IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli"

Transcript

1 IL COST CONTROL Il controllo dei Costi nella Ristorazione a cura di Marco Comensoli 1

2 La Ristorazione I Costi I Costi I principali costi delle attività di ristorazione sono: Le risorse umane; Gli alimenti; Le bevande; Altro. 2

3 IL FOOD COST 3

4 La Ristorazione Il Food Cost Il Food Cost Uno dei costi più elevati nelle attività ristorative è costituito dall acquisto degli alimenti; Dal suo andamento coerente con le vendite dipende quanto successo può avere la propria azienda; Uno degli strumenti più utilizzati per il suo controllo è il Food Cost; in altre parole il rapporto tra il venduto ed il costo degli alimenti espresso in percentuale 4

5 La Ristorazione Il Food Cost Il Calcolo del Food Cost Facciamo un esempio: il costo degli alimenti è: il venduto è: il Food Cost è = (costo degli alimenti / venduto) * 100 = ( / ) * 100 = 27.9 % 5

6 La Ristorazione Il Food Cost L analisi Del Food Cost In generale, le statistiche indicano che un ristorante di livello medio ha un Food Cost compreso tra il 20 ed il 30%; Valutando questo range con l esempio di prima possiamo concludere che l andamento è dentro i parametri di mercato; Questo può significare che il gestore ha deciso di offrire dei prodotti di buona qualità ad un prezzo non elevato, così offrendo un buon rapporto tra qualità e prezzo al cliente. 6

7 La Ristorazione Il Food Cost L analisi del Food Cost Se invece, l andamento del Food Cost fosse normalmente di circa il 31%, l indicazione che se ne trae è che ci sia qualcosa di anomalo; Le cause possono essere molteplici e non sempre negative. 7

8 La Ristorazione Il Food Cost Cause di un Food Cost Elevato: Prodotto Di Pregio La vendita di un prodotto particolarmente costoso può: elevare il Food Cost; aumentare l attrattiva del ristorante; alzare i margini di profitto (se vi è un mercato ricettivo). Questo significa che il rapporto tra i ricavi ed i costi contribuisce a determinare i volumi di vendita. 8

9 La Ristorazione Il Food Cost Il Food Cost: Diminuire l incidenza Per abbassare l incidenza del Food Cost sui ricavi, ad esempio dal 27.9 al 25%, si dovrebbe operare attraverso: un aumento dei prezzi; una diminuzione della qualità; o entrambi. Così si potrebbe determinare: un margine più elevato; la possibilità di un abbassamento della qualità percepita; la possibilità di una riduzione dei volumi del venduto. 9

10 La Ristorazione Il Food Cost Il Food Cost: Aumentare l incidenza Per aumentare l incidenza del Food Cost, ad esempio dal 27.9 al 30%, si dovrebbe operare attraverso: una diminuzione dei prezzi; un aumento della qualità dei prodotti. Si potrebbe così generare: un aumento della qualità percepita; un margine meno elevato; un possibile aumento dei volumi; migliori ricavi. 10

11 La Ristorazione Il Food Cost Cause di un andamento non in linea del Food Cost Un Food Cost, non in linea con l andamento della gestione, può essere dovuto a: Le quantità e la qualità degli acquisti La scelta del fornitore La determinazione del prezzo di vendita Gli errori di preparazione La limitata preparazione alla vendita I pagamenti sbagliati Le mancanze E altro 11

12 LE FASI DEL CONTROLLO 12

13 La Ristorazione Il Controllo Le fasi del Controllo 1. Il Menu 2. La Determinazione degli Standard 3. Il Fabbisogno 4. L Acquisto 5. La Ricezione 6. Lo Stoccaggio 7. La Distribuzione 8. La Produzione 13

14 La Ristorazione Il Controllo Il Menu Design Le Fasi per la creazione di un menu sono: 1. Definizione della vostra clientela 2. Analisi della concorrenza 3. Valutazione dell attrezzatura e del personale 4. Selezione dei piatti 5. Definizione del costo medio di un pasto (average check) e determinazione dei prezzi 6. Layout e stampa 14

15 La Ristorazione Il Controllo La determinazione degli Standard dei prodotti La Qualità La determinazione dell eccellenza del prodotto Il Colore La Forma La Grandezza La Maturità L Origine.. Il Prezzo di Acquisto 15

16 IL FABBISOGNO 16

17 La Ristorazione Il Fabbisogno Il controllo di produzione La Ricetta Standard La Porzione Standard La Perdita di Peso dei Prodotti 17

18 La Ristorazione Il Fabbisogno La ricetta standard Braciola di Maiale alla Cacciagione Ricetta NR 404 Quantità Ingredienti Ricetta 10 Braciola di Maiale Categoria: Secondi di Carne Sale e Pepe Numero Porzioni g 1 dl Farina Olio Tempo di Preparazione 20 minuti 1 dl Vino Bianco Annotazioni: da servire con purea di 1 l Salsa alla Cacciagione patate Preparazione Rif. Azioni Quantità 1 Condite 10 2 Spolverate con 50 g 3 Scaldate 1 dl 4 Rosolate 5 Sistemate 6 Sgrassate 7 Sglassate con 1 dl 8 Aggiungete 1 l 9 Correggente 10 Ricoprite Ingredienti Braciola di Maiale Farina Olio Braciola di Maiale Braciola di Maiale Vino Bianco Salsa alla Cacciagione Braciola di Maiale Spiegazioni in una larga padella per circa 10 minuti su un piatto di portata la padella le spezie Continua 18

19 La Ristorazione Il Fabbisogno La ricetta standard 2 Segue Note Personali Costi Ingredienti Maiale Farina Olio Vino Bianco Salsa alla Cacciagione Quantità Prezzo Costo Costo Totale 2 kg 10,56 21,12 50 g 1,06 0,05 1 dl 3,11 0,31 1 dl 2,48 0,25 1 l 1,74 1,74 21,93 19

20 La Ristorazione Il Fabbisogno La determinazione del fabbisogno La Quantità Stock minimo Stock massimo Par Stock Il Punto di Riordino 20

21 La Ristorazione Il Fabbisogno Stock minimo È la quantità di stock sotto la quale la normale gestione del ristorante non è assicurata Viene ottenuta dall analisi dei consumi giornalieri e dai tempi di consegna Esempio Una Pizzeria è aperta 7 giorni a settimana ed utilizza per i sette giorni 140 lattine di pelati. La consegna avviene dopo 10 giorni dall ordine. Quale è lo stock minimo? 21

22 La Ristorazione Il Fabbisogno Stock massimo Lo Stock Massimo è il livello sovra il quale, assicurando la disponibilità dell articolo, non è economicamente consigliabile andare; Esempio Il vostro fornitore vi consiglia questa offerta: 10% di sconto per un ordine di Amarone, superiore alle 200 casse (6 bottiglie x cassa) con pagamento entro 30 giorni dalla consegna. Il prezzo di vendita è di 10 per bottiglia. Cosa fate? 22

23 La Ristorazione Il Fabbisogno Par stock La Quantità Ideale, di ogni genere, alla consegna dell ordine più recente (il più possibile vicino allo stock minimo) Normalmente si può ipotizzare dal 5% al 10% sopra lo stock minimo 23

24 La Ristorazione Il Fabbisogno Il punto di riordino Il Punto di Riordino dovrebbe corrispondere al Par Stock, tenendo conto di: Possibili aumenti nell utilizzo Possibili ritardi nella consegna 24

25 La Ristorazione Il Fabbisogno Il turnover dell inventario Il Turnover dell inventario serve a capire se il livello di inventario non è troppo elevato durante l anno, quindi per evitare: Il deterioramento dei prodotti Un investimento eccessivo Di utilizzare uno spazio eccessivo come magazzino Un aumento del costo del lavoro 25

26 La Ristorazione Il Fabbisogno La Formula del Turnover Il Turnover dell inventario si calcola: Costo dei prodotti serviti in un periodo di tempo / Inventario Medio 26

27 L ACQUISTO 27

28 La Ristorazione Il Controllo L acquisto dei prodotti deperibili Il metodo di Acquisto per gli alimenti deperibili: Ordine Puntuale: Viene fatto tenendo solamente in considerazione il fabbisogno e i tempi di consegna; Si comparano i prezzi dei vari fornitori. 28

29 La Ristorazione Il Controllo L acquisto dei prodotti non deperibili I metodi di Acquisto per gli alimenti non deperibili: Ordine Periodico Una quantità variabile di un articolo è ordinata in una data fissa Ordine Perpetuo Una quantità fissa di un articolo è ordinata in una data variabile 29

30 La Ristorazione Il Controllo La selezione dei fornitori Nella scelta dei fornitori, oltre alle specifiche menzionate nelle precedenti slide, bisogna tenere in considerazione: La Flessibilità L Etica Professionale Ma anche: Le Offerte Gli Sconti I Metodi di Pagamento 30

31 La Ristorazione Il Controllo La ricezione I Documenti del Controllo sulla qualità e sulla quantità: Gli Standard di Acquisto Gli Ordini di Acquisto I Bollettini di Consegna Le Etichette degli Alimenti Il Rapporto Giornaliero di Ricezione Le Discrepanze 31

32 Menu Engineering Una tecnica di gestione 32

33 La Ristorazione Il Menu Engineering Menu Engineering: la definizione Un modello quantitativo creato per dare una base per le analisi di un menu, adottando un approccio orientato alla domanda, in termini di: capacità di attrazione della clientela profittabilità 33 33

34 La Ristorazione Il Menu Engineering Dos & Doesn't Aiuta a monitorare: i costi i comportamenti di acquisto Non analizza altri costi ad esempio quello del personale; Non dà le soluzioni ai problemi, ma svolge una funzione di misurazione

35 La Ristorazione Il Menu Engineering La Matrice Media CM M E MM + PLOWHORSES (CAVALLI DA TIRO) STARS (STELLE) N U 70% MM M I DOGS (CANI) PUZZLES (ROMPICAPO) X - CM M A R G I N E D I C O N T R I B U T O (CM)

36 La Ristorazione Il Menu Engineering STARS (STELLE) Portate con alta popolarità e Margine di Contributo Sono i piatti più richiesti nel menu La clientela identifica le caratteristiche del ristorante in questi piatti Sono i piatti da cui si trae la principale fonte di guadagno 36 36

37 La Ristorazione Il Menu Engineering PLOWHORSES (CAVALLI DA TIRO) Piatti alti in popolarità ma bassi in margine di contribuzione Sono i generatori della domanda Possono essere i vostri lead oppure i vostri signature dish Sono spesso importanti per la popolarità del ristorante per le persone price conscious 37 37

38 La Ristorazione Il Menu Engineering PUZZLES (ROMPICAPO) Piatti bassi in popolarità ma alti nel margine di contribuzione In altre parole generano alti profitti per piatto venduto ma sono difficili da vendere 38 38

39 La Ristorazione Il Menu Engineering DOGS (CANI) Piatti bassi in popolarità e bassi nel margine di contribuzione Sono i vostri perdenti Non sono popolari e generano poco profitto 39 39

40 La Ristorazione Il Menu Engineering Matrice del Menu Engineering M E N U MM + Media CM 70% MM M I X - CM M A R G I N E D I C O N T R I B U T O (CM)

41 La Ristorazione Il Menu Engineering Menu Mix (mm) Indica, in percentuale, le preferenze della clientela nella scelta dei piatti Percentuale del Menu Mix= Totale delle unità vendute di una portata / Totale di tutte le unità vendute 41 41

42 La Ristorazione Il Menu Engineering Margine di Contributo (CM) Indica la profittabilità di un piatto, in altre parole quale è il valore di un piatto sottraendone il costo degli alimenti (Food Cost) Margine di Contributo = Prezzo alla Vendita Costo degli alimenti 42

43 La Ristorazione Il Menu Engineering Nome No Venduti Menu Mix% Food Cost Prezzo Vendita CM Food Cost Tot Ricavi Totale CM MM Cat. CM Cat. Crespelle % Dog Tagliolini % Star Tagliatelle % Plow.. Ravioli 125 8% Puzzle Spaghetti % Star Zuppa % Dog Tot / Media % 28% MM 12% 43

44 LE STRATEGIE Quali azioni intraprendere 44 44

45 POSSIBILI STRATEGIE: STARS Bisogna mantenere la qualità, la quantità e la presentazione Posizionateli nel menu in una zona molto visibile Provate la loro elasticità occasionalmente per verificare se la clientela è disposta a pagare di più per questi piatti Stars sono Signature Dish 45 45

46 POSSIBILI STRATEGIE: PLOWHORSES A questa categoria appartengono i piatti a cui il ristorante deve parte della sua popolarità Aumentatene il prezzo gradualmente e con attenzione Provate a muovere la scelta della clientela verso piatti con un margine di contributo superiore Spostateli in una zona meno visibile del menu 46 46

47 POSSIBILI STRATEGIE: PUZZLES Toglieteli dal menu se: sono bassi in popolarità richiedono un lungo processo lavorativo la qualità è inconsistente 47 47

48 POSSIBILI STRATEGIE: PUZZLES 2 In altri casi si può: riposizionarli sul menu aggiungergli valore con una presentazione diversa abbassargli il prezzo 48 48

49 POSSIBILI STRATEGIE: DOGS Toglieteli dal menu. In una sola occasione non è consigliabile farlo: nel momento in cui clienti importanti li considerano i loro piatti preferiti, in questo caso potete lasciarli nel menu e offrirli solo a loro aumentandone il prezzo (così da raggiungere lo status di puzzles)

50 NUOVE STRATEGIE = NUOVI PIATTI Sono tre le ragioni per introdurre nuovi piatti: Per aumentare la domanda Per aumentare i margini di contributo Per generare una maggiore market share 50 50

51 NUOVI PIATTI I passaggi sono: 1. Considerare attentamente: a. Food Cost b. Preparazione c. Presentazione 2. Introdurre i nuovi piatti come specialità del giorno 3. Analizzare le vendite prima di introdurli definitivamente nel menu 51 51

52 Marco Comensoli Ufficio:

La gestione delle scorte tramite il punto di riordino ed il lotto economico

La gestione delle scorte tramite il punto di riordino ed il lotto economico La gestione delle scorte tramite il punto di riordino ed il lotto economico 1. Introduzione Le Scorte sono costituite in prevalenza da materie prime, da accessori/componenti, da materiali di consumo. Rappresentano

Dettagli

TEST FINALE MANAGEMENT DELLA RISTORAZIONE

TEST FINALE MANAGEMENT DELLA RISTORAZIONE TEST FINALE MANAGEMENT DELLA RISTORAZIONE 1) Il termine francese restaurant deriva da: a) Ristorante b) Dare ristoro c) Ristoratore RISPOSTA ESATTA : B 2) Nel XIX secolo i ristoranti erano aperti a: a)

Dettagli

OTTIMIZZAZIONE ECONOMICA DELLA CUCINA DOCENTE: EXECUTIVE CHEF ALESSANDRO CIRCIELLO

OTTIMIZZAZIONE ECONOMICA DELLA CUCINA DOCENTE: EXECUTIVE CHEF ALESSANDRO CIRCIELLO OTTIMIZZAZIONE ECONOMICA DELLA CUCINA DOCENTE: EXECUTIVE CHEF ALESSANDRO CIRCIELLO IL CICLO DI VITA DEL PRODOTTO: Pochi piatti di un menù rimangono vincenti per sempre. La maggior parte di essi dovrà essere

Dettagli

Logistica industriale e gestione degli approvvigionamenti

Logistica industriale e gestione degli approvvigionamenti Logistica industriale e gestione degli approvvigionamenti ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE CAP. 16 Una definizione La logistica è il sistema di connessione tra l approvvigionamento dei materiali, la trasformazione

Dettagli

La gestione dei costi nella ristorazione. Di Stefano Azzini

La gestione dei costi nella ristorazione. Di Stefano Azzini . La gestione dei costi nella ristorazione Di Stefano Azzini La vostra azienda ha subito un calo di vendite?. Prima di iniziare ad attivare iniziative di marketing per la ricerca di nuovi clienti, conviene

Dettagli

Tecniche di approvvigionamento

Tecniche di approvvigionamento Tecniche di approvvigionamento Scelta del fornitore È certamente opportuno non avere un unica fonte di approvvigionamento, ma più aziende fornitrici (due o tre al massimo) a cui rivolgersi in base all

Dettagli

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6)

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6) Schema 1 Gruppo di Prodotti/servizi Contributo alle vendite (percentuale) Contributo al profitto (percentuale) Attrattività del cliente (da1 a 6) Attrattività dei fornitori (da1 a 6) Attrattività della

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione. Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende

Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione. Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione Marketing MARKETING DEL Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende TURISMO II MODULO STATISTICA ECONOMICA E MARKETING

Dettagli

LOGSR CLASSE V prof.ssa Midolo. IL MENU COME STRUMENTO DI PROGRAMMAZIONE (lezione del prof. Bressan)

LOGSR CLASSE V prof.ssa Midolo. IL MENU COME STRUMENTO DI PROGRAMMAZIONE (lezione del prof. Bressan) LOGSR CLASSE V prof.ssa Midolo IL MENU COME STRUMENTO DI PROGRAMMAZIONE (lezione del prof. Bressan) Ogni cosa è strettamente legata al menu che viene scelto: i piatti che mettiamo in tavola, l arredamento

Dettagli

Il piano di marketing

Il piano di marketing Il piano di marketing I benefici di un piano aziendale (1) Il piano può essere uno strumento di comunicazione: nei confronti dei livelli superiori nei confronti dei livelli inferiori (perché possano capire

Dettagli

Levi Gregoris affina i migliori prosciutti del territorio e ti offre uno speciale assaggio di polpa di prosciutto crudo macinata e conservata in

Levi Gregoris affina i migliori prosciutti del territorio e ti offre uno speciale assaggio di polpa di prosciutto crudo macinata e conservata in le ricette di Levi Gregoris affina i migliori prosciutti del territorio e ti offre uno speciale assaggio di polpa di prosciutto crudo macinata e conservata in atmosfera protettiva per poterla cucinare

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN COS È IL BUSINESS PLAN E QUAL È LA SUA UTILITÀ? Il business plan è un documento scritto che descrive la vostra azienda, i suoi obiettivi e le sue strategie, i

Dettagli

ECONOMIA CLASSE IV prof.ssa Midolo L ASPETTO ECONOMICO DELLA GESTIONE. (lezione della prof.ssa Edi Dal Farra)

ECONOMIA CLASSE IV prof.ssa Midolo L ASPETTO ECONOMICO DELLA GESTIONE. (lezione della prof.ssa Edi Dal Farra) ECONOMIA CLASSE IV prof.ssa Midolo L ASPETTO ECONOMICO DELLA GESTIONE (lezione della prof.ssa Edi Dal Farra) La GESTIONE (operazioni che l azienda compie per raggiungere i suoi fini) può essere: ORDINARIA

Dettagli

PiattoRicco_XL (Versione 1.0) Software gratis e open source per il controllo di gestione nella ristorazione

PiattoRicco_XL (Versione 1.0) Software gratis e open source per il controllo di gestione nella ristorazione PiattoRicco_XL (Versione 1.0) Software gratis e open source per il controllo di gestione nella ristorazione di Andrea Mecchia Sintesi delle funzionalità 1 Sommario LICENZA... 3 Lineamenti fondamentali...

Dettagli

Budget e costi della ristorazione. Gp.Studios Via del Cavone 7, 47100 Forlì tel e fax 0543 84099 www.gpstudios.it info@gpstudios.

Budget e costi della ristorazione. Gp.Studios Via del Cavone 7, 47100 Forlì tel e fax 0543 84099 www.gpstudios.it info@gpstudios. Budget e costi della ristorazione Principio di Pareto Il principio di Pareto In qualunque sistema solo pochi elementi giocano un ruolo decisivo per il comportamento generale, tutti gli altri fanno semplicemente

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi MATCHING 24 / 11 /2009 Seminario Studiare I consumi: Imparare dalla crisi Quanto più la ripresa sarà lenta, tanto più la selezione delle aziende sul mercato sarà rapida. È fondamentale uscire dalle sabbie

Dettagli

Portiamo in tavola una grande passione "I grandi sapori della tradizione italiana rivivono nei piatti de La Cucina di Bologna, preparati nel rispetto

Portiamo in tavola una grande passione I grandi sapori della tradizione italiana rivivono nei piatti de La Cucina di Bologna, preparati nel rispetto Portiamo in tavola una grande passione "I grandi sapori della tradizione italiana rivivono nei piatti de La Cucina di Bologna, preparati nel rispetto delle ricette originarie" "Una grande dose di passione,

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 7. LA POLITICA DI PREZZO Può essere che un impresa progetti la propria strategia di marketing mix

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Strategia del prezzo. Il prezzo come leva di marketing: strategie e definizioni.

[moduli operativi di formazione] Strategia del prezzo. Il prezzo come leva di marketing: strategie e definizioni. [moduli operativi di formazione] Strategia del prezzo Il prezzo come leva di marketing: strategie e definizioni. LA STRATEGIA DEL PREZZO Stupisce il fatto che, molti manager ritengano che non si possa

Dettagli

VERIFICATE IL VOSTRO MODELLO DI BUSINESS

VERIFICATE IL VOSTRO MODELLO DI BUSINESS VERIFICATE IL VOSTRO MODELLO DI BUSINESS Chiarimenti per applicare questa monografia? Telefonate al nr. 3387400641, la consulenza telefonica è gratuita. Best Control Milano www.best-control.it Pag. 1 Dovete

Dettagli

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE Un decalogo per l impresa ODCEC Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Macerata e Camerino Confidi Macerata Società Cooperativa per Azioni Possiamo

Dettagli

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano Il piano economico-finanziario Ruolo e inquadramento dello strumento Il piano economico-finanziario (PEF) costituisce una parte di un più ampio strumento di formalizzazione di un idea imprenditoriale :

Dettagli

TEMA 5: Introduzione al costo del capitale

TEMA 5: Introduzione al costo del capitale TEMA 5: Introduzione al costo del capitale Rischio e capital budgeting (Brealey, Meyers, Allen, Sandri: cap. 11) Argomenti trattati (segue) Stima del beta Le determinanti del beta Ciclicità dei ricavi

Dettagli

Alimentazione naturale

Alimentazione naturale B Alimentazione naturale Secondo i dati dell ISMEA (Osservatorio del mercato dei prodotti biologici), in un anno di crisi come il 2010 i consumi di prodotti ortofrutticoli biologici hanno avuto un andamento

Dettagli

IL MARKETING E QUELLA FUNZIONE D IMPRESA CHE:

IL MARKETING E QUELLA FUNZIONE D IMPRESA CHE: IL MARKETING E QUELLA FUNZIONE D IMPRESA CHE:! definisce i bisogni e i desideri insoddisfatti! ne definisce l ampiezza! determina quali mercati obiettivo l impresa può meglio servire! definisce i prodotti

Dettagli

CAPMI CRUSCOTTO AZIENDALE PER LE PMI IL CONTROLLO AVANZATO DELLE VENDITE

CAPMI CRUSCOTTO AZIENDALE PER LE PMI IL CONTROLLO AVANZATO DELLE VENDITE CAPMI CRUSCOTTO AZIENDALE PER LE PMI IL CONTROLLO AVANZATO DELLE VENDITE Studio 3E CApmi - Cruscotto Aziendale per le PMI 1 Il punto di partenza L azienda che oggi vuol rimanere competitiva deve 1) Reagire

Dettagli

MONOPOLIO, MONOPOLISTA

MONOPOLIO, MONOPOLISTA Barbara Martini OBIETTIVI IL SIGNIFICATO DI MONOPOLIO, IN CUI UN SINGOLO MONOPOLISTA È L UNICO PRODUTTORE DI UN BENE COME UN MONOPOLISTA DETERMINA L OUTPUT ED IL PREZZO CHE MASSIMIZZANO IL PROFITTO LA

Dettagli

Cucina SpendiPoco IV incontro 12 marzo 2014

Cucina SpendiPoco IV incontro 12 marzo 2014 Cucina SpendiPoco IV incontro 12 marzo 2014 Ricette proposte: Taralli con semi di finocchietto Gnocchi di patate Pizza con la zucca Pasta cu spezzi, muddica e anciova I taralli sono una specialità tipica

Dettagli

Analisi dei Concorrenti

Analisi dei Concorrenti Analisi dei Concorrenti Prof. V.Maggioni Facoltà di Economia S.U.N. L analisi della concorrenza consiste nell'osservazione delle scelte e delle strategie delle imprese (competitor) in un determinato segmento

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (3)

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (3) Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (3) dott. Matteo Rossi La politica di prezzo Determinare ed amministrare i prezzi assume una rilevanza fondamentale nell elaborazione del programma di

Dettagli

Mappatura della supply chain. Soluzioni Clienti

Mappatura della supply chain. Soluzioni Clienti Mappatura della supply chain Soluzioni Clienti Mappatura della supply chain State cercando di migliorare la gestione della supply chain della vostra organizzazione? Mappare i processi rappresenta una modalità

Dettagli

Master per Food & BEVERAGE MANAGER. Online

Master per Food & BEVERAGE MANAGER. Online Online Istituti Professionali ti aiuta a trovare il percorso giusto per te con la formazione online. Ovunque tu sia. Master per Food & BEVERAGE MANAGER Master per FOOD & BEVERAGE MANAGER Una figura chiave

Dettagli

LA PORZIONE E SERVITA SPUNTI PER SENSIBILIZZARE I GESTORI PUBBLICI E PRIVATI DELLA REFEZIONE SCOLASTICA, UTENTI E OPERATORI DELLE MENSE

LA PORZIONE E SERVITA SPUNTI PER SENSIBILIZZARE I GESTORI PUBBLICI E PRIVATI DELLA REFEZIONE SCOLASTICA, UTENTI E OPERATORI DELLE MENSE LA PORZIONE E SERVITA SPUNTI PER SENSIBILIZZARE I GESTORI PUBBLICI E PRIVATI DELLA REFEZIONE SCOLASTICA, UTENTI E OPERATORI DELLE MENSE Osserviamo cosa succede in una mensa scolastica Il menù della scuola

Dettagli

Verificate il vostro modello di business

Verificate il vostro modello di business Verificate il vostro modello di business a cura di Luigi Pavan Best Control www.best-control.it Dovete predisporre il modello di business per la vostra nuova attività o dovete verificare se quello esistente

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (2)

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (2) Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (2) dott. Matteo Rossi Benevento, 20 aprile 2007 La politica del prodotto Assume un ruolo centrale e prioritario nelle

Dettagli

il Ricettario Primi Spaghetti al Guazzetto

il Ricettario Primi Spaghetti al Guazzetto Spaghetti al Guazzetto 4 cicale 4 scampi medi 4 pezzi di razza 4 piccole pescatrici calamaretti seppioline prezzemolo, aglio, olio d oliva pomodorini, sale peperoncino a discrezione. tempo di realizzazione

Dettagli

Pelati. Pomodori. Pomodoro dal Sangue Blu CON BASILICO

Pelati. Pomodori. Pomodoro dal Sangue Blu CON BASILICO Pomodori Pelati I nostri pomodori pelati sono il risultato di una procedura di accurata selezione che parte dalla scelta dei semi ed arriva fino alla valutazione dei terreni adatti ad ospitare le coltivazioni.

Dettagli

Struttura laboratorio e punto vendita

Struttura laboratorio e punto vendita Struttura laboratorio e punto vendita Cosa facciamo Progetto ristorazione Laboratorio centrale per carne pesce verdure e contorni Laboratorio in grado di preparare e conservare semilavorati che possono

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Intorno al concetto del giusto peso si sono formulate tante teorie, a volte vere, altre assolutamente prive di valenza scientifica. Nella grande

Dettagli

Il prezzo al consumo è il risultato finale di queste componenti:

Il prezzo al consumo è il risultato finale di queste componenti: E notizia di tutti i giorni l inarrestabile corsa dei prezzi al consumo e, in particolare, quella dei prodotti appartenenti ai capitoli Prodotti Alimentari e Bevande Analcoliche, Abitazione, Acqua, elettricità

Dettagli

Le tecniche di gestione delle scorte con Access 2007

Le tecniche di gestione delle scorte con Access 2007 Le tecniche di gestione delle scorte con Access 2007 Premessa La gestione delle scorte di magazzino comporta, per molte aziende, scelte di fondamentale importanza, che possono avere riflessi positivi sia

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

Ottava Edizione. Gestione delle Scorte Prof. Sergio Cavalieri

Ottava Edizione. Gestione delle Scorte Prof. Sergio Cavalieri Ottava Edizione Gestione delle Scorte Prof. Sergio Cavalieri Fenomeni di obsolescenza 2 Determinati da: Prodotto inidoneo al segmento di mercato (es: computer) Effetto moda (es: abbigliamento) Mancato

Dettagli

Piano Marketing Operativo esempio

Piano Marketing Operativo esempio Piano Marketing Operativo esempio Il Piano Marketing Operativo è la parte conclusiva del Piano di Marketing: nel Piano Marketing Operativo vengono attuate le Strategie studiate nel Piano Marketing Strategico.

Dettagli

Istituzioni di Economia

Istituzioni di Economia Corso di laurea in Servizio Sociale Istituzioni di Economia I costi di produzione (Capitolo 13) I costi di produzione La legge dell offerta P Offerta Le imprese sono disposte a produrre e vendere quantità

Dettagli

LA LOGISTICA INTEGRATA

LA LOGISTICA INTEGRATA dell Università degli Studi di Parma LA LOGISTICA INTEGRATA Obiettivo: rispondere ad alcuni interrogativi di fondo Come si è sviluppata la logistica in questi ultimi anni? Quali ulteriori sviluppi sono

Dettagli

Capitolo XIV. La gestione della produzione

Capitolo XIV. La gestione della produzione Capitolo XIV La gestione della produzione La funzione di produzione Approvvigionamenti La funzione di produzione riguarda il processo di trasformazione dei beni, ossia l insieme l di operazioni mediante

Dettagli

Profilo professionale: CAPO CUOCO Livello: 3

Profilo professionale: CAPO CUOCO Livello: 3 Profilo professionale: CAPO CUOCO Livello: 3 C1 C2 C3 C4 C5 C6 C7 Competenze COORDINARE, SUPERVISIONARE E PIANIFICARE TUTTE LE ATTIVITÀ NELL AREA CUCINA. ORGANIZZARE, GUIDARE E COORDINARE I COMPITI PIANIFICARE

Dettagli

Pratähäpfla (Patate arrosto)

Pratähäpfla (Patate arrosto) Pratähäpfla (Patate arrosto) - 8 patate di grandezza media - burro quanto basta - 200/300 gr di formaggio nostrano grasso, tipo Bettelmatt - sale e pepe : Far bollire le patate in acqua salata, pelarle,

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

AVT/033B/14 IN ALTO INnovazione per Aziende e LavoraTOri. Fondimpresa - Avviso 4/2014 PROGRAMMA DIDATTICO

AVT/033B/14 IN ALTO INnovazione per Aziende e LavoraTOri. Fondimpresa - Avviso 4/2014 PROGRAMMA DIDATTICO AVT/033B/14 IN ALTO INnovazione per Aziende e LavoraTOri Fondimpresa Avviso 4/2014 PROGRAMMA DIDATTICO Docente: Fabrizio Reitano Titolo azione formativa: Digitalizzare l impresa, metodologie / tecnologie

Dettagli

03/13 GLI EFFETTI DELLA ROTAZIONE. Come diventare più competitivi e migliorare la disponibilità finanziaria

03/13 GLI EFFETTI DELLA ROTAZIONE. Come diventare più competitivi e migliorare la disponibilità finanziaria Informazioni, riflessioni e spunti sui temi del management e della gestione d impresa 03/13 GLI EFFETTI DELLA ROTAZIONE Come diventare più competitivi e migliorare la disponibilità finanziaria Sommario:

Dettagli

L IDEA Risamore catena in franchising di Risotterie e prodotti a base di riso presenta una nuova linea di business.

L IDEA Risamore catena in franchising di Risotterie e prodotti a base di riso presenta una nuova linea di business. Food corner RISOTTO EXPRESS L IDEA Risamore catena in franchising di Risotterie e prodotti a base di riso presenta una nuova linea di business. L idea nasce per soddisfare l esigenza di mercato orientata

Dettagli

Economia Politica. Il monopolio. Cap 15. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi

Economia Politica. Il monopolio. Cap 15. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi Economia Politica Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi testo di riferimento: Mankiw, Principi di economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Cap 15 Il monopolio Inquadramento generale In questa sezione prenderemo

Dettagli

Istituto Professionale di Stato per i Servizi Alberghieri e la Ristorazione: Relatore: Professore Nicola Bruno Casadei

Istituto Professionale di Stato per i Servizi Alberghieri e la Ristorazione: Relatore: Professore Nicola Bruno Casadei Istituto Professionale di Stato per i Servizi Alberghieri e la Ristorazione: «Angelo Berti» Il servizio approvvigionamento e la gestione della merce Relatore: Professore Nicola Bruno Casadei Mail: nicola.casadei@istruzione.it

Dettagli

Corso Online: Marketing degli Eventi Culturali e dello Spettacolo

Corso Online: Marketing degli Eventi Culturali e dello Spettacolo Corso Online: Marketing degli Eventi Culturali e dello Spettacolo Programma (121 pagine tra dispense e slides) IL MARKETING IL MARKETING IN AZIENDA - AZIENDE MARKETING ORIENTED

Dettagli

La gestione delle ristrutturazioni e delle crisi aziendali

La gestione delle ristrutturazioni e delle crisi aziendali La gestione delle ristrutturazioni e delle crisi aziendali Ermanno Dalla Libera Istituto Poster www.performancemonitor.eu 1 Introduzione Che cos è la ristrutturazione? La ristrutturazione, nell ampia accezione

Dettagli

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING =

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING = Renato Agati IL MARKETING Cos'è il marketing? MARKETING = tutto ciò che fa mercato 1 IL MARKETING Il Marketing è l'attività che costruisce e regola il rapporto tra l'impresa e il mercato La funzione del

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

Un caso aziendale di applicazione della Balanced Scorecard

Un caso aziendale di applicazione della Balanced Scorecard Un caso aziendale di applicazione della Balanced Scorecard Settore Alimentare Comparto della torrefazione Aree Strategiche d Affari (ASA) - Canali di vendita Mercato alimentare (50% del fatturato totale)

Dettagli

Corso di Analisi Strategiche. Analisi di Settore. Prof. V.Maggioni Facoltà di Economia S.U.N.

Corso di Analisi Strategiche. Analisi di Settore. Prof. V.Maggioni Facoltà di Economia S.U.N. Analisi di Settore Prof. V.Maggioni Facoltà di Economia S.U.N. Il settore è il luogo economico delle imprese che esercitano reciprocamente la concorrenza (Guido, 2000). Il confine settoriale è definito

Dettagli

Il marketing nel processo di pianificazione strategica dell impresa

Il marketing nel processo di pianificazione strategica dell impresa Il marketing nel processo di pianificazione strategica dell impresa Obiettivi della lezione Il marketing nell organizzazione e nella pianificazione d impresa Gli strumenti di analisi strategica Competitività

Dettagli

Belowthebiz idee in rete

Belowthebiz idee in rete Le 5 forze di Porter Nella formulazione di una strategia un passo fondamentale è la definizione e lo studio delle principali caratteristiche del settore in cui si opera. Lo schema di riferimento più utilizzato

Dettagli

IL PIANO DI MARKETING COMMERCIALE

IL PIANO DI MARKETING COMMERCIALE per aspera ad astra (superando le difficoltà si arriva alle stelle) IL PIANO DI MARKETING COMMERCIALE moduli operativi di formazione www.studiomaggiolo.it info@studiomaggiolo.it via Mons. D. Comboni, 3

Dettagli

La Dispensa Toscana. Catalogo. Listino Kit 2012. Buoni come fatti in casa

La Dispensa Toscana. Catalogo. Listino Kit 2012. Buoni come fatti in casa Catalogo Listino Kit 2012 Buoni come fatti in casa ALIMENTI GENUINI - SENZA CONSERVANTI - NON CONTENGONO FONTI DI GLUTINE CONDIMENTI ADATTI PER PRIMI PIATTI E CROSTINI Prodotto Artigianale ORIGINAL ITALIAN

Dettagli

Perspectiva: previdenza professionale con lungimiranza. Fondazione collettiva per la previdenza professionale

Perspectiva: previdenza professionale con lungimiranza. Fondazione collettiva per la previdenza professionale Perspectiva: previdenza professionale con lungimiranza Fondazione collettiva per la previdenza professionale Un futuro sereno grazie a Perspectiva Sfruttare completamente le opportunità di rendimento e

Dettagli

innovazione e tecnologia al servizio della ristorazione innovazione e tecnologia al servizio della ristorazione

innovazione e tecnologia al servizio della ristorazione innovazione e tecnologia al servizio della ristorazione innovazione e tecnologia al servizio della ristorazione innovazione e tecnologia al servizio della ristorazione COMUS - SOFTWARE DI RISTORAZIONE Sistema integrato di gestione ristoranti, pizzerie, pub,

Dettagli

CASO DI STUDIO - Gerbione Spa

CASO DI STUDIO - Gerbione Spa CASO DI STUDIO - Gerbione Spa Monica lavora per la divisione di approvvigionamento e fornitura di parti e ricambi di Gerbione Spa, una multinazionale produttrice di motori, trasmissioni e frizioni per

Dettagli

PASTA FRESCA ALL'UOVO ( sfoglia e formati )

PASTA FRESCA ALL'UOVO ( sfoglia e formati ) PASTA FRESCA ALL'UOVO ( sfoglia e formati ) 1 CATEGORIA: Preparazioni di Base - Impasti Nota Aggiuntiva: + 30 minuti di riposo Fare la pasta fresca in casa è storia antica: dalla sfoglia tirata con il

Dettagli

Dal Cost Plus Pricing al Value Based Price. Pricing Strategy

Dal Cost Plus Pricing al Value Based Price. Pricing Strategy Dal Cost Plus Pricing al Value Based Price Pricing Strategy Approfondimenti tematici settembre 2013 Le informazioni contenute nel presente documento sono classificate riservate e confidenziali ad esclusivo

Dettagli

I Pubblici della Comunicazione d Impresa

I Pubblici della Comunicazione d Impresa Non vi è vento favorevole per il marinaio che ignora la rotta. Il Linguaggio della verità è semplice. SENECA Follia è fare la stessa cosa e aspettare risultati diversi. A. EINSTEIN I Pubblici della Comunicazione

Dettagli

Come Gestire il Pricing Parte #1

Come Gestire il Pricing Parte #1 Come Gestire il Pricing Parte #1 Come gestire il Pricing dell hotel con un metodo pratico. 28 aprile 2010 Pubblicato su: Bookingblog.com Sulla base di quali discriminanti dobbiamo basare il pricing dell

Dettagli

REVENUE MANAGEMENT REVENUE MANAGEMENT 08/05/2014 CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA DEL TURISMO

REVENUE MANAGEMENT REVENUE MANAGEMENT 08/05/2014 CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA DEL TURISMO CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA DEL TURISMO Anno Accademico 2013 2014 PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO PER LE IMPRESE TURISTICHE Revenue Management Miriam Berretta Programmazione miriam.berretta@gmail.com e controllo

Dettagli

Il Garden Center guadagna davvero?

Il Garden Center guadagna davvero? Il Garden Center guadagna davvero? di Lucio Brioschi Spesso nei colloqui con i titolari dei Garden Center emerge il dubbio che gestire un Garden non convenga perché non si guadagna. In tempi di crisi,

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale [a.a. 2015/16 ] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania, Margherita Scoppola e Francesco Aiello) 6-1

Dettagli

La Strategia di Marketing. Il Marketing operativo. Piano di Marketing scelte di lungo periodo per uno specifico prodotto (o settore)

La Strategia di Marketing. Il Marketing operativo. Piano di Marketing scelte di lungo periodo per uno specifico prodotto (o settore) 6 La Strategia di Marketing Piano di Marketing scelte di lungo periodo per uno specifico prodotto (o settore) Il Marketing operativo Gli adeguamenti di breve periodo 1 La strategia di marketing (o MKTG

Dettagli

Il consumo socialmente responsabile nei paesi sviluppati

Il consumo socialmente responsabile nei paesi sviluppati Sviluppo agricolo e povertà rurale nell era della globalizzazione: il contributo della Facoltà di Agraria Portici, 27 marzo 2006 Il consumo socialmente responsabile nei paesi sviluppati Ornella Wanda Maietta

Dettagli

IL REVENUE MANAGEMENT ALBERGHIERO

IL REVENUE MANAGEMENT ALBERGHIERO IL REVENUE MANAGEMENT ALBERGHIERO INTRODUZIONE IL REVENUE Lo studio dell offerta di prezzo più interessante per la vendita della camera sfruttando le fluttuazioni naturali di mercato Deve essere alla base

Dettagli

Corso di Economia Politica (a.a. 2007-8) Esercitazioni - Microeconomia

Corso di Economia Politica (a.a. 2007-8) Esercitazioni - Microeconomia Corso di Economia Politica (a.a. 007-8) Esercitazioni - Microeconomia Capitolo 6: Problemi 5, 6, 8, 9 Capitolo 7: Problemi 1,, 4 Capitolo 8: Problemi 3, 10 Capitolo 9: Problemi 3, 4, 7, 9 Capitolo 10:

Dettagli

RICETTE DALL ITALIA E DAL MONDO

RICETTE DALL ITALIA E DAL MONDO RICETTE DALL ITALIA E DAL MONDO Il cibo ci viene in aiuto anche per conoscere e confrontare usi, abitudini e tradizioni di altri Paesi. Perciò ecco alcune ricette regionali italiane ed altre provenienti

Dettagli

Strumenti a supporto della progettazione della prova d esame. Rif. PA anno 2012-2039/BO Progetto 2 Operatore del punto vendita

Strumenti a supporto della progettazione della prova d esame. Rif. PA anno 2012-2039/BO Progetto 2 Operatore del punto vendita Strumenti a supporto della progettazione della prova d esame Rif. PA anno 2012-2039/BO Progetto 2 Operatore del punto vendita PROGETTAZIONE DELLA PROVA D ESAME ALLEGATO 1: VARIABILI E MEDIA COMPLESSITA

Dettagli

lezioni di management il marketing operativo - 1 il menu

lezioni di management il marketing operativo - 1 il menu bormioli rocco ALMA lezioni di management 04 il marketing operativo - 1 il menu la creazione del menu premessa I punti vendita grocery (cioè supermercati, ipermercati eccetera, punti vendita che che conducono

Dettagli

Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti. Corso di Gestione dei Flussi di informazione

Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti. Corso di Gestione dei Flussi di informazione Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti Corso di Gestione dei Flussi di informazione Programmazione operativa della produzione Processo di approvigionamento Programmazione operativa

Dettagli

GLI ORTAGGI DI IV GAMMA NEL RAPPORTO COMPETITIVO CON IL FRESCO TRADIZIONALE

GLI ORTAGGI DI IV GAMMA NEL RAPPORTO COMPETITIVO CON IL FRESCO TRADIZIONALE GLI ORTAGGI DI IV GAMMA NEL RAPPORTO COMPETITIVO CON IL FRESCO TRADIZIONALE Mario Schiano lo Moriello Cesena, 7 ottobre 2011 Report Economico Finanziario Gli obiettivi dell analisi ISMEA IPSOA Il REF è

Dettagli

MENU. Cenni storici. Definizione di Marketing. L evoluzione del marketing 13/10/2014

MENU. Cenni storici. Definizione di Marketing. L evoluzione del marketing 13/10/2014 MENU Cenni storici Definizione di Marketing L evoluzione del marketing 1 Le definizioni di marketing ci portano ad individuare diverse tipologie di aziende 2 I due modelli di impresa presentano due impostazioni

Dettagli

Estensione territoriale: nazionale Numerosità campionaria: 1000

Estensione territoriale: nazionale Numerosità campionaria: 1000 Public Affairs S.r.l. Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO SONDAGGIO IPSOS La spesa alimentare tra sicurezza, qualità e convenienza Risultati Pubblicati sul Messaggero del 24 novembre 2009 e presentati in

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale [a.a. 2013/14] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 6-1 Struttura della presentazione Domanda e

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Facoltà di Ingegneria Corso di Marketing Industriale Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it Pianificazione e sviluppo di un nuovo

Dettagli

Più fatturato o più margine? Entrambi. Come fare i prezzi e pianificare la crescita del fatturato e del margine

Più fatturato o più margine? Entrambi. Come fare i prezzi e pianificare la crescita del fatturato e del margine Più fatturato o più margine? Entrambi. Come fare i prezzi e pianificare la crescita del fatturato e del margine Perché il margine e non solo il fatturato Viviamo grazie al margine! Se vogliamo puntare

Dettagli

BG Previdenza Attiva ed. 07/2015: per costruire il tuo futuro in tutta tranquillità Product pack Rendimento certificato 2014 Rialto Previdenza 4,89%

BG Previdenza Attiva ed. 07/2015: per costruire il tuo futuro in tutta tranquillità Product pack Rendimento certificato 2014 Rialto Previdenza 4,89% BG Previdenza Attiva ed. 07/2015: per costruire il tuo futuro in tutta tranquillità Product pack Rendimento certificato 2014 Rialto Previdenza 4,89% Rapporto tra pensione e ultima retribuzione lorda Le

Dettagli

Ciao Pizza, per chi ha il gusto del business.

Ciao Pizza, per chi ha il gusto del business. Ciao Pizza, per chi ha il gusto del business. La nostra storia. Ciao Pizza nasce nel 1996 dall idea di tre giovani imprenditori di creare un realtà stabile nel settore della piccola ristorazione. Non c

Dettagli

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido Starter Package è una versione realizzata su misura per le Piccole Imprese, che garantisce una implementazione più rapida ad un prezzo ridotto. E ideale per le aziende che cercano ben più di un semplice

Dettagli

Food Cost e gestione informatizzata della cucina. Marco Terrile 2008 ChefMaTe - Software per la Ristorazione 1

Food Cost e gestione informatizzata della cucina. Marco Terrile 2008 ChefMaTe - Software per la Ristorazione 1 Food Cost e gestione informatizzata della cucina 1 Determinazione e controllo dei costi La locuzione economie di scala è usata in economia per indicare la relazione esistente tra aumento della scala di

Dettagli

CUSTOMER SATISFACTION SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA DEL COMUNE DI BRESCIA

CUSTOMER SATISFACTION SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA DEL COMUNE DI BRESCIA Comune di BRESCIA CUSTOMER SATISFACTION SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA DEL COMUNE DI BRESCIA Indagine condotta su bambini, ragazzi e genitori delle Scuole Primarie Maggio 2015 L indagine in forma

Dettagli

Programmazione della classe 5^ ipssar Materia:cucina Docente:De Nicola Antonio

Programmazione della classe 5^ ipssar Materia:cucina Docente:De Nicola Antonio Programmazione della classe 5^ ipssar Materia:cucina Docente:De Nicola Antonio 1)i prodotti alimentari L approviggionamento a) la qualità dei prodotti alimentari la qualità certificata b) i nuovi prodotti

Dettagli

LA FUNZIONE COMMERCIALE terza parte: politiche di prodotto e segmentazione strategica del mercato

LA FUNZIONE COMMERCIALE terza parte: politiche di prodotto e segmentazione strategica del mercato Economia e Gestione delle Imprese LA FUNZIONE COMMERCIALE terza parte: politiche di prodotto e segmentazione strategica del mercato Prof. Arturo Capasso LE LEVE DEL MARKETING-MIX Politiche di prodotto

Dettagli

Marketing relazionale. Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006

Marketing relazionale. Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006 Marketing relazionale Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006 1. Gli obiettivi Gli obiettivi della presentazione sono volti a definire: 1. I presupposti del marketing relazionale 2. Le caratteristiche principali

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO LEZIONI N. e Le Politiche di Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO COMPRENDERE GLI OBIETTIVI

Dettagli