730, Unico 2014 e Studi di settore

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "730, Unico 2014 e Studi di settore"

Transcript

1 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N Sanzioni tributarie e ravvedimento operoso Il sistema sanzionatorio previsto per errori e omissioni collegate alla dichiarazione dei redditi. Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico Il sistema sanzionatorio previsto per gli errori e le omissioni collegate alla dichiarazione dei redditi prevede la possibilità per il contribuente di sanare le violazioni commesse con l istituto del ravvedimento operoso o di rettifica presentando una successiva dichiarazione integrativa. Il ravvedimento operoso è un istituto che permette di ridurre sensibilmente la misura delle sanzioni dovute, a condizione che le violazioni oggetto della regolarizzazione non siano state già constatate e che non siano iniziati accessi, ispezioni, verifiche o altre attività amministrative di accertamento (inviti di comparizione, questionari, richiesta di documenti, ecc.) dei quali l autore della violazione o i soggetti solidalmente obbligati abbiano avuto formale conoscenza. Premessa Le violazioni tributarie possono essere regolarizzate mediante l istituto del ravvedimento operoso, che consiste nel versamento, entro i termini previsti dalla normativa, le seguenti somme: imposta o maggiore imposta dovuta, con il codice tributo ordinario (es. saldo IRPEF, 4001); interessi legali (con maturazione giorno per giorno); la sanzione ridotta, nelle misure aggiornate dalla Legge n. 220/

2 Con Decreto del Ministro dell Economia e Finanze 12 dicembre 2013, il tasso degli interessi legali è stato ridotto dal 2,5% all 1% a decorrere dal 1 gennaio Le violazioni interessano tutti i contribuenti a prescindere dal Modello di dichiarazione presentato (UNICO PF, UNICO SP, UNICO SC) e sono quelle di seguito schematizzate in tabella. TIPO VIOLAZIONE DA SANARE Violazioni formali (che non incidono sulla determinazione e pagamento del tributo, ma recano pregiudizio all attività di accertamento dell Amministrazione finanziaria) Violazioni sostanziali (che incidono sulla determinazione e pagamento del tributo) Omesso o insufficiente versamento d imposta Utilizzo in compensazione di crediti d imposta inesistenti Omessa o tardiva trasmissione telematica delle dichiarazioni Modello F24: errori nella compilazione del modello F24; mancata presentazione modello F24 a saldo zero. Omessa o tardiva presentazione della dichiarazione ESEMPIO Inesatta indicazione dei dati del contribuente (ad esempio, dati inerenti la residenza) Infedele dichiarazione (indicazione di redditi inferiori a quelli effettivamente percepiti/realizzati) Mancato versamento nei termini di legge del saldo e degli acconti derivanti dalla dichiarazione Nel Mod. F24 sono stati indicati ed utilizzati crediti d imposta in realtà non maturati L intermediario non ha provveduto nei termini di legge ad inviare all Amministrazione finanziaria la dichiarazione Entro il termine di pagamento del tributo, il contribuente non ha presentato il proprio modello F24 a saldo zero o lo ha presentato con errori La dichiarazione non è stata presentata o è stata presentata con ritardo superiore a 90 giorni (omessa) ovvero con ritardo non superiore a 90 giorni (tardiva) Violazioni formali Le violazioni formali sono violazioni inerenti la compilazione della dichiarazione che non hanno risvolti sostanziali ma possono arrecare pregiudizio all esercizio delle azioni di controllo da parte dell Amministrazione finanziaria. 2

3 Trattasi di dichiarazione irregolare sanata con la sanzione amministrativa compresa tra 258,00 ed 2.065,00. DICHIARAZIONE IRREGOLARE sanzione amministrativa compresa tra 258,00 ed 2.065,00 Nel caso di dichiarazione su modello non conforme da parte di soggetti non obbligati alla tenuta delle scritture contabili, l importo di 2.065,00 è ridotto a 1.032,00. Per l omessa o errata indicazione del codice fiscale, l art. 13, D.P.R. n. 605/1973 prevede la sanzione da 103,00 a 2.065,00. Sono così sanabili le infrazioni relative al contenuto della dichiarazione quali, ad esempio: l omessa o errata indicazione di dati rilevanti per l individuazione del contribuente o del suo rappresentante; la compilazione della dichiarazione su modello non conforme a quello approvato con decreto ministeriale; la mancata o errata compilazione di quadri della dichiarazione previsti per indicare dati non rilevanti ai fini della determinazione delle somme dovute. Esistono anche violazioni meramente formali, ovvero quelle che non impediscono l attività di accertamento degli uffici e che non sono sanzionabili dall Amministrazione finanziaria. Infatti l art. 6, comma 5-bis, D.Lgs. n. 472/1997 evidenzia che non sono punibili le violazioni che non arrecano pregiudizio all esercizio delle azioni di controllo e non incidono sulla determinazione della base imponibile, dell imposta e sul versamento del tributo. Se si è commessa pertanto una violazione formale sarà possibile procedere alla regolarizzazione mediante l istituto del ravvedimento operoso, con l applicazione delle regole previste per le violazioni sostanziali. 3

4 VIOLAZIONI FORMALI non incidenti sull attività di accertamento incidenti sull attività di accertamento NO sanzioni; eventuale regolarizzazione prima dell inizio dell attività di controllo SI sanzioni con possibilità di ravvedimento come per le violazioni sostanziali Violazioni sostanziali Gli errori o le omissioni sostanziali relativi alle dichiarazioni validamente presentate (comprese quelle presentate con ritardo non superiore a novanta giorni) possono essere regolarizzati presentando una dichiarazione integrativa entro il termine stabilito per la presentazione della dichiarazione dell'anno successivo. Entro lo stesso termine deve essere eseguito il pagamento del tributo o del maggior tributo dovuto, dei relativi interessi e della sanzione ridotta ad un quinto del minimo previsto. Sono suscettibili di regolarizzazione: gli errori ed omissioni rilevabili in sede di liquidazione o di controllo formale delle imposte dovute, ai sensi degli artt. 36-bis e 36-ter, D.P.R. n. 600/1973; l infedele dichiarazione (ad esempio, indicazione di indebite detrazioni d imposta, ecc.). La sanzione ordinaria prevista dal D.Lgs. n. 471/1997 per la presentazione di dichiarazione infedele va dal 100% al 200% della maggiore imposta o della differenza del credito. DICHIARAZIONE INFEDELE sanzione amministrativa dal 100% al 200% della maggiore imposta o della differenza del credito Nel caso in cui il contribuente: commetta omissioni o infedeltà relativamente ai modelli per la comunicazione dei dati rilevanti per l applicazione degli studi di settore; indichi cause di esclusione o di inapplicabilità degli studi di settore non sussistenti; 4

5 ed il reddito accertato a seguito della corretta applicazione degli studi di settore, risulti superiore del 10% del reddito di impresa/lavoro autonomo dichiarato, la misura della sanzione per infedele dichiarazione è ulteriormente elevata del 10%. Se il contribuente ha omesso la compilazione del modello degli studi di settore e non ha provveduto all invio, anche a seguito di invito da parte dell Agenzia delle Entrate, è previsto che: la sanzione applicabile è sempre quella massima, ossia pari a 2.065,00; in caso di infedele dichiarazione dei redditi, IVA e IRAP, la sanzione applicabile è incrementata del 50% e pertanto è compresa tra il 150% e il 300% della maggiore imposta dovuta. Anche in questo caso si pone la condizione che il maggior reddito accertato a seguito della corretta applicazione degli studi di settore sia superiore al 10% di quello dichiarato. Se invece non si presenta tale situazione vengono applicate le sanzioni ordinarie (dal 100% al 200% della maggiore imposta). Può accadere inoltre che si sia riscontrato un omesso o carente versamento, dovuto a errori materiali o di calcolo in sede di liquidazione o di controllo formale delle imposte. In questo caso si applica la sanzione del 30% delle somme non versate. Si tiene conto che la predetta sanzione (30%) è ridotta: ad un terzo (10%) nel caso in cui le somme dovute siano pagate entro 30 giorni dal ricevimento della comunicazione dell esito della liquidazione automatica effettuata ai sensi dell art. 36-bis, D.P.R. n. 600/1973; ai due terzi (20%) nei casi in cui le somme dovute siano pagate entro 30 giorni dal ricevimento della comunicazione dell esito del controllo formale effettuato ai sensi dell art. 36-ter, D.P.R. n. 600/1973. OMESSO O CARENTE VERSAMENTO sanzione (30%) è ridotta ad un terzo (10%) nel caso in cui le somme dovute siano pagate entro 30 giorni dal ricevimento della comunicazione dell esito della liquidazione sanzione (30%) è ridotta ai due terzi (20%) nei casi in cui le somme dovute siano pagate entro 30 giorni dal ricevimento della comunicazione dell esito del controllo formale 5

6 Pertanto le violazioni sostanziali sono regolarizzabili attraverso l istituto del ravvedimento operoso, ai sensi dell art. 13, comma 1, lett. b), D.Lgs n. 472/1997. La regolarizzazione dovrà avvenire con: la presentazione di una nuova dichiarazione (integrativa); il versamento, entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all anno successivo della maggiore imposta o minor credito dovuto, degli interessi legali pari all 1%, con maturazione giorno per giorno e della sanzione ridotta nella misura di 1/8 della sanzione minima, quindi: per gli errori rilevabili in sede di liquidazione o controllo formale delle imposte dovute (art. 36-bis e 36-ter D.P.R. n. 600/73) la sanzione ridotta sarà pari al 3,75% (1/8 del 30%); per gli errori diversi da quelli di cui al punto precedente la sanzione ridotta sarà pari al 12,5% (1/8 del 100%) 12,5% per infedele dichiarazione SANZIONE 3,75% errori art. 36-bis o 36-ter D.P.R. 600/73 Omesso o insufficiente versamento dell imposta Per il contribuente che non effettua, in tutto o in parte, i versamenti periodici, l acconto o il saldo annuale spetta la sanzione ordinaria del 30% dell importo non versato. Per i contribuenti che regolarizzano gli omessi o i tardivi versamenti di imposte entro i quattordici giorni successivi alla scadenza, l art. 23, comma 31, del Decreto Legge n. 98/2011, ha previsto la possibilità di ridurre la sanzione nella misura del 2% per ciascun giorno di ritardo. L Agenzia delle Entrate specifica nella Circolare n. 27/2013 che anche il parziale versamento dell importo con la maggiorazione (da effettuare entro il 16 luglio) costituisce un insufficiente versamento. Pertanto, mentre prima della Circolare l errato versamento veniva equiparato ad un tardivo versamento dell intero ammontare e la sanzione veniva calcolata sulla totalità dell importo dovuto, ora la sanzione prevista viene proporzionata alla somma non versata. Il ravvedimento pertanto andrà a sanare l omesso o insufficiente versamento versando: l imposta o maggiore imposta, con il codice tributo ordinario; gli interessi legali (con maturazione giorno per giorno): a partire dal 1 gennaio 2014 la misura del saggio degli interessi legali è fissata al 1% in ragione d anno (D.M. 12 dicembre 2013); fino al 31 dicembre 2013 era il 2,5%; 6

7 la sanzione in misura ridotta. L omesso o insufficiente versamento potrà essere regolarizzato mediante ravvedimento ( sprint, breve o lungo ): entro 30 giorni dalla data in cui è stata commessa la violazione; in tal caso la sanzione ridotta da applicare (riduzione ad 1/10) è pari fino al 14 giorno, allo 0,2% giornaliero e dal 15 al 30 giorno al 3%; entro il maggior termine di presentazione della dichiarazione relativo all anno nel corso del quale la violazione è stata commessa. In tal caso, la sanzione da applicare è pari ad 1/8 del minimo, ovvero pari al 3,75%. Utilizzo in compensazione di crediti inesistenti Con l obiettivo di contrastare gli abusi nell utilizzo dell istituto della compensazione, il D.L. n. 185/2008 all articolo 27, commi da 16 a 21, ha previsto: l incremento della sanzione per l utilizzo in compensazione di crediti d imposta inesistenti; l ampliamento del termine entro il quale l Ufficio può provvedere alla notifica dell atto di recupero di crediti inesistenti utilizzati in compensazione (entro il 31 dicembre dell ottavo anno successivo a quello in cui è avvenuto l utilizzo). In particolare, l articolo 27, comma 18, D.L. n. 185/2008 (dal 29 novembre 2008) dispone che l utilizzo in compensazione di crediti inesistenti di valore inferiore a va dal 100% al 200%. Se la somma utilizzata in compensazione è maggiore di , la sanzione è fissata nella misura del 200%. UTILIZZO IN COMPENSAZIONE CREDITI INESISTENTI valore inferiore a va dal 100% al 200% valore maggiore a è del 200% Con Circolare 10 maggio 2011, n. 18 (punto 1) l Amministrazione Finanziaria ha ammesso la possibilità, in caso di utilizzo in compensazione di crediti di imposta inesistenti, di effettuare il ravvedimento operoso prendendo come base di calcolo la sanzione del 30% prevista per le violazioni rilevate in sede di controllo automatizzato delle dichiarazioni, ai sensi degli articoli 36-bis, D.P.R. n. 600/1973 e 54-bis, D.P.R. n. 633/

8 Circolare n. 8/2009, punto 7.1 Con riferimento al caso dell utilizzo in compensazione per importi superiori al limite massimo previsto ( , ,00 dal 2014 o nel caso di subappaltatori edili il cui volume d affari deriva per almeno l 80% da operazioni soggette al reverse charge) non si configura l ipotesi di utilizzo di un credito inesistente. La sanzione applicabile, anche prima delle ultime precisazioni fornite dall Agenzia delle Entrate, è quella del 30% dell importo compensato in misura eccedente il limite. La sanzione del 30% si applica anche nel caso in cui vengano utilizzati in compensazione i crediti da indicare nel quadro RU, esistenti ma utilizzati oltre il limite di ,00. L utilizzo in compensazione di crediti inesistenti è regolarizzabile con il versamento del credito utilizzato in eccesso, unitamente alla sanzione ridotta e agli interessi. Pertanto, la sanzione ridotta sarà pari al: 0,2% giornaliero (1/10 del 2% giornaliero) nel caso di regolarizzazione entro 14 giorni dalla violazione; 3% (1/10 del 30%) nel caso di regolarizzazione dal 15 al 30 giorno dalla violazione; 3,75% (1/8 del 30%) nel caso di regolarizzazione entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all anno in cui è stata commessa la violazione. Omessa o tardiva trasmissione telematica In base a quanto stabilito dall art. 7-bis, D.Lgs. 9 luglio 1997, n. 241 la tardiva od omessa presentazione delle dichiarazioni da parte dei soggetti incaricati di cui al comma 3, art. 3, D.P.R. n. 322/1998 viene sanzionata con un importo da 516,00 a 5.164,00. Infatti per l intermediario si configura la violazione di: omessa trasmissione telematica, se la stessa non è stata effettuata affatto o non è andata a buon fine; tardiva trasmissione telematica, se la stessa viene effettuata oltre il termine per la presentazione della dichiarazione, nonostante l impegno alla trasmissione sia stato assunto prima della scadenza del suddetto termine. Questo è quanto stabilito dalla Circolare n. 11/2008 dell Agenzia delle Entrate. Il ravvedimento da parte dell intermediario dovrà essere effettuato: entro 90 giorni dal termine di scadenza per l effettuazione dell invio; versando una sanzione ridotta con le nuove misure previste pari a 1/10 del minimo, ossia 51,00 (1/10 di 516,00 = 51,6, e quindi 51,00 per troncamento). 8

9 RAVVEDIMENTO PER L INTERMEDIARIO entro 90 giorni dal termine di scadenza per l effettuazione dell invio versando una sanzione ridotta con le nuove misure previste pari a 1/10 del minimo, ossia 51,00 Omessa o tardiva presentazione della dichiarazione Si è in presenza di omessa dichiarazione quando: la dichiarazione non è stata presentata; è stata presentata: con ritardo superiore a 90 giorni; senza la sottoscrizione del contribuente e non sia stata regolarizzata entro 30 giorni dall invito dell Ufficio. Se si è in presenza di omessa presentazione della dichiarazione, la sanzione applicabile è compresa: tra 258,00 e 1.032,00 (importi raddoppiati per i contribuenti obbligati alla tenuta delle scritture contabili) se non è dovuta imposta; tra il 120% ed il 240% se è dovuta imposta. OMESSA DICHIARAZIONE tra 258,00 e 1.032,00 se non è dovuta imposta tra il 120% ed il 240% se è dovuta imposta Poiché la dichiarazione tardiva, presentata entro 90 giorni, è comunque valida, dalla stessa non può risultare un imposta dovuta ma, semmai, un imposta dichiarata e non versata, come tale da assoggettare alla sanzione del 30% prevista dall art. 13, D.Lgs. n. 471/1997 (in tal senso si veda la C.M. n. 23/1999). L omessa presentazione della dichiarazione non può essere sanata con l istituto del ravvedimento operoso. Esso può sanare solo la tardiva presentazione della dichiarazione (nel termine di 90 giorni dalla scadenza). 9

10 Se dalla dichiarazione: non risulta dovuta imposta, andrà versata una sanzione pari ad 1/10 del minimo, ovvero 25,00 ( 258,00 x 1/10, con troncamento); risulta dovuta imposta, il contribuente dovrà sanare: la tardiva presentazione con sanzione di 25,00 ( 258,00 x 1/10, con troncamento) entro 90 gg; l omesso versamento con sanzione ridotta pari: a. fino al 14 giorno, allo 0,2% giornaliero; b. dal 15 al 30 giorno al 3%; c. entro 90 giorni, al 3,75%; gli interessi legali (1%). Se il contribuente presenta tardivamente la dichiarazione unificata, dovrà applicare la sanzione da ravvedimento ( 25,00) per ogni singola dichiarazione presentata (IVA - Redditi). Tale precisazione è stata confermata anche dalla Circolare 19 febbraio 2008, n. 11. Schema riassuntivo SANZIONI AMMINISTRATIVE E RAVVEDIMENTO OPEROSO VIOLAZIONE Omessi o insufficienti versamenti (versamenti periodici, acconto e saldo) Dichiarazione irregolare Violazioni formali (es. inesattezze nella compilazione della dichiarazione) Dichiarazione infedele Violazioni sostanziali Omissioni o errori incidenti sulla determinazione o sul pagamento del tributo non rilevabili da controlli automatizzati Dichiarazione infedele Violazioni sostanziali Omissioni o errori SANZIONE ORDINARIA 30% dell imposta non versata Da 258,00 a 2.065,00 se ostacola l attività di accertamento Non sanzionabili se non ostacolano l attività di accertamento Dal 100% al 200% dell importo non versato 30% dell importo non versato SANZIONI RIDOTTE 1/10 del minimo, pari al: - 0,2% giornaliero fino al 14 giorno; - 3% dal 15 al 30 giorno - 1/8 del minimo, pari al 3,75% (entro il termine per la presentazione della dichiarazione dell anno nel quale è commessa la violazione) Se ostacolano l attività di accertamento si configurano violazioni sostanziali (1/8 del minimo, pari a 32,00) 1/8 del minimo pari al 12,5% (entro il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all anno nel quale è stata commessa la violazione) 1/8 del minimo, pari al 3,75% (entro il termine per la presentazione della 10

11 incidenti sulla determinazione o sul pagamento del tributo rilevabili da controlli automatizzati Tardiva presentazione della dichiarazione (entro 90 giorni) Omessa presentazione della dichiarazione Omessa trasmissione telematica da parte degli intermediari Utilizzo in compensazione credito inesistente Utilizzo in compensazione credito oltre il limite previsto Da 258,00 a 2.065, % delle somme eventualmente non versate (2% giornaliero se pagamento entro 14 giorni dalla violazione) Dal 120% al 240% dell imposta dovuta con un minimo di 258,00 Da 258,00 a 2.065,00 se non risulta imposta dovuta Da 516,00 a 5.164,00 30% dell imposta non versata 30% dell imposta non versata dichiarazione relativa all anno nel quale è stata commessa la violazione) 1/10 del minimo pari a 25,00 + se risulta imposta dovuta, sanzione dello 0,2% giornaliero se la regolarizzazione avviene entro 14 giorni dalla violazione, 3% per regolarizzazione dal 15 al 30 giorno, o del 3,75% oltre 30 giorni No ravvedimento 1/10 del minimo, pari ad 51 (entro 90 giorni dal termine originario di invio) - 0,2% giornaliero fino al 14 giorno (1/10 del minimo); - 3% dal 15 al 30 giorno (1/10 del minimo); - 3,75% entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all anno in cui è commessa la violazione (1/8 del minimo). - Riproduzione riservata - 11

Fiscal News N. 249 Unico 2012: integrativa entro il Categoria: Sottocategoria: ravvedimento di Unico 2012 Premessa 30 settembre Dichiarazione

Fiscal News N. 249 Unico 2012: integrativa entro il Categoria: Sottocategoria: ravvedimento di Unico 2012 Premessa 30 settembre Dichiarazione Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 249 26.09.2013 Unico 2012: integrativa entro il 30.09 Categoria: Intermediari Sottocategoria: Adempimenti Il termine del 30.09.2013 incide anche

Dettagli

COME SI PAGA PER LA REGOLARIZZAZIONE VIOLAZIONI DI NATURA FORMALE

COME SI PAGA PER LA REGOLARIZZAZIONE VIOLAZIONI DI NATURA FORMALE XIII. XIII. Il Il ravvedimento ravvedimento operoso operoso Come si paga per la regolarizzazione violazione di natura formale Come si paga per la regolarizzazione - violazione di natura formale - omesso

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 331 03.11.2016 Omesso versamento Iva e possibile compensazione Categoria: Iva Sottocategoria: Varie A cura di Paola Sabatino Nel caso di omesso

Dettagli

20.10.2014 Modello 770: il ravvedimento

20.10.2014 Modello 770: il ravvedimento Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 36 20.10.2014 Modello 770: il ravvedimento Categoria: Sottocategoria: Ravvedimento I sostituti d imposta tenuti alla presentazione del

Dettagli

L AUMENTO DELLE SANZIONI RIDOTTE PER IL RAVVEDIMENTO OPEROSO

L AUMENTO DELLE SANZIONI RIDOTTE PER IL RAVVEDIMENTO OPEROSO Circolare N. 06 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 25 gennaio 2011 L AUMENTO DELLE SANZIONI RIDOTTE PER IL RAVVEDIMENTO OPEROSO La Legge di stabilità 2011 ha aumentato la misura delle sanzioni

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 340 14.11.2016 Dichiarazione integrativa e mancata indicazione di un reddito da locazione L immobile ad uso non abitativo A cura di Andrea Amantea

Dettagli

CONTROLLO delle DICHIARAZIONI CHIARIMENTI della C.M. 18/E/2011

CONTROLLO delle DICHIARAZIONI CHIARIMENTI della C.M. 18/E/2011 Circolare informativa per la clientela n. 28/2011 del 15 settembre 2011 CONTROLLO delle DICHIARAZIONI CHIARIMENTI della C.M. 18/E/2011 In questa Circolare 1. Controllo automatico delle dichiarazioni Comunicazione

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 334 21.12.2015 Unico tardivo entro il 29.12 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Ravvedimento La mancata presentazione di Unico 2015 può essere

Dettagli

Anno 2014 N. RF300. La Nuova Redazione Fiscale

Anno 2014 N. RF300. La Nuova Redazione Fiscale Anno 2014 N. RF300 www.redazionefiscale.it ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale Pag. 1 / 8 OGGETTO MODELLO 770/2014 - RAVVEDIMENTO DELLE VIOLAZIONI ENTRO IL 18/12 RIFERIMENTI DLGS. N. 472/97; DLGS. N.

Dettagli

Il nuovo ravvedimento operoso

Il nuovo ravvedimento operoso Il nuovo ravvedimento operoso RIFERIMENTI: Art. 13, d.lgs. 18 dicembre 1997, n. 472 Disposizioni generali in materia di sanzioni amministrative per le violazioni di norme tributarie - Art. 1, comma 637,

Dettagli

Giovedì 25 ottobre Ultimi giorni per il 730 integrativo

Giovedì 25 ottobre Ultimi giorni per il 730 integrativo Giovedì 25 ottobre Ultimi giorni per il 730 integrativo Entro il prossimo 25 ottobre il contribuente, in caso di errori nella compilazione della dichiarazione, può presentare al CAF o al professionista

Dettagli

LA REGOLARIZZAZIONE DEGLI OMESSI / INSUFFICIENTI VERSAMENTI D IMPOSTA

LA REGOLARIZZAZIONE DEGLI OMESSI / INSUFFICIENTI VERSAMENTI D IMPOSTA LA REGOLARIZZAZIONE DEGLI OMESSI / INSUFFICIENTI VERSAMENTI D IMPOSTA Nel corso del 2015 il Legislatore ha modificato: l istituto del ravvedimento operoso; il regime sanzionatorio, la cui decorrenza è

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 321 21.10.2016 Omesso canone cedolare secca in dichiarazione: il ravvedimento Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico A cura di Pasquale

Dettagli

Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti

Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti N. 34 05.10.2015 Modello UNICO 2015: ravvedimento Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico A cura di Pasquale Pirone

Dettagli

Il regime sanzionatorio e il ravvedimento operoso Nardia Parducci Dottore commercialista in Lucca

Il regime sanzionatorio e il ravvedimento operoso Nardia Parducci Dottore commercialista in Lucca Il regime sanzionatorio e il ravvedimento operoso Nardia Parducci Dottore commercialista in Lucca 86 La dichiarazione dei sostituti d imposta è articolata in due parti: a) Il mod. 770 semplificato utilizzato

Dettagli

Come sanare il mancato versamento della mini-imu

Come sanare il mancato versamento della mini-imu Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 30 28.01.2014 Come sanare il mancato versamento della mini-imu Passata la scadenza del 24 gennaio 2014, è ancora possibile utilizzare il ravvedimento

Dettagli

Premessa...pag. 9. Sezione Seconda - RAVVEDIMENTO OPEROSO E IMPOSTE DIRETTE

Premessa...pag. 9. Sezione Seconda - RAVVEDIMENTO OPEROSO E IMPOSTE DIRETTE INDICE Premessa...pag. 9 Sezione Prima - ASPETTI GENERALI Contenuti e caratteristiche...pag. 12 Presupposti necessari...» 12 Modalità di calcolo del ravvedimento operoso...» 14 Caratteristiche del ravvedimento

Dettagli

IL NUOVO RAVVEDIMENTO OPEROSO - LEGGE DI STABILITÀ 2015

IL NUOVO RAVVEDIMENTO OPEROSO - LEGGE DI STABILITÀ 2015 IL NUOVO RAVVEDIMENTO OPEROSO - LEGGE DI STABILITÀ 2015 IL NUOVO CORSO COLLABORATIVO (1) IL QUADRO NORMATIVO CAMBIA Si punta su un modello di cooperazione tra AF e contribuente Obiettivo: perseguire il

Dettagli

N. 75 FISCAL NEWS. Saldo Iva

N. 75 FISCAL NEWS. Saldo Iva a cura di Antonio Gigliotti N. 75 FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale Saldo Iva 2009 25.02.2010 Categoria Sottocategoria Entro il prossimo 16.3 i soggetti tenuti alla presentazione

Dettagli

15/2015 Febbraio/2/2015 (*) Napoli 4 Febbraio 2015

15/2015 Febbraio/2/2015 (*) Napoli 4 Febbraio 2015 Redazione a cura della Commissione Comunicazione del CPO di Napoli 15/2015 Febbraio/2/2015 (*) Napoli 4 Febbraio 2015 La Legge 190/2014, (Stabilità 2015) pubblicata sulla G.U. n. 300 del 29 dicembre 2014,

Dettagli

CIRCOLARE DI STUDIO 33/2016. Parma, 31 Ottobre 2016

CIRCOLARE DI STUDIO 33/2016. Parma, 31 Ottobre 2016 CIRCOLARE DI STUDIO 33/2016 Parma, 31 Ottobre 2016 OGGETTO: Chiarimenti in materia di ravvedimento operoso Di seguito si fornisce un breve riepilogo dei chiarimenti forniti dall Agenzia delle entrate con

Dettagli

SPECIALE RAVVEDIMENTO OPEROSO

SPECIALE RAVVEDIMENTO OPEROSO Dr. Bartali Claudio Dr. Bartali Luca Dr. Barsottini Claudio Dr. Maltomini Antonio Dr. Turini Stefano Dr. Grossi Simone Dr. Scannerini Daniele Dr. Silvestri Alessio SPECIALE RAVVEDIMENTO OPEROSO IL RAVVEDIMENTO

Dettagli

IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Artt. 1, 8 e 13, D.Lgs. n. 471/97 Art. 13, D.Lgs. n. 472/97 Circolare Agenzia Entrate 12.10.2016, n. 42/E Recentemente l Agenzia

Dettagli

L agenda dei pagamenti di Unico 2013, Irap 2013, Iva 2013 e della prima rata Imu

L agenda dei pagamenti di Unico 2013, Irap 2013, Iva 2013 e della prima rata Imu L agenda di Unico, Imu e degli altri pagamenti del Pag. n. 1 L agenda dei pagamenti di Unico, Irap, Iva e della prima rata Imu A CURA DI SALVINA MORINA E TONINO MORINA Persone fisiche, società di persone,

Dettagli

LE REGOLE DEL RAVVEDIMENTO DI OMESSI O PARZIALI VERSAMENTI

LE REGOLE DEL RAVVEDIMENTO DI OMESSI O PARZIALI VERSAMENTI LE REGOLE DEL RAVVEDIMENTO DI OMESSI O PARZIALI VERSAMENTI Con il presente contributo si intende riepilogare le regole per l utilizzo del ravvedimento operoso, istituto che permette di sanare (con l applicazione

Dettagli

Invio modello 770 e scadenza 15 settembre 2016: effetti in materia di ravvedimento

Invio modello 770 e scadenza 15 settembre 2016: effetti in materia di ravvedimento Ai gentili clienti Loro sedi Invio modello 770 e scadenza 15 settembre 2016: effetti in materia di ravvedimento Gentile cliente con la presente intendiamo ricordarle che scade domani 15 settembre 2016

Dettagli

Forlì, 25 febbraio Dott. Enrico Zambianchi & PARTNERS STUDIO ANTONELLI

Forlì, 25 febbraio Dott. Enrico Zambianchi & PARTNERS STUDIO ANTONELLI NUOVE POSSIBILITA DI AVVALERSI DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 E NOVITA DEGLI ISTITUTI DEFLATTIVI DAL 2016 (Art. 1, commi 637-640 Legge di Stabilità 2015) Forlì, 25 febbraio 2015

Dettagli

L ACCONTO IVA modalità alternative di calcolo e peculiarità in caso di modifica dei regimi contabili adottati. Relatore Guido BERARDO, Commercialista

L ACCONTO IVA modalità alternative di calcolo e peculiarità in caso di modifica dei regimi contabili adottati. Relatore Guido BERARDO, Commercialista L ACCONTO IVA modalità alternative di calcolo e peculiarità in caso di modifica dei regimi contabili adottati Relatore Guido BERARDO, Commercialista Coordina i lavori Salvatore REGALBUTO, Commercialista

Dettagli

DATI ICI 2006 RICHIESTI NEL MODELLO 730/2007

DATI ICI 2006 RICHIESTI NEL MODELLO 730/2007 Servizio INFORMATIVA 730 INFORMATIVA N. 26 Prot. 2974 DATA 10.04.2007 Settore: Oggetto: Riferimenti: IMPOSTE SUI REDDITI ICI dovuta per il 2006 e possibilità di ravvedimento operoso D.L. n. 223/2006; Modello

Dettagli

w w w. f e r d i n a n d o b o c c i a. i t

w w w. f e r d i n a n d o b o c c i a. i t Circ. n. 7 del 30 marzo 2009 A TUTTI I CLIENTI L O R O S E D I Oggetto: RAVVEDIMENTO OPEROSO: NUOVE REGOLE Il ricorso allo strumento del cosiddetto ravvedimento operoso per regolarizzare violazioni quali:

Dettagli

Ravvedimento operoso - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Ravvedimento operoso - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Ravvedimento operoso - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate STUDIO PULIANI VIA F.TURATI 10 01016 TARQUINIA (VT) 0039 0766 / 845157 FAX 0766/848558 WWW. STUDIOPULIANI.COM 1 PREMESSA L Agenzia delle Entrate,

Dettagli

regolarizzare il versamento dell acconto Imu/Tasi 2014 senza maggiorazioni entro un termine stabilito dai singoli Comuni.

regolarizzare il versamento dell acconto Imu/Tasi 2014 senza maggiorazioni entro un termine stabilito dai singoli Comuni. Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 219 03.09.2014 IMU/TASI: come sanare il mancato versamento del 16 giugno 2014 Passata la scadenza del 16 giugno 2014 e il salvacondotto comunale,

Dettagli

Sommario PREMESSA 1 1. IL NUOVO RAVVEDIMENTO - ASPETTI GENERALI 7

Sommario PREMESSA 1 1. IL NUOVO RAVVEDIMENTO - ASPETTI GENERALI 7 Sommario PREMESSA 1 1. IL NUOVO RAVVEDIMENTO - ASPETTI GENERALI 7 1.1 Ambito d applicazione 7 1.2 Condizioni per fruire del ravvedimento 11 1.3 Tipologie di ravvedimento 15 1.4 Gli effetti del ravvedimento

Dettagli

a cura del Rag. Daniele LAURENTI, commercialista e revisore contabile

a cura del Rag. Daniele LAURENTI, commercialista e revisore contabile Carlin Laurenti & associati STUDIO COMMERCIALISTI e REVISORI 45014 PORTO VIRO (RO) Via Mantovana n. 86 tel 0426.321062 fax 0426.323497 per informazioni su questa circolare: evacarlin@studiocla.it Circolare

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA

IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 137937 del 2015 RU Modalità con cui l Agenzia delle Entrate mette a disposizione del contribuente e della Guardia di finanza elementi e informazioni al fine di introdurre nuove e più avanzate forme

Dettagli

RAVVEDIMENTO OPEROSO:REGOLE DI COMPILAZIONE DELL F24 E SANATORIA PER LA MANCATA PRESENTAZIONE

RAVVEDIMENTO OPEROSO:REGOLE DI COMPILAZIONE DELL F24 E SANATORIA PER LA MANCATA PRESENTAZIONE RAVVEDIMENTO OPEROSO:REGOLE DI COMPILAZIONE DELL F24 E SANATORIA PER LA MANCATA PRESENTAZIONE Il ricorso allo strumento del cosiddetto ravvedimento operoso per regolarizzare violazioni quali: l omesso

Dettagli

Il ravvedimento operoso è disciplinato dall'articolo 13 del decreto legislativo 472/97

Il ravvedimento operoso è disciplinato dall'articolo 13 del decreto legislativo 472/97 Ravvedimento operoso Per chi, per vari motivi, non ha potuto pagare le rate dell'imu, TASI o TARI entro le scadenze stabilite, è possibile ovviare a tale ritardo utilizzando l'istituto giuridico del Ravvedimento

Dettagli

FISCAL NEWS. La circolare di aggiornamento professionale. Studi di settore

FISCAL NEWS. La circolare di aggiornamento professionale. Studi di settore a cura di Antonio Gigliotti FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale 01 Settembre 2014 Categoria Sottocategoria Studi di settore in Unico Studi di settore Modelli Il Modello Studi di settore

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 58 15.07.2014 Adeguamento agli studi di settore in Unico Categoria: Studi di settore Sottocategoria: Varie Al fine di evitare il rischio di

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE U Attuazione dell articolo 1, commi da 634 a 636, della legge 23 dicembre 2014, n. 190 Comunicazione per la promozione dell adempimento spontaneo nei confronti dei soggetti che hanno omesso di presentare

Dettagli

Via Kennedy, Favara (AG) tel fax IL DIRITTO CAMERALE

Via Kennedy, Favara (AG) tel fax IL DIRITTO CAMERALE IL DIRITTO CAMERALE Che cosa è? Il diritto camerale è il tributo che ogni impresa, iscritta o annotata nel Registro delle imprese, è tenuta a versare alla Camera di Commercio di riferimento (art. 18 della

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento

730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 53 10.07.2014 Studi di settore: regolarizzazione codice Categoria: Studi di settore Sottocategoria: Varie Il contribuente può sanare l omessa

Dettagli

LE SANZIONI TRIBUTARIE

LE SANZIONI TRIBUTARIE LE SANZIONI TRIBUTARIE Laura Rossi Dufour Dottore Commercialista Revisore Contabile Via San Gregorio 53 Milano Via D.Fiasella 3/14 Genova Tel.010542196 laura.rossi@studiorossidufour.it 1 Le sanzioni La

Dettagli

Il ravvedimento operoso per i sos tu d imposta

Il ravvedimento operoso per i sos tu d imposta in pra ca CONTRIBUTI E RITENUTE Francesco Geria Il ravvedimento operoso per i sos tu d imposta I edizione Il sos tuto d imposta La ritenuta alla fonte a tolo defini vo o d acconto I pi di ravvedimento

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 380 13.12.2016 Operazioni soggette a reverse charge: il regime sanzionatorio A cura di Diana Pérez Corradini Categoria: Iva Sottocategoria: Reverse

Dettagli

COMUNICAZIONE N. 10 DEL

COMUNICAZIONE N. 10 DEL ASSOCIAZIONE IMPEGNO E PASSIONE ASSOCIAZIONE SINDACALE DI COMMERCIALISTI - A.I.P. C.F. : 95142960657 P.IVA: 05115830654 COMUNICAZIONE N. 10 DEL 03.08.15 Cari Colleghi, in merito alla problematica relativa

Dettagli

RAVVEDIMENTO OPEROSO MODALITA E TERMINI

RAVVEDIMENTO OPEROSO MODALITA E TERMINI OMISSIONI R A V V E D E R S I E POSSIBILE RAVVEDIMENTO OPEROSO MODALITA E TERMINI I. M. U. 2013 - Art. 13, D.Lgs. 472/1997 e successive modificazioni. - Art. 1, comma 20 lett. a) e 22, Legge n. 220/2010

Dettagli

Il ravvedimento operoso

Il ravvedimento operoso Il ravvedimento operoso (Art. 13 D.Lgs. 472/1997) Il ravvedimento operoso, disciplinato dal D.Lgs. 18/12/1997 n. 472 all articolo 13, è una procedura volta alla regolarizzazione di omissioni ed irregolarità

Dettagli

La nuova disciplina del

La nuova disciplina del La nuova disciplina del ravvedimento operoso (Legge di Stabilità per il 2015 L. 190/2014) Via D Azeglio n. 27 40123 Bologna Tel. 051-233741 Fax 051-225955 E-mail: studio@studioassociatosimoni.it ; Sito

Dettagli

N. 21 FISCAL NEWS. Dichiarazioni: controlli e nuova rateazione Controllo delle dichiarazioni

N. 21 FISCAL NEWS. Dichiarazioni: controlli e nuova rateazione Controllo delle dichiarazioni a cura di Antonio Gigliotti www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.info N. 21 FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale 12.01.2012 Categoria Accertamento e riscossione Sottocategoria Versamenti

Dettagli

Anno 2016 RF293 DOMANDE E RISPOSTE DELLA REDAZIONE IL RAVVEDIMETO DEL MODELLO UNICO 2016

Anno 2016 RF293 DOMANDE E RISPOSTE DELLA REDAZIONE IL RAVVEDIMETO DEL MODELLO UNICO 2016 Anno 2016 RF293 REDAZIONE FISCALE www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 6 OGGETTO CIRCOLARE DEL 25/11/2016 DOMANDE E RISPOSTE DELLA REDAZIONE IL RAVVEDIMETO DEL MODELLO UNICO 2016 1 - OMESSA PRESENTAZIONE UNICO

Dettagli

COMUNE DI PASSIRANO Provincia di Brescia

COMUNE DI PASSIRANO Provincia di Brescia Allegato alla delibera di C.C. n. 10 del 04.02.2004 COMUNE DI PASSIRANO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO I N D I C E Art. 1 Oggetto pag. 3 Art. 2 Ipotesi

Dettagli

IVA. Acconto del Alla cassa entro il

IVA. Acconto del Alla cassa entro il Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 364 10.12.2014 IVA. Acconto del 29.12. Alla cassa entro il 29.12.2014. Categoria: Iva Sottocategoria: Adempimenti Entro il 27.12 di ogni anno

Dettagli

NOVITA STUDI DI SETTORE 2016

NOVITA STUDI DI SETTORE 2016 NOVITA STUDI DI SETTORE 2016 Le principali novità modulistica e Sp. Tec. La legge di stabilità 2016 riconosce a imprenditori e professionisti che, a far data dal 15 ottobre 2015, investono in beni materiali

Dettagli

Modelli 770/ Proroga dei termini di presentazione Effetti ai fini del ravvedimento operoso INDICE. Circolare 14. del 29 luglio 2016

Modelli 770/ Proroga dei termini di presentazione Effetti ai fini del ravvedimento operoso INDICE. Circolare 14. del 29 luglio 2016 Circolare 14 del 29 luglio 2016 Modelli 770/2016 - Proroga dei termini di presentazione Effetti ai fini del ravvedimento operoso INDICE 1 Premessa... 2 2 Precedente differimento automatico al 22.8.2016...

Dettagli

Ufficio provinciale di Modena. Fabbricati rurali e D.L. 201/2011. Pasquale Carafa. Modena, 14 novembre 2012

Ufficio provinciale di Modena. Fabbricati rurali e D.L. 201/2011. Pasquale Carafa. Modena, 14 novembre 2012 Ufficio provinciale di Modena Fabbricati rurali e D.L. 201/2011 Modena, 14 novembre 2012 Pasquale Carafa Agenzia del Territorio - Ufficio provinciale di Modena Tema della presentazione La struttura della

Dettagli

Dichiarazione IVA 2012: ravvedimento operoso

Dichiarazione IVA 2012: ravvedimento operoso Dichiarazione IVA 2012: ravvedimento operoso di Roberto Fanelli (*) L ADEMPIMENTO Il contribuente puo` regolarizzare le violazioni commesse nel corso del 2011 entro il termine di presentazione della dichiarazione

Dettagli

Anno 2012 N.RF230. La Nuova Redazione Fiscale IMU: REGIME SANZIONATORIO E RAVVEDIMENTO OPEROSO

Anno 2012 N.RF230. La Nuova Redazione Fiscale IMU: REGIME SANZIONATORIO E RAVVEDIMENTO OPEROSO Anno 2012 N.RF230 www.redazionefiscale.it ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale Pag. 1 / 7 OGGETTO IMU: REGIME SANZIONATORIO E RAVVEDIMENTO OPEROSO RIFERIMENTI DLGS. N. 23/2011; ART. 13 DLGS. N. 472/97;

Dettagli

Riduzione delle sanzioni: ravvedimento e istituti definitori a confronto Le novità della Legge di Stabilità 2015

Riduzione delle sanzioni: ravvedimento e istituti definitori a confronto Le novità della Legge di Stabilità 2015 Riduzione delle sanzioni: ravvedimento e istituti definitori a confronto Le novità della Legge di Stabilità 2015 dott. Fabrizio Povinelli Capo Area Imprese grandi e medie dimensioni Agenzia delle Entrate

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 48 12.02.2015 Il nuovo ravvedimento I chiarimenti di Telefisco 2015 Categoria: Finanziaria Sottocategoria: 2015 Categoria: Versamenti Sottocategoria:

Dettagli

Fiscal News N. 25. Nuovo ravvedimento: chiarimenti del Videoforum. La circolare di aggiornamento professionale Legge di Stabilità 2015

Fiscal News N. 25. Nuovo ravvedimento: chiarimenti del Videoforum. La circolare di aggiornamento professionale Legge di Stabilità 2015 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 25 27.01.2015 Nuovo ravvedimento: chiarimenti del Videoforum Categoria: Finanziaria Sottocategoria: 2015 La Legge di Stabilità 2015 è intervenuta

Dettagli

Circolare N. 34 del 5 Marzo 2015

Circolare N. 34 del 5 Marzo 2015 Circolare N. 34 del 5 Marzo 2015 Saldo IVA 2014: alla cassa il prossimo 16.03.2015 per chi presenta la dichiarazione in forma autonoma Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che i soggetti

Dettagli

Modelli 770/ Proroga dei termini di presentazione - Effetti ai fini del ravvedimento operoso

Modelli 770/ Proroga dei termini di presentazione - Effetti ai fini del ravvedimento operoso Modelli 770/2015 - Proroga dei termini di presentazione - Effetti ai fini del ravvedimento operoso Novità Circolare numero 27 del 27 luglio 2015 Via Leoncino, 22 37121 Verona - IT Foro Buonaparte, 67 20121

Dettagli

- ASPETTI GENERALI DELLA DICHIARAZIONE IVA

- ASPETTI GENERALI DELLA DICHIARAZIONE IVA INDICE Novità dei Modelli IVA 2012... pag. 9 Novità nella dichiarazione IVA annuale...» 9 Mod. IVA BASE 2012... pag. 12 Il Modello IVA BASE...» 12 Soggetti interessati...» 12 Soggetti esclusi...» 13 Caratteristiche

Dettagli

Studio Paolo Simoni. Dottori Commercialisti Associati

Studio Paolo Simoni. Dottori Commercialisti Associati Dott. Paolo Simoni Dott. Grazia Marchesini Dott. Alberto Ferrari Dott. Federica Simoni Rag. Lidia Gandolfi Dott. Francesco Ferrari Dott. Enrico Ferra Dott. Agostino Mazziotti Bologna, 03/02/2015 Ai Signori

Dettagli

Affitti non registrati: il ravvedimento sana solo le infrazioni fiscali

Affitti non registrati: il ravvedimento sana solo le infrazioni fiscali CIRCOLARE A.F. N. 41 del 6 Marzo 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Affitti non registrati: il ravvedimento sana solo le infrazioni fiscali Gentile cliente, con la presente desideriamo effettuare alcune

Dettagli

Oggetto: LE REGOLE DEL RAVVEDIMENTO DI OMESSI O PARZIALI VERSAMENTI

Oggetto: LE REGOLE DEL RAVVEDIMENTO DI OMESSI O PARZIALI VERSAMENTI www..com posta@.com Altavilla Vicentina, 7 luglio 2010 associati dottori commercialisti pierpaolo baldinato gabriele pantaleoni collaboratori dottori commercialisti sabrina gasparotto viviana gentile gaia

Dettagli

RAVVEDIMENTO OPEROSO MODALITA E TERMINI

RAVVEDIMENTO OPEROSO MODALITA E TERMINI Servizio Tributi OMISSIONI R A V V E D E R S I E POSSIBILE RAVVEDIMENTO OPEROSO MODALITA E TERMINI I M U T A S I 2015 - Art. 13, D.Lgs. 472/1997 e successive modificazioni. - Art. 1, comma 20 lett. a)

Dettagli

Informativa n. 48. Versamento dell IVA dopo la riscossione del corrispettivo INDICE. del 26 novembre 2012

Informativa n. 48. Versamento dell IVA dopo la riscossione del corrispettivo INDICE. del 26 novembre 2012 Informativa n. 48 del 26 novembre 2012 Versamento dell IVA dopo la riscossione del corrispettivo INDICE 1 Premessa... 2 1.1 Provvedimenti attuativi... 2 1.2 Decorrenza... 2 1.3 Abrogazione dell attuale

Dettagli

TITOLO I CRITERI APPLICATIVI DELLE SANZIONI

TITOLO I CRITERI APPLICATIVI DELLE SANZIONI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE COMUNE DI AYAS Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 24 del 12.05.2009, modificato con deliberazione del Consiglio comunale

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 328 28.10.2016 Dichiarazione integrativa: nuovi termini A cura di Pasquale Pirone Categoria: Contribuenti Sottocategoria: Adempimenti Con l art.

Dettagli

DICHIARAZIONI INTEGRATIVE e RAVVEDIMENTO OPEROSO L 190/2014. G. Manzana

DICHIARAZIONI INTEGRATIVE e RAVVEDIMENTO OPEROSO L 190/2014. G. Manzana DICHIARAZIONI INTEGRATIVE e RAVVEDIMENTO OPEROSO L 190/2014 G. Manzana www.manzana.it DR INTEGRATIVE ART. 2, C. 8, DPR 322/98 ART. 2, C. 8-BIS, DPR 322/98 INTEGRATIVA ENTRO TERMINI ACCERTAMENTO INTEGRATIVA

Dettagli

Ad uso degli Uffici 50&Più Caaf e strutture convenzionate Anno IX - N. 3 / 2014

Ad uso degli Uffici 50&Più Caaf e strutture convenzionate Anno IX - N. 3 / 2014 ORIENTAMENTI FISCALI Ad uso degli Uffici 50&Più Caaf e strutture convenzionate Anno IX - N. 3 / 2014 LA CORREZIONE DEL MOD. 730/2014 CON IL MOD. UNICO 2014 1. GENERALITÀ I contribuenti che si sono avvalsi

Dettagli

REGOLAMENTO ADDIZIONALE COMUNALE I.R.P.E.F. Approvato con delibera C.C. n. 3 del

REGOLAMENTO ADDIZIONALE COMUNALE I.R.P.E.F. Approvato con delibera C.C. n. 3 del REGOLAMENTO ADDIZIONALE COMUNALE I.R.P.E.F. Approvato con delibera C.C. n. 3 del 29.1.2007 Il Sindaco Il Segretario Comunale REGOLAMENTO ADDIZIONALE COMUNALE I.R.P.E.F. Art. 1 Oggetto del regolamento Il

Dettagli

ACCONTO DI NOVEMBRE (AVV. MAURIZIO VILLANI)

ACCONTO DI NOVEMBRE (AVV. MAURIZIO VILLANI) STUDIO LEGALE TRIBUTARIO Avv. MAURIZIO VILLANI PATROCINANTE IN CASSAZIONE VIA CAVOUR, 56 TEL. 0832 247510 73100 LECCE LECCE, 10/11/2004 ACCONTO DI NOVEMBRE (AVV. MAURIZIO VILLANI) Il 30 novembre p.v. scade

Dettagli

Fiscal Flash N. 326. IMU: i rimedi dopo il 16 dicembre 2013. La notizia in breve 17.12.2013

Fiscal Flash N. 326. IMU: i rimedi dopo il 16 dicembre 2013. La notizia in breve 17.12.2013 Fiscal Flash La notizia in breve N. 326 17.12.2013 IMU: i rimedi dopo il 16 dicembre 2013 Come comportarsi per sanare eventuali omissioni od errori legati al saldo IMU Categoria: Imposte locali Sottocategoria:

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 33 del 25 Febbraio 2011 Ai gentili clienti Loro sedi Versamento tassa annuale sui libri sociali entro il 16 marzo 2011 Gentile cliente, con la presente desideriamo ricordarle

Dettagli

CIRCOLARE MONOGRAFICA N. 1704 6 SETTEMBRE 2011 IL RAVVEDIMENTO OPEROSO DAL 1 FEBBRAIO 2011

CIRCOLARE MONOGRAFICA N. 1704 6 SETTEMBRE 2011 IL RAVVEDIMENTO OPEROSO DAL 1 FEBBRAIO 2011 CIRCOLARE MONOGRAFICA N. 1704 6 SETTEMBRE 2011 IL RAVVEDIMENTO OPEROSO DAL 1 FEBBRAIO 2011 Dal 6 luglio 2011 il nuovo ravvedimento sprint di Stefano Setti La manovra correttiva 2011 ha stabilito che a

Dettagli

DICHIARAZIONE INTEGRATIVA SEMPLICE. - art.8, legge 27 dicembre 2002 n. 289.

DICHIARAZIONE INTEGRATIVA SEMPLICE. - art.8, legge 27 dicembre 2002 n. 289. DICHIARAZIONE INTEGRATIVA SEMPLICE - art.8, legge 27 dicembre 2002 n. 289. SOGGETTI INTERESSATI TUTTI I CONTRIBUENTI CHE HANNO PRESENTATO O CHE AVREBBERO DOVUTO PRESENTARE UNA DICHIARAZIONE ENTRO IL 31

Dettagli

Sanzioni amministrative

Sanzioni amministrative Sanzioni amministrative Dichiarazione redditi e Irap omessa: NUOVE PREVI Sanzione base: dal 120 al 240% delle imposte dovute, con minimo di 250 euro Sanzione base in assenza di imposte dovute: da 250 a

Dettagli

INDICE IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLA CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI

INDICE IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLA CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI IL RAVVEDIMENTO SPRINT IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E IL MODELLO 770 IL RAVVEDIMENTO OPEROSO

Dettagli

MONOGRAFIA L IMPOSTA SOSTITUTIVA SULLA RIVALUTAZIONE DEL TFR

MONOGRAFIA L IMPOSTA SOSTITUTIVA SULLA RIVALUTAZIONE DEL TFR MONOGRAFIA L IMPOSTA SOSTITUTIVA SULLA RIVALUTAZIONE DEL TFR Indice Introduzione Soggetti obbligati Calcolo della rivalutazione del TFR Imposta sostitutiva Acconto Saldo Termini di versamento Modalità

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 335 08.11.2016 Omesso canone di locazione anno 2012 Categoria: Contribuenti Sottocategoria: Adempimenti A cura di Pasquale Pirone Il contribuente

Dettagli

Dott. Salvatore Giordano Commercialista in Salerno

Dott. Salvatore Giordano Commercialista in Salerno Dott. Salvatore Giordano Commercialista in Salerno Premessa La legge di stabilità 2015 (L. 190/2014), ai commi 634-640 ha disciplinato l adempimento spontaneo dei contribuenti, compreso il ravvedimento

Dettagli

E ancora dubbio il costo del ravvedimento di una dichiarazione integrativa presentata nei 90 giorni dalla scadenza

E ancora dubbio il costo del ravvedimento di una dichiarazione integrativa presentata nei 90 giorni dalla scadenza DICHIARAZIONE INTEGRATIVA E RAVVEDIMENTO OPEROSO a cura di Giovanni Valcarenghi e Sergio Pellegrino Premessa Dopo avere trasmesso le dichiarazioni dei redditi del periodo di imposta 2011, potrebbe accadere

Dettagli

RAVVEDIMENTO OPEROSO 2016 TUTTE LE NOVITÀ

RAVVEDIMENTO OPEROSO 2016 TUTTE LE NOVITÀ Ebook gratuito RAVVEDIMENTO OPEROSO 2016 TUTTE LE NOVITÀ Autori: Rita Martin Sommario Premessa... 3 Modalità di calcolo... 3 Tipologie di ravvedimento... 4 Ravvedimento per omesso o insufficiente versamento...

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. dispone

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. dispone PROT. 112072/2016 Attuazione dell articolo 1, commi da 634 a 636, della legge 23 dicembre 2014, n. 190 Comunicazione per la promozione dell adempimento spontaneo nei confronti dei soggetti destinatari

Dettagli

2. AVVERTENZE GENERALI 1

2. AVVERTENZE GENERALI 1 2. AVVERTENZE GENERALI 1 2.1 REPERIBILITÀ DEI MODELLI - VERSAMENTI E RATEIZZAZIONI Reperibilità dei modelli I modelli di dichiarazione IVA e le relative istruzioni non vengono stampati dall amministrazione

Dettagli

Le modifiche al sistema delle sanzioni nei confronti degli intermediari per la trasmissione telematica

Le modifiche al sistema delle sanzioni nei confronti degli intermediari per la trasmissione telematica Le modifiche al sistema delle sanzioni nei confronti degli intermediari per la trasmissione telematica Riflessi delle modifiche introdotte dalla finanziaria 2007 alla luce delle circolari 52/2007 e 11/2008

Dettagli

RISOLUZIONE N. 110/E

RISOLUZIONE N. 110/E RISOLUZIONE N. 110/E Direzione Centrale Normativa Roma, 12 dicembre 2012 OGGETTO: Chiarimenti in merito all applicabilità dell istituto della remissione in bonis Sono pervenute alla scrivente, da parte

Dettagli

CIRCOLARE N. 3/2017. Approfondimento. Oggetto: utilizzo in compensazione del credito IVA annuale 2016 e visto di conformità

CIRCOLARE N. 3/2017. Approfondimento. Oggetto: utilizzo in compensazione del credito IVA annuale 2016 e visto di conformità Dott. Sandro Guarnieri Dott. Marco Guarnieri Dott. Corrado Baldini A tutti i sigg.ri Clienti Loro sedi Dott. Cristian Ficarelli Dott.ssa Clementina Mercati Dott.ssa Sara Redeghieri Dott. Paolo Caprari

Dettagli

CONTROLLO FORMALE GRUPPO DI LAVORO SUL CONTENZIOSO TRIBUTARIO

CONTROLLO FORMALE GRUPPO DI LAVORO SUL CONTENZIOSO TRIBUTARIO CONTROLLO FORMALE GRUPPO DI LAVORO SUL CONTENZIOSO TRIBUTARIO 1 Il controllo formale delle dichiarazioni Art. 36 bis Liquidazione delle imposte sulla base dei dati emergenti dalla dichiarazione dei redditi.

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 287 27.09.2016 Unico 2016: il recupero dei pagamenti eccedenti Categoria: Unico Sottocategoria: Dichiarazione Il contribuente che effettua un

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Friuli Venezia Giulia - Direzione Generale

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Friuli Venezia Giulia - Direzione Generale Prot. n. AOODRFR/11471 Trieste, 20 dicembre 2012 A mezzo posta elettronica Ai Dirigenti degli istituti scolastici statali e paritari della Regione E p. c. Ai Dirigenti degli Uffici V-VI-VII-VIII Al Sito

Dettagli

Saldo IMU e TASI 2015: come rimediare agli errori

Saldo IMU e TASI 2015: come rimediare agli errori Periodico informativo n. 177/2015 Saldo IMU e TASI 2015: come rimediare agli errori Gentile Cliente, con la stesura del presente documento intendiamo informarla sulle possibilità di rimedio degli errori

Dettagli

OGGETTO: Sanzioni in materia di riscossione - articoli 13 e 14 del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 471 QUESITO

OGGETTO: Sanzioni in materia di riscossione - articoli 13 e 14 del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 471 QUESITO RISOLUZIONE N. 165/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 11 luglio 2007 OGGETTO: Sanzioni in materia di riscossione - articoli 13 e 14 del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 471 Con

Dettagli

Il nuovo sistema sanzionatorio amministrativo

Il nuovo sistema sanzionatorio amministrativo Il nuovo sistema sanzionatorio amministrativo dal 2017 Il nuovo sistema sanzionatorio amministrativo in vigore dal 2017 ha modificato l applicazione della dichiarazione infedele, dichiarazione omessa,

Dettagli

LIMITI ALLA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA: I CHIARIMENTI DEFINITIVI

LIMITI ALLA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA: I CHIARIMENTI DEFINITIVI Circolare N. 05 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 22 gennaio 2010 LIMITI ALLA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA: I CHIARIMENTI DEFINITIVI Come noto, dal 1 gennaio 2010 l utilizzo in compensazione

Dettagli