CONDONO EDILIZIO: LEGGI REGIONALI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONDONO EDILIZIO: LEGGI REGIONALI"

Transcript

1 CONDONO EDILIZIO: LEGGI REGIONALI Opere sanabili Emilia Romagna Per ampliamenti e sopraelevazioni (conformi alla normativa urbanistica ma che contrastino con le prescrizioni degli strumenti urbanistici) il volume massimo condonabile non deve essere superiore al 10% del volume della singola unita` abitativa, mentre se si tratta di interi edifici il limite complessivo e` di 300 mc per edifici produttivi, agricoli, commerciali, direzionali, ricettivi, ricreativi; 600 mc, se l`intervento riguarda piu` edifici produttivi appartenenti alla medesima azienda e ubicati nello stesso comune e, infine, 100 mc per edifici residenziali monofamiliari e nelle singole unita` immobiliari facenti parte di edifici residenziali bifamiliari. I suddetti limiti sono ridotti della meta` ove le opere abbiano riguardato edifici nel centro storico o siano state realizzate nelle zone di riqualificazione delle coste o dell`arenile. Nei soli edifici residenziali e` poi ammessa, senza limiti dimensionali, la chiusura di balconi e logge. In ogni caso, le opere non devono aver comportato la realizzazione di nuove unita` immobiliari. Per le sopraelevazioni e` necessario che siano realizzati, entro il 31 dicembre 2006, gli interventi di adeguamento antisismico prescritti dalla normativa vigente e che il Comune, ai fini del rilascio del titolo in sanatoria medesimo, certifichi l`idoneita` della struttura a sopportare il carico derivante dall`opera abusiva. La legge chiarisce anche che il superamento dei limiti dimensionali stabiliti per interi edifici (non residenziali) da parte del cumulo delle singole domande relative ad un unico edificio, comporta il diniego dei titoli in sanatoria. Per regolarizzare le difformita`, in corso d`opera, tra la licenza edilizia originaria e l`opera realizzata prima della data di entrata in vigore della legge Bucalossi 10/77, non occorre presentare domanda di condono, in quanto tali irregolarita` sono sanate a tutti gli effetti dalla legge regionale. Per la ristrutturazione e il restauro di edifici esistenti che contrastino con le prescrizioni degli strumenti urbanistici e` richiesto il rispetto di determinati parametri dimensionali (altezza media non inferiore a 2,40 metri) e di determinati requisiti igienico sanitari. Per gli interventi di restauro su edifici vincolati e` obbligatorio, inoltre, il parere favorevole della Soprintendenza ai beni architettonici o della Commissione per la qualita` architettonica e il paesaggio. Si precisa che comunque la ristrutturazione non deve aver comportato aumento di unita` immobiliari, fatte salve quelle ottenute attraverso il recupero dei sottotetti a fini abitativi. Gli interventi di manutenzione straordinaria che contrastino con le prescrizioni degli strumenti urbanistici vigenti alla data del 31 marzo 2003, possono essere condonati purche` le opere non abbiano interessato elementi strutturali dell`edificio e non abbiano comportato aumento delle unita` immobiliari. Le opere non valutabili in termini di superficie o volume edilizio sono sanabili purche` conformi alla legislazione urbanistica.

2 I mutamenti di destinazione d`uso senza opere sono ammessi, eccetto per la residenza, entro prescritti limiti volumetrici che possono essere superati in caso di conformita` alle previsioni del piano. Qualora il mutamento di destinazione d`uso, che comporti aumento del carico urbanistico, sia realizzato attraverso un intervento edilizio, il rilascio del titolo in sanatoria e` subordinato all`osservanza delle condizioni richieste per la sanatoria dell`intervento edilizio medesimo. Infine, possono essere sanati tutti gli interventi realizzati in assenza o in difformita` del titolo abilitativo edilizio purche` conformi alla normativa urbanistica e alle prescrizioni degli strumenti urbanistici (cd. abuso formale). disposizioni. Gli interessati hanno la facolta` di ritirare o modificare le domande gia` presentate. Contributo di costruzione:e` dovuto in misura diversa a seconda che si tratti di: nuova costruzione, ristrutturazione, restauro, risanamento conservativo, mutamento di destinazione d`uso senza opere con aumento del carico urbanistico, aumento di superfici utili senza opere, interventi su immobili destinati a usi commerciali. Oblazione: e` aumentata del 10%. Toscana Per gli ampliamenti riferiti a costruzioni residenziali il volume massimo condonabile non deve essere superiore a 100 mc per ogni singola unita` abitativa e 200 mc nel caso di edifici con piu` unita` abitative. Tetto massimo di 100 mc per singola unita` immobiliare anche per le costruzioni non residenziali non localizzate in aree destinate ad impianti industriali (zona D) e in zone agricole (Zona E). In queste zone, invece, la soglia e` del 30% della volumetria originaria di ogni singola unita` immobiliare; l`ampliamento del manufatto non deve comunque superare i 300 mc. Gli ampliamenti su immobili con destinazione agricola devono mantenere tale destinazione d`uso nei vent`anni successivi alla data di entrata in vigore della legge. Si precisa che l`art.2 co. 1 della legge rinviando agli articoli 3 e 4 della LR 52/99 indica gli interventi ai quali andrebbero riferiti i limiti volumetrici su indicati. Tuttavia, questi ultimi risultano di fatto inapplicabili data la loro incompatibilita` sostanziale con le tipologie di intervento a cui si rinvia (es. nuove costruzioni). Va, inoltre, posta l`attenzione sul fatto che per quanto riguarda gli interventi contrastanti con i vincoli, la legge si riferisce a quelli istituiti prima dell`entrata in vigore della legge regionale e non a quelli prima della commissione dell`abuso. disposizioni. Contributo di costruzione: e` incrementato del 100%.

3 Provincia Autonoma di Bolzano Per gli ampliamenti di edifici che risultino ultimati in zone edificabili e nel verde agricolo entro il 31 marzo 2003, la sanatoria e` ammessa entro il limite massimo di 200 mc per singola richiesta nonche`, per gli ampliamenti riguardanti parti comuni della costruzione, nella misura non superiore al 20 per cento della volumetria della costruzione originaria ed entro il limite massimo di 500 mc riferiti all`edificio. Entro il limite massimo di 200 mc per singola richiesta e` sanabile il cambiamento della destinazione d`uso di vani esistenti. Per i cambiamenti di destinazione d`uso effettuati, anche senza interventi edilizi, la sanatoria e` ammissibile solo mediante concessione edilizia in sanatoria ai sensi della legge provinciale. Nel rispetto dei limiti suddetti il rilascio del titolo in sanatoria e` concesso alle seguenti tipologie di opere: - opere realizzate in assenza o in difformita` dal titolo abilitativo edilizio sia conformi che non conformi alle norme urbanistiche e alle prescrizioni degli strumenti urbanistici; - opere di ristrutturazione edilizia realizzate in assenza o in difformita` dal titolo abilitativo edilizio; - interventi che comportano un cambiamento della destinazione d`uso; - opere di restauro e risanamento conservativo realizzate in assenza o in difformita` dal titolo abilitativo edilizio - opere di manutenzione straordinaria realizzate in assenza o in difformita` dal titolo abilitativo edilizio. Possono comunque conseguire la concessione edilizia in sanatoria le opere ultimate prima del 24/10/1973, (data di entrata in vigore della legge urbanistica provinciale). La legge ammette anche la sanabilita` delle opere abusive realizzate su aree soggette a vincolo purche` vi sia il parere favorevole dell`amministrazione preposta alla tutela del vincolo. Si evidenzia che la legge provinciale conferma il meccanismo del silenzio-assenso ai fini del rilascio del titolo in sanatoria. disposizioni. L`incremento del Contributo di costruzione e` commisurato al tipo di abuso commesso. Provincia Autonoma di Trento Con circolare del 25 ottobre 2004 n 5369, la Provincia ha confermato la coerenza della L.P. 8 marzo 2004 n 3 con i principi sanciti dalla Corte Costituzionale ed ha chiarito termini e modalità per la presentazione delle domande di condono. Sono sanabili le variazioni nel limite del 30% dei valori di progetto (superficie, volume, misure lineari) e comunque non superiori complessivamente a 200 mc. Il limite complessivo è ridotto a 100 mc. per gli interventi realizzati sugli edifici storici (vincolo di cui alla L.P. 5 settembre 1991 n 22), salvo che per le opere funzionali all esercizio dell attività agricola. Anche per i mutamenti di destinazione d uso, con o senza opere, si applicano i limiti del 30% dei valori di progetto (superficie, volume, misure lineari) e comunque non superiori complessivamente a 200 mc.

4 La normativa prevede limitazioni in relazione a specifiche destinazioni d uso. E altresì possibile la sanatoria di nuove costruzioni pertinenziali di edifici già esistenti, nel limite di 75 mc. Per la determinazione del contributo di costruzione si applicano le disposizioni della L.P. 22/91. Il rilascio del titolo in sanatoria è subordinato al pagamento di una sanzione pari al 10% del contributo di concessione e, comunque, in misura non inferiore a euro, ovvero, ove tale contributo non sia dovuto, di una sanzione pari a euro. Lombardia Per gli ampliamenti opera il limite alternativo del 20% rispetto alla costruzione originaria ovvero di 500 mc. E` esclusa la sanatoria delle nuove costruzioni, residenziali e non, realizzate in assenza del titolo abilitativo e non conformi alla strumentazione urbanistica. Tale esclusione non opera per i manufatti pertinenziali, privi di funzionalita` autonoma. Per i mutamenti di destinazione d`uso non conformi alle previsioni urbanistiche il limite e` di 500 mc. per singola unita` immobiliare. I comuni possono incrementare gli oneri di urbanizzazione dovuti per le tipologie di illecito 1, 2 e 3 dell`allegato 1 alla legge statale fino ad un massimo, rispettivamente, di 50%, 30% e 20%. Friuli-Venezia Giulia Sono condonabili le opere abusive consistenti in pertinenze o ampliamenti fino ad un massimo di 100 mc per singola unita` immobiliare. Tale limite e` ridotto della meta` nei centri storici. Gli interventi di ristrutturazione edilizia e gli interventi non aventi rilevanza urbanistica possono essere condonati ove non abbiano comportato nuove unita` immobiliari o l`aumento del numero delle stesse. Sono, infine, condonabili le opere abusive consistenti in ampliamenti di costruzioni adibiti ad attivita` produttiva nelle zone industriali e agricole (zone D e E) nel limite del 10% della superficie. Le domande presentate ai sensi dei precedenti condoni, definite con provvedimenti di diniego per carenza di documentazione ovvero ancora in corso d esame, possono essere integrate con la documentazione mancante entro il 31 marzo Le domande gia` presentate possono essere ritirate, ripresentate o integrate. Oneri concessori: sono incrementati del 100%. Marche Per ampliamenti e nuove costruzioni e le modifiche di destinazione d`uso relativi alla singola unita` immobiliare il limite e` di 200 mc della volumetria originaria per il residenziale e di 150 mq per il non residenziale.

5 Ove le opere siano state realizzate nel centro storico i suddetti limiti sono ridotti, rispettivamente, a 75 mc e a 150 mc. Per le opere a destinazione non residenziale che abbiano comportato un aumento della superficie utile senza incremento di cubatura, il limite e` di 300 metri quadri. disposizioni. Gli interessati hanno la facolta` di ritirare o modificare le domande gia` presentate. Costo di costruzione: e` incrementato del 100%. Oneri di urbanizzazione: sono incrementati dal Comune in misura non inferiore al 50% e non superiore al 100%. Liguria Gli ampliamenti sono suscettibili di sanatoria nei limiti di 450 mc., indipendentemente dalla destinazione d uso. Le nuove costruzioni non possono eccedere i limiti di 450 mc. per singola richiesta di titolo in sanatoria e sempre che l edificio complessivamente non ecceda i mc. E possibile sanare anche i mutamenti di destinazione d uso ed i frazionamenti. Per le istanze di condono presentate a norma dei precedenti condoni (legge 47/85 e legge 724/94), ma non ancora definiti per carenze documentali, è prevista la possibilità di integrazione entro il 31 dicembre Oneri di costruzione: il relativo importo è incrementato del 100% nei comuni costieri; del 50% nei comuni di fascia collinare retrocostiera; del 20%nei comuni montani. In ogni caso sono ridotti: del 50% per abusi relativi ad immobili prima casa ; del 75% per abusi relativi a pertinenze aventi ad oggetto funzioni non residenziali, con esclusione delle attività commerciali e direzionali. Sardegna Sono suscettibili di sanatoria gli ampliamenti non oltre il 25% della volumetria originaria e, comunque, che non siano superiori a 250 mc.; le nuove costruzioni non devono avere una volumetria superiore a 300 mc. e sempre che l edificio non superi mc. complessivi. Veneto Gli ampliamenti nelle zone a destinazione industriale, artigianale, agricolo-produttiva sono sanabili ove non superino il 20% della superficie coperta e comunque fino ad un massimo di 450 mq di superficie lorda di pavimento; gli ampliamenti a destinazione diversa che non superino il 30% della volumetria della costruzione originaria e comunque fino ad un massimo di 450 mc.; le nuove costruzioni possono essere condonate solo se rappresentano pertinenze di fabbricati residenziali, prive di funzionalità autonoma fino ad un massimo di 300 mc. Sono, altresì, suscettibili di sanatoria edilizia i mutamenti della destinazione d uso. Le domande presentate prima del 7 luglio 2004 sono esaminate secondo la disciplina della legge 326/03. Quelle inoltrate tra l 8 ed il 12 luglio 2004 dovranno essere ripresentate. Quelle presentate dopo il 12 luglio al 31 luglio saranno valutate ai sensi della disciplina regionale.

6 Oblazione: è incrementata del 5% o del 10% per abusi eseguiti su immobili vincolati. Puglia Sono condonabili oltre alle tipologie di illecito previste dai numeri da 1 a 3 dell art. 32 della legge 326/03, secondo le condizioni e modalità ivi previste, le opere di risanamento conservativo, conformi o meno alla strumentazione urbanistica, ed i c.d. abusi minori (es. manutenzione straordinaria) sui immobili sia vincolati che non. Le domande presentate fino al 7 luglio 2004 e dal 12 luglio sono fatte salve ai sensi della legge 326/03, sia ai fini amministrativi che penali. Oblazione: è aumentata del 10%. Valle d Aosta La sanatoria è possibile esclusivamente per le seguenti tipologie di opere abusive: - strutture pertinenziali agli edifici esistenti, prive di funzionalità autonoma, ancorché abbiano comportato ampliamento di manufatti esistenti; - strutture pertinenziali agli edifici residenziali esistenti, prive di funzionalità autonoma, ancorché abbiano comportato nuove opere o ampliamento di manufatti esistenti; - ampliamenti per adeguamento igienico-sanitario di edifici esistenti, senza aumento delle unità abitative. Oneri concessori: sono incrementati del 100% e sono dovuti nella misura minima di 500 euro. Lazio Sono sanabili gli ampliamenti con il limite volumetrico del 20% rispetto alla cubatura originaria o, in alternativa, di 200 mc. In relazione alle nuove costruzioni, sarà possibile condonare le costruzioni a sola destinazione residenziale con il limite di 450 mc. per singola richiesta, a condizione che gli interventi abusivi sull intero edificio non abbiano una cubatura superiore a 900 mc. (nel caso di prima casa). I suddetti limiti sono ridotti rispettivamente a 300 mc. e 600 mc. qualora si tratti di abitazione non principale. Sono altresì sanabili: - gli ampliamenti di opere con specifica destinazione d uso a centri che perseguono finalità socio-assistenziali, con il limite del 30% della volumetria originaria o, in alternativa, di 750 mc.; - le opere realizzate in assenza o difformità del titolo, ma conformi alla strumentazione urbanistica, nei limiti previsti dalla legislazione nazionale; - le opere di ristrutturazione edilizia che abbiano comportato anche un aumento della superficie lorda utile. Tale aumento non potrà superare il 20% della superficie originaria e, comunque, i 200 mq. qualora l immobile sia adibito ad uso commerciale; - le opere di restauro e risanamento conservativo; - gli interventi di manutenzione straordinaria e gli altri c.d. abusi minori. disposizioni. Gli interessati hanno facoltà di ritirare le domande già presentate.

7 Oneri concessori: sono incrementati del 100% per nuove costruzioni ed ampliamenti; 50% per ristrutturazioni, modifiche di destinazioni d uso e opere realizzate in assenza o in difformità dal titolo ma conformi agli strumenti urbanistici. Gli incrementi non si applicano agli interventi abusivi relativi a prima casa e ai centri con finalità socio-assistenziali. Piemonte Per gli abusi commessi nella regione si applica la disciplina statale. Tuttavia per le nuove costruzioni si applica il limite di 600 mc per singola richiesta a condizione che non si superino complessivamente i mc. Sono fatte salve le domande presentate ai sensi della legge statale fino all 11/11/2004 (data di entrata in vigore della legge regionale). Oneri di urbanizzazione: sono determinati applicando le tabelle comunali incrementati del 30%. e sono Umbria Sono sanabili gli ampliamenti non conformi alla strumentazione urbanistica con i seguenti limiti volumetrici: - 30 mq per unita` immobiliare abitativa (45 mq se prima casa); - 60 mq per immobili destinati ad attivita` di produzione o di servizi; mq per edifici destinati ad attivita` di produzione o di servizi e ubicati in zona D, E e F - Le opere realizzate senza titolo edilizio ma conformi alla pianificazione sono sanabili entro i limiti previsti dalla legislazione nazionale. Sono, altresi`, condonabili le opere di ristrutturazione edilizia, restauro e risanamento conservativo ed i c.d. abusi minori. I limiti dimensionali non operano per la chiusura di logge e portici e per la realizzazione di locali interrati. Le domande gia` presentate possono essere ritirate, ripresentate o integrate e sono esaminate in base alla legge regionale. Oneri concessori: sono incrementati del 100%.

IL NUOVO CONDONO EDILIZIO: NORMATIVA STATALE E NORMATIVA REGIONALE A CONFRONTO

IL NUOVO CONDONO EDILIZIO: NORMATIVA STATALE E NORMATIVA REGIONALE A CONFRONTO IL NUOVO CONDONO EDILIZIO: NORMATIVA STATALE E NORMATIVA REGIONALE A CONFRONTO ENTRATA IN VIGORE DELL ART. 32 DEL D.L 269/03 CONVERTITO IN LEGGE 326/03: GAZZETTA UFFICIALE 25.11.2003 Recante: misure per

Dettagli

SANATORIA DEGLI ILLECITI EDILIZI LEGGE DELLA REGIONE LOMBARDIA

SANATORIA DEGLI ILLECITI EDILIZI LEGGE DELLA REGIONE LOMBARDIA SANATORIA DEGLI ILLECITI EDILIZI LEGGE DELLA REGIONE LOMBARDIA CASI DI ESCLUSIONE DALLA SANATORIA: 1) Opere abusive relative a nuove costruzioni, residenziali e non, realizzate in assenza del titolo abilitativo

Dettagli

Norme in materia di sanatoria edilizia straordinaria.

Norme in materia di sanatoria edilizia straordinaria. Norme in materia di sanatoria edilizia straordinaria. Legge regionale 20 ottobre 2004, n. 53 Pubblicata sul Bollettino ufficiale della Regione Toscana n. 40 del 27 ottobre 2004 Approvata dal Consiglio

Dettagli

Incontro U.N.I.T.E.L. 21 ottobre Morbegno. dr.ssa Ileana Pisani, Studio Legale Spallino, Como

Incontro U.N.I.T.E.L. 21 ottobre Morbegno. dr.ssa Ileana Pisani, Studio Legale Spallino, Como Incontro U.N.I.T.E.L. 21 ottobre 2004 - Morbegno Quesito - n. 8 - Relatore Ambito Riferimento legislativo Il condono edilizio dopo la sentenza della corte costituzionale. Analisi comparata delle proposte

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 40

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 40 SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 20 ottobre 2004, n. 53 Norme in materia di sanatoria edilizia straordinaria. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA la seguente

Dettagli

Il nuovo condono edilizio

Il nuovo condono edilizio Il nuovo condono edilizio Legge provinciale 8 marzo 2004, n. 3 Disposizioni in materia di definizione degli illeciti edilizi (condono edilizio) entrata in vigore il 10 marzo 2004 Piergiorgio Mattei Direttore

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regionale

Nuovo Piano Casa Regionale Nuovo Piano Casa Regionale Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Settembre 2011 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente

Dettagli

Piano Casa Regione Lazio

Piano Casa Regione Lazio Legge Regionale 11 agosto 2009, n. 21 Piano Casa Regione Lazio Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l edilizia residenziale sociale 1 PRINCIPALI CONTENUTI: Interventi di ampliamento

Dettagli

PIANO CASA 2 CONFRONTO REGIONALE. Direzione Legislazione Mercato Privato

PIANO CASA 2 CONFRONTO REGIONALE. Direzione Legislazione Mercato Privato PIANO CASA 2 CONFRONTO REGIONALE Direzione Legislazione Mercato Privato Basilicata Calabria Piemonte Valle d Aosta Veneto Tutti senza alcuna specificazione: Con limiti: Solo unibifamiliari: AMPLIAMENTI

Dettagli

Sintesi ANIT 15 settembre 2009 PIANO CASA Dall accordo Stato-Regioni alla pubblicazione dei diversi recepimenti regionali del piano casa

Sintesi ANIT 15 settembre 2009 PIANO CASA Dall accordo Stato-Regioni alla pubblicazione dei diversi recepimenti regionali del piano casa Sintesi ANIT 15 settembre 2009 PIANO CASA Dall accordo alla pubblicazione dei diversi recepimenti regionali del piano casa Indice 1. Accordo 2. Elenco leggi regionali 3. Sintesi leggi regionali 1. Accordo

Dettagli

OGGETTO: L.R. 21/10/2004 N.23, TITOLO II NORME IN MATERIA DI CONDONO EDILIZIO INFORMAZIONI -

OGGETTO: L.R. 21/10/2004 N.23, TITOLO II NORME IN MATERIA DI CONDONO EDILIZIO INFORMAZIONI - Comune di Modena Settore Trasformazione Urbana e Qualità Edilizia SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA Via Santi 60 - Tel. 059/206224 - Fax 059/206164 E-mail giovanni.villanti@comune.modena.it Il Dirigente Responsabile

Dettagli

COMUNE DI MARCELLINA (Prov. di Roma)

COMUNE DI MARCELLINA (Prov. di Roma) COMUNE DI MARCELLINA (Prov. di Roma) Piazza C. Battisti, 14-00010 Marcellina Rm tel. 0774/427037 fax 0774/426075 Cod. Fisc. 86002050580 Partita IVA 02146041005 COSTO DI COSTRUZIONE ONERI CONCESSORI Diritti

Dettagli

REGIONE CAMPANIA. Legge regionale n. 19 del 28 dicembre 2009

REGIONE CAMPANIA. Legge regionale n. 19 del 28 dicembre 2009 REGIONE CAMPANIA Legge regionale n. 19 del 28 dicembre 2009 v. anche legge regionale n. 1 del 5 gennaio 2011; DGR n. 145 del 12 aprile 2011 (Linee guida per la valutazione della sostenibilità energetica

Dettagli

PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA ai sensi del D.L. n. 269/2003 convertito nella Legge n.326 e ai sensi della L.R n.

PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA ai sensi del D.L. n. 269/2003 convertito nella Legge n.326 e ai sensi della L.R n. ORIGINALE/COPIA AL COMUNE DI MILANO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA UFFICIO CONDONO EDILIZIO Via Edolo,19-20125 Milano PROTOCOLLO GENERALE Imposta di bollo PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA ai sensi del

Dettagli

COMUNE DI SCARPERIA Provincia di Firenze

COMUNE DI SCARPERIA Provincia di Firenze COMUNE DI SCARPERIA Provincia di Firenze TABELLE PARAMETRICHE RELATIVE AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA, CONTRIBUTO SUL COSTO DI COSTRUZIONE E ONERI VERDI PER INTERVENTI SOTTOPOSTI A:

Dettagli

ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA DISEGNO DI LEGGE

ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA DISEGNO DI LEGGE ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA DISEGNO DI LEGGE presentato dai deputati: Mancuso, Leontini, Adamo, Caronia, Caputo, Buzzanca, Beninati, D Asero, Pogliese, Torregrossa, Leanza E., Bosco, Limoli, Campagna,

Dettagli

PIANO CASA 2 CONFRONTO REGIONALE. Direzione Legislazione Mercato Privato

PIANO CASA 2 CONFRONTO REGIONALE. Direzione Legislazione Mercato Privato PIANO CASA 2 CONFRONTO REGIONALE Direzione Legislazione Mercato Privato AMPLIAMENTI EDIFICI AMMESSI DESTINAZIONI D'USO Edifici in corso di realizzazione Solo residenziale o a prevalenza residenziale Ammesso

Dettagli

4.2 Il vetro Caratteristiche tecnico-prestazionali Possibilità di impiego: tecnologie solari passive... 53

4.2 Il vetro Caratteristiche tecnico-prestazionali Possibilità di impiego: tecnologie solari passive... 53 Indice Introduzione... 13 PARTE PRIMA ABITARE I SOTTOTETTI a cura di Paola Frontoni 1. IL SOTTOTETTO 1.1 Definizione... 29 1.2 Tipi di sottotetto... 30 1.3 Quali sottotetti possono essere recuperati...

Dettagli

ISBN:

ISBN: Contributo di costruzione e opere a scomputo Contenuti: - Schede operative - Casi e Questioni - Normativa - Riferimenti regionali - Formulario ISBN: 978-88-6219-266-8 Contributo di costruzione e opere

Dettagli

DEFINIZIONE DELL ILLECITO EDILIZIO

DEFINIZIONE DELL ILLECITO EDILIZIO ESEMPIO N. 1 - Opera realizzata in assenza o in difformità del titolo abilitativo edilizio e non conforme alle norme urbanistiche ed alle prescrizioni degli strumenti urbanistici (tipologia 1) Il sig.

Dettagli

Edilizia. PRATICHE EDILIZIE Permesso di costruire in sanatoria. Descrizione

Edilizia. PRATICHE EDILIZIE Permesso di costruire in sanatoria. Descrizione Edilizia PRATICHE EDILIZIE Permesso di costruire in sanatoria Descrizione (abusi commessi per interventi soggetti a Permessi di costruire e DIA) (abusi commessi per interventi soggetti a SCIA) L'accertamento

Dettagli

ABUSI EDILIZI E SANZIONI. Mauro Cavicchini Consulente di urbanistica e di edilizia marzo 2015

ABUSI EDILIZI E SANZIONI. Mauro Cavicchini Consulente di urbanistica e di edilizia marzo 2015 ABUSI EDILIZI E SANZIONI Mauro Cavicchini Consulente di urbanistica e di edilizia marzo 2015 CHE COSA È UN ABUSO EDILIZIO Intervento in assenza di titolo edilizio Intervento in difformità dal titolo edilizio

Dettagli

RIDOTTI DEL 20% (Da applicare nella zona A) 2 Oneri Urbanizzazione Primaria. 4 Totale 34,55. 3 Oneri Urbanizzazione Secondaria.

RIDOTTI DEL 20% (Da applicare nella zona A) 2 Oneri Urbanizzazione Primaria. 4 Totale 34,55. 3 Oneri Urbanizzazione Secondaria. Tabella C/A - ONERI DI URBANIZZAZIONE - RESIDENZIALE (per ogni metro cubo di volume) COSTI MEDI COMUNALI PER URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA AGGIORNATI LUGLIO 00 RIDOTTI DEL 0% (Da applicare nella

Dettagli

Domande poste frequentemente ( FAQ - Frequently Asked Questions )

Domande poste frequentemente ( FAQ - Frequently Asked Questions ) 1 Un fabbricato, ubicato nel centro abitato, accatastato alla categoria C/2 può godere del cambio di destinazione d uso come abitazione da accatastare in categoria A e contestualmente godere dell ampliamento

Dettagli

IL NUOVO PIANO CASA. LEGGE REGIONALE N. 13 del 08 luglio Treviso, 28 luglio 2011

IL NUOVO PIANO CASA. LEGGE REGIONALE N. 13 del 08 luglio Treviso, 28 luglio 2011 IL NUOVO PIANO CASA LEGGE REGIONALE N. 13 del 08 luglio 2011 Treviso, 28 luglio 2011 IL PIANO CASA La legge sul nuovo piano casa è una legge che non prevede nuovo consumo di territorio perché norma l edificato

Dettagli

ISBN:

ISBN: Abusi edilizi e titoli abilitativi in sanatoria Contenuti: - Schede operative - Casi e Questioni - Normativa - Riferimenti regionali - Formulario ISBN: 978-88-6219-265-1 Abusi edilizi e titoli abilitativi

Dettagli

Comune di Modena Settore Trasformazione urbana e qualità edilizia. Il Dirigente Responsabile del Settore

Comune di Modena Settore Trasformazione urbana e qualità edilizia. Il Dirigente Responsabile del Settore 1 Comune di Modena Settore Trasformazione urbana e qualità edilizia Il Dirigente Responsabile del Settore Modena, 15/10/2007 Protocollo generale n. 133038/2007 Protocollo di settore n. 16539/2007 DO/do

Dettagli

OGGETTO: AGGIORNAMENTO DIRITTI DI SEGRETERIA RELATIVI ALL ATTIVITA DEL SERVIZIO U.E.A. LA GIUNTA COMUNALE

OGGETTO: AGGIORNAMENTO DIRITTI DI SEGRETERIA RELATIVI ALL ATTIVITA DEL SERVIZIO U.E.A. LA GIUNTA COMUNALE Comune di Fiorano Modenese Provincia di Modena 26/04/2012 N.46 OGGETTO: AGGIORNAMENTO DIRITTI DI SEGRETERIA RELATIVI ALL ATTIVITA DEL SERVIZIO U.E.A. LA GIUNTA COMUNALE - VISTA la Delibera di C.C. n. 41/1997

Dettagli

PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA ai sensi del D.L. n.269/2003 convertito nella Legge n.326

PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA ai sensi del D.L. n.269/2003 convertito nella Legge n.326 AL COMUNE DI ORSENIGO SETTORE EDILIZIA PRIVATA UFFICIO CONDONO EDILIZIO VIA PER ERBA N. 1 22030 ORSENIGO (CO) PROTOCOLLO GENERALE Marca da bollo *PROGRESSIVO N 00 * (Devono essere presentate tante domande

Dettagli

L'ATTUAZIONE REGIONALE DEL D.L. 70/2011

L'ATTUAZIONE REGIONALE DEL D.L. 70/2011 L'ATTUAZIONE REGIONALE DEL D.L. 70/2011 Regioni che hanno dato attuazione Regioni che non hanno dato attuazione DOSSIER Aggiornato al 14 ottobre 2011 Direzione Legislazione Mercato Privato Normativa Statale

Dettagli

ONERI CONCESSORI DA APPLICARE NELL ANNO DELIBERA DI C.C. N. 77 DEL 06/12/2012

ONERI CONCESSORI DA APPLICARE NELL ANNO DELIBERA DI C.C. N. 77 DEL 06/12/2012 ONERI CONCESSORI DA APPLICARE NELL ANNO 2012-12-11 DELIBERA DI C.C. N. 77 DEL 06/12/2012 QUADRO RIASSUNTIVO PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO SUL COSTO DI COSTRUZIONE A) Edifici residenziali e scolastici

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO DI ALTA SPECIALIZZAZIONE GESTIONE DELLE ISTANZE DI CONDONO EDILIZIO MASTER EXECUTIVE GCE

PROGRAMMA DEL CORSO DI ALTA SPECIALIZZAZIONE GESTIONE DELLE ISTANZE DI CONDONO EDILIZIO MASTER EXECUTIVE GCE PROGRAMMA DEL CORSO DI ALTA SPECIALIZZAZIONE Allegato 2 GESTIONE DELLE ISTANZE DI CONDONO EDILIZIO MASTER EXECUTIVE GCE MODULO A: URBANISTICA E PRATICHE EDILIZIE Cenni generali sul quadro normativo in

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO. Settore Urbanistica R E G O L A M E N T O

COMUNE DI ROVIGO. Settore Urbanistica R E G O L A M E N T O COMUNE DI ROVIGO Settore Urbanistica R E G O L A M E N T O Criteri e modalità di calcolo delle sanzioni amministrative pecuniarie e delle somme da corrispondere a titolo di oblazione previste in materia

Dettagli

Regolamento urbanistico e Regolamento edilizio

Regolamento urbanistico e Regolamento edilizio Regolamento urbanistico e Regolamento edilizio TAVOLO DELLE PROFESSIONI TECNICHE PIETRASANTA 18 SETTEMBRE 2014 DISTANZE ART. 4 NTA Distanze tra edifici: 10 mt pareti finestrate (DM 1444/68) Distanze tra

Dettagli

Domande poste frequentemente ( FAQ - Frequently Asked Questions)

Domande poste frequentemente ( FAQ - Frequently Asked Questions) 1 La richiesta di chiarimenti formulata dall Amm.ne Com.le di Potenza riguarda l applicazione delle limitazioni contenute nella norma regionale al comma 1-quater dell art. 6 della L.R. n. 25/2012 in sostituzione

Dettagli

CONDONO EDILIZIO EMILIA ROMAGNA. 17/11/2004 Paola Mengaroni - ANCI E.R.

CONDONO EDILIZIO EMILIA ROMAGNA. 17/11/2004 Paola Mengaroni - ANCI E.R. CONDONO EDILIZIO IN EMILIA ROMAGNA RIFERIMENTI LEGISLATIVI STATALI l. 326/03, art. 32: Disposizioni urgenti per favorire lo sviluppo e per la correzione dell andamento dei conti pubblici REGIONALI l.r.

Dettagli

Il riordino della disciplina urbanistica per il rilancio dell economia regionale

Il riordino della disciplina urbanistica per il rilancio dell economia regionale L.R. 6/2009: GOVERNO E RIQUALIFICAZIONE SOLIDALE DEL TERRITORIO Regione Emilia-Romagna Il riordino della disciplina urbanistica per il rilancio dell economia regionale Dott. Giovanni Santangelo 1 III.

Dettagli

Comune di OSTIGLIA (Prov. Di Mantova) REGOLAMENTO. corrispondere a titolo di oblazione previste in materia di abusi edilizi dal D.P.R.

Comune di OSTIGLIA (Prov. Di Mantova) REGOLAMENTO. corrispondere a titolo di oblazione previste in materia di abusi edilizi dal D.P.R. Comune di OSTIGLIA (Prov. Di Mantova) REGOLAMENTO "Criteri e modalità di calcolo delle sanzioni amministrative pecuniarie e delle somme da corrispondere a titolo di oblazione previste in materia di abusi

Dettagli

Salva l applicazione di quanto disposto dal titolo III della legge regionale 6 luglio 2009, n. 6 si dispone quanto segue DEFINIZIONI COMUNI

Salva l applicazione di quanto disposto dal titolo III della legge regionale 6 luglio 2009, n. 6 si dispone quanto segue DEFINIZIONI COMUNI Salva l applicazione di quanto disposto dal titolo III della legge regionale 6 luglio 2009, n. 6 si dispone quanto segue DEFINIZIONI COMUNI 1. Per edifici abitativi si intendono gli edifici adibiti ad

Dettagli

Comune di Saletto Provincia di Padova REGOLAMENTO COMUNALE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE E OBLAZIONI PER ABUSI EDILIZI.

Comune di Saletto Provincia di Padova REGOLAMENTO COMUNALE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE E OBLAZIONI PER ABUSI EDILIZI. Comune di Saletto Provincia di Padova --ooooo ooooo-- REGOLAMENTO COMUNALE CRITERI E MODALITA DI CALCOLO DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE E DELLE SOMME DA CORRISPONDERE A TITOLO DI OBLAZIONE PREVISTE

Dettagli

COMUNE DI CASTELGUGLIELMO UFFICIO TECNICO

COMUNE DI CASTELGUGLIELMO UFFICIO TECNICO COMUNE DI CASTELGUGLIELMO UFFICIO TECNICO R E G O L A M E N T O Criteri e modalità di calcolo delle sanzioni amministrative pecuniarie e delle somme da corrispondere a titolo di oblazione previste in materia

Dettagli

1. la rilevanza del vincolo paesaggistico sopravvenuto alla realizzazione dell'abuso edilizio oggetto di istanza di condono;

1. la rilevanza del vincolo paesaggistico sopravvenuto alla realizzazione dell'abuso edilizio oggetto di istanza di condono; Allegato A LINEE DI INDIRIZZO PER LA DEFINIZIONE DELLE PRATICHE DI CONDONO EDILIZIO AI SENSI DEL DECRETO-LEGGE 30 SETTEMBRE 2003 N. 269 CONVERSIONE IN LEGGE 24/11/2003 N. 326 Data la indubbia complessità

Dettagli

Preambolo. Capo I DISPOSIZIONI GENERALI

Preambolo. Capo I DISPOSIZIONI GENERALI Area: attività edilizia Sezione Condono edilizio REGIONE: FRIULI VENEZIA GIULIA LEGGE REGIONALE 29 ottobre 2004, n. 26 (GU n. 014 SERIE SPECIALE N. 3 del 09/04/2005 - BU Friuli Venezia Giulia n. 044 S.

Dettagli

Mutamenti di destinazione d uso e relativi titoli abilitativi

Mutamenti di destinazione d uso e relativi titoli abilitativi CASI E INTERPRETAZIONI Orvieto, 26.10.2015 Mutamenti di destinazione d uso e relativi titoli abilitativi Geom. Massimo Danti Orvieto, 26.10.2015 LEGGE REGIONALE 01/2015 (TESTO UNICO) Art. 155 (Mutamenti

Dettagli

PGT del Comune di Verrua Po AMBITI DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO RESIDENZIALE E PARTE I. RIEPILOGO SCHEDE DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO:...

PGT del Comune di Verrua Po AMBITI DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO RESIDENZIALE E PARTE I. RIEPILOGO SCHEDE DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO:... 1 SCHEDA AU_03_18175.pdf COMUNE DI VERRUA PO PROVINCIA DI PAVIA PGT TESSUTO URBANO CONSOLIDATO AMBITI DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO RESIDENZIALE INDICE PARTE I. RIEPILOGO SCHEDE DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO:...

Dettagli

Preambolo. Visto l articolo 117, terzo e quarto comma della Costituzione;

Preambolo. Visto l articolo 117, terzo e quarto comma della Costituzione; Proposta di legge: Disposizioni per il recupero del patrimonio edilizio esistente situato nel territorio rurale. Modifiche alla legge regionale 10 novembre 2014, n.65 (Norme per il governo del territorio).

Dettagli

COMUNE DI BARBERINO DI MUGELLO Provincia di Firenze

COMUNE DI BARBERINO DI MUGELLO Provincia di Firenze COMUNE DI BARBERINO DI MUGELLO Provincia di Firenze TABELLE PARAMETRICHE RELATIVE AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA, AL CONTRIBUTO SUL COSTO DI COSTRUZIONE PER INTERVENTI SOTTOPOSTI A

Dettagli

Legge provinciale per il governo del territorio 2015 novellata. Regolamento urbanistico- edilizio provinciale II PARTE

Legge provinciale per il governo del territorio 2015 novellata. Regolamento urbanistico- edilizio provinciale II PARTE Legge provinciale per il governo del territorio 2015 novellata Regolamento urbanistico- edilizio provinciale II PARTE dott.ssa Lucia Frenguelli dott. Corrado Braito Trento, 27 giugno 2017 4 luglio 2017

Dettagli

Legge provinciale per il governo del territorio 2015 novellata. Regolamento urbanistico edilizio provinciale II PARTE

Legge provinciale per il governo del territorio 2015 novellata. Regolamento urbanistico edilizio provinciale II PARTE Legge provinciale per il governo del territorio 2015 novellata Regolamento urbanistico edilizio provinciale II PARTE dott.ssa Lucia Frenguelli dott. Corrado Braito Trento, 6 ottobre 2017 1 FOCUS STANDARD

Dettagli

COMUNE DI RAGALNA UFFICIO TECNICO Via Paternò, 32 - Tel. 095/ Fax 095/ Cod. Fisc

COMUNE DI RAGALNA UFFICIO TECNICO Via Paternò, 32 - Tel. 095/ Fax 095/ Cod. Fisc COMUNE DI RAGALNA UFFICIO TECNICO Via Paternò, 32 - Tel. 095/7985111 - Fax 095/7985102 - Cod. Fisc. 02183980875 REGOLAMENTO COMUNALE SULL IRROGAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE Agli Autori

Dettagli

REGIONE SICILIA COMUNE DI BELPASSO. Provincia di Catania PERIZIA GIURATA. sostitutiva di concessione edilizia in sanatoria

REGIONE SICILIA COMUNE DI BELPASSO. Provincia di Catania PERIZIA GIURATA. sostitutiva di concessione edilizia in sanatoria REGIONE SICILIA COMUNE DI BELPASSO Provincia di Catania PERIZIA GIURATA sostitutiva di concessione edilizia in sanatoria ai sensi dell art.17 comma 1 della L.R. 16 aprile 2003, n. 4 e ss.mm. ed ii. ***********

Dettagli

proposta di legge n. 106

proposta di legge n. 106 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 106 a iniziativa dei Consiglieri Zaffini, Zinni, Latini presentata in data 9 giugno 2011 NORME IN MATERIA DI RECUPERO DI SOTTOTETTI E DI LOCALI

Dettagli

Studio Legale Spallino

Studio Legale Spallino LEGGE REGIONE LOMBARDIA 11 MARZO 005, N. 1 PER IL GOVERNO DEL TERRITORIO TITOLO IV - ATTIVITÀ EDILIZIE SPECIFICHE CAPO I - RECUPERO AI FINI ABITATIVI DEI SOTTOTETTI ESISTENTI in grassetto le modifiche

Dettagli

CRITERI E MODALITÀ DI CALCOLO

CRITERI E MODALITÀ DI CALCOLO COMUNE DI OSTRA (Provincia di Ancona) 3 SETTORE URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA CRITERI E MODALITÀ DI CALCOLO DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE E DELLE SOMME DA CORRISPONDERE A TITOLO DI OBLAZIONE

Dettagli

Determinazione n 2067 /2008 del 16/12/2008. Criteri per la determinazione e applicazione delle sanzioni previste dal titolo VIII della L.R. n.

Determinazione n 2067 /2008 del 16/12/2008. Criteri per la determinazione e applicazione delle sanzioni previste dal titolo VIII della L.R. n. Governo del Territorio Tel. 0583/4281 Fax 0583/428399 e-mail comunedicapannori@comune.capannori.lu.it Piazza Aldo Moro, 1-55012 Capannori (LU) Italia (www.comune.capannori.lu.it) ORIGINALE Determinazione

Dettagli

NOVITA' IN MATERIA DI EDILIZIA - INTEGRAZIONE TESTO PUBBLICATO IL 18 GENNAIO

NOVITA' IN MATERIA DI EDILIZIA - INTEGRAZIONE TESTO PUBBLICATO IL 18 GENNAIO Prot. n. 378/2017/A Verona, 14.02.2017 A TUTTI GLI ISCRITTI ALL ALBO LORO SEDI NOVITA' IN MATERIA DI EDILIZIA - INTEGRAZIONE TESTO PUBBLICATO IL 18 GENNAIO 2017 - APPROVAZIONE E PUBBLICAZIONE DELLA MODULISTICA

Dettagli

(il numero progressivo va indicato nei versamenti relativi all oblazione e all anticipazione degli oneri concessori) RISERVATO AL COMUNE

(il numero progressivo va indicato nei versamenti relativi all oblazione e all anticipazione degli oneri concessori) RISERVATO AL COMUNE Domanda relativa alla definizione degli illeciti edilizi L.R. 31/2004. (ai sensi dell art. 32 comma 32 e seguenti del D.L. 30 settembre 2003, n. 269, coordinato con la Legge di conversione 24 novembre

Dettagli

Borgo Santa Caterina - SCHEDA

Borgo Santa Caterina - SCHEDA Borgo Santa Caterina - SCHEDA 695021028 Inventario dei Beni Culturali e Ambientali Scheda n 150116 DATI GENERALI Data rilievo: 19/06/2008 Località: Indirizzo: Indirizzo: Indirizzo: Foto aerea Borgo Santa

Dettagli

COMUNE DI OSTIGLIA Via XX Settembre, Ostiglia (Mn) Tel./ fax:

COMUNE DI OSTIGLIA Via XX Settembre, Ostiglia (Mn) Tel./ fax: Oggetto: informativa relativa alle modalità di calcolo del contributo concessorio previsto dall'art.3 della Legge n.10/77. La presente informativa viene formulata allo scopo di rendere note le modalità

Dettagli

COMUNE DI MONTECATINI TERME

COMUNE DI MONTECATINI TERME COMUNE DI MONTECATINI TERME DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 327 C O P I A DEL 28/12/2015. OGGETTO: ADEGUAMENTO ISTAT PER L'ANNO 2016 SULLA DETERMINAZIONE DELLE SANZIONI PREVISTE AI SENSI DEL VIGENTE

Dettagli

COMUNE DI QUINTO DI TREVISO

COMUNE DI QUINTO DI TREVISO . MODALITA PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 8 LUGLIO 2009, N. 14 (BUR n. 56/2009)INTERVENTO REGIONALE A SOSTEGNO DEL SETTORE EDILIZIO E PER FAVORIRE L UTILIZZO DELL EDILIZIA SOSTENIBILE E MODIFICHE

Dettagli

COMUNE DI PISTOIA Area SERVIZIO AL TERRITORIO, AMBIENTE E SVILUPPO ECONOMICO Servizio GOVERNO DEL TERRITORIO E EDILIZIA PRIVATA

COMUNE DI PISTOIA Area SERVIZIO AL TERRITORIO, AMBIENTE E SVILUPPO ECONOMICO Servizio GOVERNO DEL TERRITORIO E EDILIZIA PRIVATA COMUNE DI PISTOIA Area SERVIZIO AL TERRITORIO, AMBIENTE E SVILUPPO ECONOMICO Servizio GOVERNO DEL TERRITORIO E EDILIZIA PRIVATA Allegato A SCHEMA PER L AUTODETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI CUI ALL ART.183

Dettagli

COMUNE DI BARBERINO DI MUGELLO. Provincia di Firenze

COMUNE DI BARBERINO DI MUGELLO. Provincia di Firenze COMUNE DI BARBERINO DI MUGELLO Provincia di Firenze TABELLE PARAMETRICHE RELATIVE AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA, AL CONTRIBUTO SUL COSTO DI COSTRUZIONE ED ONERI VERDI PER INTERVENTI

Dettagli

(art art. 19, T.U. 380/01)

(art art. 19, T.U. 380/01) CITTÀ DI MONCALIERI Area Territorio e Infrastrutture Servizio Edilizia Privata DATI NECESSARI ALLA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO CONCESSORIO (art. 16 - art. 19, T.U. 380/01) PREMESSA: CONTRIBUTO CONCESSORIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI DI CUI ALL ART. 167 D.Lgs.42/2004 e LEGGE 308/04

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI DI CUI ALL ART. 167 D.Lgs.42/2004 e LEGGE 308/04 COMUNE DI PITIGLIANO Provincia di Grosseto Allegato alla delibera del C.C. n. 4 del 22.03.2012 Il Segretario Comunale F.to: Dott.ssa Sommovigo Maria Pia REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI DI

Dettagli

ALLEGATO A ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 108 DEL 23.12.2009

ALLEGATO A ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 108 DEL 23.12.2009 ALLEGATO A ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 108 DEL 23.12.2009 1- DETERMINAZIONE DEL COSTO DI COSTRUZIONE PER L'EDILIZIA RESIDENZIALE 1.1- Per i nuovi edifici il costo di costruzione al mq di superficie

Dettagli

ISTANZA DI CONDONO EDILIZIO

ISTANZA DI CONDONO EDILIZIO Comune di S. Maria la Carità Riservato al Protocollo Generale del Comune Prot. n. del Riservato all ufficio ISTANZA DI CONDONO EDILIZIO Pratica: N. prot. n. del / / IV Settore Urbanistica - PROGETTO CONDONO

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE I N D I C E

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE I N D I C E NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE I N D I C E TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI PARTE PRIMA - ASPETTI GENERALI DEL PIANO art. 1.1. - applicazione ed arco temporale di validità del Piano art. 1.2. - elaborati

Dettagli

REGOLAMENTO APPROVATO CON DELINERAZIONE DEL C.C. N. 33 DELL' 11/08/2009

REGOLAMENTO APPROVATO CON DELINERAZIONE DEL C.C. N. 33 DELL' 11/08/2009 REGOLAMENTO Criteri e modalità di calcolo delle sanzioni amministrative pecuniarie e delle somme da corrispondere a titolo di oblazione previste in materia di abusi edilizi dalla Legge Regionale //2008,

Dettagli

COMUNE DI PELAGO. (Provincia di Firenze) Oneri di Urbanizzazione e oneri verdi

COMUNE DI PELAGO. (Provincia di Firenze) Oneri di Urbanizzazione e oneri verdi COMUNE DI PELAGO (Provincia di Firenze) Oneri di Urbanizzazione e oneri verdi 11 Aggiornamento ISTAT (0,0%) dopo l'entrata in vigore della L.R. 1/05 ai sensi dell'art. 250 della L.R. 65/14 ANNO 2016 Servizio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL'INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE in attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL'INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE in attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL'INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE in attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 Art. 1 - Determinazione del costo base di urbanizzazione Ai sensi degli artt.

Dettagli

QUADRO SINOTTICO DEGLI INTERVENTI

QUADRO SINOTTICO DEGLI INTERVENTI COMUNE DI BRESCIA SETTORE SPORTELLO UNICO DELL EDILIZIA Legge regionale 13 marzo 2012 - n. 4 Norme per la valorizzazione del patrimonio edilizio esistente e altre disposizioni in materia urbanistico edilizia

Dettagli

APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 29 DEL 21/12/2015

APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 29 DEL 21/12/2015 COMUNE DI BORGO PRIOLO PROVINCIA DI PAVIA C.A.P. 27040 TEL. (0383) 872214 872265 FAX. (0383) 871371 COD. FISC. 00468890181 ****** Ufficio Tecnico Comunale CRITERI E MODALITA DI CALCOLO DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE

Dettagli

Regione Marche Legge regionale del 29 ottobre 2004, n. 23 Bollettino Ufficiale Regionale del 4 novembre 2004, n. 116

Regione Marche Legge regionale del 29 ottobre 2004, n. 23 Bollettino Ufficiale Regionale del 4 novembre 2004, n. 116 Regione Marche Legge regionale del 29 ottobre 2004, n. 23 Bollettino Ufficiale Regionale del 4 novembre 2004, n. 116 Norme sulla sanatoria degli abusi edilizi. Preambolo / IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato;

Dettagli

CITTA DI VENTIMIGLIA

CITTA DI VENTIMIGLIA Imposta di bollo CITTA DI VENTIMIGLIA PROVINCIA DI IMPERIA Ufficio Edilizia Privata & Urbanistica Numero progressivo (1) (1) il soggetto richiedente dovrà numerare (segnare con numeri progressivi) le domande

Dettagli

Il Dirigente Responsabile

Il Dirigente Responsabile Comune di Modena Settore Trasformazione Urbana e Qualità Edilizia SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA Via Santi 60 - Tel. 059/206224 - Fax 059/206164 E-mail giovanni.villanti@comune.modena.it Il Dirigente Responsabile

Dettagli

Pubblicata sul BURL SSO n.11 del 16 marzo 2012

Pubblicata sul BURL SSO n.11 del 16 marzo 2012 Legge Regionale 13 marzo 2012, n. 4 NORME PER LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE E ALTRE DISPOSIZIONI IN MATERIA URBANISTICO - EDILIZIA Pubblicata sul BURL SSO n.11 del 16 marzo 2012 Un

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 29 DEL 28/09/2009 REGOLAMENTO

ALLEGATO ALLA DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 29 DEL 28/09/2009 REGOLAMENTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 29 DEL 28/09/2009 REGOLAMENTO Criteri e modalità di calcolo delle sanzioni amministrative pecuniarie e delle somme da corrispondere a titolo di oblazione

Dettagli

Specifiche Operative

Specifiche Operative Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale (Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006) Specifiche

Dettagli

La presente relazione di stima è stata redatta per determinare il più probabile valore di

La presente relazione di stima è stata redatta per determinare il più probabile valore di RELAZIONE DI STIMA PER LA DETERMINAZIONE DEL VALORE DI MERCATO DI UN FABBRICATO (EX FRANCA) E RELATIVO SCOPERTO ESCLUSIVO, OLTRE A TERRENO AGRICOLO ADIACENTE UBICATI A PESARO IN VIA CAPRILE S.N.C. PROPRIETA

Dettagli

Regolamento Regionale 18/02/2015 n. 2, Art. 141

Regolamento Regionale 18/02/2015 n. 2, Art. 141 COMUNE DI ORVIETO Provincia di Terni UFFICIO EDILIZIA PUBBLICA E PRIVATA UFFICIO SUAPE Regolamento Regionale 18/02/2015 n. 2, Art. 141 DEFINIZIONE NUOVI PARAMETRI IN MATERIA DI CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Comune di Rapolano Terme

Comune di Rapolano Terme ( P r o vi n c i a d i S i e n a ) TARIFFE DEI DIRITTI DI SEGRETERIA PER ATTI ED ATTESTAZIONI IN MATERIA EDILIZIA, URBANISTICA ED AMBIENTE ( e x. A rt 1 0, D. L. 1 8 / 0 1 / 1 9 9 3, n 8 c o n v e r t

Dettagli

Comune di Provincia di. Domanda di condono edilizio

Comune di Provincia di. Domanda di condono edilizio stemma comune Comune di Provincia di Domanda di condono edilizio ai sensi dell art. 32 del D.L. 269/2003 (conv. L. 326/2003 e mod. L. 191/2004) e ai sensi della Legge Regionale n. 23/2004 marca da bollo

Dettagli

COMUNE DI SAN PIETRO CLARENZA Citta Metropolitana di Catania ************

COMUNE DI SAN PIETRO CLARENZA Citta Metropolitana di Catania ************ COMUNE DI SAN PIETRO CLARENZA Citta Metropolitana di Catania ************ UFFICIO TECNICO - AREA URBANISTICA REGOLAMENTAZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITÀ DI CALCOLO DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE

Dettagli

DEFINIZIONE DEGLI INTERVENTI EDILIZI

DEFINIZIONE DEGLI INTERVENTI EDILIZI DEFINIZIONE DEGLI INTERVENTI EDILIZI MANUTENZIONE ORDINARIA gli interventi edilizi che riguardano le opere di riparazione, rinnovamento e sostituzione delle finiture degli edifici e quelle necessarie ad

Dettagli

ALLEGATO 2 B TABELLE DI CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE CONTRIBUTO SUL COSTO DI COSTRUZIONE

ALLEGATO 2 B TABELLE DI CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE CONTRIBUTO SUL COSTO DI COSTRUZIONE ALLEGATO 2 B TABELLE DI CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE CONTRIBUTO SUL COSTO DI COSTRUZIONE Definizioni Superficie di applicazione del contributo Ai sensi dell art.46 del regolamento regionale 18

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE COMUNE DI CIVITELLA IN VAL DI CHIANA LOCALITA VICIOMAGGIO VIA DELL OLMO PIANO ATTUATIVO N. 163 PER LA REALIZZAZIONE DI UN EDIFICIO ABITATIVO PLURIFAMILIARE E CONTESTUALI OPERE DI SISTEMAZIONE ESTERNA NORME

Dettagli

Legge 23 agosto 1985, n. 44

Legge 23 agosto 1985, n. 44 Testo Coordinato Legge 23 agosto 1985, n. 44 Altezze minime e principali requisiti igienico - sanitari dei locali adibiti ad abitazione, uffici pubblici e privati ed alberghi. Note riguardanti modifiche

Dettagli

Dichiarazione esenzione contributo di concessione

Dichiarazione esenzione contributo di concessione SERVIZIO TECNICO ASSOCIATO Dichiarazione esenzione contributo di concessione COMUNE DI SAMONE Via Nuova Superiore, 11 Ufficio Tecnico Tel. 0461 762033 Fax 0461 762944 COMUNI DI STRIGNO, SAMONE E IVANO

Dettagli

La tolleranza costruttiva, le varianti in corso d'opera e le varianti essenziali - ing. Fulvio Bartoli

La tolleranza costruttiva, le varianti in corso d'opera e le varianti essenziali - ing. Fulvio Bartoli La tolleranza costruttiva, le varianti in corso d'opera e le varianti essenziali ing. Fulvio Bartoli Dirigente Settore Urbanistica, Edilizia privata e Ambiente del Comune di Imola Le tolleranze La tolleranza:

Dettagli

Atto rilasciato dal Comune per regolarizzare opere edilizie eseguite in assenza o in difformità da titolo abilitativo.

Atto rilasciato dal Comune per regolarizzare opere edilizie eseguite in assenza o in difformità da titolo abilitativo. Atto rilasciato dal Comune per regolarizzare opere edilizie eseguite in assenza o in difformità da titolo abilitativo. Come fare la richiesta Per richiedere l'accertamento di conformità è necessario essere

Dettagli

[DISPOSIZIONI OPERATIVE E LIMITI APPLICATIVI DELLA LEGGE REGIONALE N

[DISPOSIZIONI OPERATIVE E LIMITI APPLICATIVI DELLA LEGGE REGIONALE N 2014 COMUNE DI CASAGIOVE AREA TECNICA URBANISTICA Pasquale Russo [DISPOSIZIONI OPERATIVE E LIMITI APPLICATIVI DELLA LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 28/12/2009 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI PIANO

Dettagli

S c h e d a t e c n i c a

S c h e d a t e c n i c a Modello 2 Comune di SAN BENIGNO CANAVESE 10080 - P.zza Vittorio Emanuele II n 9 P.IVA 01875020016 Tel. 011-988.01.00 011.988.00.54 fax 011-988.77.99 e-mail: direzione.utc@comunesanbenigno.it Area Tecnica

Dettagli

Comune di Lonate Ceppino Servizi Urbanistici

Comune di Lonate Ceppino Servizi Urbanistici Comune di Lonate Ceppino Servizi Urbanistici RELAZIONE TECNICA E SCHEDA RIASSUNTIVA DEL PROGETTO DA ALLEGARE ALLA DOMANDA DEL PERMESSO DI COSTRUIRE, COMPILATA A CURA DEL PROGETTISTA. PRATICA EDILIZIA n.

Dettagli

COMUNE DI PIETRASANTA (Provincia di Lucca)

COMUNE DI PIETRASANTA (Provincia di Lucca) COMUNE DI PIETRASANTA (Provincia di Lucca) Regolamento per la definizione dei prezzi massimi di cessione e del canone di locazione degli alloggi relativi ad interventi di edilizia abitativa convenzionata

Dettagli

Comune di Arcevia - Comune di Barbara - Comune di Serra de' Conti. Provincia di Ancona ufficio unico urbanistica Servizio edilizia privata

Comune di Arcevia - Comune di Barbara - Comune di Serra de' Conti. Provincia di Ancona ufficio unico urbanistica Servizio edilizia privata Provincia di Ancona ufficio unico urbanistica Servizio edilizia privata A - MODALITÀ DI CALCOLO DEL COSTO DI COSTRUZIONE Viene di seguito descritta la modalità di calcolo delle quantità da assoggettare

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA BOZZE DI STAMPA 29 ottobre 2012 N. 1 SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Disposizioni volte a garantire la parità di trattamento dei cittadini della Repubblica in ordine ai benefici introdotti dall

Dettagli

Legge Regionale n. 22/2009. Piano Casa. 30 ottobre ore Jesi - Sala Consiliare del Comune

Legge Regionale n. 22/2009. Piano Casa. 30 ottobre ore Jesi - Sala Consiliare del Comune Legge Regionale n. 22/2009 Piano Casa Incontro con i professionisti e con i cittadini 30 ottobre 2009 - ore 16.00 Jesi - Sala Consiliare del Comune Comune di Jesi_Assessorato Urbanistica e Ambiente_Servizio

Dettagli

l.p. 4 agosto 2015, n. 15 legge provinciale per il governo del territorio

l.p. 4 agosto 2015, n. 15 legge provinciale per il governo del territorio l.p. 4 agosto 2015, n. 15 legge provinciale per il governo del territorio step 19 aprile 2016 Recupero del patrimonio edilizio esistente Riduzione del consumo di suolo Valorizzazione del paesaggio Ridefinizione

Dettagli

REGIONE CALABRIA LEGGE REGIONALE MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 11 AGOSTO 2010, N. 21 (MISURE STRAORDINARIE A SOSTEGNO DELL'ATTIVITÀ

REGIONE CALABRIA LEGGE REGIONALE MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 11 AGOSTO 2010, N. 21 (MISURE STRAORDINARIE A SOSTEGNO DELL'ATTIVITÀ REGIONE CALABRIA LEGGE REGIONALE MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 11 AGOSTO 2010, N. 21 (MISURE STRAORDINARIE A SOSTEGNO DELL'ATTIVITÀ EDILIZIA FINALIZZATA AL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DEL PATRIMONIO EDILIZIO

Dettagli