REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE"

Transcript

1 REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n. 6 Vicenza. Finalità I Progetti Personalizzati di Integrazione sociale mirano a potenziare le risorse della persona con disabilità in relazione a contesti sociali diversi dal tradizionale centro diurno. I percorsi relazionali educativo assistenziali si caratterizzano per il lavoro in piccoli gruppi e la ricerca di contesti sociali e occupazionali adeguati nell aiutare la persona con disabilità a sperimentare un ruolo sociale attivo. Per tale motivo acquista importanza la costruzione di reti relazionali significative con il territorio e con i singoli contesti sociali con cui le persone con disabilità, singolarmente o in piccoli gruppi, entrano in rapporto. Inoltre i Progetti Personalizzati mirano a : favorire la presa in carico di tutte quelle persone con disabilità che non possono accedere direttamente ai percorsi di inserimento nel mondo del lavoro e che non troverebbero comunque una risposta di inserimento ai Centri Diurni per le mutate condizioni sui criteri di accesso ad essi o per l inadeguatezza dell ambiente di inserimento. promuovere le capacità relazionali e favorire il mantenimento, il potenziamento e la generalizzazione delle abilità esistenti sostenere la persona con disabilità nel corso dell esperienza di un progetto di integrazione sociale in ambito lavorativo attraverso azioni e attività che promuovono un maggior grado di autonomia favorire la costruzione di una rete di sostegno sociale intorno alla persona con disabilità e un adeguato utilizzo delle risorse della comunità locale. DESTINATARI Descrizione dell utenza 1. persone con disabilità con sufficiente autonomia e buone capacità relazionali in grado di sostenere, seppur adeguatamente supportate a livello individuale, un esperienza in ambito sociale/lavorativo/occupazionale; 2. persone con disabilità che, a livello relazionale, presentano problematiche comportamentali stabilizzate di facile contenimento attraverso strategie educative specifiche (soggetti in età adulta) oppure problematiche comportamentali sporadiche in evoluzione ma di facile contenimento (soggetti più giovani); A livello assistenziale sono presenti bisogni quotidiani (indicativamente una volta al giorno) che necessitano di supervisione e richiami verbali in alcune aree delle autonomie personali, oppure di supporto, ma di breve periodo. 3. persone con disabilità giovani che a livello relazionale necessitano di un supporto emotivo e psicologico quotidiano in coincidenza con periodi di crisi (es. doppie diagnosi) 4. persone con esiti da GCA subiti in tempi meno recenti per le quali la valutazione specialistica effettuata dalla U.G.C. ha rilevato la presenza di un potenziale residuale e quindi la necessità di reimpostare le attività educativo assistenziali 1

2 BACINO DI PROVENIENZA Persone con disabilità provenienti da scuola, da fallimenti lavorativi, inserite in centri diurni, dimesse da Centri Diurni, che non fruiscono di alcun servizio. REQUISITI DI ACCESSO L. 104/92 con o senza gravità OBIETTIVI OBIETTIVI GENERALI Attivare un percorso educativo volto a raggiungere il grado massimo di sviluppo delle capacità globali della persona con disabilità in modo da attivare la risposta più inclusiva possibile volta alla partecipazione e al buon funzionamento OBIETTIVI SPECIFICI Valutazione, formazione e orientamento della persona con disabilità; Sperimentazione, attraverso la strutturazione di attività occupazionali, lavorative, di integrazione sociale o formative, organizzate in piccoli gruppi o a livello individuale, delle diverse capacità collegate alle aree di funzionamento e disabilità della persona stessa; Formare, potenziare o mantenere le abilità, emerse durante il percorso di valutazione e sperimentazione, che possono essere spese in ambienti esterni. I PROGETTI Il Servizio prevede l attivazione di Progetti Personalizzati da strutturare su piccoli gruppi omogenei, possibilmente dello stesso territorio di appartenenza (di norma 4/6 persone) o come progetti individuali (ex prog. sperimentali) TIPOLOGIA DI PROGETTI 1. interventi educativi di mantenimento delle abilità complessive volti alla prosecuzione del percorso di integrazione sociale in ambito lavorativo (es. Integra part time) 2. Interventi educativi volti a potenziare capacità globali esistenti ma non sufficienti per l integrazione sociale in ambito lavorativo (es. Integra tempo pieno, progetti sperimentali ) 3. Interventi formativi per soggetti disabili volti al potenziamento delle abilità esistenti e all acquisizione di nuove competenze (es. ex percorso formazione prelavorativa) 4. Interventi di socializzazione e integrazione sociale nel territorio finalizzata al mantenimento delle capacità relazionali e al potenziamento dell autonomia nella gestione dei propri interessi SEDI E SPAZI Tipologia di percorso n. 1 e 2: ambienti specifici esterni e normalizzanti dove poter apprendere un attività occupazionale Tipologia di percorso n. 3: Tipologia di percorso n. 4 : aule e laboratori dove si insegnano le abilità sede fisica come luogo di incontro (spazi di aggregazione comunali o parrocchiali, distrettuali o dell ente gestore) ESTENSIONE ORARIA DELLE ATTIVITA Moduli da un minimo di 8 ad un massimo di 24 ore settimanali salvo diverse valutazioni in sede distrettuale su progetti già in atto 2

3 SOGGETTI GESTORI Progetti a gestione privata Progetti a gestione pubblica (personale dei distretti) DURATA ED ESITO DEI PROGETTI I progetti personalizzati di integrazione sociale sono progetti a termine, della durata di 1 anno, prorogabile al massimo per un altro anno, previa verifica. Al termine del primo anno il Distretto Socio Sanitario, in collaborazione con l ente gestore, la persona con disabilità stessa e la famiglia, effettua una verifica per valutare la possibilità che il progetto evolva in un percorso del SIL, nel caso il progetto abbia favorito lo sviluppo delle abilità necessarie che la persona con disabilità entri nella graduatoria di accesso ai Centri Diurni qualora il progetto si sia rivelato inadeguato che la persona con disabilità prosegua un progetto che si è stabilizzato e che pertanto richiede una revisione degli obiettivi e un conseguente minore investimento di risorse Possibilità di un percorso SIL VERIFICA dopo 1 anno dalla attivazione del Progetto prorogabile al max per 1 altro anno Rientro in graduatoria per accesso al C. Diurno Prosecuzione del Progetto Personalizzato con un alleggerimento nella modalità ed una revisione degli obiettivi 3

4 MODALITA DI SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO Il Distretto Socio-Sanitario definisce, sulla base della valutazione dei bisogni della persona con disabilità effettuata attraverso la S.Va.M.Di, nell ambito del Progetto Globale e con il coinvolgimento e l accompagnamento della famiglia, gli obiettivi generali e i risultati attesi dalla realizzazione di un Progetto Personalizzato di integrazione sociale. Le risultanze dell istruttoria verranno trasmesse alla persona, alla famiglia e all Ente gestore. L Ente gestore, in accordo con la persona con disabilità, con la famiglia e il Distretto Socio Sanitario elabora il Progetto Personalizzato di Integrazione Sociale, per il quale dovrà indicare: gli obiettivi generali e specifici le attività gli spazi di realizzazione del Progetto la metodologia di realizzazione del Progetto e il personale impiegato i tempi di realizzazione delle fasi del Progetto gli indicatori di verifica sulla base dei risultati attesi le modalità di assolvimento degli obblighi in materia di salute e sicurezza sul lavoro le modalità di collaborazione e regolamentazione condivisa del rapporto tra Ente Gestore e i contesti lavorativi e di vita sociale che giocano un ruolo inclusivo e normalizzante della persona con disabilità (es. protocollo collaborazione, frequenze volontarie ecc.) PERSONALE Per lo svolgimento delle attività è previsto l impiego di: Operatori Socio Sanitari Educatori Professionali Istruttori tecnici o maestri d arte Per gli Operatori è requisito fondamentale il possesso del diploma di O.S.S. Per gli Educatori è requisito fondamentale il possesso della Laurea in Scienze dell Educazione o in Educazione Professionale o titoli riconosciuti equipollenti. Gli Istruttori tecnici o maestri d arte devono essere in possesso di un diploma coerente con l attività svolta o devono avere una comprovata professionalità acquisita in ambito lavorativo Qualora l attività dei Progetti Personalizzati venga svolta nel periodo di apertura del centro diurno, il personale impiegato non può essere lo stesso del Centro Diurno per non alterare lo standard previsto ex LR 22/02. Al fine di assicurare una diversificazione progettuale rispetto al Centro Diurno, verrà prevista una formazione apposita per il personale impiegato nei Progetti Personalizzati. STANDARD E COSTI TIPOLOGIA 1 Per la prima tipologia di progetti verrà riconosciuto un corrispettivo annuo pari a ad utente, suddiviso in tranches mensili, su 11 mesi. Basato su una stima 11,5 ore settimanali medie. Comprensivo dei costi di coordinamento. TIPOLOGIA 2 Per la seconda tipologia di progetti verrà riconosciuto un corrispettivo annuo pari a ad utente, suddiviso in tranches mensili su 11 mesi. Basato su una stima di 16 ore settimanali medie. Comprensivo dei costi di coordinamento. A fine anno si potrà giungere ad un numero massimo di 24 ore per il progetto in atto. 4

5 TIPOLOGIA 2 BIS Per i progetti stabilizzati verrà riconosciuto un corrispettivo annuo pari a ad utente, suddiviso in tranches mensili su 11 mesi. Basato su 24 ore settimanali medie. Comprensivo dei costi di coordinamento Per tutti i Progetti autorizzati con la nuova Convenzione il costo potrà essere riparametrato in caso di minore frequenza dell intervento sulla base delle seguenti fasce: 6-11 ore ore ore TIPOLOGIA 3 Per la terza tipologia di progetti verrà riconosciuto un corrispettivo annuo pari a ad utente, suddiviso in tranches mensili, su 11 mesi. Basato su 24 ore settimanali medie. Comprensivo dei costi di coordinamento. TIPOLOGIA 4 Per la terza tipologia di progetti verrà riconosciuto un corrispettivo annuo pari a ad utente, suddiviso in tranches mensili, su 11 mesi. Basato su 7 ore settimanali medie. Comprensivo dei costi di coordinamento. La diversificazione dei costi è in relazione alla frequenza media settimanale riconosciuta e al diverso rapporto operatore/utente previsto nelle diverse fasi del progetto. Per le persone impegnate in un progetto personalizzato di integrazione sociale e inserite in struttura residenziale, in considerazione della situazione economica derivante dall inserimento stesso, il Distretto Socio Sanitario, in sede di UVMD, potrà disporre che i costi per la mensa e il trasporto vengano corrisposti direttamente dall Ulss all Ente gestore del Progetto personalizzato di integrazione sociale. ASSENZE Dopo 15 giorni di assenza (da calendario solare), sia essa per malattia o per altri motivi, l Ente gestore è comunque tenuto a dare tempestiva informazione scritta tramite posta elettronica al Distretto Socio Sanitario. Il Distretto Socio-Sanitario, contattata la famiglia, valuterà la situazione e le condizioni per la convocazione di un eventuale UVMD o comunque effettuerà un confronto diretto con l Ente gestore e la famiglia e si pronuncerà rispetto ad una rivalutazione della situazione complessiva della persona con disabilità. Tenuto conto dei costi generali che l Ente gestore sostiene, il finanziamento è comunque corrisposto, durante i periodi di apertura del centro diurno, nei giorni di assenza della persona con disabilità fino ad un massimo di 21 gg. dalla data di inizio dell assenza (da calendario solare). Se l assenza supera i 21 giorni, e qualora in UVMD venga riconfermato il Progetto Individuale esistente e ribadita l importanza fondamentale che la persona con disabilità rientri nelle strutture dello stesso Ente, ma non sia certa la data del rientro, il contributo viene corrisposto nella misura di 1/3, dal 22 giorno di assenza fino al rientro. Dopo 3 mesi consecutivi di assenza durante i periodi di apertura del centro diurno, nella misura in cui al 4 mese non sia ancora possibile il rientro della persona con disabilità, si procede con la dimissione. 5

6 OBBLIGHI DELL ENTE GESTORE L Ente Gestore è tenuto a: impiegare, per l esecuzione del Servizio, personale inquadrato e retribuito sulla base del vigente contratto collettivo e garantire l applicazione della legislazione vigente in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro; formulare un Progetto del Servizio; partecipare all UVMD effettuare gli incontri di verifica definiti nel Progetto, per un totale complessivo annuo compreso tra un minimo di 2 ore ed un massimo di 6 ore; garantire agli operatori incontri di coordinamento, aggiornamento professionale, formazione e supervisione; garantire, per la realizzazione dei progetti, la presenza dell educatore per almeno il 50% del monte ore complessivo previsto erogare il Servizio con continuità e puntualità, garantendo per quanto possibile il minimo tasso di turnover del personale; in caso di avvicendamento degli operatori l Ente Gestore dovrà garantire il tempo adeguato per il passaggio di consegne; trasmettere mensilmente al Distretto Socio-Sanitario il foglio presenze degli utenti; presentare annualmente al Distretto Socio-Sanitario una relazione di verifica del Servizio erogato; stipulare le assicurazioni di legge a copertura del personale impiegato e degli utenti trasmettere mensilmente al Servizio Disabili, unitamente alla documentazione contabile, il foglio presenze degli utenti, nonché semestralmente l elenco del personale impiegato avvisare tempestivamente il Distretto Socio Sanitario dell assenza dell utente o di qualsiasi variazione nella frequenza OBBLIGHI DELL AZIENDA ULSS N. 6 VICENZA Il Distretto Socio-Sanitario dell Azienda ULSS n. 6 Vicenza è tenuto a: valutare e definire, nell ambito della presa in carico globale dell utente, gli obiettivi generali del Progetto garantire l integrazione degli interventi socio-assistenziali; autorizzare l avvio degli interventi; verificare l andamento degli interventi ed il raggiungimento dei risultati attesi in relazione al Progetto Il Servizio Disabili dell Azienda ULSS n. 6 Vicenza è tenuto a: effettuare una verifica periodica sull andamento del Progetto, in collaborazione con le U.O. Distrettuali per la Disabilità dell Azienda ULSS n. 6 Vicenza; procedere alla liquidazione delle fatture mensilmente emesse dall Ente Gestore; visionare e conservare i documenti ricevuti dall Ente Gestore. Il presente Regolamento sarà oggetto di verifica annuale alla luce dei Progetti che saranno stati attivati con eventuali rimodulazione della tipologia dei Progetti, dei relativi obiettivi e delle fasce di contribuzione. 6

alle scelte e alle modalità di sviluppo della co-progettazione e gestione dei servizi;

alle scelte e alle modalità di sviluppo della co-progettazione e gestione dei servizi; Richiamata la convenzione quadro sottoscritta in data 6.7.2007 con il Consorzio di Cooperative Sociali Il Solco del Serio avente per oggetto la co-progettazione e la gestione dei servizi sociali relativamente

Dettagli

Ambito Territoriale dei Servizi Sociali. Comune Capofila Marcianise

Ambito Territoriale dei Servizi Sociali. Comune Capofila Marcianise Ambito Territoriale dei Servizi Sociali Comune Capofila Marcianise REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI E DIVERSAMENTE ABILI ART. 1 FINALITÀ DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA Allegato alla delibera di C.C. n.32 dell 11/05/07 1 ART.1 (Definizione) Il Centro diurno per disabili

Dettagli

AZIENDA ULSS N. 6 VICENZA

AZIENDA ULSS N. 6 VICENZA CONVENZIONE tra l legalmente rappresentata dal Direttore Generale Dr. Alessandri Antonio e l Ente ASSOCIAZIONE GENITORIALE COMUNITA ALLOGGIO CASA SERENA (di seguito denominato Ente) legalmente rappresentato

Dettagli

AZIENDA ULSS N. 6 VICENZA

AZIENDA ULSS N. 6 VICENZA CONVENZIONE tra l legalmente rappresentata dal Direttore Generale Dr. Alessandri Antonio e l Ente CITTA SOLIDALE SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE (di seguito denominato Ente) legalmente rappresentato dal Sig.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI FONDO NON AUTOSUFFICIENZA ANNO 2012

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI FONDO NON AUTOSUFFICIENZA ANNO 2012 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI FONDO NON AUTOSUFFICIENZA ANNO 2012 allegato alla deliberazione n. 211 del 21.3.2012 1 INDICE PREMESSA...4 1. ASSEGNO DI CURA...5 1.1 DESTINATARI...5

Dettagli

Protocollo Operativo Condiviso tra: Unità Operativa Handicap e U.O. Materno Infantile Età Evolutiva Famiglia

Protocollo Operativo Condiviso tra: Unità Operativa Handicap e U.O. Materno Infantile Età Evolutiva Famiglia Protocollo Operativo Condiviso tra: Unità Operativa Handicap e U.O. Materno Infantile Età Evolutiva Famiglia Pag. 1 /5 PROTOCOLLO OPERATIVO TRA UNITA OPERATIVA HANDICAP E UNITA OPERATIVA MATERNO INFANTILE

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI FIRENZE E LA STRUTTURA SEMIRESIDENZIALE PER MINORI

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI FIRENZE E LA STRUTTURA SEMIRESIDENZIALE PER MINORI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI FIRENZE E LA STRUTTURA SEMIRESIDENZIALE PER MINORI per l erogazione di prestazioni socio assistenziali ed educative a carattere semiresidenziale a favore di minori assistiti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA L.R. 5/94

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA L.R. 5/94 COMUNE DI CASTELFRANCO EMILIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA L.R. 5/94 APPROVATO CON DELIB. C.C. 77 DEL 16.04.2003 Pagina 1 di 7 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA L.R.

Dettagli

DISCIPLINARE DI SERVIZIO

DISCIPLINARE DI SERVIZIO ALLEGATO B DISCIPLINARE DI SERVIZIO PER L ACCREDITAMENTO DELL UNITA DI OFFERTA SOCIALE SERVIZIO DI FORMAZIONE ALL AUTONOMIA PER LE PERSONE DISABILI (S.F.A) Oggetto Oggetto del presente documento è la descrizione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER DISABILI ART. 2 FINALITA DEL CENTRO

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER DISABILI ART. 2 FINALITA DEL CENTRO REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER DISABILI ART. 1 IDENTITA DEL CENTRO DISABILI E istituito presso i locali di proprietà dell Ipab Manlio Canepa in V.le Vittoria loc. San Terenzo, un Centro diurno per disabili

Dettagli

Allegato 11. Premessa. Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO. Regione del Veneto

Allegato 11. Premessa. Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO. Regione del Veneto Allegato 11. Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO Premessa 108 Questo progetto intende affrontare le tematiche del cambiamento della persona con disabilità all innalzarsi

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009 Servizi Socio-Sanitari AZIENDA ULSS N. 22 Bussolengo (VR) Unità Complessa Disabilità Direttore Dott. Gabriele Bezzan Funzionario Dott.ssa Liliana Menegoi Segreteria

Dettagli

Caratteristiche e obiettivi del servizio

Caratteristiche e obiettivi del servizio Allegato 2 Specifica Tecnica contenente le caratteristiche del servizio Assistenza domiciliare Disabili Sociale ed Integrata dei Comuni dell Ambito S3 ex S5 Eboli Capofila- Caratteristiche e obiettivi

Dettagli

Centro Diurno per Disabili (C.D.D.) di Zogno

Centro Diurno per Disabili (C.D.D.) di Zogno Centro Diurno per Disabili (C.D.D.) di Zogno Redatta in conformità alla D.G.R. n. 18334 del 23/07/2004 La Carta dei Servizi è il requisito organizzativo per il miglioramento della qualità delle strutture

Dettagli

Comune Capofila : VETRALLA

Comune Capofila : VETRALLA PROGETTI DI INTERVENTI E SERVIZI PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI APPARTENENTI AL DISTRETTO SOCIALE VT 4 -Anno 2010- Comune Capofila : VETRALLA Comuni di : Barbarano Romano Villa San Giovanni in Tuscia

Dettagli

AFFRONTARE UNA LESIONE CEREBRALE ACQUISITA:

AFFRONTARE UNA LESIONE CEREBRALE ACQUISITA: Unità Spinale Unità Gravi Cerebrolesioni A.ULSS n.6 Vicenza AFFRONTARE UNA LESIONE CEREBRALE ACQUISITA: GUIDA AI DIRITTI ALL ASSISTENZA E AI SERVIZI TERRITORIALI L obiettivo di questa guida è aiutare le

Dettagli

U.O. DISABILITA CENTRO DIURNO PER PERSONE DISABILI MAROSTICA

U.O. DISABILITA CENTRO DIURNO PER PERSONE DISABILI MAROSTICA U.O. DISABILITA CENTRO DIURNO PER PERSONE DISABILI MAROSTICA PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA Il Centro diurno per le persone con disabilità di Marostica è una struttura semiresidenziale sociosanitaria destinata

Dettagli

Allegato alla Deliberazione dell Assemblea dei Sindaci n. 168 del 08/04/2011

Allegato alla Deliberazione dell Assemblea dei Sindaci n. 168 del 08/04/2011 Allegato alla Deliberazione dell Assemblea dei Sindaci n. 168 del 08/04/2011 PORDENONE CORDENONS PORCIA ROVEREDO IN PIANO S. QUIRINO LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DI INTERVENTI, SERVIZI E PRESTAZIONI ASSISTENZIALI,

Dettagli

2.1 Il costo di riferimento per i servizi socio sanitari per disabili per il 2010 2.2 Il sistema di remunerazione

2.1 Il costo di riferimento per i servizi socio sanitari per disabili per il 2010 2.2 Il sistema di remunerazione Allegato 1 Sistema omogeneo di tariffa per i centri socio-riabilitativi residenziali per disabili accreditati transitoriamente o provvisoriamente per il periodo di validità dell accreditamento transitorio

Dettagli

Centro Socio Educativo (C.S.E.) di Brembate Sopra Via xxv Aprile Via Donizzetti 60. Redatta in conformità alla D.G.R. n. 7/20763 del 16/02/2005

Centro Socio Educativo (C.S.E.) di Brembate Sopra Via xxv Aprile Via Donizzetti 60. Redatta in conformità alla D.G.R. n. 7/20763 del 16/02/2005 Centro Socio Educativo (C.S.E.) di Brembate Sopra Via xxv Aprile Via Donizzetti 60 Redatta in conformità alla D.G.R. n. 7/20763 del 16/02/2005 Brembate sopra, settembre 2010 La Carta dei Servizi è il requisito

Dettagli

Comune di Padova Settore Servizi Sociali. Codice Fiscale 00644060287 Via del Carmine, n. 13 35137 Padova fax 049/8205950

Comune di Padova Settore Servizi Sociali. Codice Fiscale 00644060287 Via del Carmine, n. 13 35137 Padova fax 049/8205950 Comune di Padova Settore Servizi Sociali Codice Fiscale 00644060287 Via del Carmine, n. 13 35137 Padova fax 049/8205950 CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI LABORATORIO OCCUPAZIONALE PROTETTO

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA Documentazione Sistema Qualità Pag. 1 di 11 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA DELLA ZONA ALTA VALDELSA Numero Revisione Motivo Data 1 APPROVAZIONE CONSIGLIO

Dettagli

Allegato A PROGETTO OPERATIVO C.S.E. VALUTARE PER VALORIZZARE: PER UNA MIGLIORE QUALITÀ DI VITA

Allegato A PROGETTO OPERATIVO C.S.E. VALUTARE PER VALORIZZARE: PER UNA MIGLIORE QUALITÀ DI VITA Allegato A PROGETTO OPERATIVO C.S.E. VALUTARE PER VALORIZZARE: PER UNA MIGLIORE QUALITÀ DI VITA PREMESSA 1. Normativa di riferimento La legge n. 328/00 enuncia all art. 14 le disposizioni per la realizzazione

Dettagli

QUESITI ATTUAZIONE DGR 2942 del 19/12/2014 06.03.2015

QUESITI ATTUAZIONE DGR 2942 del 19/12/2014 06.03.2015 QUESITI ATTUAZIONE DGR 2942 del 19/12/2014 06.03.2015 QUESITO RISPOSTA RISPOSTE AI QUESITI GENERALI E' possibile a seguito di rivalutazione modificare il Si certo livello di intensità e il voucher nel

Dettagli

Regolamento di accesso al servizio di residenzialità per persone disabili residenti nel territorio dell'ulss n. 7. - PIEVE DI SOLIGO -

Regolamento di accesso al servizio di residenzialità per persone disabili residenti nel territorio dell'ulss n. 7. - PIEVE DI SOLIGO - Regolamento di accesso al servizio di residenzialità per persone disabili residenti nel territorio dell'ulss n. 7. - PIEVE DI SOLIGO - Parte Prima NORME DI CARATTERE GENERALE Art. 1 Finalità Con il presente

Dettagli

PROVINCIA DI FROSINONE L. 328/2000. Comuni di:

PROVINCIA DI FROSINONE L. 328/2000. Comuni di: Comune Capofila Aalatri PROVINCIA DI FROSINONE L. 328/2000 Comuni di: Acuto, Alatri, Anagni, Collepardo, Filettino, Fiuggi, Guarcino, Paliano, Piglio, Serrone, Sgurgola, Torre Cajetani,Trevi nel Lazio,

Dettagli

PROTOCOLLO DI CONTINUITA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO DI CONTINUITA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROTOCOLLO DI CONTINUITA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI FINALITÀ: dalla SCUOLA D INFANZIA alla SCUOLA PRIMARIA alla SCUOLA SECONDARIA- Questo documento denominato Protocollo di Continuità per gli alunni

Dettagli

Ambito Distrettuale 6.1

Ambito Distrettuale 6.1 Ambito Distrettuale 6.1 Piano di Zona 2013-2015 AREE DI INTERVENTO: OBIETTIVI STRATEGICI, PRIORITA DEL PDZ, AZIONI, TEMPI E RISORSE 4.2 AREA DISABILITA PREMESSA. Negli ultimi anni l azione progettuale

Dettagli

CRITERI DI GESTIONE DEL R.U.R. (Registro Unico di Residenzialità)

CRITERI DI GESTIONE DEL R.U.R. (Registro Unico di Residenzialità) Regione del Veneto AZIENDA U.L.S.S. N. 16 PADOVA REGOLAMENTO AZIENDALE CRITERI DI GESTIONE DEL R.U.R. (Registro Unico di Residenzialità) PREMESSA Con deliberazione n. 3632 del 13 dicembre 2002 Residenzialità

Dettagli

COMUNE DI PARMA DISTRETTO DI PARMA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO SOCIALE

COMUNE DI PARMA DISTRETTO DI PARMA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO SOCIALE COMUNE DI PARMA DISTRETTO DI PARMA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO SOCIALE approvato con Deliberazione di Consiglio comunale n. 83/15 del 08.07.2008 e modificato con atto del Commissario Straordinario

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

Relazione tecnico illustrativa

Relazione tecnico illustrativa Relazione tecnico illustrativa A. SERVIZIO SOCIO EDUCATIVO PER L AMBITO DISTRETTUALE DEL CIVIDALESE PER IL QUINQUENNIO 01.07.2013-30.06.2018 1) DESCRIZIONE DEL SERVIZIO Il presente Capitolato Speciale

Dettagli

ASL DI BASSANO D. GRAPPA ASL DI BASSANO D. GRAPPA

ASL DI BASSANO D. GRAPPA ASL DI BASSANO D. GRAPPA INFORMAZIONI PERSONALI Nome Menegolo Annalisa Data di nascita 20/09/1956 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia ASL DI BASSANO D. GRAPPA Responsabile - U.O.S.I.

Dettagli

PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili

PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Piano d intervento Il piano di lavoro elaborato per l anno scolastico 2011/2012 dallo specialista dell

Dettagli

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES.

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES. PROGRAMMA PROVINCIALE FINALIZZATO ALLA SPERIMENTAZIONE DI MODELLI ORGANIZZATIVI INNOVATIVI DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI DI RETE RIVOLTI ALLE PERSONE DISABILI L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART.

Dettagli

Allegato A) al capitolato speciale d appalto. Standard dei servizi di orientamento e accompagnamento al lavoro

Allegato A) al capitolato speciale d appalto. Standard dei servizi di orientamento e accompagnamento al lavoro Allegato A) al capitolato speciale d appalto Standard dei servizi di orientamento e accompagnamento al lavoro SERVIZIO/AZIONE OBIETTIVI ATTIVITÀ Informazione orientativa (Macro intervento 1) Raccogliere

Dettagli

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE PER PERSONE CON DISABILITÀ LA CASA DELLE ROSE

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE PER PERSONE CON DISABILITÀ LA CASA DELLE ROSE RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE PER PERSONE CON DISABILITÀ LA CASA DELLE ROSE PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La Residenza Sanitaria Assistita per le persone con disabilità si connota come una risposta

Dettagli

Riconoscimento del lavoro di cura del familiare caregiver e integrazione dell assistenza domiciliare in favore dei malati di SLA della Sardegna.

Riconoscimento del lavoro di cura del familiare caregiver e integrazione dell assistenza domiciliare in favore dei malati di SLA della Sardegna. Allegato alla Delib.G.R. n. 49/14 del 7.12.2011 PROGETTO: Riconoscimento del lavoro di cura del familiare caregiver e integrazione dell assistenza domiciliare in favore dei malati di SLA della Sardegna.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO AFFIDO APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE n. 8

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO AFFIDO APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE n. 8 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO AFFIDO APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE n. 8 Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento disciplina l Istituto dell Affido e dell Appoggio Familiare presso i Comuni

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE REGIONE VENETO - AZIENDA SANITARIA ULSS 22 PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE A cura del Coordinamento dei Distretti socio-sanitari e dei Medici

Dettagli

COMUNE DI GORGONZOLA Provincia di Milano. Assessorato Servizi alla Persona - Sanità. Regolamento del Centro Diurno Disabili

COMUNE DI GORGONZOLA Provincia di Milano. Assessorato Servizi alla Persona - Sanità. Regolamento del Centro Diurno Disabili COMUNE DI GORGONZOLA Provincia di Milano Assessorato Servizi alla Persona - Sanità Regolamento del Centro Diurno Disabili Delibera di Consiglio Comunale n. del 2 REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO

Dettagli

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 42/11 DEL 4.10.2006 PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO 1 - Introduzione Il programma Ritornare a casa è finalizzato

Dettagli

Art. 1 OGGETTO E FINALITA

Art. 1 OGGETTO E FINALITA BANDO SPERIMENTALE PER L INDIVIDUAZIONE DI N 10 BENEFICIARI AL FINE DI AVVIARE PROGETTI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DELL AUTONOMIA E ALL INCLUSIONE SOCIALE DELLE PERSONE DISABILI (AI SENSI DELLA DDG 10227

Dettagli

Unità di offerta. che possono essere incluse nel Piano Socio Sanitario della. Regione Veneto

Unità di offerta. che possono essere incluse nel Piano Socio Sanitario della. Regione Veneto giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOB alla Dgr n. 84 del 16 gennaio 2007 pag. 0/44 Allegato B) Dgr n. del 4444 Pagine Unità di offerta che possono essere incluse nel Piano Socio Sanitario della Regione

Dettagli

DISTRETTO DI LUINO CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DIURNO DISABILI DI LUINO

DISTRETTO DI LUINO CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DIURNO DISABILI DI LUINO DISTRETTO DI LUINO CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DIURNO DISABILI DI LUINO Il Centro Diurno Disabili è gestito dal 2003 dal Comune di Luino in qualità di Ente capofila del Distretto di Luino a seguito del

Dettagli

Comunità Alloggio Casa Blu Per persone con disabilità Carta dei Servizi

Comunità Alloggio Casa Blu Per persone con disabilità Carta dei Servizi Comunità Alloggio Casa Blu Per persone con disabilità Carta dei Servizi CENNI STORICI Il 4 luglio 2006 la Giunta della Regione Veneto con DGRV n. 2141 approva un Accordo di Programma relativo alla riorganizzazione

Dettagli

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE O GG E TTO : Rimodulazione del Fondo di solidarietà per la gravi disabilità rinominato "CONTRIBUTO DI SOLIDARIETA' PER LA RESIDENZIALITA' E SEMIRESIDENZIALITA (DISABILI, PAZIENTI PSICHIATRICI E PERSONE

Dettagli

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che Protocollo d intesa metodologico-operativo tra la Provincia di Fermo Settore Formazione Professionale, Scuola e Politiche del Lavoro e Settore Politiche Sociali, gli Ambiti Territoriali Sociali XIX e XX

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO INSERIMENTO LAVORATIVO E SOCIALE PER PERSONE CON DISABILITA, DISTURBO MENTALE E PER SOGGETTI SVANTAGGIATI (L.

REGOLAMENTO SERVIZIO INSERIMENTO LAVORATIVO E SOCIALE PER PERSONE CON DISABILITA, DISTURBO MENTALE E PER SOGGETTI SVANTAGGIATI (L. COMUNE DI SANTA MARIA NUOVA REGOLAMENTO SERVIZIO INSERIMENTO LAVORATIVO E SOCIALE PER PERSONE CON DISABILITA, DISTURBO MENTALE E PER SOGGETTI SVANTAGGIATI (L.381/91) Il seguente Regolamento Comunale assimila

Dettagli

DECRETO n. 79 del 06/02/2014

DECRETO n. 79 del 06/02/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

SERVIZI FORMATIVI OFFERTI

SERVIZI FORMATIVI OFFERTI CARTA DELLA QUALITA La Carta della Qualità della ISEAF ha come obiettivo quello di rendere note le caratteristiche dei servizi offerti ai propri clienti ed è ispirata ai criteri e principi di uguaglianza,

Dettagli

Piani di zona 2012-2014 e Piano di zona unitario 2015-2017 degli ambiti distrettuali di Bellano, Lecco e Merate

Piani di zona 2012-2014 e Piano di zona unitario 2015-2017 degli ambiti distrettuali di Bellano, Lecco e Merate Servizi Sociali d Ambito Ente Capofila Ufficio di Piano di Lecco. Progetto sperimentale 2015/2017 Sperimentazione di nuovi Servizi per la disabilità (cfr. punto 5.2.2.3.2/e Piano di Zona di Lecco 2015-2017-

Dettagli

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO Comune di Padova CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.

Dettagli

CENTRO DI SOSTEGNO A MINORI E FAMIGLIE e SPAZIO NEUTRO

CENTRO DI SOSTEGNO A MINORI E FAMIGLIE e SPAZIO NEUTRO ALLEGATO 3 DIRETTIVA PROGETTUALE CENTRO DI SOSTEGNO A MINORI E FAMIGLIE e SPAZIO NEUTRO Il progetto è costituito da due servizi diversi per finalità, obiettivi e metodologia, pertanto, la direttiva progettuale

Dettagli

COMUNE DI CASALGRANDE

COMUNE DI CASALGRANDE COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA Cap 42013 Piazza Martiri della Libertà, 1 tel: 0522 998511 fax: 0522 841039 Cod. fisc. e P. IVA 00284720356 Regolamento distrettuale determinante i

Dettagli

ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA A FAVORE DI MINORI DISABILI SCHEDA TECNICA PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO

ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA A FAVORE DI MINORI DISABILI SCHEDA TECNICA PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO Allegato 2) ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA A FAVORE DI MINORI DISABILI SCHEDA TECNICA PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO Premessa L Ambito di Garbagnate M.se intende avviare un processo di sperimentazione

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere

AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere Indice Art. 1 - Individuazione del servizio - Tipologia

Dettagli

SERVIZIO INSERIMENTI LAVORATIVI (SIL)

SERVIZIO INSERIMENTI LAVORATIVI (SIL) SERVIZIO INSERIMENTI LAVORATIVI (SIL) DEFINIZIONE ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO Per lungo tempo il problema dell inserimento lavorativo del disabile non è stato affrontato in modo sistematico: sia per le difficoltà

Dettagli

PATTO DI ACCREDITAMENTO

PATTO DI ACCREDITAMENTO PATTO DI ACCREDITAMENTO RELATIVO ALL ACQUISTO DI PRESTAZIONI DIURNE SPERIMENTALI SOCIO-EDUCATIVE PER PERSONE DISABILI PER LA FREQUENZA DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO CSE RICHIAMATE le seguenti normative: la

Dettagli

DIRETTIVE PROGETTUALI PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DENOMINATO CENTRO DIURNO SOCIO-RIABILITATIVO PER DISABILI ADULTI

DIRETTIVE PROGETTUALI PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DENOMINATO CENTRO DIURNO SOCIO-RIABILITATIVO PER DISABILI ADULTI ALLEGATO 1) DIRETTIVE PROGETTUALI PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DENOMINATO CENTRO DIURNO SOCIO-RIABILITATIVO PER DISABILI ADULTI OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO Il Centro diurno socio-riabilitativo

Dettagli

BANDO DI ACCREDITAMENTO 2014/15 PER LA FORNITURA DI PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE MEDIANTE VOUCHER SOCIALE

BANDO DI ACCREDITAMENTO 2014/15 PER LA FORNITURA DI PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE MEDIANTE VOUCHER SOCIALE DISTRETTO SOCIO - SANITARIO D54 Comuni di Castelvetrano - Campobello di Mazara- Partanna- Poggioreale-Salaparuta-Santa Ninfa Partanna Poggioreale Salaparuta - Santa Ninfa Piazza G. Cascino, n. 8 91022

Dettagli

7 IL PROGRAMMA ATTUATIVO ANNUALE 2013 7.1 AZIONE DI SISTEMA SCHEDA PAA N. 1 GOVERNANCE SOCIALE

7 IL PROGRAMMA ATTUATIVO ANNUALE 2013 7.1 AZIONE DI SISTEMA SCHEDA PAA N. 1 GOVERNANCE SOCIALE 7 IL PROGRAMMA ATTUATIVO ANNUALE 2013 Il Programma Attuativo Annuale declina per l anno 2013 le azioni di sistema e le azioni previste per le aree di intervento. In ogni scheda sono stati delineati il

Dettagli

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini INTRODUZIONE La famiglia costituisce in Italia la principale risorsa assistenziale per l anziano disabile. La

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO D32 Comune capo-fila TAORMINA

DISTRETTO SOCIO SANITARIO D32 Comune capo-fila TAORMINA DISTRETTO SOCIO SANITARIO D32 Comune capo-fila TAORMINA CAPITOLATO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO PIANI INDIVIDUALIZZATI DISABILI GRAVI Art.1 Oggetto del Capitolato La disgregazione e frammentazione territoriale,

Dettagli

Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. La Carta dei Servizi. Gli orientamenti culturali di riferimento

Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. La Carta dei Servizi. Gli orientamenti culturali di riferimento Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. Ce.Se.A. nasce nel 1999, presso il Centro Servizi Formativi del Comune di Lecco e sullo stimolo dell allora Centro Servizio Adulti (da cui l acronimo Ce.Se.A.)

Dettagli

DISTRETTO VALLI TARO E CENO

DISTRETTO VALLI TARO E CENO UFFICIO di PIANO DISTRETTO VALLI TARO E CENO PROTOCOLLO OPERATIVO di recepimento delle DELIBERE DI GIUNTA REGIONALE n. 1230 del 28/07/2008 e n. 1206 del 30/07/2007 approvato dal Comitato di Distretto in

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE BORSE DI FORMAZIONE-LAVORO E DELLE BORSE DI STUDIO A VALENZA TERAPEUTICO RIABILITATIVA DEL DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE

REGOLAMENTO DELLE BORSE DI FORMAZIONE-LAVORO E DELLE BORSE DI STUDIO A VALENZA TERAPEUTICO RIABILITATIVA DEL DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 1 TRIESTINA DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE REGOLAMENTO DELLE BORSE DI FORMAZIONE-LAVORO E DELLE BORSE

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il : Cooperativa Nuova Generazione Via P. Mattarella snc 90019 Trabia (PA) P.IVA 02732380825

Dettagli

C O M U N E D I D O L O Provincia di Venezia

C O M U N E D I D O L O Provincia di Venezia C O M U N E D I D O L O Provincia di Venezia Regolamento per l accesso e la gestione del Progetto Sociale Gruppo Appartamento Approvato con delibera C.C. n. 66 del 30.11.2010 - esecutivo INDICE Art. 1

Dettagli

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PREMESSA Il presente bando disciplina l erogazione di buoni sociali finanziati attraverso Fondo Non Autosufficienze (FNA). Il Buono Sociale si

Dettagli

I punti caratterizzanti del programma RAC sono costituiti da: integrazione sociosanitaria; personalizzazione dell intervento;

I punti caratterizzanti del programma RAC sono costituiti da: integrazione sociosanitaria; personalizzazione dell intervento; Allegato alla Delib.G.R. n. 43/ 43 del 6.12.2010 Progetto Potenziamento del programma Ritornare a casa Il presente Progetto viene proposto sulla base di quanto previsto dalle direttive di attuazione al

Dettagli

- LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SOCIALE

- LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SOCIALE Allegato B - LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SOCIALE - LINEE GUIDA SULLA FORMAZIONE RIVOLTA A PERSONE DISABILI- PRELAVORATIVO e FORMAZIONE AL LAVORO (con indirizzo) NOTA BENE: per l accesso ai corsi lo stato

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. 09 Politiche sociali e pari opportunità Dott. Salvatore Stangoni. Funzionario responsabile

COMUNE DI SASSARI. 09 Politiche sociali e pari opportunità Dott. Salvatore Stangoni. Funzionario responsabile n. 2 Centro di Responsabilità Centro di Costo Dirigente responsabile 09 Politiche sociali e pari opportunità Dott. Salvatore Stangoni Servizio Funzionario responsabile n. Denominazione obiettivo 2 Ampliare,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA AI DISABILI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA AI DISABILI COMUNE DI CENTO COMUNE CAPOFILA GESTIONALE SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTO FERRARESE REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA AI DISABILI 1 Art. 1 - Finalità La finalità

Dettagli

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di FORUMPA SANITA' 2001 A.S.L. della Provincia di Milano n 1 Dipartimento ASSI Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di Corsico e

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma CAPITOLATO D ONERI APPALTO PER LA GESTIONE DEI CENTRI DIURNI PER DISABILI (CIVITAVECCHIA-TOLFA) I GIRASOLI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma CAPITOLATO D ONERI APPALTO PER LA GESTIONE DEI CENTRI DIURNI PER DISABILI (CIVITAVECCHIA-TOLFA) I GIRASOLI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma DISTRETTO RMF1 Comune capofila Civitavecchia Ufficio di Piano CAPITOLATO D ONERI APPALTO PER LA GESTIONE DEI CENTRI DIURNI PER DISABILI (CIVITAVECCHIA-TOLFA) I

Dettagli

PROGETTI SPERIMENTALI delle sedi PADOVA e ROVIGO: GRUPPO DI SUPPORTO E AIUTO E CONSULENZA PSICOLOGICA (INDIVIDUALE O/E FAMILIARE)

PROGETTI SPERIMENTALI delle sedi PADOVA e ROVIGO: GRUPPO DI SUPPORTO E AIUTO E CONSULENZA PSICOLOGICA (INDIVIDUALE O/E FAMILIARE) Allegato n. 2 Circ. 61/2011 1. Titolo Intervento Schema Intervento Titolo IV PROGETTI SPERIMENTALI delle sedi PADOVA e ROVIGO: GRUPPO DI SUPPORTO E AIUTO E CONSULENZA PSICOLOGICA (INDIVIDUALE O/E FAMILIARE)

Dettagli

Regolamento del Servizio di Asilo Nido

Regolamento del Servizio di Asilo Nido COMUNE DI TAGLIO DI PO Provincia di Rovigo Regolamento del Servizio di Asilo Nido (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n.61 del 9/08/2005) (Modificato con deliberazione di Consiglio comunale

Dettagli

INDICE. Art. 1 Obiettivi pag. 2. Art. 2 L Utenza: caratteristiche e bisogni pag. 3. Art. 3 Caratteristiche strutturali degli ambienti pag.

INDICE. Art. 1 Obiettivi pag. 2. Art. 2 L Utenza: caratteristiche e bisogni pag. 3. Art. 3 Caratteristiche strutturali degli ambienti pag. INDICE Art. 1 Obiettivi pag. 2 Art. 2 L Utenza: caratteristiche e bisogni pag. 3 Art. 3 Caratteristiche strutturali degli ambienti pag. 3 Art. 4 Le attività della Comunità pag. 4 Art. 5 Tempi di apertura

Dettagli

REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE Allegato sub lettera A) alla delibera di CC. N COMUNE DI MIRA (Provincia di Venezia) REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE 1 Art. 1 IL VALORE DELLA FAMIGLIA 1. La famiglia viene riconosciuta come l unità fondamentale

Dettagli

TRA LE PARTI PREMESSO

TRA LE PARTI PREMESSO CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO ALLA COOPERATIVA SOCIALE CASA BIANCA DELLA REALIZZAZIONE DI PROGETTI DI INSERIMENTO-REINSERIMENTO LAVORATIVO, DI AFFIANCAMENTO E SUPPORTO EDUCATIVO A FAVORE DI UTENTI SEGUITI

Dettagli

OGGETTO :AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI A :

OGGETTO :AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI A : OGGETTO :AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI A : N. 1 PSICOLOGO per il servizio Centro Famiglie N. 1 AVVOCATO per il servizio Centro Famiglie Ai sensi e per gli effetti della legge 10 aprile

Dettagli

PASSO DOPO PASSO. Progetti per il Reinserimento sociale e lavorativo di persone appartenenti a categorie fragili

PASSO DOPO PASSO. Progetti per il Reinserimento sociale e lavorativo di persone appartenenti a categorie fragili PASSO DOPO PASSO 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi Essenziali Altro 4. Area tematica Esclusione Sociale 5. Macrotipologia Progetti per il Reinserimento sociale

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD aree anziani, disabili, nuove povertà)

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD aree anziani, disabili, nuove povertà) COMUNE DI SESTO CALENDE (Provincia di Varese) Area dei Servizi Educativi e Socio-Culturali SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD aree anziani, disabili, nuove povertà) CARTA DEI SERVIZI Approvata con

Dettagli

L. 162/98 2000 353 123 230 1.337.964,89 2001 688 580 108 4.155.265,27 2002 1.648 1.524 124 10.516.445,00 2003 2.618 2.344 274 13.463.

L. 162/98 2000 353 123 230 1.337.964,89 2001 688 580 108 4.155.265,27 2002 1.648 1.524 124 10.516.445,00 2003 2.618 2.344 274 13.463. L. 162/98 Anno di presentazione Piani presentati Piani finanziati Piani esclusi Costo annuale 2000 353 123 230 1.337.964,89 2001 688 580 108 4.155.265,27 2002 1.648 1.524 124 10.516.445,00 2003 2.618 2.344

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA 2 OGGETTO: INDIRIZZI IN MATERIA DI INTERVENTI SOCIO-SANITARI TERRITORIALI RELATIVI ALL AFFIDAMENTO FAMILIARE DI CUI ALLA LEGGE 4 MAGGIO 1983, N.184, E SUCCESSIVE MODIFICHE LA VISTO

Dettagli

REGOLAMENTO C.I.S.A. Consorzio Intercomunale Socio Assistenziale Comuni di: Rivoli Rosta Villarbasse

REGOLAMENTO C.I.S.A. Consorzio Intercomunale Socio Assistenziale Comuni di: Rivoli Rosta Villarbasse C.I.S.A. Consorzio Intercomunale Socio Assistenziale Comuni di: Rivoli Rosta Villarbasse REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI ASSEGNI DI SERVIZIO A FAVORE DI PERSONE DISABILI DEL DISTRETTO N. 2 DELL A.S.L.

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE Definizione obiettivi: descrizione degli obiettivi di piano riferiti agli obiettivi generali

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. RITENUTO, per i motivi riportati nel predetto documento istruttorio e che vengono condivisi, di deliberare in merito;

LA GIUNTA REGIONALE. RITENUTO, per i motivi riportati nel predetto documento istruttorio e che vengono condivisi, di deliberare in merito; D.G.R. n. 869 del 17.6.2003, Indirizzi in materia di interventi socio-sanitari territoriali relativi all affidamento familiare di cui alla legge 4 maggio 1983, n.184, e successive modifiche (B.U.R. n.

Dettagli

COMUNE DI MARCON REGOLAMENTO SULLE PRESTAZIONI ECONOMICHE AI NON AUTOSUFFICIENTI

COMUNE DI MARCON REGOLAMENTO SULLE PRESTAZIONI ECONOMICHE AI NON AUTOSUFFICIENTI COMUNE DI MARCON REGOLAMENTO SULLE PRESTAZIONI ECONOMICHE AI NON AUTOSUFFICIENTI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 11 DEL 17.02.2014 Regolamento di accesso alle prestazioni economiche erogate

Dettagli

ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento

ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 45 del 19.07.2010) (in vigore dal 07.08.2010) ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento

Dettagli

LIVEAS - Strutture residenziali e semiresidenziali per persone con fragilità sociali

LIVEAS - Strutture residenziali e semiresidenziali per persone con fragilità sociali CASA FAMIGLIA PER PERSONE ADULTE CON DISAGIO PSICHICO 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi Essenziali Altro 4. Area tematica Esclusione Sociale Disabilità Psichica

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli