FARE CENTR .E MENO MALE CHE ERA FINITA PRIMA DI COMINCIARE.QUESTA CRISI!!! Informazioni - Cultura - Arte - Attività ricreative - Turismo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FARE CENTR .E MENO MALE CHE ERA FINITA PRIMA DI COMINCIARE.QUESTA CRISI!!! Informazioni - Cultura - Arte - Attività ricreative - Turismo"

Transcript

1 Informazioni - Cultura - Arte - Attività ricreative - Turismo ANCeSCAO Lazio GIUGNO 2010 NUMERO UNICO.E MENO MALE CHE ERA FINITA PRIMA DI COMINCIARE.QUESTA CRISI!!! Buone vacanze...a tutti, nonostante tutto Le vacanze, oltre che consentirci un periodo di riposo e di festa, ci danno l opportunità di riflettere insieme, fuori delle formali riunioni, di quanto siamo riusciti a realizzare durante lo scorso anno e di quanto ci attende nel prossimo futuro. Innanzitutto dobbiamo prendere atto del fatto che quella crisi finanziaria, iniziata a fine 2008 e protrattasi per tutto il 2009 non solo non è terminata, ma proprio nei primi sei mesi di quest anno, si sta manifestando in tutta la sua portata nell ambito della economia reale: crisi dei mercati, delle produzioni; caduta della occupazione, con particolare riguardo a quella giovanile e delle donne. E, come se non bastasse, è esplosa la crisi del sistema monetario europeo. Quell Euro che tanti meriti ha avuta ed ha ancora, in assenza di una politica Unitaria Europea e di meccanismi di verifica certa degli andamenti economici e finanziari dei singoli Stati Membri, sta mettendo a dura prova il Bilancio pubblico di ogni Paese e tra questi il nostro. Troppe bugie dalle gambe corte e sotterfugi nella definizione del debito pubblico e del suo rap- porto con il PIL (Prodotto Interno Lordo) ci hanno fatto credere che tutto andava bene, che la crisi non c era e che se c era stata non ce ne siamo accorti o che addirittura era alle nostre spalle. La verità è che ci attende una dura prova attraverso la manovra di circa 25 miliardi di euro da risparmiare o recuperare per mettere in sicurezza il Bilancio nazionale e, di conseguenza, la sua affidabilità nei confronti dell Euro. Non ci sfugge la portata di questa operazione, ed è bene dire che tutto questo significherà nel brevissimo termine un ulteriore abbassamento generale dei consumi, un impoverimento del potere d acquisto di salari stipendi e pensioni, una riduzione dei servizi alle persone, a partire da quelli assistenziali, sociali (quanti soldi in meno per i centri anziani!!!) e sanitari e, non ultimo, una generale riduzione della occupazione. Ma la cosa ancora più grave e che tutto questo avviene, stando alle misure prese dal governo, in modo iniquo, lasciando che chi più ha paga meno e viceversa, e che tutto avviene secondo una logica cieca: quella di non selezionare gli interventi in modo da indirizzarli verso investimenti più produttivi e di riorganizzazione del sistema nel suo insieme. Passeremo una estate inquieta, purtroppo, pensando al prossimo futuro, ma non la faremo passare inutilmente, senza fare sentire ancora una volta la nostra voce. Elio D Orazio La presente pubblicazione non è in vendita - è stampata in proprio e viene riportata sul sito Internet

2 Pagina 2 Assemblea dei Centri Anziani di Roma- 31 maggio 2010 Partecipatissima assemblea convocata dall On Tredicine, consigliere del Comune di Roma, si è svolta l assemblea dei Presidenti dei centri Anziani romani. L intento del Consigliere era quello di presentare una proposta definitiva, ma poi ha dovuto prendere atto che occorreva aprire una consultazione con i Centri, con le associazioni come la nostra e, non ultimo, con la Commissione Consiliare che si occupa di questa questione. Quindi, tutto da rifare o quasi, specialmente nel merito della proposta. Per questa ragione la nostra associazione ha partecipato all assemblea attraverso Elio D Orazio e Alessandro cioccoloni ed ha presentato un documento che qui di seguito viene riportato al fine di farne partecipi tutti gli interessati, in primis i Centri Anziani e quindi i Consiglieri Comunali, oltre che, naturalmente il Consigliere Tredicine. LE PROPOSTE DI ANCeSCAO PER LA MODIFICA DEL REGOLAMENTO DEI CENTRI ANZIANI DEL COMUNE DI ROMA Premesso che, sia a livello nazionale che regionale occorrerebbe una normativa di riconoscimento e sostegno dei Centri Anziani, al fine di promuovere una più alta qualità della vita delle persone anziane ed una più consapevole e responsabile partecipazione alla vita economica, sociale e culturale; premesso che i Centri Anziani di Roma sono un patrimonio da salvaguardare e sviluppare per il bene delle persone anziane della città, ma anche per il più ampio beneficio alla comunità cittadina, considerato che essi sono circa 150, anche se non tutti nelle medesime condizioni; premesso che la esperienza di rinnovamento funzionale e gestionale che sarebbe dovuto derivare dall attuale regolamento comunale ha dato prova di inadeguatezza, di grande confusione e soprattutto non ha sciolti i nodi gestionali andando a creare sovrapposizioni, senza sviluppare reale autonomia; premesso inoltre i Centri anziani debbano sviluppare velocemente verso la completa autogestione, al fine di attuare quella sussidiarietà che consegna ai cittadini la primaria funzione di programmare, gestire, amministrare le attività associative, fermo restando il supporto strutturale e finanziario dell amministrazione e che il Centro deve arricchirsi di un arco di iniziative, attività e servizi per e con le persone anziane che va oltre quanto finora previsto; considerato che, laddove tra Ente Locale e Centro Anziani è stato attuato tale autonomia gestionale, la qualità e quantità delle attività è cresciuta ed il livello di partecipazione democratica ha conosciuto successi in termini di capacità gestionale e di responsabilità SI PROPONE CHE 1. si vada subito alla approvazione di un nuovo regolamento per i Centri Anziani nel quale sia previsto che: a. il Centro viene gestito nella sua totalità e direttamente dalla Associazione dei propri iscritti (tutti), superando l attuale illegittimo dualismo tra Comitato di gestione e Associazione attualmente destinata a gestire le sole attività complementari; b. l Associazione si costituisce a norma della Legge quadro nazionale n. 383/2000, e della Legge regionale del Lazio, n. 22/1999 c. tra il Comune, per il tramite dei Municipi, e l Associazione del Centro si stipula una Convenzione nella quale si definiscono ruoli e funzioni dei due soggetti (Centro Anziani e Comune), sulla base del Regola mento Comunale; d. l Associazione che gestisce il Centro, nel rispetto della Convenzione, opera in piena autonomia e secon do le regole di una Associazione di Promozione Sociale 8lege 383/2000); aderisce ad una Associazione Nazionale di Promozione Sociale riconosciuta dal Ministero dell Interno, al fine di poter gestire le attività complementari in regime fiscale esente, come previsto nel Decreto ; e. le risorse assegnate al Centro, sulla base del riparto stabilito, vengano destinate direttamente alla Associazione del Centro affinché le gestisca direttamente, assieme alle risorse provenienti dalle attività complementari e ad altri proventi recepibili a norma della legge 383/2000 sull associazionismo sociale ed il decreto fiscale 460/97; f. viene costituita l Assemblea Permanente dei Presidenti dei Centri, (detto Coordinamento dei Centri), con funzioni consultive, sia a livello Municipale che Comunale; g. l Associazione che gestisce il Centro interagisce con l istituzione comunale, provinciale e regionale, iscrivendosi ai registri previsti dalle leggi, realizzando progetti di sviluppo finanziati da Regione, Comune, Provincia, Municipio nei diversi ambiti utili alle persone anziane: solidarietà, cultura, sport, attività mo torie, educazione permanente, tutela, turismo sociale e vacanze, ecc.

3 Pagina 3 2. il finanziamento e sostegno dei Centri da parte del Comune deve corrispondere, oltre che alla spesa corrente concordata, anche alle moderne esigenze di programmazione e di attività, facendo in modo che le strutture rese disponibili siano adeguate alle attività: accessibilità e barriere architettoniche ; decoro degli ambienti; collegamento telefonico e internet; sale adeguate per ballo, attività motorie, ecc.; sala teatro e musica; biblioteca del centro; abbonamento riviste e giornali 3. le Associazioni nazionali cui aderiscono le associazioni che gestiscono i Centri Anziani siano riconosciute, accreditate e convenzionate con il Comune ed i Municipi, al fine di poter svolgere una funzione di rappresentanza, supporto, consulenza, servizio, formazione, informazione, ecc., con adeguato sostegno finanziario su programmi e progetti appositamente predisposti e finanziati; tutto ciò al fine di facilitare i gravoso compito della programmazione, gestione, amministrazione dei centri, che oggi grava sui comitati di gestione non sempre adeguati a tali compiti. Antonio Vitullo, Presidente del Coordinamento cittadino dei centri Anziani di Roma PRIME NOTE ALLA PROPOSTA TREDICINE Premesso che l impianto di base della proposta non si allontana sostanzialmente dal regolamento in vigore, lasciando il Centro nella condizione di appendice dei servizi sociali comunali, la cui autonomia è solo formale (comitato di gestione), si evidenziano le seguenti prime osservazioni, critiche: 1. permane la dualità tra Comitato di gestione ed Associazione: quindi sovrapposizione 2. gli iscritti al centro possono continuare ad essere non tesserati alla associazione: illeggitimità 3. si afferma la cessazione della associazione ogni qualvolta scade il mandato del Presidente: cosa mai vista in nessuna associazione e priva di buon senso oltre che di legittimità 4. gli iscritti non hanno obbligo di pagamento di quota associativa: non si dà in natura,né nelle leggi che i soci non paghino una quota, sia per il sostegno alle attività associative, che per il versamento della quota alla associazione nazionale cui deve aderire 5. non si fa obbligo di aderire ad associazione nazionale riconosciuta dal Ministero dell Interno quanto meno per la esenzione dal trattamento fiscale relativo alla attività complementari ( e cioè commerciali): illegibilità 6. Non si fa alcun cenno allo statuto della associazione che in ogni caso non può configgere con quanto stabilito dalla legge 383/2000 e dal Decreto 460/97 sul trattamento fiscale degli enti associativi (scopo sociale,democraticità, autonomia, natura non lucrativa, eventuale scioglimento e liquidazione, ecc) 7. Le convenzioni con Cooperative, enti o società di cui all art 5 non possono essere vincolanti per i Cen tri, né tantomeno debbono essere autorizzate ad operare dentro il centro trasformandolo in un luogo di attività commerciale. Si fa notare che le associazioni nazionali cui i centri debbono aderire sono in gra do di fornire ai centri stessi i servizi elencati nella proposta. 8. La bocciofila, nel caso di attività aperte ai non soci del Centro, deve costituirsi in autonoma associazi ne ad evitare problemi gi gestione di polizze assicurative e di abusi: le bocciofile già esistenti troverebbero nella proposta di regolamento una atipica sistemazione. 9. Gli ospiti debbono comunque essere ricompresi nella assicurazione 10. Il Coordinamento cittadino, oltre ad avere potere consultivo, dovrebbe anche avere potere gestionale di attività di servizio per i centri, anche avvalendosi delle associazioni nazionali dei centri (es. forma zione, informazione, consulenze, servizi fiscali agli associati,) e di convenzioni con agenzie turistiche, ecc.) 11. Il Comitato dei Garanti deve essere organo designato pariteticamente dal Comune e dal Coordinamento cittadino solo al fine di garantire il rispetto del Regolamento da ambo le parti. Inoltre si fa notare che 1. I centri costituiti in associazione sono esenti dal pagamento del Canone Rai dal I diritti SIAE sono attualmente coperti dalla Convenzione Regione Lazio SIAE 3. Occorre distinguere meglio la capienza del centro dal numero dei soci che può essere anche superiore

4 Pagina 4 RAPPORTO CARITAS 2009 Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia A cura di Caritas Italiana Fondazione Zancan Sintesi complessiva a cura di ANCeSCAO Lazio 1. LA LOTTA ALLA POVERTÀ NEI SISTEMI REGIONALI DI WELFARE: CRITICITÀ E PROPOSTE Emerge con particolare nitidezza lo squilibrio tra Nord e Sud Italia in termini di spesa e di interventi per l assistenza sociale si va da un minimo regionale di 1,91 euro a un massimo di 21,75 euro, cioè 11 volte di più. La povertà del Sud Italia è di 4-5 volte maggiore rispetto a quella del Nord. Veneto, la Toscana, il Friuli Venezia Giulia l incidenza della povertà relativa negli anni ha segnato una significativa decrescita (rispettivamente -15%, -32% e -33%), Sicilia, Sardegna dove i valori sono aumentati rispettivamente +30% e +34%. 2. L ITALIA E L EUROPA si spende di più per contrastare la povertà nelle regioni laddove ci sono meno poveri. si tende a dare soldi piuttosto che fornire servizi durevoli nel tempo, In un confronto internazionale sugli effetti del sistema di tax benefit risulta che in Italia tale sistema riesce a ridurre la povertà delle famiglie con bambini solo dell 1,7% contro una media dei Paesi Ocse del 40% (in Francia al 73% e in Danimarca si arriva all 80%). assenza di valutazione di efficacia degli interventi chi ci rimette sono le famiglie povere o a rischio di impoverimento,

5 Pagina 5 3. PROPOSTE trasformare gli attuali trasferimenti monetari (o parte di essi) in servizi da erogare alle famiglie a basso reddito con figli bonificare e semplificare i percorsi delle erogazioni monetarie. Rendere visibili gli indici di efficacia delle azioni di contrasto alla povertà significa poterli condividere con le persone e le famiglie interessate Le proposte e le esperienze documentate nel Rapporto 2009 ci dicono che è possibile uscire dalla povertà e che oggi può essere un traguardo alla portata delle molte persone e famiglie che hanno interesse e neces sità di uscirne 4. POVERTA E CRISI aumento delle persone che chiedono aiuto alla Caritas: in tutta Italia, dal 2007 al %; aumenta la presenza degli italiani: + 10 % (il picco di aumento è nel Mezzogiorno); la crisi colpisce anche gli immigrati, che tornano a chiedere aiuto alla Caritas anche 6 anni dopo il primo arrivo in Italia; nel Mezzogiorno, la crisi rischia di incrementare ulteriormente il rischio usura: il sovra indebitamento delle famiglie, il difficile accesso al credito, il crollo della borsa, il boom delle carte di credito revolving e del gioco d azzardo, la rateizzazione delle imposte, rischiano di far scivola re migliaia di famiglie nella rete dell usura; le ripercussioni sul diritto allo studio: sempre meno soldi per la povertà estrema: le difficoltà di bilancio degli enti locali stanno determinando una contrazione/eliminazione di alcu ni servizi sociali essenziali. Diminuiscono altresì le donazioni e le offerte delle famiglie. Il rischio è che i poveri estremi peggiorino ulteriormente le proprie condizioni economiche 5. LE POVERTA ASSENTI Il Rapporto contiene i risultati di una indagine sulle povertà sommerse. Da oltre 250 interviste con operatori di Centri di Ascolto Caritas, in tutta Italia, è possibile individuare le situazioni di povertà che non si rivolgono ai Centri di Ascolto Caritas e i motivi di tale assenza. Si segnala l assenza soprattutto degli italiani (48% degli operatori), degli anziani (17%), delle famiglie italiane sovra indebitate o vittime dell usura (10,2%), delle persone in situazione di solitudine, dei malati psichici e dei tossicodipendenti (7,1%), delle situazioni di povertà estrema e assoluta (4,7%). Nel 52,8% dei casi, le famiglie italiane non si rivolgono alla Caritas per orgoglio, vergogna o dignità. Sono atteggiamenti molto diffusi tra le nuove famiglie povere, che non accettano e riconoscono la situazione (spesso improvvisa) di povertà. Per queste famiglie, la richiesta di aiuto è vista come l ammissione di un fallimento, e la conferma che si è scesi di un gradino nella scala sociale. Direttore Elio D Orazio Comitato di Redazione Alfredo De Felici, Rizziero Mattana, Alessandro Cioccoloni Redazioni Provinciali Viterbo: Arnaldo Picchetto; Rieti: Giuliano Liberati; Frosinone:MarioTarquini, Stefano Gaetani; Latina: Aldo Pastore, Benina Mira. Coordinamento Redazione Gianni Gai Direzione e Grafica Luca D Orazio Stampa Aldo Cipriani Sede Via di Casal Bruciato, Roma Tel e Fax

6 Pagina 6 _ dalle province DAI CENTRI ANZIANI DEL LAZIO: VOGLIA DI FARE, CRESCERE, DI CONTARE... ROMA Consiglio provinciale Roma -11 maggio La riunione del Consiglio Provinciale di ANCeSCAO di Roma e provincia è servito a fare il punto della situazione organizzativa e programmatica. Il Vice Presidente Rizziero Mattana facente le veci del Presidente Alfredo De Felice, assente da diverso tempo causa malattia, ha presentato il rendiconto 2009 e gli impegno per il Il Presidente regionale Elio D Orazio affianca il vice presidente in questa fase al fine di condurre l ordinaria gestione e di sviluppare iniziative per i Centri di Roma e Provincia, in Coro del Centro Anziani di Balsorano (AQ) Una affollatissima assemblea dei centri anziani della provincia di Frosinone assieme ai centri anziani della Valle Roveto si è svolta proprio a Balsorano AQ per cementare un rapporto di collaborazione e reciproco aiuto. Hanno partecipato e sono intervenuti i rappresentanti di ANCeSCAO dell Abruzzo e del- particolare, per la realizzazione del programma formativo de presidenti dei centri e per condurre i rapporti con l amministrazione comunale di roma per quanto riguarda le proposte di modifica del regolamento comunale di cui si parla in altra parte di questo numero del giornale. Nello stesso tempo ci si prepara all assemblea nazionale ed a quella provinciale per il rinnovo degli organi, ma anche per rinnovare lo statuto conseguentemente a quello che dovrebbe essere rinnovato a livello nazionale. Tutti hanno fatto gli auguri di pronta guarigione ad Alfredo. FROSINONE Assemblea Balsorano AQ: gemellaggio ANCeSCAO Frosinone e Abruzzo 13 maggio la regione Lazio nella persona di Elio D Orazio, Presidente e del vice presidente Alessandro Cioccoloni. Il Presidente Mario Tarquini ha svolto la relazione dell incontro, mente D Orazio ha illustrato le ragioni fondanti ed organizzative di ANCeSCAO E intervenuto anche il Vice Presidente del Consiglio della Regione Abruzzo, Giovanni D Amico che si è messo a disposizione per consentire lo sviluppo e la crescita dei centri anziani in Abruzzo approfittando anche delle opportunità che possono venire dal gemellaggio Lazio Abruzzo e da possibili sostegno della stessa Regione Abruzzo. LATINA Assemblea di Latina: rinnovo cariche 4 maggio L Assemblea ANCeSCAO della Provincia di Latina ha visto la partecipazione di tutti i centri del territorio, registrando un buon incremento del numero dei centri anziani aderenti. Il rapporto e programma di attività è stato svolto da Aldo Pastore, Presidente del ANCeSCAO provinciale. Elio D Orazio, presidente regionale, ha fatto il punto della situazione a livello regionale, ricordando i nostri impegni con la Regione e le nostre proposte. E intervenuto anche l assessore alle politiche sociali della Provincia di Latina Paolo Pastore. Al termine Aldo Pastore è stato riconfermato Presidente Provinciale. L incontro si è concluso con un ottimo pranzo preparato dalle donne del centro Anziani di Balsorano che, oltre a saper ben cucinare, sanno anche cantare molto bene, tant è che alla fine del pranzo si sono esibite con il loro coro ottimamente diretto da un maestro socio del centro con canzoni abruzzesi, ma non solo. Aldo Pastore, Presidente ANCeSCAO Latina e consiglieri vari

7 Pagina 7 dalle province ROMA- NEI GIARDINI DI PIAZZA VITTORIO Festa degli anziani del I Municipio dal nostro inviato Venerdì 11 giugno scorso, nella suggestiva ed assolata cornice di Piazza Vittorio Emanuele II, nei giardini gremiti di visitatori interessati e festanti, si è svolta una manifestazione degli ANZIANI del I Municipio del Comune di Roma, con la partecipazione dei Nove Centro Sociali Anziani, unitamente alle rappresentanze di varie organizzazioni di volontariato e assistenza, alla U.I.S.P. (Unione Italiana Sport Popolari) rappresentata dalla Sezione Anziani in Movimento. Nei box allestiti nei giardini, si sono posizionate, oltre a quelli delle organizzazioni sopra dette, tutte le delegazioni dei Centri Sociali Anziani, rutilanti di lavori artigianali, quadri, opere di pittura, modellismo, ricamo ecc preparate e confezionate con impegno, fantasia e amorevole cura da donne e uomini anziani nell ambito dei propri Centri Sociali. Tra le tante iniziative e lavori, citiamo esemplificando, il box del C.S.A. Testaccio per i bellissimi quadri esposti, i lavori di tombolo, uncinetto ed una simpatica collezione di graziose bambole di stoffa. Il Centro Sociale Anziani Esquilino, presente con una numerosa, festante delegazione di Associati particolarmente notati perché indossanti tutti una bianca maglietta con la scritta del proprio centro, ha presentato e distribuito ai presenti alla festa un opuscolo (oltre 300 copie) intitolate quaderni romani elaborato con attente ricerche storiche del Gruppo Culturale Romano del C.S. Anziani Esquilino riguardante le origini, la storia di Piazza Vittorio, con una interessante, seppur sintetica rievocazione storica della Porta Magica di Piazza Vittorio, seicentesco laboratorio alchemico del Marchese Massimiliano di Palombara e della ex Regina Cristina di Svezia. L opuscolo che ha riscosso il vivo interesse, e sincero apprezzamento dei partecipanti alla festa. L opuscolo ha una valenza storica fedele, corredato da foto e disegni di buona suggestività, è stato elaborato per la computerizzazione e stampa del Presidente del C.S.A. Esquilino, Antonio Piccolo e per le ricerche storiche coordinato dalla Sig.Ra Marina Gai, socio del Centro e collaboratrice del Gruppo Storico Romano. Il Presidente del I Municipio Orlando Corsetti, la Responsabile del Servizio Sociale S.ra Fabrizia Profio, si sono intrattenuti con simpatica affabilità con gli anziani, posando per una foto ricordo dell avvenimento. La UISP ha presentato un simpatico saggio ginnico di Anziane ed Anziani dei nove Cen tri Sociali, svolto con impegno e lodevole sincronia, tra uno svolazzare di veli variopinti, gradito e acclamato dagli spettatori. La festa è proseguita con canzoni, musica e balli sino al calare delle ombre serali. GRUPPO STORICO ROMANO Domenica 27 giugno ore Un numeroso gruppo di Amici Anziani dei Centri Sociali del I Municipio è stato invitato a visitare il Museo Storico di Roma, presso la sede di Via Appia Antica con il seguente programma ore 11 presentazione G.S. Romano storia di Roma antica e gioco a quiz offerta pranzo ai partecipanti visita al Museo consegna atteatato di Cittadinanza romana a tutti Foto ricordo e saluti ore 17 fine visita

8 Pagina 8 _ dalle province LATINA Gemellaggio Norma - Castel Gandolfo: due cittadine laziali Il Centro Sociale Anziani di Castel Gandolfo è stato spesso in visita a Norma, come breve escursione o visita culturale alla cittadina medievale, antica colonia romana. Le escursioni coincidevano con avvenimenti folkloristici come Norbanus Festival a fine Luglio o Palio dei Comuni la prima domenica di Agosto. Norma si affaccia sulla pianura pontina fino ad arrivare al promontorio del Circeo o al mare di Latina e città marinare limitrofe, l aria frizzante dei colli addolcisce la calura estiva e rende gradevole la sosta. Per intensificare i rapporti e connotarli di significato sociale e solidale, le due cittadine hanno pensato ad un comune progetto: uno stretto rapporto di gemellaggio. L evento si è verificato il 20 marzo presso il Centro Sociale Anziani di Castel Gandolfo alla presenza degli Amministratori dei due Centri e rispettivi Sindaci Sig. Colacchi di CAstel Gandolfo con il presidente del Comitato di Gestione Sig Calogero e del Sindaco Dr. Mancini con il Presidente del Comitato di gestione del Centro Sociale di Norma Sig. Pietrosanti, aderenti ANCe- SCAO. Una folta rappresentanza dei soci dei due Centri ha presenziato alla cerimonia durante la quale è stata sottolineata l importanza dell adesione ai Gruppi Sociali, tesi a vanificare la solitudine con attività culturali e motorie e favorire la conoscenza e il dialogo interpersonale. Alla visita della ridente Cittadina, il cui lago fa da specchio, è seguito un appetitoso pranzo in un ristorante sul lago di Nemi dal panorama ricco di suggestioni e incanti. L epilogo quindi con una promessa di arrivederci a Norma per una cerimonia analoga nel prossimo mese di Luglio. Benina Mira

9 Pagina 9 dalle province Il 1 Maggio scorso si è svolto a Castenaso (BO) il gemellaggio tra i Centri Anziani di Magliano Sabina (RI) ed il Centro Socio Culturale Airone per uno scambio di notizie culturali e sociali tra due etnie molto distanti tra di loro, con culture ed abitudini diverse, quello Sabino e quello Emiliano. MAGLIANO SABINA Gemellaggio C. S. Anziani Magliano Sabina - Castenaso (BO) Gli Amici del Centro Sociale Anziani di Magliano Sabina guidati dal proprio Presidente Biscetti Luigi ed al Vice Sindaco Signor Di Gianbernardino, presente il presidente del Coordinamento Provinciale ANCeSCAO Cav. Giuliano Liberati, stati accolti dalla sorridente Presidente del Centro Airone, Signora Claudia Ciardini e da un rappresentante del Comune di Castenaso, dopo il breve saluto di presentazioneil Presidente Biscetti con tutto il gruppo è stato invitato all interno del Centro dove era stato predisposto un drang di benvenuto; ultimate le presentazioni ed il buffet, tutti glospiti, debitamente accompagnati, hanno fatto un breve giro del paese, durante il quale si è avuto modo di incontrare il Sindaco di questo bel luogo della Pianura Padana, Avv. Dott. Stefano Sormenti che ha accompagnato gli ospiti di Magliano, interessandosi molto a questa cittadina della Sabina, restando con gli ospiti per il pranzo. Durante il pranzo il Sindaco di Castenaso ed il V. Sindaco di Magliano, indossando le belle fasce tricolori per l ufficialità dell avvenimento di questo Gemellaggio tra le due Comunità, dove si sono profusi discorsi ufficiali, scambio dei doni e targhe, hanno fatto seguire a questa cerimonia ufficiale l intervento dei due presidenti che hanno illustrato l importanza di questo incontro preparato con cura nel tempo. L idea è scaturita da un incontro fortuito tra i due Presidenti durante la fallita Assemblea di Montecatini. Tra i due Presidenti è seguito lo scambio dei doni e delle targhe ricordo tra i due presidenti. Invitato sul palco anche il Presidente Provinciale Liberati, il quale oltre all importanza dell incontro, ha messo in risalto l importanza delle persone della terza età in seno alla famiglia ed alla società. Tra gli applausi di tutti il Centro di Castenaso è stato invitato insieme al Sindaco ricontraccambiare questa visita andando a Magliano Sabina quanto prima possibile per rinforzare questi legami di amicizia. Al termine del pranzo, dopo il caffè il gruppo di Magliano con molti soci del Centro Airone hanno assistito ad uno spettacolo di musica lirica tenuto da un Soprano ed un Tenore, artisti fatti venire appositamente da Bologna. Lo spettacolo si è protratto per circa due ore; dopo tutte queste emozioni vissute nell arco di questa intensa giornata, il gruppo di Magliano dopo uno scambio di affettuosi saluti e di arrivederci è risalito, un po stanco, sugli autobus per recarsi ad un vicino Hotel per riposarsi. Il giorno successivo si è recato a Maranello per la visita alla Galleria delle auto da corsa e rientrare in sede dopo questa visita. Questi gemellaggi se ne dovrebbero fare molti: oltre allo scambio culturale, si rinforza il legame di fratellanza e solidarietà, uno scambio di idee ed iniziative che impegna tutti a migliorarsi a volersi più bene. Cav. Giuliano Liberati

10 Pagina 10 INCLUSage Meeting europeo 3 giugno 2010 INCLUSIONE SOCIALE E LOTTA ALLA POVERTA DELLE PERSONE ANZIANE: accrescere la consapevolezza e la capacità di intervento, proporre il reddito minimo Hanno partecipato oltre 20 rappresentanti di altrettanti paesi dell Unione Europea ed oltre 40 rappresentanti di organizzazioni italiane che si occupano di Persone anziane e della condizione di povertà cui si trovano a vivere moltissime di loro. I rappresentanti europei erano convenuti a Roma in una tre giorni di lavori che ha visto impegnati i Partner del Progetto INCLUSage ed i membri del Gruppo di Esperiti di AGE Platform Europa SIEG (Social Inclusion Expert Group) per mettere a punto una proposte di Guida allo sviluppo e crescita della consapevolezza sui temi della inclusion sociale e lotta alla povertà, attraverso un sistema permanente di incontri con la realtà da parte di operatori private e pubblici per costruire proposte di azioni efficae contrasto alla esclusione ed alla stessa povertà. Nello stesso tempo si è affrontato il tema del cosiddetto reddito minimo, formulando parametric di valutazione e sistemi di definizione che possono portare ciascun paese ad individuare quale sia il reddito minimo e quali possono essere i modi di finanziamento ed assegnazione delle risorse. Proprio su questi temi ed obiettivi si è svolta la Tavola Rotonda, condotta egregiamente e con competenza da Giovanni Anversa, giornalista RAI che da decenni si occupa e conduce programmi sociali, e che ha vista la efficace partecipazione di Jean Pierre Bultez, presidente del Gruppo esperi di AGE e presidente della associazione Les petits Frères des Pauvres di Lille (France), Halina Potocka, AGE Poland and project partner, Elio D Orazio, ANCeSCAO Lazio and Coordinator AGE Italia, Luigina Di Liegro, President of Fondazione Internazionale Msgr LUIGI DI LIEGRO, Maria Petkova, AGE Bulgaria and Vice-President of AGE Social Inclusion Expert Group, Filippo Strati from Studio Ricerche Sociali, Italian Independent Expert to the European Commission, co-author of the 2009 Analysis of the national minimum income schemes, Silvia Marangoni, Comunità di Sant Egidio, Claudio Cecchini, Municipality Concilior on Social Policies, Rome.

11 Pagina11 CONSIDERAZIONI SULLA ASSEMBLEA DI AGE PLATFORM EUROPA I partecipanti hanno espresso una valutazione complessivamente positiva della Assemblea e del ruolo in essa svolto dalla delegazione italiana. Il documento finale e la strategia complessiva sono stati votati alla unanimità. In esso sono contenute le analisi e le proposte emerse, soprattutto in riferimento all adeguamento della struttura di AGE: migliorare la comunicazione interna tra segretariato, organi e membri; tra i gruppi di esperti e l insieme della piattaforma; dare valore e identità ai coordinamenti nazionali tra i membri di AGE al fine di renderne maggiormente efficace la proposta e l azione sia verso AGE EUROPA, sia verso i rappresentanti nazionali nelle istituzioni europee (Parlamentari, Commissari, ecc.), sia verso i Governi nazionali. Al fine di contribuire alla ridefinizione del sistema di AGE platform Europa, AGE Platform Italia sollecita l avvio della discussione in AGE anche attraverso la attivazione di un Gruppo di lavoro che porti al Consiglio le proposte di rinnovamento da sottoporre alla approvazione della prossima Assemblea del maggio Tale percorso sarà utile al rafforzamento della identità e funzione di AGE Platform Italia e di analoghi coordinamenti negli altri paesi. DESIGNAZIONE DEI MEMBRI EFFETTIVI E SUPPLENTI NEI GRUPPI DI ESPERTI Entro il 30 giugno occorre inviare i nominativi ad AGE Europa. Si è deciso di inviare a tutti i membri italiani la lista degli attuali membri dei Gruppi in modo che ciascuno possa esprimere (entro il 25 giugno prossimo) una disponibilità e segnalarla al coordinatore, sia per il membro effettivo che per il supplente. Al fine di fare cosa adeguata si ricorda che: ogni paese non può avere più di un membro effettivo e supplente per gruppo (questo vale per i grandi paesi come l Italia) i designati debbono conoscere almeno una delle due lingue (Inglese - Francese preferibilmente l inglese) i designati debbono essere competenti nella materia o quantomeno avere interesse ad essa i designati debbono essere disponibili a partecipare alle riunioni (due volte all anno) ed a corrispondere attivamente per il tramite della posta elettronica i designati debbono riferire ai membri del loro paese e consultarsi con essi la designazione sarà fatta tenendo conto delle esigenze di partecipazione dei membri italiani.

12 Pagina 12 PARTECIPAZIONE A PROGETTI DI AGE EUROPA ED ALTRI Si è segnalato l approssimarsi del riavvio di progetti in ambito AGE coerenti con il programma PROGRESS, ma anche con altri Programmi (DAPHNE, SOCRATES, ITC, ECC.). Si sollecita la partecipazione che rimane nella libera determinazione dei Membri, ma che potrà essere anche concordata tra i membri italiani al fine di non sovrapporsi nei diversi programmi e progetti. Non appena saranno disponibili ulteriori informazioni occorrerà tenere una riunione apposita di AGE ITALIA. ANNO EUROPEO DI LOTTA ALLA POVERTA 2010 E stata ravvisata la necessità di organizzare una iniziativa nazionale sul tema nella quale coinvolgere le istanze istituzionali e le diverse organizzazioni che si occupano del problema. Nella riunione di luglio verrà presentata una ipotesi che già fin da ora potrebbe prevedere una manifestazione il 2 ottobre, giornata dell anziano, proprio sul tema della povertà delle persone anziane in Italia ed i Europa mettendo a frutto i buoni risultati delle iniziative già tenute sulle pensioni (3 marzo), sulla solidarietà tra le generazioni (29 aprile), il 3 giugno (progetto inclusage e gruppo esperti di age sulla inclusione sociale e povertà). Co l occasione presenteremo anche la Carta dei Diritti dei non autosufficienti. Si è deciso di tenere la prossima riunione di AGE Italia nella metà di Luglio prossimo. AI NOSTRI LETTORI: NEI MESI DI LUGLIO E AGOSTO O VA IN VACANZA. CI RIVEDIAMO ASETTEMBRE FACENDO GLI AUGURI DI BUONE VACANZE

ANCeSCAO. 2012 Showcase. swissdesign. creative group. Nam ASSOCIAZIONE libero tempore, NAZIONALE cum soluta nobis est eligendi optio ques

ANCeSCAO. 2012 Showcase. swissdesign. creative group. Nam ASSOCIAZIONE libero tempore, NAZIONALE cum soluta nobis est eligendi optio ques swissdesign creative group ANCeSCAO 2012 Showcase Nam ASSOCIAZIONE libero tempore, NAZIONALE cum soluta nobis est eligendi optio ques Centri Sociali Comitati Anziani e Orti Coordinamento del Lazio Cosa

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Elaborazione Ufficio Servizi Culturali Ottobre 2007 INDICE Art. 1 Principi ispiratori Art. 2 Consulta delle Associazioni Art. 3 Finalità ed attività Art. 4

Dettagli

STATUTO. Associazione ANCeSCAO Lazio Coordinamento Regionale del Lazio dell Associazione nazionale centri Sociali, Comitati Anziani e Orti

STATUTO. Associazione ANCeSCAO Lazio Coordinamento Regionale del Lazio dell Associazione nazionale centri Sociali, Comitati Anziani e Orti STATUTO Associazione ANCeSCAO Lazio Coordinamento Regionale del Lazio dell Associazione nazionale centri Sociali, Comitati Anziani e Orti Articolo1 COSTITUZIONE E costituita l Associazione ANCeSCAO Lazio,

Dettagli

1 Associazione Internazionale delle Carità fondate da San Vincenzo dè Paoli.

1 Associazione Internazionale delle Carità fondate da San Vincenzo dè Paoli. STATUTO GRUPPI DI VOLONTARIATO VINCENZIANO AIC ITALIA Approvato dal Comitato di Presidenza nazionale il 10 maggio 2007 Approvato dal Consiglio nazionale il 10 maggio 2007 Art. 1 - Costituzione I Gruppi

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE CULTURALE PICCOLI CANTORI DI TORRESPACCATA STATUTO

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE CULTURALE PICCOLI CANTORI DI TORRESPACCATA STATUTO STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE CULTURALE PICCOLI CANTORI DI TORRESPACCATA STATUTO ART. l DENOMINAZIONE E SEDE È costituita l Associazione culturale denominata ASSOCIAZIONE PICCOLI CANTORI DI TORRESPACCATA,

Dettagli

FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ

FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ DI BENEVENTO REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Titolo I Principi generali Art. 1 Il Forum della Gioventù della Provincia di Benevento è un organismo di partecipazione, rappresentanza

Dettagli

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA ART. 1 Istituzione STATUTO - REGOLAMENTO E istituito ai sensi dell art. 23 della L.R. 21 Febbraio 2005, n.12 il Comitato Paritetico

Dettagli

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.)

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) (Approvato con deliberazione consiliare n. 30 del 24.06.2010 e successiva modifica con deliberazione consiliare n. 50 del 25.09.2012) PREMESSA

Dettagli

ASSOCIAZIONE LAVORATORI STRANIERI MCL STATUTO PROVINCIALE

ASSOCIAZIONE LAVORATORI STRANIERI MCL STATUTO PROVINCIALE ASSOCIAZIONE LAVORATORI STRANIERI MCL STATUTO PROVINCIALE Titolo 1 Art 1 costituzione e denominazione Art 2 soci di diritto Art 3 soci Art 4 durata Art 5 scopi e attività Titolo 2 Art 6 organi sociali

Dettagli

Statuto dell'associazione Culturale di Promozione Sociale

Statuto dell'associazione Culturale di Promozione Sociale Statuto dell'associazione Culturale di Promozione Sociale Articolo 1 TITOLO I - Denominazione - Sede Nello spirito della Costituzione della Repubblica Italiana, in ossequio a quanto previsto dagli artt.36

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ART. 1 ART. 2

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ART. 1 ART. 2 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO A.V.G. FANCONI ART. 1 1. È costituita ai sensi della legge n. 266 del 1991 l organizzazione di volontariato, denominata: «A.V.G. Fanconi» 2. L organizzazione ha

Dettagli

STATUTO AMICIZIA MISSIONARIA ONLUS. Art.1

STATUTO AMICIZIA MISSIONARIA ONLUS. Art.1 STATUTO AMICIZIA MISSIONARIA ONLUS Art.1 E costituita ai sensi degli articoli 36, 37 e 38 del Codice civile, nonchè del D. Lgs. 4 dicembre 1997 n. 460, una associazione denominata AMICIZIA MISSIONARIA

Dettagli

STATUTO ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO ASSOCIAZIONE PER LA DECRESCITA

STATUTO ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO ASSOCIAZIONE PER LA DECRESCITA STATUTO ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO ASSOCIAZIONE PER LA DECRESCITA ART. 1 (Denominazione e sede) 1. E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della L. 382/2000 e della normativa in materia, l organizzazione

Dettagli

Regolamento del Consiglio Comunale dei Ragazzi

Regolamento del Consiglio Comunale dei Ragazzi Comune di Capriano del Colle Regolamento del Consiglio Comunale dei Ragazzi approvato con deliberazione del Consiglio Comunale N 1 Art. 1 Principi fondamentali Con riferimento alla Legge 176/91 Ratifica

Dettagli

CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI

CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI PREMESSA La presente premessa costituisce parte integrante del regolamento. Alcuni anni fa, in un momento in cui la realtà giovanile ha cominciato a prendere maggiormente

Dettagli

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI REGOLAMENTO Regolamento Forum dei Giovani Pag. 1 di 8 ART.1 Istituzione Il Consiglio Comunale della Città di Pollena Trocchia riconosciuto: l importanza

Dettagli

STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE. CAPO I Istituzione e insediamento

STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE. CAPO I Istituzione e insediamento STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE Istituzione e insediamento Art. 1 Istituzione La Consulta per le politiche giovanili è istituita dal Comune di Floridia con deliberazione

Dettagli

FEDERAZIONE TRA LE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DELLE PERSONE CON DISABILITA STATUTO E REGOLAMENTO

FEDERAZIONE TRA LE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DELLE PERSONE CON DISABILITA STATUTO E REGOLAMENTO FEDERAZIONE TRA LE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DELLE PERSONE CON DISABILITA STATUTO E REGOLAMENTO Avvertenze: Il presente testo contiene alternativamente gli articoli dello Statuto della Federazione e del Regolamento.

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA Forum Lombardo delle Lombardia FeLCeAF Associazioni familiari ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA La crisi in atto ormai da alcuni anni porta al contenimento

Dettagli

CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DI POSTE ITALIANE. CRALPoste REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO

CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DI POSTE ITALIANE. CRALPoste REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DI POSTE ITALIANE CRALPoste REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO Roma, 31 Marzo 2005 INDICE Art. 1 Denominazione e logo dell Associazione pag. 3 Art. 2 Scopi

Dettagli

STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010

STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010 ASSOCIAZIONE CULTURALE GLI ABRUZZESI A FIRENZE STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010 Articolo 1 Costituzione E costituita, con sede in Firenze, l Associazione culturale denominata GLI ABRUZZESI A FIRENZE

Dettagli

STATUTO ODV MIGRANTES SIENA

STATUTO ODV MIGRANTES SIENA STATUTO ODV MIGRANTES SIENA 1 ART. 1* (Denominazione e sede) L organizzazione di volontariato, denominata: MIGRANTES SIENA assume la forma giuridica di associazione. E apartitica e aconfessionale. L organizzazione

Dettagli

A.I.C.S. - Solidarietà

A.I.C.S. - Solidarietà STATUTO ART.1 COSTITUZIONE E DENOMINAZIONE E costituita l Associazione Regionale fra Comitati Provinciali della Toscana dell A.I.C.S. che operano nel campo delle attività culturali, sportive e sociali

Dettagli

STATUTO. PUPPY WALKER onlus Associazione di volontariato ex L. 266/1991

STATUTO. PUPPY WALKER onlus Associazione di volontariato ex L. 266/1991 Approvato dalla assemblea dei soci del 18.2.2012 STATUTO PUPPY WALKER onlus Associazione di volontariato ex L. 266/1991 ART. 1 (La denominazione, la sede e la durata dell Associazione) 1. E costituita

Dettagli

STATUTO. Art. 1 Denominazione sede- durata

STATUTO. Art. 1 Denominazione sede- durata Art. 1 Denominazione sede- durata STATUTO E costituita l Associazione culturale denominata CRAMA (Centro Recupero Animali Marini). E una libera Associazione di fatto con durata 20 anni con decorrenza dal

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI E ATTIVITA DEL CENTRO SOCIO CULTURALE DI LONIGO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI E ATTIVITA DEL CENTRO SOCIO CULTURALE DI LONIGO Allegato A Adottato con delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 2 marzo 2011 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI E ATTIVITA DEL CENTRO SOCIO CULTURALE DI LONIGO Art. 1 Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

LE BANCHE PER LA CULTURA

LE BANCHE PER LA CULTURA LE BANCHE PER LA CULTURA PIANO D AZIONE 2014-2015 II AGGIORNAMENTO L OBIETTVO: VALORIZZARE L IMPEGNO NELLA CULTURA DELLE IMPRESE BANCARIE ABI, con la collaborazione degli Associati, promuove un azione

Dettagli

Associazione Un Teatro a Rose

Associazione Un Teatro a Rose STATUTO DEL COORDINAMENTO TEATRALE MUSICALE CULTURALE Associazione Un Teatro a Rose ART. 1 DICHIARAZIONE COSTITUTIVA E costituito in data 31 Ottobre 2014 un coordinamento no profit, denominato Associazione

Dettagli

COMUNE DI BAGHERIA (provincia di PALERMO) Regolamento ENTI NON PROFIT

COMUNE DI BAGHERIA (provincia di PALERMO) Regolamento ENTI NON PROFIT COMUNE DI BAGHERIA (provincia di PALERMO) Regolamento ENTI NON PROFIT Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 64 del 20 nov. 2014 Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo

Dettagli

COMUNE DI DECIMOMANNU

COMUNE DI DECIMOMANNU COMUNE DI DECIMOMANNU REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE DELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO E CULTURALI. (Approvato con Deliberazione di C.C. n. del ) 1 INDICE

Dettagli

MOVIMENTO PER LA VITA ITALIANO Federazione dei Movimenti per la Vita e dei Centri di Aiuto alla Vita d Italia STATUTO

MOVIMENTO PER LA VITA ITALIANO Federazione dei Movimenti per la Vita e dei Centri di Aiuto alla Vita d Italia STATUTO MOVIMENTO PER LA VITA ITALIANO Federazione dei Movimenti per la Vita e dei Centri di Aiuto alla Vita d Italia STATUTO Art. 1 E costituito il Movimento per la vita italiano, Federazione dei Movimenti per

Dettagli

COMUNE DI CERRETO LAZIALE

COMUNE DI CERRETO LAZIALE COMUNE DI CERRETO LAZIALE REGOLAMENTO COMUNALE DEL CENTRO SOCIALE PER ANZIANI - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - APPROVATO CON DELIBERAZIONE

Dettagli

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Associazione Nazionale Demolitori Italiani LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Parma, 26 novembre 2005 Trascrizione dell intervento dal titolo: IL MERCATO DELLE DEMOLIZIONI ANNI 2000: DAL RECUPERO ALLA

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO E DELL ASSOCIAZIONISMO

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO E DELL ASSOCIAZIONISMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO E DELL ASSOCIAZIONISMO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 36 del 04.05.2006 Indice ART. 1 - OBIETTIVI...2 ART. 2 - FUNZIONI DELLA CONSULTA...2

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE ROMANDANDO - Associazione senza scopo di lucro

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE ROMANDANDO - Associazione senza scopo di lucro STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE ROMANDANDO - Associazione senza scopo di lucro ARTICOLO 1. E costituita l Associazione "ROMANDANDO Associazione senza scopo di lucro", in forma abbreviata: "ROMANDANDO". La durata

Dettagli

Seminario europeo NON LASCIAMOLI INDIETRO! Abbandono scolastico povertà esclusione sociale

Seminario europeo NON LASCIAMOLI INDIETRO! Abbandono scolastico povertà esclusione sociale Seminario europeo NON LASCIAMOLI INDIETRO! Abbandono scolastico povertà esclusione sociale Cilap eapn Italia , 00185 Roma PRESENTAZIONE Nato da più di 20 anni il Collegamento italiano di lotta alla povertà,

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

ARTICOLO 1. Denominazione e sede. Luce Organizzazione non Lucrativa di Utilità Sociale più. brevemente Associazione FARFALLE di LUCE ONLUS avente le

ARTICOLO 1. Denominazione e sede. Luce Organizzazione non Lucrativa di Utilità Sociale più. brevemente Associazione FARFALLE di LUCE ONLUS avente le ARTICOLO 1 Denominazione e sede È costituita l Associazione denominata Associazione Farfalle di Luce Organizzazione non Lucrativa di Utilità Sociale più brevemente Associazione FARFALLE di LUCE ONLUS avente

Dettagli

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL. CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL. CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 23.01.2015 Art. 1 ISTITUZIONE

Dettagli

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO salvadanaio per i boschi

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO salvadanaio per i boschi STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO salvadanaio per i boschi ART. 1 (Denominazione e sede) L organizzazione di volontariato, denominata: assume la forma giuridica di

Dettagli

VERBALE DELL ASSEMBLEA ORDINARIA DELL ASSOCIAZIONE KUNTERBUNT

VERBALE DELL ASSEMBLEA ORDINARIA DELL ASSOCIAZIONE KUNTERBUNT VERBALE DELL ASSEMBLEA ORDINARIA DELL ASSOCIAZIONE KUNTERBUNT Verbale di assemblea N 1 Il giorno 12 febbraio 2014, alle ore 13.30, presso l aula 405 della Scuola Germanica di Milano, via Legnano 24, Milano,

Dettagli

Regolamento della Consulta delle Associazioni del Comune di Villa d Almè. Adozione testo definitivo del 02/05/2014

Regolamento della Consulta delle Associazioni del Comune di Villa d Almè. Adozione testo definitivo del 02/05/2014 Regolamento della Consulta delle Associazioni del Comune di Villa d Almè Adozione testo definitivo del 02/05/2014 Art.1 RIFERIMENTI ALLO STATUTO COMUNALE 1 Il presente Regolamento si ispira al Titolo III

Dettagli

Medici per la Pace STATUTO

Medici per la Pace STATUTO Medici per la Pace STATUTO Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE 1. È costituita una associazione, avente le caratteristiche di organizzazione non lucrativa di utilità sociale (ONLUS), ai sensi e per gli effetti

Dettagli

REGOLAMENTO. PER L ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI e FONDAZIONI (APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.

REGOLAMENTO. PER L ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI e FONDAZIONI (APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI e FONDAZIONI (APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 21 DEL 02/08/07) INDICE ARTICOLO 1 - FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FINALITA ARTICOLO

Dettagli

Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE.

Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE. Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE. INDICE TITOLO I ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI art. 1 Finalità

Dettagli

COMUNE DI SOMMARIVA PERNO PROVINCIA DI CUNEO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 81

COMUNE DI SOMMARIVA PERNO PROVINCIA DI CUNEO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 81 COPIA COMUNE DI SOMMARIVA PERNO PROVINCIA DI CUNEO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 81 OGGETTO: CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SOMMARIVA PERNO, LA ASSOCIAZIONE NAZIONALE CARABINIERI-SEZIONE

Dettagli

APPRENDISTATO, UNO STRUMENTO PER AIUTARE I GIOVANI

APPRENDISTATO, UNO STRUMENTO PER AIUTARE I GIOVANI Appunti APPRENDISTATO, UNO STRUMENTO PER AIUTARE I GIOVANI Sono 54 mila i giovani in apprendistato, pari al 15% degli occupati tra i 15 e i 9 anni d età. Nel biennio 009-010 si è registrato un calo complessivo

Dettagli

Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi

Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi Art.1 - Costituzione e sede E costituita, con sede legale a Lodi, l Associazione denominata: LAUS Volontariato della Provincia

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE Comunico Art. 1 - Denominazione sociale È costituita, nel rispetto delle disposizioni previste dal codice civile e dalla Legge n. 383/2000, l Associazione

Dettagli

STATUTO APPROVATO NELLA SEDUTA CONGRESSUALE AICCRE DEL 14 FEBBRAIO 2011. A.I.C.C.R.E. Associazione dei Comuni e delle Regioni d Europa EMILIA-ROMAGNA

STATUTO APPROVATO NELLA SEDUTA CONGRESSUALE AICCRE DEL 14 FEBBRAIO 2011. A.I.C.C.R.E. Associazione dei Comuni e delle Regioni d Europa EMILIA-ROMAGNA Associazione Italiana del Consiglio dei Comuni e delle Regioni d Europa Federazione dell Emilia-Romagna STATUTO APPROVATO NELLA SEDUTA CONGRESSUALE AICCRE DEL 14 FEBBRAIO 2011 A.I.C.C.R.E. Associazione

Dettagli

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza presentazione a cura di Fondazione di Piacenza e Vigevano Dopo 26 anni dall apertura del Teatro San Matteo, Teatro Gioco Vita

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Vds Voglia di stupire

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Vds Voglia di stupire (Allegato a) STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Vds Voglia di stupire Sulle orme di Karol Titolo I Costituzione e Scopi Art. 1. E costituita l Associazione denominata Vds Voglia di stupire con sede presso parrocchia

Dettagli

Assemblea dei soci 29 gennaio 2011

Assemblea dei soci 29 gennaio 2011 Assemblea dei soci 29 gennaio 2011 Iniziamo ricordando che il 27 scorso è stata la giornata della memoria; quest anno non abbiamo fatto in tempo a organizzare qualche iniziativa come lo scorso anno ma

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE F.O.R.G.A.T. (Formazione, Opportunità, Recupero, Giovani, Ambiente e Territorio) o.n.l.u.s. ART.

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE F.O.R.G.A.T. (Formazione, Opportunità, Recupero, Giovani, Ambiente e Territorio) o.n.l.u.s. ART. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE F.O.R.G.A.T. (Formazione, Opportunità, Recupero, Giovani, Ambiente e Territorio) o.n.l.u.s. ART.1 DENOMINAZIONE E costituita un associazione non riconosciuta ai sensi degli artt.

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ Via Contea, 1 31055 QUINTO DI TREVISO Cod. Fisc. 94020520261 Iscritta al registro regionale delle Associazioni di Volontariato al n. TV/0130 ONLUS STATUTO ASSOCIAZIONE

Dettagli

PROVINCIA DI CAGLIARI. Consulta Provinciale delle Associazioni delle Persone con Disabilità REGOLAMENTO

PROVINCIA DI CAGLIARI. Consulta Provinciale delle Associazioni delle Persone con Disabilità REGOLAMENTO PROVINCIA DI CAGLIARI Consulta Provinciale delle Associazioni delle Persone con Disabilità REGOLAMENTO Art. 1 Sono costituiti presso la Provincia di Cagliari l Elenco provinciale delle Associazioni delle

Dettagli

CITTA DI TORREMAGGIORE SETTORE SERVIZI SOCIALI CULTURALI SCOLASTICI TURIMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

CITTA DI TORREMAGGIORE SETTORE SERVIZI SOCIALI CULTURALI SCOLASTICI TURIMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI CITTA DI TORREMAGGIORE SETTORE SERVIZI SOCIALI CULTURALI SCOLASTICI TURIMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 17.09.2012 INDICE Art.

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

LINEE D INDIRIZZO REGIONALE PROGETTO ETA LIBERA INVECCHIAMENTO ATTIVO - EDIZIONE 2011 -

LINEE D INDIRIZZO REGIONALE PROGETTO ETA LIBERA INVECCHIAMENTO ATTIVO - EDIZIONE 2011 - LINEE D INDIRIZZO REGIONALE PROGETTO ETA LIBERA INVECCHIAMENTO ATTIVO - EDIZIONE 2011 - 1. AZIONI DI PROTEZIONE delle persone anziane con fragilità fisiche e sociali: Azione 1.1 Consolidamento del Call

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO SGUARDI DI LUCE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO SGUARDI DI LUCE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO SGUARDI DI LUCE ART. 1 (Denominazione e sede) L organizzazione di volontariato, denominata: SGUARDI DI LUCE Associazione di genitori, familiari di bambini e ragazzi

Dettagli

XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE

XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE Relazione del Presidente Regionale CNA Pensionati- Giovanni Giungi A noi viene voglia, nonostante questa valle

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE

IL CONSIGLIO REGIONALE 16 LEGGE REGIONALE 18 dicembre 2007, n. 39 Norme di attuazione della legge 7 dicembre 2007, n. 383 (Disciplina delle associazioni di promozione sociale). IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE

Dettagli

In Liguria una strategia per vincere la sfida del cambiamento demografico.

In Liguria una strategia per vincere la sfida del cambiamento demografico. In Liguria una strategia per vincere la sfida del cambiamento demografico. La complessità del quadro demografico Le persone ultra sessantenni sono oltre 540.000, di cui le donne sono 261.000; gli ultra

Dettagli

COMUNE DI LONDA Provincia di Firenze REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

COMUNE DI LONDA Provincia di Firenze REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale N. 35 del 29.04.2010 1 INDICE ART. 1: Oggetto del regolamento ART. 2: Valorizzazione della partecipazione

Dettagli

Città di Monte Porzio Catone. Regolamento CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

Città di Monte Porzio Catone. Regolamento CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Città di Monte Porzio Catone Regolamento CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI maggio 2005 ARTICOLO 1 - COSTITUZIONE E SEDE CAPO I 1) La consulta delle Associazioni di Monte Porzio Catone è un organismo democratico

Dettagli

STATUTO DEL FORUM PER LE POLITICHE GIOVANILI DELLA CITTA DI GROSSETO

STATUTO DEL FORUM PER LE POLITICHE GIOVANILI DELLA CITTA DI GROSSETO STATUTO DEL FORUM PER LE POLITICHE GIOVANILI DELLA CITTA DI GROSSETO Art. 1 Istituzione ed impegni dell Amministrazione Comunale Il Consiglio Comunale di Grosseto, riconosciuta l importanza di coinvolgere

Dettagli

CAREGIVER FAMILIARE : SCHEDA DI BUONA PRATICA :

CAREGIVER FAMILIARE : SCHEDA DI BUONA PRATICA : CAREGIVER FAMILIARE : SCHEDA DI BUONA PRATICA : il ruolo di un soggetto del terzo settore a sostegno del caregiving familiare 31/03/2014 ANZIANI E NON SOLO soc. coop Loredana Ligabue 1.Premessa Quasi l'80%

Dettagli

Statuto del Coordinamento delle Associazioni di Volontariato della provincia di Treviso

Statuto del Coordinamento delle Associazioni di Volontariato della provincia di Treviso Statuto del Coordinamento delle Associazioni di Volontariato della provincia di Treviso Art. 1 - Costituzione e Scopi E costituito, con sede legale nel comune di Treviso, ai sensi della Legge 266/91 e

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO

CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO SINTESI OSSERVATORIO MEDIA NIMBY FORUM - III EDIZIONE Dall analisi dell Osservatorio

Dettagli

Alleanza contro la povertà

Alleanza contro la povertà Documento costitutivo della Alleanza contro la povertà - Tavolo regionale della Sardegna Le articolazioni regionali della Sardegna delle organizzazioni nazionali che aderiscono all Alleanza contro la povertà

Dettagli

La Casa di Margherita

La Casa di Margherita La Casa di Margherita Associazione di Solidarietà Familiare Via Trento Trieste 1-20043 Arcore (MI) www.lacasadimargherita.org Statuto dell Associazione Art. 1 Costituzione 2.1. É costituita l Associazione

Dettagli

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE PER IL COORDINAMENTO DELLE POLITICHE GIOVANILI CONVENZIONE 2015 2017 Testo approvato con deliberazioni consiliari di Martellago del, n., Mirano del, n., Noale del,

Dettagli

COMUNE DI CAPISTRANO

COMUNE DI CAPISTRANO COMUNE DI CAPISTRANO GRUPPO BANDISTICO CITTA DI CAPISTRANO I Raduno Bandistico Città di Capistrano, 8 Agosto 2012 a Capistrano (VV) (Calabria). Con la partecipazione dei gruppi bandistici: L Associazione

Dettagli

Associazione di Volontariato ARCI 690.

Associazione di Volontariato ARCI 690. STATUTO Art 1 E costituita con sede in Cascina, presso i locali della Pubblica Assistenza, Via Comaschi, 46 un Associazione di Volontariato che assume la denominazione di Associazione di Volontariato ARCI

Dettagli

Oggetto Regolamento della consulta permanente nel settore dei problemi sociali e diversamente abili. Art. 1 ISTITUZIONE

Oggetto Regolamento della consulta permanente nel settore dei problemi sociali e diversamente abili. Art. 1 ISTITUZIONE COMUNE DI TRABIA REGOLAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE PERMANENTE DEI PROBLEMI SOCIALI E DIVERSAMENTE ABILI Approvato con deliberazione di Consiglio n. 64 del 15/09/2011 Oggetto Regolamento della consulta

Dettagli

STATUTO. dell Associazione di associazioni Volontà Solidale

STATUTO. dell Associazione di associazioni Volontà Solidale STATUTO dell Associazione di associazioni Volontà Solidale Art. 1 COSTITUZIONE E' costituita con sede legale a Cosenza l'associazione Volontà Solidale, di seguito denominata Associazione. Volontà Solidale

Dettagli

In esenzione di imposta di bollo e di registro ai sensi del articolo 8 della legge 266/91

In esenzione di imposta di bollo e di registro ai sensi del articolo 8 della legge 266/91 STATUTO In esenzione di imposta di bollo e di registro ai sensi del articolo 8 della legge 266/91 Art. 1. Denominazione, sede e durata a) E costituita un Associazione di volontariato - ai sensi degli artt.

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI COMUNE DI FLUMINIMAGGIORE PROVINCIA DI Carbonia Iglesias REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. del INDICE Art. 1 Principi ispiratori Art. 2

Dettagli

COMUNE DI LATERINA REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

COMUNE DI LATERINA REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI COMUNE DI LATERINA REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 66 del 28.11.2015 1 INDICE Art. 1 PRINCIPI ISPIRATORI... 3 Art. 2 CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI...

Dettagli

Statuto Associazione Nazionale culturale e Professionale Scuola e Dintorni- Professionalità in Progress COSTITUZIONE - SEDE - DURATA - SCOPI

Statuto Associazione Nazionale culturale e Professionale Scuola e Dintorni- Professionalità in Progress COSTITUZIONE - SEDE - DURATA - SCOPI Statuto Associazione Nazionale culturale e Professionale Scuola e Dintorni- Professionalità in Progress COSTITUZIONE - SEDE - DURATA - SCOPI 1 - Costituzione e Sede E costituta l Associazione Culturale

Dettagli

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration)

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Conferenza Europea sulle Politiche sanitarie: opportunità per il futuro Copenaghen, Danimarca, 5-9 dicembre 1994. La Conferenza ha concordato di

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE...

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE... STATUTO DELL ASSOCIAZIONE... ARTICOLO N 1 - Costituzione dell ASSOCIAZIONE. A norma dell art. 18 della Costituzione Italiana e degli articoli 36-37-38 del Codice Civile, del D/Lgs 460/97, della Legge 383/2000

Dettagli

per la progettazione e realizzazione di un sistema informativo unificato tra le biblioteche del Lazio meridionale

per la progettazione e realizzazione di un sistema informativo unificato tra le biblioteche del Lazio meridionale Protocollo d intesa fra La Provincia di Frosinone, l Università degli Studi di Cassino, l Associazione Intercomunale Biblioteche Valle del Sacco, l Associazione Bibliotecaria Intercomunale Valle dei Santi,

Dettagli

ART. 1* (Denominazione e sede)

ART. 1* (Denominazione e sede) 1 ART. 1* (Denominazione e sede) L organizzazione di volontariato, denominata: A.V.P.C.Logistico/Gestionale VO.LO.GE-PAVIA assume la forma giuridica di associazione O.N.L.U.S. in ottemperanza al Decreto

Dettagli

Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni

Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni La nostra aspettativa è creare le condizioni di una autonomia del nostro territorio riguardante il ciclo dei rifiuti, attraverso una azienda di chiaro

Dettagli

STATUTO TITOLO 1. Costituzione e denominazione Sede Scopi ed attività - Durata ART. 1. Costituzione e denominazione

STATUTO TITOLO 1. Costituzione e denominazione Sede Scopi ed attività - Durata ART. 1. Costituzione e denominazione STATUTO TITOLO 1 Costituzione e denominazione Sede Scopi ed attività - Durata ART. 1 Costituzione e denominazione E costituita ai sensi dell art.14 e seguenti del Codice Civile tra aziende produttrici

Dettagli

Statuto per un Associazione locale

Statuto per un Associazione locale Statuto per un Associazione locale FACSIMILE ART.1 COSTITUZIONE E' costituita l Associazione Genitori AGe di.. L'Associazione aderisce all Associazione Italiana Genitori AGe Onlus di cui accetta quanto

Dettagli

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 Inaugurazione dell anno scolastico 2015-2016 a Napoli Qualche attento lettore di ANPInews (in particolare del n. 174 della scorsa

Dettagli

TURISMO SOCIALE E FAMIGLIE. 3 Workshop preparatorio al Congresso BITES Rimini 31 luglio 2010

TURISMO SOCIALE E FAMIGLIE. 3 Workshop preparatorio al Congresso BITES Rimini 31 luglio 2010 TURISMO SOCIALE E FAMIGLIE 3 Workshop preparatorio al Congresso BITES Rimini 31 luglio 2010 Chi siamo? Nuova Planetario Viaggi spa, è un azienda autonoma, che opera nel settore del turismo, ma è anche

Dettagli

LA COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO. Lo statuto. Art. 1- Costituzione E costituita l associazione denominata COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO.

LA COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO. Lo statuto. Art. 1- Costituzione E costituita l associazione denominata COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO. LA COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO Lo statuto Art. 1- Costituzione E costituita l associazione denominata COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO. Art. 2- Sede L associazione ha sede legale, in Italia,

Dettagli

Gli alunni delle classi IV e V, il dieci marzo duemilaotto, hanno ospitato nella palestra dell edificio scolastico, il direttore della banca Popolare di Ancona, ente che ha finanziato il progetto Ragazzi

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA STATUTO Art. 1 Origine e sede Su iniziativa del Parco Regionale del Delta del Po Emilia Romagna, con la collaborazione della

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO ANIMALCORTILE ATTO COSTITUTIVO E STATUTO. Art. 1 Costituzione. Art. 2 Finalità e attività

ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO ANIMALCORTILE ATTO COSTITUTIVO E STATUTO. Art. 1 Costituzione. Art. 2 Finalità e attività ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO ANIMALCORTILE ATTO COSTITUTIVO E STATUTO Art. 1 Costituzione E costituita tra i sottoscriventi una libera associazione di volontariato avente la seguente denominazione: Associazione

Dettagli

VADEMECUM ASSOCIAZIONE LAVORATORI STANIERI MCL

VADEMECUM ASSOCIAZIONE LAVORATORI STANIERI MCL VADEMECUM ASSOCIAZIONE LAVORATORI STANIERI MCL L Immigrazione Il fenomeno migratorio rappresenta una dimensione importante delle trasformazioni sociali dell'ultimo secolo per l'elevato impatto sia sulla

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE STATUTO

PROVINCIA DI LECCE STATUTO PROVINCIA DI LECCE FORUM PROVINCIALE DEI GIOVANI STATUTO TITOLO 1 COSTITUZIONE FINALITÀ E PRINCIPI GENERALI ART. 1 COSTITUZIONE E istituito il Forum Provinciale dei Giovani, di seguito Forum, della Provincia

Dettagli

Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova

Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova Approvato con deliberazione C.C. n. 48 del 08/09/2015 In vigore dal 9 ottobre 2015 www.comune.genova.it

Dettagli

Statuto Associazione Culturale MirAttiva

Statuto Associazione Culturale MirAttiva Statuto Associazione Culturale MirAttiva IL DOCUMENTO ORIGINALE È CUSTODITO PRESSO SEGRETERIA 1 di 9 Statuto Associazione Culturale MirAttiva ART. 1 Denominazione e sede L associazione culturale, denominata:

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE VITTORIO TISON CULTURA E SOLIDARIETÀ ONLUS

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE VITTORIO TISON CULTURA E SOLIDARIETÀ ONLUS STATUTO DELL ASSOCIAZIONE VITTORIO TISON CULTURA E SOLIDARIETÀ ONLUS TITOLO I Disposizioni generali Art. 1 E costituita una Organizzazione di Volontariato denominata ASSOCIAZIONE VITTORIO TISON CULTURA

Dettagli