L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE"

Transcript

1 L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1

2 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per potersi pag. 5 accreditare in Regione del Veneto? Domanda (3) Come si presenta un istanza di accreditamento? pag. 6 Domanda (4) Domanda (5) Domanda (6) Domanda (7) Domanda (8) Domanda (9) Qual è la tipologia di esperienza pregressa accettata dal sistema di accreditamento? Esiste un sistema di mutuo riconoscimento degli Organismi di Formazione accreditati in altre Regioni? Il mio Ente ha svolto un corso di Formazione Superiore (FS) con delle ore dedicate all Orientamento. Posso concorrere per i due ambiti di accreditamento? Ho svolto dei corsi in ambito di Formazione Continua (FC), posso presentare istanza di accreditamento per l ambito della Formazione Superiore (FS)? Sull asse temporale, quali attività possono essere inserite nella Tabella Elenco Attività Formative Realizzate? Se le attività che compongono l esperienza pregressa del mio Ente sono state erogate a fronte di un finanziamento pubblico di un Ente diverso dalla Regione del Veneto, queste sono valide? Ed è sufficiente auto dichiararle, o bisogna far altro? pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. 8 pag. 8 Domanda (10) Siamo un piccolo Ente ed abbiamo solo collaboratori per pag. 9 ricoprire tutte le funzioni di base. Possiamo presentare ugualmente domanda di accreditamento? Domanda (11) Come si calcola il monte ore approvato? pag. 9 Domanda (12) Come si calcola il monte ore rendicontato? pag. 9 Domanda (13) Cosa si intende per allievi frequentanti? pag. 9 Domanda (14) Cosa si intende per allievi formati? pag. 9 Domanda (15) Cosa viene verificato in fase di Audit di accreditamento? pag. 10 2

3 Domanda (16) Domanda (17) Un Ente che ha presentato istanza di accreditamento sarà sempre verificato anche in Audit? Cosa deve fare un Ente dopo che ha ottenuto l accreditamento per rimanere iscritto nell elenco regionale degli Organismi di Formazione Accreditati? pag. 10 pag. 10 Domanda (18) Cosa si deve fare quando si riceve la comunicazione di pag. 10 avvio del procedimento di mantenimento? Domanda (19) Cosa sono gli spazi didattici? pag. 11 Domanda (20) Oltre agli spazi didattici relativi alla sede operativa pag. 11 dispongo anche di ulteriori spazi. In quale allegato vanno inseriti? Domanda (21) Nel caso di nuovo ambito formativo è necessario pag. 11 presentare una nuova istanza di accreditamento? Domanda (22) Cosa bisogna fare per accreditare nuove aule formative pag. 11 (spazi didattici)? Domanda (23) E sufficiente presentare CV in formato europeo delle pag. 11 nuove risorse umane utilizzate? Domanda (24) Quali persone devono essere presenti in fase di audit? pag. 12 Domanda (25) Domanda (26) Domanda (27) Domanda (28) Cosa succede una volta che si è conclusa la fase di audit? La sede operativa deve necessariamente essere dotata di aule formative? E necessario effettuare formazione finanziata o riconosciuta per mantenere l accreditamento? E previsto l audit nel caso di richiesta per un nuovo ambito formativo? pag. 12 pag. 12 pag. 12 pag. 12 Domanda (29) Se ho la certificazione OHSAS devo comunque pag. 13 presentare la documentazione relativa alla sicurezza e all idoneità degli spazi utilizzati? Domanda (30) La sede operativa deve essere a norma con la normativa pag. 13 sul rispetto delle barriere architettoniche? Domanda (31) Quanti giorni ho per sanare i Rilievi e a chi devo pag. 13 mandare le integrazioni: Auditor o Ufficio? Domanda (32) Per i suggerimenti e le raccomandazioni inseriti nel pag. 13 3

4 Domanda (33) Domanda (34) Domanda (35) verbale di audit devo fare qualcosa, c è una scadenza? Quali sono le modifiche che devo comunicare all ufficio? Ad esempio se cambia il direttore o il responsabile della progettazione cosa devo fare? Per l ambito FC, nel caso di Enti con sede operativa privi di spazi didattici, se si cambia convenzione per gli spazi didattici visti in audit, è necessaria una comunicazione? Posso utilizzare il logo della Regione Veneto sul sito web e sulla documentazione pubblicitaria dei corsi? pag. 13 pag. 14 pag. 14 4

5 L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE Introduzione In un ottica di miglioramento continuo dei servizi ai cittadini attraverso la massima trasparenza e semplificazione delle procedure amministrative della Regione del Veneto è stato concepito e redatto questo breve documento come ausilio agli operatori. Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? Il sistema di accreditamento della Regione del Veneto si propone di realizzare politiche attive di sviluppo delle risorse umane sul territorio regionale attraverso l introduzione di standard di qualità dei soggetti operanti nel sistema dell IFP (Istruzione e Formazione Professionale) sulla base di parametri oggettivi. In una logica sistemica l accreditamento è utilizzato quale leva strategica volta al miglioramento qualitativo dell offerta formativa, in risposta all evoluzione della domanda sociale, dei fabbisogni formativi del territorio e dello scenario politico istituzionale al fine di garantire ai cittadini i diritti fondamentali all apprendimento e al lavoro. Infatti, in un ottica d innalzamento continuo della qualità la Giunta Regionale del Veneto ha previsto che tutte le Organizzazioni che intendano erogare attività formative e/o orientative a finanziamento regionale e/o riconoscimento regionale (ex L.R. n.10/90) siano iscritte nell Albo regionale degli Enti accreditati ai sensi delle L.R. n.19/2002 e s.m.i. comprendendo anche gli Enti pubblici (ad esempio: Scuole, Università, Aziende ULSS, Enti locali, IPAB), che non sono attori tradizionali del mondo dell IFP Veneto ed oggi rappresentano più di un terzo dell universo degli OdF accreditati. Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per potersi accreditare in Regione del Veneto? Un Organismo di Formazione e/o Orientamento che intende accreditarsi deve rispondere ad una serie di requisiti che possono essere riassunti come segue: prevedere tra i propri fini statutari la formazione e/o l orientamento, avere rappresentatività socio-economica e professionale, possedere interrelazioni con il territorio e avvalersi di reti attive di collaborazione, possedere requisiti strutturali, dimostrata affidabilità economico finanziaria, possedere un organizzazione/gestione delle risorse umane, dimostrare il raggiungimento di risultati formativi attraverso l erogazione di percorsi formativi a finanziamento pubblico e/o a riconoscimento regionale, direttamente o in partenariato con un Ente accreditato. 5

6 Riguardo all esperienza pregressa nell erogazione di attività formativa a finanziamento pubblico e/o a Riconoscimento regionale si specifica che l Ente accreditando deve dimostrare di aver erogato attività formative negli ultimi 36 mesi per un minimo di: 1800 ore per l'ambito dell'obbligo Formativo, 900 ore per la Formazione Superiore, 450 ore per la Formazione Continua, 1 attività per l Orientamento come soggetto beneficiario diretto (3 attività se in partenariato). Il soggetto richiedente che abbia svolto attività in collaborazione con Enti accreditati, deve dimostrare: a) di aver realizzato comunque attività in misura pari o maggiore alle soglie minime fissate per ciascun ambito come sopra indicato; b) di aver ricoperto almeno due funzioni di base 1 per ogni singolo corso; c) che l'attività effettuata, ossia la somma delle ore realmente realizzate dall Ente attraverso le funzioni svolte dal medesimo Organismo di Formazione accreditando, risulti in media maggiore o uguale al 25% del totale ore/progetti. La normativa attualmente in vigore è la DGR n. 359 del 13 febbraio 2004 e si trova nella seguente pagina del sito regionale: _spp_detailid= Si fa presente, inoltre, che con Decreto del Dirigente n. 242/2010, ai sensi della DGR n. 4198/2009, sono state modificate le modalità di presentazione delle istanze di accreditamento. Tutte le istanze devono obbligatoriamente essere presentate attraverso il portale dedicato il cui link si trova nella seguente pagina web dedicata all'accreditamento degli Organismi di Formazione ai sensi della L.R. n. 19/2002: Domanda (3) Come si presenta un istanza di accreditamento? La presentazione di una istanza avviene in due momenti differenti: 1. Compilazione e caricamento del formulario attraverso l applicativo regionale Accred 2. Perfezionamento dell istanza attraverso l invio dei seguenti documenti in.pdf sottoscritti con firma digitale: Domanda di accreditamento Autodichiarazione del Legale Rappresentante di affidabilità economico finanziaria Dossier formativi individuali (firmati in originale e scansionati i dossier firmati in originale vanno tenuti agli atti dell ente per eventuali controlli ai sensi del DPR n. 445/2000) Allegato D1, in caso di attività pregressa realizzata in partenariato con un Ente accreditato (firmati in originale e scansionati l allegato D1 originale va tenuta agli atti dell ente per eventuali controlli ai sensi del DPR n. 445/2000). Si sottolinea che l invio avviene solo ed esclusivamente via PEC al seguente indirizzo: 1 1) Direzione dell O.d.F., 2) Gestione Economica finanziaria dell O.d.F., 3) Progettazione e sviluppo, 4) Coordinamento progetti, 5) Formazione/Docenza e 6) Tutoring. 6

7 Si ricorda, inoltre, che l'istanza deve essere sottoscritta con la firma digitale rilasciata da un certificatore accreditato DigitPA agenzia per l Italia Digitale. Il file firmato deve avere l estensione.p7m. L imposta di bollo, se dovuta, va assolta dal soggetto autore del documento digitale in modo virtuale, in ragione della normativa vigente in materia fiscale. Le indicazioni in merito alle modalità di assolvimento si trovano sul sito internet della Regione del Veneto-percorsi-formazione-spazio operatori-avvisi (http://www.regione.veneto.it/web/formazione/spazio-operatoriformazione) Domanda (4) Qual è la tipologia di esperienza pregressa accettata dal sistema di accreditamento? Ai fini del raggiungimento del plafond minimo di attività pregressa nell erogazione di attività formativa e/o orientativa, il sistema di accreditamento della Regione del Veneto prende in considerazione sia le attività a finanziamento pubblico, ossia in cui il Finanziatore sia un Soggetto di natura pubblica (ad esempio Comuni, Province, Regioni, Ministeri, Unione Europea, Scuole Pubbliche, Forze Armate ecc.), sia quelle a riconoscimento regionale ex L.R. n. 10/1990. Si specifica che qualora le attività formative e/o orientative siano finanziate da un Ente Pubblico terzo rispetto alla Regione del Veneto, queste devono prevedere un iter amministrativo con avviso pubblico e selezione dei progetti. L Ente che intende presentare istanza di accreditamento può essere stato sia Beneficiario diretto di Finanziamento Pubblico sia, in via residuale, un Ente partner di un Ente accreditato ai sensi della L.R. n. 19/2002. In questo secondo caso di specie, le ore realmente erogate possono essere prese in considerazione solo se rispettano, come evidenziato nell All. D1, tre condizioni: 1. l Ente Beneficiario deve essere accreditato ed il suo accreditamento deve essere in linea con la tipologia di attività erogata; 2. aver ricoperto almeno due funzioni di base per ogni singolo corso; 3. che l'attività effettuata, ossia la somma delle ore realmente realizzate dall Ente attraverso le funzioni svolte dal medesimo Organismo di Formazione accreditando, risulti in media maggiore o uguale al 25% del totale ore/progetti. Si sottolinea che nel caso di attività svolta in partenariato il Soggetto partner di un Ente accreditato deve essere presente in tutti gli atti pubblici relativi al ciclo di vita del processo formativo: progetto approvato, registri d aula ove pertinente, rendicontazione finale ed approvazione del rendiconto da parte dell Ente Finanziatore. Non sono accoglibili le esperienze comprovate solo ed esclusivamente da atti tra privati. Domanda (5) Esiste un sistema di mutuo riconoscimento degli Organismi di Formazione accreditati in altre Regioni? Non esiste uno strumento di diretto riconoscimento dell accreditamento di un Ente presso un altra Regione. L accreditamento degli Organismi di Formazione è uno strumento di miglioramento continuo del sistema regionale della Formazione Professionale e dell Orientamento, per cui deve essere inquadrato in un ottica di rispetto dei requisiti previsti dal vigente 7

8 modello a livello regionale. In tale chiave di lettura anche l esperienza pregressa deve essere collegata al territorio regionale. Unica eccezione prevista dalla normativa vigente è data dai percorsi formativi e/o di Orientamento finanziati o riconosciuti da altre Regioni che potranno essere inseriti nelle tabelle di ambito solo qualora l'ente risulti già accreditato in via definitiva e per lo stesso ambito in tali Regioni e purché sia documentata anche almeno un attività svolta nel Veneto per il medesimo ambito. Domanda (6) Il mio Ente ha svolto un corso di Formazione Superiore (FS) con delle ore dedicate all Orientamento. Posso concorrere per i due ambiti di accreditamento? Ai fini del raggiungimento del plafond minimo di ore di esperienza pregressa erogata si ricorda che ogni singola attività formativa è valevole per un solo macro ambito di accreditamento, nonostante questa possa contemplare in sè interventi di natura formativa ed orientativa. Qualora non fosse chiaramente disciplinato a livello di bando che tipologia di attività formativa viene erogata l Ufficio accreditamento si riserva di richiedere un interpretazione autentica agli uffici competenti. Domanda (7) Ho svolto dei corsi in ambito di Formazione Continua (FC), posso presentare istanza di accreditamento per l ambito della Formazione Superiore (FS)? No, ci deve essere un allineamento tra esperienza pregressa ed ambito richiesto. Il sistema vigente di accreditamento prevede che un Organismo di Formazione possa concorrere alla richiesta di accreditamento per l ambito o gli ambiti per cui dimostri di superare le soglie minime di esperienza pregressa erogata a finanziamento pubblico e/o a Riconoscimento Regionale ex L.R. n.10/90. Domanda (8) Sull asse temporale, quali attività possono essere inserite nella Tabella Elenco Attività Formative Realizzate? Per esperienza pregressa si intendono le attività concluse negli ultimi 36 mesi rispetto a quando un Organismo presenta istanza di accreditamento. Le attività si ritengono concluse quando è stato presentato il rendiconto di spesa all Ente Finanziatore. Domanda (9) Se le attività che compongono l esperienza pregressa del mio Ente sono state erogate a fronte di un finanziamento pubblico di un Ente diverso dalla Regione del Veneto, queste sono valide? Ed è sufficiente auto dichiararle, o bisogna far altro? Qualora un Ente accreditando abbia maturato la propria esperienza nell erogazione di attività formative e/o orientative con Enti pubblici che non siano la Regione del Veneto dovrà produrre tutte le evidenze documentali 8

9 del caso che dimostrino l avvenuta realizzazione delle attività ed i risultati di monitoraggio richiesti dal modello di accreditamento. A livello operativo si allegherà all istanza on-line (in modalità up load) copia dei progetti presentati come esperienza dell Ente, copia dell atto di finanziamento dei progetti, copia dei registri d aula, copia delle rendicontazioni e delle approvazioni di rendiconto da parte dell Ente Finanziatore. Domanda (10) Siamo un piccolo Ente ed abbiamo solo collaboratori per ricoprire tutte le funzioni di base. Possiamo presentare ugualmente domanda di accreditamento? Nel calcolo della dotazione professionale dell'organismo di Formazione verranno presi in considerazione sia i dipendenti che i collaboratori stabili con prestazione fisica ed economica individuale; sono ritenuti tali i collaboratori che erogano per conto dell Organismo di Formazione almeno 300 ore di prestazioni professionali all'anno. Per l ambito dell'orientamento possono essere considerati collaboratori stabili coloro che collaborano con l Organismo di Formazione da almeno tre anni a prescindere dal numero di ore di servizio erogate all anno. Per l ambito dell Obbligo Formativo viene richiesto, ai sensi della DGR n del 30 luglio 2013, che almeno il 50% del personale impegnato in questo ambito sia dipendente (a tempo indeterminato e/o determinato) e che a questo sia applicato il CCNL per la Formazione Professionale sottoscritto dalle Organizzazioni Sindacali maggiormente rappresentative a livello nazionale. Domanda (11) Come si calcola il monte ore approvato? Il monte ore approvato si calcola moltiplicando il numero ore corso, secondo i dati indicati nel progetto approvato/riconosciuto, per il numero degli allievi presenti all avvio del corso. Domanda (12) Come si calcola il monte ore rendicontato? Il monte ore rendicontato si calcola sommando le ore effettivamente svolte da ciascun allievo formato. Domanda (13) Cosa si intende per allievi frequentanti? Quelli che hanno frequentato almeno il 25% delle ore corso. Domanda (14) Cosa si intende per allievi formati? Per allievi formati si intendono quelli che hanno conseguito una qualifica/specializzazione o che abbiano frequentato almeno il 70% del percorso formativo. 9

10 Domanda (15) Cosa viene verificato in fase di Audit di accreditamento? Vengono verificati i seguenti requisiti del modello di accreditamento: 1.2, 1.3, 3.1.1, 3.1.2, 3.2.1, 4.1, 4.2, 5.1.1, 5.1.3, Domanda (16) Un Ente che ha presentato istanza di accreditamento sarà sempre verificato anche in Audit? La valutazione della richiesta di accreditamento si articola in due fasi: una documentale ed una in loco. Se la fase di valutazione documentale ha esito negativo, per uno o più requisiti, non si procederà alla fase di audit poiché il mancato soddisfacimento di uno solo dei requisiti di base previsti dal modello comporta l esito negativo dell istanza di accreditamento. Se la fase di valutazione documentale ha esito positivo, si procederà con la verifica in loco dei requisiti, previa comunicazione all Organismo di Formazione. Domanda (17) Cosa deve fare un Ente dopo che ha ottenuto l accreditamento per rimanere iscritto nell elenco regionale degli Organismi di Formazione Accreditati? Le sedi operative accreditate saranno sottoposte a verifica annuale del mantenimento dei requisiti di accreditamento, anche tramite campionamento. Tutte le sedi operative accreditate saranno, comunque, verificate entro un periodo massimo di 24 mesi. La verifica di tutti gli Organismi accreditati verterà sui seguenti requisiti: la coerenza dei fini statutari, l idoneità dei locali alle norme igieniche e di sicurezza, l idoneità delle strutture, i documenti di bilancio, l organizzazione e la leadership, le politiche e le strategie, la dotazione minima del personale e l adeguatezza delle competenze; la soddisfazione dei clienti esterni, le relazioni con il contesto e l impatto sulla società. Al fine di dimostrare l effettiva operatività dell OdF nell ambito della Formazione e/o dell Orientamento, l ente accreditato deve dare evidenza oggettiva di aver realizzato almeno un attività formativa e/o orientativa, a finanziamento pubblico o a riconoscimento regionale o realizzata sul libero mercato, dalla data di iscrizione nell elenco regionale o dalla data dell ultima verifica di audit. Domanda (18) Cosa si deve fare quando si riceve la comunicazione di avvio del procedimento di mantenimento? L Ente sarà contattato dall auditor competente per fissare la data della verifica. Nel frattempo l Ente deve precompilare gli allegati trasmessi via dall ufficio accreditamento e successivamente inviarli a mezzo mail all auditor almeno 5 giorni prima della data prevista per la verifica in loco. 10

11 Domanda (19) Cosa sono gli spazi didattici? Gli spazi didattici sono i locali utilizzati esclusivamente per erogare attività di formazione o orientamento, ma privi di autonomia organizzativa (es.: singole aule o laboratori), requisito che caratterizza invece la sede operativa. Gli spazi didattici devono comunque rispettare i requisiti previsti dal modello relativamente ai punti 1.2 e 1.3 del modello di accreditamento in materia di igiene e sicurezza. Domanda (20) Oltre agli spazi didattici relativi alla sede operativa dispongo anche di ulteriori spazi. In quale allegato vanno inseriti? Gli spazi didattici al di fuori della sede operativa vanno indicati nell Allegato 1. In particolare si specifica che l All. 1 è costituito da due fogli di lavoro: in uno vengono indicati gli spazi presenti presso la sede operativa, nell altro gli altri spazi didattici. Le informazioni, quindi, non vanno inserite due volte, ma solo nella parte di effettiva competenza (o sede operativa o spazi didattici) Domanda (21) Nel caso di nuovo ambito formativo è necessario presentare una nuova istanza di accreditamento? Si, l OdF deve presentare una nuova istanza attraverso il portale Accred e con l invio dell istanza alla struttura competente a mezzo PEC. Domanda (22) Cosa bisogna fare per accreditare nuove aule formative (spazi didattici)? La procedura di accreditamento ha come oggetto una organizzazione inserita in una sede operativa e non si riferisce in senso stretto solo alle aule formative. Gli spazi didattici utilizzati dall OdF sono dichiarati al momento della domanda di accreditamento e in occasione degli audit di mantenimento. Domanda (23) E sufficiente presentare CV in formato europeo delle nuove risorse umane utilizzate? No, è necessario descrivere nei Dossier Formativi Individuali previsti dal sistema di accreditamento gli elementi qualificanti eventualmente rimandando al CV europeo per tutte le ulteriori informazioni di complemento e di dettaglio. 11

12 Domanda (24) Quali persone devono essere presenti in fase di audit? In audit è necessaria la presenza del Legale Rappresentante o di un suo delegato munito di delega formale, del Direttore dell OdF, di uno o più Referenti interni all OdF per l accreditamento che siano in grado di rispondere in modo esaustivo a richieste specifiche relativamente alle funzioni principali: Gestione economica, Progettazione e Coordinamento Progetti, Docenza e tutoring. Domanda (25) Cosa succede una volta che si è conclusa la fase di audit? Al termine del processo viene chiuso il rapporto di audit con la firma del legale rappresentante dell OdF e dell auditor. Una copia del verbale viene lasciata all OdF e l originale sarà consegnato all ufficio accreditamento. Se dal verbale non risultano rilievi verrà adottato il provvedimento di iscrizione dell Organismo di formazione all elenco regionale o di conferma dell iscrizione. Se ci sono dei rilievi verranno avviati, a seconda del procedimento al quale l audit afferisce, i seguenti procedimenti: avviso di rigetto dell istanza in caso di nuove richieste di accreditamento; avvio del procedimento di sospensione o di revoca in caso di mantenimento o variazione sede. Domanda (26) La sede operativa deve necessariamente essere dotata di aule formative? Per tutti gli ambiti è sempre necessaria la dotazione e la disponibilità di aule di proprietà o in virtù di contratto o di convenzione con soggetti terzi. L ente deve dimostrare, inoltre, di essere dotato di una procedura/prassi che gli consenta di disporre di strutture fisiche e tecnologiche adeguate alle attività da erogare. Le aule ed i laboratori possono essere presenti presso la sede operativa o esterni ad essa. Domanda (27) E necessario effettuare formazione finanziata o riconosciuta per mantenere l accreditamento? No, per mantenere l accreditamento è sufficiente dimostrare di aver realizzato delle attività formative dalla data dell ultima visita di audit. Tale formazione non deve essere necessariamente formazione finanziata e/o riconosciuta. Domanda (28) E previsto l audit nel caso di richiesta per un nuovo ambito formativo? Non è sempre necessaria l effettuazione di un nuovo audit in loco nel caso di richiesta di estensione ad un nuovo ambito formativo. 12

13 Domanda (29) Se ho la certificazione OHSAS devo comunque presentare la documentazione relativa alla sicurezza e all idoneità degli spazi utilizzati? Si, questo tipo di certificazione non esclude la verifica documentale della sicurezza e l audit in loco. Chiaramente la verifica risulterà più semplice e rapida vista la presenza di una certificazione relativa alla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Domanda (30) La sede operativa deve essere a norma con la normativa sul rispetto delle barriere architettoniche? La normativa vigente non contempla ancora tale requisito. Sicuramente il prossimo modello lo prevederà per allinearsi con quello nazionale di seconda generazione. Si fa presente che il sistema di accreditamento ai servizi al lavoro già lo prevede. Domanda (31) Quanti giorni ho per sanare i rilievi e a chi devo mandare le integrazioni: auditor o Ufficio? Entro 30 o 10 giorni dalla ricezione della nota regionale a seconda della tipologia di procedimento avviato. La documentazione deve essere inviata all ufficio accreditamento tramite PEC: Domanda (32) Per i suggerimenti e le raccomandazioni inseriti nel verbale di audit devo fare qualcosa, c è una scadenza? I suggerimenti e le raccomandazioni sono degli spunti per il miglioramento organizzativo dell ente. Questi non sono vincolanti ai fini del mantenimento dell accreditamento e vengono analizzati in occasione delle verifiche successive di audit di mantenimento. Domanda (33) Quali sono le modifiche che devo comunicare all ufficio? Ad esempio se cambia il direttore o il responsabile della progettazione cosa devo fare? Gli Organismi di Formazione accreditati devono comunicare alla Regione del Veneto Sezione Formazione ogni variazione relativa ai dati contenuti nell elenco degli OdF accreditati (quali denominazione, codice fiscale, sede legale, sede operativa, legale rappresentante, recapiti, ecc.) entro i 30 giorni successivi alla variazione stessa. Nell ipotesi di mancata o ritardata comunicazione sarà instaurato il procedimento per la sospensione e/o la revoca dell accreditamento per accertata grave irregolarità ai sensi della dgr N. 3289/2010 All. A punto b) del paragrafo 4. 13

14 Domanda (34) Per l ambito FC, nel caso di enti con sede operativa privi di spazi didattici, se si cambia convenzione per gli spazi didattici visti in audit, è necessaria una comunicazione? Se cambiano gli spazi didattici non è necessario inviare alcuna comunicazione all ufficio. L idoneità dei locali ed il rispetto dei requisiti 1.2 e 1.3 verranno verificati in sede di audit di mantenimento. L ente è tenuto a conservare tutta la documentazione attestante la conformità degli spazi al modello di accreditamento. Domanda (35) Posso utilizzare il logo della Regione Veneto sul sito web e sulla documentazione pubblicitaria dei corsi? In base a disposizioni regionali in materia, il logo è utilizzato per dare evidenza di attività o iniziative promosse dalla Giunta Regionale. Gli organismi di formazione accreditati, pertanto, potranno utilizzare il logo in relazione all'attività che gli stessi svolgono su finanziamento o riconoscimento regionale (ad esempio per promuovere un percorso formativo finanziato o riconosciuto dalla Regione a seguito della partecipazione ad uno specifico Avviso pubblico). Per altre iniziative di carattere generale, possono comunque indicare che sono iscritti all'elenco di cui alla LR 19/2002 indicando anche il numero di iscrizione a tale elenco. 14

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 Modalità per l accreditamento e la vigilanza sui soggetti pubblici e privati che svolgono attività di conservazione dei documenti informatici di cui all'articolo 44-bis,

Dettagli

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione ALBO FORNITORI POSTE ITALIANE S.P.A. CATEGORIA SERVIZI DI PULIZIA ED IGIENE AMBIENTALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE Pagina 1 di 20 INDICE 1. DISPOSIZIONI GENERALI...3 1.1. Premessa e ambito

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

Qualità, merito e semplificazione

Qualità, merito e semplificazione Allegato 1 alla D.G.R. nr. del REGIONE ABRUZZO GIUNTA REGIONALE D ABRUZZO DIREZIONE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO, FORMAZIONE, ISTRUZIONE E POLITICHE SOCIALI SERVIZIO POLITICHE DELLA TRANSNAZIONALITÀ DELLA

Dettagli

DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO

DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO 9749 31/10/2012 Identificativo Atto n. 766 DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO APPROVAZIONE DEI REQUISITI E DELLE MODALITÀ OPERATIVE PER LA RICHIESTA DI ISCRIZIONE ALL'ALBO REGIONALE

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Nota introduttiva I percorsi formativi che prevedono in esito il rilascio di un certificato di qualifica professionale

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE 1. L istanza di riconoscimento dei CFP, deve essere presentata esclusivamente al CNI mediante una compilazione online di apposito modulo disponibile sulla piattaforma della formazione

Dettagli

Finanziamenti on line -

Finanziamenti on line - Finanziamenti on line - Manuale per la compilazione dei moduli di Gestione dei Progetti Finanziati del Sistema GEFO Rev. 02 Manuale GeFO Pagina 1 Indice 1. Introduzione... 4 1.1 Scopo e campo di applicazione...

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Prot. n. 867/A39 Brescia, 03/02/2010 IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTA la legge 7 agosto 1990 n.241, e successive modificazioni; VISTO il T.U. delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

GUIDA ALLA REGISTRAZIONE

GUIDA ALLA REGISTRAZIONE PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA ALLA REGISTRAZIONE PER LE AMMINISTRAZIONI E GLI ENTI PUBBLICI Versione 1.1 del 06/12/2013 Sommario Premessa... 3 Passo 1 - Registrazione dell Amministrazione/Ente...

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO 1 PUBBLICATO ALL ALBO DELL ASL 2 SAVONESE IL 08.01.2010 SCADE IL 28.01.2010 AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO In attuazione della deliberazione del Direttore Generale

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

BANDO DI CANDIDATURA PERCORSI TRIENNALI DI IeFP Triennio 2015/2018

BANDO DI CANDIDATURA PERCORSI TRIENNALI DI IeFP Triennio 2015/2018 BANDO DI CANDIDATURA PERCORSI TRIENNALI DI IeFP Triennio 2015/2018 Genova, 1 aprile 2015 ORE 10:00 Residenza Fieschine Sala delle Conferenze AULA DOMENICO FIESCHI (2 piano) NOTE INTEGRATIVE Questo documento

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 2412 Seduta del 26/10/2011

DELIBERAZIONE N IX / 2412 Seduta del 26/10/2011 DELIBERAZIONE N IX / 2412 Seduta del 26/10/2011 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente GIULIO DE CAPITANI DANIELE BELOTTI ROMANO LA RUSSA GIULIO BOSCAGLI CARLO

Dettagli

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE I problemi del sistema vigente Lo Sportello Unico per le attività Produttive (SUAP) non ha avuto diffusione su tutto il territorio nazionale e non ha sostituito

Dettagli

MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI

MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI FSE 2007-2013 A cura della Direzione Istruzione Formazione Professionale Lavoro Allegato a alla dd. n. 608 del

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

Modello operativo di accreditamento

Modello operativo di accreditamento Modello operativo di accreditamento degli operatori pubblici e privati per l erogazione dei servizi di istruzione e formazione professionale e dei servizi per il lavoro Elenco dei soggetti accreditati

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Piazza Sant Eframo Vecchio, 130-80137 NAPOLITel. 0817519375FAX: 0817512716 C.M. NAIC8BT00NCodice fiscale 80022520631 e-mail: naic8bt00n@istruzione.it naic8bt00n@pec.istruzione.it

Dettagli

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities 1-32 28 giugno 2013 IL QUADRO DI RIFERIMENTO Cambiano gli scenari europei Regolamento

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

DETERMINA DELLA CNFC 23 LUGLIO 2014-10 OTTOBRE 2014 IN MATERIA DI CREDITI FORMATIVI ECM. Art. 1 (Obbligo formativo triennio 2014-2016)

DETERMINA DELLA CNFC 23 LUGLIO 2014-10 OTTOBRE 2014 IN MATERIA DI CREDITI FORMATIVI ECM. Art. 1 (Obbligo formativo triennio 2014-2016) DETERMINA DELLA CNFC 23 LUGLIO 2014-10 OTTOBRE 2014 IN MATERIA DI CREDITI FORMATIVI ECM Art. 1 (Obbligo formativo triennio 2014-2016) 1. L obbligo formativo standard per il triennio 2014-2016 è pari a

Dettagli

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio Aprile 2011 INDICE 1. ACCESSO ALLA PROCEDURA... 1 2. INSERIMENTO DATI...

Dettagli

FORMULARIO. Allegato 2) REGIONE TOSCANA. P.O.R. FONDO SOCIALE EUROPEO CRO 2007/2013 anno 2012

FORMULARIO. Allegato 2) REGIONE TOSCANA. P.O.R. FONDO SOCIALE EUROPEO CRO 2007/2013 anno 2012 Allegato 2) REGIONE TOSCANA P.O.R. FONDO SOCIALE EUROPEO CRO 2007/2013 anno 2012 Direzione Generale Competitività del sistema regionale e sviluppo delle competenze FORMULARIO Area Istruzione e educazione

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N.

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N. Azienda Ospedaliera Nazionale SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria Via Venezia, 16 15121 ALESSANDRIA Tel. 0131 206111 www.ospedale.al.it asoalessandria@pec.ospedale.al.it C. F. P. I. 0 1 6

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

Comune di Isola del Liri

Comune di Isola del Liri SERVIZIO 1 - SEGRETERIA DEL SINDACO U.R.P. AFFARI GENERALI E PERSONALE AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO, AI SENSI DELL ART. 110, COMMA 1, DEL D. LGS. 267/2000, DI N. 1

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Guida alla compilazione

Guida alla compilazione Guida alla compilazione 1 Guida alla compilazione... 1 PARTE I REGISTRAZIONE ORGANIZZAZIONE... 5 LA PRIMA REGISTRAZIONE... 5 ACCESSO AREA RISERVATA (LOGIN)...11 ANAGRAFICA ORGANIZZAZIONE...12 ANAGRAFICA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

AUTOCERTIFICAZIONE DELL AGGIORNAMENTO INFORMALE - ATTIVITA PROFESSIONALE DI CUI ALL ALLEGATO A DEL REGOLAMENTO -

AUTOCERTIFICAZIONE DELL AGGIORNAMENTO INFORMALE - ATTIVITA PROFESSIONALE DI CUI ALL ALLEGATO A DEL REGOLAMENTO - AUTOCERTIFICAZIONE DELL AGGIORNAMENTO INFORMALE - ATTIVITA PROFESSIONALE DI CUI ALL ALLEGATO A DEL REGOLAMENTO - (Art.5 c.1 e All.A del "Regolamento per l aggiornamento della competenza professionale"

Dettagli

REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA

REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA CAPO I OGGETTO DEL DIRITTO D ACCESSO 1. OGGETTO DEL REGOLAMENTO E DEFINIZIONI 1. Al fine di favorire

Dettagli

REQUISITI DI UN TEST CENTER AICA

REQUISITI DI UN TEST CENTER AICA Pag. 1 di 16 REQUISITI DI UN TEST CENTER AICA REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO DIRITTO ALLO STUDIO I capaci e i meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi. art. 34 Costituzione della Repubblica Italiana Diritto allo studio universitario

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Procedura di registrazione

Procedura di registrazione Agentur für die Verfahren und die Aufsicht im Bereich öffentliche Bau-, Dienstleistungs- und Lieferaufträge Agenzia per i procedimenti e la vigilanza in materia di contratti pubblici di lavoro, servizi

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO Liceo Ginnasio D. A. Azuni Via Rolando, 4 - Sassari Tel 079 235265 Fax 079 2012672 Mail: lcazuni@tin.it Web: http://www.liceoazuni.it MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI inseriti nel PIANO DELL OFFERTA

Dettagli

Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale

Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale Da riportare su carta intestata Mod. 1 sez A Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI ENTI DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO 14 PER

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

IL CONTROLLO SULL ATTUAZIONE DELLE ATTIVITA DI APPRENDISTATO 2012-2014 A UCS

IL CONTROLLO SULL ATTUAZIONE DELLE ATTIVITA DI APPRENDISTATO 2012-2014 A UCS IL CONTROLLO SULL ATTUAZIONE DELLE ATTIVITA DI APPRENDISTATO 2012-2014 A UCS Le attività formative svolte sono riconoscibili e pertanto possono essere oggetto di domanda di rimborso a condizione che: -

Dettagli

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013.

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013. REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA L Assessore Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività di informazione e promozione del PSR 2007/2013. Dotazione finanziaria Il fabbisogno

Dettagli