RESPONS.In.City - Methodology

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RESPONS.In.City - Methodology"

Transcript

1 RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare attivamente alle scelte della politica, specie quando queste riguardano aspetti legati all amministrazione del territorio, è una richiesta che sempre più spesso i cittadini rivolgono ai loro amministratori; pertanto la partecipazione rappresenta una delle questioni su cui la politica, in questi anni, si sta interrogando, producendo in alcune occasioni anche percorsi empirici volti alla sua realizzazione. In tali percorsi la partecipazione è stata assunta in qualità di obiettivo ultimo dell intervento; in altre parole gli interventi attuati ad oggi si sono occupati principalmente di offrire spazi di libera espressione ai cittadini, tralasciando tuttavia aspetti relativi al come rendere la popolazione parte integrante del processo innescato e, soprattutto, di come strutturare questi spazi di espressione al fine di poter ottenere un risultato realmente utile all amministrazione nell indirizzare le proprie scelte gestionali. Infatti il cittadino che partecipa si presenta in questi spazi di espressione portando le proprie richieste o una sua virtuale lista dei desideri che pone all attenzione della giunta; stesso discorso vale per comitati o comunque per gruppi di cittadini più o meno organizzati rispetto a una necessità comune. L amministrazione alla fine di tali percorsi si trova pertanto di fronte a una serie di proposte di intervento, spesso strutturate e talvolta già raccolte e valutate in occasioni precedenti su istanza di aggregazioni di cittadini, su cui non potrà far altro che esprimersi in termini favorevoli o contrari; cosa questa che mette in condizione l amministrazione di doverne bocciare, senza appello, alcune, creando potenzialmente scontento tra coloro che le hanno promosse investendo il loro tempo nel progetto di partecipazione. Inoltre, i percorsi di partecipazione che assumono come fine ultimo la partecipazione stessa, non sono in condizione di fornire agli amministratori alcun indicatore o strumento utile a valutare su quali delle proposte emerse eventualmente investire, anche in termini economici. A fronte delle criticità che i percorsi di partecipazione hanno mostrato di incontrare sia a livello internazionale che nazionale, l Università degli Studi di Padova ha messo a punto e sperimentato una Metodologia denominata

2 Respons.In.City ( The Methodology of a Responsible Citizenship Promotion ), la Metodologia di promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa, che va a riconfigurare il ruolo della partecipazione, partendo da presupposti di carattere scientifico che permettono di inquadrare la partecipazione non tanto come scopo finale di un progetto, ma come strategia atta al perseguimento di un obiettivo terzo rispetto ai cittadini e all amministrazione: promuovere la cittadinanza intesa come assunzione di responsabilità condivisa rispetto alla gestione della comunità di appartenenza. La partecipazione assume pertanto la connotazione di una delle occasioni strutturate per sperimentare e diffondere un ruolo nuovo per il cittadino, un ruolo che parte dall assunzione di responsabilità personale e condivisa nella gestione del territorio in cui da cittadino l individuo vive. In questo senso il percorso partecipativo porta non solo spazi di espressione per la cittadinanza, ma anche occasioni di formazione per i cittadini a una partecipazione sempre più capillare e operativa, oltre che propositiva, che possa essere di effettivo ausilio all amministratore nella gestione del territorio. 2 La metodologia Respons.In.City, che di seguito viene illustrata nei suoi presupposti teorico-metodologici e nelle linee strategiche di realizzazione, fissando un obiettivo generale misurabile è anche nella condizione di fornire degli indicatori all amministratore per guidarlo rispetto a quali delle proposte emerse realizzare; offrendogli un anticipazione di quanto una certa proposta piuttosto che un'altra sarà in grado, se realizzata, di promuovere il ruolo di cittadino attivo e responsabile; guidando in questo modo l amministratore rispetto a come investire le risorse che il territorio mette a disposizione. Presupposti teorico-metodologici Il presente progetto si fonda sui pilastri di carattere teorico e metodologico che verranno di seguito brevemente illustrati. PRESUPPOSTI TEORICO-METODOLOGICI: 1. Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa Alla base di questa nuova configurazione di cittadinanza, il ruolo di cittadino viene esercitato attraverso un azione responsabile delle persone nei confronti della Comunità (ovvero una azione che anticipi le conseguenze della stessa rispetto alla comunità) e rispetto alle quali la Comunità stessa deve investire attraverso l educazione, per favorirne la partecipazione attiva e democratica (ecco che la promozione della partecipazione assume il ruolo di una delle strategie da attuare e non il fine ultimo). L assunto di base è che il dialogo rappresenta lo strumento unico nella generazione

3 di quelle realtà che si strutturano in ambito sociale\culturale. La somma dei discorsi praticati in un certo momento T da coloro che vivono un certo territorio rispetto al ruolo del cittadino offre la configurazione che il territorio stesso pratica rispetto a tale ruolo. Una configurazione dialogica contempla poi specifiche e peculiari ricadute pragmatiche, ad esempio se la configurazione di cittadino come parte attiva nel mantenimento del decoro urbano, inteso come pulizia delle strade, fosse pregnante nei discorsi del territorio potremmo anticipare che la maggioranza degli abitanti starebbe ben attenta a non sporcare i marciapiedi con cartacce o altri rifiuti, oppure se agli anziani fosse attribuita la legittimità di operare per il bene della comunità e gli anziani stessi configurassero il loro ruolo da cittadino responsabile potremmo anticipare che la maggior parte degli anziani presterebbe la propria opera per le esigenze della comunità, li vedremmo quindi in strada ad accompagnare i bambini delle scuole o a partecipare ad altri servizi pubblici. 3 In questa cornice quando si parla di comunità non si fa riferimento all insieme degli individui che abitano il territorio, ma a tutti gli snodi dialogici presenti sul territorio, dove per SNODI DIALOGICI si intendono quegli spazi interattivi, più o meno strutturati a livello formale, dove si sviluppa il dialogo rispetto alla comunità. Rappresentano un esempio di snodi dialogici: le aggregazioni di cittadini che condividono luoghi di incontro e interesse (piazze, locali, negozi, quartieri, giardini pubblici, centri sportivi etc), le famiglie, le associazioni\organizzazioni del territorio (religiose, etniche, corporative etc), i luoghi di formazione (scuole, asili, agenzie di formazione etc), i ruoli e le strutture deputate alla gestione e al controllo del territorio (ruoli e uffici ammnistrativi, agenzie di controllo del territorio ecc ). In tale ottica si evince come la promozione di una definizione dialogica del ruolo di cittadino in linea con le esigenze del territorio possa essere assunta come obiettivo ultimo di un processo di intervento sulla comunità. PRESUPPOSTI TEORICO-METODOLOGICI: 2. La misurazione del Peso dialogico della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa Dato che si assume che il dialogo sia il punto di partenza per la definizione dello statuto epistemico dell oggetto di indagine la scienza che si propone in questa sede come riferimento adeguato a tale statuto, è la SCIENZA DIALOGICA, scienza che ha come campo di applicazione le configurazioni discorsive, ovvero l uso delle unità simboliche che compongono il linguaggio ordinario. La scienza dialogica si pone come scienza che formalizza l uso del linguaggio ordinario, così come la chimica è la scienza che formalizza l energia nell unità teorica atomo, cioè un puro processo nell alveo dei paradigmi interazionistici (Turchi, 2007; 2009; 2010; 2011; 2012). Ora, dato che la Metodologia Respons.In.City si colloca entro l alveo della Scienza Dialogica, la formalizzazione dell uso del linguaggio offre la possibilità di attestare il peso dialogico delle configurazioni discorsive, in cui il primo è inteso come la misura dell assetto di una comunità (leggi configurazione discorsiva) ad un tempo definito; questo si rileva attraverso le produzioni discorsive dei componenti della comunità oggetto della rilevazione stessa. In tal modo diviene possibile monitorare l andamento dell intervento (leggi sviluppo/evoluzione) della comunità, sia valutare

4 l efficacia trasformativa delle progettazioni che caratterizzano (o che possono caratterizzare) le politiche sociali che si intraprendono verso la comunità medesima. Tali misurazioni fondano le basi sull attribuzione del peso dialogico ai modi d uso di impiegare il linguaggio che, nell ambito della Scienza Dialogica, sono organizzati in una TAVOLA PERIODICA SEMI-RADIALE DEI REPERTORI DISCORSIVI, che offre tutte le combinazioni possibili della materia (leggi linguaggio); la disponibilità di indicatori discorsivi numerici consentono di pervenire alla misura del PESO DIALOGICO degli assetti di comunità come responsabilità condivisa secondo tre prospettive temporali tra loro differenti: post hoc (al termine di un intervento/ progetto), in anticipazione (prima della realizzazione di un intervento/ progetto per anticiparne il grado di generatività) oppure in itinere (nello sviluppo dei un intervento/ progetto per disporre di misure dell andamento). 4 Ne consegue, pertanto, che avvalendosi di indicatori di tipo dialogico è possibile: - VALUTARE L EFFICACIA DELL INTERVENTO quindi quanto dell obiettivo di un progetto si è stati in grado raggiungere in termini di assetto di comunità: in ogni momento T è possibile misurare il peso dialogico della comunità per rilevare in quale grado si sia modificata o meno la responsabilità condivisa. La misurazione mette nella condizione di valutare quanto le azioni di promozione della partecipazione del cittadino abbiano innescato o meno processi di assunzione della responsabilità nella gestione del bene comune, a fronte del ruolo che ciascun interagente ricopre nella comunità organizzata. - VALUTARE IL PESO DIALOGICO DELLE AZIONI/INTERVENTI TERRITORIALI ATTUABILI, al fine di poter valutare, prima di realizzarle, il maggiore o minore grado di efficacia rispetto al conseguimento dell obiettivo generale dell intervento: questo valore rappresenta il grado di patrimonio dialogico che una esigenza, laddove soddisfatta, o una proposta, laddove realizzata, può generare nella comunità, tale da assumere il portato di criterio nel processo decisionale di una amministrazione rispetto a quali azioni/interventi territoriali attuare e con quale ordine di priorità.

5 PRESUPPOSTI TEORICO-METODOLOGICI: 3. La costruzione dell Esigenza della comunità 5 Quando in nel presente documento si parla di RICHIESTE si intende quello che si esprime, che si vuole ottenere come singolo cittadino o gruppo di cittadini; ma che poi non necessariamente rappresenta quello che effettivamente a una comunità occorre. Si intenderà invece con ESIGENZE: ciò che a una comunità effettivamente serve, ma che non viene necessariamente riassunto nelle richieste che la comunità stessa esprime. Le esigenze vengono definite promuovendo il dialogo tra i cittadini. Quindi la partecipazione intesa in termini di spazio di raccolta delle richieste tralascia l individuazione delle esigenze della popolazione, in questo modo: - l amministratore si trova a dover considerare tutte le richieste\proposte senza avere a disposizione strumenti per valutare quanto queste vadano nella direzione delle esigenze effettive del territorio. - La cittadinanza, partendo dal contributo di richieste/ proposte viene messa nella condizione di assumere una posizione di aspettativa di riscontro da parte dell amministrazione. Quando la partecipazione è intesa in termini di costruzione dell esigenza, la cittadinanza viene coinvolta in un processo che partendo dalle richieste peculiari va nella direzione di delineare ciò che effettivamente serve alla comunità. In questo modo: - l amministratore ha a disposizione gli strumenti, le esigenze, per poter valutare quali azioni mettere in campo e in che tempi; svincolandosi dalla pressione delle molteplici richieste della cittadinanza. - il cittadino essendo coinvolto nel processo di gestione del territorio già a partire dal processo di costruzione e condivisione delle esigenze, viene collocato entro il processo stesso in termini di attore attivo, quindi in condizione di partecipare alla realizzazione del progetto invece di aspettare che a pensarci sia l amministrazione. - al cittadino vengono forniti strumenti per valutare la pertinenza delle azioni intraprese dall amministrazione per la gestione delle esigenze; tali strumenti mettono nella condizione il cittadino di avere visibile la portata per la comunità di qualsiasi azione messa in atto, non solo di quella eventualmente proposta attraverso una richiesta peculiare.

6 Obiettivo Generale L obiettivo generale di un progetto che adotta la metodologia Respons.In.City è quello di promuovere la cittadinanza intesa come assunzione di responsabilità condivisa rispetto alla gestione della comunità di appartenenza. Laddove conseguimento di questo obiettivo si traduce nella possibilità che ogni individuo possa prendere il suo posto nella società e contribuire al suo sviluppo a qualsiasi livello questo sia possibile. Il presente progetto parte, infatti, dalla considerazione che l anticipazione e la gestione degli aspetti che precludono od ostacolano la partecipazione dei cittadini, possa trovare fattivo riscontro in un piano operativo che, a livello sia organizzativo sia di intervento, si muova secondo criteri di efficacia e di efficienza per la promozione della cittadinanza nell ambito della gestione della vita comunitaria. L articolazione di un progetto che discende dalla centralità data alla costruzione del ruolo di cittadino piuttosto che alle peculiari richieste degli abitanti, consente di far fronte proprio a quegli aspetti critici che, attualmente, per le comunità sono fonte potenziale di frammentazione e marginalità. Si tratta di elementi che possono divenire, se non appunto gestiti efficacemente, fonte di rischi rispetto alla salute, alla sicurezza dei cittadini e in ultimo alla coesione della comunità. 6

7 Linee Strategiche Le linee strategiche utilizzate per il conseguimento dell obiettivo generale sopra illustrato saranno tre: 7 1] Promozione della partecipazione della cittadinanza nella COSTRUZIONE DELL ESIGENZA della comunità A questa prima strategia afferiscono tutte le azioni\interventi che si inseriscono nel processo che dalla rilevazione degli aspetti critici e dei punti di forza della gestione del territorio da parte dei cittadini porta alla costruzione dell esigenza della comunità. 2] Promozione della partecipazione della cittadinanza nella GESTIONE DELL ESIGENZA della comunità A questa linea strategica afferiscono tutte le azioni\interventi che si inseriscono nel processo di promozione dell attiva partecipazione della cittadinanza alla gestione delle esigenze individuate attraverso la prima linea strategica tratteggiata: a fronte della mappatura delle esigenze la promozione del dialogo con l amministrazione pone centralità alla costruzione e valutazione di proposte che in termini di pertinenza rispetto ai ruoli di cui si dota la comunità organizzata mette a disposizione gli elementi utili al processo decisionale che è proprio della Giunta. Nell alveo della gestione dell esigenza rientrano tutte le azioni/interventi che forniscono le competenze e la strumentazione atta a concorrere alla valutazione delle azioni intraprese dall Amministrazione in termini di rispondenza alle esigenze costruite. 3] Valutazione di processo e dell efficacia della promozione della cittadinanza come responsabilità condivisa. A tale linea strategica afferiscono tutte le azioni che compongono il processo di valutazione dell intervento in itinere e post hoc (costruzione di indicatori dialogici di processo e di risultato, somministrazione di protocolli utili alla rilevazione dei suddetti indicatori, misurazioni a fronte degli indicatori rilevati).

8 Fasi del Progetto 8 FASE I Mappatura e intercettazione dei cittadini\snodi dialogici strategici di promozione di responsabilità Promozione del Progetto INDIVIDUAZIONE DEI RUOLI ISTITUZIONALI E NON ISTITUZIONALI DA COINVOLGERE NEL PROGETTO. Con tali ruoli vengono fissati incontri ad hoc finalizzati alla condivisione del progetto e allo sviluppo di competenze in termini di cittadinanza come responsabilità condivisa. PROMOZIONE DEL PROGETTO PRESSO LA CITTADINANZA Promozione del progetto sul territorio, tramite incontri dedicati o strumenti informatici, al fine di raccogliere le prime adesioni ai lavori nella cittadinanza Anticipazione Esigenze Anticipazione delle possibili esigenze che potrebbero emergere, a tale scopo si utilizzano strumenti costruiti ad hoc, come protocolli di intervista per i cittadini e gli amministratori, unitamente a dati già disponibili, come ad esempio eventuali report raccolti da precedenti esperienze\progetti.

9 9 FASE II Coordinamento degli Spazi Aperti di Cittadinanza sul territorio e in rete (costruzione dell esigenza della comunità) Spazi Aperti di Cittadinanza Eventi locali o eventi in rete, rappresentano l occasione per mettere in campo azioni ad hoc finalizzate alla sviluppo di competenze di cittadinanza come responsabilità condivisa. Obiettivo: Costruzione delle esigenze della comunità. Tali eventi vengono coordinati da operatori formati, i quali hanno l obiettivo di promuovere il processo di strutturazione dell esigenza Gli Spazi Aperti di Cittadinanza si compongono di: - Sessioni Plenarie - Responsibility Group Tematici

10 10 FASE III Coordinamento della rete di cittadini\snodi dialogici strategici nella gestione delle esigenze Promozione del dialogo tra l esigenza costruita con i cittadini e la valutazione dei gestori\decisori (Sindaco, Giunta, Consiglio Comunale, Amministratori Pubblici etc) VALUTAZIONE DEL PESO DIALOGICO Valutazione, in anticipazione, dell impatto che le proposte per la gestione dell esigenze emerse dall incontro con la cittadinanza avranno per la promozione della cittadinanza come responsabilità condivisa (Peso Dialogico). Ciò offre agli Ruoli Strategici Decisionali gli strumenti utili alla valutazione di quali interventi promuovere e realizzare in funzione dell obiettivo fissato. INFORMAZIONE DELLA POPOLAZIONE Attraverso specifiche azioni di pubblicizzazione si informa la cittadinanza rispetto al processo decisionale adottato dai Ruoli Amministrativi

11 11 FASE IV Coordinamento degli Spazi Aperti di Cittadinanza sul territorio e in rete (valutazione corrispondenza esigenza e sviluppi) Spazi Aperti di Cittadinanza Eventi locali o eventi in rete, rappresentano l occasione per mettere in campo azioni ad hoc finalizzate alla sviluppo di competenze di cittadinanza come responsabilità condivisa. Obiettivo: Innescare un processo di valutazione competente della rispondenza tra quanto deliberato dagli snodi strategici gestionali e l esigenza della comunità. Tali eventi vengono coordinati da operatori formati, i quali hanno l obiettivo di promuovere il processo di partecipazione della cittadinanza ai processi di valutazione della corrispondenza all esigenza espressa. Gli Spazi Aperti di Cittadinanza si compongono di: - Sessioni Plenarie - Responsibility Group Tematici

12 12 FASI di VALUTAZIONE Valutazione del Processo Attraverso la valutazione del processo si monitora lo svolgimento dell intervento, misurando l aderenza di quanto messo in campo in termini operativi rispetto all obiettivo generale. Tale valutazione viene svolta in itinere, parallelamente alle altre fasi del progetto Tale procedura di valutazione mette in luce eventuali aspetti critici o errori commessi nella gestione del processo, permettendo di mettere in atto strategie per la loro gestione. Esempi di indicatori di processo sono: n dei partecipanti\categorie n dei partecipanti\modalità di partecipazione n esigenze mappate\tempo n progetti vagliati dalla giunta comunale\esigenze mappate n progetti la cui realizzazione è stata decisa dalla giunta\esigenze mappate % di rispondenza del totale dei progetti realizzati all esigenza.

13 13 Valutazione dell Efficacia Processo Attraverso la valutazione dell efficacia si monitora lo scarto tra la configurazione di cittadinanza raccolta prima dell intervento (T0) con quella raccolta dopo che il progetto si è concluso (T1). Tale valutazione viene svolta post hoc, quindi alla conclusione del processo di promozione della cittadinanza come responsabilità condivisa. Tale valutazione viene effettuata attraverso specifici indicatori di tipo testuale\dialogico.

14 Gli scenari futuri: le ricadute sul Territorio Tale progetto promuovendo la configurazione della cittadinanza intesa come responsabilità condivisa, si pone come risultato anticipabile un incremento delle competenze della comunità (intesa come cittadinanza e snodi amministrativo-gestionali) rispetto alla rilevazione e gestione delle esigenze, oltre che nella valutazione della corrispondenza tra esigenza e azione intrapresa per la gestione dell esigenza stessa. Tale patrimonio rimane in dotazione alla comunità anche una volta concluso l intervento di promozione, come patrimonio declinabile in assunzione di responsabilità da parte del cittadino e degli snodi amministrativo-gestionali nel concorrere a gestire gli aspetti della vita quotidiana che caratterizzano la comunità. 14 In tale ottica si possono anticipare, tra le altre, le seguenti ricadute: - incremento della soddisfazione espressa dalla cittadinanza rispetto al lavoro degli snodi amministrativo-gestionali della propria comunità, provvedendo in prima persona a concorrere a rilevare aspetti critici e a promuoverne azioni/ interventi di gestione; - incremento nell utilizzo di modalità pertinenti ed efficaci da parte dei cittadini nell uso delle risorse messe a disposizione dalle istituzioni e dal sistema dei servizi territoriale, dato dal dialogo generato tra amministrazione, istituzioni e cittadinanza; - abbattimento dei costi legati alla gestione delle esigenze della cittadinanza (es: l avere a disposizione una prassi di rilevazione\anticipazione delle esigenze permette di ridurre l incidenza degli esposti e delle attivazioni delle forze dell ordine che i cittadini spesso utilizzano al fine di rendere visibile la necessità di intervenire rispetto a una certa situazione, o per fare pressione sull amministrazione affinché intervenga a fronte di una determinata richiesta; movimenti questi che hanno un prezzo sia per il privato cittadino che per la collettività); - incremento della percezione di sicurezza sul territorio, in termini di un aumento di retoriche legate alla possibilità del cittadino di poter intervenire attivamente rispetto alla gestione degli aspetti critici presenti sul territorio (anche questo comporterebbe un abbattimento dei costi, nel senso nella diminuzione delle attivazioni delle forze dell ordine, diminuzione di esposti e ricorsi etc); - incremento di modalità atte a promuovere la salute del territorio, nei termini di un aumento dei discorsi legati alla possibilità di intervento del cittadino rispetto alla promozione della salute del territorio (es: la gestione delle esigenze legate all ambito ambientale traffico, raccolta differenziata, etc porterebbe alla promozione del discorso salute del territorio, quindi all abbattimento degli esposti da parte della cittadinanza rispetto a tale tema; o ancora, il concorso attivo e diretto alla gestione degli aspetti di vita quotidiana da parte di categorie considerate a rischio, come anziani e disabili o migranti, che nel ruolo di cittadino dispongono dell occasione di agire un ruolo legittimato in termini di utilità per il conseguimento del bene comune); - incremento della coesione sociale della comunità, in virtù del fatto che l azione/ intervento pone centralità al ruolo di cittadino in quanto tale e all azione che questi pone in essere rispetto alla propria comunità generando in tal modo processi di legittimazione/ riconoscimento diffusi (anziché dare centralità alle provenienze o alle categorie di appartenenza - minori, giovani, adulti, anziani ecc...).

PROGETTO PER IL COMUNE DI CASCINA

PROGETTO PER IL COMUNE DI CASCINA 1 PROGETTO PER IL COMUNE DI CASCINA LA GESTIONE DEL PERCORSO DEL BILANCIO PARTECIPATIVO 2013 AVVISO DI GARA RIF. CIG:ZC90890F4E INTRODUZIONE: gestire la transizione dal processo partecipativo 2012 al processo

Dettagli

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio CoMoDo. Comunicare Moltiplica Doveri (art direction, grafica, fotografia Marco Tortoioli Ricci) Provincia di Terni in collaborazione con i Comuni della provincia Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21

Dettagli

SINERGO Società Cooperativa Sociale onlus Viale Alfieri n. 10, 46100 Mantova C.F. P.iva 02114040203 Tel/Fax 0376/367555 Cell.

SINERGO Società Cooperativa Sociale onlus Viale Alfieri n. 10, 46100 Mantova C.F. P.iva 02114040203 Tel/Fax 0376/367555 Cell. Spett.le Dott. Beccari Direttore di IAL Lombardia Alla cortese attenzione Del Direttore dott. Beccari Oggetto: Quanto si propone è diretta emanazione del progetto Alla faccia del disagio!, esso ha generato

Dettagli

IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA

IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA PROGETTO IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA Anno 2010 1 Progetto In-Contro Nuovi spazi di comunicazione. Percorsi di partecipazione giovanile

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Primo incontro dei partner di progetto 17-18 ottobre 2014 Borgo Pio, 10, Roma Illustrazione del progetto: motivazioni,

Dettagli

SCHEDA PROGETTO. Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. L. 383/2000. Direttiva 383/2011

SCHEDA PROGETTO. Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. L. 383/2000. Direttiva 383/2011 SCHEDA PROGETTO La linea di finanziamento Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. L. 383/2000. Direttiva 383/2011 Titolo del progetto PRESENTE/I PER IL FUTURO Il protagonismo dei giovani

Dettagli

Esiti del laboratorio Lavoro di comunità

Esiti del laboratorio Lavoro di comunità Attuazione del Programma regionale per la promozione e tutela dei diritti, la protezione e lo sviluppo dei soggetti in età evolutiva e il sostegno alla genitorialità ai sensi della Legge regionale n. 14/08

Dettagli

PROGETTO TAVOLO GIOVANI

PROGETTO TAVOLO GIOVANI PROGETTO TAVOLO GIOVANI Costituzione di un Tavolo di coordinamento con le associazioni di giovani di Cinisello Balsamo e le organizzazioni sociali che compongono il mondo delle realtà giovanili locali

Dettagli

Rapporto sulla implementazione della Carta

Rapporto sulla implementazione della Carta Rapporto sulla implementazione della Carta Il Rapporto sul grado di implementazione degli impegni assunti con la sottoscrizione della Carta per le Pari Opportunità e l Uguaglianza sul lavoro è un rendiconto

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI TRA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA DELLA VALLE DEI LAGHI, IL COMUNE DI VEZZANO, IL COMUNE DI

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

CITTADINANZA ATTIVA. modo multiforme, di mobilitare risorse. modalità e strategie differenziate per. tutelare diritti, esercitando poteri e

CITTADINANZA ATTIVA. modo multiforme, di mobilitare risorse. modalità e strategie differenziate per. tutelare diritti, esercitando poteri e CITTADINANZA ATTIVA è la capacità dei cittadini di organizzarsi in modo multiforme, di mobilitare risorse umane tecniche e finanziarie, e di agire con modalità e strategie differenziate per tutelare diritti,

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA VAL TAGLIAMENTO (Comuni di: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Preone, Sauris, Socchieve) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

Strategie di Sviluppo Socio-economico Sostenibile

Strategie di Sviluppo Socio-economico Sostenibile Azioni a carattere innovativo finanziate nel quadro dell'art. 6 del regolamento relativo al Fondo Sociale Europeo, Linea di Bilancio B2-1630,"Strategie locali per l'occupazione e innovazione" Strategie

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione, promosso dall Organizzazione Internazionale per

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

Task force locale presso la Regione Siciliana

Task force locale presso la Regione Siciliana Task force locale presso la Regione Siciliana DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA DEFINIZIONE DEL REGOLAMENTO AFFERENTE LA RETE REGIONALE DEI /DELLE REFERENTI INTERDIPARTIMENTALI DI PARI OPPORTUNITA Bozza di lavoro

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità 2013-2015 INDICE 1. Introduzione: organizzazione e funzione dell Agenzia Regionale per la Tecnologica e l Innovazione - ARTI... 2 2. I dati... 4 2.1

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Prove Esame di Stato

Prove Esame di Stato Prove Esame di Stato 2012 SEZ. A 1 Prova L Assistente Sociale specialista responsabile di un servizio sociale riceve dal proprio riferimento politico (Assessore alle politiche sociali) l incarico di redigere

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015)

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015) IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020 (Giugno 2015) Premessa Il nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali per il periodo 2014-2020 rappresenta un importante occasione per le Amministrazioni

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Tavoli TemaTiCi 2015 Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Comunità solidale, welfare di tutti: costruiamo insieme il piano dei servizi alla persona

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO

STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO Avviso 26 del 4 marzo 2015 Piani formativi aziendali concordati Standard - Fondo di Rotazione SCHEDA DI PRE ADESIONE entro il 13 maggio 2015 STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO PREMESSA Venerdì 30 Gennaio

Dettagli

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Zona delle Politiche sociali dell Ambito territoriale

Dettagli

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA UNA LIM PER TUTTI PREMESSA Nelle scuole dei Comuni di Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d Elsa si è venuta rafforzando negli ultimi anni la collaborazione tra scuola e famiglie. La nascita del Comitato

Dettagli

LIFE09ENVIT000188-EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER

LIFE09ENVIT000188-EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER -EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER Linee Guida Modello di gestione ambientale ECO-CLUSTER: programma ambientale di cluster Comune di Collagna Responsabile dell azione Istituto

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI FASE 0 IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE DELL ENTE FASE 1 DEFINIZIONE E ASSEGNAZIONE DEGLI OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE FASE 2 MONITORAGGIO IN CORSO DI

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA Forum Lombardo delle Lombardia FeLCeAF Associazioni familiari ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA La crisi in atto ormai da alcuni anni porta al contenimento

Dettagli

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

PROPOSTA PROGETTUALE SERVIZI EDUCATIVI EXTRASCOLASTICI anno scolastico 2009/2010. Comune di Curtatone

PROPOSTA PROGETTUALE SERVIZI EDUCATIVI EXTRASCOLASTICI anno scolastico 2009/2010. Comune di Curtatone PROPOSTA PROGETTUALE SERVIZI EDUCATIVI EXTRASCOLASTICI anno scolastico 2009/2010 Comune di Curtatone 1 AMBITO DI INTERVENTO: Promozione della salute a scuola e in famiglia PREMESSA Partendo dal presupposto

Dettagli

Orientamento scolastico e partnership dei genitori

Orientamento scolastico e partnership dei genitori Orientamento scolastico e partnership dei genitori Progetto di Ricerca per l Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio nelle scuole secondarie di primo grado Prof. Antonio Cocozza Responsabile scientifico

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 La Strategia di comunicazione e gli obblighi di pubblicità 2 L attività

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

C O M U N E DI S P I N E A 30038 Prov.di Venezia SETTORE SERVIZI AI CITTADINI

C O M U N E DI S P I N E A 30038 Prov.di Venezia SETTORE SERVIZI AI CITTADINI C O M U N E DI S P I N E A 30038 Prov.di Venezia SETTORE SERVIZI AI CITTADINI PROTOCOLLO D INTESA Fra i seguenti soggetti: AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI SPINEA : Responsabile Settore Servizi Ai Cittadini

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to. COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.it Approvato con deliberazione G.C. n. 103/29.12.2010 INDICE

Dettagli

Progetto giovani, oggi e domani

Progetto giovani, oggi e domani Progetto giovani, oggi e domani Progetto per le Politiche Giovanili nei comuni di Ceresole d Alba (cn) Pocapaglia (cn) Sanfrè (cn) Sommariva Perno (cn) In collaborazione con Consorzio Socio Assistenziale

Dettagli

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE.

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 62-7503 DEL 19.11.2007 OGGETTO: MODIFICA ED INTEGRAZIONE

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

Allegato 1 DOCUMENTO DESCRITTIVO

Allegato 1 DOCUMENTO DESCRITTIVO Allegato 1 DOCUMENTO DESCRITTIVO 1. TITOLO PROVVISORIO DEL PROGETTO Bilancio di Genere per le Pubbliche Amministrazioni (GeRPA) A valere sul Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Agenzia ICE Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Allegati: 1 Scheda standard di monitoraggio 2 Informazioni di sintesi 1 Allegato 1: Scheda standard di monitoraggio

Dettagli

ASCOLTO ATTIVO E GOVERNANCE NEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DI STEZZANO

ASCOLTO ATTIVO E GOVERNANCE NEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DI STEZZANO ASCOLTO ATTIVO E GOVERNANCE NEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DI STEZZANO FASI AZIONI PER L AVVIO DEL PROCESSO Maggio 2007 Con il contributo dell Agenda21 Isola bergamasca Dalmine Zingonia Le fasi del

Dettagli

Politica per la Qualità della Formazione

Politica per la Qualità della Formazione Politica per la Qualità della Formazione Valutazione e accreditamento lasciano un segno se intercettano la didattica nel suo farsi, se inducono il docente a rendere il suo rapporto con i discenti aperto,

Dettagli

Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO.

Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale per le Migrazioni

Dettagli

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM All. DDG del 8 febbraio 2012 n. 1347 REGIONE CALABRIA Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM Indice Documento

Dettagli

La costituzione degli Organismi della Partecipazione della SdS di Firenze

La costituzione degli Organismi della Partecipazione della SdS di Firenze SOCIETA DELLA SALUTE DI FIRENZE La costituzione degli Organismi della Partecipazione della SdS di Firenze Gruppo di lavoro: Andrea Aleardi Assessorato alla Partecipazione Comune di Firenze Roberto Bocchieri

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI FINALITA' DELLA VALUTAZIONE Il processo di valutazione dei dipendenti dei servizi persegue differenti finalità, prima fra tutte quella

Dettagli

CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA Destinazione DOCUMENTAZIONE ACCREDITAMENTO ISTITUTO SITO WEB ISTITUTO 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 POLITICA DELLA QUALITA La scelta di dotarsi di un sistema di gestione

Dettagli

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE PER IL COORDINAMENTO DELLE POLITICHE GIOVANILI CONVENZIONE 2015 2017 Testo approvato con deliberazioni consiliari di Martellago del, n., Mirano del, n., Noale del,

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

SCHEDA TECNICA INT. 17 All. A/10

SCHEDA TECNICA INT. 17 All. A/10 Settore Servizi Socio-Assistenziali U.O. Attuazione e Gestione Piano Infanzia e Adolescenza SCHEDA TECNICA INT. 17 All. A/10 Intervento Premessa Intervento integrativo in ambito penale di Giustizia Riparativa.

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

SINERGO Società Cooperativa Sociale onlus Viale Alfieri n. 10, 46100 Mantova C.F. P.iva 02114040203 Tel/Fax 0376/367555 Cell.

SINERGO Società Cooperativa Sociale onlus Viale Alfieri n. 10, 46100 Mantova C.F. P.iva 02114040203 Tel/Fax 0376/367555 Cell. 1 AFFIDO L affido familiare è inteso come intervento assistenziale temporaneo che prevede siano mantenuti i rapporti tra il minore e la sua familia in vista del suo rientro, in quanto il principio ispiratore

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA Allegato 4 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA IL protocollo d accoglienza è un documento deliberato dal Collegio Docenti che contiene principi, indicazioni riguardanti l iscrizione

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

Centro per la Salute del Bambino / ONLUS

Centro per la Salute del Bambino / ONLUS Progetto In Vitro Progetto formativo Formazione degli operatori dei servizi sanitari, socio-educativi, bibliotecari e dei lettori volontari per la promozione della lettura da 6 mesi a 6 anni di vita Quadro

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri Protocollo d Intesa tra Le Scuole Nazionali di formazione della Pubblica Amministrazione su Diffusione, impiego e qualità dei sistemi di formazione a distanza e di

Dettagli

SISTEMA BIBLIOSAN REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO

SISTEMA BIBLIOSAN REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO SISTEMA BIBLIOSAN REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO Premessa Il Sistema Bibliosan promosso dal Ministero della Salute si avvale della rete delle biblioteche degli Enti di ricerca biomedici italiani. A Bibliosan

Dettagli

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN QUALITÀ La valutazione delle prestazioni basata sulle competenze Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance Lo strumento che verrà illustrato nelle pagine

Dettagli

Tutorial. al Piano di Miglioramento

Tutorial. al Piano di Miglioramento Tutorial al Piano di Miglioramento Il presente documento è protetto ai sensi della vigente normativa sul diritto d'autore Legge 6 del 9 e ss.mm.ii. Come definito nell introduzione il Piano di Miglioramento

Dettagli

Fondo Famiglia. L intenzione progettuale. Lo scenario

Fondo Famiglia. L intenzione progettuale. Lo scenario Fondo Famiglia L intenzione progettuale Il Fondo Famiglia è un progetto socio-pastorale della Diocesi di Roma affidato per la gestione, l amministrazione ed il coordinamento operativo alla Caritas diocesana

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

Approvato con Deliberazione di G.P. n. 293 del 29/11/2005. Visto:

Approvato con Deliberazione di G.P. n. 293 del 29/11/2005. Visto: PROTOCOLLO DI INTESA TRA LA PROVINCIA DI RIMINI, L AZIENDA USL, DELEGATA ALLA GESTIONE DELLE FUNZIONI IN MATERIA DI MINORI, E GLI ENTI AUTORIZZATI PER L ATTIVITA RELATIVA ALL ADOZIONE INTERNAZIONALE Approvato

Dettagli

PIANO PER LA COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE

PIANO PER LA COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE Comune di Ronco Scrivia (Provincia di Genova) PIANO PER LA COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE INTRODUZIONE Il Piano per la comunicazione e la partecipazione è uno strumento flessibile e quindi in condizione

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Premessa: Un sistema integrato

Dettagli

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ Per progetto si intende qualsiasi azione volta al perseguimento

Dettagli

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione 33 Valentina Croff * Premessa Contenuti e modalità di attuazione La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova Lo scorso mese di aprile il Consorzio Venezia Nuova

Dettagli

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR)

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) UNA CULTURA, UNA TRADIZIONE, UN SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE: IL CASO DI CASTELLI (TE) Indicazioni progettuali per un analisi territoriale, per un progetto di

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

LA STRATEGIA OBIETTIVI GENERALI

LA STRATEGIA OBIETTIVI GENERALI LA STRATEGIA La comunicazione di CONCORD ITALIA è finalizzata a sensibilizzare la cittadinanza sulle attività, l impatto e la sostenibilità delle nostre azioni nell ambito degli interventi realizzati dai

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

LA STRUTTURA DEL RAV

LA STRUTTURA DEL RAV GUIDA PRATICA ALLA ELABORAZIONE DEL RAV IN FUNZIONE DEL MIGLIORAMENTO Dino Cristanini Vico Equense 30 Gennaio 2015 LA STRUTTURA DEL RAV 1 CONTESTO E RISORSE Quali vincoli presentano? Quali leve positive

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMACE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMACE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMACE TITOLO I PRESUPPOSTI DEL SISTEMA Oggetto Il Sistema di Misurazione e Valutazione della Performance dell ASL di Lucca ha la finalità complessiva di

Dettagli

LA FONDAZIONE PER IL SUD

LA FONDAZIONE PER IL SUD LA FONDAZIONE PER IL SUD Sostiene la costituzione di Fondazioni di Comunità nelle Regioni del Sud Italia che rientrano nelle regioni ammissibili all obiettivo prioritario 1 come da regolamento CE n. 1260

Dettagli

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Introduzione alla direttiva del Dipartimento della Funzione Pubblica I principali campi di indagine Le fasi del processo di rilevazione (c) IdWeb S.r.l. Ottobre

Dettagli

PROGRAMMA ICO INTERVENTI COORDINATI PER L OCCUPAZIONE. Avviso pubblico per le imprese nei settori Agroalimentare, ICT e Nautico

PROGRAMMA ICO INTERVENTI COORDINATI PER L OCCUPAZIONE. Avviso pubblico per le imprese nei settori Agroalimentare, ICT e Nautico PROGRAMMA ICO INTERVENTI COORDINATI PER L OCCUPAZIONE Avviso pubblico per le imprese nei settori Agroalimentare, ICT e Nautico PROGRAMMA ICO INTERVENTI COORDINATI PER L OCCUPAZIONE AVVISO PUBBLICO PER

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 INDICE RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE Impegno della Direzione Attenzione focalizzata al cliente Politica della Qualità Obiettivi della Qualità Soddisfazione del cliente

Dettagli

Salute e sicurezza per i volontari di protezione civile. Dire&Fare Lucca 4 ottobre 2014

Salute e sicurezza per i volontari di protezione civile. Dire&Fare Lucca 4 ottobre 2014 Salute e sicurezza per i volontari di protezione civile Dire&Fare Lucca 4 ottobre 2014 Il decreto del Capo Dipartimento della Protezione Civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 12 gennaio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO;

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; Approvato con deliberazione di G.M. n. 57 del 24/03/2003 REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL

Dettagli

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione Empowerment of Migrant Associations for Co-development,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO INDICE Art. 1 Ambito di applicazione TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 Finalità del processo di gestione del patrimonio Art. 3 Fondo stabilizzazione erogazioni

Dettagli

Sviluppo del percorso

Sviluppo del percorso Ministero Pubblica Istruzione Titolo sintetico del progetto: I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca SCHEDA DI PROGETTO Regione PIEMONTE NUOVE TECNOLOGIE:

Dettagli

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro Materiale propedeutico al seminario territoriale Il contesto OBIETTIVO REGIONE LOMBARDIA Costruire un Welfare in grado di porre al centro

Dettagli