PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE"

Transcript

1 Regione Toscana - Provincia di Livorno PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE Scheda n. 54 Data rilievo : 15/03/2005 Foglio n. 1 di 4 ACCESSIBILITA' DEI PERCORSI - STATO ATTUALE: VIA DI NUGOLA NUOVA- LOC. NUGOLA N. STRALCIO PLANIMETRICO - SCALA 1:5000 TIPOLOGIA DEL PERCORSO Percorsi a livello Non protetti Segnaletica orizzontale Cordoli Percorsi sfalsati (marciapiedi) Non raccordati Raccordati con rampe Interrotti da rampe private Attraversamenti pedonali Segnalati Non segnalati Fermata bus B B Senza pensilina Con pensilina Parcheggi Segnalati P Non segnalati Aree destinate a parcheggio SEZIONE TIPO PERCORSO PENDENZA DEI PERCORSI Inferiore al 5% Compresa tra il 5% ed il 12% Superiore al 12% EDIFICI DI INTERESSE COLLETTIVO 1: Chiesa 2: Scuola materna FREQUENZA D'USO DEL PERCORSO Frequenza di utlizzo giornaliera

2 Regione Toscana Provincia di Livorno PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE Scheda n Foglio n. 2 di 4 RILIEVO URBANO STATO ATTUALE: VIA di NUGOLA NUOVA LOC. NUGOLA NUOVA. 1. Il percorso pedonale è largo meno di 90 cm o presenta strozzature che riducono il passaggio al di sotto dei 90 cm? 2. La pendenza trasversale è superiore all 1%? Pavimentazione 3. La superficie del percorso risulta sdrucciolevole? 4. La finitura del percorso risulta degradata e/o sconnessa? Sostituire 5. Ci sono elementi nel percorso che sporgono dalla quota della pavimentazione? 6. Le intersezioni tra percorso pedonale e zona carrabile sono opportunamente segnalate ai non vedenti? Dislivelli Stima sommaria dei costi per il rifacimento e l adeguamento della pavimentazione dei marciapiedi come da sezione tipo xx ( ) 7. E necessario prevedere l inserimento di una rampa per il superamento dei gradini ortogonali al percorso pedonale? Pendenza max 5%? 8. Le eventuali variazioni di livello dei percorsi tramite rampa sono evidenziate con variazioni cromatiche? 9. E necessario prevedere la sostituzione delle eventuali rampe esistenti? 10. Si rileva la necessità di superare un dislivello creato da una serie di gradini tramite meccanismi quali servoscala, piattaforma elevatrice.? Stima sommaria dei costi per l inserimento di rampe, dissuasori e percorsi tattili ( )

3 Regione Toscana Provincia di Livorno PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE Scheda n Foglio n. 3 di 4 RILIEVO URBANO STATO ATTUALE: VIA di NUGOLA NUOVA LOC. NUGOLA NUOVA Ostacoli 11. E necessario prevedere lo spostamento degli elementi destinati alla raccolta dei rifiuti urbani, in quanto riducono il passaggio al di sotto dei 90 cm? 12. E necessario prevedere lo spostamento dell arredo urbano (rastrelliere, panchine, dissuasori, ), in quanto riducono il passaggio al di sotto dei 90 cm? 13. Il palo dell illuminazione pubblica riduce il passaggio al di sotto dei 90 cm? 14. Il palo di sostegno della segnaletica riduce il passaggio al di sotto dei 90 cm? 15. Ci sono elementi d arredo posti ad altezza inferiore a 210 cm da terra? (tende, insegne,.) 16. Ci sono altri ostacoli che riducono il passaggio al di sotto dei 90 cm? (chioschi, pensiline, cassette postali, cabine telefoniche, arredi e manufatti privati.) Stima sommaria dei costi per l eliminazione degli ostacoli ( ) Parcheggi 17. I parcheggi riservati alle persone con ridotte o impedite capacità motorie sono inferiori ad uno ogni 50? 18. La segnaletica verticale/orizzontale esistente rispetta la normativa? Stima sommaria dei costi per l inserimento o adeguamento dei parcheggi ( ) Varie 19. E presente almeno la segnaletica orizzontale ad indicazione di percorso protetto? 20. E necessario prevedere l inserimento o l adeguamento dell illuminazione pubblica? Stima sommaria dei costi per interventi vari ( )

4 ACCESSIBILITA' DEI PERCORSI - STATO ATTUALE: VIA DI NUGOLA NUOVA- LOC. NUGOLA N. RILIEVO FOTOGRAFICO NOTE Foto 1 : La scuola Foto 2 : Il Parco Foto 3 : Il Parco OSTACOLI/ESIGENZE Il percorso pedonale è largo meno di 90 cm La pendenza trasversale è superiore all'1% La superficie del percorso risulta sdrucciolevole La finitura del percorso risulta degradata e/o sconnessa Foto 1 Ci sono elementi nel percorso che sporgono dalla quota della pavimentazione Le intersezioni tra percorso pedonale e zona carrabile sono segnalate ai non vedenti prevedere l'inserimento di una rampa Le variazioni di livello dei percorsi con rampa sono evidenziate con variazioni cromatiche prevedere la sostituzione delle eventuali rampe esistenti Si deve superare un dislivello creato da una serie di gradini tramite meccanismi quali servoscala prevedere lo spostamento degli elementi destinati alla raccolta dei rifuti urbani prevedre lo spostamento dell'arredo urbano Il palo dell'illuminazione pubblica riduce il passaggio al di sotto dei 90cm Il palo di sostegno della segnaletica riduce il passaggio al di sotto dei 90cm Ci sono elementi d'arredo posti ad altezza inferiore a 210cm da terra Ci sono altri ostacoli che riducono il passaggio al di sotto dei 90cm I parcheggi riservati alle persone con ridotte o impedite capacità motorie sono inferiori ad uno ogni 50 La segnaletica verticale/orizzontale esistente rispetta la normativa E' presente almeno la segnaletica orizzontale ad indicazione di percorso protetto prevedere l'inserimento o l'adeguamento dell'illuminazione pubblica Foto 2 Foto 3 Scheda n. 54 Foglio n. 4 di 4

5 Regione Toscana - Provincia di Livorno PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE Scheda n. 55 Data rilievo : 17/04/2007 Foglio n. 1 di 4 ACCESSIBILITA' DEI PERCORSI - STATO ATTUALE: ZONA RESIDENZIALE 1- LOC. NUGOLA N. STRALCIO PLANIMETRICO - SCALA 1:5000 TIPOLOGIA DEL PERCORSO Percorsi a livello Non protetti Segnaletica orizzontale Cordoli 45.7 Percorsi sfalsati (marciapiedi) Non raccordati Raccordati con rampe Interrotti da rampe private Attraversamenti pedonali Segnalati Non segnalati P Fermata bus B Senza pensilina B Con pensilina Parcheggi Segnalati Non segnalati P Aree destinate a parcheggio SEZIONE TIPO PERCORSO PENDENZA DEI PERCORSI Inferiore al 5% Compresa tra il 5% ed il 12% Superiore al 12% EDIFICI DI INTERESSE COLLETTIVO 1: Scuola materna FREQUENZA D'USO DEL PERCORSO Frequenza di utlizzo giornaliera

6 Regione Toscana Provincia di Livorno PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE Scheda n Foglio n. 2 di 4 RILIEVO URBANO STATO ATTUALE: ZONA RESIDENZIALE 1 LOC. NUGOLA NUOVA 1. Il percorso pedonale è largo meno di 90 cm o presenta strozzature che riducono il passaggio al di sotto dei 90 cm? 2. La pendenza trasversale è superiore all 1%? Pavimentazione 3. La superficie del percorso risulta sdrucciolevole? 4. La finitura del percorso risulta degradata e/o sconnessa? Sostituire 5. Ci sono elementi nel percorso che sporgono dalla quota della pavimentazione? 6. Le intersezioni tra percorso pedonale e zona carrabile sono opportunamente segnalate ai non vedenti? Dislivelli Stima sommaria dei costi per il rifacimento e l adeguamento della pavimentazione dei marciapiedi come da sezione tipo xx ( ) 7. E necessario prevedere l inserimento di una rampa per il superamento dei gradini ortogonali al percorso pedonale? Pendenza max 5%? 8. Le eventuali variazioni di livello dei percorsi tramite rampa sono evidenziate con variazioni cromatiche? 9. E necessario prevedere la sostituzione delle eventuali rampe esistenti? 10. Si rileva la necessità di superare un dislivello creato da una serie di gradini tramite meccanismi quali servoscala, piattaforma elevatrice.? Stima sommaria dei costi per l inserimento di rampe, dissuasori e percorsi tattili ( )

7 Regione Toscana Provincia di Livorno PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE Scheda n Foglio n. 3 di 4 RILIEVO URBANO STATO ATTUALE: ZONA RESIDENZIALE 1 LOC. NUGOLA NUOVA Ostacoli 11. E necessario prevedere lo spostamento degli elementi destinati alla raccolta dei rifiuti urbani, in quanto riducono il passaggio al di sotto dei 90 cm? 12. E necessario prevedere lo spostamento dell arredo urbano (rastrelliere, panchine, dissuasori, ), in quanto riducono il passaggio al di sotto dei 90 cm? 13. Il palo dell illuminazione pubblica riduce il passaggio al di sotto dei 90 cm? 14. Il palo di sostegno della segnaletica riduce il passaggio al di sotto dei 90 cm? 15. Ci sono elementi d arredo posti ad altezza inferiore a 210 cm da terra? (tende, insegne,.) 16. Ci sono altri ostacoli che riducono il passaggio al di sotto dei 90 cm? (chioschi, pensiline, cassette postali, cabine telefoniche, arredi e manufatti privati.) Stima sommaria dei costi per l eliminazione degli ostacoli ( ) Parcheggi 17. I parcheggi riservati alle persone con ridotte o impedite capacità motorie sono inferiori ad uno ogni 50? 18. La segnaletica verticale/orizzontale esistente rispetta la normativa? Stima sommaria dei costi per l inserimento o adeguamento dei parcheggi ( ) Varie 19. E presente almeno la segnaletica orizzontale ad indicazione di percorso protetto? 20. E necessario prevedere l inserimento o l adeguamento dell illuminazione pubblica? Stima sommaria dei costi per interventi vari ( )

8 ACCESSIBILITA' DEI PERCORSI - STATO ATTUALE: ZONA RESIDENZIALE 1- LOC. NUGOLA N. RILIEVO FOTOGRAFICO NOTE Foto 1 : Area commerciale Foto 2 : Parcheggio area commerciale Foto 3 : OSTACOLI/ESIGENZE Il percorso pedonale è largo meno di 90 cm La pendenza trasversale è superiore all'1% La superficie del percorso risulta sdrucciolevole La finitura del percorso risulta degradata e/o sconnessa Foto 1 Ci sono elementi nel percorso che sporgono dalla quota della pavimentazione Le intersezioni tra percorso pedonale e zona carrabile sono segnalate ai non vedenti prevedere l'inserimento di una rampa Le variazioni di livello dei percorsi con rampa sono evidenziate con variazioni cromatiche prevedere la sostituzione delle eventuali rampe esistenti Si deve superare un dislivello creato da una serie di gradini tramite meccanismi quali servoscala prevedere lo spostamento degli elementi destinati alla raccolta dei rifuti urbani prevedre lo spostamento dell'arredo urbano Il palo dell'illuminazione pubblica riduce il passaggio al di sotto dei 90cm Il palo di sostegno della segnaletica riduce il passaggio al di sotto dei 90cm Ci sono elementi d'arredo posti ad altezza inferiore a 210cm da terra Ci sono altri ostacoli che riducono il passaggio al di sotto dei 90cm I parcheggi riservati alle persone con ridotte o impedite capacità motorie sono inferiori ad uno ogni 50 La segnaletica verticale/orizzontale esistente rispetta la normativa E' presente almeno la segnaletica orizzontale ad indicazione di percorso protetto prevedere l'inserimento o l'adeguamento dell'illuminazione pubblica Foto 2 Foto 3 Scheda n. 55 Foglio n. 4 di 4

9 Regione Toscana - Provincia di Livorno PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE Scheda n /04/2007 Foglio n. 1 di 4 ACCESSIBILITA' DEI PERCORSI - STATO ATTUALE: ZONA RESIDENZIALE 2 - LOC. NUGOLA N. STRALCIO PLANIMETRICO - SCALA 1:5000 TIPOLOGIA DEL PERCORSO VIA DELLA DEL 53.8 Percorsi a livello Non protetti Segnaletica orizzontale Cordoli VECCHIA TABACCAIA Percorsi sfalsati (marciapiedi) Non raccordati Raccordati con rampe 55.5 Interrotti da rampe private VIA 53.8 DI 50.5 NUGOLA Attraversamenti pedonali Segnalati Non segnalati Fermata bus 38.8 B Senza pensilina B Con pensilina Parcheggi Segnalati Non segnalati 24.4 P Aree destinate a parcheggio SEZIONE TIPO PERCORSO PENDENZA DEI PERCORSI Inferiore al 5% Compresa tra il 5% ed il 12% Superiore al 12% EDIFICI DI INTERESSE COLLETTIVO 1: Chiesa FREQUENZA D'USO DEL PERCORSO Frequenza di utlizzo giornaliera

10 Regione Toscana Provincia di Livorno PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE Scheda n Foglio n. 2 di 4 RILIEVO URBANO STATO ATTUALE: ZONA RESIDENIALE 2 LOC. NUGOLA NUOVA 1. Il percorso pedonale è largo meno di 90 cm o presenta strozzature che riducono il passaggio al di sotto dei 90 cm? 2. La pendenza trasversale è superiore all 1%? Pavimentazione 3. La superficie del percorso risulta sdrucciolevole? 4. La finitura del percorso risulta degradata e/o sconnessa? Sostituire 5. Ci sono elementi nel percorso che sporgono dalla quota della pavimentazione? 6. Le intersezioni tra percorso pedonale e zona carrabile sono opportunamente segnalate ai non vedenti? Dislivelli Stima sommaria dei costi per il rifacimento e l adeguamento della pavimentazione dei marciapiedi come da sezione tipo xx ( ) 7. E necessario prevedere l inserimento di una rampa per il superamento dei gradini ortogonali al percorso pedonale? Pendenza max 5%? 8. Le eventuali variazioni di livello dei percorsi tramite rampa sono evidenziate con variazioni cromatiche? 9. E necessario prevedere la sostituzione delle eventuali rampe esistenti? 10. Si rileva la necessità di superare un dislivello creato da una serie di gradini tramite meccanismi quali servoscala, piattaforma elevatrice.? Stima sommaria dei costi per l inserimento di rampe, dissuasori e percorsi tattili ( )

11 Regione Toscana Provincia di Livorno PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE Scheda n Foglio n. 3 di 4 RILIEVO URBANO STATO ATTUALE: ZONA RESIDENZIALE 2 LOC. NUGOLA NUOVA Ostacoli 11. E necessario prevedere lo spostamento degli elementi destinati alla raccolta dei rifiuti urbani, in quanto riducono il passaggio al di sotto dei 90 cm? 12. E necessario prevedere lo spostamento dell arredo urbano (rastrelliere, panchine, dissuasori, ), in quanto riducono il passaggio al di sotto dei 90 cm? 13. Il palo dell illuminazione pubblica riduce il passaggio al di sotto dei 90 cm? 14. Il palo di sostegno della segnaletica riduce il passaggio al di sotto dei 90 cm? 15. Ci sono elementi d arredo posti ad altezza inferiore a 210 cm da terra? (tende, insegne,.) 16. Ci sono altri ostacoli che riducono il passaggio al di sotto dei 90 cm? (chioschi, pensiline, cassette postali, cabine telefoniche, arredi e manufatti privati.) Stima sommaria dei costi per l eliminazione degli ostacoli ( ) Parcheggi 17. I parcheggi riservati alle persone con ridotte o impedite capacità motorie sono inferiori ad uno ogni 50? 18. La segnaletica verticale/orizzontale esistente rispetta la normativa? Stima sommaria dei costi per l inserimento o adeguamento dei parcheggi ( ) Varie 19. E presente almeno la segnaletica orizzontale ad indicazione di percorso protetto? 20. E necessario prevedere l inserimento o l adeguamento dell illuminazione pubblica? Stima sommaria dei costi per interventi vari ( )

12 ACCESSIBILITA' DEI PERCORSI - STATO ATTUALE: ZONA RESIDENZIALE 2 - LOC. NUGOLA N. RILIEVO FOTOGRAFICO NOTE Foto 1 : Percorso pedonale di accesso alla chiesa Foto 2 : Parcheggio sul retro della chiesa Foto 3 : Via di Nugola Nuova OSTACOLI/ESIGENZE Il percorso pedonale è largo meno di 90 cm La pendenza trasversale è superiore all'1% La superficie del percorso risulta sdrucciolevole La finitura del percorso risulta degradata e/o sconnessa Foto 1 Ci sono elementi nel percorso che sporgono dalla quota della pavimentazione Le intersezioni tra percorso pedonale e zona carrabile sono segnalate ai non vedenti prevedere l'inserimento di una rampa Le variazioni di livello dei percorsi con rampa sono evidenziate con variazioni cromatiche prevedere la sostituzione delle eventuali rampe esistenti Si deve superare un dislivello creato da una serie di gradini tramite meccanismi quali servoscala prevedere lo spostamento degli elementi destinati alla raccolta dei rifuti urbani prevedre lo spostamento dell'arredo urbano Il palo dell'illuminazione pubblica riduce il passaggio al di sotto dei 90cm Il palo di sostegno della segnaletica riduce il passaggio al di sotto dei 90cm Ci sono elementi d'arredo posti ad altezza inferiore a 210cm da terra Ci sono altri ostacoli che riducono il passaggio al di sotto dei 90cm I parcheggi riservati alle persone con ridotte o impedite capacità motorie sono inferiori ad uno ogni 50 La segnaletica verticale/orizzontale esistente rispetta la normativa E' presente almeno la segnaletica orizzontale ad indicazione di percorso protetto prevedere l'inserimento o l'adeguamento dell'illuminazione pubblica Foto 2 Foto 3 Scheda n. 56 Foglio n. 4 di 4

PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE

PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE Regione Toscana - Provincia di Livorno PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE Scheda n. 51 Data rilievo : 15/03/2005 Foglio n. 1 di 4 ACCESSIBILITA' DEI PERCORSI - STATO ATTUALE: Via L. Sturzo

Dettagli

COMUNE DI COLLESALVETTI Regione Toscana Provincia di Livorno PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE

COMUNE DI COLLESALVETTI Regione Toscana Provincia di Livorno PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE COMUNE DI COLLESALVETTI Regione Toscana Provincia di Livorno PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE Scheda n. 21 Data rilievo: 25-07-2005 Foglio n. 2 di 4 RILIEVO URBANO STATO ATTUALE LOC.

Dettagli

Provincia di Bergamo

Provincia di Bergamo Provincia di Bergamo COME PIANIFICARE I TERRITORI PER FAVORIRE LO SPOSTAMENTO DI CHI HA DIFFICOLTA MOTORIE RAPPRESENTAZIONE di Un Percorso Metodologico Architetto Aldo Capodaglio - VENEZIA FASE PRELIMINARE

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 3/07. Art. 9 - Barriere Architettoniche

LEGGE REGIONALE N. 3/07. Art. 9 - Barriere Architettoniche LEGGE REGIONALE N. 3/07 Art. 9 - Barriere Architettoniche GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLE SCHEDE INDICE SCHEDA A1 Parte I. Pag. 2 SCHEDA A1 Parte II Pag. 6 SCHEDA B1.. Pag. 10 Si prega di non riferirsi più

Dettagli

INDICE 1.RIFERIMENTI NORMATIVI 2 2.SCELTE PROGETTUALI 2 3.SISTEMAZIONI ESTERNE 3. MASSIMO LEGGERI Ordine Ingegneri Roma n. 22424.

INDICE 1.RIFERIMENTI NORMATIVI 2 2.SCELTE PROGETTUALI 2 3.SISTEMAZIONI ESTERNE 3. MASSIMO LEGGERI Ordine Ingegneri Roma n. 22424. INDICE 1.RIFERIMENTI NORMATIVI 2 2.SCELTE PROGETTUALI 2 3.SISTEMAZIONI ESTERNE 3 Pagina 1 di 4 1.RIFERIMENTI NORMATIVI I criteri seguiti nella progettazione ai fini di garantire l accessibilità all intera

Dettagli

Premessa. A cura dell ing. Carmelo Tomaselli.

Premessa. A cura dell ing. Carmelo Tomaselli. Report sugli adempimenti normativi riguardanti l abbattimento delle barriere architettoniche con particolare attenzione a quelle che impediscono l orientamento, la riconoscibilità dei luoghi e delle fonti

Dettagli

Oggetto: Relazione tecnica ex art. 10 punto 10,2 D.M. 236/89, allegata al P.L. via della Resistenza a Molinetto di MAZZANO Comune di Mazzano (Bs)

Oggetto: Relazione tecnica ex art. 10 punto 10,2 D.M. 236/89, allegata al P.L. via della Resistenza a Molinetto di MAZZANO Comune di Mazzano (Bs) Mazzano (Bs) li, 27 febbraio 2012 Al Signor Sindaco del Comune di Mazzano (Bs) Oggetto: Relazione tecnica ex art. 10 punto 10,2 D.M. 236/89, allegata al P.L. via della Resistenza a Molinetto di MAZZANO

Dettagli

COMPARTO UNITARIO ST2_P14 Via IV Novembre RELAZIONE SUL SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE (DPR 24.07.1996 N. 503)

COMPARTO UNITARIO ST2_P14 Via IV Novembre RELAZIONE SUL SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE (DPR 24.07.1996 N. 503) PIANO DI LOTTIZZAZIONE DELLA ZONA C1 - RESIDENZIALE DI ESPANSIONE COMPARTO UNITARIO ST2_P14 Via IV Novembre RELAZIONE SUL SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE (DPR 24.07.1996 N. 503) Il progetto

Dettagli

VARIANTE ALLO STRUMENTO URBANISTICO ATTUATTIVO EX D3/1 ORA PUA 38 PER MODIFICA ALLA DESTINAZIONE D USO

VARIANTE ALLO STRUMENTO URBANISTICO ATTUATTIVO EX D3/1 ORA PUA 38 PER MODIFICA ALLA DESTINAZIONE D USO COMUNE DI PONZANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO VARIANTE ALLO STRUMENTO URBANISTICO ATTUATTIVO EX D3/1 ORA PUA 38 PER MODIFICA ALLA DESTINAZIONE D USO ALLEGATO F RELAZIONE ILLUSTRATIVA AI SENSI DEL D.P.R.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini RELAZIONE TECNICA Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini della legge 13/89 per l eliminazione delle barriere architettoniche. Premessa: Ai fini

Dettagli

Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42)

Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42) n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42) Località: Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano

Dettagli

La normativa sulle Barriere Architettoniche. La normativa sulle Barriere Architettoniche. Barriere Architettoniche - Barriere Culturali

La normativa sulle Barriere Architettoniche. La normativa sulle Barriere Architettoniche. Barriere Architettoniche - Barriere Culturali Barriere Architettoniche - Barriere Culturali PROGETTARE, COSTRUIRE, ABITARE CON QUALITÀ COLLEGAMENTI ORIZZONTALI COLLEGAMENTI VERTICALI Arch. Cesare Beghi CAAD di Parma 30 Gennaio 2008 Parma Seminario

Dettagli

VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014

VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014 VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014 AZV_A1_A3_9.004 INDICE - PREMESSA - TIPOLOGIA DELL INTERVENTO - RIFERIMENTI NORMATIVI -

Dettagli

CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96 INDICE 1. PREMESSA - 3 -

CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96 INDICE 1. PREMESSA - 3 - INDICE 1. PREMESSA - 3-2. CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96, RICHIESTA DALLA A.S.L./NA 1, DIPARTIMENTO PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA PUBBLICA, IN SEDE DI CONFERENZA DEI SERVIZI

Dettagli

Impianti sportivi all'aperto 2 Campo sportivo 3 Campi da tennis e spazi collettivi Via del Campo sportivo

Impianti sportivi all'aperto 2 Campo sportivo 3 Campi da tennis e spazi collettivi Via del Campo sportivo Id Denominazione Indirizzo Edifici con resede 1 Scuola Elementare via De Gasperi 2 Microasilo (Asilo nido) 3 Badia di Soffena 5 Scuola Materna Via Giovanni XXIII 6 Scuola elementare e media Via Molino

Dettagli

DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89

DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89 AL G. NDACO DEL COMUNE DI SABBIO CHIESE (BS) D.P.R. 380/01 art. 77 e succ. VERIFICA DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89 Allegata al progetto di Sportello Unico Attività Produttive da realizzarsi nel Comune

Dettagli

DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili.

DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili. COMMITTENTE: Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili.it PROGETTO: ELABORAZIONE DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. 338 OGGETTO TITOLO

Dettagli

COMUNE DI SENIGALLIA

COMUNE DI SENIGALLIA COMUNE DI SENIGALLIA PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI EDIFICI RESIDENZIALI NEL COMPARTO 17R DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE SITO IN CESANO DI SENIGALLIA DITTA: EDRA IMMOBILIARE S.r.l. Via Cimabue, n 7 - SENIGALLIA

Dettagli

Elaborato n 1 RELAZIONE TECNICA

Elaborato n 1 RELAZIONE TECNICA COMUNE DI TURRIACO PROVINCIA DI GORIZIA LAVORI DI SISTEMAZIONE VIABILITA PER REALIZZAZIONE DI UN PERCORSO CICLABILE - PEDONALE E SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE IN VIA AQUILEIA, VIA ROMA, VIA MEITNER,

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA E RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA, DI CONFORMITA ALLA NORMATIVA IN MATERIA DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA E RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA, DI CONFORMITA ALLA NORMATIVA IN MATERIA DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE DICHIARAZIONE DI CONFORMITA E RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA, DI CONFORMITA ALLA NORMATIVA IN MATERIA DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE Il sottoscritto.progettista delle opere suddette, nato

Dettagli

APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE

APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE 2013/2014 LCA1 corsi A B C Laboratorio di Costruzione dell'architettura 1 APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE 6 dicembre 2013 arch. EMMA FRANCIA 1 I PROGETTO SENZA BARRIERE - Decreto del

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

COMUNE DI BARGA - REGOLAMENTO URBANISTICO - P.E.B.A. PROGRAMMA D'INTERVENTO PER L'ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE

COMUNE DI BARGA - REGOLAMENTO URBANISTICO - P.E.B.A. PROGRAMMA D'INTERVENTO PER L'ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE - EDIFICI USO PUBBLICO data: SCHEDA N oggetto/deminazione: Banca Unicredit ubicazione: località: Barga -giardi piazza: via: FUNZIONE PRINCIPALE: IMMOBILE SCHEDATO COME DI VALORE DA RU BAR Lorenzo de'medici

Dettagli

Scheda di sintesi delle indicazioni della normativa tecnica per l accessibilità

Scheda di sintesi delle indicazioni della normativa tecnica per l accessibilità Universal Design: Progettazione inclusiva e sostenibile Corso di Perfezionamento Politecnico di Torino a.a. 2012-2013 18 marzo 2013 - IL QUADRO NORMATIVO ITALIANO NEL PANORAMA INTERNAZIONALE: COMFORT E

Dettagli

Comune di Camposampiero (PD)

Comune di Camposampiero (PD) Comune di Camposampiero (PD) Piano Urbanistico Attuativo VANDURA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA ALLE NORME PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PREMESSA L intervento in oggetto prevede la realizzazione

Dettagli

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone nella progettazione di tutti gli edifici il rispetto

Dettagli

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ Parco delle Madonie INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ C.E.A. LA TERRA DEI NOSTRI PADRI A CASTELLANA SICULA Il Centro di Educazione Ambientale è ospitato all interno di un edificio di due piani a Castellana Sicula.

Dettagli

ARIANNA CIOTOLO SISTEMA DI PAVIMENTAZIONI TATTILI PER L ORIENTAMENTO E LA SICUREZZA PEDONALE ARIANNA CIOTOLO è particolarmente utili per segnalare una zona con arredi: ad esempio un area di sosta con panchine,

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Vitolini Toiano CENTRO ABITATO

Dettagli

Alberto Arenghi Università degli Studi di Brescia La fruibilità nel regolamento edilizio del Comune di Brescia.

Alberto Arenghi Università degli Studi di Brescia La fruibilità nel regolamento edilizio del Comune di Brescia. studio ajs La fruibilità nel regolamento edilizio del Comune di Brescia. Premessa!Le considerazioni che seguiranno fanno riferimento alla bozza del nuovo Regolamento Edilizio del 07-01-2005 in discussione

Dettagli

INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE STRADE CITTADINE E DI MODERAZIONE DEL TRAFFICO

INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE STRADE CITTADINE E DI MODERAZIONE DEL TRAFFICO INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE STRADE CITTADINE E DI MODERAZIONE DEL TRAFFICO ZONE 30 ALTESSANO Progetto: ICIS S.r.l. Società di Ingegneria C.so Einaudi, 8 10128 Torino Direttore Tecnico - ing. Giovanni

Dettagli

Spazio di uso pubblico

Spazio di uso pubblico Spazio di uso pubblico numero scheda J64_ località san Giuliano a Se localizzazione parcheggio via della Pieve CTR J64 quota altimetrica 35,8 UTOE numero Aree prevalentemente non edificate integrative

Dettagli

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. PIANO ATTUATIVO COMUNALE DI INIZIATIVA PRIVATA B/RU n.22 DI VIA CHIOGGIA - VIALE VENEZIA

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. PIANO ATTUATIVO COMUNALE DI INIZIATIVA PRIVATA B/RU n.22 DI VIA CHIOGGIA - VIALE VENEZIA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA COMUNE DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE PIANO ATTUATIVO COMUNALE DI INIZIATIVA PRIVATA B/RU n.22 DI VIA CHIOGGIA - VIALE VENEZIA RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA INERENTE

Dettagli

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 Pagina 1 di 7 1.PREMESSE La presente relazione illustra i lavori previsti nel progetto definitivo per la Ristrutturazione

Dettagli

LABORATORIO DELL ACQUA A CAMUGNANO

LABORATORIO DELL ACQUA A CAMUGNANO Parco Laghi di Suviana e Brasimone INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ MUSEO DEL BOSCO DI PORANCETO Il Museo è situato in località Poranceto nel comune di Cumugnano ed è ospitato all interno di un unico edificio

Dettagli

CRITERIO DA RISPETTARE

CRITERIO DA RISPETTARE SCHEDA DI RILEVAZIONE STRUTTURE PUBBLICI ESERCIZI E RISTORANTI LIVELLO ARGENTO Esercizio: Indirizzo: Telefono: Fax: Email: Web site: Referente: STRUTTURA ESTERNA BAR E RISTORANTE CRITERIO DA RISPETTARE

Dettagli

Indicazioni progettuali: le aree esterne pubbliche e private

Indicazioni progettuali: le aree esterne pubbliche e private Centro Regionale di Informazione sulle Barriere Architettoniche Superare le barriere architettoniche: dalle prescrizioni normative al progetto per la persona Indicazioni progettuali: le aree esterne pubbliche

Dettagli

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO EDUCAZIONE AMBIENTALE A PALAZZO DI ACCETTURA

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO EDUCAZIONE AMBIENTALE A PALAZZO DI ACCETTURA Parco Gallipoli Cognato e Piccole Dolomiti Lucane INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO EDUCAZIONE AMBIENTALE A PALAZZO DI ACCETTURA Le attività del Centro sono distribuite in due edifici diversi, distanti

Dettagli

Il progetto è stato redatto applicando il regolamento recante le norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e

Il progetto è stato redatto applicando il regolamento recante le norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e 1 2 Il progetto è stato redatto applicando il regolamento recante le norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici; infatti sono stati eliminati tutti

Dettagli

Relazione paesaggistica

Relazione paesaggistica Relazione paesaggistica TIPOLOGIA DELL OPERA E/O DELL INTERVENT0 : ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE MUNICIPIO E PARCHEGGIO MERCATO, MODIFICA VIABILITA OPERA CORRELATA A: X edificio X area di pertinenza

Dettagli

CRITERIO DA RISPETTARE

CRITERIO DA RISPETTARE SCHEDA DI RILEVAZIONE STRUTTURE PUBBLICI ESERCIZI E RISTORANTI LIVELLO BRONZO Esercizio: Indirizzo: Telefono: Fax: Email: Web site: Referente: CRITERIO DA RISPETTARE STRUTTURA ESTERNA BAR E RISTORANTI

Dettagli

VIA PAPA GIOVANNI XXIII E VIA PASCOLI. Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili

VIA PAPA GIOVANNI XXIII E VIA PASCOLI. Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili Comune di Endine Gaiano n.16 Località: VIA PAPA GIOVANNI XXIII E VIA PASCOLI Piangaiano CARATTERISTICHE TIPOLOGICHE Collegamento tra Via Nazionale e Via Monte Santo Tipologia collegamento: Collegamento

Dettagli

CULTURA SENZA BARRIERE Accessibilità e Centro Storico

CULTURA SENZA BARRIERE Accessibilità e Centro Storico PROGETTARE L ACCESSIBILITA : PER L ABOLIZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE CULTURA SENZA BARRIERE Accessibilità e Centro Storico Bergamo, Auditorium Casa del Giovane, 25.05.2011 CITTA STORICA E ACCESSIBILITA

Dettagli

ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI - DICHIARAZIONE DEL PROGETTISTA -

ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI - DICHIARAZIONE DEL PROGETTISTA - ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI - DICHIARAZIONE DEL PROGETTISTA - ai sensi del comma 4 dell art. 77 del D.P.R. 380/01 come modificato dal D.lgs 301/02, L. 13/1989 e D.M.

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

Impianti elettrici e abbattimento delle barriere architettoniche (seconda parte)

Impianti elettrici e abbattimento delle barriere architettoniche (seconda parte) Pubblicato il: 04/01/2005 Aggiornato al: 18/01/2005 (seconda parte) di Gianluigi Saveri Relativamente all impianto elettrico devono essere rimosse tutte quelle barriere che non permettono o che in qualunque

Dettagli

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI SCHEMI E POSSIBILI SOLUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DELLO SPAZIO COMMERCIALE SCHEMA FUNZIONALE INDICATIVO E DIMENSIONAMENTO ARREDI PER LA ZONA RECEPTION DIMENSIONAMENTO DI

Dettagli

ESEMPIO PER LA RESIDENZA

ESEMPIO PER LA RESIDENZA COMUNE DI BOLZANO GEMEINDE BOZEN ESEMPIO PER LA RESIDENZA PRESENTAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE PER IL SUPERAMENTO E L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI E PUBBLICI A COMPLETAMENTO

Dettagli

Programma di intervento per l'abbattimento delle barriere architettoniche Documentazione fotografica Tavarnuzze

Programma di intervento per l'abbattimento delle barriere architettoniche Documentazione fotografica Tavarnuzze COMUNE DI IMPRUNETA Provincia di Firenze REGOLAMENTO URBANISTICO Programma di intervento per l'abbattimento delle barriere architettoniche Documentazione fotografica Tavarnuzze Il Sindaco: Dr.ssa Ida Beneforti

Dettagli

COMUNE DI QUARTU SANT ELENA SETTORE LAVORI PUBBLICI PROVINCIA DI CAGLIARI

COMUNE DI QUARTU SANT ELENA SETTORE LAVORI PUBBLICI PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI QUARTU SANT ELENA SETTORE LAVORI PUBBLICI PROVINCIA DI CAGLIARI STRUTTURA SOCIALIZZAZIONE PRIMA INFANZIA VIA BOITO RECUPERO EX ASILO NIDO PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO RELAZIONE ACCESSIBILITA

Dettagli

RAGGIUNGIBILITÀ A B C ACCESSIBILITÀ A B C ACCESSIBILITÀ DEDICATA FRUIBILITÀ INTERNA A B C SERVIZI DEDICATI

RAGGIUNGIBILITÀ A B C ACCESSIBILITÀ A B C ACCESSIBILITÀ DEDICATA FRUIBILITÀ INTERNA A B C SERVIZI DEDICATI 01 ASILO NIDO SAN GIOVANNI EVANGELISTA A2 PR Accesso da strada trafficata con percorso inclinato ripido. Cortile interno da cui si accede al nido al P.T. Gradino di cm 15 alla porta d ingresso. Interno

Dettagli

INDICE 1. PREMESSE... 1 2. STATO DI FATTO... 1

INDICE 1. PREMESSE... 1 2. STATO DI FATTO... 1 INDICE 1. PREMESSE... 1 2. STATO DI FATTO... 1 3. STATO DI PROGETTO... 2 3.1 VIABILITA AUTORIMESSA MARCO POLO...3 3.2 VIABILITA PARCHEGGIO SPEEDY PARK...4 3.3 VIABILITA ZONA DARSENA...5 3.4 SEZIONI TIPO

Dettagli

DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 LUGLIO 1996 N.

DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 LUGLIO 1996 N. DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 LUGLIO 1996 N. 503 Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici TITOLO I - SCOPI E CAMPO DI

Dettagli

INDICE. Mappa dell accessibilità urbana

INDICE. Mappa dell accessibilità urbana INDICE Considerazioni di base e concetti introduttivi Riferimenti normativi Obiettivi Metodologia di lavoro Elenco dei beni censiti Schedatura degli immobili pubblici o di tipo pubblico Cenni sulle problematicità

Dettagli

CRITERIO DA RISPETTARE

CRITERIO DA RISPETTARE SCHEDA DI RILEVAZIONE STRUTTURE ALBERGHIERE LIVELLO BRONZO Esercizio: Indirizzo: Telefono: Fax: Email: Web site: Referente: CRITERIO DA RISPETTARE STRUTTURA ESTERNA DEVE ESSERE PRESENTE UN PARCHEGGIO PRIVATO.

Dettagli

COMUNE DI PONSACCO Piano attuativo PA 11. - F.lli Testi e Dolfi s.n.c. - R.M. Immobiliare s.r.l - Soc. nome collettivo Parri & C LEGGE 13/89

COMUNE DI PONSACCO Piano attuativo PA 11. - F.lli Testi e Dolfi s.n.c. - R.M. Immobiliare s.r.l - Soc. nome collettivo Parri & C LEGGE 13/89 COMUNE DI PONSACCO Piano attuativo PA 11 Ubicazione: Via Buozzi Proprietà: - F.lli Testi e Dolfi s.n.c. - R.M. Immobiliare s.r.l - Soc. nome collettivo Parri & C LEGGE 13/89 - relazione - dichiarazione

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 41 DEL 29-07-2009 REGIONE TOSCANA

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 41 DEL 29-07-2009 REGIONE TOSCANA DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 41 DEL 29-07-2009 REGIONE TOSCANA Regolamento di attuazione dell articolo 37, comma 2, lettera g) e comma 3 della legge regionale 3 gennaio 2005, n. 1 (Norme

Dettagli

OSSERVAZIONI ALLO STUDIO PRELIMINARE AMBIENTALE PER IL SISTEMA TPL ELETTRIFICATO A TECNOLOGIA INNOVATIVA

OSSERVAZIONI ALLO STUDIO PRELIMINARE AMBIENTALE PER IL SISTEMA TPL ELETTRIFICATO A TECNOLOGIA INNOVATIVA OSSERVAZIONI ALLO STUDIO PRELIMINARE AMBIENTALE PER IL SISTEMA TPL ELETTRIFICATO A TECNOLOGIA INNOVATIVA MONTESILVANO OSSERVAZIONI ALLO STUDIO PRELIMINARE AMBIENTALE PREDISTOSTO DALLA GTM spa PER IL SISTEMA

Dettagli

Progetto N 8 : ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE EDIFICI E STRADE COMUNALI

Progetto N 8 : ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE EDIFICI E STRADE COMUNALI P23 MODULISTICA MD04 Rev. 2 del 07/03/07 Progetto N 8 : ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE EDIFICI E STRADE COMUNALI Oggetto: Edifici e strade varie Importo quadro economico:. 3.350.000,00 DOCUMENTI

Dettagli

EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA

EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA Complesso di proprietà di Pentagramma Romagna Spa in via XX Settembre n.38 e Corso Mazzini n.41, sito nel Comune di Cervia (RA). OPERE DI RESTAURO

Dettagli

Incontri di aggiornamento. Progetto: te la segnalo io la barriera

Incontri di aggiornamento. Progetto: te la segnalo io la barriera Incontri di aggiornamento Progetto: te la segnalo io la barriera 27 maggio 2006 Montecchio (VI) Mobilità urbana e spazi pubblici Menomazione: qls perdita o anormalità di CONCETTI GENERALI una struttura

Dettagli

LE BARRIERE ARCHITETTONICHE

LE BARRIERE ARCHITETTONICHE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BASILICATA POLO DI MATERA Facoltà di Architettura Corso di Laurea in Ingegneria Edile-Architettura (Classe 4/S) CORSO DI TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA LE BARRIERE ARCHITETTONICHE

Dettagli

Progetto N 7 : ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE EDIFICI E STRADE COMUNALI

Progetto N 7 : ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE EDIFICI E STRADE COMUNALI P23 MODULISTICA MD04 Rev. 2 del 07/03/07 Progetto N 7 : ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE EDIFICI E STRADE COMUNALI Oggetto: Edifici e strade varie Importo quadro economico:. 800.000,00 DOCUMENTI PROGETTO

Dettagli

Art. 3 Elaborati di piano... 2. Art. 6 Dati di piano... 5

Art. 3 Elaborati di piano... 2. Art. 6 Dati di piano... 5 SOMMARIO Art. 1 Campo di applicazione... 2 Art. 2 Ambito del Piano Urbanistico Attuativo... 2 Art. 3 Elaborati di piano... 2 Art. 4 Convenzione attuativa... 3 Art. 5 Modalità di intervento... 3 Art. 6

Dettagli

INDICARE TIPO E NOME DELL INFRASTRUTTURA CONSIDERATA: AEROPORTO STAZIONE FERROVIARIA STAZIONE DELLA FUNICOLARE

INDICARE TIPO E NOME DELL INFRASTRUTTURA CONSIDERATA: AEROPORTO STAZIONE FERROVIARIA STAZIONE DELLA FUNICOLARE INDICARE TIPO E NOME DELL INFRASTRUTTURA CONSIDERATA: AEROPORTO STAZIONE FERROVIARIA STAZIONE DELLA FUNICOLARE BIGLIETTERIA DELLA COMPAGNIA DI NAVIGAZIONE NOTE RIASSUNTIVE MEZZI DI COLLEGAMENTO Mezzi di

Dettagli

CRITERIO DA RISPETTARE

CRITERIO DA RISPETTARE SCHEDA DI RILEVAZIONE STRUTTURE ALBERGHIERE LIVELLO ARGENTO Esercizio: Indirizzo: Telefono: Fax: Email: Web site: Referente: STRUTTURA ESTERNA CRITERIO DA RISPETTARE DEVE ESSERE UN PARCHEGGIO PRIVATO.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO

RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO PREMESSA Su incarico del Comune di Rosarno (Comunicazione del 24.09.2012 prot. n.17914 con riferimento alla Determinazione del 3^ U.O.C. n 525 del

Dettagli

Il gradino deve essere prolungato in piano per 30 cm. in corrispondenza delle interruzioni.

Il gradino deve essere prolungato in piano per 30 cm. in corrispondenza delle interruzioni. 141 LA SCALA Larghezza della scala Caratteristiche del gradino Rapporto alzata/pedata Corrimano Segnalazioni tattili e visive PARAMETRI ESSENZIALI A Larghezza scale pubbliche e di parti comuni: 120 cm.

Dettagli

Relazione sulle barriere architettoniche

Relazione sulle barriere architettoniche 1/13 RELAZIONE SULLE BARRIERE ARCHITETTONICHE Il Piano Urbanistico Attuativo (P.U.A.) al quale è allegata la presente relazione prevede, mediante la predisposizione di adeguati accorgimenti costruttivi

Dettagli

Periodico informativo n. 103/2015

Periodico informativo n. 103/2015 Periodico informativo n. 103/2015 OGGETO: Alberghi: bonus per ristrutturazioni e riqualificazione energetica Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza

Dettagli

3.2.1 Viale II Febbraio...7. 3.2.2 Via XX Settembre...9. 3.2.3 Piazza IV Novembre...11. 3.2.4 Piazza Dante...13. 3.2.5 Viale Matteotti...

3.2.1 Viale II Febbraio...7. 3.2.2 Via XX Settembre...9. 3.2.3 Piazza IV Novembre...11. 3.2.4 Piazza Dante...13. 3.2.5 Viale Matteotti... INDICE 1 INQUADRAMENTO NORMATIVO IN MATERIA DI... 2 2 PRINCIPALI TIPOLOGIE DI... 3 2.1 Salti di quota non raccordati o raccordati male... 3 2.2 Percorsi pedonali angusti e/o intralciati da ostacoli...

Dettagli

ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE MUNICIPIO E PARCHEGGIO MERCATO, MODIFICHE ALLA VIABILITA

ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE MUNICIPIO E PARCHEGGIO MERCATO, MODIFICHE ALLA VIABILITA Relazione tecnica ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE MUNICIPIO E PARCHEGGIO MERCATO, MODIFICHE ALLA VIABILITA DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI E DELLE CARATTERISTICHE DELLE OPERE PREMESSA Il Comune di Sotto

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 3.8.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 28

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 3.8.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 28 SEZIONE I 3.8.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 28 3 Art. 14 - Attrezzature di uso comune: apparecchi elettrici, cassette per la corrispondenza LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI DECRETO

Dettagli

Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici

Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l art. 87 della Costituzione; Vista la legge 30

Dettagli

COMUNE DI ANDORA REGIONE LIGURIA PROVINCIA SAVONA

COMUNE DI ANDORA REGIONE LIGURIA PROVINCIA SAVONA COMUNE DI ANDORA REGIONE LIGURIA PROVINCIA SAVONA PERMESSO DI COSTRUIRE in parziale Sanatoria ed in Variante al P.d.C. n. 759/7 del 06/08/2010 EDIFICI A1 e A2 del P.U.O. PROGETTO PER NUOVE RESIDENZE IN

Dettagli

INFO ACCESSIBILITA LUOGHI 2014

INFO ACCESSIBILITA LUOGHI 2014 1 INFO ACCESSIBILITA LUOGHI 2014 CAPPELLA MORTUORIA EX OP 3 - X 103-1-119 La cappella si trova all interno del complesso del Distretto Sanitario dell Alta Valsugana. I parcheggi indicati si trovano lungo

Dettagli

QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA

QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA Scuola Classe Età Sesso. 1. Dove abiti? 2. Come sei venuto oggi a scuola? A piedi In bicicletta In autobus (urbano) In automobile In autobus (extraurbano) Altro.

Dettagli

Criteri di accessibilità

Criteri di accessibilità Persona allergica All interno della camera assenza di: moquette, tappeti, arredi in tessuto Menù personalizzabili previa richiesta Quando si verifica solo una delle due ipotesi elencate nel grado buono

Dettagli

BARRIERE ARCHITETTONICHE SCHEMI E RIFERMENTI NORMATIVI. (ESEMPIO DI RELAZIONE TECNICA ALLEGATA A PROGETTO)

BARRIERE ARCHITETTONICHE SCHEMI E RIFERMENTI NORMATIVI. (ESEMPIO DI RELAZIONE TECNICA ALLEGATA A PROGETTO) BARRIERE ARCHITETTONICHE SCHEMI E RIFERMENTI NORMATIVI. (ESEMPIO DI RELAZIONE TECNICA ALLEGATA A PROGETTO) Per le parti non verificabili in progetto la costruzione si adeguerà: D.P.R. 27 aprile 1978, n.

Dettagli

EDIFICI PRIVATI APERTI AL PUBBLICO

EDIFICI PRIVATI APERTI AL PUBBLICO Comune di Milano Settore Concessioni e Autorizzazioni Edilizie QUADERNI TECNICI SULLA FRUIBILITÀ AMBIENTALE Guida alla progettazione senza barriere architettoniche secondo l applicazione delle prescrizioni

Dettagli

Prot. Gen. n. 468953 Venezia, 03/11/2008

Prot. Gen. n. 468953 Venezia, 03/11/2008 Prot. Gen. n. 468953 Venezia, 03/11/2008 Oggetto: D.P.R. n. 753/1980 art. 5 comma 7 - criteri per il riconoscimento dell idoneità e della sicurezza delle fermate dei servizi pubblici di trasporto urbano

Dettagli

Raccolta Normativa della Regione Toscana 1

Raccolta Normativa della Regione Toscana 1 Decreto del Presidente della Giunta Regionale 29 luglio 2009, n. 41/R Regolamento di attuazione dell articolo 37, comma 2, lettera g) e comma 3 della legge regionale 3 gennaio 2005, n. 1 (Norme per il

Dettagli

RELAZIONE Tecnico- Illustrativa e PROGETTO BARRIERE ARCHITETTONICHE. Ass.ne Cultori della Storia delle Forze Armate

RELAZIONE Tecnico- Illustrativa e PROGETTO BARRIERE ARCHITETTONICHE. Ass.ne Cultori della Storia delle Forze Armate BARRIERE ARCHITETTONICHE LEGGE del 9/1/89 n. 13, D.M. del 14/6/89 n. 236, D.P.R. del 24/7/96 n.503 Dgrv n.509 del 2/3/2010 Allegato A Dgrv n.1428 del 6/9/2011 Allegato A e B RELAZIONE Tecnico- Illustrativa

Dettagli

CONTROLLO DELLA PROGETTAZIONE

CONTROLLO DELLA PROGETTAZIONE RIF. ARCH: 101.15 OGGETTO: Riqualificazione del Centro Storico - Realizzazione Marciapiedi lungo Corso Vittorio Veneto e P.zza Roma - Progetto di Arredo Urbano DATA: Marzo 2015 FIRMA: N Tavola Titolo tavola

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1996, n. 503

Decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1996, n. 503 Decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1996, n. 503 Regolamento recante norme per l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici TITOLO I - Scopi e campo

Dettagli

ELEZIONI COMUNALI ROMA 2013 TAVOLA ROTONDA CON I CANDIDATI ALLA PRESIDENZA DEL II MUNICIPIO FUTBOLCLUB VILLAGGIO OLIMPICO 7 MAGGIO ORE 17:30

ELEZIONI COMUNALI ROMA 2013 TAVOLA ROTONDA CON I CANDIDATI ALLA PRESIDENZA DEL II MUNICIPIO FUTBOLCLUB VILLAGGIO OLIMPICO 7 MAGGIO ORE 17:30 ELEZIONI COMUNALI ROMA 2013 TAVOLA ROTONDA CON I CANDIDATI ALLA PRESIDENZA DEL II MUNICIPIO INTERVENGONO SARA DE ANGELIS - PDL GIUSEPPE GERACE - PD ELENA IMPROTA - LISTA CIVICA MARCHINI RAFFAELE SCHETTINO

Dettagli

Eliminazione barriere architettoniche

Eliminazione barriere architettoniche Indice Riferimenti normativi... 3 Percorsi... 4 Pavimentazioni... 4 Aree a parcheggi... 5 Dichiarazione di conformità alla normativa in materia di accessibilità e superamento delle barriere architettoniche...

Dettagli

IL MALATO ANZIANO E LE BARRIERE ARCHITETTONICHE. Patrizia Bianchetti Abano T.me 27/04/05 1

IL MALATO ANZIANO E LE BARRIERE ARCHITETTONICHE. Patrizia Bianchetti Abano T.me 27/04/05 1 IL MALATO ANZIANO E LE BARRIERE ARCHITETTONICHE Patrizia Bianchetti Abano T.me 27/04/05 1 Invecchiare è l unico modo per non morire giovani Woody Allen Patrizia Bianchetti Abano T.me 27/04/05 2 Un po di

Dettagli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Bisi & Merkus Studio Associato Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Comune di castelnovo ne monti \ Progettista

Dettagli

Nuovo Regolamento Edilizio

Nuovo Regolamento Edilizio CITTA DI CESANO MADERNO PROVINCIA DI MILANO Nuovo Regolamento Edilizio Allegato tecnico LINEE GUIDA PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE modificato a seguito delle controdeduzioni alle osservazioni

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO. Valutazione Integrata Regolamento Urbanistico COLLABORATORI. Dott. Eva Golfarini

GRUPPO DI LAVORO. Valutazione Integrata Regolamento Urbanistico COLLABORATORI. Dott. Eva Golfarini GRUPPO DI LAVORO Responsabile del Procedimento Sindaco Assessore all Urbanistica Garante della Comunicazione Coordinamento generale P.E. Claudio Filiberti Michele Boscagli Giulia Maccari Dott. Antonio

Dettagli

ASSOCIAZIONE TETRA-PARAPLEGICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

ASSOCIAZIONE TETRA-PARAPLEGICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA ASSOCIAZIONE TETRA-PARAPLEGICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Anche un solo gradino all ingresso può compromettere l accessibilità del locale alle persone che utilizzano la carrozzina. ACCESSIBILITÀ

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1428 del 06 settembre 2011 pag. 1/22

ALLEGATOA alla Dgr n. 1428 del 06 settembre 2011 pag. 1/22 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1428 del 06 settembre 2011 pag. 1/22 TESTO COMPARATO Prescrizioni Tecniche atte a garantire la fruizione degli edifici residenziali privati, degli

Dettagli

ASSOCIAZIONE VIVI SAN MAURIZIO http://www.vivisanmaurizio.it/ Barriere architettoniche - facciamo il punto

ASSOCIAZIONE VIVI SAN MAURIZIO http://www.vivisanmaurizio.it/ Barriere architettoniche - facciamo il punto ASSOCIAZIONE VIVI SAN MAURIZIO http://www.vivisanmaurizio.it/ Barriere architettoniche - facciamo il punto L associazione Vivi San Maurizio propone, raccolte in un unico fascicolo, le osservazioni scaturite

Dettagli

COMUNE DI CARASCO Provincia di Genova ALLEGATO E RELAZIONE TECNICA LEGGE 13/89

COMUNE DI CARASCO Provincia di Genova ALLEGATO E RELAZIONE TECNICA LEGGE 13/89 . COMUNE DI CARASCO Provincia di Genova ALLEGATO E RELAZIONE TECNICA LEGGE 13/89 oggetto : relazione tecnica ai sensi della Legge 13/89 allegata alla richiesta di permesso di costruire diretto convenzionato

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE ABITAZIONI PERMANENTI URBANE C RESIDENZE COLLETTIVE: residence,

Dettagli

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Anno XL Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Prima n. 28 lunedì, 3 agosto 2009 Firenze Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Portineria

Dettagli

CRITERIO DA RISPETTARE

CRITERIO DA RISPETTARE SCHEDA DI RILEVAZIONE STRUTTURE ESERCIZI COMMERCIALI Esercizio: Indirizzo: Telefono: Fax: Email: Web site: Referente: STRUTTURA ESTERNA CRITERIO DA RISPETTARE IN PRESENZA DI PARCHEGGIO PRIVATO, E PRESENTE

Dettagli

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ Parco della Maremma CENTRO VISITE ALBERESE Il Centro ubicato in frazione Alberese a Grosseto, si articola su due piani e dispone di due ingressi. Dall ingresso principale è possibile

Dettagli

COMUNE DI AVETRANA (Provincia di Taranto)

COMUNE DI AVETRANA (Provincia di Taranto) COMUNE DI AVETRANA (Provincia di Taranto) RELAZIONE TECNICA E ATTESTAZIONE DI CONFORMITA' relative alle prescrizioni della L. 9/1/1989 n.13 e D.M. 14.06.1989 n.236. " Prescrizioni tecniche necessarie a

Dettagli