INDIVIDU E MISURE ADOTTATE PER ARE LE INTERFERENZE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDIVIDU E MISURE ADOTTATE PER ARE LE INTERFERENZE"

Transcript

1 Docrmento Unico Voluto zione Rischi Interferenzioti ort.26 commo 3, 5 D,Lgs 9 oprile 2008 n. 8l e s.m.i INDIVIDU E MISURE ADOTTATE PER (Art, 2ó commo 3, 5 D, 2008, n. 8l e s.m.i,) ARE LE INTERFERENZE AAAFff ' NEGLI ALLOGGI DI PROPRIETA' O IN pn n SrCunezn ruoru soèèenr n.w Servizio Prevenzione Protezione

2 Documento Unico Volutozione Rischi Interferenzioli ort.26 commo 3, 5 D.Lgs 9 oprile 2008 n. Bl e s.m.i lndice PREMESSE NORMATIVA DI RIFERIMENTO contenutl...,.,... RISCHI SPECIFICI DELL'AMBIENTE DI LAVORO RISCHI SPECIFICI INTRODOTTI DALL'IMPRESA coordtnamento E sospensrone DELTE rns rnvffiffi costr DELLASIcUREzA,.;;.,#ro..,.. :; #ry- % - L!4_ r I L_t r--i

3 PREMESSE Documento Unico Volutqzione Rischi tnterferenziati ort.26 commo 3, 5 D,Lgs 9 oprile 2008 n. 8l e s.m,l ll presente documento di volutozione contiene le principoli d'oppolto in moîeriq di sicurezo do fornire oll'impreso oppoltotrice derivonli do possibili interferenze esistenti nell'ombiente In cui è destinolo od dell'oppolto in oggetto e sulle misure di prevenzione dl emergenzo qdo ottivitò In ottemperqnzo oll'ort. 2ó commo I lettero b, D. Lgs 9 oprile Agosto 2009 n" 10ó, ed ollo Deferminozione dell'autoritò di Vigilonzo sui relofivo o: fose di go specif 'espletomen ollo propr D. Lgs 5 mozo 20( dei costl della sicurezo, (Determinozlone n ). Secondo il suddetfo ort,26, ol commo 3: "tldotore dllovoro ed il coordinomento dl cui ol comma 2, elaborando un lndichile misure odottote per eliminore o, ove ciò non è Tole documento è allegoto olcontrolto dloppolto o dl del lavorl, serulzl e fornifure", promuove la cooperoziot cl ol minimo I rischl do interferenz ln fundone dell'evoluzíor A mero titolo esemplificotivo si possono > derivonti do sovropposizionidi più< > immessinelluogo dilovoro delcon > eslstenti nel luogo di lovoro d& I'oppoltotore, ulteriori rispetfo o > derivonti do modolitò dl (che comporiino pericoll ntl iseguentirischi: operotori di oppoltotori diversi; lqvorozionl dell'oppoltotore;,, ove e' previsto che debbq operol dell'ottivitò proprio dell'oppoltotore; richieste esplicitomente dol committenl o quelli specifici dell'ottivitò oppoltoto), tt presente documento unlco o, fuffi dei rischi (DUVRI), ollegoto ol controtto, dovt essere integroto con gli elemenli-_efuinfo?mozioni contenute nel plono sosttmlvo dlslcurezo plono opsrotlvo sui rischi connd$f8ffi&ttiviiò specifiche, che l'impreso dovrò produne.,'ulwr_.l Servizio Prevenzione Protezione *!:-=_T-_.-- imol-pcss1 1l Rev.oî i 01/09/09 Lras. 3/18

4 Documento Unico Vqlutozione Rischi Interferenziqli ort.26 commo 3, 5 D.Lgs 9 oprile 2008 n. 8l e s.m.i a: inforluni Atluozione delle direftive 89/391 lcee' BS 654/CEE' Bq 655/CEE' 89/656/CEE' 9O1269/CEE, 9O/27O/CEE, 9ols94lc I#77/CEE, 9\/88/CEE, 95/63/CE, / CE, 9 B / 24 / CE' 99 / 38 I CE' 99 / 92 m20w / 45 / CE e 2003 I 10/C E rig uo rdo nti il miglioromento dello sicurezzo effil,gfrfufdé dei lovorotori sul luogo di lovoro lisffisitlvi di protezióne-indiviouoti (opt) relotivo ollo protezione dei lovorqtori ll'omionto duronte il lovoro dol D, Lgs, 113/2007, per quonto riguordo Legge Legge delego per I' temo ditutelo i D, Lgs.8l/08.ffi in moteriq ditutelo del Testo Unico sullq sicurezzo - Misure in llq sicurezzo sul lovoro legge 3 ogosto 2007, n. 123, in moterio di tutelo nq r_l_qog hj d t Jqy_o_f p e corretiive del Decreto Legislotivo 9 oprile 2008 n. 8l solute e dello sicurezzo nei luoghidi lovoro" i'' fi=;fs"rvl.b P-venzione Protezione lrraor-pcssr r I n"".or ljl.tq1ll^p-. 4!:l

5 Documento Unico Volutozione Rischi Interferenziqli art.26 commo 3, 5 D,Lgs 9 oprile 2008 n. 8ì e s.m.i CONTENUTI ll presente documenio di volutqzione del rlschlo comprende: l) Doti identificotivi e orgonigrommo oziendore deilo sicurezzo Popoforl dello provinclo dl Sirocuso, nel cui sito, (olloggi e esecuzione ol presente oppolto gestito doll'areo Tecnico; 2) Descrizione sintetico delle qtflvitò dell'ente oppoltonte/com personole dell'oggiudlcotorio; 3) Descrizione sintetico delle otfivitò deil'oggíudicqtorio e dell'oppoltonte/committente o su tezi; 4) 5) ó) Misure di coordinomento e di sicure zo do odottore nell'esefuzione oeffisente oppolto; Quontificozione degll oneri per lo slcurezzo; g$kmru,, Verbole disoprolluogo. R B dei Cor do' ichi indoffí s sul persono 01/09/09 I Pag. 5/18

6 Documento Unico Volutozione Rischi Interferenzioli ort.26 commo 3, 5 D,Lgs 9 oprile 2008 n. 8ì e s.m.i DATIDENTIFICATIVI ENTE APPALTANTE Denominozione lgp_prege1lslte e_g qle- 1 Com m isso 1i9 S[g 9 rq rqo ri o - Ltr g.antq_nj I q Setforeproduttivo r PubblicoArylinjqt1o_ZLqne-(MqqfqlgllqreAleg lnoiiz-o_ I Cittò I Sirocuso 9ó100 v Organlglgmma -,v--':-,,-ffib, azlendale_dello slcurezo, Dotore di Lovoro Ì Direttore Generole - ' Dott, VffbéKsnnorellq ":{t ^?Ìr'w ì Dirigenti j Coincidono con gli incoriffi-diffposizione dirigenziole delle tre w***l*, j rnnr-rn Araa ***' *ffift, Preposti I Coincidono con gli ingffrico*toi inffiicofltdi posizioneorgonizzotivo delle vorie w?,b : "-'--ì i U,O.C,,R.PI G_eom, Letferio ffi"%nt" s-ffi nsulenteesterno ìl- i^ tl4e3ló_o*-c*o-mp-efé-nié-ióòtt,eoetongmitlffi,nls _ *{h#a;tr Li-r-. iantoniotripi,% lndlcozlone lndlcoztone slntetlca dello strufturq nelffi gffffih ffislr si svolgeronno le ottlvltò oppaltote ll contesto nel quole si qrticolerffhgoqrì8*ffiita lovorotive è roppresentoto doi fqbbricoti e relotive oree esterne di pertinenzg"tíb4;e'$éno distribuiti gli olloggi di proprietò o in gestione dell' lstituto Autonomo Cose PopolciFffi i SÍróc uso. Gtinsediomenti.Éiiàt'i'ìf"...ff eifi"%r;i';;to deicomuni dello provincio disirocuso. Servizio Prevenzione Protezione MO1.PGSS11

7 Documento Unico Votutozione Rischi lnterferenzioli DATIMPRESAPPALTATRICE Datl ldentlflcatm aft.26 commo 3,5 9oprile 2008 n, 8l e s.m.l i,c9-d99 INAIL,Flg.Alqe respg41gptt!,pgt-o-le_lgv_q_ro_.-.. l,9988, Medico competente IRLS.,---_-.-''.-,{, ;. AdQettlgllg emergen-ze i "# ro

8 Documento Unico Volutozione Rischi Interferenzioli ort.26 commo 3, 5 D.Lgs 9 oprile 2008 n. 8l e s.m.i DESCRIZION E DELL'ATTMITA OGGETTO DELL'APPALTO Le opere oppoltote riguordono interventi di monutenzione stroordinorio, che sono relotivi o segnolozioni e ricognizioni effettuote, e per i quoli opere necessorie, o volte in vio di urgenzo. Toli opere riguordono principolmente lo rimozione dplle fonti di pe distocchi di colcestruzzo degrodoto do cornicioni e/o bolconi, o l'i coperture fonte di infiltrqzioni nei pioni sotlostonti, ripristini di ricostruzione dello sezione coprifeno di pilosfri, trovi, pensiline, economio per piccoli interventi non quontificobili, a b# ffi -%** s*"w í;s *r**t-+*,t't ',,.j'' % ''"i.u**r.$?,., "% " *ffiem*f -6s;' '%k È, ffi' " %1.* " ew# S.a *1%* ',-s 5t weee-.&b À E4 1% '% rgrywfrrlff '% 1 F%** Mft eseguire le do possibili iuozione delle interno o esterni. uro, lqvori in 1Ì1i44 'q ;À;^ r;;t;ì

9 Documento Unico Volutozione Rischi Interferenzioli ort.26 commo 3, 5 D.Lgs 9 oprile 2008 n. Bl e s.m.i RISCHI SPECIFICI DELL'AMBIENTE DI LAVORO Diseguifo sono riportoti relotivi rischi presenti nell'ombiente di lovoro (ol proprietò dell'lacp, che possono coinvolgere gli operotori opportenenti o EIENQg RrscHl MISURE DIPREVENZIONE Elethlco è legoîo ollo possibilitò di L'impionto elettrico di singoll ollogg eleflrocuzlone, duronte l'utillzzo di porticolorii e porti stoto reolizzatc, ottrezzofure elettriche per contotto con covl conformemente ollo mo In ognt cosc, elethicicon rivesflmento isolonte non integro. F" di generozione Incendlo e gesflone delle emergenze: il livello di rischio è essenziolmente legoto ollo monconzo di Informozione degli ossegnotori occuponti gli olloggi, che non sono prowisti, solvo olcuni cosi lp_o_rqqjgi, Qi mezzi estin g q gnti, lllumlnozlone: negli olloggi sono gorontiti idonei livelli dl illuminozione noturole ed ortificiole nùmòió: iiriscnio è legoto sto olcóntesto in cui l'insediomentobitotivo è inserito condizioni in cul si svolge l'ottivitò, CÉimÉó ó sostonze perlcolose: essere legoto oll'ufilizzo do occuponti gli olloggi di i (ogenti chimicl) che oll'interno degli olloggi, Aggreslone: occupontl per %iffio puo porte" degli oericolose condizionore derivonti dol igienico-sonitori contotto con ótí per senso dl fostidio o di roncore verso l'ottivitò dl monutenzione ogli elementi soffitti) elo incurio degli tqri, si possono determinore rischi di o incíompore, sclvolore o re contro elementl sporgenti o toglienîi Infissi). :q :Fer codute dl colcinocci do poropetti, soffiffi, bolconl, pensiline, voni scolo, si possono yerifggle_ infortuni Qi vorio noturo l'omministrozione o, sollevondc ogni responsobilitò pe ti oll'uîilizzo degli impionf elethici. Lo difto dovrò dotoki di idonei mezzi estinguenti dc di incendío non dipendente dolle o't:wvorotive' ditto* ovrò dotorsl. nell'eventuolitò le fonti fossero corenti, di meui dl illumlnomento (lompode, torcg ecq,) di esposizione stondord non sono toli dc sifuozioni di discomfort. Non iniziore o sospendere l'ottivitò lovorotivo in di emissloni sonore (opporecchi rodio-fu od olto volume, utensili, ecc) do porte degli occuponti gli olloggi toli do pregiudicore il regolore svolgimento delle ottivítò lovorotive e qg!llqdqo1e ['ocggquto ol Diretfore dei lovori Non iniziore o sospendere l'ottivitò lovorotivo in coso di utilizzo di ogenti nocivi do porte degti occuponti gli olloggi e comunicore l'occoduto ol Direttore deilovorl Non Inlzlore o sospendere l'ottlvitò lovorotivo in coso di monconzo requisiti igienico-sonitori e comunicore ol Responsobile del procedimento Non utilizzore l'ocquo e dotorsi di outonomo listen o d i op. p Jowrgigryqp*e1to, Agire con dlscrezione evitondo inutili discussioni, in coso gll occuponîi gli olloggi dovessero vietore l'ingreso nell'olloggio per quolslvoglio mofivo, In questi cosi non insisîere e informore il direttore dei llgry_orjl1e._spon.sobil-e_ce pr9qe_0.tnef 'lq_ ; Segnolore o/ Dketfore del lovorl, prlma dl lnlzlare ', oltlvltd: ; - evenfuoli presenze di ingombri (orredi, otlr ezzofu re, mocchlnori). - evenfuoli dissesti o owollomenti oi povimenti, : rfìuri, porte e i portoni, porfl sconnesse, crepe e i lesioniinelementistrutturoli,sofoiescole - eventuoll porti pericolonti - dotorsidiidonel DPI

10 Documento Unico Volutozione Rischi lnterferenzioli Altre ottivitò lovorofive: Non sono in otto presenti ort.26 commo 3, 5 D.Lgs 9 oprile 2008 n. 8l e s.m.i

11 Docrmento Unico Volutozione Rischi Interferenzioli ort.26 commo 3, S D.Lgs.9 oprite 200g n. gl e s,m,l RISCHI SPECIFICI INTRODOTTI DALL' IMPRESA ESECUTRICE DEI LAVORI Qui diseguito sono rlporloti i ríschido lnterferenzo che l'impreso introduce destinotq od operore e le misure diprevenzione do odottore in cui LBlscHIg_Erf]IEc.g. Elethocuzione pei -CoÀiotó òón uiènsirf non contóimi odeguotomente protetti olle vlgenti normo cerfificozione CE odeguotomente c oll'impionto di contiere che sorò sorò ropffi,pftf,fo roo do gruppo di q-e""n91g?i9rì._e_ggîg$_o_me_(grvffi _ej-ettrpsgt'.9)-_. RISCHIO INCENDIO GESNONE DELLE MISURE DI PREUEIWQNE DA ADOTTARE EMERGENZE Possibile Insorgenzo di focoloi di incendio fiomme in porticolore neí luoghícor o discopplo, nonché in tutti gl osito divieto, E DA ADOIARE Rischio legoto ol possibile utilizzo di mocchinori ; le dell'impreso dovrò utilizore rumorosl conforml olle vlgenti normotive che livelti di emíssione sonoro nei limit dolle leggl vigentl, disposizioni comunoli, rispefto dello quiete pubblico e per renderl potibili con le eslgenze degli occuponti gl ruqhle_cr- ll4lqges_o_qian_ze Utilizzo dl sostonze chimiche.$* 'LOGICO rispefto del requisiîo igienico soniîori ll personole dell'impreso dovrò lmpiegore prodotti chimici secondo le specifiche modolitò operotive indicote sullo schedo tecnico (schedo che deve essere presente in sifu insieme ollo documentozione di slcurezzo, do fornire ollo direzione lovori. Per quonto possibíle, gli interventi che necessitono di prodotti chimici, se non per lovori d'urgenzo, soronno progrommoti in modo tole do non esporre persone teze ol pericolo derivonte dol loro utilizo, E' fotto divieto di miscelore tro loro orodotti diversi o di trovosorlí in contenitori non correttomente etichetfoti. L'impreso non deve in olcun modo losciore prodotli chimici e loro contenitori, onche se vuoti, incustoditi. I contenitorl, esourite le quontitò contenute, dovronno essere smoltitl secondo le norme vigenti. In olcun modo dovronno essere obbondonoti negli edifici rifiuti proveníenti dollo lovorozione effetfuoto ol termine del lovoro o servizio. Dovrò essere effettuofo lo necessorio informozione ol fine dl evitore disogi o soggetti osmotici o ollergici evenîuolmente presenfl, onche nei giorni successivl oll'implego delle suddette qo9-to1zg ; rvlrsub-e pr É"eÙ--euao-[É.DJ AD-giaÉE ' llpersonole dell'lmpreso non potrò ulillzzore I servizl, iglenlcl degli olloggi mo dotorsl di un proprlo un Qogno clilllc-o_ lruror-pcssr r I nuu.olj_ ortogrcg ll"n:i1lg

12 Documento Unico Volutozione Rischi Interferenzioli ort.26 commo 3, 5 D,Lgs 9 oprile 2008 n. 8l e s.m.l fimitore ni miàirnó indispe ;;óo l-eft' I polveri, speciolmente nelle degpliziofiii;*ffiel coso, fosse impossibileliminore lo forifdprowedere o inumidire le superfici, ol fine. dirévitcirh:to diffusione specie se in presenzo di veq-tp.,, - '.;F, L:irpr"ro L'impreso i m dbvrò dovrò d dotorsffi dotorffifl rsii-dfl dpp_gé-wio cjiàeówioii o m e nto ir4rinn nr rfnnnrnn *!i$*h," {RpJÉwiOionomento ffi' l idriqq-eviqtqmg-- idrico_ outonomg -_ #,'T%:"* éry&*** \ I RISCHIO INFORTUNI i MlSlRE M ÈúRE Dr Dt PREVEN4oNHP_A préven}ro1fff-on 4P_gTTARE ; Possibilinterferenze con utensili, mocchinori, i iapeiaoàote ll personole dell' oétt;impr"&*pyffii$ impreffi#pu.ffi' $ l, coduto moteriolidoll'olto, ecc l, rimuovere le qltrezzotuié.utjfízzote qllrezzoturè -kl,t"ifizzote senzo creore :, introlcio in porlfuolore nellò'óree dipossoggio; i, Indicore gli evenluoli i l rischipresenti;.,,ùv,,, -{& t/,vuv,,,,,, : recingere in moffilero sicuro le zone interessote r i do lwp,rrnzioni ol fine di evitore rischi di i che estronei possono occedere; 1 te i moterioli di risulto i *dolle l demolizioni, l i lovori do eseguire oll'esterno che t i : in quolche modo interferire con il ì I :"ií dello ditto oppoltotrice non dovrò i introlcio ollo circolozione viorio e pedonole : ipropri mezi &d dh #'w.,w ',,.'.,-.,flw 'l::,-,.i^ g l'1**-;f.#ry -"&&

13 Documento Unico Vqlutozione Rischi fnterferenzioli ort.26 commo 3, 5 D.Lgs 9 oprile 2008 n. Bl e s,m.l COORDINAMENTO E SOSPENSIONE DELLE FASI TAVORATIVE I dotori di lovoro, o loro referenti, dovronno promuovere lo cooperozione in porticolore:. ) cooperono oll'ottuozione delle misure di prevenzione e sul lovor Incldenîl sull' oftivitò lovorotivo oggetto dell oppolto; > coordinono gli Interventi di protezione e prevenzlone dol rischl I lqvorqto informondosi reciprocomente onche ol fine dl ellminore rischi Interferenze tro lovori delle diverse imprese coinvolte nell'esecuzione dell'opero fn coso dl inosservonzo di norme in moterio di slcurezzo o in coso dl imminente pel lovorotorl, il dotore di lovoro, o referente di sede, potrò lo sospàisione del servizio i oggetfo disponendone lo ripreso solo quondo sio di nuovo il rispetto dello normotiv vigente e siono rfpristinote le condizionidisicurezzee igiene sul lo$ro. Per sospensioni dovute o pericolo grove ed imminente ll Commffiente non riconoscerò olcu compenso o indennizzo oll'appoltotore, L'impreso dovrò fornire in il proprio prevenzlone protezlone che odotferò. dei rischi e le misure ( Sistobilisce che: ) non potrò essere inizioto olcuno qtiivitò non o seguito di owenuto firmo, d&l' (Allegoto I ), contestuolmente ollo eventuolinosservonze delle grove ed immedioto, do porte dell'impreso oppoltotrice, s dl cooperozlone coordinoment che possono dor luogo od un pericol, od entrombe le portl, dl interromper, immedlotomente il servlzlo. I lovori offidoti in oppolto essere intenotfi,quoloro per soproggiunte nuov, inteferenze, non fossero più sicuri. r íl personole occupoto deve essere munito di opposito tessero c riconoscimento corredoto dl fotogrofio, contenente le generolitò del lovorotore ( f indicozione del dotorgffsfu[ovoro (ortó dello Legge , orft. l del D, Lgs.' oprile 2008, n.gt "-q&p,?s,m Si informo.n" non"&*%rno, ol personole dello ditto oppollotrice, o per chl do essr incoricoto ed outorizzoto: > ut[tzzqre I trr elettrico, idrico ed oscensoridegli olloggi > occedere o oli od occesso limitoto o o zone diverse do quelle interessote oi lovor se non outorizzoti dol Responsobile del Procedimento; o comunque perlcolose o nocive; ) usore, utllizzore mezzi lgniforl o fumore, in porticolore nei luoghicon pericolo c nonché in tutfiglioltrlluoghiove vige opposlto divieto; bevonde olcoliche e usore droghe. di norme in moterio di sicurezzo o in coso dl pericolo immlnente, del procedlmento, potrò ordinore lo sospensione del lovori, disponendone lc quondo sio di nuovo ossicuroto il rispetfo dello normotivo vigente e siono rlprlstinote dlsicurezzo e igiene dellovoro. dovute o perlcolo grove ed imminente, il Committente non riconoscerò qlcur nso o lndennizzo oll'appoltotore. Servizio Prevenzione Protezione Pag.13/18

14 Documento Unico Volutozione Rischi Interferenzioli ort.26 commo 3, 5 D,Lgs 9 oprile 2008 n. Bl e s,m,i COSTI DELLA SICUREZA Secondo Yort.26 commo 5 del D, Lgs. 9 oprile 2008, n, 81, come "Nei srngoli contrqtti di suboppolto, di oppolto e di somministrqzione, momento dello doto di entrotq in vigore del presente decreto, di c esclusione dei control-fi di somministrozione di beni e seruizi essenzioli, in essere ol 1559, od e ló77 del per eliminore di sul lqvoro qi l418 del codice civite t costl retottvi allo sicurezo del lqvoro con porticplore iîé.-'fíffito a quelli propri connessiatlo speciftco appalto, lcostidicuiolprimo periodo nfu sono soejqeltio ribasso". codice civile, devono essere specificomente indicoti i costi delle o, ove ciò non sio possibile, ridurre ol minimo i rischi in moteria derivonti dolle interferenze delle lovorozioni o peno di Toli costi, non soggefti ol ribosso d'osto, se sostenutl, sono finqli&oti ql rispeffo delle norme di sicurezzo e solute dei lovorotori, per i rischi do interferenzq, per tuffro lo duioto delle lqvorqzioni previste nell'oppolto. Trottondosi di controtto operto, per cui prevedere con esottezzo né l'ubicozione, né lo tipologio dei lovori, si otte od eliminqre o ridurre i rischi do interferenza, onche sullo relotivi o lovori giò eseguiti con l'oppolto onno 2010 Detti costi sono determinoti e soronno q misuro oll'impreso oppoltotrice, Servizio Prevenzione Protezione

15 Do"r-ento Unico Votutozione Rischi lnterferenzioli art.26 commo 3,5 D 9 oprile 2008 n, Bl e s.m.l DESIGNAZTONE DEI LAVORI D IM EN SION I LAVORI A MISTJRA ONERI PDR LA SICUREZZA RIPORTO di segnalctica gocnle di canticrq dcllc dimmsioni di m l,0oxl,4q di PVC p6etc ncntè i scgn.li di pcrio lo, c obbligo inamti il cutice di utilizzq pcf la sluto c I'igimc dci lawratori, di bag pdtltilc costruito in polietilao ad alta dasit{ priro di signifietiw mcallichc. Da utilizere in luoghi dovc lon è pre rtc pubblica fognaria lllminezione intcme del vsro naturàlo t traslucido. l, supqfici htcmc cd ctme dcl scruizio igi pmctterc uni wlocc c pr8rice putzir. Dwe cssrc gtret ua cfficae vmtilsiqrc naturalc c un sistcma scmplic di liquami. Il bagno ddc csssro dotato di 2 ssbotoi uno pcr h raccolta liqumi c l'altro pc il cotrtilimmt pulitr neessria per il risciacquo dcl wg azionabile r prcidrr posto 3ulla pcdma dcl box, Sono co$rui: pcr la durara dcllc fasi di laroro chc lo richicdqro al fine llgicno doi lavor*ai; il monuggio c lo smontaggío motivi lcgati alla sicurezza c I'igime dci ripctute più volto duranto il curo dci uionc dci mcdcsimi: il docmcnto chr$dica c b muutnziotrc; il tsporto preso basc di cppoggio; hso dc['autogru p mllocazions ucll'uca prcdofinita c pcr Dimanioi cslcrnc mlssimc m I,l0 x I,l0 x cd i rcluivi acessori sono clffiùadld&ictà dells E'inolto comprcso qurnto sltso oeom pc lîeffififdcl bu ch o d mese o Éuimo di gse ps,ssisre re di gmùre lr salute c icno dei lrvoratori. ^ I modulare da cantiere in pannelli di mm con trmponatura in rete elettrosaldata, con x I l0 mm, tubolarc vcrticale di O 38 mm e di O 28 mm, e piedi di sostegno in plastica o Per tutta Ia durata dei lavori A RIPORTARE i '':i51fu+--,, 1 servizio prerrehzione Protezione _- lruror-pcsst r i nev.or I ortoelog lpag, r vr e

16 Documento Unico Volutozione Rischi Interferenzioli ort.26 commo 3, 5 D.Lgs 9 oprile 2008 n. 8l e s.m.i DESIGNAZIONE DEI LAVORI DIMENSIONI RIPORTO ART.O8 26t01/2011 di ponteggio in elementi portanti metallici (sistema a compreso il nolo per i primi 30 gíomi, realízato pq interv nti Approntmento altez superiori a m 3,50, costituito in opera compreso il carico al il tr6porto sul posto, lo scuico in cmtiere, il montaggio, i imali in legno o metallo, Ie tavole fema piedi, i prapetti, le scale intme di collegmento tra pimale e pimale, i teli di Protezione, gli affinché il ponteggio sia ef6cacemente assicurato al almeno in conisponderza ad ogni due pimi dello stesso e ad ogní due montanti, con dilposizione di mcoraggio a rombo, compreso la segnaletica ed ogni altro onere e magistero per due la struttura installata nel rispetto della nomativa di sicurez vigente, escluso l'eventuale progettzione, l'illuminazione e le mantovme: - i m2 di ponteggio in opera misumto dalla base e per i primi 30 giomi a drcorere dall'ultimazione del montaggio Smontaggio ad opera ultimata di ponteggio di cui Nolo di autognr con cestello elevatore su guida telescopica della l'autista e/o oersonale a tena o eseguirc fino ad alterc dí 20 dal pimo alimentato a beuina o Gasolio per 14/rU2008 ed ogni altro onere per Il suo funzionmento, Per il tempo di effettivo impiego potenza I'utilizzo x complessivi 6 mesi corpo ' ',,., itai.! t.-a ',:t;).:n. ti*,'ibommittente: Impimto di tena per cmtiere per appuecchi utiliztori : elettrico, sega circolae, appuecchi ponatili con ldn=0,3 A <83 ohm) costituito da conduttore di tena in mme A RIPORTARE

17 Documento Unico Volutozione Rischi Interferenziqli ort.26 commo 3,5 D 9oprile 2008 n.8l e s.m.i DESIGNAZIONE DEI LAVORI DIM EN SIO N I RIPORTO intenato da 16 mq c n. I picheno in rcciaio zinot o SOMMANO.. a polvere omologato installato a parete con apposite completo di cartello di segnalazione, nel prezzo è comprcsa la manutenzione prevista per kgge da effettuarsi periodicamente, da Kg 9; costo mensile. Parziale LAVORI A MISURA k# w -*fteqb w COMMIfiENTE: A RIPORTARE

18 Documento Unico Volutozione Rischi Interferenzioli ort.26 commo 3, 5 D.Lgs 9 oprile 2008 n, 8l e s.m,i potrò essere soggetfo o modificozioni e/o integrozioni, quoloro procedurolie orgonizolive do ombo le portio promulgote cogenti odursi modifiche dilegge, Sirocuso, ; ' Ing. Cormelo Uccello Legole rappresentonte (l) soggetto titolore oppolto I impreso I del polere decisionote e qru dd% ilh *a*a*d w:% lotivo ollo gestionedello specifico I ).i".;"... Z:' ttt:z.. f* #3% "* jt' *w,**- $X.# p*à ry # t!.*:.7 *..:ty-, $,rú' i: -,:i' '"*.* :t.. t -"'ti;k+-, ". :.'':;:. ',: irj,.,trt i't*1,,,r.rr. I servizio Prevenzione Protezione --'-:.

AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI COMUNALI

AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI COMUNALI COMUNE DI CAROSINO AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI COMUNALI D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI E MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE (art. 26, comma 3,

Dettagli

di Spadafora Comune Provincia di Messina

di Spadafora Comune Provincia di Messina g # Comune di Spadafora Provincia di Messina Uficio del Sindaco ì- DETERMINAZIONE SINDACALE N' /{6 DEL \l I LUO, 2013 Del Registro Generale delle Determinazioni OGGETTO: Affidamento incarico di "Medico

Dettagli

DUVRI. Individuazione dei rischi e misure adottate per eliminare le interferenze - Art. 26, commi 3 e 5, D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 D.U.V.R.I.

DUVRI. Individuazione dei rischi e misure adottate per eliminare le interferenze - Art. 26, commi 3 e 5, D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 D.U.V.R.I. AFFIDAMENTO GESTIONE, IN VIA TEMPORANEA E SPERIMENTALE, DEL SERIVIZO DI ASSISTENZA SPECIALISTICA AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PER IL PERIODO DAL 01.03.2012 AL 30.06.2012 DUVRI DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE

Dettagli

D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DI INTERFERENZA DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DEGLI ELEVATORI

D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DI INTERFERENZA DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DEGLI ELEVATORI D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DI INTERFERENZA DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DEGLI ELEVATORI INDIVIDUZIONE DEI RISCHI E MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE (Artt. 26 comma

Dettagli

#l.t;"'ijt*{ 'tí:f"ffi.

#l.t;'ijt*{ 'tí:fffi. e di Motta Visconti #l.t;"'ijt*{ 'tí:f"ffi. Deliberazione dí Giunta Comunale Oggetto: ADESIONE AL FINANZIAMENTO A FONDO PERDUTO S.P.A. RISERVATO AD INTERVENTI DI RIMOZIONE CONTENENTI AMIANTO DAL PATRIMONIO

Dettagli

Azienda Committente: COMUNE DI SALERNO SERVIZIO MANUTENZIONE INFRASTRUTTURE.

Azienda Committente: COMUNE DI SALERNO SERVIZIO MANUTENZIONE INFRASTRUTTURE. DUVRII ((Documentto Uniico Valluttaziione Riischii IIntterfferenza)) Azienda Committente: COMUNE DI SALERNO SERVIZIO MANUTENZIONE INFRASTRUTTURE. Oggetto lavori: INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA

Dettagli

FORNITURA IN NOLEGGIO DI PERSONAL COMPUTER DESKTOP

FORNITURA IN NOLEGGIO DI PERSONAL COMPUTER DESKTOP Agente della Riscossione per le province siciliane DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA (ai sensi dell art. 26, Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) FORNITURA IN NOLEGGIO DI PERSONAL

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI Coordinamento Servizi Bibliotecari

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI Coordinamento Servizi Bibliotecari UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI Coordinamento Servizi Bibliotecari DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Art. 26 del D.Lgs. 9/04/2008 n. 81 INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI, MISURE ADOTTATE

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D ATTIVITA (D.U.V.R.I.)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D ATTIVITA (D.U.V.R.I.) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D ATTIVITA (D.U.V.R.I.) (Art. 26 comma 3, 5 D lgs. 9 Aprile 2008, n. 81) APPALTO PULIZIA UFFICI COMUNALI, UFFICI GIUDIZIARI, R.S.A. L. ACCORSI

Dettagli

APPALTO PULIZIA STABILI DI ERP DI PROPRIETA ATC PERIODO ( )

APPALTO PULIZIA STABILI DI ERP DI PROPRIETA ATC PERIODO ( ) AGENZIA TERRITORIALE PER LA CASA DELLA PROVINCIA DI TORINO EX IACP Allegato D _ DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D ATTIVITA (D.U.V.R.I.) (Art. 26 comma 3, 5 D lgs. 9 Aprile 2008,

Dettagli

COMPUTO METRICO. Cerveteri RM

COMPUTO METRICO. Cerveteri RM Cerveteri RM pag. 1 COMPUTO METRICO OGGETTO: Riqualificazione delle aree a verde - giardini di Via dei Tirreni - Via Oriolo - Via Campo di Mare. Costi della sicurezza COMMITTENTE: Amministrazione Comunale

Dettagli

APPALTO GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI COMUNALI

APPALTO GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI COMUNALI COMUNE DI MONSUMMANO TERME Provincia di Pistoia APPALTO GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI COMUNALI DUVRI DOCUMENTO UNICO DI INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI E MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE (Artt.

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE COMUNALE E DEGLI EDIFICI DI PERTINENZA COMUNALE

SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE COMUNALE E DEGLI EDIFICI DI PERTINENZA COMUNALE Pag. 1 SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE COMUNALE E DEGLI EDIFICI DI PERTINENZA COMUNALE DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3, D.Lgs. n. 81/20008) 1. PREMESSA Il presente

Dettagli

LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI LAVORI IN APPALTO

LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI LAVORI IN APPALTO LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI LAVORI IN APPALTO art. 7, D. Lgs. 626/94 Legge delega n 123/2007 art. 26 Testo Unico 1 art.7 D.Lgs. 626/94 Il datore di lavoro, in caso di AFFIDAMENTO DEI LAVORI ALL INTERNO

Dettagli

La Casa Centro Assistenza Servizi per Anziani Via Baratto 39 36015 Schio (VI)

La Casa Centro Assistenza Servizi per Anziani Via Baratto 39 36015 Schio (VI) Ente committente: La Casa Centro Assistenza Servizi per Anziani Via Baratto 39 36015 Schio (VI) DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENTI Art. 26 D.Lgs. 81/2008 Fornitura di generi alimentari per

Dettagli

tel. 0392839921 / fax 0392023582 / e-mail: economato@comune.monza.it codice fiscale / partita IVA 02030880153/0072883096

tel. 0392839921 / fax 0392023582 / e-mail: economato@comune.monza.it codice fiscale / partita IVA 02030880153/0072883096 Documento Uniico dii Valluttaziione deii Riischii dii IInterferenza (DUVRI) Redatto ai sensi dell Art. 26 - Comma 3 del D.Lgs. 81/08 (Testo Unico) ragione sociale COMUNE DI MONZA UFFICIO ECONOMATO Dati

Dettagli

D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE

D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I. N AN.... DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE Pagina 1 di 9 Documento unico di valutazione dei rischi da interferenze, artt. 26 e 28 D.Lgs 81/2008 Stazione appaltante/ Committente:

Dettagli

Provincia di Roma PROGETTO PER IL COLLEGAMENTO VIARIO ADIACENTE PALAZZO DORIA PAMPHILI LAVORI DI SISTEMAZIONE DELLA VIABILITA' DI ACCESSO OGGETTO:

Provincia di Roma PROGETTO PER IL COLLEGAMENTO VIARIO ADIACENTE PALAZZO DORIA PAMPHILI LAVORI DI SISTEMAZIONE DELLA VIABILITA' DI ACCESSO OGGETTO: Provincia di Roma OGGETTO: PROGETTO PER IL COLLEGAMENTO VIARIO ADIACENTE PALAZZO DORIA PAMPHILI LAVORI DI SISTEMAZIONE DELLA VIABILITA DI ACCESSO COMMITTENTE: Comune di Valmontone Dott Arch Roberto Pinci

Dettagli

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CIMITERIALI (Cimiteri di Oderzo, Camino, Colfrancui, Faè, Rustignè e Piavon)

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CIMITERIALI (Cimiteri di Oderzo, Camino, Colfrancui, Faè, Rustignè e Piavon) Comune di Oderzo Provincia di Treviso AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CIMITERIALI (Cimiteri di Oderzo, Camino, Colfrancui, Faè, Rustignè e Piavon) DUVRI DOCUMENTO UNICO DI INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI E MISURE ADOTTATE

Dettagli

COMUNEDICASffi. REGOTAMENTO COMUNATE DI POTIZIA MORTUARIA Approvoto con Delibero di Consiglio Comunole nol4 del 23.03.200s. (PR.OVXNCXA DN tsar.

COMUNEDICASffi. REGOTAMENTO COMUNATE DI POTIZIA MORTUARIA Approvoto con Delibero di Consiglio Comunole nol4 del 23.03.200s. (PR.OVXNCXA DN tsar. u,.lt'bo ETTORRE \ J COMUNEDICASffi (PR.OVXNCXA DN tsar.i} REGOTAMENTO COMUNATE DI POTIZIA MORTUARIA Approvoto con Delibero di Consiglio Comunole nol4 del 23.03.200s I **.* indice CAPOI-NORMEGENERALI ort.

Dettagli

LA SICUREZZA NEI CANTIERI DI LAVORI PUBBLICI

LA SICUREZZA NEI CANTIERI DI LAVORI PUBBLICI LA SICUREZZA NEI CANTIERI DI LAVORI PUBBLICI Seminario di approfondimento per Responsabili di procedimento (R.U.P.) e Tecnici degli Enti Pubblici 12 19 26 Maggio 2004 LA STIMA DEI COSTI PER LA SICUREZZA

Dettagli

DESIGNAZIONE DEI LAVORI par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE R I P O R T O

DESIGNAZIONE DEI LAVORI par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE R I P O R T O Num.Ord. DESIGNAZIONE DEI LAVORI D I M E N S I O N I I M P O R T I Quantità par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE pag. 2 R I P O R T O LAVORI A MISURA 1 Recinzione perimetrale di protezione in rete

Dettagli

GESTIONE DEGLI APPALTI. Copyright Diritti riservati

GESTIONE DEGLI APPALTI. Copyright Diritti riservati GESTIONE DEGLI APPALTI Copyright Diritti riservati GESTIONE DEGLI APPALTI RIF. D. LGS. 81/08 s.m.i. Articolo 26 - Obblighi connessi ai contratti d appalto o d opera o di somministrazione Titolo IV Cantieri

Dettagli

DUVRI. Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze

DUVRI. Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze DUVRI Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze Legge 3 agosto 2007, n. 123 : Misure in tema di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro e delega al Governo per il riassetto e la

Dettagli

COMPUTO METRICO. Comune di UTA Provincia di Cagliari. Realizzazione dei laboratori del cluster "energie rinnovabili" OGGETTO: Sardegna Ricerche

COMPUTO METRICO. Comune di UTA Provincia di Cagliari. Realizzazione dei laboratori del cluster energie rinnovabili OGGETTO: Sardegna Ricerche Comune di UTA Provincia di Cagliari pag. 1 COMPUTO METRICO OGGETTO: Realizzazione dei laboratori del cluster "energie rinnovabili" COMMITTENTE: Sardegna Ricerche Data, 27/10/2010 IL TECNICO PriMus by Guido

Dettagli

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Da tenere in cantiere ai sensi del D. Lgs. 81/08 1. Documentazione Generale 01 02 Cartello informativo di cantiere Notifica Preliminare

Dettagli

ONERI DELLA SICUREZZA

ONERI DELLA SICUREZZA COMUNITÀ MONTANA ALTA UMBRIA ONERI DELLA SICUREZZA P.S.R 2007/2013 Misura 1.2.5 Azione c) Intervento di collegamento del comparto irriguo Tevere II al sistema Montedoglio e adeguamento reti irrigue in

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI DI SICUREZZA

OPERE PROVVISIONALI DI SICUREZZA COMUNE DI MASCALUCIA PROVINCIA DI CATANIA AREA LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONE Servizio per la gestione e manutenzione impianti di depurazione acque reflue del Comune di Mascalucia OPERE PROVVISIONALI DI

Dettagli

COMUNE DI CISLIANO. Provincia di Milano D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZ E (ART. 26 DEL D.LGS N.

COMUNE DI CISLIANO. Provincia di Milano D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZ E (ART. 26 DEL D.LGS N. D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZ E (ART. 26 DEL D.LGS N. 81/08) SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI COMUNALI CIG Z7C0D7B416 1 Premessa Il presente documento unico di valutazione

Dettagli

BANDO PUBBLICO CIG: ZC005578E8 CUP: E49E10005480009 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

BANDO PUBBLICO CIG: ZC005578E8 CUP: E49E10005480009 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE BANDO PUBBLICO CONTENENTE LE NORME PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIE PER GLI UFFICI DEL GAL SULCIS IGLESIENTE CAPOTERRA E CAMPIDANO DI CAGLIARI MISURA 431 DEL PSR SARDEGNA 2007-2013 CIG: ZC005578E8

Dettagli

1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08).

1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08). ALLEGATO 4 al Capitolato DISCIPLINARE SICUREZZA STAMPANTI 1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08). Oggetto: attività di noleggio

Dettagli

DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI ( art. 26, comma3, D.Lgs. 81/2008 e ss.mm.e ii.)

DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI ( art. 26, comma3, D.Lgs. 81/2008 e ss.mm.e ii.) DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI ( art. 26, comma3, D.Lgs. 81/2008 e ss.mm.e ii.) APPALTO DEL SERVIZIO PER LA GESTIONE DEL CANILE COMUNALE DI MONTE DI EBOLI PER MESI 18 PREMESSE ll presente

Dettagli

COMUNE DI FARA GERA D ADDA Provincia di Bergamo c.a.p. 24045 Piazza Roma n. 1 P.IVA 00294190160 Tel. 03633915109 0363391501 Fax 0363398774 D.U.V.R.I.

COMUNE DI FARA GERA D ADDA Provincia di Bergamo c.a.p. 24045 Piazza Roma n. 1 P.IVA 00294190160 Tel. 03633915109 0363391501 Fax 0363398774 D.U.V.R.I. D.U.V.R.I. DOCU M E N T O UNICO DI VALUTAZIO N E DEI RISC HI DA INTERFE R E N Z E (ART. 26 DEL D.LG S N. 81/08) SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI COMUNALI PER IL TRIENNIO 01/07/2010 30/06/2013 Premessa

Dettagli

COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell'umanità

COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell'umanità COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell'umanità Area Servizi alla Persona Settore Servizi alla Persona, Istruzione, Formazione Servizio Salute e Politiche Socio Sanitarie AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLE

Dettagli

UBALDO CAMPAGNOLA di AVIO. Azienda Pubblica di Servizi alla Persona DUVRI. Servizio Infermieristico Aziendale

UBALDO CAMPAGNOLA di AVIO. Azienda Pubblica di Servizi alla Persona DUVRI. Servizio Infermieristico Aziendale UBALDO CAMPAGNOLA di AVIO Azienda Pubblica di Servizi alla Persona DUVRI Azienda committente Ubaldo Campagnola di Avio A.P.S.P. Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Appalto/Contratto d opera Servizio

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

COMUNE DI TERNI DIREZIONE LL.PP. E MANUTENZIONI - PATRIMONIO UFFICIO GESTIONE SERVIZI CIMITERIALI

COMUNE DI TERNI DIREZIONE LL.PP. E MANUTENZIONI - PATRIMONIO UFFICIO GESTIONE SERVIZI CIMITERIALI COMUNE DI TERNI DIREZIONE LL.PP. E MANUTENZIONI - PATRIMONIO UFFICIO GESTIONE SERVIZI CIMITERIALI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I.) (ART. 26 DEL D.LGS 81/2008) 1. PREMESSA

Dettagli

ALLEGATO B DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA

ALLEGATO B DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA ALLEGATO B DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA 1 PREMESSA Secondo l art.26 Dlgs 81/08 comma 3 e s.m.i., il datore di lavoro committente promuove la cooperazione e il coordinamento

Dettagli

LANCIANO - CH - IL PROGETTISTA Dott Ing. Antonio Giancristofaro STUDIO D'INGEGNERIA CIVILE COMUNE :: LAVORI : ALLEGATO 16 TAVOLA 00.

LANCIANO - CH - IL PROGETTISTA Dott Ing. Antonio Giancristofaro STUDIO D'INGEGNERIA CIVILE COMUNE :: LAVORI : ALLEGATO 16 TAVOLA 00. STUDIO D'INGEGNERIA CIVILE GIANCRISTOFARO ANTONIO - Ingegnere Via Luigi de Crecchio, 61-66034 LANCIANO (CH) - ITALIA Tel/ Fax +39-872-715345 - E-mail mail@giancristofaro.it COMUNE :: LAVORI : LANCIANO

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata Area Provveditorato e Patrimonio

Università degli Studi della Basilicata Area Provveditorato e Patrimonio Università degli Studi della Basilicata Area Provveditorato e Patrimonio PROCEDURA RISTRETTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI SPAZI UNIVERSITARI All. 6 STIMA DEI COSTI RELATIVI ALLA SICUREZZA

Dettagli

RACCOGLITORE DELLA DOCUMENTAZIONE OBBLIGATORIA DA CONSERVARE IN CANTIERE

RACCOGLITORE DELLA DOCUMENTAZIONE OBBLIGATORIA DA CONSERVARE IN CANTIERE RACCOGLITORE DELLA DOCUMENTAZIONE OBBLIGATORIA DA CONSERVARE IN CANTIERE DITTA RECAPITI TELEFONICI PREPOSTO DI CANTIERE LAVORATORI DELL'IMPRESA PRESENTI IN CANTIERE: DOCUMENTAZIONI CONTRATTUALI CONTRATTO

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI QUARTO

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI QUARTO SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI QUARTO DOCUMENTRO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (ART. 26, COMMA 3, D.LGS. N. 81/2008) STAZIONE APPALTANTE: Comune di

Dettagli

COMUNE DI MANZIANA PROVINCIA DI ROMA RIFACIMENTO RETE IDRICA VIA STRADA CROCE DAL CIV. 44 AL CIV. 80

COMUNE DI MANZIANA PROVINCIA DI ROMA RIFACIMENTO RETE IDRICA VIA STRADA CROCE DAL CIV. 44 AL CIV. 80 COMUNE DI MANZIANA PROVINCIA DI ROMA RIFACIMENTO RETE IDRICA VIA STRADA CROCE DAL CIV. 44 AL CIV. 80 (TRATTO CHE INCROCIA VIA BRACCIANO E VIA CHIESETTA DELLE GRAZIE) PROGETTO ESECUTIVO ALL. C.04 22 S..0.

Dettagli

A Relazione Tecnica. 1 Caratteristica dell Opera

A Relazione Tecnica. 1 Caratteristica dell Opera A Relazione Tecnica 1 Caratteristica dell Opera Descrizione: Interventi per incrementare la qualità delle infrastrutture scolastiche. Ubicazione: Liceo Scientifico e Istituto Tecnico Commerciale Leonardo

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

COMUNE DI ROMBIOLO. PROVINCIA DI Vibo Valentia

COMUNE DI ROMBIOLO. PROVINCIA DI Vibo Valentia COMUNE DI ROMBIOLO PROVINCIA DI Vibo Valentia Via E. Curiel - 89841 Rombiolo(VV) Telefono: +39 0963367058 - Fax: +39 e-mail: protocollo.rombiolo@asmepec.it D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. SEDE OPERATIVA PISCINA COMUNALE COMUNE DI FIGLINE VALDARNO Gestione Piscina Comunale Data emissione I revisione

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA. DESIGNAZIONE DEI LAVORI par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE R I P O R T O LAVORI A MISURA

Num.Ord. TARIFFA. DESIGNAZIONE DEI LAVORI par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE R I P O R T O LAVORI A MISURA Via Bressane, 62/a - 35042 Este (PD) - Tel. 340/5396516 - e-mail: alberto_fornasiero@libero.it pag. 1 R I P O R T O LAVORI A MISURA APPRESTAMENTI PREVISTI NEL PSC (Cap 1) 1 RECINZIONE DI CANTIERE CON PANNELLI

Dettagli

Computo Metrico Estimativo Sicurezza

Computo Metrico Estimativo Sicurezza 1 PONTEGGIO 1.1 Ponteggi esterni di facciata, compreso montaggio e smontaggio, SP.001.1 costruiti con elementi tubolari metallici, di qualsiasi forma e superficie, compresi sbalzi protettivi, parti rastremate

Dettagli

INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI E MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE (ART. 26, COMMA 3, D.Lgs. 81/2008)

INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI E MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE (ART. 26, COMMA 3, D.Lgs. 81/2008) DUVRI Documento Unico Valutazione Rischio Interferenze INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI E MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE (ART. 26, COMMA 3, D.Lgs. 81/2008) Azienda Committente: Università degli

Dettagli

Interventi di manutenzione straordinaria Strade Provinciali

Interventi di manutenzione straordinaria Strade Provinciali Provincia dell Ogliastra via Pietro Pistis - 08045 LANUSEI tel. 0782 473600 fax 0782 41053 Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013) Servizio Viabilità Trasporti Infrastrutture via Mameli 08048 TORTOLÌ

Dettagli

Hoi 3 ore ICTUS. per riconoscerlo e limitore idonni. Regi onelombordio

Hoi 3 ore ICTUS. per riconoscerlo e limitore idonni. Regi onelombordio Hoi 3 ore ICTUS. per riconoscerlo e limitore idonni. E Regi onelombordio Che cos'è I'ictus? E un dìsturbo dello circolozione del songue nel cervello cousoto dollo:. chiusuro di un'orterio, dovuto o un

Dettagli

I piani di sicurezza e la stima dei costi

I piani di sicurezza e la stima dei costi I piani di sicurezza e la stima dei costi Corso sulla sicurezza nei cantieri temporanei o mobili di cui al D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i. PIANI Di SICUREZZA/1 Riferimenti normativi Art. 131 del D.Lgs. n. 163/2006

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE ALLEGATO 6 CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente Capitolato, alle seguenti espressioni sono

Dettagli

n. 1,00 x 861,28=... 861,28

n. 1,00 x 861,28=... 861,28 S.02.10.30 Passerella per attraversamenti di scavi o spazi affaccianti sul vuoto fornite di parapetti su entrambi i lati, in conformità alla normativa vigente. Montaggio e nolo per il 1 mese. Pedonale

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI U.L.S.S. n. 7 UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA Sede : Via Lubin 16, - 31053 PIEVE DI SOLIGO - Telefono (0438) 663931 Codice Fiscale - P. IVA 00896790268 UNI EN ISO 9001:2000 certificato n 13724/05/S DOCUMENTO

Dettagli

RISPETTO DELL'AMBIENTE E DELLA SICUREZZA DA PARTE DEI PRESTATORI DI OPERA IN APAM

RISPETTO DELL'AMBIENTE E DELLA SICUREZZA DA PARTE DEI PRESTATORI DI OPERA IN APAM 4 01.02. 2014 5 1 RISPETTO DELL'AMBIENTE E DELLA SICUREZZA DA PARTE DEI PRESTATORI DI OPERA IN APAM SOMMARIO 1. Scopo 2. Categoria di fornitori da tenere sotto controllo 3. Responsabilità 4. Controllo

Dettagli

PROGRAMMA CORSO PROGRAMMA CORSO

PROGRAMMA CORSO PROGRAMMA CORSO COD.: CO0 SALERNO MARZO 2007 ANNO FORMATIVO 2007 PROGRAMMA PER COORDINATORE DELLA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE E PER COORDINATORE PER L ESECUZIONE DEI LAVORI AI SENSI D. LGS. 494/96 Codice Corso:

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INDIVIDUAZIONE DELLE MISURE DA ADOTTARE PER ELIMINARE/RIDURRE AL MINIMO I RISCHI DA INTERFERENZE

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INDIVIDUAZIONE DELLE MISURE DA ADOTTARE PER ELIMINARE/RIDURRE AL MINIMO I RISCHI DA INTERFERENZE Pagina 1 di 6 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INDIVIDUAZIONE DELLE MISURE DA ADOTTARE PER ELIMINARE/RIDURRE AL MINIMO I RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26 del D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.)

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Preliminare

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Preliminare DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Preliminare (art. 26 del D.Lgs. 81/2008 s.m.i.) OGGETTO DEL CONTRATTO: AFFIDAMENTO, PER DUE MESI, DEL SERVIZIO DI TRASPORTO INFERMI E DIALIZZATI

Dettagli

Contenuti ripetitivi e legati all attività ed organizzazione aziendale

Contenuti ripetitivi e legati all attività ed organizzazione aziendale P.O.S. I contenuti minimi secondo l allegato XV Contenuti ripetitivi e legati all attività ed organizzazione aziendale Contenuti che possono in parte variare da un cantiere all altro della stessa azienda

Dettagli

DUVRI. Per ciascun lotto, i costi della sicurezza, non soggetti a ribasso sono quantificati in 35,00

DUVRI. Per ciascun lotto, i costi della sicurezza, non soggetti a ribasso sono quantificati in 35,00 PROCEDURA, IN ECONOMIA, PER LA SOTTOSCRIZIONE DI ACCORDI QUADRO PER L ACQUISIZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA ALLE ATTIVITÁ DI VIGILANZA DELL UFFICIO METROLOGIA LEGALE DELLA CCIAA DI VERONA Lotto 1: CIG

Dettagli

COMPUTO METRICO ONERI PER LA SICUREZZA

COMPUTO METRICO ONERI PER LA SICUREZZA Comune di Civitavecchia Provincia di Roma pag. 1 COMPUTO METRICO ONERI PER LA SICUREZZA OGGETTO: ONERI DELLA SICUREZZA - Adeguamento e ristrutturazione Cimitero Monumentale di Aurelia Nord - Ristrutturazione

Dettagli

Documento Unico di Valutazione dei Rischi di Interferenza Parte I (Applicazione dell art. 26 del D.Lgs.81/08)

Documento Unico di Valutazione dei Rischi di Interferenza Parte I (Applicazione dell art. 26 del D.Lgs.81/08) Documento Unico di Valutazione dei Rischi di Interferenza Parte I (Applicazione dell art. 26 del D.Lgs.81/08) 1. Premessa Il presente documento di valutazione contiene le principali informazioni/prescrizioni

Dettagli

A.O. Ospedale San Carlo Borromeo

A.O. Ospedale San Carlo Borromeo Pre -Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenze Servizio di Prevenzione e Protezione Servizio di assistenza infermieristica, tecnica di supporto e dei servizi alberghieri c/o le comunità riabilitative

Dettagli

Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta

Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta A cura dello Studio Commercialista Di Michele di Roma e Milano Quale documentazione occorre per essere in regola con il D.lgs. 81/08? Occorre l organigramma della

Dettagli

Voci Finite senza Analisi

Voci Finite senza Analisi PROVVEDITORATO INTERREGIONALE OO.PP. UFFICIO 2 - TECNICO 1 Pag. 1 Voci Finite senza Analisi 18.1.3.2 Fornitura e posa in opera di serramenti esterni realizzati con profili estrusi d'alluminio lega 6060

Dettagli

CORSO COORDINATORI PER LA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DEI LAVORI NEI CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI

CORSO COORDINATORI PER LA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DEI LAVORI NEI CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI CORSO COORDINATORI PER LA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DEI LAVORI NEI CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI - CORSO 120 ORE ANNO 2016 - Rif. SCHEMA MODULARE PROGRAMMA DI DETTAGLIO Il corso si

Dettagli

Allegato a) LINEE GUIDA CTS03/2-2015 Sostituiscono le LINEE GUIDA CTS03/1-2014

Allegato a) LINEE GUIDA CTS03/2-2015 Sostituiscono le LINEE GUIDA CTS03/1-2014 Allegato a) PROCEDURE DI SALUTE E SICUREZZA RELATIVE A APPALTI DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI ALL INTERNO DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI DI SECONDO GRADO AI SENSI DELL ART. 26 DEL D.LGS. 81/2008 LINEE GUIDA

Dettagli

6. COORDINAMENTO E VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

6. COORDINAMENTO E VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Pagina 1 di 5 1. PREMESSA Il presente documento è parte integrante della documentazione contrattuale viene allegato alla documentazione inviata agli offerenti in fase di selezione e deve essere firmata

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art.26 D.Lgs. 81/2008)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art.26 D.Lgs. 81/2008) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art.26 D.Lgs. 81/2008) FORNITURA DI N 1 TURBO COMPRESSORE PER EROGAZIONE ARIA A VASCHE DI OSSIDAZIONE PRESSO IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI CAORLE VIA

Dettagli

Compreso trasporto, montaggio e smontaggio e preparazione della base in cls armata di appoggio.

Compreso trasporto, montaggio e smontaggio e preparazione della base in cls armata di appoggio. ORG: ORGANIZZAZIONE DI CANTIERE ORG.002 DELIMITAZIONI VARIE 1 ORG.001010 Recinzione di cantiere alta cm 200, eseguita ferri tondi infissi in basi cemento, rete metallica elettrosaldata e rete di plastica

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA CANTIERE DEI LAVORI DI MIRANO (VE) PRESSO I.P.A.B. LUIGI MARIUTTO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA ai sensi dell art. 26 del Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 come modificato

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA ALLEGATO "C" Comune di PREMANA Provincia di LC STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: PROGRAMMA "6.000

Dettagli

Piano operativo di sicurezza.

Piano operativo di sicurezza. Piano operativo di sicurezza. Contenuti minimi, obbiettivi e obblighi di trasmissione ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Almese, 4 novembre 2009 Dott. Paolo PICCO TdP SPreSAL ASL TO3 - Rivoli (TO) D.Lgs.

Dettagli

LA SICUREZZA NEGLI APPALTI SECONDO IL D. LGS. 81/08

LA SICUREZZA NEGLI APPALTI SECONDO IL D. LGS. 81/08 Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto LA SICUREZZA NEGLI APPALTI SECONDO IL D. LGS. 81/08 A CURA DI: Ing. Mauro Rossato Vega Engineering 1 Art. 26 Obblighi connessi ai contratti

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIREZIONE CASA di Via CITTA Tel. Fax. APPALTO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE PER LE MENSE OBBLIGATORIE DI SERVIZIO PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA PENITENZIARIA

Dettagli

Documento LJnico Valutazione Rischi Interferenziali

Documento LJnico Valutazione Rischi Interferenziali Documento LJnico Valutazione Rischi Interferenziali art. 26 gomma 3,5 D,Lgs 9 aprile 2008 n. 81 e s.m.i INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE (Art.26 comma 3, 5 D. Lgs.

Dettagli

COORDINATORI DELLA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE E PROGETTAZIONE DEI LAVORI NEI CANTIERI PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO 120 ORE anno 2010

COORDINATORI DELLA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE E PROGETTAZIONE DEI LAVORI NEI CANTIERI PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO 120 ORE anno 2010 COORDINATORI DELLA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE E PROGETTAZIONE DEI LAVORI NEI CANTIERI PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO 120 ORE anno 2010 SCHEMA MODULARE Il corso si sviluppa sulla base dei contenuti dell

Dettagli

CITTA DI RIVOLI. UNICO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DELLE INTERFERENZE D. Lgs. 81/08 e s.m.i. art. 26 comma 5 Allegato 1

CITTA DI RIVOLI. UNICO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DELLE INTERFERENZE D. Lgs. 81/08 e s.m.i. art. 26 comma 5 Allegato 1 CITTA DI RIVOLI UNICO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DELLE INTERFERENZE Documento n. : RT-105-105 Arch. Inf. : 08RI04-105-0 Data : 31.03.2011 Pagina 1 di 5 ALLEGATO 1 Programma lavori e individuazione

Dettagli

AFFIDAMENTO SERVIZO DI MANUTENZIONE IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE

AFFIDAMENTO SERVIZO DI MANUTENZIONE IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE ANTHEA S.R.L. VIA DELLA LONTRA 30, 47923 RIMINI (RN) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (EX ART. 26 DEL D.LGS. 81/2008) AFFIDAMENTO SERVIZO DI MANUTENZIONE IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE

Dettagli

COMUNE DI SANREMO SETTORE SICUREZZA SOCIALE RESIDENZA PROTETTA CASA SERENA

COMUNE DI SANREMO SETTORE SICUREZZA SOCIALE RESIDENZA PROTETTA CASA SERENA Allegato 7 COMUNE DI SANREMO SETTORE SICUREZZA SOCIALE RESIDENZA PROTETTA CASA SERENA DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI PER ATTIVITA DI COORDINAMENTO RELATIVO ALLE ATTIVITA DI GESTIONE

Dettagli

Il nuovo quadro normativo in materia di Appalti, Cantieri e DUVRI

Il nuovo quadro normativo in materia di Appalti, Cantieri e DUVRI Il nuovo quadro normativo in materia di Appalti, Cantieri e DUVRI Alessandra Pellegrini Direzione Tecnico Scientifica 14 Ottobre 2009 T.U. SALUTE E SICUREZZA (D.LGS. 81/2008): prime analisi e commenti

Dettagli

LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO O D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE

LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO O D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO O D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Servizio Prevenzione e Protezione V IA A LBERTONI, 15-40138 BOLOGNA! 051.63.61.371-FAX 051.63.61.358 E-mail: spp@aosp.bo.it

Dettagli

DESIGNAZIONE DEI LAVORI

DESIGNAZIONE DEI LAVORI R I P O R T O pag. 1 LAVORI A MISURA I.C.S. Pestalozzi - Plesso Viale Nitta (SpCat 1) SI - Sicurezza (Cat 6) Oneri per la Sicurezza (SbCat 16) 1 / 37 Approntamento di ponteggio in elementi 23.01.01.01.0

Dettagli

VARIANTE ALLA S.R. 436 FRANCESCA TRA LA LOCALITA PAZZERA E LA S.P. 26 CAMPORCIONI IN LOCALITA BISCOLLA 1 LOTTO IN COMUNE DI MONSUMMANO TERME

VARIANTE ALLA S.R. 436 FRANCESCA TRA LA LOCALITA PAZZERA E LA S.P. 26 CAMPORCIONI IN LOCALITA BISCOLLA 1 LOTTO IN COMUNE DI MONSUMMANO TERME Stefano Palandri Ingegnere Via Mazzini, 28 51100 Pistoia Tel. 0573 358314 Fax. 0573 508540 e-mail stefano.palandri@galactica.it - palandri.stefano@tiscali.it C.F. PLN SFN 48H08 G713G Partita IVA 00907770473

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE SEDE REGIONALE PER LA SICILIA

ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE SEDE REGIONALE PER LA SICILIA ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE SEDE REGIONALE PER LA SICILIA UFFICIO TECNICO - EDILIZIO SEDE INPS DI ENNA. Viale Diaz,23 TAVOLA B CAPITOLATO TECNICO. OGGETTO: LAVORI DI FORNITURA E COLLOCAZIONE

Dettagli

Relazione tecnica descrittiva. Scuola materna Vittorio Emanuele II Pestello -

Relazione tecnica descrittiva. Scuola materna Vittorio Emanuele II Pestello - Relazione tecnica descrittiva Scuola materna Vittorio Emanuele II Pestello - Descrizione dell immobile : La scuola Materna è ubicata nel Comune di Montevarchi, località Pestello, via Mincio. La scuola

Dettagli

DUVRI Documento Unico di Valutazione

DUVRI Documento Unico di Valutazione DUVRI Documento Unico di Valutazione Rischi Interferenti D. Lgs. 81/08 integrato con il D. Lgs. 106/09 Committente Lavori di Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Servizio di pulizia locali

Dettagli

D. Lgs. 81/08. Manutenzione della sicurezza e sicurezza della manutenzione

D. Lgs. 81/08. Manutenzione della sicurezza e sicurezza della manutenzione D. Lgs. 81/08 Manutenzione della sicurezza e sicurezza della manutenzione La manutenzione che comporta lavori edili o di ingegneria civile: il coordinamento attraverso il DUVRI (art. 26 D.Lgs. 81/2008)

Dettagli

GARA PNEUMATICI ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO APPENDICE I Obblighi in materi di sicurezza ed igiene del lavoro S O M M A R I O

GARA PNEUMATICI ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO APPENDICE I Obblighi in materi di sicurezza ed igiene del lavoro S O M M A R I O 1 di 5 S O M M A R I O 1 OBBLIGHI DITTA AGGIUDICATARIA... 2 1.1 GENERALITÀ... 2 1.2 OBBLIGHI IN FASE DI GARA... 2 1.3 OBBLIGHI DOPO L AGGIUDICAZIONE... 3 2 RISCHI INTERFERENTI... 4 3 FORMAZIONE OBBLIGATORIA...

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (DUVRI) Ai sensi dell art. 26 comma 3 del D.Lgs. 81/2008 e s.m. Committente Datore di lavoro committente Ditta appaltatrice Datore di lavoro della

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI INTEGRATI DI PORTINERIA, PULIZIA E TAGLIO ERBA PRESSO LA STAZIONE RADIOASTRONOMICA DI NOTO DELL INAF - ISTITUTO DI RADIOASTRONOMIA Codice CIG: 45294604A2

Dettagli

Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico

Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico CITTA DI SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII PROVINCIA DI BERGAMO Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico Biennio

Dettagli

ALLEGATO. Parte prima. Parte seconda I MODULI PER LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI SICUREZZA LE SCHEDE DELLE MACCHINE E ATTREZZATURE

ALLEGATO. Parte prima. Parte seconda I MODULI PER LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI SICUREZZA LE SCHEDE DELLE MACCHINE E ATTREZZATURE ALLEGATO Parte prima I MODULI PER LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI SICUREZZA Parte seconda LE SCHEDE DELLE MACCHINE E ATTREZZATURE Servizio Tecnico di Bacino Geom. Mauro Corbelli Pag. 98 Il presente allegato

Dettagli

Comune di Avigliana RISCHI CHE SI POSSONO VERIFICARE IN UN CANTIERE RISCHI CHE SI POSSONO VERIFICARE IN UN CANTIERE

Comune di Avigliana RISCHI CHE SI POSSONO VERIFICARE IN UN CANTIERE RISCHI CHE SI POSSONO VERIFICARE IN UN CANTIERE Comune di Avigliana La centralità della valutazione dei rischi nella prevenzione degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali La valutazione dei rischi in edilizia: pianificazione e piano

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Regionale Liguria COORDINAMENTO ATTIVITA TECNICO EDILIZIA Allegato 5 PROCEDURE DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Procedura aperta ai sensi art. 55, 5 comma

Dettagli

OGGETTO: ALLESTIMENTO DEL SALONE CORSI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI REGGIO CALABRIA D.U.V.R.I.

OGGETTO: ALLESTIMENTO DEL SALONE CORSI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI REGGIO CALABRIA D.U.V.R.I. OGGETTO: ALLESTIMENTO DEL SALONE CORSI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI REGGIO CALABRIA D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3, del D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i.)

Dettagli

COMUNE DI BARANZATE (Provincia di Milano)

COMUNE DI BARANZATE (Provincia di Milano) PROGETTO: LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA ED ADEGUAMENTO NORMATIVO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO GALILEO GALILEI - OBIETTIVO IGIENE E SALUBRITA' - OBIETTIVO SICUREZZA ED AGIBILITA' - OBIETTIVO

Dettagli