RESPONS.In.City - Methodology

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RESPONS.In.City - Methodology"

Transcript

1 RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare attivamente alle scelte della politica, specie quando queste riguardano aspetti legati all amministrazione del territorio, è una richiesta che sempre più spesso i cittadini rivolgono ai loro amministratori; pertanto la partecipazione rappresenta una delle questioni su cui la politica, in questi anni, si sta interrogando, producendo in alcune occasioni anche percorsi empirici volti alla sua realizzazione. In tali percorsi la partecipazione è stata assunta in qualità di obiettivo ultimo dell intervento; in altre parole gli interventi attuati ad oggi si sono occupati principalmente di offrire spazi di libera espressione ai cittadini, tralasciando tuttavia aspetti relativi al come rendere la popolazione parte integrante del processo innescato e, soprattutto, di come strutturare questi spazi di espressione al fine di poter ottenere un risultato realmente utile all amministrazione nell indirizzare le proprie scelte gestionali. Infatti il cittadino che partecipa si presenta in questi spazi di espressione portando le proprie richieste o una sua virtuale lista dei desideri che pone all attenzione della giunta; stesso discorso vale per comitati o comunque per gruppi di cittadini più o meno organizzati rispetto a una necessità comune. L amministrazione alla fine di tali percorsi si trova pertanto di fronte a una serie di proposte di intervento, spesso strutturate e talvolta già raccolte e valutate in occasioni precedenti su istanza di aggregazioni di cittadini, su cui non potrà far altro che esprimersi in termini favorevoli o contrari; cosa questa che mette in condizione l amministrazione di doverne bocciare, senza appello, alcune, creando potenzialmente scontento tra coloro che le hanno promosse investendo il loro tempo nel progetto di partecipazione. Inoltre, i percorsi di partecipazione che assumono come fine ultimo la partecipazione stessa, non sono in condizione di fornire agli amministratori alcun indicatore o strumento utile a valutare su quali delle proposte emerse eventualmente investire, anche in termini economici. A fronte delle criticità che i percorsi di partecipazione hanno mostrato di incontrare sia a livello internazionale che nazionale, l Università degli Studi di Padova ha messo a punto e sperimentato una Metodologia denominata

2 Respons.In.City ( The Methodology of a Responsible Citizenship Promotion ), la Metodologia di promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa, che va a riconfigurare il ruolo della partecipazione, partendo da presupposti di carattere scientifico che permettono di inquadrare la partecipazione non tanto come scopo finale di un progetto, ma come strategia atta al perseguimento di un obiettivo terzo rispetto ai cittadini e all amministrazione: promuovere la cittadinanza intesa come assunzione di responsabilità condivisa rispetto alla gestione della comunità di appartenenza. La partecipazione assume pertanto la connotazione di una delle occasioni strutturate per sperimentare e diffondere un ruolo nuovo per il cittadino, un ruolo che parte dall assunzione di responsabilità personale e condivisa nella gestione del territorio in cui da cittadino l individuo vive. In questo senso il percorso partecipativo porta non solo spazi di espressione per la cittadinanza, ma anche occasioni di formazione per i cittadini a una partecipazione sempre più capillare e operativa, oltre che propositiva, che possa essere di effettivo ausilio all amministratore nella gestione del territorio. 2 La metodologia Respons.In.City, che di seguito viene illustrata nei suoi presupposti teorico-metodologici e nelle linee strategiche di realizzazione, fissando un obiettivo generale misurabile è anche nella condizione di fornire degli indicatori all amministratore per guidarlo rispetto a quali delle proposte emerse realizzare; offrendogli un anticipazione di quanto una certa proposta piuttosto che un'altra sarà in grado, se realizzata, di promuovere il ruolo di cittadino attivo e responsabile; guidando in questo modo l amministratore rispetto a come investire le risorse che il territorio mette a disposizione. Presupposti teorico-metodologici Il presente progetto si fonda sui pilastri di carattere teorico e metodologico che verranno di seguito brevemente illustrati. PRESUPPOSTI TEORICO-METODOLOGICI: 1. Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa Alla base di questa nuova configurazione di cittadinanza, il ruolo di cittadino viene esercitato attraverso un azione responsabile delle persone nei confronti della Comunità (ovvero una azione che anticipi le conseguenze della stessa rispetto alla comunità) e rispetto alle quali la Comunità stessa deve investire attraverso l educazione, per favorirne la partecipazione attiva e democratica (ecco che la promozione della partecipazione assume il ruolo di una delle strategie da attuare e non il fine ultimo). L assunto di base è che il dialogo rappresenta lo strumento unico nella generazione

3 di quelle realtà che si strutturano in ambito sociale\culturale. La somma dei discorsi praticati in un certo momento T da coloro che vivono un certo territorio rispetto al ruolo del cittadino offre la configurazione che il territorio stesso pratica rispetto a tale ruolo. Una configurazione dialogica contempla poi specifiche e peculiari ricadute pragmatiche, ad esempio se la configurazione di cittadino come parte attiva nel mantenimento del decoro urbano, inteso come pulizia delle strade, fosse pregnante nei discorsi del territorio potremmo anticipare che la maggioranza degli abitanti starebbe ben attenta a non sporcare i marciapiedi con cartacce o altri rifiuti, oppure se agli anziani fosse attribuita la legittimità di operare per il bene della comunità e gli anziani stessi configurassero il loro ruolo da cittadino responsabile potremmo anticipare che la maggior parte degli anziani presterebbe la propria opera per le esigenze della comunità, li vedremmo quindi in strada ad accompagnare i bambini delle scuole o a partecipare ad altri servizi pubblici. 3 In questa cornice quando si parla di comunità non si fa riferimento all insieme degli individui che abitano il territorio, ma a tutti gli snodi dialogici presenti sul territorio, dove per SNODI DIALOGICI si intendono quegli spazi interattivi, più o meno strutturati a livello formale, dove si sviluppa il dialogo rispetto alla comunità. Rappresentano un esempio di snodi dialogici: le aggregazioni di cittadini che condividono luoghi di incontro e interesse (piazze, locali, negozi, quartieri, giardini pubblici, centri sportivi etc), le famiglie, le associazioni\organizzazioni del territorio (religiose, etniche, corporative etc), i luoghi di formazione (scuole, asili, agenzie di formazione etc), i ruoli e le strutture deputate alla gestione e al controllo del territorio (ruoli e uffici ammnistrativi, agenzie di controllo del territorio ecc ). In tale ottica si evince come la promozione di una definizione dialogica del ruolo di cittadino in linea con le esigenze del territorio possa essere assunta come obiettivo ultimo di un processo di intervento sulla comunità. PRESUPPOSTI TEORICO-METODOLOGICI: 2. La misurazione del Peso dialogico della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa Dato che si assume che il dialogo sia il punto di partenza per la definizione dello statuto epistemico dell oggetto di indagine la scienza che si propone in questa sede come riferimento adeguato a tale statuto, è la SCIENZA DIALOGICA, scienza che ha come campo di applicazione le configurazioni discorsive, ovvero l uso delle unità simboliche che compongono il linguaggio ordinario. La scienza dialogica si pone come scienza che formalizza l uso del linguaggio ordinario, così come la chimica è la scienza che formalizza l energia nell unità teorica atomo, cioè un puro processo nell alveo dei paradigmi interazionistici (Turchi, 2007; 2009; 2010; 2011; 2012). Ora, dato che la Metodologia Respons.In.City si colloca entro l alveo della Scienza Dialogica, la formalizzazione dell uso del linguaggio offre la possibilità di attestare il peso dialogico delle configurazioni discorsive, in cui il primo è inteso come la misura dell assetto di una comunità (leggi configurazione discorsiva) ad un tempo definito; questo si rileva attraverso le produzioni discorsive dei componenti della comunità oggetto della rilevazione stessa. In tal modo diviene possibile monitorare l andamento dell intervento (leggi sviluppo/evoluzione) della comunità, sia valutare

4 l efficacia trasformativa delle progettazioni che caratterizzano (o che possono caratterizzare) le politiche sociali che si intraprendono verso la comunità medesima. Tali misurazioni fondano le basi sull attribuzione del peso dialogico ai modi d uso di impiegare il linguaggio che, nell ambito della Scienza Dialogica, sono organizzati in una TAVOLA PERIODICA SEMI-RADIALE DEI REPERTORI DISCORSIVI, che offre tutte le combinazioni possibili della materia (leggi linguaggio); la disponibilità di indicatori discorsivi numerici consentono di pervenire alla misura del PESO DIALOGICO degli assetti di comunità come responsabilità condivisa secondo tre prospettive temporali tra loro differenti: post hoc (al termine di un intervento/ progetto), in anticipazione (prima della realizzazione di un intervento/ progetto per anticiparne il grado di generatività) oppure in itinere (nello sviluppo dei un intervento/ progetto per disporre di misure dell andamento). 4 Ne consegue, pertanto, che avvalendosi di indicatori di tipo dialogico è possibile: - VALUTARE L EFFICACIA DELL INTERVENTO quindi quanto dell obiettivo di un progetto si è stati in grado raggiungere in termini di assetto di comunità: in ogni momento T è possibile misurare il peso dialogico della comunità per rilevare in quale grado si sia modificata o meno la responsabilità condivisa. La misurazione mette nella condizione di valutare quanto le azioni di promozione della partecipazione del cittadino abbiano innescato o meno processi di assunzione della responsabilità nella gestione del bene comune, a fronte del ruolo che ciascun interagente ricopre nella comunità organizzata. - VALUTARE IL PESO DIALOGICO DELLE AZIONI/INTERVENTI TERRITORIALI ATTUABILI, al fine di poter valutare, prima di realizzarle, il maggiore o minore grado di efficacia rispetto al conseguimento dell obiettivo generale dell intervento: questo valore rappresenta il grado di patrimonio dialogico che una esigenza, laddove soddisfatta, o una proposta, laddove realizzata, può generare nella comunità, tale da assumere il portato di criterio nel processo decisionale di una amministrazione rispetto a quali azioni/interventi territoriali attuare e con quale ordine di priorità.

5 PRESUPPOSTI TEORICO-METODOLOGICI: 3. La costruzione dell Esigenza della comunità 5 Quando in nel presente documento si parla di RICHIESTE si intende quello che si esprime, che si vuole ottenere come singolo cittadino o gruppo di cittadini; ma che poi non necessariamente rappresenta quello che effettivamente a una comunità occorre. Si intenderà invece con ESIGENZE: ciò che a una comunità effettivamente serve, ma che non viene necessariamente riassunto nelle richieste che la comunità stessa esprime. Le esigenze vengono definite promuovendo il dialogo tra i cittadini. Quindi la partecipazione intesa in termini di spazio di raccolta delle richieste tralascia l individuazione delle esigenze della popolazione, in questo modo: - l amministratore si trova a dover considerare tutte le richieste\proposte senza avere a disposizione strumenti per valutare quanto queste vadano nella direzione delle esigenze effettive del territorio. - La cittadinanza, partendo dal contributo di richieste/ proposte viene messa nella condizione di assumere una posizione di aspettativa di riscontro da parte dell amministrazione. Quando la partecipazione è intesa in termini di costruzione dell esigenza, la cittadinanza viene coinvolta in un processo che partendo dalle richieste peculiari va nella direzione di delineare ciò che effettivamente serve alla comunità. In questo modo: - l amministratore ha a disposizione gli strumenti, le esigenze, per poter valutare quali azioni mettere in campo e in che tempi; svincolandosi dalla pressione delle molteplici richieste della cittadinanza. - il cittadino essendo coinvolto nel processo di gestione del territorio già a partire dal processo di costruzione e condivisione delle esigenze, viene collocato entro il processo stesso in termini di attore attivo, quindi in condizione di partecipare alla realizzazione del progetto invece di aspettare che a pensarci sia l amministrazione. - al cittadino vengono forniti strumenti per valutare la pertinenza delle azioni intraprese dall amministrazione per la gestione delle esigenze; tali strumenti mettono nella condizione il cittadino di avere visibile la portata per la comunità di qualsiasi azione messa in atto, non solo di quella eventualmente proposta attraverso una richiesta peculiare.

6 Obiettivo Generale L obiettivo generale di un progetto che adotta la metodologia Respons.In.City è quello di promuovere la cittadinanza intesa come assunzione di responsabilità condivisa rispetto alla gestione della comunità di appartenenza. Laddove conseguimento di questo obiettivo si traduce nella possibilità che ogni individuo possa prendere il suo posto nella società e contribuire al suo sviluppo a qualsiasi livello questo sia possibile. Il presente progetto parte, infatti, dalla considerazione che l anticipazione e la gestione degli aspetti che precludono od ostacolano la partecipazione dei cittadini, possa trovare fattivo riscontro in un piano operativo che, a livello sia organizzativo sia di intervento, si muova secondo criteri di efficacia e di efficienza per la promozione della cittadinanza nell ambito della gestione della vita comunitaria. L articolazione di un progetto che discende dalla centralità data alla costruzione del ruolo di cittadino piuttosto che alle peculiari richieste degli abitanti, consente di far fronte proprio a quegli aspetti critici che, attualmente, per le comunità sono fonte potenziale di frammentazione e marginalità. Si tratta di elementi che possono divenire, se non appunto gestiti efficacemente, fonte di rischi rispetto alla salute, alla sicurezza dei cittadini e in ultimo alla coesione della comunità. 6

7 Linee Strategiche Le linee strategiche utilizzate per il conseguimento dell obiettivo generale sopra illustrato saranno tre: 7 1] Promozione della partecipazione della cittadinanza nella COSTRUZIONE DELL ESIGENZA della comunità A questa prima strategia afferiscono tutte le azioni\interventi che si inseriscono nel processo che dalla rilevazione degli aspetti critici e dei punti di forza della gestione del territorio da parte dei cittadini porta alla costruzione dell esigenza della comunità. 2] Promozione della partecipazione della cittadinanza nella GESTIONE DELL ESIGENZA della comunità A questa linea strategica afferiscono tutte le azioni\interventi che si inseriscono nel processo di promozione dell attiva partecipazione della cittadinanza alla gestione delle esigenze individuate attraverso la prima linea strategica tratteggiata: a fronte della mappatura delle esigenze la promozione del dialogo con l amministrazione pone centralità alla costruzione e valutazione di proposte che in termini di pertinenza rispetto ai ruoli di cui si dota la comunità organizzata mette a disposizione gli elementi utili al processo decisionale che è proprio della Giunta. Nell alveo della gestione dell esigenza rientrano tutte le azioni/interventi che forniscono le competenze e la strumentazione atta a concorrere alla valutazione delle azioni intraprese dall Amministrazione in termini di rispondenza alle esigenze costruite. 3] Valutazione di processo e dell efficacia della promozione della cittadinanza come responsabilità condivisa. A tale linea strategica afferiscono tutte le azioni che compongono il processo di valutazione dell intervento in itinere e post hoc (costruzione di indicatori dialogici di processo e di risultato, somministrazione di protocolli utili alla rilevazione dei suddetti indicatori, misurazioni a fronte degli indicatori rilevati).

8 Fasi del Progetto 8 FASE I Mappatura e intercettazione dei cittadini\snodi dialogici strategici di promozione di responsabilità Promozione del Progetto INDIVIDUAZIONE DEI RUOLI ISTITUZIONALI E NON ISTITUZIONALI DA COINVOLGERE NEL PROGETTO. Con tali ruoli vengono fissati incontri ad hoc finalizzati alla condivisione del progetto e allo sviluppo di competenze in termini di cittadinanza come responsabilità condivisa. PROMOZIONE DEL PROGETTO PRESSO LA CITTADINANZA Promozione del progetto sul territorio, tramite incontri dedicati o strumenti informatici, al fine di raccogliere le prime adesioni ai lavori nella cittadinanza Anticipazione Esigenze Anticipazione delle possibili esigenze che potrebbero emergere, a tale scopo si utilizzano strumenti costruiti ad hoc, come protocolli di intervista per i cittadini e gli amministratori, unitamente a dati già disponibili, come ad esempio eventuali report raccolti da precedenti esperienze\progetti.

9 9 FASE II Coordinamento degli Spazi Aperti di Cittadinanza sul territorio e in rete (costruzione dell esigenza della comunità) Spazi Aperti di Cittadinanza Eventi locali o eventi in rete, rappresentano l occasione per mettere in campo azioni ad hoc finalizzate alla sviluppo di competenze di cittadinanza come responsabilità condivisa. Obiettivo: Costruzione delle esigenze della comunità. Tali eventi vengono coordinati da operatori formati, i quali hanno l obiettivo di promuovere il processo di strutturazione dell esigenza Gli Spazi Aperti di Cittadinanza si compongono di: - Sessioni Plenarie - Responsibility Group Tematici

10 10 FASE III Coordinamento della rete di cittadini\snodi dialogici strategici nella gestione delle esigenze Promozione del dialogo tra l esigenza costruita con i cittadini e la valutazione dei gestori\decisori (Sindaco, Giunta, Consiglio Comunale, Amministratori Pubblici etc) VALUTAZIONE DEL PESO DIALOGICO Valutazione, in anticipazione, dell impatto che le proposte per la gestione dell esigenze emerse dall incontro con la cittadinanza avranno per la promozione della cittadinanza come responsabilità condivisa (Peso Dialogico). Ciò offre agli Ruoli Strategici Decisionali gli strumenti utili alla valutazione di quali interventi promuovere e realizzare in funzione dell obiettivo fissato. INFORMAZIONE DELLA POPOLAZIONE Attraverso specifiche azioni di pubblicizzazione si informa la cittadinanza rispetto al processo decisionale adottato dai Ruoli Amministrativi

11 11 FASE IV Coordinamento degli Spazi Aperti di Cittadinanza sul territorio e in rete (valutazione corrispondenza esigenza e sviluppi) Spazi Aperti di Cittadinanza Eventi locali o eventi in rete, rappresentano l occasione per mettere in campo azioni ad hoc finalizzate alla sviluppo di competenze di cittadinanza come responsabilità condivisa. Obiettivo: Innescare un processo di valutazione competente della rispondenza tra quanto deliberato dagli snodi strategici gestionali e l esigenza della comunità. Tali eventi vengono coordinati da operatori formati, i quali hanno l obiettivo di promuovere il processo di partecipazione della cittadinanza ai processi di valutazione della corrispondenza all esigenza espressa. Gli Spazi Aperti di Cittadinanza si compongono di: - Sessioni Plenarie - Responsibility Group Tematici

12 12 FASI di VALUTAZIONE Valutazione del Processo Attraverso la valutazione del processo si monitora lo svolgimento dell intervento, misurando l aderenza di quanto messo in campo in termini operativi rispetto all obiettivo generale. Tale valutazione viene svolta in itinere, parallelamente alle altre fasi del progetto Tale procedura di valutazione mette in luce eventuali aspetti critici o errori commessi nella gestione del processo, permettendo di mettere in atto strategie per la loro gestione. Esempi di indicatori di processo sono: n dei partecipanti\categorie n dei partecipanti\modalità di partecipazione n esigenze mappate\tempo n progetti vagliati dalla giunta comunale\esigenze mappate n progetti la cui realizzazione è stata decisa dalla giunta\esigenze mappate % di rispondenza del totale dei progetti realizzati all esigenza.

13 13 Valutazione dell Efficacia Processo Attraverso la valutazione dell efficacia si monitora lo scarto tra la configurazione di cittadinanza raccolta prima dell intervento (T0) con quella raccolta dopo che il progetto si è concluso (T1). Tale valutazione viene svolta post hoc, quindi alla conclusione del processo di promozione della cittadinanza come responsabilità condivisa. Tale valutazione viene effettuata attraverso specifici indicatori di tipo testuale\dialogico.

14 Gli scenari futuri: le ricadute sul Territorio Tale progetto promuovendo la configurazione della cittadinanza intesa come responsabilità condivisa, si pone come risultato anticipabile un incremento delle competenze della comunità (intesa come cittadinanza e snodi amministrativo-gestionali) rispetto alla rilevazione e gestione delle esigenze, oltre che nella valutazione della corrispondenza tra esigenza e azione intrapresa per la gestione dell esigenza stessa. Tale patrimonio rimane in dotazione alla comunità anche una volta concluso l intervento di promozione, come patrimonio declinabile in assunzione di responsabilità da parte del cittadino e degli snodi amministrativo-gestionali nel concorrere a gestire gli aspetti della vita quotidiana che caratterizzano la comunità. 14 In tale ottica si possono anticipare, tra le altre, le seguenti ricadute: - incremento della soddisfazione espressa dalla cittadinanza rispetto al lavoro degli snodi amministrativo-gestionali della propria comunità, provvedendo in prima persona a concorrere a rilevare aspetti critici e a promuoverne azioni/ interventi di gestione; - incremento nell utilizzo di modalità pertinenti ed efficaci da parte dei cittadini nell uso delle risorse messe a disposizione dalle istituzioni e dal sistema dei servizi territoriale, dato dal dialogo generato tra amministrazione, istituzioni e cittadinanza; - abbattimento dei costi legati alla gestione delle esigenze della cittadinanza (es: l avere a disposizione una prassi di rilevazione\anticipazione delle esigenze permette di ridurre l incidenza degli esposti e delle attivazioni delle forze dell ordine che i cittadini spesso utilizzano al fine di rendere visibile la necessità di intervenire rispetto a una certa situazione, o per fare pressione sull amministrazione affinché intervenga a fronte di una determinata richiesta; movimenti questi che hanno un prezzo sia per il privato cittadino che per la collettività); - incremento della percezione di sicurezza sul territorio, in termini di un aumento di retoriche legate alla possibilità del cittadino di poter intervenire attivamente rispetto alla gestione degli aspetti critici presenti sul territorio (anche questo comporterebbe un abbattimento dei costi, nel senso nella diminuzione delle attivazioni delle forze dell ordine, diminuzione di esposti e ricorsi etc); - incremento di modalità atte a promuovere la salute del territorio, nei termini di un aumento dei discorsi legati alla possibilità di intervento del cittadino rispetto alla promozione della salute del territorio (es: la gestione delle esigenze legate all ambito ambientale traffico, raccolta differenziata, etc porterebbe alla promozione del discorso salute del territorio, quindi all abbattimento degli esposti da parte della cittadinanza rispetto a tale tema; o ancora, il concorso attivo e diretto alla gestione degli aspetti di vita quotidiana da parte di categorie considerate a rischio, come anziani e disabili o migranti, che nel ruolo di cittadino dispongono dell occasione di agire un ruolo legittimato in termini di utilità per il conseguimento del bene comune); - incremento della coesione sociale della comunità, in virtù del fatto che l azione/ intervento pone centralità al ruolo di cittadino in quanto tale e all azione che questi pone in essere rispetto alla propria comunità generando in tal modo processi di legittimazione/ riconoscimento diffusi (anziché dare centralità alle provenienze o alle categorie di appartenenza - minori, giovani, adulti, anziani ecc...).

PROGETTO PER IL COMUNE DI CASCINA

PROGETTO PER IL COMUNE DI CASCINA 1 PROGETTO PER IL COMUNE DI CASCINA LA GESTIONE DEL PERCORSO DEL BILANCIO PARTECIPATIVO 2013 AVVISO DI GARA RIF. CIG:ZC90890F4E INTRODUZIONE: gestire la transizione dal processo partecipativo 2012 al processo

Dettagli

SINERGO Società Cooperativa Sociale onlus Viale Alfieri n. 10, 46100 Mantova C.F. P.iva 02114040203 Tel/Fax 0376/367555 Cell.

SINERGO Società Cooperativa Sociale onlus Viale Alfieri n. 10, 46100 Mantova C.F. P.iva 02114040203 Tel/Fax 0376/367555 Cell. Spett.le Dott. Beccari Direttore di IAL Lombardia Alla cortese attenzione Del Direttore dott. Beccari Oggetto: Quanto si propone è diretta emanazione del progetto Alla faccia del disagio!, esso ha generato

Dettagli

PROPOSTA PROGETTUALE SERVIZI EDUCATIVI EXTRASCOLASTICI anno scolastico 2009/2010. Comune di Curtatone

PROPOSTA PROGETTUALE SERVIZI EDUCATIVI EXTRASCOLASTICI anno scolastico 2009/2010. Comune di Curtatone PROPOSTA PROGETTUALE SERVIZI EDUCATIVI EXTRASCOLASTICI anno scolastico 2009/2010 Comune di Curtatone 1 AMBITO DI INTERVENTO: Promozione della salute a scuola e in famiglia PREMESSA Partendo dal presupposto

Dettagli

SINERGO Società Cooperativa Sociale onlus Viale Alfieri n. 10, 46100 Mantova C.F. P.iva 02114040203 Tel/Fax 0376/367555 Cell.

SINERGO Società Cooperativa Sociale onlus Viale Alfieri n. 10, 46100 Mantova C.F. P.iva 02114040203 Tel/Fax 0376/367555 Cell. Proposta per la gestione dell informagiovani Premessa Contesto della proposta: tale proposta nasce dalla valutazione dell esigenza della realtà locale di Quistello, di dare nuova veste al Servizio Informagiovani

Dettagli

SINERGO Società Cooperativa Sociale onlus Viale Alfieri n. 10, 46100 Mantova C.F. P.iva 02114040203 Tel/Fax 0376/367555 Cell.

SINERGO Società Cooperativa Sociale onlus Viale Alfieri n. 10, 46100 Mantova C.F. P.iva 02114040203 Tel/Fax 0376/367555 Cell. 1 AFFIDO L affido familiare è inteso come intervento assistenziale temporaneo che prevede siano mantenuti i rapporti tra il minore e la sua familia in vista del suo rientro, in quanto il principio ispiratore

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

Sistema di Prevenzione della Corruzione - Attività di Auditing

Sistema di Prevenzione della Corruzione - Attività di Auditing Procedura Audit PROTOCOLLI OPERATIVI. Piano Audit anno 2015 Allegato_C )al PTPC 2015-2017 INDICE: 1. Premesse 2. Campo di applicazione; 3. Obiettivi dell attività di auditing 4. Ruoli e responsabilità

Dettagli

Legge 633 del 1941 e ss.mm.ii.

Legge 633 del 1941 e ss.mm.ii. Il Piano di Miglioramento (PdM) Il presente documento è protetto ai sensi della vigente normativa sul diritto d'autore Legge 633 del 1941 e ss.mm.ii. 1 Indice Introduzione SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi

Dettagli

PROGETTO TAVOLO GIOVANI

PROGETTO TAVOLO GIOVANI PROGETTO TAVOLO GIOVANI Costituzione di un Tavolo di coordinamento con le associazioni di giovani di Cinisello Balsamo e le organizzazioni sociali che compongono il mondo delle realtà giovanili locali

Dettagli

Sviluppo di reti attive tra i Servizi per l assistenza agli anziani a domicilio

Sviluppo di reti attive tra i Servizi per l assistenza agli anziani a domicilio SEMINARIO Sviluppo di reti attive tra i Servizi per l assistenza agli anziani a domicilio Novara, 29 gennaio e 26 febbraio 2015 Sviluppo di reti attive tra i Servizi per l assistenza agli anziani a domicilio

Dettagli

La costituzione degli Organismi della Partecipazione della SdS di Firenze

La costituzione degli Organismi della Partecipazione della SdS di Firenze SOCIETA DELLA SALUTE DI FIRENZE La costituzione degli Organismi della Partecipazione della SdS di Firenze Gruppo di lavoro: Andrea Aleardi Assessorato alla Partecipazione Comune di Firenze Roberto Bocchieri

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo 1. 1 Contesto normativo L evoluzione normativa, avvenuta negli ultimi trentanni a livello nazionale in materia sanitaria e sociale e a livello regionale (dalle Leggi Regionali n. 78/1979, n. 13/ 1980,

Dettagli

Orari (PCO) degli. Città di Avigliana

Orari (PCO) degli. Città di Avigliana Il Piano di Coordinamento degli Orari (PCO) Città di Avigliana Il Piano Coordinamento degli di Orari (PCO) * Introduzione * Il percorso per l elaborazione del PCO * Le fasi di lavoro * I temi e le azioni

Dettagli

Carta del Distretto culturale evoluto della Provincia di Cremona - Cre.Ar.T.E.

Carta del Distretto culturale evoluto della Provincia di Cremona - Cre.Ar.T.E. Carta del Distretto culturale evoluto della Provincia di Cremona - Cre.Ar.T.E. Art. 1. Il Distretto culturale evoluto della Provincia di Cremona: natura e scopi Il Distretto culturale costituisce un sistema

Dettagli

PROGETTO REWIND. Padova, 4 ottobre 2013. Rewind

PROGETTO REWIND. Padova, 4 ottobre 2013. Rewind PROGETTO REWIND Padova, 4 ottobre 03 UNA COMUNITA DI PRATICHE (SINDACALE E NON) AL SERVIZIO DEL CICLO DI VITA DI UN ATTIVITA FORMATIVA (DALL ANALISI DEL FABBISOGNO ALLA PROGETTAZIONE, DALLA CONDIVISIONE

Dettagli

LIFE09ENVIT000188-EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER

LIFE09ENVIT000188-EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER -EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER Linee Guida Modello di gestione ambientale ECO-CLUSTER: requisiti del Comitato di gestione Comune di Collagna Responsabile dell azione

Dettagli

Visite in comune. Comune di Olgiate Molgora. Progetto

Visite in comune. Comune di Olgiate Molgora. Progetto Comune di Olgiate Molgora Progetto Visite in comune Laboratori di consultazione e di progettazione rivolti a bambini e ragazzi per la realizzazione di percorsi di visita ai luoghi istituzionali della città

Dettagli

Quartiere San Donato

Quartiere San Donato Quartiere San Donato Oggetto: CONCLUSIONE DEL PROGETTO BOXTUTTI PERCORSI PARTECIPATI SULLA FRUIZIONE CONDIVISA DEGLI SPAZI URBANI NEL QUARTIERE SAN DONATO AREA RICOMPRESA TRA VIA PEZZANA E VIA ZAGO IL

Dettagli

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI PREMESSA Il Protocollo di accoglienza per gli alunni stranieri è da intendersi quale parte integrante dell assetto regolamentare dell ENAIP Trentino.

Dettagli

3. PROGRAMMA DI SOSTEGNO. 3.1 Dati Generali RETI VOLONTARIE CONSAPEVOLI. Ambito territoriale (comune/i, provincia/e, regione/i) Durata del programma

3. PROGRAMMA DI SOSTEGNO. 3.1 Dati Generali RETI VOLONTARIE CONSAPEVOLI. Ambito territoriale (comune/i, provincia/e, regione/i) Durata del programma 3. PROGRAMMA DI SOSTEGNO 3.1 Dati Generali Titolo Ambito territoriale (comune/i, provincia/e, regione/i) Durata del programma RETI VOLONTARIE CONSAPEVOLI Le 6 regioni meridionali (Sicilia,Calabria, Basilicata,

Dettagli

Esiti del laboratorio Lavoro di comunità

Esiti del laboratorio Lavoro di comunità Attuazione del Programma regionale per la promozione e tutela dei diritti, la protezione e lo sviluppo dei soggetti in età evolutiva e il sostegno alla genitorialità ai sensi della Legge regionale n. 14/08

Dettagli

1. Introduzione e struttura della ricerca

1. Introduzione e struttura della ricerca 1. Introduzione e struttura della ricerca 1. Introduzione e struttura della ricerca ABSTRACT Il capitolo introduttivo fornisce l inquadramento generale della ricerca e ne definisce gli obiettivi primari

Dettagli

SCHEDA PROGETTO. Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. L. 383/2000. Direttiva 383/2011

SCHEDA PROGETTO. Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. L. 383/2000. Direttiva 383/2011 SCHEDA PROGETTO La linea di finanziamento Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. L. 383/2000. Direttiva 383/2011 Titolo del progetto PRESENTE/I PER IL FUTURO Il protagonismo dei giovani

Dettagli

CAF per il nostro restyling

CAF per il nostro restyling ISTITUTO AUTONOMO COMPRENSIVO STATALE MADRE TERESA DI CALCUTTA Via Antonio Iannotta, Medaglia d oro V. M. - Pignataro Maggiore (Caserta) Tel. e fax. 0823 871059 ceic82400g@istruzione.it www.iacpignataromaggiore.it

Dettagli

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR)

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) UNA CULTURA, UNA TRADIZIONE, UN SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE: IL CASO DI CASTELLI (TE) Indicazioni progettuali per un analisi territoriale, per un progetto di

Dettagli

PATTO DI WELFARE TERRITORIALE LOCALE -- ASL DI LECCO (Guido Agostoni - Legnano 19 aprile 2013)

PATTO DI WELFARE TERRITORIALE LOCALE -- ASL DI LECCO (Guido Agostoni - Legnano 19 aprile 2013) PATTO DI WELFARE TERRITORIALE LOCALE -- ASL DI LECCO (Guido Agostoni - Legnano 19 aprile 2013) Dopo gli interventi di questa mattina e gli altri del pomeriggio, alcuni veramente di alto livello, devo premettere

Dettagli

La governance della politica regionale unitaria Innovazioni e lavori in corso per il 2007-2013

La governance della politica regionale unitaria Innovazioni e lavori in corso per il 2007-2013 La governance della politica regionale unitaria Innovazioni e lavori in corso per il 2007-2013 1. Governance e politiche di coesione Nelle politiche di coesione 2007 2013 hanno un forte rilievo le azioni

Dettagli

AUTORITÀ DI BACINO FIUME PO

AUTORITÀ DI BACINO FIUME PO AUTORITÀ DI BACINO FIUME PO RELAZIONE SUL FUNZIONAMENTO COMPLESSIVO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE, TRASPARENZA ED INTEGRITÀ DEI CONTROLLI INTERNI E SULL ATTESTAZIONE DEGLI OBBLIGHI RELATIVI ALLA TRASPARENZA

Dettagli

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI di Confindustria 19 giugno 2014 1 Il presente Codice, approvato dalla Assemblea straordinaria di Confindustria del 19 giugno 2014, è parte integrante dello Statuto

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Career Counseling è autorizzata come Agenzia del Lavoro per le attività di supporto alla ricollocazione ai sensi del D. L.vo N 276/2003.

Career Counseling è autorizzata come Agenzia del Lavoro per le attività di supporto alla ricollocazione ai sensi del D. L.vo N 276/2003. La presente carta dei servizi ha lo scopo di illustrare il funzionamento e le modalità di accesso ai servizi erogati da CAREER COUNSELING a tutti i potenziali fruitori. Career Counseling è autorizzata

Dettagli

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 DEFINIZIONE DI BUDGET Il Budget è lo strumento per attuare la pianificazione operativa che l Istituto intende intraprendere nell anno di esercizio

Dettagli

RIPARTIRE DALLA SOSTENIBILITA - per una nuova generazione dei Piani Territoriali di Coordinamento delle Province

RIPARTIRE DALLA SOSTENIBILITA - per una nuova generazione dei Piani Territoriali di Coordinamento delle Province Le tecniche operative solitamente applicate in questa fase sono l intervista diretta a testimoni privilegiati (telefonica e/o verbale), e la ricerca con l ausilio di internet. I testimoni privilegiati

Dettagli

INTERVENTI A FAVORE DELL ASSOCIAZIONISMO PER L ANNO 2007

INTERVENTI A FAVORE DELL ASSOCIAZIONISMO PER L ANNO 2007 PROVINCIA DI BOLOGNA ASSESSORATO SANITA SERVIZI SOCIALI, ASSOCIAZIONISMO, VOLONTARIATO INTERVENTI A FAVORE DELL ASSOCIAZIONISMO PER L ANNO 2007 PREMESSA UFFICIO TERZO SETTORE Tel. 051/6598609-051/6598276-

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO

STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO Avviso 26 del 4 marzo 2015 Piani formativi aziendali concordati Standard - Fondo di Rotazione SCHEDA DI PRE ADESIONE entro il 13 maggio 2015 STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO PREMESSA Venerdì 30 Gennaio

Dettagli

LINNE GUIDA PROGETTO Aci Bonaccorsi Sei Tu Il Bilancio Partecipato Del Comune di Aci Bonaccorsi

LINNE GUIDA PROGETTO Aci Bonaccorsi Sei Tu Il Bilancio Partecipato Del Comune di Aci Bonaccorsi LINNE GUIDA PROGETTO Aci Bonaccorsi Sei Tu Il Bilancio Partecipato Del Comune di Aci Bonaccorsi PREMESSA DALL INFORMAZIONE ALLA PARTECIPAZIONE: UN PERCORSO PER LA DEMOCRAZIA AD ACI BONACCORSI Il Comune

Dettagli

PROCESSO DI TRASFORMAZIONE DELL AREA BOVISA-GASOMETRI. Con la presente si comunica, nell intento che ne diveniate parte attiva, l avvio di un

PROCESSO DI TRASFORMAZIONE DELL AREA BOVISA-GASOMETRI. Con la presente si comunica, nell intento che ne diveniate parte attiva, l avvio di un Milano, 23 ottobre 2014 Avvio di un percorso di ascolto attivo e di partecipazione della cittadinanza PROCESSO DI TRASFORMAZIONE DELL AREA BOVISA-GASOMETRI Gentili, Con la presente si comunica, nell intento

Dettagli

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro Materiale propedeutico al seminario territoriale Il contesto OBIETTIVO REGIONE LOMBARDIA Costruire un Welfare in grado di porre al centro

Dettagli

Progetto Equal COMUNET IT-S2-MDL-374. ABSTRACT del documento. e-learning: teorie e metodologie. Lo stato dell arte

Progetto Equal COMUNET IT-S2-MDL-374. ABSTRACT del documento. e-learning: teorie e metodologie. Lo stato dell arte Progetto Equal COMUNET IT-S2-MDL-374 ABSTRACT del documento e-learning: teorie e metodologie. Lo stato dell arte 1 Gruppo di lavoro Supervisione scientifica: Maria Pia Cavalieri Coordinamento Marco Guspini

Dettagli

Relazione tenuta al Convegno: Realta e prospettive degli Istituti Comprensivi

Relazione tenuta al Convegno: Realta e prospettive degli Istituti Comprensivi Relazione tenuta al Convegno: Piccole grandi scuole. Opportunita o svantaggio? Realta e prospettive degli Istituti Comprensivi >> Comunicare e progettare in rete

Dettagli

Rapporto sulla implementazione della Carta

Rapporto sulla implementazione della Carta Rapporto sulla implementazione della Carta Il Rapporto sul grado di implementazione degli impegni assunti con la sottoscrizione della Carta per le Pari Opportunità e l Uguaglianza sul lavoro è un rendiconto

Dettagli

IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA

IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA PROGETTO IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA Anno 2010 1 Progetto In-Contro Nuovi spazi di comunicazione. Percorsi di partecipazione giovanile

Dettagli

RISK MANAGEMENT: Gestione integrata dei sistemi nell esperienza di Aler Brescia

RISK MANAGEMENT: Gestione integrata dei sistemi nell esperienza di Aler Brescia RISK MANAGEMENT: Gestione integrata dei sistemi nell esperienza di Aler Brescia Si definisce Risk Management - o gestione del rischio - il complesso di attività mediante le quali si misura o si stima il

Dettagli

ASCOLTO ATTIVO E GOVERNANCE NEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DI STEZZANO

ASCOLTO ATTIVO E GOVERNANCE NEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DI STEZZANO ASCOLTO ATTIVO E GOVERNANCE NEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DI STEZZANO FASI AZIONI PER L AVVIO DEL PROCESSO Maggio 2007 Con il contributo dell Agenda21 Isola bergamasca Dalmine Zingonia Le fasi del

Dettagli

LINEE DI ORIENTAMENTO PER L ADESIONE AL PIANO ISS E AVVIO DELLA FASE SPERIMENTALE. ANNO SCOLASTICO 2006-2007

LINEE DI ORIENTAMENTO PER L ADESIONE AL PIANO ISS E AVVIO DELLA FASE SPERIMENTALE. ANNO SCOLASTICO 2006-2007 LINEE DI ORIENTAMENTO PER L ADESIONE AL PIANO ISS E AVVIO DELLA FASE SPERIMENTALE. ANNO SCOLASTICO 2006-2007 1.PREMESSA 1.1 L ambiente di formazione per i docenti a sostegno degli apprendimenti di base

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il Marketing territoriale Il territorio, sia esso una città, un area urbana, un area turistica

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE Visto: - la L. 10 aprile 1991, n. 125 Azioni positive per

Dettagli

Pagine di soluzioni. Catalizzare l innovazione con il Coaching Creativo Massimo Del Monte

Pagine di soluzioni. Catalizzare l innovazione con il Coaching Creativo Massimo Del Monte Pagine di soluzioni Catalizzare l innovazione con il Coaching Creativo Massimo Del Monte 1 1. Introduzione Negli ultimi anni si è molto parlato della crisi economica che si è abbattuta sul mondo aziendale,

Dettagli

Idea progetto La rete della Sicurezza come fattore di ben-essere

Idea progetto La rete della Sicurezza come fattore di ben-essere INAIL SARDEGNA Associazione Industriali Province della Sardegna Meridionale Cagliari, Carbonia Iglesias e Medio Campidano CONFINDUSTRIA CGIL Camera del Lavoro Metropolitana Cagliari Cagliari Cagliari Progetto

Dettagli

E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani

E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani NOVEMBRE 2010 S ommario Premessa pag. 4 Un impegno che ha una storia pag. 6 La proposta 2010/2011 pag. 8 Concittadini pag. 10 Fasi

Dettagli

"GIOVANE CITTADINANZA: dalla prevenzione verticale alla peer education"

GIOVANE CITTADINANZA: dalla prevenzione verticale alla peer education "GIOVANE CITTADINANZA: dalla prevenzione verticale alla peer education" SISTEMA DI VALUTAZIONE INDICE DEL DOCUMENTO 1. Linee guida per la valutazione.. pag. 2 2. Dimensioni e tempi della valutazione...

Dettagli

La valutazione del percorso formativo

La valutazione del percorso formativo La valutazione del percorso formativo L esperienza del biennio di Padova 1999-2000 Maria Carla Acler Premessa Il presente lavoro nasce dal desiderio di diffondere tra i colleghi l esperienza maturata all

Dettagli

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007 Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro Settore Politiche del Lavoro e delle Migrazioni UO MONITORAGGIO E ANALISI REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della

Dettagli

Oltre la retorica del caffè

Oltre la retorica del caffè Oltre la retorica del caffè La Ricerca Azione: strumento strategico per progettare, intervenire e investire. a cura di excursus. spazio di formazione partecipata Indice Excursus La Ricerca Azione come

Dettagli

Regione Emilia-Romagna Corso di formazione Coordinatori pedagogici e eterovalutazione

Regione Emilia-Romagna Corso di formazione Coordinatori pedagogici e eterovalutazione Regione Emilia-Romagna Corso di formazione Coordinatori pedagogici e eterovalutazione Il CPP come sede di confronto e di sintesi a livello di sistema territoriale Marina Maselli maselli.marina@virgilio.it

Dettagli

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM)

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) Le note riportate corrispondono ad alcune sezioni estratte dalla documentazione accessibili online all indirizzo www.pqm.indire.it. Le sezioni integralmente riportate

Dettagli

GESTIONE DEL CAMBIAMENTO

GESTIONE DEL CAMBIAMENTO Via Virgilio 1, 41049 Sassuolo (MO) P.IVA 02925310365 serena.barbi@psicologosassuolo.it www.psicologosassuolo.it Mobile: +39 (339) 14 61 881 Via Piumazzo 170, 41013 Castelfranco E. (MO) P.IVA 02222830446

Dettagli

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione CAPO 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 27 capo 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 28 I Principi di Organizzazione titolo IV I Principi di Organizzazione Art. 18 - Principi

Dettagli

Pari Opportunità e performance nella PA

Pari Opportunità e performance nella PA Pari Opportunità e performance nella PA Enrica Castignola Università Cattolica del Sacro Cuore ALTIS (Alta Scuola Impresa e Società) Divisione Public Management Sommario 1. Le pari opportunità nella PA

Dettagli

Il Ruolo del Dottore Commercialista nell implementazione del modello

Il Ruolo del Dottore Commercialista nell implementazione del modello S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO SISTEMI DI COMPLIANCE E DECRETO LEGISLATIVO 231 DEL 2001 Il Ruolo del Dottore Commercialista nell implementazione del modello Dott. Michele Milano 1 29 novembre

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

Conferenza dei Presidenti dell Assemblea, dei Consigli Regionali e delle Province Autonome. Gruppo di Lavoro Legislazione regionale

Conferenza dei Presidenti dell Assemblea, dei Consigli Regionali e delle Province Autonome. Gruppo di Lavoro Legislazione regionale Conferenza dei Presidenti dell Assemblea, dei Consigli Regionali e delle Province Autonome Gruppo di Lavoro Legislazione regionale Griglia di controllo per l analisi di fattibilitàdelle leggi Il gruppo

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

PAR.S.I.F.A.L.1 PARTI SOCIALI PER L INNOVAZIONE FORMATIVA DELL APPRENDISTATO NEL LAVORO

PAR.S.I.F.A.L.1 PARTI SOCIALI PER L INNOVAZIONE FORMATIVA DELL APPRENDISTATO NEL LAVORO PAR.S.I.F.A.L.1 PARTI SOCIALI PER L INNOVAZIONE FORMATIVA DELL APPRENDISTATO NEL LAVORO PROGETTO DI FORMAZIONE DI SISTEMA PER GLI ATTORI COINVOLTI NEL PROGETTO PROGETTAZIONE DEL PERCORSO FORMAZIONE FORMATORI

Dettagli

CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA Destinazione DOCUMENTAZIONE ACCREDITAMENTO ISTITUTO SITO WEB ISTITUTO 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 POLITICA DELLA QUALITA La scelta di dotarsi di un sistema di gestione

Dettagli

ARPACAL EDUCAZIONE ORIENTATA ALLA SOSTENIBILITA

ARPACAL EDUCAZIONE ORIENTATA ALLA SOSTENIBILITA LINEE GUIDA EDUCAZIONE ORIENTATA ALLA SOSTENIBILITA GdL 10: Educazione Ambientale Direzione Generale: Fortunata Giordano Claudia Morabito Antonella Federico 1 INDICE PREMESSA 1. FINALITA 2. STRUMENTI OPERATIVI

Dettagli

Il futuro delle circoscrizioni e della partecipazione dei cittadini al processo decisionale: la parola ai cittadini!

Il futuro delle circoscrizioni e della partecipazione dei cittadini al processo decisionale: la parola ai cittadini! COMUNE DI PISA Il futuro delle circoscrizioni e della partecipazione dei cittadini al processo decisionale: la parola ai cittadini! A seguito dell approvazione della legge finanziaria del 2008 nel Comune

Dettagli

IL RISK MANAGEMENT ED IL CONNESSO MODELLO DI GESTIONE

IL RISK MANAGEMENT ED IL CONNESSO MODELLO DI GESTIONE PARTE GENERALE IL RISK MANAGEMENT ED IL CONNESSO MODELLO DI GESTIONE - 4 - Premessa. DP&V attraverso l emanazione di un modello di gestione dei rischi aziendali intende dotarsi di un sistema di Corporate

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

Carta di Napoli. Vista:

Carta di Napoli. Vista: 1 Urbanitas & Sustainable Solidarity Charter Percorso urbano di indirizzi strategici e piani operativi, volti all implementazione territoriale dei sistemi di accoglienza e integrazione per rifugiati e

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO SULLE SOCIETA PARTECIPATE DAL COMUNE DELLA SPEZIA (ART. 147 QUATER DEL DECRETO LEGISLATIVO 267/2000)

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO SULLE SOCIETA PARTECIPATE DAL COMUNE DELLA SPEZIA (ART. 147 QUATER DEL DECRETO LEGISLATIVO 267/2000) REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO SULLE SOCIETA PARTECIPATE DAL COMUNE DELLA SPEZIA (ART. 147 QUATER DEL DECRETO LEGISLATIVO 267/2000) TITOLO I PARTE GENERALE...- 2-1.1. Premessa e presupposti teorici del sistema

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

PROGETTO AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO ANNO 2016

PROGETTO AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO ANNO 2016 PROGETTO AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO ANNO 2016 PREMESSA A partire dal 2012 la Valsugana e Tesino e l San Lorenzo e Santa Maria della Misericordia di Borgo Valsugana, in stretta sinergia con l Comitato per

Dettagli

ICARUS Good Practices

ICARUS Good Practices ICARUS Good Practices Lista delle cose che possiamo fare per rendere più efficaci gli interventi sindacali sui comitati aziendali europei. Azioni possibili dei rappresentanti del CAE 1 Stabilire e mantenere

Dettagli

PartecipAttivo. Organismi proponenti. in partenariato con

PartecipAttivo. Organismi proponenti. in partenariato con Relazione illustrativa del progetto PartecipAttivo Organismi proponenti in partenariato con le Amministrazioni Provinciali di Brescia, Cosenza, Mantova, Pesaro-Urbino, Rieti e Verbano Cusio Ossola le Amministrazioni

Dettagli

Il progetto Valutazione & Miglioramento

Il progetto Valutazione & Miglioramento Il progetto Valutazione & Miglioramento Valutazione & Miglioramento è un progetto che si pone la finalità di promuovere il miglioramento delle scuole mediante percorsi di valutazione e autovalutazione,

Dettagli

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Primo incontro dei partner di progetto 17-18 ottobre 2014 Borgo Pio, 10, Roma Illustrazione del progetto: motivazioni,

Dettagli

Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003

Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003 Ufficio del Direttore Regionale Struttura operativa di coordinamento per la comunicazione interna ed esterna Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003

Dettagli

METODOLOGIE E STRUMENTI DI RACCOLTA

METODOLOGIE E STRUMENTI DI RACCOLTA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale per il Coordinamento e lo Sviluppo della Ricerca Ufficio VII Programmi Operativi Comunitari Unità Organizzativa della Comunicazione

Dettagli

CARTA D'INTESA versione finale 13 luglio 2009 aggiornamento su status di osservatore 18 gennaio 2010

CARTA D'INTESA versione finale 13 luglio 2009 aggiornamento su status di osservatore 18 gennaio 2010 CARTA D'INTESA versione finale 13 luglio 2009 aggiornamento su status di osservatore 18 gennaio 2010 Premessa Social Watch è una rete internazionale di organizzazioni della società civile con membri in

Dettagli

REGOLAMENTO SOCIETARIO

REGOLAMENTO SOCIETARIO Via Pietro del Pezzo,34 84100 Salerno Tel Fax 089 757051 e-mail : info@cooperativasociale.it REGOLAMENTO SOCIETARIO PREMESSA Il Regolamento societario, anche detto Regolamento Consortile è lo strumento

Dettagli

RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA. POLICY E PRATICHE. Sintesi dei principali risultati della ricerca. di Paola Nicoletti

RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA. POLICY E PRATICHE. Sintesi dei principali risultati della ricerca. di Paola Nicoletti RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA. POLICY E PRATICHE Sintesi dei principali risultati della ricerca di Paola Nicoletti Il volume Responsabilità sociale d impresa. Policy e pratiche, di cui è Autrice Paola

Dettagli

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 COMUNE DI VANZAGHELLO PROVINCIA DI MILANO Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 Il Decreto Legislativo 11 aprile 2006 n. 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art.

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA ISTITUTUTO SUPERIORE DI STUDI PENITENZIARI RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP MODELLO DI CANDIDATURA Istituto Superiore

Dettagli

CITTADINANZA ATTIVA. modo multiforme, di mobilitare risorse. modalità e strategie differenziate per. tutelare diritti, esercitando poteri e

CITTADINANZA ATTIVA. modo multiforme, di mobilitare risorse. modalità e strategie differenziate per. tutelare diritti, esercitando poteri e CITTADINANZA ATTIVA è la capacità dei cittadini di organizzarsi in modo multiforme, di mobilitare risorse umane tecniche e finanziarie, e di agire con modalità e strategie differenziate per tutelare diritti,

Dettagli

Sviluppo del percorso

Sviluppo del percorso Ministero Pubblica Istruzione Titolo sintetico del progetto: I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca SCHEDA DI PROGETTO Regione PIEMONTE NUOVE TECNOLOGIE:

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA ESAMI DI STATO DI ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA ESAMI DI STATO DI ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA ESAMI DI STATO DI ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE ANNO 2001 IIª Sessione 2001 Il decadimento della solidarietà sociale rappresenta

Dettagli

HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE

HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi F/01_FASCICOLO 1_DESCRIZIONE DELLA RICERCA Indice 1. La ricerca 2. Gli obiettivi

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Allegato alla delibera di G.P. n. del PROVINCIA DI PESARO E URBINO SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE ED ORGANIZZATIVA DEI DIPENDENTI DEI LIVELLI IVI COMPRESI GLI INCARICATI DI P.O. E

Dettagli

Comunicazione per Agenda 21L Agenda 21L per la comunicazione

Comunicazione per Agenda 21L Agenda 21L per la comunicazione COM-PA Bologna, 21 settembre 2000 Salone della Comunicazione Pubblica e dei servizi al cittadino Comunicazione per Agenda 21L Agenda 21L per la comunicazione Appunti per una Carta di riferimento su Comunicazione

Dettagli

Progetto benessere organizzativo MODALITA DI COINVOLGIMENTO DEI DIPENDENTI

Progetto benessere organizzativo MODALITA DI COINVOLGIMENTO DEI DIPENDENTI Progetto benessere organizzativo MODALITA DI COINVOLGIMENTO DEI DIPENDENTI Documento approvato dai dirigenti e dagli incaricati di posizione organizzativa nell incontro del 13.1.2006 PREMESSA Si è conclusa

Dettagli