Unione Europea REPUBBLICA ITALIANA. Regione Siciliana

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Unione Europea REPUBBLICA ITALIANA. Regione Siciliana"

Transcript

1 Unione Europea Servizio Programmazione interventi in materia di istruzione scolastica, universitaria e post universitaria OGGETTO Con il presente provvedimento viene approvata la graduatoria definitiva delle proposte progettuali a valere sull Avviso pubblico n. 6/2016 per il finanziamento di contratti di formazione specialistica nell area medico-sanitaria, composta dall elenco di seguito indicato: - Allegato A Progetti ammessi a finanziamento; Viene contestualmente approvato il relativo finanziamento e l impegno delle somme. L atto, completo degli allegati, si compone di 14 pagine compresa la presente. 1

2 IL DIRIGENTE GENERALE VISTO lo Statuto della ; VISTO il DPR 14 maggio 1985 n. 246 recante norme di attuazione dello Statuto della Regione Siciliana in materia di pubblica istruzione; VISTA la Legge regionale 30 aprile 1991, n. 10; VISTA la Legge regionale del 15 maggio 2000 n. 10; VISTA la Legge regionale 16 dicembre 2008, n. 19; VISTA la Legge 13 agosto 2010, n. 136; VISTA la Legge regionale del 5 aprile 2011, n. 5; VISTO il D.Lgs 6 settembre 2011, n. 159; VISTO il Protocollo d'intesa tra la e il Comando regionale della Guardia di Finanza sottoscritto in data 11 novembre 2011 ai fini del coordinamento dei controlli e dello scambio di informazioni in materia di finanziamenti dei Fondi strutturali comunitari; VISTO il D.Lgs 14 marzo 2013, n. 33; VISTO il Regolamento (UE) n. 1303/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013, recante disposizioni comuni sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo, sul Fondo di coesione, sul Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale e sul Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca e disposizioni generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo, sul Fondo di coesione e sul Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca, e che abroga il regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio; VISTO il Regolamento (UE) n. 1304/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013, relativo al Fondo sociale europeo e che abroga il regolamento (CE) n. 1081/2006 del Consiglio; VISTO il Regolamento di Esecuzione (UE) n. 215/2014 della Commissione del 7 marzo 2014 che stabilisce norme di attuazione del regolamento (UE) n. 1303/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, recante disposizioni comuni sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, sul Fondo Sociale Europeo, sul Fondo di Coesione, sul Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale e sul Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e la Pesca e disposizioni generali sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, sul Fondo Sociale Europeo, sul Fondo di Coesione e sul Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e la Pesca per quanto riguarda le metodologie per il sostegno in materia di cambiamenti climatici, la determinazione dei target intermedi e dei target finali nel quadro di riferimento dell'efficacia dell'attuazione e la nomenclatura delle categorie di intervento per i Fondi Strutturali e di Investimento Europei; VISTO il Regolamento di Esecuzione (UE) n. 821/2014 della Commissione del 28 luglio 2014 recante modalità di applicazione del regolamento (UE) n. 1303/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, per quanto riguarda le modalità dettagliate per il trasferimento e la gestione dei contributi dei programmi, le relazioni sugli strumenti finanziari, le caratteristiche tecniche delle misure di informazione e di comunicazione per le operazioni e il sistema di registrazione e memorizzazione dei dati; VISTO il Regolamento di Esecuzione (UE) n. 1011/2014 della Commissione del 22 settembre 2014 recante modalità di esecuzione del regolamento (UE) n. 1303/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda i modelli per la presentazione di determinate informazioni alla Commissione e le norme dettagliate concernenti gli scambi di informazioni tra beneficiari e autorità di gestione, autorità di certificazione, autorità di audit e organismi intermedi; VISTO il Regolamento di Esecuzione (UE)2015/207 della Commissione del 20 gennaio 2015 recante modalità di esecuzione del regolamento (UE) n. 1303/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda i modelli per la relazione sullo stato dei lavori, la presentazione di 2

3 informazioni relative a un grande progetto, il piano d'azione comune, le relazioni di attuazione relative all'obiettivo Investimenti in favore della crescita e dell'occupazione, la dichiarazione di affidabilità di gestione, la strategia di audit, il parere di audit e la relazione di controllo annuale nonché la metodologia di esecuzione dell'analisi costi-benefici e, a norma del regolamento (UE) n. 1299/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, il modello per le relazioni di attuazione relative all'obiettivo di cooperazione territoriale europea; VISTO il Regolamento Delegato (UE) n. 240/2014 della Commissione del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell ambito dei fondi strutturali e d'investimento europei; VISTO il Regolamento Delegato (UE) n. 480/2014 della Commissione del che integra il regolamento (UE) n. 1303/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio recante disposizioni comuni sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo, sul Fondo di coesione, sul Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale e sul Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca e disposizioni generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo, sul Fondo di coesione e sul Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca; VISTO l Accordo di Partenariato di cui all articolo 14 del regolamento (UE) n. 1303/2013, adottato dalla CE il 29 ottobre 2014 con decisione CCI 2014IT16M8PA001; VISTO il Programma Operativo del Fondo Sociale Europeo per il sostegno del Fondo sociale europeo nell'ambito dell'obiettivo "Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione" per la Regione Sicilia in Italia (di seguito POR FSE) adottato con Decisione di esecuzione della Commissione europea del CCI 2014IT05SFOP014; VISTA la Deliberazione di Giunta Regionale n. 349 del 10 dicembre 2014 che apprezza il Programma operativo del Fondo sociale europeo per il sostegno del Fondo sociale europeo nell'ambito dell'obiettivo "Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione" per la Regione Sicilia; VISTA la Deliberazione di Giunta Regionale n. 39 del 26 febbraio 2015, che apprezza il Programma operativo del Fondo sociale europeo per il sostegno del Fondo sociale europeo nell'ambito dell'obiettivo "Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione" in quanto recepisce le osservazioni presentate l 11 dicembre 2014 dalla Commissione Europea relativamente all innalzamento della dotazione finanziaria della quota comunitaria destinata alla priorità di investimento 8.iv l uguaglianza tra uomini e donne in tutti i settori, incluso l accesso all occupazione e alla progressione della carriera, la conciliazione fra vita e vita privata e la promozione della parità di retribuzione per uno stretto lavoro o un lavoro di pari valore ; VISTA la Guida alle opzioni semplificate in materia di costi (OSC) Fondi strutturali e di investimento europei (Fondi SIE) Commissione Europea EGESIF_ ; VISTO il Manuale delle Procedure dell Autorità di Gestione del Programma Operativo Regionale FSE nella versione attualmente in vigore; VISTO il Vademecum per l attuazione degli interventi che prevedono l adozione di unità di costo standard del Programma Operativo FSE (Vademecum UCS), nella versione attualmente in vigore; VISTO il Vademecum per gli operatori in attuazione del Programma Operativo Regionale Siciliana FSE, (Vademecum FSE) versione IV; VISTO il DDG n 8451 del 10/11/2015 che estende l applicabilità del Vademecum per gli operatori in attuazione del Programma Operativo Regionale Siciliana FSE, al PO 2014/2020; VISTA la Strategia Regionale dell'innovazione per la specializzazione intelligente 2014/2020 (2014); VISTI i Criteri di selezione delle operazioni a valere sul FSE per il periodo , approvati dal Comitato di Sorveglianza del PO FSE in data 10 giugno 2015; 3

4 VISTA la Scheda Università, promossa dal Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale, prot. n. 17/VII/ del 07/08/2008 e approvata dal Sottocomitato Risorse Umane del Quadro Strategico Nazionale Programmazione FSE 2007/2013 nel corso della seduta tenutasi a Roma il 9 luglio 2009, di seguito Scheda Università; VISTO il Decreto Presidenziale n. 25 del 01/10/2015, recante Regolamento di attuazione dell art. 86 della legge regionale 7 maggio 2015, n. 9. Disposizioni per l accreditamento degli organismi formativi operanti nel sistema della formazione siciliana, pubblicato in G.U.R.S. n. 44 del 30/10/2015; VISTO il D.D.G. n. 851 del 09/03/2016, con il quale è stato approvato l Avviso pubblico n. 6/2016 per il finanziamento di contratti di formazione specialistica nell area medico-sanitaria; VISTA la legge regionale 17 marzo 2016, n. 4, che approva il bilancio della per l'anno 2016 e per il triennio ; VISTA la delibera della Giunta Regionale del 22 marzo 2016, n. 76 con cui si approva il Documento tecnico di accompagnamento al bilancio di Previsione e il Bilancio Finanziario Gestionale per l'esercizio 2016 e per il triennio ; VISTA la nota prot. n del 13/04/2016 con la quale è stata richiesta l'iscrizione, su un nuovo capitolo di bilancio, della somma complessiva di ,00, per il finanziamento dei contratti di formazione specialistica nell'ambito di corsi di specializzazione realizzati nell'area medicosanitaria in Sicilia; VISTO il D.D. n. 495/2016 del 09/05/2016 del Dipartimento Bilancio e Tesoro Ragioneria Generale, con il quale è stata iscritta sul capitolo di nuova istituzione Interventi per la realizzazione dell'obiettivo specifico Alta formazione-, Asse III, O.T.10 del Programma Operativo Regionale FSE , la somma complessiva di ,00 con il seguente crono programma di spesa: ,00 nell'esercizio finanziario 2016, ,00 nell'esercizio finanziario 2017 ed ,00 nell'esercizio finanziario 2018; VISTA la nota prot. n. n del con la quale è stata richiesta la modifica del suddetto D.D. n. 495/2016 del 09/05/2016 riducendo l'importo da iscrivere sul capitolo a complessivi ,00, da imputare quanto ad ,00 nell'esercizio finanziario 2016, ,00 nell'esercizio finanziario 2017, ,00 nell'esercizio finanziario 2018, ,00 nell'esercizio finanziario 2019 ed ,00 nell'esercizio finanziario 2020, per il finanziamento dell'avviso 6/2016 sopra citato; VISTO il D.D. n. 899/2016 del 30/06/2016 del Dipartimento Bilancio e Tesoro Ragioneria Generale, con il quale è stato modificato il sopra citato D.D. 495/2016 del 09/05/2016 iscrivendo sul capitolo , la somma di ,00 di cui ,00 nell'esercizio finanziario 2016 iscritti anche in termini di cassa, ,00 nell'esercizio finanziario 2017 ed ,00 nell'esercizio finanziario 2018; CONSIDERATO che a seguito dell Avviso pubblico n. 6/2016, sopra citato, sono pervenute le proposte progettuali dell Università agli studi di Catania PEC del 25/03/2016 assunta al prot del 29/03/2016, dell Università agli studi di Messina PEC del 29/03/2016 assunta al prot del 29/03/2016, e dell Università agli studi di Palermo PEC del 29/03/2016 assunta al prot del 29/03/2016; VISTO il D.D.G. n del 30/03/2015 con il quale è stata nominata la Commissione di ammissibilità e valutazione delle proposte progettuali prevista dall art. 9 dell Avviso pubblico n. 6/2016; CONSIDERATE le note di chiarimento delle proposte progettuali sopra indicate, pervenute rispettivamente dall Università degli studi di Palermo con PEC del 07/04/2016 assunta al prot. n del 08/04/2016, dall Università agli studi di Messina con PEC del 11/04/2016 assunta al prot. n del 11/04/2016 e dall Università degli Studi di Catania con PEC del 08/04/2016 4

5 assunta al prot del 11/04/2016; VISTA la nota prot. n del 15/04/2016 con la quale la Commissione, nonostante i chiarimenti forniti dalle Università, ha ritenuto di dover chiedere all AdG un interpretazione giuridica relativamente ai punti 3 e 4 dell articolo 7 dell Avviso 6/2016; VISTA la nota prot. n del 15/04/2016 con la quale l AdG ha chiesto uno specifico parere all Avvocatura dello Stato di Palermo in merito alla corretta interpretazione dei punti 3 e 4 dell articolo 7 dell Avviso 6/2016; VISTA la nota prot. n del 18/05/2016 con la quale l AdG ha trasmesso alla Commissione il parere prot del 18/05/2016 reso dall Avvocatura dello Stato di Palermo in merito ai quesiti sollevati; VISTI i verbali di verifica dell ammissibilità e di valutazione delle proposte progettuali relative all Avviso pubblico n. 6/2016 trasmessi dalla Commissione con nota prot del 18/05/2016; PRESO ATTO che in esito alla fase di verifica dell ammissibilità, a seguito della presentazione di chiarimenti, le tre proposte ricevute sono state ammesse a valutazione; PRESO ATTO che in esito alla valutazione tutte le proposte hanno ottenuto un punteggio non inferiore a 65/100 e che pertanto tutte le proposte sono ammissibili al finanziamento; RITENUTO di condividere ed approvare le modalità e gli esiti della verifica di ammissibilità nonché della valutazione delle proposte progettuali delle Università agli studi di Catania, Messina e Palermo come integrate rispettivamente con le relative note a chiarimento sopra citate, effettuata dalla predetta Commissione; RITENUTO di dover escludere, nell ambito della proposta progettuale dell Università di Palermo il finanziamento del contratto afferente alla Scuola di Igiene e Medicina preventiva dell Università degli Studi di Palermo, difforme dalla lex specialis, in quanto la correlata richiesta risulta parziale in quanto ammonta ad ,00 anziché ,00, come stabilisce la normativa nazionale di riferimento, adottata dall Avviso 6/2016 per determinare il valore dell Unità di Costi Standard (UCS), e nella considerazione che l Avviso non prevede nessuna forma di cofinanziamento; VISTO il DDG n del 18/05/2016 con il quale sono stati approvati gli esiti dell istruttoria di ammissibilità e di valutazione ed è stata approvata la graduatoria provvisoria dei progetti pervenuti a valere sull Avviso pubblico n. 6/2016 per il finanziamento di contratti di formazione specialistica nell area medico-sanitaria; CONSIDERATO che con il sopra citato DDG n del 18/05/2016 è stato assegnato il termine di giorni 10 dalla notifica della graduatoria provvisoria per le eventuali osservazioni; VISTA la nota prot. n del 19/05/2016 di notifica del suddetto DDG n del 18/05/2016 alle tre Università partecipanti inoltrata con PEC che fissa la decorrenza del termine di 10 giorni per la presentazione delle eventuali osservazioni a far data dalla PEC in parola; VISTE le note di accettazione della graduatoria provvisoria, approvata con il DDG n del 18/05/2016 sopra citato, pervenute rispettivamente dall Università degli studi di Palermo prot del 20/05/2016 con PEC del 20/05/2016 assunta al prot. n del 20/05/2016, dall Università agli studi di Messina prot del 19/05/2016 con PEC del 19/05/2016 assunta al prot. n del 20/05/2016 e dall Università degli Studi di Catania prot. n del 19/05/2016 con PEC del 19/05/2016 assunta al prot del 20/05/2016; CONSIDERATO che le tre Università proponenti sopra citate risultano accreditate di diritto al sistema della formazione siciliana ai sensi del Decreto Presidenziale n. 25 del 01/10/2015 con numero di codice rispettivamente Università agli studi di Messina CIR DRZ262, Università agli studi di Catania CIR AAT622, Università agli studi di Palermo CIR AAD063); 5

6 CONSIDERATO che le risorse finalizzate all'attuazione delle iniziative formative a valere sull Avviso 6/2016 consentono di finanziare tutte le tre proposte progettuali come sopra specificato; RITENUTO pertanto di procedere all approvazione della graduatoria definitiva delle proposte progettuali ammesse e finanziate, come definita con il citato DDG n del 18/05/2016, predisposta, in applicazione dei criteri di cui all art. 9 dell Avviso pubblico n. 6/2016, secondo le risultanze dei punteggi attribuiti in esito alla valutazione di seguito riportata e specificata in dettaglio nell elenco Allegato A Progetti ammessi a finanziamento che fa parte integrante del presente decreto: 1. Università degli Studi di Messina: punteggio complessivo 83; 2. Università degli Studi di Catania: punteggio complessivo 82; 3. Università degli Studi di Palermo: punteggio complessivo 65; RITENUTO, quindi, di procedere al finanziamento, sul cap Interventi per la realizzazione dell'obiettivo specifico Alta formazione - Asse III, O.T.10 del Programma Operativo Regionale FSE del Bilancio della es. fin 2016 secondo il crono programma di spesa ivi previsto, della proposta progettuale dell Università degli studi di Messina comprendente n 20 contratti per un importo complessivo di ,00, della proposta progettuale dell Università degli studi di Catania comprendente n 31 contratti per un importo di ,00 e della proposta progettuale dell Università degli studi di Palermo, rimodulata con l esclusione di un contratto di specializzazione dell Area Igiene e Medicina preventiva, comprendente n. 36 contratti per un importo di ,00, come specificato in dettaglio e per gli importi segnati nell Allegato A Progetti ammessi a finanziamento, parte integrante del presente decreto, per un importo complessivo di ,00 per la copertura di un totale di 87 contratti aggiuntivi di specializzazione medica; RITENUTO, conformemente a quanto disposto dall Avviso, di procedere al contestuale impegno sul cap es. fin 2016 dell importo complessivo di ,00, per la copertura di n 87 contratti di specializzazione medica, come di seguito indicato e come specificato in dettaglio e per gli importi segnati nell Allegato A Progetti ammessi a finanziamento, parte integrante del presente decreto: ,00 in favore dell Università degli studi di Messina, per la copertura della proposta progettuale comprendente n. 20 contratti di specializzazione medica; ,00 in favore dell Università degli studi di Catania, per la copertura della proposta progettuale comprendente n. 31 contratti di specializzazione medica; ,00 in favore dell Università degli studi di Palermo, per la copertura della proposta progettuale comprendente n. 36 contratti di specializzazione medica; CONSIDERATO che, come previsto dall Art. 10 dell Avviso 6/2016 e come in dettaglio si evince dall Allegato A Progetti ammessi a finanziamento, i corsi di specializzazione medica, afferenti all A.A. 2015/2016, hanno una durata da 4 a 5 anni e che le attività saranno avviate secondo i termini stabiliti a livello nazionale e devono concludersi entro e non oltre il 30 giugno 2022; RICHIAMATE le disposizioni del Vademecum FSE, del Vademecum UCS e dell Avviso 6/2016 (ed in particolare quelle dell Art. 11 e seguenti) concernenti la gestione finanziaria e la rendicontazione delle attività ; 6

7 CONSIDERATO che il soggetto attuatore dovrà sottoscrivere apposita convenzione secondo il format allegato al Vademecum FSE attualmente in vigore; RITENUTO di dover erogare il finanziamento, in coerenza con il crono-programma del cap , secondo la tempistica e le modalità di cui al Vademecum FSE, al Vademecum UCS ed all Avviso 6/2016 che, in dettaglio, all Art 15 prevede: - un anticipo pari al 20% del finanziamento pubblico disposto, all avvio del progetto, dopo la sottoscrizione della convenzione e la comunicazione dell attivazione di almeno il 25% del numero di percorsi di specializzazione approvati; - un ulteriore 30% del finanziamento pubblico disposto, eventualmente rimodulato sulla base dei contratti di specializzazione attivi, in seguito alla realizzazione dell attività, a copertura almeno del 70% del primo anticipo ricevuto, debitamente validata da parte del servizio competente della Regione; - un ulteriore 20% del finanziamento pubblico approvato, eventualmente rimodulato sulla base dei contratti attivi, in seguito alla realizzazione dell attività, a copertura almeno del 70% dei precedenti anticipi ricevuti, debitamente validata da parte del servizio competente della Regione; - un ulteriore 20% del finanziamento pubblico approvato, eventualmente rimodulato sulla base dei contratti attivi, in seguito alla realizzazione dell attività, a copertura almeno del 70% dei precedenti anticipi ricevuti, debitamente validata da parte del servizio competente della Regione; - il saldo finale (max 10%) a conclusione delle attività e a seguito dei controlli effettuati da parte del servizio competente della Regione. ATTESO che agli interventi da finanziare a valere del sopra citato Avviso pubblico n. 6/2016 è stato assegnato il numero di codice di identificazione europeo (CIP) ed il numero di Codice Unico di Progetto per gli investimenti pubblici (CUP), obbligatorio ai sensi dell art. 11 della L. n. 3 del 16/01/2003 e dell art. 3 della L. 136 del 13/08/2010 specificato a fianco di ciascuno nell Allegato A Progetti ammessi a finanziamento, parte integrante del presente decreto D E C R E T A Per i motivi citati in premessa che qui si intendono integralmente riportati e trascritti ART. 1 E approvata la graduatoria definitiva delle proposte progettuali ammesse e finanziate a valere sull Avviso pubblico n. 6/2016 per il finanziamento di contratti di formazione specialistica nell area medico-sanitaria, di seguito riportata e specificata in dettaglio nell elenco Allegato A Progetti ammessi a finanziamento che fa parte integrante del presente decreto: 1. Università degli Studi di Messina: punteggio complessivo 83; 2. Università degli Studi di Catania: punteggio complessivo 82; 3. Università degli Studi di Palermo: punteggio complessivo 65; ART. 2 Sono ammesse al finanziamento sul cap Interventi per la realizzazione dell'obiettivo specifico Alta formazione - Asse III, O.T.10 del Programma Operativo Regionale FSE del Bilancio della es. fin 2016 secondo il cronoprogramma di spesa ivi previsto, le seguenti proposte progettuali a valere sull Avviso pubblico n. 7

8 6/2016, comprendenti in totale n. 87 contratti di specializzazione medica, per un importo complessivo di ,00, come specificato in dettaglio e per gli importi segnati nell Allegato A Progetti ammessi a finanziamento che fa parte integrante del presente decreto: 1. Università degli studi di Messina, CIP 2014.IT.05.SFOP.014/3/10.5/9.2.02/0001 CUP G49D , comprendente n 20 contratti per un importo complessivo di ,00; 2. Università degli studi di Catania, CIP 2014.IT.05.SFOP.014/3/10.5/9.2.02/0002 CUP G69D , comprendente n 31 contratti per un importo di ,00; 3. Università degli studi di Palermo, CIP 2014.IT.05.SFOP.014/3/10.5/9.2.02/0003 CUP G79D , rimodulata a seguito dell esclusione di un contratto di specializzazione dell Area Igiene e Medicina preventiva, comprendente n 36 contratti per un importo di ,00. ART. 3 E impegnata sul Capitolo del Bilancio della es. fin. 2016, la somma complessiva di ,00, secondo il seguente crono-programma di spesa: ,00 nell esercizio finanziario 2016, ,00 nell esercizio finanziario 2017, ,00 nell esercizio finanziario 2018, ,00 nell esercizio finanziario 2019 ed ,00 nell esercizio finanziario 2020, per il finanziamento di n 87 contratti di specializzazione medica di cui all Avviso pubblico n. 6/2016, come specificato in dettaglio e per gli importi segnati nell Allegato A Progetti ammessi a finanziamento, che fa parte integrante del presente decreto, ripartita fra le tre Università proponenti come segue: CIP CUP Beneficiario Codice fiscale Partita IVA Numero contratti Totale finanziato 2014.IT.05.SFOP.0 14/3/10.5/9.2.02/ 0001 G49D Università degli studi di Messina , IT.05.SFOP.0 14/3/10.5/9.2.02/ 0002 G69D Università degli studi di Catania , IT.05.SFOP.0 14/3/10.5/9.2.02/ 0003 G79D Università degli studi di Palermo ,00 Totale ,00 ART. 4 il finanziamento sopra indicato sarà erogato, in coerenza con il crono-programma di spesa del Cap , secondo la tempistica e le modalità di cui al Vademecum FSE, al Vademecum UCS ed all Avviso pubblico n. 6/2016 che, in particolare, all Art 15 prevede: - un anticipo pari al 20% del finanziamento pubblico disposto, all avvio del progetto, dopo la sottoscrizione della convenzione e la comunicazione dell attivazione di almeno il 25% del numero di percorsi di specializzazione approvati; 8

9 - un ulteriore 30% del finanziamento pubblico disposto, eventualmente rimodulato sulla base dei contratti di specializzazione attivi, in seguito alla realizzazione dell attività, a copertura almeno del 70% del primo anticipo ricevuto, debitamente validata da parte del servizio competente della Regione; - un ulteriore 20% del finanziamento pubblico approvato, eventualmente rimodulato sulla base dei contratti attivi, in seguito alla realizzazione dell attività, a copertura almeno del 70% dei precedenti anticipi ricevuti, debitamente validata da parte del servizio competente della Regione; - un ulteriore 20% del finanziamento pubblico approvato, eventualmente rimodulato sulla base dei contratti attivi, in seguito alla realizzazione dell attività, a copertura almeno del 70% dei precedenti anticipi ricevuti, debitamente validata da parte del servizio competente della Regione; - il saldo finale (max 10%) a conclusione delle attività e a seguito dei controlli effettuati da parte del servizio competente della Regione. ART. 5 È fatto obbligo alle Università soggetti attuatori di sottoscrivere apposita convenzione ai sensi dell art. 14 dell Avviso 6/2016, e di rispettare ed adempiere agli obblighi indicati al medesimo art. 14 ed agli artt. 11, 12, 16, 19 e 20 dell Avviso 6/2016; ART. 6 Il presente provvedimento sarà trasmesso alla Ragioneria centrale dell Assessorato dell Istruzione e della Formazione Professionale per il successivo inoltro alla Corte dei Conti per il visto di conformità. ART. 7 Il presente provvedimento assumerà valore legale a seguito di pubblicazione, ai sensi dell art. 12, comma 3, Legge regionale n. 5/2011, sul sito ufficiale del Dipartimento Regionale dell Istruzione e della Formazione Professionale all'indirizzo nell area del Dipartimento Regionale dell Istruzione e della Formazione Professionale, e sul sito del Fondo Sociale Europeo all'indirizzo e, dopo il visto di conformità della Corte dei Conti, ne verrà data comunicazione sulla GURS. Il Dirigente Generale f.to (Gianni Silvia) 9

Unione Europea REPUBBLICA ITALIANA

Unione Europea REPUBBLICA ITALIANA Servizio Programmazione interventi in materia di istruzione scolastica, universitaria e post universitaria OGGETTO Con il presente provvedimento viene approvata la graduatoria provvisoria delle proposte

Dettagli

Unione Europea. D.D.G. N.6060 del 12/10/2016 OGGETTO:

Unione Europea. D.D.G. N.6060 del 12/10/2016 OGGETTO: Il Dirigente Generale D.D.G. N.6060 del 12/10/2016 OGGETTO: Decreto di approvazione della graduatoria definitiva e impegno per i progetti presentati a valere sull Avviso n. 7/2016 Avviso per la realizzazione

Dettagli

Unione Europea. D.D.G. N del 16/12/2016

Unione Europea. D.D.G. N del 16/12/2016 Il Dirigente Generale OGGETTO Decreto di assegnazione del codice CUP alle operazioni a valere sull Avviso 4/2015 Avviso per la realizzazione dei percorsi formativi di istruzione e formazione professionale

Dettagli

Unione Europea. D.D.G. N del 14/09/2016 OGGETTO:

Unione Europea. D.D.G. N del 14/09/2016 OGGETTO: Il Dirigente Generale OGGETTO: Decreto di approvazione della graduatoria provvisoria dei progetti presentati a valere sull Avviso n. 7/2016 Avviso per la realizzazione dei percorsi formativi di istruzione

Dettagli

Decreto di approvazione in via definitiva degli esiti di ammissibilità alla valutazione delle istanze pervenute a valere sull Avviso n. 7/2016.

Decreto di approvazione in via definitiva degli esiti di ammissibilità alla valutazione delle istanze pervenute a valere sull Avviso n. 7/2016. Il Dirigente Generale OGGETTO. Decreto di approvazione in via definitiva degli esiti di ammissibilità alla valutazione delle istanze pervenute a valere sull Avviso n. 7/2016. L atto si compone di 13 pagine

Dettagli

Unione Europea. D.D.G. N del 02/05/2017

Unione Europea. D.D.G. N del 02/05/2017 Il Dirigente Generale OGGETTO Decreto di assegnazione del codice CUP alle operazioni a valere sull Avviso 4/2015 Avviso per la realizzazione dei percorsi formativi di istruzione e formazione seconda, terza

Dettagli

Regione Siciliana Assessorato dell'istruzione e della formazione professionale Dipartimento dell'istruzione e della formazione professionale

Regione Siciliana Assessorato dell'istruzione e della formazione professionale Dipartimento dell'istruzione e della formazione professionale OGGETTO Con il presente provvedimento viene approvata la graduatoria definitiva delle proposte progettuali a valere sull Avviso pubblico n. 5/2016 per il finanziamento di borse regionali di dottorato di

Dettagli

Unione Europea REPUBBLICA ITALIANA

Unione Europea REPUBBLICA ITALIANA Assessorato regionale dell Istruzione e della Formazione Professionale Dipartimento regionale dell Istruzione e della Formazione Professionale OGGETTO: Proroga del termine di presentazione delle domande

Dettagli

Unione Europea REPUBBLICA ITALIANA

Unione Europea REPUBBLICA ITALIANA Unione Europea Assessorato regionale dell Istruzione e della Formazione Professionale Dipartimento regionale dell Istruzione e della Formazione Professionale OGGETTO: Approvazione della graduatoria provvisoria

Dettagli

Unione Europea. D.D.G. N.5027 del 08/09/2016 OGGETTO.

Unione Europea. D.D.G. N.5027 del 08/09/2016 OGGETTO. Il Dirigente Generale D.D.G. N.5027 del 08/09/2016 OGGETTO. Decreto di modifica del D.D.G. 2027 /2016 e approvazione in via definitiva degli esiti di ammissibilità alla valutazione delle istanze pervenute

Dettagli

Unione Europea REPUBBLICA ITALIANA

Unione Europea REPUBBLICA ITALIANA Servizio Programmazione interventi in materia di istruzione scolastica, universitaria e post universitaria Oggetto. Approvazione Avviso pubblico n. 15/2017 Intervento sperimentale di alta formazione: tirocini

Dettagli

DDG N. 816 del 08/03/2016 OGGETTO.

DDG N. 816 del 08/03/2016 OGGETTO. Unione Europea e Servizio Programmazione interventi in materia di istruzione scolastica, universitaria e post universitaria OGGETTO. Approvazione Avviso pubblico n. 5/2016 per il finanziamento di borse

Dettagli

Unione Europea REPUBBLICA ITALIANA

Unione Europea REPUBBLICA ITALIANA Servizio Programmazione interventi in materia di istruzione scolastica, universitaria e post universitaria Oggetto. Approvazione della graduatoria definitiva delle proposte progettuali a valere sull Avviso

Dettagli

DDG N. 169 del 23 Gen 2017 OGGETTO.

DDG N. 169 del 23 Gen 2017 OGGETTO. e Servizio 1- Programmazione degli interventi in materia di formazione e formazione permanente continua DDG N. 169 del 23 Gen 2017 OGGETTO. Approvazione, in via definitiva, della graduatoria delle istanze

Dettagli

IL DIRIGENTE GENERALE

IL DIRIGENTE GENERALE IL DIRIGENTE GENERALE PO FSE 2014-2020, Azione 9.2.2. Avviso 10/2016 per la presentazione di operazioni per l inserimento socio-lavorativo dei soggetti in esecuzione penale approvato con D.D.G. n. 2252

Dettagli

DDG 4354 del

DDG 4354 del Dipartimento dell'istruzione e della formazione Servizio 1- Programmazione degli interventi in materia di formazione e formazione permanente continua DDG 4354 del 22.06.2017 OGGETTO. Decreto di concessione

Dettagli

DDG N. 267 del 25 gennaio 2017 OGGETTO.

DDG N. 267 del 25 gennaio 2017 OGGETTO. Dipartimento dell'istruzione e della formazione DDG N. 267 del 25 gennaio 2017 OGGETTO. Disposizioni attuative per l avvio dei progetti finanziati a valere delle risorse previste dell Avviso pubblico n.

Dettagli

Il Direttore del Servizio. il Regolamento (UE) n. 1304/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 17 dicembre

Il Direttore del Servizio. il Regolamento (UE) n. 1304/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 17 dicembre DETERMINAZIONE n.28225-2825 Oggetto: Avviso pubblico PIÙ TURISMO PIÙ LAVORO annualità 2016 procedura a sportello per la concessione di contributi per l allungamento della stagione turistica. POR FSE 2014/2020

Dettagli

Unione Europea. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana

Unione Europea. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Il Dirigente Generale / Servizio 1 DDG N. 2722 del _17_/10 /2016 OGGETTO. PO FSE 2014-2020, Azione 9.2.2. Avviso 10/2016 per la presentazione di operazioni per l inserimento socio-lavorativo dei soggetti

Dettagli

SETTORE PROGRAMMAZIONE FORMAZIONE STRATEGICA E ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE

SETTORE PROGRAMMAZIONE FORMAZIONE STRATEGICA E ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE REGIONE TOSCANA DIREZIONE ISTRUZIONE E FORMAZIONE SETTORE PROGRAMMAZIONE FORMAZIONE STRATEGICA E ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE Responsabile di settore: MONTOMOLI MARIA CHIARA Decreto soggetto

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi GIUNTA REGIONALE Atto del Dirigente a firma unica: DETERMINAZIONE n 20853 del 23/12/2016 Proposta: DPG/2016/21503 del 23/12/2016 Struttura proponente: Oggetto:

Dettagli

Regione Siciliana Assessorato dell'istruzione e della formazione professionale Dipartimento dell'istruzione e della formazione professionale

Regione Siciliana Assessorato dell'istruzione e della formazione professionale Dipartimento dell'istruzione e della formazione professionale Il Dirigente Generale Servizio I Programmazione per gli interventi in materia di formazione professionale Oggetto: impegno della somma di euro 3.217.009,61 per l erogazione del saldo, sul capitolo di spesa

Dettagli

Regione Siciliana Assessorato dell'istruzione e della formazione professionale Dipartimento dell'istruzione e della formazione professionale

Regione Siciliana Assessorato dell'istruzione e della formazione professionale Dipartimento dell'istruzione e della formazione professionale Il Dirigente Generale Servizio II Programmazione per gli interventi in materia di istruzione scolastica, universitaria e post universitaria Oggetto: impegno della somma complessiva di euro 1.371.705,73

Dettagli

DETERMINAZIONE N del

DETERMINAZIONE N del Direzione generale Servizio Lavoro DETERMINAZIONE N. 14531-1180 Oggetto: Avviso pubblico Welfare e work life balance nella vita quotidiana delle aziende, dei lavoratori e delle loro famiglie. Avviso per

Dettagli

03/08/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 62. Regione Lazio

03/08/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 62. Regione Lazio Regione Lazio DIREZIONE FORMAZ., RICE. E INNOV., SCUOLA UNIV., DIR. STUDIO Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 28 luglio 2017, n. G10714 POR FESR Lazio 2014-2020. Approvazione Avviso Pubblico

Dettagli

Unione Europea. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana

Unione Europea. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Il Dirigente Generale / Servizio 1 DDG N. 2644 del _10_/10 /2016 OGGETTO. PO FSE 2014-2020, Azione 9.2.2. Avviso 10/2016 per la presentazione di operazioni per l inserimento socio-lavorativo dei soggetti

Dettagli

DETERMINAZIONE N. PROT. 421 N. REP 16 Del 10/01/2017

DETERMINAZIONE N. PROT. 421 N. REP 16 Del 10/01/2017 DETERMINAZIONE N. PROT. 421 N. REP 16 Del 10/01/2017 Oggetto: Approvazione dell Avviso pubblico SERVIZI PER LA CREAZIONE DI IMPRESA PROGRAMMA IMPRINTING Annualità 2016. Avviso pubblico per il supporto

Dettagli

D.D.G. N. 174 del 23/01/2017 OGGETTO. PIANO GIOVANI Priorità 3 - II Annualità Avviso 20/2011:

D.D.G. N. 174 del 23/01/2017 OGGETTO. PIANO GIOVANI Priorità 3 - II Annualità Avviso 20/2011: Unione Europea Servizio Gestione interventi in materia di Formazione Professionale Il Dirigente Generale OGGETTO PIANO GIOVANI Priorità 3 - II Annualità Avviso 20/2011: - Adozione Modello 19 - Richiesta

Dettagli

Mod. B - copia DECRETO N. 381 DEL 13/07/2017

Mod. B - copia DECRETO N. 381 DEL 13/07/2017 DECRETO N. 381 DEL 13/07/2017 OGGETTO: POR FSE Regione Veneto 2014/2020 Reg.to UE n. 1303/2013 e 1304/2013. Asse II Inclusione sociale - Obiettivo Tematico 9 Priorità d investimento 9.i Obiettivo Specifico

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg. delib. n. 1247 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE OGGETTO: Approvazione dell'avviso per la presentazione di proposte formative finalizzate all'inclusione

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 388 del 02/09/2015

Delibera della Giunta Regionale n. 388 del 02/09/2015 Delibera della Giunta Regionale n. 388 del 02/09/2015 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 1 - Direzione Generale per la Programmazione Economica

Dettagli

DETERMINAZIONE N. PROT N. REP 1448 Del 10/05/2017

DETERMINAZIONE N. PROT N. REP 1448 Del 10/05/2017 DETERMINAZIONE N. PROT. 16604 N. REP 1448 Del 10/05/2017 Oggetto: Sostituzione pag. 19 e 20 dell Avviso pubblico SERVIZI PER LA CREAZIONE DI IMPRESA PROGRAMMA IMPRINTING Annualità 2016. Avviso pubblico

Dettagli

Speciale N. 33 del 15 Marzo 2017

Speciale N. 33 del 15 Marzo 2017 Anno XLVII Anno XLVII N. 33 Speciale (15.03.2017) Bollettino Ufficiale della Regione Abruzzo Pag. 1 Speciale N. 33 del 15 Marzo 2017 POR FSE ABRUZZO 2016-2018- FORMAZIONE PER LA CRESCITA APPROVAZIONE AVVISO

Dettagli

DETERMINAZIONE N del

DETERMINAZIONE N del Direzione generale Servizio Lavoro DETERMINAZIONE N. 13492 1092 Oggetto: Avviso pubblico Welfare e work life balance nella vita quotidiana delle aziende, dei lavoratori e delle loro famiglie. Avviso per

Dettagli

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori. 01/08/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N Supplemento n.

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori. 01/08/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N Supplemento n. Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 18 luglio 2017, n. 410 Approvazione del documento "Descrizione delle funzioni e delle procedure in atto per l'autorita' di Gestione

Dettagli

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO 6 SVILUPPO ECONOMICO, LAVORO, FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI. SETTORE Lavoro

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO 6 SVILUPPO ECONOMICO, LAVORO, FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI. SETTORE Lavoro REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO 6 SVILUPPO ECONOMICO, LAVORO, FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI SETTORE Lavoro DECRETO DEL DIRIGENTE DEL (assunto il 20.03.2015 prot. N 370) Registro dei decreti

Dettagli

Regione Siciliana Assessorato dell'istruzione e della formazione professionale Dipartimento dell'istruzione e della formazione professionale

Regione Siciliana Assessorato dell'istruzione e della formazione professionale Dipartimento dell'istruzione e della formazione professionale Il Dirigente Generale Servizio II Programmazione per gli interventi in materia di istruzione scolastica, universitaria e post universitaria Oggetto: Impegno della somma complessiva di euro 1.365.142,82

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 293 del 23/05/2017

Delibera della Giunta Regionale n. 293 del 23/05/2017 Delibera della Giunta Regionale n. 293 del 23/05/2017 Dipartimento 50 - GIUNTA REGIONALE DELLA CAMPANIA Direzione Generale 5 - Direzione Generale per le politiche sociali e socio-sanitarie Oggetto dell'atto:

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 229 del 29/06/2016

Decreto Dirigenziale n. 229 del 29/06/2016 Decreto Dirigenziale n. 229 del 29/06/2016 Dipartimento 54 - Dipartimento Istr., Ric., Lav., Politiche Cult. e Soc. Direzione Generale 11 - Direzione Generale Istruzione, Formazione,Lavoro e Politiche

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 508 del 01/08/2017

Delibera della Giunta Regionale n. 508 del 01/08/2017 Delibera della Giunta Regionale n. 508 del 01/08/2017 Dipartimento 50 - GIUNTA REGIONALE DELLA CAMPANIA Direzione Generale 10 - DIREZIONE GENERALE PER L'UNIVERSITA', LA RICERCA E L'INNOVAZIONE Oggetto

Dettagli

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori. 19/01/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 6 - Supplemento n.

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori. 19/01/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 6 - Supplemento n. Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 30 dicembre 2016, n. 845 Designazione dell'autorità di Gestione e dell'autorità di Certificazione del Programma Operativo FESR

Dettagli

Decreto Presidente Giunta n. 27 del 24/01/2017

Decreto Presidente Giunta n. 27 del 24/01/2017 Decreto Presidente Giunta n. 27 del 24/01/2017 Dipartimento 93 - Direzione di staff della struttura di supporto tecnico operativa alla SDG Oggetto dell'atto: PO FSE CAMPANIA 2014-2020. CONCLUSIONE PROCEDURA

Dettagli

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE VISTI:

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE VISTI: O GG E TTO : Approvazione avviso pubblico per la presentazione di operazioni per servizi sociali innovativi a valere sul POR FSE Liguria 2014-2020, Asse 2 "Inclusione sociale e lotta alla povertà", Priorità

Dettagli

DECRETO N. 998/DecA/19 DEL 19 APRILE 2017

DECRETO N. 998/DecA/19 DEL 19 APRILE 2017 ASSESSORADU DE S AGRICOLTURA E REFORMA AGRO-PASTORALE DECRETO N. 998/DecA/19 Oggetto: Direttive per l azione amministrativa e la gestione della Misura 1 Trasferimento di conoscenze e azioni di informazione

Dettagli

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO AMBIENTE E TERRITORIO DECRETO DEL DIRIGENTE SETTORE. (assunto 30 Giugno 2017 prot.

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO AMBIENTE E TERRITORIO DECRETO DEL DIRIGENTE SETTORE. (assunto 30 Giugno 2017 prot. REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO AMBIENTE E TERRITORIO DECRETO DEL DIRIGENTE SETTORE (assunto 30 Giugno 2017 prot. n 650) Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione Calabria n 7550

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 70 del 20/05/2016

Decreto Dirigenziale n. 70 del 20/05/2016 Decreto Dirigenziale n. 70 del 20/05/2016 Dipartimento 54 - Dipartimento Istr., Ric., Lav., Politiche Cult. e Soc. Direzione Generale 10 - Direzione Generale per l'università, la ricerca e l'innovazione

Dettagli

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N. 8 AGRICOLTURA E RISORSE AGROALIMENTARI

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N. 8 AGRICOLTURA E RISORSE AGROALIMENTARI REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N. 8 AGRICOLTURA E RISORSE AGROALIMENTARI DECRETO DEL DIRIGENTE GENERALE (Assunto il 18 settembre 2017 Prot. n. 654) Registro dei decreti dei Dirigenti della

Dettagli

la L.R. N.10 del 15 maggio 2000 concernente Disciplina del personale regionale e dell organizzazione degli uffici della Regione ;

la L.R. N.10 del 15 maggio 2000 concernente Disciplina del personale regionale e dell organizzazione degli uffici della Regione ; D.D. n 528 del 4/05/2011 ASSESSORATO DELLA FAMIGLIA DELLE POLITICHE SOCIALI E DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA FAMIGLIA E DELLE POLITICHE SOCIALI ORGANISMO INTERMEDIO DEL POR FSE 2007/2013 IL DIRIGENTE GENERALE

Dettagli

vista la D.G.R. n del 29/12/2014 con la quale è stata ratificata la presa d atto della predetta Decisione C(2014) 9914 del 12/12/2014;

vista la D.G.R. n del 29/12/2014 con la quale è stata ratificata la presa d atto della predetta Decisione C(2014) 9914 del 12/12/2014; REGIONE PIEMONTE BU14 06/04/2017 Codice A1503A D.D. 21 marzo 2017, n. 200 POR FSE 2014/2020 - Asse III. Approvazione Bando regionale per il finanziamento dei percorsi IFTS - anno formativo 2017-2018 di

Dettagli

"#$%##&'()*$&+(""&,($-%)('())%"('.#%'()

#$%##&'()*$&+(&,($-%)('())%('.#%'() "#$%##&'()*$&+(""&,($-%)('())%"('.#%'()!! " # (/$(#%$0&/(1($%)( 1$02($03 (1#&%))4&//(##&5)%0.1#%(/0&1%)(6%'0"+.""&('()0-($%#&7.%1#&"(/.(8 Visto il Regolamento (UE) n. 1301/2013 del Parlamento Europeo e

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SERVIZIO ISTRUZIONE E FORMAZIONE DEL SECONDO GRADO, UNIV. E RICERCA Prot. n. DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 206 DI DATA 15 Dicembre 2015 O G G E T T O: Approvazione della

Dettagli

Unione Europea. D.D.G. n del 22/02/2017

Unione Europea. D.D.G. n del 22/02/2017 Il Dirigente Generale Oggetto: Impegno della somma complessiva di euro 437.927,77 per i progetti non conclusi al 31 dicembre 2015, inseriti nel PO FSE Sicilia 2007/2013 afferenti l Avviso 19/2011 Avviso

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU39S1 29/09/2016

REGIONE PIEMONTE BU39S1 29/09/2016 REGIONE PIEMONTE BU39S1 29/09/2016 Codice A1904A D.D. 21 settembre 2016, n. 536 POR FESR 2014/2020. Approvazione bando diretto a sostenere la realizzazione di diagnosi energetiche nelle P.M.I. o l'adozione

Dettagli

Il Dirigente Responsabile/ Il Responsabile di P.O. delegato: Francesca Giovani. Decreto N 3147 del 11 Giugno 2010

Il Dirigente Responsabile/ Il Responsabile di P.O. delegato: Francesca Giovani. Decreto N 3147 del 11 Giugno 2010 REGIONE TOSCANA-GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE POLITICHE FORMATIVE, BENI E ATTIVITA' CULTURALI AREA DI COORDINAMENTO ORIENTAMENTO, ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO SETTORE LAVORO. Il Dirigente Responsabile/

Dettagli

DECRETO N DATA 07/11/2016

DECRETO N DATA 07/11/2016 O GG E TTO : APPROVAZIONE "MANUALE PER LA PRESENTAZIONE, GESTIONE E RENDICONTAZIONE DELLE OPERAZIONI FINANZIATE DAL POR FSE 2014-2020 DELLA REGIONE LIGURIA". DECRETO N. 5117 DATA 07/11/2016 del REGISTRO

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 534 del 04/10/2016

Delibera della Giunta Regionale n. 534 del 04/10/2016 Delibera della Giunta Regionale n. 534 del 04/10/2016 Dipartimento 54 - Dipartimento Istr., Ric., Lav., Politiche Cult. e Soc. Oggetto dell'atto: PO FSE CAMPANIA 2014-2020. AZIONE 10.4.7 - ERASMUS START

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 42 PROT. N DEL 16/03/2016

DETERMINAZIONE N. 42 PROT. N DEL 16/03/2016 Direzione Generale della Pubblica Istruzione DETERMINAZIONE N. 42 PROT. N. 2814 DEL 16/03/2016 Oggetto: Avviso Tutti a Iscol@ - P.O.R. FSE 2014-2020 - Obiettivo Investimenti in favore della crescita e

Dettagli

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA Settore 6 Coordinamento e Sorveglianza POR (FESR e FSE 14/20) - PAC, FSC

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA Settore 6 Coordinamento e Sorveglianza POR (FESR e FSE 14/20) - PAC, FSC REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA Settore 6 Coordinamento e Sorveglianza POR (FESR e FSE 14/20) - PAC, FSC DECRETO DEL DIRIGENTE DI SETTORE (assunto il 06.06.2017 prot.

Dettagli

Unione Europea REPUBBLICA ITALIANA

Unione Europea REPUBBLICA ITALIANA Il Dirigente Generale OGGETTO: DECRETO DI AGGIUDICAZIONE DEFINITIVA RELATIVA AL BANDO N. 1/2015 APPROVATO CON D.D.G. N. 8633/2015 Procedura aperta per l affidamento dei Servizi di controllo per la chiusura

Dettagli

IL DIRIGENTE GENERALE D.D.G. 748

IL DIRIGENTE GENERALE D.D.G. 748 D.D.G. 748 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI E DELL IDENTITA SICILIANA Dipartimento dei Beni Culturali e dell Identità Siciliana IL DIRIGENTE GENERALE VISTO lo Statuto

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 39 del 02/02/2016

Delibera della Giunta Regionale n. 39 del 02/02/2016 Delibera della Giunta Regionale n. 39 del 02/02/2016 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 16 - Direzione Generale Autorità di Gestione Fondo

Dettagli

IL DIRETTORE DELLA SEZIONE LAVORO

IL DIRETTORE DELLA SEZIONE LAVORO DECRETO N. 730 DEL 16/11/2015 OGGETTO: POR FSE Regione Veneto 2014/2020 Reg.to UE n. 1303/2013 e 1304/2013. Asse I Occupabilità - Obiettivo Tematico 8 Priorità d investimento 8.v Obiettivo Specifico 4

Dettagli

FORM., RICE. E INNOV., SCUOLA UNIVER., DIR. STUDIO DETERMINAZIONE. Estensore POLINARI ANTONELLA. Responsabile del procedimento POLINARI ANTONELLA

FORM., RICE. E INNOV., SCUOLA UNIVER., DIR. STUDIO DETERMINAZIONE. Estensore POLINARI ANTONELLA. Responsabile del procedimento POLINARI ANTONELLA REGIONE LAZIO Direzione Regionale: FORM., RICE. E INNOV., SCUOLA UNIVER., DIR. STUDIO Area: DETERMINAZIONE N. G07317 del 15/06/2015 Proposta n. 9317 del 12/06/2015 Oggetto: Individuazione della Direzione

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU22 01/06/2016

REGIONE PIEMONTE BU22 01/06/2016 REGIONE PIEMONTE BU22 01/06/2016 Codice A1904A D.D. 30 maggio 2016, n. 310 POR FESR 2014/2020 - Asse IV Azione IV.4b.2.1. Approvazione bando per l'efficienza energetica e fonti rinnovabili nelle imprese.

Dettagli

%FMJCFSBOm &TUSBUUPEFMQSPDFTTPWFSCBMFEFMMBTFEVUBEFM NBHHJP 4FHSFUBSJPHFOFSBMF %BOJFMF#&356;;*

%FMJCFSBOm &TUSBUUPEFMQSPDFTTPWFSCBMFEFMMBTFEVUBEFM NBHHJP 4FHSFUBSJPHFOFSBMF %BOJFMF#&356;;* %FMJCFSBOm &TUSBUUPEFMQSPDFTTPWFSCBMFEFMMBTFEVUBEFM NBHHJP PHHFUUP 103'&43 "55*7*5}# */$&/5*7*1&3130(&55* 45"/%"3% & 453"5&(*$* %* 34 %" 3&"-*;;"3& "553"7&340 1"35&/"3*"5* 16##-*$0 13*7"5* "3&& %* 41&$*"-*;;";*0/&5&$/0-0(*&."3*55*.&&4."35)&"-5)

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 742 del 20/12/2016

Delibera della Giunta Regionale n. 742 del 20/12/2016 Delibera della Giunta Regionale n. 742 del 20/12/2016 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 1 - Direzione Generale per la Programmazione Economica

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 465 del 02/08/2016

Delibera della Giunta Regionale n. 465 del 02/08/2016 Delibera della Giunta Regionale n. 465 del 02/08/2016 Dipartimento 54 - Dipartimento Istr., Ric., Lav., Politiche Cult. e Soc. Oggetto dell'atto: POR CAMPANIA FSE 2014-2020. PROGETTO "JAVA PER LA CAMPANIA"

Dettagli

SETTORE SERVIZI PUBBLICI LOCALI, ENERGIA E INQUINAMENTI

SETTORE SERVIZI PUBBLICI LOCALI, ENERGIA E INQUINAMENTI REGIONE TOSCANA DIREZIONE AMBIENTE ED ENERGIA SETTORE SERVIZI PUBBLICI LOCALI, ENERGIA E INQUINAMENTI Responsabile di settore: CASELLI RENATA LAURA Decreto soggetto a controllo di regolarità amministrativa

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 765/ASPAL DEL PROPOSTA N. 810 DEL DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N 765 del

DETERMINAZIONE N. 765/ASPAL DEL PROPOSTA N. 810 DEL DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N 765 del Servizio: Servizio Progetti su base regionale e comunitaria e osservatorio del mercato del lavoro Settore: Progetti DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N 765 del 16-06-2017 OGGETTO: APPROVAZIONE DELL'AVVISO

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 730 PROT. N DEL

DETERMINAZIONE N. 730 PROT. N DEL Direzione Generale della Pubblica Istruzione Servizio Istruzione DETERMINAZIONE N. 730 PROT. N. 14234 DEL 22.12.2015 Oggetto: Approvazione e pubblicazione dell avviso Tutti a Iscol@ - P.O.R. FSE 2014-2020

Dettagli

SCHEMA N. RE GIO NE LI GURI A

SCHEMA N. RE GIO NE LI GURI A O GG E TTO : APPROVAZIONE "MODALITÀ OPERATIVE PER L'ESECUZIONE DEI COMPITI DELL'AUTORITÀ DI GESTIONE E DEGLI ORGANISMI INTERMEDI" DEL POR FSE 2014-2020. N. 1021 IN 03/11/2016 LA GIUNTA REGIONALE del REGISTRO

Dettagli

SETTORE DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO E SOSTEGNO ALLA RICERCA

SETTORE DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO E SOSTEGNO ALLA RICERCA REGIONE TOSCANA DIREZIONE CULTURA E RICERCA SETTORE DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO E SOSTEGNO ALLA RICERCA Responsabile di settore: BACCI LORENZO Decreto soggetto a controllo di regolarità amministrativa

Dettagli

SETTORE DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO E SOSTEGNO ALLA RICERCA

SETTORE DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO E SOSTEGNO ALLA RICERCA REGIONE TOSCANA DIREZIONE CULTURA E RICERCA SETTORE DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO E SOSTEGNO ALLA RICERCA Responsabile di settore: BACCI LORENZO Decreto soggetto a controllo di regolarità amministrativa

Dettagli

Visto Visto Visto Visto Vista Visto Vista Visto Vista Vista

Visto Visto Visto Visto Vista Visto Vista Visto Vista Vista Il Presidente della Regione Puglia, Dott. Michele Emiliano, sulla base dell istruttoria espletata dal Servizio Attuazione del Programma, Monitoraggio e Valutazione, confermata dal Dirigente della Sezione

Dettagli

AVVISO POR SARDEGNA FSE AIUTI DE MINIMIS PER IL RAFFORZAMENTO DELLE FUNZIONI DI RICERCA E

AVVISO POR SARDEGNA FSE AIUTI DE MINIMIS PER IL RAFFORZAMENTO DELLE FUNZIONI DI RICERCA E ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONAL E, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE DIREZIONE GENERALE SERVIZIO FORMAZIONE 2016 AVVISO POR SARDEGNA FSE 2014-2020 AIUTI DE MINIMIS PER IL RAFFORZAMENTO

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; Direzione Generale dei Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport 11-01-06 DETERMINAZIONE PROT. N. 17600 REP. N. 860 Oggetto: Programmazione unitaria 2014-2020. Strategia 2 Creare opportunità di

Dettagli

SETTORE SERVIZI PUBBLICI LOCALI, ENERGIA E INQUINAMENTI

SETTORE SERVIZI PUBBLICI LOCALI, ENERGIA E INQUINAMENTI REGIONE TOSCANA DIREZIONE AMBIENTE ED ENERGIA SETTORE SERVIZI PUBBLICI LOCALI, ENERGIA E INQUINAMENTI Responsabile di settore: CASELLI RENATA LAURA Decreto soggetto a controllo di regolarità amministrativa

Dettagli

Dipartimento regionale dell Istruzione e della Formazione Professionale

Dipartimento regionale dell Istruzione e della Formazione Professionale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato regionale dell Istruzione e della Formazione Professionale Dipartimento regionale dell Istruzione e della Formazione Professionale Servizio IV Gestione

Dettagli

IL DIRIGENTE GENERALE

IL DIRIGENTE GENERALE D.D.G. n. 1429 /AG/VI/2007 del 21/12/2007 ASSESSORATO REGIONALE DEL LAVORO, DELLA PREVIDENZA SOCIALE, DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE E DELL EMIGRAZIONE Agenzia regionale per l impiego e la formazione professionale

Dettagli

l Accordo di partenariato Italia , del 29 ottobre 2014 (di cui alla decisione della Commissione europea C(2014) 8021);

l Accordo di partenariato Italia , del 29 ottobre 2014 (di cui alla decisione della Commissione europea C(2014) 8021); REGIONE PIEMONTE BU28 14/07/2016 Codice A1907A D.D. 7 luglio 2016, n. 397 POR FESR 2014-2020 Asse I - Azione I.1b.1.2. Bando per il sostegno a programmi di sviluppo di cluster regionali realizzati da Poli

Dettagli

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DELL ECONOMIA DIPARTIMENTO BILANCIO E TESORO RAGIONERIA GENERALE DELLA REGIONE

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DELL ECONOMIA DIPARTIMENTO BILANCIO E TESORO RAGIONERIA GENERALE DELLA REGIONE D.D. n. 2166 /2016 REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DELL ECONOMIA DIPARTIMENTO BILANCIO E TESORO RAGIONERIA GENERALE DELLA REGIONE VISTO lo Statuto della Regione siciliana; IL RAGIONIERE GENERALE VISTO il

Dettagli

DECRETO N. 260 DATA 27/10/2016

DECRETO N. 260 DATA 27/10/2016 O GG E TTO : Reg. (UE) n. 508/2014, artt. 60-63. Priorità 4. Sviluppo locale di tipo partecipativo (CLLD). Approvazione graduatoria per la selezione dei FLAG (Gruppi di Azione Costiera) e delle relative

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari regionali e le autonomie

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari regionali e le autonomie IL COORDINATORE DELL UFFICIO VISTO il Regolamento (UE) n. 1303/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013, recante disposizioni comuni sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul

Dettagli

DETERMINAZIONE. Estensore SCARPINO STEFANO. Responsabile del procedimento ZAPPIA MAURO. Responsabile dell' Area P. FERLITO

DETERMINAZIONE. Estensore SCARPINO STEFANO. Responsabile del procedimento ZAPPIA MAURO. Responsabile dell' Area P. FERLITO REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: LAVORO ATTUAZIONE INTERVENTI DETERMINAZIONE N. G00269 del 22/01/2016 Proposta n. 264 del 15/01/2016 Oggetto: Rettifica della Determina n G15606 dell'11.12.2015

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 687/ASPAL DEL 09/09/2016

DETERMINAZIONE N. 687/ASPAL DEL 09/09/2016 (Det_comp) Servizio Progetti e Politiche del lavoro Settore Interventi delegati DETERMINAZIONE N. 687 09/09/2016 Oggetto: PO FSE 2014-2020 LA REGIONE AUTONOMA LA SARDEGNA - ASSE I - AZIONE 8.1.5. APPROVAZIONE

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 439 del 04/11/2016

Decreto Dirigenziale n. 439 del 04/11/2016 Decreto Dirigenziale n. 439 del 04/11/2016 Dipartimento 54 - Dipartimento Istr., Ric., Lav., Politiche Cult. e Soc. Direzione Generale 11 - Direzione Generale Istruzione, Formazione,Lavoro e Politiche

Dettagli

IL DIRETTORE DEL SERVIZIO FORMAZIONE. lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione;

IL DIRETTORE DEL SERVIZIO FORMAZIONE. lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; DETERMINAZIONE N. 6620/363/F.P. DEL 08.03.2016 Oggetto: Avviso pubblico Percorsi formativi per il rilascio della qualifica di Operatore Socio Sanitario (OSS). Incremento dell importo di finanziamento del

Dettagli

REGIONE CALABRIA Giunta Regionale DIPARTIMENTO N. 7. Sviluppo Economico, Lavoro, Formazione, e Politiche Sociali

REGIONE CALABRIA Giunta Regionale DIPARTIMENTO N. 7. Sviluppo Economico, Lavoro, Formazione, e Politiche Sociali REGIONE CALABRIA Giunta Regionale DIPARTIMENTO N. 7 Sviluppo Economico, Lavoro, Formazione, e Politiche Sociali SETTORE N.6 Mercato del lavoro, servizi per l impiego, politiche attive e passive, ammortizzatori

Dettagli

POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT PROGRAMMAZIONE E PIANIFICAZ. SOCIO-ASSISTENZIALE DETERMINAZIONE. Estensore VILLETTI GERMANA

POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT PROGRAMMAZIONE E PIANIFICAZ. SOCIO-ASSISTENZIALE DETERMINAZIONE. Estensore VILLETTI GERMANA REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT PROGRAMMAZIONE E PIANIFICAZ. SOCIO-ASSISTENZIALE DETERMINAZIONE N. G13721 del 10/11/2015 Proposta n. 17246 del 06/11/2015

Dettagli

Unione Europea REPUBBLICA ITALIANA

Unione Europea REPUBBLICA ITALIANA Assessorato Regionale dell'istruzione e della formazione Dipartimento Regionale dell'istruzione e della formazione Direzione Generale Tipo Provvedimento: D.D.G. N. 1557 del 08/04/2016 OGGETTO Revoca dell

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; Direzione Generale dei Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport 11-01-06 DETERMINAZIONE PROT. N. 15448 REP. N. 696 Oggetto: Programmazione unitaria 2014-2020. Strategia 2 Creare opportunità di

Dettagli

SETTORE POLITICHE ORIZZONTALI DI SOSTEGNO ALLE IMPRESE

SETTORE POLITICHE ORIZZONTALI DI SOSTEGNO ALLE IMPRESE REGIONE TOSCANA DIREZIONE ATTIVITA' PRODUTTIVE SETTORE POLITICHE ORIZZONTALI DI SOSTEGNO ALLE IMPRESE Responsabile di settore: BALDI SIMONETTA Decreto soggetto a controllo di regolarità amministrativa

Dettagli

Servizio Lingua e Cultura Sarda, Editoria e Informazione

Servizio Lingua e Cultura Sarda, Editoria e Informazione Direzione Generale dei Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport Servizio Lingua e Cultura Sarda, Editoria e Informazione 11-01-02 Servizio Lingua e Cultura Sarda, Editoria e Informazione DETERMINAZIONE

Dettagli

DECRETO N Del 31/07/2017

DECRETO N Del 31/07/2017 DECRETO N. 9411 Del 31/07/2017 Identificativo Atto n. 482 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto POR FSE 2014-2020. MODIFICA DEL SISTEMA DI GESTIONE E CONTROLLO (SI.GE.CO.) DI CUI AL

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SERVIZIO RAPPORTI COMUNITARI E SVILUPPO LOCALE Prot. n. DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 258 DI DATA 10 Dicembre 2009 O G G E T T O: Finanziamento e affidamento in gestione

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA POSIZIONE DI FUNZIONE INNOVAZIONE, RICERCA, COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI ##numero_data##

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA POSIZIONE DI FUNZIONE INNOVAZIONE, RICERCA, COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI ##numero_data## DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA POSIZIONE DI FUNZIONE INNOVAZIONE, RICERCA, COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI ##numero_data## Oggetto: POR MARCHE FESR 20014-2020-Intervento 1.3.3.1: proroga invio comunicazioni

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Prot. PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SERVIZIO EUROPA DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 27 DI DATA 11 Marzo 2016 O G G E T T O: Finanziamento dei progetti di formazione relativi alle operazioni finalizzate

Dettagli

lo Statuto speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione;

lo Statuto speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; ASSESSORADU DE SA PROGRAMMATZIONE, BILANTZU, CRÈDITU E ASSENTU DE SU TERRITÒRIU ASSESSORATO LA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO TERRITORIO 00-03-60-00 Centro Regionale di Programmazione DETERMINAZIONE

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 15 REGIONE TOSCANA Direzione Lavoro Settore Lavoro

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 15 REGIONE TOSCANA Direzione Lavoro Settore Lavoro 138 12.4.2017 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 15 REGIONE TOSCANA Direzione Lavoro Settore Lavoro DECRETO 8 marzo 2017, n. 3974 certificato il 04-04-2017 Avviso pubblico per la concessione

Dettagli

GIOVANI FRANCESCA. Decreto soggetto a controllo di regolarità amministrativa ai sensi della D.G.R. n. 548/2012

GIOVANI FRANCESCA. Decreto soggetto a controllo di regolarità amministrativa ai sensi della D.G.R. n. 548/2012 REGIONE TOSCANA DIREZIONE ISTRUZIONE E FORMAZIONE SETTORE LAVORO Il Dirigente Responsabile: GIOVANI FRANCESCA Decreto soggetto a controllo di regolarità amministrativa ai sensi della D.G.R. n. 548/2012

Dettagli