con leggera torsione in tre sezioni orizzontali del piede o Impastamento digitale contrapposto orizzontale con avanzamento dei pollici a bruco nella zona centrale della pianta del piede o Percussioni dorso falangee ed ulnari eseguite sulla base plantare del piede o Mobilizzazione passiva tibio tarsica rispettando gli assi e i piani funzionali di movimento 12

13 MANUALITA DEL SEGMENTO GAMBA PAZIENTE PRONO o Sfioramento superficiale bimanuale alternato eseguito posteriormente al calcagno o Sfioramento superficiale bimanuale simultaneo eseguito ai bordi malleolari o Sfioramento superficiale bimanuale alternato del polpaccio eseguito nella sua totalità o Sfioramento appoggiato bimanuale alternato del polpaccio eseguito nella sua totalità o Frizioni bimanuali alternate del polpaccio eseguite nella sua totalità o Frizioni bimanuali alternanti del polpaccio eseguite nella sua totalità o Impastamento o spremitura del polpaccio dividendo con i pollici i gemelli o Impastamento profondo statico bimanuale del polpaccio eseguito a mani sovrapposte o Impastamento profondo dinamico bimanuale del polpaccio eseguito nella sua totalità o Impastamento superficiale dinamico bimanuale del polpaccio eseguito sia sul lato esterno che sul lato interno alternando le manualità di vibrazione e carezza o Percussioni ulnari moderate o Battiture a coppetta o Pizzicamento o Scuotimento con il segmento gamba sostenuto 13

14 MANUALITA DEL SEGMENTO GAMBA PAZIENTE SUPINO o Sfioramento superficiale bimanuale alternato con modellamento ginocchio lungo o Sfioramento superficiale bimanuale alternato con modellamento ginocchio corto o Sfioramento leggermente appoggiato bimanuale simultaneo con modellamento laterale e mediale al ginocchio o Spremitura drenante bimanuale alternata eseguita con i pollici sul tibiale anteriore o Impastamento superficiale dinamico bimanuale alternato eseguito con azione vibratoria di sfioramento sul tibiale anteriore o Pizzicamento moderato del tibiale anteriore eseguito nella sua parte centrale 14

15 MANUALITA DEL SEGMENTO COSCIA PAZIENTE SUPINO o Sfioramento superficiale bimanuale alternato della coscia nella sua totalità o Sfioramento superficiale bimanuale alternato all interno coscia con vibrazione e carezza o Frizioni palmari bimanuali alternate e alternanti in tre settori eseguite sul retto femorale o Impastamento profondo bimanuale simultaneo statico di scollamento o Impastamento profondo bimanuale dinamico eseguito a largo raggio o Impastamento superficiale bimanuale dinamico eseguito su tre sezioni o Battitura a coppetta o Pizzicamento o Percussioni ulnari o Percussioni a pugnetto o Rotolamento o Scuotimento 15

IL MASSAGGIO. www.fisiokinesiterapia.biz

IL MASSAGGIO. www.fisiokinesiterapia.biz IL MASSAGGIO www.fisiokinesiterapia.biz STORIA Cina e India 1800 a. C. nei testi riguardanti i Ching e la medicina Ayurvedica Trattati medici egizi e persiani In grecia e poi a Roma, utilizzato in ambito

Dettagli

DISPENSA DI MASSAGGIO

DISPENSA DI MASSAGGIO DISPENSA DI MASSAGGIO ZONE INTERDETTE AL MASSAGGIO Le manualità del massaggio non possono essere applicate in maniera sistematica su tutte le zone corporee. Si dicono zone interdette le zone del corpo

Dettagli

Dispense di Massaggio per MOS/MCB/MFT a cura della Dr. L.Dalmaso

Dispense di Massaggio per MOS/MCB/MFT a cura della Dr. L.Dalmaso Dispense di Massaggio per MOS/MCB/MFT a cura della Dr. L.Dalmaso Queste sotto sono le dispense del corso di massaggio per MFT/MOS/MCB tenutosi alla Scuola delle Professioni Sanitarie di Bergamo. Disclaimer

Dettagli

Il massaggio consiste in manipolazioni che si praticano sui tessuti molli a fini terapeutici.

Il massaggio consiste in manipolazioni che si praticano sui tessuti molli a fini terapeutici. Il massaggio consiste in manipolazioni che si praticano sui tessuti molli a fini terapeutici. Ogni seduta deve essere iniziata con particolare cautela, onde saggiare la reattività del soggetto ed evitare

Dettagli

DEFINIZIONE DI MASSAGGIO MASSAGGIO IGIENICO MASSAGGIO ESTETICO MASSAGGIO SPORTIVO

DEFINIZIONE DI MASSAGGIO MASSAGGIO IGIENICO MASSAGGIO ESTETICO MASSAGGIO SPORTIVO DEFINIZIONE DI MASSAGGIO Si intende per massaggio una serie di manualità effettuate sui tessuti molli del corpo umano a scopo igienico, estetico, sportivo e terapeutico. Le manualità sono operazioni eseguite

Dettagli

MASSAGGIO MIOFASCIALE

MASSAGGIO MIOFASCIALE MASSAGGIO MIOFASCIALE Tale massaggio viene utilizzato sia a scopo preventivo, che per il trattamento delle rigidità e delle contratture della muscolatura. Questa tecnica agisce sulla fascia (tessuto connettivale

Dettagli

MATURITA SCIENZE MOTORIE ANNO 2012 / 2013 MODULI DI TEORIA

MATURITA SCIENZE MOTORIE ANNO 2012 / 2013 MODULI DI TEORIA MATURITA SCIENZE MOTORIE ANNO 2012 / 2013 MODULI DI TEORIA Struttura delle lezioni Il massaggio le diverse tipologie, manualità e meccanismi d azione, indicazioni e limiti Concetti base di fisioterapia

Dettagli

MASSAGGIO CONNETTIVALE

MASSAGGIO CONNETTIVALE MASSAGGIO CONNETTIVALE ESECUZIONE MANUALE Per effettuare la trazione del connettivo si appoggiano sulla cute il polpastrello del dito medio e dell anulare o del medio e dell indice prima a piatto, poi

Dettagli

Chair Massage. Il massaggio veloce ed efficace contro stress e tensioni

Chair Massage. Il massaggio veloce ed efficace contro stress e tensioni Chair Massage Il massaggio veloce ed efficace contro stress e tensioni Il Chair Massage si basa su una tecnica che deriva da un particolare massaggio giapponese anma alla quale vengono mescolate tecniche

Dettagli

Corso avanzato di massaggio antistress

Corso avanzato di massaggio antistress Corso avanzato di massaggio antistress Massaggio parte anteriore del corpo, delle mani e del viso 21 novembre 2009 www.cmosteopatica.it Massaggio parte anteriore, Pagina 1 Massaggio parte anteriore Il

Dettagli

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO APPROCCIO FISIOTERAPICO AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO RIEDUCAZIONE MOTORIA RIEDUCAZIONE RESPIRATORIA Il trattamento riabilitativo motorio e respiratorio va iniziato precocemente a distanza di pochi giorni

Dettagli

CLASSICO SVEDESE. massaggio. C O R S O D I F O R M A Z I O N E Professionale. Livello Avanzato. 2 week end (32 ore totali)

CLASSICO SVEDESE. massaggio. C O R S O D I F O R M A Z I O N E Professionale. Livello Avanzato. 2 week end (32 ore totali) C O R S O D I F O R M A Z I O N E Professionale Livello Avanzato 2 week end (32 ore totali) Ente No-Profit di Formazione Professionale Membro del Comitato Tecnico Scientifico delle Discipline Bio Naturali

Dettagli

ROME REHABILITATION 2012 LA PATOLOGIA DOLOROSA NON SPECIFICA DEL RACHIDE Roma -27 giugno 2012

ROME REHABILITATION 2012 LA PATOLOGIA DOLOROSA NON SPECIFICA DEL RACHIDE Roma -27 giugno 2012 ROME REHABILITATION 2012 LA PATOLOGIA DOLOROSA NON SPECIFICA DEL RACHIDE Roma -27 giugno 2012 Tecniche manipolative - Regole di applicazione- Le sette tecniche di base Vittorio Marcelli LESIONE DI BASE:

Dettagli

Relatrice: Dott.ssa FT Francesca Chiagano. f.chiagano@gmail.com. Francesca Chiagano

Relatrice: Dott.ssa FT Francesca Chiagano. f.chiagano@gmail.com. Francesca Chiagano Relatrice: Dott.ssa FT Francesca Chiagano f.chiagano@gmail.com Francesca Chiagano 1 IL LINFODRENAGGIO MANUALE COS È? È una tecnica manuale che rientra nell ambito del massaggio terapeutico e che ha come

Dettagli

DISPENSA DI MASSAGGIO

DISPENSA DI MASSAGGIO DISPENSA DI MASSAGGIO La salute è definita nella Costituzione dell OMS, come: "stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplice assenza di malattia L'Organizzazione Mondiale della

Dettagli

PROTOCOLLO Rebalancing Chakra System PERCORSO TRATTAMENTO CLIENTI

PROTOCOLLO Rebalancing Chakra System PERCORSO TRATTAMENTO CLIENTI PROTOCOLLO Rebalancing Chakra System PERCORSO TRATTAMENTO CLIENTI Primo incontro: Indagine conoscitiva su condizioni psicofisiche cliente. Compilazione scheda personale ed esecuzione Chakra Test. Massaggio

Dettagli

massaggio BASE MASSAGGIO BASE C O R S O D I F O R M A Z I O N E Professionale 1 week end (16 ore totali)

massaggio BASE MASSAGGIO BASE C O R S O D I F O R M A Z I O N E Professionale 1 week end (16 ore totali) C O R S O D I F O R M A Z I O N E Professionale MASSAGGIO BASE 1 week end (16 ore totali) Ente NO-PROFIT di Formazione Professionale Riconosciuto dalla Regione Lombardia 2014/NA37 LIVELLO BASE A CHI SI

Dettagli

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ARTICOLAZIONI DELLA CAVIGLIA Flessioni del piede da stazione eretta con la punta su un rialzo o contro una parete

Dettagli

ww.chirurgiarticolare.it riproduzione vietata

ww.chirurgiarticolare.it riproduzione vietata Il trattamento delle sindromi rotulee non può essere lo stesso in ogni paziente. Sarà il medico curante a prescrivere, in base alla patologia quale dei seguenti esercizi dovrà essere praticato. E' importante

Dettagli

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro Introduzione Che si lavori seduti o in piedi, la mancanza di movimento legata a una postura statica prolungata può a lungo andare

Dettagli

Il linguaggio dell insegnante. Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo

Il linguaggio dell insegnante. Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo Il linguaggio dell insegnante Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo A Assi e piani Asse longitudinale: è la linea immaginaria che ti attraversa dall alto (vertice della testa) in basso (in mezzo ai talloni).

Dettagli

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico La al ESERCIZI PRATICI ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico L attività fisica è fondamentale per sentirsi bene e per mantenersi in forma. Eseguire degli esercizi di ginnastica dolce, nel postintervento,

Dettagli

CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015. Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale.

CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015. Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale. CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015 L AUTOMASSAGGIO PER LA GESTIONE DELLO STRESS Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale. L'automassaggio potrebbe

Dettagli

Riscaldamento/Rilassamento

Riscaldamento/Rilassamento Riscaldamento/Rilassamento Eseguite ciascuno dei movimenti almeno quattro volte da ogni lato in maniera lenta e controllata. Non trattenete il respiro. 1) Testa Sollevate e abbassate la testa. Fissate

Dettagli

Stimola la riparazione dei tessuti. Magnetoterapia BF 167

Stimola la riparazione dei tessuti. Magnetoterapia BF 167 Stimola la riparazione dei tessuti Magnetoterapia BF 167 Illustrazioni esplicative per famiglie che intendono utilizzare trattamenti con Magnetoterapia BF 167: Illustrazione Descrizione Diffusori Frequenza

Dettagli

Gestione posizionamento del paziente in S.O. di Ortopedia

Gestione posizionamento del paziente in S.O. di Ortopedia Gestione posizionamento del paziente in S.O. di Ortopedia Coordinatrice Stefania Laici Infermiere Strumentista Francesco Paniccià Infermiere Strumentista Riccardo Finucci Asur Marche Z.T. n8 Civitanova

Dettagli

ESERCIZI PER GLI ADDOMINALI

ESERCIZI PER GLI ADDOMINALI ESERCIZI PER GLI ADDOMINALI BREVE ANATOMIA DEGLI ADDOMINALI La parete addominale è interamente rivestita da muscolatura la cui tonicità occupa importanza estetica e funzionale, garantendo la tenuta dei

Dettagli

REGIONE DEL COLLO. Movimenti attivi della colonna vertebrale cervicale

REGIONE DEL COLLO. Movimenti attivi della colonna vertebrale cervicale Società Italiana di Medicina del Lavoro e Igiene Industriale Linee guida per la formazione continua e l accreditamento del medico del lavoro: UE WMSDs Allegato 10 Manovre di semeiotica clinica (da Sluiter

Dettagli

MANUALE APPLICATIVO NEUROVASCOLARE

MANUALE APPLICATIVO NEUROVASCOLARE MANUALE APPLICATIVO NEUROVASCOLARE Vers. Tratt. Database: 230 Copyright Copyright 01/01/2012 Lorenz Lifetech s.r.l. ... 2 Guida introduttiva... 3 Protocolli applicativi... 4 Criteri di esclusione... 5

Dettagli

Massaggiatori medicali: Campi di applicazione nell ambito della para - tetraplegia

Massaggiatori medicali: Campi di applicazione nell ambito della para - tetraplegia Massaggiatori medicali: Campi di applicazione nell ambito della para - tetraplegia 30.01.2016 1 Tetra/paraplegia. Cosa vuol dire? Tetra significa quattro e si riferisce ai quattro arti. Plegia significa

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

CLASSE 44/C - MASSOCHINESITERAPIA. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi

CLASSE 44/C - MASSOCHINESITERAPIA. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 44/C - MASSOCHINESITERAPIA Programma d'esame CLASSE 44/C - MASSOCHINESITERAPIA Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 44/C - MASSOCHINESITERAPIA Programma d'esame Classe 44/C MASSOCHINESITERAPIA

Dettagli

Ricerca dei segni dello stress

Ricerca dei segni dello stress 5 Ricerca dei segni dello stress Prima di iniziare il massaggio vero e proprio, specialmente quando massaggiate una persona per la prima volta, accertate il livello dello stress attraverso la ricerca dei

Dettagli

Dr. Mentasti Riccardo

Dr. Mentasti Riccardo TRAUMATOLOGIA Dr. Mentasti Riccardo Obiettivi Apprendere nozioni di anatomia e fisiologia dell apparato muscolo sceletrico Conoscere i meccanismi ed i principali traumi muscolo-scheletrici più frequenti

Dettagli

Patologie muscolo - scheletriche ed articolari

Patologie muscolo - scheletriche ed articolari Patologie muscolo - scheletriche ed articolari La struttura ossea Ossa lunghe Ossa corte Ossa piatte Struttura dell 0sso Tessuto spugnoso Tessuto compatto Struttura dell 0sso La struttura tridimensionale

Dettagli

MANUALE SUL PIEDE. Doctor Foot srl. 00060 Formello (RM) Via degli Olmetti, 18 tel. 06 9075520 fax 06 9075155 www.doctorfoot.it info@doctorfoot.

MANUALE SUL PIEDE. Doctor Foot srl. 00060 Formello (RM) Via degli Olmetti, 18 tel. 06 9075520 fax 06 9075155 www.doctorfoot.it info@doctorfoot. MANUALE SUL PIEDE 1 Il Piede Il piede è un capolavoro unico d architettura, o meglio di biomeccanica, con le sue 26 ossa, 33 articolazioni, 114 legamenti, 20 muscoli e 250.000 ghiandole sudorifere presiede

Dettagli

Come tutti ben sappiamo il copro umano è costituito in gran parte da ossa e muscoli. Insieme costituiscono l apparato scheletrico muscolare.

Come tutti ben sappiamo il copro umano è costituito in gran parte da ossa e muscoli. Insieme costituiscono l apparato scheletrico muscolare. L APPARATO SCHELETRICO MUSCOLARE Come tutti ben sappiamo il copro umano è costituito in gran parte da ossa e muscoli. Insieme costituiscono l apparato scheletrico muscolare. Le ossa Le funzioni principali

Dettagli

ANATOMIA DEL GINOCCHIO

ANATOMIA DEL GINOCCHIO IL GINOCCHIO ANATOMIA DEL GINOCCHIO Il ginocchio è formato da tre ossa il femore, la tibia e la rotula che costituiscono due articolazioni femoro tibiale femoro rotulea ANATOMIA DEL GINOCCHIO L articolazione

Dettagli

FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE. Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso

FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE. Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso Elena Pedrotti - infermiera professionale Ortopedia e Traumatologia Ospedale S. Chiara Obiettivi formativi Valutare

Dettagli

Attività motoria e benessere psicofisico

Attività motoria e benessere psicofisico Attività motoria e benessere psicofisico BENESSERE Il sistema Muscolo scheletrico -Ossa articolazioni -Tessuti molli muscoli, tendini e legamenti Con l'avanzare dell'età le articolazioni tendono generalmente

Dettagli

LA FASCIA LATA, LA FASCIA CRURALE, LE VENE SUPERFICIALI ED I NERVI CUTANEI. www.slidetube.it

LA FASCIA LATA, LA FASCIA CRURALE, LE VENE SUPERFICIALI ED I NERVI CUTANEI. www.slidetube.it LA FASCIA LATA, LA FASCIA CRURALE, LE VENE SUPERFICIALI ED I NERVI CUTANEI LA VENA GRANDE SAFENA LA VENA PICCOLA SAFENA LE VENE SUPERFICIALI, PERFORANTI E PROFONDE HANNO VALVOLE; SE LE VALVOLE NON SONO

Dettagli

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali ESERCIZI FISICI Sono utili da eseguire prima o dopo la pratica sul pianoforte, per sciogliere, allungare e rinforzare le parti coinvolte nell azione pianistica. Devono essere affrontati con ritmo cadenzato

Dettagli

DURATA: 30 torsioni in totale.

DURATA: 30 torsioni in totale. Il warm up è la fase di riscaldamento generale a secco indispensabile prima di entrare in acqua. La funzione è quella di preparare il corpo allo sforzo, prevenire gli infortuni e migliorare la performance

Dettagli

ESERCIZI PER I GLUTEI

ESERCIZI PER I GLUTEI ESERCIZI PER I GLUTEI BREVE ANATOMIA DEI GLUTEI La regione glutea è rappresentata dal grande gluteo, dal medio gluteo e dal piccolo gluteo, con funzione di abdurre il femore. Il grande gluteo, assieme

Dettagli

PRINCIPI DI NEUROLOGIA

PRINCIPI DI NEUROLOGIA Indice 1 2 INTRODUZIONE........................... 1 1.1 Sviluppo della tecnica del massaggio connettivale................ 1 1.2 Diagnostica dell area del riflesso............ 4 Cambiamenti di tipo nervoso

Dettagli

Obiettivi fondamentali del trattamento riabilitativo precoce post-operatorio

Obiettivi fondamentali del trattamento riabilitativo precoce post-operatorio Obiettivi fondamentali del trattamento riabilitativo precoce post-operatorio Prevenire i pericoli derivanti dall immobilizzazione a letto Evitare la lussazione della protesi Recuperare un articolarità

Dettagli

I TRAUMI MUSCOLARI LE CONTUSIONI Contusioni più o meno gravi, almeno una volta nella vita, le abbiamo subite più o meno tutti. Esse, in parole povere, rappresentano il risultato di un evento traumatico

Dettagli

ROSARIO BELLIA E FRANCISCO SELVA SARZO INDICE. Presentazione...15

ROSARIO BELLIA E FRANCISCO SELVA SARZO INDICE. Presentazione...15 ROSARIO BELLIA E FRANCISCO SELVA SARZO INDICE Presentazione...15 1. Introduzione 1.1 Un po di storia...17 1.2 Linee di forza del corpo umano...18 1.3 I poligoni di forze...19 2. L'azione dei punti di agopuntura

Dettagli

LESIONI SCHELETRICHE

LESIONI SCHELETRICHE LESIONI SCHELETRICHE LESIONI MUSCOLO - SCHELETRICHE Anatomia dell APPARATO SCHELETRICO Lo scheletro umano è costituito da 208 ossa di diversi tipi: OSSA BREVI (es.vertebre) OSSA PIATTE (es. SCAPOLA, BACINO)

Dettagli

Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi

Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi 2012 Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi Una raccolta di esercizi specifici per chi pratica ciclismo a tutti i livelli dall'agonista al semplice cicloturista De Servi Giuseppe STUDIO BIOMEC

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz RIABILITAZIONE PRECOCE POST- OPERATORIA DEL PROTESIZZATO D ANCA

www.fisiokinesiterapia.biz RIABILITAZIONE PRECOCE POST- OPERATORIA DEL PROTESIZZATO D ANCA www.fisiokinesiterapia.biz RIABILITAZIONE PRECOCE POST- OPERATORIA DEL PROTESIZZATO D ANCA Percorso riabilitativo che accompagna il paziente operato dal giorno dell intervento a quello della sua dimissione

Dettagli

EDUCAZIONE POSTURALE

EDUCAZIONE POSTURALE EDUCAZIONE POSTURALE Le statistiche dicono che 8 persone su 10 hanno sofferto o soffrono di mal di schiena; questo fenomeno è in aumento anche tra i giovani e le cause principali, sulle quali si può intervenire,

Dettagli

Indice PARTE 2. L APPARATO LOCOMOTORE ATTIVO E PASSIVO

Indice PARTE 2. L APPARATO LOCOMOTORE ATTIVO E PASSIVO Indice PARTE I. ELEMENTI DI CITOLOGIA ED ISTOLOGIA 1.ELEMENTI DI CITOLOGIA ED ISTOLOGIA CENNI DI CITOLOGIA La struttura della cellula CENNI DI ISTOLOGIA Il tessuto epiteliale L epitelio di rivestimento

Dettagli

cell. +39.347.86.66.834 fax +39.0422.422.963 www.paolobruniera.it info@paolobruniera.it PROGRAMMA 1 ANNO CORSO DI OSTEOPATIA N.S.O.

cell. +39.347.86.66.834 fax +39.0422.422.963 www.paolobruniera.it info@paolobruniera.it PROGRAMMA 1 ANNO CORSO DI OSTEOPATIA N.S.O. PROGRAMMA 1 ANNO CORSO DI OSTEOPATIA N.S.O. Tot ore annue 272 da 45 OSTEOPATIA DELL APPARATO MUSCOLO SCHELETRICO: 158 ORE da 45 Piede e caviglia: Presentazione: anatomia funzionale e biomeccanica della

Dettagli

Terapia del Dolore, Elettrostimolazione, Ionoforesi

Terapia del Dolore, Elettrostimolazione, Ionoforesi Terapia del Dolore, Elettrostimolazione, Ionoforesi EFFETTI BIOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA Gli effetti biologici principali delle correnti elettriche a scopo terapeutico sono i seguenti: Chimici (fisico-chimici)

Dettagli

tessuto muscolare 600 l apparato locomotore

tessuto muscolare 600 l apparato locomotore SISTEMA MUSCOLARE INDICE Muscolo striato Muscolo liscio Muscolo cardiaco Come si contrae un muscolo I muscoli scheletrici lavorano in coppia I muscoli del capo e del collo I muscoli del tronco I muscoli

Dettagli

Estetica. Pressoterapia con U-Tech di Weelko ZOOM. Difinisci la tua figura con U-TECH, F-826 TECHNICAL ZOOM

Estetica. Pressoterapia con U-Tech di Weelko ZOOM. Difinisci la tua figura con U-TECH, F-826 TECHNICAL ZOOM Estetica ZOOM Pressoterapia con U-Tech di Weelko INDICE Pressoterapia e sessioni Unità di controllo e costume Programmi e sequenze di gonfiaggio Connessioni, caratteristiche tecniche e ricambi Informazione

Dettagli

DOLORE ALLA PIANTA DEL PIEDE: FASCITE PLANTARE

DOLORE ALLA PIANTA DEL PIEDE: FASCITE PLANTARE DOLORE ALLA PIANTA DEL PIEDE: FASCITE PLANTARE Con il termine fascite s intende l infiammazione di una fascia anatomica, nel caso specifico della fascite plantare si fa riferimento ad un processo infiammatorio

Dettagli

I traumi rappresentano in Italia:

I traumi rappresentano in Italia: Immobilizzare perché: L intervento di immobilizzazione ha lo scopo di: limitare i movimenti dei monconi ossei fratturati durante le manovre di mobilizzazione e trasporto del paziente di ridurre le possibilità

Dettagli

LINFODRENAGGIO PROFONDO CON DEEP OSCILLATION AESTHETIC

LINFODRENAGGIO PROFONDO CON DEEP OSCILLATION AESTHETIC LINFODRENAGGIO PROFONDO CON DEEP OSCILLATION AESTHETIC DEEP OSCILLATION Il principio d azione Attrazione elettrostatica tra mano/applicatore e il tessuto del paziente Movimento = impulsi di attrazione

Dettagli

BARI 14-16 DICEMBRE 2006 IL COLLARE CERVICALE

BARI 14-16 DICEMBRE 2006 IL COLLARE CERVICALE BARI 14-16 DICEMBRE 2006 IL COLLARE CERVICALE Dott. Michele Perrini U.O. DI RIANIMAZIONE AUSL BAT/1 BARLETTA 1 COLLARE CERVICALE presidio principe nell immobilizzazione atraumatica del rachide cervicale

Dettagli

Corso di Laurea in Fisioterapia. Corso integrato di INTRODUZIONE ALLA MEDICINA RIABILITATIVA aa 2015-2016. Esame obiettivo

Corso di Laurea in Fisioterapia. Corso integrato di INTRODUZIONE ALLA MEDICINA RIABILITATIVA aa 2015-2016. Esame obiettivo Corso di Laurea in Fisioterapia Corso integrato di INTRODUZIONE ALLA MEDICINA RIABILITATIVA aa 2015-2016 prof.ssa Laura Perucca IRCCS Istituto Auxologico Italiano UO Riabilitazione Neuromotoria Milano

Dettagli

Corsi di Massaggio Occidentale

Corsi di Massaggio Occidentale Corsi di Massaggio Occidentale Per massaggio occidentale intendiamo tutte quelle tecniche massoterapiche che per cultura sono legate al trattamento dei classici inestetismi, del benessere corporeo e del

Dettagli

Terapia Manuale secondo il Concetto OMT Kaltenborn-Evjenth

Terapia Manuale secondo il Concetto OMT Kaltenborn-Evjenth Terapia Manuale secondo il Concetto OMT Kaltenborn-Evjenth Corso sull arto inferiore Docente: Jochen Schomacher, PhD, PT-OMT Supplemento fotografico per completare il libro: Schomacher, J. Terapia manuale

Dettagli

Core Training, Allenamento Funzionale per il portiere di calcio.

Core Training, Allenamento Funzionale per il portiere di calcio. Core Training, Allenamento Funzionale per il portiere di calcio. Il portiere di calcio oltre a dover possedere ottime qualità tecniche, deve avere delle componenti fisiche molto importanti, in grado di

Dettagli

La movimentazione manuale dei carichi

La movimentazione manuale dei carichi ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE "EINSTEIN" Torino (TO) La movimentazione manuale dei carichi Note informative per la sicurezza e la salute sul lavoro Decreto Legislativo n. 9 aprile 2008 n. 81 Procedura

Dettagli

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE È il test iniziale della batteria di prove a carattere funzionale : da posizione seduta, con arti inferiori distesi e piedi a martello, distendere gli arti superiori

Dettagli

GLI ESERCIZI UTILI PER IL MAL DI SCHIENA

GLI ESERCIZI UTILI PER IL MAL DI SCHIENA Il benessere della colonna vertebrale dipende strettamente dalla tonicità dei muscoli della schiena. Se i muscoli sono forti ed elastici grazie allo svolgimento regolare dell attività fisica, la colonna

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE Opera TRAUMI LO SCHELETRO FUNZIONE: DI SOSTEGNO DI MOVIMENTO DI PROTEZIONE ORGANI INTERNI (es: cranio/cervello) EMOPOIETICA (midollo osseo, produzione cellule sangue) DI DEPOSITO (riserva di Sali, Calcio)

Dettagli

Myrtaven ti propone un programma completo di esercizi e automassaggi, per aiutarti a mantenere le tue gambe attive e in forma 7 giorni su 7.

Myrtaven ti propone un programma completo di esercizi e automassaggi, per aiutarti a mantenere le tue gambe attive e in forma 7 giorni su 7. Myrtaven ti propone un programma completo di esercizi e automassaggi, per aiutarti a mantenere le tue gambe attive e in forma 7 giorni su 7. lunedì datti lo sprint martedì RINVIGORISCITI mercoledì tonificati

Dettagli

Esercizi per la fatigue

Esercizi per la fatigue Esercizi per la fatigue È stato dimostrato che, praticando una costante e adeguata attività fisica, la sensazione di fatigue provata dal paziente si riduce notevolmente e che di conseguenza si ottiene

Dettagli

La forza. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara

La forza. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara La forza La definizione di forza Per forza s intende la capacità dell apparato neuro- muscolare di vincere o contrapporsi a un carico esterno con un impegno muscolare. La classificazione della forza Tipi

Dettagli

Mobilizzazione Spalle

Mobilizzazione Spalle Mobilizzazione Spalle www.osteopathicenter.com Appoggiare i gomiti con tutto l avambraccio sull arco di una porta. I gomiti debbono essere allineati un po al di sopra della linea delle spalle. I piedi

Dettagli

8) Coscia e anca: a) flessione; b) estensione; c) abduzione; d) adduzione; e) rotazione interna; f) rotazione esterna.

8) Coscia e anca: a) flessione; b) estensione; c) abduzione; d) adduzione; e) rotazione interna; f) rotazione esterna. Glossario dei movimenti ginnastici e sportivi Terminologia riferita alle posizioni e ai movimenti del corpo 1) Capo: a) flessione in avanti; b) inclinazione indietro con iperestensione del rachide cervicale;

Dettagli

L APPARATO MUSCOLO SCHELETRICO

L APPARATO MUSCOLO SCHELETRICO L APPARATO MUSCOLO SCHELETRICO L APPARATO LOCOMOTORE OSSA-ARTICOLAZIONI MUSCOLI OSSA-ARTICOLAZIONI Il sistema scheletrico garantisce le funzioni di: Sostegno rigido (le ossa danno forma al corpo e gli

Dettagli

LO STRETCHING COME SI ESEGUE LO STRETCHING

LO STRETCHING COME SI ESEGUE LO STRETCHING LO STRETCHING Le tecniche di allungamento passivo sono molto diffuse perché efficaci e prive di effetti nocivi sull'apparato muscolo-tendineo. In particolare lo stretching consiste nel portare un gruppo

Dettagli

Modulo di Conoscenza delle metodiche e tecniche di bendaggio dinamico ad immobilizzazione parziale nella traumatologia delle articolazioni

Modulo di Conoscenza delle metodiche e tecniche di bendaggio dinamico ad immobilizzazione parziale nella traumatologia delle articolazioni GECAV 9/2007 per Operatori 118 1 Modulo di Conoscenza delle metodiche e tecniche di bendaggio dinamico ad immobilizzazione parziale nella traumatologia delle articolazioni A cura del GECAV (Gestione Emergenza

Dettagli

Lesione di una parte dell'organismo prodotta da una causa esterna in modo rapido e violento Può riguardare (tra l'altro...):

Lesione di una parte dell'organismo prodotta da una causa esterna in modo rapido e violento Può riguardare (tra l'altro...): COS'E' IL TRAUMA: Lesione di una parte dell'organismo prodotta da una causa esterna in modo rapido e violento Può riguardare (tra l'altro...): l'apparato scheletrico (fratture) le articolazioni (distorsioni,

Dettagli

LO STRETCHING A cura della Dott.ssa Ft. Bruna Cancelli Tel. 380 3499791 E-mail: bruna.cancelli@cheapnet.it

LO STRETCHING A cura della Dott.ssa Ft. Bruna Cancelli Tel. 380 3499791 E-mail: bruna.cancelli@cheapnet.it LO STRETCHING A cura della Dott.ssa Ft. Bruna Cancelli Tel. 380 3499791 E-mail: bruna.cancelli@cheapnet.it Stretching (da to stretch, allungare) è il nome dato a una serie di tecniche e metodologie, il

Dettagli

La riabilitazione del piede nello sportivo

La riabilitazione del piede nello sportivo La riabilitazione del piede nello sportivo La riabilitazione in ambito sportivo è caratterizzata dalla necessità di brevità nei tempi di recupero e dal raggiungimento di alti livelli di prestazione sportiva.

Dettagli

Curare il mal di schiena. Nicola Magnavita

Curare il mal di schiena. Nicola Magnavita Curare il mal di schiena Nicola Magnavita Lombalgia acuta Vivo dolore alla schiena, che insorge all improvviso dopo un movimento particolare o uno sforzo ( colpo della strega ) Colpisce il 10-15% della

Dettagli

Il respiro è la capacità d immettere ed espellere aria dai polmoni, la capacità respiratoria viene misurata come

Il respiro è la capacità d immettere ed espellere aria dai polmoni, la capacità respiratoria viene misurata come PARAMETRI VITALI Definizione : I parametri vitali esprimono le condizioni generali della persona. Principali parametri vitali 1- Respiro 2- Polso 3- Pressione arteriosa 4- Temperatura corporea RESPIRO

Dettagli

Informazioni per i pazienti per Prodisc -C, protesi di disco intervertebrale per la colonna cervicale.

Informazioni per i pazienti per Prodisc -C, protesi di disco intervertebrale per la colonna cervicale. Informazioni per i pazienti per Prodisc -C, protesi di disco intervertebrale per la colonna cervicale. Funzioni della colonna vertebrale Stabilità La colonna vertebrale umana costituisce l asse mobile

Dettagli

Le lesioni muscolari

Le lesioni muscolari Le lesioni muscolari Cenni di anatomia e fisiologia Una classificazione è utile solo se fornisce informazioni sulla natura della lesione, sul suo trattamento e sulla sua prognosi M. E. Muller TIPI DI MUSCOLI

Dettagli

RUNNING. il re degli allenamenti

RUNNING. il re degli allenamenti Naturale, dimagrante, ottima per tonificare il cuore e il sistema circolatorio. E soprattutto a costo zero. La corsa è un training senza eguali e le giornate di questo periodo, tiepide e gradevoli, invitano

Dettagli

massaggio Livello Avanzato LINFODRENANTE MANUALE METODO VODDER C O R S O D I F O R M A Z I O N E Professionale 3 week end (48 ore totali)

massaggio Livello Avanzato LINFODRENANTE MANUALE METODO VODDER C O R S O D I F O R M A Z I O N E Professionale 3 week end (48 ore totali) LINFODRENANTE MANUALE METODO VODDER C O R S O D I F O R M A Z I O N E Professionale Livello Avanzato 3 week end (48 ore totali) Ente NO-PROFIT di Formazione Professionale Riconosciuto dalla Regione Lombardia

Dettagli

Ti sei mai soffermato a pensare: che cosa succede sotto il collare?

Ti sei mai soffermato a pensare: che cosa succede sotto il collare? Ti sei mai soffermato a pensare: che cosa succede sotto il collare? Per le persone, sappiamo che solo 1 incidente con colpo di frusta può provocare sofferenza e dolore a lungo termine. L anatomia del cane

Dettagli

Catene muscolari: una visione globale per comprendere l origine di molte rachialgie. Prima parte: la cervicale

Catene muscolari: una visione globale per comprendere l origine di molte rachialgie. Prima parte: la cervicale Catene muscolari: una visione globale per comprendere l origine di molte rachialgie Prima parte: la cervicale Per impostare un programma di lavoro che abbia la massima efficacia su una rachialgia dobbiamo

Dettagli

RACHIDE CERVICALE. linea mediana al centro della linea nucale)

RACHIDE CERVICALE. linea mediana al centro della linea nucale) RACHIDE CERVICALE ISPEZIONE (già come entra il pz) PALPAZIONE: I. occipite II. inion (protuberanza a forma di cupola sulla linea mediana al centro della linea nucale) III. Processo mastoideo IV. Processi

Dettagli

L allenamento posturale per il Biker di Saverio Ottolini

L allenamento posturale per il Biker di Saverio Ottolini L allenamento posturale per il Biker di Saverio Ottolini Saverio Ottolini L allenamento posturale per il biker www.mtbpassione.com L allenamento posturale per il biker Per chi si allena e gareggia in Mountain

Dettagli

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA Servizio di Recupero e Rieducazione Funzionale Tel. 030 3709750-Fax 030 3709403 COSCERE LA PROPRIA SCHIENA Come è fatta? È costituita da 24 ossa chiamate vertebre. La colonna vertebrale è suddivisa in

Dettagli

Attivo di Bionaïf è un plantare anatomico che partendo dai piedi dona benessere a tutto il tuo corpo.

Attivo di Bionaïf è un plantare anatomico che partendo dai piedi dona benessere a tutto il tuo corpo. il benessere ai tuoi piedi Attivo di Bionaïf è un plantare anatomico che partendo dai piedi dona benessere a tutto il tuo corpo. Attivo è stato studiato per chi soffre di problemi di postura e di mal di

Dettagli

La sindrome pseudo radicolare: quando muscoli, legamenti, articolazioni imitano il dolore radicolare di Dr. Giovanni Migliaccio

La sindrome pseudo radicolare: quando muscoli, legamenti, articolazioni imitano il dolore radicolare di Dr. Giovanni Migliaccio La sindrome pseudo radicolare: quando muscoli, legamenti, articolazioni imitano il dolore radicolare di Dr. Giovanni Migliaccio La sindrome radicolare pura si esprime con un dolore irradiato nel territorio

Dettagli

Artica Una nuova innovativa macchina per la crioterapia ambulatoriale

Artica Una nuova innovativa macchina per la crioterapia ambulatoriale Artica Una nuova innovativa macchina per la crioterapia ambulatoriale Cos è la Crioterapia La crioterapia, o terapia del freddo, è una metodologia terapeutica conosciuta da moltissimo tempo. Essa utilizza

Dettagli

ALLENAMENTO DEI MUSCOLI POSTERIORI DELLE COSCE

ALLENAMENTO DEI MUSCOLI POSTERIORI DELLE COSCE ALLENAMENTO DEI MUSCOLI POSTERIORI DELLE COSCE Testo e disegni di Stelvio Beraldo La regione posteriore delle cosce ("faccia" posteriore) è formata dai muscoli (Farina A.: Atlante di anatomia umana descrittiva

Dettagli

STRETCHING PER GLI ARTI

STRETCHING PER GLI ARTI STRETCHING PER GLI ARTI INFERIORI E SUPERIORI... 1] Stretching attivo del polpaccio (gastrocnemio) In piedi rivolti verso il muro Mantenere ben dritta la gamba posteriore Mantenere il tallone a terra Mantenere

Dettagli

Scienze Motorie e Sportive

Scienze Motorie e Sportive Scienze Motorie e Sportive GLOSSARIO DEI MOVIMENTI GINNASTICI E SPORTIVI (Testo e disegni di Stelvio Beraldo) DOCENTE: prof Pieraldo Carta CLASSI: 1^A, 1^B, 2^B A.S. 2013-2014 1 Atteggiamenti POSIZIONI

Dettagli

Regole fondamentali e posture

Regole fondamentali e posture Regole fondamentali e posture Propongo adesso sotto forma schematica una serie di input basilari, da tenere sempre presenti ogni volta che mi accingo a proporre uno stiramento: - I nostri muscoli sono

Dettagli

TRAUMI AGLI ARTI LESIONI SCHELETRO-MUSCOLARI

TRAUMI AGLI ARTI LESIONI SCHELETRO-MUSCOLARI A cura di Vds Davide Bolognin Istruttore di Pronto Soccorso e Trasporto Infermi CROCE ROSSA ITALIANA Volontari del Soccorso Delegazione di Terme Euganee (PD) TRAUMI AGLI ARTI LESIONI SCHELETRO-MUSCOLARI

Dettagli

L analisi posturale. Dott. Andrea Pelosi

L analisi posturale. Dott. Andrea Pelosi L analisi posturale Dott. Andrea Pelosi da Kendall L'analisi posturale permette al terapeuta di valutare visivamente il paziente al fine di stabilire la sua posizione rispetto ad una posizione ideale.

Dettagli