All'interno della ASL RM/H

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "All'interno della ASL RM/H"

Transcript

1 Tav Decessi dei residenti di Albano Laziale per patologia e sesso All'interno della ASL RM/H Fuori della ASL RM/H Causa di morte maschi femm. maschi femm. Tumori Malattie endocrine, nutrizionali, del metabol. e dist. del sist. immunitario Mal. del sangue e degli org. ematop Disturbi psichici Malattie del sistema nervoso e degli organi dei sensi Malattie del sistema circolatorio Malattie dell'apparato respiratorio Malattie dell'apparato digerente Malattie del sistema genito urinario Malattie della cute e del tess. sottocut Alcune condiz. morb. di orig. perinat Sintomi, segni, stati morb. maldefin Traumatismi e avvelenamenti Altro Fonte: Azienda USL RM/H.

2 Tav Decessi dei residenti di Albano Laziale per patologia e sesso (percentuali) Causa di morte maschi femmine Tumori 29,9 23,1 25,9 Malattie endocrine, nutrizionali, del metabolismo e disturbi del sistema immunitario 4,8 5,1 5,0 Mal. del sangue e degli organi ematopoietici 0,0 0,9 0,5 Disturbi psichici 1,2 3,0 2,2 Mal. del sistema nervoso e degli organi dei sensi 3,6 4,7 4,2 Malattie del sistema circolatorio 32,3 39,7 36,7 Malattie dell'apparato respiratorio 13,8 7,7 10,2 Malattie dell'apparato digerente 3,0 3,4 3,2 Malattie del sistema genito-urinario 1,8 2,1 2,0 Malattie della cute e del tessuto sottocutaneo 0,0 0,0 0,0 Alcune condizioni morbose di origine perinatale 0,0 0,0 0,0 Sintomi, segni, stati morbosi maldefiniti 1,8 4,7 3,5 Traumatismi e avvelenamenti 4,2 3,8 4,0 Altro 3,6 1,7 2,5 100,0 100,0 100,0 Fonte: Elaborazioni dell'ufficio statistica su dati dell'azienda USL RM/H.

3 Tav Ricoveri dei residenti di Albano Laziale per patologia (classificazione MDC) e sesso (valori assoluti) Patologia maschi femm. Malattie dell'apparato muscolo-scheletrico e connettivo Malattie dell'apparato cardiocircolatorio Malattie dell'apparato digerente Gravidanza, parto e puerperio Malattie e disturbi del sistema nervoso Malattie dell'apparato respiratorio Malattie dell'orecchio, del naso e della gola Malattie e disturbi mentali Malattie del rene e delle vie urinarie Malattie endocrine, metaboliche e nutrizionali Malattie e disturbi del periodo neonatale Fattori influenz. lo stato di salute ed il ricorso ai serv. sanit Malattie della pelle, del sottocut. e della mammella Malattie mieloproliferative e tumori poco differenziati Malattie epatobiliari e del pancreas Malattie dell'apparato riproduttivo femminile Malattie dell'apparato riproduttivo maschile Malattie e dist. di sangue, organi ematop. e sist. immunit Malattie dell'occhio Malattie infettive e parassitarie Traumatismi, avvelenamenti ed effetti tossici dei farmaci Infezioni da HIV Abuso di alcool o farmaci e disturbi indotti da alcool o farm Ustioni Traumatismi multipli rilevanti 2-2 Altro Fonte: Azienda USL RM/H.

4 Tav Ricoveri dei residenti di Albano Laziale per patologia (classificazione MDC) e sesso (valori assoluti) Patologia maschi femm. Malattie dell'apparato muscolo-scheletrico e connettivo Malattie dell'apparato cardiocircolatorio Gravidanza, parto e puerperio Malattie dell'apparato respiratorio Malattie e disturbi del sistema nervoso Malattie dell'apparato digerente Malattie dell'orecchio, del naso e della gola Malattie e disturbi mentali Malattie e disturbi del periodo neonatale Malattie del rene e delle vie urinarie Malattie endocrine, metaboliche e nutrizionali Fattori influenz. lo stato di salute ed il ricorso ai serv. sanit Malattie della pelle, del sottocut. e della mammella Malattie epatobiliari e del pancreas Malattie mieloproliferative e tumori poco differenziati Malattie dell'apparato riproduttivo femminile Malattie dell'apparato riproduttivo maschile Malattie e dist. di sangue, organi ematop. e sist. immunit Malattie infettive e parassitarie Malattie dell'occhio Traumatismi, avvelenamenti ed effetti tossici dei farmaci Infezioni da HIV Abuso di alcool o farmaci e disturbi indotti da alcool o farm. 4-4 Traumatismi multipli rilevanti Ustioni Altro Fonte: Azienda USL RM/H.

5 Tav Ricoveri dei residenti di Albano Laziale per patologia (classificazione MDC) e sesso (valori assoluti) all'interno della Azienda USL RM/H Patologia maschi femm. Malattie dell'apparato muscolo-scheletrico e connettivo Malattie dell'apparato cardiocircolatorio Malattie dell'apparato digerente Gravidanza, parto e puerperio Malattie e disturbi del sistema nervoso Malattie dell'apparato respiratorio Malattie dell'orecchio, del naso e della gola Malattie e disturbi mentali Malattie del rene e delle vie urinarie Malattie endocrine, metaboliche e nutrizionali Malattie e disturbi del periodo neonatale Fattori influenz. lo stato di salute ed il ricorso ai serv. sanit Malattie della pelle, del sottocut. e della mammella Malattie mieloproliferative e tumori poco differenziati Malattie epatobiliari e del pancreas Malattie dell'apparato riproduttivo femminile Malattie dell'apparato riproduttivo maschile Malattie e dist. di sangue, organi ematop. e sist. immunit Malattie dell'occhio Malattie infettive e parassitarie Traumatismi, avvelenamenti ed effetti tossici dei farmaci Infezioni da HIV Abuso di alcool o farmaci e disturbi indotti da alcool o farm Ustioni Traumatismi multipli rilevanti 1-1 Altro Fonte: Azienda USL RM/H.

6 Tav Ricoveri dei residenti di Albano Laziale per patologia (classificazione MDC) e sesso (valori assoluti) fuori della Azienda USL RM/H Patologia maschi femm. Malattie dell'apparato muscolo-scheletrico e connettivo Malattie dell'apparato cardiocircolatorio Malattie dell'apparato digerente Gravidanza, parto e puerperio Malattie e disturbi del sistema nervoso Malattie dell'apparato respiratorio Malattie dell'orecchio, del naso e della gola Malattie e disturbi mentali Malattie del rene e delle vie urinarie Malattie endocrine, metaboliche e nutrizionali Malattie e disturbi del periodo neonatale Fattori influenz. lo stato di salute ed il ricorso ai serv. sanit Malattie della pelle, del sottocut. e della mammella Malattie mieloproliferative e tumori poco differenziati Malattie epatobiliari e del pancreas Malattie dell'apparato riproduttivo femminile Malattie dell'apparato riproduttivo maschile Malattie e dist. di sangue, organi ematop. e sist. immunit Malattie dell'occhio Malattie infettive e parassitarie Traumatismi, avvelenam. ed effetti tossici dei farmaci Infezioni da HIV Abuso di alcool o farmaci e dist. indotti da alcool o farm. 1-1 Ustioni 1-1 Traumatismi multipli rilevanti 1-1 Altro Fonte: Azienda USL RM/H.

7 Tav Ricoveri dei residenti di Albano Laziale per patologia (classificazione MDC) e sesso all'interno della Azienda USL RM/H (valori assoluti) Patologia maschi femm. Malattie dell'apparato muscolo-scheletrico e connettivo Malattie dell'apparato cardiocircolatorio Gravidanza, parto e puerperio Malattie dell'apparato respiratorio Malattie e disturbi del sistema nervoso Malattie dell'apparato digerente Malattie dell'orecchio, del naso e della gola Malattie e disturbi mentali Malattie e disturbi del periodo neonatale Malattie del rene e delle vie urinarie Malattie endocrine, metaboliche e nutrizionali Fattori influenz. lo stato di salute ed il ricorso ai serv. sanit Malattie della pelle, del sottocut. e della mammella Malattie epatobiliari e del pancreas Malattie mieloproliferative e tumori poco differenziati Malattie dell'apparato riproduttivo femminile Malattie dell'apparato riproduttivo maschile Malattie e disturbi di sangue, organi ematop. e sist. immunit Malattie infettive e parassitarie Malattie dell'occhio Traumatismi, avvelenamenti ed effetti tossici dei farmaci Infezioni da HIV Abuso di alcool o farmaci e disturbi indotti da alcool o farm. 4-4 Traumatismi multipli rilevanti Ustioni Altro Fonte: Azienda USL RM/H.

8 Tav Ricoveri dei residenti di Albano Laziale per patologia (classificazione MDC) e sesso fuori della Azienda USL RM/H (valori assoluti) Patologia maschi femm. Malattie dell'apparato muscolo-scheletrico e connettivo Malattie dell'apparato cardiocircolatorio Gravidanza, parto e puerperio Malattie dell'apparato respiratorio Malattie e disturbi del sistema nervoso Malattie dell'apparato digerente Malattie dell'orecchio, del naso e della gola Malattie e disturbi mentali Malattie e disturbi del periodo neonatale Malattie del rene e delle vie urinarie Malattie endocrine, metaboliche e nutrizionali Fattori influenz. lo stato di salute ed il ricorso ai serv. sanit Malattie della pelle, del sottocut. e della mammella Malattie epatobiliari e del pancreas Malattie mieloproliferative e tumori poco differenziati Malattie dell'apparato riproduttivo femminile Malattie dell'apparato riproduttivo maschile Malattie e dist. di sangue, organi ematop. e sist. immunit Malattie infettive e parassitarie Malattie dell'occhio Traumatismi, avvelenam. ed effetti tossici dei farmaci Infezioni da HIV Abuso di alcool o farmaci e dist. indotti da alcool o farm Traumatismi multipli rilevanti 1-1 Ustioni Altro Fonte: Azienda USL RM/H. Tav Interruzioni volontarie di gravidanza e aborti spontanei nella ASL RM H per aziende ospedaliera Azienda ospedaliera Interruzioni volontarie di gravidanza Aborti spontanei Anzio - Ospedale Generale Provinciale Genzano di Roma - Ercole de Santis Marino - San Giuseppe Velletri - Ospedale civile Fonte: Camera di Commercio, Industria e Artigianato di Roma "Roma e Provincia attraverso la statistica" edizione 2011.

9 Tav Accessi al Pronto Soccorso nella ASL RM/H per istituto e modalità di arrivo Modalità di arrivo Ospedale Ambul. 118 Ambul. pubbl. Ambul. privata Altra ambul. Autonomo Altro Anzio Albano Laziale Frascati Velletri Pomezia % 15,13% 0,73% 0,23% 6,79% 77,06% 0,05% 100,0% Fonte: ASP Lazio. Tav Accessi al Pronto Soccorso nella ASL RM/H per istituto e triage Ospedale rosso giallo verde bianco Non eseguito Anzio Albano Laziale Frascati Velletri Pomezia % 1,77% 28,21% 66,46% 3,56% 0,00% 100,00% Fonte: ASP Lazio.

10 Tav Accessi al Pronto Soccorso nella ASL RM/H per istituto e triage (percentuali) Ospedale rosso giallo verde bianco Non eseguito Anzio 1,54% 22,89% 70,44% 5,13% - 100,00% Albano Laziale 3,29% 40,63% 53,04% 3,04% - 100,00% Frascati 1,15% 23,42% 73,33% 2,10% - 100,00% Velletri 1,43% 35,29% 61,70% 1,59% - 100,00% Pomezia 1,34% 18,53% 74,20% 5,92% 0,01% 100,00% 1,77% 28,21% 66,46% 3,56% 0,00% 100,00% Fonte: ASP Lazio. Tav Accessi al Pronto Soccorso nella ASL RM/H per istituto ed esito Esito Ospedale A domicilio o presso strutt. ambul. Ricovero Trasferito ad altro istituto Deceduto in PS Rifiuta ricovero Non risponde a chiamata Paziente si allontana spontaneamente Giunto cadavere Anzio Albano Laziale Frascati Velletri Pomezia % 64,7% 11,0% 3,4% 0,3% 11,3% 6,7% 2,5% 0,1% 100,0% Fonte: ASP Lazio.

11 Tav Tempo di permanenza (minuti) al Pronto Soccorso nella ASL RM/H per istituto e triage Ospedale rosso giallo verde bianco Anzio 1.102,8 711,5 216,5 90,7 Albano Laziale 578,9 381,2 204,4 283,6 Frascati 205,0 285,5 151,4 131,5 Velletri 749,9 630,1 240,5 229,3 Pomezia 261,3 194,3 132,4 178,0 Fonte: ASP Lazio. Tav Pensioni in pagamento dall'inps ai residenti nel Comune di Albano Laziale per sesso - 1 gennaio 2013 e 1 gennaio /01/ /01/2014 Ente erogatore Maschi Femmine Maschi Femmine INPS (1) INPS-GDP (2) (1) - Fondo pensioni lavoratori dipendenti, Gestione degli Autonomi, Gestione separata e Fondi speciali. (2) - Gestione dipendenti pubblici (ex INPDAP).

12 Tav Pensioni in pagamento dall'inps per sesso e classi di età - 1 gennaio 2013 Classi di età Maschi Femmine % , , , , , , ,7 80 e oltre , ,0 Tav Pensioni in pagamento dall'inps per sesso e classi di età - 1 gennaio 2014 Classi di età Maschi Femmine % , , , , , , ,0 80 e oltre , ,0

13 Tav Pensioni INPS per classi di - 1 gen 2013 e 1 gen 2014 Classi di (euro) 01/01/ /01/2014 % % 0-250, , ,42 250,01-500, , ,67 500,01-750, , ,48 750, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,01 e oltre 637 5, , , ,00 Tav Pensioni in pagamento dall'inps (esclusa gestione GDP) ai residenti nel Comune di Albano Laziale e lordo per tipologia e sesso - 1 gennaio 2014 Tipologia di pensione Maschi Femmine Vecchiaia , , ,19 Invalidità , , ,58 Superstiti , , ,25 Pensioni/assegni sociali , , ,80 Ciechi , , ,14 Sordomuti , , ,27 Invalidi parziali e totali , , , , , ,93

14 Tav Pensioni in pagamento dall'inps gestione GDP ai residenti nel Comune di Albano Laziale e lordo per tipologia e sesso - 1 gen 2013 Tipologia di pensione Maschi Femmine Vecchiaia , , ,21 Inabilità , , ,39 Superstiti , , , , , ,67 Tav Pensioni in pagamento dall'inps gestione GDP ai residenti nel Comune di Albano Laziale e lordo per tipologia e sesso - 1 gen 2014 Tipologia di pensione Maschi Femmine Vecchiaia , , ,53 Inabilità , , ,19 Superstiti , , , , , ,52

15 Tav Pensioni in pagamento dall'inps gestione GDP ai residenti nel Comune di Albano Laziale per classi di età e tipologia - 1 gennaio 2013 Classi di età Tipologia Vecchiaia Inabilità Superstiti fino a e oltre Tav Pensioni in pagamento dall'inps (gestione GDP) ai residenti nel Comune di Albano Laziale per classi di età e tipologia - 1 gennaio 2014 Classi di età Tipologia Vecchiaia Inabilità Superstiti fino a e oltre

16 Tav Pensioni in pagamento dall'inps (esclusa gestione GDP) ai residenti nel Comune di Albano Laziale e per classi di età e sesso - 1/1/14 Classi di età Maschi Femmine , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,74 80 e oltre , , , , , ,93 Tav Pensioni in pagamento dall'inps (esclusa gestione GDP) ai residenti nel Comune di Albano Laziale per classi di età e tipologia - 1 gennaio 2013 Tipologia Classi di età Vecchiaia Invalidità Superstiti Pensioni Assegni sociali Invalidi civili Ciechi Sordomuti fino a e oltre

17 Tav Pensioni in pagamento dall'inps (esclusa gestione GDP) ai residenti nel Comune di Albano Laziale per classi di età e tipologia - 1 gennaio 2014 Tipologia Classi di età Vecchiaia Invalidità Superstiti Pensioni Assegni sociali Invalidi civili Ciechi Sordomuti fino a e oltre Tav Pensioni in pagamento dall'inps (esclusa gestione GDP) ai residenti nel Comune di Albano Laziale per classi di e tipologia - 1 gennaio 2013 Tipologia Classi di (euro) Vecchiaia Invalidità Superstiti Pensioni Assegni sociali Invalidi civili Ciechi Sordomuti 0-500, , , , , , , , , , , , , oltre 2500,

18 Tav Pensioni in pagamento dall'inps (esclusa gestione GDP) ai residenti nel Comune di Albano Laziale per classi di e tipologia - 1 gennaio 2014 Tipologia Classi di (euro) Vecchiaia Invalidità Superstiti Pensioni Assegni sociali Invalidi civili Ciechi Sordomuti 0-250, ,01-500, ,01-750, , , , , , , , , , , , , oltre 2500,

TOTALE M F T N % N % N %

TOTALE M F T N % N % N % TOTALE 1 - Malattie e disturbi del sistema nervoso 5 2.2 2 0.9 7 3.0 3 - Malattie e disturbi dell'orecchio,del naso,della bocca e della gola 3 1.3 - - 3 1.3 4 - Malattie e disturbi dell'apparato respiratorio

Dettagli

LE NASCITE E I RICOVERI IN CIFRE

LE NASCITE E I RICOVERI IN CIFRE LE NASCITE E I RICOVERI IN CIFRE A cura di Veronica Casotto Settore Epidemiologia dei servizi sociali integrati Osservatorio di Epidemiologia ARS Toscana e Franca Rusconi Estratto dalla Relazione sanitaria

Dettagli

La salute degli immigrati: un linguaggio comune per parlarne La salute materno-infantile

La salute degli immigrati: un linguaggio comune per parlarne La salute materno-infantile La salute degli immigrati: un linguaggio comune per parlarne La salute materno-infantile Silvia Candela, Unità Epidemiologia Azienda USL Reggio Emilia Silvia Casagrande, Laziosanità Agenzia di Sanità Pubblica

Dettagli

SERIE STORICA DELLA MOBILITA' SANITARIA INTERREGIONALE per tipologia di prestazione, regime di ricovero e tipo di degenza

SERIE STORICA DELLA MOBILITA' SANITARIA INTERREGIONALE per tipologia di prestazione, regime di ricovero e tipo di degenza SERIE STORICA DELLA MOBILITA' SANITARIA INTERREGIONALE 1999-2008 per tipologia di prestazione, regime di ricovero e tipo di degenza 3 La serie storica della Mobilità Sanitaria Interregionale evidenzia

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza semestrale. Regione Campania. Analisi della numerosità delle malattie professionali - blocco 1

Tabelle regionali con cadenza semestrale. Regione Campania. Analisi della numerosità delle malattie professionali - blocco 1 Tabelle regionali con cadenza semestrale Regione Campania Analisi della numerosità delle malattie professionali - blocco 1 Dati rilevati al 30 aprile 2017 Nota metodologica Sono considerate le malattie

Dettagli

I DRG e il rimborso delle prestazioni di ricovero.

I DRG e il rimborso delle prestazioni di ricovero. I DRG e il rimborso delle prestazioni di ricovero DRG (Diagnosis Related Groups) Sistema di classificazione della casistica ospedaliera per acuti, E fondato sul principio di attribuzione dei pazienti a

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza semestrale. Regione Emilia Romagna. Analisi della numerosità delle malattie professionali - blocco 1

Tabelle regionali con cadenza semestrale. Regione Emilia Romagna. Analisi della numerosità delle malattie professionali - blocco 1 Tabelle regionali con cadenza semestrale Regione Emilia Romagna Analisi della numerosità delle malattie professionali - blocco 1 Dati rilevati al 30 aprile 2017 Nota metodologica Sono considerate le malattie

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Basilicata. Analisi della numerosità delle malattie professionali

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Basilicata. Analisi della numerosità delle malattie professionali Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Basilicata Analisi della numerosità delle malattie professionali Dati rilevati al 31 dicembre 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Valle d'aosta. Analisi della numerosità delle malattie professionali

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Valle d'aosta. Analisi della numerosità delle malattie professionali Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Valle d'aosta Analisi della numerosità delle malattie professionali Dati rilevati al 30 giugno 2017 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Liguria. Analisi della numerosità delle malattie professionali

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Liguria. Analisi della numerosità delle malattie professionali Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Liguria Analisi della numerosità delle malattie professionali Dati rilevati al 31 dicembre 2016 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle

Dettagli

Tabelle nazionali con cadenza semestrale. Analisi della numerosità delle malattie professionali - blocco 1

Tabelle nazionali con cadenza semestrale. Analisi della numerosità delle malattie professionali - blocco 1 Tabelle nazionali con cadenza semestrale Analisi della numerosità delle malattie professionali - blocco 1 Dati rilevati al 31 ottobre 2016 Nota metodologica Sono considerate le malattie professionali denunciate

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Calabria. Analisi della numerosità delle malattie professionali

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Calabria. Analisi della numerosità delle malattie professionali Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Calabria Analisi della numerosità delle malattie professionali Dati rilevati al 31 agosto 2017 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle

Dettagli

2. Analisi dei dati di ricovero (SDO),suddivisi per Distretto e principali patologie

2. Analisi dei dati di ricovero (SDO),suddivisi per Distretto e principali patologie 2. Analisi dei dati di ricovero (SDO),suddivisi per Distretto e principali patologie Un ASL che ricovera in modo appropriato 2.1. Consumo di ricoveri da parte degli assistiti La banca Dati Assistiti (BDA)

Dettagli

sanità Avvertenze Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) interruzioni volontarie di gravidanza malattie infettive

sanità Avvertenze Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) interruzioni volontarie di gravidanza malattie infettive capitolo 3 sanità Avvertenze Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) E l unità territoriale preposta all erogazione dei servizi sanitari ai cittadini. Le A.S.L. presenti sul territorio del comune di Roma sono

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Sicilia. Analisi della numerosità delle malattie professionali

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Sicilia. Analisi della numerosità delle malattie professionali Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Sicilia Analisi della numerosità delle malattie professionali Dati rilevati al 31 dicembre 2016 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Piemonte. Analisi della numerosità delle malattie professionali

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Piemonte. Analisi della numerosità delle malattie professionali Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Piemonte Analisi della numerosità delle malattie professionali Dati rilevati al 31 dicembre 2016 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni

Dettagli

1 Introduzione Descrizione Diagnostic Related Groups (DRG) Stage Ulss di Vicenza 3

1 Introduzione Descrizione Diagnostic Related Groups (DRG) Stage Ulss di Vicenza 3 Indice Analisi dei ricoveri ospedalieri dell anno 2002 nella Ulss n 6 di Vicenza: confronti con l Italia e il Veneto Indice 1 Introduzione 1 1.1 Descrizione Diagnostic Related Groups (DRG) 1 1.2 Stage

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Sardegna. Analisi della numerosità delle malattie professionali

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Sardegna. Analisi della numerosità delle malattie professionali Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Sardegna Analisi della numerosità delle malattie professionali Dati rilevati al 31 ottobre 2016 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Sardegna. Analisi della numerosità delle malattie professionali

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Sardegna. Analisi della numerosità delle malattie professionali Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Sardegna Analisi della numerosità delle malattie professionali Dati rilevati al 31 luglio 2016 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Emilia-Romagna. Analisi della numerosità delle malattie professionali

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Emilia-Romagna. Analisi della numerosità delle malattie professionali Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Emilia-Romagna Analisi della numerosità delle malattie professionali Dati rilevati al 30 novembre 2016 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni

Dettagli

A cura del Servizio Controllo di Gestione

A cura del Servizio Controllo di Gestione A cura del Servizio Controllo di Gestione IL Report e' stato prodotto dal Servizio Controllo Interno di Gestione dell'asl Caserta 1 sulla base dei dati di ricovero dall'anno 2003 all'anno 2005 forniti

Dettagli

Tabelle nazionali con cadenza mensile. Analisi della numerosità delle malattie professionali

Tabelle nazionali con cadenza mensile. Analisi della numerosità delle malattie professionali Tabelle nazionali con cadenza mensile Analisi della numerosità delle malattie professionali Dati rilevati al 31 ottobre 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce di malattia

Dettagli

Tabelle nazionali con cadenza mensile. Analisi della numerosità delle malattie professionali

Tabelle nazionali con cadenza mensile. Analisi della numerosità delle malattie professionali Tabelle nazionali con cadenza mensile Analisi della numerosità delle malattie professionali Dati rilevati al 31 agosto 2017 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce di malattia

Dettagli

Valutazione dello stato di salute dei residenti nell area Fraschetta del Comune di Alessandria: studio di mortalità locale ( )

Valutazione dello stato di salute dei residenti nell area Fraschetta del Comune di Alessandria: studio di mortalità locale ( ) Alessandria (AL), 23 Marzo 2017 Presentazione esiti studi epidemiologici in Fraschetta Valutazione dello stato di salute dei residenti nell area Fraschetta del Comune di Alessandria: studio di mortalità

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera:

A relazione dell'assessore Cavallera: REGIONE PIEMONTE BU47 21/11/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 11 novembre 2013, n. 55-6670 Modificazioni ed integrazioni alla DGR n. 14-6039 del 2.7.2013 "Determinazione delle tariffe per attivita'

Dettagli

Provincia di Grosseto

Provincia di Grosseto per le politiche sociali Dirigente responsabile: dr.ssa Roberta Giulietti Funzionario: dr.ssa Giovanna Casolaro Via Ansedonia, 6 Grosseto 0564 484137 0564 25688 osservatorio@provincia.grosseto.it www.provincia.grosseto.it/pages/mm5712.jsp

Dettagli

Natalia Buzzi. ERA 2008: le schede di dimissione ospedaliera per USL come strumento di posizionamento comparativo. ISS - Roma, 17-11-2008

Natalia Buzzi. ERA 2008: le schede di dimissione ospedaliera per USL come strumento di posizionamento comparativo. ISS - Roma, 17-11-2008 ERA Epidemiologia e Ricerca Applicata Presentazione dell Atlante 2008 Giornata di Studio Roma, 17.11.08 ERA 2008: le schede di dimissione ospedaliera per USL come strumento di posizionamento comparativo

Dettagli

2. CONDIZIONI DI SALUTE

2. CONDIZIONI DI SALUTE Popolazione e salute 67 2. CONDIZIONI DI SALUTE Lo stato di salute di una popolazione è difficilmente misurabile e dipende oltre che dall'offerta di servizi, sanitari e non, anche da molteplici altri fattori

Dettagli

0 2 40,2 100,0 206, ,1 70,0 144,2 7 10

0 2 40,2 100,0 206, ,1 70,0 144,2 7 10 2012-14 NELLA ASL DI SANLURI: SHORT LIST CON STIME DEGLI SMR E LORO LC PER GENERE (POPOLAZIONE STANDARD ITALIA 2012) Malattie infettive e parassitarie (A00-B99) 2012-14 ATTESI 2012-14 ATTESI 2012-14 ATTESI

Dettagli

Indice - Rapporto Ospedale Venosa Annuale - v8.0

Indice - Rapporto Ospedale Venosa Annuale - v8.0 Indice - Rapporto Ospedale Venosa 2015 - Annuale - v8.0 SEZ. 1 SEZ. 2 SEZ. 3 SEZ. 4 SEZ. 5 SEZ. 6 SEZ. 7 SEZ. 8 SEZ. 9 SEZ. 10 Ospedale - Dati Economici Distrettuali (OR1) Ospedale Posti Letto per Unità

Dettagli

Spesa previdenziale, tra i costi indiretti delle malattie del cuore

Spesa previdenziale, tra i costi indiretti delle malattie del cuore Spesa previdenziale, tra i costi indiretti delle malattie del cuore Roma, 28 settembre 2017 SIMONE RUSSO EEHTA, CEIS, Università degli studi Roma di Tor Vergata RAFFAELE MIGLIORINI CGML INPS LEGGE 12

Dettagli

CAPITOLO 4 VALUTAZIONE DEI TASSI DI MORTALITA NEI RESIDENTI NELLA ASL RM/A

CAPITOLO 4 VALUTAZIONE DEI TASSI DI MORTALITA NEI RESIDENTI NELLA ASL RM/A CAPITOLO 4 VALUTAZIONE DEI TASSI DI MORTALITA NEI RESIDENTI NELLA ASL RM/A CAP. 5 VALUTAZIONE DEI TASSI DI MORTALITA NEI RESIDENTI NELLA ASL RM/A 4.1 TASSI DI MORTALITA Per lo studio della frequenza delle

Dettagli

VALUTAZIONE DELLO STATO DI SALUTE DEI RESIDENTI NELL AREA FRASCHETTA DEL COMUNE DI ALESSANDRIA: STUDIO DI MORTALITÀ LOCALE ( )

VALUTAZIONE DELLO STATO DI SALUTE DEI RESIDENTI NELL AREA FRASCHETTA DEL COMUNE DI ALESSANDRIA: STUDIO DI MORTALITÀ LOCALE ( ) VALUTAZIONE DELLO STATO DI SALUTE DEI RESIDENTI NELL AREA FRASCHETTA DEL COMUNE DI ALESSANDRIA: STUDIO DI MORTALITÀ LOCALE (1996-2014) A cura del Coordinamento del Piano Locale di Prevenzione - Funzioni

Dettagli

Strutture di riferimento dell area vasta interregionale per le malattie rare per gruppi di patologie di cui al D.M. 279/2001

Strutture di riferimento dell area vasta interregionale per le malattie rare per gruppi di patologie di cui al D.M. 279/2001 ALLEGATOB alla Dgr n. 2046 del 03 luglio 2007 pag. 1/10 ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/10 Strutture di riferimento dell area vasta interregionale per le malattie rare per gruppi di patologie di cui al D.M.

Dettagli

Lo stato di salute: dalla prevenzione al ricovero ospedaliero

Lo stato di salute: dalla prevenzione al ricovero ospedaliero Lo stato di salute: dalla prevenzione al ricovero ospedaliero Caterina Silvestri Osservatorio di Epidemiologia Agenzia Regionale di Sanità della Toscana Convegno: Migrare in Toscana: accoglienza, presa

Dettagli

Convegno Ambiente e Salute: attualità e prospettive di ricerca e di intervento nel territorio di Brindisi

Convegno Ambiente e Salute: attualità e prospettive di ricerca e di intervento nel territorio di Brindisi Convegno Ambiente e Salute: attualità e prospettive di ricerca e di intervento nel territorio di Brindisi Convegno Ambiente e Salute: attualità e prospettive di ricerca e di intervento nel territorio di

Dettagli

Indicatori di qualità dell Ospedale di San Gavino Anno 2013 L.R. n. 21/2012

Indicatori di qualità dell Ospedale di San Gavino Anno 2013 L.R. n. 21/2012 Incatori qualità dell Ospedale San Gavino Anno 2013 L.R. n. 21/2012 Casistica operatoria per reparto e per patologia: primi 5 DRG per Reparto Elenco dei primi 5 DRG per reparto chirurgico Reparto Cod.DRG

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento 166 97886 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2015 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del 12 gennaio 2015, n. 16 Determinazioni in ordine alle tariffe per le prestazioni di

Dettagli

LA SALUTE NELLE AREE GEOTERMICHE TOSCANE

LA SALUTE NELLE AREE GEOTERMICHE TOSCANE LA SALUTE NELLE AREE GEOTERMICHE TOSCANE Daniela Nuvolone*, Francesco Cipriani*, Fabrizio Bianchi** * Agenzia Regionale di Sanità ** Fondazione Toscana Gabriele Monasterio CNR, Pisa daniela.nuvolone@ars.toscana.it

Dettagli

Capitolo 2 SANITA E SERVIZI ALLA PERSONA

Capitolo 2 SANITA E SERVIZI ALLA PERSONA Capitolo 2 SANITA E SERVIZI ALLA PERSONA Tav. 2.1 - Presidi sanitari nella Azienda Sanitaria Locale 20 - Anni 2000-2001 PRESIDI SANITARI 2000 2001 Ambulatori e laboratori 34 14 di cui privati covenzionati

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI NAZIONALI Scheda di Dimissione Ospedaliera

RIFERIMENTI NORMATIVI NAZIONALI Scheda di Dimissione Ospedaliera RIFERIMENTI NORMATIVI NAZIONALI Scheda di Dimissione Ospedaliera D.M. 28/12/1991 Istituzione SDO Ministero Sanità SCPS del 17/06/1992 Linee Guida: la compilazione, la codifica e la gestione della SDO (controlli

Dettagli

Classificazioni delle malattie

Classificazioni delle malattie Classificazioni delle malattie da ICD-9 a ICD-O-3 ROMA 16-18 marzo 2016 Ivan Rashid Classificazioni Le classificazioni sono un tentativo di descrizione di un entità reale entro una rappresentazione finita

Dettagli

Valutazione del nato morto e compilazione della relativa sezione del Certificato di assistenza al parto

Valutazione del nato morto e compilazione della relativa sezione del Certificato di assistenza al parto Valutazione del nato morto e compilazione della relativa sezione del Certificato di assistenza al parto Il CedAP e la classificazione delle malattie ICD9CM aggiornamento 2002 Cristiano Visser Bologna,

Dettagli

La popolazione immigrata

La popolazione immigrata La popolazione immigrata PFPM: paesi a forte pressione migratoria (America Centrale, America del Sud, Africa, Europa Orientale, Asia ad eccezione di Giappone e Israele) PSA: paesi a sviluppo avanzato (America

Dettagli

Mortalità e prevalenza delle patologie cardiovascolari e respiratorie nel comune di Lumezzane - Gennaio

Mortalità e prevalenza delle patologie cardiovascolari e respiratorie nel comune di Lumezzane - Gennaio Mortalità e prevalenza delle patologie cardiovascolari e respiratorie nel comune di Lumezzane - Gennaio 2013 - A cura dell Osservatorio Epidemiologico, ASL di Brescia SOMMARIO 1. INTRODUZIONE 2. METODI

Dettagli

Aspettativa di vita e cause di morte a Bologna. Dicembre 2015

Aspettativa di vita e cause di morte a Bologna. Dicembre 2015 Aspettativa di vita e cause di morte a Bologna Dicembre 2015 Capo Area Programmazione, Controlli e Statistica: Gianluigi Bovini Dirigente U.I. Ufficio Comunale di Statistica: Franco Chiarini Redazione

Dettagli

Le Malattie Rare nella Regione Lazio Rapporto Anno Appendice

Le Malattie Rare nella Regione Lazio Rapporto Anno Appendice Appendice Un analisi sull ospedalizzazione per malattie rare Laddove disponibili, gli archivi regionali sulle prestazioni sanitarie, nonché quelli sulla mortalità costituiscono una fonte informativa utile

Dettagli

Indicatori di salute nell area estrattiva del comune di Arezzo

Indicatori di salute nell area estrattiva del comune di Arezzo Progetto Regione Toscana Studio di popolazione nei Comuni di Civitella della Chiana ed Arezzo in relazione all esposizione a fattori di inquinamento ambientale Indicatori di salute nell area estrattiva

Dettagli

ELENCO DEI COMUNI E DELLE CIRCOSCRIZIONI AFFERENTI AI SINGOLI DISTRETTI SANITARI DELL AZIENDA USL

ELENCO DEI COMUNI E DELLE CIRCOSCRIZIONI AFFERENTI AI SINGOLI DISTRETTI SANITARI DELL AZIENDA USL CAPITOLO 4 SANITÀ ELENCO DEI COMUNI E DELLE CIRCOSCRIZIONI AFFERENTI AI SINGOLI DISTRETTI SANITARI DELL AZIENDA USL 11 Il Territorio dell Azienda è diviso in Distretti. I Distretti Sanitari sono le Strutture

Dettagli

Flusso informativo regionale Pronto Soccorso

Flusso informativo regionale Pronto Soccorso Servizio Sistema Informativo Salute e Politiche Sociali E Servizio Assistenza Ospedaliera Flusso informativo regionale Pronto Soccorso Bologna 29 giugno 2016 Ordine del giorno qqualità dei campi compilati:

Dettagli

Scheda di Accesso al sistema dei servizi sociali e socio-sanitari. Sez. V

Scheda di Accesso al sistema dei servizi sociali e socio-sanitari. Sez. V Scheda di Accesso al sistema dei servizi sociali e socio-sanitari Sez. V N progressivo (da compilare dopo l inserimento nel Sistema SFA) Data / / Nessuna rete di cura e supporto A Parentela RETE DI CURA

Dettagli

Indice - Rapporto Ospedale Lagonegro Annuale - v8.0

Indice - Rapporto Ospedale Lagonegro Annuale - v8.0 Indice - Rapporto Ospedale Lagonegro 2015 - Annuale - v8.0 SEZ. 1 SEZ. 2 SEZ. 3 SEZ. 4 SEZ. 5 SEZ. 6 SEZ. 7 SEZ. 8 SEZ. 9 SEZ. 10 SEZ. 11 SEZ. 12 SEZ. 13 SEZ. 14 Ospedale - Dati Economici LAGONEGRO (OR1)

Dettagli

3. la persona risorse e capacità per la salute: immigrazione e salute

3. la persona risorse e capacità per la salute: immigrazione e salute 3. la persona risorse e capacità per la salute: immigrazione e salute 3.2 / Immigrazione e salute Immigrazione e salute: Come l esperienza migratoria influenza il capitale di salute e la mortalità * Lo

Dettagli

Area di Gela Analisi della mortalità Analisi della morbosità

Area di Gela Analisi della mortalità Analisi della morbosità Area di Gela I risultati delle analisi di mortalità e di morbosità dell area di Gela sono riportati nelle tabelle che seguono (Tabelle 17-18-19-20). Gli SMR e gli SHR sono segnalati quando il q-value (p-value

Dettagli

Il problema dei ricoveri da C.R.A. - Nursing Home

Il problema dei ricoveri da C.R.A. - Nursing Home Il problema dei ricoveri da C.R.A. - Nursing Home Ferrara 29 aprile 2016 Franco Romagnoni AzUSL di Ferrara Un problema complesso per un paziente complesso Un problema complesso per un setting complesso

Dettagli

L esperienza dell ASL di Brescia nella tutela della salute dei migranti

L esperienza dell ASL di Brescia nella tutela della salute dei migranti Convegno Salute e Migrazione Milano, 18 maggio 2012 L esperienza dell ASL di Brescia nella tutela della salute dei migranti Dr. El-Hamad Issa Consulente scientifico - Servizio di Medicina del Disagio -

Dettagli

IL MONITORAGGIO DELLA SALUTE DEGLI IMMIGRATI

IL MONITORAGGIO DELLA SALUTE DEGLI IMMIGRATI IL MONITORAGGIO DELLA SALUTE DEGLI IMMIGRATI I Principali problemi di salute e il ricorso alle strutture sanitarie degli immigrati nella provincia di Reggio Emilia Servizio di Epidemiologia, Azienda USL

Dettagli

Mortalità. Tab.1 Tasso standardizzato* (x ) di mortalità generale, per Regioni. Anno 1994

Mortalità. Tab.1 Tasso standardizzato* (x ) di mortalità generale, per Regioni. Anno 1994 Mortalità La riduzione della mortalità è un fenomeno ampiamente generalizzato su tutto il territorio regionale e nazionale. Il tasso standardizzato (sulla popolazione mondiale) di mortalità generale in

Dettagli

Dati del flusso PS 2015

Dati del flusso PS 2015 Dati del flusso PS 2015 Fabio Voller*, Franca Rusconi, Simone Bartolacci* *Agenzia regionale di sanità della Toscana Azienda Ospedaliero Universitaria Meyer Rete Pediatrica Regionale 21 giugno 2016 Meyer

Dettagli

La salute mentale della popolazione detenuta: la situazione italiana emersa da uno studio multicentrico

La salute mentale della popolazione detenuta: la situazione italiana emersa da uno studio multicentrico La salute mentale della popolazione detenuta: la situazione italiana emersa da uno studio multicentrico Caterina Silvestri Osservatorio di epidemiologia Agenzia regionale di sanità della Toscana XXXIX

Dettagli

Indice - Rapporto Ospedale Villa D'Agri Annuale - v8.0

Indice - Rapporto Ospedale Villa D'Agri Annuale - v8.0 Indice - Rapporto Ospedale Villa D'Agri 2015 - Annuale - v8.0 SEZ. 1 SEZ. 2 SEZ. 3 SEZ. 4 SEZ. 5 SEZ. 6 SEZ. 7 SEZ. 8 SEZ. 9 SEZ. 10 SEZ. 11 SEZ. 12 SEZ. 13 SEZ. 14 Ospedale - Dati Economici VILLA D'AGRI

Dettagli

Nota Informativa. Guida alla lettura. 1. La certificazione e la codifica delle cause multiple di morte

Nota Informativa. Guida alla lettura. 1. La certificazione e la codifica delle cause multiple di morte 1 Nota Informativa Guida alla lettura 1. La certificazione e la codifica delle cause multiple di morte A differenza delle statistiche tradizionali basate sullo studio della sola causa iniziale di morte,

Dettagli

Tabella Ricoveri ordinari attribuiti a DRG complicati (omologhi) ma non riconosciuti come complicati - Mesi luglio-settembre 2011

Tabella Ricoveri ordinari attribuiti a DRG complicati (omologhi) ma non riconosciuti come complicati - Mesi luglio-settembre 2011 Tabella 4.1 - Ricoveri ordinari attribuiti a (omologhi) ma come - Mesi % Bolzano 001 - CRANIOTOMIA, ETÀ > 17 ANNI CON 7,1-5 - 007 - INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI INTERVENTI SU SISTEMA

Dettagli

Tabella Ricoveri ordinari attribuiti a DRG complicati (omologhi) ma non riconosciuti come complicati - Mesi ottobre-dicembre 2015

Tabella Ricoveri ordinari attribuiti a DRG complicati (omologhi) ma non riconosciuti come complicati - Mesi ottobre-dicembre 2015 Tabella 4.1 - Ricoveri ordinari attribuiti a (omologhi) ma come - Mesi % Bolzano 001 - CRANIOTOMIA, ETÀ > 17 ANNI 6,7-4 - 010 - NEOPLASIE DEL SISTEMA NERVOSO 5,9 1 4 25,0 016 - MALATTIE CEREBROVASCOLARI

Dettagli

Tabella Ricoveri ordinari attribuiti a DRG complicati (omologhi) ma non riconosciuti come complicati - Mesi aprile-giugno 2013

Tabella Ricoveri ordinari attribuiti a DRG complicati (omologhi) ma non riconosciuti come complicati - Mesi aprile-giugno 2013 Tabella 4.1 - Ricoveri ordinari attribuiti a (omologhi) ma come - Mesi del % Bolzano 001 - CRANIOTOMIA, ETÀ > 17 ANNI 8,8-5 - 007 - INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI INTERVENTI SU SISTEMA

Dettagli

Immigrati e assistenza sanitaria

Immigrati e assistenza sanitaria Elementi di analisi e osservazione del sistema salute Anno V numero 18 2006 - Bimestrale dell Agenzia per i servizi sanitari regionali Immigrati e assistenza sanitaria Poste Italiane SpA - Spedizione in

Dettagli

n. schede pervenute n. patologie (4.099 più patologie) Sesso Femminile Sesso Maschile 7% dato non pervenuto

n. schede pervenute n. patologie (4.099 più patologie) Sesso Femminile Sesso Maschile 7% dato non pervenuto n. schede pervenute n. patologie (4.099 più patologie) Sesso Maschile Sesso Femminile 7% dato non pervenuto schede per età 0/5 anni 6/14 anni 15/24 anni 25/34 anni 35/44 anni 3% 5% 2% 4% 6% 45/54 anni

Dettagli

DIMISSIONI OSPEDALIERE A. Sutera Sardo, A. Mazzei, N. Sirianni, P. Mancuso, B. Ferraro

DIMISSIONI OSPEDALIERE A. Sutera Sardo, A. Mazzei, N. Sirianni, P. Mancuso, B. Ferraro DIMISSIONI OSPEDALIERE A. Sutera Sardo, A. Mazzei, N. Sirianni, P. Mancuso, B. Ferraro 1. Fonti informative L archivio utilizzato per il presente lavoro è relativo alle dimissioni ospedaliere, dai presidi

Dettagli

ARPA PUGLIA - Unica AOO Protocollo del 24/02/ SRFI

ARPA PUGLIA - Unica AOO Protocollo del 24/02/ SRFI ARPA PUGLIA - Unica AOO - 0032 - Protocollo 0009832 del 24/02/2011 - SRFI ARPA PUGLIA - Unica AOO - 0032 - Protocollo 0009832 del 24/02/2011 - SRFI ARPA PUGLIA - Unica AOO - 0032 - Protocollo 0009832 del

Dettagli

Approfondimento distrettuale. Mirandola

Approfondimento distrettuale. Mirandola Approfondimento distrettuale 65 Indice approfondimento distrettuale di Contesto demografico... 67 Mortalità generale... 7 Mortalità infantile... 74 Neoplasie... 75 Malattie dell'apparato circolatorio...

Dettagli

Quaderni di Statistica

Quaderni di Statistica Città di Palermo Ripartizione Statistica e Censimenti Sistema Statistico Nazionale Girolamo D Anneo: Mortalità e cause di morte a Palermo nel 1998 Quaderni di Statistica N 1/2000 INTRODUZIONE...3 PARTE

Dettagli

Azienda USL Roma B Rapporto SIO Anno Sistemi Informativi Sanitari. Sistema Informativo Ospedaliero (SIO) della ASL Roma B

Azienda USL Roma B Rapporto SIO Anno Sistemi Informativi Sanitari. Sistema Informativo Ospedaliero (SIO) della ASL Roma B Sistemi Informativi Sanitari Sistema Informativo Ospedaliero (SIO) della ASL Roma B Attività di Assistenza Ospedaliera dei Presidi Pubblici e Privati accreditati Mobilità Sanitaria Attiva intraregionale

Dettagli

CAPITOLO 2 LA SANITÀ

CAPITOLO 2 LA SANITÀ CAPITOLO 2 LA SANITÀ 2.1 FLUSSI DI ATTIVITÀ DELL OSPEDALE DI MACERATA L Ospedale di Macerata ha una disponibilità complessiva di 316 posti letto per degenza ordinaria, variamente ripartiti tra i 20 reparti

Dettagli

La casistica che arriva al PS/DEA

La casistica che arriva al PS/DEA La casistica che arriva al PS/DEA Quante sono le Urgenze Neurologiche Quali sono le più frequenti In quale setting vanno trattate/gestite Fabrizio A. de Falco Il DEA/PS è oggi elemento cardine nella rete

Dettagli

PRESIDI ACCREDITATI PER LA DIAGNOSI E CURA DI MR O GRUPPI DI MALATTIE RARE IN REGIONE LIGURIA

PRESIDI ACCREDITATI PER LA DIAGNOSI E CURA DI MR O GRUPPI DI MALATTIE RARE IN REGIONE LIGURIA PRESIDI ACCREDITATI PER LA DIAGNOSI E CURA DI MR O GRUPPI DI IN REGIONE LIGURIA E UNITA' OPERATIVE DI RIFERIMENTO (secondo il DPCM 12 gennaio 2017, pubblicato il 18 marzo in Gazzetta Ufficiale Allegato

Dettagli

Materiale a supporto del Programma attuativo annuale del piano per il benessere e la salute. Carpi

Materiale a supporto del Programma attuativo annuale del piano per il benessere e la salute. Carpi Materiale a supporto del Programma attuativo annuale del piano per il benessere e la salute 27 Indice approfondimento distrettuale di Contesto demografico... 29 Mortalità generale... 32 Mortalità infantile...

Dettagli

Allegato B. Strutture di riferimento dell area vasta interregionale per le malattie rare per gruppi di patologie di cui al D.M.

Allegato B. Strutture di riferimento dell area vasta interregionale per le malattie rare per gruppi di patologie di cui al D.M. Allegato B Strutture di riferimento dell area vasta interregionale per le malattie rare per gruppi di patologie di cui al D.M. 279/2001 1 GRUPPO Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Regione Veneto Provincia

Dettagli

I RICOVERI OSPEDALIERI IN PIEMONTE NEL 2003

I RICOVERI OSPEDALIERI IN PIEMONTE NEL 2003 I RICOVERI OSPEDALIERI IN PIEMONTE NEL 2003 figure Figura 1: Aziende Sanitarie Locali e Distretti della Regione Piemonte* ASL 1-4 TORINO ASL 5 COLLEGNO 1 Collegno 2 Rivoli 3 Orbassano 4 Giaveno 5 Susa

Dettagli

sanità Avvertenze Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) interruzioni volontarie di gravidanza malattie infettive

sanità Avvertenze Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) interruzioni volontarie di gravidanza malattie infettive capitolo 3 sanità Avvertenze Le informazioni statistiche contenute nel presente capitolo provengono dall Agenzia di Sanità Pubblica della Regione Lazio e riguardano dati rilevati presso le strutture sanitarie

Dettagli

Osservatorio economico, coesione sociale, legalità 5 RAPPORTO SULLA COESIONE SOCIALE IN PROVINCIA DI REGGIO EMILIA ANNO 2016

Osservatorio economico, coesione sociale, legalità 5 RAPPORTO SULLA COESIONE SOCIALE IN PROVINCIA DI REGGIO EMILIA ANNO 2016 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità 5 RAPPORTO SULLA COESIONE SOCIALE IN PROVINCIA DI REGGIO EMILIA ANNO 2016 MINORI 36 Minori in carico ai servizi sociali su totale minori residenti al

Dettagli

Figura 1: Nuove Aziende Sanitarie Locali e Distretti sanitari della Regione Piemonte

Figura 1: Nuove Aziende Sanitarie Locali e Distretti sanitari della Regione Piemonte Figura 1: Nuove Aziende Sanitarie Locali e Distretti sanitari della Regione Piemonte ASL TO1 ASL TO2 ASL TO3 1 Collegno 2 Rivoli 3 Orbassano 4 Giaveno 5 Susa 6 Venaria 7 Pinerolo 8 Val Pellice 9 Valli

Dettagli

Indice - Rapporto Ospedale Melfi Annuale - v8.0

Indice - Rapporto Ospedale Melfi Annuale - v8.0 Indice - Rapporto Ospedale Melfi 2015 - Annuale - v8.0 SEZ. 1 SEZ. 2 SEZ. 3 SEZ. 4 SEZ. 5 SEZ. 6 SEZ. 7 SEZ. 8 SEZ. 9 SEZ. 10 SEZ. 11 SEZ. 12 SEZ. 13 SEZ. 14 Ospedale - Dati Economici MELFI (OR1) Ospedale

Dettagli

Approfondimento distrettuale. Mirandola

Approfondimento distrettuale. Mirandola Approfondimento distrettuale 67 Indice approfondimento distrettuale di Contesto demografico... 69 Mortalità generale... 72 Mortalità infantile... 76 Neoplasie... 77 Malattie dell'apparato circolatorio...

Dettagli

ANNO MASCHI FEMMINE TOTALE TOTALE 1974 2513 4487

ANNO MASCHI FEMMINE TOTALE TOTALE 1974 2513 4487 MORTALITÀ Tra i residenti della ULSS n. 1 nel corso del triennio 2010-2012 si sono verificati 4487 decessi (1974 nei maschi e 2513 nelle femmine, media per anno 1496), in leggero aumento rispetto al dato

Dettagli

Figura 1: Aziende Sanitarie Locali e Distretti Sanitari della Regione Piemonte

Figura 1: Aziende Sanitarie Locali e Distretti Sanitari della Regione Piemonte Figura 1: Aziende Sanitarie Locali e Distretti Sanitari della Regione Piemonte ASL TO1 ASL TO2 ASL TO3 1 Collegno 2 Rivoli 3 Orbassano 4 Giaveno 5 Susa 6 Venaria 7 Pinerolo 8 Val Pellice 9 Valli Chisone

Dettagli

Analisi della Mortalità generale e per cause. nell ASL VC di Vercelli e nei Distretti. Anno 2011

Analisi della Mortalità generale e per cause. nell ASL VC di Vercelli e nei Distretti. Anno 2011 Analisi della Mortalità generale e per cause nell ASL VC di Vercelli e nei Distretti Anno 2011 STRUTTURA: S.S. d. UVOS - S.S. Epidemiologia Tel. +39 0161 593976 - Fax. +39 0161 593408 E-mail: epidemiologia@aslvc.piemonte.it

Dettagli

IL SISTEMA DI SORVEGLIANZA DELLA REGIONE VENETO Progetto SISIOV -RISULTATI-

IL SISTEMA DI SORVEGLIANZA DELLA REGIONE VENETO Progetto SISIOV -RISULTATI- Venezia-Mestre, 5 marzo 2004 Assessorato alla Politiche Sanitarie IL SISTEMA DI SORVEGLIANZA DELLA REGIONE VENETO Progetto SISIOV -RISULTATI- Sistema Integrato di Sorveglianza delle Infezioni Ospedaliere

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

ASL BR - TEMPI DI ATTESA RICOVERI PROGRAMMATI ANNO 2015

ASL BR - TEMPI DI ATTESA RICOVERI PROGRAMMATI ANNO 2015 entro 30 P.O. Francavilla St. Francavilla Fontana CHIRURGIA GENERALE 158 Interventi su ano e stoma senza CC C 38 47 P.O. Francavilla St. Francavilla Fontana CHIRURGIA GENERALE 179 Malattie infiammatorie

Dettagli

Approfondimento distrettuale. Carpi

Approfondimento distrettuale. Carpi Approfondimento distrettuale 33 Indice approfondimento distrettuale di Contesto demografico... 35 Mortalità generale... 38 Mortalità infantile... 42 Neoplasie... 43 Malattie dell'apparato circolatorio...

Dettagli

ALLEGATO 12.2 - COMPONENTE SALUTE PUBBLICA

ALLEGATO 12.2 - COMPONENTE SALUTE PUBBLICA ALLEGATO 12.2 - COMPONENTE SALUTE PUBBLICA Atlante della mortalità in Provincia di Torino, 2005 Allegato 12.2 Componente salute pubblica Pagina 2 di 33 per i comuni dell area vasta relativa ai tre siti

Dettagli

La tossicodipendenza in carcere: i risultati dell indagine toscana e gli sviluppi futuri

La tossicodipendenza in carcere: i risultati dell indagine toscana e gli sviluppi futuri La tossicodipendenza in carcere: i risultati dell indagine toscana e gli sviluppi futuri Caterina Silvestri e Stefano Bravi Osservatorio di Epidemiologia caterina.silvestri@ars.toscana.it Agenzia regionale

Dettagli

Modulo SP2 a cura dell Istituto Superiore di Sanità

Modulo SP2 a cura dell Istituto Superiore di Sanità ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Progetto pilota di sorveglianza della mortalità perinatale Modulo SP2 a cura dell Istituto Superiore di Sanità Giugno 2017 INDAGINE CONFIDENZIALE ID feto/neonato Data del decesso

Dettagli

LEGGE 210 DEL

LEGGE 210 DEL Allegato A Codice C01 C02 C05 C06 G01 G02 L01 N01 S01 S02 V01 E E Invalidi civili al 100% di invalidità senza indennità di accompagnamento (ex. art. 6 comma 1 lett. D del D.M. 01.02.1991) Invalidi civili

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE RELAZIONE SULLA PERFORMANCE Azienda Ospedaliero Universitaria di Modena ANNO 2015 elaborato dal Controllo di Gestione e OAS 1 Il processo di valutazione Il documento della performance rappresenta il momento

Dettagli

A.O.U. POLICLINICO G. MARTINO

A.O.U. POLICLINICO G. MARTINO A.O.U. POLICLINICO G. MARTINO VERIFICA AL 3 TRIMESTRE 2010 DEGLI OBIETTIVI DI BUDGET NEGOZIATI CON IL D.A.I. DI MEDICINA INTERNA Incontro del 26 Ottobre 2010 STAFF DIREZIONE GENERALE Controllo di Gestione

Dettagli

PERCENTUALE POSTI LETTO DAY HOSPITAL SU POSTI LETTO A DEGENZA ORDINARIA - ANNI ,92. 0, Fonte: Regione LIGURIA

PERCENTUALE POSTI LETTO DAY HOSPITAL SU POSTI LETTO A DEGENZA ORDINARIA - ANNI ,92. 0, Fonte: Regione LIGURIA SANITÀ PERCENTUALE POSTI LETTO DAY HOSPITAL SU POSTI LETTO A DEGENZA ORDINARIA ANNI 000 00 8,00,9,00,00,00 0,9 0,9,8 0,00 8,00,00,00,00 0,00 000 00 00 00 Fonte: Regione LIGURIA CASI DI AIDS PER ANNO DI

Dettagli

ALBANO LAZIALE ATTRAVERSO LA STATISTICA

ALBANO LAZIALE ATTRAVERSO LA STATISTICA Comune di Albano Laziale ALBANO LAZIALE ATTRAVERSO LA STATISTICA 2006 SISTAN SISTEMA STATISTICO NAZIONALE regionale sistemasistar statistico Comune di Albano Laziale Settore I - Servizio II Dirigente:

Dettagli

VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE NEL COMUNE DI ANAGNI

VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE NEL COMUNE DI ANAGNI Roma, 20 aprile 2010 VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE NEL COMUNE DI ANAGNI Obiettivo Valutare le condizioni di salute della popolazione residente nel comune

Dettagli

Materiale a supporto del Programma attuativo annuale del piano per il benessere e la salute. Castelfranco Emilia

Materiale a supporto del Programma attuativo annuale del piano per il benessere e la salute. Castelfranco Emilia Materiale a supporto del Programma attuativo annuale del piano per il benessere e la salute Emilia 241 Indice approfondimento distrettuale di Emilia Contesto demografico... 243 Mortalità generale... 246

Dettagli