PIANO REGOLATORE CIMITERIALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO REGOLATORE CIMITERIALE"

Transcript

1 COMUNE DI BRUNELLO PROVINCIA DI VARESE PIANO REGOLATORE CIMITERIALE Ai sensi art. 6 reg. Regionale n. 6 del 09/11/2004 e s.m.i. Allegato 03 Norme Tecniche di Attuazione approvato con delibera consiglio comunale n. / Progettisti:Geom Tiziano Bernardi Arch. Doriana Cerisara Il Sindaco Dott. Giuseppe Ghiringhelli Brunello lì:28/03/2014 testo aggiornato rispetto a documento adottato il 17/03/2013

2 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Art. 1 Finalità Il regolamento regionale n. 6 del e s.m.i., all art. 6 (attuativo della L.R. n. 22del18/11/03) prevede la stesura delle norme attuative del piano cimiteriale. La normativa seguente disciplina le attività e i servizi correlati al piano cimiteriale e si riferisce alle tavole di progetto. Il regolamento di polizia mortuaria che regola l impianto cimiteriale, ove in contrasto con le presenti norme, si ritiene superato. Si dovrà quindi provvedere all aggiornamento dello stesso nei tempi tecnici strettamente necessari. In fase di attuazione del piano cimiteriale sono ammesse variazioni allo stesso che non riducano il dimensionamento al di sotto del fabbisogno ventennale calcolato, che non riduca le dotazioni previste e che non operi modifiche sostanziali. Per tali variazioni sarà sufficiente l approvazione dei progetti di opere pubbliche, previo parere di ASL e ARPA, secondo la normativa vigente. Le disposizioni contenute nelle presenti norme tecniche di attuazione devono, in ogni caso, rispettare il dettato normativo presente nelle norme regionali e statali Art. 2 Definizioni 1. Inumazioni: sepolture di feretro in terra, definite inumazioni comuni, della durata di 10 anni computati dal giorno del seppellimento; Per quanto attiene alle caratteristiche dei feretri si applicano le norme di cui all art. 75 del D.P.R. 10 settembre 1990, n. 285 e s.m.e. i., insieme alle norme del Regolamento Regionale n. 6/2004, ed in particolare l art. 15 del medesimo regolamento regionale. 2. Tumulazione: sepoltura in loculo, nicchia, forno, tomba di famiglia, di feretro, cassetta di resti ossei, urna cineraria o contenitore di fenomeni cadaverici trasformativi o conservativi; a) le tumulazioni comprendono le sepolture di feretri, cassette per resti mortali, ossa e urna cinerarie, in opere murarie tradizionali e/o prefabbricate dette loculi. Questi sono realizzati dal comune, più raramente, quando si tratta della sistemazione di vecchie tombe interrate, anche dai concessionari delle aree. In essi sono conservati le spoglie mortali per un periodo determinato risultante dagli atti di concessione. Per le sepolture dal 1970 ad oggi la durata della concessione è fissata in 50 anni. E il Regolamento di Polizia Mortuaria che determina la durata delle concessioni, tenuto conto del Capo V del regolamento regionale. Le nuove sepolture avranno una durata della concessione di 30 anni, in accordo con quanto disposto dall art. 25 del R.R. 6/2004. b) le sepolture private a sistema di tumulazione sono soggette a concessione secondo le modalità previste dal Regolamento di Polizia Mortuaria. c) le caratteristiche dei feretri devono rispettare le norme dettate dagli art del D.P.R. 10 settembre 1990 n. 285, le modalità di tumulazione e le caratteristiche costruttive dei loculi sono dettate dagli articoli n dello stesso D.P.R. 10 settembre 1990 n. 285, unitamente alle norme e regolamenti regionali, ed in particolare l allegato 2 del regolamento regionale 6/2004. UTC Brunello (VA) 2/12

3 d) la tumulazione, nelle zone delle tombe esistenti, potrà avvenire in deroga ai requisiti del R.R. 6/2004 per un periodo massimo di venti anni dalla data di entrata in vigore del Regolamento stesso (cioè dal 10/02/2025). e) le zone in ampliamento destinate a tumulazione dovranno possedere i requisiti di cui ai punti 10.2 e Cremazione: riduzione in ceneri del feretro, dell esito di fenomeni cadaverici trasformativi conservativi, del contenitore e di parti anatomiche riconoscibili o di ossa. 4. Esumazione: disseppellimento di un cadavere precedentemente inumato: 1. l esumazione ordinaria viene eseguita scaduto il turno ordinario di inumazione fissato dal comune (almeno 10 anni) 2. l esumazione straordinaria viene eseguita prima dello scadere del turno ordinario di inumazione. 5. Estumulazione: disseppellimento di un cadavere precedentemente tumulato: l estumulazione ordinaria si ha quando è scaduta la concessione ovvero, prima di tale data, qualora si debba procedere in loco ad altra tumulazione dopo un periodo di almeno 20 anni, se eseguito in loculo stagno, o dopo 10 anni, se eseguito in loculo areato. l estumulazione straordinaria viene eseguita prima della scadenza della concessione, ovvero prima dei 20 anni, se eseguito in loculo stagno, e prima dei 10 anni, se eseguita in loculo areato. 6. Bara o cassa: cofano destinato a contenere un cadavere. 7. Cofano per trasporto salma: contenitore dotato di adeguata resistenza meccanica per il trasporto di una salma, atto ad impedirne la vista esterna e dotato di sistemi di garanzia contro la percolazione dei liquidi cadaverici. Se la tumulazione avviene in loculo stagno si fa ricorso anche al cofano di zinco che forma un rivestimento, di norma interno alla bara. 8. Urna cineraria: contenitore di ceneri. 9. Concessione di sepoltura cimiteriale: atto con il quale un soggetto avente titolo costituisce a favore di un terzo il diritto di uso di una porzione di suolo o manufatto cimiteriale. Si configura in una concessione amministrativa se rilasciata dal comune e in una cessione di un diritto reale d uso, se disposta da un soggetto di diritto privato. 10. Decadenza di concessione cimiteriale: atto unilaterale della pubblica amministrazione con il quale si interrompe la concessione prima della naturale scadenza per inadempienza del concessionario. 11. Revoca di concessione cimiteriale: atto unilaterale della pubblica amministrazione con quale si interrompe la concessione prima della naturale scadenza, per motivi di pubblica utilità. UTC Brunello (VA) 3/12

4 Art. 3 Sepolture private PIANO CIMITERIALE, Comune di Brunello (VA) a) le aree per le sepolture private sono concesse in uso (dal comune) per la costruzione di sepolture a sistema di tumulazione individuale. Tali aree possono essere concesse a famiglie, a collettività, a privati o a enti. b) alle sepolture private è concesso l uso di aree e di manufatti costruiti dal comune, solo se espressamente previsto. c) le concessioni in uso dei manufatti costruiti dal comune riguardano: a) le sepolture individuali (loculi, pose individuali in cellette ossario) b) sepolture per famiglie e collettività d) il rilascio della concessione è subordinato al pagamento del canone secondo il tariffario vigente. a) alle sepolture private si applicano le disposizioni generali stabilite dal DPR n. 285/1990 e s.m.e i. per le inumazioni e le esumazioni, per le tumulazioni e estumulazioni. b) l atto di concessione è stipulato ai sensi dell art. 107 comma 3 e seguenti del Dlg 18 agosto 2000 n. 267 e s.m.e i., previa assegnazione del manufatto da parte del competente ufficio cimitero del comune. e) il diritto d uso di una sepoltura consiste in una concessione amministrativa di diritto pubblico su di un bene soggetto a regime dei beni demaniali e lascia integro il diritto alla nuda proprietà che è del comune. Fatto salvo quanto previsto dall art. 824 comma 2 del C.C.. f) ogni concessione del diritto d uso di aree e/o manufatti deve risultare da apposito atto che contiene l individuazione della concessione, le condizioni e le clausole concessionarie, le norme che ne regolano il diritto d uso. L atto di concessione indica: a) la natura della concessione, la sua identificazione, il numero dei posti realizzati/realizzabili; b) la durata nel tempo della concessione; c) il titolare della concessione; d) le salme destinate ad essere accolte ovvero i criteri per la loro individuazione; e) eventuali restrizioni o estensione del diritto d uso in relazione all avvenuta corresponsione della tariffa prevista; f) gli obblighi e gli oneri cui è sottoposta la concessione, compresi gli obblighi di manutenzione e decadenza; g) la concessione dei loculi potrà essere rilasciata solo in presenza di un feretro da tumulare; è ammessa la sola prenotazione per l affiancamento del coniuge ancora in vita. Art. 4 Edicole private cappelle a) Le cappelle di famiglia sono edificate solo negli ambiti definiti nel piano cimiteriale. b) Al momento della presentazione della istanza di concessione dell area per l edificazione della cappella, il richiedente deve versare, importo di Diritti di Segreteria di E.400; importo che verrà in seguito aggiornato con deliberazioni dalla Giunta Comunale. L istanza va presentata in competente carta legale. UTC Brunello (VA) 4/12

5 c) Alla sottoscrizione dell Atto di Concessione deve essere versato l importo di concessione definito con tariffe deliberate dalla Giunta Comunale. d) La concessione è a tempo determinato. La sua durata non può essere superiore a 99 (novantanove) anni. Potrà essere rinnovata alla sua scadenza da eredi e/o aventi titolo, secondo quanto stabilito dalle specifiche norme comunali. Art. 5 Costruzioni di opere cimiteriali cappelle private a) La costruzione delle opere murarie, relative alle singole concessioni, saranno specificatamente regolamentate nel nuovo Locale Regolamento Cimiteriale (o Regolamento di Polizia Mortuaria) che andrà a sostituire il Locale Regolamento di Polizia Mortuaria. b) Le autorizzazioni per la costruzione di cappelle private sono rilasciate dall Amministrazione Comunale previo visto della Commissione del Paesaggio. Ogni opera all interno della struttura cimiteriale deve essere preceduta da un progetto redatto in conformità al piano cimiteriale, progetto che deve essere approvato dalle competenti autorità comunali e dall ASL competente, se necessario. Il progetto deve rispettare le disposizioni vigenti in materia con particolare riferimento al DPR 285/1990 e s.m.e i.. Non si applicano le disposizioni di cui al D.P.R. 6 giugno 2001 n. 380 costituendo il Piano cimiteriale approvato strumento pianificatorio e atto di trasformazione edilizia ed urbanistica del territorio. c) Il progetto della cappella privata deve: a) definire il numero delle salme nonché delle cassette per resti ossei o delle urne cinerarie previsto nel sepolcro, che dovrà corrispondere al numero nell atto di concessione; b) delineare con adeguato progetto grafico le caratteristiche costruttive e decorative del manufatto con tipologia costruttiva e l utilizzo di materiali tradizionalmente utilizzati all interno del cimitero ( colori intonaci gamma delle terre e uso di pietre colore gamma del grigio) c) indicare con assoluta chiarezza gli elementi identificativi delle salme e/o resti; d) delineare l area occupata dalla sepoltura che deve essere assolutamente contenuta nel perimetro della concessione assegnata e le opere in progetto non devono arrecare danno o pregiudizio alcuno alle aree ed opere confinanti, sia pubbliche che di altri privati; e) prevedere i tempi di esecuzione dei lavori e delle opere. Ogni variante apportata al progetto deve essere approvata dai competenti uffici in dipendenza della tipologia della variante stessa. La posa di lapidi ricordi, corpi illuminanti e altri manufatti deve essere autorizzata dal responsabile dell ufficio cimiteriale ed essere conforme alle specifiche regolamentari stabilite dal comune. E fatto obbligo di rispettare norme, regolamenti, leggi statali e regionali vigenti in materia, di ogni ordine e grado, anche se non espressamente citate nelle presenti norme, con particolare riferimento al regolamento comunale vigente di polizia mortuaria. UTC Brunello (VA) 5/12

6 Art. 6 Identificazione della sepoltura Ogni fossa di inumazione, loculo, tomba, nicchia è contraddistinta da un cippo, lapide o altro supporto sul quale sono riportati l indicazione del nome, della data di nascita e di morte del defunto. Lo stesso può lasciare espressa volontà contraria alla identificazione. Il gestore della sepoltura cimiteriale può apporre un ulteriore identificativo alfa-numerico progressivo delle sepolture. Art. 7 Dispersione delle ceneri In un cimitero comunale è previsto un luogo denominato giardino delle rimembranze dove è possibile disperdere le ceneri dei defunti provenienti da cremazioni. La dispersione delle ceneri è comunque consentita solo nei luoghi previsti dalla vigente legislazione, secondo la volontà del defunto, espressa nelle forme di legge, e previa autorizzazione di legge. Il comune provvederà, una volta realizzata l area, ad indicare una tipologia di targa di identificazione delle ceneri ivi disperse. Art. 8 Caratteristiche dei monumenti funebri Negli ampliamenti previsti del cimitero e per le diverse tipologie di sepoltura (inumazione e tumulazione) la realizzazione dei monumenti funebri, relativi quindi sia alla chiusura dei loculi che relativi alle tombe a terra, dovrà avvenire nel rispetto assoluto del decoro ed omogeneità di realizzazione sia per materiali lapidei che per dimensioni, colori e complementi (iscrizioni, portafoto, portafiori, lampade ecc..). Per la sepoltura nei campi comuni (inumazioni) non sono ammessi manufatti fissi e/o lapidei in genere. È ammessa solamente la sistemazione con ghiaietto bianco della superficie del terreno e la sistemazione di una lapide, di fattura simile a quelle esistenti nello stesso campo, con l indicazione dei dati necessari all identificazione del feretro. Per la sepoltura in tombe a terra( tumulazioni) l altezza del monumento tombale non deve superare quelli esistenti e in particolare non deve superare l altezza del monumento tombale a cui si affianca. I monumenti dovranno essere prevalentemente in pietra con l utilizzo preferibilmente di pietre della tradizione locale ovvero con pietre di colore gamma del grigio.. Sono vietati colori forti o accessi che sono di rottura con l armonia del posto Per la sepoltura in loculi e cinerari e per l utilizzo degli ossari dovrà essere utilizzato la lastra in pietra posata dal comune, o comunque una di stessa tipologia e colore. Ferme restando tutte le disposizioni già emanate in passato (che rimangono, quindi, valide ed efficaci per tali aspetti) circa le dimensioni e le caratteristiche relative ai monumenti funebri per tombe e a lastre per loculi ed ossari, da posizionare sui campi e colombari già esistenti, si stabilisce che per le future realizzazioni ed ampliamenti debbono osservarsi le indicazioni costruttive indicate nel regolamento regionale n. 6 del e s.m. e i.. e all art. 10 delle presenti norme. Art. 9 Azzonamento esterno in fascia di rispetto cimiteriale UTC Brunello (VA) 6/12

7 Nella zona di rispetto, per quanto attiene le modalità di intervento ai fini edificatori sono comunque fatte salve le specifiche disposizioni dettate dallo strumento urbanistico vigente. All interno dell area di rispetto possono essere realizzate opere di urbanizzazione primaria, aree a verde, parcheggi e relativa viabilità e servizi connessi e compatibili con l attività cimiteriale. All interno della zona di rispetto, per gli edifici esistenti, sono consentiti solamente interventi di recupero o interventi funzionali all edificio stesso, cambi di destinazione d uso e interventi ricompresi alle lettere a), b), c) e d) dell art. 27 L.R. 12/2005, nel rispetto comunque del vigente PGT. L ampliamento delle abitazioni esistenti all interno della fascia di rispetto cimiteriale sono normate in primis dall ultimo capoverso del Comma 4 dell.articolo 28 della Legge del 01/08/2002 n.166 Art. 10 Dimensioni e caratteristiche dei loculi Le caratteristiche e le dimensioni dei loculi dovranno essere conformi al regolamento regionale n. 6 del 09/11/2004 così come modificato dal regolamento regionale n. 1 del 06/02/2007. In particolare si precisa: a) Inumazioni 1) inumazioni adulti (cadaveri di persone con almeno 10 anni di età): 2,20x0,80 m; 2) inumazioni bambini: 1,50x0,50 m; 3) la distanza tra i feretri dovrà essere di almeno 0,30 m su ogni lato; 4) l utilizzazione delle fosse deve essere ordinata, deve farsi cominciando da un estremità di ciascun riquadro e deve proseguire senza soluzione di continuità. b) Tombe a sistema di tumulazione a) le tombe ed i monumenti esistenti potranno essere soggetti solamente a manutenzione e risanamento conservativo senza modifica delle dimensioni esistenti; b) ogni nuova tomba dovrà avere dimensioni interne non inferiori a 2,25x0,75x0,70; c) le nuove aree destinate al sistema delle tombe a tumulazione dovranno prevedere il vestibolo, cioè uno spazio, posto a lato delle casse contenenti i feretri, di dimensioni idonee al passaggio dei feretri. Tale vano servirà alla sistemazione dei feretri senza il movimento dei feretri esistenti. Tale funzione si riterrà assolta se il corridoio avrà dimensioni minime pari a 1,05 m, per alloggiamenti laterali, 2,50 m per alloggiamenti frontali. (vedere schemi allegati) c) Loculi 1) i loculi dovranno avere dimensioni interne minime pari a 2,25x0,75x0,70, al netto dello spessore della parete di chiusura; 2) la dimensione delle lastre, dei monumenti e le caratteristiche degli elementi accessori saranno da definire in occasione della costruzione dei nuovi corpi colombari; UTC Brunello (VA) 7/12

8 3) il piano di appoggio dei feretri dovrà avere adeguata inclinazione verso l interno per evitare fuoriuscite di liquidi; 4) il loculo viene messo a disposizione dall amministrazione comunale e sarà vietato modificare in alcun modo ciò che viene messo a disposizione; d) Ossarieti e cinerari a) i cinerari e gli ossarieti, sempre costruiti in esclusiva dall operatore pubblico, avranno caratteristiche tecniche analoghe a quelle relative ai colombari; b) le cellette ossario dovranno avere dimensioni interne minime di 0,70x0,30x0,30; c) le nicchie cinerarie dovranno avere dimensioni interne minime di 0,40x0,40x0,40; d) potranno essere realizzate cellette per contenere ossa o ceneri indistintamente con dimensioni minime pari a 0,70x0,40x0,40. e) Cappelle e tombe famigliari a) per la costruzione delle cappelle si dovrà richiedere regolare permesso di costruire e le stesse dovranno essere collaudate; b) le caratteristiche degli spazi interni alle cappelle saranno le stesse di cui ai punti precedenti; c) le cappelle non possono avere comunicazione con l esterno del cimitero; d) gli ambiti in cui potranno essere edificate le cappelle saranno definiti dall amministrazione comunale che definirà anche le caratteristiche geometriche, morfologiche e tecniche a cui i progetti dovranno allinearsi; SCHEMI DI TOMBE A SISTEMA DI TUMULAZIONE Di seguito vengono riportati schemi che potranno essere attuati. Non viene indicata graficamente la modalità di tumulazione ad un solo livello che potrà essere comunque attuata in sede di progettazione esecutiva dell ampliamento cimitero e che potrà essere riproposta nella parte di cimitero preesistente. Infine si segnala che le tumulazioni nell esistente cimitero sono sempre avvenute su due livelli. Ci si riserva la facoltà di adottare lo schema di tumulazione a tre livelli a seguito dell esito della studio geologico che verrà allegato al progetto esecutivo di ampliamento del cimitero. UTC Brunello (VA) 8/12

9 UTC Brunello (VA) 9/12

10 UTC Brunello (VA) 10/12

11 UTC Brunello (VA) 11/12

12 UTC Brunello (VA) 12/12

NORME DI EDILIZIA CIMITERIALE

NORME DI EDILIZIA CIMITERIALE COMUNE DI MOENA UFFICIO TECNICO Piaz de Sotegrava, 20 38035 Moena (TN) Tel. 0462.573200 - Fax 0462.574366 e-mail PEC: moena@legalmail.it NORME DI EDILIZIA CIMITERIALE - Art. 1 - CARATTERISTICHE E DIMENSIONI

Dettagli

TIPOLOGIA. Concessione decennale ossari/cinerari doppi. 9^ - 10^ - 11^ - 12^ fila 88,00 212,00. Concessione ventennale ossari/cinerari doppi

TIPOLOGIA. Concessione decennale ossari/cinerari doppi. 9^ - 10^ - 11^ - 12^ fila 88,00 212,00. Concessione ventennale ossari/cinerari doppi PROPOSTA ADEGUAMENTO TARIFFE CONCESSIONI CIMITERIALI Concessione quarantennale di loculo di punta. Dal corrispettivo della concessione sono escluse le operazioni di apertura loculo, l inserimento del feretro

Dettagli

COMUNE DI FOLLO REGOLAMENTO RELATIVO ALLE CREMAZIONI

COMUNE DI FOLLO REGOLAMENTO RELATIVO ALLE CREMAZIONI COMUNE DI FOLLO Provincia di La Spezia REGOLAMENTO RELATIVO ALLE CREMAZIONI Regolamento relativo alle cremazioni, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti.

Dettagli

4 Esumazione ordinaria e straordinaria (entrambe effettuabili a richiesta)

4 Esumazione ordinaria e straordinaria (entrambe effettuabili a richiesta) 1 Concessione loculo. 2.000,00 2 Concessione celletta ossario. 400,00 3 Seppellimento in terra di una salma (inumazione) o di un'urna cineraria Con l'approvazione del nuovo Regolamento di Polizia Mortuaria

Dettagli

A voti unanimi e palesi;

A voti unanimi e palesi; Prot. n. (PRC/06/17015) ------------------------------------------------------------------ LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Visto il D.P.R. 10 settembre 1990. n. 285 Approvazione del regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CIMITERO

REGOLAMENTO DEL CIMITERO REGOLAMENTO DEL CIMITERO I. SORVEGLIANZA Art. 1 Il cimitero è posto sotto la sorveglianza del Municipio. II. ORARI Art. 2 Il cimitero rimane aperto al pubblico ininterrottamente, eventuali limitazioni

Dettagli

COMUNE DI LOMBRIASCO PROVINCIA DI TORINO

COMUNE DI LOMBRIASCO PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI LOMBRIASCO PROVINCIA DI TORINO COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 31 OGGETTO: DETERMINAZIONE TARIFFE CIMITERIALI L anno duemilaquindici addì sei del mese di agosto alle ore

Dettagli

COMUNE DI MATERA CITTA' DEI SASSI Segreteria Generale TABELLA DELLE TARIFFE PER I TRASPORTI FUNEBRI

COMUNE DI MATERA CITTA' DEI SASSI Segreteria Generale TABELLA DELLE TARIFFE PER I TRASPORTI FUNEBRI COMUNE DI MATERA CITTA' DEI SASSI Segreteria Generale TABELLA DELLE TARIFFE PER I TRASPORTI FUNEBRI Approvata con atto di G.C. n. 679 del 25.07.1996 1 A) TRASPORTO FUNEBRE DI ADULTI CON FUNERALE NEL TERRITORIO

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Concessione dei loculi individuali, rinnovo e decadenza

Art. 1 Finalità. Art. 2 Concessione dei loculi individuali, rinnovo e decadenza 1 PROGETTO DI LEGGE DI MODIFICA AL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA DEL 15 MARZO 1910 Art. 1 Finalità 1. Al fine di assicurare la sepoltura nei cimiteri della Repubblica, nella forma della tumulazione,

Dettagli

Tariffario per i servizi e concessioni cimiteriali 2014

Tariffario per i servizi e concessioni cimiteriali 2014 (In vigore dal 1/3/201_ - delibera di Giunta Comunale n. del ) Parte prima - Servizi Cimiteriali Concessione o rinnovo della concessione del diritto d uso di aree per la Imponibile2014 IVA costruzione

Dettagli

C O M U N E D I C A P O L O N A (Provincia di Arezzo)

C O M U N E D I C A P O L O N A (Provincia di Arezzo) C O M U N E D I C A P O L O N A (Provincia di Arezzo) ------------- REGOLAMENTO RELATIVO ALLA CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. (Approvato con

Dettagli

SETTORE COMUNICAZIONE/INFORMAZIONE/INNOVAZIONE Allegato A) alla delibera di G.C. n. 53 del 29/05/2015

SETTORE COMUNICAZIONE/INFORMAZIONE/INNOVAZIONE Allegato A) alla delibera di G.C. n. 53 del 29/05/2015 SETTORE COMUNICAZIONE/INFORMAZIONE/INNOVAZIONE Allegato A) alla delibera di G.C. n. 53 del 29/05/2015 2014 2015 Tariffe fotocopie B/N A4 0,15 0,15 A3 0,25 0,25 Tariffe fotocopie COLORE A4 0,20 0,20 A3

Dettagli

Comune di Chiauci (Provincia di Isernia) Regolamento per la concessione dei loculi e degli ossari cimiteriali

Comune di Chiauci (Provincia di Isernia) Regolamento per la concessione dei loculi e degli ossari cimiteriali Comune di Chiauci (Provincia di Isernia) Regolamento per la concessione dei loculi e degli ossari cimiteriali Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 05 del 21/03/2013 Art. 1 - Oggetto del

Dettagli

DISCIPLINA CONCESSIONI IN USO CIMITERIALE PRESSO IL COMUNE DI GENZANO DI ROMA

DISCIPLINA CONCESSIONI IN USO CIMITERIALE PRESSO IL COMUNE DI GENZANO DI ROMA DISCIPLINA CONCESSIONI IN USO CIMITERIALE PRESSO IL COMUNE DI GENZANO DI ROMA Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n.35 del 06/06/2014 e modificato con atto del Consiglio Comunale n. 30 del 30/07/2015.

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CONCESSIONI CIMITERIALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CONCESSIONI CIMITERIALI REGOLAMENTO IN MATERIA DI CONCESSIONI CIMITERIALI APPROVATO CON DELIBERA CONSILIARE N 5 del 25.03.2011 INDICE: Art. 1 Definizione di Concessione Art. 2 Requisiti per le inumazioni e tumulazioni nel Comune

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI C O M U N E D I S I D E R N O ( P r o v i n c i a d i R e g g i o C a l a b r i a ) REGOLAMENTO COMUNALE SULLA CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI approvato con delibera Commissario Straordinario n

Dettagli

M A D O N N A D E L S A S S O Provincia del Verbano Cusio Ossola

M A D O N N A D E L S A S S O Provincia del Verbano Cusio Ossola COMUNE DI M A D O N N A D E L S A S S O Provincia del Verbano Cusio Ossola REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI Adottato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLION FIBOCCHI PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO CONCESSIONE MANUFATTI CIMITERIALI (LOCULI TOMBE CELLETTE OSSARIO)

COMUNE DI CASTIGLION FIBOCCHI PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO CONCESSIONE MANUFATTI CIMITERIALI (LOCULI TOMBE CELLETTE OSSARIO) COMUNE DI CASTIGLION FIBOCCHI PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO CONCESSIONE MANUFATTI CIMITERIALI (LOCULI TOMBE CELLETTE OSSARIO) Approvato con delibera C.C. n. 28 del 28.02.1997 successive modifiche: delibera

Dettagli

Regolamento per la disciplina delle concessioni dei loculi cimiteriali comunali

Regolamento per la disciplina delle concessioni dei loculi cimiteriali comunali Comune di CINQUEFRONDI Provincia di REGGIO CALABRIA Regolamento per la disciplina delle concessioni dei loculi cimiteriali comunali Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 64 del 30/10/2015 Art.

Dettagli

COMUNE DI PREMOSELLO-CHIOVENDA PROVINCIA DEL VERBANO-CUSIO-OSSOLA

COMUNE DI PREMOSELLO-CHIOVENDA PROVINCIA DEL VERBANO-CUSIO-OSSOLA COMUNE DI PREMOSELLO-CHIOVENDA PROVINCIA DEL VERBANO-CUSIO-OSSOLA REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Art. 1

Dettagli

Decreto Presidente della Repubblica 10 agosto 1990, n. 285 (Approvazione del) Nuovo Regolamento di Polizia Mortuaria

Decreto Presidente della Repubblica 10 agosto 1990, n. 285 (Approvazione del) Nuovo Regolamento di Polizia Mortuaria Decreto Presidente della Repubblica 10 agosto 1990, n. 285 (Approvazione del) Nuovo Regolamento di Polizia Mortuaria artt. da 1 a 53 (omissis) art. 54 1. Gli uffici comunali o consorziali competenti devono

Dettagli

CITTA DI RECCO (Provincia di Genova) DECORATA DI MEDAGLIA D ORO AL MERITO CIVILE

CITTA DI RECCO (Provincia di Genova) DECORATA DI MEDAGLIA D ORO AL MERITO CIVILE CITTA DI RECCO (Provincia di Genova) DECORATA DI MEDAGLIA D ORO AL MERITO CIVILE REGOLAMENTO IN MATERIA DI CREMAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

C i t t à d i M a r i g l i a n o (Provincia di Napoli)

C i t t à d i M a r i g l i a n o (Provincia di Napoli) C i t t à d i M a r i g l i a n o (Provincia di Napoli) Regolamento per concessioni di lotti residui di terreno per la realizzazione di Cappelle Gentilizie e/o Edicole nel cimitero vecchio. (approvato

Dettagli

Determinazione Dirigenziale

Determinazione Dirigenziale DIPARTIMENTO TUTELA AMBIENTALE - PROTEZIONE CIVILE DIREZIONE GESTIONE TERRITORIALE AMBIENTALE E DEL VERDE Determinazione Dirigenziale NUMERO REPERTORIO QL/2030/2014 del 15/dic/14 NUMERO PROTOCOLLO QL/83553/2014

Dettagli

COMUNE DI LIMONE PIEMONTE. Regolamento per la esecuzione diretta delle opere di urbanizzazione a scomputo degli oneri di urbanizzazione

COMUNE DI LIMONE PIEMONTE. Regolamento per la esecuzione diretta delle opere di urbanizzazione a scomputo degli oneri di urbanizzazione COMUNE DI LIMONE PIEMONTE Regolamento per la esecuzione diretta delle opere di urbanizzazione a scomputo degli oneri di urbanizzazione Approvato con deliberazione del C.C. n. 85 del 18-11-2008 OPERE DI

Dettagli

COMUNE DI BUSSERO Città Metropolitana di Milano

COMUNE DI BUSSERO Città Metropolitana di Milano PROSPETTO TARIFFE COMUNALI Sommario Servizi Demografici:...2 Diritti di Segreteria...2 Rilascio copie liste elettorali:...2 Diritti fissi:...2 Celebrazione matrimoni civili:...3 Servizio Affari Generali:...4

Dettagli

COMUNE DI MONTEPULCIANO PROVINCIA DI SIENA

COMUNE DI MONTEPULCIANO PROVINCIA DI SIENA COMUNE DI MONTEPULCIANO PROVINCIA DI SIENA Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri dei defunti. (emanato ai sensi della Legge n. 130 del 30/3/2001 e

Dettagli

COMUNE DI MONTEPULCIANO. Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri dei defunti.

COMUNE DI MONTEPULCIANO. Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri dei defunti. COMUNE DI MONTEPULCIANO PROVINCIA DI SIENA Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri dei defunti. (emanato ai sensi della Legge n. 130 del 30.3.2001 e

Dettagli

C O M U N E DI V I N O V O POLIZIA MORTUARIA

C O M U N E DI V I N O V O POLIZIA MORTUARIA C O M U N E DI V I N O V O POLIZIA MORTUARIA DENUNCIA ARRIVO SALMA O RESTI DENUNCIA ARRIVO SALMA/ RESTI (Mod.1) TUMULAZIONE/ ESTUMULAZIONE TUMULAZIONE IN TOMBA PRIVATA (Mod.2) TUMULAZIONE IN LOCULO/OSSARIO

Dettagli

COMUNE DI MONTEBELLUNA (Provincia di Treviso) Norme regolamentari in materia funeraria, integrative al regolamento comunale di Polizia Mortuaria

COMUNE DI MONTEBELLUNA (Provincia di Treviso) Norme regolamentari in materia funeraria, integrative al regolamento comunale di Polizia Mortuaria COMUNE DI MONTEBELLUNA (Provincia di Treviso) Norme regolamentari in materia funeraria, integrative al regolamento comunale di Polizia Mortuaria Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 29/12/2010

Dettagli

Regolamento Comunale per la disciplina delle concessioni cimiteriali. COMUNE DI FRASCAROLO Provincia di Pavia

Regolamento Comunale per la disciplina delle concessioni cimiteriali. COMUNE DI FRASCAROLO Provincia di Pavia COMUNE DI FRASCAROLO Provincia di Pavia Allegato alla delibera di Consiglio Comunale n. 18 del 01.07.2015 Regolamento Comunale per la disciplina delle concessioni cimiteriali INDICE Art.1 - OGGETTO DEL

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO COMUNALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE N 13 ADOTTATA DAL CONSIGLIO COMUNALE IN SEDUTA 24 APRILE 2009 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO COMUNALE SOMMARIO Art. DESCRIZIONE Art. DESCRIZIONE

Dettagli

TABELLA RIEPILOGATIVA TARIFFE OPERAZIONI CIMITERIALI

TABELLA RIEPILOGATIVA TARIFFE OPERAZIONI CIMITERIALI TABELLA RIEPILOGATIVA TARIFFE OPERAZIONI CIMITERIALI OPERAZIONI IN LOCULO 1 TUMULAZIONE IN LOCULO FRONTALE 170,00 + IVA 2 ESTUMULAZIONE IN LOCULO FRONTALE 170,00 + IVA 3 TUMULAZIONE IN LOCULO LATERALE

Dettagli

ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE

ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: ESAME ED APPROVAZIONE MODIFICA DEL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA. L'anno Duemilaquattordici il giorno Diciassette del mese di Luglio alle ore 17.00, nella sala delle

Dettagli

TARIFFE OPERAZIONI CIMITERIALI CIMITERI DI RHO

TARIFFE OPERAZIONI CIMITERIALI CIMITERI DI RHO TARIFFE OPERAZIONI CIMITERIALI CIMITERI DI RHO - Scavo fossa campo comune/inumazione 190,00= - Scavo fossa campo ventennale 190,00= - Scavo fossa campo non decomposti 190,00= - Tumulazione salma in colombario

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE n.718 del

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE n.718 del DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE n.718 del 12-6-2013 Oggetto: Loculi comunali attribuiti per l immediato seppellimento - Recupero somme a seguito del mancato pagamento dei canoni di concessione dovuti. Attuazione

Dettagli

COMUNE DI MANDELA Provincia di Roma

COMUNE DI MANDELA Provincia di Roma COMUNE DI MANDELA Provincia di Roma REGOLAMENTO DEI CONTRATTI CIMITERIALI (Approvazione Modifiche Regolamento con delibera C.C. n 23 del 28/09/2007) DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Tumulazioni 1. Nei cimiteri

Dettagli

TARIFFE OPERAZIONI CIMITERIALI CIMITERI DI RHO

TARIFFE OPERAZIONI CIMITERIALI CIMITERI DI RHO TARIFFE OPERAZIONI CIMITERIALI CIMITERI DI RHO - Scavo fossa campo comune/inumazione 190,20= - Scavo fossa campo ventennale 190,20= - Scavo fossa campo non decomposti 190,20= - Tumulazione salma in colombario

Dettagli

La legislazione funeraria dell Emilia Romagna Pierluigi Mancini

La legislazione funeraria dell Emilia Romagna Pierluigi Mancini Pierluigi Mancini L.R. 19/2004 Disciplina in materia funeraria e di polizia mortuaria, entrata in vigore il 13 agosto 2004 Modificata con L.R. 14/2005 art. 29 I tre regolamenti successivi: a) Modalità

Dettagli

COMUNE DI CASTELL ARQUATO RINNOVO DELLA CONCESSIONE D USO DI AREA POSTA NEL CIMITERO DI. (Art. 68 Regolamento Comunale di Polizia Mortuaria)

COMUNE DI CASTELL ARQUATO RINNOVO DELLA CONCESSIONE D USO DI AREA POSTA NEL CIMITERO DI. (Art. 68 Regolamento Comunale di Polizia Mortuaria) COMUNE DI CASTELL ARQUATO REGISTRO SCADENZIARIO N.. PROVINCIA DI PIACENZA Marca da bollo 16,00 RINNOVO DELLA CONCESSIONE D USO DI AREA POSTA NEL CIMITERO DI (Art. 68 Regolamento Comunale di Polizia Mortuaria)

Dettagli

COMUNE DI TRICASE Provincia di Lecce

COMUNE DI TRICASE Provincia di Lecce COMUNE DI TRICASE Provincia di Lecce Settore Ambiente, SIT, Espropriazioni, Manutenzioni, Energia Piazza Pisanelli - 73039 Tricase Tel. 0833777111 - Fax 0833770527 AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE

Dettagli

COMUNE DI SERAVEZZA. Provincia di Lucca DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Numero 128 del

COMUNE DI SERAVEZZA. Provincia di Lucca DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Numero 128 del COMUNE DI SERAVEZZA Provincia di Lucca DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 128 del 11-11-15 -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

TRASPORTO SALME. Trasporto all'interno del Comune di Piombino e Trasporto fuori dal territorio del Comune di Piombino

TRASPORTO SALME. Trasporto all'interno del Comune di Piombino e Trasporto fuori dal territorio del Comune di Piombino TRASPORTO SALME Il trasporto della salma e l istruzione della relativa pratica, di solito, vengono effettuate dalle imprese funebri incaricate dai congiunti del defunto, perché sono in possesso dei mezzi

Dettagli

Comune di Tradate Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Comune di Tradate Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Comune di Tradate Verbale di deliberazione della Giunta Comunale N. 080 Registro Deliberazioni Oggetto: Variazione dei prezzi e delle condizioni delle concessioni cimiteriali presso i cimiteri comunali

Dettagli

INDICE. Art. 10 OSSARI OSSARIO E CINERARIO COMUNE. pag. 7

INDICE. Art. 10 OSSARI OSSARIO E CINERARIO COMUNE. pag. 7 INDICE Art. 1 CAMPO DI OPERATIVITA' E CONTENUTI DEL PIANO pag. 2 Art. 2 EFFETTI DEL PIANO pag. 3 Art. 3 MODALITA' DI ATTUAZIONE DEL PIANO CIMITERIALE pag. 3 Art. 4 ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI ED AUTORIZZAZIONI

Dettagli

Pianificazione Cimiteriale: fra nuove regole e antichi doveri

Pianificazione Cimiteriale: fra nuove regole e antichi doveri Pianificazione Cimiteriale: fra nuove regole e antichi doveri Lo stato dell arte in Regione Toscana Quali ambiti prevede la normativa? Trasporto di salme e cadaveri Cremazione Certificazione di morte Loculi

Dettagli

Art. 2 Conservazione, affidamento e dispersione delle ceneri.

Art. 2 Conservazione, affidamento e dispersione delle ceneri. CITTÀ DI ALBA PROVINCIA DI CUNEO UFFICIO DELLO STATO CIVILE tel. 0173 29 22 15 fax 0173 29 23 03 e-mail stato civile@comune.alba.cn.it REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE

Dettagli

COMUNE DI MASSA E COZZILE (PROVINCIA DI PISTOIA)

COMUNE DI MASSA E COZZILE (PROVINCIA DI PISTOIA) COMUNE DI MASSA E COZZILE (PROVINCIA DI PISTOIA) REGOLAMENTO PER LE CONCESSIONI CIMITERIALI ART. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento si applica ai Cimiteri Comunali comunque gestiti. ART. 2 - Sepolture

Dettagli

CITTA di VENTIMIGLIA (IM) SETTORE SERVIZI DEMOGRAFICI UFFICIO POLIZIA MORTUARIA

CITTA di VENTIMIGLIA (IM) SETTORE SERVIZI DEMOGRAFICI UFFICIO POLIZIA MORTUARIA CITTA di VENTIMIGLIA (IM) SETTORE SERVIZI DEMOGRAFICI UFFICIO POLIZIA MORTUARIA Regolamento relativo alla dispersione ed alla conservazione personale derivanti dalla cremazione dei defunti. delle ceneri

Dettagli

a) studio di fattibilità ambientale (art. 27 DPR207/2010)

a) studio di fattibilità ambientale (art. 27 DPR207/2010) SETTEMBRE 2015 a) studio di fattibilità ambientale (art. 27 DPR207/2010) b) relazione descrittiva del progetto e tecnica delle opere architettoniche (art.li 25 e 26 RELAZIONE TECNICA GENERALE DPR207/2010)

Dettagli

COMUNE DI CAMISANO VICENTINO

COMUNE DI CAMISANO VICENTINO COMUNE DI CAMISANO VICENTINO Provincia di Vicenza REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DEI DEFUNTI Approvato con deliberazione consiliare n. 41 del 20.09.2006

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. DEL 1 SOMMARIO Art. DESCRIZIONE CAPO I NORME GENERALI 1 Oggetto del Regolamento

Dettagli

C O M U N E D I S A N A R I C A

C O M U N E D I S A N A R I C A C O M U N E D I S A N A R I C A Provincia di Lecce Via Roma n. 20 c.a.p. 73030 Tel. 0836/343218 Fax 0836/341085 Codice Fiscale 83001650759 Partita IVA 01777260751 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE

Dettagli

COMUNE DI CAMPORANCO

COMUNE DI CAMPORANCO COMUNE DI CAMPORANCO Provincia di Caltanissetta REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI LOCULI COMUNALI Approvato con Deliberazione di C. C. n. 88 del 29/12/1998 successive modifiche ed integrazioni apportate

Dettagli

COMUNE DI CONDOVE PROVINCIA DI TORINO Piazza Martiri della Libertà n CONDOVE

COMUNE DI CONDOVE PROVINCIA DI TORINO Piazza Martiri della Libertà n CONDOVE COMUNE DI CONDOVE PROVINCIA DI TORINO Piazza Martiri della Libertà n.7 10055 CONDOVE Tel. 0119643102 Fax 0119644197 P.IVA: 01468460017 e.mail:protocollo@comune.condove.to.it www.comune.condove.to.it REGOLAMENTO

Dettagli

Comune di Gonnesa. Regolamento relativo alle cremazioni, affidamento, conservazione e. dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti

Comune di Gonnesa. Regolamento relativo alle cremazioni, affidamento, conservazione e. dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti Comune di Gonnesa Regolamento relativo alle cremazioni, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti (Approvato con deliberazione C.C. N. 9 del 26.05.2014,

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA. REGOLAMENTO per la concessione di aree e loculi cimiteriali

PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA. REGOLAMENTO per la concessione di aree e loculi cimiteriali C O M U N E D I C A L A N N A PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA REGOLAMENTO per la concessione di aree e loculi cimiteriali Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 28 in data 30/12/2015 REGOLAMENTO

Dettagli

CITTÀ DI SUSA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

CITTÀ DI SUSA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI CITTÀ DI SUSA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 15 DEL 23 APRILE 2013 1 INDICE Art. 1 -

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N.20 DEL 25.11.2015 COMUNE DI VALLEPIETRA PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI SOMMARIO CAPO I

Dettagli

Tariffa unitaria 1 130, , , , , , , ,00

Tariffa unitaria 1 130, , , , , , , ,00 ELENCO PREZZI Descrizione operazione o bene n.o. Tariffa unitaria Inumazione feretro: deposizione feretro, riempimento fossa con terra di risulta, posa croce o stelo, pulizia zona circostante l'inumazione

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO PER LA CONCESSIONE DI AREE PER LA COSTRUZIONE DI CAPPELLE DI FAMIGLIA SITE NEL CIMITERO DI PISTRINO IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

AVVISO PUBBLICO BANDO PER LA CONCESSIONE DI AREE PER LA COSTRUZIONE DI CAPPELLE DI FAMIGLIA SITE NEL CIMITERO DI PISTRINO IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AVVISO PUBBLICO BANDO PER LA CONCESSIONE DI AREE PER LA COSTRUZIONE DI CAPPELLE DI FAMIGLIA SITE NEL CIMITERO DI PISTRINO IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO In esecuzione della deliberazione della Giunta Comunale

Dettagli

Regolamento Cimiteriale

Regolamento Cimiteriale COMUNE DI PRAIA A MARE Provincia di Cosenza Piazza Municipio,1 87028 Praia a Mare (CS) - Tel. 0985 72353 Fax 0985 72555 www.comune.praia-a-mare.cs.it compraia@tin.it Approvato con Delibera di Consiglio

Dettagli

DI ESSERE A CONOSCENZA DELLA VOLONTÀ DI ESSERE CREMATO ESPRESSA IN VITA

DI ESSERE A CONOSCENZA DELLA VOLONTÀ DI ESSERE CREMATO ESPRESSA IN VITA Imposta di bollo AL COMUNE DI MIRANDOLA UFFICIO DI POLIZIA MORTUARIA DICHIARAZIONE DI CONOSCENZA DELLA VOLONTA DEL CONGIUNTO DEFUNTO DI ESSERE CREMATO E PER L EVENTUALE AFFIDO/DISPERSIONE DELLE CENERI

Dettagli

COMUNE DI SURANO PROVINCIA DI LECCE

COMUNE DI SURANO PROVINCIA DI LECCE COMUNE DI SURANO PROVINCIA DI LECCE 2 Settore Area Tecnica REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS Approvato con Deliberazione del Consiglio

Dettagli

Proposta al Consiglio Comunale

Proposta al Consiglio Comunale Proposta al Consiglio Comunale OGGETTO: CONCESSIONE DI SERVIZI PER LA GESTIONE INTEGRALE DEL CIMITERO COMUNALE E LAVORI ACCESSORI 2014/2043 - APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DELL'ATTO DI CONCESSIONE E RELATIVI

Dettagli

Scheda F. Di stabilire per l anno 2013, confermandole, le seguenti tariffe per la concessione trentennale dei loculi:

Scheda F. Di stabilire per l anno 2013, confermandole, le seguenti tariffe per la concessione trentennale dei loculi: Scheda F Tariffe concessione loculi - cellette ossario - aree cimiteriali Di stabilire per l anno 2013, confermandole, le seguenti tariffe per la concessione trentennale dei loculi: RESIDENTI (riferito

Dettagli

Registro Generale n. 558 del Registro Settore n. 66 del

Registro Generale n. 558 del Registro Settore n. 66 del Comune di Marigliano Provincia di Napoli DETERMINAZIONE SETTORE III Servizi Cimiteriali, SUAP Edilizia Sportiva Edilizia Scolastica protezione Civile RESPONSABILE DEL SETTORE: ing.andrea Ciccarelli Registro

Dettagli

PIANO CIMITERIALE NORMATIVA TECNICA DI ATTUAZIONE

PIANO CIMITERIALE NORMATIVA TECNICA DI ATTUAZIONE COMUNE DI PEREGO Provincia di Lecco PIANO CIMITERIALE NORMATIVA TECNICA DI ATTUAZIONE Contenuti del Piano Cimiteriale Comunale Il Piano Cimiteriale Comunale è redatto ai sensi dell art. 6 del Regolamento

Dettagli

AREA AMMINISTRATIVA/ECONOMICO-FINANZIARIA Servizi cimiteriali. Determinazione n. 25 in data

AREA AMMINISTRATIVA/ECONOMICO-FINANZIARIA Servizi cimiteriali. Determinazione n. 25 in data COMUNE DI GRANOZZO CON MONTICELLO Provincia di Novara Via Matteotti 15 28060 Granozzo con Monticello - Tel. 0321/55113 Fax 0321/550002 Codice fiscale 80013960036 - Partita Iva 00467930038 responsabiletributi.granozzo.con.monticello@ruparpiemonte.it

Dettagli

COMUNE DI BARBERINO DI MUGELLO Provincia di Firenze

COMUNE DI BARBERINO DI MUGELLO Provincia di Firenze COMUNE DI BARBERINO DI MUGELLO Provincia di Firenze REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

COMUNE DI SAN GIMIGNANO

COMUNE DI SAN GIMIGNANO COMUNE DI SAN GIMIGNANO Regolamento relativo a cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO COMUNALE. Per l illuminazione votiva dei cimiteri

PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO COMUNALE. Per l illuminazione votiva dei cimiteri COMUNE DI POPPI PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO COMUNALE Per l illuminazione votiva dei cimiteri Approvato con Deliberazione di C.C. n. 91 del 07/12/2005 1 SOMMARIO Articolo DESCRIZIONE CAPO I - NORME

Dettagli

9^ - 10^ - 11^ - 12^ fila 88,00 8 Concessione ventennale ossari/cinerari doppi

9^ - 10^ - 11^ - 12^ fila 88,00 8 Concessione ventennale ossari/cinerari doppi ALLEGATO A TARIFFE CONCESSIONI CIMITERIALI 2012 1 Concessione quarantennale di loculo di 1.610,00 punta. Dal corrispettivo della concessione sono escluse le operazioni di apertura loculo, l inserimento

Dettagli

PIANO REGOLATORE CIMITERIALE

PIANO REGOLATORE CIMITERIALE IL TECNICO ESTENSORE IL SINDACO IL SEGRETARIO COMUNALE IN ALLEGATO ALLA DELIBERA N DEL PIANO REGOLATORE CIMITERIALE Comune di GENIVOLTA Provincia di Cremona Allegato n. : B Titolo : 1 NORME TECNICHE DI

Dettagli

CITTA DI STRESA Provincia del Verbano Cusio Ossola Servizi Demografici e Cimiteriali

CITTA DI STRESA Provincia del Verbano Cusio Ossola Servizi Demografici e Cimiteriali CITTA DI STRESA Provincia del Verbano Cusio Ossola Servizi Demografici e Cimiteriali SERVIZI CIMITERIALI - CONCESSIONE CIMITERIALE DI SEPOLTURA INDIVIDUALE I servizi cimiteriali si occupano di tutti gli

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Approvato con deliberazione di C.C. n.10 del 29.02.2000 Modificato con deliberazione di C.C. n. 11 del 29.05.2012 Integrato e modificato con deliberazione di C.C. n. 9

Dettagli

INTERVENTO UNITARIO CONVENZIONATO (IUC 8) VILLA ACQUA BONA

INTERVENTO UNITARIO CONVENZIONATO (IUC 8) VILLA ACQUA BONA Comune di San Lazzaro di Savena Bologna INTERVENTO UNITARIO CONVENZIONATO (IUC 8) VILLA ACQUA BONA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ELABORATO SOSTITUTIVO 06/02/2014 Art. 1 ELEMENTI COSTITUTIVI Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di SOZZAGO Provincia di Novara REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI S O M M A R

Dettagli

Comune di Giba. (C.A.P ) Tel. (0781) Fax REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DELLE AREE PER PARCHEGGI

Comune di Giba. (C.A.P ) Tel. (0781) Fax REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DELLE AREE PER PARCHEGGI Comune di Giba (C.A.P. 09010) Tel. (0781) 964023-964057 - Fax 964470 REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DELLE AREE PER PARCHEGGI (Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 16 del 04/03/2013)

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di SAN PRISCO Provincia di Caserta REGOLAMENTO COMUNALE PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE DELLE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO COMUNALE Regolamento approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI CASALE MARITTIMO PROVINCIA DI PISA

COMUNE DI CASALE MARITTIMO PROVINCIA DI PISA COMUNE DI CASALE MARITTIMO PROVINCIA DI PISA SERVIZI CIMITERIALI E POLIZIA MORTUARIA REGOLAMENTO PER LA CREMAZIONE, LA CONSERVAZIONE, L AFFIDAMENTO E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE

Dettagli

Regolamento relativo a cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti.

Regolamento relativo a cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Regolamento relativo a cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Art. 1 - Oggetto e finalità Il presente regolamento disciplina la cremazione,

Dettagli

Comune di Magliano in Toscana Provincia di Grosseto

Comune di Magliano in Toscana Provincia di Grosseto Comune di Magliano in Toscana Provincia di Grosseto Via XXIV Maggio n 9 58051 Magliano in Toscana (GR) Telefono 0564 59341 Fax 0564 592517 e-mail: info@comune.maglianointoscana.gr.it Regolamento Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO DEI SERVIZI FUNERARI, NECROSCOPICI, CIMITERIALI E DI POLIZIA MORTUARIA

REGOLAMENTO DEI SERVIZI FUNERARI, NECROSCOPICI, CIMITERIALI E DI POLIZIA MORTUARIA REGIONE LOMBARDIA COMUNE DI RIVOLTA D ADDA REGOLAMENTO DEI SERVIZI FUNERARI, NECROSCOPICI, CIMITERIALI E DI POLIZIA MORTUARIA Approvato con delib. C.C. n. 64 del 23 dicembre 2005 Modificato con delib.

Dettagli

CASTEL SAN PIETRO TERME

CASTEL SAN PIETRO TERME Associazione Nazionale Ufficiali di Stato Civile e d Anagrafe Seminario di aggiornamento professionale LA MORTE MAI NON MUORE LA DISCIPLINA E LE PROCEDURE NEI DECESSI, NELLA NORMATIVA NAZIONALE E REGIONALE

Dettagli

Città di Latisana. Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA

Città di Latisana. Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA Città di Latisana Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA Aggiornato ai sensi del D.P.R. 10.09.1990 n. 285 e della L.R. 21.10.2011 n. 12 Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI TORTOLI' COPIA DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO

COMUNE DI TORTOLI' COPIA DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO COMUNE DI TORTOLI' Provincia dell'ogliastra COPIA DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO n. 23 del 04/02/2014 OGGETTO: Modifica al Regolamento Comunale di Polizia mortuaria, approvato con delibera

Dettagli

COMUNE DI SOLBIATE ARNO Provincia di Varese. Regolamento di Polizia Mortuaria

COMUNE DI SOLBIATE ARNO Provincia di Varese. Regolamento di Polizia Mortuaria COMUNE DI SOLBIATE ARNO Provincia di Varese Regolamento di Polizia Mortuaria Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 22 del 24/09/2013 1 S O M M A R I O Art. DESCRIZIONE Art. DESCRIZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DEL COMUNE DI CASTELLINA IN CHIANTI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DEL COMUNE DI CASTELLINA IN CHIANTI COMUNE DI CASTELLINA IN CHIANTI Provincia di Siena REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DEL COMUNE DI CASTELLINA IN CHIANTI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.

Dettagli

COMUNE DI LUSIGLIE Provincia di Torino

COMUNE DI LUSIGLIE Provincia di Torino COMUNE DI LUSIGLIE Provincia di Torino Regolamento per l affidamento, la conservazione e la dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Adottato con delibera di Consiglio Comunale

Dettagli

Parere n. 72/ Applicabilità del contributo di costruzione previsto all art. 16 D.P.R. 380/01 a caso specifico

Parere n. 72/ Applicabilità del contributo di costruzione previsto all art. 16 D.P.R. 380/01 a caso specifico Parere n. 72/2010 - Applicabilità del contributo di costruzione previsto all art. 16 D.P.R. 380/01 a caso specifico E chiesto parere in merito all applicabilità del contributo di costruzione previsto all

Dettagli

Comune di Celle Ligure

Comune di Celle Ligure Comune di Celle Ligure REGOLAMENTO RELATIVO ALLA DISPERSIONE ED ALLA CONSERVAZIONE PERSONALE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 26

Dettagli

COMUNE DI UBOLDO Provincia di Varese VI Area Funzionale Tecnica: LL.PP - Manutenzioni - Ecologia

COMUNE DI UBOLDO Provincia di Varese VI Area Funzionale Tecnica: LL.PP - Manutenzioni - Ecologia COMUNE DI UBOLDO Provincia di Varese VI Area Funzionale Tecnica: LL.PP - Manutenzioni - Ecologia LINEE GUIDA - STUDIO DI FATTIBILITÀ Artt. 128 e 153 del D.LGS 163/2006 AFFIDAMENTO IN PROJECT FINANCING

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 9 novembre 2004, n. 6 «Regolamento in materia di attività funebri e cimiteriali». (B.U. 12 novembre 2004, n. 46, 1º suppl. ord.

REGOLAMENTO REGIONALE 9 novembre 2004, n. 6 «Regolamento in materia di attività funebri e cimiteriali». (B.U. 12 novembre 2004, n. 46, 1º suppl. ord. REGOLAMENTO REGIONALE 9 novembre 2004, n. 6 «Regolamento in materia di attività funebri e cimiteriali». (B.U. 12 novembre 2004, n. 46, 1º suppl. ord.) Capo I Disposizioni generali Art. 1. Oggetto. 1. Il

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA E PER LA CONCESSIONE DI LOCULI E AREE CIMITERIALI

REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA E PER LA CONCESSIONE DI LOCULI E AREE CIMITERIALI C O M U N E DI FILACCIANO Provincia di Roma Settore Tecnico REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA E PER LA CONCESSIONE DI LOCULI E AREE CIMITERIALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI C.C. N. 5 DEL 5.03.2014

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI

REGOLAMENTO COMUNALE DI AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Comune di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE DI AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 42 del 14-15/03/2011

Dettagli

PdZ C22 CASALE NEI QUINQUIES

PdZ C22 CASALE NEI QUINQUIES maggio 2011 PdZ C22 CASALE NEI QUINQUIES Indice 1 Oggetto della Variante 2 Descrizione delle aree oggetto di variante 3 Dimensionamento del piano 1 Oggetto della Variante La Variante quinquies al Piano

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI Approvato con Deliberazione di Consiglio comunale n 06 del 31 Marzo 2017 INDICE: Art. 1(Oggetto e finalità) Capo Primo:

Dettagli

PdZ 20 PONTE DI NONA OCTIES

PdZ 20 PONTE DI NONA OCTIES maggio 2011 PdZ 20 PONTE DI NONA OCTIES Indice 1 Oggetto della Variante 2 Descrizione delle aree oggetto di variante 3 Dimensionamento del piano 1 Oggetto della Variante La Variante octies al Piano di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EDILIZIA PRIVATA NEL CIMITERO COMUNALE

REGOLAMENTO PER L EDILIZIA PRIVATA NEL CIMITERO COMUNALE CITTA' DI TRAPANI Provincia di Trapani Medaglia d'oro al Valor Civile 3 Settore - Urbanistica, SUAP, Patrimonio Servizio: URBANISTICA REGOLAMENTO PER L EDILIZIA PRIVATA NEL CIMITERO COMUNALE Il Responsabile

Dettagli