INDIVIDU E MISURE ADOTTATE PER ARE LE INTERFERENZE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDIVIDU E MISURE ADOTTATE PER ARE LE INTERFERENZE"

Transcript

1 Docrmento Unico Voluto zione Rischi Interferenzioti ort.26 commo 3, 5 D,Lgs 9 oprile 2008 n. 8l e s.m.i INDIVIDU E MISURE ADOTTATE PER (Art, 2ó commo 3, 5 D, 2008, n. 8l e s.m.i,) ARE LE INTERFERENZE AAAFff ' NEGLI ALLOGGI DI PROPRIETA' O IN pn n SrCunezn ruoru soèèenr n.w Servizio Prevenzione Protezione

2 Documento Unico Volutozione Rischi Interferenzioli ort.26 commo 3, 5 D.Lgs 9 oprile 2008 n. Bl e s.m.i lndice PREMESSE NORMATIVA DI RIFERIMENTO contenutl...,.,... RISCHI SPECIFICI DELL'AMBIENTE DI LAVORO RISCHI SPECIFICI INTRODOTTI DALL'IMPRESA coordtnamento E sospensrone DELTE rns rnvffiffi costr DELLASIcUREzA,.;;.,#ro..,.. :; #ry- % - L!4_ r I L_t r--i

3 PREMESSE Documento Unico Volutqzione Rischi tnterferenziati ort.26 commo 3, 5 D,Lgs 9 oprile 2008 n. 8l e s.m,l ll presente documento di volutozione contiene le principoli d'oppolto in moîeriq di sicurezo do fornire oll'impreso oppoltotrice derivonli do possibili interferenze esistenti nell'ombiente In cui è destinolo od dell'oppolto in oggetto e sulle misure di prevenzione dl emergenzo qdo ottivitò In ottemperqnzo oll'ort. 2ó commo I lettero b, D. Lgs 9 oprile Agosto 2009 n" 10ó, ed ollo Deferminozione dell'autoritò di Vigilonzo sui relofivo o: fose di go specif 'espletomen ollo propr D. Lgs 5 mozo 20( dei costl della sicurezo, (Determinozlone n ). Secondo il suddetfo ort,26, ol commo 3: "tldotore dllovoro ed il coordinomento dl cui ol comma 2, elaborando un lndichile misure odottote per eliminore o, ove ciò non è Tole documento è allegoto olcontrolto dloppolto o dl del lavorl, serulzl e fornifure", promuove la cooperoziot cl ol minimo I rischl do interferenz ln fundone dell'evoluzíor A mero titolo esemplificotivo si possono > derivonti do sovropposizionidi più< > immessinelluogo dilovoro delcon > eslstenti nel luogo di lovoro d& I'oppoltotore, ulteriori rispetfo o > derivonti do modolitò dl (che comporiino pericoll ntl iseguentirischi: operotori di oppoltotori diversi; lqvorozionl dell'oppoltotore;,, ove e' previsto che debbq operol dell'ottivitò proprio dell'oppoltotore; richieste esplicitomente dol committenl o quelli specifici dell'ottivitò oppoltoto), tt presente documento unlco o, fuffi dei rischi (DUVRI), ollegoto ol controtto, dovt essere integroto con gli elemenli-_efuinfo?mozioni contenute nel plono sosttmlvo dlslcurezo plono opsrotlvo sui rischi connd$f8ffi&ttiviiò specifiche, che l'impreso dovrò produne.,'ulwr_.l Servizio Prevenzione Protezione *!:-=_T-_.-- imol-pcss1 1l Rev.oî i 01/09/09 Lras. 3/18

4 Documento Unico Vqlutozione Rischi Interferenziqli ort.26 commo 3, 5 D.Lgs 9 oprile 2008 n. 8l e s.m.i a: inforluni Atluozione delle direftive 89/391 lcee' BS 654/CEE' Bq 655/CEE' 89/656/CEE' 9O1269/CEE, 9O/27O/CEE, 9ols94lc I#77/CEE, 9\/88/CEE, 95/63/CE, / CE, 9 B / 24 / CE' 99 / 38 I CE' 99 / 92 m20w / 45 / CE e 2003 I 10/C E rig uo rdo nti il miglioromento dello sicurezzo effil,gfrfufdé dei lovorotori sul luogo di lovoro lisffisitlvi di protezióne-indiviouoti (opt) relotivo ollo protezione dei lovorqtori ll'omionto duronte il lovoro dol D, Lgs, 113/2007, per quonto riguordo Legge Legge delego per I' temo ditutelo i D, Lgs.8l/08.ffi in moteriq ditutelo del Testo Unico sullq sicurezzo - Misure in llq sicurezzo sul lovoro legge 3 ogosto 2007, n. 123, in moterio di tutelo nq r_l_qog hj d t Jqy_o_f p e corretiive del Decreto Legislotivo 9 oprile 2008 n. 8l solute e dello sicurezzo nei luoghidi lovoro" i'' fi=;fs"rvl.b P-venzione Protezione lrraor-pcssr r I n"".or ljl.tq1ll^p-. 4!:l

5 Documento Unico Volutozione Rischi Interferenziqli art.26 commo 3, 5 D,Lgs 9 oprile 2008 n. 8ì e s.m.i CONTENUTI ll presente documenio di volutqzione del rlschlo comprende: l) Doti identificotivi e orgonigrommo oziendore deilo sicurezzo Popoforl dello provinclo dl Sirocuso, nel cui sito, (olloggi e esecuzione ol presente oppolto gestito doll'areo Tecnico; 2) Descrizione sintetico delle qtflvitò dell'ente oppoltonte/com personole dell'oggiudlcotorio; 3) Descrizione sintetico delle otfivitò deil'oggíudicqtorio e dell'oppoltonte/committente o su tezi; 4) 5) ó) Misure di coordinomento e di sicure zo do odottore nell'esefuzione oeffisente oppolto; Quontificozione degll oneri per lo slcurezzo; g$kmru,, Verbole disoprolluogo. R B dei Cor do' ichi indoffí s sul persono 01/09/09 I Pag. 5/18

6 Documento Unico Volutozione Rischi Interferenzioli ort.26 commo 3, 5 D,Lgs 9 oprile 2008 n. 8ì e s.m.i DATIDENTIFICATIVI ENTE APPALTANTE Denominozione lgp_prege1lslte e_g qle- 1 Com m isso 1i9 S[g 9 rq rqo ri o - Ltr g.antq_nj I q Setforeproduttivo r PubblicoArylinjqt1o_ZLqne-(MqqfqlgllqreAleg lnoiiz-o_ I Cittò I Sirocuso 9ó100 v Organlglgmma -,v--':-,,-ffib, azlendale_dello slcurezo, Dotore di Lovoro Ì Direttore Generole - ' Dott, VffbéKsnnorellq ":{t ^?Ìr'w ì Dirigenti j Coincidono con gli incoriffi-diffposizione dirigenziole delle tre w***l*, j rnnr-rn Araa ***' *ffift, Preposti I Coincidono con gli ingffrico*toi inffiicofltdi posizioneorgonizzotivo delle vorie w?,b : "-'--ì i U,O.C,,R.PI G_eom, Letferio ffi"%nt" s-ffi nsulenteesterno ìl- i^ tl4e3ló_o*-c*o-mp-efé-nié-ióòtt,eoetongmitlffi,nls _ *{h#a;tr Li-r-. iantoniotripi,% lndlcozlone lndlcoztone slntetlca dello strufturq nelffi gffffih ffislr si svolgeronno le ottlvltò oppaltote ll contesto nel quole si qrticolerffhgoqrì8*ffiita lovorotive è roppresentoto doi fqbbricoti e relotive oree esterne di pertinenzg"tíb4;e'$éno distribuiti gli olloggi di proprietò o in gestione dell' lstituto Autonomo Cose PopolciFffi i SÍróc uso. Gtinsediomenti.Éiiàt'i'ìf"...ff eifi"%r;i';;to deicomuni dello provincio disirocuso. Servizio Prevenzione Protezione MO1.PGSS11

7 Documento Unico Votutozione Rischi lnterferenzioli DATIMPRESAPPALTATRICE Datl ldentlflcatm aft.26 commo 3,5 9oprile 2008 n, 8l e s.m.l i,c9-d99 INAIL,Flg.Alqe respg41gptt!,pgt-o-le_lgv_q_ro_.-.. l,9988, Medico competente IRLS.,---_-.-''.-,{, ;. AdQettlgllg emergen-ze i "# ro

8 Documento Unico Volutozione Rischi Interferenzioli ort.26 commo 3, 5 D.Lgs 9 oprile 2008 n. 8l e s.m.i DESCRIZION E DELL'ATTMITA OGGETTO DELL'APPALTO Le opere oppoltote riguordono interventi di monutenzione stroordinorio, che sono relotivi o segnolozioni e ricognizioni effettuote, e per i quoli opere necessorie, o volte in vio di urgenzo. Toli opere riguordono principolmente lo rimozione dplle fonti di pe distocchi di colcestruzzo degrodoto do cornicioni e/o bolconi, o l'i coperture fonte di infiltrqzioni nei pioni sotlostonti, ripristini di ricostruzione dello sezione coprifeno di pilosfri, trovi, pensiline, economio per piccoli interventi non quontificobili, a b# ffi -%** s*"w í;s *r**t-+*,t't ',,.j'' % ''"i.u**r.$?,., "% " *ffiem*f -6s;' '%k È, ffi' " %1.* " ew# S.a *1%* ',-s 5t weee-.&b À E4 1% '% rgrywfrrlff '% 1 F%** Mft eseguire le do possibili iuozione delle interno o esterni. uro, lqvori in 1Ì1i44 'q ;À;^ r;;t;ì

9 Documento Unico Volutozione Rischi Interferenzioli ort.26 commo 3, 5 D.Lgs 9 oprile 2008 n. Bl e s.m.i RISCHI SPECIFICI DELL'AMBIENTE DI LAVORO Diseguifo sono riportoti relotivi rischi presenti nell'ombiente di lovoro (ol proprietò dell'lacp, che possono coinvolgere gli operotori opportenenti o EIENQg RrscHl MISURE DIPREVENZIONE Elethlco è legoîo ollo possibilitò di L'impionto elettrico di singoll ollogg eleflrocuzlone, duronte l'utillzzo di porticolorii e porti stoto reolizzatc, ottrezzofure elettriche per contotto con covl conformemente ollo mo In ognt cosc, elethicicon rivesflmento isolonte non integro. F" di generozione Incendlo e gesflone delle emergenze: il livello di rischio è essenziolmente legoto ollo monconzo di Informozione degli ossegnotori occuponti gli olloggi, che non sono prowisti, solvo olcuni cosi lp_o_rqqjgi, Qi mezzi estin g q gnti, lllumlnozlone: negli olloggi sono gorontiti idonei livelli dl illuminozione noturole ed ortificiole nùmòió: iiriscnio è legoto sto olcóntesto in cui l'insediomentobitotivo è inserito condizioni in cul si svolge l'ottivitò, CÉimÉó ó sostonze perlcolose: essere legoto oll'ufilizzo do occuponti gli olloggi di i (ogenti chimicl) che oll'interno degli olloggi, Aggreslone: occupontl per %iffio puo porte" degli oericolose condizionore derivonti dol igienico-sonitori contotto con ótí per senso dl fostidio o di roncore verso l'ottivitò dl monutenzione ogli elementi soffitti) elo incurio degli tqri, si possono determinore rischi di o incíompore, sclvolore o re contro elementl sporgenti o toglienîi Infissi). :q :Fer codute dl colcinocci do poropetti, soffiffi, bolconl, pensiline, voni scolo, si possono yerifggle_ infortuni Qi vorio noturo l'omministrozione o, sollevondc ogni responsobilitò pe ti oll'uîilizzo degli impionf elethici. Lo difto dovrò dotoki di idonei mezzi estinguenti dc di incendío non dipendente dolle o't:wvorotive' ditto* ovrò dotorsl. nell'eventuolitò le fonti fossero corenti, di meui dl illumlnomento (lompode, torcg ecq,) di esposizione stondord non sono toli dc sifuozioni di discomfort. Non iniziore o sospendere l'ottivitò lovorotivo in di emissloni sonore (opporecchi rodio-fu od olto volume, utensili, ecc) do porte degli occuponti gli olloggi toli do pregiudicore il regolore svolgimento delle ottivítò lovorotive e qg!llqdqo1e ['ocggquto ol Diretfore dei lovori Non iniziore o sospendere l'ottivitò lovorotivo in coso di utilizzo di ogenti nocivi do porte degti occuponti gli olloggi e comunicore l'occoduto ol Direttore deilovorl Non Inlzlore o sospendere l'ottlvitò lovorotivo in coso di monconzo requisiti igienico-sonitori e comunicore ol Responsobile del procedimento Non utilizzore l'ocquo e dotorsi di outonomo listen o d i op. p Jowrgigryqp*e1to, Agire con dlscrezione evitondo inutili discussioni, in coso gll occuponîi gli olloggi dovessero vietore l'ingreso nell'olloggio per quolslvoglio mofivo, In questi cosi non insisîere e informore il direttore dei llgry_orjl1e._spon.sobil-e_ce pr9qe_0.tnef 'lq_ ; Segnolore o/ Dketfore del lovorl, prlma dl lnlzlare ', oltlvltd: ; - evenfuoli presenze di ingombri (orredi, otlr ezzofu re, mocchlnori). - evenfuoli dissesti o owollomenti oi povimenti, : rfìuri, porte e i portoni, porfl sconnesse, crepe e i lesioniinelementistrutturoli,sofoiescole - eventuoll porti pericolonti - dotorsidiidonel DPI

10 Documento Unico Volutozione Rischi lnterferenzioli Altre ottivitò lovorofive: Non sono in otto presenti ort.26 commo 3, 5 D.Lgs 9 oprile 2008 n. 8l e s.m.i

11 Docrmento Unico Volutozione Rischi Interferenzioli ort.26 commo 3, S D.Lgs.9 oprite 200g n. gl e s,m,l RISCHI SPECIFICI INTRODOTTI DALL' IMPRESA ESECUTRICE DEI LAVORI Qui diseguito sono rlporloti i ríschido lnterferenzo che l'impreso introduce destinotq od operore e le misure diprevenzione do odottore in cui LBlscHIg_Erf]IEc.g. Elethocuzione pei -CoÀiotó òón uiènsirf non contóimi odeguotomente protetti olle vlgenti normo cerfificozione CE odeguotomente c oll'impionto di contiere che sorò sorò ropffi,pftf,fo roo do gruppo di q-e""n91g?i9rì._e_ggîg$_o_me_(grvffi _ej-ettrpsgt'.9)-_. RISCHIO INCENDIO GESNONE DELLE MISURE DI PREUEIWQNE DA ADOTTARE EMERGENZE Possibile Insorgenzo di focoloi di incendio fiomme in porticolore neí luoghícor o discopplo, nonché in tutti gl osito divieto, E DA ADOIARE Rischio legoto ol possibile utilizzo di mocchinori ; le dell'impreso dovrò utilizore rumorosl conforml olle vlgenti normotive che livelti di emíssione sonoro nei limit dolle leggl vigentl, disposizioni comunoli, rispefto dello quiete pubblico e per renderl potibili con le eslgenze degli occuponti gl ruqhle_cr- ll4lqges_o_qian_ze Utilizzo dl sostonze chimiche.$* 'LOGICO rispefto del requisiîo igienico soniîori ll personole dell'impreso dovrò lmpiegore prodotti chimici secondo le specifiche modolitò operotive indicote sullo schedo tecnico (schedo che deve essere presente in sifu insieme ollo documentozione di slcurezzo, do fornire ollo direzione lovori. Per quonto possibíle, gli interventi che necessitono di prodotti chimici, se non per lovori d'urgenzo, soronno progrommoti in modo tole do non esporre persone teze ol pericolo derivonte dol loro utilizo, E' fotto divieto di miscelore tro loro orodotti diversi o di trovosorlí in contenitori non correttomente etichetfoti. L'impreso non deve in olcun modo losciore prodotli chimici e loro contenitori, onche se vuoti, incustoditi. I contenitorl, esourite le quontitò contenute, dovronno essere smoltitl secondo le norme vigenti. In olcun modo dovronno essere obbondonoti negli edifici rifiuti proveníenti dollo lovorozione effetfuoto ol termine del lovoro o servizio. Dovrò essere effettuofo lo necessorio informozione ol fine dl evitore disogi o soggetti osmotici o ollergici evenîuolmente presenfl, onche nei giorni successivl oll'implego delle suddette qo9-to1zg ; rvlrsub-e pr É"eÙ--euao-[É.DJ AD-giaÉE ' llpersonole dell'lmpreso non potrò ulillzzore I servizl, iglenlcl degli olloggi mo dotorsl di un proprlo un Qogno clilllc-o_ lruror-pcssr r I nuu.olj_ ortogrcg ll"n:i1lg

12 Documento Unico Volutozione Rischi Interferenzioli ort.26 commo 3, 5 D,Lgs 9 oprile 2008 n. 8l e s.m.l fimitore ni miàirnó indispe ;;óo l-eft' I polveri, speciolmente nelle degpliziofiii;*ffiel coso, fosse impossibileliminore lo forifdprowedere o inumidire le superfici, ol fine. dirévitcirh:to diffusione specie se in presenzo di veq-tp.,, - '.;F, L:irpr"ro L'impreso i m dbvrò dovrò d dotorsffi dotorffifl rsii-dfl dpp_gé-wio cjiàeówioii o m e nto ir4rinn nr rfnnnrnn *!i$*h," {RpJÉwiOionomento ffi' l idriqq-eviqtqmg-- idrico_ outonomg -_ #,'T%:"* éry&*** \ I RISCHIO INFORTUNI i MlSlRE M ÈúRE Dr Dt PREVEN4oNHP_A préven}ro1fff-on 4P_gTTARE ; Possibilinterferenze con utensili, mocchinori, i iapeiaoàote ll personole dell' oétt;impr"&*pyffii$ impreffi#pu.ffi' $ l, coduto moteriolidoll'olto, ecc l, rimuovere le qltrezzotuié.utjfízzote qllrezzoturè -kl,t"ifizzote senzo creore :, introlcio in porlfuolore nellò'óree dipossoggio; i, Indicore gli evenluoli i l rischipresenti;.,,ùv,,, -{& t/,vuv,,,,,, : recingere in moffilero sicuro le zone interessote r i do lwp,rrnzioni ol fine di evitore rischi di i che estronei possono occedere; 1 te i moterioli di risulto i *dolle l demolizioni, l i lovori do eseguire oll'esterno che t i : in quolche modo interferire con il ì I :"ií dello ditto oppoltotrice non dovrò i introlcio ollo circolozione viorio e pedonole : ipropri mezi &d dh #'w.,w ',,.'.,-.,flw 'l::,-,.i^ g l'1**-;f.#ry -"&&

13 Documento Unico Vqlutozione Rischi fnterferenzioli ort.26 commo 3, 5 D.Lgs 9 oprile 2008 n. Bl e s,m.l COORDINAMENTO E SOSPENSIONE DELLE FASI TAVORATIVE I dotori di lovoro, o loro referenti, dovronno promuovere lo cooperozione in porticolore:. ) cooperono oll'ottuozione delle misure di prevenzione e sul lovor Incldenîl sull' oftivitò lovorotivo oggetto dell oppolto; > coordinono gli Interventi di protezione e prevenzlone dol rischl I lqvorqto informondosi reciprocomente onche ol fine dl ellminore rischi Interferenze tro lovori delle diverse imprese coinvolte nell'esecuzione dell'opero fn coso dl inosservonzo di norme in moterio di slcurezzo o in coso dl imminente pel lovorotorl, il dotore di lovoro, o referente di sede, potrò lo sospàisione del servizio i oggetfo disponendone lo ripreso solo quondo sio di nuovo il rispetto dello normotiv vigente e siono rfpristinote le condizionidisicurezzee igiene sul lo$ro. Per sospensioni dovute o pericolo grove ed imminente ll Commffiente non riconoscerò olcu compenso o indennizzo oll'appoltotore, L'impreso dovrò fornire in il proprio prevenzlone protezlone che odotferò. dei rischi e le misure ( Sistobilisce che: ) non potrò essere inizioto olcuno qtiivitò non o seguito di owenuto firmo, d&l' (Allegoto I ), contestuolmente ollo eventuolinosservonze delle grove ed immedioto, do porte dell'impreso oppoltotrice, s dl cooperozlone coordinoment che possono dor luogo od un pericol, od entrombe le portl, dl interromper, immedlotomente il servlzlo. I lovori offidoti in oppolto essere intenotfi,quoloro per soproggiunte nuov, inteferenze, non fossero più sicuri. r íl personole occupoto deve essere munito di opposito tessero c riconoscimento corredoto dl fotogrofio, contenente le generolitò del lovorotore ( f indicozione del dotorgffsfu[ovoro (ortó dello Legge , orft. l del D, Lgs.' oprile 2008, n.gt "-q&p,?s,m Si informo.n" non"&*%rno, ol personole dello ditto oppollotrice, o per chl do essr incoricoto ed outorizzoto: > ut[tzzqre I trr elettrico, idrico ed oscensoridegli olloggi > occedere o oli od occesso limitoto o o zone diverse do quelle interessote oi lovor se non outorizzoti dol Responsobile del Procedimento; o comunque perlcolose o nocive; ) usore, utllizzore mezzi lgniforl o fumore, in porticolore nei luoghicon pericolo c nonché in tutfiglioltrlluoghiove vige opposlto divieto; bevonde olcoliche e usore droghe. di norme in moterio di sicurezzo o in coso dl pericolo immlnente, del procedlmento, potrò ordinore lo sospensione del lovori, disponendone lc quondo sio di nuovo ossicuroto il rispetfo dello normotivo vigente e siono rlprlstinote dlsicurezzo e igiene dellovoro. dovute o perlcolo grove ed imminente, il Committente non riconoscerò qlcur nso o lndennizzo oll'appoltotore. Servizio Prevenzione Protezione Pag.13/18

14 Documento Unico Volutozione Rischi Interferenzioli ort.26 commo 3, 5 D,Lgs 9 oprile 2008 n. Bl e s,m,i COSTI DELLA SICUREZA Secondo Yort.26 commo 5 del D, Lgs. 9 oprile 2008, n, 81, come "Nei srngoli contrqtti di suboppolto, di oppolto e di somministrqzione, momento dello doto di entrotq in vigore del presente decreto, di c esclusione dei control-fi di somministrozione di beni e seruizi essenzioli, in essere ol 1559, od e ló77 del per eliminore di sul lqvoro qi l418 del codice civite t costl retottvi allo sicurezo del lqvoro con porticplore iîé.-'fíffito a quelli propri connessiatlo speciftco appalto, lcostidicuiolprimo periodo nfu sono soejqeltio ribasso". codice civile, devono essere specificomente indicoti i costi delle o, ove ciò non sio possibile, ridurre ol minimo i rischi in moteria derivonti dolle interferenze delle lovorozioni o peno di Toli costi, non soggefti ol ribosso d'osto, se sostenutl, sono finqli&oti ql rispeffo delle norme di sicurezzo e solute dei lovorotori, per i rischi do interferenzq, per tuffro lo duioto delle lqvorqzioni previste nell'oppolto. Trottondosi di controtto operto, per cui prevedere con esottezzo né l'ubicozione, né lo tipologio dei lovori, si otte od eliminqre o ridurre i rischi do interferenza, onche sullo relotivi o lovori giò eseguiti con l'oppolto onno 2010 Detti costi sono determinoti e soronno q misuro oll'impreso oppoltotrice, Servizio Prevenzione Protezione

15 Do"r-ento Unico Votutozione Rischi lnterferenzioli art.26 commo 3,5 D 9 oprile 2008 n, Bl e s.m.l DESIGNAZTONE DEI LAVORI D IM EN SION I LAVORI A MISTJRA ONERI PDR LA SICUREZZA RIPORTO di segnalctica gocnle di canticrq dcllc dimmsioni di m l,0oxl,4q di PVC p6etc ncntè i scgn.li di pcrio lo, c obbligo inamti il cutice di utilizzq pcf la sluto c I'igimc dci lawratori, di bag pdtltilc costruito in polietilao ad alta dasit{ priro di signifietiw mcallichc. Da utilizere in luoghi dovc lon è pre rtc pubblica fognaria lllminezione intcme del vsro naturàlo t traslucido. l, supqfici htcmc cd ctme dcl scruizio igi pmctterc uni wlocc c pr8rice putzir. Dwe cssrc gtret ua cfficae vmtilsiqrc naturalc c un sistcma scmplic di liquami. Il bagno ddc csssro dotato di 2 ssbotoi uno pcr h raccolta liqumi c l'altro pc il cotrtilimmt pulitr neessria per il risciacquo dcl wg azionabile r prcidrr posto 3ulla pcdma dcl box, Sono co$rui: pcr la durara dcllc fasi di laroro chc lo richicdqro al fine llgicno doi lavor*ai; il monuggio c lo smontaggío motivi lcgati alla sicurezza c I'igime dci ripctute più volto duranto il curo dci uionc dci mcdcsimi: il docmcnto chr$dica c b muutnziotrc; il tsporto preso basc di cppoggio; hso dc['autogru p mllocazions ucll'uca prcdofinita c pcr Dimanioi cslcrnc mlssimc m I,l0 x I,l0 x cd i rcluivi acessori sono clffiùadld&ictà dells E'inolto comprcso qurnto sltso oeom pc lîeffififdcl bu ch o d mese o Éuimo di gse ps,ssisre re di gmùre lr salute c icno dei lrvoratori. ^ I modulare da cantiere in pannelli di mm con trmponatura in rete elettrosaldata, con x I l0 mm, tubolarc vcrticale di O 38 mm e di O 28 mm, e piedi di sostegno in plastica o Per tutta Ia durata dei lavori A RIPORTARE i '':i51fu+--,, 1 servizio prerrehzione Protezione _- lruror-pcsst r i nev.or I ortoelog lpag, r vr e

16 Documento Unico Volutozione Rischi Interferenzioli ort.26 commo 3, 5 D.Lgs 9 oprile 2008 n. 8l e s.m.i DESIGNAZIONE DEI LAVORI DIMENSIONI RIPORTO ART.O8 26t01/2011 di ponteggio in elementi portanti metallici (sistema a compreso il nolo per i primi 30 gíomi, realízato pq interv nti Approntmento altez superiori a m 3,50, costituito in opera compreso il carico al il tr6porto sul posto, lo scuico in cmtiere, il montaggio, i imali in legno o metallo, Ie tavole fema piedi, i prapetti, le scale intme di collegmento tra pimale e pimale, i teli di Protezione, gli affinché il ponteggio sia ef6cacemente assicurato al almeno in conisponderza ad ogni due pimi dello stesso e ad ogní due montanti, con dilposizione di mcoraggio a rombo, compreso la segnaletica ed ogni altro onere e magistero per due la struttura installata nel rispetto della nomativa di sicurez vigente, escluso l'eventuale progettzione, l'illuminazione e le mantovme: - i m2 di ponteggio in opera misumto dalla base e per i primi 30 giomi a drcorere dall'ultimazione del montaggio Smontaggio ad opera ultimata di ponteggio di cui Nolo di autognr con cestello elevatore su guida telescopica della l'autista e/o oersonale a tena o eseguirc fino ad alterc dí 20 dal pimo alimentato a beuina o Gasolio per 14/rU2008 ed ogni altro onere per Il suo funzionmento, Per il tempo di effettivo impiego potenza I'utilizzo x complessivi 6 mesi corpo ' ',,., itai.! t.-a ',:t;).:n. ti*,'ibommittente: Impimto di tena per cmtiere per appuecchi utiliztori : elettrico, sega circolae, appuecchi ponatili con ldn=0,3 A <83 ohm) costituito da conduttore di tena in mme A RIPORTARE

17 Documento Unico Volutozione Rischi Interferenziqli ort.26 commo 3,5 D 9oprile 2008 n.8l e s.m.i DESIGNAZIONE DEI LAVORI DIM EN SIO N I RIPORTO intenato da 16 mq c n. I picheno in rcciaio zinot o SOMMANO.. a polvere omologato installato a parete con apposite completo di cartello di segnalazione, nel prezzo è comprcsa la manutenzione prevista per kgge da effettuarsi periodicamente, da Kg 9; costo mensile. Parziale LAVORI A MISURA k# w -*fteqb w COMMIfiENTE: A RIPORTARE

18 Documento Unico Volutozione Rischi Interferenzioli ort.26 commo 3, 5 D.Lgs 9 oprile 2008 n, 8l e s.m,i potrò essere soggetfo o modificozioni e/o integrozioni, quoloro procedurolie orgonizolive do ombo le portio promulgote cogenti odursi modifiche dilegge, Sirocuso, ; ' Ing. Cormelo Uccello Legole rappresentonte (l) soggetto titolore oppolto I impreso I del polere decisionote e qru dd% ilh *a*a*d w:% lotivo ollo gestionedello specifico I ).i".;"... Z:' ttt:z.. f* #3% "* jt' *w,**- $X.# p*à ry # t!.*:.7 *..:ty-, $,rú' i: -,:i' '"*.* :t.. t -"'ti;k+-, ". :.'':;:. ',: irj,.,trt i't*1,,,r.rr. I servizio Prevenzione Protezione --'-:.

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

RICHIESTA DI SUBAPPALTO ATTIVITÀ IN TITOLO I E IN TITOLO IV

RICHIESTA DI SUBAPPALTO ATTIVITÀ IN TITOLO I E IN TITOLO IV RICHIESTA DI SUBAPPALTO ATTIVITÀ IN TITOLO I E IN TITOLO IV DOCUMENTI A CURA DELL APPALTATORE DA INOLTRARE ALL AREA ACQUISTI ALMENO 10 GIORNI PRIMA DELLA DATA PRESUNTA DI INIZIO LAVORI (DA ALLEGARE ALLA

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

Z>,n zorrr Reg. Gen. IL CAPO AREA AA.GG

Z>,n zorrr Reg. Gen. IL CAPO AREA AA.GG Piazza Toselli n. 1-96010 Buccheri (SR) Tel. 0931880359 - Fax 0931880559 DETERMINA DEL CAPO AREA AFFARI GENERATI DETERMINAN,/UóDEL Z>,n zorrr Reg. Gen. Oggetto: Liquidazione fatîure a ll'associazio ne

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

ALLEGATO A. DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) Comune di Napoli PROVINCIA DI NAPOLI

ALLEGATO A. DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) Comune di Napoli PROVINCIA DI NAPOLI ALLEGATO A Comune di Napoli PROVINCIA DI NAPOLI Provincia Area Edilizia di Scolastica Na Ufficio Specialistico Tecnico Edilizia Scolastica 1 DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

ing. Domenico ing. Domenico Mannelli Mannelli www mannelli info

ing. Domenico ing. Domenico Mannelli Mannelli www mannelli info ing. Domenico Mannelli www.mannelli.info info I contenuti ti minimi i i del PSC- PSS-POSPOS Decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 Titolo III - DISPOSIZIONI ULTERIORI PER I CONTRATTI RELATIVI AI LAVORI

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA ANUGA COLONIA 05-09 OTTOBRE 2013 Ragione Sociale Inviare a : all'attenzione di : Padiglione Koelnmesse Srl Giulia Falchetti/Alessandra Cola Viale Sarca 336 F tel. 02/86961336 Stand 20126 Milano fax 02/89095134

Dettagli

IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE FANGHI ATTIVI IMPIANTI A

IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE FANGHI ATTIVI IMPIANTI A DI PRIMA PIOGGIA Divisione Depurazione 87 1. - TRATT TTAMENTO DELLE ACQUE IN ACCUMULO (DA 500 A 12.000 M 2 ) 2. IPC - TRATT TTAMENTO DELLE ACQUE DI PIOGGIA IN CONTINUO (DA 270 A 7.200 M 2 ) 88 Divisione

Dettagli

SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI QUESITI RICORRENTI E RISPOSTE DI ESPERTI QUALIFICATI

SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI QUESITI RICORRENTI E RISPOSTE DI ESPERTI QUALIFICATI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI NOVITA INTRODOTTE DALL' UNICO TESTO NORMATIVO SULLA SICUREZZA SUL LAVORO (D.Lgs. 81/08) QUESITI RICORRENTI E RISPOSTE DI ESPERTI QUALIFICATI I quesiti sul Decreto 81/08: sugli

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (PSC)

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (PSC) 1 giunta regionale PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (PSC) ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI Segreteria Regionale Ambiente e Lavori Pubblici Direzione Lavori Pubblici 1 IL PRESENTE PSC, PREDISPOSTO SECONDO

Dettagli

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!!" "

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!! Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Procedure di sicurezza per l installazione e la manutenzione di pannelli fotovoltaici Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Realizzazione

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE pag. 1 R I P O R T O LAVORI A CORPO 1 RIMOZIONE DI ARMATURA STRADALE P001 ESISTENTE Prezzo per rimozione a qualsiasi altezza di armatura stradale esistente, completa di accessori elettrici e lampada, previo

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla II I RELAZIONE TECNICA t relativa alla PROTEZIONE CONTRO I FULMINI di struttura adibita a Ufficio. sita nel comune di AF.EZZO (AR) PROPRIET A' AP{EZZO MULTISERVIZI SRL Valutazione del rischio dovuto al

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

Decreto del Commissario Straordinario

Decreto del Commissario Straordinario Decreto del Commissario Straordinario N. 8 del Reg. Data 30/07/2014 OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE ANTICENDIO NELLA FORESTA DEMANIALE REGIONALE DEL MONTE CARPEGNA - PSR MARCHE

Dettagli

FASCICOLO DELL OPERA e PSC Relatore: Carmelo G. Catanoso

FASCICOLO DELL OPERA e PSC Relatore: Carmelo G. Catanoso ASSOCIAZIONE TAVOLO 494 IMOLA www.tavolo494imola.org info@ tavolo494imola.org Atti del convegno DAL D.LGS. 494/96 AL TESTO UNICO DI SICUREZZA: novità e criticità 19 novembre 2008 FASCICOLO DELL OPERA e

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

LE CADUTE DALL ALTO E

LE CADUTE DALL ALTO E LE CADUTE DALL ALTO E LA RESPONSABILITÀ DEGLI AMMINISTRATORI A.U. Salvatore Ruocco Lecce, 15 febbraio 2014 PROGRAMMA 1) Rischio caduta: normativa e soggetti coinvolti 2) UNI EN 795 e dispositivi di ancoraggio

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

Va, pensiero Chorus of Hebrew Slaves from Verdi s Nabucco

Va, pensiero Chorus of Hebrew Slaves from Verdi s Nabucco a, pensiero Chorus of Hebre Slaves from erdi s Nabuo a, pensiero, sull ali dorate; a, ti posa sui livi, sui olli, Ove olezzano tepide e molli L aure doli del suolo natal! Del Giordano le rive saluta, Di

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800

SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800 SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800 n ordine codice descrizione un. mis. quantità pr. unit. importo 1 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente

Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente sulla sicurezza nei cantieri Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente GLI ENTI BILATERALI DELLA PROVINCIA DI L AQUILA CASSA EDILE località san Vittorino - s.s. 80 km 9 n 61 l aquila tel.

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

LINEA GUIDA. Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI ARRESTO CADUTA

LINEA GUIDA. Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI ARRESTO CADUTA LINEA GUIDA Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI ARRESTO CADUTA LINEA GUIDA Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi

Dettagli

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i. Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) Rev. N. 00 00 Data: Bando di gara di appalto o di prestazione

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

A.R.T.E. GENOVA BANDO DI GARA D APPALTO DI SERVIZI

A.R.T.E. GENOVA BANDO DI GARA D APPALTO DI SERVIZI A.R.T.E. GENOVA BANDO DI GARA D APPALTO DI SERVIZI I.1) STAZIONE APPALTANTE: A.R.T.E. Azienda Regionale Territoriale per l Edilizia della Provincia di Genova via B. Castello civ.3 16121 Genova tel. 010.53901

Dettagli

Pubblica. Inchiesta. Progett PROGETTO. Protezione contro i fulmini C. 994 30-06-2008 81-10; V... IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO

Pubblica. Inchiesta. Progett PROGETTO. Protezione contro i fulmini C. 994 30-06-2008 81-10; V... IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO N O R M A I T A L I A N A C E I Data Scadenza C. 994 30-06-2008 Data zione 2008- Classificazione 81-10; V... Titolo Protezione contro i fulmi Title n IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO PROGETTO 1 Progett

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 Automobile Club Reggio Emilia Non rimanere bloccato... usa il trasporto pubblico con MI MUOVOCARD o tieni in tasca il tuo biglietto multicorsa MI MUOVO CARD Abbonamenti mensili

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 922 DEL 12/11/2013 PROPOSTA N. 191 Centro di Responsabilità: Servizi Sociali, Istruzione, Associazionismo, Cultura, Promozione del Territorio

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39)

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE n.806 del 01/07/2014 REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n.806 del 01/07/2014 Proposta

Dettagli

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi:

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi: COMPANY PROFILE L Azienda FAR S.p.A. ha i suoi stabilimenti di produzione in Italia e precisamente a CIMADOLMO in provincia di Treviso a pochi chilometri dalla città di VENEZIA. Nata nel 1991 si è inserita

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile Elegant ECM Condizionatore Pensile I condizionatori Elegant ECM Sabiana permettono, con costi molto contenuti, di riscaldare e raffrescare piccoli e medi ambienti, quali negozi, sale di esposizione, autorimesse,

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

PREVENZIONE DELLE CADUTE DALL ALTO NEI LAVORI IN QUOTA NEI CANTIERI EDILI (Delibera Dell Assemblea Legislativa regionale n. 149, del 17.12.

PREVENZIONE DELLE CADUTE DALL ALTO NEI LAVORI IN QUOTA NEI CANTIERI EDILI (Delibera Dell Assemblea Legislativa regionale n. 149, del 17.12. I Quaderni del RUE I Quaderni del RUE N. 10.1/2014 Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano PREVENZIONE DELLE CADUTE DALL ALTO NEI LAVORI IN QUOTA NEI CANTIERI EDILI

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti

Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti PROCEDURA DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA, IGIENE AMBIENTALE E FACCHINAGGIO DA EFFETTUARSI PRESSO GLI UFFICI DELL

Dettagli

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie PROGETTO PON SICUREZZA 27-213 Gli investimenti delle mafie SINTESI Progetto I beni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali nelle regioni dell Obiettivo Convergenza: dalle strategie di investimento

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5 L. 25 gennaio 1994, n. 82 (G.U. n. 27 del 3 febbraio 1994): Disciplina delle attività di pulizia, di disinfezione, di disinfestazione, di derattizzazione e di sanificazione. Art. 1 (Iscrizione delle imprese

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO Pagina 1 di 14 PER LA SICUREZZA SUL LAVORO Via dell oreficeria, 16-36100 VICENZA SERVIZIO EMERGENZE tel. 0444 969 555 S.A.T.E. (Servizio Assistenza Tecnica Espositori) tel. 0444 969 333 Centralino Uffici

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA AL COMUNE DI OLGIATE MOLGORA VIA STAZIONE 20 - OLGIATE MOLGORA (LC) GARA A PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI RACCOLTA E TRASPORTO

Dettagli

Basta un tocco leggero in un punto qualunque del frontale e il cassetto si apre senza difficoltà esercitare una leggera pressione o una lieve spinta

Basta un tocco leggero in un punto qualunque del frontale e il cassetto si apre senza difficoltà esercitare una leggera pressione o una lieve spinta Apertura agevole al tocco Apertura affidabile senza maniglia Nel moderno design del mobile, i frontali senza maniglia svolgono un ruolo sempre più importante. Con il supporto per l apertura meccanico di

Dettagli

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Firenze 15 febbraio 2010 Pisa 1 marzo 2010 Siena 29 marzo 2010 Dott. Ing. Daniele Novelli

Dettagli

EHB IFF IU FF P P I 9.1 9.2

EHB IFF IU FF P P I 9.1 9.2 EHB IFF IU FF P P EI OG ENO SSISCHES H O C H SC H UL IN T ITUT FUR BERUFSBILDUNG INSTITUI FEOERAL DES HAUTES ETUOES EN FORMATION PROFESSIONNELLE tsf ttut0 UNIVERSITARIO FEDERALE PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE

Dettagli