LA SINCRONIZZAZIONE TRA PROCESSI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA SINCRONIZZAZIONE TRA PROCESSI"

Transcript

1 LA SINCRONIZZAZIONE TRA PROCESSI E' più complesso scrivere programmi concorrenti rispetto a programmi sequenziali in quanto non basta essere sicuri della correttezza dei singoli moduli ma è necessario garantire il loro corretto funzionamento per ogni possibile combinazione di interazioni che questi possono avere. Esempio concettuale dove possiamo comprendere gli effetti disastrosi che possono essere generati da errori dipendenti dal tempo o dalla errata sincronizzazione. Quando di usa la programmazione concorrente, per evitare errori dipendenti dal tempo bisogna rispettare condizioni di Bernstein regola di mutua esclusione (proprietà safety) proprietà fairness (correttezza) proprietà liveness (sopravvivenza)

2 1 condizioni di Bernstein Concetti di dominio e rango intersezione Verificare se le condizioni di Bernstein sono verificate nei 3 esempi sotto riportati

3 2 regola di mutua esclusione Si ha mutua esclusione quando non più di un processo alla volta può accedere a una risorsa comune. Esempio Si hanno due procedure che operano sulle stesse celle di memoria, quindi due sezioni critiche: Procedura 1: Scrive un nuovo dato nella prima posizione disponibile Procedura 2: Legge l'ultimo dato inserito e lo cancella Procedura 1 (verde) ultimo = ultimo vet_dati[ultimo] = Procedura 2 (rossa) letto = vet_dati[ultimo] vet_dati[ultimo] = ultimo = ultimo Se mischio le istruzioni delle due procedure il risultato finale è diverso. I processi non devono interferire tra di loro nell'accesso alle risorse condivise ultimo = ultimo letto = vet_dati[ultimo] vet_dati[ultimo] = ultimo = ultimo vet_dati[ultimo] =

4 3 proprietà fairness (correttezza) Garantisce che tutti i processi prima o poi portino a compimento il loro lavoro. Cioè evita la Starvation (blocco individuale). Si verifica quando un processo rimane in attesa di un evento che non accadrà mai. 4 proprietà liveness (sopravvivenza) Garantisce che un processo non aspetti indeterminatamente che una risorsa venga rilasciata. Cioè evita il Deadlock - abbraccio mortale (blocco multiplo). Si verifica a causa di condizioni cicliche. Esempio concettuale Si può verificare se 4 automezzi giungono contemporaneamente da ogni strada all'incrocio e tutti gli autisti si comportano in maniera diligente, cioè danno la precedenza a destra, come previsto dal regolamento della strada, gli automezzi rimangono bloccati senza possibilità di soluzione.

5 SINCRONIZZAZIONE TRA PROCESSI: SEMAFORI Il programmatore che vuole implementare del codice con esecuzione concorrente ha a disposizione due funzioni P(S) e V(S) che servono per sincronizzare i processi. Semafori di Dijkstra Le due primitive P(S) e V(S) permettono la soluzione di qualsiasi problema di interazione fra processi. P proberen testare (controlla il semaforo e se verde lo diminuisce) V verhogen aumentare (sveglia il processo in attesa e aumenta il semaforo) S semaforo numero intero non negativo S= rosso, S> verde Un processo che vuole accedere a una risorsa condivisa esegue la primitiva P(S) Quando il processo ha terminato di utilizzare la risorsa condivisa esegue la primitiva V(S)

6 Esempio Si consideri un array da 2 celle, ciascuna di esse destinata a contenere una variabile da condividere, trattasi quindi di una risorsa condivisibile con molteplicità pari a 2. Inizialmente tutte le celle sono vuote, quindi S=2. Se un processo P1 vuole utilizzare una cella, esegue la funzione P: controlla che S = poiché S=2 accede alla risorsa pone S=1 Se un processo P2 vuole utilizzare una cella, esegue la funzione P: controlla che S = poiché S=1 accede alla risorsa pone S= Se un processo P3 vuole utilizzare una cella, esegue la funzione P: controlla che S = poiché S= non accede alla risorsa viene posto nella coda di attesa Se nel frattempo P1 ha terminato di utilizzare la risorsa, esegue la funzione V: controlla se è presente un processo in attesa poiché trova P3 nella coda pone P3 nello stato di pronto pone S=1 A sua volta P3 esegue la funzione P controlla che S = poiché S=1 accede alla risorsa pone S= e così via

7 Semafori come vincoli di precedenza p.15 I semafori binari (S= rosso e S=1 verde) possono anche essere utilizzati per stabilire vincoli di precedenza sull esecuzione di gruppi di operazioni in processi paralleli.

8 Problema del rendez-vous p.151

9 Problemi classici della programmazione concorrente: 1. Produttori e consumatori (p.156) 2. Lettori e scrittori (p.162) 3. Deadlock (p.168) Produttori e consumatori p. 156 Sono presenti due processi il primo, produttore, che scrive un dato in un'area di memoria condivisa il secondo, consumatore, che preleva il dato prodotto dal primo e lo consuma. Vincoli gestiti da semafori: Il produttore deve depositare un dato alla volta non deve scrivere un nuovo dato se il consumatore non ha prelevato il dato precedente. Il consumatore deve prelevare un dato alla volta e solo dopo che sia stato depositato dal produttore non deve prelevare due volte lo stesso dato Lettori e scrittori p. 162 In questo caso più lettori possono contemporaneamente utilizzare un dato senza danneggiarlo. Quindi un lettore può accedere a un dato anche se è già presente un altro lettore, mentre lo scrittore deve accedere in modo esclusivo, cioè quando nessun altro lettore o scrittore sta leggendo o scrivendo un dato.

10 Deadlock (stallo multiplo) p.168 Il deadlock si verifica quando due processi si ostacolano a vicenda impedendosi reciprocamente di portare a termine il proprio lavoro. Affichè si verifichi un deadlock devono verificarsi contemporaneamente le seguenti 4 condizioni: 1. mutua esclusione: ogni risorsa o è assegnata a un solo processo o è libera 2. assenza di prerilascio: le risorse devono essere rilasciate volontariamente dai processi 3. richieste bloccanti: se il processo non può evolvere senza quella risorsa 4. attesa circolare: ci sono due processi ognuno in attesa di una risorsa occupata dall'altro. Come affrontare il deadlock (p.173) 1. Detection e recovery (rivelarlo e guarirlo) (p.173) 2. Avoidance (evitarlo) (p.174) 3. Prevention (prevenirlo) (p.175) 4. Ignorarlo (p.176) Detection e ricovery (rivelarlo e guarirlo) p.173 Possibili soluzioni: 1. Terminazione dei processi: Si forza la terminazione di un processo alla volta finché non si elimina lo stallo. 2. Prerilascio di una risorsa: Si forza il rilascio di una risorsa 3. Checkpoint/Rollback (salvataggio/ripristino): Si salva periodicamente lo stato dei processi sul disco e in caso di deadlock si ripristina uno o più processi a uno stato precedente. Avoidance (evitarlo) Algoritmo del banchiere (p.174) Ogni processo deve dichiarare il massimo numero di risorse che gli sono necessarie e a ogni nuova richiesta di una risorsa l'algoritmo deve calcolare la quantità di risorse rimanenti, se queste possono soddisfare la massima richiesta di almeno un processo che ancora deve essere servito l'allocazione viene accordata, altrimenti viene negata.

11 Esempio: Si ha un computer con 3 stampanti su cui vanno in esecuzione 3 processi (P1, P2 3 P3) contemporaneamene. P1 ha bisogno al massimo di una stampante. P2 ha bisogno al massimo di 2 stampanti. P3 ha bisogno al massimo di una stampante. processi in esecuzione contemporaneamente numero massimo di risorse richieste contemporaneamente stato del processo richiesta risorse se accolta richiesta risorsa allocata stato del processo risorse in uso richiesta risorse se accolta richiesta risorsa allocata stato del processo risorse in uso richiesta risorse se accolta richiesta risorsa allocata stato del processo risorse in uso richiesta risorse se accolta richiesta risorsa allocata stato del processo risorse in uso richiesta risorse se accolta richiesta risorsa allocata stato del processo risorse in uso P1 1 in esecuzione 1 sì in esecuzione 1 sì in esecuzione 1 in esecuzione 1 libera risorsa in esecuzione in esecuzione P2 2 in esecuzione no in esecuzione 2 no in attesa in attesa 2 sì in esecuzione 2 in esecuzione 2 libera risorse P3 1 in esecuzione no in esecuzione no in esecuzione 1 no in attesa in attesa 1 sì in esecuzione 1 libera risorsa 3 3-1= = 2 2-1= = = 3

12 Prevention (prevenirlo) (p.175) Si elimina una delle condizioni che provocano un deadlock 1. Mutua esclusione: ogni risorsa o è assegnata a un solo processo o è libera Si elimina permettendo la condivisione di risorse. 2. Assenza di prerilascio: le risorse devono essere rilasciate volontariamente dai processi. Si elimina obbligando un processo a rilasciare le risorse che possiede quando ne richiede un'altra che in quel momento non è disponibile e il processo sarà fatto ripartire solo quando può riguadagnare tutte le risorse che gli servono per evolvere. 3. Richieste bloccanti: se il processo non può evolvere senza quella risorsa Si elimina imponendo che un processo prima di impossessarsi di una risorsa, verifica se sono disponibili tutte le risorse di cui ha bisogno per evolvere, solo in caso positivo se ne impossessa, altrimenti aspetta. (Allocazione totale, hold and wait, filosofi a cena) 4. Attesa circolare: ci sono due processi ognuno in attesa di una risorsa occupata dall'altro. Si elimina attribuendo alle risorse dei valori di priorità e imponendo che a ogni processo possono essere allocate solo risorse di priorità superiore a quelle che già possiede, se invece ha bisogno di una risorsa a priorità inferiore, deve prima rilasciare tutte le risorse con priorità uguale o superiore a quella desiderata. Ignorare lo stallo (p.176) Algoritmo dello struzzo (nascondere la testa sotto la sabbia pensando così di essersi nascosto)). E' troppo costoso mettere in atto le precauzioni sopra descritte, quindi conviene ignorare il problema e affrontarlo solo se si verifica effettuando il reset del sistema. I Monitor p.181 I semafori sono un meccanismo molto potente, ma molto rischioso e difficoltoso per realizzare la sincronizzazione tra processi. Nei linguaggi evoluti di alto livello, come il java, è il compilatore che introduce il codice necessario alla sincronizzazione tra processi, questo meccanismo si chiama monitor. Monitor: Costrutto sintattico utilizzato per effetturae il controllo degli accessi a una risorsa condivisa tra processi concorrenti, che associa un insieme di procedure/funzioni (chiamte entry) a una struttura dati comune a più processi. Le entry sono le sole operazioni permesse su quella struttura. Le entry sono mutuamente esclusive, cioè eseguite da un solo processo alla volta. Per ogni risorsa si crea un monitor che definisce lo stato della risorsa, i processi possono aggiornare lo stato della risorsa mediante le entry.

I THREAD O PROCESSI LEGGERI Generalità

I THREAD O PROCESSI LEGGERI Generalità I THREAD O PROCESSI LEGGERI Generalità Thread: segmento di codice (funzione) Ogni processo ha un proprio SPAZIO DI INDIRIZZAMENTO (area di memoria) Tutti i thread genereti dallo stesso processo condividono

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Deadlock (blocco critico) Domande di verifica. Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 04/06/2007

SISTEMI OPERATIVI. Deadlock (blocco critico) Domande di verifica. Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 04/06/2007 2007 SISTEMI OPERATIVI Deadlock (blocco critico) Domande di verifica Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 04/06/2007 Deadlock (blocco critico) 1. Si descriva il deadlock e le condizioni sotto cui si

Dettagli

Deadlock e Starvation

Deadlock e Starvation DTI / ISIN / Titolo principale della presentazione 1 Deadlock e Starvation Amos Brocco, Ricercatore, DTI / ISIN 3 aprile 2012 Condivisione di risorse In un sistema si trovano delle risorse che possono

Dettagli

Il costrutto monitor [Hoare 74]

Il costrutto monitor [Hoare 74] Il monitor 1 Il costrutto monitor [Hoare 74] Definizione: Costrutto sintattico che associa un insieme di operazioni (entry o public) ad una struttura dati comune a più processi, tale che: Le operazioni

Dettagli

Il costrutto monitor [Hoare 74]

Il costrutto monitor [Hoare 74] Il monitor 1 Il costrutto monitor [Hoare 74] Definizione: Costrutto sintattico che associa un insieme di operazioni (entry, o public) ad una struttura dati comune a più processi, tale che: Le operazioni

Dettagli

Informatica 3. Informatica 3. LEZIONE 6: Il controllo dell esecuzione. Lezione 6 - Modulo 1. Errori durante l esecuzione. Il controllo dell esecuzione

Informatica 3. Informatica 3. LEZIONE 6: Il controllo dell esecuzione. Lezione 6 - Modulo 1. Errori durante l esecuzione. Il controllo dell esecuzione Informatica 3 Informatica 3 LEZIONE 6: Il controllo dell esecuzione Modulo 1: La gestione delle eccezioni Modulo 2: Programmazione concorrente Lezione 6 - Modulo 1 La gestione delle eccezioni Politecnico

Dettagli

Sistemi Operativi. Lez. 13: primitive per la concorrenza monitor e messaggi

Sistemi Operativi. Lez. 13: primitive per la concorrenza monitor e messaggi Sistemi Operativi Lez. 13: primitive per la concorrenza monitor e messaggi Osservazioni I semafori sono strumenti particolarmente potenti poiché consentono di risolvere ogni problema di sincronizzazione

Dettagli

Sistemi Operativi Esercizi Sincronizzazione

Sistemi Operativi Esercizi Sincronizzazione Sistemi Operativi Esercizi Sincronizzazione Docente: Claudio E. Palazzi cpalazzi@math.unipd.it Esercizi Sincronizzazione Sistemi Operativi - Claudio Palazzi 14 Semafori (1) Semafori: variabili intere contano

Dettagli

Il problema del produttore e del consumatore. Cooperazione tra processi

Il problema del produttore e del consumatore. Cooperazione tra processi Il problema del produttore e del consumatore Cooperazione tra processi Risorsa consumabile I processi disgiunti possono interferire tra loro a causa dell'uso di risorse permanenti, ma ognuno di essi ignora

Dettagli

Corso di Programmazione Concorrente

Corso di Programmazione Concorrente Corso di Programmazione Concorrente Stallo Valter Crescenzi crescenz@dia.uniroma3.it http://www.dia.uniroma3.it/~crescenz Assunzione di Progresso Finito Tutti i processori virtuali hanno una velocità finita

Dettagli

Deadlock (stallo) Parte III. Deadlock

Deadlock (stallo) Parte III. Deadlock Parte III Deadlock Sistemi Operativi - prof. Silvio Salza - a.a. 2008-2009 III - 1 Deadlock (stallo) Su di un tavolo ci sono un piatto ed una forchetta A e B sono seduti al tavolo, per mangiare ciascuno

Dettagli

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Condizione di sincronizzazione Qualora si voglia realizzare una determinata politica di gestione delle risorse,la decisione se ad

Dettagli

1. Che cos è la multiprogrammazione? Si può realizzare su un sistema monoprocessore? 2. Quali sono i servizi offerti dai sistemi operativi?

1. Che cos è la multiprogrammazione? Si può realizzare su un sistema monoprocessore? 2. Quali sono i servizi offerti dai sistemi operativi? 1. Che cos è la multiprogrammazione? Si può realizzare su un sistema monoprocessore? 2. Quali sono i servizi offerti dai sistemi operativi? 1. La nozione di multiprogrammazione prevede la possibilità di

Dettagli

1 Processo, risorsa, richiesta, assegnazione 2 Concorrenza 3 Grafo di Holt 4 Thread 5 Sincronizzazione tra processi

1 Processo, risorsa, richiesta, assegnazione 2 Concorrenza 3 Grafo di Holt 4 Thread 5 Sincronizzazione tra processi 1 Processo, risorsa, richiesta, assegnazione 2 Concorrenza 3 Grafo di Holt 4 Thread 5 Sincronizzazione tra processi Il processo E' un programma in esecuzione Tipi di processo Stati di un processo 1 indipendenti

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Sincronizzazione dei processi. Domande di verifica. Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 30/05/2007

SISTEMI OPERATIVI. Sincronizzazione dei processi. Domande di verifica. Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 30/05/2007 2007 SISTEMI OPERATIVI Sincronizzazione dei processi Domande di verifica Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 30/05/2007 Sincronizzazione dei processi 1. Si descrivano i tipi di interazione tra processi?

Dettagli

Sistemi Operativi. Lezione 7 Comunicazione tra processi

Sistemi Operativi. Lezione 7 Comunicazione tra processi Lezione 7 Comunicazione tra processi Introduzione La soluzione sw al problema della mutua esclusione è abbastanza complessa Algoritmo di Peterson La soluzione hw mediante disabilitazione degli interrupt

Dettagli

Capitolo 7: Sincronizzazione

Capitolo 7: Sincronizzazione Capitolo 7: Sincronizzazione Il problema della sincronizzazione. Il problema della sezione critica. Hardware per la sincronizzazione. Semafori. Problemi classici di sincronizzazione. Monitor (cenni). 7.1

Dettagli

Programmazione concorrente in Java. Dr. Paolo Casoto, Ph.D. - 2012 1

Programmazione concorrente in Java. Dr. Paolo Casoto, Ph.D. - 2012 1 + Programmazione concorrente in Java 1 + Introduzione al multithreading 2 La scomposizione in oggetti consente di separare un programma in sottosezioni indipendenti. Oggetto = metodi + attributi finalizzati

Dettagli

Introduzione ai Metodi Formali

Introduzione ai Metodi Formali Intruzione ai Meti Formali Sistemi software anche molto complessi regolano la vita quotidiana, anche in situazioni life-critical (e.g. avionica) e business-critical (e.g. operazioni bancarie). Esempi di

Dettagli

Sincronizzazione e coordinamento nel distribuito

Sincronizzazione e coordinamento nel distribuito Sincronizzazione e coordinamento nel distribuito Sincronizzazione in sistemi centralizzati uso di primitive basate implicitamente sull esistenza della memoria condivisa Sincronizzazione in sistemi distribuiti

Dettagli

Sistemi Operativi mod. B. Sistemi Operativi mod. B A B C A B C P 1 2 0 0 P 1 1 2 2 3 3 2 P 2 3 0 2 P 2 6 0 0 P 3 2 1 1 P 3 0 1 1 < P 1, >

Sistemi Operativi mod. B. Sistemi Operativi mod. B A B C A B C P 1 2 0 0 P 1 1 2 2 3 3 2 P 2 3 0 2 P 2 6 0 0 P 3 2 1 1 P 3 0 1 1 < P 1, > Algoritmo del banchiere Permette di gestire istanze multiple di una risorsa (a differenza dell algoritmo con grafo di allocazione risorse). Ciascun processo deve dichiarare a priori il massimo impiego

Dettagli

Pronto Esecuzione Attesa Terminazione

Pronto Esecuzione Attesa Terminazione Definizione Con il termine processo si indica una sequenza di azioni che il processore esegue Il programma invece, è una sequenza di azioni che il processore dovrà eseguire Il processo è quindi un programma

Dettagli

IL SISTEMA OPERATIVO

IL SISTEMA OPERATIVO IL SISTEMA OPERATIVO... è l insieme dei programmi che rende agevole l uso dell hardware, mascherando le caratteristiche delle risorse fisiche (interfaccia) gestisce le risorse fisiche ottimizzandone l

Dettagli

Con il termine Sistema operativo si fa riferimento all insieme dei moduli software di un sistema di elaborazione dati dedicati alla sua gestione.

Con il termine Sistema operativo si fa riferimento all insieme dei moduli software di un sistema di elaborazione dati dedicati alla sua gestione. Con il termine Sistema operativo si fa riferimento all insieme dei moduli software di un sistema di elaborazione dati dedicati alla sua gestione. Compito fondamentale di un S.O. è infatti la gestione dell

Dettagli

Ordinamento degli eventi. Lezione 11. Osservazioni. Relazione verificato prima. Cenni ai sistemi operativi distribuiti 3. Coordinazione distribuita

Ordinamento degli eventi. Lezione 11. Osservazioni. Relazione verificato prima. Cenni ai sistemi operativi distribuiti 3. Coordinazione distribuita Lezione 11 Cenni ai sistemi operativi distribuiti 3. Coordinazione distribuita Ordinamento degli eventi Un sistema monoprocessore Unico clock Unica memoria Ordinamento degli eventi Mutua esclusione Deadlock

Dettagli

Monitor. Introduzione. Struttura di un TDA Monitor

Monitor. Introduzione. Struttura di un TDA Monitor Monitor Domenico Cotroneo Dipartimento di Informatica e Sistemistica Introduzione E stato introdotto per facilitare la programmazione strutturata di problemi in cui è necessario controllare l assegnazione

Dettagli

Corso di Linguaggi di Programmazione

Corso di Linguaggi di Programmazione Corso di Linguaggi di Programmazione Lezione 19 Alberto Ceselli alberto.ceselli@unimi.it Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Università degli Studi di Milano 18 Maggio 2010 idea: sfruttare i

Dettagli

CAPITOLO 24 I MONITOR

CAPITOLO 24 I MONITOR EFFETTO DELLE PRIMITIVE - signal E wait SUI SEMAFORI CAPITOLO 24 I MONITOR I semafori sono un mezzo efficace per la gestione della mutua esclusione in ambienti con processi concorrenti, ma spesso è difficile

Dettagli

Indice dei Contenuti

Indice dei Contenuti Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano /24 Global State - 3 Mutua esclusione e sistemi concorrenti - 7 Algoritmi per la Mutua Esclusione - 10 Algoritmi basati su autorizzazioni

Dettagli

Implementazione dei monitor tramite semafori Attesa condizionale Sincronizzazione nei sistemi operativi reali Transazioni atomiche

Implementazione dei monitor tramite semafori Attesa condizionale Sincronizzazione nei sistemi operativi reali Transazioni atomiche Implementazione dei monitor tramite semafori Attesa condizionale Sincronizzazione nei sistemi operativi reali Transazioni atomiche 5.1 Implementazione dei monitor con i semafori Un monitor è un tipo di

Dettagli

Esercitazione finale per il corso di Sistemi Operativi (A.A. 2004/2005)

Esercitazione finale per il corso di Sistemi Operativi (A.A. 2004/2005) Esercitazione finale per il corso di Sistemi Operativi (A.A. 2004/2005) Descrizione dell esercitazione L esercitazione consiste nell implementare un semplice gestore di aste attraverso il quale gli utenti

Dettagli

Java threads (2) Programmazione Concorrente

Java threads (2) Programmazione Concorrente Java threads (2) emanuele lattanzi isti information science and technology institute 1/28 Programmazione Concorrente Utilizzo corretto dei thread in Java emanuele lattanzi isti information science and

Dettagli

22/05/2013. Indice dei Contenuti. Global State (1) Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano

22/05/2013. Indice dei Contenuti. Global State (1) Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano /24 Global State - 3 Mutua esclusione e sistemi concorrenti - 7 Algoritmi per la Mutua Esclusione - 10 Algoritmi basati su autorizzazioni

Dettagli

Gestione della memoria centrale

Gestione della memoria centrale Gestione della memoria centrale Un programma per essere eseguito deve risiedere in memoria principale e lo stesso vale per i dati su cui esso opera In un sistema multitasking molti processi vengono eseguiti

Dettagli

DTI / ISIN / Titolo principale della presentazione. La cena dei filosofi. Amos Brocco, Ricercatore, DTI / ISIN. 14 maggio 2012

DTI / ISIN / Titolo principale della presentazione. La cena dei filosofi. Amos Brocco, Ricercatore, DTI / ISIN. 14 maggio 2012 DTI / ISIN / Titolo principale della presentazione 1 La cena dei filosofi Amos Brocco, Ricercatore, DTI / ISIN 14 maggio 2012 Il problema dei filosofi a cena Il problema dei filosofi a cena Il problema:

Dettagli

Il descrittore di processo (PCB)

Il descrittore di processo (PCB) Il descrittore di processo (PC) Il S.O. gestisce i processi associando a ciascuno di essi un struttura dati di tipo record detta descrittore di processo o Process Control lock (PC) Il PC contiene tutte

Dettagli

Sistema Operativo Compilatore

Sistema Operativo Compilatore MASTER Information Technology Excellence Road (I.T.E.R.) Sistema Operativo Compilatore Maurizio Palesi Salvatore Serrano Master ITER Informatica di Base Maurizio Palesi, Salvatore Serrano 1 Il Sistema

Dettagli

Introduzione. Coordinazione Distribuita. Ordinamento degli eventi. Realizzazione di. Mutua Esclusione Distribuita (DME)

Introduzione. Coordinazione Distribuita. Ordinamento degli eventi. Realizzazione di. Mutua Esclusione Distribuita (DME) Coordinazione Distribuita Ordinamento degli eventi Mutua esclusione Atomicità Controllo della Concorrenza Introduzione Tutte le questioni relative alla concorrenza che si incontrano in sistemi centralizzati,

Dettagli

Coordinazione Distribuita

Coordinazione Distribuita Coordinazione Distribuita Ordinamento degli eventi Mutua esclusione Atomicità Controllo della Concorrenza 21.1 Introduzione Tutte le questioni relative alla concorrenza che si incontrano in sistemi centralizzati,

Dettagli

Introduzione al data base

Introduzione al data base Introduzione al data base L Informatica è quella disciplina che si occupa del trattamento automatico dei dati con l ausilio del computer. Trattare i dati significa: raccoglierli, elaborarli e conservarli

Dettagli

FONDAMENTI di INFORMATICA L. Mezzalira

FONDAMENTI di INFORMATICA L. Mezzalira FONDAMENTI di INFORMATICA L. Mezzalira Possibili domande 1 --- Caratteristiche delle macchine tipiche dell informatica Componenti hardware del modello funzionale di sistema informatico Componenti software

Dettagli

CAPITOLO 27 SCAMBIO DI MESSAGGI

CAPITOLO 27 SCAMBIO DI MESSAGGI CAPITOLO 27 SCAMBIO DI MESSAGGI SCAMBIO DI MESSAGGI Sia che si guardi al microkernel, sia a SMP, sia ai sistemi distribuiti, Quando i processi interagiscono fra loro, devono soddisfare due requisiti fondamentali:

Dettagli

Pag. 1. Gestione delle transazioni. Linguaggio SQL: costrutti avanzati. Esempio applicativo. Gestione delle transazioni. Prelievo. Esempio applicativo

Pag. 1. Gestione delle transazioni. Linguaggio SQL: costrutti avanzati. Esempio applicativo. Gestione delle transazioni. Prelievo. Esempio applicativo Gestione delle transazioni Introduzione Transazioni in SQL Linguaggio SQL: costrutti avanzati 2 applicativo Operazioni bancarie operazione di prelievo dal proprio conto corrente mediante bancomat Gestione

Dettagli

TRANSAZIONI. Una transazione è una successione di operazioni che si può concludere con successo o con insuccesso.

TRANSAZIONI. Una transazione è una successione di operazioni che si può concludere con successo o con insuccesso. Una transazione è una successione di operazioni che si può concludere con successo o con insuccesso. Nel caso di successo, i risultati delle operazioni effettuate devono essere resi definitivi; invece,

Dettagli

TEORIA sulle BASI DI DATI

TEORIA sulle BASI DI DATI TEORIA sulle BASI DI DATI A cura del Prof. Enea Ferri Cos è un DATA BASE E un insieme di archivi legati tra loro da relazioni. Vengono memorizzati su memorie di massa come un unico insieme, e possono essere

Dettagli

Corso di Sistemi Operativi Ingegneria Elettronica e Informatica prof. Rocco Aversa. Raccolta prove scritte. Prova scritta

Corso di Sistemi Operativi Ingegneria Elettronica e Informatica prof. Rocco Aversa. Raccolta prove scritte. Prova scritta Corso di Sistemi Operativi Ingegneria Elettronica e Informatica prof. Rocco Aversa Raccolta prove scritte Realizzare una classe thread Processo che deve effettuare un numero fissato di letture da una memoria

Dettagli

Basi di Dati prof. A. Longheu. 5 Progettazione fisica

Basi di Dati prof. A. Longheu. 5 Progettazione fisica Basi di Dati prof. A. Longheu 5 Progettazione fisica Progettazione Fisica Per effettuare la progettazione fisica, ossia l implementazione reale del modello logico creato nella fase della progettazione

Dettagli

ESERCIZIO 1 (b) Dove è memorizzato il numero del primo blocco del file? Insieme agli altri attributi del file, nella cartella che contiene il file.

ESERCIZIO 1 (b) Dove è memorizzato il numero del primo blocco del file? Insieme agli altri attributi del file, nella cartella che contiene il file. ESERCIZIO 1 Si consideri un hard disk formattato la cui memoria è suddivisa in 16 blocchi (numerati da 0 a 15). Si supponga che sull hard disk sia memorizzato un unico file, contenuto, nell ordine, nei

Dettagli

Infrastrutture Software

Infrastrutture Software Infrastrutture Software I componenti fisici di un sistema informatico sono resi accessibili agli utenti attraverso un complesso di strumenti software finalizzati all utilizzo dell architettura. Si tratta

Dettagli

Linguaggio SQL: costrutti avanzati

Linguaggio SQL: costrutti avanzati Linguaggio SQL: costrutti avanzati Gestione delle transazioni Introduzione Transazioni in SQL Proprietà delle transazioni 2 Pag. 1 1 Gestione delle transazioni Esempio applicativo Operazioni bancarie operazione

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2009-10 Sommario L hardware di I/O Struttura Interazione tra computer e controllori

Dettagli

Testi di riferimento. Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Basi di Dati Modelli e linguaggi di interrogazione Mc Graw Hill 2008 (III Edizione)

Testi di riferimento. Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Basi di Dati Modelli e linguaggi di interrogazione Mc Graw Hill 2008 (III Edizione) 2.1b: DB e DBMS Testi di riferimento Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Basi di Dati Modelli e linguaggi di interrogazione Mc Graw Hill 2008 (III Edizione) Altri testi di consultazione e approfondimento

Dettagli

Corso di Programmazione Concorrente

Corso di Programmazione Concorrente Corso di Programmazione Concorrente Problemi Classici Valter Crescenzi crescenz@dia.uniroma3.it http://www.dia.uniroma3.it/~crescenz Sommario Introduzione ai Problemi Classici I Cinque Filosofi Mangiatori

Dettagli

Java Virtual Machine

Java Virtual Machine Java Virtual Machine programmi sorgente: files.java compilatore files.class bytecode linker/loader bytecode bytecode Java API files.class interprete macchina ospite Indipendenza di java dalla macchina

Dettagli

MODELLO AD AMBIENTE GLOBALE

MODELLO AD AMBIENTE GLOBALE MODELLI DI INTERAZIONE TRA PROCESSI Modello ad ambiente globale ( global environment ) Modello a scambio di messaggi ( message passing ) MODELLO AD AMBIENTE GLOBALE Il sistema è visto come un insieme di

Dettagli

Fido e Scoperto, Blocchi Amministrativi

Fido e Scoperto, Blocchi Amministrativi Release 5.20 Manuale Operativo CLIENTI PLUS Fido e Scoperto, Blocchi Amministrativi Il modulo Clienti Plus è stato studiato per ottimizzare la gestione amministrativa dei clienti, abilitando la gestione

Dettagli

CAPITOLO 14 CONCORRENZA: MUTUA ESCLUSIONE E SINCRONIZZAZIONE

CAPITOLO 14 CONCORRENZA: MUTUA ESCLUSIONE E SINCRONIZZAZIONE CAPITOLO 14 CONCORRENZA: MUTUA ESCLUSIONE E SINCRONIZZAZIONE CONCORRENZA, MUTUA ESCLUSIONE, SINCRONIZZAZIONE Premesso che la trattazione e comprensione di un sistema operativo l abbiamo basata sui concetti

Dettagli

INFORMATICA 1 L. Mezzalira

INFORMATICA 1 L. Mezzalira INFORMATICA 1 L. Mezzalira Possibili domande 1 --- Caratteristiche delle macchine tipiche dell informatica Componenti hardware del modello funzionale di sistema informatico Componenti software del modello

Dettagli

DB - Cenni sulla gestione delle transazioni

DB - Cenni sulla gestione delle transazioni transazioni Cenni sulla gestione delle transazioni in DBMS transazioni Cenni sulla gestione delle transazioni in DBMS Basato sulle slides di transazioni Cenni sulla gestione delle transazioni in DBMS Basato

Dettagli

Gli Array (2) Gli Array. Gli Array (4) Gli Array (3)

Gli Array (2) Gli Array. Gli Array (4) Gli Array (3) Gli Array! Gli Array sono una delle funzioni più interessanti e flessibili.! A differenza degli altri linguaggi.! Gli array di PHP possono archiviare dati di vari tipi.! Possono organizzarli automaticamente

Dettagli

Progetto: Gest.Pro. Analisi e Sviluppo

Progetto: Gest.Pro. Analisi e Sviluppo Progetto: Gest.Pro GEstione PROtocollo Analisi e Sviluppo Aggiornato a dicembre 2013 Indice GEST.PRO. 1 PREMESSA 1 2 CONFIGURAZIONE 1 2.1 ARCHIVI DI BASE 1 3 AUTENTICAZIONE 2 4 ANAGRAFICA 2 4.1 STRUTTURA

Dettagli

Meccanismi di sincronizzazione: Semafori e Monitor

Meccanismi di sincronizzazione: Semafori e Monitor Meccanismi di sincronizzazione: Semafori e Monitor 1 Introduzione Nelle prossime lezioni vedremo alcuni meccanismi dei sistemi operativi e dei linguaggi di programmazione sviluppati per facilitare la scrittura

Dettagli

Modello a scambio di messaggi

Modello a scambio di messaggi PRIMITIVE PER LO SCAMBIO DI MESSAGGI Un messaggio si può considerare costituito da: origine, destinazione e contenuto Modello a scambio di messaggi type messaggio = record origine: ; destinazione: ; contenuto:

Dettagli

Informatica di Base - 6 c.f.u.

Informatica di Base - 6 c.f.u. Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica Informatica di Base - 6 c.f.u. Anno Accademico 2007/2008 Docente: ing. Salvatore Sorce Il Sistema Operativo Gerarchia del software

Dettagli

Sommario. G. Piscitelli

Sommario. G. Piscitelli Sommario Fondamenti dei Sistemi Operativi Device Manager Dispositivi di I/O Interfaccia (o controller) e software di pilotaggio (driver) di un dispositivo Schedulazione dei dischi: i parametri Schedulazione

Dettagli

CIRCOLARE RILEVA WEB del 19/05/2009

CIRCOLARE RILEVA WEB del 19/05/2009 M:\Manuali\Rileva Web\Treviso\Circolare 19052009.doc CIRCOLARE RILEVA WEB del 19/05/2009 1. FILTRO DIPENDENTI...2 1.1. CREAZIONE TABELLA FILTRI...2 1.2. SEGNALAZIONE ESPORTAZIONE...3 1.3. ELIMINAZIONE

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Gestione dei dischi. Gestione dei dischi e sistemi RAID

SISTEMI OPERATIVI. Gestione dei dischi. Gestione dei dischi e sistemi RAID SISTEMI OPERATIVI 08.c Gestione dei dischi e sistemi RAID Gestione dei dischi Caratteristiche dei dischi magnetici Schedulazione degli accessi al disco Sistemi RAID 1 Struttura meccanica 2 traccia testina

Dettagli

Sistemi di Controllo Real Time

Sistemi di Controllo Real Time Sistemi di Controllo Real Time Automazione 13/10/2015 Vincenzo Suraci STRUTTURA DEL NUCLEO TEMATICO SISTEMI REAL TIME CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI REAL TIME PARALLELISMO E PROGRAMMAZIONE CONCORRENTE SISTEMI

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Pietro Frasca Lezione 5 Martedì 21-10-2014 Thread Come abbiamo detto, un processo è composto

Dettagli

Dipartimento di Informtica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza

Dipartimento di Informtica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Dipartimento di Informtica e stica Università di Roma La Sapienza Cosa è un sistema operativo Esempi di Insieme di componenti SW che gestiscono le operazioni di basso livello dell elaboratore Compiti di

Dettagli

INFORMATICA GENERALE Prof. Alberto Postiglione Dipartimento Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Salerno

INFORMATICA GENERALE Prof. Alberto Postiglione Dipartimento Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Salerno INFORMATICA GENERALE Prof. Alberto Postiglione Dipartimento Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Salerno 2.1b: DB e DBMS Testi di riferimento 3 mar 2010 Dia 2 Atzeni, Ceri, Paraboschi,

Dettagli

Introduzione. Meccanismi di sincronizzazione: Semafori e Monitor. Semafori - Definizione. Semafori - Descrizione informale

Introduzione. Meccanismi di sincronizzazione: Semafori e Monitor. Semafori - Definizione. Semafori - Descrizione informale Introduzione Meccanismi di sincronizzazione: Nelle prossime lezioni vedremo alcuni meccanismi dei sistemi operativi e dei linguaggi di programmazione sviluppati per facilitare la scrittura di programmi

Dettagli

Appunti di Sistemi Operativi. Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo

Appunti di Sistemi Operativi. Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo Appunti di Sistemi Operativi Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo Indice 1 Cenni su alcuni algoritmi del Kernel di Unix 1 1.1 Elementi di Unix Internals.................................

Dettagli

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Algoritmi Algoritmi Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Il procedimento (chiamato algoritmo) è composto da passi elementari

Dettagli

Informatica 3. Informatica 3. LEZIONE 10: Introduzione agli algoritmi e alle strutture dati. Lezione 10 - Modulo 1. Importanza delle strutture dati

Informatica 3. Informatica 3. LEZIONE 10: Introduzione agli algoritmi e alle strutture dati. Lezione 10 - Modulo 1. Importanza delle strutture dati Informatica 3 Informatica 3 LEZIONE 10: Introduzione agli algoritmi e alle strutture dati Modulo 1: Perchè studiare algoritmi e strutture dati Modulo 2: Definizioni di base Lezione 10 - Modulo 1 Perchè

Dettagli

INFORMATION TECNOLOGY. a cura di Alessandro Padovani padoale@libero.it

INFORMATION TECNOLOGY. a cura di Alessandro Padovani padoale@libero.it INFORMATION TECNOLOGY 3 a cura di Alessandro Padovani padoale@libero.it 1 SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI Le politiche di sicurezza dei dati informatici (che sono spesso il maggior patrimonio di un azienda)

Dettagli

Definizione di processo. Un processo è un programma (o una parte di una programma) in corso di esecuzione

Definizione di processo. Un processo è un programma (o una parte di una programma) in corso di esecuzione SISTEMI OPERATIVI (parte prima - gestione dei processi) Tra i compiti di un sistema operativo sicuramente troviamo i seguenti: Gestione dei processi Gestione della memoria Gestione del file-system Ci occuperemo

Dettagli

Esercizi sul Monitor in Java

Esercizi sul Monitor in Java Esercizi sul Monitor in Java 1 I filosofi a cena (E. Dijkstra, 1965) 5 filosofi sono seduti attorno a un tavolo circolare; ogni filosofo ha un piatto di spaghetti tanto scivolosi che necessitano di 2 forchette

Dettagli

Rappresentazione delle informazioni

Rappresentazione delle informazioni Rappresentazione delle informazioni Abbiamo informazioni (numeri, caratteri, immagini, suoni, video... ) che vogliamo rappresentare (e poter elaborare) in un calcolatore. Per motivi tecnologici un calcolatore

Dettagli

Appunti di Sistemi Distribuiti

Appunti di Sistemi Distribuiti Appunti di Sistemi Distribuiti Matteo Gianello 27 settembre 2013 1 Indice 1 Introduzione 3 1.1 Definizione di sistema distribuito........................... 3 1.2 Obiettivi.........................................

Dettagli

Dove die( stringa ) è una funzione di utilità del php che stampa la stringa e fa terminare lo script.

Dove die( stringa ) è una funzione di utilità del php che stampa la stringa e fa terminare lo script. I file in PHP Un file è un archivio elettronico contenente informazioni (dati) memorizzate su memoria di massa. Il file ha la caratteristica di consentire la lettura, la scrittura e la modifica dei dati

Dettagli

ARCHIVI E LORO ORGANIZZAZIONI

ARCHIVI E LORO ORGANIZZAZIONI ARCHIVI E LORO ORGANIZZAZIONI Archivio: - insieme di registrazioni (record), ciascuna costituita da un insieme prefissato di informazioni elementari dette attributi (campi) - insieme di informazioni relative

Dettagli

DESIGNAZIONE: Rappresenta una relazione tra due entità di tipo 1 ad M. Esempio tipico è : REPARTO ------- IMPIEGATO

DESIGNAZIONE: Rappresenta una relazione tra due entità di tipo 1 ad M. Esempio tipico è : REPARTO ------- IMPIEGATO DESIGNAZIONE: Rappresenta una relazione tra due entità di tipo 1 ad M. Esempio tipico è : REPARTO ------- IMPIEGATO (designata) (designante) Viene rappresentata inserendo, nella tabella dell entità designante,

Dettagli

Introduzione. Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache...

Introduzione. Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache... Appunti di Calcolatori Elettronici Concetti generali sulla memoria cache Introduzione... 1 Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache...

Dettagli

Un sistema operativo è un insieme di programmi che consentono ad un utente di

Un sistema operativo è un insieme di programmi che consentono ad un utente di INTRODUZIONE AI SISTEMI OPERATIVI 1 Alcune definizioni 1 Sistema dedicato: 1 Sistema batch o a lotti: 2 Sistemi time sharing: 2 Sistema multiprogrammato: 3 Processo e programma 3 Risorse: 3 Spazio degli

Dettagli

Elementi di Architettura e Sistemi Operativi

Elementi di Architettura e Sistemi Operativi Elementi di Architettura e Sistemi Operativi Bioinformatica - Tiziano Villa 15 Giugno 2015 Nome e Cognome: Matricola: Posta elettronica: problema punti massimi i tuoi punti problema 1 4 problema 2 6 problema

Dettagli

Sistemi Operativi STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL

Sistemi Operativi STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1 Struttura dei Componenti Servizi di un sistema operativo System Call Programmi di sistema Struttura del sistema operativo Macchine virtuali Progettazione e Realizzazione

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II)

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) La comunicazione tra processi Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2008-09 Sommario Processi cooperanti La comunicazione tra processi Necessità

Dettagli

Aggiornamento programma da INTERNET

Aggiornamento programma da INTERNET Aggiornamento programma da INTERNET In questo documento sono riportate, nell ordine, tutte le operazioni da seguire per il corretto aggiornamento del ns. programma Metodo. Nel caso si debba aggiornare

Dettagli

Progetto per il corso di specifica e sviluppo di sistemi software Real-Time: Gestione semaforica di un incrocio

Progetto per il corso di specifica e sviluppo di sistemi software Real-Time: Gestione semaforica di un incrocio UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Corso di Laurea Magistrale in Informatica Progetto per il corso di specifica e sviluppo di sistemi software Real-Time: Gestione semaforica di un incrocio Studente:

Dettagli

File e indici. Tecnologia delle BD: perché studiarla? Le basi di dati sono grandi e persistenti. DataBase Management System DBMS

File e indici. Tecnologia delle BD: perché studiarla? Le basi di dati sono grandi e persistenti. DataBase Management System DBMS 1 Tecnologia delle BD: perché studiarla? File e indici I DBMS offrono i loro servizi in modo "trasparente": per questo abbiamo potuto finora ignorare molti aspetti realizzativi abbiamo considerato il DBMS

Dettagli

Business Vector s.r.l.

Business Vector s.r.l. Business Vector s.r.l. CONFIGURAZIONE E GESTIONE DI OptionsET SU PIATTAFORMA IWBANK Le figure di questa parte di manuale non sono uguali a quelle che troverete nell attuale configurazione in quanto ci

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Lezione 3 Martedì 15-10-2013 1 Struttura ed organizzazione software dei sistemi

Dettagli

diagramma funzionale sequenziale Sequential functional chart (SFC)

diagramma funzionale sequenziale Sequential functional chart (SFC) Introduzione Sequential functional chart (SFC) Linguaggio innovativo adatto per la scrittura di algoritmi per il controllo logico/sequenziale Nasce come risultato di una apposita commissione istituita

Dettagli

Organizzazione degli archivi

Organizzazione degli archivi COSA E UN DATA-BASE (DB)? è l insieme di dati relativo ad un sistema informativo COSA CARATTERIZZA UN DB? la struttura dei dati le relazioni fra i dati I REQUISITI DI UN DB SONO: la ridondanza minima i

Dettagli

CPU. Maurizio Palesi

CPU. Maurizio Palesi CPU Central Processing Unit 1 Organizzazione Tipica CPU Dispositivi di I/O Unità di controllo Unità aritmetico logica (ALU) Terminale Stampante Registri CPU Memoria centrale Unità disco Bus 2 L'Esecutore

Dettagli

Introduzione ai sistemi operativi

Introduzione ai sistemi operativi Introduzione ai sistemi operativi Che cos è un S.O.? Shell Utente Utente 1 2 Utente N Window Compilatori Assembler Editor.. DB SOFTWARE APPLICATIVO System calls SISTEMA OPERATIVO HARDWARE Funzioni di un

Dettagli

Manuale BaDaCom On-Line

Manuale BaDaCom On-Line Manuale BaDaCom On-Line INDICE: Prerequisiti Necessari:... 1 Procedura di Accesso:... 2 1. Accedere alla Sezione Anagrafica... 4 1.1 Accedere alla Sezione Dettaglio Unità Locale... 4 2. Gestire le Unità

Dettagli

La Gestione delle risorse Renato Agati

La Gestione delle risorse Renato Agati Renato Agati delle risorse La Gestione Schedulazione dei processi Gestione delle periferiche File system Schedulazione dei processi Mono programmazione Multi programmazione Gestione delle periferiche File

Dettagli

GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE

GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE E MEMORIA VIRTUALE 7.1 Gestione della memoria Segmentazione Segmentazione con paginazione Memoria Virtuale Paginazione su richiesta Sostituzione delle pagine Trashing Esempi:

Dettagli