ISTITUTO COMPRENSIVO DI BELGIOIOSO SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I^ GRADO A.S.2011/2012. al mondo INDICE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO COMPRENSIVO DI BELGIOIOSO SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I^ GRADO A.S.2011/2012. colleg@ti al mondo INDICE"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO DI BELGIOIOSO SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I^ GRADO A.S.2011/2012 al mondo INDICE

2 Premessa 1.L Istituto Comprensivo e il territorio 1.1 Il contesto 1.2 Le risorse 2. La mission 3. Le finalità 4.La progettazione e le pratiche didattiche 5.La Programmazione educativa 6. Il curricolo 7. La valutazione 8. Orario delle attività didattiche 9. Rapporti con le famiglie 10. Visite guidate e viaggi di istruzione 11. Progetti 12. Organigramma 2

3 PREMESSA Dall art.3 del Regolamento in materia di autonomia delle istituzioni scolastiche D.P.R. 275/99: Il Piano dell Offerta Formativa è il documento fondamentale costitutivo dell'identità culturale e progettuale delle istituzioni scolastiche ed esplicita la progettazione curricolare, extracurricolare, educativa ed organizzativa che le singole scuole adottano nell'ambito della loro autonomia Non è la somma di diversi progetti eterogenei, bensì il tentativo di individuare il filo conduttore del percorso educativo con finalità di orientamento e di cittadinanza attiva mediante un offerta formativa continua e strategica. Il documento, elaborato e condiviso collegialmente dagli insegnanti delle scuole dell Istituto Comprensivo nell ambito della loro autonomia culturale e progettuale, è adottato dal Consiglio di Istituto. Per la stesura del Pof si fa riferimento a: *criteri stabiliti dal consiglio di Istituto * Dlgs. n. 275 del 1999, Regolamento sull autonomia delle Istituzioni scolastiche * CM n 28/07 e ulteriori precisazioni * DM 31/7/2007 e relativi documenti allegati * Direttiva 68 del 3/8/2007 * Direttiva 113/2007 * L. 169/2008 *DPR n 122/2009 ( regolamento sulla valutazione) Costituiscono parte integrante del pof: a) la Programmazione educativa b) la programmazione curricolare didattica, che si svolge attraverso Unità di Apprendimento (UDA) e Unità Disciplinari (UD) c) i progetti d) i criteri di verifica, misurazione e valutazione degli apprendimenti 1- L ISTITUTO COMPRENSIVO E IL TERRITORIO 1.1 IL CONTESTO L Istituto Comprensivo di Belgioioso aggrega le Scuole Statali dell Infanzia e le scuole del Primo Ciclo di Istruzione (primaria e secondaria di primo grado) nei seguenti Comuni: ALBUZZANO SCUOLA DELL INFANZIA Alunni:84, SCUOLA PRIMARIA Alunni:136 BELGIOIOSO SCUOLA DELL INFANZIA Alunni:109 Spazi: aule mensa palestra SCUOLA PRIMARIA Alunni:330 SCUOLA SECONDARIA DI I^GRADO Alunni: 278 3

4 LINAROLO SCUOLA DELL INFANZIA Alunni:49 Spazi:100 SCUOLA PRIMARIA Alunni:100 SCUOLA SECONDARIA DI I^GRADO Alunni:72 VALLESALIMBENE SCUOLA DELL INFANZIA Alunni:47 Spazi: aule mensa palestra SCUOLA PRIMARIA Alunni:11 S.ZENONE SCUOLA DELL INFANZIA Alunni:29 Spazi: SCUOLA PRIMARIA Alunni:24 I plessi scolastici sono ubicati in paesi distribuiti su un ampio territorio. Il settore agricolo, anche se ben sviluppato, assorbe poca manodopera; la popolazione è prevalentemente occupata nella piccola e media industria e nel settore terziario. Elevato è il numero dei pendolari impiegati a Pavia e a Milano. Nella maggior parte dei casi l utenza beneficia di condizioni economiche dignitose, non sono presenti gravi situazioni di deprivazione materiale, ad eccezione di alcuni casi che fanno capo a situazioni di nomadismo o di recente immigrazione. Un attenta ricognizione della realtà scolastica dell Istituto evidenzia tuttavia crescenti segnali di disagio, che si manifestano sotto diverse forme di difficoltà di apprendimento e di integrazione. Gli alunni stranieri nelle scuole dell IC rappresentano circa il 20% della popolazione scolastica: si tratta perlopiù di romeni, cinesi, nordafricani e latini. Le scuole di ogni ordine e grado di Belgioioso accolgono inoltre alunni affidati alla Casa dell Accoglienza LE RISORSE Nel territorio, soprattutto a Belgioioso, sono presenti società sportive, associazioni, biblioteche comunali e spazi messi a disposizione dalle parrocchie (oratori), che offrono buone opportunità di integrazione con la scuola. Costituiscono altresì risorse del territorio, significative ai fini della rielaborazione e dell integrazione nel piano dell offerta formativa della scuola: - l insieme di proposte inerenti la valorizzazione della realtà ambientale formulate dai comuni afferenti le scuole dell IC - la collaborazione realizzata attraverso il Piano di zona inerente l educazione alla legalità e l integrazione degli alunni stranieri - la collaborazione, con associazioni ed Enti, finalizzata ad introdurre condizioni di eccellenza nelle scuole del territorio 4

5 - il contributo (volontario) delle famiglie per la realizzazione di progetti finalizzati al miglioramento e all arricchimento dell offerta formativa. - il partenariato con il CSF di Pavia e l ASL per la realizzazione di progetti di prevenzione della dispersione scolastica (orientamento, sportello di ascolto per studenti, docenti, genitori) e attività di supporto a minori con difficoltà. 2- LA MISSION DELLA SCUOLA garantire il successo formativo per tutti gli alunni favorendo l acquisizione delle competenze chiave favorire l integrazione delle diversità rispettare la molteplicità delle intelligenze valorizzando le eccellenze favorire il benessere inteso come orientamento consapevole verso un proprio progetto di vita formare gli alunni alla cittadinanza responsabile nel quadro delle competenze sociali e civiche raccomandate dall UE al fine di potenziare la consapevolezza di essere cittadini del mondo promuovere il senso di appartenenza e l aiuto alle persone in difficoltà In particolare l IC di Belgioioso si propone di : - Finalizzare tutte le risorse disponibili (finanziarie e umane) ad attività di recupero/potenziamento in modo da ridurre di anno in anno le situazioni di insuccesso (bocciature) e valorizzare le eccellenze -attuare pratiche didattiche innovative; - incoraggiare e sostenere l innovazione educativa orientata alla promozione della salute, in particolare: a) incrementare comportamenti corretti e rispettosi delle norme sociali e civiche a scuola e nell extrascuola b) ridurre sensibilmente fenomeni di bullismo e cyberbullismo c) favorire l ascolto e l accoglienza - operare in continuità verticale (scuola dell infanzia, primaria, secondaria) - ampliare la dimensione del confronto e della condivisione di progetti e attività all ambito dell UE 3. LE FINALITA DELL ISTITUTO Il piano dell offerta formativa del nostro istituto si propone di migliorare l apprendimento attraverso l orientamento alla cittadinanza attiva e l innovazione metodologica con la collaborazione dell intera comunità educante. L elaborazione del piano dell offerta formativa parte da un attività di autoanalisi che attiva processi di miglioramento continuo. finalità prioritaria e la formazione della persona negli aspetti di identità-autonomia e competenza Puntando l attenzione sulle esigenze degli alunni che presentano stili di apprendimento sempre meno lineari ed organici, la scuola non può prescindere dalla riflessione sulle strategie didattiche per rendere più efficace l insegnamento, adeguandolo alle nuove esigenze culturali e ai nuovi strumenti tecnologici, di conseguenza la scuola assume la metodologia della ricerca azione per fornire ai ragazzi gli strumenti indispensabili alla conoscenza ed interpretazione della realtà e diventare futuri cittadini attivi e responsabili. 4. LA PROGETTAZIONE E LE PRATICHE DIDATTICHE Il Pof è coerente con gli obiettivi generali ed educativi dei diversi ordini di scuola determinati a livello nazionale. Il tema della Costituzione è l elemento centrale delle linee guida poiché rispondente alle richieste del territorio inserite in un contesto nazionale ed europeo. La legalità e l orientamento sono quindi la piattaforma indispensabile ed attuale per lo sviluppo dei percorsi educativi della scuola. In coerenza con i valori della Costituzione italiana la scuola promuove la conoscenza: -della convenzione internazionale sui diritti dell infanzia (Assemblea generale delle Nazioni Unite, 1989), 5

6 - della dichiarazione Universale dei diritti dell Uomo (Assemblea generale delle nazioni Unite,1948), - della carta dei diritti fondamentali dell Unione Europea (Nizza 2000). Le scelte progettuali e metodologiche mirano a: - fornire a tutti uguale opportunità di apprendimento e di successo scolastico, attraverso la pianificazione di processi e progetti che prevedano una molteplicità di esperienze sistematiche; - elevare gli standard di apprendimento nel perseguire l eccellenza; - riflettere sui risultati prodotti dalle prove INVALSI, sia a livello nazionale che di istituto, al fine di una più coerente valutazione ed autovalutazione; - trasmettere in modo sempre più coerente e consapevole il rispetto delle regole e del vivere comune; - ridurre sensibilmente il rischio di insuccesso scolastico; - contrastare e prevenire i fenomeni di bullismo, favorendo le abilità sociali; - utilizzare approcci metodologici attivi che sviluppino competenze alla vita. L offerta formativa è qualificata ed arricchita da pratiche didattiche diversificate per ordine di scuola. A tal fine si avvale di: LIM - Lavagne Interattive Multimediali E lo strumento che favorisce l integrazione delle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione nei processi di apprendimento in classe. Questo strumento permette a docenti e studenti una partecipazione interattiva alle attività didattiche ed al processo di insegnamento e apprendimento. METODO CLIL (http://www.progettolingue.net/aliclil/?page_id=6) Content and Language Integrated Learning (CLIL) o apprendimento integrato di lingua e contenuto, è un metodo innovativo che ha come obiettivo la costruzione della competenza linguistica e comunicativa contestualmente allo sviluppo e all acquisizione di conoscenze e abilità disciplinari. Non è solo apprendimento di una lingua o di una materia, bensì una fusione di entrambe. L'approccio CLIL si pone come obiettivo l attenzione sia alla disciplina sia alla lingua straniera veicolare. L approccio metodologico CLIL, adeguato ai campi di esperienza, viene attivato a partire dalla scuola dell infanzia. INFORMATICA L impiego degli strumenti multimediali, oltre che essere estremamente motivante, consente di disporre di ulteriori risorse per la formazione in modo da valorizzare, le diverse forme di intelligenza. L istituto è sede di test center ed offre la possibilità di accedere ai diversi moduli della patente ECDL E-TWINNING (http://etwinning.indire.it/) L istituto partecipa al progetto dell Unione Europea e-twining attraverso un gemellaggio che si avvale delle tecnologie della comunicazione e dell informazione per la condivisione di progetti e materiali didattici. L obiettivo è quello di avvicinare alunni ed insegnanti alla dimensione europea contribuendo alla formazione di un identità comune con un metodo di scambio e collaborazione, poiché è con l arricchimento culturale e linguistico che si può rafforzare la consapevolezza di un Europa unita, multilinguistica e multiculturale. PERCORSI DI CONSAPEVOLEZZA per favorire il benessere di : 6

7 studenti, docenti, personale ATA, famiglie: -attività di accoglienza per alunni disabili e stranieri ( ogni scuola attua i protocolli d accoglienza elaborati ed approvati dal Collegio Docenti) -sportelli di ascolto con psicologi per docenti, studenti, genitori (il progetto è realizzato con la collaborazione di esperti del CSF di Pavia) -attività di monitoraggio e ricerca per alunni con DSA (l obiettivo è di riconoscere gli indicatori relativi ai DSA ed utilizzare gli strumenti compensativi per migliorare l apprendimento) -attività di Orientamento (autovalutazione e orientamento in uscita) 5. LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA (vedi allegato) La Programmazione Educativa d Istituto esplicita i principi fondamentali ispiratori dell azione educativa: è il documento di riferimento per l elaborazione del piano d intervento a medio e lungo termine 6. IL CURRICOLO (http://icbelgioioso.altervista.org/pof/pof.htm) è la sintesi delle condizioni pedagogiche, organizzative e didattiche che consentono di realizzare efficaci forme di insegnamento, nel rispetto degli obiettivi stabiliti dal quadro di riferimento nazionale. (MPI 2007) Il collegio dei docenti quindi si impegna ad elaborare un curricolo in cui si fondano insieme le scelte della scuola e le indicazioni nazionali. L elaborazione di curricoli verticali nasce da due principali esigenze: - avere una visione olistica dei contenuti - proporre le discipline non fini a se stesse ma come strumento di quella avventura della conoscenza, che è un dialogo con l universo (E. Morin) Il curricolo, elaborato ed approvato dal collegio docenti, contiene: - curricolo di Cittadinanza e Costituzione dei tre ordini di scuola( infanzia, primaria e secondaria in ottica verticale) - curricolo di Orientamento verticale -obiettivi trasversali delle discipline elaborati nell ottica dei quadri di riferimento delle prove INVALSI e della certificazione delle competenze intermedia e di fine ciclo. 7. LA VALUTAZIONE (in Curricolo, ) La valutazione è parte integrante della progettazione ed ha prioritariamente valore formativo. Accompagna i processi di insegnamento/apprendimento e consente l adeguamento della progettazione. Si articola su più livelli: a) valutazione degli alunni, b) valutazione dei progetti, c) la valutazione della classe, d) valutazione dell Istituto e del Pof a) la valutazione degli alunni è rivolta: ai processi compiuti nell area cognitiva alla valorizzazione delle potenzialità di ognuno alla promozione delle capacità cognitive, affettive e relazionali dell alunno per orientarlo alla vita futura a rendere l alunno consapevole delle proprie capacità al processo di maturazione della personalità nel comportamento, nella partecipazione, nel senso di responsabilità e nell impegno. Per la valutazione del comportamento ogni ordine di scuola ha individuato criteri ed indicatori. Studenti e famiglie sono vengono informati degli strumenti di cui è dotata la scuola (regolamento d istituto) per condividere e raggiungere il comune obiettivo riguardante lo sviluppo di una cittadinanza consapevole e solidale. b) per l analisi dell efficacia dei progetti ogni docente referente compila il modulo finale richiedente: 7

8 - la diagnosi per individuare eventuali errori di impostazione -la prognosi per prevedere opportunità e possibilità di miglioramento -la coerenza tra il dichiarato e l agito c) i questionari INVALSI testano e livello nazionale l apprendimento degli alunni(per le classi 2^ e 5^ della primaria-1^ secondaria) in italiano e matematica. E offerta la possibilità di una comparazione con i dati provinciali, regionali e nazionali. E prevista una prova INVALSI anche durante l esame di Stato della classe terza della secondaria. d)per evitare una valutazione autoreferenziale la scuola ha aderito al progetto VSQ IL VSQ cos è? Il progetto Valutazione per lo sviluppo della Qualità delle scuole promosso dal MIUR (DM 29 marzo 2011) ha durata triennale e persegue i seguenti scopi: - individuare i punti forza e le criticità del sistema scolastico - riconoscere le eccellenze - individuare le azioni di sostegno e di miglioramento in linea con le migliori esperienze europee ed internazionali 7.1. COMPETENZE DEGLI ALUNNI AL TERMINE DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE Il collegio docenti ha adottato per le classi conclusive della scuola primaria e della secondaria (quinta e terza media), un modello di certificazione delle competenze in linea con le indicazioni dell Unione europea e rappresentativo delle otto competenze chiave di cittadinanza. La certificazione delle competenze consente ai docenti di certificare in modo analitico, i traguardi delle competenze e del livello globale di maturazione raggiunto. Contemporaneamente offre agli studenti la possibilità concreta di conoscere la propria posizione rispetto ai livelli di apprendimento. 8. ORARIO DELLE ATTIVITA DIDATTICHE In tutte le scuole dell IC l orario settimanale è articolato su cinque giorni lavorativi. Le Scuole dell Infanzia di Albuzzano, Belgioioso, Linarolo e Valle Salimbene funzionano dalle 8,30 alle 16,30, mentre San Zenone Po dalle 8,15 alle 16,15. Tutti i plessi coprono un orario complessivo di otto ore giornaliere dal lunedì al venerdì; dove sorge la necessità i diversi Comuni offrono un servizio di pre e post-scuola. Nelle Scuole Primarie (Albuzzano, Belgioioso, Linarolo, San Zenone, Valle Salimbene) l articolazione oraria settimanale del tempo scuola di 27/30 ore settimanali è sviluppata su cinque giorni con due/tre rientri pomeridiani obbligatori (lunedì e giovedì; lunedì, mercoledì e giovedì). Nei plessi di Albuzzano e Belgioioso funzionano classi a 40 ore settimanali. Nelle Scuole Secondarie di Primo Grado (Belgioioso, Linarolo), l articolazione oraria settimanale di 30 ore è suddivisa in spazi orari di 55 minuti e prevede il seguente orario giornaliero: - da lunedì a venerdì ore , 30 - a completamento dell orario sono stabiliti 4 rientri il sabato mattina, da settembre a dicembre Sono previsti rientri facoltativi per attività sportive, corsi ECDL, potenziamento della lingua inglese (Trinity), attività di recupero/approfondimento. 8

9 9. RAPPORTI CON LE FAMIGLIE La scuola e la famiglia, entrambe coinvolte nel processo educativo e formativo dell alunno, comunicano e collaborano con modalità e scadenze concordate, secondo quanto previsto dagli Organi Collegiali della Scuola nell ambito della normativa vigente, al fine di favorire il processo di sviluppo e di maturazione dell alunno. Nel corso dell anno scolastico, i rapporti con le famiglie nelle scuole dell IC sono articolati in: *colloqui di prima accoglienza e di presentazione delle attività; * assemblea di presentazione del Pof e dei progetti della scuola; * incontri per consigli di intersezione/interclasse/classe; * colloqui individuali periodici sull andamento educativo e didattico; *coinvolgimento delle famiglie al momento dell ingresso nella Scuola dell Infanzia, primaria e secondaria e nell attuazione del progetto di orientamento nella scuola secondaria. * riunioni periodiche con i genitori rappresentanti di classe Al fine di creare ulteriori momenti di integrazione, la scuola coinvolge le famiglie, gli Enti e le associazioni del territorio in attività e progetti attuati in particolari momenti dell anno, quali feste, laboratori, esposizione di lavori a conclusione di un percorso formativo di cui gli alunni sono stati protagonisti. 10. VISITE GUIDATE E VIAGGI DI ISTRUZIONE Allo scopo di integrare e completare progetti e UDA, in ogni ordine di scuola vengono organizzati visite guidate, uscite didattiche e, per le classi terze della Scuola Secondaria di Primo Grado, viaggi di istruzione di più giorni. La scelta delle mete si pone i seguenti obiettivi: *Conoscenza di ambienti di lavoro; *Conoscenza di luoghi ed ambienti di rilevanza storica, artistica e naturale; *Conoscenza del territorio circostante. 11.PROGETTI Con riferimento agli obiettivi individuati nei documenti orientativi, alle finalità e agli obiettivi generali del processo formativo, il Collegio dei Docenti ha identificato alcune aree progettuali da sviluppare, quale arricchimento dell offerta, in ragione delle risorse presenti nella scuola, nel territorio e dei bisogni rilevati. Molti progetti si avvalgono di collaborazioni esterne con Associazioni o Enti territoriali (Comuni, Provincia, ASL, Università, Lions club dei Longobardi.), altri si avvalgono di collaborazioni con esperti esterni, altri ancora di sinergie con organi dell amministrazione scolastica (MPI, USR, Invalsi, USP). Alcuni progetti sono condivisi da reti di scuole. Le finalità dei progetti inglobano e trascendono quelle delle singole aree progettuali infatti le nuove tecnologie informatiche rappresentano il filo conduttore presente in ogni ordine di scuola Lo sviluppo dei singoli progetti è riportato sulle schede Sintesi progetto/attività elaborata da ogni docente referente Le macro aree progettuali 1)AREA DELL INTEGRAZIONE -integrazione disabili -Integrazione alunni stranieri -protocolli di accoglienza -italiano L2 -progetto Cibo, identità, cultura -integrazione a livello europeo:e-twinning 9

10 2)AREA UOMO E TERRITORIO -progetto Rete lombarda di promozione alla salute - progetto Cibo, identità, cultura - educazione stradale - rapporti con biblioteche e progetto lettura - tema della sostenibilità 3) AREA VALUTAZIONE POTENZIAMENTO/RECUPERO -monitoraggio recupero e potenziamento -analisi prove INVALSI -monitoraggio delle competenze intermedie rispetto ai modelli finali -collaborazione CSF per interventi di recupero 4)AREA CONTINUITA E CURRICOLO -Raccordo tra ordini di scuola -Elaborazione curricolo verticale 5)AREA ORIENTAMENTO E CITTADINANZA -Progetto di educazione alla cittadinanza -progetto orientamento -sportello d ascolto -prevenzione bullismo e atti di vandalismo 6)AREA LINGUAGGI - collaborazione con esperti: a) di musica b)di attività motoria (progetto di Alfabetizzazione motoria MIUR/CONI) c) di psicomotricità (infanzia/prime classi primaria) - potenziamento inglese L2 a) moduli CLIL b)lettorato madrelingua (secondaria) c) Progetto TRinity (secondaria) - attività di sviluppo abilità espressive/comunicative - sviluppo della capacità di ascolto e delle competenze linguistiche e comunicative 7)AREA RICERCA/AZIONE -progetto salute sicurezza -progetto ICF -produzione materiali multimediali e valutazione competenze informatiche - produzione percorsi didattici brevi (pdb) disciplinari e interdisciplinari - percorsi didattici educativi secondo la valutazione AVSI nelle scuole dell infnazia 8)AREA INFORMATICA - informatica - LIM - ECDL 10

11 12. ORGANIGRAMMA ISTITUTO COMPRENSIVO DI BELGIOIOSO ANNO SCOLSTICO 2011/2012 DIRIGENTE SCOLASTICO: DOCENTI COLLABORATORI: dott.ssa Loredana Lanati Luisella Brunelli M.Grazia Casagrande DOCENTI FUNZIONI STRUMENTALI: Centi Pizzutilli Arianna/ Marozzi Giuseppina: POF e curricolo Rotta Gentile Elisabetta/, Maga Claudia: inclusione stranieri e disabili Ottolenghi Silvia: Orientamento e Cittadinanza/ Scuole che promuovono salute (condiviso con le altre FS) Verri Milena/ Pennati Giuseppe: Invalsi, VSQ, continuità: Calegari Katia (con Pennati): multimedialità e TIC COMITATO DI VALUTAZIONE: Membri effettivi: Brunelli Luisella, Rotta Gentile Elisabetta, Betta Fausta, Finardi Giuseppina. Membri supplenti: Bassi Patrizia, Verri Milena. COLLABORATORI DI PLESSO: PLESSI INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA Albuzzano Malinverni Florenzio Belgioioso Tornielli Bertorelli Brunelli Linarolo Vanetta Penna Ottolenghi S.Zenone Betta Bollani ValleSalimbene Sandulli Orsolini SUPPORTO ORGANIZZATIVO E DIDATTICO RESPONSABILI DI PROGETTI D ISTITUTO: Baroni: educazione Motoria/psicomotoria Brengola: educazione alla Salute: Giri,Brambilla, Burelli, Crosia: CLIL Casagrande: Sportello di ascolto: Calegari Katia: e-twinning: Centi Pizzutilli Arianna monitoraggio attività di recupero/potenziamento Fossati Chiara: tutti i progetti di scuola dell infanzia secondaria REFERENTI UDA SCUOLA PRIMARIA E DISCIPLINE: PRIMARIA SECONDARIA Fascia I^ Greggio coordinatori e docenti di materia Fascia II^ Montagna Fascia III^ Marchetti Fascia IV^ Tripodi Fascia V^ Lodigiani RESPONSABILI LABORATORI: PLESSI PRIMARIA SECONDARIA Albuzzano Florenzio Belgioioso Rotta Pennati/Delle Donne Linarolo Caruso 11

12 S.Zenone ValleSalimbene Calegari Orsolini REFERENTI BIBLIOTECA: PLESSI PRIMARIA SECONDARIA BIBLIOTECA MAGISTRALE Belgioioso Masnata Burelli/Finardi Fossati Chiara REFERENTI MENSA: PLESSI INFANZIA PRIMARIA Albuzzano Malinverni Manno Belgioioso Stilo/Marozzi Baroni/Bertorelli Linarolo Boldizzoni Penna S.Zenone Locati Bollani ValleSalimbene Borra Beretta RAPPRESENTANTI DEI SINDACATI RSU: Bertorelli, Brunelli, Tinfena ROS:Tornielli ORGANI COLLEGIALI COLLEGIO DOCENTI: presidente: dott.ssa Loredana Lanati CONSIGLIO D ISTITUTO: presidente sig. Claudio Rognoni GIUNTA ESECUTIVA: presidente: dott.ssa Loredana Lanati ORGANI CHE FORMULANO PROPOSTE AL COLLEGIO DOCENTI E ALCONSIGLIO D ISTITUTO Consigli d intersezione infanzia Consigli d interclasse primaria Consigli di classe secondaria SERVIZI AMMINISTRATIVI Mandrini Luisa: DSGA Direttore Servizi Generali e Amministrativi Coordinamento/ gestione dei servizi amministrativi e del personale Ata, sulla base delle direttive ricevute dal DS. Gestione Bilancio. Trua Giuseppe: Alunni: iscrizioni alunni scuola infanzia e primaria, organico, pratiche giuridiche, libri di testo, assicurazione e infortuni, pratiche sportive, pratiche H, statistiche, esami di licenza, diplomi Progetto Qualità, tenuta del sito web dell IC di Belgioioso. Protocollo e posta elettronica Trua Cristina: Alunni: iscrizioni alunni scuola media, registrazioni, pratiche giuridiche,libri di testo, assicurazione e infortuni, pratiche sportive, pratiche H, statistiche, progetto Trinity esami di licenza media diplomi circolari interne, mensa. Protocollo, posta elettronica 12

13 : Gestione personale Ata- Collaboratori Scolastici-(permessi, assenze, sostituzioni, convocazioni, comunicazioni) Rapporti con enti esterni (Comuni) Viaggi d Istruzione Organi Collegiali (elezioni-convocazioni)posta elettronica Protocollo Archivio : Gestione personale Ata- Collaboratori Scolastici-(permessi, assenze, sostituzioni, convocazioni, comunicazioni) Rapporti con enti esterni (Comuni) Organi Collegiali (elezioni-convocazioni) Posta elettronica Protocollo Archivio Ruggiero Lella: Paderni Daniela: Mariani Lorenza: Retribuzioni fisse ed accessorie personale docente-ata-f.i.s..-ore ecc. funzioni miste-ferie non godute- -Cud-TFRdichiarazioni Irap- 770 Contratti con esperti esterni dei progetti Graduatorie e Nomine supplenti scuola primarie e infanzia Ricostruzioni di carriera Anagrafe delle prestazioni Protocollo-posta elettronica Personale docente media: gestione assenze, congedi, pratiche giuridiche, graduatorie Certificati- Invalsi Protocollo-posta elettronica Graduatorie e Nomine Scuola Media-sostituzioni Ordini di materiale e collaborazione con D.S.G.A Tenuta del sito Web dell I.C. di Belgioioso Personale docente scuola infanzia e primaria: gestione assenze, congedi, pratiche giuridiche, graduatorie Certificati.Organici Gestione Sidi Posta elettronica-protocollo Assemblee-scioperi-r.s.u VIGILANZA NEI PLESSI E CURA DEGLI SPAZI Belgioioso secondaria e uffici: Agostino Maria, Franco Maria, Lamonica Fernando, LO Balbo Luigi, Macis Giuliana, Bagnasco Gabriella (18 ore) Belgioioso primaria: Pagani Rita, Gariani Giuliana Belgioioso Infanzia: Zingrini Patrizia, Lo Balbo Maria Albuzzano primaria: Perversi Lorena Albuzzano infanzia: Mazzolino Teresa Linarolo primaria: Garofalo Marianna Linarolo infanzia: Zorzetto Carla Linarolo secondaria: Dalmiani Laura Valle Salimbene primaria: Ghiadoni Roberto Valle Salimbene infanzia: operatrice Dussmann San Zenone al Po infanzia e primaria: Zapparoli Anna 13

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci

RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci di Sorbolo-Mezzani a.s. 2013-2014 PREMESSA Essere alfabetizzati nella nostra lingua costituisce un buon indicatore,

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo GIORGIO GABER Scuola Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria I grado Via Trieste, 85 55041 Lido di Camaiore (LU) Tel. 0584 67563 Fax 0584 67047 e-mail: luic83200q@istruzione.it

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14 STTUTO COMPRENSVO UGO FOSCOLO SCUOLA SECONDARA D 1 GRADO PANO ANNUALE DELLE ATTVTA' A.S. 2013/14 PROT. N. 5991 /A-19 Vescovato, 19/09/2013 Data Giorno Sedi scolastiche Classi Orario Durata ATTVTA' COLLEGO

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

1 O. NEURATH, Il viaggio

1 O. NEURATH, Il viaggio ...Siamo come dei marinai che debbono ricostruire la loro nave in mare aperto... Essi possono usare il legname della vecchia struttura per modificare lo scheletro e il fasciame dell'imbarcazione, ma non

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 DOMANDA DI ISCRIZIONE Al Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 _l_ sottoscritt in qualità di padre

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali Il sistema educativo italiano 29 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca (MIUR)

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo.

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo. Regolamento G.L.I. Art. 1 Costituzione del G.L.I. (Gruppo di Lavoro per l Inclusione) Ai sensi della Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 (Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della e della Ricerca Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione esterna delle scuole

Dettagli

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Indice (cliccabile) Premessa Terziarizzazione Regole per la definizione degli organici di ciascun profilo o DSGA o Assistenti Tecnici

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012.

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012. Circolare interna n. 25 Ai docenti Al DSGA Alla segreteria alunni Alla segreteria docenti E, p.c. ai collaboratori scolastici Ve Mestre, 15 settembre 2011 Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO 1 INTRODUZIONE Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. Lo schema proposto di seguito è stato sviluppato nell ambito del progetto Miglioramento delle performance

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

RELAZIONE a.s. 2009-10

RELAZIONE a.s. 2009-10 per l'innovazione scolastica e l'handicap "Mario Tortello RELAZIONE a.s. 2009-10 a.s. 2009-10 Ampliamento patrimonio librario Aggiornamento sito Seminario Alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli