studio dei titolari di protezione internazionale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "studio dei titolari di protezione internazionale"

Transcript

1 Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale

2 IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico delle leggi sull Istruzione Superiore stabilisce che: i titoli conseguiti all estero non hanno valore legale in Italia, salvo nei casi di legge. Art 379 Dlgs 297/94, modificato dall art 13 della L. 29/2006 riconoscimento dei titoli finali conseguiti in scuole corrispondenti alle scuole secondaria di primo e secondo grado Art 48 DPR 394/99 Convenzione di Lisbona e legge di ratifica L. 148/2002 riconoscimento dei titoli accademici Art 49 DPR 394/99 Direttiva UE 36/2005 e Dlgs 206/07 riconoscimento i delle qualifiche professionali Dpr 189/09 e art 38 Dlgs 165/01 riconoscimento dei titoli per finalità non accademiche Art 73 del DPR 11 luglio 1980, n. 382 riconoscimento dei dottorati conseguiti all estero 2

3 IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA DIRETTIVA EUROPEA PER I TITOLARI DI PROTEZIONE La direttiva europea 2004/83/CE stabilisce che: gli Stati membri devono garantire la parità di trattamento tra i beneficiari dello status di rifugiato o della protezione sussidiaria ed i loro cittadini nel quadro delle vigenti procedure di riconoscimento di diplomi, certificati ed altri titoli stranieri. 3

4 IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO IL RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA EUROPEA La direttiva europea 2004/83/CE è stata recepita con il Dlgs 251/07 che stabilisce: Si applicano ai titolari dello status di rifugiato o di protezione sussidiaria le disposizioni concernenti il riconoscimento di diplomi, certificati ed altri titoli stranieri per i cittadini italiani. 4

5 IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO DEFINIZIONI Cos è un titolo di studio: un certificato che attesta le conoscenze e le competenze acquisite durante il corso degli studi. Cos è il riconoscimento di un titolo di studio: il procedimento attraverso il quale un Paese riconosce effetti giuridici ad un titolo conseguito in un altro Paese. 5

6 IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO EQUIPOLLENZA E RICONOSCIMENTO EQUIPOLLENZA o ATTRIBUZIONE DEL VALORE LEGALE è la procedura mediante la quale l Autorità scolastica o accademica determina l'equivalenza, a tutti gli effetti giuridici, di un titolo di studio conseguito all'estero con un determinato titolo presente nell'ordinamento italiano. Riconosciuta l equipollenza, l autorità competente rilascia all interessato il titolo di studio italiano equivalente. Il RICONOSCIMENTO è l'attestazione formale da parte di una Autorità competente del valore di un titolo di studio estero ai fini della prosecuzione degli studi o all accesso alle professioni. Il riconoscimento, dunque, produce effetti giuridici minori rispetto all equipollenza. 6

7 Il riconoscimento i dei titoli finali conseguiti in scuole corrispondenti alle scuole secondarie di primo e secondo grado 7

8 I TITOLI DI SCUOLA SECONDARIA LA NORMATIVA Per il riconoscimento dei titoli finali conseguiti in scuole corrispondenti alle scuole secondarie di primo e secondo grado, si applica la disciplina prevista dall art art. 379 Dlgs 297/94, così come modificato dall art. 13 L.29/06. La procedura per ottenere l equipollenza dei titoli di studio conseguiti all estero dai titolari di protezione internazionale è la stessa prevista per i cittadini italiani e comunitari che abbiano conseguito un titolo all estero. 8

9 I TITOLI DI SCUOLA SECONDARIA LE AUTORITA COMPETENTI La domanda va presentata: All Ufficio i Scolastico Provinciale i della Provincia i di residenza del richiedente per ottenere l equipollenza dei titoli corrispondenti alla licenza elementare e media. A qualsiasi Ufficio Scolastico Provinciale a scelta dell interessato per l equipollenza dei titoli corrispondenti ai diplomi. 9

10 Le procedure per l equipollenza dei titoli finali conseguiti in scuole corrispondenti alle scuole secondarie di primo e secondo grado

11 I TITOLI DI SCUOLA SECONDARIA LA DOCUMENTAZIONE DA PRODURRE a. Titolo di studio rilasciato dalla scuola straniera, tradotto e legalizzato, corredato da Dichiarazione di Valore in loco b. Curriculum degli studi seguiti dall interessato, distinto per anni scolastici, possibilmente con l indicazione delle materie per ciascuna delle classi frequentate con esito positivo. Tale curriculum, redatto e firmato dall interessato stesso, indicherà inoltre l esito favorevole di esami finali da lui sostenuti o eventuali esperienze di lavoro in connessione con il titolo del quale è richiesta l equipollenza c. Programma delle materie oggetto del corso stesso, rilasciato dalla scuola di provenienza all estero estero, accompagnato dalla relativa traduzione ufficiale in lingua italiana. Qualora le autorità scolastiche straniere non dovessero rilasciare un tale attestato, la Rappresentanza Diplomatico Consolare italiana competente potrà desumere il programma in questione dalle pubblicazioni ufficiali locali d. Ogni altro titolo o documento (anche in fotocopia) che l interessato ritiene utile a provare i dati riportati nel curriculum, deve essere corredato da relativa traduzione ufficiale in lingua italiana e. Dichiarazione della competente Rappresentanza Diplomatico Consolare italiana, relativa lti al criterio i di valutazione scolastica in vigore nel Paese straniero di provenienza, da cui risulti il punteggio minimo per essere promossi e il punteggio massimo 11

12 UN APPROFONDIMENTO LA DICHIARAZIONE DI VALORE IN LOCO Documento ufficiale, scritto in lingua italiana, che descrive sinteticamente un dato titolo di studio conferito a una determinata persona da un Istituzione appartenente a un sistema educativo diverso da quello italiano. E un documento di natura esclusivamente informativa, e quindi non costituisce di per sé alcuna forma di riconoscimento del titolo in questione. Generalmente fornisce le informazioni utili per la successiva valutazione del titolo da parte delle autorità italiane competenti, quali: stato giuridico e natura dell Istituzione rilasciante; requisiti di accesso al corso di studio conclusosi con quel titolo; durata legale del corso di studio e/o impegno globale richiesto allo studente in crediti o in ore; valore del titolo nel sistema/paese che lo ha rilasciato, ai fini accademici e/o professionali. 12

13 LA DICHIARAZIONE DI VALORE IL CASO DEI TITOLARI DI PROTEZIONE INTERNAZIONALE I titolari di protezione internazionale possono ottenere la legalizzazione e la dichiarazione di valore in loco inviando i documenti originali con idoneo mezzo postale (raccomandata con avviso di ricevimento, assicurata o altro mezzo che fornisca analoghe garanzie). La Rappresentanza italiana provvederà in tal caso a mezzo assicurata e tramite l Ufficio Corrieri del Ministero degli Affari Esteri a restituire agli interessati gli originali perfezionati. 13

14 LA DICHIARAZIONE DI VALORE L ASSISTENZA DEL MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI Presso il Ministero degli Affari Esteri, Direzione Generale per la Promozione del sistema Paese Ufficio VII, i titolari di protezione internazionale possono ricevere assistenza per richiedere la dichiarazione di valore in loco. 14

15 I TITOLI DI SCUOLA SECONDARIA LE PROVE INTEGRATIVE L equipollenza dei titoli può essere subordinata al superamento delle prove integrative eventualmente ritenute necessarie. Le prove sono sostenute nella sede stabilita dal dirigente dell Ufficio Scolastico Provinciale al quale è avanzata la domanda. 15

16 Il i i t d i tit li d i i Il riconoscimento dei titoli accademici conseguiti all estero

17 IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI ACCADEMICI LA NORMATIVA Si applicano: L art. 48 DPR 394/99: Riconoscimento i dei titoli di studio conseguiti all estero La c.d. Convenzione di Lisbona : Convenzione sul Riconoscimento dei titoli di Istruzione Superiore nella Regione Europea L art art. 2 L. 148/2002 di ratifica della Convenzione di Lisbona 17

18 IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI ACCADEMICI LE AUTORITA COMPETENTI E I TERMINI Autorità competente per il riconoscimento: Università e Istituti di istruzione universitaria, che esercitano tale competenza nell'ambito della loro autonomia e in conformità ai rispettivi ordinamenti, fatti salvi ligli accordi bilaterali li in materia Termini per il riconoscimento: 90 giorni dalla ricezione della domanda stessa Nel caso in cui le Autorità accademiche rappresentino esigenze istruttorie, il termine è sospeso fino al compimento, entro i 30 giorni successivi, degli atti supplementari 18

19 IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI I DIPLOMI DI SCUOLA SUPERIORE Il riconoscimento può riguardare: titoli di studio stranieri di scuola secondaria, solo se il titolare di protezione internazionale intenda iscriversi all Università In Italia i titoli idonei all accesso all università sono tutti tti quei titoli conseguiti al termine di un periodo scolastico di almeno 12 anni. Gli studenti che provengono da Paesi in cui il sistema di formazione prevede un percorso di durata inferiore a 12 anni di scolarità dovranno dimostrare di aver superato tutti gli esami previsti per il primo anno di studi universitari (nel caso di un sistema scolastico locale di 11 anni) o di tutti gli esami previsti per i primi due anni accademici (nel caso di un sistema scolastico locale di 10 anni). 19

20 IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI ACCADEMICI GLI ATTESTATI ACCADEMICI Il riconoscimento può riguardare: periodi i didi studio compiuti, i nell ambito di un programma di insegnamento superiore, in un altro Stato membro; titoli tto accademici c ai fini della prosecuzione posecu o edegli studi; titoli di studio di istruzione superiore (lauree). 20

21 IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI ACCADEMICI RICONOSCIMENTO PARZIALE O TOTALE Il riconoscimento i può essere: parziale: si garantisce il riconoscimento di singoli esami, con la conseguente possibilità da parte dell interessato di ottenere l iscrizione ad un determinato anno del corso di studi italiano per completare gli esami e discutere la tesi finale (abbreviazione di corso); totale: viene dichiarata l equivalenza, i l a tutti gli effetti, del titolo accademico estero con quello corrispondente dell Università italiana. 21

22 IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI ACCADEMICI L OBBLIGO AL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO La Convenzione di Lisbona pone in capo agli Stati il generico obbligo di riconoscimento dei titoli di studio di istruzione i superiore, a meno che non sussistano it sostanziali e comprovate differenze fra il titolo di cui si richiede il riconoscimento e il corrispondente titolo del Paese cui esso si richiede. In ogni caso il Paese in cui è avanzata richiesta ihi di riconoscimento, deve consentire di ottenere una valutazione di quel titolo di studio. 22

23 IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI ACCADEMICI IL DECRETO RETTORALE La richiesta ihi di riconoscimento i del titolo di studio si conclude con l emanazione di un decreto rettorale che rende esecutiva la delibera del Senato accademico 23

24 IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI ACCADEMICI DISPOSIZIONI A FAVORE DEI RIFUGIATI La Convenzione di Lisbona,, nella sezione VII, stabilisce che: Ogni paese, nell ambito del proprio sistema di istruzione e in conformità con le proprie p disposizioni costituzionali, giuridiche e normative, adotterà tutti i provvedimenti possibili e ragionevoli per elaborare procedure atte a valutare equamente ed efficacemente se i rifugiati, i profughi e le persone in condizioni simili a quelle dei rifugiati, soddisfano i requisiti per l accesso all insegnamento, a programmi complementari di insegnamento superiore o ad attività lavorative anche nei casi in cui i titoli di studio dichiarati non possano essere comprovati da relativi documenti. Ad oggi l Italia non ha dato espressa attuazione a tale disposizione 24

25 L d il i i t Le procedure per il riconoscimento di titoli di studio accademici conseguiti all estero

26 IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI ACCADEMICI LA DOCUMENTAZIONE DA PRODURRE a. Domanda diretta al Rettore dell'università italiana prescelta b. Originale del titolo di studio di scuola secondaria superiore necessario per l ammissione all'università che ha rilasciato il titolo accademico, tradotto, legalizzato e munito di Dichiarazione di Valore in loco c. Originale del certificato analitico degli esami universitari rilasciato dalla predetta Università (che attesti date e sedi degli esami, ove questi si fossero parzialmente svolti anche presso sedi universitarie diverse da quella che ha rilasciato il titolo) tradotto d. Programmi di studio (su carta intestata dell Università straniera o avvalorati con timbro della Università stessa) di tutte le discipline incluse nel curriculum straniero, con relativa traduzione in italiano e. Originale del titolo accademico posseduto tradotto, legalizzato e munito di Dichiarazione di Valore in loco a cura della Rappresentanza Diplomatico Consolare italiana competente per territorio nello Stato al cui ordinamento si riferisce il titolo 26

27 Il i i t d ll lifi h f i li Il riconoscimento delle qualifiche professionali conseguite all estero

28 IL RICONOSCIMENTO DELLE QUALIFICHE PROFESSIONALI LA NORMATIVA Si applicano: L art. 49 DPR 394/99 L art. 50 DPR 394/99 che prevede disposizioni particolare per gli esercenti le professioni sanitarie Dlgs 206/07 Titolo III 28

29 IL RICONOSCIMENTO DELLE QUALIFICHE PROFESSIONALI LE AUTORITA COMPETENTI Sono competenti alcuni Ministeri, ad esempio: il Ministero della Salute, per tutte le professioni sanitarie; il Ministero dell Istruzione Istruzione, dell Università e della Ricerca per i docenti di scuole dell'infanzia, primaria, secondaria di primo grado e secondaria superiore e per il personale amministrativo, i ti tecnico e ausiliario i della scuola; e poi ancora i Ministeri del Lavoro, della Giustizia, dello Sviluppo Economico. 29

30 IL RICONOSCIMENTO DELLE QUALIFICHE PROFESSIONALI LE MODALITA DEL RICONOSCIMENTO Il riconoscimento può avvenire: sulla base della qualifica professionale; sulla base dell esperienza. 30

31 IL RICONOSCIMENTO DELLE QUALIFICHE PROFESSIONALI LA CONFERENZA DEI SERVIZI Ricevuta la richiesta di riconoscimento della qualifica professionale, l Autorità competente indice una Conferenza dei Servizi alla quale partecipano tutte le autorità coinvolte: i Ministeri; il Dipartimento per il coordinamento delle politiche comunitarie; il Ministero degli Affari Esteri. Nella Conferenza dei Servizi sono sentiti anche un rappresentante dell'ordine o Collegio professionale, ovvero della categoria professionale interessata. 31

32 IL RICONOSCIMENTO DELLE QUALIFICHE PROFESSIONALI LE MISURE COMPENSATIVE Il riconoscimento della qualifica può essere subordinato al superamento di misure compensative quali: tirocinio di adattamento prova attitudinale solamente nel caso in cui: la durata della formazione e' inferiore di almeno un anno a quella richiesta in Italia; la formazione ricevuta riguarda materie sostanzialmente diverse da quelle coperte dal titolo di formazione richiesto in Italia; la professione regolamentata include una o più attività professionali regolamentate, mancanti nella corrispondente professione dello Stato membro d'origine del richiedente, e se la differenza è caratterizzata da una formazione specifica, richiesta dalla normativa nazionale e relativa a materie sostanzialmente diverse da quelle dell'attestato di competenza o del titolo di formazione in possesso del richiedente. 32

33 IL RICONOSCIMENTO DELLE QUALIFICHE PROFESSIONALI IL RICONOSCIMENTO La durata e le materie oggetto del tirocinio di adattamento e della prova attitudinale sono stabilite dall'autorità competente t a seguito della Conferenza dei Servizi i e, in caso di esito sfavorevole, possono essere ripetute. Entro tre mesi dalla presentazione della documentazione completa da parte dell'interessato, l Autorità competente provvede in merito al riconoscimento, con decreto motivato pubblicato nella Gazzetta Ufficialei della Repubblica Italiana. 33

34 IL RICONOSCIMENTO DELLE QUALIFICHE PROFESSIONALI L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE Riconosciuta la qualifica professionale, i beneficiari possono esercitare la professione facendo uso della denominazione del titolo professionale, e della sua eventuale abbreviazione, prevista dalla legislazione italiana. 34

35 L d il i i t d ll Le procedure per il riconoscimento delle qualifiche professionali conseguite all estero

36 IL RICONOSCIMENTO DELLE QUALIFICHE PROFESSIONALI LA DOCUMENTAZIONE DA PRODURRE a) Copia autenticata del titolo di studio specifico per l'attività richiesta (con l'indicazione degli esami sostenuti necessari per determinare l'eventuale esistenza di differenze sostanziali rispetto alla formazione richiesta a livello nazionale, contemplate all'articolo 14 della suddetta Direttiva) b) Copia autenticata del titolo di abilitazione specifico per l'attività, qualora previsto dal Paese in cui il titolo è stato conseguito c) Copia autenticata dell'iscrizione all'albo professionale del Paese in cui il titolo è stato conseguito, solo se previsto nel paese stesso d) Dichiarazione di valore in originale rilasciata dall Autorità Diplomatica o Consolare italiana presente nello Stato dove è stato rilasciato il titolo di cui si chiede il riconoscimento e) Attestazione di non esistenza di impedimenti di tipo penale e professionale all'esercizio i della professione che si intende esercitare rilasciato i dalle competenti Autorità del Paese d'origine e/o di provenienza f) Certificato/i dal quale risulti descritta in dettaglio l'attività lavorativa eventualmente svolta nel Paese di origine e/o di provenienza, successivamente al conseguimento del titolo di cui si chiede il riconoscimento (inclusi periodi di tirocinio pratico svolti) 36

37 IL RICONOSCIMENTO DELLE QUALIFICHE PROFESSIONALI LA DIMOSTRAZIONE DELL ESERCIZIO EFFETTIVO Il decreto legislativo 206/07 relativo al riconoscimento delle qualifiche professionali, disciplina la possibilità di riconoscere le qualifiche professionali, di una serie di professioni elencate nell allegato IV, sulla base della dimostrazione dell'esercizio effettivo dell'attività in questione. 37

38 IL RICONOSCIMENTO DELLE QUALIFICHE PROFESSIONALI AD ESEMPIO Attività di riparazione di automezzi, cicli e motocicli, fabbricazione di strumenti ottici e apparecchi fotografici, fi i fabbricazione bbi i di materiale medico chirurgico i e di apparecchi ortopedici (scarpe ortopediche escluse), bigiotteria, oreficeria, gioielleria, fabbricazione e riparazione orologi, istallazioni varie per l edilizia, finitura locali, panetteria e pasticceria, parrucchieri, è necessario che tali attività siano state precedentemente esercitate: a) per 6 anni consecutivi come lavoratore autonomo o dirigente d'azienda; oppure b) per 3 anni consecutivi come lavoratore autonomo o dirigente d'azienda, se il beneficiario prova di aver in precedenza ricevuto, per l'attività in questione, una formazione di almeno 3 anni sancita da un certificato riconosciuto da uno Stato membro o giudicata del tutto valida da un competente organismo professionale; oppure c) per 4 anni consecutivi come lavoratore autonomo o dirigente d'azienda, se il beneficiario prova di aver in precedenza ricevuto, per l'attività in questione, una formazione di almeno 2 anni sancita da un certificato riconosciuto da uno Stato membro o giudicata del tutto valida da un competente organismo professionale; oppure d) per 3 anni consecutivi come lavoratore autonomo, se il beneficiario prova di aver esercitato l'attività in questione per almeno 5 anni come lavoratore subordinato; oppure e) per 5 anni consecutivi in funzioni direttive, di cui almeno 3 anni con mansioni tecniche che implichino la responsabilità di almeno uno dei reparti dell'azienda, se il beneficiario prova di aver in precedenza ricevuto, per l'attività i in questione, una formazione di almeno 3 anni sancita da un certificato riconosciuto da uno Stato membro o giudicata del tutto valida da un competente organismo professionale. 38

39 Il riconoscimento per finalità non accademiche dei titoli di studio conseguiti all estero

40 IL RICONOSCIMENTO PER FINALITA NON ACCADEMICHE LA NORMATIVA Il riconoscimento i dei titoli di studio per finalità non accademiche è regolato dal DPR 189/2009, che all art. t 2 stabilisce tbili che, per il riconoscimento i dei titoli di studio conseguiti negli istituti di istruzione superiore stranieri, i ai fini i dell'accesso ai pubblici i concorsi, si applicano le procedure previste dall'art. 38, comma 3, Dlgs 30 marzo 2001, n L applicazione di tale disciplina è limitata al riconoscimento dei titoli di studio accademici rilasciati dagli Istituti di istruzione superiore stranieri dei Paesi aderenti alla Convenzione di Lisbona. 40

41 IL RICONOSCIMENTO PER FINALITA NON ACCADEMICHE LE AUTORITA COMPETENTI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca; Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Funzione Pubblica. 41

42 Le procedure per il riconoscimento per finalità non accademiche dei titoli di studio conseguiti all estero

43 IL RICONOSCIMENTO PER FINALITA NON ACCADEMICHE LA DOCUMENTAZIONE DA PRODURRE a. Titolo di studio estero, tradotto e legalizzato a. Certificato analitico degli esami sostenuti, rilasciato dall'istituto ove è stato conseguito il titolo di studio, tradotto b. Dichiarazione di Valore in loco della Rappresentanza Diplomatico Consolare italiana competente per territorio nello Stato al cui ordinamento si riferisce il titolo di studio c. Bando del concorso cui si intende partecipare con evidenziati i requisiti previsti per l'accesso 43

44 Il riconoscimento dei dottorati conseguiti all estero

45 IL RICONOSCIMENTO DEI DOTTORATI LA NORMATIVA Il riconoscimento dei dottorati conseguiti all estero è disciplinato dall art. 74 del DPR 11 luglio 1980, n

46 IL RICONOSCIMENTO DEI DOTTORATI LE AUTORITA COMPETENTI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca L'eventuale riconoscimento i è operato con decreto del Ministro dell Istruzione su conforme parere del Consiglio Universitario it i Nazionale (CUN). 46

47 Le procedure per il riconoscimento dei dottorati conseguiti all estero

48 IL RICONOSCIMENTO DEI DOTTORATI LA DOCUMENTAZIONE DA PRODURRE a. Laurea italiana o di un titolo universitario straniero di cui sia stata già ottenuta l'equipollenza con una Laurea italiana b. Documentazione ufficiale che il Dottorato straniero è stato conferito dopo minimo 3 anni di studi e ricerche c. Titolo di ricerca (Dottorato) conseguito all'estero in originale o in copia autenticata tradotto, legalizzato e accompagnato da Dichiarazione di valore della Rappresentanza diplomatica o Consolare italiana all'estero competente per territorio d. Tesi o lavoro scientifico con cui si è conseguito il titolo di ricerca, insieme al relativo curriculum studiorum (non è consentito, in alternativa alla tesi, spedire pubblicazioni i i scientifiche ifi che ne sono derivate) e. Eventuali attestati del tutor o del supervisore della ricerca, o del responsabile dei corsi di Dottorato f. Quanto altro si reputi utile per una più completa valutazione da parte del CUN 48

Pro.Ri.Ti.S. Fondo Europeo per i Rifugiati

Pro.Ri.Ti.S. Fondo Europeo per i Rifugiati Pro.Ri.Ti.S. Fondo Europeo per i Rifugiati Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale STUDIO LAVORO Vademecum aggiornato a giugno 2011 Vademecum per le procedure

Dettagli

CAPO VII DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ISTRUZIONE DIRITTO ALLO STUDIO E PROFESSIONI

CAPO VII DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ISTRUZIONE DIRITTO ALLO STUDIO E PROFESSIONI Decreto del Presidente della Repubblica 31 agosto 1999, n. 394 Regolamento recante norme di attuazione del testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione e norme sulla condizione

Dettagli

Guida completa per il riconoscimento in Italia dei titoli di studio conseguiti all estero

Guida completa per il riconoscimento in Italia dei titoli di studio conseguiti all estero Guida completa per il riconoscimento in Italia dei titoli di studio conseguiti all estero Equipollenza dei titoli di studio esteri ciclo primario e secondario (art. 2 L. 148/2002) (Normativa di riferimento:

Dettagli

ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ISTITUTO DI ALTA CULTURA diretta da Margherita Parrilla

ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ISTITUTO DI ALTA CULTURA diretta da Margherita Parrilla ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ISTITUTO DI ALTA CULTURA diretta da Margherita Parrilla Prot. n. 3094 del 3.05.2013 REGOLAMENTO DI RICONOSCIMENTO TITOLI ACCADEMICI STRANIERI IL DIRETTORE Vista la Convenzione

Dettagli

MODALITA' PER IL RICONOSCIMENTO E L'EQUIPOLLENZA DEI TITOLI DI STUDIO STRANIERI IN ITALIA

MODALITA' PER IL RICONOSCIMENTO E L'EQUIPOLLENZA DEI TITOLI DI STUDIO STRANIERI IN ITALIA RIFERIMENTI LEGISLATIVI: RD 1592 del 31/08/33; DL 297 del 16/04/94; per i titoli conseguiti nella Comunità Europea direttive 89/48/CEE e 92/51/CEE (recepite in Italia con i DL 115 del 27/01/92 e 319 del

Dettagli

b) certificato analitico degli esami sostenuti, rilasciato dall'istituto ove è stato conseguito il titolo di studio e tradotto;

b) certificato analitico degli esami sostenuti, rilasciato dall'istituto ove è stato conseguito il titolo di studio e tradotto; Riconoscimento dei titoli di studio accademici: pubblicato il regolamento D.P.R. 30.07.2009 n. 189, G.U. 28.12.2009 (Manuela Rinaldi) Per l accesso ai concorsi pubblici, ai fini del riconoscimento dei

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2009, n. 189

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2009, n. 189 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2009, n. 189 Regolamento concernente il riconoscimento dei titoli di studio accademici, a norma dell'articolo 5 della legge 11 luglio 2002, n. 148. (09G0197)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE AI CORSI UNIVERSITARI CON TITOLO ESTERO E PER IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI ESTERI. CAPO I Norme comuni e generali

REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE AI CORSI UNIVERSITARI CON TITOLO ESTERO E PER IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI ESTERI. CAPO I Norme comuni e generali REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE AI CORSI UNIVERSITARI CON TITOLO ESTERO E PER IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI ESTERI CAPO I Norme comuni e generali Art. 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

Regolamento per l ammissione ai corsi universitari con titolo estero e per il riconoscimento dei titoli esteri

Regolamento per l ammissione ai corsi universitari con titolo estero e per il riconoscimento dei titoli esteri Regolamento per l ammissione ai corsi universitari con titolo estero e per il riconoscimento dei titoli esteri SOMMARIO TITOLO I - Norme comuni e generali... 2 Art. 1 Ambito di applicazione... 2 Art. 2

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica 31 Agosto 1999, n. 394 (in SO n. 190 alla GU 3 novembre 1999, n. 258)

Decreto del Presidente della Repubblica 31 Agosto 1999, n. 394 (in SO n. 190 alla GU 3 novembre 1999, n. 258) Decreto del Presidente della Repubblica 31 Agosto 1999, n. 394 (in SO n. 190 alla GU 3 novembre 1999, n. 258) Regolamento recante norme di attuazione del testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina

Dettagli

MINISTERO DELLA SANITÀ DIPARTIMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE, RISORSE UMANE E TECNOLOGICHE IN SANITÀ E ASSISTENZA SANITARIA DI COMPETENZA STATALE

MINISTERO DELLA SANITÀ DIPARTIMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE, RISORSE UMANE E TECNOLOGICHE IN SANITÀ E ASSISTENZA SANITARIA DI COMPETENZA STATALE MINISTERO DELLA SANITÀ DIPARTIMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE, RISORSE UMANE E TECNOLOGICHE IN SANITÀ E ASSISTENZA SANITARIA DI COMPETENZA STATALE Ufficio III N. DPS / III L.40/ OC-1259 OGGETTO: Cittadini

Dettagli

Testo pubblicato a cura della redazione internet del CED della Corte Suprema di Cassazione. INDICE del D.Lgs. n. 115/1992:

Testo pubblicato a cura della redazione internet del CED della Corte Suprema di Cassazione. INDICE del D.Lgs. n. 115/1992: Testo pubblicato a cura della redazione internet del CED della Corte Suprema di Cassazione INDICE del D.Lgs. n. 115/1992: Art. 1 - Riconoscimento dei titoli di formazione professionale acquisiti nella

Dettagli

- Dipartimento Politiche Comunitarie 00100 R O M A

- Dipartimento Politiche Comunitarie 00100 R O M A DIPARTIMENTO PROFESSIONI SANITARIE, RISORSE UMANE E TECNOLOGICHE IN SANITA' E ASSISTENZA SANITARIA DI COMPETENZA STATALE DPS/III/L.40/00-1259 Cittadini stranieri non comunitari. Riconoscimento titoli professionali

Dettagli

o Decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297(artt. 379, 381, 382, 383, 384, 385, e 386)

o Decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297(artt. 379, 381, 382, 383, 384, 385, e 386) Ministero dell'istruzione dell'università della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI LUCCA Via Barsanti e Matteucci,66 55100 Lucca Tel.05834221 Fax 0583422276

Dettagli

normativa di riferimento modello di domanda

normativa di riferimento modello di domanda Equipollenze titoli di studio conseguiti all estero da cittadini italiani e/o cittadini comunitari normativa di riferimento modello di domanda Ufficio Relazioni con il Pubblico L equipollenza può essere

Dettagli

RICONOSCIMENTO DI TITOLI DI QUALIFICAZIONE PROFESSIONALE ACQUISITI FUORI DALL ITALIA AL FINE DELL ESERCIZIO IN ITALIA DI ALCUNE ATTIVITA REGOLAMENTATE

RICONOSCIMENTO DI TITOLI DI QUALIFICAZIONE PROFESSIONALE ACQUISITI FUORI DALL ITALIA AL FINE DELL ESERCIZIO IN ITALIA DI ALCUNE ATTIVITA REGOLAMENTATE DIREZIONE GENERALE PER IL COMMERCIO, LE ASSICURAZIONI E I SERVIZI UFFICIO B4 REGISTRO DELLE IMPRESE RICONOSCIMENTO DI TITOLI DI QUALIFICAZIONE PROFESSIONALE ACQUISITI FUORI DALL ITALIA AL FINE DELL ESERCIZIO

Dettagli

SCUOLA NORMALE SUPERIORE DI PISA IL DIRETTORE

SCUOLA NORMALE SUPERIORE DI PISA IL DIRETTORE Decreto n.730 SCUOLA NORMALE SUPERIORE DI PISA IL DIRETTORE DRU/PGP/CS/CP VISTO lo Statuto della Scuola emanato con D.D.n.290 del 15.3.1995 e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.72 del 27.3.1995, e successive

Dettagli

Articolo 1 Il Master. Articolo 2 Organizzazione didattica del Master

Articolo 1 Il Master. Articolo 2 Organizzazione didattica del Master BANDO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI 2 LIVELLO IN ASSICURAZIONI, GESTIONE E FINANZA DELLA PREVIDENZA OBBLIGATORIA E COMPLEMENTARE, ASSISTENZA SANITARIA PUBBLICA E INTEGRATIVA M.A.P.A. 13^ Edizione Anno Accademico

Dettagli

Università Vita-Salute San Raffaele

Università Vita-Salute San Raffaele Università Vita-Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4188 IL RETTORE Visto lo Statuto dell'università Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2015/2016 IL RETTORE VISTA. La legge 02.08.1999, n. 264 recante norme in materia di accessi ai corsi universitari; VISTO

ANNO ACCADEMICO 2015/2016 IL RETTORE VISTA. La legge 02.08.1999, n. 264 recante norme in materia di accessi ai corsi universitari; VISTO Div. III-1 BANDO PER LA PARTECIPAZIONE ALLA PROVA DI AUTOVALUTAZIONE DEI CORSI DI LAUREA IN MANAGEMENT PUBBLICO SCIENZE DEL LAVORO, DELL AMMINISTRAZIONE E DEL MANAGEMENT SCIENZE INTERNAZIONALI E ISTITUZIONI

Dettagli

Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4186 IL RETTORE

Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4186 IL RETTORE Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4186 IL RETTORE Visto lo Statuto dell'università Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2009, n. 189 Regolamento concernente il riconoscimento dei titoli di studio accademici, a norma dell'articolo 5 della legge 11 luglio 2002, n. 148. (09G0197)

Dettagli

Ministero delle Attività Produttive

Ministero delle Attività Produttive Ministero delle Attività Produttive Ufficio B4 registro delle imprese Via Sallustiana n. 53, 00187 - Roma * * * Tel. 06484480 Dr. Marco Maceroni Tel. 0647055306 Dr.ssa Isabella Raganelli Fax 06483691 RICONOSCIMENTO

Dettagli

Abstract. Obiettivi. Descrizione dello sviluppo della normativa italiana in tema di integrazione e accoglienza degli immigrati nel sistema scolastico.

Abstract. Obiettivi. Descrizione dello sviluppo della normativa italiana in tema di integrazione e accoglienza degli immigrati nel sistema scolastico. Unit à 15 Abstract Descrizione dello sviluppo della normativa italiana in tema di integrazione e accoglienza degli immigrati nel sistema scolastico. Obiettivi Conoscenza della normativa. Mappa unità 15

Dettagli

Norme di attuazione: D.I. 20.2.1973 e D.M. 20.6.1973, pubblicati nel Supplemento Ordinario B.U. parte I n.25-26 del 21-28/6/1973.

Norme di attuazione: D.I. 20.2.1973 e D.M. 20.6.1973, pubblicati nel Supplemento Ordinario B.U. parte I n.25-26 del 21-28/6/1973. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE DIREZIONE GENERALE SCAMBI CULTURALI ALLEGATO 1 INFORMAZIONI SULLE DISPOSIZIONI E MODALITA' RELATIVE ALLA RICHIESTA DI EQUIPOLLENZA DEI TITOLI DI STUDIO STRANIERI CONSEGUITI

Dettagli

DOMANDA DI PREISCRIZIONE CITTADINI NON - COMUNITARI RESIDENTI ALL ESTERO Anno Accademico 2001-2002

DOMANDA DI PREISCRIZIONE CITTADINI NON - COMUNITARI RESIDENTI ALL ESTERO Anno Accademico 2001-2002 DOMANDA DI PREISCRIZIONE CITTADINI NON - COMUNITARI RESIDENTI ALL ESTERO Anno Accademico 2001-2002 MODELLO A (da compilare in stampatello) Al Magnifico Rettore dell Università degli Studi di (indicare

Dettagli

Università Vita,Salute San Raffaele

Università Vita,Salute San Raffaele Università Vita,Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4184 IL RETTORE Visto lo Statuto dell'università Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica

Dettagli

NOTIZIE UTILI PER IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO CONSEGUITI ALL ESTERO

NOTIZIE UTILI PER IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO CONSEGUITI ALL ESTERO NOTIZIE UTILI PER IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO CONSEGUITI ALL ESTERO I requisiti necessari per ottenere il riconoscimento di un titolo di studio, conseguito all estero con un corrispondente italiano

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2015/2016 IL RETTORE VISTA. La legge 02.08.1999, n. 264 recante norme in materia di accessi ai corsi universitari; VISTO

ANNO ACCADEMICO 2015/2016 IL RETTORE VISTA. La legge 02.08.1999, n. 264 recante norme in materia di accessi ai corsi universitari; VISTO Div. III-1 BANDO PER LA PARTECIPAZIONE ALLA SECONDA E TERZA SESSIONE DELLA PROVA DI AUTOVALUTAZIONE PER L AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN: MANAGEMENT PUBBLICO SCIENZE DEL LAVORO, DELL AMMINISTRAZIONE

Dettagli

STUDENTI STRANIERI RESIDENTI ALL ESTERO

STUDENTI STRANIERI RESIDENTI ALL ESTERO NORME PER L ACCESSO DEGLI STUDENTI STRANIERI AI CORSI UNIVERSITARI PER IL TRIENNIO 2011-2014 (nota ministeriale prot. n. 602 del 18 maggio 2011) STUDENTI STRANIERI RESIDENTI ALL ESTERO IMMATRICOLAZIONE

Dettagli

IMMATRICOLAZIONE STUDENTI STRANIERI

IMMATRICOLAZIONE STUDENTI STRANIERI IMMATRICOLAZIONE STUDENTI STRANIERI Le procedure di iscrizione alle Università italiane da parte degli studenti in possesso di un titolo di studio straniero, sono differenti in base alla cittadinanza ed

Dettagli

BANDO PER LA PARTECIPAZIONE ALLA PROVA DI AUTOVALUTAZIONE LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA LAUREA IN SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI

BANDO PER LA PARTECIPAZIONE ALLA PROVA DI AUTOVALUTAZIONE LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA LAUREA IN SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI Div. III-1 BANDO PER LA PARTECIPAZIONE ALLA PROVA DI AUTOVALUTAZIONE LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA LAUREA IN SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI ANNO ACCADEMICO 2015/2016 IL RETTORE VISTA

Dettagli

BANDO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI 2 LIVELLO IN MANAGEMENT CLINICO-ORGANIZZATIVO IN GERIATRIA TERRITORIALE, CURE CONTINUATIVE E DI FINE VITA

BANDO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI 2 LIVELLO IN MANAGEMENT CLINICO-ORGANIZZATIVO IN GERIATRIA TERRITORIALE, CURE CONTINUATIVE E DI FINE VITA BANDO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI 2 LIVELLO IN MANAGEMENT CLINICO-ORGANIZZATIVO IN GERIATRIA TERRITORIALE, CURE CONTINUATIVE E DI FINE VITA Ma.Ge.co.Fi. 1^ Edizione Anno Accademico 2015/2016 Articolo 1

Dettagli

Università Vita~Salute San Raffaele

Università Vita~Salute San Raffaele Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4185 IL RETTORE Visto lo Statuto dell'università Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica

Dettagli

BANDO PER LA PARTECIPAZIONE ALLA PROVA DI AUTOVALUTAZIONE LAUREA IN SCIENZE DEI BENI CULTURALI ANNO ACCADEMICO 2015/2016 IL RETTORE VISTA

BANDO PER LA PARTECIPAZIONE ALLA PROVA DI AUTOVALUTAZIONE LAUREA IN SCIENZE DEI BENI CULTURALI ANNO ACCADEMICO 2015/2016 IL RETTORE VISTA Div. III-1 BANDO PER LA PARTECIPAZIONE ALLA PROVA DI AUTOVALUTAZIONE LAUREA IN SCIENZE DEI BENI CULTURALI ANNO ACCADEMICO 2015/2016 IL RETTORE VISTA La legge 02.08.1999, n. 264 recante norme in materia

Dettagli

Università degli Studi di Siena MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN TRADUZIONE LETTERARIA E EDITING DEI TESTI A.A. 2010/2011

Università degli Studi di Siena MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN TRADUZIONE LETTERARIA E EDITING DEI TESTI A.A. 2010/2011 Università degli Studi di Siena MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN TRADUZIONE LETTERARIA E EDITING DEI TESTI A.A. 2010/2011 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena istituisce, per

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

IL MINISTRO PER I BENI E LE ATTIVITA' CULTURALI

IL MINISTRO PER I BENI E LE ATTIVITA' CULTURALI Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Regolamento concernente la disciplina dei criteri per la tutela e il funzionamento dell'elenco previsto dall'articolo 95, comma 2, del decreto legislativo

Dettagli

LEGGE 24 LUGLIO 1985, N. 409

LEGGE 24 LUGLIO 1985, N. 409 LEGGE 24 LUGLIO 1985, N. 409 I stituzione della professione sanitaria di odontoiatria e disposizioni relative al diritto di stabilimento ed alla libera prestazione di servizi da parte dei dentisti cittadini

Dettagli

Vigente al: 05-03-2011 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Vigente al: 05-03-2011 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; LEGGE 19 novembre 1990, n. 341 Riforma degli ordinamenti didattici universitari. Vigente al: 05-03-2011 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

Management Innovativo delle Organizzazioni Sanitarie

Management Innovativo delle Organizzazioni Sanitarie Decreto Rettorale N.540 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO FACOLTA DI SOCIOLOGIA Bando di selezione per l ammissione al MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO in Management Innovativo delle Organizzazioni

Dettagli

Il/La sottoscritt. cittadin. nat a (Prov. ) il / / e residente a (Prov. ) in via/corso/piazza n. c.a.p. titolo di studio. rilasciato da: in data

Il/La sottoscritt. cittadin. nat a (Prov. ) il / / e residente a (Prov. ) in via/corso/piazza n. c.a.p. titolo di studio. rilasciato da: in data Modulo di domanda da presentare in carta legale da.16,00 o in carta semplice con marca da bollo da.16,00 Alla Provincia di Cuneo Ufficio Turismo Corso Nizza n. 21 12100 CUNEO DOMANDA DI RICONOSCIMENTO

Dettagli

I riferimenti relativi sono.

I riferimenti relativi sono. Via Coazze n.18 10138 Torino Tel. n. 011 4404311 Fax n. 4477070 Ufficio Diplomi ed Equipollenze NOTIZIE UTILI PER IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO CONSEGUITI ALL ESTERO I requisiti necessari per

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/15

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/15 MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/15 Edizione II/14 L Accademia di Moda di Napoli è un istituzione privata di alta cultura. Essa ha personalità giuridica propria e gode di autonomia didattica, artistica,

Dettagli

ARTICOLO 1 (Conferimento) ARTICOLO 2 (Requisiti per l ammissione)

ARTICOLO 1 (Conferimento) ARTICOLO 2 (Requisiti per l ammissione) ARTICOLO 1 (Conferimento) L Università degli Studi Giustino Fortunato Telematica bandisce un concorso, per titoli e colloquio, per il conferimento di n. 1 assegno per lo svolgimento di attività di ricerca,

Dettagli

Attività di ESTETISTA

Attività di ESTETISTA Attività di ESTETISTA Riconoscimento dei titoli professionali esteri Il decreto legislativo n. 319 del 2 maggio 1994 attribuisce al Ministero del Lavoro la competenza per il riconoscimento dei titoli in

Dettagli

DECRETO RETTORALE N. 6164

DECRETO RETTORALE N. 6164 DECRETO RETTORALE N. 6164 Regolamento dei corsi di dottorato di ricerca e delle scuole di dottorato di ricerca dell Università Cattolica del Sacro Cuore IL RETTORE Visto visto visto vista vista vista lo

Dettagli

Procedure selettive per l ammissione ai corsi di laurea della facoltàdi design e arti dell Università IUAV di Venezia per l anno accademico 2010/2011

Procedure selettive per l ammissione ai corsi di laurea della facoltàdi design e arti dell Università IUAV di Venezia per l anno accademico 2010/2011 Procedure selettive per l ammissione ai corsi di laurea della facoltàdi design e arti dell Università IUAV di Venezia per l anno accademico 2010/2011 ASD/MC Repertorio n. 783/2010 Prot. n. 11751 del 01/07/2010

Dettagli

L UNIVERSITA TELEMATICA SAN RAFFAELE ROMA presenta la I edizione del Master di II livello in PSICOLOGIA DELLO SPORT

L UNIVERSITA TELEMATICA SAN RAFFAELE ROMA presenta la I edizione del Master di II livello in PSICOLOGIA DELLO SPORT Prot. n 184 del 30/07/2015 D.R. n 98 del 30/07/2015 L UNIVERSITA TELEMATICA SAN RAFFAELE ROMA presenta la I edizione del Master di II livello in PSICOLOGIA DELLO SPORT Con il patrocinio di Associazione

Dettagli

Regolamento di Ateneo per gli studenti

Regolamento di Ateneo per gli studenti Regolamento di Ateneo per gli studenti Art. 1 - Premessa Il presente regolamento, in applicazione del Regolamento didattico di Ateneo, contiene le norme organizzative e amministrative alla cui osservanza

Dettagli

Bando per l ammissione al Master di II livello in

Bando per l ammissione al Master di II livello in Anno Accademico 2015 2016 Bando per l ammissione al Master di II livello in DIRITTO E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI, SOCIO-SANITARI ED EDUCATIVI Dipartimento di GIURISPRUDENZA Sommario art. 1 Premessa...

Dettagli

IL RETTORE. VISTO il Regolamento didattico dell Università degli Studi di Milano-Bicocca, emanato con Decreto Rettorale n. 0025124 del 27 marzo 2009;

IL RETTORE. VISTO il Regolamento didattico dell Università degli Studi di Milano-Bicocca, emanato con Decreto Rettorale n. 0025124 del 27 marzo 2009; IL RETTORE VISTO il D.P.R. n. 162 del 10 marzo 1982, relativo al Riordinamento delle scuole dirette a fini speciali, delle scuole di specializzazione e dei corsi di perfezionamento ; VISTO il Regolamento

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI SECONDO LIVELLO IN LEGAL ADVISOR AND HUMAN RESOURCES MANAGEMENT

MASTER UNIVERSITARIO DI SECONDO LIVELLO IN LEGAL ADVISOR AND HUMAN RESOURCES MANAGEMENT Anno Accademico 2015/2016 MASTER UNIVERSITARIO DI SECONDO LIVELLO IN LEGAL ADVISOR AND HUMAN RESOURCES MANAGEMENT DIRETTORE: PROF. ROBERTO PESSI - - - Visto lo Statuto di autonomia della LUISS Guido Carli,

Dettagli

Università Vita~Salute San Raffaele

Università Vita~Salute San Raffaele Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N.4119 IL RETTORE Vista la Legge 2 agosto 1999, n. 264 Visto il Decreto del Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca del 22 ottobre

Dettagli

NOTA INFORMATIVA DOMANDA AMMISSIONE. Nota informativa in merito alla domanda di ammissione a socio della FSP. A. Disposizioni generali

NOTA INFORMATIVA DOMANDA AMMISSIONE. Nota informativa in merito alla domanda di ammissione a socio della FSP. A. Disposizioni generali Nota informativa in merito alla domanda di ammissione a socio della FSP Valida dal 1 luglio 2012 Nella presente nota figurano informazioni utili per compilare correttamente la domanda di ammissione alla

Dettagli

DECRETa RETTORALE N. 2716. IlRETTORE

DECRETa RETTORALE N. 2716. IlRETTORE { UniSR Universita Vita-Salute San Raffaele DECRETa RETTORALE N. 2716 IlRETTORE Visto 10 Statuto dell'universita Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'universita e della Ricerca

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART.24 DELLA LEGGE N.240/2010

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART.24 DELLA LEGGE N.240/2010 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA D.R. n. 1162/2011 del 31 maggio 2011 Modificato con D.R. n. 1666/2011 del 22 agosto 2011 Modificato con D.R. n. 723/2012 del 27 aprile 2012 Modificato con D.R. n. 1268/2013

Dettagli

Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, A 18 POSTI DI FUNZIONARIO DI

Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, A 18 POSTI DI FUNZIONARIO DI in prova, nella qualifica iniziale della carriera direttiva Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, A 18 POSTI DI FUNZIONARIO

Dettagli

CONCORSI PUBBLICI ======================

CONCORSI PUBBLICI ====================== DIREZIONE GENERALE Direttore: Dr. Marco Onofri Tel.: 031/585.5214 Telefax: 031/585.5384 SCADE IL 16 FEBBRAIO 2015 CONCORSI PUBBLICI ====================== Art. 1 In esecuzione delle deliberazioni n. 894

Dettagli

CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER 15 POSTI DI FUNZIONARIO DI PRIMA, NELLA QUALIFICA INIZIALE DELLA CARRIERA DIRETTIVA

CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER 15 POSTI DI FUNZIONARIO DI PRIMA, NELLA QUALIFICA INIZIALE DELLA CARRIERA DIRETTIVA CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER 15 POSTI DI FUNZIONARIO DI PRIMA, NELLA QUALIFICA INIZIALE DELLA CARRIERA DIRETTIVA Il PRESIDENTE rende noto che: IL CONSIGLIO dell Autorità, nella seduta del

Dettagli

FAQ DOTTORATI DI RICERCA

FAQ DOTTORATI DI RICERCA i UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FAQ DOTTORATI DI RICERCA 1) Quali sono le norme che disciplinano il Dottorato di Ricerca? 2) Come posso accedere al Dottorato di Ricerca? 3) Quali sono i requisiti

Dettagli

- Ufficio Sesto - MIUROODGOS prot. n. 2787 /R.U./U Roma, 20 aprile 2011 All.: %

- Ufficio Sesto - MIUROODGOS prot. n. 2787 /R.U./U Roma, 20 aprile 2011 All.: % Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l Autonomia Scolastica - Ufficio Sesto - MIUROODGOS prot.

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2015/2016 IL RETTORE VISTA. la legge 02.08.1999, n. 264 recante norme in materia di accessi ai corsi universitari; VISTO

ANNO ACCADEMICO 2015/2016 IL RETTORE VISTA. la legge 02.08.1999, n. 264 recante norme in materia di accessi ai corsi universitari; VISTO Div. III-1 BANDO DI CONCORSO PER L AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN CHIMICA, CHIMICA INDUSTRIALE, INFORMATICA (SEDE DI MILANO), INFORMATICA (SEDE DI CREMA), INFORMATICA MUSICALE, INFORMATICA PER LA COMUNICAZIONE

Dettagli

IN COLLABORAZIONE CON UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA E FEDERAZIONE NAZIONALE COLLEGI PROFESSIONALI TECNICI SANITARI DI RADIOLOGIA MEDICA

IN COLLABORAZIONE CON UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA E FEDERAZIONE NAZIONALE COLLEGI PROFESSIONALI TECNICI SANITARI DI RADIOLOGIA MEDICA BANDO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI 1 LIVELLO TECNICHE E GESTIONE DI RISONANZA MAGNETICA (TSRM con esperienza avanzata in Risonanza Magnetica) 1^ Edizione Anno Accademico 2015/2016 IN COLLABORAZIONE CON

Dettagli

Università degli Studi di Siena MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ETICA DEGLI AFFARI E DELLA RESPONSABILITA SOCIALE A.A.

Università degli Studi di Siena MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ETICA DEGLI AFFARI E DELLA RESPONSABILITA SOCIALE A.A. Università degli Studi di Siena MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ETICA DEGLI AFFARI E DELLA RESPONSABILITA SOCIALE A.A. 2008/2009 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena istituisce,

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2015 2016

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2015 2016 MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2015 2016 CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO Design Graphic Design Applicazioni Digitali per le Arti Visive Progettazione Multimediale OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

Procedure selettive per l ammissione ai corsi di laurea della facoltà di design e arti dell Università IUAV di Venezia per l anno accademico 2011/2012

Procedure selettive per l ammissione ai corsi di laurea della facoltà di design e arti dell Università IUAV di Venezia per l anno accademico 2011/2012 Procedure selettive per l ammissione ai corsi di laurea della facoltà di design e arti dell Università IUAV di Venezia per l anno accademico 2011/2012 ADSS/MC Repertorio n. Prot. n. del Anno 2011 Tit.

Dettagli

TITOLO I Disposizioni Generali. Articolo 1 Oggetto e finalità

TITOLO I Disposizioni Generali. Articolo 1 Oggetto e finalità REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI ASSEGNI PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI RICERCA, AI SENSI DELL ARTICOLO 22 DELLA LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. 240 (emanato con Decreto Rettorale del 29 marzo 2011, numero

Dettagli

3.2 Titoli di studio necessari Per l ammissione al Master è indispensabile il possesso di una laurea di 1 livello.

3.2 Titoli di studio necessari Per l ammissione al Master è indispensabile il possesso di una laurea di 1 livello. BANDO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI 1 LIVELLO TECNICHE E GESTIONE DI SENOLOGIA - Masen (TSRM con esperienza avanzata in Senologia) 1^ Edizione Anno Accademico 2015/2016 Articolo 1 Il Master L Università

Dettagli

Bando per l ammissione al Master di II livello

Bando per l ammissione al Master di II livello Area Studenti Anno Accademico 2015-2016 Bando per l ammissione al Master di II livello HOUSING. NUOVI MODI DI ABITARE TRA INNOVAZIONE E TRASFORMAZIONE Dipartimento di ARCHITETTURA Sommario art. 1 Premessa...

Dettagli

Università per Stranieri di Siena I L R E T T O R E

Università per Stranieri di Siena I L R E T T O R E Università per Stranieri di Siena Decreto n.454.12 Prot. 11753 I L R E T T O R E - Viste Leggi sull Istruzione Superiore; - Vista la Legge n. 204 del 17/02/1992; - Visto il D.M. n. 509 del 03/11/1999;

Dettagli

ISTRUTTORE DI SALA E FITNESS MUSICALE I MODULO FITNESS, ALLENAMENTO FUNZIONALE, CROSSFIT 5

ISTRUTTORE DI SALA E FITNESS MUSICALE I MODULO FITNESS, ALLENAMENTO FUNZIONALE, CROSSFIT 5 Prot. n D.R. L UNIVERSITA TELEMATICA SAN RAFFAELE ROMA, in collaborazione con CAMPUS DON BOSCO, presenta la I edizione del Corso di Perfezionamento Universitario in ISTRUTTORE DI SALA E FITNESS MUSICALE

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI BRESCIA SANTAGIULIA A.A. 2013/2014

MANIFESTO DEGLI STUDI ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI BRESCIA SANTAGIULIA A.A. 2013/2014 MANIFESTO DEGLI STUDI ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI BRESCIA SANTAGIULIA A.A. 2013/2014 1 INDICE PREMESSA Art. 1 Premessa e ambito di applicazione TITOLO I: OFFERTA FORMATIVA E IMMATRICOLAZIONI Art. 2 Corsi

Dettagli

Regolamento per il reclutamento dei ricercatori a tempo determinato ai sensi dell articolo 24 della Legge 30/12/2010 N. 240

Regolamento per il reclutamento dei ricercatori a tempo determinato ai sensi dell articolo 24 della Legge 30/12/2010 N. 240 Regolamento per il reclutamento dei ricercatori a tempo determinato ai sensi dell articolo 24 della Legge 30/12/2010 N. 240 Decreto Presidenziale n.6/13 del 18 aprile 2013 Art. 1 Ambito di applicazione

Dettagli

Art. 2. Procedura amministrativa per il riconoscimento delle qualifiche professionali IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE

Art. 2. Procedura amministrativa per il riconoscimento delle qualifiche professionali IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE D.M. 16 aprile 2008 (1). Applicazione di misure compensative ai sensi degli articoli 22, 24 e 25 del decreto legislativo 9 novembre 2007, n. 206, ai fini del riconoscimento delle qualifiche professionali

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO in Economia e Banking per la piccola e media impresa. Bando di ammissione A.A. 2009/2010

MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO in Economia e Banking per la piccola e media impresa. Bando di ammissione A.A. 2009/2010 MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO in Economia e Banking per la piccola e media impresa Bando di ammissione A.A. 2009/2010 Art. 1 1. L Università degli Studi di Cassino istituisce, per l a.a. 2009/2010,

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Parthenope

Università degli Studi di Napoli Parthenope Università degli Studi di Napoli Parthenope Pos. A.G Decreto n. 453 IL RETTORE Visto il D.M. 270/04; Visto il Regolamento dei corsi di perfezionamento, di aggiornamento professionale e di formazione permanente

Dettagli

Il sistema di crediti utilizzato prevede, per ciascun anno di corso, l assegnazione di 60 crediti. ART. 2 REQUISITI DI AMMISSIONE

Il sistema di crediti utilizzato prevede, per ciascun anno di corso, l assegnazione di 60 crediti. ART. 2 REQUISITI DI AMMISSIONE N _2186_ Concorso pubblico, per titoli e colloquio, per l ammissione al corso di Dottorato di Ricerca Internazionale Franco-Italiano in Politiche Penali Europee IL RETTORE - VISTO l art. 7 del D.M. del

Dettagli

Immatricolazioni e iscrizioni

Immatricolazioni e iscrizioni Le notizie che leggerai di seguito sono contenute nel documento Regolamento della carriera degli studenti e nel Manifesto degli studi UNICAM 2015 Come e quando ti puoi immatricolare? Di norma ti puoi immatricolare

Dettagli

D.R.n. 1197 IL RETTORE

D.R.n. 1197 IL RETTORE U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I G E N O V A DIPARTIMENTO FORMAZIONE POST LAUREAM SERVIZIO ALTA FORMAZIONE SETTORE II D.R.n. 1197 IL RETTORE - Visto l art. 31 dello Statuto dell Università

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E L ESERCIZIO DELLE PROFESSIONI TURISTICHE E DI DIRETTORE TECNICO DI AGENZIA DI VIAGGIO E TURISMO

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E L ESERCIZIO DELLE PROFESSIONI TURISTICHE E DI DIRETTORE TECNICO DI AGENZIA DI VIAGGIO E TURISMO Allegato n. 1 alla delibera di consiglio n. 68 del 28.06.2010 Prop. consiglio n. 225 REGOLAMENTO PER L ACCESSO E L ESERCIZIO DELLE PROFESSIONI TURISTICHE E DI DIRETTORE TECNICO DI AGENZIA DI VIAGGIO E

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE. Direzione didattica: Antonio Turturiello

BANDO DI SELEZIONE. Direzione didattica: Antonio Turturiello BANDO DI SELEZIONE Direzione didattica: Antonio Turturiello ARTICOLO 1. INDIZIONE CONCORSO E indetto il concorso pubblico per titoli per l ammissione al Master di secondo livello, di durata annuale, in

Dettagli

BANDO. Master Universitario di primo livello. in Management e Funzioni di Coordinamento per le Professioni Sanitarie - MaPS 2 EDIZIONE.

BANDO. Master Universitario di primo livello. in Management e Funzioni di Coordinamento per le Professioni Sanitarie - MaPS 2 EDIZIONE. BANDO Master Universitario di primo livello in Management e Funzioni di Coordinamento per le Professioni Sanitarie - MaPS 2 EDIZIONE Sede di Nuoro Con il patrocinio di: Pag. 1 di 11 1. Il Master L Università

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI STUDI LINGUISTICI E CULTURALI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI STUDI LINGUISTICI E CULTURALI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI STUDI LINGUISTICI E CULTURALI Modena, 19.06.2014 Prot. N 196 Pos. N 10 BANDO Inglese per docenti CLIL/B1-B2 DIDATTICA (Avviso al pubblico)

Dettagli

Via Coazze n.18 10138 Torino Tel. n. 011 4404311 Fax n. 4477070 Ufficio Diplomi ed Equipollenze

Via Coazze n.18 10138 Torino Tel. n. 011 4404311 Fax n. 4477070 Ufficio Diplomi ed Equipollenze Via Coazze n.18 10138 Torino Tel. n. 011 4404311 Fax n. 4477070 Ufficio Diplomi ed Equipollenze NOTIZIE UTILI PER IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO CONSEGUITI ALL ESTERO E RELATIVA EQUIPOLLENZA. I

Dettagli

Università di Modena e Reggio Emilia

Università di Modena e Reggio Emilia Università di Modena e Reggio Emilia BANDO DI AMMISSIONE AL MASTER UNIVERSITARIO SERALE DI I LIVELLO IN AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO DI GESTIONE anno accademico 2003-2004 Indicazioni generali L

Dettagli

Area Affari Istituzionali, Internazionali e Formazione Divisione Formazione Universitaria e Formazione Permanente

Area Affari Istituzionali, Internazionali e Formazione Divisione Formazione Universitaria e Formazione Permanente Bando per l individuazione del personale docente in servizio nelle Istituzioni scolastiche secondarie, da utilizzare in regime di tempo parziale, per lo svolgimento dei compiti tutoriali nei corsi di Tirocinio

Dettagli

Area Affari Istituzionali, Internazionali e Formazione Divisione Formazione Universitaria e Formazione Permanente

Area Affari Istituzionali, Internazionali e Formazione Divisione Formazione Universitaria e Formazione Permanente IL RETTORE - visto l art. 6 della legge 19 novembre 1990, n. 341; - visto l art. 1, comma 15, della legge 14 gennaio 1999, n. 4; - visto il D.M. 22 ottobre 2004, n. 270, con il quale è stato approvato

Dettagli

Università degli Studi di Siena

Università degli Studi di Siena Università degli Studi di Siena CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN ADEMPIMENTI AGROALIMENTARI, SICUREZZA ALIMENTARE, ETICHETTATURA E TRACCIABILITÀ, MARCHI DI QUALITÀ, CERTIFICAZIONI VOLONTARIE PER

Dettagli

Regolamenti ISIA Firenze

Regolamenti ISIA Firenze Regolamenti ISIA Firenze Regolamento di transizione dei corsi accademici di secondo livello di indirizzo specialistico Il Consiglio Accademico dell ISIA di Firenze VISTA la legge 21 dicembre 1999, n. 508,

Dettagli

Bando di concorso per l ammissione al Master universitario di I livello in Giornalismo Biennio Accademico 2011-2013

Bando di concorso per l ammissione al Master universitario di I livello in Giornalismo Biennio Accademico 2011-2013 Libera Università Maria Ss. Assunta Bando di concorso per l ammissione al Master universitario di I livello in Giornalismo Biennio Accademico 2011-2013 IL RETTORE - visto lo Statuto della Libera Università

Dettagli

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA. Scuola di specializzazione per le professioni legali. Regolamento

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA. Scuola di specializzazione per le professioni legali. Regolamento FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA Scuola di specializzazione per le professioni legali Regolamento Art. 1 Istituzione e finalità della Scuola 1. E istituita presso la Facoltà di Giurisprudenza dell Università

Dettagli

Cittadini stranieri e riconoscimento dei titoli di studio e professionali: che fare?

Cittadini stranieri e riconoscimento dei titoli di studio e professionali: che fare? Cittadini stranieri e riconoscimento dei titoli di studio e professionali: che fare? Documentazione e Glossario - 1 - Livello internazionale: I diversi livelli normativi: internazionale, europeo, italiano

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA DIPARTIMENTO DI ARTE COREUTICA Indice TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI SULL ORGANIZZAZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI STUDIO CAPO I - Generalità,

Dettagli

Il Rettore DECRETA. Art.1 Numero dei partecipanti

Il Rettore DECRETA. Art.1 Numero dei partecipanti Università degli Studi di Perugia Il Rettore Oggetto: D.R. n. 2627 Bando Master I livello in Progettazione, coordinamento e valutazione di interventi integrati di promozione ed educazione alla salute A.A.

Dettagli

Rep. A.U.A. n. 19-2015

Rep. A.U.A. n. 19-2015 Prot n. 1107-I/7 Foggia, 20.01.2015 Rep. A.U.A. n. 19-2015 Area Didattica, Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile dott. Tommaso

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI ROMA

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI ROMA ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI ROMA Via Ripetta n.222-0018 ROMA Tel. 0/3227025 0/322703 Fax. 0/3218007 Roma 17/01/2015 Prot. n. 1024 /D2 D.D. 244 Bando di selezione per l'individuazione del personale docente

Dettagli

Ministero della Sanità Circolare 12/04/2000

Ministero della Sanità Circolare 12/04/2000 Ministero della Sanità Circolare 12/04/2000 OGGETTO: Cittadini stranieri non comunitari. Riconoscimento titoli professionali dell'area sanitaria conseguiti all'estero. Autorizzazione all'esercizio professionale.

Dettagli

EQUIVALENZA TITOLI DPCM 26 luglio 2011 (Gazzetta Ufficiale del 18 agosto 2011)

EQUIVALENZA TITOLI DPCM 26 luglio 2011 (Gazzetta Ufficiale del 18 agosto 2011) FINALITA EQUIVALENZA TITOLI DPCM 26 luglio 2011 (Gazzetta Ufficiale del 18 agosto 2011) Il Decreto di equivalenza, in applicazione a quanto preannunciato dalla Legge n 42/99 art 4 comma 2, riconosce ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Settore per gli studenti con titolo straniero

Settore per gli studenti con titolo straniero Settore per gli studenti con titolo straniero a.a. 2014/2015 1 Settore per gli studenti con titolo straniero Possono rivolgersi a noi: I cittadini forniti di titolo straniero Adempimenti dei cittadini

Dettagli