La gestione del progetto: aspetti finanziari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La gestione del progetto: aspetti finanziari"

Transcript

1 Seminario di assistenza tecnica alla gestione dei Progetti Multilaterali di Trasferimento dell Innovazione (TOI 2013) Roma, 8 novembre 2013 ISFOL Sala Auditorium La gestione del progetto: aspetti finanziari Relatore: Rossano Arenare

2 Documentazione di riferimento Guida per il candidato 2013 Supplement for the electronic Application Form 2013 Convenzione di finanziamento compresi i seguenti allegati: - Bilancio consolidato (Allegato II) - Project Handbook Guidelines for Administrative and Financial Management and Reporting (Allegato III) - Lista dei Partner (Allegato IV) - Nota tecnica relativa alla stipula della polizza fidejussoria e Modello di garanzia fidejussoria (Allegato V) 2

3 I momenti critici per la gestione del budget Rendicontazione intermedia e finale Eventuale riformulazione in itinere (variazioni al bilancio) 3

4 Certificazione Antimafia Se nel corso di sviluppo delle attività progettuali si verificassero cambiamenti nell assetto societario o nella persona del rappresentante legale, il Beneficiario è tenuto a informare immediatamente l Agenzia nazionale mediante la trasmissione del Modulo di richiesta di modifica alla Convenzione (versione vigente) completo della documentazione richiesta. Sarà l Agenzia nazionale ad inoltrare al Prefetto della Provincia di residenza del Beneficiario la richiesta della certificazione antimafia (art. I.3. Convenzione) 4

5 Modalità di pagamento (art. IV. Convenzione) Durata progetto I Prefinanziamento Ulteriori quote di Prefinanziamento Saldo finale 12/18 mesi 80% entro 30 gg dalla data in cui entra in vigore la Convenzione - Entro 90 gg dalla ricezione del Rapporto finale 24 mesi 40% entro 30 gg dalla data in cui entra in vigore la Convenzione Fino al 40% entro 90 gg dalla ricezione del rapporto sullo stato di avanzamento delle attività e delle spese Entro 90 gg dalla ricezione del Rapporto finale N.B. Il secondo pre-finanziamento è frazionalbile in un numero variabile di versamenti. Il pagamento integrale della II quota verrà effettuato solo se si dimostra di aver utilizzato almeno il 70% del pre-finanziamento percepito. Se si utilizza meno del 70% l importo del II pre-finanziamento viene ridotto della quota non impiegata del primo versamento (art. IV.2 Convenzione) Il termine dei 30 gg per l erogazione del pre-finanziamento inizia a decorrere dal giorno dell acquisizione della nota di addebito o documento equivalente 5

6 I Pre-finanziamento Polizza fidejussoria a copertura dell importo del pre-finanziamento (se dovuta) Dichiarazione sostitutiva ai sensi del Dpr. 445/2000 per confermare l assenza di variazioni dell assetto societario (se dovuta) Modulo di richiesta di modifica alla Convenzione e allegati se sono avvenuti cambiamenti nell assetto societario o nel rappresentante legale nel periodo intercorso tra l invio dell ultima certificazione e la richiesta del 1 anticipo (se dovuta) Nota di addebito o documento equivalente con marca da bollo importo vigente Documentazione da produrre per ottenere il pagamento Ulteriori quote di Prefinanziamento Polizza fidejussoria a copertura dell importo del pre-finanziamento (se dovuta) Dichiarazione sostitutiva ai sensi del Dpr. 445/2000 per confermare l assenza di variazioni dell assetto societario (se dovuta) Modulo di richiesta di modifica alla Convenzione e allegati se sono avvenuti cambiamenti nell assetto societario o nel rappresentante legale nel periodo intercorso tra l invio dell ultima certificazione e la richiesta del 2 anticipo (se dovuta) Rapporto intermedio sullo stato di avanzamento del progetto Resoconto dettagliato dei costi eleggibili realmente sostenuti Nota di addebito o documento equivalente con marca da bollo importo vigente - Saldo finale Dichiarazione sostitutiva ai sensi del Dpr. 445/2000 per confermare l assenza di variazioni dell assetto societario (se dovuta) Modulo di richiesta di modifica alla Convenzione e allegati se sono avvenuti cambiamenti nell assetto societario o nel rappresentante legale nel periodo intercorso tra l invio dell ultima certificazione e la richiesta del saldo (se dovuta) Rapporto finale di esecuzione tecnica Rendiconto finanziario Riepilogativo delle fatture/ricevute Nota di addebito o documento equivalente con marca da bollo importo vigente 6

7 Quando presentare la nota di addebito La nota di addebito (o documento equivalente) va presentata solo a seguito della richiesta dell Agenzia nazionale insieme alla Dichiarazione sostitutiva 7

8 Garanzia Fidejussoria (1/2) (art. IV.5. Convenzione) Il Beneficiario si assume l obbligo e si impegna irrevocabilmente a contrarre in favore dell ISFOL Agenzia nazionale, garanzia fidejussoria per l importo corrispondente all ammontare complessivo dei pre-finanziamenti che verranno erogati La garanzia costituisce condizione necessaria e preliminare per l erogazione dei pre-finanziamenti e dovrà essere stipulata secondo il modello di cui all Allegato V della Convenzione Sono esenti da tale obbligo gli enti pubblici, i quali, in qualità di beneficiari della presente Convenzione sono comunque garanti nei confronti dell Agenzia nazionale dei prefinanziamenti loro erogati 8

9 Garanzia Fidejussoria (2/2) 12/18 mesi 24 mesi Unica polizza per l intero importo del pre-finanziamento pari all 80% del totale Ipotesi 1 Unica polizza per l intero importo del prefinanziamento pari all 80% del totale Ipotesi 2 Prima polizza per l importo del primo pre-finanziamento pari al 40% del totale Una polizza per ciascuna quota di pre-finanziamento richiesta La stipula delle ulteriori fidejussioni non comporta lo svincolo delle precedenti N.B. L Agenzia Nazionale si impegna a restituire la garanzia entro 30 giorni dall erogazione del saldo. Comunque la garanzia cesserà ogni effetto 24 mesi dopo la chiusura del periodo contrattuale 9

10 Codice Unico di Progetto CUP (art. IV.6 Convenzione) Il Codice Unico di Progetto (CUP), unitamente al Codice Identificativo del Progetto, deve essere riportato su tutti i documenti amministrativi e contabili, cartacei ed informatici, relativi all azione oggetto della presente Convenzione 10

11 Conto Corrente Bancario (art. VI. Convenzione) Il conto o sottoconto deve essere in euro I costi di apertura e gestione sono costi non ammissibili Consentire la tracciabilità dei pagamenti effettuati dall AN La variazione del conto corrente bancario comporta un emendamento alla Convenzione 11

12 Le voci di costo del piano finanziario Costi diretti: A. Costi del personale B. Costi operativi Viaggi e Soggiorno Costi per le attrezzature (10% del totale dei costi diretti) Subappalti (30% del totale dei costi diretti) Altro Costi indiretti (massimo il 7% dell importo totale dei costi diretti ammissibili) 12

13 Tipologia di costi: Costi diretti Sono costi che possono essere identificati come costi specifici direttamente connessi alla realizzazione del progetto Costi diretti: costi del personale costi di viaggio e soggiorno costi per le attrezzature costi di subappalto altro 13

14 Tipologia di costi: Costi indiretti Sono costi che non possono essere identificati come costi specifici direttamente connessi alla realizzazione del progetto L importo stabilito all atto dell approvazione non può essere modificato Non devono essere giustificati da documenti contabili Sono costituiti da un importo forfetario fisso non superiore al 7% dell importo totale dei costi diretti ammissibili Esempi di costi indiretti: costi per comunicazione costi per infrastrutture dei locali dove si svolge il progetto fotocopie forniture d ufficio costi per attrezzature relative all amministrazione del progetto 14

15 Tipologia di costi: Costi ammissibili Sono considerati ammissibili i costi che soddisfano i seguenti criteri generali: direttamente connessi con l oggetto della Convenzione e presenti nel bilancio preventivo necessari per l attuazione del progetto ragionevoli, giustificati e coerenti con il principio di sana gestione finanziaria generati durante l arco di vita del progetto (art. II.2. Convenzione) effettivamente sostenuti dal beneficiario e/o dai membri della partnership identificabili e verificabili coinvolgere i Paesi partecipanti al Programma conformi alla normativa fiscale e tributaria 15

16 Tipologia di costi: Costi non ammissibili Sono considerati sempre non ammissibili i seguenti costi: costi inerenti la preparazione della candidatura costi di apertura e gestione di conti bancari costi sostenuti da partner silenti costi del capitale investito debiti ed interessi passivi accantonamenti per eventuali perdite o debiti futuri altri interessi dovuti crediti inesigibili perdite di cambio costi dichiarati e sostenuti in relazione ad altri progetti o programmi di lavoro già finanziati da altra fonte, in particolare da altri fondi comunitari spese eccessivamente elevate ed ingiustificate costi di opzione di riscatto al termine di noleggio o leasing IVA, se non rappresenta un onere finale IRAP Contributi in natura (ad esempio: lavoro volontario) 16

17 Imposta sul Valore Aggiunto (IVA) e Imposta Regionale sulle Attività Produttive (IRAP) L IVA è considerata un costo ammissibile solo se l organismo può dimostrare di non essere in grado di recuperarla L IRAP è considerata un costo NON ammissibile N.B. Tale regola si applica ai progetti dal 2012 in poi Il contributo Leonardo da Vinci non è soggetto al regime di applicazione dell IVA e, di conseguenza, non è sottoposto ad alcuna imposizione fiscale 17

18 Costi del personale (1/2) Costi prodotti dal personale del partenariato assegnato al progetto: personale dipendente assunto dal partner con contratto a tempo indeterminato o determinato personale temporaneo assunto attraverso un agenzia esterna specializzata CONTRATTI CON PARTITA IVA SOLO SE PER TUTTA LA DURATA DEL PROGETTO 18

19 Costi del personale (2/2) Devono essere basati sugli effettivi costi giornalieri Includono i salari reali, i contributi previdenziali, gli oneri sociali e altri costi previsti dalla normativa nazionale Sono calcolati moltiplicando il numero di giornate lavorate per l effettivo costo giornaliero Non possono eccedere i massimali per ciascuna categoria ISCO (cfr. tabelle disponibili sul sito dell AN) Il personale degli organismi partner non può operare in veste di subappaltatore del progetto Non sono eleggibili i costi non contrattuali: Premi, conti spese, incentivi retributivi, programmi per la ripartizione degli utili, affitto di automobili 19

20 Costi di viaggio Solo costi sostenuti dal personale della partnership assegnato al progetto Solo viaggi direttamente collegati alle attività specifiche relative al progetto e chiaramente identificabili Includono tutti i costi sostenuti dal punto di origine al punto di destinazione (e viceversa) Applicazione del principio di economicità della spesa nella scelta del mezzo di trasporto Utilizzo dell auto propria - presa a noleggio - taxi N.B. I costi per visti, per assicurazione di viaggio e i costi di cancellazione sono ammissibili 20

21 Costi di soggiorno Solo costi sostenuti dal personale della partnership di progetto per attività specifiche e chiaramente identificabili Soggiorni in linea con i massimali giornalieri per Paese di destinazione (cfr. tabelle disponibili sul sito dell AN) Comprendono il vitto, l alloggio e il trasporto locale Un giorno intero normalmente prevede di norma un pernottamento Sistema di rimborso adottato dall organismo: spese effettivamente sostenute (rimborso di ricevute) rimborso su base forfetaria (sotto forma di diaria) IN ENTRAMBE I CASI VA ESIBITA DOCUMENTAZIONE ATTESTANTE LA PRESENZA E IL PERNOTTAMENTO 21

22 Costi per le attrezzature Sono ammissibili l acquisto, il noleggio o il leasing di attrezzature (nuove o usate) compresi i costi di installazione, manutenzione e assicurazione Attrezzature acquistate prima dell inizio del progetto rientrano nei costi indiretti In caso di acquisto di apparecchiature: imputare al progetto il solo tasso annuo di ammortamento e la percentuale di utilizzo reale applicare le norme comunitarie in materia di appalti (cfr. slide n. 26) Il costo di qualsiasi azione di riscatto al termine del noleggio/leasing è ineleggibile Il costo totale non può eccedere il 10% dei costi diretti totali del progetto 22

23 Altro Derivano da attività specifiche e necessarie ai fini del raggiungimento degli obiettivi del progetto Sostenuti dai partner di progetto, non riconducibili alle altre categorie di costo e sempre debitamente giustificati Sono ammissibili costi derivanti direttamente da: requisiti imposti dalla convenzione, inclusi i costi di qualsiasi servizio finanziario (garanzia fidejussoria) realizzazione di azioni specifiche o di prodotti e risultati del progetto Per le eventuali attività svolte da soggetti esterni alla partnership di progetto, si raccomanda di seguire le norme comunitarie in materia di appalti (cfr. slide n. 26) 23

24 Altro: alcuni esempi una tantum per comunicati stampa e pubblicità acquisto di diritto d autore e altri diritti di proprietà intellettuale acquisto di materiali informativi quali: libri, studi, dati elettronici, ecc. quote di partecipazione a conferenze garanzie finanziarie noleggio di spazi espositivi diffusione delle informazioni valutazione specifica dell azione revisioni contabili traduzioni organizzazioni di seminari (se considerato prodotto/risultato) stesura degli atti di un seminario produzione di un video acquisto di materiali di consumo collegati ad un prodotto risultato (risme di carta per la stampa di pubblicazioni) 24

25 Costi di subappalto (1/2) Saranno considerati i costi derivanti da contratti di subappalto conclusi ai fini dell esecuzione di un lavoro per il progetto che sia specifico e limitato, concessi da un partner ad un ente, un organizzazione o un individuo (solo se non dipendenti da nessuna delle organizzazioni partner del consorzio). Questo comprende servizi quali traduzione, interpretariato, stampa, ecc. (Guida al candidato 2013) Non può essere subappaltata la gestione e l amministrazione generale del progetto Il contratto: deve includere tutti i costi, comprese le spese di viaggio e soggiorno la data di sottoscrizione non può essere al di fuori del periodo di eleggibilità delle spese 25

26 Costi di subappalto (2/2) È possibile procedere alla stipula di un contratto di subappalto solo nei seguenti casi: può essere subappaltata solo una parte limitata di azioni il ricorso al subappalto deve essere giustificato le prestazioni devono essere dichiarate nell Allegato I e i costi devono essere esplicitati nell Allegato II se non previsto nella domanda di finanziamento originaria è necessaria la preliminare autorizzazione scritta dell AN Il Beneficiario dovrà inoltre adoperarsi per evitare qualsiasi conflitto di interessi Il costo totale non può eccedere il 30% dei costi diretti totali del progetto 26

27 Norme comunitarie relative agli appalti Valore contratti Inferiore a Procedura per l attribuzione di un subappalto Affidamento diretto (possono essere pagati dietro presentazione di fattura) Da a Richiedere almeno tre offerte Da a Richiedere almeno cinque offerte Oltre Applicare le norme nazionali relative agli appalti pubblici 27

28 La riformulazione in itinere del budget consolidato (1/2) Le variazioni non possono: modificare il costo complessivo del progetto alterare il rapporto fra fondi propri e contributo LDV coinvolgere la voce di budget Costi indiretti violare il principio di parità di trattamento fra partner pregiudicare la realizzazione del progetto 28

29 La riformulazione in itinere del budget consolidato (2/2) Le modifiche al bilancio consolidato generano emendamento se: gli spostamenti tra le voci di costo ammissibili sono superiori al 10% della voce di costo di destinazione (da Costi del personale a Costi operativi e viceversa) Se inferiori al 10% è necessario informare per iscritto l Agenzia Nazionale (art. III.4. della Convenzione) 29

30 La riformulazione in itinere del budget dei partner di progetto È possibile effettuare spostamenti finanziari tra i partner di progetto Non generano emendamento alla Convenzione Vanno comunicati all AN mediante l apposito Modulo 30

31 Tassi di cambio (art. V. Convenzione) Tutti gli importi indicati nei Rapporti devono essere espressi in Euro Il tasso di cambio da adottare sarà quello stabilito dalla Commissione europea e pubblicato sul suo sito internet il giorno del trasferimento del pre-finanziamento da parte dell Agenzia nazionale al Beneficiario. Tale tasso deve essere applicato per la conversione in euro di tutti i costi sostenuti nel periodo compreso tra la data del pagamento del primo pre-finanziamento (ovvero dall avvio del periodo di eleggibilità delle spese) fino alla data del successivo pre-finanziamento (nel caso dell ultimo pre-finanziamento, la fine del periodo di eleggibilità) 31

32 Commercializzazione (artt. III.6 e V. Convenzione) Se si procede alla commercializzazione dei prodotti sviluppati nel corso di vita del progetto è necessario includere nei Rapporti intermedio e finale una descrizione delle attività di commericalizzazione e dei relativi redditi generati Tale reddito verrà considerato a tutti gli effetti al momento della determinazione dell ammontare finale del contributo comunitario È necessaro inviare anche: - copia del piano di marketing - un esemplare del prodotto - copia dell eventuale accordo sottoscritto dalla partnership sulla proprietà intellettuale 32

33 GRAZIE PER L ATTENZIONE!

Seminario di informazione sulla gestione dei partenariati. Comenius Regio. Firenze 10 dicembre 2012 Sala Auditorium di Sant'Apollonia Firenze

Seminario di informazione sulla gestione dei partenariati. Comenius Regio. Firenze 10 dicembre 2012 Sala Auditorium di Sant'Apollonia Firenze Seminario di informazione sulla gestione dei partenariati Comenius Regio Firenze 10 dicembre 2012 Sala Auditorium di Sant'Apollonia Firenze COMENIUS REGIO LA STRUTTURA DEL BUDGET Stefania De Lellis Ufficio

Dettagli

PROGRAMMA DI APPRENDIMENTO PERMANENTE (LLP) GUIDA DEL CANDIDATO: DISPOSIZIONI AMMINISTRATIVE E FINANZIARIE

PROGRAMMA DI APPRENDIMENTO PERMANENTE (LLP) GUIDA DEL CANDIDATO: DISPOSIZIONI AMMINISTRATIVE E FINANZIARIE PROGRAMMA DI APPRENDIMENTO PERMANENTE (LLP) GUIDA DEL CANDIDATO: DISPOSIZIONI AMMINISTRATIVE E FINANZIARIE 1 Indice 2 1. DISPOSIZIONI GENERALI Il presente documento contiene informazioni che integrano

Dettagli

La gestione del progetto: aspetti generali

La gestione del progetto: aspetti generali Seminario di assistenza tecnica alla gestione dei Progetti Multilaterali di Trasferimento dell Innovazione (TOI 2013) Roma, 08 novembre 2013 ISFOL Sala Auditorium La gestione del progetto: aspetti generali

Dettagli

Budget e Rendicontazione Finanziaria

Budget e Rendicontazione Finanziaria Budget e Rendicontazione Finanziaria DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 DALLA STRUTTURA DEL PROGETTO ALLA REDAZIONE DEL BUDGET 2 1. DALLA STRUTTURA DEL PROGETTO

Dettagli

LLP NORMATIVA AMMINISTRATIVA E FINANZIARIA

LLP NORMATIVA AMMINISTRATIVA E FINANZIARIA PROMETEUS PROmoting Mobility Expertise of Teachers of EU Students LLP-LDV-TOI-11-IT-743 1 LLP NORMATIVA AMMINISTRATIVA E FINANZIARIA Primo incontro transnazionale Sassari, 12-13 Aprile 2012 Sede: ex Convento

Dettagli

LA GES TIONE DEL PROGETTO: AS PETTI FINANZIARI

LA GES TIONE DEL PROGETTO: AS PETTI FINANZIARI Progetto Leonardo da Vinci Trans fer Of Innovation Annualità 2010 NJ ESD Nuove profes s ionalità attravers o le competenze per lo s viluppo s os tenibile New Jobs through ESD Competencies LLP-LDV-TOI-10-IT-490

Dettagli

ALLEGATO II. Manuale per la gestione. delle Visite Preparatorie / Seminari di contatto

ALLEGATO II. Manuale per la gestione. delle Visite Preparatorie / Seminari di contatto PROGRAMMA DI APPRENDIMENTO PERMANENTE (2007 2013) 1 PROGRAMMA SETTORIALE LEONARDO DA VINCI VISITE PREPARATORIE / SEMINARI DI CONTATTO ALLEGATO II Manuale per la gestione delle Visite Preparatorie / Seminari

Dettagli

Cambiare vita, aprire la mente. Firenze, 26 novembre 2014 Agenzia Erasmus + - Firenze Partenariati strategici KA2

Cambiare vita, aprire la mente. Firenze, 26 novembre 2014 Agenzia Erasmus + - Firenze Partenariati strategici KA2 Cambiare vita, aprire la mente. Firenze, 26 novembre 2014 Agenzia Erasmus + - Firenze Partenariati strategici KA2 Il nostro progetto è stato approvato e ora? Ecco i prossimi step da seguire: 2 Com è composto

Dettagli

Elementi di progettazione europea La gestione dei progetti europei: aspetti tecnici, amministrativi, di rendicontazione e finanziari

Elementi di progettazione europea La gestione dei progetti europei: aspetti tecnici, amministrativi, di rendicontazione e finanziari Elementi di progettazione europea La gestione dei progetti europei: aspetti tecnici, amministrativi, di rendicontazione e finanziari Giuseppe Caruso Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune

Dettagli

PREVENZIONE E CONTRASTO AL DISAGIO GIOVANILE

PREVENZIONE E CONTRASTO AL DISAGIO GIOVANILE PREVENZIONE E CONTRASTO AL DISAGIO GIOVANILE FINALITÀ Gli ambiti di intervento per i quali possono essere presentate le proposte progettuali sono: 1. la prevenzione e il contrasto al disagio giovanile

Dettagli

La gestione finanziaria dei progetti

La gestione finanziaria dei progetti Progettazione sociale ed europea per le Associazioni Culturali La gestione finanziaria dei progetti Torino 18 Marzo 2014 1 Pianificazione economico finanziaria Uno dei momenti della pianificazione è la

Dettagli

ALLEGATO III DISPOSIZIONI FINANZIARIE. PARAGRAFO 1 Disposizioni generali

ALLEGATO III DISPOSIZIONI FINANZIARIE. PARAGRAFO 1 Disposizioni generali ALLEGATO III DISPOSIZIONI FINANZIARIE PARAGRAFO 1 Disposizioni generali La sovvenzione si basa sul principio del cofinanziamento, in quanto completa il contributo finanziario del beneficiario. L importo

Dettagli

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP luglio 2013 1 1. PREMESSA Il Consorzio UNI.T.I. ha come obiettivo la realizzazione di un programma dell Università degli Studi di Genova per il supporto

Dettagli

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità IL FONDO ROTATIVO PER KYOTO PAGAMENTI E RENDICONTAZIONE Antonio Rattà, Roma 17 aprile 2015 Definizione E il processo di consuntivazione

Dettagli

MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione BANDO "DAI DISTRETTI PRODUTTIVI AI DISTRETTI TECNOLOGICI -2" Distretto 9.2 - Elettronica e Meccanica di Precisione MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

Dettagli

Cambiare vita, aprire la mente. Agenzia Erasmus+ Firenze. Partenariati strategici KA2 School to school

Cambiare vita, aprire la mente. Agenzia Erasmus+ Firenze. Partenariati strategici KA2 School to school Cambiare vita, aprire la mente. Agenzia Erasmus+ Firenze Partenariati strategici KA2 School to school Il nostro progetto è stato approvato e ora? Ecco i prossimi step da seguire: 2 Sottoscrizione del Accordo

Dettagli

VADEMECUM PER L AMMISSIBILITA DELLA SPESA

VADEMECUM PER L AMMISSIBILITA DELLA SPESA REGIONE BASILICATA Dipartimento Presidenza della Giunta BANDO DI CONCORSO NUOVI FERMENTI PROGETTI PER LA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE CREATIVE ALLEGATO D VADEMECUM PER L AMMISSIBILITA DELLA SPESA 1 Principi

Dettagli

BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione. Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione. Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione Premessa Il presente documento regola le modalità di rendicontazione, ai fini dell

Dettagli

TRATTAMENTO FISCALE DI MISSIONI E RIMBORSI SPESE

TRATTAMENTO FISCALE DI MISSIONI E RIMBORSI SPESE TRATTAMENTO FISCALE DI MISSIONI E RIMBORSI SPESE Si riporta di seguito una sintesi delle principali disposizioni normative riguardanti il trattamento di missione e i rimborsi spese. Per maggiori dettagli

Dettagli

PACCHETTI INTEGRATI DI AGEVOLAZIONE (PIA) INDUSTRIA, ARTIGIANATO E SERVIZI AI SENSI DELLA D.G.R. n. 39/3 del 10.11.2010.

PACCHETTI INTEGRATI DI AGEVOLAZIONE (PIA) INDUSTRIA, ARTIGIANATO E SERVIZI AI SENSI DELLA D.G.R. n. 39/3 del 10.11.2010. UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE PACCHETTI INTEGRATI DI

Dettagli

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FONDO ROTATIVO DI FINANZA AGEVOLATA DENOMINATO FONDO ENERGIA INTERVENTO CO-FINANZIATO DAL P.O.R. FESR 2007-2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA, ASSE 3- QUALIFICAZIONE ENERGETICO AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE

Dettagli

DD.418 dell 11 marzo 2013 CONTRIBUTI ANNUALI. Guida per la rendicontazione finale ai fini dell erogazione del saldo

DD.418 dell 11 marzo 2013 CONTRIBUTI ANNUALI. Guida per la rendicontazione finale ai fini dell erogazione del saldo DD.418 dell 11 marzo 2013 CONTRIBUTI ANNUALI Guida per la rendicontazione finale ai fini dell erogazione del saldo Aspetti generali di Rendicontazione finanziaria L importo che deve essere rendicontato

Dettagli

Criteri per la rendicontazione

Criteri per la rendicontazione L.R.34/2004 Programma pluriennale per le Attività Produttive 2011/2015 Misura 1.7 Supporto per la Partecipazione dei giovani ai Processi di innovazione Piano Giovani 2011/2013 Misura 6 Giovani ambasciatori

Dettagli

2. SOGGETTI BENEFICIARI

2. SOGGETTI BENEFICIARI ALLEGATO A CRITERI E MODALITÀ PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI, PER PROGETTI INERENTI LE TEMATICHE DEFINITE DAL PIANO REGIONALE ANNUALE DEL DIRITTO ALLO STUDIO 1. CRITERI

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica d intesa con MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIREZIONE GENERALE PER

Dettagli

Kickoff meeting progetti LIFE+ 2007 Questionario

Kickoff meeting progetti LIFE+ 2007 Questionario Domanda 1. Il costo per adempimenti burocratico - amministrativi può essere rendicontato sul LIFE; se sì, in quale categoria di spesa? Kickoff meeting progetti LIFE+ 2007 Questionario 2. Se è prevista

Dettagli

Introduzione alla progettazione europea!!! - Elementi e strumenti di pianificazione e gestione economica finanziaria!!!!!

Introduzione alla progettazione europea!!! - Elementi e strumenti di pianificazione e gestione economica finanziaria!!!!! 1 Introduzione alla progettazione europea - Elementi e strumenti di pianificazione e gestione economica finanziaria Struttura tipo di un budget europeo Voce di costo Spesa stimata A Staff 100.000,00 B

Dettagli

P.O.R. Sardegna 2000 2006. Misura 3.13 Ricerca e sviluppo tecnologico nelle imprese e territorio. Azione CREAZIONE IMPRESE INNOVATIVE

P.O.R. Sardegna 2000 2006. Misura 3.13 Ricerca e sviluppo tecnologico nelle imprese e territorio. Azione CREAZIONE IMPRESE INNOVATIVE P.O.R. Sardegna 2000 2006 Misura 3.13 Ricerca e sviluppo tecnologico nelle imprese e territorio Azione CREAZIONE IMPRESE INNOVATIVE CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI Piano di sviluppo aziendale VRT 02/08-00

Dettagli

SCHEDA DELLE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE

SCHEDA DELLE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE PARERE n.21 "Approvazione delle Direttive di attuazione per sostenere la creazione e/o il potenziamento delle reti e dei cluster di imprese attraverso lo strumento del Contratto di Investimento ai sensi

Dettagli

Fondi paritetici interprofessionali per la formazione continua. Linee guida sui costi ammissibili in applicazione della Circolare n. 36 del 18.11.

Fondi paritetici interprofessionali per la formazione continua. Linee guida sui costi ammissibili in applicazione della Circolare n. 36 del 18.11. Ufficio Centrale Orientamento e Formazione Professionale dei Lavoratori Fondi paritetici interprofessionali per la formazione continua Linee guida sui costi ammissibili in applicazione della Circolare

Dettagli

Allegato A - ELENCO DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PROGETTI DI RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO PRECOMPETITIVO

Allegato A - ELENCO DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PROGETTI DI RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO PRECOMPETITIVO Allegato A - ELENCO DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PROGETTI DI RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO PRECOMPETITIVO 1) SPESE RENDICONTATE IN A) Personale Per le spese A.1 Personale dipendente i documenti richiesti

Dettagli

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI Allegato 5 al dds LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI 1. Premessa Le presenti linee guida sono destinate ai beneficiari dell avviso Generazione Web Lombardia, di seguito denominata GWL,

Dettagli

ASSESSORATI PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE TURISMO, ARTIGIANATO E COMMERCIO

ASSESSORATI PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE TURISMO, ARTIGIANATO E COMMERCIO UNIONE EUROPEA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATI PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE TURISMO, ARTIGIANATO E COMMERCIO

Dettagli

INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO

INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO ALLEGATO C INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO 1. BENEFICIARI Possono presentare domanda di agevolazione i soggetti, di cui all articolo 29 della l.r. 34/2008 e s.m.i., che abbiano

Dettagli

Attività KA1- Istruzione Scolastica, Educazione Adulti 2014/2015

Attività KA1- Istruzione Scolastica, Educazione Adulti 2014/2015 Attività KA1- Istruzione Scolastica, Educazione Adulti 2014/2015 Trasmissione e invio Accordo Finanziario Beneficiari PUBBLICI L Agenzia Nazionale comunica tramite mail PEC la disponibilità degli Accordi

Dettagli

Modalità di rendicontazione delle spese sostenute a valere sugli interventi finanziati ai sensi della L.R. 12/2002.

Modalità di rendicontazione delle spese sostenute a valere sugli interventi finanziati ai sensi della L.R. 12/2002. Allegato A Modalità di rendicontazione delle spese sostenute a valere sugli interventi finanziati ai sensi della L.R. 12/2002. Ammissibilità delle spese: categorie e requisiti Le spese sostenute sono ammissibili

Dettagli

PRINCIPI ATTIVI 2012

PRINCIPI ATTIVI 2012 REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l'innovazione Servizio Politiche Giovanili e Cittadinanza Sociale PRINCIPI ATTIVI 2012 Giovani idee per una Puglia migliore Allegato n. 2 Vademecum

Dettagli

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FONDO ROTATIVO DI FINANZA AGEVOLATA DENOMINATO FONDO ENERGIA INTERVENTO CO-FINANZIATO DAL P.O.R. FESR 2007-2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA, ASSE 3- QUALIFICAZIONE ENERGETICO AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE

Dettagli

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE ASSESSORATI PROGRAMMAZIONE,

Dettagli

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE POR FESR SARDEGNA 2007 2013 Asse VI Competitività - Linea di attività 6.2.1.b Programma di aiuti per Nuove Imprese Innovative NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE Giuseppe Serra Sardegna Ricerche Progetto cofinanziato

Dettagli

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Regolamento relativo alle modalità di finanziamento da parte della Provincia dei programmi di attività elaborati dagli organismi associativi tra apicoltori per promuovere la produzione di prodotti apistici

Dettagli

Modalità di rendicontazione delle spese sostenute a valere sugli interventi finanziati ai sensi della L.R. 12/2002.

Modalità di rendicontazione delle spese sostenute a valere sugli interventi finanziati ai sensi della L.R. 12/2002. Modalità di rendicontazione delle spese sostenute a valere sugli interventi finanziati ai sensi della L.R. 12/2002. 1 Ammissibilità delle spese: categorie e requisiti Le spese sostenute sono ammissibili

Dettagli

Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1

Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1 Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1 Da inviare (su carta intestata dell ente) a: Dichiarazione di Spesa FINALE numero del / / Oggetto: La concessione del contributo/finanziamento è avvenuto

Dettagli

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI Allegato 5 al dds LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI AVVISO 526 FINANZIAMENTI ON-LINE (GEFO) 1. Premessa Le presenti linee guida sono destinate ai beneficiari dell avviso Generazione

Dettagli

CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI

CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI Bando per la concessione di agevolazioni finanziarie a start-up innovative nell ambito del programma di supporto SpinAREA CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI L'attività di supporto alla creazione di imprese

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO Indice TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Ambito di applicazione Art. 2 Definizioni TITOLO

Dettagli

ALLEGATO 2. Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

ALLEGATO 2. Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione ALLEGATO 2 BANDO RICERCA, INNOVAZIONE E CRESCITA Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione Premessa Il presente documento regola le modalità di rendicontazione delle spese sostenute

Dettagli

GUIDA DI SUPPORTO ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FINANZIATI SUL

GUIDA DI SUPPORTO ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FINANZIATI SUL Unione Europea GUIDA DI SUPPORTO ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FINANZIATI SUL BANDO PER LA CREAZIONE E LO SVILUPPO DI UNITÁ DI RICERCA 1^ scadenza e 2^ scadenza: DGR n. 1988/2011 e successive modificazioni

Dettagli

SMP - Mobilità studenti ai fini di placement. Modello di Accordo Istituto/Studente clausole minime obbligatorie (fac-simile)

SMP - Mobilità studenti ai fini di placement. Modello di Accordo Istituto/Studente clausole minime obbligatorie (fac-simile) SMP - Mobilità studenti ai fini di placement Modello di Accordo Istituto/Studente clausole minime obbligatorie (fac-simile) L Accordo deve essere firmato prima dallo studente e successivamente dal Rappresentate

Dettagli

Procedure per la presentazione del Rendiconto

Procedure per la presentazione del Rendiconto Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle Imprese Cooperative Procedure per la presentazione del Rendiconto - Gennaio 2013 - FON.COOP 0 Documenti per la presentazione

Dettagli

PREMESSE DESTINATARI DEI CONTRIBUTI

PREMESSE DESTINATARI DEI CONTRIBUTI Allegato alla Delib.G.R. n. 43/14 del 28.10.2014 Direttive per la presentazione dei programmi di attività, per la ripartizione delle risorse tra le organizzazioni professionali agricole regionali e per

Dettagli

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI FORMATIVI SPECIFICATAMENTE DEDICATI ALLE PICCOLE, MEDIE E MICRO IMPRESE

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI FORMATIVI SPECIFICATAMENTE DEDICATI ALLE PICCOLE, MEDIE E MICRO IMPRESE Allegato 9 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI FORMATIVI SPECIFICATAMENTE DEDICATI ALLE PICCOLE, MEDIE E MICRO IMPRESE in attuazione dell articolo 11, comma 1, lettera b) del d.lgs. 81/2008 e s.m.i.

Dettagli

MODALITA DI RENDICONTAZIONE PROGETTI

MODALITA DI RENDICONTAZIONE PROGETTI AVVISO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI DELLE CAMERE DI COMMERCIO, DEI PATLIB (PATENT LIBRARY), DEI PIP (PATENT INFORMATION POINT) E DELLE UNIONI REGIONALI DELLE CAMERE DI COMMERCIO PER ATTIVITA DI SUPPORTO

Dettagli

Guida alla rendicontazione

Guida alla rendicontazione Allegato 5 Avviso pubblico per la presentazione di progetti attuativi dell intervento 4 Lavoro in proprio delle Schede Intervento Giovani protagonisti di sé e del territorio (CreAZIONI giovani) della Regione

Dettagli

Accordo di Programma Quadro in materia di Politiche Giovanili

Accordo di Programma Quadro in materia di Politiche Giovanili Allegato 9 Accordo di Programma Quadro in materia di Politiche Giovanili Nuova Generazione di Idee. Le politiche e le Linee di intervento di Regione Lombardia per i Giovani SPESE AMMISSIBILI E MASSIMALI

Dettagli

BANDO RETI DI IMPRESE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ANNO 2014

BANDO RETI DI IMPRESE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ANNO 2014 BANDO RETI DI IMPRESE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ANNO 2014 Allegato 1) 1. FINALITA E RISORSE FINANZIARIE 1.1. Finalità La Regione Umbria, nell ambito delle proprie iniziative istituzionali, intende promuovere

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL FONDO ECONOMALE DELLA SCUOLA NORMALE SUPERIORE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL FONDO ECONOMALE DELLA SCUOLA NORMALE SUPERIORE Art.1 Oggetto REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL FONDO ECONOMALE DELLA SCUOLA NORMALE SUPERIORE (emanato con Decreto del Direttore n. 237 del 05.06.2014, pubblicato in pari data all Albo Ufficiale on-line

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE 1 C O M U N E D I S C I A R A P R O V I N C I A D I P A L E R M O REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE IV SETTORE : CORPO POLIZIA MUNICIPALE ED ATTIVITÀ

Dettagli

REGIONE LAZIO. Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola, Università e Turismo. Direzione Regionale Formazione, Ricerca e Innovazione

REGIONE LAZIO. Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola, Università e Turismo. Direzione Regionale Formazione, Ricerca e Innovazione REGIONE LAZIO Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola, Università e Turismo Direzione Regionale Formazione, Ricerca e Innovazione Scuola e Università, Diritto allo Studio Adozione di UCS (Unità di Costo

Dettagli

Mobilità docenti per attività didattica da Impresa. Modello di Accordo Istituto/Docente clausole minime obbligatorie (fac-simile)

Mobilità docenti per attività didattica da Impresa. Modello di Accordo Istituto/Docente clausole minime obbligatorie (fac-simile) Mobilità docenti per attività didattica da Impresa Modello di Accordo Istituto/Docente clausole minime obbligatorie (fac-simile) L Accordo deve essere firmato prima dal docente e successivamente dal Rappresentante

Dettagli

MANUALE DI RENDICONTAZIONE ATTIVITÀ FINANZIATE DA FONDITALIA

MANUALE DI RENDICONTAZIONE ATTIVITÀ FINANZIATE DA FONDITALIA MANUALE DI RENDICONTAZIONE ATTIVITÀ FINANZIATE DA FONDITALIA Approvato nel C.D.A. del 26 aprile 2010 Viale Bruno Buozzi, 59-00197 Roma T. +39 06 95216933 - F. +39 06 99705521 - C.F. 97516290588 - info@fonditalia.org

Dettagli

Aiuti agli investimenti in ricerca per PMI

Aiuti agli investimenti in ricerca per PMI dicembre 08 Aiuti agli investimenti in ricerca per PMI Regione Puglia w w w. m a d e. eu Aiuti agli investimenti in ricerca per PMI Finalità: il bando finanzia progetti che rientrano in 2 linee di intervento:

Dettagli

FINANZIAMENTI A BREVE E A MEDIO/LUNGO TERMINE A SCADENZA DETERMINATA

FINANZIAMENTI A BREVE E A MEDIO/LUNGO TERMINE A SCADENZA DETERMINATA Pag. 1 / 5 Foglio Informativo FINANZIAMENTI A BREVE E A MEDIO/LUNGO TERMINE A SCADENZA DETERMINATA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Salimbeni 3-53100 - Siena Numero

Dettagli

Registrazione partecipanti. I controlli di I livello. Domande /Confronto. Chiusura lavori

Registrazione partecipanti. I controlli di I livello. Domande /Confronto. Chiusura lavori Registrazione partecipanti Il controllo contabile della Relazione finale I controlli di I livello Domande /Confronto Chiusura lavori Costi eleggibili art. II.14.1 dell Accordo di sovvenzione I costi, per

Dettagli

SMS - Mobilità studenti ai fini di studio. Modello di Accordo Istituto/Studente clausole minime obbligatorie (fac-simile)

SMS - Mobilità studenti ai fini di studio. Modello di Accordo Istituto/Studente clausole minime obbligatorie (fac-simile) SMS - Mobilità studenti ai fini di studio Modello di Accordo Istituto/Studente clausole minime obbligatorie (fac-simile) L Accordo deve essere firmato prima dallo studente e successivamente dal Rappresentate

Dettagli

MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II

MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II SOGGETTI BENEFICARI Questa agevolazione è rivolta a persone che intendono avviare un attività imprenditoriale di piccola dimensione in forma di società

Dettagli

Una carrellata veloce per ricapitolare

Una carrellata veloce per ricapitolare Una carrellata veloce per ricapitolare Un budget deve: Comprendere tutte le entrate e le spese necessarie per la realizzazione del progetto. Formare un quadro coerente tra costi e attività previste. Essere

Dettagli

BOOM POLMONI URBANI VADEMECUM

BOOM POLMONI URBANI VADEMECUM Movimento 5 Stelle Boom Polmoni Urbani BOOM POLMONI URBANI VADEMECUM Questo Vademecum fornisce indicazioni riguardo l ammissibilità delle spese e le modalità di rendicontazione relative ai progetti ammessi

Dettagli

Circolare N.140 del 19 Settembre 2013

Circolare N.140 del 19 Settembre 2013 Circolare N.140 del 19 Settembre 2013 Smart & Start. Incentivi ed agevolazioni fino a 500.000 euro per i progetti innovativi al sud Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che Smart & Start

Dettagli

Istruzioni per la gestione e rendicontazione dei progetti Bandi 2010

Istruzioni per la gestione e rendicontazione dei progetti Bandi 2010 Istruzioni per la gestione e rendicontazione dei progetti Bandi 2010 I riferimenti degli sportelli del CSV per richieste di chiarimento e per la consegna dei documenti sono i seguenti: Luogo Indirizzo

Dettagli

Art. 1 Soggetti beneficiari del contributo

Art. 1 Soggetti beneficiari del contributo Allegato parte integrante Criteri Criteri e modalità per la concessione di contributi a soggetti organizzatori di manifestazioni fieristiche ai sensi dell articolo 67 della legge provinciale sul commercio

Dettagli

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO Art. 1 PREMESSE L Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per i Biologi, in ottemperanza alle finalità di cui all art. 3,

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DIPARTIMENTO DEGLI INTERVENTI PER LA PESCA

ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DIPARTIMENTO DEGLI INTERVENTI PER LA PESCA ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DIPARTIMENTO DEGLI INTERVENTI PER LA PESCA Linee guida per la rendicontazione degli interventi a sostegno della pesca e dell'acquacoltura

Dettagli

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA La Microimpresa è una misura prevista dal Titolo II del Decreto 185/2000 pensata per chi vuole creare una piccola impresa nel settore

Dettagli

REGIONE CAMPANIA Misura Internazionalizzazione Finanziamento a tasso agevolato per processi di internazionalizzazione.

REGIONE CAMPANIA Misura Internazionalizzazione Finanziamento a tasso agevolato per processi di internazionalizzazione. REGIONE CAMPANIA Misura Internazionalizzazione Finanziamento a tasso agevolato per processi di internazionalizzazione. BENEFICIARI Il programma d investimento, oggetto delle agevolazioni qui previste,

Dettagli

Il report è. correlati con le spese

Il report è. correlati con le spese Il report è - collegato ai pagamenti (intermedio e finale) - obbligatorio (da contratto) e deve essere prodotto entro 2 mesi dalla fine del progetto (data indicata nel contratto) - inoltre, deve essere

Dettagli

MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA

MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA Bari, 27 ottobre 2014 Lorenzo Minnielli Obiettivi Il Fondo Microcredito d Impresa della Puglia è lo strumento con cui la Regione Puglia offre alle micro imprese

Dettagli

Asse 1. Competitività regionale e occupazione. Attività

Asse 1. Competitività regionale e occupazione. Attività FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE P.O.R. 2007 2013 Programma Operativo Regionale Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Attività I.1.3 Innovazione

Dettagli

FONDO PER LE INFRASTRUTTURE PRODUTTIVE

FONDO PER LE INFRASTRUTTURE PRODUTTIVE FONDO PER LE INFRASTRUTTURE PRODUTTIVE Domande frequenti relative all Avviso per la manifestazione di interesse per il cofinanziamento di interventi finalizzati alla Razionalizzazione, riorganizzazione

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il budget di progetto e le tipologie di spese ammissibili Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Il budget del progetto

Dettagli

Il Passaggio dal VI al VII Programma Quadro: elementi di gestione e di rendicontazione

Il Passaggio dal VI al VII Programma Quadro: elementi di gestione e di rendicontazione Il Passaggio dal VI al VII Programma Quadro: elementi di gestione e di rendicontazione Roberta Chellini Area Sistema Contabile Ufficio Progetti di Ricerca Internazionali 1 RENDICONTAZIONE DEL 6 PROGRAMMA

Dettagli

21.05.2012 Regione Lazio: incentivi alla creazione d impresa

21.05.2012 Regione Lazio: incentivi alla creazione d impresa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N.215 21.05.2012 Regione Lazio: incentivi alla creazione d impresa A cura di Carlo De Luca e Luca Savastano Categoria: Agevolazioni Sottocategoria:

Dettagli

Università degli Studi di Bari Aldo Moro

Università degli Studi di Bari Aldo Moro Compilare il presente modulo in duplice copia in ogni sua parte, a macchina o in stampatello, allegare una fotocopia del codice fiscale e di un documento d identità valido, e consegnare all ufficio a fianco

Dettagli

SOSTEGNO ALL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE

SOSTEGNO ALL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE SOSTEGNO ALL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE Sede di Roma: Via Tagliamento, 76 00198 Roma tel 06.45428748-0645428749- 064542 fax 06.8555176 CIRCOLARE N. 2/2010 INSERIMENTO SUI MERCATI ESTERI PER LA

Dettagli

NOTE ESPLICATIVE PER LA REDAZIONE DEL MODELLO DI RENDICONTO SPESE RELATIVO ALL UTILIZZO DELLE RISORSE DI START UP

NOTE ESPLICATIVE PER LA REDAZIONE DEL MODELLO DI RENDICONTO SPESE RELATIVO ALL UTILIZZO DELLE RISORSE DI START UP DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE PER L ORIENTAMENTO E LA FORMAZIONE FONDI PARITETICI INTERPROFESSIONALI PER LA FORMAZIONE CONTINUA NOTE ESPLICATIVE PER LA REDAZIONE DEL MODELLO DI RENDICONTO SPESE RELATIVO

Dettagli

Convenzione/Capitolato per il Servizio di Cassa del GAL Ternano

Convenzione/Capitolato per il Servizio di Cassa del GAL Ternano Convenzione/Capitolato per il Servizio di Cassa del GAL Ternano Il GAL Ternano in esecuzione della deliberazione adottata dal Consiglio di Amministrazione n. 12/2014 all ordine del giorno in data 29/01/2014

Dettagli

FSE 2007-2013 Vademecum per la presentazione dei giustificativi di spesa

FSE 2007-2013 Vademecum per la presentazione dei giustificativi di spesa FSE 2007-2013 Vademecum per la presentazione dei giustificativi di spesa PREMESSA La programmazione FSE 2007-2013 prevede che le erogazioni a favore del beneficiario avvengano secondo il seguente schema:

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento 140 79470 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2012 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del 13 aprile 2012, n. 710 Approvazione dei criteri e modalità per il finanziamento dei

Dettagli

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Microcredito d Impresa della Regione Puglia - Microimprese operative - Scheda informativa sul nuovo strumento di ingegneria finanziaria della Regione Puglia COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Questa scheda contiene

Dettagli

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI NORME GENERALI Art.1 - Oggetto 1. Il presente documento disciplina le modalità di liquidazione anticipata dell ammontare della posizione pensionistica individuale da parte

Dettagli

FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI FABRIANO E CUPRAMONTANA DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI FABRIANO E CUPRAMONTANA DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI FABRIANO E CUPRAMONTANA DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa al Fondo aziendale

Dettagli

Linee Guida per l ammissibilità delle spese

Linee Guida per l ammissibilità delle spese Regione Puglia Assessorato alla Trasparenza e Cittadinanza Attiva Settore Politiche Giovanili e Sport PRINCIPI ATTIVI Giovani idee per una Puglia migliore Linee Guida per l ammissibilità delle spese Con

Dettagli

Allegato 6 - Vademecum per la determinazione e rendicontazione dei costi

Allegato 6 - Vademecum per la determinazione e rendicontazione dei costi INNOVA.RE INNOVAzione in REte C.U.P. J85G09000350002 Il presente Vademecum illustra le procedure a cui i soggetti attuatori dei progetti di sviluppo, finanziati a valere sull Avviso interno in intestazione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA AREA DELLA RICERCA UFFICIO PER I RAPPORTI INTERNAZIONALI. SMS - Mobilità studenti ai fini di studio

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA AREA DELLA RICERCA UFFICIO PER I RAPPORTI INTERNAZIONALI. SMS - Mobilità studenti ai fini di studio UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA AREA DELLA RICERCA UFFICIO PER I RAPPORTI INTERNAZIONALI SMS - Mobilità studenti ai fini di studio ACCORDO PER LA MOBILITÀ ERASMUS AI FINI DI STUDIO nell ambito del Lifelong

Dettagli

Elementi di progettazione europea La valutazione dei progetti da parte della Commissione europea, la negoziazione e il contratto

Elementi di progettazione europea La valutazione dei progetti da parte della Commissione europea, la negoziazione e il contratto Elementi di progettazione europea La valutazione dei progetti da parte della Commissione europea, la negoziazione e il contratto Giuseppe Caruso Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CONTO FORMATIVO AZIENDALE

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CONTO FORMATIVO AZIENDALE LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CONTO FORMATIVO AZIENDALE Roma - 22 settembre 2015 IL CONTO FORMATIVO AZIENDALE (CFA) Le imprese aderenti a For.Agri versano all INPS lo 0,30% delle retribuzioni dei propri

Dettagli

Oggetto: Istruzioni per la gestione amministrativa del grant assegnato ai progetti per l annualità 2016 deliberata da AIRC nel 2015.

Oggetto: Istruzioni per la gestione amministrativa del grant assegnato ai progetti per l annualità 2016 deliberata da AIRC nel 2015. Milano, 19/11/2015 Oggetto: Istruzioni per la gestione amministrativa del grant assegnato ai progetti per l annualità 2016 deliberata da AIRC nel 2015. Il presente documento ha lo scopo di illustrare le

Dettagli

FAQ POST GRADUATORIA AVVISO GIOVANI PER IL SOCIALE

FAQ POST GRADUATORIA AVVISO GIOVANI PER IL SOCIALE FAQ POST GRADUATORIA AVVISO GIOVANI PER IL SOCIALE 1. Domanda: Con quale modalità sarà possibile ottenere chiarimenti in merito alle procedure di attuazione e rendicontazione dei progetti cofinanziati?

Dettagli

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Allegato n. 1 Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Paragrafo. 1 Definizioni Nel presente Documento, l espressione: a) «Autoimpiego» indica lo

Dettagli