Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi."

Transcript

1 Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza. Di solio si parla di qualià co riferimeo a prodoi fisici o a servizi. La disizioe è rilevae: o sempre srumei adeguai per valuare la qualià di u prodoo possoo essere adeguai per u servizio. Nel seguio uavia si preseerao meodologie che co le dovue accorezze possoo essere uili i erambi i casi. Iroduzioe () Prodoi e servizi soo realizzai per mezzo di processi produivi. Ua defiizioe di processo produivo: u processo produivo è u isieme di risorse e di aivià ra loro iercoesse che rasformao degli elemei i igresso (ipu) i elemei i uscia (oupu). Tra gli ipu si disigue ra ipu corollabili ed ipu o corollabili da pare di chi govera il processo. Iroduzioe (3) Aspei geerali della qualià:. la qualià di progeo; i bei e servizi soo prodoi co vari gradi di qualià; ali gradi soo iezioali. la coformià alle ormaive; fa riferimeo all adereza del prodoo alle specificazioi e olleraze assegaegli i fase di progeazioe. Ogi prodoo possiede u cero umero di elemei misurabili che coribuiscoo alla formazioe della qualià del prodoo. Quesi elemei vegoo idicai co il ome di caraerisiche di qualià. Caraerisiche di qualià () Le caraerisiche di qualià possoo essere di diverso ipologie, ad esempio: fisiche, sesoriali, comporameo el empo. I geere quado le caraerisiche di qualià soo misure espresse su ua scala coiua si parla di variabili. Quado ivece si fa riferimeo a caraerisiche o umeriche (ad es. difeoso o o difeoso) si parla di aribui.

2 Caraerisiche di qualià () Il valore desiderao per ua caraerisica di qualià è defiio valore omiale (o valore arge). Olre al valore omiale può essere idicao u iervallo di valori, ipicamee u ioro del valore omiale, ale che se il valore della caraerisica di qualià riera i ale iervallo il prodoo viee rieuo coforme. Il limie superiore di queso iervallo è deo limie di specifica superiore (USL, Upper Specificaio Limi); il limie iferiore è deo limie di specifica iferiore (LSL, Lower Specificaio Limi). Talvola per alcue caraerisiche di qualià ha seso forire solamee specifiche uilaerali. Caraerisiche di qualià (3) La variabilià delle caraerisiche di qualià è u aspeo molo delicao per la qualià del prodoo. Le aziede ifai ivesoo risorse per assicurarsi che i valori delle caraerisiche di qualià dei prodoi realizzai siao il più vicio possibile ai valori omiali. Tuavia esise sempre u livello di variabilià elle caraerisiche di u prodoo e la qualià del prodoo dipede dall ammoare della variabilià. Poiché la variabilià può essere descria solamee i ermii saisici, i meodi saisici hao u ruolo cerale elle aivià legae al migliorameo della qualià. Caraerisiche di qualià (4) Nella figura soo visualizzae le disribuzioi di due caraerisiche di qualià. Si può oare il diverso livello di variabilià ed è iuiivo compredere che ua maggiore variabilià aumea la probabilià di produrre u elemeo che o rispea le specifiche. Caraerisiche di qualià (5) La variabilià può maifesarsi i diversi modi o i ua uià di prodoo o ra uià di prodoo o el empo Iolre la variabilià è dovua ad almeo quaro cause (4M):. Ma. Machie 3. Mehods 4. Maerials LSL valore omiale USL

3 Caraerisiche di qualià (6) La variabilià o è oalmee elimiabile; u cero grado di variabilià può essere rieuo ollerabile, o fisiologico, per u dao processo produivo. Queso ipo di variabilià viee idicaa ache co il ome di variabilià aurale. Il corollo della qualià ha l obieivo di maeere la variabilià el processo e el prodoo ad u livello aurale. Il migliorameo della qualià mira ad ua riduzioe della variabilià el processo e el prodoo. Il Corollo Saisico di Processo U processo produivo dovrebbe essere sabile ed operare co ua variabilià ridoa ioro al valore obieivo (arge) specificao per la caraerisica di qualià di ieresse. Il corollo saisico di processo, SPC (Saisical Process Corol), è cosiuio da u isieme di srumei uili per garaire la sabilià e ridurre la variabilià del processo. Tra gli srumei del SPC la cara di corollo è lo srumeo ecicamee più imporae. Le care di corollo soo sae sviluppae da W. A. Shewhar (Bell Telephoe Laboraories) el 9 ed i leeraura soo idicae co il ome di care Shewhar. Variabilià el processo produivo () Ogi processo produivo è caraerizzao da ua cera variabilià aurale, che è dovua all azioe cogiua di mole piccole cause e geeralmee o è addebiabile a sigoli faori corollabili: usualmee i quese codizioi ale variabilià è piccola. Quado u processo produivo è caraerizzao solo da ua variabilià aurale, si può affermare che il processo opera soggeo ad u sisema di cause accideali o comui. Nella ermiologia del SPC, u processo che opera soggeo solo ad u sisema di cause accideali è i uo sao di corollo saisico. Variabilià el processo produivo () Alre foi di variabilià, dovue a faori be idividuabili e corollabili, possoo ierveire el processo produivo alerado ed aumeado la variabilià aurale fio a valori o acceabili per gli sadard di qualià. I queso caso si può affermare che il processo opera soggeo ad u isieme di cause sisemaiche o speciali. U processo che opera i preseza di cause sisemaiche è u processo fuori corollo saisico.

4 Variabilià el processo produivo (3) Variabilià el processo produivo (4) Quado u processo produivo è be progeao e arao opera i uo sao di corollo saisico. Cause sisemaiche possoo ierveire el processo provocado: a) u alloaameo del valore medio della caraerisica di qualià dal valore arge; b) u aumeo della variabilià della caraerisica di qualià; c) sia variazioi ella media sia u aumeo della variabilià. Il risulao è che aumea la produzioe di elemei che o soddisfao le specifiche richiese, co u coseguee peggiorameo della qualià risulae del prodoo ed u dao ecoomico per l azieda. Queso provoca uo sposameo (shif) del processo verso uo sao di fuori corollo saisico shif ella media aumeo della variabilià LSL valore omiale USL Variabilià el processo produivo (5) L obieivo pricipale del corollo saisico di processo è idividuare, el mior empo possibile, lo shif del processo i modo che possao essere prese azioi correive. Le care di corollo () Ua cara di corollo è ua visualizzazioe grafica di ua sequeza di es saisici per verificare lo sao di corollo del processo. Si corolla che el empo: il livello medio del processo si maega uguale al valore obieivo ; la variabilià del processo o aumei rispeo al valore rieuo fisiologico. Le care di corollo coseoo di sorvegliare il processo i corso di produzioe (o-lie) segalado eveuali problemi e coseedo iervei correivi. Foe: D.C. Mogomery (). Il corollo saisico della qualià McGraw-Hill

5 Le care di corollo () Sia X la caraerisica di qualià da corollare; dal processo produivo si esraggoo, ad iervalli regolari di empo, campioi di umerosià. Sia X, X,..., X u geerico campioe e g ( X, X,..., X ) ua saisica campioaria (media campioaria, mediaa campioaria, rage, deviazioe sadard ecc.) uilizzaa per sooporre a verifica il sisema d ipoesi: H : il processo è i corollo H : il processo è fuori corollo Le care di corollo (3) Nella cara è presee ua liea cerale, CL (Ceral Lie), che rappresea il valore medio della caraerisica di qualià i geere corrispodee al valore desiderao ell ipoesi di corollo del processo. Alre due liee orizzoali ideificao i limii di corollo: UCL (Upper Corol Limi) il limie di corollo superiore e LCL (Lower corol limi) il limie di corollo iferiore. la cara di corollo è la visualizzazioe grafica dei risulai campioari rispeo al empo. Le care di corollo (4) Le care di corollo (5) UCL CL LCL UCL CL LCL segale di allarme 5 5 isai campioari Esempio di Cara di Corollo isai campioari Esempio di Cara di Corollo

6 Le care di corollo (6) UCL e LCL vegoo deermiai prima di iiziare l ispezioe campioaria, i modo ale che quado il processo è i corollo la probabilià che i valori della saisica es cadao all iero di ali limii sia elevaa. Quado u valore della saisica es cade al di fuori dei limii di corollo si ha u segale di allarme o segale di fuori corollo: l evideza empirica pora ad acceare H. I quesi casi è ecessario fare uleriori corolli sul processo per verificare se siao ierveue cause speciali e se ecessario irapredere azioi correive. Le care di corollo (7) I realà le regole di decisioe soo più complesse. Ifai o si esamia solo la posizioe del sigolo puo campioario rispeo ai limii di corollo, ma si fa ache u esame della sequeza di pui per verificare l eveuale preseza di adamei sisemaici che possoo essere dovui a siuazioi di fuori corollo. I alcue siuazioi possoo essere presei ache i limii di guardia: UWL (Upper Warig Limi) il limie di guardia superiore; LWL (Lower Warig Limi) il limie di guardia iferiore. Sul loro sigificao ed uilizzo si rimada ai paragrafi seguei. Cosruzioe di ua cara di corollo () Il modello geerale per ua cara di corollo è il seguee. Si suppoga di voler corollare il seguee sisema d ipoesi: H Y il processo è soo corollo H il processo è fuori corollo : : Idichiamo co Y g ( X X X ) Y,,..., la saisica campioaria relaiva ad ua caraerisica di qualià che si desidera corollare co E Y e V ( Y ) Y. ( ) Y Cosruzioe di ua cara di corollo () Se defiiamo UCL Y + k Y CL Y LCL - k Y Allora i faori k e k soo fissai i modo che soo H Pr { Y ( LCL, UCL)} α (α rappresea la probabilià di u falso allarme) Y

7 Cosruzioe di ua cara di corollo (3) Si oi che se la disribuzioe di Y è simmerica e α P Y UCL P Y LCL allora k k k α /. ( ) ( ) La fuzioe es è basaa sulla saisica si accea H se si accea H quado oppure ( X ) Y g X, X,..., LCL k < Y < + k UCL Y Y Y Y Y UCL Y LCL Cosruzioe di ua cara di corollo (4) La probabilià α corrispode alla probabilià dell errore di primo ipo ella eoria di verifica delle ipoesi. Nel corollo saisico di processo α corrispode alla probabilià di segalare u fuori corollo quado il processo è i corollo (quado H è vera). Comuemee α viee idicaa co il ermie probabilià di u falso allarme. U falso allarme pora ad ua ierruzioe del processo, o comuque ad u isieme di corolli iuili ed il risulao può essere u dao ecoomico per l azieda. Cosruzioe di ua cara di corollo (5) Cosruzioe di ua cara di corollo Esempio () La probabilià di u macao allarme è ivece daa da: P Y ( LCL, UCL H β ( ) La probabilià β corrispode alla probabilià di commeere l errore di secodo ipo ella verifica d ipoesi. U macao allarme pora ad u aumeo della difeosià ella produzioe i quao o si rileva che il processo ha subio uo shif: ache i queso caso si ha u dao ecoomico per l azieda i quao si ha u aumeo della produzioe o coforme. U esempio può aiuare a chiarire alcui dei cocei espressi sopra. Cosideriamo la produzioe di u farmaco. Ua caraerisica di qualià criica per queso ipo di processo produivo è il coeuo di pricipio aivo, X, el farmaco che assumiamo disribuio ormalmee: X N,. ~ Il processo è soo corollo se il coeuo di pricipio aivo elle cofezioi prodoe è pari a milligrammi. La deviazioe sadard della caraerisica di qualià si suppoe oa. 7 mg. I praica si vuole corollare il livello medio della caraerisica di qualià ovvero H : il processo è soo corollo H : il processo è fuori corollo

8 Cosruzioe di ua cara di corollo Esempio () Cosruzioe di ua cara di corollo Esempio (3) Per corollare il processo si esrae ogi ora u campioe casuale di 5 uià di prodoo (cofezioi di farmaco) e si misura i coeuo di pricipio aivo. Si può calcolare quidi la media del campioe xi i x Queso valore è ua realizzazioe della variabile aleaoria media campioaria Xi i X che soo l ipoesi H si disribuisce ormalmee: X N, Fissaa ua probabilià α (probabilià di u falso allarme) si può scrivere P zα / < X < + zα / α Quidi i limii di corollo risulao zα / UCL + zα / LCL e la liea cerale risula pari a CL Cosruzioe di ua cara di corollo Esempio (4) Cosruzioe di ua cara di corollo Esempio (5) Se α. si ha z α / 3. 9, i limii risulao UCL + zα /. 97 LCL zα / Defiedo co δ lo shif sadardizzao, el caso i esame si ha δ Suppoiamo ora che sia vera l ipoesi H :, i paricolare Queso sigifica che sul paramero media del processo produivo è avveuo uo shif. E' ieressae calcolare la probabilià di u macao allarme β. Soo l ipoesi H si ha che X N,

9 Cosruzioe di ua cara di corollo Esempio (6) segue che β P Y ( LCL, UCL) H P X + zα/ P X zα/ + zα/ zα/ X X P P Cosruzioe di ua cara di corollo Esempio (7) Ricordado che Si oiee δ z α z α β Φ δ Φ δ dove co Φ( i ) si è idicaa la fuzioe di riparizioe di ua variabile casuale ormale sadardizzaa Cosruzioe di ua cara di corollo Esempio (8) Cosruzioe di ua cara di corollo Esempio (9) Poiché el osro caso δ -.4 ( ) ( ) β Φ Φ ( ) ( ) Φ Φ La probabilià β è ua fuzioe di, ampiezza del campioe, di δ, ampiezza dello shif e di α, probabilià dell errore di primo ipo δ Probabilià β

10 Limii di corollo () Il posizioameo dei limii di corollo dipede dagli errori α, probabilià di u falso allarme, e β, probabilià di u macao allarme. I limii di corollo, fissaa u ampiezza campioaria, dipedoo dalla probabilià α: se α dimiuisce i limii di corollo diveao più ampi, cosegueemee però β aumea; se si aumea α i limii di corollo diveao più srei e cosegueemee β dimiuisce. Si comprede quidi che o si riescoo a redere miimi coemporaeamee sia α che β. Limii di corollo () Nella prassi si possoo seguire due srade:. se è fissao, si fissa α e si deermia β cosegueemee. se può variare, si fissao α e β e si deermia cosegueemee. Per deermiare i limii di corollo elle care di ipo Shewhar esisoo delle covezioi o liee guida. I Europa, per i limii di corollo si usa fissare u valore per α (probabilià di u falso allarme) oppure ragioare su alcue fuzioi legae ad α come la fuzioe ARL di cui parleremo i seguio. Limii di corollo (3) Per esempio, sabilire che la probabilià di u falso allarme è pari α. el caso di popolazioe ormale corrispode ad u k / z / α α Negli USA, idipedeemee dalla disribuzioe della caraerisica oggeo di corollo, si è solii idividuare i limii di corollo come muliplo della deviazioe sadard della saisica es. Il muliplo soliamee scelo è k3 (regola del 3-sigma). La scela dei limii 3-sigma forisce i geere buoi risulai elle applicazioi e ei casi i cui la vera disribuzioe della caraerisica di qualià o è oa. Limii di guardia o di sorvegliaza Olre ai limii di corollo possoo essere presei dei limii più ieri chiamai limii di guardia o sorvegliaza. Tali limii, chiamai UWL e LWL (Upper Warig Limi e Lower Warig Limi), vegoo deermiai specificado u valore di probabilià α > α ad esempio α. 5 che corrispode ad u valore z α. 96. Negli / USA si usa per i limii di guardia la regola -sigma. U valore della saisica campioaria iero ai limii di corollo, ma esero ai limii di guardia è u eveo che pur o essedo u segale di fuori corollo ha ua probabilià o elevaa di verificarsi, quidi soo opporui uleriori acceramei sul processo produivo.

11 Numerosià campioaria e frequeza di campioameo () Numerosià campioaria e frequeza di campioameo () I geerale ao più è grade il campioe ao più è facile idividuare piccoli sposamei del processo. Queso lo si può verificare se si calcolao le misure delle presazioi di ua cara di corollo: la fuzioe di poeza o, il suo complemeo a uo, la curva operaiva caraerisica. La probabilià di rilevare ua variazioe (shif), visa come fuzioe di e dell ampiezza δ dello shif, è daa dalla fuzioe di poeza (G) G P Y ( UCL, LCL ) H { } δ Fuzioe di poeza Numerosià campioaria e frequeza di campioameo (3) Numerosià campioaria e frequeza di campioameo (3) La fuzioe Curva Operaiva caraerisica (CO) di ua cara di corollo esprime ivece la probabilià di o rilevare uo shif { ( ) } CO P Y UCL, LCL H sempre come fuzioe dell ampiezza del campioe e della variazioe. La fuzioe di poeza è ua fuzioe crescee sia di sia dell ampiezza i valore assoluo dello shif. La curva operaiva caraerisica ha per defiizioe u comporameo complemeare. Si può quidi deermiare i fuzioe dello shif del processo che si vuole idividuare co ua cera probabilià. Nella praica, ache per ragioi di coso, è coeuo ( 5) δ Curva operaiva caraerisica 5 5

12 Frequeza di campioameo U elevaa frequeza di campioameo compora u mior empo per idividuare eveuali aomalie el processo. Ache i queso caso è imporae ricordare che u elevaa frequeza di campioameo compora u aumeo ei cosi d ispezioe. Nella praica si edoo a privilegiare, salvo idicazioi corarie, piccoli campioi co ua frequeza di campioameo elevaa. La fuzioe ARL () U imporae misura sulla quale basarsi per predere decisioi sull ampiezza campioaria e frequeza di campioameo è cosiuia dalla fuzioe ARL (Average Ru Legh - lughezza media delle sequeze). Si defiisca co RL la variabile casuale discrea che descrive il umero di campioi che è ecessario osservare per rilevare u segale di fuori corollo: RL il umero di campioi da esrarre per avere u segale di fuori corollo La fuzioe ARL () La fuzioe ARL è il valore aeso della variabile RL: ARL E( RL ) ovvero il umero medio di campioi da esrarre per avere u segale di fuori corollo. Per campioi rilevai ad iervalli di empo regolari ARL è ua misura del empo medio di aesa per u segale di fuori corollo. L ARL è ua fuzioe dello sao del processo: se il processo è i corollo l ARL dovrebbe essere alo; se il processo è fuori corollo l ARL dovrebbe essere piccolo. La fuzioe ARL (3) Si suppoga di essere i regime di H. La probabilià di u fuori corollo è α, segue che RL ha ua disribuzioe geomerica co paramero p α: P RL m p( p) m e la fuzioe ARL(H ) è { } p α ( ) ( ) ( ) k ARL H E RL k p p k

13 La fuzioe ARL (4) Co α. si ha ARL(H )5. Queso vuole dire che se il campioameo avviee ogi ora ci si aede i media u falso allarme ogi 5 ore. Si suppoga di essere i regime di H. La probabilià di avere u segale di fuori corollo è -β, segue che RL ha ua disribuzioe geomerica co paramero p-β ( ) ( p) m P RL m p e la fuzioe ARL(H ) è p β k ARL( H) E( RL ) k( p) p k Regole di decisioe e aalisi degli adamei ipici () Ua cara di corollo idica ua siuazioe di fuori corollo quado: a) uo o più pui superao i limii di corollo; b) si è i preseza di u comporameo o casuale della sequeza dei valori della saisica es. E imporae osservare o solo il sigolo isae campioario. Cosideriamo m campioi (prove) idipedei i cui α è la probabilià di u falso allarme. Sia Z la variabile aleaoria che eumera i pui fuori corollo (soo H ) su m campioi. La probabilià di avere esaamee Zr è daa da m r m r P ( Z r ) α ( α ) Bi( m, α ) r Regole di decisioe e aalisi degli adamei ipici () Il valore aeso della variabile Z è dao da E( Z) mα che rappresea il umero di pui fuori corollo su m campioi quado il processo è soo l ipoesi H. Regole di decisioe e aalisi degli adamei ipici (3) Cosideriamo ora la probabilià di avere almeo u falso allarme su m campioi P Z Pr Z ( α ) m ( ) ( ) o quesa probabilià è ua fuzioe crescee di m Pr Z o per m si ha ( ) o o è rascurabile per m> Ad esempio, co α.7 (regola 3-sigma) e m, si ha 53 5 P Z.. P ( Z ). co P ( Z ). e ( ) Quidi: co u puo fuori corollo è acora elevaa la probabilià di giugere a coclusioe errae (acceare H quado è vera H ); co due o più pui fuori corollo ivece quasi ceramee il processo è effeivamee fuori corollo.

14 Regole di decisioe e aalisi degli adamei ipici (4) U Ru è ua sequeza di osservazioi dello sesso ipo: Ru up sequeza crescee; Ru dow sequeza decrescee. Si possoo iolre osservare sequeze di pui ui sopra CL o ui soo CL. Ogi sequeza può essere probabilizzaa e ua sequeza o Ru di lughezza 8 ha ua probabilià molo bassa di verificarsi. Regole di decisioe e aalisi degli adamei ipici (5) Perao la preseza di ale Ru è idicaivo di ua siuazioe di fuori corollo, ache se ui i pui cadoo ero i limii di corollo. Per idividuare comporamei o casuali ella care Shewhar esisoo delle regole di decisioe (Ru rules) suggerie el 956 dalla Weser Elecric. Regole di decisioe e aalisi degli adamei ipici (6) Alcue di quese regole soo riporae di seguio, mere per ua raazioe più aricolaa si rimada a Mogomery (6). Il processo è fuori corollo se:. uo o più pui soo fuori dai limii di corollo. pui su 3 cosecuivi soo fuori dai limii di guardia 3. 8 pui cosecuivi ui al di sopra o al di soo di CL Più i geerale u comporameo visivamee o casuale dei pui Regole di decisioe e aalisi degli adamei ipici (7) Bisoga fare aezioe ad eserciare più di u crierio di decisioe perché aumea la probabilià di falsi allarmi. Cosideriamo k crieri di decisioe e sia α i la probabilià di commeere l errore di primo ipo del crierio i-esimo (i,,,k). Segue che la probabilià di u falso allarme basaa su k es idipedei k α ( α ) i Quidi α > αi co α che cresce al crescere di k. I coclusioe se le Ru Rules aumeao la sesibilià della cara di corollo el rilevare lo sao di fuori corollo, aumeao ache la probabilià di falsi allarmi. i

15 Sima dei parameri del processo da u preru () Nella praica, l ipoesi di rieere oi i parameri del processo produivo, che qui idichiamo i modo geerico co e, o è quasi mai soddisfaa. Quidi è ecessario simarli sulla base di u cero umero m (m3-35) di campioi prelimiari opporuamee esrai i u periodo i cui il processo viee rieuo soo corollo. Tale isieme di campioi viee idicao co il ermie preru. Il preru risula quidi formao da m campioi di ampiezza Sima dei parameri del processo da u preru () Idicado co x, x,, xm le medie di ciascu campioe uo simaore della media icogia del processo è la media degli mcampioi: x, x,, x m m ˆ x Se ache la variabilià del processo o è oa, allora è ecessaria simarla. I due simaori più comui di uilizzao i rage o le deviazioi sadard degli m campioi. Sima dei parameri del processo da u preru (3) Sima dei parameri del processo da u preru (4) Sul preru di dai possoo essere calcolae diverse saisiche riassuive, riferedosi ad ogi sigolo campioe o alla loro oalià (il umero dei campioi di dai prelimiari aalizzai verrà idicao co la leera m): x j x + + x + + x j ij j i,, ; j,,m ; sigolo campioe ; S R x x ; j j max j mi j S i j ( x ) ij x j sulla oalia dei campioi prelimiari x + + x + + x x m S + + S + + S S m R + + R + + R R m j m j m j m

16 Sima dei parameri del processo da u preru (5) Sima di ˆ x (x è uo simaore correo del paramero di locazioe) Sima di : due simaori diversi, a secoda che si usi la deviazioe sadard media (S) o il rage medio (R): S ˆ c4 R ˆ d I faori c 4 e d dipedoo dalla umerosià campioaria. (Appedice A6 Mogomery (6)). Sima dei parameri del processo da u preru (6) Riguardo alla sima basaa sulla saisica Rage è opporuo ricordare che se la caraerisica di qualià è disribuia ormalmee X ~ N (, ), allora la deviazioe sadard di R è R d 3 ed essedo o oa si può simare Rco ˆ R R d3 d Sima dei parameri del processo da u preru (7) Riguardo alla sima basaa sulla saisica S è opporuo ricordare che se la caraerisica di qualià è disribuia ormalmee X ~ N (, ), allora la deviazioe sadard di S è S c 4 ed essedo o oa si può simare Sco S ˆ S c c 4 4

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Idice Corso di Iermediari iaziari e Microcredio Iroduzioe I crieri radizioali di valuazioe dei progei di ivesimeo; La valuazioe dei progei di ivesimeo I crieri fiaziari di valuazioe dei progei d ivesimeo

Dettagli

2. Duration. Stefano Di Colli

2. Duration. Stefano Di Colli 2. Duraio Meodi Saisici per il Credio e la Fiaza Sefao Di Colli Tassi di ieresse e redimei La reddiivià di u obbligazioe è misuraa dal asso di redimeo o dal asso di ieresse U idicaore del redimeo deve

Dettagli

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

Modelli attuariali per la previdenza complementare

Modelli attuariali per la previdenza complementare Modelli auariali per la prevideza complemeare Fabio Grasso Diparimeo di Scieze Saisiche Uiversià degli Sudi di Roma La Sapieza fabiograsso@uiroma1i Riassuo Il presee lavoro esamia i profili auariali della

Dettagli

Le carte di controllo

Le carte di controllo Le carte di cotrollo Dott.ssa Bruella Caroleo 07 dicembre 007 Variabilità ei processi produttivi Le caratteristiche di qualsiasi processo produttivo soo caratterizzate da variabilità Le cause di variabilità

Dettagli

I modelli basati sul cash-flow mapping

I modelli basati sul cash-flow mapping I modelli basai sul cash-flow mappig Slides rae da: Adrea Resi Adrea Siroi Rischio e valore elle bache Misura, regolameazioe, gesioe Rischio e valore elle bache I modelli basai sul cash flow mappig AGENDA

Dettagli

APPROFONDIMENTI SULLA TEORIA DEL CONSUMO AGGREGATO

APPROFONDIMENTI SULLA TEORIA DEL CONSUMO AGGREGATO Moduo 8a 1 APPROFONDIMENTI SULLA TEORIA DEL CONSUMO AGGREGATO 1. Iroduzioe 2. La eoria de cosumo di Dueseberry 3. La eoria de cico viae di Modigiai 2 1. Iroduzioe Dae esperieze dei maggiori sisemi macroecoomici,

Dettagli

Minicorso Stocks Market Trading Analysis

Minicorso Stocks Market Trading Analysis Pare 1 Miicorso Socks Marke Tradig Aalysis di Adrea Saviao Vedo prevedo sravedo, premessa L aalisi ecica e l albero di Naale Il bravo scieziao: sadard e ormale, iaziuo Gli srumei a disposizioe del bravo

Dettagli

LA VERIFICA DELLE IPOTESI SUI PARAMETRI

LA VERIFICA DELLE IPOTESI SUI PARAMETRI LA VERIFICA DELLE IPOTESI SUI PARAMETRI E u problema di ifereza per molti aspetti collegato a quello della stima. Rispode ad u esigeza di carattere pratico che spesso si preseta i molti campi dell attività

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

STATISTICA 1 parte 2/2 STATISTICA INFERENZIALE

STATISTICA 1 parte 2/2 STATISTICA INFERENZIALE STATISTICA parte / U test statistico è ua regola di decisioe Effettuare u test statistico sigifica verificare IPOTESI sui parametri. STATISTICA INFERENZIALE STIMA PUNTUALE STIMA PER INTERVALLI TEST PARAMETRICI

Dettagli

F è la tensione equivalente al piede del dente nel punto più sollecitato (tensione effettiva) espressa nel modo seguente: F n

F è la tensione equivalente al piede del dente nel punto più sollecitato (tensione effettiva) espressa nel modo seguente: F n 3ALPGC-Cosruzioe di Macchie 3 4 Calcolo a faica 4. Normaiva UNI 886 Resiseza a flessioe Per quao riguarda il calcolo a faica per flessioe delle ruoe di igraaggi la ormaiva UNI 886 (987) fa riferimeo alla

Dettagli

LEZIONI DI ANALISI ECONOMETRICA

LEZIONI DI ANALISI ECONOMETRICA LEZIONI DI ANALISI ECONOMETRICA Idice Lisa degli esempi applicaivi Iroduzioe Il modello lieare. Aalisi ecoomica ed aalisi ecoomerica Primi obieivi dell Ecoomeria. I modelli e il lugo periodo Modelli saici

Dettagli

Metodi statistici per l analisi dei dati

Metodi statistici per l analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due ttameti Motivazioi ttameti Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ttameti) per cui soo stati codotti gli esperimeti. due ttameti Esempio itroduttivo

Dettagli

Calibrazione di tranche CDO con il modello dinamico GPL

Calibrazione di tranche CDO con il modello dinamico GPL Calibrazioe di rache CDO co il modello diamico GPL La calibrazioe di u idice di credio e delle sue rache cosiseemee sulle varie scadeze co u sigolo modello i asseza di opporuià di arbiraggio è u problema

Dettagli

Appendice 1. Le previsioni economiche

Appendice 1. Le previsioni economiche Saisica aziedale Bruo Bracalee, Massimo Cossigai, Aa Mulas Copyrigh 009 The McGraw-Hill Compaies srl Appedice. Le previsioi ecoomiche A. Iroduzioe La previsioe del fuuro da sempre cosiuisce maeria di grade

Dettagli

Nozioni elementari di Analisi Matematica applicate alla Fisica Generale

Nozioni elementari di Analisi Matematica applicate alla Fisica Generale Nozioi elemeari di alisi Maemaica applicae alla Fisica Geerale Nozioe di iegrale ideiio La derivazioe può essere ierpreaa come ua regola che, per ogi uzioe assegaa (primiiva), ci permee di deermiare u

Dettagli

Prova scritta di Statistica per Biotecnologie. 29 Aprile Programma Cristallo 1

Prova scritta di Statistica per Biotecnologie. 29 Aprile Programma Cristallo 1 Prova scritta di Statistica per Biotecologie 9 Aprile Programma Cristallo. Uo dei processi di purificazioe impiegati i ua certa sostaza chimica prevede di metterla i soluzioe e di filtrarla co ua resia

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA

STATISTICA DESCRITTIVA STATISTICA DESCRITTIVA La statistica descrittiva serve per elaborare e sitetizzare dati. Tipicamete i dati si rappresetao i tabelle. Esempio. Suppoiamo di codurre u idagie per cooscere gli iscritti al

Dettagli

Analisi statistica dell Output

Analisi statistica dell Output Aalisi statistica dell Output IL Simulatore è u adeguata rappresetazioe della Realtà! E adesso? Come va iterpretato l Output? Quado le Osservazioi soo sigificative? Quati Ru del Simulatore è corretto effettuare?

Dettagli

SCUOLA POLITECNICA IN ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE VILFREDO PARETO MASTER IN E-BUSINESS CAPITAL BUDGETING

SCUOLA POLITECNICA IN ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE VILFREDO PARETO MASTER IN E-BUSINESS CAPITAL BUDGETING CAPITAL BUDGETING VALUTAZIONE DI PROGETTI D INVESTIMENTO CON PREVISIONE DEI FLUSSI DI CASSA ATTESI: l impresa ivese moea oggi per oeere flussi moeari icremeali el fuuro.* PROGETTO: Ivesimeo i arezzaure

Dettagli

Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica

Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica ELT A-Z Docete: dott. F. Zucca Esercitazioe # 4 1 Distribuzioe Espoeziale Esercizio 1 Suppoiamo che la durata della vita di ogi membro di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO UIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Facolà di Ecoomia Diparimeo di Maemaica, saisica, iformaica e applicazioi "Lorezo Mascheroi" Doorao di Ricerca i: Meodi compuazioali per le previsioi e decisioi ecoomiche

Dettagli

ESEMPIO 1. Immaginiamo come si distribuirebbero le stime campionarie se l operazione di campionamento venisse ripetuta più volte.

ESEMPIO 1. Immaginiamo come si distribuirebbero le stime campionarie se l operazione di campionamento venisse ripetuta più volte. ESEMPIO Prima dell esplosioe di ua cetrale ucleare, i terrei di ua certa regioe avevao ua produzioe media di grao pari a 00 quitali co uo scarto di 5. Dopo la catastrofe si selezioao 00 uità di superficie

Dettagli

Il test parametrico si costruisce in tre passi:

Il test parametrico si costruisce in tre passi: R. Lombardo I. Cammiatiello Dipartimeto di Ecoomia Secoda Uiversità degli studi Napoli Facoltà di Ecoomia Ifereza Statistica La Verifica delle Ipotesi Obiettivo Verifica (test) di u ipotesi statistica

Dettagli

Strumenti di indagine per la valutazione psicologica

Strumenti di indagine per la valutazione psicologica Strumeti di idagie per la valutazioe psicologica 1.2 - Richiami di statistica descrittiva Davide Massidda davide.massidda@gmail.com Descrivere i dati Dovedo scegliere u esame opzioale, uo studete ha itezioe

Dettagli

18.2 SERIE DI FOURIER IN FORMA TRIGONOMETRICA

18.2 SERIE DI FOURIER IN FORMA TRIGONOMETRICA C A P I T O L O 8 SERIE DI FOURIER 8. INTRODUZIONE Nei capioli precedei è sao dedicao ampio spazio alla aalisi di circuii piloai da geeraori siusoidali. Il presee capiolo è dedicao alla aalisi di circuii

Dettagli

Metodi matematici per l'ingegneria.

Metodi matematici per l'ingegneria. Meodi maemaici per l'igegeria. Lezioi del prof. Marco Codegoe appui di Capuzzo Alessadro v.3 Noe dell'auore: Sicuramee o sosiuiscoo u libro di eso, probabilmee o soo u lavoro sesazioale, seza dubbio soo

Dettagli

Esercitazioni di Statistica

Esercitazioni di Statistica Esercitazioi di Statistica Il modello di Regressioe Prof. Livia De Giovai statistica@dis.uiroma.it Esercizio Solitamete è accertato che aumetado il umero di uità prodotte, u idustria possa ridurre i costi

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

LE MISURE DI VARIABILITÀ DI CARATTERI QUANTITATIVI

LE MISURE DI VARIABILITÀ DI CARATTERI QUANTITATIVI Apputi di Statistica Sociale Uiversità ore di Ea LE MISURE DI VARIABILITÀ DI CARATTERI QUATITATIVI La variabilità di u isieme di osservazioi attiee all attitudie delle variabili studiate ad assumere modalità

Dettagli

SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE

SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE. Successioi umeriche a. Defiizioi: successioi aritmetiche e geometriche Cosideriamo ua sequeza di umeri quale ad esempio:,5,8,,4,7,... Tale sequeza è costituita mediate ua

Dettagli

Anno 5 Successioni numeriche

Anno 5 Successioni numeriche Ao 5 Successioi umeriche Itroduzioe I questa lezioe impareremo a descrivere e calcolare il limite di ua successioe. Ma cos è ua successioe? Come si calcola il suo limite? Al termie di questa lezioe sarai

Dettagli

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità)

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità) 4 Quai eravamo, quai siamo, quai saremo Che cosa si impara el capiolo 4 er cooscere le caraerisiche e l evoluzioe della popolazioe ialiaa araverso u lugo arco di empo uilizziamo il asso di icremeo medio

Dettagli

Metodi matematici per l ingegneria (Matematica 4)

Metodi matematici per l ingegneria (Matematica 4) Meodi maemaici per l igegeria (Maemaica 4) Lezioi del prof. Marco Codegoe appui di Capuzzo Alessadro v.4 Noe dell'auore: Sicuramee o sosiuiscoo u libro di eso, probabilmee o soo u lavoro sesazioale, seza

Dettagli

CONCETTI BASE DI STATISTICA

CONCETTI BASE DI STATISTICA CONCETTI BASE DI STATISTICA DEFINIZIONI Probabilità U umero reale compreso tra 0 e, associato a u eveto casuale. Esso può essere correlato co la frequeza relativa o col grado di credibilità co cui u eveto

Dettagli

Introduzione alla Statistica descrittiva. Definizioni preliminari. Definizioni preliminari. Fasi di un indagine statistica. Tabelle statistiche

Introduzione alla Statistica descrittiva. Definizioni preliminari. Definizioni preliminari. Fasi di un indagine statistica. Tabelle statistiche Itroduzioe alla Statistica descrittiva Defiizioi prelimiari È la scieza che studia i feomei collettivi o di massa. U feomeo è detto collettivo o di massa quado è determiato solo attraverso ua molteplicità

Dettagli

Analisi dei segnali nel dominio del tempo

Analisi dei segnali nel dominio del tempo Appui di Teoria dei Segali a.a. / Aalisi dei segali el domiio del empo L.Verdoliva I quesa prima pare del corso sudieremo come rappreseare i segali empo coiuo e discreo el domiio del empo e defiiremo le

Dettagli

LA GESTIONE DELLA QUALITA : IL TOTAL QUALITY MANAGEMENT

LA GESTIONE DELLA QUALITA : IL TOTAL QUALITY MANAGEMENT LA GESTIONE DELLA QUALITA : IL TOTAL QUALITY MANAGEMENT La gestioe, il cotrollo ed il migliorameto della qualità di u prodotto/servizio soo temi di grade iteresse per l azieda. Il problema della qualità

Dettagli

1. Considerazioni generali

1. Considerazioni generali . osiderazioi geerali Il processaeto di ob su acchie parallele è iportate sia dal puto di vista teorico che pratico. Dal puto di vista teorico questo caso è ua geeralizzazioe dello schedulig su acchia

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica A.A. 2014/15. Complementi di Probabilità e Statistica. Prova scritta del del 23-02-15

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica A.A. 2014/15. Complementi di Probabilità e Statistica. Prova scritta del del 23-02-15 Corso di Laurea Magistrale i Igegeria Iformatica A.A. 014/15 Complemeti di Probabilità e Statistica Prova scritta del del 3-0-15 Puteggi: 1. 3+3+4;. +3 ; 3. 1.5 5 ; 4. 1 + 1 + 1 + 1 + 3.5. Totale = 30.

Dettagli

Statistica 1 A.A. 2015/2016

Statistica 1 A.A. 2015/2016 Corso di Laurea i Ecoomia e Fiaza Statistica 1 A.A. 2015/2016 (8 CFU, corrispodeti a 48 ore di lezioe frotale e 24 ore di esercitazioe) Prof. Luigi Augugliaro 1 / 19 Iterdipedeza lieare fra variabili quatitative

Dettagli

CARATTERISTICHE MECCANICHE DI PIETRE NATURALI PER FACCIATE VENTILATE. Di seguito verranno utilizzati i seguenti simboli:

CARATTERISTICHE MECCANICHE DI PIETRE NATURALI PER FACCIATE VENTILATE. Di seguito verranno utilizzati i seguenti simboli: PROPOSTA DI UN PROTOCOLLO DI PROVE PER IL CONTROLLO DELLE CARATTERISTICHE MECCANICHE DI PIETRE NATURALI PER FACCIATE VENTILATE FINALITÀ Nel campo edile l utilizzo di rivestimeti esteri da riportare sulle

Dettagli

Risk Italia. L'attività in prodotti derivati di BancoPosta. Intervista con Stefano Calderano, responsabile dei prodotti retail OTTOBRE 2002

Risk Italia. L'attività in prodotti derivati di BancoPosta. Intervista con Stefano Calderano, responsabile dei prodotti retail OTTOBRE 2002 OTTOBRE www.ris.e Ris Ialia CURRECIES ITEREST RATES EQUITIES COMMODITIES CREDIT RISK ITALIA VOL / O OTTOBRE L'aivià i prodoi derivai di BacoPosa Iervisa co Sefao Calderao, resposabile dei prodoi reail

Dettagli

STATISTICA INFERENZIALE SCHEDA N. 2 INTERVALLI DI CONFIDENZA PER IL VALORE ATTESO E LA FREQUENZA

STATISTICA INFERENZIALE SCHEDA N. 2 INTERVALLI DI CONFIDENZA PER IL VALORE ATTESO E LA FREQUENZA Matematica e statistica: dai dati ai modelli alle scelte www.dima.uige/pls_statistica Resposabili scietifici M.P. Rogati e E. Sasso (Dipartimeto di Matematica Uiversità di Geova) STATISTICA INFERENZIALE

Dettagli

Statistica di base. Luca Mari, versione 31.12.13

Statistica di base. Luca Mari, versione 31.12.13 Statistica di base Luca Mari, versioe 31.12.13 Coteuti Moda...1 Distribuzioi cumulate...2 Mediaa, quartili, percetili...3 Sigificatività empirica degli idici ordiali...3 Media...4 Acora sulla media...4

Dettagli

PARTE QUARTA Teoria algebrica dei numeri

PARTE QUARTA Teoria algebrica dei numeri Prerequisiti: Aelli Spazi vettoriali Sia A u aello commutativo uitario PARTE QUARTA Teoria algebrica dei umeri Lezioe 7 Cei sui moduli Defiizioe 7 Si dice modulo (siistro) su A (o semplicemete, A-modulo)

Dettagli

Economia Internazionale - Soluzioni alla IV Esercitazione

Economia Internazionale - Soluzioni alla IV Esercitazione Ecoomia Iterazioale - Soluzioi alla IV Esercitazioe 25/03/5 Esercizio a) Cosa soo le ecoomie di scala? Come cambia la curva di oerta i preseza di ecoomie di scala? Perchè queste oroo u icetivo al commercio

Dettagli

Esercitazione 2 Progetto e realizzazione di un semplice sintetizzatore musicale basato su FPGA

Esercitazione 2 Progetto e realizzazione di un semplice sintetizzatore musicale basato su FPGA Architetture dei sistemi itegrati digitali Alessadro Bogliolo Esercitazioe 2 Progetto e realizzazioe di u semplice sitetizzatore musicale basato su FPGA (A) Defiizioe della specifica ed esperimeti prelimiari

Dettagli

Calcolo della risposta di un sistema lineare viscoso a più gradi di libertà con il metodo dell Analisi Modale

Calcolo della risposta di un sistema lineare viscoso a più gradi di libertà con il metodo dell Analisi Modale Calcolo della risposta di u sistema lieare viscoso a più gradi di libertà co il metodo dell Aalisi Modale Lezioe 2/2 Prof. Adolfo Satii - Diamica delle Strutture 1 La risposta a carichi variabili co la

Dettagli

Successioni. Grafico di una successione

Successioni. Grafico di una successione Successioi Ua successioe di umeri reali è semplicemete ua sequeza di ifiiti umeri reali:, 2, 3,...,,... dove co idichiamo il termie geerale della successioe. Ad esempio, discutedo il sigificato fiaziario

Dettagli

Successioni ricorsive di numeri

Successioni ricorsive di numeri Successioi ricorsive di umeri Getile Alessadro Laboratorio di matematica discreta A.A. 6/7 I queste pagie si voglioo predere i esame alcue tra le più famose successioi ricorsive, presetadoe alcue caratteristiche..

Dettagli

DISTRIBUZIONI DOPPIE

DISTRIBUZIONI DOPPIE DISTRIBUZIONI DOPPIE Fio ad ora abbiamo visto teciche di aalisi dei dati per il solo caso i cui ci si occupi di u solo carattere rilevato su u collettivo (distribuzioi semplici). I termii formali fio ad

Dettagli

Convertitoriditipospot (convertono, idealmente, il valore istantaneo del segnale); V ts

Convertitoriditipospot (convertono, idealmente, il valore istantaneo del segnale); V ts Pare II (Coversioe D/A e A/D) La coversioe A/D I coveriori A/D si dividoo i: Coverioridiipospo (coveroo, idealmee, il valore isaaeo del segale); s s Si raa di disposiivi veloci ma sesibili al rumore di

Dettagli

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche est o parametrici Il test di Studet per uo o per due campioi, il test F di Fisher per l'aalisi della variaza, la correlazioe, la regressioe, isieme ad altri test di statistica multivariata soo parte dei

Dettagli

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione Sistemi e ecologie della Comuicazioe Lezioe 4: strato fisico: caratterizzazioe del segale i frequeza Lo strato fisico Le pricipali fuzioi dello strato fisico soo defiizioe delle iterfacce meccaiche (specifiche

Dettagli

che sono una l inversa dell altra; l insieme dei messaggi cifrati C i cui elementi sono indicati con la lettera c.

che sono una l inversa dell altra; l insieme dei messaggi cifrati C i cui elementi sono indicati con la lettera c. I LEZIONE Il ostro iteto è aalizzare i dettaglio i metodi di cifratura che si soo susseguiti el corso della storia prestado particolare attezioe all impiato matematico che e cosete la realizzazioe Iiziamo

Dettagli

Capitolo 27. Elementi di calcolo finanziario EEE 2015-2016

Capitolo 27. Elementi di calcolo finanziario EEE 2015-2016 Capitolo 27 Elemeti di calcolo fiaziario EEE 205-206 27. Le diverse forme dell iteresse Si defiisce capitale (C) uo stock di moeta dispoibile i u determiato mometo. Si defiisce iteresse (I) il prezzo d

Dettagli

52. Se in una città ci fosse un medico ogni 500 abitanti, quale sarebbe la percentuale di medici? A) 5 % B) 2 % C) 0,2 % D) 0,5% E) 0,02%

52. Se in una città ci fosse un medico ogni 500 abitanti, quale sarebbe la percentuale di medici? A) 5 % B) 2 % C) 0,2 % D) 0,5% E) 0,02% RISPOSTE MOTIVATE QUIZ D AMMISSIONE 2000-2001 MATEMATICA 51. L espressioe log( 2 ) equivale a : A) 2log B) log2 C) 2log D) log E) log 2 Dati 2 umeri positivi a e b (co a 1), si defiisce logaritmo i base

Dettagli

La volatilità delle attività finanziarie

La volatilità delle attività finanziarie 4.30 4.5 4.0 4.5 4.0 4.05 4.00 3.95 3.90 3.85 3.80 3.75 3.70 3.65 3.60 3.55 3.50 3.45 3.40 3.35 3.30 3.5 3.0 3.5 3.0 3.05 3.00.95.70.65.60.55.50.45.40.35.30.5.0.5.0.05.00.95.90.85.80.75.70.65.60.55.50.45.40.35.30.5.0.5.0.05.00

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

Selezione avversa e razionamento del credito

Selezione avversa e razionamento del credito Selezioe avversa e razioameto del credito Massimo A. De Fracesco Dipartimeto di Ecoomia politica e statistica, Uiversità di Siea May 3, 013 1 Itroduzioe I questa lezioe presetiamo u semplice modello del

Dettagli

ESERCIZI DI STATISTICA DESCRITTIVA ALCUNI TRATTI DA PROVE D ESAME DA REALIZZARE ANCHE CON L AUSILIO DI UN FOGLIO DI CALCOLO. Angela Donatiello 1

ESERCIZI DI STATISTICA DESCRITTIVA ALCUNI TRATTI DA PROVE D ESAME DA REALIZZARE ANCHE CON L AUSILIO DI UN FOGLIO DI CALCOLO. Angela Donatiello 1 ESERCIZI DI STATISTICA DESCRITTIVA ALCUNI TRATTI DA PROVE D ESAME DA REALIZZARE ANCHE CON L AUSILIO DI UN FOGLIO DI CALCOLO Agela Doatiello 1 Esercizio. E stato tabulato il peso di ua certa popolazioe

Dettagli

Campionamento stratificato. Esempio

Campionamento stratificato. Esempio ez. 3 8/0/05 Metodi Statiici per il Marketig - F. Bartolucci Uiversità di Urbio Campioameto ratificato Ua tecica molto diffusa per sfruttare l iformazioe coteuta i ua variabile ausiliaria (o evetualmete

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia per manager. Prima versione, marzo 2013; versione aggiornata, marzo 2014)

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia per manager. Prima versione, marzo 2013; versione aggiornata, marzo 2014) Itroduzioe all assicurazioe. (Dispesa per il corso di Microecoomia per maager. Prima versioe, marzo 2013; versioe aggiorata, marzo 2014) Massimo A. De Fracesco Uiversità di Siea March 14, 2014 1 Prezzo

Dettagli

En0tà. Proge(are una base di da0. Chiave. Associazioni

En0tà. Proge(are una base di da0. Chiave. Associazioni E0tà Proge(are ua base di da0 A. Ferrari Nel proge(o si idividuao iizialmete le e0tà Le e0tà corrispodoo a classi di ogge? del modo reale I uo schema, ogi e0tà ha u ome che la ide0fica uivocamete.

Dettagli

Approfondimenti di statistica e geostatistica

Approfondimenti di statistica e geostatistica Approfodimeti di statistica e geostatistica APAT Agezia per la Protezioe dell Ambiete e per i Servizi Tecici Cos è la geostatistica? Applicazioe dell aalisi di Rischio ai siti Cotamiati Geostatistica La

Dettagli

La stima per capitalizzazione dei redditi

La stima per capitalizzazione dei redditi La stima per capitalizzazioe dei redditi 24.X.2005 La stima per capitalizzazioe La capitalizzazioe dei redditi è l operazioe matematico-fiaziaria che determia l ammotare del capitale - il valore di mercato

Dettagli

Corso di Elementi di Impianti e macchine elettriche Anno Accademico 2014-2015

Corso di Elementi di Impianti e macchine elettriche Anno Accademico 2014-2015 Corso di Elemeti di Impiati e mahie elettriche Ao Aademico 014-015 Esercizio.1 U trasformatore moofase ha i segueti dati di targa: Poteza omiale A =10 kva Tesioe omiale V 1 :V =480:10 V Frequeza omiale

Dettagli

Elementi di matematica finanziaria

Elementi di matematica finanziaria Elemeti di matematica fiaziaria 18.X.2005 La matematica fiaziaria e l estimo Nell ambito di umerosi procedimeti di stima si rede ecessario operare co valori che presetao scadeze temporali differeziate

Dettagli

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia)

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia) Itroduzioe all assicurazioe. (Dispesa per il corso di Microecoomia) Massimo A. De Fracesco Uiversità di Siea December 18, 2013 1 ichiami su utilità attesa e avversioe al rischio Prima di cosiderare il

Dettagli

Argomenti trattati. Rischio e Valutazione degli investimenti. Teoria della Finanza Aziendale. Costo del capitale

Argomenti trattati. Rischio e Valutazione degli investimenti. Teoria della Finanza Aziendale. Costo del capitale Teoria della Finanza Aziendale Rischio e Valuazione degli invesimeni 9 1-2 Argomeni raai Coso del capiale aziendale e di progeo Misura del bea Coso del capiale e imprese diversificae Rischio e flusso di

Dettagli

Analisi Fattoriale Discriminante

Analisi Fattoriale Discriminante Aalisi Fattoriale Discrimiate Bibliografia Lucidi (materiale reperibile via Iteret) Lauro C.N. Uiversità di Napoli Gherghi M. Uiversità di Napoli D Ambra L. Uiversità di Napoli Keeth M. Portier Uiversity

Dettagli

Campi vettoriali conservativi e solenoidali

Campi vettoriali conservativi e solenoidali Campi vettoriali coservativi e soleoidali Sia (x,y,z) u campo vettoriale defiito i ua regioe di spazio Ω, e sia u cammio, di estremi A e B, defiito i Ω. Sia r (u) ua parametrizzazioe di, fuzioe della variabile

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo - Corsi di laurea in Ingegneria Edile e Tessile Indici di posizione e variabilità Esercitazione 2

Università degli Studi di Bergamo - Corsi di laurea in Ingegneria Edile e Tessile Indici di posizione e variabilità Esercitazione 2 Uiversità degli Studi di Bergamo - Corsi di laurea i Igegeria Edile e Tessile Idici di posizioe e variabilità Esercitazioe 2 1. Nella seguete tabella si riporta la distribuzioe di frequeza del cosumo i

Dettagli

Statistica (Prof. Capitanio) Alcuni esercizi tratti da prove scritte d esame

Statistica (Prof. Capitanio) Alcuni esercizi tratti da prove scritte d esame Statistica (Prof. Capitaio) Alcui esercizi tratti da prove scritte d esame Esercizio 1 Il tempo (i miuti) che Paolo impiega, i auto, per arrivare i ufficio, può essere modellato co ua variabile casuale

Dettagli

La programmazione aggregata nella supply chain. La programmazione aggregata nella supply chain 1

La programmazione aggregata nella supply chain. La programmazione aggregata nella supply chain 1 La programmazione aggregaa nella supply chain La programmazione aggregaa nella supply chain 1 Linea guida Il ruolo della programmazione aggregaa nella supply chain Il problema della programmazione aggregaa

Dettagli

V Tutorato 6 Novembre 2014

V Tutorato 6 Novembre 2014 1. Data la successioe V Tutorato 6 Novembre 01 determiare il lim b. Data la successioe b = a = + 1 + 1 8 6 + 1 80 + 18 se 0 se < 0 scrivere i termii a 0, a 1, a, a 0 e determiare lim a. Data la successioe

Dettagli

CAPITOLO SETTIMO GLI INDICI DI FORMA 1. INTRODUZIONE

CAPITOLO SETTIMO GLI INDICI DI FORMA 1. INTRODUZIONE CAPITOLO SETTIMO GLI INDICI DI FORMA SOMMARIO: 1. Itroduzioe. - 2. Asimmetria. - 3. Grafico a scatola (box plot). - 4. Curtosi. - Questioario. 1. INTRODUZIONE Dopo aver aalizzato gli idici di posizioe

Dettagli

Scritto da Per. Ind. Bruno Orsini Venerdì 21 Giugno 2013 17:41 - Ultimo aggiornamento Domenica 23 Giugno 2013 08:55

Scritto da Per. Ind. Bruno Orsini Venerdì 21 Giugno 2013 17:41 - Ultimo aggiornamento Domenica 23 Giugno 2013 08:55 La Norma CEI 0-21, la uova regola tecica di coessioe BT Per quato riguarda gli impiati elettrici, oltre alle prescrizioi della Norma CEI 64-8 e successive variati, occorre teere i cosiderazioe u ulteriore

Dettagli

TRASMISSIONE IN FIBRA OTTICA

TRASMISSIONE IN FIBRA OTTICA TRASMISSIONE IN FIBRA OTTICA Storia delle comuicazioi ottiche 84 a.c.: caduta di Troia comuicata a Micee (550km di distaza) attraverso ua serie di fuochi allieati 794 d.c.: rete di Chappe collega Parigi

Dettagli

PARAMETRI DEL MOTO SISMICO

PARAMETRI DEL MOTO SISMICO PARAMETRI DEL MOTO SISMICO Attività microsismica: caratterizzata da vibrazioi di debole ampiezza e periodi molto gradi tali da o essere percepiti dai più comui strumeti di registrazioe (importate soprattutto

Dettagli

Alcuni parametri statistici di base

Alcuni parametri statistici di base Alcui parametri statistici di base Misure di tedeza cetrale: media mediaa moda Misure di dispersioe: itervallo di variazioe scarto medio variaza deviazioe stadard coefficiete di variazioe Popolazioe di

Dettagli

Tecnica delle misurazioni applicate Esame del 4 dicembre 2007

Tecnica delle misurazioni applicate Esame del 4 dicembre 2007 Tecica delle misurazioi applicate Esame del 4 dicembre 7 Problema 1. Il propulsore Mod. WEC viee prodotto da ACME Ic. mediate u processo automatizzato: dati storici cofermao che la lavorazioe di ogi elemeto

Dettagli

A.A. 2013/14 Esercitazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI

A.A. 2013/14 Esercitazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI A.A. 2013/14 Eserciazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI Esercizio 1 - IRPEF Il signor X, che vive solo e non ha figli, ha percepio, nel corso dell anno correne, i segueni reddii: - Reddii da lavoro dipendene

Dettagli

L OFFERTA DI LAVORO 1

L OFFERTA DI LAVORO 1 L OFFERTA DI LAVORO 1 La famiglia come foritrice di risorse OFFERTA DI LAVORO Notazioe utile: T : dotazioe di tempo (ore totali) : ore dedicate al tempo libero l=t- : ore dedicate al lavoro : cosumo di

Dettagli

SERIE NUMERICHE Con l introduzione delle serie vogliamo estendere l operazione algebrica di somma ad un numero infinito di addendi.

SERIE NUMERICHE Con l introduzione delle serie vogliamo estendere l operazione algebrica di somma ad un numero infinito di addendi. Serie SERIE NUMERICHE Co l itroduzioe delle serie vogliamo estedere l operazioe algebrica di somma ad u umero ifiito di addedi. Def. Data la successioe {a }, defiiamo la successioe {s } poedo s = a k.

Dettagli

IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI IDROSANITARI Vasi d espansione e accumuli

IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI IDROSANITARI Vasi d espansione e accumuli FOCUS TECNICO IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMIANTI IDROSANITARI asi d espansione e accumuli RODUZIONE DI ACQUA CALDA SANITARIA Due sono i sisemi normalmene uilizzai per produrre acqua calda saniaria: quello

Dettagli

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA aa 2009-2010 Operazioi statistiche elemetari Spesso ci si preseta il problema del cofroto tra dati Ad esempio, possiamo voler cofrotare feomei [ecoomici]

Dettagli

Esercizi riguardanti limiti di successioni

Esercizi riguardanti limiti di successioni Esercizi riguardati iti di successioi Davide Boscaii Queste soo le ote da cui ho tratto le esercitazioi del gioro 27 Ottobre 20. Come tali soo be lugi dall essere eseti da errori, ivito quidi chi e trovasse

Dettagli

SU DI UN MODELLO ATTUARIALE PER LA VALUTAZIONE AL FAIR VALUE DI CONTRATTI DI ASSICURAZIONE SULLA VITA ANDREA FORTUNATI DOTTORATO IN SCIENZE ATTUARIALI

SU DI UN MODELLO ATTUARIALE PER LA VALUTAZIONE AL FAIR VALUE DI CONTRATTI DI ASSICURAZIONE SULLA VITA ANDREA FORTUNATI DOTTORATO IN SCIENZE ATTUARIALI SU DI UN MODELLO ATTUARIALE PER LA VALUTAZIONE AL FAIR VALUE DI CONTRATTI DI ASSICURAZIONE SULLA VITA ANDREA FORTUNATI DOTTORATO IN SCIENZE ATTUARIALI DIPARTIMENTO DI SCIENZE ATTUARIALI E FINANZIARIE UNIVERSITÀ

Dettagli

STIMA DEI DANNI 1) Che cosa si intende per danno economico?

STIMA DEI DANNI 1) Che cosa si intende per danno economico? STIMA DEI DANNI 1) Che cosa si itede per dao ecoomico? Per dao ecoomico si itede la perdita o la dimiuzioe di valore che u bee subisce a seguito di u siistro ( eveto o prevedibile) o da u fatto doloso

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

1. Distribuzioni campionarie legate alla distribuzione normale. 3. Intervallo bilatero di confidenza bilatero per la frazione p di una popolazione

1. Distribuzioni campionarie legate alla distribuzione normale. 3. Intervallo bilatero di confidenza bilatero per la frazione p di una popolazione Questi esempi vi potrao essere utili come riferimeto ella ricerca di itervalli di cofideza e test di ipotesi statistiche. Per gli aggiorameti potete visitare i siti www.boch.et o www.feaor.com. Per dubbi

Dettagli

Numerazione binaria Pagina 2 di 9 easy matematica di Adolfo Scimone

Numerazione binaria Pagina 2 di 9 easy matematica di Adolfo Scimone Numerazioe biaria Pagia di 9 easy matematica di Adolfo Scimoe SISTEMI DI NUMERAZIONE Sistemi di umerazioe a base fissa Facciamo ormalmete riferimeto a sistemi di umerazioe a base fissa, ad esempio el sistema

Dettagli

Soluzioni esercizi Capitolo 7

Soluzioni esercizi Capitolo 7 Soluzioi esercizi Capitolo 7 Quado si valuta la relazioe fra due variabili, occorre prestare particolare attezioe al fatto che i modelli statistici specifici per ogi scala di misura siao applicabili: i

Dettagli

Un problema! La letteratura riporta che i pazienti affetti da cancro. = mesi

Un problema! La letteratura riporta che i pazienti affetti da cancro. = mesi CONFRONTO TRA DUE MEDIE U problema! La letteratura riporta che i pazieti affetti da cacro hao ua sopravviveza media di 38.3 mesi e deviazioe stadard di 43.3 mesi: µ 38.3mesi σ 43.3mesi (la distribuzioe

Dettagli

La previsione della domanda nella supply chain

La previsione della domanda nella supply chain La previsione della domanda nella supply chain La previsione della domanda 1 Linea guida Il ruolo della prerevisione nella supply chain Le caraerisiche della previsione Le componeni della previsione ed

Dettagli