! "# !$ &'!$(* !$0 1 !$)+. ## +,. $! $*". +, % 5 $)* $/*" + $0 78# ($!+. ( %!909:!9/ ($)+ 5 ($- % ) 5 5 # )$! )$!+.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "! "# !$ &'!$(* !$0 1 !$)+. ## +,. $! $*". +, % 5 $)* $/*" + $0 78# ($!+. ( %!909:!9/ ($)+ 5 ($- % ) 5 5 # )$! )$!+."

Transcript

1 ! "#!$!%!$&'!$(!$)*+,!$-*".!$/'!$0 1!$ &'!$!2!$*,344!$(*!$)+. ## +,. $! $*". +, % 5 $(*66" $)* $-2+ $/*" + $0 78# $*.# $9*" $!+. ( %!909:!9/ ($!78# ($*.!9: ($(*"% ($)+ 5 ($- % ($/;5<# ($*!9( ($9*".!9):!9/ ($!!*3 ($!+. ) 5 5 # )$! )$!+.

2 %+=>% 9% 9$!=5 % 9$*"+1 9$(*#"+1!*,.!$!*3# A1*"1!;<" 31!$!+.!9 7!9$!"1 7!9$+,31!9$(*.!9$)* % &7+!9$-.!9$/* ##+.!9$!+. ( 5 ($!"1. 7 ($5 ($(+.5 ($)% ($-+. ($!+. )%5,+ )$!*"# " )$-*3..3 &5.# 55.#7. 2

3 >. 5 # " 57 $. " #6,6 C $ A.5"6 5.! 6# 4 4 $ > $A 67D 7 D!09#. 5, 65, 6 " 7#7,5"#,". # ( $ 1 Sinteticamente, si può dire che la bilancia dei pagamenti compendia le transazioni di un Paese con il resto del mondo. Queste, essenzialmente, riguardano da un lato lo scambio di beni e servizi, e dall altro lato i movimenti di capitale. Questi negli ultimi quaranta anni sono cresciuti in maniera molto rilevante, fino a superare la bilancia commerciale ( che compendia appunto lo scambio di beni e servizi). 2 Si vedano Papadia e Saccomanni (1994). 3 Il funzionamento del Gold Standard è descritto in modo molto schematico in quanto non centrale in relazione al tema del testo. Il carattere antinflazionistico di tale Sistema deriva dal fatto che la quantità d oro utilizzabile è limitata dalla natura stessa, mentre la non necessità dell esistenza di un Paese egemone è originata dal fatto che la disponibilità dell oro non dipende dalla politica di un particolare Paese. Questo carattere di indipendenza fu 3

4 %55" ##,. : C 6 "## 6 4 ## 7 4: 5 5. $* "## 6 6 :, 6# $> 6 #5..$ % # 56 $!"" # $ % > 6 6 C ". 3: E C.D 4 C#61% 56 7 #. 3##$!9967D 7!$!6 6. # : $A#.&' -.!9))6757. da alcuni politici talmente apprezzato che fu da loro auspicato il ritorno a tale Sistema anche dopo molti anni dal suo abbandono. 4 Si veda l appendice Nel New Hampshire, USA. A tali accordi aderirono, tra gli altri, tutti i Paesi dell Europa occidentale. 4

5 6 5# / 61% " 5, 6 (- $6 7##". 1% $ #6D". 1% 7 $ % ##7E # F " 6.1% 55 4, 6 55 ", 9 $ 4,G 7 :, 7 F 6.1% : $ &' # 7 & 2! # % ##,5. $ ## 2 54: #$*" 7 =. + #H7E4##+.: 6 I tassi di cambio potevano oscillare liberamente entro il limite dell'1%. Modifiche delle parità superiori erano consentite soltanto in funzione dell eliminazione di squilibri strutturali delle bilance dei pagamenti, su autorizzazione del FMI. 7 Per questo motivo il sistema di Bretton Woods andò anche sotto il nome di Gold exchange standard. 8 Occorre osservare che la struttura degli accordi e questa egemonia nacquero in modo naturale, poiché alla fine della seconda guerra mondiale gli USA detenevano gran parte delle riserve di oro a livello mondiale e la forza economica di ogni altro Paese era limitata. 9 Negli anni cinquanta gli USA ebbero sempre avanzi di bilancia dei pagamenti. 10 Si veda l appendice

6 1%FH6 6!!. ## $ >..655:.##, 5, $%!9-6 " D#!9-4#.. 5,2 : $ &' ( ' # 7 C D 6 5%7 I 6.4#.# ".... % $ ,,!9-! 6 4 H!" ++ # 26"6552 &>*1J!( $ % 7 7 # 7 6 #.# 5",. 11 General Agreement on Trade and Tariffs, stipulato a Ginevra nel Attraverso negoziati periodici multilaterali esso si prefiggeva una progressiva riduzione delle barriere doganali e l'applicazione di compensazioni multilaterali per agevolare la crescita del commercio mondiale. 12 Il Belgio, Paesi Bassi e Lussemburgo. 6

7 , $ %7. D#$ #... 6#6"6 - ", 5.,6-5,# 6 -, C 6 6!9-0#!) : 6!" 1= +$ > 6 +,#.# 76.6" $> : D 5 +, "1$*".: 6 6 D 6 4 +, # $##6I 6#++6D. 4 ##7E# 7. #6+,#+F4 : D6 #!- $ 5. +,#. " 14 Il

8 .1$C6: 67 # " H 6 6 > % %!9/": 5 2!/ $4 D.5C 5:.H6 6"2 5 "6#.$.4: >. % # "1 $ # "6 > 5D &' 67#H4 5, 1% $ +H., 5 5" #: $>".: $ % 5.: 7! $ #67." 1% 5 6+, # 7 #,$" :.6.,# D C $ 15 Diversi furono i motivi che portarono a tale decisione. Particolarmente rilevanti furono il rifiuto dei partiti della sinistra francese di autorizzare il riarmo della Germania ed il rifiuto di quelli della destra di avere l'esercito francese anche parzialmente sotto un controllo non nazionale. 16 European Free Trade Association. 17 Formato da alti funzionari dei Ministeri economici. 8

9 * +, 4 ".+!9 4 $% D $% 6 6# #F C +6!9/!9/ # C$ * ## #.$5. $A 7. C 5 G.#$4. # $* # 5 4.% 5$ )%(*(+" "( ' ;5 < + G $ *. G # 5 $ 7 + $ G. +.% 5 %$ 7EG # G 18 Tale da garantire il funzionamento del mercato comune (Art.5 del Trattato di Roma). 19 Politica Agricola Comune. 9

10 3. $ K =$ * +..% 5. $ G# +%.% 5 7 F 4 # ; < $* +.. ; < ; <6, $ + &. 277 C 6## #$,- * " > + 3. $. 6 6 ". " ## 3 ## +,$% : : 6. 6 $> :..,......$.. "..6.6 #:! $%. 6#67 # #46 6 7E. $*: 20 Per la Comunità in quanto tale e non necessariamente per il singolo Paese. 21 Per una rassegna delle economie di scala si veda Pratten (1988). 10

11 55.. 5, 4 # ( 5$ E ) $ $ * 55 6#6.: - 4# 55,.. $ 4.7## / $A54% 55 # # 77 &'& % , $A76.6 G ## 6 : #,$# 5:... #..3.%7 ".$. 55 :. $ 22 Si veda Schwalbach (1988). In questo studio si verifica, con risultato positivo, l'ipotesi che la rimozione delle barriere commerciali in Europa abbia l effetto di incrementare le dimensioni delle aziende. 23 Si vedano Smith e Venables (1988). 24 Si veda Geroski (1988). 25 In questo senso si esprime Krugman (1987). 26 Si veda, ancora, Krugman (1987). 27 Locuzione che indica vari tipi di politiche volte ad ottenere benefici a scapito delle economie di altri Paesi (spesso vicini). Essi concernono politiche di controllo degli scambi commerciali, tassi di cambio multipli, svalutazioni competitive, accordi bilaterali di commercio. Per le svalutazioni competitive si veda l appendice Si veda, a questo proposito, De Cecco (1988). 11

12 6.3.: #. "# 9 $%.# ( #$ = 6 ##7E (! 6#. : ", 7E 4...: $% 4 3. : # C.$> : 556 # 6 6 $. '' $,. 4 &' , D. 7 F ".# #6..!9/)6 (.% 5$* 5!9/:/9 4 5 ## 6#4: 29 In questo senso la Commissione della CEE (1984). 30 Le partite correnti sono costituite dalle importazioni ed esportazioni di beni e servizi, dalle royalties, dai redditi da investimenti, dalle rimesse degli emigranti e dagli aiuti internazionali, tutti considerati in senso algebrico (cioè col segno più o meno). 12

13 7E...6 # $ +H # C, ## 67., $* + +, 4; 7 7 +,<6( + : 67. # 5+$ %D7&. D " F 6 # 3L 5!9/ ## # 4## 7: 6.6".+$: 6 7E # * 5.6 ' 6# 55 35!90+. 3: $) * " 6 "5 # 5# $ > 7 ## 7 7 7# 5 F 31 In questo senso la decisione del Consiglio Europeo del 18 febbraio 1974, relativa alla realizzazione di un elevato grado di convergenza delle politiche economiche degli Stati membri della CEE. 32 Si veda Werner (1970). 13

14 6 5 " 55 F555. 4# 7 #6 # 554:. F55 # 7#$>' ; <; 57<$ 5+ : +.., + $ 1 #6.!90!$ > # 55 ## " #: 5 6. #$ 6 6+, $ #.. +,$ *+. 7 : 5, +, % #. 31 ##3 F : +,..,## : F : F 14

15 : , +,$ 7#. 35 # #4 3: $ /' " " * 4 # 31 6 # "!$!$!90!(!$!$!90($A 6 : C 7 75 F : 5## 6 56 F : #31F :.. 7 F : #H7+, 55..F : 57 6#3 # 6# 5.% 5. C %6 #4 F : + + &7 56C(..!9063:.6 # 2 + $ 15

16 0" %% # $ % ># 6 5#.& ' #$#.4: #"# : 7.7.:,4 (( C $ " 6 3 #. : ##!9/$ A ,:.#!$ % 5. # $ +H#6 D6 5, 55 $ ## ## % 7 #,. 55 5, % $* 4,6 : % 3## 67#$ +H!9/9 2, -,# * %7 55 # 5. 6 "##" #$ 33 Si veda l appendice Special Drawing Rights, in inglese. 16

17 .,!9/0% 6 "6 5 (- ": $ 5. C 76 4, $6.1%.# 55.. B: 6.# " " 6 $ A# 55# 6 7 D.. 1% #,. B 7E 4,. 5,. 5. F H# 5 #6...5 $ *## 55##.# : 1%$A# G5 52.!!6 " ". 1%6 #!9-06 :!9-0#!90!$,.%1 453!9/)3 # ".. >MN : 1%67E 55. : 3## $ #6 ".!90!6 # 7 " " 5!90:0!2.!$!6.1%6>O Nel 1967 la sterlina britannica fu svalutata nei confronti del dollaro USA, passando dal valore di 2.80 a quello di 2.40 dollari. 17

18 C # 7 # (/ $5. # # H 5 &' D.H 5#5$ > 5!90!% 7' 7. (0 ",(-($> :,.5: # 4 D )$-P $-P,$ D6H6 56 #.. $ A# D 5!$7!9/:!909 ", 6"#: # +, $ 67 )-P!9/!90(6 D $ > 7. D : $ !90(! $ > + ".. ## 6 C 7 75 $ 36 Nel 1968, per la prima volta dal 1893, la bilancia commerciale USA fu in disavanzo. 37 Gruppo dei dieci Paesi più industrializzati: Belgio, Canada, Francia, Giappone, Italia, Paesi Bassi, Regno Unito, Repubblica Federale Tedesca, Svezia e USA; oltre ad essi è in genere invitata la Svizzera. Inizia così la tradizione di un gruppo di Paesi industrializzati che si accorda su svariati aspetti dell economia mondiale. I dieci 18

19 ''" * 2 2 G. #:.&' $G.+. : $* % % 1$2## $ P0-P $= D $!9/9 D H!: 4, -P 4$ =. 6 +.: 3,##45$ # 5.. : 7 6#6 $ * $Q # $D diventarono poi cinque, costituendo il G-5, con l eliminazione di Belgio, Canada, Italia, Paesi Bassi e Svezia; risalirono poi a sette, il G-7, riammettendo Canada e Italia. 19

20 . 6 E 3 5 C ##:,....#$ ''"! ' +' 1"2(% 2(% 5 #5 # 3##$.D7# 5 #564.C 4,34 ( 4 $*, G.433 : $* ## 5 $ G 3##, : G4## 7 5 $ *, 4 5. $* 4 ## 5 7E 5 : 46373$ G 3O 7.. $+H $ 38 Dall inglese Purchasing Power Parity. 20

21 ''"&%(*"' 1 # 4 : 4 : $A.C : $* 4. ## 6. 6 ", 4 G D# 7 67E. 6 7 $ ## 7 ; 7 <67 67 $ ''") - *.!9)) &'!9-! ++.!9-0"1= +, Trattato di Roma!9/! + "=. + % =+%!9/-:/0*5 ##$ 5!9/9 1 +%+, 7" =5!90 55' "1!90! '.!90! %. 5,.1% 5#& ' 21

22 -( SVALUTAZIONI COMPETITIVE Belgio Danimarca Francia Germania Italia Norvegia Paesi Bassi Regno Unito USA Tavola Valore delle valute di alcuni Paesi europei e degli USA negli anni in percentuale rispetto al valore del 1929 (Fonte: Lega delle Nazioni, "Statistical Bulletin", vari anni) 22

23 RISERVE USA E MONDIALI 2.!$!R "6.1%!9-!90!$ *%2*?=>*%K=+S=*2>*>>%>!9/:/0!9/0:0(!90(:0-!90-:09!909:! * )$) -$ :$( ($/ :$( * )$( )$0 $0 ($! $9 -$- -$ :)$ ($!$ $/ $ )$ -$( 0$/ =## -$! $! :$- $9 :)$) ($) -$-!($ 9$!!$9 3!$! $9 ($ /$-!$ % : )$/ -$ ($- $0!$:B 3, 63## +,!9/:!09F 2=+6/ 012&0326.6!9F= !9$ milioni di dollari riserve mondiali escluso oro riserve mondiali in oro anni riserve USA in oro

24 ! %#. ' 5 5# $ +H 4. 1%## "5, 7 D D# D.. +, ' $ !90!67 : 5 )$-P 6.9P 6 4#+67 : $+H 5 +, 7 #. #.6 " 5, ".!90:.. T$-P # 35# C)$-P$* H "!906 D $ # #. 5 5 # 57 # ##, $* # 55.7C

25 7 35 5, $!! - (+ 3 5+$,#. : #+, #5#: $+H 66>..1 #.!90 +,..7" $ > 5!906.# 6 >.D"+,. #""$ = 7., #. 46 ##: "#+,F!9/!66 : 765 ": # $ 1 7 6!9/06 ##$ * 7 " 7E ":.46+.D"# $*"7#.:.1.4" " 55# $!&"%(*44 ( "%" 1 #7 3.#: "5,. C 7 : 5 5 $ ##

26 # 5&7 6& :.4. 73& 4: #7 $+D : # # : " 6 7 C5 $ = :. #77. 4 :.. #. 6 : 7 #... $-P,6# 55. F : 6,., #5 : 6 ##7. F :. 4##F :. #5,F : 3,..: 6 3. $ 5 # #. 5 D#..!

27 ..$+H : D #57D$% #"7 67DD$ ##6. C 4. 5 $*" #C. #.:. # $ >. 7.. " H F255D.!90)6 D.!90-H#!90/$ 46.16"62"4 ## 6 H &>*1J % 6!909$DH66" : 4 ##6"D 7% 6 7DH!900 $ A"6..6 # C F 6# :. # 5 #. $ # #, : 76""5,#..:. $> " 7, "6 27

28 ##G 6#5 6!90($B "#: C $!) ( #7EC 6.: #6 5$*" : F.:.G7..G (9 $ *" G6 7 6"" ) # 7. 56# 5,.#$ ", 67 6: "6".##7... 5,..: #$ B6 677: " $. 6"6 56. : 6G., F.6 C.6, 67##: " 6 # : 39 Si vedano Tower e Willett (1976). 40 Sviluppata originariamente da Mundell (1961). 28

29 ": C# " "6 $*". " $ #4G7" 5..7FC )!. 6%4 #... C6, " " $* 4 #: C5677 5$ 6* 5,#: #5, 5 "..: " 787 : "$ "! $C.G 5 : 5"5 5C# ## 567E4G ##.#,$A7.. 6 #6CG " C55G7 F H6 # $ $.. G #.. G, $%. 41 Tratte da Tavlas (1993). 29

30 . #. 5 5$ 7$..G..#:..G5,.##787 $ D. 5, #678 # : 6.6$$$7#: ". 4 # " $ 7 7. CG " C55G7 6 # : $4 64 ",5 GC5 : 7 55 $ D 5 " $ #.. 5 4# " 5.,:.. 5$ * 7 6 D 4#.$#6 5,#6 # : # " $* " 5#. 4 6 : $ 30

31 !,( '' * ' 7"#6 8 $2+=$#6# ) + :, 47 # 6 5!906 3, 6 # 31 6 #6. 55 ## + & $ 2+ : & F : 6.3,6##: 5. &7 F : 55.#%. & %&.% 5$ +. + % +,6. 3=5!90673U0(552: + 66C: 7 7 +, 6 6 C ##$ 6 #6, 7.% 5 +, # 3 4 $ #!90(7 #"1 ) 7#6 6.$ 42 Dunque il Consiglio ECOFIN. 31

32 6 " "1!9/96 55 C 7E# $*# 4 #*$8!99(. ;* 5 5 # ,. 5D#"1 $<!." ' % #.D#: ##5 $4. 6# :, 6 #3.: $ " D 7E 6 : 6#.C.$ >!90(..: 7 : 3F # $*.##7 D.: #$ A #.# 7 +6 D!$!9/0:0( D )$)P. -$P6 " "!$! $9P "## -$! "6!P$*" # D" ($)-$-P$ 32

33 ,6. 6C ## 3 : #$ 6 3, ".#, 6 7!$F" ,. 56 ## F 3 6# 5, 5 $, #.664 $* ## 6 5 : 6.4,$!/ ' %5"6' 7 #4 )(, 5. &' #663: ###$"655: 43 Alcuni di questi riallineamenti sono riportati nell Appendice

34 5, 6. 1%. 6 G ;5 ## < # $+.,.#!$6. 1%# ## # 5. C#6 7: $ % " $ 4#6..#6.. #!90( 7# 4.. 3=+6 =. # )) $ 7E4 5 6 H #: $ 5,# : 6: ",. $% D6 H6 # 7 D#!900$ # 6 ##C$ *"## #..55 : ", 6 " 4,.. # 4., " $" "#.. 7 ## $>+ G5 6.!90(:0-64, ##6 44 I Paesi produttori di greggio motivarono questa manovra con il fatto che i prezzi mondiali erano aumentati marcatamente. 34

35 !$$>7" *#. 6 H$ *3, 5.1%#: $,644.:. : % 5$>5!90):0-552 &6.,# " 56. # 4 : 6 D $!$> # $ *3## # ,6.,3##6.3: #76 D.. 5 +$ : )P 6!0:!P.16!-P26!/P &. $>&6* P#755: C$ +6!$6": 55!(P!90(:0-6 9$P 4.$ > $. +,.!90!:!9!$ # 5 : 6,#67E 5$

36 #..!90) 6#!90($>!90) : 6 D $!$!0 %-7*.. #. 3#: $ 6 3#. 6 C.#& : $ A# ": 3, #6 6, #6. 6 6#.7 : # $ "<< C : D "!90( 4 " # 5D 5, 6. #.: C# )-.,$$$ >!9/:0( "# + (:-P6 G!$6# $/:$P$ 3#: ## 78 # Alcuni autori hanno motivato il fenomeno della stagflazione con la messa in pratica di politiche economiche troppo restrittive (si vedano i saggi in Buiter e Marston (1985)). Queste motivazioni si basano sull'uso di modelli di massimizzazione intertemporale dell'utilità con i canali di trasmissione usualmente basati sugli effetti di variazioni delle ragioni di scambio sul consumo oppure sulla riallocazione dei fattori nelle funzioni di produzione aggregate (si vedano Bruno e Sachs (1985) e Svensson (1984)). 36

37 76 6 7!90(:0- D)$P$> 6!90-:0964 D6 -$(P6 H6!($9$P6C& 76 $ *3,6!$ 6 5H.!90(:0-4 6 #., 6#.. 4)$/P!9/0:0(4-$P!90(:0-$ *.&!9).#G.3: #.. " "## C. 4C.G G!$74G.!90(:0-F : $... 5 ##... 7 #7 #.: 3 3#.78#$ 4 3 :,!90(# $*3: # #F. #6 E$!8'' """.!90-:00: 6.:0 )/ 6## &!90 46 Si veda la nota

38 6 # $ +6 6,.7 : # : $ A.6 7E #. 7 6#55 # 7#77 " #6!909$ ''"! -! >.6.1+!90 +. ; : <!90 5 ;<#:.!90 *.; <F.$ % 5!90 *>."+. # ) 5!90( 6.1+!90( =!90) ##;< *.!90- ##;<!90/ ### ;< # ## # 5526&>*1J6 " =5!90/,"; : <.!900 1;< F ## *.!90 % &0 38

39 -( PAESE Danimarca Francia Italia Paesi Bassi Regno Unito Rep. Fed. Ted Tavola 2.1 Bilancia delle operazioni correnti con il resto del mondo, in percentuale del PIL a prezzi di mercato (Fonti: Commissione CEE, Economia Europea, n.51, Bruxelles, 1992 PAESE Danimarca Francia Italia Paesi Bassi Regno Unito Rep. Fed. Ted Tavola Indici dei prezzi al consumo; variazioni percentuli annue (Fonti: IFS) 39

40 98/8:80. &%"%5"6' 7 6 4# 43: 6.!90-:0/# 3 6..!909$ 436 "=+... )0 6 ##4#$!90(:00 4 6!909: ## ) $*3 # :.!90(!909. #.#6# #$ 3, 5!90-:0/ 7D4!96 D *+ ($!$,#!90(#C4!909!90/: 7D 4!9 6 # 7 ##4 67.,C54 : $*!9."=+%6##,# B% G 47 Il 27 Marzo 1979 a Ginevra. Dal Dicembre 1978 alla metà del 1980 il prezzo medio del barile passò da circa 13 dollari a quasi trentatre. Quest incremento in termini reali è paragonabile a quello del (Commissione della CEE (1980)). 40

41 5 5 ($$*3... ## C#!90)7!96 7 ($( " #C 7$ %7 7 ###: $*78##H : C 7 7 && 4# C# 6 $ 76!90)6 5 5 : C: 6 5 C# :.!90):0- ($!6 # : "!90- ($(7E7##,. $ +H!909C $ : #2 7 (6 7# 5,!909$ )9 $ 2 ##55 :,!9! # *!96 D ($!6 6# 48 Un accurata comparazione tra i due cicli può essere trovata in Boltho (1984). 49 Si vedano, a questo proposito, Buiter e Miller (1982). 41

42 "# ($(6 6,...$ &! "%%( '-80;:0! %.## ##. 4 $ > # 6 55.!9:+ ($!3#: ,!9!6 1%.!9:: + ($($%55 #.1# #!/$($0#!($-!$ +F ($( # 6 2# " 3 ##4. $ >.667 7: 78##5$%!90/" 64 D 6 6!9!7!96!9(#56 G ($! +F #. 56 H.. #!9!:( ($)$ 4: D37 7 3, $ C 55 # 77" :.#7.7 D3G#$# ($(($! 7 4!9:(# +G 42

43 !($-P$-P6# * #"$ &&%(* #7. # " 78#5:.. 6G 6#..# 5 ' 6 7# C : 5" 5, $A:. 6!9096 $ % $ ##6. #65,: 6 #6 6.6 # 3. " 5 :.,.. 6 # # 4 : $ 5,.., # 6 6 F 4 6 D6. 4,7"## $* H 3:. 7,....#5, 6" $ *35, : 43

44 +,$*.5, 4,5: 5." # : $*, 7 " # %6 5 35, 6 7 #6 "G 6 % $ " 6!900!90# 5 5 $#& 6.!906H+.7H":. D":.##: " 7 F &O :.16## 5 6% 67D.!(!9096..: # 77$ &)"" ( ' 3 5 # # 7 % # 5, F 7.% % $... 5 # $ 2# 4 5 # 3 5. )$-P 44

45 $-P $ 6..5,6#5C./P $ A # #57#: $* 5: 2 +& 2+&67 7.&: % 6 $ A 5% C5, 5&5655 # 6. +$ 3 # %#.!90 #!! G ($0$4 # % # F #5.6# 5.7 : 6!9!9(F!909!9..6 7!9( " F $" $ &, *' "%(* % G #. + 5% # : 45

46 7 $, 55. % $ A #6 6#. 4!90 5# 3 # 4 :,67 # 7. " 5.$6%.3 7C.# $. 62": 6 7 ($( #.: " # 3 % #.....: 5,,. 7#: $,6 #.. 5# # 7 6 4#., 2... $Q7. 5% 35$ &>*1J 4 : # 3 6 # C & &.* 5.$ 45#3% 5 6 $ A6 # #: $A4 : # $## &G. : 46

47 7.. #56 : 4 5 $ # $ &.7*%" *35 % 6 5 6#55...$ = 4. 3.% 6. $>. ##4!909:! #C 4 5#655 5F# C 4 4!9(:!906# "!90$C6 #:. 4 5 #.. # 2" ($(6.# 5$ +H # 5, 7 # 6#.: 6. F 6.. # : 6 ## $ 5% # 6 G6 78#F!9(6#.6D: 47

48 % 4#F4 D "# ($!: *26 6&6..7:.1.1%6 C$ 55 #.3 67 #, 5#C$* # D ## 655#: 7 *.77.. : # ## # # 3, # 6 7 7E #4 55 " 6. : " #F : #. # % #6 5,, F : $ #. 3 5# #$AD : ##, Un incremento dei prezzi diminuisce la domanda aggregata; un aumento delle attese di inflazione l aumentano e di converso una diminuzione la diminuiscono. Si vedano, tra l altro, le risultanze empiriche in Carlucci (1989). 48

49 6 3 # ## $ +: 6. # : 5673: ## $% #6 55# 5#.. $+H# # " #$ *"### C #5#5.$ &0 ' %80&!9 E #!9 D!9( # $*., 5 7 # *.!9(!9)#. 6 4#.## 3."": #$ 3.. # 5. : +.1% C": ($!. 1%..!9) */$P # # 67. $ 49

50 1# # #$. +. 1%# ($) 4!9:- D + 9$P 4!$P H.1%9$0P0$P63#: 6 4 D C ($( 5 67 #!9-$ *. +6 6H #3#.## $ +H 7 3, :... F : D43 :, $ 7 9 6, 7 + : 7. : #5 #7E#. 3$*#: 4547 #. $%77.,5 : # 3 6 7E # # $ 50

51 &81%'%-80):80. *, 7 7!9) :.% 5 +$ 3.##.+: # ##6 #$ * #. 6 7E!9)..5 # # 7 7 : ## $* +,6. ## C# 6 #35 # 6. 6!9)6. 7.$ * "#: #...# $ 6 67! : $ 6. # 6# , 3##4.,.$ :9 51

52 " 6 3, 3 ##.33$ #6 6 # 7 # + 3,, 6 3. # : C$+D 6+,6.6 7 C# $* # 3 # C # $: 5 7 #.:.6 6 #7$ *3.. # #G 7!90:) 56C7 6 3: $4.3 6## : ## C5$ 703;031 >.6!9-!9/6 +:,D. 5 #5 $.. 6, # #, 43: $..D. : 52

53 3.. 1%...!9/76 ($96D 0$-9 5 "!)$) :78 #$ # +, 5#D6.!9/6 " %..6 7# 6#317##D 5 #: 6. 7H 6.:.3 $ &1%'%"( *3 55!9) 5 4.%1$**D$(P6:. 36 D # # : 3.:. 1: 3 5#: $>!9-!9/ *: D6 6 D ($!$. : 5 63!P6 5#.7E6.: # C$...4 6!9!!9(6!9)55 0P6 #.!9-9P6)P P&$Q 53

54 47 # 6. $.. D.. 4, #PF3.D 3 : 7 8.!90!9(6 5. F #6. 360$0P!9)/$-P!9-$. 6!9-. D # 4! , 3.. 3P6 3)P!909:6 # 76 3 : ($)!$P63,$ ''"& - *.!90 & +.7 ". 5!90 &O+.7 % %!909 # %..!909 +!9! *+!9( * ##.!9- # "1 % 5!9- ->MN8K!9/ +78#!9/ %..+..!9/ % 8V 54

55 -( UK F D I NL CE USA OCSE Tavola 3.1 PIL a prezzi costanti in Regno Unito (UK), Francia (F), Repubblica Federale Tedesca (D), Italia (I), Paesi Bassi (NL), nella CEE (CE), negli USA (USA) e nei Paesi dell OCSE; variazioni percentuali annue dal1970 al 1988 (Fonti: per i dati relativi a F, UK, D, I, NL, CE, Economia Europea, n.51, 1992; per gli altri dati, OCDE, Economic Outlook, n.47, 1990) Commercio in quantità Commercio in valore Tavola 3.2 Commercio mondiale in quantità e in valore in dollari USA; variazioni percentuali rispetto all'anno precedente (Fonti: Relazione annuale della Banca d'italia - Appendice, anni ) 55

56 UK F D I NL CE USA OCSE Tavola Deflatore dei consumi privati; variazione percentuale annua (Fonti: per i dati relativi a Regno Unito (UK), Francia (F), Repubblica Federale Tedesca (D), Italia (I), Paesi Bassi (NL) e CEE (CE), Economia Europea, n.51, 1992; per gli altri dati OCDE, Perspectives Economiques de l' OCDE (Economic Outlook) n.47, 1990) 56

57 UK F D I NL CE USA OCSE Tavola 3.4 Tasso di disoccupazione in percentuale della popolazione civile (Fonti: per i dati relativi a Regno Unito (UK), Francia (F), Repubblica Federale Tedesca (D), Italia (I), Paesi Bassi (NL) e CEE (CE), Economia Europea, n.51, 1992; per gli altri dati OCDE, Perspectives Economiques de l' OCDE (Economic Outlook) n.47, 1990) 57

58 Produttività Costo del lavoro Redditività Investimenti Tavola Produttività, costo del lavoro (costo reale per unità di prodotto calcolato con il deflatore del PIL), redditività (numero indice calcolato ponendo pari a 100 il dato medio del periodo ) e investimenti (fissi lordi a prezzi costanti) per la CEE; variazioni percentuali annue (Fonti: Economia Europea, n.42, 1989; n.50, 1991) TASSI DI CAMBIO TASSI DI INTERESSE $/ECU yen/ecu USA CE GIAP Tavola Tassi di cambio medi annui tra dollaro USA ed ECU, e tra yen ed ECU; tassi d'interesse nominali a breve termine medi annui per gli USA, la CEE e il Giappone. Il valore dell'ecu per il 1978 è virtuale (Fonti: Economia Europea, n.50, 1991 e n.58, 1994) 58

59 Marco tedesco Fiorino olandese Corona danese Franco belga Franco francese Lira italiana Sterlina irlandese Franco lussem Tavola Variazioni percentuali delle parità centrali delle valute del Sistema Monetario Europeo dal 1979 al 1987; un apprezzamento è indicato dal segno positivo, un deprezzamento dal negativo. UK F D I NL CE USA OCSE Tavola Volume della domanda interna totale; variazione percentuale annua (Fonti: per i dati relativi a Regno Unito (UK), Francia (F), Repubblica Federale Tedesca (D), Italia (I), Paesi Bassi (NL) 59

60 e CEE (CE), Economia Europea, n.51, 1992; per gli altri dati OCDE, Perspectives Economiques de l' OCDE (Economic Outlook) n.47, 1990) Petrolio 51 Moody 52 Reuter 53 Conf , , , , , , , , , , , , , , , , Tavola 3.9 Prezzi del petrolio in dollari per barile e indici di prezzo delle materie prime secondo Moody, Reuter e Confindustria (Fonti: per il petrolio, Bulletin des prix de l'energie, Commissione CEE; per gli indici dei prezzi delle materie prime, ISCO) 51 Valore Cif medio dell'approvvigionamento di petrolio della CE (in dollari per barile). 52 Base 31\12\1931 = Base 18\9\1931 = Confindustria (base 1977=100) 60

61 CAPITOLO IV #<# )' >!9/ " * $P# W($P$!90 C #. : D6 #6. 7W($(P!9/W0$P30$ # 7 5 # C. #6, 6 # $ A#..% 5 % #.$ " ## C 5 & $AD#!99# : 4"$ * *!9#)$P6 44 : 3!$/P. 730$ Q7!909"0 : *4373 #. #. 3 5$%. 16 #6 +, W($/P$"!93 # 3 7D:. $ A#55 ## : 61

62 36 $ : #73 W/$(P 30#W$)P$ >+*!99DW($(P55:... 7 $ 4 " :.15H 55 )$P3$P39$7 : 6. W($/P!996# 5 # 4 3$. : 7 C 3$. # W($)P 3/6 W)$P 30 W$)P 3!99# W/$P$*. # 7 # W($-P3/6W$-P306W!$)P3#W9$!P39$A :. #5.#7 +,,.D!9!$*3 :,#. 6 4 D 5 7 # 3.., $ +, G : 3453$*3 # 5: 5!99 55 # D 44.. :!$P*$ 62

63 *!99 5H * W$P 30 W$9P6 3 W)$P 39 W($(P$& # #.. 3 SM34 ".!99$*4: 3 # 7 $.1.%1 # : *# W$PW$9P6 6.#6 D W)$0P$* # # 5. # $ 1. C #. #!955W/$)P6!99W-$(P#!99# W($/P$ 55D44:!9!99$. #5. 7E!99-$P : 3$!99!#W!$)P67# W$P!99 # 3 $%!9)3 +,G #.. ## 5. 7: ## +,!99#-P!9)$*.4 ##. 7 7!99! :$P # W)$P!99$ ## 63

64 .167 5D #:$P6, 52W!$!PW!$)P : # W($0P6 * 5.W($!P%.W$)P6. 5: 4 $*!99! DC 3F45 D.##7 #C $ >!99#.3 + :, *"!$!P3 $ 6## : 3... # 5# # +:,$>!99!H3. #: # 39$!99# 3 6 W!$P , 74 $*3 6.:, # +.!99:$(P#. #$ : > 3, 3 63#!995H.. -$P$*#3.!99. 5:. 3=>1#"4SM 0P3## $*:.5,# : 7#% 5..)5$: 64

65 (-) D #!99$* +, D 3## :...$+.#: 4 78 #$%55!99 +,# 6...% 5##: #7., $!99 "D$ 67.,!99 +,6!99 D #..,.. : 56C W$(P # $ *3 +,!99!D: 4 #.D -$(P 3, $*. # 5 3 # W$P!99$*3 4.H!99! # # (P$ ## 3# # 3+1 $ : C, # $*. #.. 5: 65

66 #7# # -$(P!99!)$/P!99$A. #. :..5: % $> #!99 #55 7C! ,.. $ >!99 D #..., C 3: $ ''") - 255!90 *.C: % 5!90 +.# +=2>>V5. ## %.&:>V5. =5!90 +&' %.!9 +.K "1.!99 *%.%5 T/P *.!99 # 4.!99 SM"4.!99 * 6.# 6# "1 % 5!99 *2"1 # % 5!99 *.. + 5%!99 *.".7. 66

67 = 83% (( #.#5.#. $ # " 74. #6 ". # : $ 05!900+ +## # # !900!90 K$%7 #B$". # 3,. 3. $0.!90& +. %. D :. ## 3 7 F 5#% : %67D#! $ , 7 # : 67

68 7 35,. &' C.% 5$+ G., 6%##" #!90!4+:.+,.% 56..: ' 36, : #$* # 5 $ 8! *%#3, / 6:. 6: $ : # ## % F #5,5 $ 55 Dopo il ritiro delle riserve formulate dalla Francia in seguito ad una controversia sugli effetti dell applicazione della nuova unità di conto del sistema alla fissazione dei prezzi nel quadro della politica agricola comune. 56 Una certa diatriba tra Francia e Gran Bretagna ebbe luogo circa la denominazione della valuta europea. Un accordo fu trovato sul termine "ECU", che gli inglesi considerano come acronimo di "European Currency Unit", unità valutaria europea, e i francesi come "scudo ". Gli inglesi, infatti, scrivono ECU in lettere maiuscole mentre i francesi lo scrivono ecu. 68

Insieme di regole codificate, consuetudini, strutture ed organismi che disciplinano e presiedono i pagamenti internazionali.

Insieme di regole codificate, consuetudini, strutture ed organismi che disciplinano e presiedono i pagamenti internazionali. MONETA E FINANZA INTERNAZIONALE LEZIONE 12 Cos è il Sistema monetario internazionale (SMI)?: Insieme di regole codificate, consuetudini, strutture ed organismi che disciplinano e presiedono i pagamenti

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo (RdM) il modello economico di riferimento per la politica economica deve rappresentare

Dettagli

I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA

I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Il concetto di Economia aperta si applica ai mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le

Dettagli

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni nazionali e

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute Interventi della banca centrale e offerta di moneta Come la banca centrale tiene fisso il tasso di cambio Politiche di stabilizzazione con tassi

Dettagli

Facoltà di Scienze della Comunicazione

Facoltà di Scienze della Comunicazione Lezione 10 L integrazione monetaria e aree valutarie ottime Stefano Papa Università di Teramo spapa@unite.it Facoltà di Scienze della Comunicazione Integrazione europea Dichiarazione di Schuman: CECA (1952)

Dettagli

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta Economia Aperta In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta 167 Economia aperta applicata ai mercati dei beni mercati

Dettagli

La macroeconomia dei sistemi economici aperti

La macroeconomia dei sistemi economici aperti La macroeconomia dei sistemi economici aperti Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 31 Lo studio delle economie aperte Cosa si intende per economia

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

L Europa è un economia aperta

L Europa è un economia aperta L economia aperta L Europa è un economia aperta Un sistema macroeconomico si dice aperto quando le transazioni internazionali hanno un ruolo rilevante. Il grado di apertura di un paese è generalmente misurato

Dettagli

La bilancia dei pagamenti

La bilancia dei pagamenti La bilancia dei pagamenti Necessaria una moneta per regolare gli scambi internazionali Convertibilità (oro o moneta-chiave) Esportazioni: ingresso di valute estere Importazioni: uscita di valute estere

Dettagli

Blanchard Amighini Giavazzi, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011. Il modello IS-LM in economia aperta

Blanchard Amighini Giavazzi, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011. Il modello IS-LM in economia aperta Capitolo VI. Il modello IS-LM in economia aperta 1. I mercati dei beni in economia aperta Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni

Dettagli

Retribuzioni, produttività e distribuzione del reddito un confronto internazionale

Retribuzioni, produttività e distribuzione del reddito un confronto internazionale Retribuzioni, produttività e distribuzione del reddito un confronto internazionale di Giuseppe D Aloia 1 L inflazione Negli anni scorsi tutto il dibattito sul potere d acquisto delle retribuzioni si è

Dettagli

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Determinanti della domanda aggregata nel breve periodo Un modello di breve periodo dell equilibrio del mercato dei beni Un modello di breve periodo dell equilibrio

Dettagli

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Dipartimento di Scienze Politiche - Università di Bari Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Modulo 13 Il Patto di Stabilità Per poter usare la moneta unica, occorreva la convergenza

Dettagli

Facoltà di Economia Sapienza

Facoltà di Economia Sapienza Lezione 10 L integrazione monetaria Stefano Papa Università di Roma Sapienza stefano.papa@uniroma1.it Facoltà di Economia Sapienza Storia monetaria Storia monetaria Storia monetaria Sistema aureo (gold

Dettagli

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta Economia Aperta In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta 158 Economia aperta applicata ai mercati dei beni mercati

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

Moneta e Tasso di cambio

Moneta e Tasso di cambio Moneta e Tasso di cambio Come si forma il tasso di cambio? Determinanti del tasso di cambio nel breve periodo Determinanti del tasso di cambio nel lungo periodo Che cos è la moneta? Il controllo dell offerta

Dettagli

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti 11-1 Facoltà di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Modulo 17 I regimi di cambio Hill, cap.11 (prima parte) C.W.L. Hill, International Business

Dettagli

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Obiettivi delle politiche macroeconomiche Gold standard Gli anni tra le due guerre Il sistema di Bretton Woods Il crollo del sistema di Bretton Woods Effetti

Dettagli

La bilancia dei pagamenti e l economia aperta

La bilancia dei pagamenti e l economia aperta Capitolo 7 La bilancia dei pagamenti e l economia aperta Sulla base del rapporto export - PIL gli USA sono un economia quasi chiusa: Stato Export/Pil % USA 10 GERMANIA 32 G.B. 25 BELGIO 73 LUSSEMBURGO

Dettagli

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio La definizione e le componenti della bilancia dei pagamenti Il tasso di cambio e la sua determinazione sul mercato delle valute. Un confronto tra regime di cambi

Dettagli

appendice online 6A I modelli IS-LM e DD-AA

appendice online 6A I modelli IS-LM e DD-AA appendice online 6A I modelli IS-LM e DD-AA In questa appendice analizziamo le relazioni tra il modello DD-AA presentato nel corso del capitolo e un altro modello frequentemente usato per rispondere a

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

Capitolo XIII. I mercati dei beni e i mercati finanziari in economia aperta

Capitolo XIII. I mercati dei beni e i mercati finanziari in economia aperta Capitolo XIII. I mercati dei beni e i mercati finanziari in economia aperta 1. I mercati dei beni in economia aperta Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 06 La crisi dello SME-Sistema Monetario Europeo (capitolo 2) La crisi messicana (capitolo 2) La crisi dello SME - 1 La caduta degli accordi di Bretton

Dettagli

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 CAPITOLO 10 Crescita: i fatti principali 1) Spiegate cosa si intende per convergenza nella teoria della crescita e mostrate il grafico con cui si rappresenta. 2) Spiegate

Dettagli

Capitolo 10. Il mercato valutario. La strategia di copertura della Volkswagen

Capitolo 10. Il mercato valutario. La strategia di copertura della Volkswagen EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 10 Il mercato valutario La strategia di copertura della Volkswagen 10-3 La Volkswagen, il più grande produttore europeo di autovetture, ha comunicato una diminuzione

Dettagli

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo undici Il sistema monetario internazionale Introduzione 11-3 Col termine sistema monetario internazionale ci si riferisce agli accordi istituzionali che governano

Dettagli

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE capitolo 11-1 ECONOMIA APERTA IN UN ECONOMIA APERTA AGLI SCAMBI CON L ESTERO (ALTRA VALUTA) SI FORMA IL MERCATO DEI CAMBI: DOMANDA, OFFERTA DI VALUTA ESTERA, TASSI DI CAMBIO. CON RIFERIMENTO A DUE PAESI

Dettagli

Corso di. Economia Politica

Corso di. Economia Politica Prof.ssa Blanchard, Maria Laura Macroeconomia Parisi, PhD; Una parisi@eco.unibs.it; prospettiva europea, DEM Università Il Mulino di 2011 Brescia Capitolo I. Un Viaggio intorno al mondo Corso di Economia

Dettagli

ECONOMIA INTERNAZIONALE LEZIONE POLITICA COMMERCIALE. Dazio e curve di domanda-offerta internazionale

ECONOMIA INTERNAZIONALE LEZIONE POLITICA COMMERCIALE. Dazio e curve di domanda-offerta internazionale ECONOMIA INTERNAZIONALE LEZIONE POLITICA COMMERCIALE Equilibrio Economico Generale Dazio e curve di domanda-offerta internazionale Caso di paese grande: effetti ambigui In assenza di ritorsioni: dazio

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Capitolo 4 Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio adattamento italiano di Novella Bottini 1 (c) Pearson Italia S.p.A. - Krurman, Obstfeld, Melitz - Economia internazionale 2 Anteprima Che cos è la

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

2. a. Il tasso di cambio a pronti dell euro in dollari statunitensi in data 23 aprile 2007 era 1,3557.

2. a. Il tasso di cambio a pronti dell euro in dollari statunitensi in data 23 aprile 2007 era 1,3557. SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 8 1. Il sistema di determinazione dei tassi di cambio utilizzato per eseguire le operazioni in valuta estera ha subìto modifiche nel corso del tempo. Dal 1944 al 1971, secondo

Dettagli

Le principali istituzioni. economiche internazionali

Le principali istituzioni. economiche internazionali Le principali istituzioni economiche internazionali Quali sono? Fondo Monetario Internazionale Banca Mondiale Organizzazione Mondiale del Commercio Le prime due sono nate dalla conferenza di Bretton Woods

Dettagli

Economia Aperta. Mario Veneziani. Presentazione per il corso di Politica Economica Internazionale

Economia Aperta. Mario Veneziani. Presentazione per il corso di Politica Economica Internazionale Economia Aperta Mario Veneziani Presentazione per il corso di Politica Economica Internazionale, fino alla fine del par. 2.1 pag. 318 1 Economia aperta, ovvero... Nel mercato dei beni: ruolo dei dazi,

Dettagli

Il commercio internazionale. I vantaggi del libero scambio

Il commercio internazionale. I vantaggi del libero scambio Il commercio I vantaggi del libero scambio Gli argomenti pro e contro il libero scambio Elementi di storia delle relazioni commerciali dagli anni trenta ad oggi I diversi tipi di accordi commerciali Vi

Dettagli

Economia dell integrazione monetaria

Economia dell integrazione monetaria Economia dell integrazione monetaria [basata, in parte, su M. Scoppola, Economia dell Integrazione Europea, Università di Macerata, Facoltà di Scienze Politiche, Materiale didattico, a.a. 2006/07] [Testo

Dettagli

Politica Economica Europea. a.a. 2014-15

Politica Economica Europea. a.a. 2014-15 Politica Economica Europea 4 Aggiustamento a shock asimmetrici: il ruolo dei salari reali Paese indipendente Abbiamo visto che in caso di shock asimmetrici permanenti la politica monetaria nazionale sarà

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio Bilancia dei pagamenti Registrazione dei flussi di moneta tra i residenti di un paese e il resto del mondo i crediti (segno +): le entrate dall estero i debito

Dettagli

Lo stato della finanza pubblica in Italia

Lo stato della finanza pubblica in Italia di Angelo Giubileo. Lo stato della finanza pubblica in Italia Crisi produttiva e aumento del debito pubblico In ambito europeo, la situazione di crisi internazionale ha avuto forti ripercussioni sul rapporto

Dettagli

Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa

Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa 1. Il surplus persistente della bilancia dei pagamenti correnti giapponese

Dettagli

lo scenario internazionale lorena vincenzi Ozzano dell Emila 22 aprile 2013

lo scenario internazionale lorena vincenzi Ozzano dell Emila 22 aprile 2013 lo scenario Ozzano dell Emila 22 aprile 2013 internazionale lorena vincenzi riservatezza Questo documento è la base per una presentazione orale, senza la quale ha quindi limitata significatività e può

Dettagli

Corso di Economia italiana

Corso di Economia italiana Corso di Economia italiana AA 2013-2014 Prima parte La nuova Europa Prof. Silvia Nenci silvia.nenci@uniroma3.it 2 28 Stati membri dell'ue Austria (1995) Belgio (1952) Bulgaria (2007) Cipro (2004) Croazia

Dettagli

5. La seconda tipologia di disposizioni contenute nello schema di disegno di legge allegato riguarda l autorizzazione per l aumento della quota di

5. La seconda tipologia di disposizioni contenute nello schema di disegno di legge allegato riguarda l autorizzazione per l aumento della quota di DISEGNO DI LEGGE RECANTE MODIFICHE ALLO STATUTO DEL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE E QUATTORDICESIMO AUMENTO GENERALE DELLE QUOTE DERIVANTI DALLA RISOLUZIONE DEL CONSIGLIO DEI GOVERNATORI DEL FONDO N.

Dettagli

Il sistema monetario internazionale pre 1973

Il sistema monetario internazionale pre 1973 Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali Il sistema monetario internazionale pre 1973 Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

Quesiti a risposta breve

Quesiti a risposta breve Quesiti a risposta breve Le domande proposte in questo elenco sono una raccolta dei quesiti a risposta breve contenuti nella domanda 1 degli esami di Istituzioni di Economia Politica II degli ultimi anni.

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 29 Mercati finanziari e reali in una economia aperta

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 29 Mercati finanziari e reali in una economia aperta UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 29 Mercati finanziari e reali in una economia aperta Prof. Gianmaria Martini Mercati in economia aperta Sino ad ora abbiamo

Dettagli

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili.

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili. Esercizi 2014-2015 IL BREVE PERIODO Esercizio 1 Si consideri il seguente sistema economico in cui operano solamente due (categorie di) imprese, e la cui attività può essere sintetizzata come segue: Impresa

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

Liberalizzazione del mercato dei capitali

Liberalizzazione del mercato dei capitali Liberalizzazione del mercato dei capitali euros euros Curve del prodotto marginale del capitale K Capital flow Esportazione di capitale r o r MPK* A MPK r r* o K o K*o * K o +K* o 1 Effetti di benessere

Dettagli

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 21. Rimini, 18 novembre 2014

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 21. Rimini, 18 novembre 2014 Macroeconomia Laura Vici laura.vici@unibo.it www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 21 Rimini, 18 novembre 2014 Macroeconomia 319 I mercati finanziari e reali in economia aperta Macroeconomia 320 1 I

Dettagli

Università degli Studi Guglielmo Marconi

Università degli Studi Guglielmo Marconi Il sistema monetario internazionale e le istituzioni di Bretton Woods: 1944-1971 Argomenti 1. Cambi, finanziamento, politiche economiche 2. La caduta del sistema di cambi fissi di Bretton 1 Ancor prima

Dettagli

Scenario economico e politiche

Scenario economico e politiche Scenario economico e politiche Fedele De Novellis Bergamo, 14 giugno 2013 www.refricerche.it Schema generale Rallentamento economia globale nel 2012 (crisi della periferia europea) Reazione politiche monetarie

Dettagli

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Facoltà di Scienze Politiche - Università di Bari Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Modulo 10 L Integrazione Monetaria: lo SME Lo SME Rapporto Werner (1970): successo del mercato

Dettagli

Mercato lavoro, orari, produttività, salari

Mercato lavoro, orari, produttività, salari Mercato lavoro, orari, produttività, salari Roberto Romano 22 marzo 2012 Sommario Premessa... 2 Rigidità della protezione dell'occupazione... 2 Italia, paese dai bassi salari... 4 Ore lavorate... 5 Costo

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

Tassi di cambio ed economia aperta * 31

Tassi di cambio ed economia aperta * 31 31 Tassi di cambio ed economia aperta * 31 Avereachefareconmonetepocofamiliari(econvertireilvaloredellemoneteesterenellavalutanazionale) è un problema in cui si imbatte chiunque viaggiall estero.ilproblemaècomplicatodalfatto

Dettagli

CORSO DI MACROECONOMIA

CORSO DI MACROECONOMIA CORSO DI MACROECONOMIA Prof. Giuseppe Travaglini Dott.ssa Elisa Lenti Anno accademico 2014-20152015 TEMI DI RIFLESSIONE MACROECONOMICA L Offerta: Il Pil, la Spesa Aggregata, la struttura produttiva delle

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

La Politica Economica e i Tassi di Cambio

La Politica Economica e i Tassi di Cambio La Politica Economica e i Tassi di Cambio In questa lezione: Studiamo la politica economica con cambi fissi e flessibili. 267 Risparmio, investimento e disavanzo commerciale Partendo dalla condizione di

Dettagli

Università degli Studi Guglielmo Marconi

Università degli Studi Guglielmo Marconi I cambi flessibili e le politiche di intervento sui mercati valutari: 1971(-3)-2007 Argomenti 1. Il periodo 1971-2001 2. La globalizzazione e la crescita mondiale nel 1 Il periodo 1971-2001 Gli assetti

Dettagli

Globalizzazione economica. Docente: Antonio Forte

Globalizzazione economica. Docente: Antonio Forte Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 1 Introduzione al corso Nozioni di base Struttura del corso Lezioni frontali: 36 ore Lavoro di gruppo: 4 ore Strumenti Testi: G. Ferri, V. D Apice,

Dettagli

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo Capitolo 5 Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo adattamento italiano di Novella Bottini 1 (c) Pearson Italia S.p.A. - Krurman, Obstfeld, Melitz - Economia internazionale 2 Anteprima La

Dettagli

ESONERO 2 DI ECONOMIA INTERNAZIONALE Università di Bari - Facoltà di Economia

ESONERO 2 DI ECONOMIA INTERNAZIONALE Università di Bari - Facoltà di Economia ESONERO 2 DI ECONOMIA INTERNAZIONALE Università di Bari - Facoltà di Economia 16/06/2005 Corso unico VERSIONE 11 ISTRUZIONI Riempire i campi relativi a nome, cognome (IN STAMPATELLO), matricola e corso

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

IL MINISTRO DEL COMMERCIO CON L'ESTERO IL MINISTRO DEL TESORO

IL MINISTRO DEL COMMERCIO CON L'ESTERO IL MINISTRO DEL TESORO D.M. 27 aprile 1990 1. Disposizioni in materia valutaria 2. Vista la legge 26 settembre 1986, n. 599; IL MINISTRO DEL COMMERCIO CON L'ESTERO e IL MINISTRO DEL TESORO Visto il decreto del Presidente della

Dettagli

La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale

La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale Stefano Papa Università di Teramo spapa@unite.it Facoltà di Scienze della Comunicazione La politica Monetaria La politica monetaria europea è responsabilità

Dettagli

987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.

987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r. 987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.l SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 8 1. Il sistema di determinazione dei

Dettagli

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10) A B C D 11) A B

Dettagli

Università di Bari ESAME DI MACROECONOMIA Del 19 febbraio 2014 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA

Università di Bari ESAME DI MACROECONOMIA Del 19 febbraio 2014 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA Università di Bari ESAME DI MACROECONOMIA Del 19 febbraio 2014 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10)

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

Il sistema monetario internazionale: una panoramica storica

Il sistema monetario internazionale: una panoramica storica Capitolo 8 Il sistema monetario internazionale: una panoramica storica adattamento italiano di Novella Bottini 1 (c) Pearson Italia S.p.A. - Krurman, Obstfeld, Melitz - Economia internazionale 2 Anteprima

Dettagli

I Differenziali di rendimento

I Differenziali di rendimento I Differenziali di rendimento continuano ad orientare il mercato FX 14 Febbraio 2011 Durante la scorsa settimana abbiamo avuto un attività di trading favorevole sul Dollaro USA in quanto i differenziali

Dettagli

Globalizzazione dell Economia e delle Relazioni Internazionali

Globalizzazione dell Economia e delle Relazioni Internazionali Conferenze di Economia Liceo Statale Margherita di Savoia Globalizzazione dell Economia e delle Relazioni Internazionali (dollari, euro, sterline, yuan e potere) Società Italiana degli Economisti Prof.

Dettagli

LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE.

LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE. LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE. 0 COSA IMPAREREMO: Cosa determina la produzione totale di un economia. (Ripasso sulla remunerazione dei fattori di produzione e la distribuzione

Dettagli

Aprile 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori

Aprile 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori Aprile 2015 www.sif.admin.ch Piazza finanziaria svizzera Indicatori 1 Importanza economica della piazza finanziaria svizzera Negli ultimi dieci anni, il contributo delle assicurazioni alla creazione di

Dettagli

La congiuntura economica e i mercati finanziari Presentazione del Rapporto annuale L ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014

La congiuntura economica e i mercati finanziari Presentazione del Rapporto annuale L ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014 La congiuntura economica e i mercati finanziari Presentazione del Rapporto annuale L ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014 Dario Focarelli Direttore Generale ANIA Milano, 9 luglio 2014 Agenda L economia mondiale

Dettagli

Lezione 8: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Organizzazione del commercio estero e la banca mondiale

Lezione 8: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Organizzazione del commercio estero e la banca mondiale Corso di Economia e Politica economica nei mercati globali S. Papa spapa@unite.it Lezione 8: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Organizzazione del commercio estero e la banca mondiale Facoltà

Dettagli

Previsioni ottimistiche, irrealistiche, fuorvianti Il caso italiano: ci sono o ci fanno?!

Previsioni ottimistiche, irrealistiche, fuorvianti Il caso italiano: ci sono o ci fanno?! Previsioni ottimistiche, irrealistiche, fuorvianti Il caso italiano: ci sono o ci fanno?! (9 febbraio 2015) In queste settimane sono in corso di aggiornamento tutte le previsioni macroeconomiche delle

Dettagli

Banca centrale europea. a cura di G.Garofalo

Banca centrale europea. a cura di G.Garofalo Banca centrale europea a cura di G.Garofalo Tanti acronimi, un unica Banca BCE [Francia, Spagna, Irlanda, Italia, Portogallo, Malta] ECB [Inghilterra, Danimarca, Olanda, Svezia, Slovenia, Slovacchia] EZB

Dettagli

Relazioni industriali

Relazioni industriali Relazioni industriali Relazioni industriali Il sistema di relazioni industriali è l insieme di relazioni che regolano i rapporti fra imprese e loro organizzazioni da un lato e lavoratori e sindacati dall

Dettagli

Traduzione 1 Convenzione istitutiva dell Organizzazione di cooperazione e di sviluppo economici

Traduzione 1 Convenzione istitutiva dell Organizzazione di cooperazione e di sviluppo economici Traduzione 1 Convenzione istitutiva dell Organizzazione di cooperazione e di sviluppo economici 0.970.4 Conchiusa a Parigi il 14 dicembre 1960 Approvata dall Assemblea federale il 14 giugno 1961 2 Ratificata

Dettagli

ATTI PARLAMENTARI XV LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI SULLA SITUAZIONE ECONOMICA DEL PAESE. (Anno 2005)

ATTI PARLAMENTARI XV LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI SULLA SITUAZIONE ECONOMICA DEL PAESE. (Anno 2005) ATTI PARLAMENTARI XV LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI Doc. XI n. 1 RELAZIONE GENERALE SULLA SITUAZIONE ECONOMICA DEL PAESE (Anno 2005) (Articolo 2, comma 1, lettera b, della legge 27 febbraio 1967, n. 48)

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio La definizione di moneta: un breve riassunto L offerta di moneta La domanda individuale di moneta La domanda aggregata di moneta Il tasso di interesse d equilibrio:

Dettagli

Dipartimento di Management. Anno accademico 2014/2015. Macroeconomia (9 CFU)

Dipartimento di Management. Anno accademico 2014/2015. Macroeconomia (9 CFU) Università degli Studi di Torino Dipartimento di Management Anno accademico 2014/2015 Macroeconomia (9 CFU) Notizie pratiche Orari: lunedì 14.00-17.00 (3-4 ore accademiche) venerdì 14.00-17.00 (3-4 ore

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale

Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale Marianna Belloc 1 Approccio NATREX L approccio NATREX, dovuto a Stein (1990, 1999) e basato, come il precedente, su agenti intertemporalmente

Dettagli

CAPO I BENI, FONDI, AVERI E OPERAZIONI DELL UNIONE EUROPEA

CAPO I BENI, FONDI, AVERI E OPERAZIONI DELL UNIONE EUROPEA f) Il Comitato economico e sociale ha sede a Bruxelles. g) Il Comitato delle regioni ha sede a Bruxelles. h) La Banca europea per gli investimenti ha sede a Lussemburgo. i) la Banca centrale europea ha

Dettagli

COSTI E BENEFICI DI GESTIRE UNA VALUTA INTERNAZIONALE

COSTI E BENEFICI DI GESTIRE UNA VALUTA INTERNAZIONALE COSTI E BENEFICI DI GESTIRE UNA VALUTA INTERNAZIONALE Pellini Stefania - Pupo Rosina -Tarantini Thomas Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Corso di Politica Economica Avanzato

Dettagli

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette)

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette) In una ora rispondere alle dieci domande a risposta multipla e a una delle due domande a risposta aperta, e risolvere l esercizio. DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

Come cambiano i mercati tiin economia aperta? Va inoltre considerato il mercato dei cambi

Come cambiano i mercati tiin economia aperta? Va inoltre considerato il mercato dei cambi LE ECONOMIE APERTE Come cambiano i mercati tiin economia aperta? Quando l economia è aperta si hanno effetti sul: -mercato dei beni e dei fattori produttivi -mercato delle attività finanziarie. Va inoltre

Dettagli