INDICE. VERNIANA Tav. 5 Bc vrn 01 pag. 04. PALAZZUOLO Tav. 6 Bc pal 01 pag. 01

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE. VERNIANA Tav. 5 Bc vrn 01 pag. 04. PALAZZUOLO Tav. 6 Bc pal 01 pag. 01"

Transcript

1

2

3 INDICE MONTE SAN SAVINO Tav. 1a e 1b Ap mss 02 pag. 01 Ap mss 03 pag. 04 Ap mss 04 pag. 07 Bc mss 01 pag. 10 Bc mss 02 pag. 13 Bc mss 03 pag. 16 Bc mss 04 pag. 19 Bc mss 05 pag. 22 Bc mss 06 pag. 25 Bc mss 07 pag. 28 Bc mss 08 pag. 31 Bc mss 09 pag. 34 Br mss 01 pag. 37 Br mss 02 Pag. 40 Br mss 03 pag. 43 Br mss 04 pag. 46 Br mss 05 pag. 49 Br mss 06 pag. 52 Br mss 07 pag. 55 Br mss 08 pag. 58 Br mss 09 pag. 61 Br mss 10 pag. 64 Br mss 11 pag. 67 C mss 01 pag. 70 C mss 02 pag. 73 C mss 03 pag. 76 C mss 04 pag. 79 C mss 05 pag. 82 C mss 06 pag. 85 C mss 07 pag. 88 C mss 08 pag. 91 D1 mss 01 pag. 94 D1 mss 02 pag. 97 D1 mss 03 pag. 100 D1 mss 04 pag. 103 D1 mss 05 pag. 106 D1 mss 06 pag. 109 D1 mss 07 pag. 112 Dt mss 01 pag. 115 Dt mss 02 pag. 118 Dt mss 03 pag. 121 Dt mss 04 pag. 124 VERTIGHE Tav. 2 Bc ver 01 pag. 01 Bc ver 02 pag. 04 Bc ver 03 pag. 07 Bc ver 04 pag. 10 Bc ver 06 pag. 13 Bc ver 07 pag. 16 Bc ver 08 pag. 19 Bc ver 11 pag. 22 Bc ver 12 pag. 25 C ver 01 pag. 28 C ver 02 pag. 31 D ver 01 pag. 34 Ft ver 01 pag. 37 Ft ver 02 pag. 40 Ft ver 03 pag. 43 Ft ver 04 pag. 46 MONTAGNANO Tav. 4 Ap mon 01 pag. 01 Bc mon 01 pag. 04 Bc mon 02 pag. 07 Bc mon 03 pag. 10 Bc mon 04 pag. 13 C mon 01 pag. 16 C mon 02 pag. 19 C mon 03 pag. 22 C mon 04 pag. 25 D1 mon 01 pag. 28 F4 mon 01 pag. 31 VERNIANA Tav. 5 Bc vrn 01 pag. 04 PALAZZUOLO Tav. 6 Bc pal 01 pag. 01 ALBERORO Tav. 3a e 3b Ap alb 01 pag. 01 Ap alb 03 pag. 04 Ap alb 04 pag. 07 Ap alb 05 pag. 10 Ap alb 06 pag. 13 Bc alb 01 pag. 16 Bc alb 02 pag. 19 Bc alb 03 pag. 22 Bc alb 04 pag. 25 Bc alb 05 pag. 28 Bc alb 06 pag. 31 Bc alb 07 pag. 34 Bc alb 08 pag. 37 Bc alb 09 pag. 40 Bc alb 11 pag. 43 Br alb 02 pag. 46 C alb 01 pag. 49 C alb 02 pag. 52 C alb 03 pag. 55 C alb 05 pag. 58 D2 alb 02 pag. 61 Er alb 01 pag. 64 Er alb 02 pag. 67

4

5 AREA DI PEREQUAZIONE AP MON 01 OBIETTIVI DELL AZIONE DI TRASFORMAZIONE Trattasi di un area posta in contiguità al campo di calcio di Montagnano funzionale al potenziamento delle strutture sportive della frazione. Indice territoriale DATI GENERALI 0,05 mq/mq AMBITI DELLA PEREQUAZIONE Ambiti ove è ammessa la perequazione Facoltativa con tutte le zone e/o sottozone omogenee C e Bc, comprese nella UTOE, per le quali è prevista la perequazione facoltativa.

6

7

8 AREA DI TRASFORMAZIONE Bc MON 01 OBIETTIVI DELL AZIONE DI TRASFORMAZIONE Trattasi di un area di completamento adiacente ad un verde pubblico attrezzato posto a monte dell abitato. Il comparto prevede la realizzazione di due strade funzionali alla realizzazione degli interventi. Indice territoriale It Modalità d intervento DATI GENERALI 0.20 mq/mq Intervento diretto convenzionato STANDARD ED ATTREZZATURE Parcheggi pubblici Non previsti Verde pubblico Non previsto AREE DI INTERESSE PUBBLICO DEL COMPARTO Tutte le aree di interesse pubblico comprese all interno del comparto ed individuate negli elaborati grafici di zonizzazione (viabilità, parcheggi, verde pubblico etc.): dovranno essere realizzati e successivamente ceduti all Amministrazione Comunale. AREE DELLA PEREQUAZIONE- ZONE P.E.E.P. Perequazione Facoltativa con tutte le aree perequate Ap comprese nella U.T.O.E. Sino ad un incremento massimo del 10% rispetto a quanto previsto P.E.E.P Non previsto ELEMENTI PRESCRITTIVI N. Piani abitabili 2 Max Altezza massima Mt.7,50 Rapporto massimo di copertura 40% (nei lotti edificabili) Superficie permeabile minima 25% da verificare nell intero comparto Distanza minima dalle strade 5 mt Destinazioni ammesse Come da NTA Ubicazione del P.T. rispetto alla viabilità Nessuna prescrizione h. minima del P.T. nei tratti di cui alla Nessuna prescrizione precedente linea Allineamenti stradali Si Altre prescrizioni Gli interventi edilizi non dovranno comportare alterazioni consistenti agli attuali assetti orografici. E vietata la realizzazione di muri di sostegno di altezza superiore a mt.1,50.

9

10

11 AREA DI TRASFORMAZIONE Bc MON 02 OBIETTIVI DELL AZIONE DI TRASFORMAZIONE Trattasi di un area di completamento adiacente a sviluppi recenti. Il comparto comprende il consolidamento di una viabilità esistente ed una, ortogonale, di distribuzione. Indice territoriale It Modalità d intervento DATI GENERALI 0.20 mq/mq Intervento diretto convenzionato STANDARD ED ATTREZZATURE Parcheggi pubblici N.10 posti auto lungo la viabilità Verde pubblico Non previsto AREE DI INTERESSE PUBBLICO DEL COMPARTO Tutte le aree di interesse pubblico comprese all interno del comparto ed individuate negli elaborati grafici di zonizzazione (viabilità, parcheggi, verde pubblico etc.): dovranno essere realizzati e successivamente ceduti all Amministrazione Comunale. AREE DELLA PEREQUAZIONE- ZONE P.E.E.P. Perequazione Facoltativa con tutte le aree perequate Ap comprese nella U.T.O.E. Sino ad un incremento massimo del 20% rispetto a quanto previsto P.E.E.P Non previsto ELEMENTI PRESCRITTIVI N. Piani abitabili 2 Max Altezza massima Mt.7,50 Rapporto massimo di copertura 40% (nei lotti edificabili) Superficie permeabile minima 25% da verificare nell intero comparto Distanza minima dalle strade 5 mt Destinazioni ammesse Come da NTA Ubicazione del P.T. rispetto alla viabilità Nessuna prescrizione h. minima del P.T. nei tratti di cui alla Nessuna prescrizione precedente linea Allineamenti stradali Si Altre prescrizioni E vietata la realizzazione di scenderie per accesso ai garage con dislivelli superiori mt.1,50

12

13

14 AREA DI TRASFORMAZIONE Bc MON 03 OBIETTIVI DELL AZIONE DI TRASFORMAZIONE Trattasi di un area di completamento adiacente agli sviluppi recenti di Montagnano. Indice territoriale It Modalità d intervento DATI GENERALI 0.20 mq/mq Intervento diretto convenzionato STANDARD ED ATTREZZATURE Parcheggi pubblici N.10 posti auto lungo la viabilità Verde pubblico Non previsto AREE DI INTERESSE PUBBLICO DEL COMPARTO Tutte le aree di interesse pubblico comprese all interno del comparto ed individuate negli elaborati grafici di zonizzazione (viabilità, parcheggi, verde pubblico etc.): dovranno essere realizzati e successivamente ceduti all Amministrazione Comunale. AREE DELLA PEREQUAZIONE- ZONE P.E.E.P. Perequazione Facoltativa con tutte le aree perequate Ap comprese nella U.T.O.E. Sino ad un incremento massimo del 20% rispetto a quanto previsto P.E.E.P Non previsto ELEMENTI PRESCRITTIVI N. Piani abitabili 2 Max Altezza massima Mt.7,50 Rapporto massimo di copertura 40% (nei lotti edificabili) Superficie permeabile minima 25% da verificare nell intero comparto Distanza minima dalle strade 5 mt Destinazioni ammesse Come da NTA Ubicazione del P.T. rispetto alla viabilità Nessuna prescrizione h. minima del P.T. nei tratti di cui alla Nessuna prescrizione precedente linea Allineamenti stradali Si Altre prescrizioni E vietata la realizzazione di scenderie per accesso ai garage con dislivelli superiori mt.1,50

15

16

17 AREA DI TRASFORMAZIONE Bc MON 04 OBIETTIVI DELL AZIONE DI TRASFORMAZIONE Trattasi di un area di completamento adiacente al centro dell abitato. Il comparto prevede la realizzazione di una strada e di un parcheggio funzionali alla realizzazione dell intervento. Indice territoriale It Modalità d intervento DATI GENERALI 0.20 mq/mq Piano attuativo STANDARD ED ATTREZZATURE Parcheggi pubblici Previsto nel comparto Verde pubblico Non previsto AREE DI INTERESSE PUBBLICO DEL COMPARTO Tutte le aree di interesse pubblico comprese all interno del comparto ed individuate negli elaborati grafici di zonizzazione (viabilità, parcheggi, verde pubblico etc.): dovranno essere realizzati e successivamente ceduti all Amministrazione Comunale. AREE DELLA PEREQUAZIONE- ZONE P.E.E.P. Perequazione Facoltativa con tutte le aree perequate Ap comprese nella U.T.O.E. Sino ad un incremento massimo del 10% rispetto a quanto previsto P.E.E.P Non previsto ELEMENTI PRESCRITTIVI N. Piani abitabili 2 Max Altezza massima Mt.7,50 Rapporto massimo di copertura 40% (nei lotti edificabili) Superficie permeabile minima 25% da verificare nell intero comparto Distanza minima dalle strade 5 mt Destinazioni ammesse Come da NTA Ubicazione del P.T. rispetto alla viabilità Nessuna prescrizione h. minima del P.T. nei tratti di cui alla Nessuna prescrizione precedente linea Allineamenti stradali Si Condizioni speciali Le superfici destinate ad attività commerciali o direzionali al piano terra degli edifici poste in fregio a Piazza Tien An Men non saranno computate come S.U.C.

18

19

20 AREA DI TRASFORMAZIONE C MON 01 OBIETTIVI DELL AZIONE DI TRASFORMAZIONE Area pedecollinare posta a ridosso degli sviluppi più recenti della frazione. Il comparto prevede la realizzazione di un parcheggio e di una viabilità funzionale alla esecuzione dell intervento. DATI GENERALI S.U.C. max ammissibile Mq STANDARD ED ATTREZZATURE Parcheggi pubblici Previsti nel comparto Verde pubblico attrezzato Nei limiti stabiliti dalle N.T.A. Altre attrezzature di interesse generale Nei limiti stabiliti dalle N.T.A. opere di urbanizzazione secondaria) Casse di laminazione e/o compensazione o altri elemeni per la riduzione del rischio idraulico Dovranno essere adottati gli accorgimenti tecnici necessari a contenere lo scarico di acqua piovana a valle nel limite massimo di 40 l/s*ha. Nota: dovranno comunque essere cedute e realizzate tutte le opere di interesse pubblico comprese all interno del comparto ed individuate negli elaborati grafici di zonizzazione (viabilità, parcheggi, verde pubblico etc.) ancorché eccedenti le quantità sopra indicate. AREE DELLA PEREQUAZIONE- ZONE P.E.E.P. Perequazione Facoltativa con tutte le aree perequate Ap comprese nella U.T.O.E. Sino ad un incremento massimo del 30% rispetto a quanto previsto. P.E.E.P Non previsto ELEMENTI PRESCRITTIVI DEL PIANO ATTUATIVO N. Piani 2 Max Altezza massima Mt 7,50 Rapporto massimo di copertura 30% (nei lotti edificabili) Superficie permeabile minima 35% in ciascun lotto edificabile 25% per l intero comparto Destinazioni ammesse Come da NTA Ubicazione del P.T. rispetto alla viabilità Nessuna prescrizione h. minima del P.T. Nessuna prescrizione Allineamenti stradali Altre prescrizioni Si Le facciate degli edifici si dovranno attestare sulla viabilità principale.

21

22

23 AREA DI TRASFORMAZIONE C MON 02 OBIETTIVI DELL AZIONE DI TRASFORMAZIONE Area pedecollinare posta a ridosso degli sviluppi più recenti della frazione. Il comparto prevede la realizzazione di un parcheggio e di una viabilità funzionale alla esecuzione dell intervento. DATI GENERALI S.U.C. max ammissibile Mq STANDARD ED ATTREZZATURE Parcheggi pubblici Previsti nel comparto Verde pubblico attrezzato Nei limiti stabiliti dalle N.T.A. Altre attrezzature di interesse generale Nei limiti stabiliti dalle N.T.A. opere di urbanizzazione secondaria) Casse di laminazione e/o compensazione o altri elemeni per la riduzione del rischio idraulico Dovranno essere adottati gli accorgimenti tecnici necessari a contenere lo scarico di acqua piovana a valle nel limite massimo di 40 l/s*ha. Nota: dovranno comunque essere cedute e realizzate tutte le opere di interesse pubblico comprese all interno del comparto ed individuate negli elaborati grafici di zonizzazione (viabilità, parcheggi, verde pubblico etc.) ancorché eccedenti le quantità sopra indicate. AREE DELLA PEREQUAZIONE- ZONE P.E.E.P. Perequazione Facoltativa con tutte le aree perequate Ap comprese nella U.T.O.E. Sino ad un incremento massimo del 30% rispetto a quanto previsto. P.E.E.P Non previsto ELEMENTI PRESCRITTIVI DEL PIANO ATTUATIVO N. Piani 2 Max Altezza massima Mt 7,50 Rapporto massimo di copertura 30% (nei lotti edificabili) Superficie permeabile minima 35% in ciascun lotto edificabile 25% per l intero comparto Destinazioni ammesse Come da NTA Ubicazione del P.T. rispetto alla viabilità Nessuna prescrizione h. minima del P.T. Nessuna prescrizione Allineamenti stradali Si Altre prescrizioni Le facciate degli edifici si dovranno attestare sulla viabilità principale. Prescrizioni speciali Dovrà essere acquisito preventivamente il parere della Sovrintendenza archeologica.

24

25

26 AREA DI TRASFORMAZIONE C MON 03 OBIETTIVI DELL AZIONE DI TRASFORMAZIONE Area posta a Sud della frazione adiacente ad un tessuto edilizio di recente formazione. Il comparto prevede la realizzazione di un parcheggio e di una viabilità funzionale alla esecuzione dell intervento. DATI GENERALI S.U.C. max ammissibile Mq STANDARD ED ATTREZZATURE Parcheggi pubblici Previsti nel comparto Verde pubblico attrezzato Nei limiti stabiliti dalle N.T.A. Altre attrezzature di interesse generale Nei limiti stabiliti dalle N.T.A. opere di urbanizzazione secondaria) Casse di laminazione e/o compensazione o altri elemeni per la riduzione del rischio idraulico Dovranno essere adottati gli accorgimenti tecnici necessari a contenere lo scarico di acqua piovana a valle nel limite massimo di 40 l/s*ha. Nota: dovranno comunque essere cedute e realizzate tutte le opere di interesse pubblico comprese all interno del comparto ed individuate negli elaborati grafici di zonizzazione (viabilità, parcheggi, verde pubblico etc.) ancorché eccedenti le quantità sopra indicate. AREE DELLA PEREQUAZIONE- ZONE P.E.E.P. Perequazione Facoltativa con tutte le aree perequate Ap comprese nella U.T.O.E. Sino ad un incremento massimo del 30% rispetto a quanto previsto. P.E.E.P Non previsto ELEMENTI PRESCRITTIVI DEL PIANO ATTUATIVO N. Piani 2 Max Altezza massima Mt 7,50 Rapporto massimo di copertura 30% (nei lotti edificabili) Superficie permeabile minima 35% in ciascun lotto edificabile 25% per l intero comparto Destinazioni ammesse Come da NTA Ubicazione del P.T. rispetto alla viabilità Nessuna prescrizione h. minima del P.T. Nessuna prescrizione Allineamenti stradali Si Altre prescrizioni Le facciate degli edifici si dovranno attestare sulla viabilità principale. Prescrizioni speciali Dovrà essere acquisito preventivamente il parere della Sovrintendenza archeologica.

27

28

29 AREA DI TRASFORMAZIONE C MON 04 OBIETTIVI DELL AZIONE DI TRASFORMAZIONE Area posta a Sud della frazione adiacente ad un tessuto edilizio di recente formazione. Il comparto prevede la realizzazione di viabilità funzionale alla esecuzione dell intervento. DATI GENERALI S.U.C. max ammissibile Mq STANDARD ED ATTREZZATURE Parcheggi pubblici Nei limiti stabiliti dalle N.T.A. con un minimo di 30 posti auto da collocare lungo le viabilità Verde pubblico attrezzato Nei limiti stabiliti dalle N.T.A. Altre attrezzature di interesse generale Nei limiti stabiliti dalle N.T.A. opere di urbanizzazione secondaria) Casse di laminazione e/o compensazione o altri elemeni per la riduzione del rischio idraulico Dovranno essere adottati gli accorgimenti tecnici necessari a contenere lo scarico di acqua piovana a valle nel limite massimo di 40 l/s*ha. Nota: dovranno comunque essere cedute e realizzate tutte le opere di interesse pubblico comprese all interno del comparto ed individuate negli elaborati grafici di zonizzazione (viabilità, parcheggi, verde pubblico etc.) ancorché eccedenti le quantità sopra indicate. AREE DELLA PEREQUAZIONE- ZONE P.E.E.P. Perequazione Facoltativa con tutte le aree perequate Ap comprese nella U.T.O.E. Sino ad un incremento massimo del 30% rispetto a quanto previsto. P.E.E.P Non previsto ELEMENTI PRESCRITTIVI DEL PIANO ATTUATIVO N. Piani 2 Max Altezza massima Mt 7,50 Rapporto massimo di copertura 30% (nei lotti edificabili) Superficie permeabile minima 35% in ciascun lotto edificabile 25% per l intero comparto Destinazioni ammesse Come da NTA Ubicazione del P.T. rispetto alla viabilità Nessuna prescrizione h. minima del P.T. Nessuna prescrizione Allineamenti stradali Altre prescrizioni Si Le facciate degli edifici si dovranno attestare sulla viabilità principale.

30

31

32 AREA DI TRASFORMAZIONE D1 MON 01 OBIETTIVI DELL AZIONE DI TRASFORMAZIONE Area prossima al confine comunale ed alla zona produttiva di Cesa. Il comparto prevede la realizzazione di parcheggi lungo la S.R. 327, una viabilità di bordo e due di penetrazione funzionali alla realizzazione dell intervento. Al fine di contenere l impatto visivo ed acustico all interno del comparto sono inserite alcune aree che dovranno essere sistemate a bosco. Modalità di intervento Interventi ammessi DATI GENERALI Intervento diretto convenzionato Max mq SUC STANDARD ED ATTREZZATURE Parcheggi pubblici Previsti nel comparto. Dovranno essere ricavati ulteriori 100 posti auto da collocare lungo le viabilità di penetrazione. Nota: dovranno comunque essere cedute e/o realizzate tutte le opere di interesse pubblico comprese all interno del comparto ed individuate negli elaborati grafici di zonizzazione (viabilità, parcheggi, verde pubblico etc.) ancorché eccedenti le quantità sopra indicate. Casse di laminazione e/o compensazione o altri elemeni per la riduzione del rischio idraulico Dovranno essere adottati gli accorgimenti tecnici necessari a contenere lo scarico di acqua piovana a valle nel limite massimo di 40 l/s*ha. AREE DELLA PEREQUAZIONE Perequazione Non prevista ELEMENTI PRESCRITTIVI N. Piani 2 Max Altezza massima Mt.10,00 Rapporto massimo di copertura 30% (nei lotti edificabili) Superficie permeabile minima 25% da verificare nell area edificabile Distanza minima dalle strade 10,00 mt Distanza minima dai confini 5,00 mt Destinazioni ammesse Come da NTA Allineamenti stradali Si Altre prescrizioni Al fine di contenere l impatto visivo ed acustico le aree a verde inserite nel comparto dovranno essere sistemate a bosco con essenze autoctone. In tali aree dovrà essere garantito l uso pubblico con obbligo di mantenimento a carico dei soggetti attuatori

33

34

35 AREA DI TRASFORMAZIONE F4 MON 01 OBIETTIVI DELL AZIONE DI TRASFORMAZIONE Area posta lungo la S.R. 327 in aderenza agli sviluppi recenti della frazione. Il comparto prevede la realizzazione di due parcheggi. Indice territoriale It Modalità d intervento DATI GENERALI 0.20 mq/mq Piano attuativo STANDARD ED ATTREZZATURE Parcheggi pubblici Previsti nel comparto Verde pubblico attrezzato Non previsto Nota: dovranno comunque essere cedute e realizzate tutte le opere di interesse pubblico comprese all interno del comparto ed individuate negli elaborati grafici di zonizzazione (viabilità, parcheggi, verde pubblico etc.) ancorché eccedenti le quantità sopra indicate. AREE DELLA PEREQUAZIONE- ZONE P.E.E.P. Perequazione Non prevista P.E.E.P Non previsto ELEMENTI PRESCRITTIVI DEL PIANO ATTUATIVO N. Piani 2 Max Altezza massima Mt 8,00 Rapporto massimo di copertura 30% (nei lotti edificabili) Superficie permeabile minima 35% in ciascun lotto edificabile Destinazioni ammesse Come da NTA zone F4 Ubicazione del P.T. rispetto alla viabilità Nessuna prescrizione h. minima del P.T. 4,00 Allineamenti stradali Si Altre prescrizioni ----

36

37

INDICE. VERNIANA Tav. 5 Bc vrn 01 pag. 04. PALAZZUOLO Tav. 6 Bc pal 01 pag. 01

INDICE. VERNIANA Tav. 5 Bc vrn 01 pag. 04. PALAZZUOLO Tav. 6 Bc pal 01 pag. 01 INDICE MONTE SAN SAVINO Tav. 1a e 1b Ap mss 02 pag. 01 Ap mss 03 pag. 04 Ap mss 04 pag. 07 Bc mss 01 pag. 10 Bc mss 02 pag. 13 Bc mss 03 pag. 16 Bc mss 04 pag. 19 Bc mss 05 pag. 22 Bc mss 06 pag. 25 Bc

Dettagli

ART. 9 NORME GENERALI PER GLI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI E TERZIARI

ART. 9 NORME GENERALI PER GLI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI E TERZIARI funzioni attinenti la produzione di beni e di servizi, sia pubblici sia privati, purché le attività svolte o previste non siano tali da costituire fonte di inquinamento atmosferico, del suolo o sonoro,

Dettagli

COMUNE DI VIAREGGIO. Ufficio progettazione urbanistica

COMUNE DI VIAREGGIO. Ufficio progettazione urbanistica COMUNE DI VIAREGGIO Ufficio progettazione urbanistica VARIANTE AL PIANO ATTUATIVO PEEP MIGLIARINA APPROVATO CON DEL. C.C. N. 68 DEL 30.09.1996 - LOTTO 4 - PER REALIZZAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Via Togliatti angolo via Galilei Comune di Vicopisano Conforti Costantino, Conforti Duccio e Conforti Sara.

RELAZIONE TECNICA. Via Togliatti angolo via Galilei Comune di Vicopisano Conforti Costantino, Conforti Duccio e Conforti Sara. Geom. Claudio Biasci Via traversa Lenin 132 San Martino Ulmiano SAN GIULIANO TERME RELAZIONE TECNICA OGGETTO: UBICAZIONE: PROPRIETA : Piano di Lottizzazione di iniziativa Privata Frazione Uliveto Terme

Dettagli

Studio tecnico arch. Marielena Sgroi

Studio tecnico arch. Marielena Sgroi 0 NOTA : LE PARTI MODIFICATE SONO SCRITTE IN COLORE BLU LE PARTI MODIFICATE A SEGUITO ACCOGLIMENTO ERRORI MATERIALI VARIANTE AL PIANO DELLE REGOLE SONO SCRITTE IN COLORE BLU LE PARTI STRALCIO DEL P.T.R.

Dettagli

Allegato A alle Disposizioni attuative del Piano delle regole del Piano di governo del territorio

Allegato A alle Disposizioni attuative del Piano delle regole del Piano di governo del territorio Comune di Barzio Allegato A alle Disposizioni attuative del del Piano di governo del territorio Criteri d intervento relativi agli ambiti di pianificazione convenzionata 2012 Localizzazione ecografica:

Dettagli

Allegato A alle Disposizioni attuative del Piano delle regole del Piano di governo del territorio

Allegato A alle Disposizioni attuative del Piano delle regole del Piano di governo del territorio Allegato A alle Disposizioni attuative del del Piano di governo del territorio Criteri d intervento relativi agli ambiti di pianificazione convenzionata Elaborato adeguato rispetto alle osservazioni approvate

Dettagli

AUTOSTRADE // per l ITALIA S.p.A. A14 BOLOGNA BARI TARANTO Tratto: Vasto Sud Termoli

AUTOSTRADE // per l ITALIA S.p.A. A14 BOLOGNA BARI TARANTO Tratto: Vasto Sud Termoli AUTOSTRADE // per l ITALIA S.p.A. A14 BOLOGNA BARI TARANTO Tratto: Vasto Sud Termoli Realizzazione di una bretella autostradale in località Petacciato tra il Km 461+938 e il Km 463+576 (viadotti Cacchione

Dettagli

di cui alla Convenzione con l Unione dei Comuni Valli e Delizie e con il Comune di Argenta del Rep., con la quale sono stati stabiliti

di cui alla Convenzione con l Unione dei Comuni Valli e Delizie e con il Comune di Argenta del Rep., con la quale sono stati stabiliti NORME TECNICHE EDIFICATORIE Art. 1 Ambito di applicazione Le presenti norme si applicano all interno di un ambito per nuovi insediamenti urbani (ANS1) destinato prevalentemente alla funzione residenziale

Dettagli

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DELIBERA C.C. N. 22 DEL 03/11/2009. Piano delle Regole

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DELIBERA C.C. N. 22 DEL 03/11/2009. Piano delle Regole COMUNE di TAVERNOLE S/MELLA Provincia di Brescia PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DELIBERA C.C. N. 22 DEL 03/11/2009 VARIANTE 2011 Piano delle Regole Estratto Norme tecniche di attuazione modificate a seguito

Dettagli

Piano di Governo del Territorio - Documento di Piano 1

Piano di Governo del Territorio - Documento di Piano 1 Piano di Governo del Territorio - Documento di Piano Indice Aree di trasformazione di interesse pubblico...3 TRP Area per la localizzazione di servizi per l istruzione...4 TRP - Nuova area a servizi tecnologici

Dettagli

VARIANTE URBANISTICA. Norme Tecniche di Attuazione. Zona di Decentramento n. 8

VARIANTE URBANISTICA. Norme Tecniche di Attuazione. Zona di Decentramento n. 8 DIREZIONE CENTRALE SVILUPPO DEL TERRITORIO Settore Pianificazione Urbanistica Attuativa e Strategica ATTO INTEGRATIVO ALL ACCORDO DI PROGRAMMA, PROMOSSO DAL COMUNE DI MILANO, AI SENSI DELL ART. 34 D.LGS.

Dettagli

Area su cui insiste una previsione edificatoria finalizzata alla realizzazione di una struttura di servizio per attività sanitarie

Area su cui insiste una previsione edificatoria finalizzata alla realizzazione di una struttura di servizio per attività sanitarie VALORIZZAZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMUNE DI GROSSETO 2009 DESCRIZIONE Area su cui insiste una previsione edificatoria finalizzata alla realizzazione di una struttura di servizio per attività sanitarie

Dettagli

VARIANTE NON SOSTANZIALE AL P.R.G.

VARIANTE NON SOSTANZIALE AL P.R.G. ADOZIONE: deliberazione G.C. n. del APPROVAZIONE: deliberazione G.C. n. del Allegato A) VARIANTE NON SOSTANZIALE AL P.R.G. RELATIVA ALLA MODIFICA NORMATIVA DELLA SCHEDA PROGETTO 2 AREA VETRERIA DA ASSOGGETTARE

Dettagli

NORME DI ATTUAZIONE PREMESSA

NORME DI ATTUAZIONE PREMESSA NORME DI ATTUAZIONE PREMESSA Le presenti Norme regolano l attuazione del Piano di Zona ai sensi della L. 18/04/1962 n. 167 e successive modifiche ed integrazioni. Esso interessa il comprensorio della frazione

Dettagli

Determinazione dei valori minimi e massimi delle aree edificabili Zona: Centro Nembro Anno Altezza massima mt.

Determinazione dei valori minimi e massimi delle aree edificabili Zona: Centro Nembro Anno Altezza massima mt. All. A DGC n. del Determinazione dei valori minimi e massimi delle aree edificabili Zona: Centro Nembro Anno 2014 Zona urbanistica di P.G.T. Ambito RESIDENZIALE Nuclei Antica Formazione N z.o. A R1 R2

Dettagli

di pavimento residenziale (Slpr)

di pavimento residenziale (Slpr) Scheda n.4 «S. Andrea» SUB AMBITI 1. Descrizione L estensione complessiva dell ambito è di 51 ha, e interessa l area compresa tra le ultime abitazioni del quartiere Pescara, fin quasi al confine comunale

Dettagli

COMUNE DI CAVEZZO PROVINCIA DI MODENA

COMUNE DI CAVEZZO PROVINCIA DI MODENA CRITERI E VALUTAZIONE DELLE AREE FABBRICABILI, E DEI FABBRICATI IN RISTRUTTURAZIONE, AI FINI I.C.I. PER L ANNO 2009 La valutazione delle aree fabbricabili deve essere effettuata ai sensi dell art. 5 comma

Dettagli

Norme Speciali di Attuazione

Norme Speciali di Attuazione Comune di Pieve Emanuele Piano Attuativo dell Ambito di Trasformazione Campus della Pieve Norme Speciali di Attuazione 12 luglio 2013 Proprietà: PIEVE S.R.L. Via Manzoni 56 Rozzano (MI) Progettisti: Arch.

Dettagli

COMUNE DI FORTE DEI MARMI

COMUNE DI FORTE DEI MARMI COMUNE DI FORTE DEI MARMI PROVINCIA DI LUCCA Piano Complesso di intervanto approvato il 14/03/2011 Realizzazione di intervento immobiliare ad uso residenziale - Ambito AT3 B Forte dei Marmi Via Emilia

Dettagli

PIANO DI LOTTIZZAZIONE Via Dosso Faiti 2 RELAZIONE

PIANO DI LOTTIZZAZIONE Via Dosso Faiti 2 RELAZIONE Comune di MARIANO COMENSE TAV: Provincia di Como Oggetto: PIANO DI LOTTIZZAZIONE Via Dosso Faiti 2 RELAZIONE ADOTTATO CON DELIBERA N. IN DATA PUBBLICATO DAL AL APPROVATO CON DELIBERA N. IN DATA IL TECNICO

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE COMUNE DI CIVITELLA IN VAL DI CHIANA LOCALITA VICIOMAGGIO VIA DELL OLMO PIANO ATTUATIVO N. 163 PER LA REALIZZAZIONE DI UN EDIFICIO ABITATIVO PLURIFAMILIARE E CONTESTUALI OPERE DI SISTEMAZIONE ESTERNA NORME

Dettagli

RIGLIONE - CIRCOLO L AVVENIRE

RIGLIONE - CIRCOLO L AVVENIRE COMUNE DI PISA Ufficio Speciale del Piano REGOLAMENTO URBANISTICO SCHEDA-NORMA PER LE AREE DI TRASFORMAZIONE SOGGETTE A PIANO ATTUATIVO scheda n 31.1 RIGLIONE - CIRCOLO L AVVENIRE D.M.1444/68: ZONA OMOGENEA

Dettagli

Deliberazione di C.C. n. 15 del

Deliberazione di C.C. n. 15 del Deliberazione di C.C. n. 15 del 13.02.2003 ALLEGATO A OGGETTO: MODIFICHE AL REGOLAMENTO PER L INDIVIDUAZIONE DEI «VALORI DI RIFERIMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEL VALORE VENALE IN COMUNE COMMERCIO DELLE

Dettagli

Art. 2 Volumetria, Superficie lorda di pavimento e Superficie Coperta massima realizzabile

Art. 2 Volumetria, Superficie lorda di pavimento e Superficie Coperta massima realizzabile Art. 1 Ambito del Programma Integrato di Intervento TS1 Le presenti norme disciplinano gli interventi relativi alle aree comprese all interno del perimetro del P.I.I. di vi Papa Giovanni XXIII, denominato

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Art. 1 - Finalità Le presenti norme hanno lo scopo di definire la disciplina degli interventi per l'attuazione del piano particolareggiato convenzionato di iniziativa privata,

Dettagli

- - - - - 1 - 2 - - - - 3 - - 4 - 5 - - 6 - - 7 - 8 PROGETTO SPECIALE n.6 - Caionvico Inquadramento dell area Localizzazione: Quadrante est della città Via S. Orsola Stato di fatto: L ambito interessa

Dettagli

3.7-AO8 - SESTRIERE COLLE - PROGETTISTI

3.7-AO8 - SESTRIERE COLLE - PROGETTISTI MODIFICATO IN BASE ALLE OSSERV. ALLE CONTRODEDUZIONI PRESENTATE AL PROG. PRELIM. ADOTTATO CON DELIB. CC. N. 9 DEL 7.4.2009 IN BASE ALLE OSSERV. ALLE CONTRODEDUZIONI PRESENTATE AL PROG. PRELIM. RIPUBBLICATO

Dettagli

Corso integrativo di preparazione all Esame di Stato per l abilitazione della libera professione di Geometra anno 2016

Corso integrativo di preparazione all Esame di Stato per l abilitazione della libera professione di Geometra anno 2016 Collegio Provinciale Geometri e Geometri Laureati di Genova Corso integrativo di preparazione all Esame di Stato per l abilitazione della libera professione di Geometra anno 2016 Paolo De Lorenzi - 2016

Dettagli

- Comparto D2.7 A - Comparto D2.7 B - Piano Particolareggiato 4

- Comparto D2.7 A - Comparto D2.7 B - Piano Particolareggiato 4 La VARIANTE interessa i seguenti Comparti: - Comparto D2.7 A - Comparto D2.7 B - Piano Particolareggiato 4 Per questi comparti è prevista la modifica sia della parte di testo che della parte grafica. Si

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA COMUNE DI LEGNARO PROVINCIA DI PADOVA ALLEGATO A P.U. C1E/42 XI FEBBRAIO RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Ditta: Zilio Giuseppe Forin Mariella Tecnico: geometra Alessandro Mason Legnaro, 11 maggio 2016 il

Dettagli

Provvisorio: sulla base dei valori già stimati dall'ufficio per il PRG Scimeni A B C. coefficiente di incidenza UFXVM

Provvisorio: sulla base dei valori già stimati dall'ufficio per il PRG Scimeni A B C. coefficiente di incidenza UFXVM ogni mq ) CALCOLO DEL A MQ DI SUPERFICIE EDIFICABILE del valore A1 Centro storico CITTA' 1,00-4 309,87 309,87 0,2 1 61,97 L'indice dato per la zona di centro storico è quello max utilizzabile sulle aree

Dettagli

PUA Relativo all area di connessione dei margini urbani: Villa Chiaviche Via Masiera I a 04/07/AT5 5) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

PUA Relativo all area di connessione dei margini urbani: Villa Chiaviche Via Masiera I a 04/07/AT5 5) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE PUA Relativo all area di connessione dei margini urbani: Villa Chiaviche Via Masiera I a 04/07/AT5 5) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE INDICI EDILIZI TERRITORIALI a) ST mq. 26.782,9 mq. 25.742,9 base calcolo

Dettagli

PROGETTO DI AREA ARTIGIANALE IN COMUNE DI SAN GENESIO ED UNITI (PV)

PROGETTO DI AREA ARTIGIANALE IN COMUNE DI SAN GENESIO ED UNITI (PV) Variante di PRG Redatta ai sensi del DPR 447/98 S.U.A.P. Sportello Unico Attività Produttive PROGETTO DI AREA ARTIGIANALE IN COMUNE DI SAN GENESIO ED UNITI (PV) Luglio 2009 VIA SCOPOLI, 12 27100 PAVIA

Dettagli

COMUNE DI BUGGIANO (Provincia di Pistoia)

COMUNE DI BUGGIANO (Provincia di Pistoia) COMUNE DI BUGGIANO (Provincia di Pistoia) Prot. n. OSSERVAZIONI ALLA DELIBERA C.C. N. 38 DEL 12.08.2009 DI ADOZIONE DEL REGOLAMENTO URBANISTICO DEL COMUNE DI BUGGIANO OSSERVAZIONE N 227 DEL 01/12/2009

Dettagli

SETTORE URBANISTICA Servizio di Pianificazione Territoriale

SETTORE URBANISTICA Servizio di Pianificazione Territoriale COMUNE DI MASSA Via Porta Fabbrica, 1, 54100 Massa Tel. 0585.4901 Fax 0585.41245 Cod i ce fiscale 00181760455 Partita iva 00181760455 www.comune.massa.ms.it SETTORE URBANISTICA Servizio di Pianificazione

Dettagli

ATTI TECNICI ARCA - NORD SALENTO CITTA DI MESAGNE

ATTI TECNICI ARCA - NORD SALENTO CITTA DI MESAGNE CITTA DI MESAGNE ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI, URBANISTICA E ASSETTO DEL TERRITTORIO, PATRIMONIO, CENTRO STORICO E DECORO URBANO Via Roma 2-72023 - Mesagne (BR) tel. 0831 732 230 /228 fax 0831 777403

Dettagli

LOTTO 1: SUOLO EDIFICABILE UBICATO IN ZONA EX PDZ 167 DISTINTO IN CATASTO AL FOGLIO 23 PARTICELLA 765, SUPERFICIE 1584 MQ.

LOTTO 1: SUOLO EDIFICABILE UBICATO IN ZONA EX PDZ 167 DISTINTO IN CATASTO AL FOGLIO 23 PARTICELLA 765, SUPERFICIE 1584 MQ. COMUNE DI PALAGIANO Provincia di Taranto SETTORE TECNICO Corso Vittorio Emanuele Tel. 0998886643-0998886645 Fax 0998886632 E mail: uftecnico.palagiano@libero.it Palagiano, 28 Ottobre 2011 Oggetto: Relazione

Dettagli

PIANO URBANISTICO ESECUTIVO DEL COMPARTO 5 DEL P.R.G.C. DI MOLFETTA SUB-COMPARTO B DI EDILIZIA PRIVATA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE -

PIANO URBANISTICO ESECUTIVO DEL COMPARTO 5 DEL P.R.G.C. DI MOLFETTA SUB-COMPARTO B DI EDILIZIA PRIVATA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE - PIANO URBANISTICO ESECUTIVO DEL COMPARTO 5 DEL P.R.G.C. DI MOLFETTA SUB-COMPARTO B DI EDILIZIA PRIVATA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE - ART. 1 Le presenti norme integrano e si coordinano con quelle previste

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE COMUNE DI VIAREGGIO Ufficio progettazione urbanistica VARIANTE AL PIANO ATTUATIVO PEEP MIGLIARINA APPROVATO CON DEL. C.C. N. 68 DEL 30.09.1996 - LOTTO 4 - PER REALIZZAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE

Dettagli

1 AMBITO D'INTERVENTO

1 AMBITO D'INTERVENTO Ze NUOVO CENTRO SISTEMA T.D.L. 1 AMBITO D'INTERVENTO Dati metrici St = 56.000 mq Descrizione dell'area Obiettivi Carichi insediativi massimi Area localizzata tra via Manzoni, via Giovanni XXIII, via Carducci

Dettagli

ONERI CONCESSORI DA APPLICARE NELL ANNO DELIBERA DI C.C. N. 77 DEL 06/12/2012

ONERI CONCESSORI DA APPLICARE NELL ANNO DELIBERA DI C.C. N. 77 DEL 06/12/2012 ONERI CONCESSORI DA APPLICARE NELL ANNO 2012-12-11 DELIBERA DI C.C. N. 77 DEL 06/12/2012 QUADRO RIASSUNTIVO PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO SUL COSTO DI COSTRUZIONE A) Edifici residenziali e scolastici

Dettagli

Allegato B alle disposizioni attuative del Piano delle regole del Piano di governo del territorio

Allegato B alle disposizioni attuative del Piano delle regole del Piano di governo del territorio Area Tecnica e Sviluppo del Territorio Via Dante 21, Robecco sul Naviglio (Mi) Allegato B alle disposizioni attuative del Piano delle regole del Piano di governo del territorio Criteri d intervento relativi

Dettagli

RELAZIONE TECNICA E URBANISTICA

RELAZIONE TECNICA E URBANISTICA DIREZIONE SERVIZI TECNICI VARIANTE PARZIALE AL P.G.T. N. 7 MODIFICA DEL PIANO DEI SERVIZI E DEL PIANO DELLE REGOLE PER: INSERIMENTO DEL NUOVO TRACCIATO DELLA STRADA DI COLLEGAMENTO TRA VIA DEL BOSCO E

Dettagli

ART. 17 bis - Ambito di trasformazione Accordo di Programma Alfa Romeo 2015

ART. 17 bis - Ambito di trasformazione Accordo di Programma Alfa Romeo 2015 PARTICOM UNO SPA OMISSIS ART. 17 bis - Ambito di trasformazione Accordo di Programma Alfa Romeo 2015 L ambito comprende le aree per la riqualificazione e la reindustrializzazione dell insediamento ex Alfa

Dettagli

ATTUAZIONE DEI PIANI DI GOVERNO DEL TERRITORIO NELLA PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA

ATTUAZIONE DEI PIANI DI GOVERNO DEL TERRITORIO NELLA PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA giovedì, 21 marzo 2013 ATTUAZIONE DEI PIANI DI GOVERNO DEL TERRITORIO NELLA PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA Ing. Bruno Cirant Dirigente dell Area Pianificazione del Territorio e S.I.T. Ufficio Pianificazione

Dettagli

Sub - ambito di trasformazione 27 S3 Comparto 27 S3.1

Sub - ambito di trasformazione 27 S3 Comparto 27 S3.1 Sub - ambito di trasformazione 27 S3 Comparto 27 S3.1 Polo Ambientale Integrato (PAI) (Tav. P.O.C. n. 17) Var. 125 PARTE I STATO DI FATTO 1. DESCRIZIONI DELLE CONDIZIONI ATTUALI DELL AREA L area di intervento

Dettagli

COMUNE DI SAN PIETRO VIMINARIO Provincia di Padova

COMUNE DI SAN PIETRO VIMINARIO Provincia di Padova COMUNE DI SAN PIETRO VIMINARIO Provincia di Padova Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale n. 67 del 30-11-12 ESTRATTO Oggetto: DETERMINAZIONE VALORI INDICATIVI MINIMI DI MERCATO PER LE AREE SUSCETTIBILI

Dettagli

\\PC\Domus_p2\VALENZA - PIAZZA\PA_VARIENTE_APRILE_2013\DOCUMENTI\NTA.doc

\\PC\Domus_p2\VALENZA - PIAZZA\PA_VARIENTE_APRILE_2013\DOCUMENTI\NTA.doc Art. 1 - Scopo e finalità urbanistica del piano attuativo Il presente Piano Attuativo è in variante del nuovo PRG parte operativa, di cui agli OP art 20 e OP art. 93, ed è definito ai sensi del 16 comma

Dettagli

PREMESSA: LA PROPOSTA PROGETTUALE:

PREMESSA: LA PROPOSTA PROGETTUALE: RELAZIONE TECNICA PREMESSA: L area interessata dal presente progetto di piano di lottizzazione, è inserita nelle Z.T.O. di classe Zone residenziali di espansione, RE Aree Dense- indicate dal Piano Regolatore

Dettagli

Si riportano, in forma schematica, le informazioni relative alle istanze pervenute all Amministrazione comunale di Sannazzaro de Burgondi.

Si riportano, in forma schematica, le informazioni relative alle istanze pervenute all Amministrazione comunale di Sannazzaro de Burgondi. Si riportano, in forma schematica, le informazioni relative alle istanze pervenute all Amministrazione comunale di Sannazzaro de Burgondi. N PROT. DATA 1 8841 07/07/06 28 617-618 POSIZIONE CATASTALE FG

Dettagli

COMUNE DI RIMINI CF/P.IVA

COMUNE DI RIMINI CF/P.IVA COMUNE DI RIMINI CF/P.IVA 00304260409 DIREZIONE PIANIFICAZIONE E GESTIONE TERRITORIALE Settore Pianificazione Attuativa ed Edilizia Residenziale Pubblica U.O. Piani Attuativi Privati NORME TECNICHE DI

Dettagli

Scheda di Sintesi Intervento

Scheda di Sintesi Intervento COMUNE DI CASERTA DOCUMENTO DI ORIENTAMENTO STRATEGICO ALLEGATO 5) Scheda di Sintesi Intervento Codice dell intervento : HS 2.4 SEZIONE I: IDENTIFICAZIONE DELL INTERVENTO TITOLO PROGETTO: PROGRAMMA REGIONALE

Dettagli

TABELLE VALORI DICHIARATI IN ATTI NOTARILI PER COMPRAVENDITA DI TERRENI IN CASTELLI CALEPIO:

TABELLE VALORI DICHIARATI IN ATTI NOTARILI PER COMPRAVENDITA DI TERRENI IN CASTELLI CALEPIO: ALLEGATO 1) TABELLE VALORI DICHIARATI IN ATTI NOTARILI PER COMPRAVENDITA DI TERRENI IN CASTELLI CALEPIO: Anno Atto Prezzo unitario al mq in Euro Zona urbanistica da PRG vigente Valore Medio 2007 (adeguamento

Dettagli

PIANO DEI SERVIZI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE MODALITÀ DI ESECUZIONE DELLE ATTREZZATURE PUBBLICHE E DI INTERESSE PUBBLICO O GENERALE

PIANO DEI SERVIZI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE MODALITÀ DI ESECUZIONE DELLE ATTREZZATURE PUBBLICHE E DI INTERESSE PUBBLICO O GENERALE 1 PIANO DEI SERVIZI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART.6 RIFERIMENTI NORMATIVI MODALITÀ DI ESECUZIONE DELLE ATTREZZATURE PUBBLICHE E DI INTERESSE PUBBLICO O GENERALE

Dettagli

VARIANTE PARZIALE P.R.G. RELATIVA P.I.I. CANONICA (art L.R. N. 12/2005)

VARIANTE PARZIALE P.R.G. RELATIVA P.I.I. CANONICA (art L.R. N. 12/2005) COMUNE DI TRIUGGIO (MILANO) VARIANTE PARZIALE P.R.G. RELATIVA P.I.I. CANONICA (art. 25 - L.R. N. 12/2005) DOC. N 1 - DELIBERAZIONE DI ADOZIONE E APPROVAZIONE DOC. N 2 - AZZONAMENTO VIGENTE - INDIVIDUAZIONE

Dettagli

COMUNE DI SAN BONIFACIO PROVINCIA DI VERONA

COMUNE DI SAN BONIFACIO PROVINCIA DI VERONA PER L ANNO 2012 CON DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 103 DEL 03/10/2012 SONO STATI APPROVATI I VALORI VENALI DELLE AREE FABBRICABILI E DEI FABBRICATI SOTTOPOSTI AD INTERVENTI DI RECUPERO AI FINI I.M.U.,

Dettagli

GALLIPOLI. Problemi / Quesiti

GALLIPOLI. Problemi / Quesiti GALLIPOLI Tipo di piano urbanistico PRG Cartografia di riferimento Cartografia di riferimento: cartografia vettoriale georeferenziata fornita dall UT del Comune di Gallipoli Formato file.shp (shapefile)

Dettagli

VARIANTE 2013 AL PIANO DI LOTTIZZAZIONE BOSCHETTO PL.404

VARIANTE 2013 AL PIANO DI LOTTIZZAZIONE BOSCHETTO PL.404 VARIANTE 2013 AL PIANO DI LOTTIZZAZIONE BOSCHETTO PL.404 1 Il P.L. Boschetto riguarda un area multifunzionale posta in Eremo di Curtatone, in prossimità della S.P. 57 e della via Parri. Il P.L. ha avuto

Dettagli

COMUNE DI PISA Pianificazione Urbanistica d Area Dirigente arch. Gabriele Berti

COMUNE DI PISA Pianificazione Urbanistica d Area Dirigente arch. Gabriele Berti COMUNE DI PISA Pianificazione Urbanistica d Area Dirigente arch. Gabriele Berti Variante al Regolamento Urbanistico finalizzata alla ridefinizione delle destinazioni di aree di proprietà pubblica e di

Dettagli

Titolo I NORME GENERALI Art. 1 Ambito di applicazione delle norme Art. 2 Formazione dei lotti... 3

Titolo I NORME GENERALI Art. 1 Ambito di applicazione delle norme Art. 2 Formazione dei lotti... 3 Titolo I NORME GENERALI... 2 Art. 1 Ambito di applicazione delle norme... 2 Art. 2 Formazione dei lotti... 3 Art. 3 Modalità di attuazione del piano... 3 Titolo II INDICI EDILIZI E PRESCRIZIONI DI PROGETTO..

Dettagli

LOTTIZZAZIONE "STORNELLA"

LOTTIZZAZIONE STORNELLA PROVINCIA: PIACENZA COMUNE DI: CADEO OGGETTO: STUDIO TECNICO GEOM. BERNINI ANDREA LOTTIZZAZIONE "STORNELLA" VARIANTE ALL'Ex P.P.I.P. (P.U.A.) - CONVENZIONE 27/01/2009 n 94028 COMMITTENTE: EDILBATTECCA

Dettagli

COMUNE DI SETTINGIANO

COMUNE DI SETTINGIANO COMUNE DI SETTINGIANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CESSIONE DI AREE STANDARD Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 15 del 26/05/2009 Art. 1 Aspetti generali Al fine di assicurare una diversa

Dettagli

Salumificio ALIPRANDI S.p.A Stabilimento 2. Complesso per. Lavorazione carni - AMPLIAMENTO

Salumificio ALIPRANDI S.p.A Stabilimento 2. Complesso per. Lavorazione carni - AMPLIAMENTO Via Capolago,16 Tel. 02.70600602 02.26680329 Fax 02.26680395 20133 MILANO ITALIA http://www.strmilano.it - e-mail: str@strmilano.it Salumificio ALIPRANDI S.p.A Stabilimento 2 Complesso per Lavorazione

Dettagli

Sup. Utile Sup. Edilizia Totale Abitazioni 1.050 mq 1.800 mq. Altezze massime m Piani fuori terra - edifici di base residenziale 10,50 m 3

Sup. Utile Sup. Edilizia Totale Abitazioni 1.050 mq 1.800 mq. Altezze massime m Piani fuori terra - edifici di base residenziale 10,50 m 3 N 101: EX SCUOLA SAN PROSPERO (ADOTTATA) Strumento di attuazione: Permesso di costruire Descrizione e obiettivi delle trasformazioni PARTE I - DISPOSIZIONI GENERALI Realizzare una nuova zona Bc, completando

Dettagli

Norme Tecniche d Attuazione PEEP comparto 9.13 in variante al PRG vigente. Sommario

Norme Tecniche d Attuazione PEEP comparto 9.13 in variante al PRG vigente. Sommario Norme Tecniche d Attuazione PEEP comparto 9.13 in variante al PRG vigente Sommario titolo I disposizioni generali Capo I generalità art. 1 - Ambito di applicazione art. 2 - Elaborati del piano di zona

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Il presente progetto tratta del Piano di Recupero ai sensi degli art. 27 e 28 della L. 457/78 e della contestuale applicazioni delle previsioni della L.R. n. 22 del 08/10/2009

Dettagli

RELAZIONE e COMPUTO METRICO ESTIMATIVO OPERE di URBANIZZAZIONE

RELAZIONE e COMPUTO METRICO ESTIMATIVO OPERE di URBANIZZAZIONE COMUNE di LAGNASCO PROVINCIA di CUNEO PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO Via XXV Aprile f. 14 mappali 725, 726, 728, 729, 752, 753, 754, 755, 756, 757, 758 e 759 Area RES3 del P.R.G. vigente RELAZIONE e COMPUTO

Dettagli

ART. 1 DEFINIZIONI... 2 ART. 2 DESTINAZIONI D USO AMMESSE... 3 ART. 3 PARAMETRI E INDICI... 4 ART. 4 PARCHEGGI PRIVATI... 4

ART. 1 DEFINIZIONI... 2 ART. 2 DESTINAZIONI D USO AMMESSE... 3 ART. 3 PARAMETRI E INDICI... 4 ART. 4 PARCHEGGI PRIVATI... 4 INDICE ART. 1 DEFINIZIONI... 2 1.1 DESTINAZIONI... 2 1.2 SLP (mq): SUPERFICIE LORDA DI PAVIMENTO... 2 1.3 V (mc) = VOLUME... 2 1.4 H (m): ALTEZZA MASSIMA DEL FABBRICATO... 2 1.5 IT (mc/mq): INDICE VOLUMETRICO

Dettagli

RELAZIONE SULLE FOGNATURE

RELAZIONE SULLE FOGNATURE RELAZIONE SULLE FOGNATURE La lottizzazione in oggetto, sita a Milano Marittima, si sviluppa in un area posta al termine di Via del Giorgione, racchiusa fra l abitato esistente posto sul confine est del

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Norme tecniche per l attuazione del Piano di Lottizzazione La seguente relazione ha lo scopo di delineare le norme tecniche, per l attuazione del Piano di Lottizzazione,

Dettagli

S. BRIGIDA. Funzione prevalente

S. BRIGIDA. Funzione prevalente S. BRIGIDA Funzione prevalente Residenziale (a) Superficie territoriale 16,65 [ha] (b) Abitanti censimento 2001 880 (c) Addetti - censimento 2001 46 (d) Densità territoriale abitativa 52,4 [ab/ha] (e)

Dettagli

PIANO DI LOTTIZZAZIONE IN ZONA C2.1 LOTTIZZANTI: POLITO DOMENICO, POLITO CATERINA, POLITO MARIA TERESA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

PIANO DI LOTTIZZAZIONE IN ZONA C2.1 LOTTIZZANTI: POLITO DOMENICO, POLITO CATERINA, POLITO MARIA TERESA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE (PROVINCIA DI CROTONE) PIANO DI LOTTIZZAZIONE IN ZONA C2.1 LOTTIZZANTI: POLITO DOMENICO, POLITO CATERINA, POLITO MARIA TERESA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE STRALCIO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione

Norme Tecniche di Attuazione B VARIANTE PARZIALE AL PIANO REGOLATORE GENERALE PARTE STRUTTURALE E OPERATIVA DEL COMUNE DI SAN GEMINI Norme Tecniche di Attuazione Progettisti: Ufficio Tecnico Comunale del Comune di San Gemini Arch.

Dettagli

SOTTOZONA D5 - ZONA PER ATTIVITÀ COMMERCIALI E NUOVI. - per l ambito di P.L.4 inserito e modificato con Variante ex art.23/97

SOTTOZONA D5 - ZONA PER ATTIVITÀ COMMERCIALI E NUOVI. - per l ambito di P.L.4 inserito e modificato con Variante ex art.23/97 SOTTOZONA D5 - ZONA PER ATTIVITÀ COMMERCIALI E NUOVI INSEDIAMENTI MISTI PRODUTTIVI-COMMERCIALI. a.5.) - Destinazione: nella Sottozona D5 sono ammessi: - per l ambito di P.L.4 inserito e modificato con

Dettagli

CITTÀ DI MOLFETTA Settore Territorio

CITTÀ DI MOLFETTA Settore Territorio MODIFICA E INTEGRAZIONE DELLE DELIBERE Consiglio Comunale n.284 del 27 marzo 1976 Consiglio Comunale n.48 del 12 marzo 1998 Consiglio Comunale n.11 del 25 luglio 2001 Consiglio Comunale n.107 del 18 aprile

Dettagli

Con Deliberazione del Consiglio Comunale del 31 marzo 2009, n. 24 è stata approvata la Variante

Con Deliberazione del Consiglio Comunale del 31 marzo 2009, n. 24 è stata approvata la Variante Premessa Con Deliberazione del Consiglio Comunale del 31 marzo 2009, n. 24 è stata approvata la Variante al Piano Regolatore Generale Comunale (PRGC) che ha destinato il lotto compreso tra via Asiago,

Dettagli

COMUNE DI MONSUMMANO TERME

COMUNE DI MONSUMMANO TERME COMUNE DI MONSUMMANO TERME Prov. di Pistoia Monsummano T. lì 14.03.2008 Prot. Int. 75 Settore Gestione e Pianificazione del Territorio U.O.C. Urbanistica Al Dirigente sede Oggetto: Proposta di variante

Dettagli

TITOLO III PIANO URBANISTICO ESECUTIVO RELATIVO ALL AMBITO URBANO A2

TITOLO III PIANO URBANISTICO ESECUTIVO RELATIVO ALL AMBITO URBANO A2 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Trasformazioni del territorio Art. 2 Definizioni, indici e parametri urbanistici Art. 3 Norme generali stabilite nel PUG TITOLO II SCHEMA DI ASSETTO GENERALE

Dettagli

COMUNE DI TURATE. Documento di Piano Criteri d intervento relativi agli ambiti di trasformazione. N. Ambito

COMUNE DI TURATE. Documento di Piano Criteri d intervento relativi agli ambiti di trasformazione. N. Ambito 310 N. Ambito Localizzazione ecografica: confine con il Comune di Gerenzano (parte) prossimità a via Fermi Localizzazione catastale: mappali: 10282, 10300, 10297, 6167, 6168, 750 p Rappresentazione cartografica

Dettagli

PIANO ATTUATIVO in variante: intervento di edilizia libera e E.R.P. in via Cantaluppo e via I. Nievo

PIANO ATTUATIVO in variante: intervento di edilizia libera e E.R.P. in via Cantaluppo e via I. Nievo Comune di Monza PIANO ATTUATIVO in variante: intervento di edilizia libera e E.R.P. in via Cantaluppo e via I. Nievo Lottizzanti: Sig. Arosio FRATREM S.n.c. ALLEGATO 12 RELAZIONE SUL SISTEMA DELLA VIABILITA'

Dettagli

Oneri di Urbanizzazione Primaria e Secondaria

Oneri di Urbanizzazione Primaria e Secondaria Oneri di Urbanizzazione Primaria e Secondaria Gli oneri si applicano alla superficie lorda, determinata ai soli fini del presente provvedimento, dalla somma delle S.U.L., così come previsto dall art. 3

Dettagli

C O M U N E D I B R I O S C O PROVINCIA DI MILANO

C O M U N E D I B R I O S C O PROVINCIA DI MILANO C O M U N E D I B R I O S C O PROVINCIA DI MILANO ALLEGATO A DETERMINAZIONE DEI VALORI DELLE AREE FABBRICABILI AI FINI I.C.I. L I.C.I. (Imposta Comunale Immobili) in merito alle aree edificabili, indica

Dettagli

Nuova edilizia convenzionata, residenze universitarie, centro sportivo ed aree a parco pubblico

Nuova edilizia convenzionata, residenze universitarie, centro sportivo ed aree a parco pubblico P.I.I. VIA PARRI, VIA NITTI, PARCO DEI FONTANILI Nuova edilizia convenzionata, residenze universitarie, centro sportivo ed aree a parco pubblico L'ambito del progetto si trova all estrema periferia occidentale

Dettagli

- Funzioni principali H1 Funzioni ricettive Funzioni direzionali tutte

- Funzioni principali H1 Funzioni ricettive Funzioni direzionali tutte Art. 54 - Ambito di completamento 1 Via Milano Ambito di completamento Area di localizzazione dell edificazione Area verde in cessione Area verde privato a. Obiettivi di progetto Obiettivo generale d intervento

Dettagli

ESAME DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ARCHITETTO OVO ORDINAMENTO - ARCHITETTO VECCHIO O INAMEN - SESSIONE GIUGNO 2008

ESAME DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ARCHITETTO OVO ORDINAMENTO - ARCHITETTO VECCHIO O INAMEN - SESSIONE GIUGNO 2008 ESAME DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ARCHITETTO OVO ORDINAMENTO - ARCHITETTO VECCHIO O INAMEN - SESSIONE GIUGNO 2008 a) In un lotto localizzato in zona marina di dimensioni 70 x 30 con

Dettagli

1) PREMESSA 2) DESCRIZIONE DEL LUOGO ATTUALE

1) PREMESSA 2) DESCRIZIONE DEL LUOGO ATTUALE 1) PREMESSA Il progetto che di seguito verrà descritto, fa parte di un piano urbanistico attuativo di iniziativa privata in variante al piano particolareggiato denominato Area ex stadio del nuoto approvato

Dettagli

PdZ C22 CASALE NEI QUINQUIES

PdZ C22 CASALE NEI QUINQUIES maggio 2011 PdZ C22 CASALE NEI QUINQUIES Indice 1 Oggetto della Variante 2 Descrizione delle aree oggetto di variante 3 Dimensionamento del piano 1 Oggetto della Variante La Variante quinquies al Piano

Dettagli

ADOZIONE P.U.A. DEL COMPARTO N. 2 DELL AMBITO C1-6 DI VIA EUROPA

ADOZIONE P.U.A. DEL COMPARTO N. 2 DELL AMBITO C1-6 DI VIA EUROPA ADOZIONE P.U.A. DEL COMPARTO N. 2 DELL AMBITO C1-6 DI VIA EUROPA RELAZIONE Con istanza acquisita al protocollo comunale in data 10/4/2015 al n. 6514, il sig. Oliviero Francesco nella qualità di Procuratore

Dettagli

COMPARTO INDUSTRIALE SOTTO ZONA D5

COMPARTO INDUSTRIALE SOTTO ZONA D5 ARTICOLO 1 Premesse e ambito di applicazione Le presenti norme disciplinano l'edificazione e l'urbanizzazione delle aree costituenti il COMPARTO INDUSTRIALE SOTTO ZONA D5, previsto dalla Variante al P.R.G.

Dettagli

R.A1.08 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE. GOLF CLUB ARGENTA Via Poderi n 2/A, Argenta (FE)

R.A1.08 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE. GOLF CLUB ARGENTA Via Poderi n 2/A, Argenta (FE) EMILIO CARAVATTI ARCHITETTO PIAZZA SAN PAOLO 4 20900 MONZA MB T +39 039 327425 www.emiliocaravatti.it studio@emiliocaravatti.it GOLF CLUB ARGENTA Via Poderi n 2/A, Argenta (FE) Progettista: Emilio Caravatti

Dettagli

PdZ 20 PONTE DI NONA OCTIES

PdZ 20 PONTE DI NONA OCTIES maggio 2011 PdZ 20 PONTE DI NONA OCTIES Indice 1 Oggetto della Variante 2 Descrizione delle aree oggetto di variante 3 Dimensionamento del piano 1 Oggetto della Variante La Variante octies al Piano di

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO PIANO DI LOTTIZZAZIONE COMPARTO 2 A SUD AREA BORSEA 1 CENTRO COMMERCIALE 13 RELAZIONE ILLUSTRATIVA

COMUNE DI ROVIGO PIANO DI LOTTIZZAZIONE COMPARTO 2 A SUD AREA BORSEA 1 CENTRO COMMERCIALE 13 RELAZIONE ILLUSTRATIVA COMUNE DI ROVIGO PIANO DI LOTTIZZAZIONE COMPARTO 2 A SUD AREA BORSEA 1 CENTRO COMMERCIALE 13 RELAZIONE ILLUSTRATIVA La variante richiesta riguarda un area censita al catasto al Censuario di Grignano Polesine

Dettagli

COMUNE DI ARONA (Provincia di Novara)

COMUNE DI ARONA (Provincia di Novara) 1 COMUNE DI ARONA (Provincia di Novara) PIANO PARTICOLAREGGIATO UNITÀ DI INTERVENTO n. 3-5 DELL AMBITO NORMATIVO Br3 VIALE BERRINI VIA MARTIRI DELLA LIBERTÀ NORME DI ATTUAZIONE 1. OGGETTO DEL PIANO PARTICOLAREGGIATO

Dettagli

Art. 1 - Finalità e campo di applicazione. Art. 2 - Riferimenti normativi. Art. 3- Elaborati costitutivi il Piano attuativo

Art. 1 - Finalità e campo di applicazione. Art. 2 - Riferimenti normativi. Art. 3- Elaborati costitutivi il Piano attuativo 1 INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Finalità e campo di applicazione Riferimenti normativi Elaborati costitutivi il Piano attuativo Parametri urbanistici del Piano attuativo Prescrizioni

Dettagli

STUDIO TECNICO DI INGEGNERIA Ing. Andrea Dessi SOMMARIO

STUDIO TECNICO DI INGEGNERIA Ing. Andrea Dessi SOMMARIO SOMMARIO SOMMARIO Sommario 1 Norme di attuazione 2 Art. - I Finalità 2 Art. - II Strumento d attuazione del piano urbanistico comunale 2 Art. - III Disposizioni generali 2 Art. - IV Norme di edificabilità

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA PROPRIETA : ROSIGNOLI NORME TECNICHE D ATTUAZIONE PROGETTISTA : ARCHITETTO RICCARDO PALESTRA 1 Articolo 1 Competenza delle norme Le presenti norme tecniche di attuazione

Dettagli

Le fasi di formazione della pianificazione comunale. Legge del 1865 «Sulle espropriazioni per pubblica utilità»

Le fasi di formazione della pianificazione comunale. Legge del 1865 «Sulle espropriazioni per pubblica utilità» Le fasi di formazione della pianificazione comunale Legge del 1865 «Sulle espropriazioni per pubblica utilità» Piano regolatore del nucleo urbano esistente; piano regolatore di ampliamento; norme per l

Dettagli

ELABORATI PER PIANI ATTUATIVI (DEL.C.C.27/2005)

ELABORATI PER PIANI ATTUATIVI (DEL.C.C.27/2005) ELABORATI PER PIANI ATTUATIVI (DEL.C.C.27/2005) a) Piano di Lottizzazione 1) Domanda in bollo a firma dei proprietari proponenti; 2) Copia dei titoli di proprietà ; 3) Certificazioni catastali aggiornate;

Dettagli

1 - RELAZIONE TECNICA

1 - RELAZIONE TECNICA I N D I C E Indice pag. 1 1 - Relazione tecnica pag. 2 2 - Dimensionamento P.U.A. pag. 3 3 - Descrizione delle opere di urbanizzazione primaria pag. 5 4 - Verifica scomputo oneri urbanizz. primaria e secondaria

Dettagli