Belgio Francia Italia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Belgio Francia Italia"

Transcript

1 Cronologie comparate: Evoluzione del diritto comunitario e delle legislazioni in Belgio, Francia e Italia Data Diritto internazionale e comunitario Belgio Francia Italia Le donne ottengono il diritto alla successione. Il codice civile stabilisce l incapacità giuridica totale della donna sposata: questa non ha il diritto di : firmare un contratto e amministrare i suoi beni lavorare senza il permesso del marito ricevere di persona il suo salario. Soltanto gli uomini belgi 1830 che godono di una certa consistenza economica possono votare Parità tra gli uomini e le donne secondo la legge civile, ma la donna è sottomessa all autorizzazione del marito per gli atti patrimoniali più

2 1875 Le donne sposate ottengono il diritto di aprire un libretto di risparmio con il permesso del marito. Possono fare dei depositi da sole ma, per il prelievo, la presenza dei due coniugi è indispensabile. considerevoli Le donne sposate possono aprire un libretto di risparmio senza il permesso del marito, ma aspetteranno il 1895 per poter effettuare dei prelievi da sole Divieto di fare lavorare le donne durante le quattro settimane che seguono il parto. - - Le donne sposate possono aderire ad un sindacato o un associazione professionale con il permesso del marito.

3 1900 Le donne possono concludere un contratto di lavoro, percepire il loro stipendio e risparmiare del denaro.. se il marito lo permette Instaurazione di un congedo per maternità di 4 settimane obbligatorio ma non remunerato Le donne sposate possono disporre liberamente del loro salario Instaurazione del congedo per maternità di 8 settimane senza stipendio A livello nazionale, tutti gli uomini possono votare. Soltanto le vedove di guerra e le Instaurazione del congedo per maternità stipendiato di 8 settimane per le maestre. Instaurazione del congedo per maternità obbligatorio remunerato a forfait (non proporzionale al salario) Le donne hanno il diritto d esercitare tutte le professioni e di svolgere

4 1920 donne incarcerate per motivi politici votano. A livello comunale, tutte le donne a partire da 21 anni votano eccetto le prostitute. Le donne possono aderire ad un sindacato senza il permesso del marito. tutti i mestieri del Pubblico Impiego eccetto le carriere militari, giudiziarie e diplomatiche.? Abrogazione dell istituzione dell autorizzazione del marito Le donne hanno il diritto d esercitare le funzioni di borgomastro, di scabino, di segretario comunale e d esattore ma le donne sposate devono chiedere il permesso al marito Inizio dei divieti professionali (nella direzione delle scuole, nell insegnamento, nel Pubblico Impiego..) Divieto di licenziare le impiegate incinte Creazione dell Opera Nazionale Maternità e Infanzia Il congedo per maternità di 8 settimane con

5 Le donne possono ereditare. - Il governo emana un ordinanza che riduce del 25% il salario delle donne funzionarie sposate ad un impiegato statale La legge proclama che tutti gli impieghi statali, eccetto i lavori domestici, sono riservati agli uomini. retribuzione è esteso a tutto il pubblico impiego. - La legge del 1907, che pone delle limitazioni al lavoro femminile è rimessa in discussione. - Divieto d effettuare i lavori moralmente pericolosi - Il congedo per maternità passa a dieci settimane con la retribuzione raddoppiata; - anche le operaie usufruiscono della protezione data alla donna incinta che non può essere licenziata fino alla fine del congedo obbligatorio. - Stabiliti degli assegni familiari per certe categorie di lavoratori dell industria. Stabilito un compenso Divieto per i datori di

6 1938 per le madri casalinghe. lavoro, sia pubblici sia privati, di fare lavorare più del 10% di donne eccetto per dei lavori specificamente femminili (lavori manuali e/o funzioni puramente esecutive) 1940 Divieto o limitazione di accedere ai lavori pubblici per le donne sposate Le donne sposate possono lavorare se non causano licenziamenti, anche quando il marito lavora. Le donne sposate possono aprire un conto in banca Il concetto di lavoro femminile è soppresso - La legislazione francese proclama a parità di lavoro parità di salario Le donne ottengono il 1948 diritto di voto Soppressione delle leggi fasciste che limitano il lavoro delle donne nel settore pubblico. Allargamento alle donne del diritto di votare e di essere elette. E stabilito il principio generale

7 Il principio dell uguaglianza delle rimunerazioni tra le lavoratrici e i lavoratori per un lavoro di pari valore è stato enunciato formalmente la prima volta nel 1951durante la Convenzione n 100 Creazione dell indennità speciale per famiglie con stipendio unico versata ai capi famiglia che hanno una moglie casalinga. dell uguaglianza tra gli uomini e le donne e dell uguaglianza di stipendio dei lavoratori e delle lavoratrici. Gli uomini e le donne possono accedere nelle stesse condizioni ai lavori del Pubblico Impiego. Tuttavia, la legge afferma che le condizioni di lavoro devono permettere alle donne di svolgere il loro ruolo essenziale di madri di famiglia e assicurare alle madri e ai figli una protezione specifica e adatta.

8 dell Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIT) Ratifica della convenzione n 100 dell OIT Ratifica della convenzione n 100 dell OIT Ratifica della convenzione n 100 dell OIT. - La legge proclama l uguaglianza dei salari tra gli uomini e le donne. - Il congedo per maternità è prolungato con una diaria equivalente all 80% del salario. - Divieto di licenziare le donne fino al primo compleanno del figlio L uguaglianza delle remunerazioni per lo stesso lavoro è stata inserita nel trattato di Roma, articolo Convenzione 111 dell OIT sulle Legge sull uguaglianza dei salari tra gli uomini e le donne. Legge sull uguaglianza giuridica tra gli uomini e

9 discriminazioni tra uomini e donne (lavoro e professione). Ha per obiettivo le pari opportunità o l uguaglianza dello stipendio, uguaglianza anche per l accesso e le condizioni di lavoro. le donne; le donne sposate possono esercitare un attività professionale senza il permesso del marito. Accordo sull uguaglianza salariale tra uomini e donne nel settore industriale. -Ratifica della convenzione N 111 dell OIT - Divieto di licenziare le donne che si sposano. - Le donne possono accedere a tutte le professioni del Pubblico Impiego, compresa la magistratura, ma la loro integrazione nelle forze armate è limitata da regole particolari Le donne sposate possono esercitare un attività professionale senza il consenso del marito.

10 Sciopero nella fabbrica nazionale d armi di Herstal. Ordinanza reale che permette il ricorso alle vie legali per esigere l uguaglianza di remunerazioni. Le donne possono entrare nella Borsa di Parigi, cosa che era loro vietata dal Divieto di licenziare o di esigere le dimissioni delle donne per ragioni di matrimonio o di maternità. Legge che istituisce il congedo per maternità di 14 settimane. Il congedo per maternità è indennizzato al 90 % del salario per tutte le donne. Le madri di famiglia possono accedere a modalità di formazione remunerate dallo Stato. Concessione di un congedo per maternità di 5 mesi che corrisponde all 80% del salario per il congedo obbligatorio e al 30% per il congedo facoltativo (6 mesi); divieto di licenziare le donne dall inizio della gravidanza fino al primo compleanno del figlio; allargamento alle lavoratrici rurali - creazione di nidi d infanzia Nuove norme di protezione del lavoro a domicilio (settore occupato in

11 Una direttiva 74/117/CEE enuncia il principio dell uguaglianza delle rimunerazioni per un lavoro di pari valore. Direttiva 75/117/CEE d applicazione del principio dell uguaglianza delle remunerazioni tra i sessi. maggioranza da donne); stessi diritti del lavoro dipendente, compreso il diritto al congedo di maternità. - Creazione dei Centri d Osservazione e d Orientamento dell ONEM per eliminare la divisione tra lavori riservati alle donne e agli uomini. - Un accordo collettivo, stipulato in seno al Consiglio nazionale del lavoro, sull uguaglianza delle remunerazioni tra i lavoratori e le lavoratrici menziona dei sistemi di valutazione delle funzioni, che devono assicurare l uguaglianza di rimunerazioni tra i sessi. Riforma del diritto di famiglia : posizione egualitaria dei coniugi nei regimi matrimoniali per l educazione dei figli e per la gestione dei beni della famiglia e del loro patrimonio. Introduzione della comunità dei beni. La donna conserva la sua identità ed aggiunge il nome del marito al suo. Soppressione del concetto di capo famiglia. Soppressione dell autorità paterna e introduzione dell autorità dei genitori. - Creazione dei Policlinici Familiari Direttiva 1976/207/CEE Uguaglianza dei diritti in Decreto che comprende

12 1976 sull uguaglianza di stipendio. materia di beni matrimoniali: la donna sposata può aprire un conto in banca senza il permesso del marito. una lista precisa dei lavori gravosi, pericolosi, insalubri vietati alle madri lavoratrici Ratifica della convenzione N 111 dell OIT Legge che riconosce l uguaglianza tra gli uomini e le donne nell accesso al lavoro, nelle condizioni di lavoro in altre parole i salari, l educazione e la formazione. Introduzione nella regolamentazione della disoccupazione del concetto di coabitante. - Ratifica della convenzione N 111 dell OIT Le mogli di commercianti o d artigiani possono scegliere fra tre statuti: coniuge collaboratore, salariata o associata. Legge sull uguaglianza di stipendio tra gli uomini e le donne sul lavoro. Creazione del Servizio Sanitario Nazionale Legge sull uguaglianza professionale tra gli uomini e le donne - Soppressione del concetto di capo famiglia nel diritto Un decreto istituisce il comitato nazionale per l applicazione dei principi d uguaglianza di rimunerazione e delle

13 Direttiva relativa all attuazione dell uguaglianza di rimunerazione tra uomini e donne nei regimi professionali di Previdenza Sociale. fiscale : la doppia firma diventa obbligatoria per la dichiarazione dei redditi delle coppie sposate. - Legge sull uguaglianza dei coniugi nei regimi matrimoniali per la gestione dei beni della famiglia e del loro patrimonio - riscossione degli assegni alimentari dal Fondo Sussidi Famigliari e versamento dell assegno di sostegno famigliare (ASF). pari opportunità tra i lavoratori e le lavoratrici. Un decreto istituisce la Commissione nazionale per la realizzazione della parità tra gli uomini e le donne. Creazione del consigliere di parità al quale (alla quale) le lavoratrici si possono rivolgere per segnalare le violazioni della legge di parità. Nel Piano straordinario per il lavoro dei giovani sono privilegiati i progetti che favoriscono l inserimento delle donne nei settori in cui sono in minoranza - Riforma dell organizzazione del mercato del lavoro: integrazione del consigliere d uguaglianza nella Commissione regionale dell impiego. - Allargamento dello

14 stipendio di maternità alle lavoratrici autonome 1988 Gli assegni di sostegno familiare sostituiscono gli assegni familiari Allargamento dello stipendio di maternità alle professioniste La legge 125 ha per obiettivo la promozione e il sostegno delle azioni positive con 5 obiettivi principali tra cui L eliminazione delle disuguaglianze esistenti nell accesso alla formazione e al lavoro, nello svolgimento della carriera e nei periodi di mobilità. La diversificazione delle scelte professionali; l accesso a delle cariche di responsabilità e a dei settori tecnici. L equilibrio tra le responsabilità familiari e professionali.

15 Direttiva 92/85CEE per il miglioramento della sicurezza e della salute sul lavoro delle lavoratrici incinte, che hanno partorito o che sono nel periodo d allattamento. Ordinanza reale con lo scopo di proteggere le lavoratrici e i lavoratori dalle molestie sessuali coabitanti sono esclusi dalla disoccupazione. L 80 % sono delle donne Direttiva relativa all onere della prova nei casi di discriminazione basata sul sesso. Legge che sopprime i provvedimenti del 1971 sul lavoro di notte delle donne. Modifica dell assegno dato alle famiglie per l educazione (APE) per i genitori con due figli. Minimi sociali in Francia Inversione dell onere della prova nei casi di discriminazione basata sul sesso. - La legge 215 ha come scopo la promozione e il sostegno dell imprenditoria femminile. Finanziamenti per la creazione e l innovazione delle imprese delle donne. - Inizio della riforma delle pensioni. - Direttiva della Presidenza del Consiglio dei Ministri per la creazione d azioni che favoriscono l empowerment e l attribuzione di responsabilità alle donne, per riconoscere e assicurare libertà di

16 scelte e di qualità sociale alle donne e agli uomini applicando il programma di Pechino. - Creazione del Ministero per le pari opportunità. - Creazione della Commissione per la promozione e lo sviluppo dell imprenditoria femminile. -Creazione di un osservatorio sull imprenditoria femminile L articolo 141 del trattato d Amsterdam ha dato una base giuridica al divieto di una discriminazione salariale tra le donne e gli uomini per un lavoro di pari valore. La possibilità d attuare delle misure specifiche è prevista per compensare e prevenire gli svantaggi nella carriera professionale. - Legge costituzionale che dà lo stesso accesso agli uomini e alle donne ai mandati elettorali e alle funzioni elettive. - Legge d orientamento agricolo per il riconoscimento dell attività professionale delle consorti accordando loro lo statuto di coniuge collaboratore d azienda o d impresa agricola Direttiva 200/43/CEE Legge d attuazione della -Disciplina dell attività

17 quadro generale per la parità di trattamento in materia d impiego e di condizioni di lavoro. parità nel mondo politico. dei consiglieri di parità. - Legge 53: disposizioni per il sostegno della maternità e della paternità per il diritto alle cure e alla formazione e per la coordinazione dei tempi della città. Congedo di 10 mesi per i genitori (di 11 mesi se il padre prende più di 3 mesi di congedo) Legge Génisson, attualizza la legge 2002 Direttiva 2002/73/CEE che modifica la direttiva 76/207/CEE relativa all attualizzazione del principio d uguaglianza di trattamento tra gli uomini e le donne per quel che riguarda l accesso all impiego, alla formazione e alla promozione professionale e le condizioni di lavoro; definizione di discriminazione diretta e indiretta, di molestie e di molestie sessuali. d uguaglianza del Congedo di paternità facoltativo di 10 giorni al 100% del salario.

18 Per saperne di più: L uguaglianza in cammino. Dates clés (Date fondamentali), pubblicato dal Ministero del lavoro e della solidarietà, dalla Segreteria di Stato per i diritti delle donne e alla formazione professionale, il SDFE nel Battagliola Françoise, Histoire du travail des femmes (Storia del lavoro delle donne). La Découverte. Collection Repères, Groppi (a cura di ) Il lavoro delle donne Laterza, Bari Roma, 1996.

I DIRITTI DELLE DONNE DAL 1900 AD OGGI

I DIRITTI DELLE DONNE DAL 1900 AD OGGI I DIRITTI DELLE DONNE DAL 1900 AD OGGI TUTELA DELLA DONNA E DEL FANCIULLO: LEGGE 242/1902 CARCANO Riveste un importanza notevole per aver introdotto il congedo di maternità di un mese dopo il parto, riducibile

Dettagli

Le leggi in ordine cronologico 1950-2011 A cura di Livia Turco Eleonora Cicconi e Tiziana Casareggio

Le leggi in ordine cronologico 1950-2011 A cura di Livia Turco Eleonora Cicconi e Tiziana Casareggio Le leggi in ordine cronologico 1950-2011 A cura di Livia Turco Eleonora Cicconi e Tiziana Casareggio 1950 Legge 26 agosto 1950, n. 860 Tutela fisica ed economica delle lavoratrici madri. Proposta da Teresa

Dettagli

NORMATIVA IN MATERIA DI

NORMATIVA IN MATERIA DI NORMATIVA IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITÀ E DIRITTI DELLE DONNE Dichiarazione Universale dei Diritti umani del 1948, che proclama l uguaglianza di tutti gli essere umani, indipendentemente dalla razza,

Dettagli

Pari opportunità: legislazione nazionale

Pari opportunità: legislazione nazionale Pari opportunità: legislazione nazionale Costituzione della Repubblica italiana L Articolo 3 sancisce la pari dignità sociale dei cittadini, eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza,

Dettagli

LA LEGISLAZIONE SULLA PARITÀ DI GENERE

LA LEGISLAZIONE SULLA PARITÀ DI GENERE LA LEGISLAZIONE SULLA PARITÀ DI GENERE NELL UNIONE EUROPEA Commissione europea Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile dell uso che dovesse

Dettagli

Legge 9 dicembre 1977, n. 903 (G.U. 17.12.1977 n. 343) Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro

Legge 9 dicembre 1977, n. 903 (G.U. 17.12.1977 n. 343) Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro Legge 9 dicembre 1977, n. 903 (G.U. 17.12.1977 n. 343) Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro Art. 1 1. E vietata qualsiasi discriminazione fondata sul sesso per quanto riguarda

Dettagli

Tesi di laurea triennale. Università degli Studi di Macerata. Corso di laurea di servizio sociale

Tesi di laurea triennale. Università degli Studi di Macerata. Corso di laurea di servizio sociale Tesi di laurea triennale Università degli Studi di Macerata Corso di laurea di servizio sociale Titolo della tesi: Lavoro femminile e pari opportunità Anno accademico 2012-2013 Studentessa: Michela Santarelli

Dettagli

I formatori sono tenuti a rispettare la salute della donna incinta, della madre e del bambino (permettendo brevi pause ed evitando lavori pesanti).

I formatori sono tenuti a rispettare la salute della donna incinta, della madre e del bambino (permettendo brevi pause ed evitando lavori pesanti). Promemoria 208 Gravidanza e maternità Una donna in formazione professionale di base che resta incinta o partorisce gode di una protezione legale particolare. Come formatori siete responsabili che tale

Dettagli

Storia del Lavoro: un approccio di genere

Storia del Lavoro: un approccio di genere Storia del Lavoro: un approccio di genere Debora Migliucci- Archivio del Lavoro Progetto Diritto al Lavoro Fondazione Roberto Franceschi Onlus Gennaio 2013 Di cosa parleremo: 1. Sesso e genere. Definizioni

Dettagli

Età pensionabile delle donne nel pubblico impiego. Cosa dice esattamente la sentenza?

Età pensionabile delle donne nel pubblico impiego. Cosa dice esattamente la sentenza? www.osservatorioinca.org APPROFONDIMENTI Dicembre 2008 Età pensionabile delle donne nel pubblico impiego. Cosa dice esattamente la sentenza? È discriminatorio mantenere in vigore un regime pensionistico

Dettagli

IL SISTEMA PENSIONISTICO

IL SISTEMA PENSIONISTICO IL SISTEMA PENSIONISTICO LA CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE : CONTRIBUZIONE, FONDO PENSIONE LAVORATORI DIPENDENTI IL SISTEMA PENSIONISTICO ITALIANO Il cardine della tutela previdenziale riguarda la soddisfazione

Dettagli

Valeria Maione per Ordine dei geologi Roma, gennaio 2015

Valeria Maione per Ordine dei geologi Roma, gennaio 2015 Valeria Maione per Ordine dei geologi Roma, gennaio 2015 Ambiguità: si trasforma nel tempo da affermazione di diritti che tende a espandere le libertà a limite e frontiera per l esclusione Nella migliore

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 25 gennaio 2010, n. 5. pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 29 del 5 febbraio 2010. testo in vigore dal: 20-2-2010

DECRETO LEGISLATIVO 25 gennaio 2010, n. 5. pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 29 del 5 febbraio 2010. testo in vigore dal: 20-2-2010 DECRETO LEGISLATIVO 25 gennaio 2010, n. 5 Attuazione della direttiva 2006/54/CE relativa al principio delle pari opportunità e della parità di trattamento fra uomini e donne in materia di occupazione e

Dettagli

C183 Convenzione sulla protezione della maternità, 2000 1

C183 Convenzione sulla protezione della maternità, 2000 1 L Ufficio di Roma C183 Convenzione sulla protezione della maternità, 2000 1 Convenzione concernente la revisione della convenzione (riveduta) sulla protezione della maternità, 1952 (Nota : data di entrata

Dettagli

C O M U N E D I O S T U N I Provincia di Brindisi * * * * * REGOLAMENTO DEL COMITATO CITTADINO PER LE PARI OPPORTUNITA FRA UOMO E DONNA

C O M U N E D I O S T U N I Provincia di Brindisi * * * * * REGOLAMENTO DEL COMITATO CITTADINO PER LE PARI OPPORTUNITA FRA UOMO E DONNA C O M U N E D I O S T U N I Provincia di Brindisi * * * * * REGOLAMENTO DEL COMITATO CITTADINO PER LE PARI OPPORTUNITA FRA UOMO E DONNA approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 18 del 18.05.05

Dettagli

La Carta sociale in breve

La Carta sociale in breve La Carta sociale in breve La Carta sociale europea Un trattato del Consiglio d Europa che protegge i diritti dell uomo 5 La Carta sociale europea (qui di seguito denominata «la Carta») sancisce dei diritti

Dettagli

La previdenza in Europa

La previdenza in Europa La previdenza in Europa Dati tratti da: «LEGISLAZIONE STRANIERA. MATERIALI DI LEGISLAZIONE COMPARATA» Camera dei Deputati, giugno 2013 Una premessa Le pensioni, in Italia come negli altri paesi europei,

Dettagli

Direttiva del Consiglio delle Comunità europee

Direttiva del Consiglio delle Comunità europee Direttiva del Consiglio delle Comunità europee del 24 luglio 1986 RELATIVA ALL'ATTUAZIONE DEL PRINCIPIO DELLA PARITÀ DI TRATTAMENTO TRA GLI UOMINI E LE DONNE NEL SETTORE DEI REGIMI PROFESSIONALI DI SICUREZZA

Dettagli

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 COMUNE DI VANZAGHELLO PROVINCIA DI MILANO Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 Il Decreto Legislativo 11 aprile 2006 n. 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art.

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

Donne: date che ci riguardano, una cronologia di leggi dal 1902 ad oggi

Donne: date che ci riguardano, una cronologia di leggi dal 1902 ad oggi Donne: date che ci riguardano, una cronologia di leggi dal 1902 ad oggi LEGGE 242/1902 (legge Carcano). È il primo intervento di tutela del lavoro «delle donne e dei fanciulli». Introduce un congedo di

Dettagli

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO PREMESSO: - che occorre una azione sinergica, a tutti i livelli, tra le iniziative legislative, le politiche sociali e quelle contrattuali

Dettagli

LA NORMATIVA. 17 Marzo 2010 Chiara Manfrini. Commissione Peri Opportunità di Berra

LA NORMATIVA. 17 Marzo 2010 Chiara Manfrini. Commissione Peri Opportunità di Berra LA NORMATIVA 17 Marzo 2010 Chiara Manfrini Commissione Peri Opportunità di Berra Cosa sono le pari opportunità? Le politiche di pari opportunità fra uomini e donne sono un insieme di interventi delle istituzioni,

Dettagli

Cognome e nome del richiedente / assicurato: Numero matricolare unico del cittadino (EMŠO)

Cognome e nome del richiedente / assicurato: Numero matricolare unico del cittadino (EMŠO) Cognome e nome del / assicurato: Numero matricolare unico del cittadino (EMŠO) Il sottoscritto presenta, in base all articolo 118 della Legge che regola il mercato del lavoro (Gazzetta ufficiale della

Dettagli

Istruzioni per la compilazione DF RED - Quadro A

Istruzioni per la compilazione DF RED - Quadro A cassa italiana di previdenza ed assistenza dei geometri Istruzioni per la compilazione DF RED - Quadro A Istruzioni per la compilazione Pagina 1 di 8 Nel quadro A andranno indicati i redditi in possesso

Dettagli

ESSERE MAMMA E PAPÀ: QUALI DIRITTI, SERVIZI E AIUTI DAL TERRITORIO

ESSERE MAMMA E PAPÀ: QUALI DIRITTI, SERVIZI E AIUTI DAL TERRITORIO ESSERE MAMMA E PAPÀ: QUALI DIRITTI, SERVIZI E AIUTI DAL TERRITORIO BARBARA BUSI Consigliera di Parità della provincia di Bologna 13 Aprile 2010 Pieve di Cento Sala Dafni Carletti LAVORO E VITA FAMILIARE

Dettagli

Lavoro e gravidanza. I Suoi diritti sul posto di lavoro. Per ulteriori informazioni: Infoline: 0900 55 55 61 Fr. 3. /min.

Lavoro e gravidanza. I Suoi diritti sul posto di lavoro. Per ulteriori informazioni: Infoline: 0900 55 55 61 Fr. 3. /min. L offerta di Questo opuscolo nelle seguenti lingue: albanese bosniaco croato francese inglese italiano portoghese serbo spagnolo tamil tedesco turco Fr. 3. al pezzo; sconti per grandi quantitativi La Infoline

Dettagli

Domanda d indennità in caso di maternità

Domanda d indennità in caso di maternità Domanda d indennità in caso di maternità Il luogo d inoltro della domanda è menzionato nell ultima pagina! Indicare con una crocetta ciò che il caso richiede N. AVS A. Da compilare dl avente diritto l

Dettagli

Cognome e nome del richiedente / assicurato: Numero matricolare unico del cittadino (EMSO)

Cognome e nome del richiedente / assicurato: Numero matricolare unico del cittadino (EMSO) Cognome e nome del richiedente / assicurato: Numero matricolare unico del cittadino (EMSO) Il sottoscritto presenta, in base all articolo 118 della Legge che regola il mercato del lavoro (Gazzetta ufficiale

Dettagli

Convenzione delle Nazioni Unite sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW)

Convenzione delle Nazioni Unite sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW) Convenzione delle Nazioni Unite sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW) Adottata dall Assemblea generale delle NU il 18.12.1979, in vigore internazionale dal 3.9.1981.

Dettagli

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI Che cos è È una prestazione a sostegno del reddito concessa a quei lavoratori che vengono a trovarsi senza lavoro, quindi senza retribuzione,

Dettagli

Dott.ssa Margareth Stefanelli

Dott.ssa Margareth Stefanelli IL RAPPORTO DI LAVOR0 NORME CHE TUTELANO IL DIRITTO DEL LAVORO Leggi del lavoro Norme Costituzionali Codice Civile Leggi Speciali Direttive Comunitarie Tutela della maternità Lavoro minorile Integrità

Dettagli

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE - PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA TRIENNIO 2015/2017 (art. 48 del D.Lgs. 11.04.2006 n 198)

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE - PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA TRIENNIO 2015/2017 (art. 48 del D.Lgs. 11.04.2006 n 198) 813830 COMUNE DI BONASSOLA Provincia della Spezia Via Beverino 1 cap 19011 tel 0187 81381 fax 0187 PIANO DELLE AZIONI POSITIVE - PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA TRIENNIO 2015/2017 (art. 48 del D.Lgs.

Dettagli

La C arta sociale in breve

La C arta sociale in breve LaCarta in breve sociale La Carta sociale europea Diritti umani, insieme, tutti i giorni La Carta sociale europea (qui di seguito denominata «la Carta») è un trattato del Consiglio d Europa che enuncia

Dettagli

MATERNITÀ E CONGEDI. A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna)

MATERNITÀ E CONGEDI. A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna) MATERNITÀ E CONGEDI A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna) Astensione Obbligatoria o Congedo di Maternità La tutela accordata dalla legge alle lavoratrici madri

Dettagli

COMUNE DI CASELETTE Provincia di Torino P.A.P. - PIANO DI AZIONI POSITIVE - TRIENNIO 2013/2015

COMUNE DI CASELETTE Provincia di Torino P.A.P. - PIANO DI AZIONI POSITIVE - TRIENNIO 2013/2015 COMUNE DI CASELETTE Provincia di Torino P.A.P. - PIANO DI AZIONI POSITIVE - TRIENNIO 2013/2015 (ART. 48, COMMA 1, D. LGS. 11/04/2006 N. 198) Premessa: Le azioni positive sono misure temporanee speciali

Dettagli

Capo I Disposizioni in materia di ammortizzatori sociali, servizi per il lavoro e politiche attive

Capo I Disposizioni in materia di ammortizzatori sociali, servizi per il lavoro e politiche attive Delega al Governo in materia di riforma degli ammortizzatori sociali, dei servizi per il lavoro e delle politiche attive, nonché in materia di riordino dei rapporti di lavoro e di sostegno alla maternità

Dettagli

Quali sono le misure a sostegno del reddito dei lavoratori:

Quali sono le misure a sostegno del reddito dei lavoratori: Gli ammortizzatori sociali in pillole Quali sono le misure a sostegno del reddito dei lavoratori: Assegno per il nucleo familiare A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze USR Emilia Romagna)

Dettagli

Art. 2. 4 modulo I DIRITTI. Classificazione dei diritti. Esercitazioni 30/09/14

Art. 2. 4 modulo I DIRITTI. Classificazione dei diritti. Esercitazioni 30/09/14 Art. 2 4 modulo I DIRITTI Prima parte Cost. artt. 1-54 = Costituzione dei diritti La Repubblica riconosce (giusnaturalismo: i diritti preesistono allo Stato) Tesi aperta e tesi chiusa Tesi intermedia accolta

Dettagli

CONVENZIONE SULLA CESSAZIONE DELLA RELAZIONE DI LAVORO AD INIZIATIVA DEL DATORE DI LAVORO, 1982 1

CONVENZIONE SULLA CESSAZIONE DELLA RELAZIONE DI LAVORO AD INIZIATIVA DEL DATORE DI LAVORO, 1982 1 Convenzione 158 CONVENZIONE SULLA CESSAZIONE DELLA RELAZIONE DI LAVORO AD INIZIATIVA DEL DATORE DI LAVORO, 1982 1 La Conferenza generale dell Organizzazione Internazionale del Lavoro, Convocata a Ginevra

Dettagli

Legge federale sull assicurazione per la maternità

Legge federale sull assicurazione per la maternità Termine di referendum: 9 aprile 1999 Legge federale sull assicurazione per la maternità (LAMat) del 18 dicembre 1998 L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 34 quinquies capoverso

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE. Diritti di rappresentanza e associazione per il personale delle Forze armate e delle forze di polizia a ordinamento militare

PROPOSTA DI LEGGE. Diritti di rappresentanza e associazione per il personale delle Forze armate e delle forze di polizia a ordinamento militare PROPOSTA DI LEGGE Diritti di rappresentanza e associazione per il personale delle Forze armate e delle forze di polizia a ordinamento militare Art. 1 1. La tutela dei diritti individuali e collettivi degli

Dettagli

1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi

1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi 2.09 Stato al 1 gennaio 2010 Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere In generale 1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

SCHEDE DI SINTESI DISEGNI DI LEGGE IN MATERIA DI LICENZIAMENTI

SCHEDE DI SINTESI DISEGNI DI LEGGE IN MATERIA DI LICENZIAMENTI www.adapt.it, 3 novembre 2011 SCHEDE DI SINTESI DISEGNI DI LEGGE IN MATERIA DI LICENZIAMENTI di Stefano Salvato Progetto di legge n. 2224 Wilde, 13 marzo 1997 Modifica articolo 2, comma 1, legge 11 maggio

Dettagli

Legge federale sugli assegni familiari

Legge federale sugli assegni familiari Termine di referendum: 13 luglio 2006 Legge federale sugli assegni familiari (Legge sugli assegni familiari, LAFam) del 24 marzo 2006 L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo

Dettagli

La violenza nei confronti delle donne

La violenza nei confronti delle donne Palmanova, 07 aprile 2015 Le molteplici forme della violenza: disparità e discriminazioni in ambito lavorativo Intervento di Chiara Cristini Referente per la pari opportunità La violenza nei confronti

Dettagli

Lavoratrici madri e lavoratori padri. Profili di competenza della Direzione Territoriale del Lavoro in ordine alla convalida delle dimissioni.

Lavoratrici madri e lavoratori padri. Profili di competenza della Direzione Territoriale del Lavoro in ordine alla convalida delle dimissioni. SEMINARIO DALLA CONCILIAZIONE AL WELFARE AZIENDALE Lavoratrici madri e lavoratori padri. Profili di competenza della Direzione Territoriale del Lavoro in ordine alla convalida delle dimissioni. Il mio

Dettagli

CONVENZIONE SUL LAVORO DIGNITOSO PER LE LAVORATRICI E I LAVORATORI DOMESTICI, 2011 1

CONVENZIONE SUL LAVORO DIGNITOSO PER LE LAVORATRICI E I LAVORATORI DOMESTICI, 2011 1 Convenzione 189 CONVENZIONE SUL LAVORO DIGNITOSO PER LE LAVORATRICI E I LAVORATORI DOMESTICI, 2011 1 La Conferenza Generale dell Organizzazione Internazionale del Lavoro Convocata a Ginevra dal Consiglio

Dettagli

INSIEME PER I PROPRI FIGLI. Vademecum sul testo unico (D.Lgs. 151/2001) sulla maternità e sulla paternità

INSIEME PER I PROPRI FIGLI. Vademecum sul testo unico (D.Lgs. 151/2001) sulla maternità e sulla paternità INSIEME PER I PROPRI FIGLI Vademecum sul testo unico (D.Lgs. 151/2001) sulla maternità e sulla paternità 1 Dipartimento Pari Opportunità Testi: Flavia Castiglioni Illustrazioni: Andrea Sorice Impaginazione:

Dettagli

DIRITTI E DOVERI DEI DIPENDENTI PUBBLICI

DIRITTI E DOVERI DEI DIPENDENTI PUBBLICI Provincia Regionale di Catania DIRITTI E DOVERI DEI DIPENDENTI PUBBLICI 13-14-15 Dicembre 2010 1 Diritti e doveri dei dipendenti pubblici DECRETO LEGISLATIVO N. 165/2001 ARTICOLO 54 c. 7 Le pubbliche amministrazioni

Dettagli

Capitolo V IL CORPO ELETTORALE

Capitolo V IL CORPO ELETTORALE Capitolo V IL CORPO ELETTORALE 1 1. POPOLO, CORPO ELETTORALE, NAZIONE, POPOLAZIONE Popolo Corpo elettorale Nazione Popolazione Insieme di tutti i cittadini Titolare della sovranità Insieme dei soggetti

Dettagli

L EVOLUZIONE STORICA DEL DIRITTO DEL LAVORO IN SPAGNA F A S I S T O R I C H E E M O D E L L I C O L L E G A T I

L EVOLUZIONE STORICA DEL DIRITTO DEL LAVORO IN SPAGNA F A S I S T O R I C H E E M O D E L L I C O L L E G A T I L EVOLUZIONE STORICA DEL DIRITTO DEL LAVORO IN SPAGNA F A S I S T O R I C H E E M O D E L L I C O L L E G A T I NASCITA DEL DIRITTO DEL LAVORO Fattori determinanti : Espansione dei fenomeni di relazioni

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE per la realizzazione delle pari opportunità tra uomo e donna 2010/2012 PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2010 2012 Fonti normative:

Dettagli

POLITICHE DI CONCILIAZIONE E FLESSIBILITA IN EUROPA Approcci ed esperienze

POLITICHE DI CONCILIAZIONE E FLESSIBILITA IN EUROPA Approcci ed esperienze POLITICHE DI CONCILIAZIONE E FLESSIBILITA IN EUROPA Approcci ed esperienze Il progetto In Pratica Idee alla pari Bari, 7 Maggio 2015 Dott.ssa Flavia Pesce - IRS Istituto per la Ricerca Sociale BRIGHT.LY

Dettagli

Legge federale sulla Cassa pensioni della Confederazione

Legge federale sulla Cassa pensioni della Confederazione Legge federale sulla Cassa pensioni della Confederazione (Legge sulla CPC) Disegno del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 34 quater e 85 numeri 1 e 3 della Costituzione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MELANDRI. Riconoscimento e disciplina delle comunità intenzionali

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MELANDRI. Riconoscimento e disciplina delle comunità intenzionali Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3891 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MELANDRI Riconoscimento e disciplina delle comunità intenzionali Presentata il 23 novembre

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2014-2015-2016 (approvato con atto di G.C. n. 117/2013)

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2014-2015-2016 (approvato con atto di G.C. n. 117/2013) CITTA DI CAIAZZO Provincia di Caserta Piazzetta Martiri Caiatini, n. 1 C.A.P. 81013 CAIAZZO Tel. 0823.61.57.28 Fax 0823.86.80.00 info@comune.caiazzo.ce.it www.caiazzo.gov.it PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO

Dettagli

Cosa è necessario sapere sulla riforma pensionistica per non incorrere in sorprese sgradevoli al momento della pensione

Cosa è necessario sapere sulla riforma pensionistica per non incorrere in sorprese sgradevoli al momento della pensione La breve nota che segue, redatta dal Comitato Pari Opportunità della Provincia, invita i lavoratori e le lavoratrici a riflettere sulle recenti modiche alla normativa pensionistica, al fine di poter pianificare,

Dettagli

Circolare Informativa n 10/2013. Le dimissioni volontarie e la Riforma Fornero

Circolare Informativa n 10/2013. Le dimissioni volontarie e la Riforma Fornero Circolare Informativa n 10/2013 Le dimissioni volontarie e la Riforma Fornero e-mail: info@cafassoefigli.it - www.cafassoefigli.it Pagina 1 di 6 INDICE Premessa pag.3 1) Le condizioni di efficacia delle

Dettagli

Ferie, permessi e aspettative del personale a Tempo Determinato (CCNL 2002-2005 e sequenza Art. 142)

Ferie, permessi e aspettative del personale a Tempo Determinato (CCNL 2002-2005 e sequenza Art. 142) Ferie, permessi e aspettative del personale a Tempo Determinato (CCNL 2002-2005 e sequenza Art. 142) FERIE... 2 FESTIVITÀ... 2 PERMESSI... 2 PERMESSI BREVI... 2 PERMESSI PER FORMAZIONE... 3 PERMESSI PER

Dettagli

Cassa Disoccupazione CRISTIANO SOCIALE. Informazioni generali

Cassa Disoccupazione CRISTIANO SOCIALE. Informazioni generali Cassa Disoccupazione CRISTIANO SOCIALE Informazioni generali sull assicurazione contro la disoccupazione 1. Disdetta del rapporto di lavoro 2. Annuncio 3. Diritto alle indennità 4. Informazioni varie 1.

Dettagli

CON LA FINALITA DI FAVORIRE LA CONOSCENZA E L AFFERMAZIONE ALL INTERNO DELLE ATTIVITA SPECIFICHE PER LE PARI OPPORTUNITA PROF.

CON LA FINALITA DI FAVORIRE LA CONOSCENZA E L AFFERMAZIONE ALL INTERNO DELLE ATTIVITA SPECIFICHE PER LE PARI OPPORTUNITA PROF. DELEGA RETTORALE PER IL TRIENNIO 2002-2004 CON LA FINALITA DI FAVORIRE LA CONOSCENZA E L AFFERMAZIONE ALL INTERNO DELLE ATTIVITA ISTITUZIONALI UNIVERSITARIE DELLE POLITICHE SPECIFICHE PER LE PARI OPPORTUNITA

Dettagli

Piano triennale 2013-2015 di azioni positive per la realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra donne e uomini

Piano triennale 2013-2015 di azioni positive per la realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra donne e uomini Piano triennale 2013-2015 di azioni positive per la realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra donne e uomini PREMESSA Il presente Piano di Azione Positive per il triennio 2013/2015,

Dettagli

La spesa per la sicurezza sociale

La spesa per la sicurezza sociale I SISTEMI DI SICUREZZA SOCIALE I sistemi di sicurezza sociale, hanno lo scopo di garantire alle persone condizioni di vita adeguate e di fronteggiare gravi situazioni di bisogno. Le forme di tutela sono:

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI RACCONIGI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI RACCONIGI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI RACCONIGI Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina l attività del Comitato Unico

Dettagli

6.02 Stato al 1 gennaio 2010

6.02 Stato al 1 gennaio 2010 6.02 Stato al 1 gennaio 2010 Indennità in caso di maternità Aventi diritto 1 Hanno diritto all indennità di maternità le donne che al momento della nascita del bambino: esercitano un attività lucrativa

Dettagli

LA LIQUIDAZIONE dal TFS al TFR

LA LIQUIDAZIONE dal TFS al TFR LA LIQUIDAZIONE dal TFS al INCA IL SISTEMA R E T R I B U Z I O N E Contributi Datore di Lavoro Contributi a carico del Dipendente PENSIONE Rendita vitalizia Contribuzione complessiva 33% LIQUIDAZIONE Rendita

Dettagli

Titolo XXIV Gravidanza e Puerperio

Titolo XXIV Gravidanza e Puerperio Titolo XXIV Gravidanza e Puerperio Le parti, visto la Legge n 53 dell 8 Marzo 2000, concernente i Congedi Parentali, hanno convenuto sull opportunità di aggiornare la disciplina contrattuale di tale Istituto

Dettagli

Circolare N. 66 del 5 Maggio 2015

Circolare N. 66 del 5 Maggio 2015 Circolare N. 66 del 5 Maggio 2015 Jobs act e lavoro a termine: il mancato rispetto dei limiti non comporta l obbligo di assunzione Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con il terzo

Dettagli

I DIRITTI DELLE DONNE NELLA NUOVA U.E. ALLARGATA: UN INTRODUZIONE

I DIRITTI DELLE DONNE NELLA NUOVA U.E. ALLARGATA: UN INTRODUZIONE Ente accreditato dalla Regione autonoma Friuli Venezia Giulia per la formazione professionale Servizio di promozione europea della Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia. Punto della Rete informativa per

Dettagli

QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE DESTINATO ALLE IMPRESE FEMMINILI BERGAMASCHE

QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE DESTINATO ALLE IMPRESE FEMMINILI BERGAMASCHE QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE DESTINATO ALLE IMPRESE FEMMINILI BERGAMASCHE PARTE A: DATI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE AZIENDALE A.1 Anno di costituzione dell attività: da 0 a 3 anni da 3 a 10 anni oltre

Dettagli

Declinazione plurale delle pari. Tutela. opportunità. Pari. rappresentazione Pari responsabilità. Parità di trattamento. Pari opportunità ed

Declinazione plurale delle pari. Tutela. opportunità. Pari. rappresentazione Pari responsabilità. Parità di trattamento. Pari opportunità ed Pari opportunità ed azioni positive Laura Calafà Università degli Studi di Verona La Costituzione non solo articolo 3 Art. 37 La donna lavoratrice ha gli stessi diritti e, a parità di lavoro, le stesse

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ C I R C O L A R E

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ C I R C O L A R E DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9807.F.6.2 Roma, 6.8.2001 C I R C O L A R E OGGETTO: Legge 8 marzo 2000, n. 53 recante Disposizioni per il sostegno

Dettagli

2.03 Contributi Contributi delle persone senza attività lucrativa all AVS, all AI e alle IPG

2.03 Contributi Contributi delle persone senza attività lucrativa all AVS, all AI e alle IPG 2.03 Contributi Contributi delle persone senza attività lucrativa all AVS, all AI e alle IPG Stato al 1 gennaio 2016 In breve L assicurazione vecchiaia e superstiti (AVS), l assicurazione invalidità (AI)

Dettagli

Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese

Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese 27 novembre 2009 Gabriella Sberviglieri Consigliera di Parità - Varese 1 Slide elaborate da Anna M. Ponzellini Rielaborazione di Gabriella Sberviglieri

Dettagli

CORTE DI APPELLO DI SALERNO

CORTE DI APPELLO DI SALERNO CORTE DI APPELLO DI SALERNO PROTOCOLLO D INTESA Sul riconoscimento del legittimo impedimento a tutela della maternità e paternità nell esercizio della professione forense. TRA Corte di Appello di Salerno

Dettagli

Prestazioni L'assegno per il nucleo familiare Sommario A CHI SPETTA...2 L'ASSEGNO AL CONIUGE...2 I REQUISITI...3 PER QUALI PERSONE SPETTA...

Prestazioni L'assegno per il nucleo familiare Sommario A CHI SPETTA...2 L'ASSEGNO AL CONIUGE...2 I REQUISITI...3 PER QUALI PERSONE SPETTA... Prestazioni L'assegno per il nucleo familiare Sommario A CHI SPETTA...2 L'ASSEGNO AL CONIUGE...2 I REQUISITI...3 PER QUALI PERSONE SPETTA...3 LA DOMANDA...4 CHI PAGA L'ASSEGNO...4 IL RICORSO...5 ASSEGNO

Dettagli

Legge 23 agosto 1988, n.400, art. "Disciplina dell'attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri"

Legge 23 agosto 1988, n.400, art. Disciplina dell'attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri NORMATIVA NAZIONALE Principi fondamentali Costituzione della Repubblica Italiana, art. 3 Costituzione della Repubblica Italiana, art. 37 Costituzione della Repubblica Italiana, art. 51 Legge Costituzionale

Dettagli

Stato dell arte a livello nazionale

Stato dell arte a livello nazionale Ogni anno il Dipartimento della Funzione Pubblica e il Dipartimento per le Pari Opportunità redigono un rapporto di sintesi sull attuazione della direttiva Misure per attuare parità e pari opportunità

Dettagli

I doveri di solidarietà familiare. Premessa 31 1. Il principio di solidarietà nella Costituzione e nel diritto di famiglia

I doveri di solidarietà familiare. Premessa 31 1. Il principio di solidarietà nella Costituzione e nel diritto di famiglia Sommario XI Premessa alla nuova edizione Capitolo 1 Solidarietà familiare e sicurezza sociale nell assistenza alla famiglia 1 1. L assistenza (nella e) alla famiglia nel diritto delle persone fisiche 6

Dettagli

LAVORO A TEMPO DETERMINATO

LAVORO A TEMPO DETERMINATO ARTT. 19 29 D.LGS 81/2015 FORMA E CONTENUTI DEL CONTRATTO DI LAVORO Al contratto di lavoro subordinato può essere apposto un termine di durata non superiore a trentasei mesi. Fatte salve le diverse disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Adottato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 74 del 29 Settembre 2006 Modificato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 66

Dettagli

ORARIO DI LAVORO, UGUAGLIANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE FRA LAVORO E VITA FAMILIARE

ORARIO DI LAVORO, UGUAGLIANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE FRA LAVORO E VITA FAMILIARE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO, UGUAGLIANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE FRA LAVORO E VITA FAMILIARE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO, UGUAGLIANZA DI GENERE

Dettagli

DONNE STRANIERE IMMIGRATE

DONNE STRANIERE IMMIGRATE DONNE STRANIERE IMMIGRATE Informazioni di base sui diritti e le opportunità per la donna immigrata in Italia Indice Tutela della maternità Pag. 4 Famiglia Pag. 6 Minori Pag. 6 Assistenza sanitaria Pag.

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI

PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI Il presente Piano di Azioni Positive si inserisce nell'ambito delle iniziative promosse dal Comune di Jesi per dare attuazione agli obiettivi

Dettagli

3. CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO di Andrea Morzenti

3. CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO di Andrea Morzenti 3. CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO di Andrea Morzenti La normativa sul contratto di lavoro a tempo determinato è contenuta nel Decreto Legislativo n. 368 del 2001, decreto attuativo della Direttiva Comunitaria

Dettagli

MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE

MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE a cura della Consigliera di Parità Avv. Maria Francesca Siclari INDICE Perché fare un piano triennale Premesse legislative Linee guida

Dettagli

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione.

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. INCENTIVO DESTINATARI Giovani (l.99/2013) L incentivo è pari: -ad 1/3 della retribuzione

Dettagli

LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali

LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali 1 1. LA GRAVIDANZA 1.1. QUANDO COMUNICARE IL PROPRIO STATO La legge non stabilisce alcun obbligo di comunicare il proprio stato prima degli ultimi due

Dettagli

Tempi di vita e tempi di lavoro. La conciliazione fa bene all azienda

Tempi di vita e tempi di lavoro. La conciliazione fa bene all azienda Tempi di vita e tempi di lavoro La conciliazione fa bene all azienda La conciliazione da impulso allo sviluppo Ci sono tanti modi per crescere in competitività. Ma c è una leva, in particolare, che costituisce

Dettagli

TuttoInps. Le prestazioni a sostegno del reddito. L'assegno per il nucleo familiare. Sommario

TuttoInps. Le prestazioni a sostegno del reddito. L'assegno per il nucleo familiare. Sommario TuttoInps Le prestazioni a sostegno del reddito L'assegno per il nucleo familiare Sommario A CHI SPETTA... 2 L'ASSEGNO AL CONIUGE... 2 I REQUISITI... 3 PER QUALI PERSONE SPETTA... 3 LA DOMANDA... 4 CHI

Dettagli

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità 6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le donne che esercitano un attività lucrativa hanno diritto all indennità di maternità

Dettagli

STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI

STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI Chi commette violenza, sta commettendo un reato! Spesso si minimizza la gravità di un atto violento ma, per la legge, ogni atto violento va sanzionato e punito. In Italia,

Dettagli

Il marchio di genere

Il marchio di genere Il marchio di genere Iniziative intraprese ai fini della RSI Assessorato al Welfare I Piano di azione Famiglie al futuro II Piano di azione Famiglie al futuro Marchio Famiglie al futuro Bozza Linee guida

Dettagli

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti Padova, 13 luglio 2015 Circolare n 12/2015 Alla Spett.le Clientela IMPORTANTE!!! Oggetto: Jobs Act pubblicato il decreto per la conciliazione dei tempi di cura, di vita e di lavoro È entrato in vigore

Dettagli

POLITICA PER LA RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000

POLITICA PER LA RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000 POLITICA PER LA RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000 L Enpacl sostiene l importanza dei valori d etica d impresa, sia per l impatto che questa ha nel contesto sociale in cui è inserita, sia per quello ambientale

Dettagli

Appunti sull Orario di lavoro/e il Disegno di Legge n. 1167/B. Il tema dell orario di lavoro è un tema molto complesso per le ricadute che ha:

Appunti sull Orario di lavoro/e il Disegno di Legge n. 1167/B. Il tema dell orario di lavoro è un tema molto complesso per le ricadute che ha: Appunti sull Orario di lavoro/e il Disegno di Legge n. 1167/B Premessa Il tema dell orario di lavoro è un tema molto complesso per le ricadute che ha: Sull o.d.l. Sulla qualità della vita Sulla competitività

Dettagli

del 31 ottobre 2007 (Stato 1 gennaio 2013)

del 31 ottobre 2007 (Stato 1 gennaio 2013) Ordinanza sugli assegni familiari (OAFami) 836.21 del 31 ottobre 2007 (Stato 1 gennaio 2013) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 4 capoverso 3, 13 capoverso 4, 21b capoverso 1, 21e e 27

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DIRITTO DEL LAVORO IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Disciplina del lavoro in Qatar Attualmente non esiste il ministero del lavoro in Qatar il quale è stato sciolto con decreto dell emiro del 16

Dettagli