RESPONS.In.City - Methodology

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RESPONS.In.City - Methodology"

Transcript

1 RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare attivamente alle scelte della politica, specie quando queste riguardano aspetti legati all amministrazione del territorio, è una richiesta che sempre più spesso i cittadini rivolgono ai loro amministratori; pertanto la partecipazione rappresenta una delle questioni su cui la politica, in questi anni, si sta interrogando, producendo in alcune occasioni anche percorsi empirici volti alla sua realizzazione. In tali percorsi la partecipazione è stata assunta in qualità di obiettivo ultimo dell intervento; in altre parole gli interventi attuati ad oggi si sono occupati principalmente di offrire spazi di libera espressione ai cittadini, tralasciando tuttavia aspetti relativi al come rendere la popolazione parte integrante del processo innescato e, soprattutto, di come strutturare questi spazi di espressione al fine di poter ottenere un risultato realmente utile all amministrazione nell indirizzare le proprie scelte gestionali. Infatti il cittadino che partecipa si presenta in questi spazi di espressione portando le proprie richieste o una sua virtuale lista dei desideri che pone all attenzione della giunta; stesso discorso vale per comitati o comunque per gruppi di cittadini più o meno organizzati rispetto a una necessità comune. L amministrazione alla fine di tali percorsi si trova pertanto di fronte a una serie di proposte di intervento, spesso strutturate e talvolta già raccolte e valutate in occasioni precedenti su istanza di aggregazioni di cittadini, su cui non potrà far altro che esprimersi in termini favorevoli o contrari; cosa questa che mette in condizione l amministrazione di doverne bocciare, senza appello, alcune, creando potenzialmente scontento tra coloro che le hanno promosse investendo il loro tempo nel progetto di partecipazione. Inoltre, i percorsi di partecipazione che assumono come fine ultimo la partecipazione stessa, non sono in condizione di fornire agli amministratori alcun indicatore o strumento utile a valutare su quali delle proposte emerse eventualmente investire, anche in termini economici. A fronte delle criticità che i percorsi di partecipazione hanno mostrato di incontrare sia a livello internazionale che nazionale, l Università degli Studi di Padova ha messo a punto e sperimentato una Metodologia denominata

2 Respons.In.City ( The Methodology of a Responsible Citizenship Promotion ), la Metodologia di promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa, che va a riconfigurare il ruolo della partecipazione, partendo da presupposti di carattere scientifico che permettono di inquadrare la partecipazione non tanto come scopo finale di un progetto, ma come strategia atta al perseguimento di un obiettivo terzo rispetto ai cittadini e all amministrazione: promuovere la cittadinanza intesa come assunzione di responsabilità condivisa rispetto alla gestione della comunità di appartenenza. La partecipazione assume pertanto la connotazione di una delle occasioni strutturate per sperimentare e diffondere un ruolo nuovo per il cittadino, un ruolo che parte dall assunzione di responsabilità personale e condivisa nella gestione del territorio in cui da cittadino l individuo vive. In questo senso il percorso partecipativo porta non solo spazi di espressione per la cittadinanza, ma anche occasioni di formazione per i cittadini a una partecipazione sempre più capillare e operativa, oltre che propositiva, che possa essere di effettivo ausilio all amministratore nella gestione del territorio. 2 La metodologia Respons.In.City, che di seguito viene illustrata nei suoi presupposti teorico-metodologici e nelle linee strategiche di realizzazione, fissando un obiettivo generale misurabile è anche nella condizione di fornire degli indicatori all amministratore per guidarlo rispetto a quali delle proposte emerse realizzare; offrendogli un anticipazione di quanto una certa proposta piuttosto che un'altra sarà in grado, se realizzata, di promuovere il ruolo di cittadino attivo e responsabile; guidando in questo modo l amministratore rispetto a come investire le risorse che il territorio mette a disposizione. Presupposti teorico-metodologici Il presente progetto si fonda sui pilastri di carattere teorico e metodologico che verranno di seguito brevemente illustrati. PRESUPPOSTI TEORICO-METODOLOGICI: 1. Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa Alla base di questa nuova configurazione di cittadinanza, il ruolo di cittadino viene esercitato attraverso un azione responsabile delle persone nei confronti della Comunità (ovvero una azione che anticipi le conseguenze della stessa rispetto alla comunità) e rispetto alle quali la Comunità stessa deve investire attraverso l educazione, per favorirne la partecipazione attiva e democratica (ecco che la promozione della partecipazione assume il ruolo di una delle strategie da attuare e non il fine ultimo). L assunto di base è che il dialogo rappresenta lo strumento unico nella generazione

3 di quelle realtà che si strutturano in ambito sociale\culturale. La somma dei discorsi praticati in un certo momento T da coloro che vivono un certo territorio rispetto al ruolo del cittadino offre la configurazione che il territorio stesso pratica rispetto a tale ruolo. Una configurazione dialogica contempla poi specifiche e peculiari ricadute pragmatiche, ad esempio se la configurazione di cittadino come parte attiva nel mantenimento del decoro urbano, inteso come pulizia delle strade, fosse pregnante nei discorsi del territorio potremmo anticipare che la maggioranza degli abitanti starebbe ben attenta a non sporcare i marciapiedi con cartacce o altri rifiuti, oppure se agli anziani fosse attribuita la legittimità di operare per il bene della comunità e gli anziani stessi configurassero il loro ruolo da cittadino responsabile potremmo anticipare che la maggior parte degli anziani presterebbe la propria opera per le esigenze della comunità, li vedremmo quindi in strada ad accompagnare i bambini delle scuole o a partecipare ad altri servizi pubblici. 3 In questa cornice quando si parla di comunità non si fa riferimento all insieme degli individui che abitano il territorio, ma a tutti gli snodi dialogici presenti sul territorio, dove per SNODI DIALOGICI si intendono quegli spazi interattivi, più o meno strutturati a livello formale, dove si sviluppa il dialogo rispetto alla comunità. Rappresentano un esempio di snodi dialogici: le aggregazioni di cittadini che condividono luoghi di incontro e interesse (piazze, locali, negozi, quartieri, giardini pubblici, centri sportivi etc), le famiglie, le associazioni\organizzazioni del territorio (religiose, etniche, corporative etc), i luoghi di formazione (scuole, asili, agenzie di formazione etc), i ruoli e le strutture deputate alla gestione e al controllo del territorio (ruoli e uffici ammnistrativi, agenzie di controllo del territorio ecc ). In tale ottica si evince come la promozione di una definizione dialogica del ruolo di cittadino in linea con le esigenze del territorio possa essere assunta come obiettivo ultimo di un processo di intervento sulla comunità. PRESUPPOSTI TEORICO-METODOLOGICI: 2. La misurazione del Peso dialogico della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa Dato che si assume che il dialogo sia il punto di partenza per la definizione dello statuto epistemico dell oggetto di indagine la scienza che si propone in questa sede come riferimento adeguato a tale statuto, è la SCIENZA DIALOGICA, scienza che ha come campo di applicazione le configurazioni discorsive, ovvero l uso delle unità simboliche che compongono il linguaggio ordinario. La scienza dialogica si pone come scienza che formalizza l uso del linguaggio ordinario, così come la chimica è la scienza che formalizza l energia nell unità teorica atomo, cioè un puro processo nell alveo dei paradigmi interazionistici (Turchi, 2007; 2009; 2010; 2011; 2012). Ora, dato che la Metodologia Respons.In.City si colloca entro l alveo della Scienza Dialogica, la formalizzazione dell uso del linguaggio offre la possibilità di attestare il peso dialogico delle configurazioni discorsive, in cui il primo è inteso come la misura dell assetto di una comunità (leggi configurazione discorsiva) ad un tempo definito; questo si rileva attraverso le produzioni discorsive dei componenti della comunità oggetto della rilevazione stessa. In tal modo diviene possibile monitorare l andamento dell intervento (leggi sviluppo/evoluzione) della comunità, sia valutare

4 l efficacia trasformativa delle progettazioni che caratterizzano (o che possono caratterizzare) le politiche sociali che si intraprendono verso la comunità medesima. Tali misurazioni fondano le basi sull attribuzione del peso dialogico ai modi d uso di impiegare il linguaggio che, nell ambito della Scienza Dialogica, sono organizzati in una TAVOLA PERIODICA SEMI-RADIALE DEI REPERTORI DISCORSIVI, che offre tutte le combinazioni possibili della materia (leggi linguaggio); la disponibilità di indicatori discorsivi numerici consentono di pervenire alla misura del PESO DIALOGICO degli assetti di comunità come responsabilità condivisa secondo tre prospettive temporali tra loro differenti: post hoc (al termine di un intervento/ progetto), in anticipazione (prima della realizzazione di un intervento/ progetto per anticiparne il grado di generatività) oppure in itinere (nello sviluppo dei un intervento/ progetto per disporre di misure dell andamento). 4 Ne consegue, pertanto, che avvalendosi di indicatori di tipo dialogico è possibile: - VALUTARE L EFFICACIA DELL INTERVENTO quindi quanto dell obiettivo di un progetto si è stati in grado raggiungere in termini di assetto di comunità: in ogni momento T è possibile misurare il peso dialogico della comunità per rilevare in quale grado si sia modificata o meno la responsabilità condivisa. La misurazione mette nella condizione di valutare quanto le azioni di promozione della partecipazione del cittadino abbiano innescato o meno processi di assunzione della responsabilità nella gestione del bene comune, a fronte del ruolo che ciascun interagente ricopre nella comunità organizzata. - VALUTARE IL PESO DIALOGICO DELLE AZIONI/INTERVENTI TERRITORIALI ATTUABILI, al fine di poter valutare, prima di realizzarle, il maggiore o minore grado di efficacia rispetto al conseguimento dell obiettivo generale dell intervento: questo valore rappresenta il grado di patrimonio dialogico che una esigenza, laddove soddisfatta, o una proposta, laddove realizzata, può generare nella comunità, tale da assumere il portato di criterio nel processo decisionale di una amministrazione rispetto a quali azioni/interventi territoriali attuare e con quale ordine di priorità.

5 PRESUPPOSTI TEORICO-METODOLOGICI: 3. La costruzione dell Esigenza della comunità 5 Quando in nel presente documento si parla di RICHIESTE si intende quello che si esprime, che si vuole ottenere come singolo cittadino o gruppo di cittadini; ma che poi non necessariamente rappresenta quello che effettivamente a una comunità occorre. Si intenderà invece con ESIGENZE: ciò che a una comunità effettivamente serve, ma che non viene necessariamente riassunto nelle richieste che la comunità stessa esprime. Le esigenze vengono definite promuovendo il dialogo tra i cittadini. Quindi la partecipazione intesa in termini di spazio di raccolta delle richieste tralascia l individuazione delle esigenze della popolazione, in questo modo: - l amministratore si trova a dover considerare tutte le richieste\proposte senza avere a disposizione strumenti per valutare quanto queste vadano nella direzione delle esigenze effettive del territorio. - La cittadinanza, partendo dal contributo di richieste/ proposte viene messa nella condizione di assumere una posizione di aspettativa di riscontro da parte dell amministrazione. Quando la partecipazione è intesa in termini di costruzione dell esigenza, la cittadinanza viene coinvolta in un processo che partendo dalle richieste peculiari va nella direzione di delineare ciò che effettivamente serve alla comunità. In questo modo: - l amministratore ha a disposizione gli strumenti, le esigenze, per poter valutare quali azioni mettere in campo e in che tempi; svincolandosi dalla pressione delle molteplici richieste della cittadinanza. - il cittadino essendo coinvolto nel processo di gestione del territorio già a partire dal processo di costruzione e condivisione delle esigenze, viene collocato entro il processo stesso in termini di attore attivo, quindi in condizione di partecipare alla realizzazione del progetto invece di aspettare che a pensarci sia l amministrazione. - al cittadino vengono forniti strumenti per valutare la pertinenza delle azioni intraprese dall amministrazione per la gestione delle esigenze; tali strumenti mettono nella condizione il cittadino di avere visibile la portata per la comunità di qualsiasi azione messa in atto, non solo di quella eventualmente proposta attraverso una richiesta peculiare.

6 Obiettivo Generale L obiettivo generale di un progetto che adotta la metodologia Respons.In.City è quello di promuovere la cittadinanza intesa come assunzione di responsabilità condivisa rispetto alla gestione della comunità di appartenenza. Laddove conseguimento di questo obiettivo si traduce nella possibilità che ogni individuo possa prendere il suo posto nella società e contribuire al suo sviluppo a qualsiasi livello questo sia possibile. Il presente progetto parte, infatti, dalla considerazione che l anticipazione e la gestione degli aspetti che precludono od ostacolano la partecipazione dei cittadini, possa trovare fattivo riscontro in un piano operativo che, a livello sia organizzativo sia di intervento, si muova secondo criteri di efficacia e di efficienza per la promozione della cittadinanza nell ambito della gestione della vita comunitaria. L articolazione di un progetto che discende dalla centralità data alla costruzione del ruolo di cittadino piuttosto che alle peculiari richieste degli abitanti, consente di far fronte proprio a quegli aspetti critici che, attualmente, per le comunità sono fonte potenziale di frammentazione e marginalità. Si tratta di elementi che possono divenire, se non appunto gestiti efficacemente, fonte di rischi rispetto alla salute, alla sicurezza dei cittadini e in ultimo alla coesione della comunità. 6

7 Linee Strategiche Le linee strategiche utilizzate per il conseguimento dell obiettivo generale sopra illustrato saranno tre: 7 1] Promozione della partecipazione della cittadinanza nella COSTRUZIONE DELL ESIGENZA della comunità A questa prima strategia afferiscono tutte le azioni\interventi che si inseriscono nel processo che dalla rilevazione degli aspetti critici e dei punti di forza della gestione del territorio da parte dei cittadini porta alla costruzione dell esigenza della comunità. 2] Promozione della partecipazione della cittadinanza nella GESTIONE DELL ESIGENZA della comunità A questa linea strategica afferiscono tutte le azioni\interventi che si inseriscono nel processo di promozione dell attiva partecipazione della cittadinanza alla gestione delle esigenze individuate attraverso la prima linea strategica tratteggiata: a fronte della mappatura delle esigenze la promozione del dialogo con l amministrazione pone centralità alla costruzione e valutazione di proposte che in termini di pertinenza rispetto ai ruoli di cui si dota la comunità organizzata mette a disposizione gli elementi utili al processo decisionale che è proprio della Giunta. Nell alveo della gestione dell esigenza rientrano tutte le azioni/interventi che forniscono le competenze e la strumentazione atta a concorrere alla valutazione delle azioni intraprese dall Amministrazione in termini di rispondenza alle esigenze costruite. 3] Valutazione di processo e dell efficacia della promozione della cittadinanza come responsabilità condivisa. A tale linea strategica afferiscono tutte le azioni che compongono il processo di valutazione dell intervento in itinere e post hoc (costruzione di indicatori dialogici di processo e di risultato, somministrazione di protocolli utili alla rilevazione dei suddetti indicatori, misurazioni a fronte degli indicatori rilevati).

8 Fasi del Progetto 8 FASE I Mappatura e intercettazione dei cittadini\snodi dialogici strategici di promozione di responsabilità Promozione del Progetto INDIVIDUAZIONE DEI RUOLI ISTITUZIONALI E NON ISTITUZIONALI DA COINVOLGERE NEL PROGETTO. Con tali ruoli vengono fissati incontri ad hoc finalizzati alla condivisione del progetto e allo sviluppo di competenze in termini di cittadinanza come responsabilità condivisa. PROMOZIONE DEL PROGETTO PRESSO LA CITTADINANZA Promozione del progetto sul territorio, tramite incontri dedicati o strumenti informatici, al fine di raccogliere le prime adesioni ai lavori nella cittadinanza Anticipazione Esigenze Anticipazione delle possibili esigenze che potrebbero emergere, a tale scopo si utilizzano strumenti costruiti ad hoc, come protocolli di intervista per i cittadini e gli amministratori, unitamente a dati già disponibili, come ad esempio eventuali report raccolti da precedenti esperienze\progetti.

9 9 FASE II Coordinamento degli Spazi Aperti di Cittadinanza sul territorio e in rete (costruzione dell esigenza della comunità) Spazi Aperti di Cittadinanza Eventi locali o eventi in rete, rappresentano l occasione per mettere in campo azioni ad hoc finalizzate alla sviluppo di competenze di cittadinanza come responsabilità condivisa. Obiettivo: Costruzione delle esigenze della comunità. Tali eventi vengono coordinati da operatori formati, i quali hanno l obiettivo di promuovere il processo di strutturazione dell esigenza Gli Spazi Aperti di Cittadinanza si compongono di: - Sessioni Plenarie - Responsibility Group Tematici

10 10 FASE III Coordinamento della rete di cittadini\snodi dialogici strategici nella gestione delle esigenze Promozione del dialogo tra l esigenza costruita con i cittadini e la valutazione dei gestori\decisori (Sindaco, Giunta, Consiglio Comunale, Amministratori Pubblici etc) VALUTAZIONE DEL PESO DIALOGICO Valutazione, in anticipazione, dell impatto che le proposte per la gestione dell esigenze emerse dall incontro con la cittadinanza avranno per la promozione della cittadinanza come responsabilità condivisa (Peso Dialogico). Ciò offre agli Ruoli Strategici Decisionali gli strumenti utili alla valutazione di quali interventi promuovere e realizzare in funzione dell obiettivo fissato. INFORMAZIONE DELLA POPOLAZIONE Attraverso specifiche azioni di pubblicizzazione si informa la cittadinanza rispetto al processo decisionale adottato dai Ruoli Amministrativi

11 11 FASE IV Coordinamento degli Spazi Aperti di Cittadinanza sul territorio e in rete (valutazione corrispondenza esigenza e sviluppi) Spazi Aperti di Cittadinanza Eventi locali o eventi in rete, rappresentano l occasione per mettere in campo azioni ad hoc finalizzate alla sviluppo di competenze di cittadinanza come responsabilità condivisa. Obiettivo: Innescare un processo di valutazione competente della rispondenza tra quanto deliberato dagli snodi strategici gestionali e l esigenza della comunità. Tali eventi vengono coordinati da operatori formati, i quali hanno l obiettivo di promuovere il processo di partecipazione della cittadinanza ai processi di valutazione della corrispondenza all esigenza espressa. Gli Spazi Aperti di Cittadinanza si compongono di: - Sessioni Plenarie - Responsibility Group Tematici

12 12 FASI di VALUTAZIONE Valutazione del Processo Attraverso la valutazione del processo si monitora lo svolgimento dell intervento, misurando l aderenza di quanto messo in campo in termini operativi rispetto all obiettivo generale. Tale valutazione viene svolta in itinere, parallelamente alle altre fasi del progetto Tale procedura di valutazione mette in luce eventuali aspetti critici o errori commessi nella gestione del processo, permettendo di mettere in atto strategie per la loro gestione. Esempi di indicatori di processo sono: n dei partecipanti\categorie n dei partecipanti\modalità di partecipazione n esigenze mappate\tempo n progetti vagliati dalla giunta comunale\esigenze mappate n progetti la cui realizzazione è stata decisa dalla giunta\esigenze mappate % di rispondenza del totale dei progetti realizzati all esigenza.

13 13 Valutazione dell Efficacia Processo Attraverso la valutazione dell efficacia si monitora lo scarto tra la configurazione di cittadinanza raccolta prima dell intervento (T0) con quella raccolta dopo che il progetto si è concluso (T1). Tale valutazione viene svolta post hoc, quindi alla conclusione del processo di promozione della cittadinanza come responsabilità condivisa. Tale valutazione viene effettuata attraverso specifici indicatori di tipo testuale\dialogico.

14 Gli scenari futuri: le ricadute sul Territorio Tale progetto promuovendo la configurazione della cittadinanza intesa come responsabilità condivisa, si pone come risultato anticipabile un incremento delle competenze della comunità (intesa come cittadinanza e snodi amministrativo-gestionali) rispetto alla rilevazione e gestione delle esigenze, oltre che nella valutazione della corrispondenza tra esigenza e azione intrapresa per la gestione dell esigenza stessa. Tale patrimonio rimane in dotazione alla comunità anche una volta concluso l intervento di promozione, come patrimonio declinabile in assunzione di responsabilità da parte del cittadino e degli snodi amministrativo-gestionali nel concorrere a gestire gli aspetti della vita quotidiana che caratterizzano la comunità. 14 In tale ottica si possono anticipare, tra le altre, le seguenti ricadute: - incremento della soddisfazione espressa dalla cittadinanza rispetto al lavoro degli snodi amministrativo-gestionali della propria comunità, provvedendo in prima persona a concorrere a rilevare aspetti critici e a promuoverne azioni/ interventi di gestione; - incremento nell utilizzo di modalità pertinenti ed efficaci da parte dei cittadini nell uso delle risorse messe a disposizione dalle istituzioni e dal sistema dei servizi territoriale, dato dal dialogo generato tra amministrazione, istituzioni e cittadinanza; - abbattimento dei costi legati alla gestione delle esigenze della cittadinanza (es: l avere a disposizione una prassi di rilevazione\anticipazione delle esigenze permette di ridurre l incidenza degli esposti e delle attivazioni delle forze dell ordine che i cittadini spesso utilizzano al fine di rendere visibile la necessità di intervenire rispetto a una certa situazione, o per fare pressione sull amministrazione affinché intervenga a fronte di una determinata richiesta; movimenti questi che hanno un prezzo sia per il privato cittadino che per la collettività); - incremento della percezione di sicurezza sul territorio, in termini di un aumento di retoriche legate alla possibilità del cittadino di poter intervenire attivamente rispetto alla gestione degli aspetti critici presenti sul territorio (anche questo comporterebbe un abbattimento dei costi, nel senso nella diminuzione delle attivazioni delle forze dell ordine, diminuzione di esposti e ricorsi etc); - incremento di modalità atte a promuovere la salute del territorio, nei termini di un aumento dei discorsi legati alla possibilità di intervento del cittadino rispetto alla promozione della salute del territorio (es: la gestione delle esigenze legate all ambito ambientale traffico, raccolta differenziata, etc porterebbe alla promozione del discorso salute del territorio, quindi all abbattimento degli esposti da parte della cittadinanza rispetto a tale tema; o ancora, il concorso attivo e diretto alla gestione degli aspetti di vita quotidiana da parte di categorie considerate a rischio, come anziani e disabili o migranti, che nel ruolo di cittadino dispongono dell occasione di agire un ruolo legittimato in termini di utilità per il conseguimento del bene comune); - incremento della coesione sociale della comunità, in virtù del fatto che l azione/ intervento pone centralità al ruolo di cittadino in quanto tale e all azione che questi pone in essere rispetto alla propria comunità generando in tal modo processi di legittimazione/ riconoscimento diffusi (anziché dare centralità alle provenienze o alle categorie di appartenenza - minori, giovani, adulti, anziani ecc...).

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

CONTRATTI di FIUME e di LAGO

CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO DGR n 16-2610 del

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 A seguito delle riunioni con le strutture regionali, sono state approfondite le tematiche relative al rinnovo

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS)

Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS) Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS) >> Il Sistema MVS permette di misurare e valutare la sicurezza aziendale (nell accezione di Security) nei

Dettagli

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti OGGETTO: PROGETTO TECO A ATTIVITÀ CINECA AUTORE: MAURO MOTTA Indice della presentazione 1. Obiettivo del progetto 2. Identificazione degli attori coinvolti 3. Fasi del progetto Tecnologie e Strumenti Il

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES

ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES Addì, 9 giugno 2004 Tra CONFINDUSTRIA, CONFARTIGIANATO, CONFESERCENTI,

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL SAP Customer Success Story Prodotti Industriali Raffineria Metalli Capra Raffineria Metalli Capra. Utilizzata con concessione dell autore. Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL Partner

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)?

1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)? Il Progetto Caratteristiche del progetto 1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)? L idea è di creare un centro giovani in Parrocchia

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Scheda di valutazione individuale area dirigenza. Competenze e comportamenti Leggenda: 0,5=molto indoddisfacente 1=insoddisfacente

Scheda di valutazione individuale area dirigenza. Competenze e comportamenti Leggenda: 0,5=molto indoddisfacente 1=insoddisfacente Scheda di valutazione individuale area dirigenza Sessione di valutazione Nome e Cognome Valutatore Competenze e comportamenti Leggenda:,=molto indoddisfacente =insoddisfacente anno Incarico: PESATURA:

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Analizzare le partnership: un ipotesi di lavoro

Analizzare le partnership: un ipotesi di lavoro Master in Politiche della cittadinanza e welfare locale Anno 2005-2006 Analizzare le partnership: un ipotesi di lavoro Dott.a Monica Ruffa Relatore: Chiar.mo Prof. Giovanni Moro Indice Introduzione 3 Cap.

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c.

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Data e Sede: 1-2 dicembre 2010 - Roma Evento ECM N N. rif. ECM 10033589 crediti 9 Programma e

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o Gli Indicatori di Processo Come orientare un azienda al miglioramento continuo Formazione 18 Novembre 2008 UN CIRCOLO VIRTUOSO Miglioramento continuo del sistema di gestione per la qualità Clienti Gestione

Dettagli

Negli UFFICI. 28 settembre 2010

Negli UFFICI. 28 settembre 2010 Negli UFFICI Come si fa 28 settembre 2010 Dai suggerimenti ai benefici Alcuni sono di facile attuazione, altri sono complessi o/e onerosi economicamente. Ovviamente non è necessario adottarli tutti e subito

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli