1.9: Gestione della Memoria Secondaria

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1.9: Gestione della Memoria Secondaria"

Transcript

1 1.9: Gestione della Memoria Secondaria Struttura logica dei dischi Scheduling del disco Gestione dei dischi Gestione della zona di swap 1.9.1

2 Struttura Logica dei Dischi Un disco fisico è spesso diviso in più partizioni o dischi logici, ciascuno dei quali comprende un gruppo di cilindri contigui. Questa divisione è nota solo al device driver: il resto del Kernel vede ogni disco logico come un disco autonomo, su cui eventualmente creare un file system (o una zona di swap). Vantaggi: Diversi file system possono supportare usi differenti Migliore affidabilità Può migliorare l'efficienza variando i parametri del file system a seconda degli usi Ad es., in Unix con mkfs(8) si può specificare il rapporto tra dimensione totale del file system e dimensione della i list (molti file piccoli; pochi file grandi) 1.9.2

3 Struttura Logica dei Dischi (Cont.) Ogni disco logico è gestito dal S.O. come un array (monodimensionale) di blocchi logici; ogni blocco logico è la più piccola unità di trasferimento dati, dal punto di vista del S.O. Blocco logico = multiplo della corrispondente unità fisica, cioè il settore di un disco; es.: settori da 512 byte, blocchi logici da 1 Kbyte Valori comuni della dimensione di un blocco logico: da 512 byte a 4 Kbyte I blocchi logici sono mappati nei settori fisici in modo sequenziale (per ciascun disco logico, dal primo settore della prima traccia del cilindro più esterno all'ultimo settore dell'ultima traccia del cilindro più interno). In Unix/Linux, è compito del device driver realizzare questa "vista canonica" del disco, che astrae dalle sue caratteristiche fisiche: il Kernel non ha nessuna conoscenza di tracce, cilindri etc. (ma il device driver sì)

4 Scheduling del Disco Il S.O. deve assicurare un uso efficiente dell'hardware; per i disk drive, ciò significa massimizzare Tempo di accesso Banda passante (velocità di trasferimento dati). Come gran parte delle risorse hardware di un sistema, l'accesso al disco è sottoposto a scheduling. Scheduling del disco (disk scheduling): ordinare le richieste di I/O in modo da ottenere le migliori prestazioni possibili. N.B. in un generico istante di tempo, per un dato disco vi sono N richieste di I/O accodate (coda di richieste); i processi interessati ad esse sono tutti andati a dormire, e formano la coda di dispositivo (device queue) relativa a quel disco. Tempo di accesso: due componenti principali Tempo di posizionamento (seek time) tempo che impiegano le testine per posizionarsi sul cilindro che contiene il settore cercato 1.9.4

5 Scheduling del Disco (Cont.) La latenza rotazionale non è controllabile dal software; lo scopo primario dello scheduling del disco è minimizzare il tempo di posizionamento. Tempo di posizionamento: è circa proporzionale alla distanza di spostamento (seek distance) spazio intercorrente tra la posizione attuale della testina e quella del cilindro che contiene il settore cercato; può essere misurata in numero di cilindri. Banda passante (disk bandwidth): si riferisce alla velocità di trasferimento globale del sistema numero totale di byte trasferiti, diviso tempo totale tra l'inoltro della prima richiesta di I/O e il completamento del trasferimento relativo all'ultima richiesta

6 Scheduling del Disco (Cont.) Esistono diversi algoritmi di scheduling delle richieste di I/O su disco. Metriche prestazionali: distanza di spostamento totale somma delle distanze di spostamento per tutte le richieste di I/O accodate, ovvero percorso totale effettuato dalle testine nel soddisfare tutte le richieste della coda (MIN). tempo d'attesa della singola richiesta tempo che intercorre tra l'inoltro di una richiesta e il suo completamento (MIN). Del tempo d'attesa interessa spesso minimizzare la varianza (tempo d'attesa più uniforme possibile). Il Kernel sottopone al device driver una serie di richieste di I/O, espresse in termini di blocchi logici da leggere o scrivere; il device driver sa individuare il cilindro che corrisponde a un dato blocco logico. Si consideri un disco con 200 cilindri, numerati da 0 a 199, ed una coda 1.9.6

7 FCFS Scheduling FCFS = First Come, First Served (algoritmo FIFO). Ogni nuova richiesta è posta in fondo alla coda di richieste

8 SSTF Scheduling SSTF = Shortest Seek Time First. La prossima richiesta da servire è quella col minimo tempo di posizionamento rispetto alla posizione attuale delle testine. SSTF è una forma di scheduling analoga a SJF (cfr. scheduling della CPU); pertanto può portare al blocco indefinito (starvation) di alcune richieste di I/O

9 SSTF (Cont.) 1.9.9

10 SCAN Scheduling SCAN: il braccio delle testine parte da un'estremità del disco, e si muove continuamente verso l'estremità opposta, servendo richieste man mano che ne incontra; giunto all'estremità del disco, il movimento del braccio è invertito e l'algoritmo continua. Chiamato talvolta algoritmo dell'ascensore (elevator algorithm, lift algorithm)

11 SCAN (Cont.) Distanza di spostamento totale = 208 cilindri

12 C SCAN Problema con l'algoritmo SCAN: al giungere ad un'estremità, le richieste pendenti sono concentrate soprattutto verso l'estremità opposta del disco, e queste sono quelle che stanno aspettando da più tempo; rovesciando la direzione di spostamento delle testine, queste richieste attenderanno ancor più a lungo tempo d'attesa molto variabile. Algoritmo C SCAN: Circular Scan fornisce un tempo d'attesa più uniforme (bassa varianza). Il braccio delle testine si sposta da un'estremità all'altra, servendo richieste come per SCAN. Quando raggiunge un'estremità, ritorna immediatemente all'inizio del disco senza servire richieste nel suo viaggio di ritorno

13 C SCAN (Cont.)

14 LOOK, C LOOK LOOK = variante di SCAN. Il braccio delle testine avanza solo fino all'ultima richiesta nella direzione attuale, poi inverte la direzione senza andare fino alla fine del disco. C LOOK: variante di C SCAN, con funzionamento analogo a LOOK

15 LOOK, C LOOK (Cont.) C LOOK:

16 Implementazione degli Algoritmi Nella pratica, il codice di implementazione di un dato algoritmo lavora in questo modo: Arriva una nuova richiesta R, relativa a un dato blocco logico B, che deve essere accodata secondo l'algoritmo usato. Se la coda delle richieste è vuota, inserisci la richiesta come primo (e ultimo) elemento e termina. Altrimenti: calcola il cilindro C relativo al blocco logico B, e inseriscilo nella coda al posto giusto, secondo i criteri di ordinamento dell'algoritmo. Ad esempio, per FCFS, inserisci comunque R in fondo alla coda delle richieste Per SCAN (posizione testine = 53; movimento attuale a scendere): Se 0 <= C <= 53, inserisci R in ordine di cilindro C nella prima parte della coda; Se 53 < C <= 199, inserisci R in ordine di cilindro C nella seconda

17 Implementazione degli Algoritmi (Cont.) disksort(queue, request); algoritmo SCAN 1. parte 2. parte queue request queue

18 Scelta dell'algoritmo Le prestazioni dipendono dal numero e tipi di richieste. Le richieste possono essere influenzate dal metodo di allocazione dei file nel file system (allocazione contigua o indicizzata, posizionamento fisico della i list, etc.) SSTF è abbastanza comune e rappresenta una scelta "naturale". SCAN e C SCAN hanno migliori prestazioni per sistemi con grosso carico sul disco. Il codice di implementazione dello scheduling del disco dovrebbe costituire un modulo separato del Kernel, chiamato dai vari driver di disco, che permetta di passare da un algoritmo a un altro se necessario (ad esempio con una chiamata di sistema, riservata al super user, per la selezione di un algoritmo tra N supportati). Sia SSTF che C LOOK possono essere scelte ragionevoli per

19 Gestione dei Dischi Formattazione a basso livello (low level formatting), o formattazione fisica (physical formatting): organizzare un disco fisico (insieme di superfici magnetizzate) in settori numerati, che il controller del disco possa leggere o scrivere. Unix, Windows etc.: format(8), fdformat(8), etc. Per gestire file su un disco, il S.O. deve ancora memorizzare delle apposite strutture di dati sul disco. Divisione del disco in uno o più dischi logici (v. oltre). Unix, Windows etc.: fdisk(8), divvy(8), etc. Formattazione logica o creazione di un file system. Unix: mkfs(8)

20 Blocco di bootstrap: Gestione dei Dischi (Cont.) Il primo blocco fisico del primo disco, detto blocco di boot (boot block), serve a inizializzare il sistema all'accensione. Questo è il motivo per cui in un file system Unix, il primo blocco non è utilizzato ma è lasciato libero. All'accensione il sistema esegue del codice di bootstrap, memorizzato in memoria ROM, che legge il blocco di boot, lo carica in RAM e gli passa il controllo. N.B. ciò significa riuscire ad impartire istruzioni adeguate al controller del disco (a questo stadio del sistema, non esistono ancora device driver attivabili) Il codice così eseguito (512 byte di codice in tutto) è detto caricatore del programma d'avvio (bootstrap loader), e a sua volta carica un programma dal file system, che è il vero programma d'avvio (in Linux, questo programma si chiama LILO Linux Loader). Questo programma è in grado di caricare e avviare una o più versioni

21 Gestione dei Dischi (Cont.) Gestione dei blocchi difettosi (bad block): All'uscita dalla fabbrica, o nel corso del tempo di vita del disco, alcuni settori possono risultare difettosi (non sono in grado di memorizzare correttamente le informazioni) e vanno sostituiti con altri settori. Oggi la maggior parte dei controller sono in grado di occuparsi di questo compito, così il Kernel può considerare il disco come se fosse perfetto. Tuttavia è il sistema, o l'utente, che deve poter segnalare al controller che un certo settore (o blocco logico intero) va sostituito. Scenario: il Kernel chiede un I/O su un blocco logico, che comprende un settore difettoso; il driver, o il controller, effettua trasparentemente l'operazione sul settore di sostituzione. Tecnica utilizzata: accantonamento di settori (sector sparing). Normalmente, viene accantonato un certo numero di settori per cilindro È fondamentale conservare lo stesso cilindro nella sostituzione di blocchi,altrimenti tutti gli algoritmi di scheduling del disco non avrebbero più

22 Gestione della Zona di Swap Sia lo swapping che la paginazione usano spazio disco come un'estensione della memoria primaria. La zona disco deputata a tale compito è la zona di swap; può essere ricavata all'interno del file system normale, o risiedere in una partizione dedicata. Gestione dello spazio di swap: in Unix 4.3BSD, lo spazio è allocato a ciascun processo mediante 2 mappe di swap (swap map), gestite dal Kernel, una per la regione di codice e l'altra per quelle di dati: 2 swap map per processo attivo Mappa per regione di codice (dimensione invariabile): blocchi da 512 Kbyte, salvo l'ultimo blocco in incrementi da 1 Kbyte Mappa per regioni di dati (dimensione variabile durante l'esecuzione): blocchi di dimensione variabile, ciascuno il doppio del precedente, a partire da 16 Kbyte e fino a 2 Mbyte: dimensione blocco i = 2 i 16 Kbyte

23 Gestione della Zona di Swap (Cont.) Mappa di swap per regione testo: Mappa di swap per regioni dati:

24 Gestione della Zona di Swap (Cont.) Vantaggi delle swap map di 4.3BSD: Piccoli processi usano solo blocchi piccoli Minimizza la frammentazione I blocchi dei processi grandi possono essere trovati rapidamente Le swap map rimangono piccole (prendono poco spazio). Linux (così come Solaris e altri sistemi Unix) permette l'uso di più zone di swap, che possono essere abilitate/disabilitate nel corso del funzionamento del sistema; ciò può migliorare sensibilmente le flessibilità e le prestazioni del sistema. I comandi swapon(8) e swapoff(8) sono usati per abilitare/disabilitare individualmente zone di swap. Ogni zona può essere una partizione o un file su disco, con spazio preallocato

Capitolo 14: Struttura delle memorie di massa

Capitolo 14: Struttura delle memorie di massa Capitolo 14: Struttura delle memorie di massa Struttura dei dischi. Schedulazione degli accessi al disco. Amministrazione del disco. Gestione dello spazio di swap. 14.1 Struttura dei dischi I dischi rigidi

Dettagli

14 Struttura della memoria secondaria Struttura del disco Struttura del disco

14 Struttura della memoria secondaria Struttura del disco Struttura del disco 14 Struttura della memoria secondaria 1 Struttura del disco Scheduling del disco Gestione del disco Gestione dello spazio di swap Affidabilità 2 14.1 Struttura del disco 3 14.1 Struttura del disco I dischi

Dettagli

Gestione della memoria di massa. Capitolo Silberschatz

Gestione della memoria di massa. Capitolo Silberschatz Gestione della memoria di massa Capitolo 12 -- Silberschatz Nastro magnetico Usato in passato come dispositivo di memorizzazione secondaria Può contenere grosse quantità di dati Principalmente usato per

Dettagli

Memoria secondaria. Contenuti della lezione di oggi 21 Maggio Strutture dei dispositivi di memorizzazione. Collegamento dei dischi

Memoria secondaria. Contenuti della lezione di oggi 21 Maggio Strutture dei dispositivi di memorizzazione. Collegamento dei dischi Contenuti della lezione di oggi 21 Maggio 2009 Memoria secondaria Strutture dei dispositivi di memorizzazione Collegamento dei dischi Scheduling del disco Gestione del disco Gestione dello spazio di swap

Dettagli

Memoria secondaria. Fabio Buttussi HCI Lab Dept. of Math and Computer Science University of Udine ITALY

Memoria secondaria. Fabio Buttussi HCI Lab Dept. of Math and Computer Science University of Udine ITALY Memoria secondaria Fabio Buttussi HCI Lab Dept. of Math and Computer Science University of Udine ITALY www.dimi.uniud.it/buttussi Struttura di un disco Da un punto di vista logico, rappresenta il livello

Dettagli

Sistemi Operativi GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 11.1

Sistemi Operativi GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 11.1 GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA 11.1 Memoria Secondaria Struttura del disco Scheduling del disco Gestione del disco Gestione dello spazio di swap Struttura RAID Affidabilità Implementazione della memoria

Dettagli

Sistemi Operativi. Memoria Secondaria GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA. Struttura del disco. Scheduling del disco. Gestione del disco

Sistemi Operativi. Memoria Secondaria GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA. Struttura del disco. Scheduling del disco. Gestione del disco GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA 11.1 Memoria Secondaria Struttura del disco Scheduling del disco Gestione del disco Gestione dello spazio di swap Struttura RAID Affidabilità Implementazione della memoria

Dettagli

12 Memoria secondaria Struttura del disco Struttura del disco

12 Memoria secondaria Struttura del disco Struttura del disco 1 12 Memoria secondaria Struttura del disco Scheduling del disco Gestione del disco Gestione dell area di swap Memorie a stato solido 12.1 Struttura del disco 2 Un HD è composto da una serie di dischi

Dettagli

Gestione della memoria secondaria

Gestione della memoria secondaria Gestione della memoria secondaria 1 Sommario Tipologia del supporto Nastri magnetici Dischi magnetici Dispositivi a stato solido Scheduling degli accessi a disco Gestione del disco Formattazione Blocchi

Dettagli

12 Memoria secondaria

12 Memoria secondaria 1 12 Memoria secondaria Struttura del disco Scheduling del disco Gestione del disco Gestione dell area di swap Memorie a stato solido 12.1 Struttura del disco 2 Un HD è composto da una serie di dischi

Dettagli

Memoria secondaria. Sistemi Operativi mod. B 14.1

Memoria secondaria. Sistemi Operativi mod. B 14.1 Memoria secondaria Struttura del disco Scheduling del disco Gestione dell unità a disco Gestione dello spazio di swap La struttura RAID Affidabilità dei dischi Connessione dei dischi 14.1 Memoria secondaria

Dettagli

Memoria secondaria. Struttura del disco. Scheduling del disco. Gestione dell unità a disco. Affidabilità dei dischi: RAID

Memoria secondaria. Struttura del disco. Scheduling del disco. Gestione dell unità a disco. Affidabilità dei dischi: RAID Memoria secondaria Struttura del disco Scheduling del disco Gestione dell unità a disco Affidabilità dei dischi: RAID Sistemi Operativi 13.1 Struttura del disco I dischi vengono indirizzati come grandi

Dettagli

Nastro magnetico. Gestione della memoria di massa. Disco magnetico. Disco magnetico. Usato in passato come dispositivo di memorizzazione secondaria

Nastro magnetico. Gestione della memoria di massa. Disco magnetico. Disco magnetico. Usato in passato come dispositivo di memorizzazione secondaria Impossibile visualizzare l'immagine. Nastro magnetico Gestione della memoria di massa Usato in passato come dispositivo di memorizzazione secondaria Può contenere grosse quantità di dati Principalmente

Dettagli

Sommario. G. Piscitelli

Sommario. G. Piscitelli Sommario Fondamenti dei Sistemi Operativi Device Manager Dispositivi di I/O Interfaccia (o controller) e software di pilotaggio (driver) di un dispositivo Schedulazione dei dischi: i parametri Schedulazione

Dettagli

Struttura dei dischi

Struttura dei dischi Università di Udine Facoltà di Scienze MM.FF.NN. A.A. 2007-2008 Copyright c 2000 04 Marino Miculan (miculan@dimi.uniud.it) La copia letterale e la distribuzione di questa presentazione nella sua integrità

Dettagli

Memoria di Massa (memoria secondaria) Sistemi operativi- AA 2015/16 1 1

Memoria di Massa (memoria secondaria) Sistemi operativi- AA 2015/16 1 1 Memoria di Massa (memoria secondaria) Sistemi operativi- AA 2015/16 1 1 Sommario Struttura fisica della memoria secondaria Formattazione Blocco di avvio Gestione dell unità disco (scheduling) Blocchi difettosi

Dettagli

YYY02 Esercizi per Teoria. Esercizi per preparazione alla prova scritta

YYY02 Esercizi per Teoria. Esercizi per preparazione alla prova scritta YYY02 Esercizi per Teoria Esercizi per preparazione alla prova scritta Esercizio YYY02_02 - Busy Waiting In linguaggio ANSI C, siano dichiarate le seguenti variabili, e siano queste variabili debitamente

Dettagli

Sommario della lezione

Sommario della lezione Sistemi Operativi Docente: Ugo Erra ugoerr+so@dia.unisa.it 13 LEZIONE MEMORIA SECONDARIA E TERZIARIA CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Sommario della lezione

Dettagli

Il software: Istruzioni per il computer

Il software: Istruzioni per il computer Il software: Istruzioni per il computer Software applicativo aiuta a svolgere operazioni utili in vari campi programmi di videoscrittura, fogli elettronici, videogiochi Software di sistema permette l utilizzo

Dettagli

Si può simulare una struttura di directory a multilivelli con una struttura di directory a singolo livello?"

Si può simulare una struttura di directory a multilivelli con una struttura di directory a singolo livello? Si può simulare una struttura di directory a multilivelli con una struttura di directory a singolo livello?" SOL Se è permesso che i nomi dei file abbiano lunghezza arbitraria, basta associare al nome

Dettagli

GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE 6.1 D. - UNICAL

GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE 6.1 D. - UNICAL GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE 6.1 Gestione della Memoria Background Spazio di indirizzi Swapping Allocazione Contigua Paginazione 6.2 Background Per essere eseguito un programma deve trovarsi (almeno

Dettagli

Sistemi Operativi A Parte VI - La memoria secondaria. Dischi magnetici. Nastri magnetici

Sistemi Operativi A Parte VI - La memoria secondaria. Dischi magnetici. Nastri magnetici Sistemi Operativi A Parte VI - La memoria secondaria Augusto Celentano Università Ca Foscari Venezia Corso di Laurea in Informatica Dischi magnetici Proprietà principali e parametri - Velocità di rotazione

Dettagli

Gestione della memoria

Gestione della memoria Gestione della memoria centrale Gestione della memoria Concetti generali. Swapping. Allocazione contigua di memoria. Paginazione. Segmentazione. Segmentazione con paginazione. Esempio: Pentium Intel Background

Dettagli

Gestione della memoria. Introduzione Swapping Allocazione contigua Paginazione

Gestione della memoria. Introduzione Swapping Allocazione contigua Paginazione Gestione della memoria Introduzione Swapping Allocazione contigua Paginazione Introduzione In un sistema monoprogrammato la memoria centrale è divisa in due parti: una per il sistema operativo, l altra

Dettagli

Scheduling della CPU

Scheduling della CPU Scheduling della CPU 1 Scheduling della CPU Obiettivo della multiprogrammazione: massimizzazione dell utilizzo della CPU. Scheduling della CPU: commuta l uso della CPU tra i vari processi. Scheduler della

Dettagli

Lezione 16. Esercizio 2 (paginazione( di windows) di Linux) 1: soluzione. Esercitazione finale. 10 page faults 5 soft faults

Lezione 16. Esercizio 2 (paginazione( di windows) di Linux) 1: soluzione. Esercitazione finale. 10 page faults 5 soft faults Lezione Esercizio (paginazione( di windows) Esercitazione finale Sistema operativo con paginazione windows-like con: frame per le pagine attive unita di tempo per la permanenza nelle pagine in attesa Sequenza

Dettagli

Le Memorie. Si distinguono per: Supporti sui quali le informazioni vengono fisicamente memorizzate.

Le Memorie. Si distinguono per: Supporti sui quali le informazioni vengono fisicamente memorizzate. Le Memorie Supporti sui quali le informazioni vengono fisicamente memorizzate. Si distinguono per: Velocità Costo per bit Tipo di accesso Accesso a byte o blocchi di byte Volatilità Parte I 15 Due Tipi

Dettagli

Esercitazione E4 Gestione dei dischi

Esercitazione E4 Gestione dei dischi Esercitazione E4 Gestione dei dischi Sistemi Operativi - prof. Silvio Salza - a.a. 2008-2009 E4-1 FAT 16 e FAT 32 Si consideri un file system FAT 16 su un disco da 2 GB, in cui sia stata scelta la dimensione

Dettagli

Gestione di file (parte II) Gestione di richieste concorrenti

Gestione di file (parte II) Gestione di richieste concorrenti Gestione di file (parte II) done (2) from host (1) cache write (3) read (4) disk mechanism disk controller Dario Maio http://bias.csr.unibo.it/maio dmaio@deis.unibo.it 1 Gestione di richieste concorrenti!in

Dettagli

Capitolo 12 -- Silberschatz

Capitolo 12 -- Silberschatz Gestione della memoria di massa Capitolo 12 -- Silberschatz Nastro magnetico Usato in passato come dispositivo di memorizzazione secondaria Può contenere grosse quantità di dati Principalmente usato per

Dettagli

File: definizione. Il file è la più piccola unità logica manipolabie Un file è caratterizzato principalmente da:

File: definizione. Il file è la più piccola unità logica manipolabie Un file è caratterizzato principalmente da: File System File: definizione Il file è la più piccola unità logica manipolabie Un file è caratterizzato principalmente da: Dimensione Posizione Accessibilità (solo lettura, lettura e scrittura) Tipo (estensione)

Dettagli

Il file È un insieme di informazioni: programmi. Il File System. Il file system

Il file È un insieme di informazioni: programmi. Il File System. Il file system Il File System Il file È un insieme di informazioni: programmi d a t i testi rappresentati come insieme di record logici (bit, byte, linee, record, etc.) Ogni file è individuato da (almeno) un nome simbolico

Dettagli

Strategie adottate. Informatica di Base -- R.Gaeta 29

Strategie adottate. Informatica di Base -- R.Gaeta 29 Strategie adottate La gestione dei vari eventi che devono essere gestiti da un S.O. è una delle aree di vitale importanza dell informatica L idea di base che si utilizza è quella di creare una gerarchia

Dettagli

Il file system. Le caratteristiche di file, direttorio e partizione sono del tutto indipendenti dalla natura e dal tipo di dispositivo utilizzato.

Il file system. Le caratteristiche di file, direttorio e partizione sono del tutto indipendenti dalla natura e dal tipo di dispositivo utilizzato. Il File System Il file system È quella parte del Sistema Operativo che fornisce i meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate in memoria di massa. Realizza i concetti

Dettagli

Bootstrap. Bootstrap. Shutdown. Struttura di un SO. Elementi principali di un SO:

Bootstrap. Bootstrap. Shutdown. Struttura di un SO. Elementi principali di un SO: Bootstrap Bootstrap All accensione di un calcolatore vengono attivati programmi di diagnostica scritti nella ROM (Read Only Memory) che verificano l assenza di guasti Poi viene attivato il programma di

Dettagli

Sistemi Operativi. La gestione delle risorse

Sistemi Operativi. La gestione delle risorse Sistemi Operativi La gestione delle risorse Introduzione Il sistema operativo ha il compito di fornire la gestione dell hardware ai programmi dell utente. Utente utilizza i programmi applicativi Programmi

Dettagli

Solitamente la capacità è minore di un disco magnetico, ma la velocità è molto più alta.

Solitamente la capacità è minore di un disco magnetico, ma la velocità è molto più alta. C4. MEMORIA SECONDARIA Nel seguito verranno analizzati, oltre alla struttura dei dispositivi di memorizzazione, anche gli algoritmi di scheduling delle unità a disco, la formattazione dei dischi, la gestione

Dettagli

Il Sistema Operativo Gestione del File System

Il Sistema Operativo Gestione del File System ISTITUTO TECNICO SECONDO BIENNIO GIORGIO PORCU www.thegiorgio.it Sommario File System File e Cartelle Partizione Path Tabella di Allocazione Frammentazione 2 File File Gestione dell Interfaccia Gestione

Dettagli

Sistemi Operativi A.A. 2011/2012

Sistemi Operativi A.A. 2011/2012 Sistemi Operativi A.A. 2011/2012 Esercitazione 13 Dicembre 2011 Esercizio 1 - Scheduling dei processi Data la seguente sequenza di processi Processo Istante Arrivo Durata Priorità P 1 0 6 3 P 2 2 5 2 P

Dettagli

Linux I/O Scheduling overview

Linux I/O Scheduling overview Linux I/O Scheduling overview Roberto Vela 09/11/2013 www.nalug.net Roadmap Perché lo scheduling? Perché lo scheduling dell'i/o è importante? Principi dello scheduling I/O Scheduling del disco Disk scheduling

Dettagli

Sistemi Operativi Giovanni Conforti. Memoria Secondaria e Terziaria

Sistemi Operativi Giovanni Conforti. Memoria Secondaria e Terziaria Sistemi Operativi Giovanni Conforti Memoria Secondaria e Terziaria 1 Struttura dei dischi Il file system si può considerare composto da tre parti Interfaccia Strutture dati usate dal SO per realizzare

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 205-6 Pietro Frasca Lezione 3 Martedì 7--205 Paginazione su richiesta Con la tecnica della paginazione

Dettagli

= 0, 098 ms. Da cui si ricava t 2 medio

= 0, 098 ms. Da cui si ricava t 2 medio 1. Una macchina ha uno spazio degli indirizzi a 32 bit e una pagina di 8 KB. La tabella delle pagine è completamente nell hardware, con una parola a 32 bit per voce. Quando parte un processo, la tabella

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2016-17 Pietro Frasca Lezione 5 Martedì 25-10-2016 Definizione di processo Esiste una distinzione concettuale

Dettagli

La memoria-gerarchia. Laboratorio di Informatica - Lezione 3 - parte I La memoria - La rappresentazione delle informazioni

La memoria-gerarchia. Laboratorio di Informatica - Lezione 3 - parte I La memoria - La rappresentazione delle informazioni La memoriaparametri di caratterizzazione Un dato dispositivo di memoria è caratterizzato da : velocità di accesso, misurata in base al tempo impiegato dal processore per accedere ad uno specificato indirizzo

Dettagli

Sistema operativo (SO)

Sistema operativo (SO) Diagramma a cipolla Sistema operativo (SO) Il calcolatore elabora informazioni codificate in sequenza di bit I dispositivi si interfacciano con il calcolatore tramite complessi protocolli di comunicazione

Dettagli

Sistemi Operativi. Bruschi Martignoni Monga. Altre periferiche fondamentali Hard disk Terminale. Sistemi Operativi. Bruschi Martignoni Monga

Sistemi Operativi. Bruschi Martignoni Monga. Altre periferiche fondamentali Hard disk Terminale. Sistemi Operativi. Bruschi Martignoni Monga 1 Mattia Lezione XXIX: Dip. di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano, Italia mattia.monga@unimi.it a.a. 2008/09 1 c 2009 M.. Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Dettagli

La memoria secondaria

La memoria secondaria La memoria secondaria La memoria secondaria Struttura dei dispositivi di memoria Struttura dei dischi Connessione dei dischi Scheduling del disco Gestione dell unità a disco Gestione dell area di swap

Dettagli

Sistemi Operativi SISTEMI DI INPUT/OUTPUT. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 10.1

Sistemi Operativi SISTEMI DI INPUT/OUTPUT. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 10.1 SISTEMI DI INPUT/OUTPUT 10.1 Sistemi I/O Hardware di I/O Interfaccia di I/O per le applicazioni Sottosistema per l I/O del kernel Trasformazione delle richieste di I/O Stream Prestazioni 10.2 I/O Hardware

Dettagli

Sistemi Operativi. Sistemi I/O SISTEMI DI INPUT/OUTPUT. Hardware di I/O. Interfaccia di I/O per le applicazioni. Sottosistema per l I/O del kernel

Sistemi Operativi. Sistemi I/O SISTEMI DI INPUT/OUTPUT. Hardware di I/O. Interfaccia di I/O per le applicazioni. Sottosistema per l I/O del kernel SISTEMI DI INPUT/OUTPUT 10.1 Sistemi I/O Hardware di I/O Interfaccia di I/O per le applicazioni Sottosistema per l I/O del kernel Trasformazione delle richieste di I/O Stream Prestazioni 10.2 I/O Hardware

Dettagli

Informatica 3. LEZIONE 20: Ordinamento esterno. Modulo 1: Organizzazione della memoria Modulo 2: Ordinamento esterno

Informatica 3. LEZIONE 20: Ordinamento esterno. Modulo 1: Organizzazione della memoria Modulo 2: Ordinamento esterno Informatica 3 LEZIONE 20: Ordinamento esterno Modulo 1: Organizzazione della memoria Modulo 2: Ordinamento esterno Informatica 3 Lezione 20 - Modulo 1 Organizzazione della memoria Introduzione Dati in

Dettagli

Input Output. Principi di gestione dell hardware di I/O Dispositivi di I/O Gestione dei dischi magnetici Altri dispositivi

Input Output. Principi di gestione dell hardware di I/O Dispositivi di I/O Gestione dei dischi magnetici Altri dispositivi Principi di gestione dell hardware di I/O Dispositivi di I/O Gestione dei dischi magnetici Altri dispositivi Principi dell hardware di I/O L'hardware di I/O può essere descritto a vari livelli Ingegneri

Dettagli

Dove siamo. Gestione della Memoria (1) Dove siamo. Dove siamo. Operating Systems and Distributed Systems. Operating Systems and Distributed Systems

Dove siamo. Gestione della Memoria (1) Dove siamo. Dove siamo. Operating Systems and Distributed Systems. Operating Systems and Distributed Systems Dove siamo Gestione della Memoria (1) Dove siamo Dove siamo Gestione della memoria (vista utente) exec() shmalloc() sbrk() getrlimit() File Mgr UNIX Device Mgr Mgr Mgr Application Program Hardware Alloc()

Dettagli

Introduzione Definizioni

Introduzione Definizioni Informatica 3 Informatica 3 LEZIONE 20: Ordinamento esterno Lezione 20 - Modulo 1 Modulo 1: Organizzazione della memoria Modulo 2: Ordinamento esterno Organizzazione della memoria Politecnico di Milano

Dettagli

Sistemi operativi e distribuiti

Sistemi operativi e distribuiti Sistemi operativi e distribuiti La memoria Indirizzi fisici e indirizzi logici Importante separazione di concetti Ci permette di separare la parte software da la parte hardware Indirizzo logico (o virtuale):

Dettagli

Sistemi Operativi. Gianluca Della Vedova. Sistemi Operativi. Gianluca Della Vedova. Sistemi Operativi. Gianluca Della Vedova.

Sistemi Operativi. Gianluca Della Vedova. Sistemi Operativi. Gianluca Della Vedova. Sistemi Operativi. Gianluca Della Vedova. Programmi applicativi Un programma applicativo (o applicativo) è un eseguibile che può essere utilizzato dall utente e che ha funzionalità di alto livello (word processor, spreadsheet, DBMS) Univ. Milano-Bicocca

Dettagli

Livelli del sottosistema di I/O

Livelli del sottosistema di I/O Input/Output 1 Livelli del sottosistema di I/O Software di I/O di livello utente Software di sistema indipendente dal dispositivo Driver dei dispositivi Gestori delle interruzioni Hardware Modo utente

Dettagli

Implementazione del file system

Implementazione del file system Corso di laurea in Ingegneria dell Informazione Indirizzo Informatica Reti e sistemi operativi Implementazione del file system Struttura di un file system Operativamente parlando, il file system è un insieme

Dettagli

Il Gestore della Memoria. Tecnica a Partizioni Fisse e a Partizioni Variabili

Il Gestore della Memoria. Tecnica a Partizioni Fisse e a Partizioni Variabili Il Gestore della Memoria Tecnica a Partizioni Fisse e a Partizioni Variabili Compiti del gestore della Memoria Mantenere traccia dello stato, libera o occupata, di ciascuna zona della memoria. Assegnare

Dettagli

Modulo 3. Software. Corso di Sistemi di elaborazione delle informazioni -Autore: Ing. Maurizio Patanè

Modulo 3. Software. Corso di Sistemi di elaborazione delle informazioni -Autore: Ing. Maurizio Patanè Modulo 3 Software Cosa è il software E l insieme di programmi che consente al computer di funzionare e di svolgere le funzioni richieste dall utente. Esistono fondamentalmente due tipologie di software:

Dettagli

Sistemi Operativi. Il file system Casi di studio. Sistemi Operativi. Corso di laurea in Informatica. AA 2002/03 Bruschi, Rosti

Sistemi Operativi. Il file system Casi di studio. Sistemi Operativi. Corso di laurea in Informatica. AA 2002/03 Bruschi, Rosti Il file system Casi di studio 1 CP/M Control Program for Microcomputer Predecessore del MS-DOS Dimensione media 16K File system predisposto per Floppy Allocazione dei file come lista-linkata di blocchi

Dettagli

Il Sistema Operativo

Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo Il sistema operativo Con il termine sistema operativo si intende l insieme di programmi e librerie che opera direttamente sulla macchina fisica mascherandone le caratteristiche specifiche

Dettagli

Sistemi Operativi II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica

Sistemi Operativi II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica www.dis.uniroma1.it/~midlab Sistemi Operativi II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Prof. Roberto Baldoni Complementi: Buffer I/O Gestione dei buffer e I/O scheduling: 1. Richiami sulle tecniche

Dettagli

Gestione della memoria di massa

Gestione della memoria di massa Contenuti Gestione della memoria di massa Memoria di massa Struttura del disco Collegamento dei dischi Scheduling del disco Gestione del disco Gestione dello spazio di swap Strutture RAID Implementazione

Dettagli

Componenti di un sistema operativo

Componenti di un sistema operativo Componenti di un sistema operativo Dipartimento di Informatica Università di Verona, Italy Componenti di un S.O. Gestione dei processi Gestione della memoria primaria Gestione della memoria secondaria

Dettagli

Operazioni di I/O. Schema di collegamento fra dispositivi periferici e CPU

Operazioni di I/O. Schema di collegamento fra dispositivi periferici e CPU Operazioni di I/O 1 Schema di collegamento fra dispositivi periferici e CPU Memoria CPU buffer interfaccia Registro di controllo Registro Di stato Unità di controllo Dispositivo fisico 2 1 Unità di interfaccia

Dettagli

La memoria secondaria

La memoria secondaria La memoria secondaria E di solito un disco rigido che contiene dati e programmi in modo permanente (può essere anche un cd-rom, floppy disk, etc). Tempi di accesso: Floppy: O(100) ms Hard disk: O(10) ms

Dettagli

Secondo biennio Articolazione Informatica TPSIT Prova Quarta

Secondo biennio Articolazione Informatica TPSIT Prova Quarta Sistema operativo: gestione memoria centrale La Memoria Virtuale consente di superare i limiti della Memoria Centrale : A. no B. a volte C. si, ma non sempre e' adeguata D. si, attraverso tecniche di gestione

Dettagli

PROGRAMMA DISCIPLINARE SVOLTO a. s. 2015 / 2016

PROGRAMMA DISCIPLINARE SVOLTO a. s. 2015 / 2016 PROGRAMMA DISCIPLINARE SVOLTO a. s. 2015 / 2016 DOCENTI: TESTARDO CINZIA, VALERIO FELICI CLASSE 4 a IA DISCIPLINA TPSI MACROARGOMENTI che sono stati trattati nel corso del corrente anno scolastico (in

Dettagli

Fondamenti di informatica I. Sistemi operativi II

Fondamenti di informatica I. Sistemi operativi II Fondamenti di informatica I Sistemi operativi II Multitasking In un dato istante possono essere presenti nel sistema centinaia o migliaia di task Un task può essere in uno di tre possibili stati: In attesa

Dettagli

Sistemi Operativi. Lez. 0: Introduzione ai sistemi operativi

Sistemi Operativi. Lez. 0: Introduzione ai sistemi operativi Sistemi Operativi Lez. 0: Introduzione ai sistemi operativi Cos è un firmware? firmware è un programma integrato direttamente in un componente elettronico. Il termine deriva dall'unione di "firm" (azienda)

Dettagli

Sistema Operativo (Software di base)

Sistema Operativo (Software di base) Il Software Il software del PC Il computer ha grandi potenzialità ma non può funzionare senza il software. Il software essenziale per fare funzionare il PC può essere diviso nelle seguenti componenti:

Dettagli

Sistema operativo. Interazione con il SO

Sistema operativo. Interazione con il SO Sistema operativo Il sistema operativo (SO) è un insieme complesso di programmi che, in modo coordinato, controlla le risorse del sistema e i processi che usano queste risorse. Per evidenziare le funzionalità

Dettagli

aumenta il tempo di accesso; aumenta la capacità di memorizzazione; ma diminuisce il costo per bit.

aumenta il tempo di accesso; aumenta la capacità di memorizzazione; ma diminuisce il costo per bit. Capitolo 6 Le infrastrutture HardWare La memoria di massa La memoria di massa (magnetica) Una gerarchia di memoria 1. registri contenuti nella CPU (qualche KB) 2. cache (da circa 32KB a circa 1024KB) 3.

Dettagli

La memoria secondaria

La memoria secondaria La memoria secondaria La memoria principale non può essere troppo grande a causa del suo costo elevato Non consente la memorizzazione permanente dei dati (volatilità) Per questi motivi sono stati introdotti

Dettagli

Influenza dell' I/O sulle prestazioni (globali) di un sistema

Influenza dell' I/O sulle prestazioni (globali) di un sistema Influenza dell' I/O sulle prestazioni (globali) di un sistema Tempo totale per l'esecuzione di un programma = tempo di CPU + tempo di I/O Supponiamo di avere un programma che viene eseguito in 100 secondi

Dettagli

1. I dispositivi periferici

1. I dispositivi periferici La gestione dell I/O 1. I dispositivi periferici Un ulteriore aspetto fondamentale del SO è la gestione dei dispositivi periferici (periferiche) Dal punto di vista del sistema operativo per periferiche

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI MEMORIA SECONDARIA E TERZIARIA. Meccanica di un hard disk

SISTEMI OPERATIVI MEMORIA SECONDARIA E TERZIARIA. Meccanica di un hard disk SISTEMI OPERATIVI MEMORIA SECONDARIA E TERZIARIA Meccanica di un hard disk 2 Stru:ura di un disco 3 Dischi magne>ci» Velocità di rotazione fra i 60 e i 200 giri al secondo» La velocità di trasferimento

Dettagli

Gestione della Memoria Introduzione ai Sistemi Operativi Corso di Abilità Informatiche Laurea in Fisica

Gestione della Memoria Introduzione ai Sistemi Operativi Corso di Abilità Informatiche Laurea in Fisica Gestione della Memoria Introduzione ai Sistemi Operativi Corso di Abilità Informatiche Laurea in Fisica prof. Ing. Corrado Santoro A.A. 2010-11 Architettura di un sistema operativo Progr 1 Progr 2 Progr

Dettagli

Realizzazione del file system. Fabio Buttussi HCI Lab Dipart. Di Matematica ed Informatica Università degli studi di Udine

Realizzazione del file system. Fabio Buttussi HCI Lab Dipart. Di Matematica ed Informatica Università degli studi di Udine Realizzazione del file system Fabio Buttussi HCI Lab Dipart. Di Matematica ed Informatica Università degli studi di Udine www.dimi.uniud.it/buttussi Struttura del file system Il file system risiede in

Dettagli

Come funzionano i computer

Come funzionano i computer Fluency Come funzionano i computer Capitolo 6 Cosa sanno fare Esecuzione deterministica istruzioni per elaborare dati Devono ricevere una serie di istruzioni da seguire Cosa non sanno fare Non hanno immaginazione

Dettagli

Sistemi Operativi. Gestione della memoria secondaria: dischi, SAN e organizzazioni RAID

Sistemi Operativi. Gestione della memoria secondaria: dischi, SAN e organizzazioni RAID Modulo di Sistemi Operativi per il corso di Master RISS: Ricerca e Innovazione nelle Scienze della Salute Unisa, 17-26 Luglio 2012 Sistemi Operativi Gestione della memoria secondaria: dischi, SAN e organizzazioni

Dettagli

I Boot Loader: LiLo & Grub

I Boot Loader: LiLo & Grub I Boot Loader: LiLo & Grub Pagina 1 All'avvio del pc Il BIOS inizializza le periferiche hardware da lui gestite (cpu, ram,...) Il BIOS carica il bootloader Il bootloader carica il kernel del sistema o

Dettagli

I dischi ottici. Istituzioni di Informatica -- Rossano Gaeta 43

I dischi ottici. Istituzioni di Informatica -- Rossano Gaeta 43 I dischi ottici Le tecnologie dei dischi ottici sono completamente differenti e sono basate sull'uso di raggi laser Il raggio laser è un particolare tipo di raggio luminoso estremamente focalizzato che

Dettagli

Struttura Logica del S.O:

Struttura Logica del S.O: Avvertenza Quanto segue NON è un libro, ma è una copia dei lucidi usati a lezione che NON sostituisce i libri di testo adottati e consigliati per l insegnamento di Informatica Generale. Questa copia è

Dettagli

Fondamenti di GNU/Linux

Fondamenti di GNU/Linux Fondamenti di GNU/Linux FileSystem e Partizioni Daniele Costarella Ivan Grimaldi Che cos'è un FileSystem In informatica, un file system è un meccanismo

Dettagli

I Processi nel Sistema Operativo Unix. Gerarchie di processi Unix. Stati di un processo Unix. Stati di un processo Unix.

I Processi nel Sistema Operativo Unix. Gerarchie di processi Unix. Stati di un processo Unix. Stati di un processo Unix. I Processi nel Sistema Operativo Unix Processi Unix Unix è un sistema operativo multiprogrammato a divisione di tempo: l unità di computazione è il processo. Caratteristiche del processo Unix: processo

Dettagli

Scheduling della CPU. Lo scheduling Stefano Quer Dipartimento di Automatica e Informatica Politecnico di Torino

Scheduling della CPU. Lo scheduling Stefano Quer Dipartimento di Automatica e Informatica Politecnico di Torino Scheduling della CPU Lo scheduling Stefano Quer Dipartimento di Automatica e Informatica Politecnico di Torino 2 Concetti fondamentali Uno degli obbiettivi della multiprogrammazione è quello di massimizzare

Dettagli

Il Sistema Operativo fa parte del software di base; e` costituito da un insieme di programmi che interagiscono e cooperano per:

Il Sistema Operativo fa parte del software di base; e` costituito da un insieme di programmi che interagiscono e cooperano per: Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo fa parte del software di base; e` costituito da un insieme di programmi che interagiscono e cooperano per: gestire efficientemente l'elaboratore e le sue periferiche,

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini Gestione della memoria, File System e periferiche

Informatica Generale Andrea Corradini Gestione della memoria, File System e periferiche Informatica Generale Andrea Corradini 09 - Gestione della memoria, File System e periferiche Quali sono le parti di un SO? lato utente servizi richiesti dagli utenti S I S T E M A Interfaccia grafica (desktop)

Dettagli

Il Sistema Operativo

Il Sistema Operativo Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica Elaborazione di Immagini e Suoni / Riconoscimento e Visioni Artificiali 12 c.f.u. Anno Accademico 2008/2009 Docente: ing. Salvatore

Dettagli

C1. MEMORIA CENTRALE Memoria Ampio vettore di parole o byte. Vede soltanto un flusso di indirizzi di memoria e non sa come questi sono generati.

C1. MEMORIA CENTRALE Memoria Ampio vettore di parole o byte. Vede soltanto un flusso di indirizzi di memoria e non sa come questi sono generati. C1. MEMORIA CENTRALE Memoria Ampio vettore di parole o byte. Vede soltanto un flusso di indirizzi di memoria e non sa come questi sono generati. Registri base e limite Contengono rispettivamente il più

Dettagli

Sistemi Operativi 2003/2004 WINDOWS 2000

Sistemi Operativi 2003/2004 WINDOWS 2000 Sistemi Operativi 2003/2004 WINDOWS 2000 Windows NT Diversità tra Windows 98 e Windows NT Windows 2000 (1) Versioni diverse di Windows 2000 Windows 2000 (2) The Win32 Application Programming Interface

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Gestione dei dischi. Gestione dei dischi e sistemi RAID

SISTEMI OPERATIVI. Gestione dei dischi. Gestione dei dischi e sistemi RAID SISTEMI OPERATIVI 08.c Gestione dei dischi e sistemi RAID Gestione dei dischi Caratteristiche dei dischi magnetici Schedulazione degli accessi al disco Sistemi RAID 1 Struttura meccanica 2 traccia testina

Dettagli

1. Che cos è un sistema multiprogrammato? Si può realizzare la multiprogrammazione

1. Che cos è un sistema multiprogrammato? Si può realizzare la multiprogrammazione 1. Che cos è un sistema multiprogrammato? Si può realizzare la multiprogrammazione su un sistema con una sola CPU? 2. Qual è la differenza tra un interruzione e una trap? Si faccia qualche esempio. 1.

Dettagli

Gestione dei buffer e I/O scheduling: 1. Richiami sulle tecniche di I/O 2. Gestione dei buffer 3. Schedulazione del disco 4. I/O in UNIX e Windows

Gestione dei buffer e I/O scheduling: 1. Richiami sulle tecniche di I/O 2. Gestione dei buffer 3. Schedulazione del disco 4. I/O in UNIX e Windows Sistemi Operativi II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Facolta di Ingegneria, Universita La Sapienza Docente: Francesco Quaglia Gestione dei buffer e I/O scheduling: 1. Richiami sulle tecniche

Dettagli

A confronto Linux e Microsoft. d i A g n e s e D a i d o n e

A confronto Linux e Microsoft. d i A g n e s e D a i d o n e A confronto Linux e Microsoft d i A g n e s e D a i d o n e File System Livello fisico Livello logico Allocazione dei File Uso del FS Il File System è un registro di sistema che gestisce tutte le informazioni

Dettagli

Com è fatto un computer (seconda puntata) Appunti per le classi 1 A cura del prof. Ing. Mario Catalano

Com è fatto un computer (seconda puntata) Appunti per le classi 1 A cura del prof. Ing. Mario Catalano Com è fatto un computer (seconda puntata) Appunti per le classi 1 A cura del prof. Ing. Mario Catalano A che serve una memoria? Ovviamente, nel computer, come nel cervello umano, serve a conservare le

Dettagli

Il bus. Bus di sistema: insieme di collegamenti (solitamente in rame) che connette tutti i componenti di un architettura

Il bus. Bus di sistema: insieme di collegamenti (solitamente in rame) che connette tutti i componenti di un architettura Il bus Problema: collegare le varie componenti (fisicamente separate) di un calcolatore, ad esempio, processore e memoria centrale Problema: come fa il processore a trasmettere alla RAM i bit che codificano

Dettagli

Sistemi Operativi. Lezione 4 I processi: implementazioni

Sistemi Operativi. Lezione 4 I processi: implementazioni Lezione 4 I processi: implementazioni UNIX Creazione di un processo Assegna al processo un identificatore univoco Alloca spazio per il processo Inizializza il PCB Predisponi gli opportuni agganci con strutture

Dettagli