L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE"

Transcript

1 L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1

2 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per potersi pag. 5 accreditare in Regione del Veneto? Domanda (3) Come si presenta un istanza di accreditamento? pag. 6 Domanda (4) Domanda (5) Domanda (6) Domanda (7) Domanda (8) Domanda (9) Qual è la tipologia di esperienza pregressa accettata dal sistema di accreditamento? Esiste un sistema di mutuo riconoscimento degli Organismi di Formazione accreditati in altre Regioni? Il mio Ente ha svolto un corso di Formazione Superiore (FS) con delle ore dedicate all Orientamento. Posso concorrere per i due ambiti di accreditamento? Ho svolto dei corsi in ambito di Formazione Continua (FC), posso presentare istanza di accreditamento per l ambito della Formazione Superiore (FS)? Sull asse temporale, quali attività possono essere inserite nella Tabella Elenco Attività Formative Realizzate? Se le attività che compongono l esperienza pregressa del mio Ente sono state erogate a fronte di un finanziamento pubblico di un Ente diverso dalla Regione del Veneto, queste sono valide? Ed è sufficiente auto dichiararle, o bisogna far altro? pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. 8 pag. 8 Domanda (10) Siamo un piccolo Ente ed abbiamo solo collaboratori per pag. 9 ricoprire tutte le funzioni di base. Possiamo presentare ugualmente domanda di accreditamento? Domanda (11) Come si calcola il monte ore approvato? pag. 9 Domanda (12) Come si calcola il monte ore rendicontato? pag. 9 Domanda (13) Cosa si intende per allievi frequentanti? pag. 9 Domanda (14) Cosa si intende per allievi formati? pag. 9 Domanda (15) Cosa viene verificato in fase di Audit di accreditamento? pag. 10 2

3 Domanda (16) Domanda (17) Un Ente che ha presentato istanza di accreditamento sarà sempre verificato anche in Audit? Cosa deve fare un Ente dopo che ha ottenuto l accreditamento per rimanere iscritto nell elenco regionale degli Organismi di Formazione Accreditati? pag. 10 pag. 10 Domanda (18) Cosa si deve fare quando si riceve la comunicazione di pag. 10 avvio del procedimento di mantenimento? Domanda (19) Cosa sono gli spazi didattici? pag. 11 Domanda (20) Oltre agli spazi didattici relativi alla sede operativa pag. 11 dispongo anche di ulteriori spazi. In quale allegato vanno inseriti? Domanda (21) Nel caso di nuovo ambito formativo è necessario pag. 11 presentare una nuova istanza di accreditamento? Domanda (22) Cosa bisogna fare per accreditare nuove aule formative pag. 11 (spazi didattici)? Domanda (23) E sufficiente presentare CV in formato europeo delle pag. 11 nuove risorse umane utilizzate? Domanda (24) Quali persone devono essere presenti in fase di audit? pag. 12 Domanda (25) Domanda (26) Domanda (27) Domanda (28) Cosa succede una volta che si è conclusa la fase di audit? La sede operativa deve necessariamente essere dotata di aule formative? E necessario effettuare formazione finanziata o riconosciuta per mantenere l accreditamento? E previsto l audit nel caso di richiesta per un nuovo ambito formativo? pag. 12 pag. 12 pag. 12 pag. 12 Domanda (29) Se ho la certificazione OHSAS devo comunque pag. 13 presentare la documentazione relativa alla sicurezza e all idoneità degli spazi utilizzati? Domanda (30) La sede operativa deve essere a norma con la normativa pag. 13 sul rispetto delle barriere architettoniche? Domanda (31) Quanti giorni ho per sanare i Rilievi e a chi devo pag. 13 mandare le integrazioni: Auditor o Ufficio? Domanda (32) Per i suggerimenti e le raccomandazioni inseriti nel pag. 13 3

4 Domanda (33) Domanda (34) Domanda (35) verbale di audit devo fare qualcosa, c è una scadenza? Quali sono le modifiche che devo comunicare all ufficio? Ad esempio se cambia il direttore o il responsabile della progettazione cosa devo fare? Per l ambito FC, nel caso di Enti con sede operativa privi di spazi didattici, se si cambia convenzione per gli spazi didattici visti in audit, è necessaria una comunicazione? Posso utilizzare il logo della Regione Veneto sul sito web e sulla documentazione pubblicitaria dei corsi? pag. 13 pag. 14 pag. 14 4

5 L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE Introduzione In un ottica di miglioramento continuo dei servizi ai cittadini attraverso la massima trasparenza e semplificazione delle procedure amministrative della Regione del Veneto è stato concepito e redatto questo breve documento come ausilio agli operatori. Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? Il sistema di accreditamento della Regione del Veneto si propone di realizzare politiche attive di sviluppo delle risorse umane sul territorio regionale attraverso l introduzione di standard di qualità dei soggetti operanti nel sistema dell IFP (Istruzione e Formazione Professionale) sulla base di parametri oggettivi. In una logica sistemica l accreditamento è utilizzato quale leva strategica volta al miglioramento qualitativo dell offerta formativa, in risposta all evoluzione della domanda sociale, dei fabbisogni formativi del territorio e dello scenario politico istituzionale al fine di garantire ai cittadini i diritti fondamentali all apprendimento e al lavoro. Infatti, in un ottica d innalzamento continuo della qualità la Giunta Regionale del Veneto ha previsto che tutte le Organizzazioni che intendano erogare attività formative e/o orientative a finanziamento regionale e/o riconoscimento regionale (ex L.R. n.10/90) siano iscritte nell Albo regionale degli Enti accreditati ai sensi delle L.R. n.19/2002 e s.m.i. comprendendo anche gli Enti pubblici (ad esempio: Scuole, Università, Aziende ULSS, Enti locali, IPAB), che non sono attori tradizionali del mondo dell IFP Veneto ed oggi rappresentano più di un terzo dell universo degli OdF accreditati. Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per potersi accreditare in Regione del Veneto? Un Organismo di Formazione e/o Orientamento che intende accreditarsi deve rispondere ad una serie di requisiti che possono essere riassunti come segue: prevedere tra i propri fini statutari la formazione e/o l orientamento, avere rappresentatività socio-economica e professionale, possedere interrelazioni con il territorio e avvalersi di reti attive di collaborazione, possedere requisiti strutturali, dimostrata affidabilità economico finanziaria, possedere un organizzazione/gestione delle risorse umane, dimostrare il raggiungimento di risultati formativi attraverso l erogazione di percorsi formativi a finanziamento pubblico e/o a riconoscimento regionale, direttamente o in partenariato con un Ente accreditato. 5

6 Riguardo all esperienza pregressa nell erogazione di attività formativa a finanziamento pubblico e/o a Riconoscimento regionale si specifica che l Ente accreditando deve dimostrare di aver erogato attività formative negli ultimi 36 mesi per un minimo di: 1800 ore per l'ambito dell'obbligo Formativo, 900 ore per la Formazione Superiore, 450 ore per la Formazione Continua, 1 attività per l Orientamento come soggetto beneficiario diretto (3 attività se in partenariato). Il soggetto richiedente che abbia svolto attività in collaborazione con Enti accreditati, deve dimostrare: a) di aver realizzato comunque attività in misura pari o maggiore alle soglie minime fissate per ciascun ambito come sopra indicato; b) di aver ricoperto almeno due funzioni di base 1 per ogni singolo corso; c) che l'attività effettuata, ossia la somma delle ore realmente realizzate dall Ente attraverso le funzioni svolte dal medesimo Organismo di Formazione accreditando, risulti in media maggiore o uguale al 25% del totale ore/progetti. La normativa attualmente in vigore è la DGR n. 359 del 13 febbraio 2004 e si trova nella seguente pagina del sito regionale: _spp_detailid= Si fa presente, inoltre, che con Decreto del Dirigente n. 242/2010, ai sensi della DGR n. 4198/2009, sono state modificate le modalità di presentazione delle istanze di accreditamento. Tutte le istanze devono obbligatoriamente essere presentate attraverso il portale dedicato il cui link si trova nella seguente pagina web dedicata all'accreditamento degli Organismi di Formazione ai sensi della L.R. n. 19/2002: Domanda (3) Come si presenta un istanza di accreditamento? La presentazione di una istanza avviene in due momenti differenti: 1. Compilazione e caricamento del formulario attraverso l applicativo regionale Accred 2. Perfezionamento dell istanza attraverso l invio dei seguenti documenti in.pdf sottoscritti con firma digitale: Domanda di accreditamento Autodichiarazione del Legale Rappresentante di affidabilità economico finanziaria Dossier formativi individuali (firmati in originale e scansionati i dossier firmati in originale vanno tenuti agli atti dell ente per eventuali controlli ai sensi del DPR n. 445/2000) Allegato D1, in caso di attività pregressa realizzata in partenariato con un Ente accreditato (firmati in originale e scansionati l allegato D1 originale va tenuta agli atti dell ente per eventuali controlli ai sensi del DPR n. 445/2000). Si sottolinea che l invio avviene solo ed esclusivamente via PEC al seguente indirizzo: 1 1) Direzione dell O.d.F., 2) Gestione Economica finanziaria dell O.d.F., 3) Progettazione e sviluppo, 4) Coordinamento progetti, 5) Formazione/Docenza e 6) Tutoring. 6

7 Si ricorda, inoltre, che l'istanza deve essere sottoscritta con la firma digitale rilasciata da un certificatore accreditato DigitPA agenzia per l Italia Digitale. Il file firmato deve avere l estensione.p7m. L imposta di bollo, se dovuta, va assolta dal soggetto autore del documento digitale in modo virtuale, in ragione della normativa vigente in materia fiscale. Le indicazioni in merito alle modalità di assolvimento si trovano sul sito internet della Regione del Veneto-percorsi-formazione-spazio operatori-avvisi (http://www.regione.veneto.it/web/formazione/spazio-operatoriformazione) Domanda (4) Qual è la tipologia di esperienza pregressa accettata dal sistema di accreditamento? Ai fini del raggiungimento del plafond minimo di attività pregressa nell erogazione di attività formativa e/o orientativa, il sistema di accreditamento della Regione del Veneto prende in considerazione sia le attività a finanziamento pubblico, ossia in cui il Finanziatore sia un Soggetto di natura pubblica (ad esempio Comuni, Province, Regioni, Ministeri, Unione Europea, Scuole Pubbliche, Forze Armate ecc.), sia quelle a riconoscimento regionale ex L.R. n. 10/1990. Si specifica che qualora le attività formative e/o orientative siano finanziate da un Ente Pubblico terzo rispetto alla Regione del Veneto, queste devono prevedere un iter amministrativo con avviso pubblico e selezione dei progetti. L Ente che intende presentare istanza di accreditamento può essere stato sia Beneficiario diretto di Finanziamento Pubblico sia, in via residuale, un Ente partner di un Ente accreditato ai sensi della L.R. n. 19/2002. In questo secondo caso di specie, le ore realmente erogate possono essere prese in considerazione solo se rispettano, come evidenziato nell All. D1, tre condizioni: 1. l Ente Beneficiario deve essere accreditato ed il suo accreditamento deve essere in linea con la tipologia di attività erogata; 2. aver ricoperto almeno due funzioni di base per ogni singolo corso; 3. che l'attività effettuata, ossia la somma delle ore realmente realizzate dall Ente attraverso le funzioni svolte dal medesimo Organismo di Formazione accreditando, risulti in media maggiore o uguale al 25% del totale ore/progetti. Si sottolinea che nel caso di attività svolta in partenariato il Soggetto partner di un Ente accreditato deve essere presente in tutti gli atti pubblici relativi al ciclo di vita del processo formativo: progetto approvato, registri d aula ove pertinente, rendicontazione finale ed approvazione del rendiconto da parte dell Ente Finanziatore. Non sono accoglibili le esperienze comprovate solo ed esclusivamente da atti tra privati. Domanda (5) Esiste un sistema di mutuo riconoscimento degli Organismi di Formazione accreditati in altre Regioni? Non esiste uno strumento di diretto riconoscimento dell accreditamento di un Ente presso un altra Regione. L accreditamento degli Organismi di Formazione è uno strumento di miglioramento continuo del sistema regionale della Formazione Professionale e dell Orientamento, per cui deve essere inquadrato in un ottica di rispetto dei requisiti previsti dal vigente 7

8 modello a livello regionale. In tale chiave di lettura anche l esperienza pregressa deve essere collegata al territorio regionale. Unica eccezione prevista dalla normativa vigente è data dai percorsi formativi e/o di Orientamento finanziati o riconosciuti da altre Regioni che potranno essere inseriti nelle tabelle di ambito solo qualora l'ente risulti già accreditato in via definitiva e per lo stesso ambito in tali Regioni e purché sia documentata anche almeno un attività svolta nel Veneto per il medesimo ambito. Domanda (6) Il mio Ente ha svolto un corso di Formazione Superiore (FS) con delle ore dedicate all Orientamento. Posso concorrere per i due ambiti di accreditamento? Ai fini del raggiungimento del plafond minimo di ore di esperienza pregressa erogata si ricorda che ogni singola attività formativa è valevole per un solo macro ambito di accreditamento, nonostante questa possa contemplare in sè interventi di natura formativa ed orientativa. Qualora non fosse chiaramente disciplinato a livello di bando che tipologia di attività formativa viene erogata l Ufficio accreditamento si riserva di richiedere un interpretazione autentica agli uffici competenti. Domanda (7) Ho svolto dei corsi in ambito di Formazione Continua (FC), posso presentare istanza di accreditamento per l ambito della Formazione Superiore (FS)? No, ci deve essere un allineamento tra esperienza pregressa ed ambito richiesto. Il sistema vigente di accreditamento prevede che un Organismo di Formazione possa concorrere alla richiesta di accreditamento per l ambito o gli ambiti per cui dimostri di superare le soglie minime di esperienza pregressa erogata a finanziamento pubblico e/o a Riconoscimento Regionale ex L.R. n.10/90. Domanda (8) Sull asse temporale, quali attività possono essere inserite nella Tabella Elenco Attività Formative Realizzate? Per esperienza pregressa si intendono le attività concluse negli ultimi 36 mesi rispetto a quando un Organismo presenta istanza di accreditamento. Le attività si ritengono concluse quando è stato presentato il rendiconto di spesa all Ente Finanziatore. Domanda (9) Se le attività che compongono l esperienza pregressa del mio Ente sono state erogate a fronte di un finanziamento pubblico di un Ente diverso dalla Regione del Veneto, queste sono valide? Ed è sufficiente auto dichiararle, o bisogna far altro? Qualora un Ente accreditando abbia maturato la propria esperienza nell erogazione di attività formative e/o orientative con Enti pubblici che non siano la Regione del Veneto dovrà produrre tutte le evidenze documentali 8

9 del caso che dimostrino l avvenuta realizzazione delle attività ed i risultati di monitoraggio richiesti dal modello di accreditamento. A livello operativo si allegherà all istanza on-line (in modalità up load) copia dei progetti presentati come esperienza dell Ente, copia dell atto di finanziamento dei progetti, copia dei registri d aula, copia delle rendicontazioni e delle approvazioni di rendiconto da parte dell Ente Finanziatore. Domanda (10) Siamo un piccolo Ente ed abbiamo solo collaboratori per ricoprire tutte le funzioni di base. Possiamo presentare ugualmente domanda di accreditamento? Nel calcolo della dotazione professionale dell'organismo di Formazione verranno presi in considerazione sia i dipendenti che i collaboratori stabili con prestazione fisica ed economica individuale; sono ritenuti tali i collaboratori che erogano per conto dell Organismo di Formazione almeno 300 ore di prestazioni professionali all'anno. Per l ambito dell'orientamento possono essere considerati collaboratori stabili coloro che collaborano con l Organismo di Formazione da almeno tre anni a prescindere dal numero di ore di servizio erogate all anno. Per l ambito dell Obbligo Formativo viene richiesto, ai sensi della DGR n del 30 luglio 2013, che almeno il 50% del personale impegnato in questo ambito sia dipendente (a tempo indeterminato e/o determinato) e che a questo sia applicato il CCNL per la Formazione Professionale sottoscritto dalle Organizzazioni Sindacali maggiormente rappresentative a livello nazionale. Domanda (11) Come si calcola il monte ore approvato? Il monte ore approvato si calcola moltiplicando il numero ore corso, secondo i dati indicati nel progetto approvato/riconosciuto, per il numero degli allievi presenti all avvio del corso. Domanda (12) Come si calcola il monte ore rendicontato? Il monte ore rendicontato si calcola sommando le ore effettivamente svolte da ciascun allievo formato. Domanda (13) Cosa si intende per allievi frequentanti? Quelli che hanno frequentato almeno il 25% delle ore corso. Domanda (14) Cosa si intende per allievi formati? Per allievi formati si intendono quelli che hanno conseguito una qualifica/specializzazione o che abbiano frequentato almeno il 70% del percorso formativo. 9

10 Domanda (15) Cosa viene verificato in fase di Audit di accreditamento? Vengono verificati i seguenti requisiti del modello di accreditamento: 1.2, 1.3, 3.1.1, 3.1.2, 3.2.1, 4.1, 4.2, 5.1.1, 5.1.3, Domanda (16) Un Ente che ha presentato istanza di accreditamento sarà sempre verificato anche in Audit? La valutazione della richiesta di accreditamento si articola in due fasi: una documentale ed una in loco. Se la fase di valutazione documentale ha esito negativo, per uno o più requisiti, non si procederà alla fase di audit poiché il mancato soddisfacimento di uno solo dei requisiti di base previsti dal modello comporta l esito negativo dell istanza di accreditamento. Se la fase di valutazione documentale ha esito positivo, si procederà con la verifica in loco dei requisiti, previa comunicazione all Organismo di Formazione. Domanda (17) Cosa deve fare un Ente dopo che ha ottenuto l accreditamento per rimanere iscritto nell elenco regionale degli Organismi di Formazione Accreditati? Le sedi operative accreditate saranno sottoposte a verifica annuale del mantenimento dei requisiti di accreditamento, anche tramite campionamento. Tutte le sedi operative accreditate saranno, comunque, verificate entro un periodo massimo di 24 mesi. La verifica di tutti gli Organismi accreditati verterà sui seguenti requisiti: la coerenza dei fini statutari, l idoneità dei locali alle norme igieniche e di sicurezza, l idoneità delle strutture, i documenti di bilancio, l organizzazione e la leadership, le politiche e le strategie, la dotazione minima del personale e l adeguatezza delle competenze; la soddisfazione dei clienti esterni, le relazioni con il contesto e l impatto sulla società. Al fine di dimostrare l effettiva operatività dell OdF nell ambito della Formazione e/o dell Orientamento, l ente accreditato deve dare evidenza oggettiva di aver realizzato almeno un attività formativa e/o orientativa, a finanziamento pubblico o a riconoscimento regionale o realizzata sul libero mercato, dalla data di iscrizione nell elenco regionale o dalla data dell ultima verifica di audit. Domanda (18) Cosa si deve fare quando si riceve la comunicazione di avvio del procedimento di mantenimento? L Ente sarà contattato dall auditor competente per fissare la data della verifica. Nel frattempo l Ente deve precompilare gli allegati trasmessi via dall ufficio accreditamento e successivamente inviarli a mezzo mail all auditor almeno 5 giorni prima della data prevista per la verifica in loco. 10

11 Domanda (19) Cosa sono gli spazi didattici? Gli spazi didattici sono i locali utilizzati esclusivamente per erogare attività di formazione o orientamento, ma privi di autonomia organizzativa (es.: singole aule o laboratori), requisito che caratterizza invece la sede operativa. Gli spazi didattici devono comunque rispettare i requisiti previsti dal modello relativamente ai punti 1.2 e 1.3 del modello di accreditamento in materia di igiene e sicurezza. Domanda (20) Oltre agli spazi didattici relativi alla sede operativa dispongo anche di ulteriori spazi. In quale allegato vanno inseriti? Gli spazi didattici al di fuori della sede operativa vanno indicati nell Allegato 1. In particolare si specifica che l All. 1 è costituito da due fogli di lavoro: in uno vengono indicati gli spazi presenti presso la sede operativa, nell altro gli altri spazi didattici. Le informazioni, quindi, non vanno inserite due volte, ma solo nella parte di effettiva competenza (o sede operativa o spazi didattici) Domanda (21) Nel caso di nuovo ambito formativo è necessario presentare una nuova istanza di accreditamento? Si, l OdF deve presentare una nuova istanza attraverso il portale Accred e con l invio dell istanza alla struttura competente a mezzo PEC. Domanda (22) Cosa bisogna fare per accreditare nuove aule formative (spazi didattici)? La procedura di accreditamento ha come oggetto una organizzazione inserita in una sede operativa e non si riferisce in senso stretto solo alle aule formative. Gli spazi didattici utilizzati dall OdF sono dichiarati al momento della domanda di accreditamento e in occasione degli audit di mantenimento. Domanda (23) E sufficiente presentare CV in formato europeo delle nuove risorse umane utilizzate? No, è necessario descrivere nei Dossier Formativi Individuali previsti dal sistema di accreditamento gli elementi qualificanti eventualmente rimandando al CV europeo per tutte le ulteriori informazioni di complemento e di dettaglio. 11

12 Domanda (24) Quali persone devono essere presenti in fase di audit? In audit è necessaria la presenza del Legale Rappresentante o di un suo delegato munito di delega formale, del Direttore dell OdF, di uno o più Referenti interni all OdF per l accreditamento che siano in grado di rispondere in modo esaustivo a richieste specifiche relativamente alle funzioni principali: Gestione economica, Progettazione e Coordinamento Progetti, Docenza e tutoring. Domanda (25) Cosa succede una volta che si è conclusa la fase di audit? Al termine del processo viene chiuso il rapporto di audit con la firma del legale rappresentante dell OdF e dell auditor. Una copia del verbale viene lasciata all OdF e l originale sarà consegnato all ufficio accreditamento. Se dal verbale non risultano rilievi verrà adottato il provvedimento di iscrizione dell Organismo di formazione all elenco regionale o di conferma dell iscrizione. Se ci sono dei rilievi verranno avviati, a seconda del procedimento al quale l audit afferisce, i seguenti procedimenti: avviso di rigetto dell istanza in caso di nuove richieste di accreditamento; avvio del procedimento di sospensione o di revoca in caso di mantenimento o variazione sede. Domanda (26) La sede operativa deve necessariamente essere dotata di aule formative? Per tutti gli ambiti è sempre necessaria la dotazione e la disponibilità di aule di proprietà o in virtù di contratto o di convenzione con soggetti terzi. L ente deve dimostrare, inoltre, di essere dotato di una procedura/prassi che gli consenta di disporre di strutture fisiche e tecnologiche adeguate alle attività da erogare. Le aule ed i laboratori possono essere presenti presso la sede operativa o esterni ad essa. Domanda (27) E necessario effettuare formazione finanziata o riconosciuta per mantenere l accreditamento? No, per mantenere l accreditamento è sufficiente dimostrare di aver realizzato delle attività formative dalla data dell ultima visita di audit. Tale formazione non deve essere necessariamente formazione finanziata e/o riconosciuta. Domanda (28) E previsto l audit nel caso di richiesta per un nuovo ambito formativo? Non è sempre necessaria l effettuazione di un nuovo audit in loco nel caso di richiesta di estensione ad un nuovo ambito formativo. 12

13 Domanda (29) Se ho la certificazione OHSAS devo comunque presentare la documentazione relativa alla sicurezza e all idoneità degli spazi utilizzati? Si, questo tipo di certificazione non esclude la verifica documentale della sicurezza e l audit in loco. Chiaramente la verifica risulterà più semplice e rapida vista la presenza di una certificazione relativa alla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Domanda (30) La sede operativa deve essere a norma con la normativa sul rispetto delle barriere architettoniche? La normativa vigente non contempla ancora tale requisito. Sicuramente il prossimo modello lo prevederà per allinearsi con quello nazionale di seconda generazione. Si fa presente che il sistema di accreditamento ai servizi al lavoro già lo prevede. Domanda (31) Quanti giorni ho per sanare i rilievi e a chi devo mandare le integrazioni: auditor o Ufficio? Entro 30 o 10 giorni dalla ricezione della nota regionale a seconda della tipologia di procedimento avviato. La documentazione deve essere inviata all ufficio accreditamento tramite PEC: Domanda (32) Per i suggerimenti e le raccomandazioni inseriti nel verbale di audit devo fare qualcosa, c è una scadenza? I suggerimenti e le raccomandazioni sono degli spunti per il miglioramento organizzativo dell ente. Questi non sono vincolanti ai fini del mantenimento dell accreditamento e vengono analizzati in occasione delle verifiche successive di audit di mantenimento. Domanda (33) Quali sono le modifiche che devo comunicare all ufficio? Ad esempio se cambia il direttore o il responsabile della progettazione cosa devo fare? Gli Organismi di Formazione accreditati devono comunicare alla Regione del Veneto Sezione Formazione ogni variazione relativa ai dati contenuti nell elenco degli OdF accreditati (quali denominazione, codice fiscale, sede legale, sede operativa, legale rappresentante, recapiti, ecc.) entro i 30 giorni successivi alla variazione stessa. Nell ipotesi di mancata o ritardata comunicazione sarà instaurato il procedimento per la sospensione e/o la revoca dell accreditamento per accertata grave irregolarità ai sensi della dgr N. 3289/2010 All. A punto b) del paragrafo 4. 13

14 Domanda (34) Per l ambito FC, nel caso di enti con sede operativa privi di spazi didattici, se si cambia convenzione per gli spazi didattici visti in audit, è necessaria una comunicazione? Se cambiano gli spazi didattici non è necessario inviare alcuna comunicazione all ufficio. L idoneità dei locali ed il rispetto dei requisiti 1.2 e 1.3 verranno verificati in sede di audit di mantenimento. L ente è tenuto a conservare tutta la documentazione attestante la conformità degli spazi al modello di accreditamento. Domanda (35) Posso utilizzare il logo della Regione Veneto sul sito web e sulla documentazione pubblicitaria dei corsi? In base a disposizioni regionali in materia, il logo è utilizzato per dare evidenza di attività o iniziative promosse dalla Giunta Regionale. Gli organismi di formazione accreditati, pertanto, potranno utilizzare il logo in relazione all'attività che gli stessi svolgono su finanziamento o riconoscimento regionale (ad esempio per promuovere un percorso formativo finanziato o riconosciuto dalla Regione a seguito della partecipazione ad uno specifico Avviso pubblico). Per altre iniziative di carattere generale, possono comunque indicare che sono iscritti all'elenco di cui alla LR 19/2002 indicando anche il numero di iscrizione a tale elenco. 14

PRESENTAZIONE ISTANZE DI ACCREDITAMENTO LEGGE REGIONALE N. 19/2002 MANUALE PER L ACCESSO AL SISTEMA E PER LA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA

PRESENTAZIONE ISTANZE DI ACCREDITAMENTO LEGGE REGIONALE N. 19/2002 MANUALE PER L ACCESSO AL SISTEMA E PER LA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA PRESENTAZIONE ISTANZE DI ACCREDITAMENTO LEGGE REGIONALE N. 19/2002 MANUALE PER L ACCESSO AL SISTEMA E PER LA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA 1 INDICE Introduzione pag. 3-5 Logica dell inserimento dati pag.

Dettagli

PROCEDURA DI ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO. DGR n. 927/2012. Manuale operativo per lo svolgimento delle attività di audit

PROCEDURA DI ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO. DGR n. 927/2012. Manuale operativo per lo svolgimento delle attività di audit PROCEDURA DI ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO DGR n. 927/2012 Manuale operativo per lo svolgimento delle attività di audit INDICE 1. PREMESSA 1.1 RIFERIMENTI 1.2 RIFERIMENTI NORMATIVI

Dettagli

Procedura di verifica di sussistenza dei requisiti minimi di accreditamento

Procedura di verifica di sussistenza dei requisiti minimi di accreditamento Allegato 2 Definizione delle procedure operative in materia di accreditamento delle strutture formative della Regione Marche Procedura di verifica di sussistenza dei requisiti minimi di accreditamento

Dettagli

- del D.Lgs. 163/2006 Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE;

- del D.Lgs. 163/2006 Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE; [ AVVISO PROVINCIALE PER LA ISTITUZIONE DI UN ALBO DI ORGANISMI FORMATIVI DA CUI ATTINGERE AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE COMMISSIONI D ESAME PER IL RILASCIO DI QUALIFICHE PROFESSIONALI E/O ABILITAZIONI

Dettagli

MODELLO DI ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI FORMATIVI DELLA REGIONE LIGURIA ALLEGATO A1

MODELLO DI ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI FORMATIVI DELLA REGIONE LIGURIA ALLEGATO A1 MODELLO DI ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI FORMATIVI DELLA REGIONE LIGURIA ALLEGATO A1 INDICE DEL DOCUMENTO Criterio A Risorse infrastrutturali e logistiche - Trasversale a tutte le macrotipologie...3 Criterio

Dettagli

art. 1 oggetto e finalità Art. 2 definizioni

art. 1 oggetto e finalità Art. 2 definizioni Direttive tecniche in tema di istruzione e formazione professionale (IeFP) di cui al capo III del Decreto Legislativo 17 ottobre 2005, n. 226. Standard regionali in materia di accreditamento degli enti

Dettagli

Circolare N. 152 del 3 Novembre 2015

Circolare N. 152 del 3 Novembre 2015 Circolare N. 152 del 3 Novembre 2015 Formazione professionale settore autotrasporto: prorogata al 20 novembre 2015 la data di presentazione della domanda Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

ACQUISTI ALBO FORNITORI POSTE ITALIANE S.P.A. CATEGORIA SERVIZI DI MANUTENZIONE MULTISERVICE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE.

ACQUISTI ALBO FORNITORI POSTE ITALIANE S.P.A. CATEGORIA SERVIZI DI MANUTENZIONE MULTISERVICE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE. ALBO FORNITORI POSTE ITALIANE S.P.A. CATEGORIA SERVIZI DI MANUTENZIONE MULTISERVICE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE Pagina 1 di 13 INDICE 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 1.1. Premessa e ambito

Dettagli

ALBO FORNITORI POSTE ITALIANE S.P.A.

ALBO FORNITORI POSTE ITALIANE S.P.A. ALBO FORNITORI POSTE ITALIANE S.P.A. CATEGORIA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE Pagina 1 di 12 INDICE 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 1.1. Premessa e ambito normativo

Dettagli

CATEGORIA ORGANIZZAZIONE EVENTI

CATEGORIA ORGANIZZAZIONE EVENTI ALBO FORNITORI POSTE ITALIANE S.P.A. CATEGORIA ORGANIZZAZIONE EVENTI REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE Pagina 1 di 12 INDICE 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 1.1. Premessa e ambito normativo di riferimento...

Dettagli

F.A.Q. PER L ACCREDITAMENTO DEI SERVIZI PER IL LAVORO CONNESSI ALLA YOUTH GUARANTEE DELLA REGIONE CALABRIA

F.A.Q. PER L ACCREDITAMENTO DEI SERVIZI PER IL LAVORO CONNESSI ALLA YOUTH GUARANTEE DELLA REGIONE CALABRIA F.A.Q. PER L ACCREDITAMENTO DEI SERVIZI PER IL LAVORO CONNESSI ALLA YOUTH GUARANTEE DELLA REGIONE CALABRIA FAQ CONCERNENTI LE PROCEDURE ED I REQUISITI PER L ACCREDITAMENTO DEI SERVIZI PER IL LAVORO, LE

Dettagli

AVVISO N. 02/2013 Data: 23/10/2013 Oggetto: Accreditamento revisori legali Scadenza: Avviso non soggetto a scadenza

AVVISO N. 02/2013 Data: 23/10/2013 Oggetto: Accreditamento revisori legali Scadenza: Avviso non soggetto a scadenza AVVISO N. 02/2013 Data: 23/10/2013 Oggetto: Accreditamento revisori legali Scadenza: Avviso non soggetto a scadenza Premessa Fondolavoro Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione

Dettagli

d. Sono state inserite le fattispecie di cause di sospensione e revoca dell accreditamento Forma.Temp.

d. Sono state inserite le fattispecie di cause di sospensione e revoca dell accreditamento Forma.Temp. FAQ Dispositivo di Accreditamento Forma.Temp Novità Dispositivo di Accreditamento Forma.Temp Domande e Rinnovo Accreditamento Criterio A - Capacità gestionali e logistiche Criterio C - Competenze Professionali

Dettagli

Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria

Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria GUIDA OPERATIVA PER UTENTI DELEGATI ALL INVIO NELLA GESTIONE DELLE DELEGHE PER LA RACCOLTA DELLE SPESE SANITARIE Pag. 1 di 11 INDICE 1. INTRODUZIONE...

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO 1 REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Partenariato del Programma Operativo FESR Basilicata 2014-2020 (art. 5 Regolamento UE n. 1303/2/13; Regolamento Delegato (UE) n. 240/2014; D.G.R. n. 906 del 21 luglio 2014)

Dettagli

Regione Toscana Direzione Generale della Presidenza - Settore Attività Internazionali L.R. 26/2009 PIANO INTEGRATO DELLE ATTIVITA INTERNAZIONALI

Regione Toscana Direzione Generale della Presidenza - Settore Attività Internazionali L.R. 26/2009 PIANO INTEGRATO DELLE ATTIVITA INTERNAZIONALI Allegato A Regione Toscana Direzione Generale della Presidenza - Settore Attività Internazionali L.R. 26/2009 PIANO INTEGRATO DELLE ATTIVITA INTERNAZIONALI Avviso pubblico per la presentazione di proposte

Dettagli

Allegato A) Premessa. Art. 1 Finalità generali

Allegato A) Premessa. Art. 1 Finalità generali Allegato A) AVVISO REGIONALE PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI CHE SVOLGONO ATTIVITA DI FORMAZIONE NEL TERRITORIO REGIONALE Premessa La Regione Toscana adotta il presente

Dettagli

PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI SICILIA

PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI SICILIA PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI SICILIA AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEI SOGGETTI ATTUATORI DI INTERVENTI FORMATIVI SPECIALISTICI MEDIANTE LA COSTITUZIONE DI UN CATALOGO DELL'OFFERTA FORMATIVA PER I

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI ACCREDITAMENTO AL SISTEMA REGIONALE DEI SERVIZI PER IL LAVORO

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI ACCREDITAMENTO AL SISTEMA REGIONALE DEI SERVIZI PER IL LAVORO 14 ASSESSORATO REGIONALE AL LAVORO, ISTRUZIONE, DIRITTO ALLO STUDIO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E ORIENTAMENTO, PROFESSIONI, PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA P.F. LAVORO E FORMAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE

Dettagli

Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria

Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria GUIDA OPERATIVA PER UTENTI SSA NELLA GESTIONE DELLE DELEGHE PER LA RACCOLTA DELLE SPESE SANITARIE Pag. 1 di 14 INDICE 1. Introduzione... 3 2. Autenticazione...

Dettagli

12566 22/12/2014 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE, VOLONTARIATO E PARI OPPORTUNITA' Identificativo Atto n. 640

12566 22/12/2014 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE, VOLONTARIATO E PARI OPPORTUNITA' Identificativo Atto n. 640 12566 22/12/2014 Identificativo Atto n. 640 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE, VOLONTARIATO E PARI OPPORTUNITA' ATTUAZIONE DELLA D.G.R. 2531 DEL 17/10/2014 PROMOZIONE E SVILUPPO SUL TERRITORIO

Dettagli

DOTE SOSTEGNO OCCUPAZIONE DISABILI PSICHICI GIA INSERITI IN COOPERATIVA 2011

DOTE SOSTEGNO OCCUPAZIONE DISABILI PSICHICI GIA INSERITI IN COOPERATIVA 2011 Provincia di Como La Provincia di Como l Assessorato alle Politiche attive del lavoro e formazione professionale rende nota la DOTE SOSTEGNO OCCUPAZIONE DISABILI PSICHICI GIA INSERITI IN COOPERATIVA 2011

Dettagli

Regolamento per l accesso e la gestione

Regolamento per l accesso e la gestione FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA NEGLI STUDI PROFESSIONALI E NELLE AZIENDE COLLEGATE Regolamento per l accesso e la gestione al nuovo canale di finanziamento sperimentale

Dettagli

FAQ Accreditamento. 2. D - La richiesta per il rilascio dell accreditamento è solo telematica?

FAQ Accreditamento. 2. D - La richiesta per il rilascio dell accreditamento è solo telematica? Allegato 1 - Disposizioni per l Accreditamento FAQ Accreditamento 1. D - Dopo l entrata in vigore della DGR 927/2012, un organismo di formazione già accreditato ai sensi delle DGR 2587/2002 e 574/2010

Dettagli

ALLEGATO TECNICO AL MODELLO REGIONALE DI ACCREDITAMENTO

ALLEGATO TECNICO AL MODELLO REGIONALE DI ACCREDITAMENTO Allegato 3 ALLEGATO TECNICO AL MODELLO REGIONALE DI ACCREDITAMENTO Il presente allegato tecnico al modello regionale di accreditamento fornisce indicazioni sulle modalità di accreditamento sulla base di

Dettagli

INIZIATIVE FORMATIVE ACCREDITABILI

INIZIATIVE FORMATIVE ACCREDITABILI AVVISO RICERCA E SELEZIONE, PER IL LORO ACCREDITAMENTO E FINANZIAMENTO A MEZZO BORSE DI STUDIO, DI MASTER UNIVERSITARI DI I E II LIVELLO E CORSI UNIVERSITARI DI PERFEZIONAMENTO Anno accademico 2015 2016

Dettagli

Allegato A al D.D.S. n. 8327 del 17/09/2013

Allegato A al D.D.S. n. 8327 del 17/09/2013 Allegato A al D.D.S. n. 8327 del 17/09/2013 AVVISO PER LA REALIZZAZIONE DELL INIZIATIVA «LOMBARDIA PLUS» A SOSTEGNO DELLO SVILUPPO DELLE POLITICHE INTEGRATE DI ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO PER IL BIENNIO

Dettagli

2. Sezione SOGGETTO RICHIEDENTE

2. Sezione SOGGETTO RICHIEDENTE 2. Sezione SOGGETTO RICHIEDENTE - Caratteristiche dell Agenzia Formativa - L inserimento nell elenco regionale dei soggetti abilitati a proporre e realizzare attività di formazione è riconosciuto alle

Dettagli

REQUISITI DI UN TEST CENTER AICA

REQUISITI DI UN TEST CENTER AICA Pag. 1 di 9 REQUISITI DI UN TEST CENTER AICA REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Adeguamenti per

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE

LINEE GUIDA PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE Allegato 2 LINEE GUIDA PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE L accreditamento corrisponde al riconoscimento di idoneità dei soggetti che si candidano a gestire iniziative di

Dettagli

AI REGISTRI DELLE ASSOCIAZIONI

AI REGISTRI DELLE ASSOCIAZIONI All. B) DGR n..del.. DISCIPLINA RELATIVA AI REGISTRI DELLE ASSOCIAZIONI 1. PREMESSA In attuazione di quanto previsto dall art. 25 della l.r. 14 febbraio 2008, n. 1 con il presente provvedimento viene definito:

Dettagli

PROVINCIA DI MANTOVA

PROVINCIA DI MANTOVA PROVINCIA DI MANTOVA Avviso provinciale per la realizzazione di un progetto per lo sviluppo di azioni di monitoraggio e analisi del fenomeno degli abbandoni scolastici e formativi nella provincia di Mantova

Dettagli

REGIONE CALABRIA ALLEGATO 1.B

REGIONE CALABRIA ALLEGATO 1.B REGIONE CALABRIA ALLEGATO 1.B PROCEDURA OPERATIVA PER L ISTITUZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO REGIONALE DEI SOGGETTI ACCREDITATI E GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI PER

Dettagli

Linee guida per il Conto Formazione Aziendale

Linee guida per il Conto Formazione Aziendale Linee guida per il Conto Formazione Aziendale Agosto 2012 Indice 1. Il Conto Formazione Aziendale 3 2. Modalità e termini di presentazione dei Piani 5 3. Procedure di verifica dell ammissibilità dei Piani

Dettagli

Procedura di verifica annuale del mantenimento dei requisiti

Procedura di verifica annuale del mantenimento dei requisiti Allegato 4 Definizione delle procedure operative in materia di accreditamento delle strutture formative della Regione Marche Procedura di verifica annuale del mantenimento dei requisiti 1. Generalità...

Dettagli

TESTO COORDINATO. Indice

TESTO COORDINATO. Indice TESTO COORDINATO DIRETTIVE TECNICHE PER L ACCREDITAMENTO DEI SOGGETTI FORMATORI CHE GESTISCONO I CORSI DI FORMAZIONE PER LO SVOLGIMENTO DIRETTO DA PARTE DEL DATORE DI LAVORO DEI COMPITI DI PREVENZIONE

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI NUOVI PROGETTI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE (IFTS) DA REALIZZARE NELL ANNO FORMATIVO 2013/2014

AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI NUOVI PROGETTI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE (IFTS) DA REALIZZARE NELL ANNO FORMATIVO 2013/2014 ALLEGATO A AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI NUOVI PROGETTI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE (IFTS) DA REALIZZARE NELL ANNO FORMATIVO 2013/2014 INDICE Riferimenti normativi 1. Obiettivi generali

Dettagli

ALBO FORNITORI POSTE ITALIANE S.P.A.

ALBO FORNITORI POSTE ITALIANE S.P.A. ALBO FORNITORI POSTE ITALIANE S.P.A. REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE CATEGORIA SERVIZI ATTIVITÀ DI CONSEGNA, RITIRO E TRASPORTO DI INVII POSTALI, SERVIZI ACCESSORI REVISIONE 18 LUGLIO 2013 -

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI NUOVI PROGETTI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE (IFTS) DA REALIZZARE NELL ANNO FORMATIVO 2014/2015

AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI NUOVI PROGETTI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE (IFTS) DA REALIZZARE NELL ANNO FORMATIVO 2014/2015 ALLEGATO A AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI NUOVI PROGETTI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE (IFTS) DA REALIZZARE NELL ANNO FORMATIVO 2014/2015 INDICE Riferimenti normativi 1. Obiettivi generali

Dettagli

Piano Provinciale Disabili 2011 2012 Finanziamento 2012 Attività 2013 Fondo Regionale diritto al lavoro dei disabili L.R. 13/2003

Piano Provinciale Disabili 2011 2012 Finanziamento 2012 Attività 2013 Fondo Regionale diritto al lavoro dei disabili L.R. 13/2003 Piano Provinciale Disabili 2011 2012 Finanziamento 2012 Attività 2013 Fondo Regionale diritto al lavoro dei disabili L.R. 13/2003 DISPOSITIVO PROVINCIALE AZIONI DI SISTEMA Isole formative presso cooperative

Dettagli

Bando per il finanziamento dei progetti speciali

Bando per il finanziamento dei progetti speciali Allegato al Decreto n.764 /LAVFOR.ISTR dd. 8 aprile 2015 Art. 1 Finalità Bando per il finanziamento dei progetti speciali 1. Il presente bando viene emanato al fine di promuovere l integrazione tra le

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE E IL CONTROLLO DELLE INDENNITÀ DI PARTECIPAZIONE AI PERCORSI DI RICOLLOCAZIONE ATTO DI INDIRIZZO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE E IL CONTROLLO DELLE INDENNITÀ DI PARTECIPAZIONE AI PERCORSI DI RICOLLOCAZIONE ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA PER LA GESTIONE E IL CONTROLLO DELLE INDENNITÀ DI PARTECIPAZIONE AI PERCORSI DI RICOLLOCAZIONE ATTO DI INDIRIZZO Interventi di ricollocazione per lavoratori/trici disoccupati/e e occupati/e

Dettagli

Accettazione e Richiesta dell Aiuto Finanziario MANUALE PER L USO DELLA PROCEDURA ON LINE

Accettazione e Richiesta dell Aiuto Finanziario MANUALE PER L USO DELLA PROCEDURA ON LINE PROGRAMMA ATTUATIVO REGIONALE (PAR) DEL FONDO AREE SOTTOUTILIZZATE (FAS) 2007-2013 D.G.R. VIII/10879 DEL 23 DICEMBRE 2009 AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DI DOMANDE DI ACCESSO A CONTRIBUTI PER L AMMODERNAMENTO

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO I CONTROLLI I CONTROLLI DELL AUTORITÀ DI GESTIONE I controlli dell Autorità di Gestione riguarderanno gli

Dettagli

In esecuzione della determinazione del Direttore Generale n. 854 del 18.11. 2013; SI RENDE NOTO CHE

In esecuzione della determinazione del Direttore Generale n. 854 del 18.11. 2013; SI RENDE NOTO CHE Avviso di selezione n. 4/2013 C I T T A' D I C O L L E G N O AVVISO DI MOBILITÀ ESTERNA AI SENSI DELL ART. 30 DEL D. LGS. 165/2001 E S.M.I., " RISERVATO AI SENSI DELLA LEGGE 68/99 ESCLUSIVAMENTE A PERSONE

Dettagli

ALBO FORNITORI POSTE ITALIANE S.P.A.

ALBO FORNITORI POSTE ITALIANE S.P.A. ALBO FORNITORI POSTE ITALIANE S.P.A. REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE CATEGORIA SERVIZI DI CONTACT CENTER Pagina 1 di 13 INDICE 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 1.1. Premessa e ambito normativo di

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 2 Oggetto: D.M. n. 166/2001. D.G.R. n. 62 del 17/01/2001 Approvazione delle procedure operative in materia di accreditamento delle strutture formative della Regione Marche. LA VISTO il documento istruttorio

Dettagli

ALLEGATOB alla Dgr n. 1420 del 05 agosto 2014 pag. 1/6 1. OBIETTIVI E FINALITÀ DEL BANDO 2. SOGGETTI CHE POSSONO PRESENTARE RICHIESTA DI FINANZIAMENTO

ALLEGATOB alla Dgr n. 1420 del 05 agosto 2014 pag. 1/6 1. OBIETTIVI E FINALITÀ DEL BANDO 2. SOGGETTI CHE POSSONO PRESENTARE RICHIESTA DI FINANZIAMENTO ALLEGATOB alla Dgr n. 1420 del 05 agosto 2014 pag. 1/6 FONDO PER LO SVILUPPO E LA COESIONE 2007-2013 - ASSE 5 SVILUPPO LOCALE BANDO B ATTUAZIONE DELLA LINEA DI INTERVENTO 5.3 RIQUALIFICAZIONE DEI CENTRI

Dettagli

COMUNE DI PONSACCO ( Provincia di Pisa) P.zza R.Valli, N.8-56038 Ponsacco

COMUNE DI PONSACCO ( Provincia di Pisa) P.zza R.Valli, N.8-56038 Ponsacco COMUNE DI PONSACCO ( Provincia di Pisa) P.zza R.Valli, N.8-56038 Ponsacco P.I.00141490508 Tel.0587/738111 Fax 0587/733871 All.A) AVVISO DISCIPLINARE PER L ISTITUZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO FORMATORI,

Dettagli

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione continua. Manuale per le attività di Vigilanza e Controllo

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione continua. Manuale per le attività di Vigilanza e Controllo Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione continua Manuale per le attività di Vigilanza e Controllo 1 Sommario 1. Vigilanza e Controllo... 3 2. Modalità e procedure di esercizio delle

Dettagli

AL REGISTRO REGIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI SOLIDARIETÀ FAMILIARE

AL REGISTRO REGIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI SOLIDARIETÀ FAMILIARE DISCIPLINA RELATIVA All. D) DGR n..del.. AL REGISTRO REGIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI SOLIDARIETÀ FAMILIARE 1. PREMESSA In attuazione di quanto previsto dall art. 36 della l.r. 14 febbraio 2008, n. 1 che

Dettagli

5. PROCEDURE. 5.1 Presentazione della domanda

5. PROCEDURE. 5.1 Presentazione della domanda 5. PROCEDURE 5.1 Presentazione della domanda Le domande di contributo dovranno essere predisposte e presentate esclusivamente utilizzando gli appositi servizi on-line ad accesso riservato, integrati nel

Dettagli

Dispositivo di Accreditamento

Dispositivo di Accreditamento Dispositivo di Accreditamento Sommario 1. Definizioni... 3 2. Finalità... 3 3. Soggetti richiedenti l accreditamento... 3 4. Modalità di accreditamento... 4 5. Rilascio/rinnovo dell accreditamento e iscrizione

Dettagli

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM All. DDG del 8 febbraio 2012 n. 1347 REGIONE CALABRIA Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM Indice Documento

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE CONCERNENTE:

REGOLAMENTO REGIONALE CONCERNENTE: REGOLAMENTO REGIONALE CONCERNENTE: Disposizioni attuative ed integrative dell articolo 1, commi da 111 a 122, della legge regionale 13 agosto 2011 n. 12 in materia di Bollettino Ufficiale telematico della

Dettagli

30 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 47 - Martedì 20 novembre 2012

30 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 47 - Martedì 20 novembre 2012 30 Bollettino Ufficiale D.G. Istruzione, formazione e cultura D.d.g. 13 novembre 2012 - n. 10187 Approvazione dei requisiti e delle modalità operative per la richiesta di iscrizione all albo regionale

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 30 - Martedì 24 luglio 2012

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 30 - Martedì 24 luglio 2012 17 D.G. Istruzione, formazione e cultura D.d.s. 18 luglio 2012 - n. 6421 Approvazione dell avviso per la fruizione dell offerta formativa per la realizzazione di corsi annuali di istruzione e formazione

Dettagli

BOZZA DI REGOLAMENTO PER L'AGGIORNAMENTO DELLA COMPETENZA PROFESSIONALE

BOZZA DI REGOLAMENTO PER L'AGGIORNAMENTO DELLA COMPETENZA PROFESSIONALE BOZZA DI REGOLAMENTO PER L'AGGIORNAMENTO DELLA COMPETENZA PROFESSIONALE AGGIORNATA SULLA BASE DELLE PROPOSTE EMERSE NELL A.P. DEL 06.04.13, DEL G.D.L. ALLARGATO DEL 24.04.13 E DELLE OSSERVAZIONI SUCCESSIVE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Prot. n. 1221 del 10.05.2011

REPUBBLICA ITALIANA. Prot. n. 1221 del 10.05.2011 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA Assessorato Regionale dell Istruzione e della Formazione Professionale Dipartimento Regionale dell Istruzione e della Formazione Professionale Autorità di Gestione

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER IL RICONOSCIMENTO DEI CORSI DI FORMAZIONE

REGOLAMENTO GENERALE PER IL RICONOSCIMENTO DEI CORSI DI FORMAZIONE REGOLAMENTO GENERALE PER IL Data prima emissione Data aggiornamento Edizione Revisione Emesso da RGQ Approvato da Amministratore Unico 31/07/2013 01 00 Rev. 00 Pagina 1 di 14 INDICE 1 PREMESSA 2 SCOPO

Dettagli

Le attività del progetto dovranno essere avviate entro 3 mesi dalla stipula della convenzione pena la revoca del finanziamento

Le attività del progetto dovranno essere avviate entro 3 mesi dalla stipula della convenzione pena la revoca del finanziamento PROCEDURE PER LA GESTIONE DEGLI INTERVENTI FINANZIATI TRAMITE AVVISO PUBBLICO - POR Toscana FSE 2007-2013 Normativa di riferimento DGRT n. 1179/19.12.2011 e s.m.i. Dopo l approvazione del progetto l Amministrazione

Dettagli

1 I documenti dovranno essere prodotti in formato PDF e trasmessi esclusivamente attraverso la casella di posta elettronica certificata del

1 I documenti dovranno essere prodotti in formato PDF e trasmessi esclusivamente attraverso la casella di posta elettronica certificata del ALLEGATO B L.R. 26/09 Bando regionale per la concessione dei contributi di cui all art. 6 ai soggetti del commercio equo e solidale individuati dalla Regione Emilia-Romagna senza fini di lucro - Anno 2013.

Dettagli

La sottoscritta Dirigente del Settore n. 4 Servizi alla persona

La sottoscritta Dirigente del Settore n. 4 Servizi alla persona COMUNE DI FUCECCHIO (Provincia di Firenze) Piazza Amendola n. 17 50054 Fucecchio (Fi) Tel. 0571/2681 Fax. 0571/268246 www.comune.fucecchio.fi.it BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI BENEFICI ECONOMICI INDIVIDUALI

Dettagli

PREMESSA. Art. 1 Finalità generali del bando

PREMESSA. Art. 1 Finalità generali del bando All. 1 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI UN PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALLA DIFFUSIONE DELLA CONOSCENZA DELLA LINGUA ITALIANA A FAVORE DEI CITTADINI STRANIERI EXTRACOMUNITARI attraverso l impiego

Dettagli

FAQ AVVISO DUALE. Art. 3 BENEFICIARI

FAQ AVVISO DUALE. Art. 3 BENEFICIARI FAQ AVVISO DUALE Art. 3 BENEFICIARI 1. Un istituto di istruzione secondaria superiore che eroga percorsi di IeFP in sussidiarietà può candidarsi all avviso? No, ai sensi di quanto disposto dall art. 3

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DELLE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE ALLA COSTITUZIONE DEI POLI TECNICO-PROFESSIONALI (triennio 2013/2015)

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DELLE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE ALLA COSTITUZIONE DEI POLI TECNICO-PROFESSIONALI (triennio 2013/2015) AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DELLE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE ALLA COSTITUZIONE DEI POLI TECNICO-PROFESSIONALI (triennio 2013/2015) Riferimenti normativi - il D.Lgs. 17 ottobre 2005, n. 226, recante "Norme

Dettagli

BANDO. POR OB 3 MISURA C3: VOUCHER PER MASTER POST LAUREA E DOTTORATI DI RICERCA a.a. 2005/2006

BANDO. POR OB 3 MISURA C3: VOUCHER PER MASTER POST LAUREA E DOTTORATI DI RICERCA a.a. 2005/2006 Allegato A) Premessa BANDO POR OB 3 MISURA C3: VOUCHER PER MASTER POST LAUREA E DOTTORATI DI RICERCA a.a. 2005/2006 La Regione Toscana adotta il presente avviso in coerenza ed attuazione: - del Regolamento

Dettagli

ALLEGATOE alla Dgr n. 4452 del 28 dicembre 2007 pag. 1/18

ALLEGATOE alla Dgr n. 4452 del 28 dicembre 2007 pag. 1/18 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOE alla Dgr n. 4452 del 28 dicembre 2007 pag. 1/18 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DI PERCORSI FORMATIVI A QUALIFICA PER OPERATORE DI

Dettagli

PROCEDURE, STRUMENTI E MODALITÀ PER :

PROCEDURE, STRUMENTI E MODALITÀ PER : Formazione Professionale-Lavoro PROCEDURE, STRUMENTI E MODALITÀ PER : 1. LA REDAZIONE DEL PIANO FORMATIVO INDIVIDUALE 2. LA DESCRIZIONE DEI PROFILI FORMATIVI 3. LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE IN ESITO

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DI DOMANDA PER LA RIDUZIONE DEL TASSO MEDIO DI TARIFFA AI SENSI DELL ART.M. 12.12

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DI DOMANDA PER LA RIDUZIONE DEL TASSO MEDIO DI TARIFFA AI SENSI DELL ART.M. 12.12 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DI DOMANDA PER LA RIDUZIONE DEL TASSO MEDIO DI TARIFFA AI SENSI DELL ART. 24 DELLE MODALITÀ DI APPLICAZIONE DELLE TARIFFE DEI PREMI (D.M. 12.12.2000) DOPO IL PRIMO

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DI DOMANDA PER LA RIDUZIONE DEL TASSO MEDIO DI TARIFFA AI SENSI DELL ART.M. 12.12

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DI DOMANDA PER LA RIDUZIONE DEL TASSO MEDIO DI TARIFFA AI SENSI DELL ART.M. 12.12 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DI DOMANDA PER LA RIDUZIONE DEL TASSO MEDIO DI TARIFFA AI SENSI DELL ART. 24 DELLE MODALITÀ DI APPLICAZIONE DELLE TARIFFE DEI PREMI (D.M. 12.12.2000) DOPO IL PRIMO

Dettagli

Modifiche all Allegato A della DGR 1179/2011, già modificato dall Allegato A della DGR 467/2012

Modifiche all Allegato A della DGR 1179/2011, già modificato dall Allegato A della DGR 467/2012 Allegato 1 Modifiche all Allegato A della DGR 1179/2011, già modificato dall Allegato A della DGR 467/2012 Par. A.1 Candidature e tipologie di attività Sottoparagrafo b - La ripartizione delle attività

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DI DOMANDA PER LA RIDUZIONE DEL TASSO MEDIO DI TARIFFA AI SENSI DELL ART.M. 12.12

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DI DOMANDA PER LA RIDUZIONE DEL TASSO MEDIO DI TARIFFA AI SENSI DELL ART.M. 12.12 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DI DOMANDA PER LA RIDUZIONE DEL TASSO MEDIO DI TARIFFA AI SENSI DELL ART. 24 DELLE MODALITÀ DI APPLICAZIONE DELLE TARIFFE DEI PREMI (D.M. 12.12.2000) DOPO IL PRIMO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO FORNITORI TELEMATICO DI APAM ESERCIZIO SPA (rev.0-01 Settembre 2014)

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO FORNITORI TELEMATICO DI APAM ESERCIZIO SPA (rev.0-01 Settembre 2014) REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO FORNITORI TELEMATICO DI APAM ESERCIZIO SPA (rev.0-01 Settembre 2014) 1 PREMESSE 1.1 La Società APAM ESERCIZIO SPA (di seguito APAM) con sede legale

Dettagli

DISCIPLINARE PER IL FUNZIONAMENTO DELLE OFFERTE PRESENTI NEL CATALOGO INTERREGIONALE DI ALTA FORMAZIONE

DISCIPLINARE PER IL FUNZIONAMENTO DELLE OFFERTE PRESENTI NEL CATALOGO INTERREGIONALE DI ALTA FORMAZIONE Unione Europea Fondo Sociale Europeo r ne ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE Direzione Generale Servizio Programmazione e Gestione del sistema della formazione

Dettagli

PROGETTI SERVIZIO CIVILE GIOINVOLO

PROGETTI SERVIZIO CIVILE GIOINVOLO BANDO SERVIZIO CIVILE GIOINVOLO ANNO 2009 42 1. I progetti 1. L idea nasce dalla consapevolezza che il Servizio Civile Nazionale rappresenta per molti giovani una significativa opportunità di crescita

Dettagli

COMUNE DI BIBIANA Provincia di Torino Via Cavour, 2 10060 Tel 0121 55723 / 559197 - Fax 0121 55888

COMUNE DI BIBIANA Provincia di Torino Via Cavour, 2 10060 Tel 0121 55723 / 559197 - Fax 0121 55888 COMUNE DI BIBIANA Provincia di Torino Via Cavour, 2 10060 Tel 0121 55723 / 559197 - Fax 0121 55888 Approvato con determinazione del Responsabile del Personale n. 4 (Reg. Gen. 77) del 01/04/2015 Tel. 0121

Dettagli

FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI FORMATIVI PER LA PARTECIPAZIONE AL GRAN PRIX DELLA FORMAZIONE EDIZIONE N 5 ANNO 2015

FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI FORMATIVI PER LA PARTECIPAZIONE AL GRAN PRIX DELLA FORMAZIONE EDIZIONE N 5 ANNO 2015 FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI FORMATIVI PER LA PARTECIPAZIONE AL GRAN PRIX DELLA FORMAZIONE EDIZIONE N 5 ANNO 2015 TITOLO DEL PROGETTO: ENTE/IMPRESA PROPONENTE 1 Alla GIURIA DEL GRAN PRIX

Dettagli

PREMESSA. Art. 1 Finalità Generali

PREMESSA. Art. 1 Finalità Generali PREMESSA A norma dell art. 8 della L.R. n. 15 del 07/08/2002, al comma 2 lettera g è attribuita alle Province la funzione relativa al riconoscimento e autorizzazione delle attività di Formazione Professionale

Dettagli

Bando reclutamento formatori esterni

Bando reclutamento formatori esterni Programma Garanzia Giovani Misura 2A Formazione mirata all inserimento lavorativo Bando reclutamento formatori esterni Vista la deliberazione di Giunta Regionale n.106 del 13/05/2014 del Regione Sicilia

Dettagli

(Approvato con determinazione del Segretario Generale n. 169 del 15/05/2013) DATA DI SCADENZA PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE: 10/06/2013

(Approvato con determinazione del Segretario Generale n. 169 del 15/05/2013) DATA DI SCADENZA PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE: 10/06/2013 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA ESTERNA AI SENSI DELL ART. 30 DEL D.LGS. 30.03.2001 N. 165, PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO DI CATEGORIA B -POSIZIONE ECONOMICA B1 O B2- A TEMPO PIENO E INDETERMINATO, PROFILO

Dettagli

SERVIZIO PERSONALE, INFORMATICA E COMUNICAZIONE AVVISO DI MOBILITA FRA ENTI

SERVIZIO PERSONALE, INFORMATICA E COMUNICAZIONE AVVISO DI MOBILITA FRA ENTI Comune di PISTOIA SERVIZIO PERSONALE, INFORMATICA E COMUNICAZIONE AVVISO DI MOBILITA FRA ENTI PER LA EVENTUALE COPERTURA DI N. 5 POSTI DI APPLICATO AMMINISTRATIVO CAT. B1 A TEMPO PIENO E INDETERMINATO

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 22 - Mercoledì 30 maggio 2012

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 22 - Mercoledì 30 maggio 2012 15 D.G. Sport e giovani D.d.u.o. 24 maggio 2012 - n. 4490 Approvazione del bando Voucher sperimentale Leva Civica Regionale - percorsi di cittadinanza attiva per il potenziamento delle opportunita dei

Dettagli

AZIONI RIVOLTE AI DIPLOMATI TECNICO DEI SERVIZI SOCIO-SANITARI PER L ACQUISIZIONE DELLA QUALIFICA DI OPERATORE SOCIO SANITARIO (OSS)

AZIONI RIVOLTE AI DIPLOMATI TECNICO DEI SERVIZI SOCIO-SANITARI PER L ACQUISIZIONE DELLA QUALIFICA DI OPERATORE SOCIO SANITARIO (OSS) ASSESSORATO COORDINAMENTO DELLE POLITICHE EUROPEE ALLO SVILUPPO, SCUOLA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, UNIVERSITÀ E RICERCA, LAVORO AZIONI RIVOLTE AI DIPLOMATI TECNICO DEI SERVIZI SOCIO-SANITARI PER L ACQUISIZIONE

Dettagli

CARTA DELLA QUALITA. 1. Premessa. 2. Livello strategico. Pagina 1 di 7 Carta della qualità

CARTA DELLA QUALITA. 1. Premessa. 2. Livello strategico. Pagina 1 di 7 Carta della qualità di IRIS di Falcioni P. & c. sas - P.IVA 02179170440 Ente di Formazione Professionale accreditato dalla Regione Marche con Decreto n.399/sim del 28/08/2014 CARTA DELLA QUALITA 1. Premessa IRIS di Falcioni

Dettagli

BANDO PROGETTI DI FORMAZIONE

BANDO PROGETTI DI FORMAZIONE BANDO PROGETTI DI FORMAZIONE 1 MOTIVAZIONI E FINALITÀ Il Centro di Servizio al Volontariato San Nicola (d ora in poi denominato CSVSN) nell ambito delle proprie attività intende completare il proprio piano

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 6 del 16 01 2014

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 6 del 16 01 2014 1628 R E G I O N E P U G L I A Area Politiche per lo sviluppo economico, lavoro e l innovazione Servizio Politiche Giovanili e Cittadinanza Sociale AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE PROGETTUALI

Dettagli

Agli Atti Al Sito Web All Albo

Agli Atti Al Sito Web All Albo Prot. n. 2620/B2 Poggiomarino, 19/05/2016 Agli Atti Al Sito Web All Albo OGGETTO - Programma Operativo Nazionale 20014-2020. Annualità 2016 / Progetto 10.8.1.A3- FESRPON-CA-2015-241. Avviso di selezione

Dettagli

PROGRAMMA WORK EXPERIENCE - I Finestra temporale I Fase

PROGRAMMA WORK EXPERIENCE - I Finestra temporale I Fase PROGRAMMA WORK EXPERIENCE - I Finestra temporale I Fase FAQ Il conto corrente dedicato bancario o postale può fare affluire anche in via non esclusiva le erogazioni della Regione relative al Progetto in

Dettagli

DOCUMENTI EUROPEI. Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio del 18 giugno 2009

DOCUMENTI EUROPEI. Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio del 18 giugno 2009 LA QUALITA DEI SISTEMI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALI DOCUMENTI EUROPEI Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio del 18 giugno 2009 OGGETTO: istituzione di un Quadro Europeo di

Dettagli

DISPOSIZIONI DI DETTAGLIO PER LA GESTIONE, IL CONTROLLO AMMINISTRATIVO E DI MONITORAGGIO DELLE ATTIVITA FORMATIVE PER APPRENDISTI ANNO 2008

DISPOSIZIONI DI DETTAGLIO PER LA GESTIONE, IL CONTROLLO AMMINISTRATIVO E DI MONITORAGGIO DELLE ATTIVITA FORMATIVE PER APPRENDISTI ANNO 2008 UNIONE EUROPEA REGIONE PIEMONTE FONDO SOCIALE EUROPEO Direzione Formazione Professionale - Lavoro Servizio Formazione Professionale Allegato A DISPOSIZIONI DI DETTAGLIO PER LA GESTIONE, IL CONTROLLO AMMINISTRATIVO

Dettagli

AVVISO N. 01/2014 Data: 26/09/2014 Oggetto: Accesso al conto formazione aziendale/aggregato Scadenza: Avviso non soggetto a scadenza

AVVISO N. 01/2014 Data: 26/09/2014 Oggetto: Accesso al conto formazione aziendale/aggregato Scadenza: Avviso non soggetto a scadenza AVVISO N. 01/2014 Data: 26/09/2014 Oggetto: Accesso al conto formazione aziendale/aggregato Scadenza: Avviso non soggetto a scadenza Premessa Fondolavoro Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per

Dettagli

C o m u n e d i T a l m a s s o n s

C o m u n e d i T a l m a s s o n s C o m u n e d i T a l m a s s o n s P r o v i n c i a d i U d i n e www.comune.talmassons.ud.it Via Tomadini, 15 - C.A.P. 33030 tel. +39 0432 766020 fax +39 0432 765235 Cod.Fisc. 80010190306 P.IVA 00544040306

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA MOBILITÀ ESTERNA. Art. 1 - Principi Generali -

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA MOBILITÀ ESTERNA. Art. 1 - Principi Generali - Art. 1 - Principi Generali - La mobilità è uno strumento gestionale che l Azienda utilizza per ricoprire posti vacanti nella propria dotazione organica, sia per l area del comparto che per la dirigenza.

Dettagli

Ripartizione Politiche Educative Giovanili

Ripartizione Politiche Educative Giovanili AVVISO PUBBLICO RELATIVO ALLA II^ EDIZIONE DEL CONCORSO SOFT ECONOMY START - UP DI MICROIMPRESA INNOVATIVA GIOVANILE NELL AMBITO DEL PIANO LOCALE GIOVANI DIFFERENZE GENERAZIONALI Art. 1 - Descrizione dell

Dettagli

Avviso pubblico. Progetti Strutturanti

Avviso pubblico. Progetti Strutturanti Regione Toscana Direzione Generale Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Ricerca, Innovazione e Risorse Umane L.R. 26/2009 PIANO INTEGRATO DELLE ATTIVITA INTERNAZIONALI Avviso pubblico per

Dettagli