IL COMITATO DELLE REGIONI VISTO DAI LEADER EUROPEI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL COMITATO DELLE REGIONI VISTO DAI LEADER EUROPEI"

Transcript

1

2 IL COMITATO DELLE REGIONI VISTO DAI LEADER EUROPEI 1

3 Peter Straub Presidente del Comitato delle regioni Abbiamo percorso un lungo cammino I dieci anni di attività del Comitato delle regioni (CdR) dell Unione europea sono stati dieci anni di grandi progressi per la rappresentanza diretta di regioni, città e comuni d Europa nel processo decisionale europeo. Visti il ritmo della vita delle nostre istituzioni, e il passo al quale stiamo costruendo l'europa, sarei tentato di dire che dieci anni sono un lasso di tempo relativamente breve. Tuttavia per il Comitato delle regioni è stato un periodo sufficientemente lungo per prendere il posto che gli spetta nella struttura europea e svolgere l'importante ruolo consultivo che il Trattato gli assegna. Il Comitato ha fatto enormi passi avanti durante le presidenze dei miei cinque predecessori: un progresso che ci ha permesso di garantire che "l'europa delle regioni, delle città e degli enti locali" resti una priorità nell'agenda europea. In sintesi: siamo convinti che il CdR sia la voce più efficace di cui le regioni e le città possano disporre nel cuore dell'europa. In quanto Presidente del Comitato sono consapevole di dover garantire la piena integrazione dei rappresentanti dei dieci nuovi Stati membri. Si tratta di una sfida importante, poiché questi nuovi paesi, i loro enti locali e regionali, e i loro cittadini, hanno enormi aspettative nei confronti dell'europa. Il Comitato delle regioni farà tutto il possibile affinché le sue azioni corrispondano a tali speranze. Sul piano politico è necessario inviare a queste regioni un chiaro messaggio di decentramento, di efficienza nella gestione delle politiche dell'unione e di rafforzamento della democrazia di prossimità. In pratica ciò significa che è necessario incoraggiare lo sviluppo di un'europa capace di agire in maniera unita, pur rispettando le differenze nazionali, regionali e locali "Uniti nella diversità", come recita il motto. Sono molto orgoglioso del riconoscimento che il Comitato ha ottenuto da figure di grande rilievo degli Stati membri, delle organizzazioni delle imprese e della gioventù e dei loro preziosi contributi raccolti in questa pubblicazione. 2

4 Peter Straub, Presidente del Comitato delle regioni. Foto: Comitato delle regioni 3

5 Josep Borrell Presidente del Parlamento europeo Sono lieto di avere l'opportunità di porgere le mie congratulazioni al Comitato delle regioni, a nome del Parlamento europeo, nel decimo anniversario della sua fondazione. In questi dieci anni, le relazioni tra il Parlamento e il Comitato sono state intense e proficue. I miei predecessori hanno riconosciuto l'importanza di un legame forte tra le due assemblee, un legame che spero di contribuire a consolidare nel corso del mio mandato. Nel luglio 1995, in un intervento alla sessione plenaria del Comitato delle regioni, l'allora Presidente del Parlamento Klaus Hänsch descriveva il Comitato come "un'importante assemblea politica", i cui membri non vanno visti come rivali, bensì come "partner" che esercitano "un ruolo complementare" a quello del Parlamento. Queste sue parole si avvicinano moltissimo a quella che è anche la mia concezione. Ritengo che i rappresentanti politici del Comitato siano essenziali per veicolare il punto di vista degli enti locali e regionali all'interno del quadro istituzionale europeo. In quanto "Casa delle regioni e delle città", il Comitato incarna lo spirito di solidarietà che anima l'unione europea. Inoltre, il ruolo consultivo da esso svolto abbraccia un campo molto vasto, comprendente i settori di intervento che interessano più direttamente il cittadino comune, dalla politica economica e sociale all'occupazione passando per l'ambiente. Mi auguro che in futuro il Parlamento si avvalga maggiormente del diritto, acquisito con il Trattato di Amsterdam, di consultare il Comitato delle regioni. Mi compiaccio in particolare della nuova, importante funzione assegnata al Comitato delle regioni dal Trattato costituzionale con il diritto di adire la Corte di giustizia europea in caso di violazione del principio di sussidiarietà. Grazie all'"incisività" così acquisita il Comitato potrà fungere da vero e proprio "custode della sussidiarietà". Mi associo al Presidente del Comitato delle regioni Peter Straub e al Presidente della Commissione europea José Manuel Barroso nell'offrire pieno sostegno all'iniziativa "1000 dibattiti per l'europa", che intende incoraggiare i rappresentanti eletti a tutti i livelli a svolgere un ruolo guida nel presentare e spiegare al pubblico la Costituzione europea. Questo sarà sicuramente uno dei compiti maggiori che dovremo affrontare insieme nei prossimi due anni. Confido che il Comitato delle regioni e il Parlamento europeo continueranno a integrarsi a vicenda e a collaborare tra loro per colmare il deficit democratico e garantire la capacità dell'unione di rispondere in modo efficace alle sfide del nostro tempo. 4

6 Josep Borrell, Presidente del Parlamento europeo. Foto: Parlamento europeo 5

7 Dr. Jan Peter Balkenende Primo ministro dei Paesi Bassi Da dieci anni il Comitato delle regioni si fa portavoce degli enti regionali e locali nel processo decisionale europeo. Questo decennale ci offre l'occasione per soffermarci sul suo ruolo nell'assetto dell'unione europea. È vitale che gli enti regionali e locali collaborino nell'intera Europa, perché questa cooperazione favorisce la comprensione reciproca e quindi l'integrazione europea, e contribuisce inoltre a conferire maggior peso alle istanze degli enti regionali e locali. È in effetti importante che i livelli amministrativi decentrati siano coinvolti nella preparazione delle nuove politiche europee, tanto più che buona parte di queste politiche vi tocca da vicino in quanto responsabili del governo regionale e locale, incaricati di attuarne una parte significativa. Siete voi a risentire dei loro effetti più o meno positivi: è dunque perfettamente ragionevole consultarvi quando vengono decise regole che influiscono sul funzionamento dell'amministrazione decentrata. Questo è un principio sancito anche dalla nuova Costituzione, che conferma la posizione del Comitato delle regioni come importante assemblea consultiva. Va peraltro ricordato che gli enti del governo decentrato hanno svolto un ruolo positivo nella messa a punto di questa nuova Costituzione. E il vostro Comitato non solo è stato un osservatore attento, ma si è anche impegnato attivamente, e con successo, per procurare agli enti regionali e locali un loro ruolo specifico nella preparazione delle politiche comunitarie. I responsabili politici dei Paesi Bassi insistono regolarmente sul fatto che una politica europea efficace presuppone un significativo apporto del governo locale. Ciò è importante non solo per le regioni e i comuni interessati, ma anche per l'europa tutta intera. È un meccanismo che può avvicinare l'unione europea ai cittadini, e viceversa, perché l'amministrazione regionale e locale è per vari aspetti quella più visibile e più prossima alle popolazioni. Per parte mia sono estremamente lieto della crescente partecipazione degli enti regionali e locali al funzionamento dell'unione europea. E sono convinto che quanto più deciso sarà il loro apporto, tanto maggiori saranno le ricadute positive che le decisioni di Bruxelles potranno avere sulla vita di ogni giorno. In questo anniversario dei primi dieci anni del Comitato posso affermare che la sua attività ha sensibilmente migliorato i contatti fra i governi locali e le istituzioni europee, e che per parte loro queste ultime saranno anche in grado di comprendere meglio l'enorme importanza degli enti regionali e locali. Dato che, com'è noto, qualsiasi politica presenta risvolti ed implicazioni a livello locale, il Comitato continuerà ad assolvere un ruolo significativo anche negli anni a venire, essendosi conquistato il ruolo che legittimamente gli spetta nel processo d'integrazione europea. 6

8 Jan Peter Balkenende, primo ministro dei Paesi Bassi e Presidente del Consiglio. Foto: Commissione europea 7

9 Gerhard Schröder Cancelliere della Repubblica federale di Germania Quello in corso non è solo l'anno della storica adesione di nuovi dieci Stati all'unione europea, ma anche quello in cui celebriamo i dieci anni di esistenza del Comitato delle regioni. Un obiettivo importante dell'azione del Comitato delle regioni è quello di avvicinare l'europa ai cittadini e di dare sostanza al principio di sussidiarietà. Nei suoi dieci anni di attività il Comitato ha operato con successo a favore dell'"europa delle regioni" e oggi non solo svolge un ruolo rilevante come rappresentante degli interessi degli enti locali e regionali, ma è anche un motore dell'integrazione e un interprete della politica europea. Nell'integrazione dei dieci nuovi Stati membri e delle loro regioni, il Comitato ha svolto una funzione di collegamento, iniziando molto presto ad aiutare tali regioni a prepararsi al loro nuovo ruolo nella Comunità. Il Comitato delle regioni ha una particolare importanza nel quadro della politica regionale e strutturale, dando un contributo alla riduzione delle differenze nei livelli di sviluppo delle regioni europee e al rafforzamento della coesione e della solidarietà all'interno dell'unione. L'entrata in vigore della Costituzione europea potenzierà ulteriormente il ruolo del Comitato che, acquisirà il diritto di adire la Corte europea di giustizia in caso di violazione del principio di sussidiarietà. Sono convinto che il Comitato delle regioni eserciterà le sue nuove prerogative con senso di responsabilità, al servizio dei comuni e delle regioni e, quindi, dei cittadini dell'unione europea. 8

10 Gerhard Schröder, cancelliere tedesco. Foto: Commissione europea 9

11 Jean-Pierre Raffarin Primo ministro della Repubblica francese Il Comitato delle regioni si è progressivamente affermato come un protagonista dinamico dell integrazione europea, in grado di avvicinare l Europa ai cittadini. Mi compiaccio che il Trattato costituzionale venga a rafforzare il ruolo del Comitato delle regioni, associandolo così alla realizzazione dell obiettivo indicato dai padri fondatori: un unione sempre più stretta fra i popoli dell Europa. Negli anni 90 ho partecipato, in qualità di deputato europeo e presidente di regione, ai lavori dell Assemblea delle regioni d Europa, nella profonda convinzione che le nostre istituzioni europee dovessero divenire più democratiche, più trasparenti e più prossime ai cittadini. La creazione del Comitato delle regioni, da noi vivamente auspicata, attraverso il Trattato di Maastricht ha costituito una prima vittoria, giacché riconosceva l importanza dei territori nella loro diversità economica, sociale e culturale. Era l inizio di un dialogo territori-europa che si è andato sviluppando e strutturando continuamente nel corso di questi dieci anni, grazie all impulso del Comitato delle regioni. Favorire tale dialogo significa radicare l Europa nel cuore delle nostre città, province e regioni, e quindi renderla più comprensibile per i cittadini. Al di là dei pareri formulati nei settori di consultazione obbligatoria, l azione del Comitato delle regioni ha notevolmente contribuito all approfondimento del principio di sussidiarietà, all affermazione della coesione territoriale, economica e sociale, e alla nascita di nuove forme di governance europea. In qualità di custode del principio di sussidiarietà, il Comitato ha costantemente vigilato sul rispetto e sull applicazione di tale principio nelle politiche dell Unione. In effetti, mantenere il processo decisionale quanto più possibile vicino ai cittadini - a livello nazionale, regionale o locale - deve restare un obiettivo permanente per tutti. La coesione territoriale, economica e sociale in un Europa allargata costituisce una delle nostre priorità assolute, poiché ciò che vogliamo è un Europa solidale. A questo proposito gli enti territoriali hanno un ruolo fondamentale da svolgere, in particolare nel processo di integrazione. La vigilanza del Comitato delle regioni in materia di politica regionale e di politica europea dei trasporti avrà come effetto la mobilitazione permanente di tutti i soggetti favorevoli all obiettivo della coesione. Il Comitato delle regioni deve rimanere il luogo di scambio e di sperimentazione che avevo auspicato. Esso deve continuare, tramite i suoi contributi, ad accompagnare gli Stati membri nel dibattito sul futuro dell Unione e sulle nuove forme di governance territoriale. Il Comitato ha saputo incoraggiare e rafforzare le azioni di cooperazione transnazionali e interregionali in Europa sostenendo i programmi di iniziativa comunitaria (Urban, Interreg). Allo stesso 10

12 Jean-Pierre Raffarin, primo ministro francese. Foto: Commissione europea modo, le sue proposte concernenti le nuove forme di governance territoriale ed europea hanno alimentato le riflessioni della Commissione europea e degli Stati membri per il perseguimento di una vera Europa della prossimità. Vi porgo i miei migliori auguri per il prosieguo delle vostre attività. 11

13 Tony Blair Primo ministro del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord Sono convinto che il Comitato delle regioni contribuisca concretamente ad avvicinare l'unione europea ai suoi cittadini e assista efficacemente coloro che operano al centro dell'unione. Il decimo anniversario della sua fondazione è l'occasione ideale per sottolineare le sue realizzazioni. Da parte nostra, abbiamo dato prova del nostro impegno a dotare di competenze le regioni d'europa, creando istituzioni decentrate in Galles, Scozia e Irlanda del Nord e rafforzando le strutture regionali in Inghilterra. Questo anniversario è inoltre un'occasione per riflettere sulle sfide e sulle opportunità che si presenteranno all'unione europea nei prossimi anni e sul ruolo centrale che in tale prospettiva svolgerà il Comitato. Quest'anno abbiamo salutato l'ingresso di dieci nuovi paesi nell'unione, mettendo fine alla divisione del nostro continente che risaliva alla guerra fredda. Anche il Comitato rispecchia questo cambiamento, con il suo allargamento a 95 rappresentanti dei nuovi Stati membri. Il nuovo Trattato costituzionale modificherà anche il ruolo del Comitato delle regioni, conferendogli più ampi poteri in materia di rispetto del principio di sussidiarietà e estendendo la sua consultazione a nuovi ambiti di competenza legislativa comunitaria. Sono progressi importanti per il ruolo del Comitato, e noi li abbiamo decisamente sostenuti. Il Comitato delle regioni, come gli altri organi dell'ue, dovrà impegnarsi a fondo per adeguarsi a queste grandi trasformazioni. Ho piena fiducia nel suo successo e formulo i miei migliori auguri per il futuro. 12

14 Tony Blair, primo ministro del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord. Foto: 10 Downing Street 13

15 Silvio Berlusconi Presidente del Consiglio dei ministri della Repubblica italiana L'attuale processo di integrazione europea ha esaltato la solidarietà tra le regioni e il rispetto delle singole culture e tradizioni locali come elemento essenziale di sviluppo armonioso dell'intera Unione. È per questo motivo che sono particolarmente lieto di inviarvi il mio più caloroso saluto in occasione delle celebrazioni del decennale della vostra istituzione, che da sempre lavora per il conseguimento di tali obiettivi. In tutti questi anni, sin dalla prima fase della riforma della politica di coesione fino ai lavori della Convenzione europea, il Comitato delle regioni ha espresso, con la credibilità e coerenza, il punto di vista delle autorità regionali e locali in temi di estremo interesse per i cittadini europei, dalla coesione economica, sociale e territoriale alla cooperazione transfrontaliera e interregionale. Mi piace evidenziare come la presidenza italiana dell'unione europea, al momento di elaborare la sua proposta sulle grandi opere infrastrutturali e transfrontaliere, abbia recepito spunti di grande rilevanza e interesse dal vostro lavoro. Infine, anche il nuovo Trattato costituzionale ha voluto riconoscere la necessità di un principio di sussidiarietà che integri l'aspetto regionale e locale, portando in questo modo l'europa più vicina ai cittadini e confermando ulteriormente l'importanza del vostro ruolo. Nella certezza che la collaborazione con il Comitato delle regioni continuerà a essere proficua come lo è stata nel corso di questo primo decennio, invio a tutti voi il mio saluto e il mio augurio di buon lavoro. 14

16 Silvio Berlusconi, Presidente del Consiglio dei ministri italiano. Foto: Commissione europea 15

17 José Luis Rodríguez Zapatero Primo ministro spagnolo Dal 1986 coesistono in Spagna due processi paralleli. Da un lato il decentramento politico, che la Costituzione spagnola del 1978 ha garantito per trovare una soluzione al problema storico della configurazione territoriale del paese, problema che è stato risolto con la creazione delle Comunità Autonome e con il riconoscimento dell'autonomia di regioni ed enti locali. Dall'altro, l'integrazione politica europea, processo nel quale la Spagna si è impegnata con il Trattato di Adesione dal 1 gennaio 1986, dopo essere uscita da un lungo periodo di regime autoritario. Entrambi questi processi si influenzano reciprocamente e presentano punti di contatto. Il decentramento presuppone infatti l'assegnazione di determinate competenze alle Comunità Autonome e l'esercizio di dette competenze può essere condizionato dall'intensità dell'integrazione europea e dal graduale sviluppo del diritto comunitario. Per tale motivo, gli Stati europei che hanno una struttura territoriale complessa, e la Spagna è uno di questi, chiedono di trovare un punto di incontro tra decentramento e integrazione, uno spazio politico che rappresenti, per queste due necessità, un luogo di dialogo e di comprensione reciproca dei rispettivi obiettivi e strategie. Questo spazio politico è costituito dal Comitato delle regioni, organo di carattere consultivo composto, secondo quanto afferma il Trattato, dai rappresentanti degli enti locali e regionali. La celebrazione dei primi dieci anni di attività di questo organo, oltre ad essere motivo di grande soddisfazione, costituisce l'occasione propizia per riflettere sulla sua attività, sui suoi obiettivi e sul suo futuro in una Unione europea allargata. Dal punto di vista della Spagna, questo esercizio di riflessione va effettuato prendendo in considerazione i tre livelli: regionale, statale e comunitario. ***** Secondo le Comunità Autonome spagnole, il primo elemento da mettere in risalto è la composizione eterogenea del Comitato, risultato della storia complessa e delle diverse tradizioni giuridiche degli Stati europei, i quali presentano strutture politiche e amministrative specifiche e non sempre omologabili. La convivenza tra enti locali e enti regionali costituisce l'esempio più caratteristico della peculiarità istituzionale del Comitato. Dall'altra parte, è grazie al Comitato delle regioni che è stato possibile andare al di là di una visione dell'integrazione europea subordinata agli obiettivi della coesione economica e territoriale. In Spagna, il primo approccio delle regioni al processo di integrazione comunitaria ha generalmente perseguito come obiettivo il massimo sviluppo e sfruttamento dei meccanismi di coesione economica e sociale. È stato l'inizio dell'attività del Comitato ad allargare questa visione dell'integrazione europea e a risvegliare l'interesse delle regioni per il processo decisionale comunitario e per la 16

18 José Luis Rodríguez Zapatero, primo ministro spagnolo. Foto: Governo spagnolo possibilità di esprimere i propri punti di vista sulle diverse iniziative legislative proposte dalla Commissione europea. Analogamente, il Comitato delle regioni è diventato lo strumento istituzionale che consente alle regioni di condividere i valori politici fondamentali dell'unione europea. Le sue riunioni, inoltre, permettono di creare una corrente di solidarietà e di comprensione reciproca tra le regioni e gli enti locali di tutti i paesi d'europa. ***** Nel corso di questi primi dieci anni, il governo centrale spagnolo ha guardato al Comitato delle regioni come ad una logica conseguenza 17

19 del suo proprio ordinamento costituzionale: se la Costituzione spagnola riconosce e garantisce l'indipendenza delle Comunità Autonome e degli enti locali, anche il sistema comunitario deve tener conto di questa realtà e impegnarsi a riconoscerla. È per tale motivo che i governi spagnoli che si sono via via succeduti hanno promosso e sostenuto il lavoro del Comitato. La Spagna è per tradizione uno degli Stati europei che più attivamente riaffermano la necessità di perfezionare la natura giuridica di questo organo. Già nel 1994, il nostro Parlamento ha orientato le sue riflessioni interne verso questo obiettivo decidendo di utilizzare gli stessi criteri della nostra Costituzione per stabilire il sistema di designazione dei 21 rappresentanti spagnoli al Comitato. Questo ha permesso da un lato di raggiungere un accordo nel Senato, la camera di rappresentanza territoriale, e dall'altro di adottare un sistema che garantisse la presenza delle 17 Comunità Autonome e di 4 rappresentanti degli enti locali. I successivi governi spagnoli hanno seguito la stessa linea difendendo il principio secondo cui i membri del Comitato devono essere scelti dai singoli Stati membri. Grazie a tutto questo, oggi si può affermare che la realtà regionale e locale del nostro paese è adeguatamente rappresentata nel Comitato delle regioni e che quest'ultimo permette di trasferire in ambito europeo l'avanzato livello di decentramento spagnolo, vale a dire un elemento di cui un processo tanto ambizioso come quello dell'integrazione comunitaria non può non tener conto. ***** Se dal punto di vista dello Stato spagnolo il Comitato delle regioni risulta, grazie all'applicazione alla sua struttura dei nostri criteri costituzionali, pienamente accettabile, da un punto di vista comunitario esso è semplicemente una realtà ineludibile. Come è stato infatti spesso sottolineato, il pericolo principale del sistema comunitario consiste nell'adottare politiche lontane dalle priorità e dagli interessi dei cittadini. Per esprimere concretamente questa preoccupazione, l'ordinamento comunitario ha definito il principio di sussidiarietà, poi sostanzialmente potenziato dal progetto di Trattato costituzionale approvato dai capi di Stato e di governo lo scorso 18 giugno, e ha articolato un sistema di contrappesi ed equilibri nel quale il Comitato delle regioni costituisce un elemento di particolare importanza. Il Comitato agisce infatti come un meccanismo di limitazione del potere comunitario ed è una garanzia contro eventuali decisioni adottate senza tener conto in modo adeguato delle esigenze dei cittadini o della stessa realtà sociale. Nonostante ciò, l'azione dell'unione europea è sempre stata e deve continuare ad essere un fattore di modernizzazione in campo sia amministrativo che sociale. In materia di coesione territoriale e sociale, ad esempio, le politiche comunitarie hanno fissato standard precisi di sviluppo e di qualità. Il Comitato delle regioni ha fatto bene a non sacrificare la coesione a vantaggio della sussidiarietà: è chiaro infatti che non è possibile escludere l'uno o l'altro principio, e che la scelta adeguata consiste invece nel trovare un giusto equilibrio tra i due. In un siffatto contesto istituzionale, il Comitato delle regioni fornisce all'integrazione europea un duplice valore aggiunto. Da un lato infatti i suoi membri, dato che rappresentano istituzioni democratiche in contatto diretto con i cittadini, possono far conoscere alle istituzioni comunitarie i punti di vista dei loro elettori, cosa che risulta essenziale alla luce delle 18

20 responsabilità da loro esercitate nell'attuazione del diritto comunitario in numerosi settori. Dall'altro, questi stessi membri trasmettono alle loro rispettive popolazioni il valore simbolico dell'unione europea, svolgendo così un prezioso compito di formazione in relazione alla costruzione europea. ***** Nella fase odierna del processo di integrazione e alla luce dell'accordo finalmente raggiunto sul progetto di Trattato costituzionale, ci sembra doveroso dedicare le ultime osservazioni relative al Comitato delle regioni alla considerazione che quest'organo merita di avere nel futuro testo costituzionale, al suo prevedibile sviluppo e alla sua attività. Innanzi tutto, il Trattato costituzionale consacra definitivamente il Comitato delle regioni come il custode più accreditato del principio di sussidiarietà. Il Comitato trova una sua legittimazione grazie al riconoscimento della sua facoltà di adire direttamente la Corte di giustizia in difesa di questo stesso principio. Si tratta senza dubbio della più importante implicazione che il Trattato costituzionale comporta per il CdR. Sono cosciente del fatto che non tutte le aspettative e le richieste avanzate dalle regioni europee e dallo stesso Comitato all'inizio dei lavori della Convenzione sul futuro dell'europa hanno trovato piena soddisfazione. A causa del principio del consenso imposto dalla costruzione comunitaria, non è stato possibile prendere in considerazione in maniera chiara nel Trattato costituzionale alcune di tali richieste, che pure i vari governi spagnoli hanno riconosciuto e difeso. Tra le richieste disattese figura in primo luogo il riconoscimento ufficiale dello status di istituzione, con la valenza simbolica che questo comporta, richiesta che non ha potuto essere accolta per motivi di semplificazione istituzionale. Un altro esempio è la domanda di precisare l'organizzazione interna del Comitato, magari operando una distinzione tra una Camera delle regioni e una Camera degli enti locali, domanda che non ha parimenti potuto trovare un riscontro nel diritto primario a causa dell'aumento del grado di complessità del sistema già determinato dall'allargamento. Un ultimo esempio è l'estensione dell'ambito materiale dei suoi pareri obbligatori. Il fatto che in questa fase non sia stato possibile potenziare al livello voluto il Comitato dal punto di vista istituzionale non deve comunque impedirgli di consolidare il suo ruolo nel tessuto comunitario. Detto consolidamento sarà reso possibile, oltre che dal buon lavoro e spirito d'iniziativa dei suoi membri e dalla qualità dei suoi pareri, anche dall'introduzione del meccanismo di consultazione preventiva delle regioni da parte della Commissione, che è chiamato a svolgere un ruolo chiave nelle relazioni tra i tre livelli europei (comunitario, statale, regionale e locale). Ci auguriamo inoltre che il Comitato possa rapidamente concludere il processo da tempo iniziato per poter funzionare con un margine sufficiente di indipendenza: è dunque importante che esso prosegua la sua graduale evoluzione verso la piena autonomia organizzativa e procedurale. La Spagna continua ad essere certa, come lo è stata nel corso di tutti questi anni, che il Comitato consoliderà e perfezionerà la sua configurazione attuale di spazio pubblico di decisione, di strumento alla ricerca dell'equilibrio e dello sviluppo socioeconomico, di veicolo a favore della coesione territoriale e, infine, di organo in cui coesistono la comunità morale e quella legale dell'europa. 19

21 Aleksander Kwaśniewski Presidente della Repubblica di Polonia L'Europa unita, di cui la Polonia è entrata ufficialmente a far parte il 1 maggio 2004, dovrebbe essere una comunità di Stati, nazioni, singoli cittadini, ma anche di regioni ed enti locali. Questo era, per i padri fondatori dell'odierna Unione europea, il senso specifico dell'intero processo di costruzione europea. Da dieci anni i cittadini europei dispongono oramai di uno strumento in più per trasformare questo sogno in realtà: il Comitato delle regioni. I 317 membri che compongono il Comitato, tra i quali figurano i 21 rappresentanti delle regioni polacche, danno vita, all'interno dell'ue, ad un meccanismo di grande importanza per approfondire il dibattito sul funzionamento dell'unione, sull'efficacia del processo legislativo comunitario e sulla creazione di una rete di collaborazione sempre più intensa, in particolare sul piano locale e regionale e dunque tra i normali cittadini europei e nel loro specifico interesse. Nella mia qualità di Presidente della Repubblica di Polonia, uno Stato che ha appena iniziato a capire cosa significhi agire concretamente per difendere i propri interessi e garantire il processo d'integrazione europea, ho potuto rendermi conto dell'importanza del ruolo svolto dal Comitato delle regioni. Quest'ultimo fornisce, con il suo lavoro, un contributo preziosissimo all'unione europea, in quanto protegge i cittadini dalle potenziali derive della legislazione comunitaria, rafforza il processo decisionale all'interno dell'ue e consente alla pubblica opinione di far meglio sentire la propria voce a Bruxelles. Il Comitato delle regioni svolge una funzione consultiva e di controllo di estremo valore in ben dieci settori dell'attività comunitaria, dalla salute pubblica alla cultura, dalla creazione di infrastrutture alla elaborazione di piccoli e grandi progetti transfrontalieri. Mi auguro pertanto che il decennale rappresenti per il Comitato non solo il momento per festeggiare i risultati ottenuti e le missioni già portate a compimento con successo, ma anche l'occasione per riflettere sul contributo utile e positivo che i suoi membri, in quanto rappresentanti delle città e delle regioni d'europa, possono ancora fornire alla costruzione della casa comune europea nei prossimi anni. 20

22 Aleksander Kwaśniewski, Presidente della Repubblica di Polonia. Foto: Parlamento europeo 21

23 Kostas Karamanlis Primo ministro greco La creazione del Comitato delle regioni, dieci anni fa, ha costituito un grande passo in avanti nel riempire un grande vuoto, affrontando la questione fondamentale della partecipazione degli enti locali e regionali al processo decisionale dell'unione europea. La necessità di avvicinare l'unione ai cittadini e di incoraggiare una loro più ampia partecipazione e un loro maggiore coinvolgimento nelle questioni legate all'integrazione europea è oggi più urgente che mai e dovrebbe costituire una delle nostre priorità. Il Comitato delle regioni è stato uno strumento eccellente per conseguire tali obiettivi e, nei primi dieci anni di attività, ha saputo operare con efficacia e con risultati promettenti per il futuro. Moltissime decisioni e normative dell'ue si ripercuotono direttamente sulla vita quotidiana dei cittadini europei: è quindi più che ragionevole conferire agli enti locali la possibilità di essere ascoltati e di spiegare meglio i propri problemi e il proprio approccio. La consultazione del Comitato delle regioni da parte delle istituzioni europee avvicina l'ue alla sua base e garantisce una risposta più efficace e mirata alle principali preoccupazioni dei cittadini, in campo economico, sociale, occupazionale o ancora nel settore della sanità, dell'istruzione, della cultura, dell'ambiente. Oggi, con 317 membri, compresi quelli provenienti dai dieci nuovi Stati membri, il Comitato delle regioni assicura una più ampia rappresentanza delle problematiche e degli aspetti della vita locale di tutte le città e le regioni e dà un contributo prezioso, grazie alla propria competenza, al processo legislativo dell'ue. Sono certo che i primi dieci anni, già produttivi ed efficaci, saranno seguiti da un impegno ancora più valido e proficuo. 22

Anno europeo dei cittadini (2013) La cittadinanza europea a livello locale e regionale

Anno europeo dei cittadini (2013) La cittadinanza europea a livello locale e regionale Nota informativa Anno europeo dei cittadini (2013) La cittadinanza europea a livello locale e regionale Il presente documento offre una prima introduzione all'anno europeo dei cittadini 2013, di cui esamina

Dettagli

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE GOVERNO ITALIANO Dipartimento Politiche Comunitarie COMMISSIONE EUROPEA PARLAMENTO EUROPEO LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMMISSIONE DELLE COMUNÀ EUROPEE Bruxelles, 21/VIII/2007 C(2007) 3926 def. DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 21/VIII/2007 recante applicazione della decisione 2007/435/CE del Consiglio per quanto riguarda

Dettagli

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA Silvano MARSEGLIA E per me un grande piacere ed un onore aprire i lavori di questo nostro Congresso Straordinario

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa Università degli Studi di Parma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 2. EUROPA: PROFILI ISTITUZIONALI Le tappe Le istituzioni La Banca centrale europea 2 2. Europa: profili istituzionali 3 2. Europa: profili

Dettagli

Approvata all unanimità

Approvata all unanimità Approvata all unanimità Nella sesta conferenza della CALRE del 28 e 29 ottobre 2002 a Bruxelles è stato discusso il funzionamento contenutistico dei Parlamenti regionali a potere legislativo ed è stata

Dettagli

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*)

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) Claudio SCAJOLA È la prima volta che ho l occasione di incontrare tutti i Prefetti della Repubblica e ritengo

Dettagli

Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering. Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008

Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering. Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008 Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008 Signor Presidente della Repubblica italiana Giorgio Napolitano, Signor Presidente

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

Fa fede solo il discorso pronunciato

Fa fede solo il discorso pronunciato Discorso della Presidente del Comitato delle regioni Mercedes Bresso Le regioni e le città d'europa in movimento: prospettive della politica dei trasporti dell'ue e delle reti transeuropee dei trasporti

Dettagli

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1. Sesso maschile femminile 2. Età anni 14-17 18-25 26-35 36-60 più di 60 3. In quale settore/i svolgi prioritariamente la tua attività? Ricerca Pubblica

Dettagli

Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online.

Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online. Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online. Questionario Verso una valutazione intermedia della strategia Europa 2020 dal punto di vista delle città e delle regioni dell'unione europea

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese 3.1 La comunicazione istituzionale Il Dipartimento della Funzione Pubblica si propone

Dettagli

Ministro per l Innovazione e le Tecnologie

Ministro per l Innovazione e le Tecnologie Ministro per l Innovazione e le Tecnologie Tavolo di consultazione con la Società civile per la preparazione della seconda fase del VERTICE MONDIALE SULLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE Tunisi 2005 Roma, martedì

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO

PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO 30.12.2006 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 394/5 II (Atti per i quali la pubblicazione non è una condizione di applicabilità) PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

AICAT ANGOLO ANIO ANOLF ANTEAS

AICAT ANGOLO ANIO ANOLF ANTEAS La Conferenza Permanente delle Associazioni, Federazioni e Reti di Volontariato (Convol), costituitasi nel 1991, è la principale organizzazione nazionale che associa le più importanti e diffuse associazioni,

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

22.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 17/43

22.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 17/43 22.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 17/43 IV (Atti adottati prima del 1 o dicembre 2009, in applicazione del trattato CE, del trattato UE e del trattato Euratom) DECISIONE DEL CONSIGLIO

Dettagli

IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE NELLA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE CONTRO I BAMBINI

IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE NELLA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE CONTRO I BAMBINI CONFERENZA INTERNAZIONALE IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE NELLA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE CONTRO I BAMBINI Roma, 29-30 novembre 2012 Sala delle Conferenze Internazionali P.le della Farnesina,

Dettagli

La traduzione alla Commissione: il punto della situazione due anni dopo l allargamento

La traduzione alla Commissione: il punto della situazione due anni dopo l allargamento MEMO/06/173 Bruxelles, 27 aprile 2006 La traduzione alla Commissione: il punto della situazione due anni dopo l allargamento Sono già passati due anni da quando l Unione europea lavora con 25 Stati membri

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO 20.9.2008 C 241/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 16 maggio

Dettagli

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA Quale è la competenze dell Unione europea nell ambito della cultura? Il trattato di Maastricht (1993) ha consentito all'unione europea, storicamente orientata

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

Il Consiglio comunale dei ragazzi.

Il Consiglio comunale dei ragazzi. Il Consiglio comunale dei ragazzi. Un Progetto per le bambine e i bambini, per i ragazzi e le ragazze tra intenzioni e scelte Premessa L Amministrazione comunale di Cento, con questo progetto, intende

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli

I servizi finanziari nel futuro dell'unione Europea

I servizi finanziari nel futuro dell'unione Europea SPEECH/03/548 Romano Prodi Presidente della Commissione europea I servizi finanziari nel futuro dell'unione Europea Dopo l'allargamento: conferenza sui servizi finanziari nel mercato allargato dell'unione

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

BOZZA DISCORSO PRESIDENTE MARINI PER FORUM COESIONE: GOVERNANCE MULTILIVELLO DEI FONDI DEL QUADRO STRATEGICO COMUNE

BOZZA DISCORSO PRESIDENTE MARINI PER FORUM COESIONE: GOVERNANCE MULTILIVELLO DEI FONDI DEL QUADRO STRATEGICO COMUNE BOZZA DISCORSO PRESIDENTE MARINI PER FORUM COESIONE: GOVERNANCE MULTILIVELLO DEI FONDI DEL QUADRO STRATEGICO COMUNE Molti obbiettivi non possono essere conseguiti con un azione individuale: la loro realizzazione

Dettagli

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI Domenica 29 marzo 2009 Sala delle Conferenze Internazionali Ministero degli Affari Esteri Intervento del Vice Presidente

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

Si apre un nuovo ciclo nella vita politico-amministrativa di Torino. Alle nostre spalle sta un periodo di trasformazioni della città.

Si apre un nuovo ciclo nella vita politico-amministrativa di Torino. Alle nostre spalle sta un periodo di trasformazioni della città. Desidero innanzitutto ringraziare il Presidente del Tribunale, dottor Luciano Panzani, la dottoressa Giovanna Dominici, Presidente dell Ufficio Centrale Elettorale e tutti i loro collaboratori per lo scrupolo

Dettagli

Europa per i cittadini 2007-2013

Europa per i cittadini 2007-2013 Europa per i cittadini 2007-2013 Il Programma ha come scopo primario la promozione della cittadinanza europea attiva, ovvero il coinvolgimento diretto dei cittadini e delle organizzazioni della società

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA ART. 1 Istituzione STATUTO - REGOLAMENTO E istituito ai sensi dell art. 23 della L.R. 21 Febbraio 2005, n.12 il Comitato Paritetico

Dettagli

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili Meeting nazionale sulle Politiche giovanili PATTO APERTO PER LA GIOVENTU Oltre la Strategia di Lisbona: la dimensione culturale nello sviluppo sostenibile Urbino 13-14-15-16 Luglio 2005 Investire nella

Dettagli

Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova

Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova Approvato con deliberazione C.C. n. 48 del 08/09/2015 In vigore dal 9 ottobre 2015 www.comune.genova.it

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE 14.6.2014 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea C 183/5 Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 20 maggio 2014, su un piano

Dettagli

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18 SOMMARIO LETTERA DEL PRESIDENTE 4 NOTA INTRODUTTIVA E METODOLOGICA 6 IL COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDER 7 PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 1.1 CONTESTO DI RIFERIMENTO 9

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 13.09.2005 COM(2005) 426 definitivo Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO concernente la firma, a nome della Comunità europea, della convenzione n. 198 del Consiglio

Dettagli

SOMMARIO LA SCUOLA DELL'INFANZIA...3 I CAMPI DI ESPERIENZA...4 IL SE' E L'ALTRO...4 Traguardi per lo sviluppo delle competenze...

SOMMARIO LA SCUOLA DELL'INFANZIA...3 I CAMPI DI ESPERIENZA...4 IL SE' E L'ALTRO...4 Traguardi per lo sviluppo delle competenze... SOMMARIO LA SCUOLA DELL'INFANZIA...3 I CAMPI DI ESPERIENZA...4 IL SE' E L'ALTRO...4 Traguardi per lo sviluppo delle competenze....4 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO BAMBINI DI TRE ANNI...4 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

Dettagli

Economic and Social Council ECOSOC. United Nations

Economic and Social Council ECOSOC. United Nations Economic and Social Council ECOSOC United Nations 2010 Coordination segment New York, 6 July Address by Antonio MARZANO, President of AICESIS International Association of Economic and Social Councils and

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

LA STORIA DELL UNIONE EUROPEA. L INTEGRAZIONE EUROPEA: 50 anni di storia

LA STORIA DELL UNIONE EUROPEA. L INTEGRAZIONE EUROPEA: 50 anni di storia LA STORIA DELL UNIONE EUROPEA L INTEGRAZIONE EUROPEA: 50 anni di storia Che cos è l'unione europea L Ue èun soggetto politico a carattere sovranazionale ed intergovernativo Èformato da 27paesi membri indipendenti

Dettagli

Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014

Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014 !1 COUNCIL OF THE EUROPEAN UNION Brussels, 22 July 2014 Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014 Onorevole Presidente, Onorevoli Membri della Commissione, Sono

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE C 183/12 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 14.6.2014 Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 21 maggio 2014, sul piano di

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Alfredo Bertelli Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Il convegno organizzato oggi dalla Prefettura di Bologna rappresenta un occasione importante di confronto. Proprio per

Dettagli

Evento celebrativo del decennale OIC Il ruolo del National Standard Setter. Intervento del Vice Direttore Generale ISVAP Dott.ssa Flavia MAZZARELLA

Evento celebrativo del decennale OIC Il ruolo del National Standard Setter. Intervento del Vice Direttore Generale ISVAP Dott.ssa Flavia MAZZARELLA Evento celebrativo del decennale OIC Il ruolo del National Standard Setter Intervento del Vice Direttore Generale ISVAP Dott.ssa Flavia MAZZARELLA 16 dicembre 2011 Buongiorno a tutti, prometto di essere

Dettagli

La Dichiarazione di Pechino

La Dichiarazione di Pechino La Dichiarazione di Pechino CAPITOLO I OBIETTIVI 1. Noi, Governi partecipanti alla quarta Conferenza mondiale sulle donne, 2. Riuniti qui a Pechino nel settembre del 1995, nel cinquantesimo anniversario

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

C. Affari Economici e Finanziari

C. Affari Economici e Finanziari C. Una Nuova Agenda di Politica Economica L attuale congiuntura richiede un profondo cambiamento nell agenda di politica economica dell UE, che vada nella direzione di una strategia politica più efficace

Dettagli

Parlamenti nazionali e Unione europea nella governance multilivello. Roma 28 gennaio 2016, I SESSIONE

Parlamenti nazionali e Unione europea nella governance multilivello. Roma 28 gennaio 2016, I SESSIONE Parlamenti nazionali e Unione europea nella governance multilivello Roma 28 gennaio 2016, I SESSIONE Il ruolo dei Parlamenti nazionali in materia di libertà, sicurezza e giustizia e in materia di adesione

Dettagli

Approfondimento su Schengen

Approfondimento su Schengen Approfondimento su Schengen INFORMAZIONI SUL DIRITTO COMUNITARIO INTRODUZIONE Le disposizioni dell accordo di Schengen prevedono l abolizione dei controlli alle frontiere interne degli Stati membri facenti

Dettagli

Modernizzare l organizzazione del lavoro. - Un atteggiamento positivo nei confronti dei cambiamenti. Comunicazione della Commissione

Modernizzare l organizzazione del lavoro. - Un atteggiamento positivo nei confronti dei cambiamenti. Comunicazione della Commissione Modernizzare l organizzazione del lavoro - Un atteggiamento positivo nei confronti dei cambiamenti Comunicazione della Commissione 1. Introduzione 1.1 Obiettivo della comunicazione L'obiettivo della comunicazione

Dettagli

3URSRVWDGLGHFLVLRQHGLILQDQ]LDPHQWRDLVHQVLGHOODUWLFROR%GHO ELODQFLR 3URJUDPPDGLERUVHGLVWXGLR8(&LQD

3URSRVWDGLGHFLVLRQHGLILQDQ]LDPHQWRDLVHQVLGHOODUWLFROR%GHO ELODQFLR 3URJUDPPDGLERUVHGLVWXGLR8(&LQD IB/1043/99IT (EN) COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE I RELAZIONI ESTERNE: POLITICA COMMERCIALE, RELAZIONI CON L AMERICA SETTENTRIONALE, L ESTREMO ORIENTE, L AUSTRALIA E LA NUOVA ZELANDA Direzione F

Dettagli

POAT. Europa per i Cittadini. Presentare una proposta di progetto. Comune di Agrigento Giovedì 14 Maggio 2015

POAT. Europa per i Cittadini. Presentare una proposta di progetto. Comune di Agrigento Giovedì 14 Maggio 2015 POAT PROGETTO OPERATIVO DI ASSISTENZA TECNICA ALLE REGIONI DELL OBIETTIVO CONVERGENZA Linea 3 - Ambito 1 Azioni a supporto della partecipazione ai programmi comunitari a gestione diretta e al lavoro in

Dettagli

VERSO LA CREAZIONE DEL NUOVO STRUMENTO FINANZIARIO DI PROSSIMITÀ

VERSO LA CREAZIONE DEL NUOVO STRUMENTO FINANZIARIO DI PROSSIMITÀ Conferenza Internazionale Semestre della Presidenza Italiana dell UE IL PARTENARIATO INTERREG IONALE NELLA POLITICA DI PROSSIMITÀ: IL MEDITERRANEO ED I BALCANI Ancona, 17-18 Ottobre 2003 VERSO LA CREAZIONE

Dettagli

Trattato di Maastricht.

Trattato di Maastricht. Trattato di Maastricht. Il trattato sull'unione segna una nuova tappa nell'integrazione europea poiché consente di avviare l'integrazione politica. L'Unione europea da esso creata comporta tre pilastri:

Dettagli

Impegno dei Sindaci. [sviluppare una strategia generale (indipendente) di adattamento locale per la nostra amministrazione locale] (1); e/o 1

Impegno dei Sindaci. [sviluppare una strategia generale (indipendente) di adattamento locale per la nostra amministrazione locale] (1); e/o 1 Le amministrazioni locali sono impegnate in prima linea nel ricercare soluzioni per far fronte ai cambiamenti climatici. Le azioni di adattamento offrono nuove opportunità per migliorare la qualità di

Dettagli

DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive. Giovanni Principe General Director ISFOL

DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive. Giovanni Principe General Director ISFOL DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive Giovanni Principe General Director ISFOL DECENTRALISATION AND COORDINATION: THE TWIN CHALLENGES OF LABOUR

Dettagli

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE Nell'ambito dei lavori del 3 Forum "Territori in rete per lo sviluppo umano", che si è svolto a Sassari

Dettagli

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana.

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana. signore e signori, è un grande onore per il mio Paese, per l Italia, essere qui oggi. Vorrei ringraziare la Repubblica Federale Democratica d Etiopia e il Presidente dell Assemblea Generale, Sam Kutesa,

Dettagli

Le parole chiave: Per non svuotare la sussidiarietà

Le parole chiave: Per non svuotare la sussidiarietà LINEE GUIDA PER UN PATTO PER IL RICONOSCIMENTO E LA VALORIZZAZIONE DELL APPORTO DEL TERZO SETTORE ALLA RETE DI SOSTEGNO AL WELFARE DI BOLOGNA E PROVINCIA Le parole chiave: 1. SUSSIDIARIETA 2. STABILE REGIA

Dettagli

III.2 Condizioni finanziarie e contrattuali specifiche relative al finanziamento di progetti

III.2 Condizioni finanziarie e contrattuali specifiche relative al finanziamento di progetti RETTIFICA della guida al programma "Europa per i cittadini" CAPITOLO I INTRODUZIONE I.4 Temi prioritari del Programma "Europa per i cittadini" I temi permanenti (pagina 6-8) sono sostituiti da: Priorità

Dettagli

ICARUS Good Practices

ICARUS Good Practices ICARUS Good Practices Lista delle cose che possiamo fare per rendere più efficaci gli interventi sindacali sui comitati aziendali europei. Azioni possibili dei rappresentanti del CAE 1 Stabilire e mantenere

Dettagli

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Convegno su Processi di decentramento e rilancio dello sviluppo. Investimenti pubblici, infrastrutture e competitività Banca Intesa

Dettagli

(Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA

(Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA 22.9.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 286/23 V (Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA Invito a presentare proposte Programma Cultura (2007-2013) Implementazione del programma:

Dettagli

CSV.net Gruppo Europa Programma esecutivo 2008

CSV.net Gruppo Europa Programma esecutivo 2008 CSV.net Gruppo Europa Programma esecutivo 2008 OBIETTIVI STRATEGICI Nel corso del 2007 si è venuto precisando ed arricchendo il ruolo ed il potenziale del Gruppo Europa che ha superato la fase sperimentale

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: Storia, Cittadinanza e Costituzione DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte Le competenze

Dettagli

(in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010

(in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010 Intervento di Fabio Beltram, Direttore eletto Scuola Normale Superiore (in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010 Signor Presidente della Repubblica mi permetta di unire la mia personale gratitudine

Dettagli

Studio Professionale AM Consulting

Studio Professionale AM Consulting La seguente scheda fornisce solo alcune informazioni di carattere generale e non è da considerarsi esaustiva, si rimandano gli approfondimenti a un momento successivo con le parti interessate. SALUTE 2008-2013

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri

Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri dei volontari YFJ_VolunteeringCharter_IT.indd 1 16/09/12 13:02 Editorial team Editor in Chief Giuseppe Porcaro Copy Editor Thomas Spragg Graphic

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELLE RETI TRANSEUROPEE

IL FINANZIAMENTO DELLE RETI TRANSEUROPEE IL FINANZIAMENTO DELLE RETI TRANSEUROPEE Le reti transeuropee (RTE) sono in parte finanziate dall'unione europea e in parte dagli Stati membri. L'aiuto finanziario dell'unione funge da catalizzatore, poiché

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

SETTORE INTERNAZIONALE

SETTORE INTERNAZIONALE SETTORE INTERNAZIONALE Pratica generale relativa all'attività della Rete Europea dei Consigli di Giustizia ENCJ- RECJ per il biennio 2012-2013. Assemblea Generale - Dublino, 9-11 maggio 2012. (Fasc. 4/EJ/2012

Dettagli

I s t i t u t o G r a n d i I n f r a s t r u t t u r e APPALTI &CONCESSIONI. Europa e Regioni

I s t i t u t o G r a n d i I n f r a s t r u t t u r e APPALTI &CONCESSIONI. Europa e Regioni APPALTI &CONCESSIONI Piano della Commissione Europea per soddisfare le esigenze di finanziamento a lungo termine dell'economia La Commissione europea ha adottato lo scorso 27 marzo un pacchetto di misure

Dettagli

CNEL Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro INDICI DI INSERIMENTO DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA. Documento

CNEL Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro INDICI DI INSERIMENTO DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA. Documento CNEL Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro INDICI DI INSERIMENTO DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA Documento Assemblea 27 marzo 2003 INDICI DI INSERIMENTO DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA II Rapporto a cura

Dettagli

Semaforo verde per Erasmus+: più di 4 milioni di persone riceveranno borse unionali per le competenze e l'occupabilità

Semaforo verde per Erasmus+: più di 4 milioni di persone riceveranno borse unionali per le competenze e l'occupabilità COMMISSIONE EUROPEA COMUNICATO STAMPA Strasburgo/Bruxelles, 19 novembre 2013 Semaforo verde per Erasmus+: più di 4 milioni di persone riceveranno borse unionali per le competenze e l'occupabilità Erasmus+,

Dettagli

Le Istituzioni dell UE

Le Istituzioni dell UE Le Istituzioni dell UE Il Parlamento europeo 754 Membri del Parlamento Potere legislativo condiviso con il Consiglio Potere di bilancio condiviso con il Consiglio Potere di controllo politico Il Consiglio

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Ho l onore di partecipare a questa conferenza, in una sede prestigiosa, assieme a esponenti istituzionali di altri paesi, proprio in un momento storico in cui più intensa e probabilmente proficua è la

Dettagli

1. Comitato consultivo del CSDU

1. Comitato consultivo del CSDU Centro svizzero di competenza per i diritti umani (CSDU) Fase pilota 2011 2015 Parere e raccomandazioni del Comitato consultivo del CSDU del 29 aprile 2015 Compendio La valutazione conferma quanto sostenuto

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

Unione Europea. il FUTURO nella RETE. Rete Rurale Nazionale 2007.2013 - ITALIA. Rete di reti nel Network Europeo per lo Sviluppo Rurale

Unione Europea. il FUTURO nella RETE. Rete Rurale Nazionale 2007.2013 - ITALIA. Rete di reti nel Network Europeo per lo Sviluppo Rurale Unione Europea Rete Rurale Nazionale 2007.2013 - ITALIA Rete di reti nel Network Europeo per lo Sviluppo Rurale Indice Pag. 3 La politica di sviluppo rurale 2007.2013 Pag. 4 Pag. 5 Pag. 6 Pag. 7 Pag. 8

Dettagli

AUDIZIONE. Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI

AUDIZIONE. Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI AUDIZIONE Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI ROMA, 14 OTTOBRE 2010 I sistemi di sicurezza sociale sono sviluppati in Europa più che in altre parti del

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA. (Applausi)

BOZZA NON CORRETTA. (Applausi) MAURO FACCHINI, Vice Capo Ufficio GMES della Direzione generale Imprese della Commissione europea. Signor Presidente, onorevoli deputati, direttore Liebig, signore e signori, innanzitutto vorrei esprimere

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

COMMISSIONE CGIE DEI GIOVANI ITALIANI DI SVIZZERA, CROAZIA E SAN MARINO

COMMISSIONE CGIE DEI GIOVANI ITALIANI DI SVIZZERA, CROAZIA E SAN MARINO COMMISSIONE CGIE DEI GIOVANI ITALIANI DI SVIZZERA, CROAZIA E SAN MARINO Contiamo sul vostro attaccamento alle radici italiane delle vostre famiglie perché vi facciate promotori, in diversi continenti e

Dettagli