SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA Facoltà di Medicina e Chirurgia MASTER DI II LIVELLO IN TERAPIA INTENSIVA NEONATALE E PEDIATRICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA Facoltà di Medicina e Chirurgia MASTER DI II LIVELLO IN TERAPIA INTENSIVA NEONATALE E PEDIATRICA"

Transcript

1 SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA Facoltà di Medicina e Chirurgia MASTER DI II LIVELLO IN TERAPIA INTENSIVA NEONATALE E PEDIATRICA DIPARTIMENTO DI PEDIATRIA UOC PEDIATRIA DI URGENZA E TERAPIA INTENSIVA PEDIATRICA UOC TERAPIA INTENSIVA NEONATALE Policlinico UMBERTO I Prof. C. Moretti - Prof.ssa P. Colarizi LA SUSTAINED LUNG INFLATION Tesi Master Dott.ssa Domenica Mancuso Relatore Ch.mo Prof. C.Moretti Anno Accademico

2 SOMMARIO INTRODUZIONE 3 SECREZIONE DI LIQUIDO POLMONARE NEL FETO 4 SWITCH PERINATALE 6 CAMBIAMENTI FISIOLOGICI ALLA NASCITA 8 GESTIONE DEL DISTRESS RESPIRATORIO 11 LA SUSTAINED LUNG INFLATION 15 CONCLUSIONI 22 BIBLIOGRAFIA 23 2

3 INTRODUZIONE Alla nascita il neonato deve affrontare la transizione dall ambiente liquido al respiro in aria ambiente e, sebbene nella maggior parte dei casi tale processo riesca bene, alcuni neonati possono avere problemi nell avviare una corretta ventilazione. Il liquido fisiologicamente contenuto nel polmone durante la gravidanza e al momento della nascita, in alcune condizioni quali ad esempio la prematurità, la nascita da taglio cesareo (TC) non preceduto da travaglio o la sofferenza perinatale, può ostacolare il raggiungimento di una adeguata Capacità Funzionale Residua (CFR) ed impedire una adeguata funzione respiratoria. In queste condizioni l applicazione alla nascita della Sustained Lung Inflation (SLI) (1,19), un insufflazione meccanica prolungata che ha lo scopo di superare la lunga costante di tempo del polmone ripieno di liquido, accelera il riassorbimento del liquido polmonare e il raggiungimento di una CFR adeguata, facilitando gli scambi gassosi. 3

4 SECREZIONE DI LIQUIDO POLMONARE NEL FETO Il liquido polmonare è presente nel lume polmonare già in fasi precoci dello sviluppo, la sua secrezione inizia verso la 20ª settimana di età gestazionale (EG), aumenta progressivamente nel corso della gravidanza fino a raggiungere una velocità di circa 5 ml/kg al suo termine. L incremento della produzione del liquido polmonare riflette l aumento della superficie di contatto tra epitelio alveolare e microcircolo, dovuto alla proliferazione dei capillari polmonari ed alla crescita dei sacculi terminali. La produzione del liquido polmonare è essenziale per il normale sviluppo dell apparato respiratorio, poiché determina forma e volume delle sue unità periferiche. La quantità di liquido presente all interno dell albero respiratorio dipende dall equilibrio tra produzione a livello dell epitelio alveolare e resistenza al suo efflusso esercitata dalle alte vie aeree; il suo volume al termine della gestazione è di circa ml/kg, valore sovrapponibile a quello della capacità funzionale residua (CFR) di un polmone normale. Vi è una differenza in composizione tra il liquido polmonare fetale ed il liquido amniotico o il plasma. I rapidi ed irregolari movimenti respiratori del feto, infatti, non sono in grado di muovere grandi quantità di liquido amniotico, sia per la sua alta viscosità, sia per la bassa pressione transpolmonare esercitata. L alta concentrazione di cloro e la minor quantità di bicarbonato lo differenziano, inoltre, dal plasma, da cui si discosta anche per una concentrazione proteica talmente bassa da essere sovrapponibile a quella del liquor. E proprio il trasporto attivo del cloro attraverso l epitelio a 4

5 determinare, mediante la produzione di un gradiente osmotico, un movimento di liquidi dal microcircolo nell interstizio, e quindi nello spazio aereo virtuale; questo flusso avviene nonostante una notevole differenza di concentrazione proteica transepiteliale. Le pressioni all interno del sistema respiratorio fetale variano in base alla presenza o meno dei movimenti respiratori. Durante i periodi in cui il feto non si esercita a respirare, circa il 60-70% del tempo, le pressioni sono costanti: considerando uguale a zero la pressione amniotica, la pressione all interno della trachea è di circa 1-2 mmhg superiore, mentre quella endopleurica è di circa 0,7 mmhg inferiore. La pressione positiva all interno dell albero respiratorio è generata dal bilancio tra la produzione di liquido polmonare e la sua fuoriuscita dalle alte vie aeree; quest ultima è modulata principalmente dal grado di resistenza offerto dalla laringe. In ugual modo la pressione negativa endopleurica è la conseguenza dell equilibrio tra il ritorno elastico dei polmoni e quello della gabbia toracica, forze rivolte in opposte direzioni. La risultante tra pressione positiva endotracheale e pressione negativa endopleurica è una pressione transpolmonare positiva di circa 2,5 mmhg, forza che agisce mantenendo espansi i polmoni e stimolando la loro crescita. Durante i periodi in cui il feto compie movimenti respiratori la glottide si dilata e si riducono le resistenze a livello della laringe, ma le ritmiche contrazioni del diaframma attenuano l efflusso di liquido dalla trachea e limitano la riduzione del volume polmonare. (2) 5

6 SWITCH PERINATALE Il passaggio dalla vita intrauterina a quella extrauterina implica la rapida rimozione del liquido polmonare per consentire la ventilazione alveolare. Già alcuni giorni prima della nascita si ha una contrazione della secrezione di liquido, la cui quantità subisce una notevole riduzione soprattutto durante il travaglio di parto. I fattori decisivi per l eliminazione del liquido polmonare sono il blocco della secrezione del cloro e soprattutto il riassorbimento attivo del sodio all interno del sistema vascolare da parte delle cellule dell epitelio polmonare. Quest ultimo processo avviene in due fasi: la prima, in cui si ha il movimento passivo del sodio all interno della cellula attraverso la membrana apicale che è fornita di specifici canali permiabili a questo ione, e la seconda in cui il sodio è attivamente immesso nell interstizio attraverso la membrana basale; ed è proprio l attività della pompa del sodio a livello della membrana basale a creare un gradiente elettrochimico che favorisce la diffusione passiva dello ione all interno della cellula. Questo fenomeno, mediato dalla stimolazione dei recettori betaadrenergici polmonari, è legato all aumento delle catecolamine durante il travaglio di parto in seguito allo stress. La sensibilità dell epitelio alveolare alle catecolamine si accresce con l aumentare della età gestazionale(eg), fenomeno mediato dal cortisolo, la cui concentrazione plasmatica aumenta progressivamente nella fase tardiva della gestazione. La maturazione del polmone indotta dal cortisolo comporta, quindi, non solo la sintesi del surfattante ed il miglioramento della compliance polmonare, ma anche la capacità di riassorbire il liquido polmonare alla nascita.alla completa rimozione del liquido polmonare contribuiscono poi 6

7 la diversa concentrazione proteica transepiteliale, che favorisce il riassorbimento dell acqua nell interstizio, e la spremitura cui è sottoposto il torace del neonato durante il parto vaginale. Altri elementi che facilitano lo spostamento del liquido residuo dagli alveoli negli spazi perivascolari, ove è riassorbito dai vasi polmonari e dai linfatici, sono l aumento della pressione transpolmonare secondario alla ventilazione ed il notevole incremento della perfusione del piccolo circolo. In studi sperimentali compiuti sull agnello è stato possibile dimostrare che la clearance del liquido polmonare è ultimata dopo circa sei ore dal parto vaginale. Alcune condizioni cliniche possono ostacolare il riassorbimento del liquido e dare luogo ad un edema polmonare transitorio, la cui manifestazione clinica è definita tachipnea transitoria del neonato (TTN). Tra queste vanno ricordate le patologie che determinano un alterazione della perfusione del circolo polmonare (ipossia), o l aumento della pressione venosa centrale (pletora), le situazioni associate a bassa concentrazione proteica (prematurità), e l assenza del travaglio di parto (TC d elezione). (2) 7

8 CAMBIAMENTI FISIOLOGICI ALLA NASCITA Prima dalla nascita tutto l ossigeno utilizzato dal feto si diffonde attraverso la membrana della placenta, dal sangue della madre al sangue del bambino. Solo una piccola quantità di sangue fetale passa attraverso i polmoni fetali. I polmoni fetali non funzionano come fonte di ossigeno o come via per l escrezione dell anidride carbonica. I polmoni fetali sono espansi in utero, ma i potenziali sacchi aerei all interno dei polmoni (alveoli) sono ripieni di liquido invece che di aria. Inoltre, i vasi ematici che perfondono i polmoni fetali sono notevolmente costretti, in parte a causa della bassa pressione parziale di ossigeno nel feto. Prima della nascita, la maggior parte del sangue proveniente dalla parte destra del cuore non può entrare nei polmoni a causa dell aumentata resistenza al flusso nei vasi ematici costretti dei polmoni fetali. Al contrario la maggior parte di questo sangue inbocca la via di minor resistenza attraverso il dotto arterioso, nell aorta. Dopo la nascita, il neonato non è più collegato alla placenta e dipenderà dai polmoni come unica fonte di ossigeno. Pertanto, nell arco di pochi secondi si verificano tre modificazioni principali. Il liquido presente negli alveoli viene riassorbito nel tessuto polmonare e sostituito dall aria. Poiché l aria contiene il 21% di ossigeno, il riempimento degli alveoli con aria fornisce ossigeno che può diffondersi nei vasi sanguigni che circondano gli alveoli Le arterie e la vena ombelicali si costringono e vengono quindi clampate. Questa situazione rimuove il circuito placentare a bassa resistenza e aumenta la pressione sistemica del sangue. In conseguenza della distensione gassosa e dell aumento di ossigeno negli alveoli, i vasi ematici del tessuto polmonare si dilatano, diminuendo la 8

9 resistenza al flusso ematico. Questo rilassamento, parallelamente all aumento della pressione ematica sistemica, porta a una pressione più bassa nelle arterie polmonari rispetto alla circolazione sistemica e crea un marcato aumento del flusso ematico polmonare e una diminuzione attraverso il dotto arterioso. L ossigeno proveniente dagli alveoli viene assorbito dal sangue nei vasi polmonari, e il sangue arricchito di ossigeno ritorna alla parte sinistra del cuore, da dove viene pompato nei tessuti del corpo del neonato. Normalmente alla nascita il neonato compie sforzi vigorosi per riempire i polmoni di aria. Usualmente i primi respiri sono più profondi e lunghi rispetto ai successivi e caratterizzati da una inspirazione breve e profonda, mediata dal riflesso paradosso di Head, seguita da una espirazione prolungata. Durante l espirazione il flusso espiratorio viene interrotto tramite l adduzione delle corde vocali e la contrazione post inspiratoria del diaframma, con lo scopo di aumentare il volume di gas a fine espirazione e creare un adeguata CFR. Il gemito espiratorio è un classico esempio di questo meccanismo di adattamento. Anche la polipnea è una strategia respiratoria messa in atto dai neonati per mantenere la CFR: accorciando il Tе si limita la perdita di volume. Questi pattern respiratori si osservano sia nei nati da parto spontaneo che da taglio cesareo e sia nei neonati a termine che pretermine (3,4). Da un punto di vista meccanico, il range della pressione negativa dovuta alla contrazione del diaframma alla nascita per ventilare il polmone varia tra -20 e -55 cmh ² O e questa genera un volume corrente (Vt) di circa 9

10 40 ml; alla fine della inspirazione e durante l espirazione non c è perdita di gas né di volume per i meccanismi descritti. Nel caso di un neonato a termine asfittico, nato da TC e con respiro spontaneo assente o fortemente depresso, già negli anni 60 era stato osservato che è necessaria una pressione >20 cmh ² O per ventilare il polmone e che la CFR si comincia a formare solo quando compare il respiro spontaneo (5). Inoltre, se la pressione positiva viene mantenuta per 5 secondi piuttosto che per breve tempo durante la prima insufflazione, si ottiene un Vt simile al respiro spontaneo (osservazione che introduce il concetto di sustained lung inflation ). Infine, se la pressione positiva applicata alle vie aeree viene lentamente incrementata, il livello necessario a ventilare il polmone si riduce. I neonati prematuri presentano caratteristiche anatomiche e fisiologiche diverse da quelle dei neonati a termine quali debolezza del drive respiratorio e della muscolatura respiratoria, deficit di surfattante, cedevolezza della gabbia toracica e immaturità dei meccanismi di riassorbimento del liquido polmonare; per tali motivi più frequentemente necessitano di supporto respiratorio. 10

11 GESTIONE DEL DISTRESS RESPIRATORIO L obiettivo della gestione della Sindrome da Distress Respiratorio (RDS) nel neonato consiste nel mettere in atto interventi che possano prevenire o ridurre la gravità della patologia e minimizzare nel contempo i possibili effetti collaterali. Terapia prenatale La prevenzione della Sindrome da Distress Respiratorio (RDS) dovrebbe iniziare prima della nascita. Il betametasone è il corticosteroide di scelta per accelerare la maturità polmonare fetale. Si raccomanda la somministrazione per via intramuscolare di due dosi da 12 mg, a distanza di 24 ore l una dall altra, in tutte le donne in gravidanza con minaccia di travaglio pretermine al di sotto delle 35 settimane di gestazione. Attualmente il suo impiego è suggerito anche nei late preterm infants (neonati con età gestazionale compresa tra 34 e 36 settimane) o nei nati da TC non preceduto da travaglio, in quanto aumenta l espressione dei recettori ENaC. Perché gli steroidi prenatali abbiano il massimo effetto, il parto dovrebbe avvenire dopo più di 24 ore e meno di 7 giorni dall inizio della terapia steroidea. La terapia con steriodi antenatali si associa ad una significativa riduzione dei tassi di RDS, di mortalità neonatale, emorragia intraventricolare ed enterocolite necrotizzante (6,7). Stabilizzazione in sala parto I neonati prematuri con deficit di surfattante, o i neonati con alterato o intempestivo riassorbimento del liquido polmonare, hanno difficoltà a 11

12 raggiungere un adeguata CFR ed a sostenere la ventilazione alveolare. La gestione della sala parto ha un ruolo cardine nel minimizzare il danno polmonare del neonato prematuro, poiché la ventilazione può portare a sovradistensione e danno polmonari. Tradizionalmente molti neonati venivano rianimati mediante ventilazione a pressione positiva intermittente (IPPV) con maschera, spesso utilizzando ossigeno al 100%, seguita da una precoce intubazione per la somministrazione preventiva di surfattante, e successivamente ventilazione manuale con ossigeno al 100%. Attualmente è stato dimostrato che la rianimazione con ossigeno al 100% si associata ad un aumentata mortalità e morbilità sia nei neonati a termine che pretermine. Sono stati osservati infatti una riduzione del 20% del flusso ematico cerebrale a 2 ore dalla nascita e un gradiente di ossigeno alveolare/arterioso peggiore nei neonati rianimati con ossigeno puro rispetto a quelli rianimati con aria ambiente (8,9). Nei neonati prematuri che respirano spontaneamente, iniziare la rianimazione in sala parto con una CPAP pari a 5-6 cm H ² O attraverso maschera o cannule nasali, per stabilizzare le vie aeree e generare una CFR adeguata, rappresenta una forma di assistenza ventilatoria attualmente molto utilizzata. La early nasal-cpap favorisce infatti il riassorbimento del liquido polmonare, aumenta la CFR reclutando gli alveoli collassati ed aumentando il volume degli alveoli aperti, riduce le resistenze delle vie aeree ed il lavoro del respiro, preserva il surfattante endogeno e riduce la necessità di Ventilazione Meccanica (VM). 12

13 L uso della CPAP nasale in associazione al surfattante andrebbe considerato nei neonati con RDS di grado moderato/grave al fine di ridurre la necessità di ventilazione meccanica. Quando l attività respiratoria è insufficiente l impiego della IPPV mediante tubo tracheale, seppure indispensabile, pone il neonato, soprattutto se prematuro, a rischio di danno polmonare. L impiego di volumi respiratori non ben controllati - ovvero troppo alti o troppo bassi - come quelli generati con l utilizzo del pallone auto insufflante o del pallone da anestesia, può essere infatti dannoso. Questi dispositivi sono stati oggi largamente superati dalla comparsa nelle sale parto del respiratore a T che lavora con limiti di pressione ed è flusso-controllato, ma necessita di una fonte di gas compresso. Il suo impiego consente di stabilire in modo manuale la pressione inspiratoria di picco e la pressione positiva di fine espirazione e di regolare questi parametri durante l uso. Terapia con surfattante I neonati con o a rischio di RDS moderato/grave dovrebbero essere trattati con surfattante poiché questo riduce significativamente la mortalità e il rischio di pneumotorace. Secondo le più recenti linee guida europee, la profilassi con surfattante (entro i primi 15 min dalla nascita) dovrebbe essere riservata a tutti i neonati con EG <26 settimane ed a tutti i neonati pretermine con RDS che necessitano dell intubazione in sala parto per la stabilizzazione (10). La terapia precoce con surfattante (entro 2 ore di vita) dovrebbe invece essere riservata ai neonati non trattati in precedenza se esiste evidenza di 13

14 RDS. Una dose iniziale di 200 mg/kg di fosfolipidi sembra consentire migliori risultati clinici rispetto a 100 mg/kg (11,12). E importante tenere a mente che, dove possibile, la durata della ventilazione meccanica dovrebbe essere ridotta al minimo, scegliendo strategie quali l immediata (o precoce) estubazione successiva alla somministrazione di surfattante, definita tecnica INSURE (Intubazione- SUrfattante-Estubazione), ed il largo impiego di un supporto respiratorio non invasivo quale CPAP o IPPV nasale, purchè il neonato sia stabile. 14

15 LA SUSTAINED LUNG INFLATION Per Sustained lung inflation (SLI) si intende un insufflazione meccanica prolungata applicata alla nascita con lo scopo di superare la lunga costante di tempo del polmone ripieno di liquido, accelerare il riassorbimento del liquido polmonare, favorire il reclutamento della CFR e facilitare gli scambi gassosi. Alla nascita il polmone è pieno di liquido e l impiego di una ventilazione a pressione positiva intermittente, anche quando vengano impiegati dei parametri ottimali, può creare un danno alle vie aeree. La Fig.1 spiega in maniera schematica le basi fisiopatologiche che portano al danneggiamento del polmone. Nell esempio illustrato si ipotizza di assistere un neonato di 1 kg con un Vt di 5 ml ed una pressione di fine espirazione (PEEP) di 5 cmh 2 O. Alla nascita il polmone è completamente ripieno di liquido e le pressioni di ventilazione non generano alcun Vt. Dopo circa 20 atti respiratori solo le grosse vie aeree sono prive di liquido; la PEEP applicata in questo momento genererà una CFR pari allo spazio morto (3ml) ed il Vt di 5 ml andrà a sovradistendere prevalentemente i bronchioli, poichè gli alveoli sono ancora ripieni di liquido. Due minuti dopo la nascita il 20% del parenchima polmonare (apici) e le vie aree di grosso calibro saranno privi di liquido; la PEEP applicata in questo momento genererà una CFR pari allo spazio morto (3 ml) più il 20% del parenchima polmonare (4 ml), mentre il Vt di 5 ml si andrà a distribuire solo negli apici polmonari. Il volume risultante di 25 ml/kg può portare a sovradistensione focale. Solo 10 minuti dopo la nascita i parametri impostati genereranno una capacità funzionale residua di 15 ml ed un Vt di 15

16 5 ml poichè la ventilazione a pressione positiva si distribuisce in maniera omogenea su tutto il polmone. Perciò, in questo modello, la somministrazione di un volume corrente di 5ml al 100% del parenchima, solo a partire da 10 minuti dopo la nascita in avanti, provoca una ventilazione non dannosa. Purtroppo, la sovradistensione può comunque essersi verificata nei primi 10 minuti dopo il parto. Una sovradistensione transitoria come quella appena descritta può provocare un danno polmonare clinicamente significativo. Le vie aeree dei neonati pretermine contengono infatti relativamente poco collagene ed elastina e vengono perciò facilmente deformate e danneggiate durante le fasi iniziali della ventilazione. 16

17 Studi sperimentali su agnelli prematuri hanno dimostrato che già 15 minuti di ventilazione iniziale possono provocare un danno polmonare, che viene amplificato dal successivo supporto ventilatorio (13). Per quantificare tale danno sono stati ventilati manualmente agnelli prematuri con un grande volume corrente per 15 minuti per simulare la rianimazione in sala parto, seguito da surfattante e supporto ventilatorio di mantenimento per 2 ore e 45 minuti. I quindici minuti di ventilazione manuale hanno provocato rispetto ai controlli, trattati direttamente con surfattante e ventilazione meccanica, un aumento di cellule infiammatorie, nonché dell espressione delle citochine proinfiammatorie IL-1β, IL-6, IL-8 e della proteina chemiotattica 1 per i monociti (MCP-1). La ventilazione prolungata ha portato a un amplificazione delle risposte, con ulteriore aumento di neutrofili, IL-6, IL-8 rispetto ai controlli non ventilati manualmente. Analogamente, in un altro studio, 5 giorni di ventilazione hanno aumentato i livelli di neutrofili, Il- 6, IL-8 e MCP-1 negli aspirati delle vie aeree di babbuini pretermine a 28 giorni (14). Nel modello ovino, la sovraespressione di MCP 1 è stata osservata principalmente nelle vie aeree, piu sensibili al danno da ventilazione precoce, e meno nel parenchima (15). La proteina da shock termico HPS-70, un altro marker dell infiammazione espresso dalle cellule epiteliali staccatesi dall epitelio delle vie aeree durante i primi 15 minuti di ventilazione in sala parto, è stata recuperata dal liquido del lavaggio broncoalveolare di animali pretermine. Inoltre, se l animale continuava a essere ventilato, veniva osservata l espressione di HSP-70 nella muscolatura liscia, suggerendo che il proseguimento della ventilazione produceva un danno muscolare (15) 17

18 E stato dimostrato che l applicazione alla nascita di una sustained lung inflation, cioè di una pressione di cmh ² O per circa secondi realizzata con tubo nasofaringeo o adeguata maschera facciale ed un T- piece resuscitator, seguita dall applicazione di una continua ed adeguata pressione positiva di fine espirazione (PEEP 5 cmh ² O) è efficace nel accelerare il raggiungimento di una CFR adeguata in studi animali e nel ridurre la necessità di ventilazione meccanica nei neonati prematuri a rischio di RDS (16,17,18). Sono stati studiati gli effetti della sustained lung inflation di diversa durata ( sec) applicate con una pressione di 35 cmh 2 O a conigli prematuri (25-28 sett. EG): il tempo medio per aerare il 90% del polmone è stato di 14,4 sec, mentre dopo 20 sec il polmone era completamente aerato (16). Arjan te Pas collaboratori (1) hanno studiato gli effetti della SLI applicata per 20 secondi e della PEEP sulla formazione della CFR alla nascita. Sono stati randomizzati alla nascita conigli prematuri, suddivisi in 4 gruppi : - SLI, PEEP 5 cmh ² O - no SLI, PEEP 5 cmh ² O - no SLI, no PEEP - SLI, no PEEP La CFR e tidal volume sono stati misurati con tecnica pletismografica mentre l aereazione uniforme del polmone tramite Rx imaging. La ventilazione con SLI seguita da PEEP aerava unifomemente il polmone e il Vt e la CFR erano reclutati dal primo minuto di insufflazione. La ventilazione senza SLI ma solo con PEEP gradualmente reclutava il Vt e la CFR con ogni insufflazione, ma l aereazione non era uniforme. La ventilazione senza SLI e PEEP gradualmente reclutava il Vt ma non la 18

19 CFR, mentre la ventilazione con SLI senza PEEP aerava uniformemente il polmone e reclutava il Vt ma non la CFR. La CFR ottimale veniva raggiunta in maniera più efficace nei conigli trattati con SLI durante il primo minuto, ma veniva mantenuta in maniera più efficace se a questa seguiva l applicazione di una PEEP durante i primi sette minuti. Gli effetti della PEEP e SLI erano additivi. Il primo trial randomizzato e controllato sull impiego di questa procedura su neonati prematuri è stato condotto da te Pas e collaboratori (16). In questo studio l Autore ha preso in considerazione 207 neonati di EG <33 settimane di cui 104 trattati con SLI applicata a 20 cmh ² O per 10 sec per mezzo di un tubo naso faringeo ed eventualmente ripetuta a 25 cmh ² O, seguita da NCPAP o ventilazione a PPI con maschera o con tubo tracheale a seconda della condizione clinica del neonato, e 103 trattati con ventilazione a PPI con Ambu e maschera seguita da NCPAP, eventualmente avviata solo una volta ricoverato il neonato in reparto, o intubazione tracheale. I risultati evidenziavano che nel gruppo trattato col SLI meno neonati avevano bisogno di essere intubati in sala parto, la durata della ventilazione meccanica era significativamente più bassa, erano necessarie meno dosi di surfattante e l incidenza di displasia broncopolmonare si riduceva. Tutte queste differenze erano statisicamente significative. Pertanto, lo studio conclude che la SLI seguita da una early NCPAP è una strategia più efficace che ripetute insufflazioni manuali con Ambu e maschera seguita da NCPAP. Per quanto riguarda l esperienza Italiana, Lista e collaboratori (17-19), a partire dal 2007, hanno introdotto la procedura SLI nel loro protocollo 19

20 della sala parto per l assistenza ai neonati pretermine a rischio di RDS con netto miglioramento dei i loro esiti respiratori. La loro casistica comprende 89 neonati pretermine, nati nell arco di 3 anni ( ), con EG <32 settimane (valori medi: EG 28± 2 settimane e peso alla nascita 1085±363 g) assistiti alla nascita con la SLI. Questa veniva applicata per mezzo di una adeguata mascherina facciale per il reclutamento alveolare iniziale usando un ventilatore a T (Neopuff, Fischer & Paykel). La pressione di insufflazione veniva aumentata progressivamente fino a 25 cmh ² O, mantenuta per 15 sec, e poi ridotta ad una PEEP di 5 cmh ² O. La FiO ² iniziale era quella minima necessaria a mantenere una saturazione di ossigeno (SpO ² ) compresa tra 88 e 92% Il risultato fu retrospettivamente comparato con quello dei 119 neonati prematuri inborn (valori medi: EG 28±2 settimane e BW 1084± 375 g) nati nel triennio e rianimati alla nascita per insufficienza respiratoria secondo le linee guida internazionali dell Accademia Americana di Pediatria. Analogamente a quanto osservato da te Pas e collaboratori, nella serie studiata i neonati prematuri trattati con SLI hanno avuto minore necessità di essere intubati in sala parto e di ricorrere alla VM, la durata della VM e dell O 2 terapia è stata più bassa, hanno ricevuto meno dosi di surfattante e hanno sviluppato meno DBP (18,19). Infine, Vyas e collaboratori (5) hanno studiato gli effetti della SLI durante la rianimazione del neonato asfittico e hanno mostrato che usando questo metodo potrebbero essere conseguiti un incremento del Vt e una adeguata CFR. Essi hanno suggerito che l intervento può influenzare la clearance del liquido polmonare e permettere una maggiore uniforme 20

21 distribuzione dell aria in tutto il polmone, facilitando così la formazione della CFR. Quindi dai vari studi emerge che la SLI: associata alla early NCPAP è una strategia più efficace rispetto alla tradizionale ventilazione a pressione positiva intermittente con maschera nel ridurre il ricorso alla intubazione tracheale consente la distinzione tra RDS e problemi transizionali riduce la durata della VM riduce il consumo di sufattante riduce l incidenza di DBP 21

22 CONCLUSIONI Il 10% dei neonati necessita di assistenza in sala parto per avviare la respirazione e la percentuale aumenta con il diminuire dell EG. La prematurità è spesso associata a problemi di transizione respiratoria e il neonato prematuro dovrebbe essere supportato con una strategia possibilmente non invasiva in quanto la presenza di liquido nelle vie aeree riduce il volume del gas nel polmone e causa una ventilazione non uniforme. Questa condizione comporta un più alto rischio di barovolutrauma in caso di ventilazione assistita. Alcune delle maggiori complicanze legate alla prematurità, come DBP e emorragia intraventricolare (IVH), sono potenzialmente legate al management dei primi minuti di vita, in quanto sono sufficienti alcuni minuti di iperventilazione per causare Ventilator Induced Lung Injury (VILI). La SLI sembra essere un valido ausilio terapeutico nel neonato prematuro che consente un più rapido conseguimento di una adeguata CFR e quindi di una più uniforme ventilazione del polmone. Sono necessari ampi studi randomizzati e controllati per verificare la reale efficacia della SLI in sala parto nel prevenire la necessità di ventilazione meccanica e migliorare gli esiti respiratori dei nati pretermine a rischio di RDS. 22

23 BIBLIOGRAFIA 1 Arian B te PAS, M. Siew, MJ. Wallace, MJ. Kitchen, A. Fouras, RA Lewis, N. Yagi, K. Uesugi, S. Donath, PG Davis, CJ. Morley, SB. Hooper.: Establishing Functional Residual Capacity at Birth: The Effect of Sustained Inflation and Positive End-Espiratory Pressure in a Preterm Rabbit Model Pediatr Res May; 65: Moretti. Sviluppo del sistema respiratorio nel feto e nel neonato: basi fisiologiche delle patologie respiratorie in epoca neonatale. In: C.Moretti disturbi respiratori nel neonato. Masson, te Pas AB, Wong C, Kamlin CO, Dawson JA, Morley CJ, Davis PG. Breathing patterns in preterm and term infants immediatily after birth. Pediatr Res Mar; 65: Arian B. te PAS, PG. Davis, C. Omar F. Kamlin, J Dawson, Colman P.F O Donnell. CJ. Morley : Spontaneous Brething Patterns of Vert Preterm Infants Treated With Continuous Positive Airway Pressure at Birth. Pediatr Res 2008;64: Vyas H., Milner A.D., Hopkin I.E., Boon A.W.: Physiologic responses to prolonged and slow-rise inflation in the resuscitation of the asphyxiated newborn infant. J Pediatr1981; 99: Roberts D, Dalzied S: Antenatal corticosteroids for accelerating fetal lung maturation for women at risk of preterm birth. Cochrane Database Syst Rev 2006; 3: CD Baud O, Foix- L Helias L, Kaminski M, Audibert F, Jarreau PH, Papiernik E, Huon C, Lepercq J, Dehan M, Lacaze- Masmonteil T: Antenatal glucocorticoid treatment and cystic periventricular leukomalacia in very premature infants. N Engl J Med 1999;341: Saugstad OD, Ramji S, Soll RF, Vento M.:Resuscitation of newborn infants with 21 or 100% oxygen: an updated systematic review and metaanalysis. Neonatology 2008; 94:

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli.

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. Università degli Studi di Verona Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. M.Ventola, M.Magnani, L.Pecoraro, B.Ficial, E. Bonafiglia,

Dettagli

Nel definire l assistenza al neonato con insufficienza respiratoria è necessario considerare che:

Nel definire l assistenza al neonato con insufficienza respiratoria è necessario considerare che: TRATTAMENTO DELL INSUFFICIENZA RESPIRATORIA DEL NEONATO Fabio Mosca, Mariarosa Colnaghi UO di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale Fondazione IRCCS,Cà Granda Ospedale Maggiore Policlinico 1.Premessa

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

LMA Supreme Second Seal

LMA Supreme Second Seal LMA Supreme Second Seal Mantenimento della pervietà delle vie aeree. Gestione del contenuto gastrico. Pieno rispetto delle raccomandazioni del report NAP4. Una doppia tenuta clinicamente provata L importanza

Dettagli

Kangaroo Mother Care Una guida pratica

Kangaroo Mother Care Una guida pratica ARTICOLO DI AGGIORNAMENTO Acta Neonantologica & Pediatrica, 1, 2006, 5-39 Kangaroo Mother Care Una guida pratica Edizione Italiana del testo WHO a cura del Gruppo di Studio della S.I.N. sulla Care in Neonatologia

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

D-7537-2009. Più vicini che mai all ideale CALEO

D-7537-2009. Più vicini che mai all ideale CALEO D-7537-2009 Più vicini che mai all ideale CALEO 02 Caleo Qual è l ambiente migliore per i neonati pretermine? ARRIVI PRECOCI Quando i bambini nascono prematuri, si ritrovano ad affrontare un mondo pieno

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DELL ATTIVITA SUBACQUEA

ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DELL ATTIVITA SUBACQUEA ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DELL ATTIVITA SUBACQUEA y = -10x +10,33 1 atm = colonna di 0.762 m di mercurio (Torricelli) a quanti metri di acqua corrisponde? 0.762 x 13.5 = 10.33 m, ~ 10m (13.5 : approx

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza Fiammengo P., Coscia A., De Donno V., Tulisso S., Maula S., Bianco M., Dall Aglio M., Farinasso D., Alessi D., Foco L., Costa L. Mentre la

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

La gestione avanzata delle vie aeree in emergenza

La gestione avanzata delle vie aeree in emergenza La gestione avanzata delle vie aeree in emergenza (Cosa fare e/o non fare in assenza e/o in attesa dell esperto) A cura di E. Bigi S. Baroncini - C. Coniglio - G. Desiderio A. Guidetti M. Liberti M. Menarini

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org Lo scopo di questa scheda informativa è illustrare alle persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e ai loro amici e familiari il modo migliore per poter vivere una vita normale con

Dettagli

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato Sistema per Acuti Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato La terapia Ci-Ca Citrato Dialisato Ci-Ca Calcio Modulo Ci-Ca Il sistema Ci-Ca con gestione integrata del citrato e calcio: La

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia ANESTESIA Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa fa l Anestesista Pag. 2 Visita Anestesiologica Pag. 2 Che cosa significa Consenso Informato Pag. 3 Esami preoperatori Pag. 4 Prescrizioni

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Corrente elettrica e corpo umano

Corrente elettrica e corpo umano Corrente elettrica e corpo umano 1/68 Brevi richiami di elettrofisiologia 1790 Luigi Galvani effettuò esperimenti sulla contrazione del muscolo di rana per mezzo di un bimetallo: concluse che si trattava

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA 3 dicembre 2014 Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA Nel 2012 vi sono stati in Italia 613.520 con un standardizzato di mortalità di 92,2 individui per diecimila residenti. La tendenza recente

Dettagli

Carta del rischio cardiovascolare

Carta del rischio cardiovascolare donne diabetiche Identificato il colore, leggere nella legenda a fianco il livello di rischio. donne non diabetiche Identificato il colore, leggere nella legenda a fianco il livello di rischio. uomini

Dettagli

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione? Società Medico Chirurgica di Ferrara FIBRILLAZIONE ATRIALE E TROMBOSI VENOSA PROFONDA ASPETTI FISIOPATOLOGICI, CLINICI E TERAPEUTICI Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di L ecografia delle anche: una review Giuseppe Atti Centro Marino Ortolani per la diagnosi e la terapia precoce della Lussazione Congenita delle Anche Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara email:

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

L emorragia del post partum

L emorragia del post partum L emorragia del post partum Sommario Introduzione...2 Definizione di emorragia del post partum...2 Incidenza...3 Cause dell emorragia del post partum...4 Fattori di rischio...4 Terzo e quarto stadio del

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

EDEMA POLMONARE ACUTO

EDEMA POLMONARE ACUTO EDEMA POLMONARE ACUTO Giuseppe Giancaspro, DEU Policlinico Umberto I, Università " La Sapienza ", Roma I. DEFINIZIONE Gravissima sindrome clinica caratterizzata da un aumento dell' acqua extravascolare

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

Il concetto di baby lung

Il concetto di baby lung Intensive Care Med (2005) 31:776-784 Intensive Care Med (2006) 3:205-213 Ed. Italiana SEMINARIO DI STUDIO L. Gattinoni A. Pesenti Il concetto di baby lung Ricevuto il 2 Marzo 2005 Accettato il 15 Marzo

Dettagli

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA La più potente analisi retrospettiva dei dati relativi a un evento cardiaco. Prestazioni migliorate. Livello di assistenza più elevato. 1

Dettagli

L' ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza

L' ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza L' ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza Kypros H. Nicolaides Laura Bedocchi L ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza Fetal Medicine Foundation, Londra 2004 Dedicato a Erodoto e Despina

Dettagli

ŀregione Lazio Progetto Dioniso

ŀregione Lazio Progetto Dioniso Progetto Dioniso Screening audiologico per la sordità neonatale Ogni anno nascono 3 bambini su mille con problemi gravi di sordità. Con un esame semplicissimo, di pochi secondi, non invasivo, non doloroso

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE Fattori di impatto ambientale Un sistema fotovoltaico non crea un impatto ambientale importante, visto che tale tecnologia è utilizzata per il risparmio energetico. I fattori

Dettagli

BLS SUPPORTO VITALE DI BASE NELL ADULTO

BLS SUPPORTO VITALE DI BASE NELL ADULTO Ven. Arciconfraternita della Misericordia di Firenze BLS SUPPORTO VITALE DI BASE NELL ADULTO A cura di Nora Elisa Ronchi Gruppo Formazione Sanitaria AVVERTENZA!!! LE INFORMAZIONI CONTENUTE IN QUESTO OPUSCOLO

Dettagli

RACCOMANDAZIONI PER L'ANESTESIA NEI PAZIENTI AFFETTI DA MALATTIE NEUROMUSCOLARI

RACCOMANDAZIONI PER L'ANESTESIA NEI PAZIENTI AFFETTI DA MALATTIE NEUROMUSCOLARI A cura di F. Racca, T. Mongini, N. Passoni RACCOMANDAZIONI PER L'ANESTESIA NEI PAZIENTI AFFETTI DA MALATTIE NEUROMUSCOLARI In collaborazione con Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare Onlus Sezione

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli