Ordinanza n. 16 del 30 Aprile 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ordinanza n. 16 del 30 Aprile 2015"

Transcript

1 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO ai sensi dell art. 1 comma 2 del D.L.N. 74/2012 convertito con modificazioni dalla legge n. 122/2012 Ordinanza n. 16 del 30 Aprile 2015 Modifiche all Ordinanza n. 57 del 12 ottobre 2012 come modificata dall Ordinanza n. 64 del 29 ottobre 2012, dall Ordinanza n. 74 del 15 novembre 2012, dall Ordinanza n. 15 del 15 febbraio 2013, dall Ordinanza n. 42 del 29 marzo 2013, dall Ordinanza n. 113 del 30 settembre 2013, dall'ordinanza n. 3 del 27 gennaio, dall'ordinanza n. 28 del 17 aprile 2014, dall'ordinanza n. 70 del 16 ottobre 2014 e dall Ordinanza n. 81 del 5 dicembre 2014 Criteri e modalità per il riconoscimento dei danni e la concessione dei contributi per la riparazione, il ripristino, la ricostruzione di immobili ad uso produttivo, per la riparazione e il riacquisto di beni mobili strumentali all attività, per la ricostituzione delle scorte e dei prodotti e per la delocalizzazione, in relazione agli eventi sismici del 20 e 29 maggio Approvazione delle Linee Guida per la presentazione delle domande e le richieste di erogazione dei contributi. Visto dell articolo 1, comma 2, del Decreto Legge 6 giugno 2012 n. 74, Interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici che hanno interessato il territorio delle province di Bologna, Modena, Ferrara, Mantova, Reggio Emilia e Rovigo, il 20 e il 29 maggio 2012 in G.U. n. 131 del 7 giugno 2012, convertito in legge con modificazioni nella Legge 1 agosto 2012 n. 122 recante Interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici che hanno interessato il territorio delle province di Bologna, Modena, Ferrara, Mantova, Reggio Emilia e Rovigo, il 20 e il 29 maggio 2012 (in seguito D. L. n. 74/2012) che dispone che il Presidente della Giunta Emilia-Romagna, assuma le funzioni di Commissario Delegato per l attuazione degli interventi previsti dallo stesso Decreto; Preso atto che il giorno 29 dicembre 2014 si è insediato il nuovo Presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini che ricopre da tale data anche le funzioni di Commissario delegato per la realizzazione degli interventi per la ricostruzione, l assistenza alla popolazione e la ripresa economica dei territori colpiti dagli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012 secondo il disposto dell art. 1 del decreto-legge 6 giugno 2012, n. 74, convertito con modificazioni, dalla legge 1 1

2 agosto 2012, n. 122; Visto l art b del Trattato sul funzionamento dell Unione Europea; Visto l art. 5 della Legge 24 febbraio 1992, n. 225 recante Istituzione del Servizio nazionale della protezione civile (in seguito L. n. 225/1992); Visto il Decreto del Ministero dell'economia e delle Finanze del 1 giugno 2012 recante Sospensione, ai sensi dell'articolo 9, comma 2, della Legge 27 luglio 2000, n. 212, dei termini per l'adempimento degli obblighi tributari a favore dei contribuenti colpiti dal sisma del 20 maggio 2012, verificatosi nelle province di Bologna, Ferrara, Modena, Reggio Emilia, Mantova e Rovigo ; (in seguito D.M. 1 giugno 2012); Visto il comma 4 del citato art. 1 del D.L. n. 74/2012, ai sensi del quale agli interventi di cui al medesimo decreto provvedono i Presidenti delle Regioni operando con i poteri di cui all articolo 5, comma 2, della L. n. 225/92; Richiamato il comma 5 del citato art. 1 del D.L. n. 74/2012, il quale prevede che il Presidente della Regione possa avvalersi per gli interventi dei sindaci dei comuni e dei presidenti delle province interessati dal sisma, adottando idonee modalità di coordinamento e programmazione degli interventi stessi ; Viste le deliberazioni del Consiglio dei Ministri del 22 e 30 maggio 2012 che hanno dichiarato per i territori delle Province di Bologna, Ferrara, Modena, Reggio Emilia, Mantova e Rovigo lo stato di emergenza, poi prorogato fino al 31 maggio 2013 dall articolo 1, comma 3, del D.L. n. 74/2012; Considerato che gli eventi sismici hanno prodotto danni ingenti al patrimonio edilizio ad uso produttivo ed alle attrezzature e scorte, inclusi i prodotti delle imprese; Considerato altresì che gli eventi sismici hanno colpito un area a forte presenza di attività produttive e che la ripresa del sistema produttivo locale assume particolare rilevanza anche per il contesto economico regionale e nazionale; Ritenuto opportuno, in considerazione dei livelli diversificati di gravità dei danni, operare una graduazione degli interventi di riparazione e recupero a cominciare da quelli che assicurano livelli di sicurezza sufficienti per gli imprenditori ed i lavoratori per consentire la ripresa dell attività produttiva fino a quelli volti a raggiungere un significativo miglioramento sismico delle strutture; Visto il sopra citato D.L. n. 74/2012, che all art. 3 comma 1, paragrafo a) determina che il Commissario delegato può riconoscere un contributo per la riparazione, il ripristino o la ricostruzione degli immobili ad uso produttivo, in relazione al danno effettivamente subito; 2

3 Visto il sopra citato D.L. n. 74/2012, che all art. 3 comma 1, paragrafo b) determina che il Commissario delegato può riconoscere un contributo, previa presentazione di perizia giurata, a favore delle attività produttive che abbiano subito gravi danni a scorte e beni mobili strumentali all attività di loro proprietà; Visto il sopra citato D.L. n. 74/2012, che all art. 3 comma 1, paragrafo b-bis) determina che il Commissario Delegato può concedere, previa presentazione di perizia giurata, contributi per il risarcimento dei danni economici subiti da prodotti in corso di maturazione ovvero di stoccaggio ai sensi del regolamento (CE) n. 510/2006 del Consiglio, del 20 marzo 2006, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni d origine dei prodotti agricoli e alimentari; Visto il sopra citato D.L n. 74/2012, che all art. 3 comma 1, paragrafo f) determina che il Commissario delegato può riconoscere un contributo a favore della delocalizzazione temporanea delle attività danneggiate dal sisma al fine di garantirne la continuità produttiva; Visto il sopra citato D.L. n. 74/2012, che all art. 3 comma 1-bis), come modificato dall art. 11 del D.L. n. 174/2012, secondo cui, anche per i contratti stipulati da privati beneficiari di contributi per le attività produttive, benché non ricompresi tra quelli previsti dall art. 32, comma 1 lett. E) ed f) del D. Lgs. n. 163/2006 e ss.mm sussiste l esigenza di assicurare criteri di economicità e trasparenza nell utilizzo di risorse pubbliche; Visto il sopra citato D.L n. 74/2012, che all art. 3 comma 12 e 13-bis determina che il Commissario delegato può riconoscere un contributo a favore della delocalizzazione delle attività produttive; Visto l art. 12 della Legge 7 agosto 1990 n. 241, recante Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi e ss. mm. (in seguito L. n. 241/1990) e conseguentemente il Decreto Legislativo 31 marzo 1998 n. 123, recante Disposizioni per la razionalizzazione degli interventi di sostegno pubblico alle imprese, a norma dell'articolo 4, comma 4, lettera c), della legge 15 marzo 1997, n. 59 (in seguito D. Lgs. n. 123/1998); Visto l articolo 1 comma 3 lettera c) del Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri 4 luglio 2012 il quale prevede che il Commissario Delegato può riconoscere ai titolari delle attività produttive un contributo per la riparazione o la ricostruzione degli immobili destinati ad uso produttivo e degli impianti, fino all 80% del costo ammesso e riconosciuto. (in seguito D.P.C.M. 4 luglio 2012); 3

4 Visto il sopra citato D.L. n. 74/2012, ed in particolare gli articoli 11 e 11 bis che prevedono sostegni al credito in forma agevolata a favore delle imprese; Visto il Decreto del Ministero dell Economia e delle Finanze di concerto con il Ministero dello Sviluppo Economico del 10 Agosto 2012 (di seguito D.M. 10 agosto 2012) che prevede le modalità di attuazione dell art. 11 del D.L. n. 74/2012; Visto il sopra citato D.L n.74/2012, che all art. 19 comma 2, determina riduzione dei termini dei procedimenti autorizzativi previsti in materia di VIA e di AIA per le delocalizzazioni temporanee e per le ricostruzioni con modifiche delle imprese danneggiate dal sisma al fine di accelerarne lo svolgimento; Visto l art. 5 bis del sopra citato D.L. n. 74/2012 che prevede disposizioni in materia di controlli antimafia; Ritenuto che gli interventi di rafforzamento locale così come definiti al punto delle norme tecniche per le costruzioni di cui al Decreto del Ministero delle Infrastrutture del 14 gennaio 2008, recante Approvazione delle nuove norme tecniche per le costruzioni (in seguito D.M. 14 gennaio 2008), nel caso degli edifici oggetto della presente Ordinanza, possono essere considerati interventi di miglioramento sismico in quanto finalizzati ad aumentare la resistenza sismica della strutture senza alterarne lo schema funzionale; Ritenuto di dover disciplinare i criteri per il riconoscimento del danno e le modalità di assegnazione dei contributi per la riparazione, il ripristino con rafforzamento locale, il miglioramento sismico degli edifici danneggiati e la ricostruzione di quelli distrutti di cui al comma 1 lettera a) dell art. 3 del D.L. n. 74/2012; Ritenuto, inoltre, di dover prevedere le modalità per il riconoscimento del danno e l assegnazione dei contributi per i beni mobili strumentali all attività e per le scorte di cui al comma 1 lettera b dell art. 3 del D.L. n. 74/2012; Visto l art. 3 bis del Decreto Legge 6 luglio 2012 n. 95, recante Disposizioni urgenti per la revisione della spesa pubblica con invarianza dei servizi ai cittadini (nonché misure di rafforzamento patrimoniale delle imprese del settore bancario, convertito in Legge con modificazioni nella Legge 7 agosto 2012 n. 135, recante Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95, recante disposizioni urgenti per la revisione della spesa pubblica con invarianza dei servizi ai cittadini (in seguito D.L. 95/2012); 4

5 Visto il Decreto Legislativo 6 settembre 2011 n. 159, recante Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonché nuove disposizioni in materia di documentazione antimafia, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 13 agosto 2010, n. 136 (in seguito D. Lgs. n. 159/2011); Visto il Protocollo d Intesa tra il Ministero dell Economia e delle Finanze e i Presidenti delle Regioni Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto in qualità di Commissari delegati ai sensi dell art. 1, comma 2 del Decreto Legge n. 74/2012, convertito in Legge dalla Legge n. 122/2012, sottoscritto in data 4 ottobre 2012, che definisce i criteri e le modalità per la concessione dei contributi di cui all art. 3, comma 1, lettera 1), del D.L. n. 74/2012, secondo le modalità del finanziamento agevolato di cui all art. 3 bis del D.L. n. 95/2012 (di seguito Protocollo d Intesa); Viste le Decisioni della Commissione Europea in materia di aiuti di Stato C(2012)9471 final e C(2012)9853 final; Viste le Ordinanze del Commissario delegato: n. 29 del 28 Agosto 2012, recante Criteri e modalità di assegnazione di contributi per la riparazione e il ripristino immediato di edifici ed unità immobiliari ad uso abitativo danneggiati dagli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012 e temporaneamente e parzialmente inagibili e s.m.i.; n. 32 del 30 Agosto 2012, recante Realizzazione Edifici Municipali Temporanei (ETM) e Prefabbricati Modulari Municipali. Approvazione e documentazioni atti di gara. Rettifica Ordinanza n. 28 del 24/08/2012 ed integrazione Ordinanze n. 6 del 5/07/2012 e n. 11 del 18/07/2012 e s.m.i.; n. 51 del 5 ottobre 2012, recante Criteri e modalità di assegnazione di contributi per la riparazione e il ripristino con miglioramento sismico di edifici e unità immobiliari ad uso abitativo che hanno subito danni significativi dagli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012 e che sono stati dichiarati inagibili. (Esito E0) e s.m.i; n. 86 del 6 Dicembre 2012 recante Criteri e modalità di assegnazione di contributi per la riparazione, il ripristino con miglioramento sismico o la demolizione e ricostruzione di edifici e unità immobiliari ad uso abitativo che hanno subito danni significativi dagli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012 e che sono stati dichiarati inagibili (Esito E1, E2, E3) e s.m.i.; n. 66 del 7 giugno 2013 del presidente Errani in qualità di Commissario delegato recante Criteri e modalità di assegnazione di contributi per la riparazione, il ripristino o la 5

6 ricostruzione di immobili privati danneggiati e per i danni subiti ai beni mobili strumentali a causa degli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012 nei quali soggetti privati senza fine di lucro svolgono attività o servizi individuati ai sensi del decretolegge 6 giugno 2012, n.74 convertito con modificazioni dalla legge 122/2012 ; n. 119 dell'11 ottobre 2013 del presidente Errani in qualità di Commissario delegato recante Disposizioni relative agli interventi da effettuare su edifici di proprietari diversi, residenziali, produttivi e pubblico-privati. Approvazione clausole obbligatorie contratti. Integrazioni ordinanze nn. 29, 51, 86/2012 e smi e 24/2013. Altre disposizioni relative ai contributi per la ricostruzione pubblica e privata. ; n. 131 del 18 ottobre 2013 del presidente Errani in qualità di Commissario delegato recante Disposizioni relative ai termini di presentazione delle domande di contributo per la ricostruzione privata di cui alle ordinanze commissariali nn. 29,51, 57 e 86 del 2012 e smi ed alle ordinanze commissariali nn. 60 e 66 del 2013 ; n. 9 del 7 febbraio 2014 del Presidente Errani in qualità di Commissario Delegato recante Integrazioni e modifiche alle Ordinanza nn. 29,51, 68/2012 e smi, Ordinanza n. 119/2013 e Ordinanza n.131/2013. Altre disposizioni relative ai contributi per la ricostruzione pubblica e privata. ; Sentito in data 24 Settembre 2012 il Comitato Tecnico Scientifico costituito ai sensi dell art. 4 della Legge Regionale 30 ottobre 2008 n. 19, recante Norme per la riduzione del rischio sismico (in seguito L.R. n. 19/2008); Sentita in data 3 ottobre 2012 l Agenzia del Territorio della Regione Emilia-Romagna; Ritenuto necessario dare attuazione ai protocolli di legalità stipulati tra la Regione Emilia-Romagna e le prefetture in modo da assicurare la corretta allocazione delle risorse; Visto il Decreto Legge 10 ottobre 2012 n. 174, recante Disposizioni urgenti in materia di finanza e funzionamento degli enti territoriali, nonché ulteriori disposizioni in favore delle zone terremotate del maggio 2012 (in seguito D.L. n. 174/2012) convertito con modificazioni nella L. n. 213 del 7 dicembre 2012 recante Conversione in legge, con modificazioni, del Decreto-Legge 10 ottobre 2012 n. 174 recante Disposizioni urgenti in materia di finanza e funzionamento degli enti territoriali, nonché ulteriori disposizioni in favore delle zone terremotate del maggio Proroga di termine per l esercizio di delega legislativa; 6

7 Visto il Decreto Legge 14 gennaio 2013, n.1, recante Disposizioni urgenti per il superamento di situazioni di criticità nella gestione dei rifiuti e di taluni fenomeni di inquinamento ambientale convertito con Legge n. 11 del 1 febbraio 2013, che ha modificato l articolo 3 del Decreto-Legge 6 giugno 2012, n. 74, convertito dalla legge 1 agosto 2012, n. 122, prevedendo che possono essere concessi contributi, anche in modo tale da coprire integralmente le spese occorrenti per la riparazione, il ripristino o la ricostruzione degli immobili; Visto il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 8 febbraio 2013 recante Aggiornamento della misura dei contributi per la ricostruzione nei territori colpiti dagli eventi sismici nel maggio 2012 ; Visto il Decreto Legge n. 43 del 26 aprile 2013 recante Disposizioni urgenti per il rilancio dell'area industriale di Piombino, di contrasto ad emergenze ambientali, in favore delle zone terremotate del maggio 2012 e per accelerare la ricostruzione in Abruzzo e la realizzazione degli interventi per Expo 2015, convertito con modificazioni nella L. 24 giugno 2013 n. 71, ed in particolare l art.6; Sentito in data 17 marzo 2015 e in data 30 aprile 2015 il Comitato Istituzionale istituito ai sensi dell Ordinanza del Commissario delegato n. 1 dell 08 giugno 2012, recante Misure per il coordinamento istituzionale degli interventi per la ricostruzione, l assistenza alle popolazioni e la ripresa economica nei territori colpiti dal sisma dei giorni 20 e 29 maggio Costituzione del Comitato istituzionale e di indirizzo ; Considerato che si ritiene necessario introdurre procedure semplificate in riferimento alla concessione di contributi per gli interventi relativi agli immobili e alla ricostituzione delle scorte, nonché specificare la disciplina relativa al Direttore dei lavori per quanto riguarda gli interventi sugli immobili; Ritenuto necessario procedere alla modifica dell Ordinanza n. 57/2012 e ss.mm, al fine di attuare gli obiettivi sopra indicati; Tutto ciò premesso e considerato DISPONE 1. di procedere alla modifica dell Ordinanza Commissariale n. 57 del 12 ottobre 2012 Criteri e modalità per il riconoscimento dei danni e la concessione dei contributi per la riparazione, il ripristino, la ricostruzione di immobili ad uso produttivo, per la riparazione e il riacquisto 7

8 di beni mobili strumentali all attività, per la ricostituzione delle scorte e dei prodotti e per la delocalizzazione, in relazione agli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012, come modificata dall Ordinanza n. 64/2012, dall Ordinanza n. 74/2012, dall Ordinanza n. 15 del 15 febbraio 2013, dall Ordinanza n. 42 del 29 marzo 2013, dall Ordinanza n. 113 del 30 settembre 2013, dall Ordinanza n. 3 del 27 gennaio 2014, dall'ordinanza n. 28 del 17 aprile 2014, dall Ordinanza n.70 del 16 Ottobre 2014, dall Ordinanza n.81 del 5 Dicembre 2014 e dall Ordinanza n. 8 del 23 Febbraio 2015, così come segue: - il comma 4 dell art 1 viene sostituito con la seguente formulazione: 4. Possono altresì beneficiare dei contributi previsti dalla presente Ordinanza i proprietari ovvero coloro che, per legge o per contratto o in base ad altro titolo giuridico valido, siano tenuti a sostenere le spese di rafforzamento, ripristino e ricostruzione delle unità immobiliari ad uso abitativo, anche se non soggette a verifica Aedes, strutturalmente integrate con l edificio principale non riconducibile all edilizia residenziale o strumentali all attività produttiva svolta in immobili riconducibili all edilizia residenziale. - l art. 4 viene sostituito con la seguente formulazione: Articolo 4 (Determinazione dei costi ammissibili a contributo per gli interventi relativi agli immobili ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.L. n. 74/2012 e tempi di realizzazione) 1. Il costo ammissibile a contributo per gli interventi relativi agli immobili, sulla base della perizia giurata di cui al successivo art. 9 e del progetto di riparazione, ripristino o ricostruzione, è pari alla minore somma tra: il costo dell intervento, determinato al lordo delle spese tecniche e dell I.V.A. se non detraibile, così come risulta dal computo metrico-estimativo redatto sulla base del vigente Elenco regionale dei prezzi delle opere pubbliche pubblicato sul BURERT del 31 luglio 2012, integrato per le voci non contemplate nello stesso, nonché per tutte le altre specifiche 8

9 voci di settore, ove del caso, dallo specifico Prezzario regionale per opere e interventi in agricoltura, approvato con deliberazione n. 1834/2007 e s.m.i.; e l'importo ottenuto moltiplicando il costo convenzionale, a cui va aggiunta l I.V.A. se non detraibile, di cui alle Tabella A, B, C, D, E ed F dell Allegato 2 (differenziato per livello di danno, per tipo di intervento o sua porzione e per caratteristiche dell immobile) per la superficie netta dell'immobile dove si svolgono le attività. I costi convenzionali di cui alle tabelle indicate si intendono applicati in modo progressivo per le classi di superficie previste. 1-bis. Per gli interventi relativi agli immobili, in cui i danni sono quantificati, sulla base dei costi convenzionali di cui alle Tabelle A, B, C, D, E ed F dell Allegato 2, in un ammontare inferiore ad ,00, al lordo delle spese tecniche e dell'iva, se non detraibile, il contributo concedibile è determinato sulla base della dichiarazione del professionista, incaricato di redigere la perizia, di avere quantificato i costi sostenuti o da sostenersi per gli interventi realizzati o da realizzare, applicando l' Elenco regionale dei prezzi delle opere pubbliche, pubblicato sul BURERT del 31 luglio 2012, integrato per le voci non contemplate nello stesso, nonché per tutte le altre specifiche voci di settore, ove del caso, dallo specifico Prezzario regionale per opere ed interventi in agricoltura, approvato con deliberazione n. 1834/2007 e s.m.i.. Per i suddetti interventi, in fase di erogazione, il beneficiario dovrà rendere disponibile, ai fini della verifica della congruità dei costi degli interventi effettuati con i Prezzari, i computi metrici consuntivi, anche per macrovoci, oltre alla documentazione delle spese sostenute ed alle relative quietanze. 2. La superficie netta massima riconosciuta è quella destinata per l attività produttiva al momento del sisma e contenuta nella perizia giurata. Nel progetto di ricostruzione, presentato nella domanda di cui al successivo art. 8, tale superficie può essere ottenuta anche attraverso interventi su più immobili produttivi della medesima proprietà, assicurando comunque il recupero ediliziourbanistico dell intera superficie danneggiata o distrutta dal sisma e quindi la ripresa e la piena funzionalità dell attività produttiva. Nel caso di unità immobiliari ad uso abitativo - inserite in un contesto produttivo e costituenti un unica unità strutturale con l edificio principale non riconducibile ad edilizia residenziale la superficie massima riconosciuta è quella esistente al momento del sisma e contenuta nella perizia giurata e il contributo è commisurato al livello del danno subito e al tipo di intervento previsto alle Tabelle individuate all Allegato 2. 9

10 3. Per gli interventi di riparazione con rafforzamento locale, ripristino con miglioramento sismico anche ai fini dell agibilità sismica prevista dall art. 3, commi 7, 7bis, 8 e 8bis del D.L. n. 74/2012, e per quelli di demolizione e ricostruzione, il contributo è commisurato al livello del danno subito ed al tipo di intervento da realizzare secondo quanto previsto nell Allegato 2. In particolare per gli interventi di rafforzamento locale si applicano i parametri di cui all'allegato 2, Tabella A, lettere b) c) e per gli interventi di ripristino con miglioramento sismico quelli di cui alla stessa Tabella, lettere d) ed e), mentre per la demolizione, conferimento e/o smaltimento dei rifiuti quelli riportati in calce alle tabelle dell Allegato Qualora gli interventi di miglioramento sismico siano realizzati in fase successiva al rafforzamento locale, di cui alle lettere b) e c) della Tabella A dell Allegato 2, che ha consentito di acquisire l'agibilità sismica e la verifica di sicurezza di cui al comma 9 dell'art. 3 del D.L. n. 74/2012, il contributo è commisurato alle opere necessarie per conseguire il livello di sicurezza almeno pari al 60% di quanto previsto per le nuove costruzioni, sulla base dei parametri indicati in Tabella C dell Allegato Gli interventi di miglioramento sismico successivi al rafforzamento locale sono assoggettati ai titoli abilitativi ai fini edilizi ed urbanistici previsti dalla normativa vigente. 6. Gli interventi devono essere realizzati successivamente alla data del sisma e conclusi entro il 31 dicembre 2016 con esclusione delle imprese agricole attive nei settori della produzione primaria, della trasformazione e della commercializzazione dei prodotti di cui all'allegato I del TFUE, per le quali il termine viene definito al 30 settembre Qualora non venga riconosciuta la proroga dei termini di concessione e pagamento richiamati al punto (4) Durata della Decisione di esecuzione della Commissione C(2012) 9471 del 19/12/2012, il termine suddetto resta definito al 31 dicembre Dell eventuale avvenuto riconoscimento verrà data comunicazione sui siti della Regione Emilia-Romagna e dei Comuni colpiti dagli eventi sismici del 20 e 29 maggio Le spese tecniche, comprensive degli onorari dei professionisti abilitati o consulenti, al netto dell IVA, se detraibile, sono computate nel costo dell intervento, ai fini del contributo previsto dalla presente Ordinanza, secondo le seguenti percentuali massime per classi di spesa, : 10% sul costo degli interventi degli immobili fino alla somma di euro; 8% sul costo degli interventi per la somma eccedente gli euro e fino a 2 milioni di euro; 6% sul costo degli interventi per la somma eccedente i 2 milioni di euro; 10

11 5% per gli interventi sui beni strumentali fino alla somma di euro; 2,5 % per gli interventi sui beni strumentali per la somma eccedente i euro e fino a 1 milione di euro; 1,5% sul costo degli interventi per le somme eccedenti 1 milione di euro; 5% per gli interventi di ricostituzione delle scorte, per le delocalizzazioni temporanee e per i danni economici subiti dai prodotti DOP/IGP, come individuati alla lettera b-bis del comma 1 art. 3 del D.L. n. 74/2012, fino alla somma di euro; 2,5% per gli interventi eccedenti i euro e fino a 1 milione di euro; 1,5% sul costo degli interventi per le somme eccedenti 1 milione di euro. La percentuale massima, relativa alle spese tecniche, deve intendersi in riferimento ai costi complessivi per ogni tipologia di intervento da effettuarsi per ciascuna unità locale. In fase di Stato Avanzamento Lavori potrà essere erogato ai tecnici che hanno partecipato alle fasi della progettazione un importo non superiore all 85% della quota della parte del contributo agli stessi destinato al fine di remunerare le attività già svolte. L importo rimanente relativo alle spese per prestazioni professionali sarà proporzionalmente ripartito nei successivi SAL. Ai fini della presente Ordinanza, il contributo per le spese tecniche tiene inoltre conto del Protocollo sottoscritto con gli Ordini professionali il 5 febbraio 2013 e dall Allegato A al Decreto del Commissario n. 53 del 17 gennaio Gli eventuali compensi degli amministratori di condominio o di amministratori dei consorzi appositamente costituiti tra proprietari per gestire interventi unitari sono riconosciuti nel costo dell intervento nel limite massimo del: - 2% del costo delle opere ammissibili, per interventi di importi fino a ,00 Euro; - 1,5% del costo delle opere ammissibili per la parte superiore a ,00 Euro, fino a ,00 euro, 1% del costo delle opere ammissibili per la parte superiore a ,00 euro, fino a di Euro; 0,5% del costo delle opere ammissibili per la parte eccedente i ,00 di euro. A tali compensi va aggiunta l IVA se non recuperabile. 8. I costi convenzionali di cui alla Tabella A), D), E) ed F) sono comprensivi sia delle opere strutturali che delle finiture necessarie; per quanto concerne gli interventi riconducibili alla Tabella 11

12 B le percentuali fra interventi strutturali e opere di finitura sono quelle previste nelle Ordinanze 29/51/86 del 2012 e s.m.i.. 9. Non sono ammissibili a contributo gli interventi su aree esterne non direttamente connessi con la produzione (quali giardini, recinzioni, etc.) se non rientranti fra quelli necessari alla temporanea delocalizzazione dell attività. 10. Sono ammesse eventuali varianti, che si rendessero necessarie nel corso dell'esecuzione dei lavori; le varianti che comportano un aumento di contributo, non prevedibili al momento della progettazione e resesi necessarie in fase di esecuzione dei lavori, debitamente motivate, e successivamente valutate e, se ritenute congrue, approvate dal nucleo di valutazione del SII, dovranno essere contenute entro 1/5 dell importo degli interventi già ammessi a contributo e comunque entro il limite del danno riconosciuto in perizia. In caso di varianti in diminuzione, il contributo verrà riproporzionato, sulla base delle spese effettivamente sostenute per gli interventi di cui all'art. 2, comma. 2, lett. a) in sede di liquidazione. 11. Nel caso in cui gli immobili danneggiati fossero, al momento degli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012, in disponibilità di un impresa in base ad contratto di leasing, i contributi potranno essere chiesti, salvo eventuali casi particolari che di volta in volta saranno valutati dal SII, secondo le seguenti modalità: a) i contributi relativi agli interventi di riparazione con rafforzamento locale e di miglioramento sismico potranno essere chiesti: - dal conduttore del bene, qualora nel contratto di leasing sia specificato con apposita clausola che gli oneri per la manutenzione straordinaria sono a suo carico e qualora il conduttore stesso alleghi alla domanda di contributo una dichiarazione della società di leasing di rinuncia a qualsiasi pretesa sul contributo che verrà concesso relativamente agli interventi finanziati; - dalla società di leasing proprietaria del bene, qualora nel contratto di leasing non sia specificato con apposita clausola che gli oneri per la manutenzione straordinaria sono a carico del conduttore oppure qualora, per volontà dichiarata da entrambe le parti del contratto di leasing con scrittura privata, sia quest ultima che intende presentare la domanda di contributo; 12

13 b) i contributi relativi agli interventi di demolizione e ricostruzione potranno essere chiesti, indipendentemente da chi sia il soggetto intestatario del titolo abilitativo edilizio: - dal conduttore del bene, qualora nel contratto di leasing sia specificato con apposita clausola che il rischio per la perdita del bene e i conseguenti interventi di demolizione e ricostruzione sono a suo esclusivo carico oppure qualora, anche in assenza di tale clausola, le parti del contratto manifestino con apposita scrittura privata autenticata o procura speciale redatta da un notaio la volontà di porre in carico al conduttore gli interventi di demolizione e ricostruzione. In questo caso: o il conduttore dovrà allegare alla domanda di contributo una dichiarazione della società di leasing che autorizza e approva, sollevando il Commissario da qualsiasi responsabilità in merito a potenziali controversie tra le parti, l intervento di demolizione e ricostruzione; o il conduttore dovrà allegare alla domanda di contributo una dichiarazione che attesti la propria volontà di riscattare, ora per allora, il bene in godimento e di essere consapevole della sanzione della revoca del contributo concesso in caso di mancato riscatto. Nel caso in cui gli interventi di demolizione e ricostruzione debbano essere effettuati su di un immobile totalmente distrutto a causa degli eventi sismici il conduttore potrà chiedere i relativi contributi a condizione che abbia, prima della domanda, riscattato il terreno su cui l immobile distrutto insisteva alla data del sisma. - dalla società di leasing proprietaria del bene, qualora nel contratto di leasing non sia specificato con apposita clausola che il rischio per la perdita del bene e i conseguenti interventi di demolizione e ricostruzione sono ad esclusivo carico del conduttore oppure qualora le parti del contratto non abbiamo disposto diversamente con apposita scrittura privata autenticata o procura speciale. In tutti i casi in cui la domanda è presentata dal conduttore, alla stessa il richiedente dovrà allegare una dichiarazione di impegno della società di leasing a comunicare ogni fatto o evento che determini un inadempimento contrattuale da parte del conduttore stesso che comporta la risoluzione del contratto di leasing e, nel caso di interventi di demolizione e ricostruzione, l impossibilità di riscattare il bene concesso in godimento. 13

14 11 bis. Nelle ipotesi di delocalizzazione definitiva di cui al comma 3 dell articolo 6 dell Ordinanza n. 57/2012 e ss.mm. da effettuarsi in immobili la cui disponibilità è acquisita tramite un contratto di leasing i contributi potranno essere richiesti, salvo eventuali casi particolari che di volta in volta saranno valutati dal SII, e indipendentemente da chi sia il soggetto intestatario del titolo abilitativo edilizio esclusivamente dal conduttore del bene nei seguenti casi: - Nel caso in cui l immobile sede di delocalizzazione sia già costruito. In questo caso: - il contributo è pari al 100% del minore importo tra quello corrispondente al danno subito dall immobile sede di attività del conduttore al momento degli eventi sismici, calcolato secondo i costi parametrici di cui alle Tabelle A, B, D, E, F dell Ordinanza n. 57/2012 e ss.mm, e il costo al mq netto quale risulta nell atto di compravendita tra la società di leasing acquirente e il proprietario; - il conduttore dovrà dimostrare che l immobile di nuova localizzazione è conforme alla normativa vigente in materia di costruzioni antisismiche (D.M. 14/01/2008 NTC08) oppure è stato adeguato sismicamente alla sopra citata normativa con un livello di sicurezza pari almeno al 60% di quello previsto per un immobile di nuova costruzione nonché allegare alla domanda di contributo una dichiarazione che attesti la propria volontà di riscattare, ora per allora, il bene in godimento e di essere consapevole della sanzione della revoca del contributo concesso in caso di mancato riscatto; - nel caso in cui l immobile sede di delocalizzazione sia da costruire o in costruzione (leasing in costruendo) e lo stesso conduttore sostenga le spese di costruzione e alleghi alla domanda di contributo una dichiarazione che attesti la propria volontà di riscattare, ora per allora, il bene in godimento e di essere consapevole della sanzione della revoca del contributo concesso in caso di mancato riscatto. - nel caso in cui l immobile sede di delocalizzazione necessiti di interventi di riparazione con rafforzamento locale o ripristino con miglioramento sismico, qualora nel contratto di leasing sia specificato con apposita clausola che gli oneri per la manutenzione straordinaria sono a suo carico e qualora il conduttore stesso sostenga le relative spese ; 14

15 - nel caso in cui l immobile sede di delocalizzazione necessiti di interventi di demolizione e ricostruzione, qualora nel contratto di leasing sia specificato con apposita clausola che il rischio per la perdita del bene e i conseguenti interventi di demolizione e ricostruzione sono a suo esclusivo carico oppure, anche qualora nel contratto di leasing non sia specificata tale clausola, le parti del contratto manifestino con apposita scrittura privata autenticata o procura speciale la volontà di porre in carico al conduttore gli interventi di demolizione e ricostruzione. In questo caso: o il conduttore dovrà allegare alla domanda di contributo una dichiarazione della società di leasing che autorizza e approva, sollevando il Commissario da qualsiasi responsabilità in merito a potenziali controversie tra le parti, l intervento di demolizione e ricostruzione e che dichiara la congruità dei costi del progetto rispetto al valore che l immobile aveva al momento del sisma; o il conduttore dovrà allegare alla domanda di contributo una dichiarazione che attesti la propria volontà di riscattare, ora per allora, il bene in godimento e di essere consapevole della sanzione della revoca del contributo concesso in caso di mancato riscatto. In tutti i casi il conduttore dovrà allegare alla domanda di contributo una dichiarazione di impegno della società di leasing a comunicare ogni fatto o evento che determini un inadempimento contrattuale da parte del conduttore stesso, che comporta la risoluzione del contratto di leasing e, nel caso di demolizione e ricostruzione, l impossibilità di riscattare il bene concesso in godimento. 12. Relativamente ad interventi di ricostruzione di stalle, fienili e fabbricati rurali strumentali, in genere è ammessa la ricostruzione in diminuzione con riferimento alle volumetrie esistenti al momento del sisma, come previsto al comma 6 dell art. 3 del D.L. n. 74/2012, nel caso in cui le stalle, fienili e fabbricati rurali siano gravemente danneggiati e/o distrutti dagli eventi sismici, secondo i parametri indicati all Allegato 2 Tabelle A, D, E ed F lettere a), d) ed e). 13. In pendenza dell esecuzione dei lavori di riparazione e/o ricostruzione rimangono sospesi i termini relativi ai contratti di locazione e riprendono efficacia, con le stesse pattuizioni, dopo l ultimazione dei lavori eseguiti, fatti salvi i casi di recesso da parte del conduttore (locatario). 14. Per gli interventi di ripristino di immobili ad esclusivo uso uffici, alberghi, agriturismi, commercio, artigianato, industria con tipologie costruttive riconducibili a quelle di tipo residenziale nonché per interventi di ripristino di fabbricati rurali strumentali con tipologia edilizia riconducibile 15

16 a quella ordinaria in muratura, destinati esclusivamente ad attività produttiva, la determinazione del contributo avviene con i parametri stabiliti dalle Ordinanze sugli edifici e unità immobiliari ad uso abitativo per i diversi livelli operativi. Il costo convenzionale a metro quadrato per le diverse destinazioni d uso e per gli interventi previsti è stabilito alla Tabella B allegata. 15. I livelli operativi sono determinati sulla base della combinazione degli stati di danno e dei valori di vulnerabilità stabiliti nelle tabelle allegate alle Ordinanze nn. 29/51/86 del 2012 e successive modificazioni e integrazioni. 16. Nel caso in cui il richiedente intenda sostituire l immobile danneggiato con un immobile di nuova costruzione avente le stesse finalità, fatto salvo in ogni caso il rispetto delle normative urbanistiche, edilizie ed ambientali, il contributo è commisurato alle tipologie del danno subito, di cui alle Tabelle A), B), D) E) ed F) e alla superficie preesistente o a quella effettivamente realizzata se inferiore; nel suddetto caso la domanda dovrà inoltre contenere il computo metrico estimativo della nuova costruzione. Il costo ammissibile a contributo è pari al minore importo tra il costo dell intervento della nuova costruzione ed il costo convenzionale riferito alle Tabelle di cui all Allegato 2) alla presente Ordinanza, rapportato alla superficie complessiva dell edifico oggetto di demolizione ovvero di ricostruzione se inferiore. - dopo l art. 4 viene introdotto l art. 4 bis: Art. 4 bis (Determinazione dei costi ammissibili a contributo per gli interventi relativi a reti di distribuzione) 1. I costi ammissibili a contributo per gli interventi relativi a ricostruzione di reti di distribuzione e relativi impianti, sulla base della perizia giurata di cui al successivo art. 9 e del progetto di ricostruzione vengono quantificati con le seguenti modalità: - Demolizione e ricostruzione di cabine elettriche: qualora gli impianti di distribuzione dell energia elettrica contenuti nelle cabine oggetto di demolizione non siano recuperabili ed utilizzabili, a seguito della ricostruzione della cabina stessa, i costi ammissibili a contributo sono determinati, sulla base del successivo art. 5 e accertati dal SII, secondo le modalità e le percentuali definite per i beni mobili strumentali all attività; 16

17 - Demolizione e ricostruzione di torri acquedottistiche: qualora le torri acquedottistiche, oggetto di demolizione, non vengano ricostruite ma sostituite con una rete di distribuzione alternativa, funzionalmente equivalente alle torri danneggiate, i costi ammissibili a contributo, verificata la necessità tecnica dell intervento, sono i minori tra quelli previsti per la ricostruzione degli immobili e quelli per la costruzione di una nuova rete acquedottistica, comunque determinati secondo le percentuali definitive per i beni immobili. - il comma 1 dell art. 5 viene sostituito con la seguente formulazione: 1. Nel caso di interventi volti a ristabilire la piena funzionalità dei beni mobili strumentali necessari per l attività dell impresa, compresi impianti e macchinari, di cui al precedente art. 2, comma 2 lett. b), danneggiati o distrutti dagli eventi sismici, la valutazione del danno, da effettuarsi sulla base della perizia giurata di cui al successivo art. 9 e sottoposta alla verifica del SII, deve riferirsi ai beni presenti nel libro dei beni ammortizzabili o nel libro inventario o, per le imprese in esenzione da tale obbligo, da documenti contabili ai sensi di quanto previsto dal D.P.R. n. 600/73 o in altri registri ovvero a beni strumentale in disponibilità del beneficiario, al momento del sisma, in virtù di un valido contratto, tipico o atipico, riconosciuto dall ordinamento giuridico vigente, e basarsi sul costo di sostituzione, al netto di eventuali valori di recupero sul bene dismesso, con altro bene, uguale o equivalente per rendimento economico (comprese le spese di smaltimento del bene danneggiato, trasporto, montaggio, collaudo del bene acquistato o riparato) o sulle spese di ripristino che dovranno, comunque, risultare non superiori al 70% del costo di sostituzione del bene stesso. Qualora il beneficiario sostituisca il bene mobile strumentale danneggiato per un valore inferiore al 70% del costo di sostituzione, con altro uguale o equivalente rendimento economico, il contributo è calcolato sulle spese che il beneficiario avrebbe sostenuto per la riparazione del bene, quantificate nella perizia giurata, e il documento giustificativo della spesa è rappresentato dalla fattura di acquisto del bene. Nel caso in cui i beni mobili strumentali danneggiati o distrutti fossero, al momento degli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012, in disponibilità di un impresa in base ad contratto di leasing i contributi potranno essere chiesti, salvo eventuali casi particolari che di volta in volta saranno valutati dal SII, secondo le seguenti modalità: a) i contributi relativi agli interventi di riparazione potranno essere chiesti: 17

18 - dal conduttore del bene, qualora nel contratto di leasing sia specificato con apposita clausola che gli oneri per la manutenzione straordinaria sono a suo carico e qualora il conduttore stesso alleghi alla domanda di contributo: o una dichiarazione che attesti la propria volontà di riscattare, ora per allora, il bene in godimento e di essere consapevole della sanzione della revoca del contributo concesso in caso di mancato riscatto; o una dichiarazione della società di leasing di rinuncia a qualsiasi pretesa, nei confronti del Commissario, relativamente al contributo richiesto per gli interventi di riparazione e che solleva al contempo il Commissario da qualsiasi responsabilità in merito a potenziali controversie tra le parti; - dalla società di leasing proprietaria del bene, qualora nel contratto di leasing non sia specificato con apposita clausola che gli oneri per la manutenzione straordinaria sono a carico del conduttore oppure qualora, per volontà dichiarata da entrambe le parti del contratto di leasing con scrittura privata, sia quest ultima che intende presentare la domanda di contributo; b) i contributi relativi agli interventi di acquisizione in leasing di nuovi beni di uguale o equivalente rendimento economico rispetto a quelli distrutti potranno essere chiesti: o dal conduttore del bene, il quale dovrà allegare: o all atto di presentazione della domanda di contributo: una dichiarazione della società di leasing concedente nella quale la stessa manifesti la volontà di rinunciare a qualsiasi pretesa, nei confronti del Commissario, relativamente al contributo richiesto, sollevando al contempo il Commissario da qualsiasi responsabilità in merito a potenziali controversie tra le parti; una dichiarazione che attesti la propria volontà di riscattare, ora per allora, il bene in godimento e di essere consapevole della sanzione della revoca del contributo concesso in caso di mancato riscatto; 18

19 o all atto di presentazione della documentazione di spesa, le fatture di acquisto del bene acquisito in leasing emesse a carico della società di leasing concedente e le relative quietanze per la parte del costo non coperta dal contributo. o dalla società di leasing proprietaria del bene. In tutti i casi il conduttore dovrà allegare alla domanda di contributo una dichiarazione di impegno della società di leasing a comunicare ogni fatto o evento che determini un inadempimento contrattuale da parte del conduttore stesso, che comporta la risoluzione del contratto di leasing e, conseguentemente, l impossibilità di riscattare il bene concesso in godimento. - il comma 4 dell art. 5 viene sostituito con la seguente formulazione: 4. Ai fini della ricostituzione delle scorte di cui all'art. 2, comma 2, lett. c), le spese di riacquisto dovranno essere sostenute dal soggetto beneficiario del contributo, successivamente alla data del sisma e riferirsi a beni (materie prime, semilavorati e prodotti finiti) necessari allo svolgimento delle attività dell'impresa e presentare congruità rispetto ai prezzi/costi di mercato. Sono compresi nei costi di ricostituzione delle scorte i costi di smaltimento delle scorte danneggiate ed i costi, quali a titolo esemplificativo i consumi di energia elettrica, acqua, gas, direttamente imputabili attraverso adeguata documentazione al ciclo produttivo di ricostruzione delle scorte stesse. Per le imprese agricole attive nei settori della produzione primaria, della trasformazione e della commercializzazione dei prodotti di cui all'allegato I del TFUE, ai fini della ricostituzione delle scorte di cui all'art. 2, comma 2, lett. c), le spese di riacquisto dovranno essere sostenute dal soggetto beneficiario del contributo, successivamente alla data del sisma e riferirsi esclusivamente a beni uguali o equivalenti a quelli oggetto della perizia e presentare congruità rispetto ai prezzi/costi di mercato. - il comma 3ter dell art. 6 viene sostituito con la seguente formulazione: 3.ter Nelle ipotesi di delocalizzazione definitiva di cui al comma 3 dell articolo 6 dell Ordinanza n. 57/2012 e ss.mm. da effettuarsi in un immobile già costruito la cui disponibilità è acquisita tramite un contratto di leasing il costo ammissibile a contributo è pari alla minore somma tra: il costo al mq netto quale risulta nell atto di compravendita tra la società di leasing acquirente e il proprietario del bene immobile; 19

20 e l'importo ottenuto moltiplicando il costo convenzionale, a cui va aggiunta l I.V.A. se non detraibile, di cui alle Tabella A, B, C, D, E ed F dell Allegato 2 (differenziato per livello di danno, per tipo di intervento o sua porzione e per caratteristiche dell immobile) per la superficie netta dell'immobile dove si svolgevano le attività al momento degli eventi sismici. I costi convenzionali di cui alle tabelle indicate si intendono applicati in modo progressivo per le classi di superficie previste; - per gli immobili che necessitano di interventi di riparazione con rafforzamento locale o ripristino con miglioramento sismico o di adeguamento all'attività di impresa il costo ammissibile a contributo è pari alla minore somma tra: l'importo ottenuto moltiplicando il costo al mq netto quale risulta nell atto di compravendita tra la società di leasing acquirente e il proprietario del bene immobile per la superficie netta dell'immobile dove si svolgevano le attività al momento degli eventi sismici sommato al costo degli interventi da effettuare sull'immobile acquistato, determinato al lordo delle spese tecniche e dell I.V.A. se non detraibile, così come risulta dal computo metrico-estimativo redatto sulla base del vigente Elenco regionale dei prezzi delle opere pubbliche pubblicato sul BURERT del 31 luglio 2012, integrato per le voci non contemplate nello stesso, nonché per tutte le altre specifiche voci di settore, ove del caso, dallo specifico Prezzario regionale per opere e interventi in agricoltura, approvato con deliberazione n. 1834/2007 e s.m.i.; e l'importo ottenuto moltiplicando il costo convenzionale, a cui va aggiunta l I.V.A. se non detraibile, di cui alle Tabella A, B, C, D, E ed F dell Allegato 2 (differenziato per livello di danno, per tipo di intervento o sua porzione e per caratteristiche dell immobile) per la superficie netta dell'immobile dove si svolgevano le attività al momento degli eventi sismici. I costi convenzionali di cui alle tabelle indicate si intendono applicati in modo progressivo per le classi di superficie previste; - l art. 8 viene sostituito con la seguente formulazione: Art. 8 20

Ordinanza n. 15 del 15/02/2013

Ordinanza n. 15 del 15/02/2013 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L. N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 15/02/2013 Modifiche all Ordinanza

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 10 - Martedì 05 marzo 2013

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 10 - Martedì 05 marzo 2013 Bollettino Ufficiale 25 E) PROVVEDIMENTI DELLO STATO Ordinanza del Presidente della Regione Lombardia in qualità di Commissario Delegato per l emergenza Sisma del 20 e 29 maggio 2012 (decreto legge 6 giugno

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Ordinanza n. 9 del 26 giugno 2015

Ordinanza n. 9 del 26 giugno 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 9 del 26 giugno 2015 Modifica all'ordinanza

Dettagli

Ordinanza n. 6 del 10 luglio 2014

Ordinanza n. 6 del 10 luglio 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1, COMMA 2, DEL D.L. N. 74/2012 ED AI SENSI DELL ART. 1 DEL D.L. N. 74/2014 Ordinanza n. 6 del 10 luglio 2014 Criteri e modalità per

Dettagli

Ordinanza n. 32 del 28 aprile 2014

Ordinanza n. 32 del 28 aprile 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 32 del 28 aprile 2014 Criteri e modalità

Dettagli

Ordinanza n. 39 del 6 Agosto 2015

Ordinanza n. 39 del 6 Agosto 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 39 del 6 Agosto 2015 Integrazioni e modifiche

Dettagli

Ordinanza n. 63 del 29 maggio 2013

Ordinanza n. 63 del 29 maggio 2013 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 63 del 29 maggio 2013 Assegnazione di

Dettagli

Beneficiari del finanziamento

Beneficiari del finanziamento CONTRIBUTI PER LA RICOSTRUZIONE (riparazione e ripristino di edifici dichiarati temporaneamente inagibili o parzialmente inagibili - schede aedes con esito b / c (ORDINANZA N.29 DEL 28/08/2012 e n. 32

Dettagli

Ordinanza n. 41 del 6 Agosto 2015

Ordinanza n. 41 del 6 Agosto 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 41 del 6 Agosto 2015 Ulteriore rimodulazione

Dettagli

Testo coordinato dell Ordinanza n. 29 del 28 agosto 2012

Testo coordinato dell Ordinanza n. 29 del 28 agosto 2012 ALLEGATO IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 Testo coordinato dell Ordinanza n. 29 del 28 agosto 2012 Ordinanza 29/2012 coordinata con l Ordinanza

Dettagli

Ordinanza n. 71 del 17 ottobre 2014

Ordinanza n. 71 del 17 ottobre 2014 IL COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DEL DPCM DEL 25/8/2014 Ordinanza n. 71 del 17 ottobre 2014 Modifiche alle ordinanze commissariali nn. 29, 51, 57 e 86 del 2012, n. 131 del 2013 e nn. 9 e 39 del 2014. Proroga

Dettagli

Indice Vademecum Casa

Indice Vademecum Casa Vademecum Casa 1 Indice Vademecum Casa 1. Definizioni...a pagina 3 2. Scadenze e date utili... 6 3. Contributo concedibile... 7 a) costo ammissibile a contributo. 7 b) maggiorazione del costo convenzionale.9

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DIREZIONE E REDAZIONE PRESSO LA PRESIDENZA DELLA REGIONE - VIALE ALDO MORO 52 - BOLOGNA Parte seconda - N. 98 Anno 44 2 maggio 2013 N. 118 ORDINANZA DEL PRESIDENTE

Dettagli

Ordinanza n 19 del 13 Marzo 2014

Ordinanza n 19 del 13 Marzo 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n 19 del 13 Marzo 2014 Rimodulazione dei

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE 2013/4047 Modalità di fruizione del credito d imposta, in caso di accesso al finanziamento agevolato, per gli interventi di riparazione, ripristino o ricostruzione di immobili di edilizia abitativa e ad

Dettagli

Ordinanza n 105 del 12 settembre 2013. Programma Operativo Municipi Ulteriore rimodulazione

Ordinanza n 105 del 12 settembre 2013. Programma Operativo Municipi Ulteriore rimodulazione IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n 105 del 12 settembre 2013 Programma Operativo

Dettagli

Ordinanza n. 42 del 23 maggio 2014

Ordinanza n. 42 del 23 maggio 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L. N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 42 del 23 maggio 2014 Criteri e modalità

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DIREZIONE E REDAZIONE PRESSO LA PRESIDENZA DELLA REGIONE - VIALE ALDO MORO 52 - BOLOGNA Parte seconda - N. 70 Anno 44 2 aprile 2013 N. 84 ORDINANZA DEL PRESIDENTE

Dettagli

Ordinanza n. 52.del 30 Giugno 2014

Ordinanza n. 52.del 30 Giugno 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 52.del 30 Giugno 2014 Rimodulazione del

Dettagli

Assunta il giorno TRENTA del mese di MAGGIO dell'anno DUEMILAQUATTORDICI dal Sindaco

Assunta il giorno TRENTA del mese di MAGGIO dell'anno DUEMILAQUATTORDICI dal Sindaco COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA O R I G I N A L E ORDINANZA N. 165 Data: 30/05/2014 Ufficio del Sindaco ORDINANZA DEL SINDACO Assunta il giorno TRENTA del mese di MAGGIO dell'anno DUEMILAQUATTORDICI

Dettagli

Ordinanza n. 72 del 4 novembre 2014

Ordinanza n. 72 del 4 novembre 2014 IL COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DEL DPCM DEL 25/8/2014 Ordinanza n. 72 del 4 novembre 2014 Proroga dell accordo tra la Regione Emilia-Romagna e la Regione Piemonte per la realizzazione e gestione delle

Dettagli

ORDINANZA N. 25 DEL 16 GIUGNO 2015

ORDINANZA N. 25 DEL 16 GIUGNO 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 ORDINANZA N. 25 DEL 16 GIUGNO 2015 Modifiche all Ordinanza

Dettagli

Ordinanza n. 5 del 30 Gennaio 2013

Ordinanza n. 5 del 30 Gennaio 2013 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 5 del 30 Gennaio 2013 Istituzione Nuclei

Dettagli

Regione Umbria. DECRETO DEL COMMISSARIO DELEGATO (Decreto Presidente Consiglio Ministri 23 marzo 2013) 9 agosto 2013, n. 1

Regione Umbria. DECRETO DEL COMMISSARIO DELEGATO (Decreto Presidente Consiglio Ministri 23 marzo 2013) 9 agosto 2013, n. 1 DECRETO DEL COMMISSARIO DELEGATO (Decreto Presidente Consiglio Ministri 23 marzo 2013) 9 agosto 2013, n. 1 D.P.C.M. 23 marzo 2013 Ordinanza del Commissario delegato n. 10 del 24 giugno 2013. Criteri, procedure

Dettagli

Ordinanza n. 91 del 29 luglio 2013

Ordinanza n. 91 del 29 luglio 2013 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 91 del 29 luglio 2013 Nuove modalità e

Dettagli

Decreto n.755 del 9 Maggio 2014

Decreto n.755 del 9 Maggio 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Decreto n.755 del 9 Maggio 2014 Approvazione fac-simili

Dettagli

Assunta il giorno DICIANNOVE del mese di MARZO dell'anno DUEMILAQUATTORDICI dal Sindaco

Assunta il giorno DICIANNOVE del mese di MARZO dell'anno DUEMILAQUATTORDICI dal Sindaco COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA O R I G I N A L E ORDINANZA N. 104 Data: 19/03/2014 Ufficio del Sindaco ORDINANZA DEL SINDACO Assunta il giorno DICIANVE del mese di MARZO dell'anno DUEMILAQUATTORDICI

Dettagli

Assunta il giorno UNDICI del mese di NOVEMBRE dell'anno DUEMILATREDICI dal Sindaco

Assunta il giorno UNDICI del mese di NOVEMBRE dell'anno DUEMILATREDICI dal Sindaco COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA O R I G I N A L E ORDINANZA N. 391 Data: 11/11/2013 Ufficio del Sindaco ORDINANZA DEL SINDACO Assunta il giorno UNDICI del mese di NOVEMBRE dell'anno DUEMILATREDICI

Dettagli

Assunta il giorno VENTI del mese di MARZO dell'anno DUEMILAQUATTORDICI dal Sindaco

Assunta il giorno VENTI del mese di MARZO dell'anno DUEMILAQUATTORDICI dal Sindaco COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA O R I G I N A L E ORDINANZA N. 108 Data: 20/03/2014 Ufficio del Sindaco ORDINANZA DEL SINDACO Assunta il giorno VENTI del mese di MARZO dell'anno DUEMILAQUATTORDICI

Dettagli

Ordinanza n. 75 del 24 novembre 2014

Ordinanza n. 75 del 24 novembre 2014 IL COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DEL DPCM DEL 25 AGOSTO 2014 Ordinanza n. 75 del 24 novembre 2014 Proroga dei termini e parziale modifica dell Ordinanza n. 158 del 23 dicembre 2013 Proroga dei termini

Dettagli

Ordinanza n. 93 del 01 agosto 2013

Ordinanza n. 93 del 01 agosto 2013 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 93 del 01 agosto 2013 Riparto per l assegnazione

Dettagli

ORDINANZA N. 63 DEL 12 AGOSTO 2014

ORDINANZA N. 63 DEL 12 AGOSTO 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 ORDINANZA N. 63 DEL 12 AGOSTO 2014 AFFIDAMENTO DEL

Dettagli

Ordinanza n. 20 del 19 febbraio 2013

Ordinanza n. 20 del 19 febbraio 2013 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 20 del 19 febbraio 2013 Programmazione

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA ORDINANZA DEL SINDACO PROVINCIA DI MODENA ORDINANZA N. 100 18/03/2014. Data:

COMUNE DI FINALE EMILIA ORDINANZA DEL SINDACO PROVINCIA DI MODENA ORDINANZA N. 100 18/03/2014. Data: COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA O R I G I N A L E ORDINANZA N. 100 Data: 18/03/2014 Ufficio del Sindaco ORDINANZA DEL SINDACO Assunta il giorno DICIOTTO del mese di MARZO dell'anno DUEMILAQUATTORDICI

Dettagli

Ordinanza n. 28 del 13 marzo 2013

Ordinanza n. 28 del 13 marzo 2013 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 28 del 13 marzo 2013 Attuazione del decreto-legge

Dettagli

ORDINANZA N. 45 DEL 3 GIUGNO 2014

ORDINANZA N. 45 DEL 3 GIUGNO 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 ORDINANZA N. 45 DEL 3 GIUGNO 2014 ASSEGNAZIONE AL COMUNE

Dettagli

Ordinanza n. 44 del 29 marzo 2013

Ordinanza n. 44 del 29 marzo 2013 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 44 del 29 marzo 2013 Rettifiche ed integrazioni

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 10 agosto 2012 MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE Criteri generali, anche per la ripartizione, e modalita' per la concessione delle agevolazioni di cui all'art. 11 del decreto-legge 6 giugno

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze Visto l articolo 252-bis del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, come sostituito dall articolo 4, comma

Dettagli

DOMANDA DI CONTRIBUTO

DOMANDA DI CONTRIBUTO Eventi Sismici di maggio 2012 EDILIZIA ABITATIVA DOMANDA DI CONTRIBUTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI RIPARAZIONE, RIPRISTINO CON MIGLIORAMENTO SISMICO E RICOSTRUZIONE DI IMMOBILI DI EDILIZIA ABITATIVA

Dettagli

Assunta il giorno OTTO del mese di MAGGIO dell'anno DUEMILAQUATTORDICI dal Sindaco

Assunta il giorno OTTO del mese di MAGGIO dell'anno DUEMILAQUATTORDICI dal Sindaco COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA O R I G I N A L E ORDINANZA N. 153 Data: 08/05/2014 SINDACO ORDINANZA DEL SINDACO Assunta il giorno OTTO del mese di MAGGIO dell'anno DUEMILAQUATTORDICI dal

Dettagli

Ordinanza n. 41 del 14/09/2012

Ordinanza n. 41 del 14/09/2012 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 41 del 14/09/2012 Realizzazione soluzioni

Dettagli

ORDINANZA 139 DEL15 NOVEMBRE 2013

ORDINANZA 139 DEL15 NOVEMBRE 2013 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 ORDINANZA 139 DEL15 NOVEMBRE 2013 RIMOZIONE MACERIE

Dettagli

Mantova e Rovigo lo stato di emergenza, poi prorogato fino al 31 maggio 2013 dall articolo 1, comma 3, del D.L. n. 74/2012;

Mantova e Rovigo lo stato di emergenza, poi prorogato fino al 31 maggio 2013 dall articolo 1, comma 3, del D.L. n. 74/2012; IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 86 del 6 dicembre 2012 Criteri e modalità

Dettagli

ALLEGATO A FONDO DI ROTAZIONE

ALLEGATO A FONDO DI ROTAZIONE ALLEGATO A FONDO DI ROTAZIONE Criteri di Assegnazione dei Finanziamenti (Ai sensi della LEGGE REGIONALE N. 33 del 04.11.2002 artt. 101 e 103 e ai sensi del Regolamento (CE) N. 70/2001 della Comunità del

Dettagli

Ordinanza n. 23 del 26 marzo 2014

Ordinanza n. 23 del 26 marzo 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 23 del 26 marzo 2014 Smontaggio e deposito

Dettagli

ORDINANZA n. 33 del 31 agosto 2012

ORDINANZA n. 33 del 31 agosto 2012 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 ORDINANZA n. 33 del 31 agosto 2012 Riparto per l assegnazione alle Unioni di comuni delle risorse previste

Dettagli

Ordinanza n. 34 del 30 aprile 2014

Ordinanza n. 34 del 30 aprile 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 34 del 30 aprile 2014 Acquisizione di

Dettagli

Ordinanza n. 35 del 30 aprile 2014

Ordinanza n. 35 del 30 aprile 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 35 del 30 aprile 2014 Acquisizione di

Dettagli

SISMA DEL 20 E 29 MAGGIO 2012: Incentivi fiscali e regimi agevolati

SISMA DEL 20 E 29 MAGGIO 2012: Incentivi fiscali e regimi agevolati Studio Commercialisti Modena Rossini Orienti Baraldi & Partners Consulenza Aziendale Finanziaria Fiscale Societaria SISMA DEL 20 E 29 MAGGIO 2012: Incentivi fiscali e regimi agevolati 1 1. CONTRIBUTI REGIONALI

Dettagli

Ordinanza n 83 del 5 Dicembre 2012

Ordinanza n 83 del 5 Dicembre 2012 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n 83 del 5 Dicembre 2012 Riparazione con

Dettagli

Modalità attuative per la concessione delle agevolazioni

Modalità attuative per la concessione delle agevolazioni DOCUMENTO A) Modalità attuative per la concessione delle agevolazioni Il presente documento disciplina le modalità e le condizioni di accesso ai contributi previsti ai sensi della l.r. n. 1/2010 e s.m.i.

Dettagli

Decreto n. 259 del 16 Aprile 2013

Decreto n. 259 del 16 Aprile 2013 IL PRESIDENTE INQUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Decreto n. 259 del 16 Aprile 2013 Disposizioni relative

Dettagli

TESTO COORDINATO 1. Ordinanza n. 29 del 28 agosto 2012

TESTO COORDINATO 1. Ordinanza n. 29 del 28 agosto 2012 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 TESTO COORDINATO 1 Ordinanza n. 29 del 28 agosto 2012

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA ORDINANZA DEL SINDACO PROVINCIA DI MODENA ORDINANZA N. 236 21/07/2014. Data:

COMUNE DI FINALE EMILIA ORDINANZA DEL SINDACO PROVINCIA DI MODENA ORDINANZA N. 236 21/07/2014. Data: COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA O R I G I N A L E ORDINANZA N. 236 Data: 21/07/2014 Ufficio del Sindaco ORDINANZA DEL NDACO Assunta il giorno VENTU del mese di LUGLIO dell'anno DUEMILAQUATTORDICI

Dettagli

Ordinanza n.12 del 20 Febbraio 2014

Ordinanza n.12 del 20 Febbraio 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n.12 del 20 Febbraio 2014 Realizzazione Palestre

Dettagli

IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DL. 74/2012

IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DL. 74/2012 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DL. 74/2012 Ordinanza n 25 del 14 agosto 2012 Criteri e modalità di assegnazione di alloggi in locazione a favore dei nuclei

Dettagli

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE SCHEMA DI CONTRATTO PER L ACQUISIZIONE SERVIZI COMPLEMENTARI FINALIZZATI ALLA MANUTENZIONE E ALL INTEGRAZIONE DELLE PROCEDURE INFORMATICHE SULL APPLICATIVO SFINGE E RELATIVE ALLA GESTIONE DEI CONTRIBUTI

Dettagli

Ordinanza n.20 dell 8 Maggio 2015

Ordinanza n.20 dell 8 Maggio 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n.20 dell 8 Maggio 2015 Approvazione delle

Dettagli

Ordinanza n. 17 del 7 marzo 2014

Ordinanza n. 17 del 7 marzo 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 17 del 7 marzo 2014 Concessione a titolo

Dettagli

ALLEGATO A) Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione

ALLEGATO A) Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione ALLEGATO A) DIRETTIVA DISCIPLINANTE I CRITERI, LE MODALITA E I TERMINI PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE PER I DANNI CONSEGUENTI ALLE ECCEZIONALI PRECIPITAZIONI NEVOSE VERIFICATESI

Dettagli

TESTO COORDINATO DELLE ORDINANZE NN. 23/2013, 26/2013 e 52/2013

TESTO COORDINATO DELLE ORDINANZE NN. 23/2013, 26/2013 e 52/2013 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 TESTO COORDINATO DELLE ORDINANZE NN. 23/2013, 26/2013

Dettagli

Ordinanza n. 12 del 14 febbraio 2013

Ordinanza n. 12 del 14 febbraio 2013 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 12 del 14 febbraio 2013 Rettifiche ed

Dettagli

Agevolazioni per le aziende colpite dal sisma Pieve di Coriano, 2 ottobre 2013

Agevolazioni per le aziende colpite dal sisma Pieve di Coriano, 2 ottobre 2013 Agevolazioni per le aziende colpite dal sisma Pieve di Coriano, 2 ottobre 2013 1 Agevolazioni per le aziende colpite dal sisma Regione Lombardia Bando per la ricostruzione delle imprese lombarde colpite

Dettagli

QUESITI SUGLI EDIFICI Siamo proprietari di un edificio classificato E. Il computo redatto per la riparazione e il miglioramento sismico dell edificio

QUESITI SUGLI EDIFICI Siamo proprietari di un edificio classificato E. Il computo redatto per la riparazione e il miglioramento sismico dell edificio QUESITI SUGLI EDIFICI Siamo proprietari di un edificio classificato E. Il computo redatto per la riparazione e il miglioramento sismico dell edificio supera il limite di convenienza economica di cui al

Dettagli

Ordinanza n. 37 del 21 marzo 2013

Ordinanza n. 37 del 21 marzo 2013 IL PRESIDENTE INQUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1, COMMA 2, DEL D.L. N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONIDALLA LEGGE 122/2012 Ordinanza n. 37 del 21 marzo 2013 Assegnazione delle

Dettagli

FAC-SIMILE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA + PROCURA SPECIALE

FAC-SIMILE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA + PROCURA SPECIALE FAC-SIMILE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA + PROCURA SPECIALE Il sottoscritto, CF, nato a il residente in, documento d identità n., rilasciato da, il scadenza, in qualità di proprietario usufruttuario titolare

Dettagli

Ordinanza n. 27 del 12 marzo 2013

Ordinanza n. 27 del 12 marzo 2013 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 27 del 12 marzo 2013 Controllo dei progetti

Dettagli

INTERVENTI DI RIMOZIONE E SMALTIMENTO DELL AMIANTO

INTERVENTI DI RIMOZIONE E SMALTIMENTO DELL AMIANTO MODALITA E CRITERI PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE LA RIMOZIONE DELL AMIANTO DAGLI EDIFICI, LA COIBENTAZIONE DEGLI EDIFICI E L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI DOMANDE

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI PREVISTI NELL ORDINANZA N. 6 DEL 9 MAGGIO 2013 DEL COMMISSARIO DELEGATO

LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI PREVISTI NELL ORDINANZA N. 6 DEL 9 MAGGIO 2013 DEL COMMISSARIO DELEGATO LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI PREVISTI NELL ORDINANZA N. 6 DEL 9 MAGGIO 2013 DEL COMMISSARIO DELEGATO (ai sensi dell art. 3-bis del D.L. 6 luglio 2012, n.

Dettagli

Articolo 1. Articolo 2. La cui l attività non risulti cessata al momento della presentazione della domanda.

Articolo 1. Articolo 2. La cui l attività non risulti cessata al momento della presentazione della domanda. Allegato A Disposizioni per la concessione di agevolazioni alle imprese danneggiate dagli eventi alluvionali di cui all Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 4002/2012 Articolo 1 Finalità

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 2 Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 37 del 14 agosto 2013 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione II DECRETI DEL PRESIDENTE DELLA

Dettagli

Ordinanza n. 114 del 3 Ottobre 2013

Ordinanza n. 114 del 3 Ottobre 2013 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1, COMMA 2, DEL D.L. N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE 122/2012 Ordinanza n. 114 del 3 Ottobre 2013 Approvazione disposizioni

Dettagli

COMUNE DI COLLI DEL TRONTO Provincia di Ascoli Piceno

COMUNE DI COLLI DEL TRONTO Provincia di Ascoli Piceno COMUNE DI COLLI DEL TRONTO Provincia di Ascoli Piceno P.zza Garibaldi, 1-63030 Colli del Tronto - Tel. n. 0736/890626-55 - Fax. 0736/890831 - C.F. 00355250440 Ufficio Tecnico Comunale DISCIPLINARE PER

Dettagli

Ordinanza n.38 del 13 Maggio 2014

Ordinanza n.38 del 13 Maggio 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n.38 del 13 Maggio 2014 Espletamento di due

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE E LE RICHIESTE DI EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI PREVISTI NELL ORDINANZA N. 57 E s.m.i. DEL 12 OTTOBRE 2012

LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE E LE RICHIESTE DI EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI PREVISTI NELL ORDINANZA N. 57 E s.m.i. DEL 12 OTTOBRE 2012 LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE E LE RICHIESTE DI EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI PREVISTI NELL ORDINANZA N. 57 E s.m.i. DEL 12 OTTOBRE 2012 DEL PRESIDENTE, IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO

Dettagli

Ordinanza n. 17 dell 8 Maggio 2015

Ordinanza n. 17 dell 8 Maggio 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITÀ DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL DL N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 17 dell 8 Maggio 2015 Convenzione con ANCI

Dettagli

ATTI DI GESTIONE DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DELL AREA 2 TECNICA N. 296 DEL 22/06/2013

ATTI DI GESTIONE DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DELL AREA 2 TECNICA N. 296 DEL 22/06/2013 COMUNE DI CREVALCORE Provincia di Bologna ORIGINALE ATTI DI GESTIONE DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DELL AREA 2 TECNICA N. 296 DEL 22/06/2013 Oggetto : AFFIDAMENTO A ING. BERGONZINI ANDREA DELL INCARICO

Dettagli

SESSIONE 2 Analisi dei progetti: punti di forza e criticità. Ing. Vania Passarella

SESSIONE 2 Analisi dei progetti: punti di forza e criticità. Ing. Vania Passarella SESSIONE 2 Analisi dei progetti: punti di forza e criticità Ing. Vania Passarella RICOSTRUZIONE POST SISMA: Regolata dalle Ordinanze del Commissario Delegato per la Ricostruzione collegate all esito di

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Sisma Emilia: i chiarimenti delle Entrate

Sisma Emilia: i chiarimenti delle Entrate CIRCOLARE A.F. N. 173 del 7 Dicembre 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Sisma Emilia: i chiarimenti delle Entrate Premessa L Agenzia delle Entrate in data 22.10.2012 ha emanato il provvedimento prot. n.

Dettagli

Aldrovandi. Oggetto: I recenti provvedimenti che interessano i soggetti colpiti dal

Aldrovandi. Oggetto: I recenti provvedimenti che interessano i soggetti colpiti dal Circolare n. 24 Marzo 2013 Oggetto: I recenti provvedimenti che interessano i soggetti colpiti dal sisma del maggio 2012 Con precedenti informative, alle quali si rinvia, avevamo dato conto della possibilità,

Dettagli

a) opere edili ed impiantistiche per l'esecuzione di interventi volti all ampliamento e/o alla ristrutturazione e/o al restauro delle unità locali,

a) opere edili ed impiantistiche per l'esecuzione di interventi volti all ampliamento e/o alla ristrutturazione e/o al restauro delle unità locali, ALLEGATO A L.R. 26/09 - Bando regionale per la concessione dei contributi di cui all art. 5, comma 1, lett. f) ai soggetti del commercio equo e solidale individuati dalla Regione Emilia Romagna - Anno

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 19.12.2012 C(2012) 9853 final

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 19.12.2012 C(2012) 9853 final COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 19.12.2012 C(2012) 9853 final Oggetto: Aiuto di Stato n. SA.35413 (2012/NN) - Italia Aiuti destinati a compensare i danni arrecati dagli eventi sismici verificatisi nel maggio

Dettagli

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO dopo il TERREMOTO IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO Assicurare la ricostruzione di case e imprese secondo tempi certi e procedure snelle, garantendo

Dettagli

1.3 D: Per presentare domanda è necessario aver presentato Scheda Segnalazione Danni a seguito dell'alluvione? R. Sì

1.3 D: Per presentare domanda è necessario aver presentato Scheda Segnalazione Danni a seguito dell'alluvione? R. Sì 1. SOGGETTI BENEFICIARI AMMESSI A PRESENTARE DOMANDA 1.1 D. Quali sono i soggetti ammissibili a presentare domanda? R. imprese con sede legale e/o operativa nei comuni di Campo nell'elba e Marciana, o

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 14 aprile 2011

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 14 aprile 2011 CIRCOLARE N. 15/E Roma, 14 aprile 2011 Direzione Centrale Normativa Oggetto: Articolo 42, decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito con modificazioni dalla legge 30 luglio 2010, n. 122 Reti di imprese

Dettagli

ALLEGATO A - DGR 944/2015 L.R.

ALLEGATO A - DGR 944/2015 L.R. ALLEGATO A - DGR 944/2015 L.R. 26/09 - Bando per la concessione dei contributi di cui all art. 5, comma 1, lett. f) ai soggetti del commercio equo e solidale individuati dalla Regione Emilia Romagna. Anno

Dettagli

Guida per la richiesta di contributo per la riparazione dei danni dovuti al sisma del 6 aprile 2009

Guida per la richiesta di contributo per la riparazione dei danni dovuti al sisma del 6 aprile 2009 Guida per la richiesta di contributo per la riparazione dei danni dovuti al sisma del 6 aprile 2009 Ufficio Tecnico Comunità Montana Campo Imperatore Piana di Navelli In collaborazione con Comune di Prato

Dettagli

4, 1 13 2015, 272 RETI D IMPRESA

4, 1 13 2015, 272 RETI D IMPRESA Circolare recante le modalità di presentazione delle domande per l attribuzione del credito d imposta per incentivare la creazione di nuove reti di imprese ovvero lo svolgimento di nuove attività da parte

Dettagli

dal 1 gennaio 2014, la detrazione tornerà alla misura ordinaria del 36% e con il limite di 48.000 euro per unità immobiliare.

dal 1 gennaio 2014, la detrazione tornerà alla misura ordinaria del 36% e con il limite di 48.000 euro per unità immobiliare. Dal 1 gennaio 2012, la detrazione fiscale sulle ristrutturazioni edilizie non ha più scadenza. L agevolazione, introdotta fin dal 1998 e prorogata più volte, è stata resa permanente dal decreto legge n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI RELATIVI ALLA RIMOZIONE DI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI RELATIVI ALLA RIMOZIONE DI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI RELATIVI ALLA RIMOZIONE DI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 21del 19.04.2002 Modificato con deliberazione

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone Protocollo n. 2012/156146 Modifiche al provvedimento del Direttore dell Agenzia delle entrate del 22 ottobre 2012 di approvazione del modello di comunicazione dei dati per l accesso al finanziamento dei

Dettagli

PROGETTO DI LEGGE N. 0392. di iniziativa del Presidente della Giunta regionale

PROGETTO DI LEGGE N. 0392. di iniziativa del Presidente della Giunta regionale REGIONE LOMBARDIA VIII LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 15996 PROGETTO DI LEGGE N. 0392 di iniziativa del Presidente della Giunta regionale Azioni straordinarie per lo sviluppo e la qualificazione

Dettagli

Rettifiche ed integrazioni alle Ordinanze nn. 37/2013, 1/2014, 30/2014, e 60/14.

Rettifiche ed integrazioni alle Ordinanze nn. 37/2013, 1/2014, 30/2014, e 60/14. IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2, DEL D.L. N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE 122/2012 ORDINANZA N. 27 DEL 23 GIUGNO 2015 Rettifiche ed integrazioni

Dettagli

Campo nell' Elba, 8 gennaio 2013

Campo nell' Elba, 8 gennaio 2013 Domanda di ammissione all' agevolazione per le imprese danneggiate dagli eventi alluvionali di cui all' ordinanza del Presidente della Giunta Regionale n. 135 del 12 dicembre 2012 Campo nell' Elba, 8 gennaio

Dettagli

Newsletter 28/03/2013

Newsletter 28/03/2013 Newsletter 28/03/2013 Finanza Agevolata Bandi Nazionali CONTRIBUTO DEL 50% A FONDO PERDUTO PER L'AVVIO DI DITTE INDIVIDUALI FINO AD UN MASSIMALE DI 25.000 EURO + IVA Fondo per l'auto impiego costituito

Dettagli

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA DELIBERA 6 febbraio 2014. Sisma regione Abruzzo - Ricostruzione degli immobili privati - Assegnazione delle somme stanziate dal decretolegge n.

Dettagli

Ordinanza n. 151 del 17 Dicembre 2013

Ordinanza n. 151 del 17 Dicembre 2013 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 151 del 17 Dicembre 2013 Localizzazione

Dettagli