Le reti in area locale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le reti in area locale"

Transcript

1 Parte III Le reti in area locale Introduzione alle LAN Famiglia degli standard IEEE 802 Ethernet Reti in area locale (LAN) (1/2) Nascono per interconnettere sistemi di elaborazione delle informazioni e periferiche distribuiti in un area geografica limitata Fattori trainanti: Diminuzione del costo delle risorse hardware Distribuzione delle risorse di calcolo Necessità di interconnessione Flessibilità nella gestione e facile espansibilità

2 Reti in area locale (LAN) (2/2) Caratteristiche di una LAN: Estensione geografica limitata (edificio, gruppo di edifici) Proprietà, amministrazione e gestione di una singola organizzazione Unico mezzo trasmissivo a capacità elevata e con basso tasso d'errore (es. < ) La banda del mezzo trasmissivo è molto maggiore di quella richiesta da ciascun utente Rete senza funzionalità di commutazione, ma dotata di protocollo di accesso Evoluzione delle tecnologie per LAN LAN ad alta velocità FDDI, Fast Ethernet, HIPPI, Fibre Channel, LAN ottiche LAN commutate ogni singola stazione ha un accesso dedicato LAN virtuali indipendenza della topologia logica da quella fisica AM LAN Wireless LAN Interfaccia radio

3 Evoluzione delle LAN 1 Generazione (es. CSMA/CD, oken ring) velocità limitata ( 10 Mbit/s) interconnessione locale (terminal to host) 2 Generazione (es. FDDI, Fibre Channel) backbone ad alta velocità (100 Mbit/s) interconnessione di high speed workstation 3 Generazione (es. AM LAN, Fast Ethernet) throughput scalabile comunicazioni multimediali supporto di servizi real time e della mobilità opologie (1/3) Bus bidirezionale Bus unidirezionale ripiegato Bus unidirezionale doppiamente ripiegato Doppio bus unidirezionale

4 opologie (2/3) Anello Stella H : erminale H : Hub opologie (3/3) opologia ad albero B Bridge Stazione B INFOCOM Fac. Ingegneria B B Dip Elettrica Dip Elettronica Vincoli sull estensione possono essere superati dividendo la rete in più sezioni Il Bridge (Ponte) è l elemento che permette di collegare le diverse sezioni (LAN) di una rete più estesa

5 Architettura protocollare (1/2) Modello OSI Applicazione Presentazione Sessione rasporto Rete Collegamento Fisico Inter-networking Controllo del Collegamento Logico (LLC) Controllo di Accesso al Mezzo (MAC) Procedure meccaniche e fisiche per la trasmissione del segnale Architettura protocollare (2/2) Strato LLC (Logical Link Control) Nascondere agli strati superiori il livello fisico e MAC sottostante Scambio delle unità informative tra le stazioni di una LAN Gestione del flusso delle unità informative di strato LLC Rivelazione e recupero degli errori Strato MAC (Medium Access Control) Ha il compito di gestire l accesso delle stazioni al mezzo condiviso in maniera da ridurre le collisioni Funzioni di arbitraggio

6 Elementi di rete Router: instrada i messaggi da/verso il mondo esterno (funzioni logiche con configurazione) Rete Collegamento Fisico Bridge: Filtra i messaggi tra LAN diverse (funzioni logiche senza configurazione) Hub: rigenera il segnale (solo funzioni di strato fisico) Interconnessione di LANs R Internet R B B B LAN R R Internet R Internet R H B R erminale H Hub B Bridge R Router erminale: sorgente e destinazione dell informazione All interno di una LAN può essere presente un certo numero di Hub LAN diverse sono interconnesse dai Bridge (estensione della rete su più vasta scala) L insieme delle LAN tra loro interconnesse è interfacciato al mondo esterno (Internet) mediante i Router

7 Standard IEEE 802 (1/2) Organizzazione degli standard CSMA/CD Protocollo di strato LLC oken bus oken ring DQDB Strato di controllo del Collegamento Logico Strato Fisico Standard IEEE 802 (2/2) Nome IEEE IEEE IEEE Velocità 1-10 Mbit/s 10 Mbit/s 4-16 Mbit/s opologia Bus Bus Anello ecnica di accesso CSMA/CD oken oken Modo di trasferimento Pacchetto Pacchetto Pacchetto Mezzo fisico Doppino o Coassiale Coassiale Coassiale o Fibra Lunghezza Max 500 m 2000 m 3000 m Servizi Dati Dati Dati

8 La Rete Ethernet (Standard IEEE 802.3) La rete Ethernet è una delle reti locali più diffuse a livello mondiale Nacque agli inizi degli anni 70 presso il laboratorio di ricerca Xeros californiano Nel 1982 lo standard divenne Ethernet II (Digital, Intel, Xeros) Nel 1983 lo standard fu posto sotto il controllo dell IEEE (nel gruppo 802) Ethernet opologia: a BUS o a stella Mezzi trasmissivi: cavo coassiale, doppino di rame, fibra ottica Protocollo di accesso al mezzo: CSMA/CD La velocità di trasmissione: da 10 Mbit/s a 1Gb/s in banda base con codifica di tipo Manchester Diverse tipologie: XBaseY

9 IEEE 802.3: strato fisico 10Base5 (*) 10Base2 (*) 10Base- (*) 10Base-F (*) coassiale spesso fibra ottica 500 m/seg 200 m /seg 100 m /seg 2000 m /seg 100 nodi/seg 30 nodi/seg 1024 nodi 1024 nodi/seg attacchi a morsa con cavi transceiver coassiale sottile connettori passivi a coppia simmetrica cablaggio a stella con hub utile per connettere due segmenti distanti (*) X(Mbit/s)Base/Broad(band)Y(centinaia di m)/wisted pair/fiber optics La configurazione fisica di una LAN può includere molteplici segmenti interconnessi con ripetitori fisici, ma una qualsiasi coppia di transceiver non deve distare più di 2.5 km Codifica di linea Manchester E una codifica NRZ con componente continua nulla e autosincronizzante, ma richiede banda doppia Codifica 1 con la transizione H-L del segnale e 0 con la transizione L-H (H = L = 0.85 V); H-H e L-L sono violazioni del codice

10 Mezzi rasmissivi: Cavo Coassiale Caratteristiche: leggermente piu' caro del doppino, capacità media, non soggetto a interferenze come il doppino, meno maneggievole Cavo coassiale (thin ethernet) Connettore a Coppia Simmetrica (wisted Pair) (1/2) Prestazioni (rapporto S/N) inferiori al cavo coassiale Utilizzabili anche per bit rate elevati (>100 Mbit/s) su brevi distanze (~100 m) ipicamente usato in cavetti a 4 coppie (4 segnali) Basso costo e facilità di posa (riuso, ad esempio, di impianti telefonici) Adatto a cablaggi strutturati Enorme diffusione dal '90 Le prestazioni dipendono da: materiali isolanti utilizzati geometria delle coppie differenziazione dei passi di binatura sezione dei conduttori

11 Coppia Simmetrica (2/2) Varianti UP (Unshielded): non schermato FP (Foiled): un solo schermo per tutto il cavetto SP (Schielded): schermato coppia per coppia Doppini: categorie dei cavi La categoria 1 (elecommunication) comprende i cavi adatti unicamente a telefonia analogica. La categoria 2 (Low Speed Data) comprende i cavi per telefonia analogica e digitale (ISDN) e trasmissione dati a bassa velocità (per esempio linee seriali). La categoria 3 (High Speed Data) è la prima categoria di cavi adatti a realizzare reti locali fino a 10 Mb/s, in particolare per soddisfare gli standard 10Base di e oken-ring a 4Mb/s. La categoria 4 (Low Loss, High Performance Data) comprende i cavi per LAN oken-ring fino a 16 Mb/s. La categoria 5 (Low Loss, Extended Frequency, High Performance Data) comprende i migliori cavi disponibili, per applicazioni fino a 100 Mb/s, su distanze di 100 metri.

12 Mezzi rasmissivi: Fibra Ottica Si presenta come un filo costituito da due parti: la più interna prende il nome di nucleo (core) l'esterna di mantello (cladding) Il core ed il cladding hanno indici di rifrazione diversi, ed il primo è più denso del secondo. La differenza negli indici di rifrazione determina la possibilità di mantenere la luce totalmente confinata all'interno del core. L informazione è trasmessa tramite impulsi di luce che rappresentano i bit (0 e 1) Fibra ottica Fibra Ottica (1/2) Insensibilità al rumore elettromagnetico Mancanza di emissioni Bassa attenuazione Banda passante teoricamente illimitata Costo della fibra relativamente basso Alto costo per interfacce e connettori Le fibre ottiche sono unicamente adatte a collegamenti punto-punto, non essendo possibile prelevare o inserire il segnale in un punto intermedio, cosa invece possibile con mezzi trasmissivi elettrici Campi di impiego altissima velocità (dorsali) ambienti con problemi di compatibilità elettromagnetica protezione dalla propagazione delle sovratensioni lunghe distanze di interconnessione

13 Fibra Ottica (2/2) Fibre multimodali prestazioni inferiori costo contenuto interfacce relativamente poco costose Fibre monomodali (ottenute diminuendo la dimensione del core) prestazioni più elevate più costose delle fibre multimodali interfacce più costose maggiori difficoltà per connettere i diversi tronconi Scheda di Rete (NIC) E l interfaccia (adattatore) che permette di collegare la stazione alla rete Realizza le funzioni di strato 2 (LLC e MAC) Scheda di Rete Ethernet PCI

14 IEEE 802.3: sottostrato MAC (1/3) Formato di una MAC PDU 7 ottetti 1 ottetto 2 o 6 ottetti 2 o 6 ottetti 2 ottetti ottetti Preambolo Delimitatore di inizio trama Indirizzo di destinazione Indirizzo di sorgente Lunghezza Dati di strato LLC 0-46 ottetti 4 ottetti PAD FCS IEEE 802.3: sottostrato MAC (2/3) Il preambolo contiene una sequenza di 1 e 0 (onda quadra a 20 MHz per 5.6 µs) Start e End delimitano la MAC-PDU, anche con l ausilio del campo lunghezza I primi due bit dell indirizzo servono ad indicare indirizzi multicast (1) o unicast (0), locali e globali Il campo dati può contenere da 0 a 1500 ottetti; il campo Pad serve a garantire una lunghezza minima complessiva di 64 bytes Il campo checksum contiene un CRC per rivelazione di errore

15 IEEE 802.3: sottostrato MAC (3/3) Usa una versione del protocollo CSMA/CD con 1- persistenza Dopo una collisione il tempo è suddiviso in slot di durata 51.2 µs (caso peggiore di R) Dopo l n-esima collisione, le stazioni calcolano un tempo di subentro uniformemente distribuito tra 0 e min{1023, 2 n 1} slots, n=1,,16 (binary exponential backoff) Il servizio di trasferimento MAC è di tipo best effort non riscontrato Ethernet 10Base5 su coassiale grosso Caratteristiche: alto costo, lunga distanza, media vulnerabilità, rapida obsolescenza, adatto per dorsali S1 S2 S3 Hub H terminazione minima distanza tra due nodi 2.5 m S4 S5 S6 drop cable max 50 m

16 S2 S1 Ethernet 10Base5 Segmenti e dominio di collisione Regola del (5 segmenti, 4 ripetitori, 3 segmenti popolati) Segmento popolato Estensione massima= circa metri max 100 nodi 500 metri R R R R S1 S2 S3 S1 S2 S3 S1 S2 S3 Segmento di collegamento nessun nodo 500 metri Ethernet 10Base2 su coassiale fino Caratteristiche: Basso costo, media distanza, alta vulnerabilità, potenziale obsolescenza Connettore a minima distanza tra due nodi 50 cm terminazione lunghezza massima del segmento 186 m Max 30 stazioni per segmento, Max 5 segmenti, 3 popolati Max 910m e 90 stazioni opologia a bus

17 Ethernet 10Base su doppino Caratteristiche: costo medio-basso, grande distanza, bassa vulnerabilità, massimo sviluppo, versioni con doppino e fibra ottica HUB (concentratore, non rigenera il segnale, ritrasmette verso tutte le stazioni) cavo UP max 100 m max 1024 nodi max 100 m HUB S1 S2 S3 S4 Ethernet 10Base su doppino Presa Spinotto Cavetti di distribuzione Cavetti di apparato Cavetti di permuta Strisce di permutazione Prese RJ45 HUB

18 Hub Quando una stazione trasmette, l HUB ripete il segnale su tutti le linee di uscita L HUB non svolge funzioni di tipo logico opologia fisica: A Stella opologia logica: A Bus HUB S1 S2 S3 S1 S2 S3 Ethernet 10Base Segmenti e dominio di collisione HUB 1 HUB 2 HUB 3 S4 max 100 m S1 HUB 4 S2 S3 S5 S7 S6 Estensione massima circa 500 metri

19 Caratteristiche: Ethernet 100Base Compatibilità all indietro, costo medio-alto, brevissima distanza, bassa vulnerabilità, rapido sviluppo, versioni con doppino e fibra ottica HUB 1 max 5 metri max 100 metri S1 HUB 2 S2 max 100 metri S4 Estensione massima circa 205 metri Gigabit Ethernet Caratteristiche: Compatibilità all indietro, costo medio-alto, grande distanza, grande capacità, bassa vulnerabilità, rapido sviluppo, versioni con doppino e fibra ottica 1Gbps Bridge Server 100Mbps links Centrali 1Gbps links 100m 5 Km 100Mbps Hubs

20 Reti Locali Ethernet ipo di rete ipo di cavo Max lunghezza singolo segmento Numero massimo nodi nel segmento Diametro massimo della rete Numero massimo di ripetitori Numero massimo segmenti in cascata 10Base-5 Coax grosso 500m m 4 5* 10Base-2 Coax fino 186m m 4 5* 10Base - UP 2 Coppie 100m da stazione ad hub 2 500m 4 5* 100Base-X 5 UP 2 Coppie 100m da stazione ad hub 2 205m 2 3** 1000Base- (Gigabit Eth) 5 UP 4 Coppie 100m da stazione ad hub 2 205m 2 3** * = 3 segmenti popolati da stazioni e 2 dedicati esclusivamente al collegamento tra Hub ** = di cui un segmento di 5 metri per il collegamento tra i due Hub Estensione della rete: BRIDGE BRIDGE Segmento 1 10 Mbit/s condivisi HUB 1 10 Mbit/s dedicati S4 HUB 1 HUB 2 S3 S5 S7 S1 S2 S6 Segmento 2 10 Mbit/s condivisi

21 Bridge (1/2) Il Bridge permette di collegare tra loro differenti domini di collisione creando cosi una rete di vasta estensione e con maggiore efficienza Il bridge opera a livello di strato 2 e ha il compito di filtrare le trame in transito facendo passare solo quelle dirette a un determinato dominio mittente LAN 3 LAN 1 BRIDGE LAN 2 destinatario Bridge (2/2) Perché usare i bridge? Interconnettere LAN con tecnologie differenti (es. Ethernet e oken Ring) Interconnettere LAN distanti (es. reti situate in edifici differenti) Migliorare le prestazioni (es. separare il traffico per ridurre il carico) Affidabilità (es. isolare nodi difettosi) Sicurezza (es. controllare il traffico in uscita da una rete)

22 Bridge: tabelle hash I bridge realizzano l operazione di filtraggio leggendo l indirizzo Ethernet delle trame ricevute Si basano su delle tabelle del tipo: Indirizzo Mac 6 bytes expressi in notazione esadecimale Primi 3 bytes: identificativo del costruttore Indirizzo Interfaccia tempo 74:29:9c:e8:ff:55 88:b2:2f:54:1a:0f 2 1 9:32 10: I bridge sono in grado di creare automaticamente e dinamicamente le tabelle sulla base degli indirizzi delle sorgenti Bridge: Apprendimento all indietro Indirizzo Interfaccia Segmento 1 BRIDGE Segmento A1-40-9A-26 Segmento 3 rama in uscita 00-0A D-36 Indirizzo Interfaccia A A Segmento E-0A-2A-28 BRIDGE Segmento 8 Indirizzo Interfaccia A A1-40-9A-26 1 rama per A scarta Segmento 3 BRIDGE Indirizzo Interfaccia A A1-40-9A A D-36 8 Segmento 1 Segmento 3 Segmento 8 rama per E-0A-2A-28

23 Indirizzo Bridg: apprendimento all indietro BRIDGE Interfaccia Segmento 8 Segmento 1 Segmento A D A1-40-9A-26 rama in uscita Indirizzo Interfaccia A Indirizzo Interfaccia A A1-40-9A-26 1 rama per A A Segmento E-0A-2A-28 BRIDGE Segmento 8 Segmento 2 scarta BRIDGE Indirizzo Interfaccia Segmento 1 Segmento A A1-40-9A-26 1 Segmento 2 rama per E-0A-2A A D-36 8 Bridge: Esempio (1/3) BRIDGE 1 Indirizzo Interfaccia 00-0A A1-40-9A-26 Segmento 1 BRIDGE 1 Segmento 3 Segmento A D A E-0A-2A-28 BRIDGE 2 Indirizzo Interfaccia 00-0A BRIDGE 2 Segmento A A rama in iscita da 00-0A Segmento A

24 Bridge: Esempio (2/3) BRIDGE 1 Indirizzo Interfaccia 00-0A A D A1-40-9A-26 Segmento 1 BRIDGE 1 Segmento 3 rama per 00-0A Segmento A D A E-0A-2A-28 BRIDGE 2 Indirizzo Interfaccia 00-0A A D-36 3 BRIDGE 2 Segmento A A Segmento A Bridge: Esempio (3/3) BRIDGE 1 Indirizzo Interfaccia 00-0A A D A1-40-9A-26 1 rama per 00-0A A1-40-9A-26 Segmento 1 BRIDGE 1 Segmento 3 Segmento A D A E-0A-2A-28 BRIDGE 2 Indirizzo Interfaccia 00-0A A D A1-40-9A-26 3 BRIDGE A Segmento 14 Segmento A A

25 Switch Svolge le stesse funzioni del bridge (inoltro e filtraggio dei pacchetti) Differenze con il bridge: Maggior numero di porte: un bridge ha generalmente 2-4 porte, uno switch può avere decine di interfacce rasmissione full-duplex Cut-through switching : non è necessario salvare un pacchetto in ingresso prima di inoltrarlo sul collegamento di uscita SWICH Connessione 10base Scheda costituita da 1 8 connettori Internetworking Stazione Bridge Router Hub Stazione Appl ras Rete LLC MAC Fis LLC MAC Fis Rete LLC MAC Fis Fis Appl ras Rete LLC MAC Fis LAN 1 Sezione 1 LAN 1 Sezione 2 LAN 2

26 Virtual LAN (VLAN) (1/3) Permette di organizzare i gruppi di utenti in differenti LAN virtuali sulla base della struttura organizzativa aziendale (dipartimenti, reparti, etc) piuttosto che sulla dislocazione fisica degli utenti Nella Ethernet classica (basata su hub, switch, etc) se un utente cambia ufficio, l amministratore di rete deve collegare l interfaccia di rete dell utente all hub di pertinenza e a volte tale hub può non essere raggiungibile Una VLAN permette di ri-cablare gli edifici via software Virtual LAN (VLAN) (2/3) Sono basate su bridge e switch progettati ad-hoc Bridge e switch hanno delle apposite tabelle di configurazione dove sono indicate le VLAN accessibili e da quali porte Le VLAN e le porte sui bridge e switch vengono distinte, ad esempio, da differenti colori I J K L 3 H A B C D G H 1 4 B1 GW GW B2 E F G H H GW W 2 H M N O 4 LAN fisiche, 2 LAN virtuali 2 LAN virtuali I J K L G G G G A B C D G G W S1 W GW W G S2 W G E F G H W W W M N O

27 Virtual LAN (VLAN) (3/3) Se un utente della LAN fisica 4 diventa un utente della LAN virtuale grigia allora la porta da B2 verso la LAN fisica 4 dovrà diventare GW I bridge o gli switch riconoscono di quale colore sono i frame in ingresso sulla base Del colore della VLAN attribuito alla porta nella quale il frame sta entrando Del colore della VLAN attribuito all indirizzo MAC del frame in ingresso Del colore della VLAN attribuito all indirizzo IP del pacchetto contenuto nel frame di ingresso Realizzazione di una LAN Internet Router 100Mbit/s 100Mbit/s WWW Server Bridge Mail server HUB HUB HUB

28 Effetto del ritardo di propagazione nel CSMA Il ritardo di propagazione (D) nel caso di accesso multiplo in accordo al protocollo CSMA ha un effetto importante sulle prestazioni del protocollo Da tale valore dipende infatti la lunghezza minima della UI CSMA Spazio t o istante in cui inizia a trasmettere S 2 S 1 S 2 S 3 S 4 t 1 istante in cui inizia a trasmettere S 3 tempo Periodo di collisione

29 Spazio S 1 S 2 S 3 S 4 t o t 1 Periodo di collisione tempo CSMA/CD Rivelazione della collisione ed interruzione della trasmissione empo necessario per rivelare una collisione Caso peggiore=2d S1 Collisione (1bit) S2 S1 D S2 D

30 Effetto del ritardo di propagazione Se 2D= 51,2 µs (caso di 4 ripetitori e 5 segmenti) e R= 10 Mbit/s, la lunghezza minima di una PDU di strato MAC è uguale a 64 byte (es. LAN Ethernet) Se invece fosse R= 1 Gbit/s, risulterebbe una lunghezza minima di 6400 byte. Modello semplificato del CSMS-CD rama rama rama rama Periodo di trasmissione Periodo di contesa Periodo idle Slot di contesa=intervallo temporale necessario a due stazioni per accorgersi di una avvenuta contesa=2d

31 Probabilità di successo Se k stazioni tentano una trasmissione con probabilità p all inizio di ogni intervallo di contesa, la probabilità di successo per una stazione è P r =kp(1 p) k 1 ; Il valore massimo si ottiene per p=1/k per k Pr=1/e; Pr max = k 1 k k 1 1 Probabilità di successo Probabilità di successo /e Numero di stazioni "pronte"

32 Probabilità di successo Indichiamo con A la probabilità di successo La probabilità che l intervallo di contesa sia costituito da j slots è A*(1-A) j-1 e quindi il numero medio di slot per contesa è: j =0 ja( 1 A) j 1 = 1 A Il valore medio del tempo per risolvere le contese è 2D/A che nel caso di p ottima è 2De. Efficienza Se il tempo necessario a trasmettere una trama è di secondi, quando le stazioni hanno tante trame da trasmettere, l'efficienza del protocollo è: E = + 2D / A

33 Se si assume: Efficienza la dimensione della trama=l la capacità del canale= R la lunghezza del bus = F la velocità di propagazione del segnale=c allora: E = L / R L / R + 2Fe / c 1 = 1 + 2eFR / cl Il fattore che gioca è il prodotto ritardoxlarghezza di banda (F*R); per R=10 Mbit/s e F=2500 m (c km/s), si ha S=1/(1+85/L), con L in bytes Al crescere del rapporto R*F l efficienza diminuisce 2D=51.2 µs, R=10Mbit/s Efficienza Lunghezza trame=1024 bytes Lunghezza trame=512 bytes Efficienza Lunghezza trame=256 bytes Lunghezza trame=128 bytes Lunghezza trame=64 bytes Numero di stazioni "pronte"

Reti LAN. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it

Reti LAN. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Reti LAN IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Le LAN Una LAN è un sistema di comunicazione che permette ad apparecchiature indipendenti di comunicare fra loro entro un area limitata

Dettagli

Networking e Reti IP Multiservizio

Networking e Reti IP Multiservizio Networking e Reti IP Multiservizio Modulo 2: Introduzione alle reti per dati IEEE802.3 (Ethernet) Gabriele Di Stefano: gabriele@ing.univaq.it Argomenti già trattati: Lezioni: Concetti fondamentali Entità

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 22

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 22 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 22 Martedì 20-05-2014 1 Ethernet Ethernet

Dettagli

RETI -ARGOMENTI. Prof.ssa D'Angelo - Ti presento le reti - www.meatim.eu

RETI -ARGOMENTI. Prof.ssa D'Angelo - Ti presento le reti - www.meatim.eu RETI -ARGOMENTI 1. Definizione di Internet dal punto di vista fisico 2. Definizione di Internet dal punto di vista logico 3. Le reti di accesso 4. I tre tipi di connessione 5. Le reti locali (L.A.N.) 6.

Dettagli

Ethernet Truncated Binary Exponential Back-off (TBEB)

Ethernet Truncated Binary Exponential Back-off (TBEB) Reti di Telecomunicazioni R. Bolla, L. Caviglione, F. Davoli Standard IEEE 802 Ethernet Truncated Binary Exponential Back-off (TBEB) IEEE 802.3 20.2 Livello di Rete LLC MAC 802.3 802.2 Logical Link Control

Dettagli

Sottolivello MAC - Medium Access Protocol

Sottolivello MAC - Medium Access Protocol Sottolivello MAC - Medium Access Protocol Sottolivello del data link Regola l accesso al mezzo per reti broadcast LAN e WAN satellitari allocazione statica - a priori allocazione dinamica - in base allo

Dettagli

Fast Ethernet. Caratteristiche generali

Fast Ethernet. Caratteristiche generali Fast Ethernet Caratteristiche generali Nascita di Fast Ethernet La rapida crescita delle reti locali e lo sviluppo crescenti di applicazioni e servizi multimediali ha portato all'esigenza di realizzare

Dettagli

Introduzione alle Reti Telematiche Centro Multimediale Montiferru

Introduzione alle Reti Telematiche Centro Multimediale Montiferru Domande di verifica: Standard IEEE 802.2, IEEE802.3 1. I protocolli di sottolivello MAC (Medium Access Control) hanno lo scopo A. di permettere la condivisione di un canale punto-punto B. di permettere

Dettagli

Reti in Area Locale (LAN)

Reti in Area Locale (LAN) Reti in Area Locale (LAN) A.A. 200-200 Docente: Vincenzo Eramo Reti in area locale (LAN) Scopo Interconnettere apparecchiature di calcolo (personal computers, workstations, stampanti) Caratteristiche di

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI CLASSIFICAZIONE DELLE RETI A seconda dei ruoli dei computer le reti si classificano in: Reti Client Server in cui sono presenti computer con ruoli diversi, alcuni funzionano da client e uno o più da server

Dettagli

Reti locali LAN (Local Area Networks)

Reti locali LAN (Local Area Networks) Reti locali LAN (Local Area Networks) Una LAN è un sistema di comunicazione che permette ad apparecchiature indipendenti di comunicare tra di loro, entro un'area delimitata, utilizzando un canale fisico

Dettagli

MEZZI TRASMISSIVI 1. Il doppino 2. Il cavo coassiale 3. La fibra ottica 5. Wireless LAN 7

MEZZI TRASMISSIVI 1. Il doppino 2. Il cavo coassiale 3. La fibra ottica 5. Wireless LAN 7 MEZZI TRASMISSIVI 1 Il doppino 2 Il cavo coassiale 3 La fibra ottica 5 Wireless LAN 7 Mezzi trasmissivi La scelta del mezzo trasmissivo dipende dalle prestazioni che si vogliono ottenere, da poche centinaia

Dettagli

GLI APPARATI PER L INTERCONNESSIONE DI RETI LOCALI 1. Il Repeater 2. L Hub 2. Il Bridge 4. Lo Switch 4. Router 6

GLI APPARATI PER L INTERCONNESSIONE DI RETI LOCALI 1. Il Repeater 2. L Hub 2. Il Bridge 4. Lo Switch 4. Router 6 GLI APPARATI PER L INTERCONNESSIONE DI RETI LOCALI 1 Il Repeater 2 L Hub 2 Il Bridge 4 Lo Switch 4 Router 6 Gli apparati per l interconnessione di reti locali Distinguiamo i seguenti tipi di apparati:

Dettagli

Le tecnologie ed i componenti di Ethernet

Le tecnologie ed i componenti di Ethernet Le tecnologie ed i componenti di Ethernet Hub, Bridge, Switch Ethernet Tecnologia LAN dominante: Economica:

Dettagli

La classificazione delle reti

La classificazione delle reti La classificazione delle reti Introduzione Con il termine rete si intende un sistema che permette la condivisione di informazioni e risorse (sia hardware che software) tra diversi calcolatori. Il sistema

Dettagli

Esame di INFORMATICA

Esame di INFORMATICA Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 6 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite cavi oppure

Dettagli

15. Data link layer: Ethernet e FastEthernet

15. Data link layer: Ethernet e FastEthernet INFO-COM Dpt. Dipartimento di Scienza e Tecnica dell Informazione e della Comunicazione Università degli Studi di Roma La Sapienza 15. Data link layer: Ethernet e FastEthernet Prof. R. R. Cusani Ethernet

Dettagli

Switch di Livello 2 (L2 Switch) Tecniche di Ethernet Switching Tipologie di Switch. Switch di Livello 3 (L3 Switch)

Switch di Livello 2 (L2 Switch) Tecniche di Ethernet Switching Tipologie di Switch. Switch di Livello 3 (L3 Switch) Reti di Telecomunicazioni R. Bolla, L. Caviglione, F. Davoli Switch di Livello 2 (L2 Switch) Tecniche di Ethernet Switching Tipologie di Switch Switch di Livello 3 (L3 Switch) Virtual LAN (VLAN) 23.2 Inizialmente

Dettagli

Modulo 8 Ethernet Switching

Modulo 8 Ethernet Switching Modulo 8 Ethernet Switching 8.1 Ethernet Switching 8.1.1 Bridging a livello 2 Aumentando il numero di nodi su un singolo segmento aumenta la probabilità di avere collisioni e quindi ritrasmissioni. Una

Dettagli

Esame di INFORMATICA Lezione 6

Esame di INFORMATICA Lezione 6 Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 6 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite cavi oppure

Dettagli

Principali Standard per LAN. Sistemi LAN. Caratterisitche del Controllo di Accesso al Mezzo. La Storia di Ethernet

Principali Standard per LAN. Sistemi LAN. Caratterisitche del Controllo di Accesso al Mezzo. La Storia di Ethernet Sistemi LAN Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Principali Standard per LAN

Dettagli

i nodi i concentratori le dorsali

i nodi i concentratori le dorsali RETI LOCALI Reti di computer collegati direttamente tra di loro in un ufficio, un azienda etc. sono dette LAN (Local Area Network). Gli utenti di una LAN possono condividere fra di loro le risorse quali

Dettagli

Necessità crescente di maggiori velocità trasmissive. appendice allo standard, d 802.3u, comunemente nota come Fast Ethernet, che precisa le

Necessità crescente di maggiori velocità trasmissive. appendice allo standard, d 802.3u, comunemente nota come Fast Ethernet, che precisa le FAST ETHERNET Necessità crescente di maggiori velocità trasmissive compatibilità con le installazioni preesistenti appendice allo standard, d 802.3u, comunemente nota come Fast Ethernet, che precisa le

Dettagli

Reti, Protocolli e Indirizzi. DIMENSIONE della RETE. Arpanet e Internetworking. Topologia a Stella

Reti, Protocolli e Indirizzi. DIMENSIONE della RETE. Arpanet e Internetworking. Topologia a Stella Premessa breve Reti, Protocolli e Indirizzi Lo sviluppo delle telecomunicazioni ha avuto due fattori determinanti : L esistenza di una rete esistente (quella telefonica) La disponibilita di HW e SW adeguati

Dettagli

LE RETI E INTERNET. Definizione della rete Internet dal punto di vista fisico

LE RETI E INTERNET. Definizione della rete Internet dal punto di vista fisico LE RETI E INTERNET 1 Definizione della rete Internet dal punto di vista fisico LE RETI E INTERNET 2 Parla dei commutatori di pacchetto o packet switch. LE RETI E INTERNET 3 Parla dei dispositivi fisici

Dettagli

Reti di calcolatori. Lezione del 27 maggio

Reti di calcolatori. Lezione del 27 maggio Reti di calcolatori Lezione del 27 maggio TPC/IP ed i livelli 1 e 2 TCP/IP architettura di rete focalizzata sull internetworking Mancano i primi 2 livelli Connessione ad Internet: due scenari tipici Connessione

Dettagli

Componenti della rete

Componenti della rete Componenti della rete Nodi, Link e adattatori di rete (NIC) Modulazione e Multiplexing Tipologia di cavi - wireless Correzione d errore - rete affidabile Ethernet - reti ad anello - reti wireless - reti

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 1 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Intro: 1 Con il termine rete si indica in modo generico un collegamento fra 2 apparecchiature (sorgente - destinazione)

Dettagli

Si introdurranno poi le topologie delle reti di calcolatori per capire meglio come gli apparati vengono interconnessi e secondo quali standard.

Si introdurranno poi le topologie delle reti di calcolatori per capire meglio come gli apparati vengono interconnessi e secondo quali standard. Pagina 1 di 8 Installare e configurare componenti hardware di rete Topologie di rete In questo approfondimento si daranno alcune specifiche tecniche per l'installazione e la configurazione hardware dei

Dettagli

Esame di INFORMATICA COS E UNA RETE. Lezione 6 COMPONENTI DI UNA RETE VANTAGGI DI UNA RETE

Esame di INFORMATICA COS E UNA RETE. Lezione 6 COMPONENTI DI UNA RETE VANTAGGI DI UNA RETE Università degli Studi di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA A.A. 2008/09 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite

Dettagli

Evoluzione della rete Ethernet (II parte)

Evoluzione della rete Ethernet (II parte) Evoluzione della rete Ethernet (II parte) Argomenti della lezione Richiami sul funzionamento della rete Ethernet Fast Ethernet Gigabit Ethernet Implicazioni sul cablaggio 10Gb Ethernet 10 Gigabit Ethernet:

Dettagli

5. Internetworking L2/L3

5. Internetworking L2/L3 Università di Genova Facoltà di Ingegneria Reti di Telecomunicazioni e Telemedicina 1 5. Internetworking L2/L3 Prof. Raffaele Bolla dist! Sia l esistenza (almeno nella fase iniziale) di tecnologie diverse,

Dettagli

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti Locali Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti di Calcolatori una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi

Dettagli

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Indice Mezzi e tecniche di trasmissione dati Cavi in rame Fibre ottiche Onde radio e sistemi wireless Modulazione e demodulazione Reti di calcolatori

Dettagli

Nelle reti locali il livello 2 dlla pila OSI è suddiviso in: . delimitazione di trama (effettuata dal sottostrato MAC);

Nelle reti locali il livello 2 dlla pila OSI è suddiviso in: . delimitazione di trama (effettuata dal sottostrato MAC); Standard Lan Introduzione Nelle reti locali il livello 2 dlla pila OSI è suddiviso in:. strato MAC (Medium Access Control);. strato LLC (Logical Link Control). Le funzioni del livello 2 sono:. delimitazione

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Ripetitori, bridge, switch, router

Ripetitori, bridge, switch, router Ripetitori, bridge, switch, router Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 04 Segmentazioni - 1/31 Limiti delle LAN Distanze massime tra stazioni Limitano la portata

Dettagli

Brevi considerazioni sulla Tecnologia. Rete di calcolatori = insieme di nodi collegati mediante link di comunicazione

Brevi considerazioni sulla Tecnologia. Rete di calcolatori = insieme di nodi collegati mediante link di comunicazione Reti di Calcolatori Brevi considerazioni sulla Tecnologia 1 Definizioni Rete di calcolatori = insieme di nodi collegati mediante link di comunicazione Nodi: Calcolatore general purpose Switch o router

Dettagli

Protocolli di accesso multiplo

Protocolli di accesso multiplo Protocolli di accesso multiplo Quando l accesso ad una risorsa può avvenire da parte di più utenti indipendenti, si parla di risorsa condivisa ed è necessaria l implementazione di particolari protocolli

Dettagli

http://mottatommaso.altervista.org

http://mottatommaso.altervista.org Standard IEEE 802 per reti LAN http://mottatommaso.altervista.org T. Motta Rete locale Rete LAN: rete di computer di dimensione limitata e senza attraversamento di suolo pubblico Sono di diversi tipi:

Dettagli

Crescita di Internet. Torna alla prima pagina

Crescita di Internet. Torna alla prima pagina Crescita di Internet Ogni computer connesso ad Internet viene univocamente identificato dal proprio IP address: stringa di 32 bit costituita dall indirizzo della rete (net-id), e dall indirizzo del computer

Dettagli

Programmazione modulare 2015-2016

Programmazione modulare 2015-2016 Programmazione modulare 05-06 Indirizzo: Informatica Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: 4 B Docente: Buscemi Letizia Ore settimanali previste: 4 ore ( teoria + ) Totale ore previste: 4 ore per 33 settimane

Dettagli

Reti Locali. www.vincenzocalabro.it 1

Reti Locali. www.vincenzocalabro.it 1 Reti Locali 1 LAN (LocalArea Network) Rete di calcolatori Rete a commutazione di pacchetto; Reti Private; Alte prestazioni; Basso tasso di errore; Basso Costo. Sistema di comunicazione che permette ad

Dettagli

Evoluzione della rete Ethernet

Evoluzione della rete Ethernet Evoluzione della rete Ethernet Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza Analisi di traffico e

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo

Università degli Studi di Bergamo Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria 3 Reti locali.1 Architetture Prof. Filippini 2 Le reti locali (Local Area Networks-LAN) sono reti di telecomunicazione pensate e ottimizzate per

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 4

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 4 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 4 Martedì 17-03-2015 Mezzi trasmissivi I mezzi trasmissivi si dividono in

Dettagli

Prof.ssa Sara Michelangeli. Computer network

Prof.ssa Sara Michelangeli. Computer network Prof.ssa Sara Michelangeli Computer network Possiamo definire rete di computer (Computer network) un sistema in cui siano presenti due o più elaboratori elettronici ed i mezzi per connetterli e che consenta

Dettagli

Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI

Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI Fino a qualche anno fa, per poter gestire e trasmettere a distanza i dati elaborati si utilizzava il mainframe, in cui tutta la potenza di calcolo era concentrata

Dettagli

Reti Locali. Tecnologie delle Reti Locali. Caratteristiche delle Reti LAN. Applicazioni di LAN. Reti che coprono un area geografica limitata

Reti Locali. Tecnologie delle Reti Locali. Caratteristiche delle Reti LAN. Applicazioni di LAN. Reti che coprono un area geografica limitata I semestre 03/04 Tecnologie delle Reti Locali Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Reti Locali Reti che coprono un area geografica limitata un ufficio,

Dettagli

Reti e problematiche di Rete: Reti geografiche e reti locali

Reti e problematiche di Rete: Reti geografiche e reti locali Reti e problematiche di Rete: Reti geografiche e reti locali Enrico Cavalli - enrico.cavalli@unibg.it Università di Bergamo - Anno Accademico 2008-2009 Reti Locali Reti geografiche e reti locali 2 1 Applicazioni

Dettagli

Reti di Calcolatori:

Reti di Calcolatori: Reti di Calcolatori: Internet, Intranet e Mobile Computing a.a. 2007/2008 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/reti/reti0708.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Reti di Calcolatori:

Reti di Calcolatori: Reti di Calcolatori: Internet, Intranet e Mobile Computing a.a. 2007/2008 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/reti/reti0708.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì

Dettagli

Reti e Internetworking

Reti e Internetworking Titpi di rete - tecnologia trasmissiva Reti e Internetworking Riferimento A. Tanenbaum "Computer Networks" Prentice-Hall, 3a Ed. Elaboratori Rete una rete broadcast Titpi di rete tecnologia trasmissiva

Dettagli

Tecnologie Informatiche n 6

Tecnologie Informatiche n 6 LE RETI DI COMPUTER Una RETE INFORMATICA è costituita da un insieme di computer collegati tra di loro ed in grado di condividere sia le risorse hardware (periferiche accessibili dai vari computer che formano

Dettagli

Le Reti di Computer. Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione. I.S.I.S.S. Sartor CASTELFRANCO V.TO. Prof. Mattia Amadori

Le Reti di Computer. Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione. I.S.I.S.S. Sartor CASTELFRANCO V.TO. Prof. Mattia Amadori I.S.I.S.S. Sartor CASTELFRANCO V.TO Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione Le Reti di Computer Prof. Mattia Amadori Anno Scolastico 2015/2016 COS È UNA RETE DI COMPUTER? Rete di computer è

Dettagli

APPARATI DI INTERNETWORKING

APPARATI DI INTERNETWORKING APPARATI DI INTERNETWORKING Prof. Ing. Maurizio Casoni Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia REPEATERS Apparato attivo che collega 2 o più mezzi di trasmissione

Dettagli

NETWORKING: SEMINARIO DI STUDIO 1

NETWORKING: SEMINARIO DI STUDIO 1 NETWORKING: SEMINARIO DI STUDIO 1 Obiettivi: 1. Fornire una panoramica sulle reti di calcolatori, tecnologie, potenzialità, limiti, servizi, internet. 2. Fornire una panoramica sulle capacità di base per

Dettagli

8 Interconnessione delle reti

8 Interconnessione delle reti 26/04/2005 10:32:54 AM 2 RETI E PROBLEMATICHE DI RETE 8 Interconnessione delle reti Perché collegare LAN e WAN tra loro? Traffico elevato: il numero di utenti è troppo elevato Si vogliono utilizzare le

Dettagli

Febbraio 1998 GIGABIT ETHERNET. Pietro Nicoletti. p.nicol@inrete.it. GIGABIT - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2

Febbraio 1998 GIGABIT ETHERNET. Pietro Nicoletti. p.nicol@inrete.it. GIGABIT - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 GIGABIT ETHERNET Pietro Nicoletti p.nicol@inrete.it GIGABIT - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides) è protetto dalle leggi sul copyright

Dettagli

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete INFORMATICA e COMUNICAZIONE DIGITALE Anno Accademico 2013-2014 Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale Introduzione ( parte II) Prof. Sebastiano Pizzutilo Dipartimento di Informatica

Dettagli

LE RETI ARGOMENTI TRATTATI Definizione di rete Classificazione delle reti Apparecchiatura di rete Mezzi trasmissivi Indirizzi IP Http Html DEFINIZIONE DI RETE Una rete di computer è costituita da un insieme

Dettagli

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Reti di computer- Internet- Web Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti n n n Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello timesharing,

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet Informatica Generale Andrea Corradini 10 - Le reti di calcolatori e Internet Cos è una rete di calcolatori? Rete : È un insieme di calcolatori e dispositivi collegati fra loro in modo tale da permettere

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 24

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 24 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 24 Martedì 27-05-2014 1 Una volta che una

Dettagli

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione Sistemi e Tecnologie della Comunicazione Lezione 9: strato fisico: mezzi trasmissivi 1 Mezzi trasmissivi Vedremo una panoramica sui diversi mezzi trasmissivi utilizzati tipicamente nelle reti di computer,

Dettagli

RACCOLTA ESEMPI ESAMI SCRITTI TELECOMUNICAZIONI 2013 2014

RACCOLTA ESEMPI ESAMI SCRITTI TELECOMUNICAZIONI 2013 2014 RACCOLTA ESEMPI ESAMI SCRITTI TELECOMUNICAZIONI 2013 2014 (NOTA BENE: GLI ESERCIZI E LE DOMANDE SI RIFERISCONO AL PROGRAMMA SVOLTO NELL A. A. 2013 14 E NON NECESSARIAMENTE TUTTE LE DOMANE/ESERCIZI SONO

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori I Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Giorgio Ventre (giorgio.ventre@unina.it) Reti locali Ethernet I lucidi presentati al

Dettagli

Reti di calcolatori protocolli

Reti di calcolatori protocolli Reti di calcolatori Reti di calcolatori Rete = sistema di collegamento tra vari calcolatori che consente lo scambio di dati e la cooperazione Ogni calcolatore e un nodo, con un suo indirizzo di rete, il

Dettagli

Reti di Calcolatori. Il software

Reti di Calcolatori. Il software Reti di Calcolatori Il software Lo Stack Protocollare Application: supporta le applicazioni che usano la rete; Transport: trasferimento dati tra host; Network: instradamento (routing) di datagram dalla

Dettagli

Introduzione alle reti locali ad alta velocità: dallo switching al Gb/s

Introduzione alle reti locali ad alta velocità: dallo switching al Gb/s Teach Convegni Networking ad Alta Velocità: le nuove LAN e il Multi-Layer switching Milano, 17-18 novembre 1997 Introduzione alle reti locali ad alta velocità: dallo switching al Gb/s Pier Luca Montessoro

Dettagli

La telematica. Informatica per le discipline umanistiche Note sulla telematica. Segnale analogico / digitale

La telematica. Informatica per le discipline umanistiche Note sulla telematica. Segnale analogico / digitale Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Lettere e Filosofia La telematica Informatica per le discipline umanistiche Note sulla telematica Marco Lazzari A.A. 2005-2006 Telematica: telecomunicazioni

Dettagli

RETI LOCALI. 1 livello fisico 2 livello data link

RETI LOCALI. 1 livello fisico 2 livello data link 1 Topologie 2 Standard IEEE 802 3 Standard IEEE 802.3 (CSMA/CD) 4 Standard IEEE 802.5 (Token Ring) 5 Standard IEEE 802.11 (Wireless) 6 Bluetooth 7 Bridge RETI LOCALI 1 livello fisico 2 livello data link

Dettagli

Capitolo ETHERNET BUS. Figura 1. Struttura della rete Ethernet

Capitolo ETHERNET BUS. Figura 1. Struttura della rete Ethernet Capitolo ETHERNET 1. Introduzione Ethernet rappresenta oggi la rete più nota e più diffusa in tutto il mondo. La nascita di Ethernet risale al 1976 quando Xerox utilizzò il protocollo CSMA/CD per realizzare

Dettagli

Finalità delle Reti di calcolatori. Le Reti Informatiche. Una definizione di Rete di calcolatori. Schema di una Rete

Finalità delle Reti di calcolatori. Le Reti Informatiche. Una definizione di Rete di calcolatori. Schema di una Rete Finalità delle Reti di calcolatori Le Reti Informatiche Un calcolatore isolato, anche se multiutente ha a disposizione solo le risorse locali potrà elaborare unicamente i dati dei propri utenti 2 / 44

Dettagli

Modulo 3: Il protocollo Ethernet e sue evoluzioni

Modulo 3: Il protocollo Ethernet e sue evoluzioni Modulo 3: Il protocollo Ethernet e sue evoluzioni Parte 4: Fast Ethernet 1 Fast Ethernet Nel 1992 IEEE ha riunito il comitato 802.3 per sviluppare un protocollo a 100 Mbps basato sulla tecnologia Ethernet

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 1 Giovedì 5-03-2015 TESTO DI RIFERIMENTO RETI DI CALCOLATORI E INTERNET un

Dettagli

I canali di comunicazione

I canali di comunicazione I canali di comunicazione tipo velocità min velocità max doppino telefonico 300bps 10 mbps micro onde 256kbps 100 mbps satellite 256kbps 100 mbps cavo coassiale 56 kbps 200 mbps fibra ottica 500 kbps 10

Dettagli

Cap. 7 Tecnologie Ethernet

Cap. 7 Tecnologie Ethernet CCNA_1 (Versione 3.1) Networking basics Marco Ciampi m.ciampi@ithum.it 2/45 Ithum Learning License Licenza d uso del materiale didattico Questo documento e tutto il materiale prodotto da Ithum S.r.l. e

Dettagli

Elementi di Reti per Telecomunicazioni

Elementi di Reti per Telecomunicazioni Elementi di Reti per Telecomunicazioni (Parte II) Topologie ed Interfacciamento di Reti Corso di Telecomunicazioni Anno Accademico 2004/2005 Contenuti Introduzione alle reti di TLC. Topologie di Reti per

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

1.2 CLASSIFICAZIONE DELLE RETI SULLA BASE DELL ESTENSIONE

1.2 CLASSIFICAZIONE DELLE RETI SULLA BASE DELL ESTENSIONE Reti di calcolatori 1.1 Definizione di rete di calcolatori Una rete di calcolatori è un'insieme di computer, collegati fra di loro mediante un opportuna infrastruttura, ed in grado di comunicare allo scopo

Dettagli

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa.

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa. La trasmissione dell informazione N.R2 La comunicazione tra due calcolatori si realizza tramite lo scambio di dati su un canale di comunicazione, esiste quindi un TRASMETTITORE che invia dei dati e un

Dettagli

Introduzione a Internet

Introduzione a Internet Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

Ethernet e la famiglia di protocolli IEEE 802

Ethernet e la famiglia di protocolli IEEE 802 Ethernet e la famiglia di protocolli IEEE 802 Davide Quaglia Local Area Network (LAN) Apparecchiature indipendenti Canale ad alta capacita ma condiviso da piu stazioni Basso tasso di errore nel caso di

Dettagli

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011 Paola Zamperlin Internet. Parte prima 1 Definizioni-1 Una rete di calcolatori è costituita da computer e altri

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

Dispositivi di rete. Ripetitori. Hub

Dispositivi di rete. Ripetitori. Hub Ripetitori Dispositivi di rete I ripetitori aumentano la distanza che può essere ragginta dai dispositivi Ethernet per trasmettere dati l'uno rispetto all'altro. Le distanze coperte dai cavi sono limitate

Dettagli

La Comunicazione tra Computer e le Reti

La Comunicazione tra Computer e le Reti La Comunicazione tra Computer e le Reti Prof. Vincenzo Auletta 1 Rete di Computer Insieme di computer, opportunamente collegati tra loro, che trasmettono informazioni. Stazione/Nodo: Apparecchio collegato

Dettagli

Classificazione delle tecniche di accesso multiplo

Classificazione delle tecniche di accesso multiplo Classificazione delle tecniche di accesso multiplo Le tecniche di accesso multiplo si dividono in tre classi: Protocolli deterministici o senza contesa: evitano la possibilità che due utenti accedano al

Dettagli

Perché le reti di calcolatori. Terminologia e classificazione delle reti. Reti aziendali Reti domestiche Reti Mobili

Perché le reti di calcolatori. Terminologia e classificazione delle reti. Reti aziendali Reti domestiche Reti Mobili Perché le reti di calcolatori Reti aziendali Reti domestiche Reti Mobili Terminologia e classificazione delle reti Tecnologia di trasmissione Scala della rete 2 Diffusione della tecnologia digitale Distribuzione,

Dettagli

TEST DI RETI DI CALCOLATORI I (9400N) anno 1999/2000

TEST DI RETI DI CALCOLATORI I (9400N) anno 1999/2000 TEST DI RETI DI CALCOLATORI I (9400N) anno 1999/2000 1) Quanti sono i livelli del modello ISO/OSI: A. 3 B. 7 C. 6 D. non è definito un numero massimo non è definito un numero massimo 2) Due entità ad un

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II Lezione 3 Martedì 11-03-2014 1 Accesso alla rete Gli host possono connettersi

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21 Giovedì 15-05-2014 1 Protocolli a turno

Dettagli

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello time-sharing, centri di calcolo Anni 80: reti di

Dettagli

APPARECCHIATURE DI RETE Ripetitore. Concentratore (HUB) Tipi di concentratori. Connessione di più hub

APPARECCHIATURE DI RETE Ripetitore. Concentratore (HUB) Tipi di concentratori. Connessione di più hub APPARECCHIATURE DI RETE Ripetitore Su una linea di trasmissione, il segnale subisce delle distorsioni e un indebolimento tanto significativo quanto più aumenta la distanza che separa i due elementi attivi.

Dettagli

5 - Reti locali parte A

5 - Reti locali parte A Università degli studi di Bergamo Università degli studi di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Reti di Calcolatori prof. F. Martignon 5 - Reti locali parte A 1 Reti

Dettagli

Reti locali broadcast. Interconnettere più LAN. Limiti delle LAN. Interconnessione di LAN tramite Bridge. Partizionare una LAN

Reti locali broadcast. Interconnettere più LAN. Limiti delle LAN. Interconnessione di LAN tramite Bridge. Partizionare una LAN Reti locali broadcast 09Udc Reti di alcolatori Progettazione di reti locali basate su switch L L L. Limiti delle LN Interconnettere più LN Massima estensione fisica Massimo numero di stazioni anda condivisa

Dettagli

Semestre 1 Modulo 7 Tecnologie Ethernet

Semestre 1 Modulo 7 Tecnologie Ethernet Semestre 1 Modulo 7 Tecnologie Ethernet 7.1 Ethernet a 10 Mbps e 100 Mbps 7.1.1 Ethernet a 10 Mbps 10 base 2, 10 base 5, 10 base formano Legacy Ethernet. Le 4 caratterisiche comuni di Legacy sono: 1. timing

Dettagli

CAPITOLO 2. I componenti hardware utilizzati nelle reti

CAPITOLO 2. I componenti hardware utilizzati nelle reti CAPITOLO 2 I componenti hardware utilizzati nelle reti Finora abbiamo soltanto nominato alcuni dei componenti utilizzati nella realizzazione di una LAN. In questo capitolo cercheremo di approfondire la

Dettagli