UN MOUSE A PORTATA DI MANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UN MOUSE A PORTATA DI MANO"

Transcript

1 1 ENTE SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA 1) Ente proponente il progetto: ISTITUTO TUTELA E ASSISTENZA LAVORATORI 2) Codice di accreditamento: NZ ) Albo e classe di iscrizione: NAZIONALE 1 4) Titolo del progetto: CARATTERISTICHE PROGETTO UN MOUSE A PORTATA DI MANO 5) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Settore Educazione e Promozione culturale (E) Area (11) Sportelli informa.. 6) Descrizione dell area di intervento e del contesto territoriale entro il quale si realizza il progetto con riferimento a situazioni definite, rappresentate mediante indicatori misurabili; identificazione dei destinatari e dei beneficiari del progetto

2 2 Premessa Se volessimo ipotizzare una scena di un film, tipo Ritorno al futuro nel 2114 forse vedremmo eminenti informatici, scienziati, sociologi e filosofi 2.0 i quali analizzando il cammino dei nuovi media nella storia, sorriderebbero con malcelato distacco guardando nel lontano 2014 raffigurate persone con l aria stupita e attonita davanti un computer senza sapere che farne. Ma potrebbe effettivamente essere così il futuro? tutto e tutti informatizzati? Può darsi che sarà così ma oggi è ben diverso. Laddove milioni di persone beneficiano dei vantaggi di una comunicazione in tempo reale, dalla quale è possibile ottenere informazioni altrimenti irraggiungibili che determinano privilegi e opportunità di conoscenza, per contro, miliardi di persone sono ancora del tutto prive di una pur minima capacità di entrare in questo contesto di società di comunicazione e informazione e subiscono le nuove tecnologie come un ulteriore elemento di diseguaglianza che li esclude da qualsiasi beneficio. Questa diseguaglianza va sotto il nome di divario digitale ed è il divario esistente tra chi ha accesso ai nuovi media (personal computer e in particolare internet) e chi ne è eluso. In inglese è chiamato digital divide, dove divide sta letteralmente a significare spartiacque (dicasi spartiacque quella linea geografica che separa grandi bacini fluviali, i cui fiumi andranno a sfociare in direzioni completamente opposte). Partendo da questa definizione si comprende come le fasce sociali più deboli, come anziani, famiglie poco abbienti, immigrati e disabili stiano prendendo una direzione completamente opposta rispetto a quelli che sono nati con il computer (i cosiddetti nativi digitali ), i quali hanno un approccio ai nuovi media molto intuitivo, abituati già da piccoli ad interagire con questi strumenti di nuova generazione. Nonostante i computer e, in generale, i nuovi media si siano imposti sul mercato a prezzi abbastanza accessibili, il mancato investimento nelle nuove tecnologie (problema prevalentemente italiano), la scarsità di connessioni wi-fi gratuite e/o l insufficiente velocità hanno portato pesanti conseguenze alle famiglie che non possono permettersi l acquisto di un computer o l abbonamento ad una connessione a banda larga. Altro aspetto del Divario Digitale che preclude la possibilità di conoscere e usufruire di eventuali vantaggi è l analfabetismo informatico. Si definisce come analfabetismo informatico l incapacità di un individuo di compiere qualsiasi operazione attraverso un computer o internet. Davanti a questi strumenti di nuova generazione, gli analfabeti informatici si scoraggiano e quasi provano un senso d odio nei confronti dello strumento che hanno di fronte. Se non vengono seguiti nel loro percorso di conoscenza e di approccio con i nuovi media, si rischia di allontanarli definitivamente dalle infinite possibilità offerte.. In Italia grande è la mancanza di informazioni riguardo l uso dei nuovi media aggiornamento e formazione. e troppo pochi sono gli investimenti per Se si pensa al fatto che solo il 55% del nostro paese è connesso ad Internet e solo una piccola parte è realmente a conoscenza delle tecniche di produzione di contenuti su Internet, si capisce quanto siamo indietro rispetto a paesi come l Inghilterra che a breve introdurrà nei programmi scolastici l insegnamento di linguaggio HTLM e di programmazione. In un mondo in cui le tecnologie corrono veloci, molti paesi si trovano in netto svantaggio (come appunto il nostro) rispetto agli altri paesi europei e, andando avanti così, potrebbero trovarsi in enorme difficoltà se non avvieranno, per i giovani politiche futuristiche, in grado di stare al passo con i tempi e politiche di sostegno per le fasce più deboli. L analfabetismo digitale è comparabile all analfabetismo che fino agli anni 60 ha afflitto l Italia dopo la seconda guerra mondiale, con la sola differenza che prima si ignorava l alfabeto italiano, oggi l alfabeto digitale: la grammatica del futuro. Il 15 novembre 1960 venne mandata in onda, in fascia preserale con cadenza giornaliera, dalla RAI con il sostegno del Ministero della Pubblica Istruzione, una trasmissione televisiva Non è mai troppo tardi condotta dal maestro pedagogo Alberto Manzi, Lo scopo della trasmissione, era di insegnare a leggere e scrivere ad adulti analfabeti. C è oggi un mezzo e un maestro analogo? Il nostro progetto potrebbe essere il mezzo e i nostri volontari il maestro! PERCHE QUESTO PROGETTO Nell ambito di un processo ormai avviato, sia di crescita che di efficienza e trasparenza amministrativa, l impiego del sistema informatizzato, attivato da vari organi amministrativi, assistenziali, catene commerciali, Circoli, Associazioni nonché banche e assicurazioni, procede a grandi passi verso la completa telematizzazione delle domande di prestazioni e servizi per cui è quasi impossibile sottrarsi all uso di questi strumenti. Infatti l esperienza maturata in questi ultimi anni dai nostri operatori presso gli sportelli delle varie sedi, ha riscontrato un forte aumento di richieste di assistenza oltre che nel disbrigo della pratica vera e propria anche di aiuto di come districarsi tra le procedure informatiche, il pin, le password, il softwear le App etc., Questo ha portato ad identificare il problema dell analfabetismo informatico e della difficoltà di accesso alla rete internet da parte di alcune fasce deboli di cittadini, come problema sempre più esteso e di urgente soluzione. Siamo un paese radicalmente cambiato negli ultimi tempi e le fasce così dette deboli sono costituite dagli anziani, sempre più numerosi, infatti gli under 40 rappresentano solo 1/3 della popolazione italiana, dai cittadini stranieri che hanno raggiunto il numero di oltre 4 milioni e da cittadini affetti da disabilità motorie e visive. Poiché lo scopo primario del Patronato ITAL è quello di assicurare tutele fondamentali e assistenza gratuita a tutti i cittadini,

3 3 soprattutto alle minoranze, questo progetto viene proposto per inserire i volontari di Servizio Civile come supporto giovane a sostegno di coloro che non hanno accesso alle tecnologie informatiche oppure a coloro che, pur avendo qualche conoscenza in materia, affrontano con difficoltà questioni di burocrazia amministrativa con la Pubblica Amministrazione. Pertanto questo Ente si propone di istituire, come strumento per la riduzione del divario digitale uno sportello dedicato ai cittadini più svantaggiati che garantisca loro la possibilità di accedere ad un computer con connessione ad Internet, nonché assicurare l assistenza dei volontari del S.C. per guidarli nell uso dei servizi digitalizzati dei vari Enti, Amministrazioni e delle altre opportunità presenti sul territorio in rete. L intento di questo progetto è certamente quello di contrastare il divario digitale nei confronti delle minoranze, ma anche e non da meno, quello di far partecipare i volontari di Servizio Civile ad una esperienza stimolante e gratificante che contribuisca alla loro crescita personale anche sviluppando conoscenze e competenze tecniche e relazionali utili in una futura prospettiva professionale. CONTESTO DI RIFERIMENTO Secondo quanto emerge dal rapporto dell ISTAT Cittadini e nuove tecnologie, tra il 2010 e il 2011 l importante divario digitale tecnologico relativo al territorio e alle differenze sociali purtroppo non cambia. Le famiglie del Centro-nord che dispongono di un accesso a Internet sono oltre il 56%, mentre circa il 49% dispone di una connessione a banda larga. Le famiglie del Sud Italia, rispettivamente dispongono al 48,6% di accesso alla Rete e solo il 37,5% di esse ha la banda larga. Se si confronta la disponibilità di personal computer, di un accesso a Internet e di una connessione a banda larga, il divario tra i nuclei in cui il capofamiglia è un operaio e quelli in cui è un dirigente, un imprenditore o un libero professionista è di circa 24 punti percentuali a favore di questi ultimi. L ISTAT rileva inoltre che il 41,7% delle famiglie dichiara di non possedere l accesso a Internet perché non ha le competenze per utilizzarlo; il 26,7% considera Internet inutile e non interessante, il 12,7% non ha accesso a Internet da casa perché accede da un altro luogo, l 8,5% perché considera costosi gli strumenti necessari per connettersi e il 9,2% perché ritiene eccessivo il costo del collegamento. Regioni coinvolte e struttura della popolazione target omissis Destinatari e Beneficiari del progetto I destinatari diretti I destinatari del progetto saranno prevalentemente le persone che presentano forme di difficoltà o sono a rischio di marginalizzazione; coloro che vivono una situazione di esclusione digitale e necessitano di un supporto, anche attraverso l uso del computer o la navigazione sul web, per la risoluzione di problematiche inerenti la propria sfera privata e lavorativa : anziani che hanno necessità di familiarizzare con le nuove tecnologie, poichè sempre più funzioni e servizi richiedono adempimenti da soddisfare mediante la rete internet immigrati che devono integrarsi nel tessuto sociale e hanno necessità di ricevere un aiuto tecnico per districarsi tra gli adempimenti burocratici che necessitano di essere effettuati sui siti web delle istituzioni pubbliche; portatori di disabilità fisico/sensoriale per i quali il computer costituisce un ausilio fondamentale per svolgere alcune funzioni che altrimenti sarebbero precluse; coloro che non possono ancora permettersi l'acquisto di un computer ; disoccupati e inoccupati che hanno l'esigenza di nuova o ulteriore formazione.; coloro che si sentono inadeguati e timorosi di fronte alle nuove tecnologie. Altri destinatari, cui il progetto tende fortemente raggiungere, sono i giovani la cui familiarità con le nuove tecnologie è indubbia, ma forse scarsa o inadeguata per quanto riguarda l esperienza e i pericoli della rete, per cui si ritiene utile formarli/informarli sulla corretta gestione del web, tramite i nostri formatori. beneficiari indiretti Le azioni di contrasto al divario digitale, attivate con il presente progetto porteranno beneficio al l intera collettività, sia essa costituita da gruppi o individui. Le attività previste dal progetto costituiscono un opportunità nuova, gratuita ed assistita in un contesto in cui è carente un offerta di questo tipo. In sintesi il progetto realizzerà la sua funzione sociale attraverso un processo che coinvolgerà cittadini, istituzioni e associazioni.

4 4 7) Obiettivi del progetto: OBIETTIVI GENERALI L'obiettivo principale del nostro progetto in rapporto ai destinatari è diffondere l uso delle tecnologie per l informazione e la comunicazione presso cittadini che si trovano in situazione di esclusione digitale, attraverso attività di sensibilizzazione e di formazione dedicate alle competenze informatiche di base, alla navigazione su internet e all'uso degli strumenti telematici per soddisfare esigenze personali e familiari. In questo modo viene perseguito l'obiettivo indiretto di incrementare le competenze, favorire la socializzazione e l'inserimento in reti di relazioni, e conseguentemente aumentare le conoscenze in relazione alle aspettative degli interessati. In sintesi, creare una rete territoriale nazionale localizzata nelle sedi di patronato nelle quali i cittadini in particolare quelli in difficoltà economiche o svantaggio culturale, potranno accedere, debitamente assistiti, ai servizi on line. Inoltre, si intende dare notevole visibilità al progetto e evidenziare la presenza di volontari di Servizio Civile, per conseguire un risultato in termini di maggiore conoscenza e di promozione del servizio civile e di possibilità di informazione e assistenza diretta a giovani potenzialmente interessati a questa esperienza. Il progetto intende svilupparsi attraverso la realizzazione dei seguenti OBIETTIVI SPECIFCI : Attività di informazione, consulenza e sostegno per il contrasto al Digital Divide. Rendere amica la tecnologia informatica -vincere la diffidenza che il PC suscita in un utente principiante; -smentire la sensazione di inutilità che l utente ha inizialmente verso il computer; -semplificare l approccio alle tecnologie in modo da mostrare che le capacità basilari d qualunque persona sono sufficienti all utilizzo del computer; -stimolare curiosità interessi e apertura a nuove conoscenze e modalità di comunicazione. Alfabetizzazione informatica -fornire all utente privo di cognizioni gli strumenti base per l uso del computer; - mettere l utente in condizione di elaborare e stampare testi semplici di videoscrittura. Inclusione digitale ed accesso ad Internet -evidenziare le potenzialità di internet non solo nell uso immediato di una pratica in corso, ma anche come strumento legato alla soddisfazione di bisogni legati alla vita quotidiana. -fornire gli elementi base per la gestione della posta elettronica - dare risalto ai pericoli di un uso non idoneo della rete, prevenire gli errori, violazioni delle procedure di sicurezza e possibili truffe informatiche. Obiettivo specifico rispetto ai giovani di servizio civile Coinvolgere i volontari del servizio civile nel presente progetto attraverso le azioni previste, in modo da permettere loro una partecipazione propositiva e maggiormente consapevole, come cittadini attivi, del valore dell offerta di un servizio pubblico utile alla collettività ed in particolare alle fasce di popolazione più fragili, far conoscere direttamente sul campo i diversi soggetti interessati sul territorio, quali i servizi socio sanitari,il mondo associativo, etc. Far conoscere ai giovani volontari in Servizio civile la complessità delle relazioni tra Enti pubblici e Istituzioni, il valore e le potenzialità del lavoro in rete Favorire la crescita personale e professionale dei volontari introducendoli nelle attività progettuali in un contesto lavorativo che incentiva lo sviluppo dell autonomia, della responsabilità personale, della capacità critica e del lavoro di gruppo. Favorire lo sviluppo di conoscenze tecniche e informatiche, attraverso il contatto con docenti, tutor e operatori del settore Tenere semplici lezioni ed esercitazioni informatiche, con la supervisione di Formatori e operatori della sede. Apprendere le modalità di erogazione e di informazione attraverso l affiancamento di operatori della sede e lo svolgimento diretto di azioni informative. INDICATORE DI RISULTATO DELLE ATTIVITÀ PREVISTE omissis 8) Descrizione del progetto e tipologia dell intervento che definisca in modo puntuale le attività previste dal progetto con particolare riferimento a quelle dei volontari in servizio civile nazionale, nonché le risorse umane dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5 5 8.1 Complesso delle attività previste per il raggiungimento degli obiettivi Fase preparatoria Le nuove forme di emarginazione sociale dovute alla veloce e rivoluzionaria trasformazione della società, con il continuo inserimento di nuove opportunità determinate dalle tecnologie legate al web, hanno dato spunto all ideazione di questo progetto. Si è ipotizzata così una rete territoriale nazionale localizzata nelle sedi di Patronato ITAL nelle quali tramite uno sportello dedicato dare elementi di formazione per l utilizzo di strumenti informatici a cittadini con difficoltà in questo ambito. Pertanto nelle sedi interessate dal progetto,si è quindi iniziato a monitorare l affluenza, l età, le condizioni, i bisogni degli utenti che venivano a contatto con il patronato per avere una base di raffronto. ATTIVITA INFORMATIVA I volontari entrando in un gruppo di lavoro già costituito avranno la necessità di un periodo di accoglienza ed orientamento, sia per la condivisione degli obiettivi progettuali che per il loro inserimento nel contesto di riferimento. L avvio delle attività progettuali inizierà prima con la ricerca, poi la diffusione e promozione delle offerte dei servizi on- line che Enti, Associazioni e Pubbliche amministrazioni presentano sul territorio. ATTIVITA DI CONSULENZA Gli sportelli che verranno attivati nelle sedi interessate e garantiranno ai cittadini più svantaggiati di avere a disposizione computer connessi con l assistenza del personale ITAL e il supporto del volontario di servizio civile per l uso dei servizi digitali non solo della P.A. ma anche tutti quelli disponibili sulla rete che offrono opportunità sul territorio locale. ATTIVITA FORMATIVA Il consulente informatico supportato dai volontari organizzerà dei mini corsi di alfabetizzazione informatica rivolta specialmente agli over 60, ma in base alla necessità e alla richiesta, potranno essere organizzati anche brevi attività formative per le altre tipologie di utenza interessate dal progetto. DIAGRAMMA DI GANTT omissis 8.2 omissis 8.3 Ruolo ed attività previste per i volontari nell ambito del progetto In particolare le attività previste per i volontari saranno: Collaborazione nella gestione dello sportello e delle attività informative: In questa prima fase i volontari si dedicheranno ad una mappatura del territorio riguardante i servizi informatizzati offerti ai cittadini sia da amministrazioni pubbliche che dai privati. Questa mappatura renderà più agevole e proficua la consultazione delle informazioni da erogare nella successiva attività di sportello. Collaborazione all attività di consulenza Le attività dei volontari verteranno principalmente verso: Gli anziani - Formazione informatica di base per gli anziani; raccolta di informazioni sui bisogni degli anziani riguardo sanità socialità e consulenze economico-fiscale allo scopo di realizzare servizi mirati in merito. -Gli immigrati -Assistenza agli immigrati per accedere ai servizi ed informazioni di loro interesse; - informazioni per partecipazione a campagne promozionali multilingue rivolte agli immigranti -attività mirate all inclusione, socializzazione e integrazione sociale specifiche per immigrati; -promozioni di corsi di alfabetizzazione linguistica. -I Giovani -Sarà data particolare attenzione all attività di tutela dei minori: saranno programmati interventi di promozione e informazione di strumenti e organismi che agiscono per la tutela dei diritti dei minori all interno delle problematiche del mondo digitale; -consulenza per acquisto on-line di biglietti per eventi musicali e di spettacolo; -attività di scambio progetti e interventi di animazione territoriale con scuole e altre strutture territoriali. -Disabili - I volontari daranno ausilio su postazioni specifiche per consentire ai diversamente abili e agli ipovedenti di utilizzare con facilità il computer e navigare in Internet. Le postazioni saranno dotate di strumentazione ergonomica adeguata a superare gli ostacoli dei vari handicap. Con il venire a conoscenza di tali servizi di sostegno gratuito forniti presso le sedi ITAL, si prevede che gli stessi potrebbero essere ampliati e quindi i cittadini potrebbero beneficiare anche di: altre opportunità come: -assistenza alla navigazione per ricerche varie, tipo procedure di ospedalizzazione, strutture sanitarie particolari; -supporto pagamenti elettronici: guida e supporto nell effettuare pagamenti elettronici da parte di singoli utenti con difficoltà di approccio; -consultazione banche dati: supporto nella consultazione di orari mobilità pubblica, Trenitalia, viaggi aerei, tariffe. - richieste di certificati anagrafici; In tutte le fasi del progetto i volontari saranno chiamati, mensilmente, a fare un bilancio della loro esperienza. Insieme agli operatori locali di progetto saranno discussi l andamento delle attività e le relative difficoltà incontrate.

6 6 Gli OLP e i volontari redigeranno poi un report mensile che servirà al giovane per fare un bilancio delle esperienze fatte e verrà utilizzato come strumento per il monitoraggio del processo e del progetto. 9) Numero dei volontari da impiegare nel progetto: omissis 10) Numero posti con vitto e alloggio: 0 11) Numero posti senza vitto e alloggio: 12) Numero posti con solo vitto: 13) Numero ore di servizio settimanali dei volontari, ovvero monte ore annuo: 14) Giorni di servizio a settimana dei volontari (minimo 5, massimo 6) : ) Eventuali particolari obblighi dei volontari durante il periodo di servizio: Disponibilità a muoversi sul territorio regionale o nazionale (presso la sede di Roma) in occasione della formazione generale obbligatoria. Flessibilità nell organizzazione degli orari regolamentari.

7 7 16) omissis 17) Criteri e modalità di selezione dei volontari: Criteri UNSC 18) Ricorso a sistemi di selezione verificati in sede di accreditamento (eventuale indicazione dell Ente di 1^ classe dal quale è stato acquisito il servizio): 19) Piano di monitoraggio interno per la valutazione dell andamento delle attività del progetto: omissis 20) Ricorso a sistemi di monitoraggio verificati in sede di accreditamento (eventuale indicazione dell Ente di 1^ classe dal quale è stato acquisito il servizio): omissis 21) Eventuali requisiti richiesti ai canditati per la partecipazione al progetto oltre quelli richiesti dalla legge 6 marzo 2001, n. 64: 22) Eventuali risorse finanziarie aggiuntive destinate in modo specifico alla realizzazione del progetto: omissis 23) Eventuali reti a sostegno del progetto (copromotori e/o partners): nessuna 24) Risorse tecniche e strumentali necessarie per l attuazione del progetto: omissis CARATTERISTICHE DELLE CONOSCENZE ACQUISIBILI 25) Eventuali crediti formativi riconosciuti: - 26) Eventuali tirocini riconosciuti : - 27) Competenze e professionalità acquisibili dai volontari durante l espletamento del servizio, certificabili e validi ai fini del curriculum vitae: A tutti i volontari che concluderanno il progetto di Servizio civile verrà rilasciato un attestato da parte dell ITAL in cui verranno riportate le competenze acquisite, in particolare saranno inserite le seguenti informazioni: - la tipologia del servizio svolto; - la certificazione della formazione generale svolta; - la certificazione della formazione specifica svolta; - le competenze informali acquisite; - ogni altro tipo di informazione utile per il curriculum vitae (corsi di formazione specifici, partecipazione a convegni, seminari, ecc.) 28) Sede di realizzazione: Formazione generale dei volontari La formazione generale sarà svolta a cura dell ITAL nazionale presso la sede centrale sita in Via Po 162, Roma ove sono presenti aule attrezzate allo scopo. I volontari saranno ospitati in strutture alberghiere. - 29) Modalità di attuazione: In proprio con formatori dell ente. 30) Ricorso a sistemi di formazione verificati in sede di accreditamento ed eventuale indicazione dell Ente di 1^ classe dal quale è stato acquisito il servizio:

8 8 SI 31) Tecniche e metodologie di realizzazione previste: Si rimanda al Sistema di formazione verificato dall Unsc in sede di accreditamento. In breve Risorse tecniche impiegate: Gli strumenti ed i materiali d aula utilizzati per facilitare l apprendimento saranno messi a disposizione dei docenti su loro specifica richiesta, in particolare saranno privilegiate e messe a disposizione l utilizzo di attrezzature quali lavagne a fogli mobili, videoproiettore, videocamera, pc (con collegamento ad internet) e materiali specifici per le esercitazioni individuali e di gruppo. Metodologia La metodologia adottata sarà di tipo partecipativo in modo da rendere i discenti protagonisti attivi del percorso formativo e tale da promuovere i contenuti di apprendimento in riferimento ad un sapere tecnico ed a un sapere personale. L obiettivo finale della formazione per i volontari del servizio civile sarà orientato a fornire un miglioramento delle conoscenze, delle capacità e degli atteggiamenti individuali e di gruppo. Il potenziamento delle conoscenze prediligerà un tipo di apprendimento cognitivo che si avvarrà di metodologie didattiche quali: Lezioni frontali è l attività formativa tradizionale che ha un docente depositario delle conoscenze e un discente su quali trasferirle. È utile nelle parti della formazione che hanno temi statici; Dinamiche non formali attraverso l analisi ed il commento viene garantito un reale coinvolgimento dei presenti, proiezioni video; Formazione a distanza. 32) Contenuti della formazione: 33) Durata: I contenuti previsti i seguenti: 1. L identità del gruppo in formazione; 2. Dall obiezione di coscienza al servizio civile nazionale; 3. Il dovere di difesa della Patria - difesa civile non armata e non violenta; 4. La normativa vigente e la Carta di impegno etico; 5. La formazione civica; 6. La solidarietà e le forme di cittadinanza; 7. La protezione civile; 8. La rappresentanza dei volontari nel servizio civile; 9. Presentazione dell Ente; 10. Il lavoro per progetti; 11. L organizzazione del servizio civile e le sue figure; 12. Disciplina dei rapporti tra enti e volontari del servizio civile nazionale; 13. Comunicazione interpersonale e gestione dei conflitti. La durata complessiva del percorso di formazione generale sarà di 30 ore. L erogazione dell intero monte ore (30) verrà effettuata entro e non oltre il 180 giorno dall avvio del progetto. 34) Sede di realizzazione: Formazione specifica (relativa al singolo progetto) dei volontari La formazione specifica verrà realizzata, presso la sede di realizzazione del progetto. 35) Modalità di attuazione: In proprio presso l ente con formatori dell ente e con l integrazione di figure esterne specifiche per i moduli specialistici. 36) Nominativo/i e dati anagrafici del/i formatore/i: omissis 37) Competenze specifiche del/i formatore/i: omissis 38) Tecniche e metodologie di realizzazione previste: Oltre alle Lezioni frontali per il potenziamento delle conoscenze, saranno privilegiate le dinamiche non formali per il rafforzamento degli atteggiamenti, ed incoraggiate le dinamiche di gruppo (brain storming; role play;ecc.). La metodologia adottata sarà di tipo partecipativo in modo da rendere i volontari protagonisti attivi del percorso formativo e promuovere i contenuti di apprendimento in riferimento ad un sapere tecnico ed a un sapere trasversale. L obiettivo finale della formazione per i volontari del servizio civile sarà orientato a fornire un miglioramento delle conoscenze, delle capacità e degli atteggiamenti individuali e di gruppo. Il potenziamento delle conoscenze prediligerà un tipo di apprendimento cognitivo che si avvarrà di metodologie didattiche quali: Lezioni frontali è l attività formativa tradizionale che ha un docente depositario delle conoscenze e un discente su quali trasferirle. Proiezioni di video attraverso l analisi ed il commento viene garantito un reale coinvolgimento dei presenti. Il potenziamento delle capacità privilegerà un tipo di apprendimento operativo attraverso:

9 9 Brain storming è una tecnica di gestione del gruppo in formazione in cui vengono stimolati i presenti ad esporre idee ed opinioni sulla tematica in oggetto e successivamente tutti i concetti espressi dal gruppo sono raccolti ed organizzati attraverso gli strumenti a disposizione (lavagna a fogli mobili, cartelloni, post it, ecc.); Role play (simulazione) è una tecnica formativa che prevede un alta partecipazione dei corsisti. L apprendimento viene stimolato dalla riproduzione di problematiche reali. Serve a rinforzare l apprendimento dei contenuti affrontati, sperimentare le procedure da applicare, fronteggiare le problematiche. Project work efficace strumento formativo dove l apprendimento viene rinforzato e personalizzato attraverso la realizzazione di progetti formativi. Il percorso formativo in questo modo viene ancorato al reale contesto operativo dei corsisti. Il rafforzamento degli atteggiamenti potrà avvalersi di un tipo di apprendimento emotivo dove verranno stimolate le dinamiche di gruppo attraverso: Action learning è una metodologia per attivare le risorse individuali e/o di gruppo per la soluzione di un tema di mutamento o innovazione. È utile per sviluppare processi di apprendimento organizzativo: Utilizzo della metafora in quanto portatrice di significati e strumento capace di favorire la lettura e la comprensione di realtà complesse e contraddittorie; Il metodo dei casi i partecipanti sono chiamati all analisi di una situazione problematica dagli esiti incerti e non scontati, e a fornire possibili soluzioni. L azione formativa sarà intesa comunque come esperienza formativa in cui si mettono in campo congiuntamente sia le risorse dei partecipanti che quelle dei docenti: questi ultimi avranno il compito di ricomporre il quadro teorico concettuale e contestualizzare i concetti trattati adattandoli ed inserendoli nell esperienza dei partecipanti. 39) Contenuti della formazione: 40) Durata: I contenuti della formazione specifica verteranno sui seguenti argomenti: 1) Formazione e informazione su rischi connessi all impiego dei volontari nei progetti di servizio civile (ORE 4) 2) Attività dell ITAL (ORE 2); 3) Il contesto sociale di riferimento (ORE 2); 4) La popolazione di riferimento del progetto in Italia e nei comuni sedi di attuazione del progetto; 5) Fondamenti di informatica documento Syllabus 5 in conformità accordi AICA e MIUR - Concetti di base ICT; - Uso computer e gestione file - Elaborazione testi - Fogli elettronici - Uso delle basi di dati; - Strumenti di presentazione - Navigazione comunicazione in rete ; (ORE 14) 6) IT Administretor Sicurezza Informatica materiale didattico validato AICA Modulo 5 EUCP (ORE 4) 7) Il lavoro di gruppo e le dinamiche di gruppo (ORE 4); 8) L orientamento in base alle capacità, alle competenze e alle attitudini(ore 4); 9) Le procedure della comunicazione, elementi di comunicazione interpersonale(ore 4); 10) Dal contesto al progetto operativo (ORE 4); 11) Strategia per la rilevazione del bisogno dell utenza (ORE 4); 12) Variabili e funzioni della relazione di aiuto (ORE 4) TOTALE ORE 50 Verranno contemplati come momenti formativi sia i corsi di formazione specifici organizzati a livello locale, da strutture pubbliche ed altre organizzazioni collegate all ITAL, che la partecipazione a convegni o seminari specifici su temi attinenti il progetto. La durata complessiva della formazione specifica sarà di 50 ore da svolgersi nei primi tre mesi di avvio al servizio. Altri elementi della formazione 41) Modalità di monitoraggio del piano di formazione (generale e specifica) predisposto: omissis

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE Ente proponente il progetto: O.N.M.I.C. - Opera Nazionale Mutilati Invalidi Civili- Codice di accreditamento: NZ01189 Albo e

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione dei progetti di servizio civile nazionale da realizzare

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

ANPAS ASSOCIAZIONE NAZIONALE PUBBLICHE ASSISTENZE. Albo nazionale. PASS (Pubbliche Assistenze per i Servizi Sociali) GARANZIA GIOVANI

ANPAS ASSOCIAZIONE NAZIONALE PUBBLICHE ASSISTENZE. Albo nazionale. PASS (Pubbliche Assistenze per i Servizi Sociali) GARANZIA GIOVANI CARATTERISTICHE PROGETTO ENTE Ente proponente il progetto: ANPAS ASSOCIAZIONE NAZIONALE PUBBLICHE ASSISTENZE Codice di accreditamento: NZ 01704 Albo e classe di iscrizione: Albo nazionale 1 CARATTERISTICHE

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE

UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione dei progetti di servizio civile nazionale da realizzare in Italia e all

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

CARATTERISTICHE PROGETTO

CARATTERISTICHE PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO 1) Ente proponente il progetto: Confederazione Nazionale delle Misericordie d Italia 2) Codice di accreditamento: NZ00042 3) Albo e classe di iscrizione: Nazionale

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Soc. Coop. Istituto Ulisse per lo sviluppo della cultura al lavoro ISVIL 2) Codice

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014 CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO A.A. 2013/2014 BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - In data 10 febbraio 2014, l INPS ha pubblicato il bando che mette a concorso

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Linee guida per la formazione generale dei giovani in servizio civile nazionale

Linee guida per la formazione generale dei giovani in servizio civile nazionale Linee guida per la formazione generale dei giovani in servizio civile nazionale Premessa La fase sperimentale delle Linee guida per la formazione generale dei giovani in servizio civile nazionale, elaborate

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI CORATO 2) Codice di accreditamento: NZ01262 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Io ci sono conta su di me!!

Io ci sono conta su di me!! SEDE DOVE INDIRIZZARE LA DOMANDA: Legacoop Umbria Ufficio Servizio Civile Str. S. Lucia, 8 06125 PERUGIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto:

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli