Formulari di Fisica. Raccolta dei più importanti formulari di fisica trovati su internet

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Formulari di Fisica. Raccolta dei più importanti formulari di fisica trovati su internet"

Transcript

1 Formulari di Fisica Raccolta dei più importanti formulari di fisica trovati su internet

2 FRMARI DI FIICA 1 nità di misura e statistica unghezza x metri m). empo t secondi s). Massa M chilogrammi kg). emperatura gradi Kelvin o K). Corrente elettrica I Ampere A). alor medio x = N 1=1 x i. carto quadratico medio σ 2 = 1 Ni=1 x x N 1 i ) 2. 2 Cinematica Moto rettilineo uniforme x = x 0 + v 0 t v = v 0 a = 0. Moto uniformemente accelerato x = x 0 + v 0 t + 1a 2 0 t 2 v = v 0 + a 0 t a = a 0. Moto circolare uniforme θ = θ 0 + ω 0 t ω = ω 0 v = Rω a = v2 ; periodo = 1 = 2π R f ω con f frequenza lineare. Moto armonico x = x M sin ω t + θ 0 ) con θ 0 fase angolo) iniziale. 3 Dinamica egge di Newton F = M a. Forza peso F = M g. Forza elastica F = k x. Forza di attrito in piano orizzontale F = µ M g. Forza di attrito viscoso F = c v; per sfera c = π R η. uantità di moto p = M v. Frequenza di oscillazione di un corpo soggetto a forza elastica ω = k M 4 Energetica avoro per forza costante = F x = F x cos θ). Energia cinetica = 1 2 M v2. Energia potenziale della forza peso = M g z. Energia potenziale della forza elastica = 1 2 k x2. otenza = t.

3 Fluidodinamica Densità di un materiale omogeneo ρ = M. egge di eonardo v 1 1 = v 2 2. ressione = F. egge di tevino B = A + ρ g z A z B ). egge di oiseuille v = R2 con η viscosità. 8η ermodinamica Calore assorbito = c s M con c s calore specifico. egge di Fourier = K t. egge dei gas perfetti = n R. avoro a pressione costante =. 1mo principio della termodinamica E = con E energia interna. Elettrologia q Forza di Coulomb F = k e = q E con E campo elettrico. r 2 otenziale elettrico = con energia potenziale eletrica. q Corrente elettrica I = q. t 1ma legge di hm = R I. 2nda legge di hm R = ρ.

4 Cinematica elocità v = d r dt Accelerazione a = d v dt = d2 r dt 2 Moto uniformemente accelerato v v 0 = a t x x 0 = v 0 t at2 x x 0 = 1 2 v 0 + v x )t vx 2 v0 2 = 2ax x 0 ) Corpo in caduta da fermo v = 2gh t = 2h/g Moto del roiettile y = x tan θ g 2v 2 0 cos2 θ x2 h max = v2 0 sin 2 θ 2g x max = v2 0 sin2θ) g Moto Circolare elocità angolare ω = dθ dt Accel. angolare α = dω dt = d2 θ dt 2 Moto Circolare niforme ω = 2π/ v tangenziale = ωr a centripeta = v 2 /r = ω 2 r Moto Circolare nif. Accel. ω ω 0 = α t θ θ 0 = ω 0 t αt2 Moto curvilineo a = a ˆθ + arˆr = d v dt ˆθ v2 r ˆr istemi a più corpi Massa totale m = m i = dm Centro di massa r CM = m i r i )/m = r i dm)/m v CM = d r CM /dt = m i v i /m a CM = d v CM /dt = d 2 r CM /dt 2 Momento di inerzia I asse = m i r 2 i = r 2 dm eorema assi paralleli I asse = I CM + md 2 Forze avoro ed Energia egge di Newton F = m a Momento della forza τ = r F Forze Fondamentali Forza peso F g = mg Forza elastica F el = kx l 0 ) Gravità Fg = G Mm r 2 ˆr Elettrostatica FE = 1 ˆr q 1 q 2 4πε 0 r 2 Forze di Attrito tatico F µ N Dinamico FD = µ D N ˆv iscoso F = β v avoro = x f x i F d θf l = θ i τdω Forza costante = F l Formulario di Fisica Generale I Forza elastica = 1 2 k x f l 0 ) k x i l 0 ) 2 Forza peso = mgh ) 1 Gravità = Gm 1 m 2 Elettrostatica = q 1q 2 4πε 0 1 r f r i 1 1 r i r f otenza = d dt = F v = τω Energia Cinetica K = 1 2 mv2 { 1 Rotazione K = 2 m vcm I CMω I AsseFissoω 2 Forze vive K f K i = otenziale = = x f x i F d l Meccanica E = K + = 1 2 mv2 + Conservazione E f E i = NN CN En. potenziale forze fondamentali Forza peso h) = mgh Forza elastica x) = 1 2 kx l 0) 2 Gravità r) = G m 1m 2 r Elettrostatica r) = 1 q1q 2 4πε 0 r Impulso e Momento Angolare uantità di moto p = m v Impulso I = p f p i = t 2 t 1 F dt Momento angolare = r p Intorno ad un asse fisso = I asse ω Equazioni cardinali p = p i = m v CM = i = I asse ω I card Fext = d p /dt = m a CM II card τ ext = d /dt Asse fisso τ ext = I asse α asse eggi di conservazione p = costante Fext = 0 = costante τ ext = 0 E = costante NNCN = 0 rti er due masse isolate p = costante Anelastico v f = m1v1+m2v2 m 1+m 2 Elastico { conservazione energia) m1 v 1i + m 2 v 2i = m 1 v 1f + m 2 v 2f m 1 v1i 2 v2 1f ) = m 2v2f 2 v2 2i { ) v1f = m1 m2 m 1+m 2 v 1i + 2m2 m 1+m 2 v 2i v 2f = m2 m1 m 1+m 2 v 2i + 2m1 m 1+m 2 v 1i Moto Armonico xt) = A cos ) ωt + φ 0 vt) = ωa sin ) ωt + φ 0 at) = ω 2 A cos ) ωt + φ 0 = ω 2 xt) A = x v0 ) 2 ω 1 ) φ 0 = arctan v ) 0 ωx 0 f = ω/2π = 2π/ω Molla ω = k/m endolo ω = g/ Momenti di inerzia notevoli Anello intorno asse I = mr 2 Cilindro pieno intorno asse I = 1 2 mr2 barretta sottile asse CM I = 1 12 m2 fera piena asse CM I = 2 mr2 astra quadrata asse I = 1 m2 Gravitazione 3 a legge di Keplero 2 = el. di fuga v = 2GM R ) 4π 2 GM R 3 Elasticità Modulo di Young F/A = Y / Compressibilità p = B / Modulo a taglio F/A = M t x/h Fluidi pinta di Archimede B A = ρ g Continuità A v = costante Bernoulli p ρv2 + ρgy = costante nde elocità v pulsazione ω lunghezza d onda λ periodo frequenza f numero d onda k. v = ω/k = λ/ = λf ω = 2π/ k = 2π/λ nde su una corda elocità v = /µ postamento y = y max sinkx ωt) otenza = 1 2 µvωy max) 2 nde sonore elocità v = B/ρ = γp/ρ v ) = v 0 ) / 0 postamento s = s max coskx ωt) ressione = max sinkx ωt) max = ρvωs max Intensità I = 1 2 ρvωs max) 2 = 2 max 2ρv IntensitàdB) β = 10 log 10 I I 0 oglia udibile I 0 = /m 2 Effetto Doppler ) v + f v cos θ = f v v cos θ

5 ermodinamica rimo principio Calore e cap. termica = C Calore latente di trasf. t = /m avoro sul sistema { d = pd + sulsistema En. interna = delsistema B d RE Entropia AB = Calore specifico er unità di massa c = C/m er mole c m = C/n er i solidi c m 3R Gas perfetto c p c = R c c p γ = c p /c 3 monoatom. 2 R 2 R 3 biatomico 2 R 2 R Gas perfetti Eq. stato p = nr = Nk b Energia interna = nc Entropia = nc ln f i Isocora = 0) = 0 ; = nc v Isobara p = 0) = p ; = nc p Isoterma = 0) A + nr ln f i = = nr ln f i Adiabatica = 0) p γ = cost. γ 1 = cost. ; p 1 γ γ = cost. = = 1 γ 1 f f i i ) Macchine termiche Efficienza η = = 1 C C... frigorifero = C C... pompa di calore= Eff. di Carnot η RE = 1 C eorema di Carnot η η RE Espansione termica dei solidi Esp. lineare / i = α Esp. volumica / i = β Coefficienti β = 3α β gas perfetto p costante β = 1/ Conduzione e irraggiamento Corrente termica = t = R = ka x Resistenza termica R = x ka Resistenza serie R eq = R 1 + R 2 1 Resistenza parallelo R eq = 1 R R 2 egge tefan-boltzmann = eσa 4. onda emissione λ max = Gas reali Eq. an Der aals p + a n )2 ) nb) = nr mmk Calcolo vettoriale rodotto scalare A B = A B cos θ A B = A x B x + A y B y + A z B z A = A A = A 2 x + A 2 y + A 2 z versore  = A/ A rodotto vettoriale A B î ĵ ˆk = A x A y A z B x B y B z A B = A y B z A z B y )î + A z B x A x B z )ĵ + A x B y A y B x )ˆk Costanti fisiche Costanti fondamentali Grav. G = m 3 /s 2 kg) el. luce nel vuoto c = m/s Carica elementare e = C Massa elettrone m e = kg Massa protone m p = kg Cost. dielettrica ε 0 = F/m erm. magnetica µ 0 = 4π 10 /m Cost. Boltzmann k b = J/K N. Avogadro N A = mol 1 C. dei gas R = { J/mol K) atm/mol K) C. tefan-boltzmann σ = /m 2 K 4 ) Altre costanti Accel gravità sulla terra g = 9.81 m/s 2 Raggio terra R =.3 10 m Massa terra M = kg Massa sole M = kg Massa luna M = kg ol. 1 mole di gas = 22.4 emp 0 assoluto θ 0 = 23.1 C rigonometria sin 2 α) + cos 2 α) = 1 tanα) = sinα) cosα) sin α) = sinα) cos α) = cosα) sinα±β) = sinα) cosβ)±cosα) sinβ) cosα±β) = cosα) cosβ) sinα) sinβ) sinα) = ± cosπ/2 α) = ± sinπ α) cosα) = sinπ/2 ± α) = cosπ ± α) sin 2 α) = 1 cos2α) 2 cos 2 α) = 1+cos2α) 2 sinα) + sinβ) = 2 cos α β 2 sin α+β 2 cosα) + cosβ) = 2 cos α β 2 cos α+β 2 Derivate d dx fx) = f x) d dx a x) = af a x) d dx fgx)) = f gx)) g x) d dx xn = nx n 1 d 1 dx x n = n 1 d dx ex = e x d dx ln x = 1 x d dx d dx x n+1 sinx) = cosx) cosx) = sinx) Integrali fx)dx = Ix) fx a)dx = Ix a) Ia x) fa x)dx = a x n dx = xn+1 n + 1 n 1 1 x n = 1 n 1) 1 x n 1 n 1 1 dx = ln x x e x dx = e x sinx)dx = cosx) cosx)dx = sinx) x1 x 0 fx)dx = Ix 1 ) Ix 0 ) Approssimazioni x 0 = 0) sin x = x + x 2 ) 1 + x) α = 1 + αx + x 2 ) ln1 + x) = x + x 2 ) et al. ersione 2 13 giugno

6 FIICA GENERAE II FRMARI di EERMAGNEIM 1) Elettrostatica ɛ = ɛ o ɛ r = costante dielettrica assoluta ; ɛ r = costante dielettrica relativa Nel vuoto e nella maggior parte dei gas condizioni )ɛ r 1 egge di Coulomb nel vuoto F = 1 q 1 q 2 4πɛ o r ˆr 2 Campo elettrostatico E = F q o E = d F dq otenziale forma integrale 1 ) 2 )= 2 1 E dl forma differenziale E = grad = Conservativitá del campo elettrostatico Forma integrale E dl =0 Forma differenziale E =0 Campo elettrostatico e potenziale generati da -carica isolata puntiforme E = 1 q 4πɛ r ˆr = 1 q 2 4πɛ r -distribuzione discreta di carica E = 1 q i ˆr 4πɛ r 2 i = 1 i i 4πɛ -distribuzione continua di carica E = 1 ρdτ 4πɛ r ˆr = 1 2 4πɛ Ω qi r i Dipolo elettrico otenziale = 1 p r = 1 1 p 4πɛ r 3 4πɛ r ) Campo E = 1 4πɛ 3 p r ) p r r r 3 Energia del dipolo in un campo esterno = p E Forza agente su un dipolo costante F = = p E ) Momento meccanico agente τ = p E Multipoli Il potenziale generato da una distribuzione di carica a grande distanza dalle cariche puó venir espresso tramite uno sviluppo in serie i cui primi termini sono = 1 p r r πɛ r + 1 4πɛ carica totale e p momento di dipolo della distribuzione) distribuzione discreta p = i q ix i i q iy i i q iz i ) 1 Ω ρdτ r

7 distribuzione continua p = ρxdτ ρydτ ρzdτ) egge di Gauss Forma integrale Σ E ˆn d= int ɛ o Σ superficie chiusa) Forma differenziale E = ρ ɛ o Conduttori E int =0 conduttore è sempre equipotenziale campo in vicinanza di un conduttoreeorema di Coulomb) E = σ ɛ o ˆn forza per unitá di superficie su un conduttore df d = σ2 2ɛ o Equazione del potenziale elettrostatico Equazione di oisson 2 = ρ ɛ o Equazione di aplace 2 =0 doveρ =0) Condensatori Definizione di capacitá C = Capacitá cond. piano C = ɛ d Capacitá cond. cilindrico C = 2πɛ logr est /r int ) Capacitá cond. sferico C =4πɛ r intr est r est r int Condensatori in parallelo C = C + C C N 1 Condensatori in serie C = C 1 C 2 C N Energia del condensatore = 1 2 = 1 2 C 2 = 1 2 Forza tra armature F = 2 2ɛ cond.piano) Dielettrici p ettore polarizzazione = lim τ 0 τ momento dip. per unitávolume) mezzo isotropo e lineare = ɛo χ E uscettivitá dielettrica χ e = Nα def + α orien N4πRat p 2 o 3ɛ o k N = no. molecole per unitá divolume) Costante dielettrica relativa ɛ r = χ +1 ettore spostamento elettrico D = ɛ o E + = ɛo ɛ r E Cariche di polarizzazione σ pol = ˆn ρ pol = 2 C 2

8 Equazioni dell elettrostatica in presenza di dielettrici E =0 ; E dl =0 D = ρ ; Σ D ˆnd = lib Condizioni di continuitá all interfaccia fra due mezzi E t1 = E t2 ; D n1 = D n2 Dielettrici densi Campo di orentz E m = E + 3ɛ o Formula Clausius-Mossotti ɛ r 1 ɛ r +2 = Nα 3ɛ o Energia elettrostatica Energia distribuzione discreta = πɛ iji j q i q j r ij = 1 2 q i i i potenziale di tutte le cariche i) Energia distribuzione continua = 1 ρ dτ 2 Energia sistema conduttori = 1 i i 2 i potenziale conduttore i con carica i ) Densitá energia del campo u = 1 1 E D = 2 2 ɛ oɛ r E 2 Densitá energia interazione di un dielettrico in un campo esterno u = 1 1 E D = 2 2 ɛ oɛ r E 2 i i 2) Correnti stazionarie Densitá di corrente j = nq v = ρ v Equazione di continuitá j = ρ ρ=densitá di carica) t Intensitá di corrente i = dq dt = j ˆn d Σ egge di hm forma locale) j = σ E σ=conducibilitá) per elemento finito = Ri Resistenza conduttore di sezione costante R = 1 l σ = ρ l s N resistenze in serie R = R 1 + R R N 1 N resistenze in parallelo R = R 1 R 2 R N eggi di Kirchhoff - legge dei nodi k i k =0 legge delle maglie k i kr k = k k Effetto Joulepotenza = d/dt =energia) in forma locale d = j E dτ conduttore finito = i = i 2 R 3

9 3) Magnetismo Magnetostatica nel vuoto Campo generato da una carica in moto B = µ o v r 4π q r 3 µ o dl r Campo generato da una corrente B = 4π i r 3 -filo rettilineo indefinito B = µ o i 2π r ˆτ -spira circolare sull asse!) B = µ o 2 i R 2 ˆk R2 + z 2 ) 3 -interno solenoide indefinito B = µ o in n = N spire Forza agente su una corrente F = i dl B Forza su carica in motoforza orentz) F = q v B Equazioni della magnetostatica nel vuoto B =0 ; Σchiusa B ˆnd =0 B = µo j ; B dl = µo iconc Dipolo magnetico r jdτ Momento dipolo distrib. correnti m = 1 2 er una spira piana m = iˆn otenziale ettore A = µ o m r 4π r 3 Campo B = µ o 4π 3 m r ) m r r r 3 Energia dipolo in campo esterno = m B Momento agente su dipolo in campo esterno M = m B Momento magnetico e momento angolare di una carica q massa m in moto circolare uniforme m = recessione di armor) in campo esterno ω = qb m q 2m otenziale vettore Definizione B = A Equazione del potenziale 2 A = µo j otenziale generato da un dipolo A = µ o m r 4π r 3 roprietá magnetiche della materia ettore magnetizzazione m M = lim τ 0 τ momento dipolo per unitá divolume) mezzo isotropo e lineare 1 χ M = B = χ µ o 1+χ 4

10 NZe 2 <r 2 > N m 2 o uscettivitá magnetica χ m = χ dia + χ par µ o + µ o m e 3 k ettore campo magnetico = 1 χ M Relazione fra B e B = µ o + µo M = µo µ r µ r = χ +1 Correnti di magnetizzazione j sup = M ˆn j vol = M Equazioni della magnetostatica nei mezzi materiali = j libere ; dl = iconc B =0 ; Σchiusa B ˆnd =0 Condizioni di continuitá all interfaccia fra due mezzi t1 = t2 ; B n1 = B n2 Circuiti magnetici egge di opkinson F = RΦ F = Ni forza magnetomotrice) R = 1 l µ Riluttanza) Riluttanze in serie R = R 1 + R R N 1 Riluttanze in parallelo R = R 1 R 2 R N 4) Campi variabili Campi quasi-statici egge di Faraday-Neumann Forma integrale dφ E dl = dt = d B ˆnd dt Σ Forma locale E = B t Coefficiente di mutua induzione fra due circuiti Φ 2 = M 12 i 1 ; Φ 1 = M 21 i 2 ; M 12 = M 21 Coefficiente di autoinduzione Induttanza solenoide Φ = i = µ o n 2 l Energia magnetica Energia sistema circuiti = 1 Φ k i k 2 Densitá energia del campo u = 1 1 B = 2 2 µ oµ r 2 = 1 B 2 2 µ o µ r Energia induttore = 1 2 i2 k

11 ) Circuiti elettrici Grandezze variabili sinusoidalmente e fasori i = i o cosωt + φ) Ri o exp iφ)expiωt) = RI I = Ĩoe iωt) ; Ĩ o = i o e iφ Circuito RC Circuito R R dq dt + q C = Carica C q = C 1 exp t/τ) ; τ = RC carica C q = q o exp t/τ) Extracorrente chiusura di dt + Ri= i = 1 exp t/τ) ; τ = /R R Extracorrente apertura i = exp t/τ) R Circuito RC serie d2 i dt + Rdi 2 dt + 1 C i = Frequenza di risonanza ω r =2πν r = 1 C Impedenze complesse resistenza Z = R capacitá Z = 1 iωc induttanza Z = iω EquazionidiMaxwell ) nde elettromagnetiche Forma differenziale Forma integrale D = ρ D ˆnd = i nt Σ B =0 Σ B ˆnd =0 B E = t Γ E ˆdl = B ˆn d t Σ D = j + t Γ ˆdl = Σ j ˆn d+ t Densitá corrente di spostamento j = D t egge di hmper conduttori) j = σ E Caratteristiche generali propagazione per onde Equazione delle onde 3D) 2 φ 1 v 2 2 φ t 2 =0 Equazione delle onde 1D) 2 φ z 2 1 v 2 2 φ t 2 =0 Σ D ˆn d

12 parametri dell onda sinusoidale numero d onda k = 2π λ = ω v vettore d onda k = k versore propag.) lunghezza d onda λ = v ν pulsazione ω =2πν onda piana sinusoidale progressiva1d) φ = φ 0 sinkz ωt) φ 0 e ikz ωt) onda sferica sinusoidale progressiva1d) φ = φ 0 r sin k r ωt) =φ 0 e i Caratteristiche delle onde elettromagnetiche elocitá di propagazionefase) v = rasversalitá onde e.m. E = v B nda piana polarizzata asse-x) E = E x = E o sinkz ωt) B = B y = B o sinkz ωt) E o = vb o = Z o o ; Z o = k r ωt) c ; c = 1 ɛr µ r ɛo µ o µo ɛ o 3Ω elocitádigruppo v g = dω dk = c nω)+ω dn dω Effetto Doppler c=velocitá onda e.m.) ν = ν 1 v oss/c)cosθ 1 v 2 sor /c 2 Effetto Doppler nel moto collinearenon relativistico v=velocitá onda) Energia e impulso dell onda ν = v v oss v v sor ν Densitá dienergiau = 1 2 ɛe µ2 = ɛe 2 = B2 µ energia per unitá di volume) ettore di oynting = E Intensitá istantanea)dell onda I = potenza per unitá di superficie) = vɛe 2 = vu Intensitá media) dell ondasinusoidale) < I >= vɛ E2 2 uantitá di moto dell onda p = u onˆk = v per unitá di superficie e unitá ditempo)

13 Dipolo elettrico oscillante pt) =p o sin ωt Campo a grandi distanzevuoto) E θ = 1 p o 4πɛ o r sin θω c )2 sinkr ωt) ; B φ = 1 p o 4πɛ o cr sin θω c )2 sinkr ωt) Intensitámedia) irraggiata dal dipolo < I >= p 2 oω 4 32π 2 ɛ o c 3 r 2 sin2 θ energia per unitá superficie e unitá di tempo) otenzamedia) totale irraggiata dal dipolo =< de dt >= p2 oω 4 12πɛ o c 3 Carica accelerata otenzamedia) totale irraggiata carica q oscillante sinusoid. z = z o sin ωt =< de dt >= q2 zo 2ω4 12πɛ o c 3 Intensitá irraggiata da carica accelerata nella direzione θrispetto all accelerazione) Iθ) = d dθ = q2 a 2 1π 2 ɛ o c 3 sin2 θ otenza istantanea irraggiata da una carica accelerata = de dt = q2 a 2 πɛ o c 3 ) ttica ttica geometrica Indice di rifrazione n = ɛ r ; ɛ r = ɛ r ω) cost. dielettrica velocitá della luce in un mezzo v = c n cammino ottico d = i n il i sin θ 1 eggi di nell θ inc = θ rifl ; = n 2 = v 1 sin θ 2 n 1 v 2 angolo limite sin θ lim = n 2 ; se n 2 <n 1 n 1 angolo di Brewster tan θ Bre = n 2 n 1 Formule di Fresnel µ 1 = µ 2 µ o ) E rifl ) = n 2 cos θ 1 n 1 cos θ 2 = tanθ 1 θ 2 ) E inc n 2 cos θ 1 + n 1 cos θ 2 tanθ 1 + θ 2 ) E rifl ) = n 1 cos θ 1 n 2 cos θ 2 = sinθ 1 θ 2 ) E inc n 1 cos θ 1 + n 2 cos θ 2 sinθ 1 + θ 2 ) 2n 1 cos θ 1 E tra E inc ) = E tra E inc ) = 2cosθ 1 sin θ 2 sinθ 1 + θ 2 )cosθ 1 θ 2 ) = n 2 cos θ 1 + n 1 cos θ 2 2n 1 cos θ 1 = 2cosθ 1 sin θ 2 n 1 cos θ 1 + n 2 cos θ 2 sinθ 1 + θ 2 ) trasmittivitá t = E tra E inc ) 2 riflettivitá r = E rifl E inc ) 2 8

14 Caso di incidenza normale di onda non polarizzata Interferenza Diffrazione t = 2 n 1 n 2 n 1 + n 2 ) 2 r = n 1 n 2 n 1 + n 2 ) 2 Formula lenti sottili 1 p + 1 q = 1 f ; 1 f =n 1) 1 r 2 1 r 1 ) Interferenza fra onde pianesinusoidali lin. polarizzate E 1 = A 1 sinkz ωt)+φ 1 E 2 = A 2 sinkz ωt)+φ 2 I = I 1 + I 2 +2 I 1 I 2 cosφ 1 φ 2 ) Due sorgenti coerentialla Young) I = I o cos 2 β β = πd sin θ d = distanza fra sorgenti) λ N sorgenti coerenti I = I o sin2 Nδ/2) sin 2 δ/2) δ = 2π d sin θ b = larghezza fenditura) λ Diffrazionedi Fraunhofer) da fenditura rettangolare I = I o sin2 α ) α 2 α = πb sin θ b = larghezza fenditura) λ condizione per i minimi ; sin θ = n λ b Diffrazionedi Fraunhofer) da foro circolare I = I o 2J 12πR sin θ/λ) 2 2πR sin θ/λ condizione per il 1 o minimo ; n 0 sin θ =1.22 λ 2R Diffrazionedi Fraunhofer) da reticolo di N fenditure I = I o sin2 α ) sin2 Nβ α 2 sin 2 β ) α = πb λ sin θ b = larghezza fenditura) β = πp λ sin θ p = distanza fra fenditure) massimi di intensitá ; p sin θ = nλ p= passo otere dispersivo del reticolo ; dθ dλ = otere risolutivo del reticolo ; 9 n p cos θ λ λ = nn

15 8) peratori vettoriali e trasformazioni di coordinate Coordinate cartesiane Elemento di volume dτ = dx dy dz grad f f = f + f xîx y îy + f z îz div v v = v x x + v y y + v z z rot v v = v y z v z y î x + v z x v x z î y + v x y v y x î z aplaciano 2 = 2 x y z 2 Coordinate cilindriche rasformazione da x y z) ρ θ z) x = ρ cos θ ; y = ρ sin θ Elemento di volume dτ = ρdρdθdz grad f f = f + 1 f ρîρ ρ θ îθ + f z îz div v v = 1 ρ ρ ρv ρ)+ 1 ρ θ v θ + z v z rot v v = 1 v z ρ θ v θ z î ρ + v ρ z v z ρ î θ + 1 ρ ρv θ) ρ aplaciano 2 = 1 ρ ρ ρ ρ )+ 1 2 ρ 2 θ z 2 Coordinate sferiche rasformazione da x y z) ρ θ φ) x = ρ sin θ cos φ ; y = ρ sin θ sin φ ; z = ρ cos θ Elemento di volume dτ = ρ 2 sin θdρdθdφ grad f f = f + 1 f ρîρ ρ θ îθ + 1 f ρ sin θ φîφ div v v = 1 ρ 2 ρ ρ2 v ρ )+ 1 ρ sin θ rot v v = 1 ρ sin θ v φ sin θ) θ 1 ρ ρv θ) v ρ ρ θ î φ θ v θ sin θ)+ 1 v θ φ î ρ + 1 ρ 1 sin θ aplaciano 2 = 1 ρ 2 ρ ρ2 ρ )+ 1 ρ 2 sin θ θ sin θ θ ) + 1 sin θ Relazioni vettoriali utili a b c )= b a c ) c a b ) rot grad f f =0 div rot v v =0 rot rot v v = v ) 2 v rotf v ) f v )=f v ) f v divf v ) f v )=f v )+ f v v φ φ v ρ θ î z ρ sin θ v ρ φ ρv φ) ρ î θ + 2 φ 2 10

16 9) Costanti di uso frequente Costante dielettrica del vuoto ɛ o = F/m ermeabilitá magnetica del vuoto µ o =4π 10 /m Carica dell elettrone e = C Massa dell elettrone m e = kg Rapporto e/m dell elettrone e/m = C/kg Massa del protone m p = kg elocitá delle onde e.m. nel vuoto c = m/s Impedenza del vuoto Z o = 3. Ω Costante di lanck h = J s Magnetone di Bohr µ B = Am 2 Costante gravitazionale G = m 3 kg 1 s 2 Numero di Avogadro N A = mol 1 Costante di Boltzmann k = JK 1 Costante dei gas R =8.314 J/mol K) =1.98 cal/mol K) olume di una mole gas ideale) k = m 3 mol 1 nitá astronomica A = m Raggioequatoriale)della terra R = m Massa della terra M = kg Massa del sole M = kg 11

17 Formulario Fisica 1 2 luglio Nome Grandezza imbolo nità equivalenti 1 1. v = x/ t pendenza della retta b C h a radiante al secondo elocità angolare rad/s radiante al secondo 2 Accelerazione angolare rad/s 2 newton Forza N Kg m/s 2 pascal ressione a N/m 2 joule Energia lavoro calore J N m watt otenza flusso radiante J/s coulomb uantità di elettricità carica elettrica potenziale elettrico differenza di potenziale C A s 2. lim t 0 x/ t pendenza della tg derivata di x = xt) rispetto a t 3. a = v/ t der. della vel. rispetto a t Moto uniformemente accelerato 1. v = v 0 + at 2. x = x 0 + v 0t + 1/2)at 2 3. v = v 0 + v)/2 A c B volt Forza elettromotrice N m/c volt al metro Campo elettrico /m N/C farad Capacità elettrica F A s/ ohm Resistenza elettrica Ω /A 4. a = v v 0 )/t Caduta libera 1. v y = gt 2. h = 1/2)gt 2 weber Flusso magnetico b s tesla Induzione magnetica b/m 2 N/A m henry Induttanza s/a joule al kelvin Entropia J/K joule al Kg per kelvin Calore specifico J/Kg K ancio verso l alto 1. h = v 0yt 1/2)gt 2 2. h max = v 2 0)/2g) ancio dall alto A θ x y watt al metro per kelvin Conducibilità /m K watt allo steradiante Intensità radiante /sr α α sin α cos α tan α π/ 1/2 3/2 3/3 4 π/4 2/2 2/2 1 0 π/3 3/2 1/ π/2 1 0 termica 1. t = p 2h)/g 2. h = 1/2)gt 2 3. R = v 0 p 2h)/g 4. v 0 = R p g/2h). v y = 2gh. a x = 0. a y = g h 1. y = A sin Θ x = A cos Θ A = p x 2 + y 2 R 2. Θ = tan 1 x/y) sin Θ = y/a cos Θ = x/a tan Θ = y/x 3. c 2 = a 2 + b 2 2ab cos C 4. Area= 1 2 hc = 1 2 ab sin C = c2 sin A sin B 2 sin C rodotto scalare A B = A B cos α = A x B x + A y B y + A z B z ; A B nullo A B max rodotto vettoriale A B = A B sin α = ı Ay B z A z B y ) + j A z B x A x B z ) + k Ax B y A y B x ); A B max A B nullo Formule utili ancio 2d 1. x x 0 = v + v 0 )/2)t spostamento in funzione del tempo 2. x x 0 = vt 1/2)at 2 spostamento eliminando v 0 3. v 2 = v ax x 0) 4. x x 0 = v 2 v 2 0)/2a) spostamento in funzione di v 0 v a 1. xt) = v 0xt θ h R Conversione da m/s a km/h si moltiplica per 3; da km/h a m/s si divide per 3 2. yt) = v 0y t 1/2)gt 2 3. v = p v 2 x + v 2 y Conversione rad gradi 180 /π = x /y rad 4. v x = v cos Θ. v y = v sin Θ. Θ = tan 1 v 0x /v 0y ) 1 uesto formulario non ha la pretesa di essere completo. uò contenere errori e imprecisioni se ne trovate scrivetemi incenzo Corcione t = v 0y /g 8. t R = 2t h 9. h max = v 2 0y/2g

18 Formulario Fisica 1 2 luglio Θ = sin 1 gr/v 2 0) angolo di lancio 2. = mg 11. sin 2Θ = Rg/v 2 0) max gittata per π/2 3. a = gh/l 12. R = v 2 0 sin 2Θ)/g = 2v 0x v 0y )/g gittata 4. t = l p 2/gh) Moto circolare. v = 2gh 1. f = 1/ Molla v s 2. v = 2πR)/ = 2πRf = ωr 3. ω = Θ/ = 2π/ = 2πf = v/r 4. a c = 2πv)/ = v 2 /R = ω 2 R = 4π 2 R)/ 2. = 2π)/ω. F c = mω 2 R = mv 2 /R). xt) = R cos ωt 8. yt) = R sin ωt 9. v x = ωr sin ωt 1. ω = p k/m = 2π/ 2. = 2π/ω = 2π p m/k 3. v max = ωx 0 = x 0 p k/m 4. x = x 0 cos ωt x = vm/k) 2. F = kx forza elastica. 1/2)kx 2 0 energia potenziale elastica; v = ω p x 2 0 x2. = 1/2)kx 2 0 lavoro necessario per allungare la molla di x 0 θ R 10. a x = ω 2 R cos ωt = ω 2 x endolo rti 1. p = m v quantità di moto 1. ω = 2π/ = p g/l = v/l 2. = 2π/ω = 2π p l/g 3. v = 2gh 2. p = p p 2 x + p 2 y + p 2 z 4. h = l1 cos Θ) 3. I = F t 4. centro di massa = m 1 x 1 + m 2 x 2 )/m 1 + m 2) 2 corpi). v p = m p + M)/m p ) 2gh vel. del proiettile pendolo balistico). ω = p mgd/i pendolo composto. v cdm = m 1 v 1 + m 2 v2)/m1 + m 2 ). 1 = v 1 m 1 m 2 )/m 1 + m 2 ) 2 = v 12m 1)/m 1 + m 2) velocità dopo urto elastico 1 dimensione. v 2 1 = cos α urto elastico 2 dimensioni; se m 1 = m 2 α = = v 1 m 1 m 2 )/m 1 + m 2 )) + v 22m 2)/m 1 + m 2) 2 = v 1 2m 1 )/m 1 + m 2 )) + v 1 m 2 m 1 )/m 1 + m 2 ) velocità dopo urto elastico 1 dimensione con bersaglio in moto. = 2π p I/mgd pendolo composto Moto armonico 1. x = x 0 cos ωt = A cosωt + φ) con A = ampiezza φ = fase 2. at) = ω 2 xt) caratteristica del moto armonico 3. velocità = ωa sinωt + φ) 4. accelerazione = ω 2 A cosωt + φ) Relazione del moto armonico con il moto circolare uniforme h l Attrito θ 9. v = m 1v 1 + m 2v 2)/m 1 + m 2) velocità dopo urto anelastico 10. µ = m 1 m 2 )/m 1 + m 2 ) massa ridotta 1. µ s = F a) s/f N coeff. attr. statico 2. µ d = F a ) d /F N coeff. attr. dinamico 3. F N = mg cos Θ forza normale 4. µ n = mgµ = F iano inclinato 1. F = h/l = sin Θ 1. x = R cosωt + φ) 2. = 2π/ω 3. y φ = y π/2 Moto rotazionale corpi estesi) 1. ω dθ/dt velocità angolare; v = Rω con Θ in rad 2. α = d 2 Θ/dt 2 accelerazione angolare; a = Rα 3. Θ = Θ 0 + ω 0 t + 1/2)αt 2 4. e è un moto circolare uniforme f = numero di giri al secondo; v = 2πRf; ω = 2πf con ω in rad/s

19 Formulario Fisica 1 2 luglio = r p momento angolare con p = quantità di moto e r = vettore dall origine a p Centro di massa 1. v cm = Σm i v i )/Σm i 2. R cm = Σm i r i )/Σm i baricentro 3. = d /dt 4. k = 1/2)mv 2 cm + k k =energia cinetica misurata nel sistema del c.d.m. Momento di inerzia m.i.) 1. = Iα momento delle forze con α accelerazione angolare 2. I = Σr 2 i m i momento di inerzia; Iω momento angolare 3. k = 1/2)Iω 2 energia cinetica 4. I = I cm + Mh 2 teorema di uygens- teiner. mr 2 m.i. anello. 1/2)R 2 m.i. cilindro. ml 2 )/12 m.i. sbarra 8. 2/)mR 2 m.i. sfera piena 9. 2/3)mR 2 m.i. sfera vuota 10. 3/2)mR 2 m.i. disco rispetto ad un asse periferico) scillazioni smorzate arie 1. R = b v 2. F ot = ma = kx bv 3. xt) = Ae b/2m)t cosωt + φ) p 4. ω = k/m) b/2m) 2 p = ω 2 0 b/2m) 2 con ω0= 2 pulsazione in assenza di smorzamento 1. = F x Elettricità 2. = 1/2)mv 2 B 1/2)mv 2 A = F lavoro 3. F = F cos α componente del lavoro nella direzione dello spostamento 1. ε 0 = C 2 /Nm 2 costante dielettrica nel vuoto 2. k 0 = 1/4πε 0 ) = Nm 2 /C 2 3. µ 0 = 4π 10 m)/a = henry/m permeabilità magnetica nel vuoto 4. F = k 0 q 1 q 2 )/r 2 egge di Coulomb nel vuoto. p momento del dipolo. F = qk 0 p/r 3 forza del dipolo sulla carica q. E = F /q campo elettrico 8. E = k 0 /r 2 ) r campo elettrico generato da una carica puntiforme 9. E d A = 4πk0 int = 1/ε 0 ) int eorema di Gauss se int = 0 allora # linee entranti = # linee uscenti 10. φ = E A flusso 11. φ = E d A per una superficie 12. E d A = 4πk0 per una carica puntiforme e una superficie chiusa qualunque 13. B A = q/r)k 0 potenziale elettrico per il campo elettrico puntiforme 14. /q = k 0 )/r otenziale elettrostatico = energia potenziale per unità di carica conduttore sferico con carica superficiale 1. = Ex 0 = ED differenza di potenziale D =distanza 1. E = 4πk 0 σ condensatore 2 strati. σ = /A densità superficiale 1. E = σ/2ε 0 ) = 2πk 0 σ lamina carica cond. 1 strato 18. E = k 0 /r 2 ) carica a simmetria sferica a distanza r > R se r < R E = E = k 0 /R 3 )r sfera uniformemente carica 20. = 1/2) 2 0/C energia condensatore 21. = k 0 q)/r = k 0 e 2 )/R energia potenziale elettrone accelerato 22. C = A/4πk 0 x 0 ) = /C capacità condensatore 23. C /C = k = 1/1 q /q 0 )) costante dielettrica q carica indotta 24. C = q 0 / = q 0 /Ex 0 ) dielettrici Elettrodinamica 1. I = /t intensità di corrente carica per unità di tempo in A = C/

20 Formulario Fisica 1 2 luglio j = ρ v densità di corrente ρ = densità di carica 3. I = j A corrente per unità di superficie. e j è variabile allora I = j A 4. I = N ev d A v d vel. media di deriva. R = /I resistenza. I = qnalv. R = mvx 0 )/N e 2 A) = ρx 0 /A con m =massa elettrone v =velocità elettrone N =num. medio di elettroni per unità di volume =cammino libero medio ρ =resistività 8. qξ energia ricevuta dalla carica ξ forza elettromotrice 9. F E = q E campo E esercita forza su carica q 10. F mag = q v = q v B forza magnetica esercitata da un campo B su una carica q che si muove con velocità v B campo magnetico 11. = I = I 2 R potenza dissipata 12. R = mv)/qb) = 2πm)/qB) carica in movimento in un campo magnetico uniforme che percorre una circonferenza 13. B = µ 0 /2)I 1 /R 1 ) I 2 /R 2 ) campo magnetico al centro di 2 spire circolari 14. F = q E + q v B forza totale 1. E/B = v rapporto E/B affinchè forza totale=0 1. forza totale su una corrente = Σ forze nulle sulle cariche 1. F = I d s B forza esercitata dal campo magnetico su un elemento d s del filo 18. d B = µ 0 /4π)Id s r )/r 2 egge di Biot e avart d s =elemento di corrente d B = contributo al campo magnetico di d s µ 0 =permeabilità magnetica nel vuoto 19. B = µ 0 I)/2πr) Biot e avart per un filo rettilineo 20. B d s = µ0 I egge di Ampère è l analogo del teorema di Gauss per calcolare il campo magnetico prodotto da correnti 21. φ 0 = E d A flusso del campo magnetico; su una superficie chiusa B d A = 0 flusso in = flusso out 22. f em = dφ)/dt) egge di Faraday 23. C E d s = d B )/dt))d A egge di enz. =superficie C=contorno 24. v 1 /v 2 ) = n 1 /n 2 ) trasformatore 2. E d A = 4πk0 int egge di Gauss 2 ermodinamica 1. = nr equazione dei gas perfetti = costante a costante 2. n = m/m = num. moli 3. R = 8.31 J/mole k) costante universale 4. F = 2mv x )/ t) = mv 2 x)/d t = 2d)/v x Forza della parete sulla molecola. F t = 2mv x eorema dell impulso. F = N/3)m/d)v 2 x) forza totale. = 2/3)N/ )1/2)mv 2 pressione 8. C = /m t) calore specifico 9. = Cm t quantità di calore trasferita 10. v q = p 3R )/M = 2/3k B )1/2)mv 2 velocità quadratica media; M =peso molecolare medio gr/mole; R =costante dei gas 11. k B = J/K costante di Boltzman 12. C x = m a c a a ))/m x x )) calore specifico 13. netto = C F 14. e = 1 F / C) rendimento 1. e c = 1 f / c ) macchina di Carnot 1. ds = dr/ ) variazione di entropia 1. eq = c 1 m 1 + c 2 m 2 )/c 1 m + c 2 m) temperatura di equilibrio rasformazioni 1. Adiabatica = 0 = il sistema si raffredda o si riscalda). espansione libera = 0 = 0 nessun lavoro = 0 =costante 2. Isobara pressione costante) v f v i) =lavoro 3. Isocora volume costante) = 0 = tutto il calore assorbito va in aumento dell energia interna 4. Isoterma temperatura costante) energia interna solo funzione di per un gas perfetto = 0 =costante 2 l integrale è quello col doppio cerchio

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe

ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe CAPITOLO 1 La carica elettrica e la legge di Coulomb La carica elettrica e la legge di Coulomb: conduttori ed isolanti. Vari tipi di

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Precorsi 2014. Fisica. parte 1

Precorsi 2014. Fisica. parte 1 Precorsi 2014 Fisica parte 1 Programma ministeriale per il test Grandezze fisiche Una grandezza fisica è una caratteristica misurabile di un entità fisica. Sono grandezze fisiche: velocità, energia di

Dettagli

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica Potenziale Elettrico Q V 4pe 0 R Q 4pe 0 r C R R R r r B q B r A A independenza dal cammino Superfici Equipotenziali Due modi per analizzare i problemi Con le forze o i campi (vettori) per determinare

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

Equazioni differenziali ordinarie

Equazioni differenziali ordinarie Capitolo 2 Equazioni differenziali ordinarie 2.1 Formulazione del problema In questa sezione formuleremo matematicamente il problema delle equazioni differenziali ordinarie e faremo alcune osservazioni

Dettagli

Note integrative ed Esercizi consigliati

Note integrative ed Esercizi consigliati - a.a. 2006-07 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Civile (CIS) Note integrative ed consigliati Laura Poggiolini e Gianna Stefani Indice 0 1 Convergenza uniforme 1 2 Convergenza totale 5 1 Numeri

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Forze Conservative. Il lavoro eseguito da una forza conservativa lungo un qualunque percorso chiuso e nullo.

Forze Conservative. Il lavoro eseguito da una forza conservativa lungo un qualunque percorso chiuso e nullo. Lavoro ed energia 1. Forze conservative 2. Energia potenziale 3. Conservazione dell energia meccanica 4. Conservazione dell energia nel moto del pendolo 5. Esempio: energia potenziale gravitazionale 6.

Dettagli

Descrizione matematica della propagazione Consideriamo una funzione ξ = f(x) rappresenatata in figura.

Descrizione matematica della propagazione Consideriamo una funzione ξ = f(x) rappresenatata in figura. ONDE Quando suoniamo un campanello oppure accendiamo la radio, il suono è sentito in punti distanti. Il suono si trasmette attraverso l aria. Se siamo sulla spiaggia e una barca veloce passa ad una distanza

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013 Liceo Scientifico Statale LEONARDO DA VINCI Via Cavour, 6 Casalecchio di Reno (BO) - Tel. 051/591868 051/574124 - Fax 051/6130834 C. F. 92022940370 E-mail: LSLVINCI@IPERBOLE.BOLOGNA.IT PROGRAMMA SVOLTO

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

(2) t B = 0 (3) E t In presenza di materia, le stesse equazioni possono essere scritte E = B

(2) t B = 0 (3) E t In presenza di materia, le stesse equazioni possono essere scritte E = B Equazioni di Maxwell nei mezzi e indice di rifrazione I campi elettrici e magnetici (nel vuoto) sono descritti dalle equazioni di Maxwell (in unità MKSA) E ϱ ɛ 0 () E B (2) B 0 (3) E B µ 0 j + µ 0 ɛ 0

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

Integrali di superficie: esercizi svolti

Integrali di superficie: esercizi svolti Integrali di superficie: esercizi svolti Gli esercizi contrassegnati con il simbolo * presentano un grado di difficoltà maggiore. Esercizio. Calcolare i seguenti integrali superficiali sulle superfici

Dettagli

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo Momento di una forza Nella figura 1 è illustrato come forze uguali e contrarie possono non produrre equilibrio, bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo esteso.

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

Laboratorio di Elettrotecnica

Laboratorio di Elettrotecnica 1 Laboratorio di Elettrotecnica Rappresentazione armonica dei Segnali Prof. Pietro Burrascano - Università degli Studi di Perugia Polo Scientifico Didattico di Terni 2 SEGNALI: ANDAMENTI ( NEL TEMPO, NELLO

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Circuiti Elettrici Corrente elettrica Legge di Ohm Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Leggi di Kirchhoff Elementi di circuito: voltmetri, amperometri, condensatori

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

APPUNTI DI FISICA 3. Pietro Donatis

APPUNTI DI FISICA 3. Pietro Donatis APPUNTI DI FISICA 3 Pietro Donatis Versione 2 7 luglio 2009 i Questi Appunti di fisica sono rivolti agli studenti del quinto anno di un liceo scientifico e seguono gli analoghi appunti scritti per il

Dettagli

Quantità di moto. Per un corpo puntiforme possiamo definire la grandezza vettoriale quantità di moto come il prodotto m v.

Quantità di moto. Per un corpo puntiforme possiamo definire la grandezza vettoriale quantità di moto come il prodotto m v. Quantità di moto Per un corpo puntiforme possiamo definire la grandezza vettoriale quantità di moto come il prodotto m v. La seconda legge di Newton può essere scritta con la quantità di moto: d Q F =

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

Capitolo 7. Circuiti magnetici

Capitolo 7. Circuiti magnetici Capitolo 7. Circuiti magnetici Esercizio 7.1 Dato il circuito in figura 7.1 funzionante in regime stazionario, sono noti: R1 = 7.333 Ω, R2 = 2 Ω, R3 = 7 Ω δ1 = 1 mm, δ2 = 1.3 mm, δ3 = 1.5 mm Α = 8 cm 2,

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

Dinamica e Misura delle Vibrazioni

Dinamica e Misura delle Vibrazioni Dinamica e Misura delle Vibrazioni Prof. Giovanni Moschioni Politecnico di Milano, Dipartimento di Meccanica Sezione di Misure e Tecniche Sperimentali giovanni.moschioni@polimi.it VibrazionI 2 Il termine

Dettagli

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA Prerequisiti - Impiego di Multipli e Sottomultipli nelle equazioni - Equazioni lineari di primo grado e capacità di ricavare le formule inverse - nozioni base di fisica

Dettagli

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.)

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.) Macchine elettriche parte Macchine elettriche Generalità Definizioni Molto spesso le forme di energia in natura non sono direttamente utilizzabili, ma occorre fare delle conversioni. Un qualunque sistema

Dettagli

MACCHINA SINCRONA TRIFASE

MACCHINA SINCRONA TRIFASE MACCHIA SICROA TRIFASE + + + + + + + + + + + + + + + + + + L avvolgimento di eccitazione, percorso dalla corrente continua i e, crea una f.m.m. al traferro e quindi un campo magnetico in modo tale che

Dettagli

PROTEZIONE DAI CAMPI ELETTROMAGNETICI NON IONIZZANTI (3a Edizione)

PROTEZIONE DAI CAMPI ELETTROMAGNETICI NON IONIZZANTI (3a Edizione) Consiglio Nazionale delle Ricerche ISTITUTO DI RICERCA SULLE ONDE ELETTROMAGNETICHE "NELLO CARRARA" FIRENZE PROTEZIONE DAI CAMPI ELETTROMAGNETICI NON IONIZZANTI (3a Edizione) D. Andreuccetti M. Bini A.

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

Corso di Informatica Industriale

Corso di Informatica Industriale Corso di Informatica Industriale Prof. Giorgio Buttazzo Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Pavia E-mail: buttazzo@unipv.it Informazioni varie Telefono: 0382-505.755 Email: Dispense:

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua 1 UNIVERSITÀ DIGENOVA FACOLTÀDISCIENZEM.F.N. LABORATORIO IA Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua Anno Accademico 2001 2002 2 Capitolo 1 Richiami sui fenomeni elettrici Esperienze elementari

Dettagli

Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto 2014 - Soluzioni a Domande e Risposte

Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto 2014 - Soluzioni a Domande e Risposte 9ik8ujm Quesito 1 Risposta B Associazione per l Insegnamento della Fisica La formazione di una stella è dovuta alla contrazione gravitazionale di una nube di gas e polveri Da una stessa nube generalmente

Dettagli

(c) dipende linearmente dalla distanza dal centro della sfera. Domanda n5: Il campo elettrico all'interno di un conduttore sferico di raggio R e'

(c) dipende linearmente dalla distanza dal centro della sfera. Domanda n5: Il campo elettrico all'interno di un conduttore sferico di raggio R e' FISICA per BIOLOGIA Esercizi: Elettricita' e Magnetismo Indicare la lettera corrispondente alla risposta corretta. Domanda n1: La carica elettrica e' quantizzata, cioe' la carica piu' piccola misurata

Dettagli

APPUNTI DI TRASMISSIONE DEL CALORE

APPUNTI DI TRASMISSIONE DEL CALORE Università degli Studi di Trieste APPUNTI DI TRASMISSIONE DEL CALORE Corso di Fisica Tecnica per Ingegneria Industriale Ezio Zandegiacomo Anno Accademico 009-0 ii Indice INTRODUZIONE ALLA TRASMISSIONE

Dettagli

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Motori Elettrici Principi fisici Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Legge di Biot-Savart: un conduttore percorso da corrente di intensità

Dettagli

6. Moto in due dimensioni

6. Moto in due dimensioni 6. Moto in due dimensioni 1 Vettori er descriere il moto in un piano, in analogia con quanto abbiamo fatto per il caso del moto in una dimensione, è utile usare una coppia di assi cartesiani, come illustrato

Dettagli

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI 1 Nel campo elettrotecnico-elettronico, per indicare una qualsiasi grandezza elettrica si usa molto spesso il termine di segnale. L insieme dei valori istantanei assunti

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Sistemi materiali e quantità di moto

Sistemi materiali e quantità di moto Capitolo 4 Sistemi materiali e quantità di moto 4.1 Impulso e quantità di moto 4.1.1 Forze impulsive Data la forza costante F agente su un punto materiale per un intervallo di tempo t, si dice impulso

Dettagli

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il Circuiti in Corrente Continua direct currentdc ASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica l Potenziale Elettrico La legge di Ohm l resistore codice dei colori esistenze in serie ed in parallelo

Dettagli

1 Introduzione alla dinamica dei telai

1 Introduzione alla dinamica dei telai 1 Introduzione alla dinamica dei telai 1.1 Rigidezza di un telaio elementare Il telaio della figura 1.1 ha un piano solo e i telai che hanno un piano solo, sono chiamati, in questo testo, telai elementari.

Dettagli

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = +

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + dove m e q sono numeri reali fissati. Il grafico di tale funzione è una retta, di cui

Dettagli

Macchine rotanti. Premessa

Macchine rotanti. Premessa Macchine rotanti Premessa Sincrono, asincrono, a corrente continua, brushless sono parecchi i tipi di motori elettrici. Per ognuno teoria e formule diverse. Eppure la loro matrice fisica è comune. Unificare

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

Energia potenziale elettrica

Energia potenziale elettrica Energia potenziale elettrica La dipendenza dalle coordinate spaziali della forza elettrica è analoga a quella gravitazionale Il lavoro per andare da un punto all'altro è indipendente dal percorso fatto

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

FASE O. FASCICOLO TEORICO

FASE O. FASCICOLO TEORICO FASE O. FASCICOLO TEORICO Prima parte O1. Le onde ONDE MECCANICHE Un'onda meccanica è la propagazione di una perturbazione in un mezzo (gassoso, liquido o solido). Per formare un'onda meccanica occorrono

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. GIANLUIGI TRIVIA 1. La Forza Exercise 1. Se un chilogrammo campione subisce un accelerazione di 2.00 m/s 2 nella direzione dell angolo formante

Dettagli

Sistemi e modelli matematici

Sistemi e modelli matematici 0.0.. Sistemi e modelli matematici L automazione è un complesso di tecniche volte a sostituire l intervento umano, o a migliorarne l efficienza, nell esercizio di dispositivi e impianti. Un importante

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME 6. IL CONDNSATOR FNOMNI DI LTTROSTATICA MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO LTTRICO UNIFORM Il moto di una particella carica in un campo elettrico è in generale molto complesso; il problema risulta più semplice

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

Forma d onda rettangolare non alternativa.

Forma d onda rettangolare non alternativa. Forma d onda rettangolare non alternativa. Lo studio della forma d onda rettangolare è utile, perché consente di conoscere il contenuto armonico di un segnale digitale. FIGURA 33 Forma d onda rettangolare.

Dettagli

Figura 4. Conclusione

Figura 4. Conclusione Forza di Coriolis La forza di Coriolis é una forza che si manifesta su un corpo all interno di un sistema di riferimento (SDR) rotante, quale la terra che ruota su se stessa, quando il corpo stesso si

Dettagli

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE ROTOLA

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE ROTOLA 0. IL OETO D IERZIA GIRO DELLA ORTE ER U CORO CHE ROTOLA ell approfondimento «Giro della morte per un corpo che scivola» si esamina il comportamento di un punto materiale che supera il giro della morte

Dettagli

Metodi di misura della magnetizzazione rimanente naturale

Metodi di misura della magnetizzazione rimanente naturale rimanente naturale L archeologia e il tempo, Metodi di datazione 4-8 Maggio 2009, Peveragno (Cuneo) Parte I Magnetizzazione Rimanente Naturale S Magnetizzazione naturale rimanente in un campione di roccia

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura

Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura Valentino Liberali Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Università di Milano, 26013 Crema e-mail: liberali@dti.unimi.it http://www.dti.unimi.it/

Dettagli

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc.

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. Classi Numeriche 1 1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. In questo breve capitolo richiamiamo le definizioni delle classi numeriche fondamentali, già note al lettore,

Dettagli

Onde e suono. Roberto Cirio. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica

Onde e suono. Roberto Cirio. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica Onde e suono Roberto Cirio Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica La lezione di oggi Oscillazioni e onde Sovrapposizione di onde L orecchio Fisica

Dettagli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti.

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Def. Si dice equazione differenziale lineare del secondo ordine

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI Prof. Euro Sampaolesi IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE Le linee del magnete-terra escono dal Polo geomagnetico Nord ed entrano nel

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

IL FENOMENO DELLA RISONANZA

IL FENOMENO DELLA RISONANZA IL FENOMENO DELLA RISONANZA Premessa Pur non essendo possibile effettuare una trattazione rigorosa alle scuole superiori ritengo possa essere didatticamente utile far scoprire agli studenti il fenomeno

Dettagli

Per vedere quando è che una forza compie lavoro e come si calcola questo lavoro facciamo i seguenti casi.

Per vedere quando è che una forza compie lavoro e come si calcola questo lavoro facciamo i seguenti casi. LAVORO ED ENERGIA TORNA ALL'INDICE Quando una forza, applicata ad un corpo, è la causa di un suo spostamento, detta forza compie un lavoro sul corpo. In genere quando un corpo riceve lavoro, ce n è un

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Numeri Complessi R 2. P = (x P,y P ) x P. z = (x,y) y P (0,0)

Numeri Complessi R 2. P = (x P,y P ) x P. z = (x,y) y P (0,0) Numeri Complessi Un numero complesso z può essere definito come una coppia ordinata (x,y) di numeri reali x e y. L insieme dei numeri complessi è denotato con C e può essere identificato con il piano cartesiano

Dettagli

Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta

Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta L. P. 22 Aprile 2015 Sommario L espressione della quantità di moto e dell energia in relatività ristretta

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli