Anno Accademico 2011/2012. Scuola di Ingegneria dei Sistemi. Regolamento Didattico del Corso di Studio in: Ingegneria Gestionale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anno Accademico 2011/2012. Scuola di Ingegneria dei Sistemi. Regolamento Didattico del Corso di Studio in: Ingegneria Gestionale"

Transcript

1 Anno Accademico 2011/2012 Scuola di Ingegneria dei Sistemi Regolamento Didattico del Corso di Studio in: Ingegneria Gestionale Laurea Magistrale - Ordinamento 270/04 Sede di Milano campus Bovisa

2 1 Informazioni Generali Scuola Ingegneria dei Sistemi Codice Corso di Studio 404 Corso di Studio Ingegneria Gestionale Ordinamento Ordinamento 270/04 Classe di Laurea LM-31 Ingegneria Gestionale Livello Laurea Magistrale Primo A.A. di attivazione 2009 (con riguardo all ordinamento 270/04) Durata nominale del Corso 2 anni Anni di Corso Attivati 1, 2 Lingua/e ufficiali Italiano Sede del corso Milano Bovisa Preside Alessandro Pozzetti Presidente CCS Alberto Portioli Staudacher Sito web della Scuola Sito web del Corso di Studi Segreteria Didattica Struttura di riferimento Indirizzo Telefono Segreteria Corso di Studi (dr.ssa Daniela Cicolin) Via Lambruschini 4 - Milano Segreteria Studenti Indirizzo Via La Masa 34 (MI) Numero Verde Servizio per invio https://aunicalogin.polimi.it/aunicalogin/getservizio.xml?id_servizio=81

3 2 Presentazione generale del Corso di Studio Sin dalla sua concezione più di venticinque anni orsono, l'ingegnere gestionale è stato pensato come un ingegnere del cambiamento e dell'innovazione, simile all'ingegnere classico e come questo destinato a progettare e gestire sistemi, ma in contesti resi complessi ed eterogenei dalla presenza dell'elemento umano e dalla stretta interazione fra variabili tecnologiche e variabili economiche, organizzative e finanziarie. Il progetto dell ingegnere gestionale si è ispirato alla realtà rappresentata da una figura professionale emergente - quella dell ingegnere-manager - trasferendola in un curriculum universitario coerente, poi ripreso anche da altri grandi atenei europei. Il progetto è stato periodicamente aggiornato, modificando e arricchendo i curricula, per rispondere ai fabbisogni delle imprese e delle istituzioni in cui l ingegnere gestionale è chiamato ad operare e per mantenere il suo profilo professionale sulla frontiera delle conoscenze. Gli sbocchi professionali dell ingegnere gestionale sono oggi assai diversificati per funzioni e per settori di attività, a testimonianza dell'accoglienza estremamente favorevole che il mondo del lavoro ha riservato e continua a riservare a questa laurea. Coerentemente a ciò, il progetto formativo si è venuto articolando negli anni, con un ampia scelta di corsi che consentono percorsi formativi capaci di cogliere le diverse esigenze espresse dal mercato, nella sua evoluzione sotto la spinta del progresso tecnico, dell innovazione e della globalizzazione delle economie. 3 Obiettivi Formativi La Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale (LM) presenta un progetto formativo molto articolato, che persegue allo stesso tempo due obiettivi complementari: da un lato, sviluppare - attraverso un nucleo di conoscenze, di metodologie e di approcci comuni - un carattere di fondo unitario per la figura dell'ingegnere gestionale; dall'altro lato, immettere sul mercato del lavoro professionalità con un ventaglio di competenze capaci di soddisfare la domanda diversificata delle imprese e delle istituzioni in cui gli ingegneri gestionali andranno ad operare, svolgendo mestieri sia tradizionali, sia innovativi. Il progetto formativo prevede, a fianco di una solida cultura della modellazione e della risoluzione dei problemi, fondata su metodologie quantitative e qualitative rigorose, una didattica a carattere interattivo, con lavori di gruppo e testimonianze di alto profilo di esponenti del mondo dell industria e dei servizi, della finanza e della consulenza. Prevede, inoltre, un aggiornamento continuo nei metodi e nei casi di studio che arricchiscono i diversi insegnamenti. 4 Schema del Corso di Studio e successivi livelli di formazione La Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale si articola su un biennio, per un totale di 120 crediti formativi (CFU). Per gli studenti di maggiore merito che si iscrivono alla Laurea Magistrale, è prevista la possibilità di essere ammessi all Alta Scuola Politecnica, un programma di formazione avanzato organizzato dai Politecnici di Milano e Torino. Per maggiori informazioni: Il titolo di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale permette l accesso al terzo livello di formazione universitaria, ovvero il Dottorato di Ricerca. Lo sbocco più naturale è il Dottorato di Ricerca in Ingegneria Gestionale. Presso il Politecnico di Milano, il suddetto Dottorato è stato istituito nel 1996 ed è ospitato dal Dipartimento di Ingegneria Gestionale (DIG). Per maggiori informazioni: La School of Management del Politecnico di Milano attraverso il consorzio MIP offre inoltre agli studenti laureati la possibilità di affrontare percorsi di master e corsi di alta formazione. Per dettagli: 5 Sbocchi professionali e mercato del lavoro 5.1 Status professionale conferito dal titolo La Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale (Ordinamento 270/04) fa capo alla Classe LM/31 (Ingegneria Gestionale) che consente di sostenere l'esame di Stato per l abilitazione professionale alla Sezione A dell Albo (Ingegneri) sia nel Settore Ingegneria dell Informazione sia nel Settore Ingegneria Industriale.

4 5.2 Ruoli e sbocchi occupazionali in dettaglio Gli sbocchi degli oltre ingegneri gestionali laureatisi al Politecnico di Milano nei 25 anni di vita della Laurea sono stati assai ampi e diversificati, a conferma dell attenzione che il mercato del lavoro ha rivolto a questa figura professionale, valorizzandone l intrinseca flessibilità anche in attività non previste inizialmente in sede di concezione e progettazione dei curricula. Essi sono anzitutto presenti nelle imprese industriali, ma anche nelle imprese di servizio, nelle utilities (comunicazioni, energia, trasporti, ecc.), nelle società di consulenza, nelle istituzioni finanziarie, nelle authority, nella pubblica amministrazione e nel settore non-profit. Gli ingegneri gestionali operano in un ventaglio ampio di attività e funzioni, fra cui, in modo esemplificativo: la pianificazione della tecnologia e dei mezzi di produzione, la pianificazione e gestione dei sistemi produttivi e logistici, la pianificazione strategica e il corporate development, le vendite, gli acquisti e il marketing, il controllo di gestione e l'organizzazione, la gestione della supply chain e dei processi di internazionalizzazione, la finanza dei mercati e la finanza corporate, la gestione dei grandi progetti (impianti manifatturieri e di processo, infrastrutture, R&D), le applicazioni Internet e i servizi delle ICT, la gestione di attività nei mercati soggetti a regolamentazione e nei settori dei servizi a rete. L indagine Istat Università e lavoro (2008) evidenzia che a livello nazionale a tre anni dal conseguimento della laurea il 93,3% degli ingegneri gestionali può vantare un occupazione stabile, contro una media del 90,8% per la totalità dei laureati in ingegneria. Riguardo ai laureati in ingegneria del Politecnico di Milano, secondo le statistiche elaborate dal Career Service (il Servizio di Ateneo che si interfaccia con il mercato del lavoro), la laurea in ingegneria gestionale nel 2008 è stata la più richiesta dalle imprese, con ben il 33% dei casi. Il Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale si caratterizza da sempre per una relazione molto stretta con le imprese e il mondo produttivo. Il Career Service del Politecnico di Milano coordina l offerta di stage aziendali per studenti e laureati. Le opportunità per ogni corso di studio sono visibili sul portale Per ulteriori informazioni sugli stage, si veda il paragrafo Il Career Service del Politecnico di Milano (http://www.careerservice.polimi.it) segnala opportunità di lavoro e organizza presentazioni aziendali per laureandi e laureati di primo e secondo livello. Per un analisi statistica degli sbocchi occupazionali relativa ai laureati degli anni precedenti si rimanda al sito: Si veda anche il successivo Paragrafo Iscrizione al Corso di Studio 6.1 Requisiti di Ammissione 1 L ammissione alla Laurea Magistrale è soggetta a un processo di valutazione atto ad attestare l idoneità del candidato. Tale processo, a norma della regolamentazione esistente 2, si basa su requisiti curriculari e sulla verifica della adeguatezza della preparazione dello studente. L ammissione alla Laurea Magistrale sarà deliberata in forma insindacabile da una Commissione di Valutazione istituita a tale scopo dal Consiglio di Corso di Studio, che - in assenza di documentazione comprovata che evidenzi elementi reali di eccezionalità e che quindi giustifichi il non rispetto dei criteri qui sotto indicati e dimostri l adeguatezza della preparazione acquisita 3 - si baserà sull analisi della carriera accademica. In caso di ammissione, eventuali vincoli nelle scelte curriculari (si veda il Paragrafo 6.2), saranno esplicitati contemporaneamente al giudizio positivo e prima dell immatricolazione, così da fornire le informazioni necessarie per una scelta trasparente e razionale dei piani di studio. Per quanto riguarda il prerequisito della conoscenza della lingua inglese si rimanda al Paragrafo I diplomati in Ingegneria Logistica e della Produzione (presso il Politecnico di Milano), che abbiano ottenuto l equipollenza alla Laurea di primo livello in Ingegneria Gestionale percorso applicativo, che siano interessati all ammissione alla Laurea di secondo livello sono invitati a contattare la Commissione preposta alla valutazione delle candidature. 2 Si vedano il D.M. 22/10/2004 n. 270 art. 6 comma 2 ( l'università stabilisce, per ogni corso di laurea magistrale, specifici criteri di accesso che prevedono, comunque, il possesso di requisiti curriculari e l'adeguatezza della personale preparazione verificata dagli atenei, con modalità definite nei regolamenti didattici ) e il D.M. del 16/3/2007, art.6 comma 1. 3 Tale documentazione dovrà essere allegata ad una istanza rivolta al Preside della Scuola.

5 6.1.1 Richiesta di ammissione contestuale al conseguimento della Laurea Triennale o a Laurea Triennale già conseguita I requisiti richiesti per essere ammessi alla valutazione della carriera sono: per gli allievi di corsi di primo livello del Politecnico di Milano, essere iscritti all appello di Laurea; per gli allievi di corsi di primo livello di altri Atenei, prevedere il conseguimento della Laurea prima dell immatricolazione alla Laurea Magistrale; oppure per tutti, essere già in possesso di una Laurea Triennale. I requisiti della carriera accademica considerati dalla Commissione per l ammissione sono: 1. il conseguimento della Laurea Triennale in non più di quattro anni accademici 4 dalla prima immatricolazione, ovvero entro il 30 Aprile di 5 anni dopo la prima immatricolazione.( es. se prima immatricolazione Settembre 2010, la laurea deve avvenire entro il 30 Aprile 2015); 2. l ottenimento di un voto di Laurea non al di sotto della soglia corretta di ammissione (si veda il Paragrafo ); 3. il possesso di una certificazione che attesti la conoscenza della lingua inglese (si veda il Paragrafo 7.3); 4. il possesso di requisiti formativi che non comportino integrazioni curriculari. Qualora anche uno solo dei prerequisiti 1) o 2) non sia soddisfatto, il candidato non potrà essere ammesso salvo la presenza di documentazione comprovata che evidenzi elementi reali di eccezionalità alla Laurea Magistrale. Qualora il candidato non rispetti i prerequisiti 3) e/o 4), potrà essere ammesso alla Laurea Magistrale e quindi immatricolarsi dopo averli conseguiti, dimostrando la conoscenza della lingua inglese e/o soddisfacendo le integrazioni curriculari che la Commissione avrà identificato e comunicato al candidato Conseguimento della Laurea di primo livello in non più di quattro anni accademici Il numero degli anni accademici dalla prima immatricolazione che lo studente ha impiegato per conseguire la Laurea Triennale è attestato dai documenti rilasciati dalla Segreteria Studenti. Va notato che la verifica del conseguimento della Laurea di primo livello in un tempo non superiore ai quattro anni accademici dall immatricolazione considera la totalità degli anni accademici su cui è distribuito il curriculum accademico. Solo nel caso di laureati in Ing. Gestionale che abbiano effettuato un passaggio di corso di studio nel proprio percorso accademico, la Commissione di valutazione potrà considerare la condizione meno restrittiva di verificare che il numero di crediti formativi relativi ad esami superati durante la frequenza del corso di studi in Ing. Gestionale sia almeno pari, su base semestrale o annuale, al numero di crediti formativi richiesti agli studenti che non abbiano effettuato passaggi di corso, a patto che lo studente abbia conseguito almeno 120 CFU presso il corso di Ing. Gestionale. La chiusura del curriculum accademico coincide con il conseguimento di tutti i 180 CFU della laurea di primo livello, compresa prova finale, esame di lingua e, ove richiesto, espletamento dei tirocini curriculari Soglia corretta di ammissione Non sono ammessi alla Laurea Magistrale gli studenti che hanno ottenuto la Laurea Triennale con un punteggio inferiore alla soglia corretta di ammissione. La soglia corretta si calcola sommando al voto di laurea triennale un bonus legato al tempo di conseguimento della Laurea. Il bonus vale: 3/110 per studenti che fanno richiesta di immatricolazione in corso (cioè per coloro che si sono immatricolati al 1 livello nel settembre 2009 e si laureano entro Settembre 2012); 2/110 per chi è in ritardo di 1 semestre (cioè per coloro che si sono immatricolati al 1 livello nel settembre 2009 e si laureano entro Marzo 2013); 1/110 per chi è in ritardo di 2 semestri (cioè per coloro che si sono immatricolati al 1 livello nel settembre 2008 e si laureano entro Settembre 2012). Tabella A Corso di provenienza Soglia corretta di ammissione Ingegneri Gestionali del Politecnico di Milano laurea triennale percorso propedeutico 88/110 Ingegneri Gestionali del Politecnico di Milano laurea triennale percorso applicativo 93/110 Altri ingegneri del Politecnico di Milano 93/110 Disegnatori Industriali e Architetti del Politecnico di Milano 102/110 Ingegneri Gestionali di altri Atenei 102/110 Altri laureati di altri Atenei 105/110 4 Tale prerequisito non si applica ai laureati già in possesso di una Laurea di secondo livello o conseguita con il Vecchio Ordinamento (Previgente al DM509/99).

6 Per gli studenti della Laurea triennale in Ingegneria Gestionale del Politecnico di Milano che si sono immatricolati alla Laurea triennale fino a settembre 2009, rimarranno valide le vecchie soglie corrette (vedi Tabella B). La soglia corretta si calcola sommando al voto di laurea triennale un bonus legato al tempo di conseguimento della Laurea. Il bonus vale: 5/110 per studenti che fanno richiesta di immatricolazione in corso (cioè per coloro che si sono immatricolati al 1 livello nel settembre 2008 e si laureano entro Settembre 2011); 3/110 per chi è in ritardo di 1 semestre (cioè per coloro che si sono immatricolati al 1 livello nel settembre 2008 e si laureano entro Marzo 2012); 1/110 per chi è in ritardo di 2 semestri (cioè per coloro che si sono immatricolati al 1 livello nel settembre 2007 e si laureano entro Settembre 2011). Tabella B Corso di provenienza Soglia corretta di ammissione Ingegneri Gestionali del Politecnico di Milano laurea triennale percorso propedeutico 85/110 Ingegneri Gestionali del Politecnico di Milano laurea triennale percorso applicativo 90/110 Altri ingegneri del Politecnico di Milano 90/110 Disegnatori Industriali e Architetti del Politecnico di Milano 100/110 Ingegneri Gestionali di altri Atenei 100/110 Altri laureati di altri Atenei 105/ Conoscenza della lingua inglese Per le certificazioni riconosciute e le rispettive soglie si faccia riferimento al Paragrafo Assenza di integrazioni curriculari Il candidato può essere ammesso alla Laurea Magistrale in ingegneria gestionale qualora il curriculum studiorum della Laurea Triennale sia coerente con il progetto formativo della Laurea Magistrale; al riguardo, viene valutato il possesso dei requisiti curriculari necessari e viene formulata l eventuale richiesta di integrazioni curriculari. Per la valutazione del possesso dei requisiti curriculari e l eventuale attribuzione di integrazioni curriculari si faccia riferimento al Paragrafo Richiesta di ammissione anticipata (prima del conseguimento della Laurea Triennale) I requisiti richiesti per essere ammessi anticipatamente alla valutazione della carriera sono: avere acquisito almeno 150 CFU dei 180 richiesti per il conseguimento della Laurea Triennale, a esclusione di eventuali esami in soprannumero; i CFU devono essere stati verbalizzati in non più di tre anni accademici consecutivi; avere un Piano degli Studi approvato completo di tutti i CFU necessari per il completamento del Corso di primo livello, eventualmente autocertificabile da parte degli studenti provenienti da altri Atenei. Questo è un fattore importante per consentire una valutazione complessiva del percorso di primo livello, e ovviamente se verranno apportate modifiche al Piano degli Studi successive alla valutazione queste invalideranno la valutazione stessa e sarà necessario chiederne un altra. La richiesta di ammissione di un candidato in possesso dei requisiti sopra riportati sarà valutata rispetto: alla media dei voti conseguiti negli esami sostenuti nella Laurea Triennale; alla conoscenza certificata della lingua inglese; all assenza di integrazioni curriculari da conseguire Soglia per l ammissione La media dei voti conseguiti negli esami sostenuti nella Laurea Triennale deve essere superiore alla soglia di seguito specificata per le diverse provenienze. Corso di provenienza Soglia per l ammissione Ingegneria Gestionale (Politecnico di Milano) Laurea Triennale percorso propedeutico 24,5 / 30 Ingegneria Gestionale (Politecnico di Milano) Laurea Triennale percorso applicativo 25,5 / 30 Altri corsi di Ingegneria del Politecnico di Milano 25,5 / 30 Facoltà del Design o Facoltà di Architettura del Politecnico di Milano 28,0 / 30 Corsi di Ingegneria Gestionale di altri Atenei 28,0 / 30 Altri corsi di altri Atenei 28,5 / 30

7 Conoscenza della lingua inglese Per le certificazioni riconosciute e le rispettive soglie si faccia riferimento al Paragrafo Assenza di integrazioni curriculari Il candidato può essere ammesso alla Laurea Magistrale qualora il curriculum studiorum della Laurea Triennale sia coerente con il progetto formativo della Laurea Magistrale; al riguardo, viene valutato il possesso dei requisiti curriculari necessari e viene formulata l eventuale richiesta di integrazioni curriculari. Per la valutazione del possesso dei requisiti curriculari e l eventuale attribuzione di integrazioni curriculari si faccia riferimento al Paragrafo Esito della valutazione nelle finestre anticipate La valutazione nelle finestre anticipate potrà: 1) avere esito positivo, cioè lo studente è ammesso alla Laurea Magistrale; 2) avere esito negativo, cioè lo studente non è ammesso alla Laurea Magistrale; 3) avere esito rinviato alla chiusura della seconda finestra più vicina all inizio delle lezioni perché non in possesso dei requisiti di media e/o di conoscenza della lingua inglese e/o perché in presenza di integrazioni curriculari ancora da conseguire Ammissione garantita all iscrizione al terzo anno Infine si informa che l'ammissione è peraltro garantita già dal momento dell'iscrizione al terzo anno di studi (a prescindere da quello che sarà il voto di Laurea e purché risultino successivamente rispettati gli altri due requisiti relativi alla lingua inglese e ai quattro anni di carriera per il conseguimento della Laurea) agli studenti gestionali percorso propedeutico del Politecnico di Milano che abbiano maturato alla data di iscrizione al predetto terzo anno almeno 110 CFU, con una media (pesata per i crediti) non inferiore a 26/30. Si precisa che anche in presenza di tali condizioni è obbligatorio richiedere la valutazione della carriera del Corso di primo livello. 6.2 Descrizione delle conoscenze richieste agli studenti in ingresso Per accedere alla Laurea Magistrale in ingegneria gestionale il candidato deve possedere precisi requisiti curriculari, ovvero conoscenze coerenti con il progetto formativo della suddetta Laurea. Questi requisiti vengono definiti avendo come modello di riferimento il piano di studi della Laurea Triennale in ingegneria gestionale con percorso propedeutico. Pertanto la necessità di integrazioni curriculari discende sia dall assenza di coerenza con il progetto formativo della Laurea Triennale gestionale, sia dalla distinzione tra percorsi di Laurea Triennale propedeutici e applicativi 5 (o denominazioni equivalenti); questi ultimi caratterizzati usualmente da un minore numero di CFU conseguiti in termini di insegnamenti sostenuti nella Laurea Triennale. Data la potenziale ampiezza e varietà delle provenienze dei laureati triennali che si candidano per l accesso alla Laurea Magistrale, risulta possibile definire a priori le regole di accesso solo per la maggior parte dei casi, particolarmente quelli inerenti i laureati triennali in ingegneria. Per gli altri casi, si pone la necessità di un esame ad hoc dei curricula, volto a garantire che i candidati siano ammessi solo qualora abbiano i requisiti di coerenza con il progetto formativo della Laurea, conseguiti attraverso la definizione di un piano di integrazioni e vincoli curriculari. In particolare: - per i laureati in ingegneria presso Università italiane, il curriculum studiorum del candidato sarà valutato coerente con il progetto formativo della Laurea Triennale in ingegneria gestionale, se nella carriera di primo livello, o comunque prima della domanda di immatricolazione, siano stati acquisiti almeno 45 CFU di base e 80 CFU caratterizzanti negli ambiti previsti in una delle Classi di Lauree di primo livello L-8 Ingegneria dell'informazione o L-9 Ingegneria industriale. L elenco dei Settori Scientifico Disciplinari (SSD) appartenenti agli ambiti di base o caratterizzanti è reperibile sul sito: - per i laureati in ingegneria presso Università estere e i laureati non in ingegneria la verifica dei requisiti curriculari e della coerenza con il progetto formativo sarà svolta attraverso l esame accurato del pregresso curriculum studiorum del candidato. Le possibili equivalenze tra gli insegnamenti seguiti con profitto e quelli dei SSD di Ingegneria saranno stabilite a giudizio insindacabile della Commissione di Valutazione, sulla base di un esame approfondito dei programmi ufficiali degli insegnamenti. Le eventuali integrazioni curriculari che saranno indicate al candidato dalla Commissione durante la valutazione della domanda di ammissione dovranno essere necessariamente conseguite prima di procedere all effettiva domanda di immatricolazione alla Laurea Magistrale. Le relative modalità sono indicate nel successivo Paragrafo Per propedeutico si intende un percorso di Laurea che preveda una preparazione atta alla continuazione degli studi per conseguire la Laurea Magistrale; viceversa per applicativo si intende un percorso di Laurea che preveda una preparazione atta al successivo inserimento nel mondo del lavoro con la presenza di tirocini curriculari e di altre attività similari di natura professionalizzante.

8 Sulla base dei criteri enunciati, sono precisate di seguito le condizioni per l ammissione alla Laurea Magistrale per le diverse provenienze. Laureati di primo livello in Ingegneria Gestionale presso il Politecnico di Milano (percorso propedeutico ) Non è richiesta alcuna integrazione curriculare. Non sono imposti vincoli curriculari. Laureati di primo livello in Ingegneria Gestionale presso il Politecnico di Milano (percorso applicativo ) È richiesta un integrazione curriculare di 10 CFU che deve essere acquisita secondo le modalità definite nel successivo Paragrafo Non sono invece imposti vincoli curriculari. L avvenuta integrazione curriculare è condizione necessaria per procedere alla domanda di immatricolazione alla LM, che sarà assicurata solo se risultano soddisfatti tutti gli altri prerequisiti, di cui al presente Regolamento. I 10 CFU saranno definiti dalla Commissione di Valutazione nell'ambito di un pozzetto che comprende gli insegnamenti che risultano dalla differenza tra Piani di Studio dei percorsi Propedeutico e Applicativo del Corso di Laurea Triennale, e verranno comunicati allo studente via . Entro 5 giorni dalla ricezione dell' lo studente ha la possibilità di presentare istanza di modifica dell'insegnamento assegnato come integrazione curricolare, inviando alla Commissione di valutazione una richiesta scritta che motivi la richiesta di modifica. In particolare il pozzetto comprende i seguenti insegnamenti. Codice Insegnamento Semestre CFU Disegno e Fondamenti di Meccanica Applicata Fisica Tecnica e Sistemi Energetici Fondamenti Chimici per le Tecnologie Metodi e Modelli Matematici per l Ingegneria [C.I.] Scienza delle Costruzioni 2 10 Laureati di primo livello in Ingegneria Gestionale presso altri Atenei che hanno acquisito almeno 45 CFU di base e 80 CFU caratterizzanti negli ambiti previsti in una delle Classi di Lauree di primo livello L-8 Ingegneria dell'informazione o L-9 Ingegneria industriale e che hanno seguito il percorso propedeutico Non è richiesta alcuna integrazione curriculare, ma è richiesta la verifica circa eventuali vincoli formativi nella scelta dei successivi curricula della LM (cfr. Paragrafo 6.2.2). Laureati di primo livello in Ingegneria Gestionale presso altri Atenei che hanno acquisito almeno 45 CFU di base e 80 CFU caratterizzanti negli ambiti previsti in una delle Classi di Lauree di primo livello L-8 Ingegneria dell'informazione o L-9 Ingegneria industriale e che hanno seguito il percorso applicativo È richiesta un integrazione curriculare di 10 CFU che deve essere acquisita secondo le modalità definite nel successivo Paragrafo L avvenuta integrazione curriculare è condizione necessaria per procedere alla domanda di immatricolazione alla LM, che sarà assicurata solo se risultano soddisfatti tutti gli altri prerequisiti, di cui al presente Regolamento. I 10 CFU saranno definiti dalla Commissione di Valutazione nell'ambito di un pozzetto che comprende gli insegnamenti che risultano dalla differenza tra Piani di Studio dei percorsi Propedeutico e Applicativo del Corso di Laurea Triennale oppure nel sottostante pozzetto, purché non siano già stati sostenuti insegnamenti equipollenti nel loro percorso di studi di primo livello, e verranno comunicati allo studente via . Entro 5 giorni dalla ricezione dell' lo studente ha la possibilità di presentare istanza di modifica dell'insegnamento assegnato come integrazione curricolare, inviando alla Commissione di valutazione una richiesta scritta che motivi la richiesta di modifica. Codice Insegnamento Semestre CFU Disegno e Fondamenti di Meccanica Applicata Fisica Tecnica e Sistemi Energetici Fondamenti Chimici per le Tecnologie Metodi e Modelli Matematici per l Ingegneria [C.I.] Scienza delle Costruzioni 2 10 Per questi laureati, è inoltre richiesta la verifica circa eventuali vincoli formativi nella scelta dei successivi curricula della LM (cfr. Paragrafo 6.2.2). Laureati di primo livello in ingegneria NON gestionale presso il Politecnico di Milano o presso altri Atenei che hanno acquisito almeno 45 CFU di base e 80 CFU caratterizzanti negli ambiti previsti in una delle Classi di Lauree di primo livello L-8 Ingegneria dell'informazione o L-9 Ingegneria industriale e che hanno seguito il percorso propedeutico Non è richiesta alcuna integrazione curriculare, ma è richiesta la verifica circa la necessità di vincoli formativi nella scelta dei successivi curricula della LM (cfr. Paragrafo 6.2.2).

9 Laureati di primo livello in ingegneria NON gestionale presso il Politecnico di Milano o presso altri Atenei che hanno acquisito almeno 45 CFU di base e 80 CFU caratterizzanti negli ambiti previsti in una delle Classi di Lauree di primo livello L-8 Ingegneria dell'informazione o L-9 Ingegneria industriale e che hanno seguito il percorso applicativo È richiesta un integrazione curriculare di 10 CFU che deve essere acquisita secondo le modalità definite nel successivo Paragrafo L avvenuta integrazione curriculare è condizione necessaria per procedere alla domanda di immatricolazione alla LM, che sarà assicurata solo se risultano soddisfatti tutti gli altri prerequisiti, di cui al presente Regolamento. I 10 CFU saranno definiti dalla Commissione di Valutazione nell'ambito di un pozzetto che comprende gli insegnamenti che risultano dalla differenza tra Piani di Studio dei percorsi Propedeutico e Applicativo del Corso di Laurea Triennale oppure nel sottostante pozzetto, purché non siano già stati sostenuti insegnamenti equipollenti nel loro percorso di studi di primo livello, e verranno comunicati allo studente via . Entro 5 giorni dalla ricezione dell' lo studente ha la possibilità di presentare istanza di modifica dell'insegnamento assegnato come integrazione curricolare, inviando alla Commissione di valutazione una richiesta scritta che motivi la richiesta di modifica. Codice Insegnamento Semestre CFU Disegno e Fondamenti di Meccanica Applicata Fisica Tecnica e Sistemi Energetici Fondamenti Chimici per le Tecnologie Metodi e Modelli Matematici per l Ingegneria [C.I.] Scienza delle Costruzioni 2 10 Per questi laureati, è inoltre richiesta la verifica circa la necessità di vincoli formativi nella scelta dei successivi curricula della LM (cfr. Paragrafo 6.2.2). Laureati di primo livello in ingegneria di qualunque tipologia che NON hanno acquisito almeno 45 CFU di base e 80 CFU caratterizzanti negli ambiti previsti in una delle Classi di Lauree di primo livello L-8 Ingegneria dell'informazione o L-9 Ingegneria industriale È richiesta un integrazione curriculare di 20 CFU che deve essere acquisita secondo le modalità definite nel successivo Paragrafo L avvenuta integrazione curriculare è condizione necessaria per procedere alla domanda di immatricolazione alla LM, che sarà assicurata solo se risultano soddisfatti tutti gli altri prerequisiti, di cui al presente Regolamento. I 20 CFU saranno definiti dalla Commissione di Valutazione nell'ambito del pozzetto seguente con il criterio che non siano già stati sostenuti insegnamenti equipollenti nel loro percorso di studi di primo livello e verranno comunicati allo studente via . Entro 5 giorni dalla ricezione dell' lo studente ha la possibilità di presentare istanza di modifica dell'insegnamento assegnato come integrazione curricolare, inviando alla Commissione di valutazione una richiesta scritta che motivi la richiesta di modifica. Codice Insegnamento Semestre CFU Disegno e Fondamenti di Meccanica Applicata Economia Economia e Organizzazione Aziendale A Fisica Tecnica e Sistemi Energetici Fondamenti Chimici per le Tecnologie Gestione Aziendale Gestione dei Sistemi Logistici e Produttivi Metodi e Modelli Matematici per l Ingegneria [C.I.] Scienza delle Costruzioni Sistemi Informativi 1 10 Per questi laureati, è inoltre richiesta la verifica circa la necessità di vincoli formativi nella scelta dei successivi curricula della LM (cfr. Paragrafo 6.2.2). Laureati di primo livello in altre discipline rispetto a quelle specificate in precedenza La verifica dei requisiti curriculari e l attribuzione di integrazioni curriculari e vincoli formativi sarà condotta considerando, a giudizio insindacabile della Commissione di Valutazione, possibili equivalenze tra gli insegnamenti seguiti con profitto e quelli dei SSD di Ingegneria. Inoltre, la Commissione può richiedere il sostenimento di prove ad hoc che saranno specificate al candidato. L eventuale integrazione curriculare dovrà essere acquisita secondo le modalità definite nel successivo Paragrafo Seconde Lauree (per candidati già in possesso di Lauree Magistrali o equipollenti di precedenti Ordinamenti) La Commissione condurrà una valutazione specifica sulla base del curriculum studiorum presentato dal candidato. Si precisa che non sono previste convalide di insegnamenti sulla base di esperienze lavorative anche se documentate.

10 6.2.1 Modalità per l eventuale acquisizione delle integrazioni curricolari In caso vengano assegnate delle integrazioni curricolari, nel periodo tra il conseguimento della laurea e l eventuale immatricolazione alla LM, ai fini della LM stessa, il laureato potrà, utilizzando l iscrizione a insegnamenti singoli : B1) acquisire CFU superando esami della LM iscrivendosi a insegnamenti (della LM) come corsi singoli; si tratta di CFU anticipati che potranno essere riconosciuti nell ambito dei 120 necessari per conseguire la LM. B2) acquisire la frequenza di insegnamenti della LM. Come B1) ma senza il superamento dell esame. B3) acquisire CFU relativi ad integrazioni curricolari stabilite da apposita Commissione di ammissione alla LM; si tratta di CFU in aggiunta ai 120 necessari per conseguire la LM. Si sottolineano i seguenti vincoli: 1. il totale di CFU (superamento di esami e/o acquisizione di frequenze) che possono essere riconosciuti nell ambito dei 120 CFU necessari per il conseguimento della LM (B1+B2) non potrà essere superiore a 30. Ulteriori CFU eventualmente acquisiti oltre i 30 non verranno quindi presi in considerazione. 2. in ogni caso il numero di CFU acquisiti tramite insegnamenti singoli non può superare gli 80 CFU, comprendendo in tale limite anche le integrazioni curricolari (B3). Il mancato recupero delle integrazioni curriculari richieste entro 15 mesi dalla data in cui la Commissione preposta le ha deliberate e comunicate al candidato comporta la decadenza definitiva del diritto all ammissione Vincoli curriculari (obblighi e divieti) Ad esclusione dei laureati di primo livello in ingegneria gestionale presso il Politecnico di Milano, tutti i candidati ammessi alla Laurea Magistrale eventualmente dopo integrazioni curriculari sono soggetti alla verifica che alcuni specifici insegnamenti, o equipollenti, che caratterizzano la Laurea Triennale in ingegneria gestionale presso il Politecnico di Milano siano stati già sostenuti. Il mancato sostenimento comporta l assegnazione di obblighi formativi relativi alle tre aree economics, industrial engineering e management come precisato nella tabella seguente. Inoltre, i candidati potranno essere soggetti a divieti formativi per insegnamenti identici o equipollenti già frequentati; tra questi si segnalano quelli che la LM in ingegneria gestionale mutua da altri Corsi di Laurea in ingegneria di primo livello (ad es., Misure Meccaniche e Termiche - per ingegneri meccanici di primo livello - o Finanza Matematica I - per ingegneri matematici di primo livello). Infine per la categoria identificata alla voce Laureati di primo livello in altre discipline rispetto a quelle specificate in precedenza, la Commissione si riserva di assegnare ulteriori obblighi e/o divieti formativi, in relazione alle caratteristiche del curriculum studiorum della loro laurea triennale. Insegnamenti (o equipollenti) caratterizzanti Corrispondente obbligo assegnato nelle scelte degli insegnamenti Economia Economia dei Sistemi Industriali Economia e Organizzazione Aziendale o Sistemi di Controllo di Gestione A o B Gestione Aziendale A Organizzazione e Risorse Umane Gestione dei Sistemi Logistici e Produttivi Gestione delle Operations Uno Logistica tra: Tecnologie Industriali Aspetti non altrimenti specificati Per qualsiasi aspetto non altrimenti specificato in questo Regolamento che riguardi le condizioni di ammissione, il candidato è invitato a formulare per un quesito alla Commissione di Valutazione al riguardo pienamente sovrana. 6.3 Scadenze per l'ammissione Al Politecnico di Milano è possibile immatricolarsi alla Laurea Magistrale sia nel primo sia nel secondo semestre. Per essere ammessi è necessario richiedere una valutazione della carriera universitaria dei Corsi di primo livello, tramite una apposita procedura informatizzata disponibile on line all indirizzo: La valutazione è richiesta in quanto non è sufficiente che uno studente abbia completato un Corso di Laurea di primo livello per essere ammesso alla Laurea Magistrale. Per favorire lo studente nella programmazione della carriera e nelle scelte logistiche, l Ateneo ha previsto quattro distinti periodi per richiedere la valutazione. In particolare due sono le finestre per ogni semestre: la prima anticipata di 5/6 mesi rispetto all inizio delle immatricolazioni (si veda il Paragrafo 6.1.2), la seconda più vicina all inizio delle lezioni (si veda il Paragrafo 6.1.1). La domanda di valutazione della carriera deve essere presentata entro i termini stabiliti anche da parte di coloro che sono automaticamente ammessi in base ai criteri riportati nel precedente Paragrafo

11 La valutazione positiva della domanda è valida solo per il semestre per il quale è stata presentata. Per scadenze e modulistica si rimanda all apposito servizio sui terminali Poliself: o all indirizzo: Per richieste specifiche sull ammissione al Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale presso la sede di Milano si può fare riferimento all indirizzo 7 Contenuti del Corso di Studio 7.1 Requisiti per il conseguimento del titolo La Laurea Magistrale è stata progettata unitariamente ed è stata definita una piattaforma di insegnamenti che danno identità al Corso di Laurea, costituendone le fondamenta. Tali insegnamenti sono relativi a tre grandi aree disciplinari: (i) economia applicata e finanza, (ii) industrial engineering, (iii) management affiancate da insegnamenti di natura metodologica/tecnologica e da insegnamenti complementari di supporto all ingegneria gestionale. Gli studenti possono declinare queste discipline secondo proporzioni e specificità diverse, in ragione della tipologia di figure professionali, competenze critiche e obiettivi formativi che si propongono. Poichè però non tutte le combinazioni di esami sono ugualmente efficaci, nè offrono l opportuna coerenza con la figura dell Ingegnere Gestionale, sono stati predisposti dei piani degli studi esemplificativi che sono preventivamente approvati. Inserendo un piano degli studi che rispecchia uno di quelli esemplificativi si ha un automatica approvazione dello stesso; negli altri casi, una commissione del CCS dovrà valutare il piano e esprimere un proprio parere sulla sua adeguatezza: fino a che non si avrà il parere non sarà possibile sostenere esami del piano degli studi, essendo il piano non definitivo e soggetto a possibili modifiche. In particolare, ogni curriculum è definito in termini di: - un numero di crediti (80) di insegnamenti presenti nelle aree disciplinari sopra citate, corrispondenti ai seguenti gruppi codificati: Economia applicata e Finanza (categorie Eco, Fin o integrata EcoFin), Industrial Engineering (categoria IndEng), Management (categoria Mgmt); - un numero di crediti (10) di insegnamenti di natura metodologica e/o relativi alle tecnologie informatiche (categoria MetoTec); - un numero di crediti (5) relativi a insegnamenti complementari di supporto all ingegneria gestionale, inerenti discipline che possono integrare, allargandosi ad un ambito multidisciplinare, la formazione del laureato (categoria Compl). Ogni studente completa il proprio curriculum con: - un numero di crediti (10) di insegnamenti di libera scelta tra quelli attivati nell Ateneo, purché coerenti con il progetto formativo (categoria Free); sono preventivamente approvati in quanto coerenti con il progetto formativo tutti gli insegnamenti dell offerta formativa della Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale, a parte quelli già scelti nei gruppi precedenti, e quelli indicati nella lista insegnamenti a scelta riportata di seguito; - la prova finale (15 crediti). Sigla Area Crediti da selezionare EcoFin Insegnamenti di economia applicata e finanza IndEng Insegnamenti di industrial engineering 80 Mgmt Insegnamenti di management MetoTec Insegnamenti di natura metodologica o relativi alle tecnologie informatiche 10 Compl Insegnamenti complementari di supporto all'ingegneria gestionale 5 Free Insegnamenti a scelta 10 Prova finale (cod ) 15 TOTALE 120

12 Insegnamenti a scelta Come insegnamento a scelta (categoria Free) può essere indicato un qualsiasi insegnamento fra quelli attivati nell Ateneo, purché coerente con il progetto formativo; sono preventivamente approvati in quanto coerenti con il progetto formativo tutti gli insegnamenti dell offerta formativa della Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale, a parte quelli già scelti nei gruppi precedenti, e quelli indicati nella lista riportata di seguito ING-IND/09 Sistemi per l energia e l ambiente ING-INF/04 Dinamica dei sistemi complessi ING-IND/12 Misure meccaniche e termiche SECS-S/06 Finanza matematica I (**) ING-IND/17 Quality Facility Management ING-IND/35 Management sanitario (**) ING-IND/16 Laboratorio di tecnologie Speciali ING-IND/35 Management della ricerca pubblica e dell alta formazione 5 (**) Insegnamento erogato presso la sede di Milano/Leonardo 7.2 Obiettivi e quadro generale delle attività didattiche per i piani di studi preventivamente approvati Nelle prossime pagine sono descritti i Piani degli studi preventivamente approvati: Data l ampia offerta formativa disponibile nell ambito della Laurea di secondo livello, eventuali piani degli studi autonomi saranno eccezionalmente accettati soltanto in presenza di motivazioni forti. Deroga a tale limitazione è data: - agli studenti il cui piano degli studi sia divenuto di fatto autonomo in conseguenza delle prescrizioni fissate dalla Commissione di Valutazione al momento dell ammissione alla Laurea di secondo livello; - agli studenti della Laurea di secondo livello che presentino un piano degli studi autonomo per la partecipazione a progetti di scambio internazionale (ad esempio il programma Erasmus). Gli insegnamenti proposti nei diversi piani degli studi possono essere frequentati indifferentemente nel primo o secondo degli anni della Laurea di secondo livello e non sono introdotte precedenze obbligatorie o fortemente consigliate. Si lascia al senso di responsabilità dello studente l'acquisizione preventiva delle conoscenze ritenute indispensabili. Infine, si deve sottolineare che dall a.a. 2010/2011 sono attivati entrambi gli anni del ciclo della Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale. Agli studenti già iscritti alla Laurea Specialistica (ord. 509/99) in Ingegneria Gestionale nell a.a. 2008/2009 è consentita la possibilità di transitare all Ordinamento 270/04. Gli studenti iscritti nell A.A. 2008/09 alla Laurea Specialistica (ord. 509/99) potranno presentare domanda di ammissione alla LM (ord. 270/04) alle seguenti condizioni: abbiano acquisito i CFU corrispondenti agli eventuali debiti formativi loro assegnati al momento dell ammissione alla LS (ord. 509/99); presentino domanda di valutazione della carriera nella apposite finestre previste prima dell inizio di ogni semestre (per maggiori dettagli, si veda Il nuovo Piano di Studi in regime di DM 270/04 dovrà essere concordato con l apposita Commissione del CCS che si riserva di imporre eventuali ulteriori vincoli formativi coerenti con la LM.

13 Piano degli studi preventivamente approvato GBE Business Economics (Impresa e sistema economico) L'obiettivo di questo piano di studi è quello di formare un ingegnere Gestionale che possieda le conoscenze e le tecniche necessarie per comprendere l interazione fra imprese, mercati e ambiente istituzionale. Particolare attenzione viene dedicata: (a) alle decisioni relative al posizionamento competitivo delle imprese e alla dinamica delle loro attività, quali lo sviluppo di nuovi business, l ingresso in mercati internazionali, la dislocazione internazionale della produzione, le alleanze e le acquisizioni di altre imprese; (b) alle decisioni di politica industriale, dell innovazione e della concorrenza e ai loro effetti sulle imprese. Esso muove dalla convinzione che il possesso di solide fondamenta economiche consenta di prendere tali decisioni in modo più efficace, nel nuovo contesto globale, dominato da una competizione estesa a nuovi paesi e protagonisti. La figura professionale risultante da questo piano di studi è destinata a operare: (a) in posizioni gestionali all interno delle imprese, in special modo in funzioni relative al corporate development, all innovazione tecnologica, ai processi di internazionalizzazione, all interazione con gli organi di regolamentazione, (b) in qualità di analista di business e di policy, nelle società di consulenza, nelle authorities e negli enti nazionali e sopranazionali, (c) in qualità di ideatore, affiancatore, valutatore di nuove iniziative imprenditoriali. Competenze critiche e obiettivi formativi Conoscenza della gestione d impresa Conoscenza approfondita delle leve competitive, del funzionamento dei mercati e delle strategie corporate delle imprese Conoscenza approfondita della finanza e del marketing (anche dei servizi) Conoscenza specialistica delle problematiche e degli strumenti di gestione delle imprese ad alta tecnologia, delle imprese dei servizi a rete (energia, telecomunicazioni, media, trasporti), e dei processi di internazionalizzazione Capacità di prendere decisioni manageriali e imprenditoriali in ambienti complessi caratterizzati da innovazione tecnologica, internazionalizzazione e/o regolamentazione pubblica delle attività delle imprese Capacità di prendere decisioni nel campo delle politiche industriali, dell innovazione e della concorrenza Controllo delle principali metodologie a supporto dell analisi quantitativa e qualitativa dei mercati e delle imprese Sviluppo del background necessario per intraprendere dottorati e master di caratura internazionale Struttura del curriculum: Insegnamenti ECO CFU da selezionare: ING-IND/35 Economia dei servizi e delle reti [C.I.] ING-IND/35 Economia dei sistemi industriali ING-IND/35 Economia del cambiamento tecnologico SECS-P/01 Economia internazionale SECS-P/01 + ING-IND/35 Istituzioni e mercati internazionali [C.I.] 10 Insegnamenti MGMT CFU da selezionare: ING-IND/35 Gestione dell innovazione e dei progetti ING-IND/35 Marketing industriale ING-IND/35 Marketing multicanale (*) ING-IND/35 Organizzazione e risorse umane ING-IND/35 Sistemi di controllo di gestione B ING-IND/35 Strategia e sistemi di pianificazione 10 (*) I corsi Marketing industriale e Marketing multicanale sono mutuamente esclusivi: non possono essere contemporaneamente presenti nel singolo piano di studi. Insegnamenti FIN CFU da selezionare: ING-IND/35 Assetti proprietari e governance d impresa ING-IND/35 + SECS-P/09 Corporate e investment banking [C.I.] SECS-P/02 Economia monetaria e dei mercati finanziari SECS-P/09 Finanza aziendale 10 Insegnamenti INDENG CFU da selezionare: ING-IND/17 Gestione dei grandi progetti di ingegneria ING-IND/17 Gestione delle operations ING-IND/16 Miglioramento continuo delle tecnologie ING-IND/17 Sicurezza e ambiente ING-IND/17 Tecnologie industriali 10 Insegnamenti METOTEC CFU da selezionare: MAT/09 Business intelligence e data mining SECS-P/05 Econometria applicata MAT/09 Modelli per le decisioni ING-INF/05 Tecnologie dell informazione per l impresa 10 Insegnamenti COMPL CFU da selezionare: ING-IND/35 Brevetti e proprietà industriale IUS/10 Diritto dell impresa ING-IND/35 High-Tech Entrepreneurship (**) ING-IND/35 Responsabilità sociale delle professioni e dell impresa SPS/08 Tecniche di comunicazione e soft skill ING-IND/35 Teoria e organizzazione delle pubbliche amministrazioni 5 (**) Insegnamento erogato in lingua inglese presso la sede di Milano/Leonardo Insegnamenti FREE CFU da selezionare: 10 Prova finale CFU: 15

14 Piano degli studi preventivamente approvato GFN - Finance (Finanza) L'obiettivo di questo piano di studi è quello di formare un ingegnere Gestionale che comprenda la profonda evoluzione dei mercati e dei sistemi finanziari e la riconfigurazione delle relazioni con i sistemi economici. L allievo ingegnere gestionale che sceglie questo piani di studi ha molteplici ambiti di valorizzazione, riconducibili alla macro-area, da un lato, della Finanza d impresa e, dall altro, della Finanza dei mercati. Può operare, pertanto, all interno delle direzioni finanziarie e di pianificazione e controllo di aziende industriali e di servizi, così come nell ambito di intermediari e istituzioni del sistema bancario e finanziario, e all interno di società di consulenza. Le figure professionali sono quelle riconducibili alle attività di gestione del risparmio e degli investimenti, di raccolta dei capitali e di finanziamento delle imprese, di valutazione delle operazioni finanziarie, di gestione integrata dei profili di rischio delle attività aziendali. I profili più caratterizzanti sono, solo a puro titolo di esempio, quelli di financial consultant, di asset e portfolio manager, di trader, di financial analyst, di risk manager. Competenze critiche e obiettivi formativi Conoscenza della struttura e funzionamento dei mercati finanziari e mobiliari Conoscenza delle logiche di finanziamento dell impresa e degli strumenti finanziari (obbligazioni, azioni, titoli derivati, ) Conoscenza delle principali problematiche e tecniche di gestione dei rischi di impresa Capacità di analisi delle operazioni di finanza straordinaria (M&A), degli assetti proprietari e della corporate governance Conoscenza dell operatività e della struttura di banche, di altri intermediari finanziari e di investitori istituzionali Capacità di decisioni di strategia finanziaria e di gestione finanziaria e dei modelli quantitativi a supporto alle decisioni finanziarie Conoscenza delle metodologie e degli strumenti di gestione di portafogli mobiliari e immobiliari, con riferimento sia ad asset class tradizionali, sia ad asset class alternative (fondi, private equity e venture capital, hedge, ) Conoscenza dei principi del diritto dei mercati finanziari e delle loro dinamiche istituzionali e regolamentari Conoscenza dell'analisi economica della moneta e dei mercati finanziari Struttura del curriculum: Insegnamenti FIN CFU da selezionare: ING-IND/35 Assetti proprietari e governance d impresa ING-IND/35 Corporate e investment banking [C.I.] SECS-P/02 Economia monetaria e dei mercati finanziari SECS-P/09 Finanza aziendale ING-IND/35 Istituzioni e mercati finanziari 10 Insegnamenti MGMT CFU da selezionare: ING-IND/35 Gestione dell innovazione e dei progetti ING-IND/35 Marketing industriale ING-IND/35 Marketing multicanale (*) ING-IND/35 Organizzazione e risorse umane ING-IND/35 Sistemi di controllo di gestione B ING-IND/35 Strategia e sistemi di pianificazione 10 (*) I corsi Marketing industriale e Marketing multicanale sono mutuamente esclusivi: non possono essere contemporaneamente presenti nel singolo piano di studi. Insegnamenti ECO CFU da selezionare: ING-IND/35 Economia dei servizi e delle reti [C.I.] ING-IND/35 Economia dei sistemi industriali ING-IND/35 Economia del cambiamento tecnologico SECS-P/01 Economia internazionale 10 Insegnamenti INDENG CFU da selezionare: ING-IND/17 Gestione dei grandi progetti di ingegneria ING-IND/17 Gestione delle operations ING-IND/16 Gestione industriale della qualità ING-IND/17 Modellazione dei sistemi produttivi e logistici [C.I.] ING-IND/17 Sistemi di produzione automatizzati 10 Insegnamenti METOTEC CFU da selezionare: MAT/09 Business intelligence e data mining SECS-P/05 Econometria applicata ING-INF/05 Tecnologie dell informazione per l impresa 10 Insegnamenti COMPL CFU da selezionare: IUS/10 Diritto dell impresa ING-IND/35 Global risk management ING-IND/35 High-Tech Entrepreneurship (**) ING-IND/17 Quality management ING-IND/35 Responsabilità sociale delle professioni e dell impresa SPS/08 Tecniche di comunicazione e soft skill 5 (**) Insegnamento erogato in lingua inglese presso la sede di Milano/Leonardo Insegnamenti FREE CFU da selezionare: 10 Prova finale CFU: 15

15 Piano degli studi preventivamente approvato GBM ICT & Business Management (ICT e Business Management) L'obiettivo di questo piano di studi è quello di formare un ingegnere gestionale capace di svolgere un ruolo attivo e propulsivo all'interno dei progetti di innovazione gestionale basati sulle tecnologie dell informazione e della comunicazione (ICT) e, in particolare, di ebusiness (Mobile e Wireless Application, Web 2.0 e Enterprise 2.0, RF-Id e NFC, esupply Chain, eprocurement, Business Intelligence, Knowledge Management, ecommerce, ecrm, emarketing, ERP, ecc.). La crescente diffusione e rilevanza strategica che le ICT stanno avendo in molte imprese e pubbliche amministrazioni rendono questa figura particolarmente "attuale" e critica. Una gestione efficace dei progetti ICT e di ebusiness richiede, infatti, di disporre di professionalità in grado di integrare un ottima conoscenza dell'impresa, dei suoi processi e dei suoi meccanismi organizzativi e gestionali con una buona sensibilità sulle potenzialità delle ICT. È proprio questa la peculiarità di questo profilo. Molteplici e variegati sono gli sbocchi sul mercato del lavoro di questa figura professionale: società di consulenza (sia strategica che applicativa), imprese manifatturiere e di servizi, istituzioni finanziarie, pubbliche amministrazioni, media company, compagnie di telecomunicazione, imprese hi-tech, provider di soluzioni e servizi ICT. Competenze critiche e obiettivi formativi Competenze di valutazione strategica degli effetti delle ICT sulle imprese e pubbliche amministrazioni, sui mercati e sulle filiere. Competenze di analisi dell impatto organizzativo e gestionale dei progetti di ebusiness. Competenze di valutazione (anche economico-finanziaria) dell impatto delle ICT sui processi. Capacità di gestione di progetti di cambiamento indotti dalle ICT. Competenze di gestione e governance delle ICT. Conoscenza delle soluzioni di ebusiness più innovative e delle tecnologie di frontiera. Conoscenza delle best practice aziendali in ambito sia italiano che internazionale. Conoscenza dei nuovi settori e mercati aperti dalle tecnologie digitali. Conoscenza degli scenari di mercato delle principali applicazioni e tecnologie. Struttura del curriculum: Insegnamenti ECOFIN/MGMT/INDENG/ALTRO CFU da selezionare: ING-IND/35 ebusiness ING-IND/35 Economia dei servizi e delle reti [C.I.] ING-IND/17 eoperations [C.I.] ING-INF/05 Tecnologie, applicazioni e servizi dell internet 10 Insegnamenti MGMT CFU da selezionare: ING-IND/35 Gestione degli acquisti ING-IND/35 Gestione dell innovazione e dei progetti ING-IND/35 Marketing multicanale ING-IND/35 Organizzazione e risorse umane ING-IND/35 Sistemi di controllo di gestione B ING-IND/35 Strategia e sistemi di pianificazione 10 Insegnamenti ECOFIN CFU da selezionare: ING-IND/35 Economia dei sistemi industriali SECS-P/01 Economia internazionale SECS-P/09 Finanza aziendale 10 Insegnamenti INDENG CFU da selezionare: ING-IND/17 Gestione dei grandi progetti di ingegneria ING-IND/17 Gestione delle operations ING-IND/17 Logistica ING-IND/ Product lifecycle management ING-IND/17 Sistemi di produzione automatizzati 10 Insegnamenti METOTEC CFU da selezionare: MAT/09 Business intelligence e data mining SECS-P/05 Econometria applicata MAT/09 Modelli per le decisioni SECS-S/01 Statistica applicata ING-INF/05 Tecnologie dell informazione per l impresa 10 Insegnamenti COMPL CFU da selezionare: ING-IND/35 Brevetti e proprietà industriale IUS/10 Diritto dell impresa ING-IND/35 High-Tech Entrepreneurship (**) ING-IND/35 Management delle imprese energetiche e delle fonti rinnovabili A ING-IND/35 Responsabilità sociale delle professioni e dell impresa SPS/08 Tecniche di comunicazione e soft skill 5 (**) Insegnamento erogato in lingua inglese presso la sede di Milano/Leonardo Insegnamenti FREE (***) CFU da selezionare: 10 Prova finale CFU: 15 (***) Per questo piano degli studi è necessario che lo studente verifichi di aver messo almeno 10 CFU di insegnamenti con un settore compreso fra i seguenti: ING-IND/09, ING-INF/05, IUS/05, IUS/10, MAT/05, MAT/09, SECS-P/01, SECS-P/02, SECS-P/05, SECS-P/09

16 Piano degli studi preventivamente approvato - GLM Logistics & Operations Management (Gestione dei sistemi logistico-produttivi) L obiettivo di questo piano di studi è quello è di formare un ingegnere Gestionale che sia in grado di padroneggiare le dinamiche e le problematiche logistico-produttive delle aziende industriali o di servizi. Le dinamiche competitive in atto (competizione dai paesi a basso costo della manodopera, maggiore attenzione all impatto ambientale, ecc.) rendono tali problematiche sempre più complesse e strategiche per il successo delle imprese. In questi scenari, l insieme dei corsi di questo piano di studi si prefigge di formare una figura professionale che padroneggi i principali modelli e strumenti gestionali per la pianificazione e programmazione della produzione, per la logistica, per la misura delle prestazioni e per la gestione della qualità e della manutenzione e che possieda gli strumenti di progettazione dei sistemi logistici e produttivi, per il dimensionamento della capacità produttiva e per la configurazione delle reti logistiche-distributive, nonché sia in grado di valutare l impatto sui processi produttivi e logistici di innovazioni tecnologiche, gestionali ed organizzative. Questa figura professionale è destinata ad operare all interno di imprese industriali, di aziende di servizio o società di consulenza, rivestendo un ruolo di responsabilità sia nella gestione dei processi di area industriale (produzione, programmazione, logistica, approvvigionamenti, qualità, sicurezza e ambiente, manutenzione), sia nella gestione di progetti di riorganizzazione e miglioramento del sistema logistico-produttivo a supporto della strategia aziendale. Competenze critiche e obiettivi formativi Capacità di analisi, diagnosi e miglioramento delle problematiche logistico-produttive, sia dal punto di vista progettuale, sia dal punto di vista organizzativo e gestionale Capacità di scegliere, progettare e gestire sistemi logistico-produttivi Conoscenza relative alla gestione delle operations Conoscenze relative alla manutenzione, sicurezza ed ambiente Conoscenza dei metodi di analisi e di miglioramento delle prestazioni di sistemi logistici e produttivi Conoscenza dei processi e dei sistemi logistico-produttivi Conoscenze di gestione degli approvvigionamenti e di distribuzione fisica anche in contesti internazionali Conoscenza dei costi e loro controllo Conoscenze relative alle tematiche di Project management, Qualità e Tecnologie industriali Struttura del curriculum: Insegnamenti INDENG CFU da selezionare: ING-IND/17 Gestione dei grandi progetti di ingegneria ING-IND/17 Gestione della manutenzione (asset lifecycle management) ING-IND/17 Gestione delle operations ING-IND/16 Gestione industriale della qualità ING-IND/17 Logistica ING-IND/17 Modellazione dei sistemi produttivi e logistici [C.I.] ING-IND/16 Reconfigurable manufacturing systems ING-IND/17 Sicurezza e ambiente ING-IND/17 Tecnologie industriali 10 Insegnamenti MGMT CFU da selezionare: ING-IND/35 Gestione dell innovazione e dei progetti ING-IND/35 Marketing industriale ING-IND/35 Marketing multicanale (*) ING-IND/35 Organizzazione e risorse umane ING-IND/35 Sistemi di controllo di gestione B ING-IND/35 Strategia e sistemi di pianificazione 10 (*) I corsi Marketing industriale e Marketing multicanale sono mutuamente esclusivi: non possono essere contemporaneamente presenti nel singolo piano di studi. Insegnamenti ECOFIN CFU da selezionare: ING-IND/35 Economia dei sistemi industriali ING-IND/35 Economia del cambiamento tecnologico SECS-P/01 Economia internazionale SECS-P/09 Finanza aziendale 10 Insegnamenti METOTEC CFU da selezionare: MAT/09 Business intelligence e data mining SECS-P/05 Econometria applicata MAT/09 Modelli per le decisioni SECS-S/01 Statistica applicata ING-INF/05 Tecnologie dell informazione per l impresa 10 Insegnamenti COMPL CFU da selezionare: IUS/10 Diritto dell impresa ING-IND/35 Global risk management ING-IND/35 High-Tech Entrepreneurship (**) ING-IND/17 Quality management ING-IND/35 Responsabilità sociale delle professioni e dell impresa SPS/08 Tecniche di comunicazione e soft skill 5 (**) Insegnamento erogato in lingua inglese presso la sede di Milano/Leonardo Insegnamenti FREE (***) CFU da selezionare: 10 Prova finale CFU: 15 (***) Per questo piano degli studi è necessario che lo studente verifichi di aver messo almeno 10 CFU di insegnamenti con un settore compreso fra i seguenti: ING-IND/09, ING-INF/05, IUS/05, IUS/10, MAT/05, MAT/09, SECS-P/01, SECS-P/02, SECS-P/05, SECS-P/09

17 Piano degli studi preventivamente approvato - GMN - Management (Gestione d impresa) L obiettivo di questo piano di studi è di formare un ingegnere Gestionale che conosca l impresa in tutti i suoi aspetti strategici, organizzativi e funzionali, che conosca i processi di business e domini le principali tecniche di gestione (pianificazione strategica, controllo di gestione, analisi organizzativa). Un futuro manager che sia in grado di comprendere il potenziale strategico e l impatto organizzativo delle tecnologie emergentì e di gestire i progetti e processi di innovazione volti alla crescita e allo sviluppo della competitività dell impresa. Questa figura professionale, per lo spettro ampio e integrato di competenze che la caratterizza, può essere impiegata a livello di starting job (come l esperienza insegna) in ambiti diversi, all interno sia di imprese sia di società di consulenza: nell analisi di business, nel controllo o nel project management; ma anche all interno delle funzioni marketing, organizzazione e pianificazione strategica. Competenze critiche e obiettivi formativi Conoscenza approfondita dell impresa, delle leve competitive e degli strumenti di interazione con il mercato Conoscenza dei sistemi di analisi organizzativa Conoscenza approfondita delle prestazioni aziendali Capacità di progettare un sistema di misura delle prestazioni Capacità di gestire progetti di cambiamento Comprensione del sistema economico e finanziario, delle principali problematiche giuridiche dell impresa, dei sistemi produttivi e logistici e del loro impatto sulle scelte e sulle prestazioni delle imprese Struttura del curriculum: Insegnamenti MGMT CFU da selezionare: ING-IND/35 Gestione dell innovazione e dei progetti ING-IND/35 Marketing industriale ING-IND/35 Marketing multicanale (*) ING-IND/35 Organizzazione e risorse umane B ING-IND/35 Sistemi di controllo di gestione A ING-IND/35 Strategia e sistemi di pianificazione 10 (*) I corsi Marketing industriale e Marketing multicanale sono mutuamente esclusivi: non possono essere contemporaneamente presenti nel singolo piano di studi. Insegnamenti ECO CFU da selezionare: ING-IND/35 Economia dei sistemi industriali ING-IND/35 Economia del cambiamento tecnologico SECS-P/01 Economia internazionale 10 Insegnamenti FIN CFU da selezionare: ING-IND/35 + SECS-P/09 Corporate e investment banking [C.I.] SECS-P/09 Finanza aziendale (management) ING-IND/35 Istituzioni e mercati finanziari 10 Insegnamenti INDENG CFU da selezionare: ING-IND/17 eoperations [C.I.] ING-IND/16 Gestione industriale della qualità ING-IND/17 Logistica ING-IND/17 Sicurezza e ambiente ING-IND/17 Tecnologie industriali 10 Insegnamenti METOTEC CFU da selezionare: SECS-/S01 Statistica applicata ING-INF/05 Tecnologie dell informazione per l impresa 10 Insegnamenti COMPL CFU da selezionare: IUS/10 Diritto dell impresa SPS/08 Tecniche di comunicazione e soft skill ING-IND/35 Teoria e organizzazione delle pubbliche amministrazioni 5 Insegnamenti FREE (***) CFU da selezionare: 10 Prova finale CFU: 15 (***) Per questo piano degli studi è necessario che lo studente verifichi di aver messo almeno 10 CFU di insegnamenti con un settore compreso fra i seguenti: ING-IND/09, ING-INF/05, IUS/05, IUS/10, MAT/05, MAT/09, SECS-P/01, SECS-P/02, SECS-P/05, SECS-P/09

18 Piano degli studi preventivamente approvato GMM Manufacturing & Management (Manufacturing e Management) L'obiettivo di questo piano di studi è quello di formare un ingegnere Gestionale con competenze ad ampio spettro, con solide conoscenze sia dei processi, delle funzioni e delle tecniche di gestione dell impresa nel suo complesso, sia delle problematiche e delle tecniche di gestione dei sistemi produttivi logistici. Ciò gli permetterà di comprendere le interconnessioni tra gli obiettivi / decisioni nelle diverse aree aziendali, di valutare e adottare le innovazioni tecnologiche e organizzative gestendone l impatto, al fine di mantenere la coerenza tra le decisioni strategiche a livello impresa, le scelte tecnologiche, produttive e logistiche e la gestione delle operations, in un ottica di innovazione / miglioramento continuo. Le competenze di management integrate con le competenze di progettazione e gestione dei sistemi produttivi consentono a questa figura professionale di operare all interno di società di consulenza direzionale, imprese industriali e imprese di servizio, sia nella gestione dei processi / funzioni aziendali per i quali sia richiesta una forte multidisciplinarità, sia nell ambito di progetti di riorganizzazione tecnologico gestionale. Competenze critiche e obiettivi formativi Capacità di modellizzazione di sistemi complessi Capacità di gestire progetti di cambiamento Capacità di analisi, diagnosi e miglioramento dei sistemi logistico-produttivi Conoscenza dell impresa, delle leve competitive e degli strumenti di interazione con il mercato Conoscenza dei processi produttivi e delle relative tecnologie Conoscenze di gestione delle operations e della supply chain anche in contesti internazionali Conoscenza dei metodi di analisi e miglioramento delle prestazioni dei sistemi logistico-produttivi Conoscenza dei costi e delle tecniche di controllo di gestione Conoscenze di marketing e di organizzazione del lavoro Comprensione del sistema economico e finanziario Struttura del curriculum: Insegnamenti INDENG CFU da selezionare: ING-IND/17 Gestione della manutenzione (asset lifecycle management) ING-IND/17 Logistica ING-IND/17 Modellazione dei sistemi produttivi e logistici [C.I.] ING-IND/16 Reconfigurable manufacturing systems ING-IND/17 Sistemi di produzione automatizzati ING-IND/17 Tecnologie industriali 10 Insegnamenti MGMT CFU da selezionare: ING-IND/35 ebusiness ING-IND/35 Gestione dell innovazione e dei progetti ING-IND/35 Marketing industriale ING-IND/35 Marketing multicanale (*) ING-IND/35 Organizzazione e risorse umane ING-IND/35 Sistemi di controllo di gestione B ING-IND/35 Strategia e sistemi di pianificazione 10 (*) I corsi Marketing industriale e Marketing multicanale sono mutuamente esclusivi: non possono essere contemporaneamente presenti nel singolo piano di studi. Insegnamenti INDENG/MGMT CFU da selezionare: ING-IND/35 Gestione degli acquisti ING-IND/17 Gestione delle operations ING-IND/17 + ING-IND/35 Supply chain management [C.I.] 10 Insegnamenti ECOFIN CFU da selezionare: ING-IND/35 Economia dei sistemi industriali SECS-P/01 Economia internazionale SECS-P/09 Finanza aziendale 10 Insegnamenti METOTEC CFU da selezionare: MAT/09 Business intelligence e data mining SECS-P/05 Econometria applicata MAT/09 Modelli per le decisioni SECS-S/01 Statistica applicata ING-INF/05 Tecnologie dell informazione per l impresa 10 Insegnamenti COMPL CFU da selezionare: IUS/10 Diritto dell impresa ING-IND/35 Global risk management ING-IND/35 Management delle imprese energetiche e delle fonti rinnovabili A ING-IND/17 Quality management ING-IND/35 Responsabilità sociale delle professioni e dell impresa SPS/08 Tecniche di comunicazione e soft skill 5 Insegnamenti FREE (***) CFU da selezionare: 10 Prova finale CFU: 15 (***) Per questo piano degli studi è necessario che lo studente verifichi di aver messo almeno 10 CFU di insegnamenti con un settore compreso fra i seguenti: ING-IND/09, ING-INF/05, IUS/05, IUS/10, MAT/05, MAT/09, SECS-P/01, SECS-P/02, SECS-P/05, SECS-P/09

19 Piano degli studi preventivamente approvato - GSC Supply Chain Management (Gestione della Supply Chain) L'obiettivo di questo piano di studi è quello di formare un ingegnere Gestionale in grado di affrontare le sfide gestionali delle filiere produttive globalizzate. In molti settori i processi di outsourcing e l apertura dei mercati hanno prodotto filiere frammentarie e globalizzate, il cui governo diviene sempre più complesso, basato su intensi scambi informativi in rete e su processi virtualizzati. Per formare figure professionali adatte a questi contesti, il piano di studi si concentra sulla gestione dei rapporti di filiera a monte e a valle dell impresa e dunque dei processi di approvvigionamento, marketing e distribuzione dei prodotti e dei servizi. Il piano sviluppa la conoscenza dei processi operativi delle imprese, delle opportunità pervasive delle ICT, della struttura e delle dinamiche dei mercati intermedi e della globalizzazione. Questa figura professionale è destinata a operare non solo in grandi multinazionali, ma anche nelle medie aziende che si affacciano ai mercati globali (sia come fornitura, sia come localizzazione degli impianti produttivi, sia come mercato di sbocco). Altri sbocchi professionali riguardano il settore della consulenza direzionale, sempre più a sostegno di progetti di riorganizzazione e miglioramento della Supply Chain e il settore degli operatori logistici che supportano le imprese nella gestione della Supply Chain. Competenze critiche e obiettivi formativi Capacità di modellizzazione di problemi complessi Capacità di analisi, diagnosi e miglioramento delle prestazioni di una Supply Chain Capacità di progettare e gestire Supply Chain complesse ed internazionali Conoscenza dei processi produttivi e delle relative tecnologie Conoscenze relative all organizzazione della logistica Conoscenze relative alla gestione delle operations Conoscenze di gestione di acquisti ed approvvigionamenti Conoscenza dei costi e delle tecniche di controllo di gestione Conoscenze di marketing e di organizzazione del lavoro Conoscenza delle applicazioni dell ICT nelle Supply Chain Struttura del curriculum: Insegnamenti INDENG/MGMT CFU da selezionare: ING-IND/17 eoperations [C.I.] ING-IND/35 Gestione degli acquisti ING-IND/35 Marketing multicanale ING-IND/17 + ING-IND/35 Supply chain management [C.I.] 10 Insegnamenti MGMT CFU da selezionare: ING-IND/35 ebusiness ING-IND/35 Gestione dell innovazione e dei progetti ING-IND/35 Organizzazione e risorse umane ING-IND/35 Sistemi di controllo di gestione B ING-IND/35 Strategia e sistemi di pianificazione 10 Insegnamenti INDENG CFU da selezionare: ING-IND/17 Gestione delle operations ING-IND/17 Logistica ING-IND/17 Modellazione dei sistemi produttivi e logistici [C.I.] ING-IND/17 Sicurezza e ambiente ING-IND/17 Tecnologie industriali 10 Insegnamenti ECOFIN CFU da selezionare: ING-IND/35 Economia dei sistemi industriali SECS-P/01 Economia internazionale SECS-P/09 Finanza aziendale 10 Insegnamenti METOTEC CFU da selezionare: MAT/09 Business intelligence e data mining SECS-P/05 Econometria applicata MAT/09 Modelli per le decisioni SECS-S/01 Statistica applicata ING-INF/05 Tecnologie dell informazione per l impresa 10 Insegnamenti COMPL CFU da selezionare: IUS/10 Diritto dell impresa ING-IND/35 Global risk management ING-IND/35 Management delle imprese energetiche e delle fonti rinnovabili A ING-IND/17 Quality management ING-IND/35 Responsabilità sociale delle professioni e dell impresa SPS/08 Tecniche di comunicazione e soft skill 5 Insegnamenti FREE (***) CFU da selezionare: 10 Prova finale CFU: 15 (***) Per questo piano degli studi è necessario che lo studente verifichi di aver messo almeno 10 CFU di insegnamenti con un settore compreso fra i seguenti: ING-IND/09, ING-INF/05, IUS/05, IUS/10, MAT/05, MAT/09, SECS-P/01, SECS-P/02, SECS-P/05, SECS-P/09

20 Piano degli studi preventivamente approvato - GFT- Technology & Factory Planning (Pianificazione delle tecnologie e dei sistemi di produzione) L'obiettivo di questo piano di studi è quello di formare un ingegnere Gestionale con le competenze per operare all'interno di imprese industriali, società di servizio e società di consulenza, occupandosi della pianificazione dei prodotti, delle tecnologie, e dei sistemi di produzione. Questa figura professionale gestisce il sistema prodotto durante il suo ciclo di vita cioè nelle fasi di marketing, industrializzazione, produzione, gestione qualità, manutenzione, dismissione. Conosce le tecnologie di produzione e ne cura l introduzione, la gestione e il miglioramento continuo. Progetta sistemi produttivi e gestisce la loro continua evoluzione garantendone la sostenibilità. Gestisce l integrazione tra le decisioni tecniche legate a prodotti/tecnologie/sistemi e gli aspetti economici e strategici con particolare riferimento alla manufacturing strategy e alla sua evoluzione al variare dei mercati e dei modelli di business. I ruoli professionali di riferimento sono da una parte quelli aziendali di: responsabile dell'ingegnerizzazione di prodotti e processi, responsabile della progettazione e ingegnerizzazione di sistemi produttivi e di servizio, responsabile degli impianti produttivi, responsabile della qualità, della manutenzione, responsabile R&S, dall'altra quelli di consulente per l'offerta di servizi di analisi, valutazione e soluzione di problemi di ingegneria industriale. Competenze critiche e obiettivi formativi Disporre del bagaglio completo di tecniche modellistiche avanzate per affrontare le tematiche professionali descritte Assumere un approccio ingegneristico che pone l accento sugli aspetti quantitativi integrandoli con quelli qualitativi Capacità di gestire l innovazione di prodotto/servizio, di processo e di sistema produttivo Conoscenza delle tecnologie necessarie alla realizzazione dei prodotti e capacità di scelta tra tecnologie alternative Capacità di modellazione e di progettazione dei processi e dei sistemi produttivi Capacità di gestire e migliorare la qualità di prodotti, processi, sistemi e servizi e di gestire la manutenzione dei sistemi produttivi Conoscenze di gestione degli acquisti; conoscenza di strumenti software applicati in realtà aziendali (PLM, PDM, CAPP,CAM) Capacità di valutare i costi e controllarli; conoscenza dei nuovi modelli di business Conoscenze di marketing, economia industriale, finanza aziendale Conoscenze legate alla brevettazione e al lancio di iniziative imprenditoriali Struttura del curriculum: Insegnamenti INDENG CFU da selezionare: ING-IND/16 Gestione industriale della qualità ING-IND/17 Gestione della manutenzione (asset lifecycle management) ING-IND/16 Industrializzazione rapida [C.I.] ING-IND/16 Miglioramento continuo delle tecnologie ING-IND/ Product lifecycle management ING-IND/16 Reconfigurable manufacturing systems ING-IND/17 Sistemi di produzione automatizzati ING-IND/17 Tecnologie industriali 10 Insegnamenti MGMT CFU da selezionare: ING-IND/35 Gestione degli acquisti ING-IND/35 Marketing industriale ING-IND/35 Marketing multicanale (*) ING-IND/35 Organizzazione e risorse umane ING-IND/35 Sistemi di controllo di gestione B ING-IND/35 Strategia e sistemi di pianificazione 10 (*) I corsi Marketing industriale e Marketing multicanale sono mutuamente esclusivi: non possono essere contemporaneamente presenti nel singolo piano di studi. Insegnamenti ECOFIN CFU da selezionare: ING-IND/35 Economia dei servizi e delle reti [C.I.] ING-IND/35 Economia dei sistemi industriali ING-IND/35 Economia del cambiamento tecnologico SECS-P/09 Finanza aziendale 10 Insegnamenti METOTEC CFU da selezionare: MAT/09 Business intelligence e data mining SECS-P/05 Econometria applicata SECS-S/01 Statistica applicata ING-INF/05 Tecnologie dell informazione per l impresa 10 Insegnamenti COMPL CFU da selezionare: ING-IND/35 Brevetti e proprietà industriale IUS/10 Diritto dell impresa ING-IND/35 High-Tech Entrepreneurship (**) ING-IND/17 Quality management ING-IND/35 Responsabilità sociale delle professioni e dell impresa SPS/08 Tecniche di comunicazione e soft skill 5 (**) Insegnamento erogato in lingua inglese presso la sede di Milano/Leonardo Insegnamenti FREE (***) CFU da selezionare: 10 Prova finale CFU: 15 (***) Per questo piano degli studi è necessario che lo studente verifichi di aver messo almeno 10 CFU di insegnamenti con un settore compreso fra i seguenti: ING-IND/09, ING-INF/05, IUS/05, IUS/10, MAT/05, MAT/09, SECS-P/01, SECS-P/02, SECS-P/05, SECS-P/09

I4M LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA

I4M LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA Ordine degli Studi a.a. 2015/201 I4M LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA 1. CARATTERISTICHE DEL CORSO CLASSE DI CORSO: LM-33 Ingegneria meccanica NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DM 270/2004 DIPARTIMENTO

Dettagli

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in. AMMINISTRAZIONE ECONOMIA E FINANZA (Classe LM-77, Scienze Economico Aziendali)

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in. AMMINISTRAZIONE ECONOMIA E FINANZA (Classe LM-77, Scienze Economico Aziendali) Regolamento Corso di Laurea Magistrale in AMMINISTRAZIONE ECONOMIA E FINANZA (Classe LM-77, Scienze Economico Aziendali) Art. 1 Attivazione La Facoltà di Economia attiva il Corso di Laurea Magistrale in

Dettagli

Criteri di accesso alla Laurea Magistrale

Criteri di accesso alla Laurea Magistrale Criteri di accesso alla Laurea Magistrale 1. Ammissione ad un corso di Laurea Magistrale 1.1 Per essere ammessi ad un corso di Laurea Magistrale (LM) attivato presso il Dipartimento di Ingegneria ai sensi

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica Classe di laurea magistrale n. LM-33 Ingegneria meccanica DM 270/2004,

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

Regolamento didattico Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56)

Regolamento didattico Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56) Regolamento didattico Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56) Obiettivi formativi Il Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico ha l obiettivo

Dettagli

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in Regolamento Corso di Laurea Magistrale in AMMINISTRAZIONE, ECONOMIA E FINANZA. (Classe LM-77, Scienze Economico Aziendali) Art. 1 Attivazione Il Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà MARKETING E COMUNICAZIONE 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56) a.a. 2015/16

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56) a.a. 2015/16 Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56) a.a. 2015/16 Obiettivi formativi Il Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di REGGIO EMILIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di REGGIO EMILIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di REGGIO EMILIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA GESTIONALE (CLASSE LM-31 INGEGNERIA GESTIONALE)

Dettagli

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE E INTERNAZIONALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI INTERNATIONAL STUDIES (Classe LM 52 Relazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E MANAGEMENT DELLE IMPRESE DI SERVIZI XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

I4G LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA GESTIONALE

I4G LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA GESTIONALE I4G LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA GESTIONALE 1. CARATTERISTICHE DEL CORSO CLASSE DI CORSO: LM-31 Ingegneria Gestionale NORMATIVA DI RIERIMENTO: DM 270/2004 DIPARTIMENTO DI RIERIMENTO: Ingegneria Industriale

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica

Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica Laurea di primo livello Classe L-31 Scienze e Tecnologie Informatiche (studenti immatricolati negli

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E COMMERCIO XXVIII Scienze economiche Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione dei contenuti e le modalità

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ANALISI, CONSULENZA E GESTIONE FINANZIARIA (INTERCLASSE LM-16 FINANZA

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO di LAUREA in Economia aziendale

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO di LAUREA in Economia aziendale REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO di LAUREA in Economia aziendale L -18 Scienze dell economia e della gestione aziendale COORTE 2015-2016 approvato dal Senato Accademico nella seduta del 27 ottobre 2015 1. DATI

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA AZIENDALE XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE Classe delle Lauree Magistrali in Servizio sociale e politiche sociali (LM-87) Sede didattica del Corso di Laurea Magistrale: Alessandria

Dettagli

I4L LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA ELETTRICA

I4L LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA ELETTRICA I4L LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA ELETTRICA 1. CARATTERISTICHE DEL CORSO CLASSE DI CORSO: LM-28 Ingegneria Elettrica NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DM 270/2004 DIPARTIMENTO DI RIFERIMENTO: Ingegneria Industriale

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in. Classe di laurea specialistica n. 91/S Statistica Economica, Finanziaria e Attuariale. Manifesto degli Studi

Corso di Laurea Specialistica in. Classe di laurea specialistica n. 91/S Statistica Economica, Finanziaria e Attuariale. Manifesto degli Studi UNIVERSITA DELLA CALABRIA Facoltà di Economia Corso di Laurea Specialistica in Statistica e Informatica per l Economia e la Finanza Classe di laurea specialistica n. 91/S Statistica Economica, Finanziaria

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INFERMIERISTICHE ED OSTETRICHE (CLASSE LM/SNT1 - SCIENZE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MATEMATICA (CLASSE LM-40 Matematica) Art. 1 Premesse

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MARKETING E ORGANIZZAZIONE D IMPRESA (CLASSE L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale) Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

MANIFESTO ANNUALE DEGLI STUDI. Corso di laurea magistrale in ECONOMIA E FINANZA

MANIFESTO ANNUALE DEGLI STUDI. Corso di laurea magistrale in ECONOMIA E FINANZA MANIFESTO ANNUALE DEGLI STUDI Corso di laurea magistrale in ECONOMIA E FINANZA Anno Accademico 2014/2015 1 ANNO 2 ANNO Economia e Finanza (Classe LM16 D.M. 270/2004) Attivato Attivato Il corso di laurea

Dettagli

Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO

Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO del Corso di Laurea in SCIENZE DELL ARCHITETTURA (Classe L - 17 ) Anno Accademico di istituzione: 2008-2009 Art. 1. Organizzazione del corso di

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA IN MEDICINA E CHIRURGIA (LM41)

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA IN MEDICINA E CHIRURGIA (LM41) Page 1 of 5 Facoltà: MEDICINA E CHIRURGIA Corso: 8415 - MEDICINA E CHIRURGIA (LM) Ordinamento: DM270 Titolo: MEDICINA E CHIRURGIA Testo: Scuola di Medicina e Chirurgia REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento disciplina,

Dettagli

LM Ingegneria Gestionale Orientamento Management SEDE DI MILANO

LM Ingegneria Gestionale Orientamento Management SEDE DI MILANO LM Ingegneria Gestionale Orientamento Management SEDE DI MILANO Gli obiettivi didattici Formare un ingegnere gestionale che: conosca l impresa, i processi e le funzioni domini le principali tecniche di

Dettagli

REGOLAMENTO DI CORSO DI LAUREA

REGOLAMENTO DI CORSO DI LAUREA REGOLAMENTO DI CORSO DI LAUREA Corsi di studio: Laurea in Ingegneria elettronica e telecomunicazioni Scuola di Ingegneria e Architettura - Sede di Bologna Classe: L8 Ingegneria dell'informazione Art. 1:

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO DIPARTIMENTO DI STUDI AZIENDALI E GIUSPRIVATISTICI CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E GESTIONE DELLE AZIENDE E DEI SERVIZI TURISTICI REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2014-2015

Dettagli

L'obbligo formativo aggiuntivo assegnato si intende superato con il superamento dell'esame di Matematica generale.

L'obbligo formativo aggiuntivo assegnato si intende superato con il superamento dell'esame di Matematica generale. SCUOLA DI ECONOMIA, MANAGEMENT E STATISTICA Regolamento di MANAGEMENT E MARKETING - Parte normativa- Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso Requisiti di accesso Per essere ammessi al corso di laurea è

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/2016

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/2016 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

TECNICHE DELLA PREVENZIONE NELL'AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO (AB. ALLA PROF. SANITARIA DI TECNICO DELLA PREV. NELL'AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO)

TECNICHE DELLA PREVENZIONE NELL'AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO (AB. ALLA PROF. SANITARIA DI TECNICO DELLA PREV. NELL'AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO) Page 1 of 5 Facoltà: Corso: Ordinamento: DM270 MEDICINA E CHIRURGIA 8487 - TECNICHE DELLA PREVENZIONE NELL'AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DELLA PREVENZIONE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE CLASSE DELLE LAUREE IN SERVIZIO SOCIALE L-39 Ai sensi del D.M. 270/2004 (Social Service) A.A. 2014/2015 TITOLO

Dettagli

Articolo 1 Definizioni e finalità

Articolo 1 Definizioni e finalità Università di Cassino Facoltà di Ingegneria Regolamento didattico dei corsi di laurea magistrale in LM-23 - Classe delle Lauree Magistrali in INGEGNERIA CIVILE Ingegneria Civile LM -27 Classe delle Lauree

Dettagli

FACOLTÀ DI ECONOMIA (SEDE DI PIACENZA) ART. 1

FACOLTÀ DI ECONOMIA (SEDE DI PIACENZA) ART. 1 SEZIONE UNDICESIMA FACOLTÀ DI ECONOMIA (SEDE DI PIACENZA) ART. 1 Alla Facoltà di Economia (sede di Piacenza) afferiscono i seguenti corsi di laurea triennali: a) corso di laurea in Economia aziendale b)

Dettagli

Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina

Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ECONOMICHE E FINANZIARIE

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 Premesse e finalità 1. Il Corso di laurea magistrale in Scienze Storiche afferisce alla Classe delle lauree magistrali LM-84 in Scienze

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Informatica per l Economia e per l Azienda (Business Informatics)

Corso di Laurea Magistrale in Informatica per l Economia e per l Azienda (Business Informatics) UNIVERSITÀ DI PISA Facoltà di Economia Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea Magistrale in Informatica per l Economia e per l Azienda (Business Informatics) (Classe LM-18: Informatica)

Dettagli

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Art. 1 Premessa e ambito di competenza Art. 2 Requisiti di ammissione. Modalità di verifica Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE DELL ECONOMIA LM 56

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE DELL ECONOMIA LM 56 REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE DELL ECONOMIA LM 56 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Economia

Dettagli

Scuola di Ingegneria e Architettura. Regolamento di INGEGNERIA BIOMEDICA

Scuola di Ingegneria e Architettura. Regolamento di INGEGNERIA BIOMEDICA Scuola di Ingegneria e Architettura Regolamento di INGEGNERIA BIOMEDICA Art. 1 Requisiti per l'accesso al Corso Per essere ammessi al Corso di Laurea in Ingegneria Biomedica è necessario il possesso di

Dettagli

8481 - IGIENE DENTALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI IGIENISTA DENTALE) (L)

8481 - IGIENE DENTALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI IGIENISTA DENTALE) (L) Page 1 of 5 Facoltà: Corso: Ordinamento: DM270 MEDICINA E CHIRURGIA 8481 - IGIENE DENTALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI IGIENISTA DENTALE) (L) Titolo: IGIENE DENTALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE

Dettagli

Facoltà di Ingegneria

Facoltà di Ingegneria Stralcio di Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in INGEGNERIA INFORMATICA LM 32 Ingegneria informatica (ex DM 270/04) (Ciclo di studio che inizia nell a.a. 2011 12) (Approvato dal Consiglio

Dettagli

Articolo 1 Definizioni e finalità. Articolo 2 Attività formative

Articolo 1 Definizioni e finalità. Articolo 2 Attività formative Università di Cassino Facoltà di Ingegneria Regolamento didattico dei corsi di laurea in L7 - Classe delle Lauree in INGEGNERIA CIVILE ED AMBIENTALE Ingegneria Civile ed Ambientale L8 - Classe delle Lauree

Dettagli

8477 - EDUCAZIONE PROFESSIONALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI EDUCATORE PROFESSIONALE) (L)

8477 - EDUCAZIONE PROFESSIONALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI EDUCATORE PROFESSIONALE) (L) Page 1 of 6 Facoltà: Corso: Ordinamento: DM270 MEDICINA E CHIRURGIA 8477 - EDUCAZIONE PROFESSIONALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI EDUCATORE PROFESSIONALE) (L) Titolo: EDUCAZIONE PROFESSIONALE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria Civile e Meccanica Regolamento didattico dei corsi di laurea magistrale in LM - 23 - Classe

Dettagli

UNIVERSITÀ DEL SALENTO FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE

UNIVERSITÀ DEL SALENTO FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE UNIVERSITÀ DEL SALENTO FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE Corso di Laurea Magistrale Interclasse FILOSOFIA E SCIENZE DELL EDUCAZIONE Bando di ammissione A.A. 2009/2010 Art. 1 Premessa E attivato presso

Dettagli

Open Day Lauree Magistrali. L offerta formativa del Dipartimento di Economia A.A. 2016-2017

Open Day Lauree Magistrali. L offerta formativa del Dipartimento di Economia A.A. 2016-2017 Open Day Lauree Magistrali L offerta formativa del Dipartimento di Economia A.A. 2016-2017 Varese, 6 maggio 2016 Il Dipartimento di Economia 2 Servizi agli studenti: Cosa si trova in Dipartimento? Biblioteca

Dettagli

UNIVERSITÀ DEL SALENTO FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corsi di Laurea Magistrale in Scienza della Politica Bando di ammissione A.A.

UNIVERSITÀ DEL SALENTO FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corsi di Laurea Magistrale in Scienza della Politica Bando di ammissione A.A. UNIVERSITÀ DEL SALENTO FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corsi di Laurea Magistrale in Scienza della Politica Bando di ammissione A.A.2009-2010 Art. 1 Premessa Sono attivati presso l Università del Salento,

Dettagli

Scuola di Lettere e Beni culturali

Scuola di Lettere e Beni culturali Scuola di Lettere e Beni culturali Titolo: SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE Testo: LAUREA IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE - CLASSE L- 20 REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA Art. 1 Requisiti

Dettagli

Università degli Studi di Padova Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali (DSEA) Ammissione ai Corsi di Laurea Magistrale a.a.

Università degli Studi di Padova Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali (DSEA) Ammissione ai Corsi di Laurea Magistrale a.a. Università degli Studi di Padova Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali (DSEA) Ammissione ai Corsi di Laurea Magistrale a.a. 2015-2016 Il Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali (DSEA) propone

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN Scienze per la formazione

Dettagli

Art. 4: è necessario specificare la percentuale di tempo da dedicare allo studio individuale.

Art. 4: è necessario specificare la percentuale di tempo da dedicare allo studio individuale. Allegato 2 Art. 4. Crediti formativi universitari Testo approvato Rilievi CUN Testo adeguato ai rilievi 1. Il credito formativo universitario (cfu) - di seguito denominato credito - è l unità di misura

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO 1. Il presente Regolamento specifica gli aspetti organizzativi del corso di laurea specialistica in Scienze del lavoro (classe delle

Dettagli

LM Ingegneria Gestionale Orientamento BUSINESS ECONOMICS

LM Ingegneria Gestionale Orientamento BUSINESS ECONOMICS LM Ingegneria Gestionale Orientamento BUSINESS ECONOMICS 2 Il progetto formativo e la figura professionale Globalizzazione e aumento della complessità del sistema economico (come l attuale crisi dimostra)

Dettagli

Facoltà: SCIENZE STATISTICHE Corso: 8053 - FINANZA, ASSICURAZIONI E IMPRESA (L) Ordinamento: DM270 Titolo: FINANZA, ASSICURAZIONI E IMPRESA Testo: SCUOLA DI ECONOMIA, MANAGEMENT E STATISTICA Regolamento

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Chimiche

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Chimiche Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Chimiche Articolo 1 - Denominazione del Corso e Classe di appartenenza È istituito presso l Università degli Studi della Basilicata il Corso

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE CLASSE DELLE LAUREE TRIENNALI IN INGEGNERIA DELL'INFORMAZIONE (CLASSE N. 9) Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza - Prerequisiti

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale Interclasse in e delle Telecomunicazioni Classi di Laurea LM-27 e LM-29 a.a.201-2014 TITOLO I Dati generali ARTICOLO

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento

Dettagli

Corso di laurea magistrale in Economia Internazionale MEI a.a. 2014-15

Corso di laurea magistrale in Economia Internazionale MEI a.a. 2014-15 Segreteria: didattica.economia@unipd.it DIPARTIMENTO DI Corso di laurea magistrale in Economia Internazionale MEI a.a. 014-15 Presidente Prof.ssa Donata Favaro Descrizione del corso di studio Piano degli

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOLOGIA (CLASSE LM-6 BIOLOGIA) Art. 1 Premesse e finalità

Dettagli

Accordo tra l Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Brescia e l Università degli Studi di Brescia

Accordo tra l Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Brescia e l Università degli Studi di Brescia Allegato al Verbale del Consiglio di Facoltà del 13 luglio 2011. Accordo tra l Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Brescia e l Università degli Studi di Brescia visto - l articolo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA (CLASSE L-31 - Scienze e tecnologie informatiche)

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI di MESSINA Dipartimento di Ingegneria Elettronica, Chimica e Ingegneria Industriale Contrada Di Dio, 98166 - Messina (ITALIA)

UNIVERSITA' DEGLI STUDI di MESSINA Dipartimento di Ingegneria Elettronica, Chimica e Ingegneria Industriale Contrada Di Dio, 98166 - Messina (ITALIA) UNIVERSITA' DEGLI STUDI di MESSINA Dipartimento di Ingegneria Elettronica, Chimica e Ingegneria Industriale Contrada Di Dio, 98166 - Messina (ITALIA) DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ELETTRONICA, CHIMICA E INGEGNERIA

Dettagli

Pos. AG Decreto n. 449 IL RETTORE

Pos. AG Decreto n. 449 IL RETTORE Pos. AG Decreto n. 449 IL RETTORE Vista la legge 9.5.89, n. 168; Vista la legge 19.11.90, n. 341; Vista la legge 15.5.97, n. 127; il D.P.R. 27.1.98, n. 25; il D.M. 3.11.99, n. 509 recante norme concernenti

Dettagli

POLITECNICO DI BARI PRIMA FACOLTÀ DI INGEGNERIA

POLITECNICO DI BARI PRIMA FACOLTÀ DI INGEGNERIA POLITECNICO DI BARI PRIMA FACOLTÀ DI INGEGNERIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE (FIRST LEVEL DEGREE IN INDUSTRIAL AND MANAGEMENT ENGINEERING) Denominazione e classe di

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA -

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA - Scuola di Lettere e Beni culturali LAUREA MAGISTRALE IN CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE CLASSE LM-65 REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA - Art. 1 Requisiti per l'accesso

Dettagli

Facoltà: ECONOMIA - SEDE DI RIMINI Corso: 8847 - ECONOMIA DEL TURISMO (L) Ordinamento: DM270 Titolo: ECONOMIA DEL TURISMO Testo: SCUOLA DI ECONOMIA, MANAGEMENT E STATISTICA Sede Di Rimini Corso di Laurea

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA E FINANZA INTERNAZIONALE

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA E FINANZA INTERNAZIONALE REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA E FINANZA INTERNAZIONALE 1. Il presente Regolamento specifica gli aspetti organizzativi del corso di laurea specialistica in Economia e finanza

Dettagli

Scuola di Lettere e Beni culturali

Scuola di Lettere e Beni culturali Scuola di Lettere e Beni culturali Titolo: DAMS - DISCIPLINE DELLE ARTI, DELLA MUSICA E DELLO SPETTACOLO Testo: LAUREA IN DAMS Discipline delle arti, della musica e dello spettacolo CLASSE L- 3 REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà ECONOMIA E LEGISLAZIONE D IMPRESA 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN Lettere moderne - Modern Literatures (Classe LM-14 Filologia moderna) Articolo 1 - Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di Reggio Emilia

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di Reggio Emilia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di Reggio Emilia REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE (CLASSE L-9 INGEGNERIA INDUSTRIALE e L-8

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE (CLASSE L-18 SCIENZE DELL ECONOMIA E DELLA GESTIONE AZIENDALE)

Dettagli

8841 - FASHION CULTURE AND MANAGEMENT / CULTURA E Corso: MANAGEMENT DELLA MODA (LM) Ordinamento: DM270

8841 - FASHION CULTURE AND MANAGEMENT / CULTURA E Corso: MANAGEMENT DELLA MODA (LM) Ordinamento: DM270 Pagina 1 di 6 Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA 8841 - FASHION CULTURE AND MANAGEMENT / CULTURA E Corso: MANAGEMENT DELLA MODA (LM) Ordinamento: DM270 Titolo: FASHION CULTURE AND MANAGEMENT / CULTURA E MANAGEMENT

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN ECONOMIA AZIENDALE E MANAGEMENT L - 18

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN ECONOMIA AZIENDALE E MANAGEMENT L - 18 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN ECONOMIA AZIENDALE E MANAGEMENT L - 18 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Laurea in Economia aziendale e management

Dettagli

Laurea in D.M. 270/04 SCUOLA DI INGEGNERIA EDILE ARCHITETTURA SCUOLA DI INGEGNERIA DEI SISTEMI SCUOLA DI ARCHITETTURA E SOCIETÀ LAUREA MAGISTRALE IN

Laurea in D.M. 270/04 SCUOLA DI INGEGNERIA EDILE ARCHITETTURA SCUOLA DI INGEGNERIA DEI SISTEMI SCUOLA DI ARCHITETTURA E SOCIETÀ LAUREA MAGISTRALE IN Laurea in D.M. 270/04 LAUREA MAGISTRALE IN (D.M. 270/04) I nuovi scenari La sfida ambientale Le potenzialità della tecnologia Le dinamiche dell innovazione 2 Queste sfide richiedono: Nuove abilità e aggregazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA LM 33

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA LM 33 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA LM 33 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Studi Magistrale in Ingegneria meccanica afferisce

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria Civile e Meccanica Regolamento didattico dei corsi di laurea in L7 - Classe delle Lauree

Dettagli

Facoltà di Giurisprudenza REGOLAMENTO

Facoltà di Giurisprudenza REGOLAMENTO REGOLAMENTO del Corso di Laurea magistrale a ciclo Unico in Giurisprudenza ( Classe LMG /01 ) Anno Accademico di istituzione: 2006/2007 Art. 1. Organizzazione del corso di studio 1. È istituito presso

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2007/2008 *8,'$'(//2678'(17( &256,',/$85($

ANNO ACCADEMICO 2007/2008 *8,'$'(//2678'(17( &256,',/$85($ 81,9(56,7$'(*/,678',',1$32/,)('(5,&2,, )$&2/7$',,1*(*1(5,$ ANNO ACCADEMICO 2007/2008 *8,'$'(//2678'(17( &256,',/$85($ (Ai sensi del D.M. n.509 del 3 novembre 1999, del D.M. del 4 agosto 2000, del Regolamento

Dettagli

FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE, NATURALI UNIVERSITÀ DEL SALENTO

FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE, NATURALI UNIVERSITÀ DEL SALENTO AVVISO di BANDO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE, NATURALI UNIVERSITÀ DEL SALENTO Corso di laurea magistrale ad accesso libero in: MATEMATICA (LM39, CLASSE LM-40) PROVE DI AMMISSIONE A.A. 2014/2015

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA (CLASSE L-35 Scienze Matematiche) Art. 1 Premesse

Dettagli

6 ore = 1 credito. 1 credito. 1 credito. 1 credito. Complementari Informatica A 5 IUS/14 Caratterizzanti Giuridico. 5 INF/01 Affiniintegrative

6 ore = 1 credito. 1 credito. 1 credito. 1 credito. Complementari Informatica A 5 IUS/14 Caratterizzanti Giuridico. 5 INF/01 Affiniintegrative UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Economia Varese MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2004/2005 Corso di laurea specialistica in Economia e Commercio Corso di laurea specialistica in Economia

Dettagli

MERCATI FINANZIARI, INTEGRAZIONE ECONOMICA INTERNAZIONALE Durata del corso di studi:

MERCATI FINANZIARI, INTEGRAZIONE ECONOMICA INTERNAZIONALE Durata del corso di studi: UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/15 LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E FINANZA INTERNAZIONALE (EFI) - Classe LM- 77 Immatricolati dall'a.a. 2011/2012 GENERALITA' Classe di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Psicologia Facoltà di Scienze matematiche fisiche e naturali LAUREA MAGISTRALE IN Teoria e tecnologia della comunicazione REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE COORTE 2014/2015

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE COORTE 2014/2015 DIPARTIMENTO DI MATEMATICA, INFORMATICA ED ECONOMIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE COORTE 2014/2015 TITOLO I Disposizioni Generali Art.1 Finalità del Regolamento e ambito

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA (CLASSE LMG/01 GIURISPRUDENZA) Art. 1 Premesse

Dettagli

verificare le competenze personali competenze richieste per l accesso

verificare le competenze personali competenze richieste per l accesso FACOLTA DI ECONOMIA PROCEDURA DI ACCESSO ALLE LAUREE MAGISTRALI (informazioni aggiornate con le deliberazioni assunte dal Consiglio di Facoltà dd. 15/07/2010) Per essere ammessi alle lauree magistrali

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN PUBBLICITA, EDITORIA E CREATIVITA D IMPRESA (Classe LM-19 Informazione e sistemi editoriali e Classe LM-59 Scienze della comunicazione

Dettagli

Dipartimento di Giurisprudenza Via Matteotti, 1-61029 Urbino (PU) Tel. +39 0722 303220-303222 Fax +39 0722 2955 http://digiur.uniurb.

Dipartimento di Giurisprudenza Via Matteotti, 1-61029 Urbino (PU) Tel. +39 0722 303220-303222 Fax +39 0722 2955 http://digiur.uniurb. ACCORDO tra L Ordine dei Consulenti del Lavoro della Provincia di Pesaro e Urbino e il dell Università degli Studi di Urbino Carlo Bo visto - la Legge 11 gennaio 1979, n. 12 recante Norme per l ordinamento

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011) Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013

Dettagli

ACCORDO TRA L ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI PESARO URBINO

ACCORDO TRA L ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI PESARO URBINO ACCORDO TRA L ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI PESARO URBINO E L UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO FACOLTÀ DI ECONOMIA L Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti

Dettagli

Corso di Laurea in Fisica

Corso di Laurea in Fisica OBIETTIVI FORMATIVI Università degli Studi di Parma Dipartimento di Fisica e Scienze della Terra M. Melloni Corso di Laurea in Fisica Laurea di I livello nella Classe L-30 Scienze e Tecnologie Fisiche

Dettagli