RAPPORTO DI SOSTENIBILITA CONTRIBUTO DI AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO DI ACEA LUCE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RAPPORTO DI SOSTENIBILITA CONTRIBUTO DI AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO DI ACEA LUCE"

Transcript

1 RAPPORTO DI SOSTENIBILITA CONTRIBUTO DI AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO DI ACEA LUCE

2 Non compromettere il futuro delle prossime generazioni cercando di soddisfare i bisogni del presente ; in quest ottica il Comune di Roma ha avviato una serie di azioni rivolte al miglioramento della qualità dell aria della nostra città: migliorare l efficienza degli impianti di riscaldamento, controllare i gas di scarico delle automobili circolanti e, per completare il quadro, da gennaio 2004 è scattato il divieto di circolazione, su tutto il territorio comunale, per ciclomotori e motocicli che non abbiano eseguito il controllo dei gas di scarico. Acea Luce SpA, società del gruppo ACEA SpA Holding, svolge un ruolo fondamentale e di primo piano avendo avuto dal Comune di Roma l incarico di coordinare i due progetti di contenimento dei consumi energetici e delle emissioni inquinanti che riguardano, per l appunto, le due fonti maggiori di inquinamento della nostra città: veicoli a due e quattro ruote, impianti termici per il riscaldamento domestico. CONTROLLO IMPIANTI TERMICI Il Decreto del Presidente della Repubblica numero 412 dell anno 1993 prevede che, i comuni con più di quarantamila abitanti eseguano, con cadenza almeno biennale, con onere a carico degli utenti e avvalendosi anche di organismi esterni aventi specifica competenza tecnica, i controlli necessari ad accertare l effettivo stato di manutenzione e di esercizio degli impianti termici. L obiettivo dell attività è la realizzazione di un sistema di controllo sugli impianti presenti sul territorio comunale, che si inserisca in un quadro di contenimento dei consumi di energia e di riduzione delle emissioni inquinanti. Il Comune di Roma ha regolamentato tutta l attività di controllo sugli impianti termici con una apposita delibera ed ha affidato l incarico dell esecuzione dei controlli e delle attività ad essi connessi, ad Acea Luce con un apposito contratto di servizio. I dati qui riportati sono quelli presenti nel nostro archivio al 31/12/2003, riguardanti gli impianti termici ad uso riscaldamento ricadenti nel territorio del Comune di Roma: impianti termici centralizzati, superiori a 35 kw tipicamente a servizio di più unità abitative e impianti termici individuali, inferiori a 35 kw, i cosiddetti impianti autonomi. Il totale degli impianti centralizzati considerato è di (totale degli impianti verificabili), di seguito è riportata la distribuzione per tipologia di combustibile utilizzato:

3 Distribuzione dei combustili in uso nella nostra città CARBONE 3% GASOLIO 18% METANO 79% CARBONE GASOLIO METANO In termini di risparmio energetico i risultati conseguiti in più di dieci anni di controlli sistematici indicano riduzioni di oltre il 5% legate all effetto del sistema dei controlli e sull incentivazione delle buone pratiche di gestione e manutenzione degli impianti Atti del convegno di Bologna del 9 giugno 2000 sui risultati di una indagine della FIRE sullo stato di attuazione del DPR 412/93. I due diagrammi seguenti mostrano il generalizzato miglioramento del rendimento di combustione medio registrato sul parco impianti termici centralizzati del Comune di Roma negli anni 2002 e 2003, indotto dalla decisa ed integrata azione di promozione e controllo in merito alla corretta manutenzione degli impianti. Rendimenti di combustione rilevazioni anno ,03% 4,33% 29,50% 61,14% <=85 85/90 90/95 >95

4 Rendimenti di combustione rilevazioni anno ,00% 5,15% 26,97% 62,87% <=85 85/90 90/95 >95

5 L operazione che riguarda, invece gli impianti termici individuali - impianti uso riscaldamento di potenza termica inferiore a 35 kw denominata Caldaie Sicure, avviata ad aprile 2002, è ancora nella fase iniziale ma già a fine anno 2003 si possono registrare, così come è avvenuto in passato per quelli centralizzati, interventi strutturali migliorativi (messa a norma) ed interventi programmati di manutenzione che hanno ridotto anche del 50% le chiamate per guasti nel corso della stagione termica 2003/2004 ( dato fornito da alcuni centri assistenza romani ). Caldaie Sicure a regime consentirà la creazione di un vero e proprio catasto degli impianti ricadenti sul territorio comunale, con l obiettivo di pianificare e controllare la qualità energetica dei singoli edifici, tramite indicatori di consumi e relative emissioni di CO 2 (1) - parametri obbligatori entro il 2006, direttiva Unione Europea -. Le informazioni ricevute nel corso dell anno 2003 riguardano complessivamente impianti termici, ovvero circa il 50% degli impianti autonomi presenti nel Comune di Roma: MUNICIPIO NUMERO IMPIANTI < 35 kw TOTALE IMPIANTI Le informazioni raccolte riguardano la tipologia dell impianto, la potenza installata e l efficienza termica; partendo da questi dati sarà possibile, una volta completato l archivio, eseguire delle stime sui consumi e le relative emissioni di CO 2. Nella tabella sottostante si riporta una stima dei consumi e le relative emissioni di CO (monossido di carbonio) e Polveri di un intero quartiere di Roma preso a campione:

6 Denominazione Consumi CO Polveri Combustibile Toponomastica ktep t/anno t/anno Ostiense Metano Ostiense Gasolio La stima dei consumi è stata effettuata partendo dalla ripartizione della potenzialità totale delle singole tipologie e considerando il periodo medio di accensione per gli impianti a Roma. I fattori di emissione, cioè la quantità dei vari inquinanti prodotta mediamente dalla combustione di una certa quantità di combustibile, sono stati estratti da uno studio di K. Gertis e H. Erhorn: Tecniche aggiornate di riscaldamento e di isolamento termico per ridurre l inquinamento in zone ad alta densità abitativa, Sono state prese in considerazione le emissioni di monossido di carbonio e di polveri, ovvero la percentuale di incombusti presenti nelle singole tipologie di combustibile. Su impianti termici autonomi (potenza inferiore a 35 kw) sui quali è stata effettuata la manutenzione periodica annuale, rispondendo così correttamente alla normativa, sono stati rilevati dei livelli di efficienza decisamente più alti se confrontati al campione di impianti riscontrati privi della regolare manutenzione. Rendimenti di combustione medi rilevati privi manutenzione Anno installazione Numero impianti Rendimento medio < ,00% ,00% ,00% Totale ,00% Rendimenti di combustione medi rilevati da Allegati H Anno installazione Numero impianti Rendimento medio < ,00% ,87% ,40% Totale ,42%

7 (1) CO 2 : il biossido di carbonio è il gas serra più importante, che contribuisce all 80% del totale dell emissioni dell Unione Europea. Con la conferenza di Kyoto, 38 paesi industrializzati hanno firmato un accordo che prevede una riduzione media del 5,2% dei gas serra prodotti su scala mondiale nel 2010, rispetto al 1990 (anno preso come riferimento). L Unione Europea si è impegnata a ridurre dell 8% (rispetto al 1990) le emissioni di gas ad effetto serra, con quote diverse nei singoli paesi; l Italia con la Delibera CIPE del 3 dicembre 1997 si è impegnata ad una riduzione media del 6,5 % rispetto al 1990.

8 INSERTO Ad aprile 2002 il Comune di Roma, in collaborazione con Acea Luce, ha promosso una specifica campagna informativa rivolta a tutti i cittadini, denominata Caldaie Sicure, i cui contenuti possono così esser riassunti: o la legge prevede che periodicamente debbano essere eseguite le operazioni di manutenzione ordinaria e la determinazione del rendimento di combustione di tutti gli impianti termici; o i responsabili degli impianti termici con potenza inferiore a 35 kw possono avvalersi della facoltà di dichiarare lo stato di manutenzione del proprio impianto, inviando l apposito allegato H, unitamente al versamento di 5,00 Euro. Il bollino Caldaie Sicure può essere richiesto direttamente al manutentore, che può assolvere tutti gli obblighi previsti; o il Comune è obbligato a verificare, almeno con cadenza biennale e con onere a carico degli utenti, l effettivo stato di esercizio e di manutenzione degli impianti termici; o per i soli impianti di potenza inferiore a 35 kw l autodichiarazione è conveniente; il Comune di Roma, tramite Acea Luce, esegue gratuitamente i controlli sull effettivo stato di manutenzione e di esercizio dell impianto termico. Tali controlli sono a campione sul totale degli impianti esistenti che hanno provveduto ad inviare, entro i termini previsti l autodichiarazione; il controllo è, invece, a titolo oneroso 85,00 Euro - per coloro che non si avvalgono di tale facoltà; l autodichiarazione allegato H unitamente al Bollino Blu - devono essere rinnovati ogni due anni.

9 BOLLINO BLU Gli strumenti per ridurre l inquinamento da traffico sono: interventi industriali sui motori e sui carburanti, interventi dell amministrazione nella gestione della circolazione e interventi individuali sul corretto uso e corretta manutenzione dei nostri veicoli. Ciascun intervento preso singolarmente risolve alcuni aspetti del problema, ciascuno ha una sua efficacia, un suo costo, un suo tempo di attuazione ed un tempo perché se ne manifestino gli effetti. E sempre più evidente, da analisi ed esperienze in corso, che i programmi di controllo e manutenzione hanno il più alto potenziale ed il migliore rapporto costi/benefici per il miglioramento della qualità dell aria. Unitamente ai limiti sempre più stringenti imposti ai veicoli in fase di omologazione in questi ultimi anni, i programmi di ispezione e manutenzione si rivelano sempre più efficaci e di più rapido effetto, soprattutto nella nostra città. Come ormai ogni anno il Bollino Blu è l occasione per una messa a punto generale del veicolo, utile per migliorare l efficienza del motore e ridurre conseguentemente l impatto ambientale (non ci soffermiamo in questa sede sull efficacia della manutenzione per migliorare i livelli di sicurezza). Le tabelle di seguito riportate mostrano un campione significativo di controlli effettuati negli anni 2000, 2001,2002, 2003 e gli andamenti di alcune sostanze quali % di monossido di carbonio, ppm di idrocarburi, % di biossido di carbonio e l indice di opacità K per gli autoveicoli diesel. ANNO 2000 Autoveicoli n CO HC CO 2 K no Kat benzina , ,6 no Kat GPL , ,8 Kat benzina , ,8 Kat GPL , Diesel aspirazione ,18 Diesel turbocompressi , ANNO 2001 Autoveicoli n CO HC CO 2 K no Kat benzina , ,8 no Kat GPL , ,1 Kat benzina , Kat GPL , ,3 Diesel aspirazione ,11 Diesel turbocompressi ,

10 ANNO 2002 Autoveicoli n CO HC CO 2 K no Kat benzina , ,9 no Kat GPL , ,2 Kat benzina ,06 58,4 15,0659 Kat GPL , ,5 Diesel aspirazione 952 1,17 Diesel turbocompressi , ANNO 2003 Autoveicoli n CO HC CO 2 K no Kat benzina , ,97 no Kat GPL , ,84 Kat benzina , ,3 Kat GPL , ,1 Diesel aspirazione ,97 Diesel turbocompressi , Si osservi come, per le auto non catalizzate è indispensabile mantenere costantemente sotto controllo i parametri di CO ed HC; sono state evidenziate nel corso di questi anni, riduzioni di CO ma anche di HC superiori del 60% a seguito del primo controllo. In apparenza, sulle auto catalizzate gli effetti dei controlli sembrerebbero meno marcati in termini assoluti, grazie al livello decisamente contenuto delle emissioni. In realtà in termini relativi emerge il ruolo fondamentale del mantenimento delle condizioni ottimali di regolazione strettamente dipendenti dalla cura costante del motore, dalla sonda λ, dall iniezione elettronica e da tutta la tecnologia che caratterizza le auto più recenti che rispondono alla Direttiva 91/44/CEE.

RELAZIONE SITUAZIONE AMBIENTALE

RELAZIONE SITUAZIONE AMBIENTALE Dipartimento XII - LL.PP. e Manutenzione Urbana V Unità Organizzativa Servizio Impianti Termici RELAZIONE SITUAZIONE AMBIENTALE Le elaborazioni qui contenute riguardano i dati che derivano dalle attività

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

Requisiti per l accesso agli incentivi

Requisiti per l accesso agli incentivi Requisiti per l accesso agli incentivi 1. Gli incentivi per l acquisto di nuovi veicoli a basso impatto ambientale, trasformazione a gas di veicoli a benzina e sostituzione (acquisto+installazione) di

Dettagli

Domande e risposte sulla legge 10/91

Domande e risposte sulla legge 10/91 Domande e risposte sulla legge 10/91 Di cosa si occupa la legge 10/91? La legge 10/91 contiene le norme per l attuazione del piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio

Dettagli

! " # $% $ & % & " #" # & "!"! ' $ (" ( # " )# ) $) $ " ) "!"! ( " * % &" & +

!  # $% $ & % &  # # & !! ' $ ( ( #  )# ) $) $  ) !! (  * % & & + ! " #$%& "#"&!"'$("# )#$)"!" ("*%&"+ + ,-. 2003 2004 2010 Valori limite OSSIDI DI AZOTO 36 ug/mc 39 ug/mc 40 ug/mc POLVERI PM10 34 ug/mc 36 ug/mc 20 ug/mc OZONO 54 ug/mc 50 ug/mc 40 ug/mc Sorgenti fisse:

Dettagli

La tua caldaia fuma? FALLA SMETTERE! Lodirespira. Campagna per il controllo e la gestione degli impianti termici

La tua caldaia fuma? FALLA SMETTERE! Lodirespira. Campagna per il controllo e la gestione degli impianti termici Comune di Lodi La tua caldaia fuma? FALLA SMETTERE! Lodirespira Indice CAMPAGNA OBBLIGATORIA PER IL CONTROLLO E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI A CHI E RIVOLTO QUESTO OPUSCOLO? 4 GLI IMPIANTI TERMICI,

Dettagli

Il ruolo del programma di ISPEZIONE e MANUTENZIONE dei veicoli circolanti BOLLINO BLU a MILANO

Il ruolo del programma di ISPEZIONE e MANUTENZIONE dei veicoli circolanti BOLLINO BLU a MILANO VI incontro EXPERT PANEL EMISSIONI DA TRASPORTO SU STRADA Il ruolo del programma di ISPEZIONE e MANUTENZIONE dei veicoli circolanti BOLLINO BLU a MILANO EMISSIONI DA TRAFFICO E QUALITA DELL ARIA: ELEMENTI

Dettagli

Linee Guida per la manutenzione e la verifica degli Impianti Termici

Linee Guida per la manutenzione e la verifica degli Impianti Termici MULTISS multiservizisassari Codice 723A00A Rev. #5 del 10/09/2012 S.p.A. Servizio di esercizio e manutenzione impianti termici Linee Guida per la manutenzione e la verifica degli Impianti Termici Con I'

Dettagli

CAPITOLO 11: Mobilità

CAPITOLO 11: Mobilità CAPITOLO 11: Mobilità 197 11.1: Tecnologia ed efficienza Presentazione: I trasporti ormai da tempo rappresentano un settore dolente delle politiche ambientali dell Unione Europea ed un elemento di criticità

Dettagli

LECCE CATEGORIA IMPIANTISTI IDRO-TERMO-SANITARI

LECCE CATEGORIA IMPIANTISTI IDRO-TERMO-SANITARI Lecce, 18 Dicembre 2013 Ai Sigg. Soci della Categoria Impiantisti Idro-termo-sanitari LORO SEDI Oggetto: Manutenzione verifiche impianti termici - Chiarimenti A seguito dell entrata in vigore, dal 12/7/2013,

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FINANZIAMENTO REGIONALE PER LA PROSECUZIONE INTERVENTI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA APPROVATI CON D.G.C. N.

OGGETTO: RICHIESTA DI FINANZIAMENTO REGIONALE PER LA PROSECUZIONE INTERVENTI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA APPROVATI CON D.G.C. N. OGGETTO: RICHIESTA DI FINANZIAMENTO REGIONALE PER LA PROSECUZIONE INTERVENTI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA APPROVATI CON D.G.C. N. 924 DEL 28.09.2006 IN ATTUAZIONE AL PIANO REGIONALE (D.C.R.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS.

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS. REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS. 192/05, D.LGS. 311/06) Approvato con delibera di C.C. n.

Dettagli

Un impianto termico è ciò che provvede a riscaldare nella stagione invernale o a raffreddare nella stagione estiva unità immobiliari edifici (per

Un impianto termico è ciò che provvede a riscaldare nella stagione invernale o a raffreddare nella stagione estiva unità immobiliari edifici (per Un impianto termico è ciò che provvede a riscaldare nella stagione invernale o a raffreddare nella stagione estiva unità immobiliari o edifici (per approfondimenti, vedere la definizione della legge 90/2013).

Dettagli

Cosa fare per mettere in regola il proprio impianto

Cosa fare per mettere in regola il proprio impianto INFORMATIVA PER; L ESERCIZIO,CONDUZIONE, CONTROLLO, MANUTENZIONE E ISPEZIONE, DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE ESTIVA ED INVERNALE. Stagione termica 2014-2015 La Provincia Regionale di Palermo oggi libero

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 9 DEL 27-05-2008 REGIONE MARCHE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI TERMICI DEGLI EDIFICI.

LEGGE REGIONALE N. 9 DEL 27-05-2008 REGIONE MARCHE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI TERMICI DEGLI EDIFICI. LEGGE REGIONALE N. 9 DEL 27-05-2008 REGIONE MARCHE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI TERMICI DEGLI EDIFICI. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MARCHE N. 53 del 5 giugno 2008 Il

Dettagli

13 DICEMBRE 2013 9,00 13,00 INCONTRO TECNICO CON PROVINCE E COMUNI. D.P.R. 16 APRILE 2013, n. 74

13 DICEMBRE 2013 9,00 13,00 INCONTRO TECNICO CON PROVINCE E COMUNI. D.P.R. 16 APRILE 2013, n. 74 13 DICEMBRE 2013 9,00 13,00 INCONTRO TECNICO CON PROVINCE E COMUNI D.P.R. 16 APRILE 2013, n. 74 Regolamento sul controllo e la manutenzione degli Assessorato ai Lavori Pubblici ed all Energia Segreteria

Dettagli

PROGRESS: UN CODICE PER IL CALCOLO DELLE EMISSIONI DA VEICOLI STRADALI IN AMBITO URBANO

PROGRESS: UN CODICE PER IL CALCOLO DELLE EMISSIONI DA VEICOLI STRADALI IN AMBITO URBANO VIII Incontro EXPERT PANEL EMISSIONI DA TRASPORTO STRADALE Roma, 5 novembre 2003 PROGRESS: UN CODICE PER IL CALCOLO DELLE EMISSIONI DA VEICOLI STRADALI IN AMBITO URBANO Massimo Capobianco, Giorgio Zamboni

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO RIGUARDANTE L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L ACQUISTO DI VEICOLI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE Anno 2006

DISCIPLINARE TECNICO RIGUARDANTE L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L ACQUISTO DI VEICOLI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE Anno 2006 Comune di Livorno DISCIPLINARE TECNICO RIGUARDANTE L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L ACQUISTO DI VEICOLI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE Anno 2006 1) Oggetto Rilascio di contributi per l acquisto di veicoli a

Dettagli

Audizione Enel presso le Commissioni riunite IX e X della Camera dei Deputati. Roma, 2 Febbraio 2011

Audizione Enel presso le Commissioni riunite IX e X della Camera dei Deputati. Roma, 2 Febbraio 2011 Audizione Enel presso le Commissioni riunite IX e X della Camera dei Deputati Roma, 2 Febbraio 2011 Veicoli elettrici Vantaggi e benefici Il risparmio energetico medio conseguibile dai veicoli elettrici

Dettagli

Disposizioni per esercizio, manutenzione ed ispezione impianti termici

Disposizioni per esercizio, manutenzione ed ispezione impianti termici Disposizioni regionali Disposizioni per esercizio, manutenzione ed ispezione impianti termici Regione Lombardia Relazione predisposta da Teresa Mauri Responsabile del Servizio Energia IMPIANTI NUOVI IMPIANTI

Dettagli

disciplinare 2008.doc

disciplinare 2008.doc Comune di Pontedera DISCIPLINARE TECNICO RIGUARDANTE L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L ACQUISTO DI VEICOLI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE E LA TRASFORMAZIONE A GAS DI VEICOLI INQUINANTI Anno 2008 1 Settore Pianificazione

Dettagli

L impegno di Enel per la mobilità elettrica Convegno Green City Energy

L impegno di Enel per la mobilità elettrica Convegno Green City Energy L impegno di Enel per la mobilità elettrica Convegno Green City Energy Pisa, 26 Maggio 2011 Veicoli elettrici Vantaggi e benefici Il risparmio energetico medio conseguibile dai veicoli elettrici rispetto

Dettagli

INCENTIVI ECONOMICI PER L ACQUISTO DI VEICOLI ECOLOGICI O PER LA TRASFORMAZIONE A GAS DI QUELLI PIU VECCHI

INCENTIVI ECONOMICI PER L ACQUISTO DI VEICOLI ECOLOGICI O PER LA TRASFORMAZIONE A GAS DI QUELLI PIU VECCHI INCENTIVI ECONOMICI PER L ACQUISTO DI VEICOLI ECOLOGICI O PER LA TRASFORMAZIONE A GAS DI QUELLI PIU VECCHI La Regione, tramite i Comuni, mette a disposizione incentivi destinati a privati o aziende che

Dettagli

stipulano il seguente Accordo di Programma

stipulano il seguente Accordo di Programma Allegato 1 Accordo di Programma tra Regione, Province e URPT, Comuni e ANCI per il risanamento della qualità dell aria ambiente nelle aree urbane Premesso che. - in data 15 aprile 2003 è stato firmato

Dettagli

Provincia di Milano Inquino meno Vivo meglio Servizio Efficienza Energetica Report attività SPORTELLI dal 2009 al 2013

Provincia di Milano Inquino meno Vivo meglio Servizio Efficienza Energetica Report attività SPORTELLI dal 2009 al 2013 Provincia di Milano Inquino meno Vivo meglio Servizio Efficienza Energetica Report attività SPORTELLI dal 2009 al 2013 CalorEfficienza Campagna di informazione per il controllo degli impianti termici Una

Dettagli

ENEA. Ufficio Territoriale Regione Marche. LE ATTIVITA ISPETTIVE SUGLI IMPIANTI TERMICI IL DPR 16 Aprile 2013, n. 74

ENEA. Ufficio Territoriale Regione Marche. LE ATTIVITA ISPETTIVE SUGLI IMPIANTI TERMICI IL DPR 16 Aprile 2013, n. 74 LE ATTIVITA ISPETTIVE SUGLI IMPIANTI TERMICI IL DPR 16 Aprile 2013, n. 74 ENEA UNITA TECNICA EFFICIENZA ENERGETICA Ufficio Territoriale Regione Marche Ufficio Territoriale Regione Marche Palazzo Leopardi

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

CALDAIE: PARTONO LE VERIFICHE! Una partita da giocare insieme: Comune, cittadini, operatori del settore

CALDAIE: PARTONO LE VERIFICHE! Una partita da giocare insieme: Comune, cittadini, operatori del settore Sabato 14 Maggio 2005 SALA CONSILIARE, CAMERA DI COMMERCIO - VENEZIA AGIRE AGENZIA VENEZIANA PER L ENERGIAL CONFARTIGIANATO VENEZIA CALDAIE: PARTONO LE VERIFICHE! Una partita da giocare insieme: Comune,

Dettagli

1. QUALI IMPIANTI SONO SOGGETTI A CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA?

1. QUALI IMPIANTI SONO SOGGETTI A CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA? 1. QUALI IMPIANTI SONO SOGGETTI A CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA? Tab. 1 - Impianti soggetti a controllo di efficienza energetica In base a quanto stabilito dal D.P.R. del 16 aprile 2013 n.74 ss.mm.ii,

Dettagli

approvato con le modifiche apportate dalla Giunta Comunale con deliberazione del n.

approvato con le modifiche apportate dalla Giunta Comunale con deliberazione del n. DISCIPLINARE TECNICO RELATIVO ALL EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO/TRASFORMAZIONE DI VEICOLI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE E PER LA SOSTITUZIONE DI VECCHIE CALDAIE PER RISCALDAMENTO CON NUOVE CALDAIE

Dettagli

Caldaie domestiche: come gestirle al meglio alla luce del D.P.R. 74/13.

Caldaie domestiche: come gestirle al meglio alla luce del D.P.R. 74/13. Caldaie domestiche: come gestirle al meglio alla luce del D.P.R. 74/13. Ancora una volta, i cittadini si trovano dinanzi a dubbi ed interrogativi circa la corretta gestione del proprio impianto termico.

Dettagli

INFORMATIVA PER L ESERCIZIO, LA CONDUZIONE, IL CONTROLLO, LA MANUTENZIONE ED ISPEZIONE, DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE ESTIVA ED INVERNALE

INFORMATIVA PER L ESERCIZIO, LA CONDUZIONE, IL CONTROLLO, LA MANUTENZIONE ED ISPEZIONE, DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE ESTIVA ED INVERNALE INFORMATIVA PER L ESERCIZIO, LA CONDUZIONE, IL CONTROLLO, LA MANUTENZIONE ED ISPEZIONE, DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE ESTIVA ED INVERNALE Stagione termica 2014-2015 Il D.P.R. n 74 del 2013 ha definito

Dettagli

Il controllo degli impianti termici dal DPR 74/2013 alla Delibera 1578/2014 Regione Emilia Romagna

Il controllo degli impianti termici dal DPR 74/2013 alla Delibera 1578/2014 Regione Emilia Romagna Il controllo degli impianti termici dal DPR 74/2013 alla Delibera 1578/2014 Regione Emilia Romagna Moreno Barbani, Responsabile Emilia Romagna DPR 74/2013 1 Ampliamento degli impianti assoggettati a procedure

Dettagli

ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI

ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI SERVIZIO AMBIENTE Maso Smalz via Ghiaie n. 58 Tel. 0461/884935 884936 Fax 884940 E-mail: servizio_ambiente@comune.trento.it dicembre 2005 ESERCIZIO E MANUTENZIONE

Dettagli

AUTO D EPOCA E INQUINAMENTO Le analisi tecniche delle sostante emesse in seguito alla combustione dei motori. relazione dell ingegnere Mauro Forghieri

AUTO D EPOCA E INQUINAMENTO Le analisi tecniche delle sostante emesse in seguito alla combustione dei motori. relazione dell ingegnere Mauro Forghieri AUTO D EPOCA E INQUINAMENTO Le analisi tecniche delle sostante emesse in seguito alla combustione dei motori relazione dell ingegnere Mauro Forghieri Le più stringenti limitazioni alle emissioni nocive

Dettagli

Art. 1 finalità. art. 2 metodologia di calcolo della prestazione energetica

Art. 1 finalità. art. 2 metodologia di calcolo della prestazione energetica Regolamento recante le procedure per la di sostenibilità energetico ambientale degli edifici, di cui all articolo 6 bis, della legge regionale 18 agosto 2005 n. 23, "Disposizioni in materia di edilizia

Dettagli

COD. PRATICA: 2014-001-595. Regione Umbria. Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 961 DEL 28/07/2014

COD. PRATICA: 2014-001-595. Regione Umbria. Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 961 DEL 28/07/2014 Regione Umbria Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 961 DEL 28/07/2014 OGGETTO: Disposizioni regionali per la gestione degli impianti termici. Adozione. PRESENZE Marini Catiuscia Presidente

Dettagli

Il contributo del teleriscaldamento al miglioramento energetico ed ambientale

Il contributo del teleriscaldamento al miglioramento energetico ed ambientale Il contributo del teleriscaldamento al miglioramento energetico ed ambientale Studio del caso nella provincia di Forlì Luca Golfera, Marco Pellegrini, Augusto Bianchini, Cesare Saccani DIEM, Facoltà di

Dettagli

La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico

La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico 4 febbraio 2009 Contabilità delle emissioni comunali Il progetto è nato dalla collaborazione di CISA con ENEA. Enea ha messo a

Dettagli

Circolare sulla applicazione del D.Lgs. 192/2005 in merito alla attività di manutenzione e controllo degli impianti termici civili

Circolare sulla applicazione del D.Lgs. 192/2005 in merito alla attività di manutenzione e controllo degli impianti termici civili Circolare sulla applicazione del D.Lgs. 192/2005 in merito alla attività di manutenzione e controllo degli impianti termici civili La situazione odierna Il decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192 Attuazione

Dettagli

CONFERENZA INTERNAZIONALE SUL TEMA DELLA SOSTENIBILITÀ Strumenti normativi e formativi al servizio della sostenibilità

CONFERENZA INTERNAZIONALE SUL TEMA DELLA SOSTENIBILITÀ Strumenti normativi e formativi al servizio della sostenibilità CONFERENZA INTERNAZIONALE SUL TEMA DELLA SOSTENIBILITÀ Strumenti normativi e formativi al servizio della sostenibilità LA GESTIONE SOSTENIBILE DELL ENERGIA ENERGIA Prof.Luigi Bruzzi Università di Bologna

Dettagli

Dirigenze e staff tecnico della Puros hanno una quarantennale esperienza nei combustibili tradizionali (nafta, gasolio, gas). Puros nasce nel 2003

Dirigenze e staff tecnico della Puros hanno una quarantennale esperienza nei combustibili tradizionali (nafta, gasolio, gas). Puros nasce nel 2003 Dirigenze e staff tecnico della Puros hanno una quarantennale esperienza nei combustibili tradizionali (nafta, gasolio, gas). Puros nasce nel 2003 con la volontà di realizzare stufe a biomasse per ridurre

Dettagli

Legge 311. La ristrutturazione dei condomini nel rispetto della Legge 311 sull'efficienza Energetica degli Edifici. 1,3 tonnellate di CO 2 all anno

Legge 311. La ristrutturazione dei condomini nel rispetto della Legge 311 sull'efficienza Energetica degli Edifici. 1,3 tonnellate di CO 2 all anno La ristrutturazione dei condomini nel rispetto della Legge 311 sull'efficienza Energetica degli Edifici Legge 311 relativa all EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI UNA GRANDE OPPORTUNITA PER IL CONDOMINIO

Dettagli

DIVISIONE ENERGIA. Disposizioni e criteri per l esercizio, il controllo, la manutenzione e l ispezione degli impianti termici

DIVISIONE ENERGIA. Disposizioni e criteri per l esercizio, il controllo, la manutenzione e l ispezione degli impianti termici DIVISIONE ENERGIA Disposizioni e criteri per l esercizio, il controllo, la manutenzione e l ispezione degli impianti termici Disposizioni e criteri per l esercizio, il controllo, la manutenzione e l ispezione

Dettagli

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità. Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 2003-2004

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità. Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 2003-2004 Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 23-24 Comune di Piacenza Quadro evolutivo PTS NO 2 CO O 3 Giordani, Giordani, Stazioni considerate Passeggio, Medaglie d Oro, Medaglie d Oro, Roma

Dettagli

PROGETTARE UN SISTEMA MULTICANALE DI COMUNICAZIONE INTERATTIVA TRA LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E I CITTADINI/IMPRESE. Qualità dell aria urbana

PROGETTARE UN SISTEMA MULTICANALE DI COMUNICAZIONE INTERATTIVA TRA LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E I CITTADINI/IMPRESE. Qualità dell aria urbana Centro Studi EUROPA INFORM innovazione&formazione Via F.lli Cairoli, n 73, 47900 - RIMINI Tel. 0541 786652 Fax 0541 780253 www.europainform.com info@europainform.com PROGETTARE UN SISTEMA MULTICANALE DI

Dettagli

per la verifica dello stato di manutenzione ed esercizio degli impianti termici da parte degli Enti locali competenti

per la verifica dello stato di manutenzione ed esercizio degli impianti termici da parte degli Enti locali competenti Linee Guida per la verifica dello stato di manutenzione ed esercizio degli impianti termici da parte degli Enti locali competenti RICORDATI DI CHIEDERE AL TUO MANUTENTORE DI APPLICARE IL BOLLINO Provincia

Dettagli

DISCIPLINARE PER L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA AMBIENTE VI BANDO Anno 2011

DISCIPLINARE PER L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA AMBIENTE VI BANDO Anno 2011 DISCIPLINARE PER L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA AMBIENTE VI BANDO Anno 2011 1 - OGGETTO Il Comune di Capannori concede incentivi per: - acquisto di veicoli a basso

Dettagli

1. ZONA TRAFFICO LIMITATO Ridotti del 37% gli ingressi medi giornalieri in centro storico da novembre 2005 a dicembre 2006

1. ZONA TRAFFICO LIMITATO Ridotti del 37% gli ingressi medi giornalieri in centro storico da novembre 2005 a dicembre 2006 Francesco Bicciato - Comune di Padova 1. ZONA TRAFFICO LIMITATO Ridotti del 37% gli ingressi medi giornalieri in centro storico da novembre 2005 a dicembre 2006 2. METROTRAM In funzione da marzo 2007 (8

Dettagli

Gestione delle centrali termiche condominiali: il quadro vigente in Emilia Romagna

Gestione delle centrali termiche condominiali: il quadro vigente in Emilia Romagna Bologna, 19 novembre 2014 Gestione delle centrali termiche condominiali: il quadro vigente in Emilia Romagna Risparmio energetico? Benvenuto nel Club! DPR 74/2013 (1) Regolamento recante definizione dei

Dettagli

ART. 3 - Caratteristiche dei veicoli oggetto di incentivi Sono ammessi ad incentivo gli acquisti dei seguenti veicoli:

ART. 3 - Caratteristiche dei veicoli oggetto di incentivi Sono ammessi ad incentivo gli acquisti dei seguenti veicoli: DISCIPLINARE TECNICO RIGUARDANTE L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L ACQUISTO DI CICLOMOTORI ELETTRICI E BICICLETTE ELETTRICHE (A PEDALATA ASSISTITA) E TRASFORMAZIONI A GAS (GPL/METANO) DI AUTO A BENZINA E

Dettagli

Regione Liguria Disposizioni e criteri per l esercizio, il controllo, la manutenzione e l ispezione degli impianti termici

Regione Liguria Disposizioni e criteri per l esercizio, il controllo, la manutenzione e l ispezione degli impianti termici 1. Con che periodicità si devono effettuare i controlli di manutenzione sugli impianti termici? L art. 7 del DPR 16/04/2013 n. 74 ha disposto che le operazioni di controllo ed eventuale manutenzione su

Dettagli

Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica.

Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica. 1 Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica. A2A Calore & Servizi, società del gruppo A2A attiva nella gestione del teleriscaldamento nelle città di Milano, Brescia

Dettagli

Presentazione del Progetto. 8 febbraio 2013 classi III e

Presentazione del Progetto. 8 febbraio 2013 classi III e Presentazione del Progetto 8 febbraio 2013 classi III e Presentazione progetto GREEN SCHOOLS COMPETITION 1 Argomenti della presentazione 1. Introduzione sulle fonti di energia nel mercato Italiano 2. C

Dettagli

Bollino Blu Caldaia. Manutenzione caldaie riscaldamento. . In Italia sono installate circa 19 milioni di caldaie per impianti autonomi e condominiali.

Bollino Blu Caldaia. Manutenzione caldaie riscaldamento. . In Italia sono installate circa 19 milioni di caldaie per impianti autonomi e condominiali. Note a cura dell'architetto Paolo Cortesi Socio ANACI 15831 uffici: via Bulgaria, 36-00196 Roma amministrazione: via di S. Maria dell'anima, 55-00186 Roma telefono: 06 393.66.577 - mobile: 335 611.33.77

Dettagli

Oggetto: Aggiornamento delle disposizioni relative all esercizio, controllo, manutenzione e ispezione degli impianti termici.

Oggetto: Aggiornamento delle disposizioni relative all esercizio, controllo, manutenzione e ispezione degli impianti termici. CIRCOLARE N. 028 Bergamo, 24 gennaio 2014 ALLE IMPRESE ASSOCIATE LORO SEDI Oggetto: Aggiornamento delle disposizioni relative all esercizio, controllo, manutenzione e ispezione degli impianti termici.

Dettagli

Energia e trasporti: il ruolo del metano

Energia e trasporti: il ruolo del metano Metano e trasporti per il governo della mobilità Energia e trasporti: il ruolo del metano di Edgardo Curcio Presidente AIEE Parma, 16 marzo 2010 Centro Congressi Paganini Indice della presentazione 1.

Dettagli

INSIEME PER LA SOSTENIBILITÀ Strategie per il territorio

INSIEME PER LA SOSTENIBILITÀ Strategie per il territorio In collaborazione con Comune di Villa di Serio Comune di Nembro Comune di Pradalunga INSIEME PER LA SOSTENIBILITÀ Strategie per il territorio -: i consumi energetici e le emissioni a NEMBRO Domenico Leo

Dettagli

D.P.R. 16 aprile 2013, n. 74

D.P.R. 16 aprile 2013, n. 74 Il NUOVO libretto di centrale. Quali sono gli adempimenti a carico dell amministratore condominiale e quali a carico del manutentore della centrale termica. D.P.R. 16 aprile 2013, n. 74 D.M. 10 febbraio

Dettagli

ARPAT Dipartimento Provinciale di Firenze

ARPAT Dipartimento Provinciale di Firenze ARPAT Dipartimento Provinciale di Firenze Seminario: FATTORI DI EMISSIONE DA TRAFFICO: DATI SPERIMENTALI IN ITALIA Organizzato da: ANPA CTN - ACE Centro Tematico Nazionale Atmosfera Clima Emissioni. Contributo:

Dettagli

Disposizioni regionali in materia di esercizio, conduzione, controllo, manutenzione ed ispezione degli impianti termici. Art.

Disposizioni regionali in materia di esercizio, conduzione, controllo, manutenzione ed ispezione degli impianti termici. Art. Consiglio Regionale Disposizioni regionali in materia di esercizio, conduzione, controllo, manutenzione ed ispezione degli impianti termici Art. 1 (Oggetto) 1. Nel rispetto del Titolo V della Costituzione

Dettagli

AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA

AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA 17 luglio 2014 Piano Regionale degli Interventi sulla qualità dell Aria (PRIA) Misure sulla mobilità Settori e misure del piano AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE TRASPORTI

Dettagli

Impianti di climatizzazione invernale. WEBINAR FIRE Roma, 17 marzo 2015, 15.00/16.00. Novità per utilizzatori ed operatori

Impianti di climatizzazione invernale. WEBINAR FIRE Roma, 17 marzo 2015, 15.00/16.00. Novità per utilizzatori ed operatori Impianti di climatizzazione invernale Novità per utilizzatori ed operatori Ing. Alfredo Marrocchelli - Ricercatore ENEA UTEE - REDI WEBINAR FIRE Roma, 17 marzo 2015, 15.00/16.00. 1 Introduzione Punto della

Dettagli

una strategia vincente

una strategia vincente EDILIZIA & RISPARMIO ENERGETICO: una strategia vincente Ing. Carlo Castoldi 2 beni che ogni famiglia gestisce quotidianamente AUTOMOBILE tutte le caratteristiche di consumo e inquinamento sono BEN NOTE

Dettagli

IL NUOVO CONTRATTO DI GLOBAL SERVICE 2008-2014

IL NUOVO CONTRATTO DI GLOBAL SERVICE 2008-2014 Patrocinio Università degli Studi di Genova Facoltà di Architettura - Dipartimento di Scienze per l'architettura Dottorato di Ricerca in "Recupero Edilizio ed Ambientale" Provincia di Genova CONVEGNO FACILITY

Dettagli

Riscaldiamoci risparmiando...

Riscaldiamoci risparmiando... REGOLAMENTO/ MANUALE PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI Città di Scafati Città di Scafati GUIDA ALLA SICUREZZA E ALL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI IMPIANTI TERMICI CAMPAGNA PER IL CONTROLLO OBBLIGATORIO

Dettagli

I Piani di Azione per l Energia Sostenibile: rassegna di metodologie ed esperienze

I Piani di Azione per l Energia Sostenibile: rassegna di metodologie ed esperienze I Piani di Azione per l Energia Sostenibile: rassegna di metodologie ed esperienze PROVINCIA DI TORINO Silvio De Nigris denigris@provincia.torino.it Le attività della Provincia di Torino in materia di

Dettagli

Seminario e corso di aggiornamento sull applicazione dei DPR 412/93 e 551/99. Servizi ed attività ENEA sull attuazione DPR 412/93.

Seminario e corso di aggiornamento sull applicazione dei DPR 412/93 e 551/99. Servizi ed attività ENEA sull attuazione DPR 412/93. Seminario e corso di aggiornamento sull applicazione dei DPR 412/93 e 551/99 Servizi ed attività ENEA sull attuazione DPR 412/93 Camillo Calvaresi Bologna, 19 settembre 2003 Sala Auditorium della Regione

Dettagli

Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione degli impianti termici. Incontro Asl 27 marzo 2015

Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione degli impianti termici. Incontro Asl 27 marzo 2015 Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione degli impianti termici. Incontro Asl 27 marzo 2015 Relatore : Teresa Mauri - Responsabile Servizio Energia RUOLO PROVINCIA La Provincia, mediante

Dettagli

Legge Regionale 24 febbraio 2005, n. 39 - Disposizioni in materia di energia

Legge Regionale 24 febbraio 2005, n. 39 - Disposizioni in materia di energia Legge Regionale 24 febbraio 2005, n. 39 - Disposizioni in materia di energia (come modificata dalla LR 23 novembre 2009, n. 71 e s.m.i.) Capo IV Razionalizzazione della produzione e dei consumi, risparmio

Dettagli

Comune di Livorno DISCIPLINARE TECNICO RIGUARDANTE L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L ACQUISTO DI VEICOLI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE Anno 2007

Comune di Livorno DISCIPLINARE TECNICO RIGUARDANTE L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L ACQUISTO DI VEICOLI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE Anno 2007 Comune di Livorno DISCIPLINARE TECNICO RIGUARDANTE L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L ACQUISTO DI VEICOLI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE Anno 2007 1) Oggetto Rilascio di contributi per l acquisto di veicoli a

Dettagli

DIREZIONE GENERALE COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI. Programma di sviluppo del Biometano in Lombardia nella IX Legislatura.

DIREZIONE GENERALE COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI. Programma di sviluppo del Biometano in Lombardia nella IX Legislatura. Programma di sviluppo del Biometano in Lombardia nella IX Legislatura. All inizio dell VIII Legislatura (anni 2005-2010) Regione Lombardia decide di dare ulteriore e forte impulso a politiche di contenimento

Dettagli

RUOLO DELL'ENERGY BUILDING MANAGER (DGR LOMBARDIA N. 5117/07 E S.M.)

RUOLO DELL'ENERGY BUILDING MANAGER (DGR LOMBARDIA N. 5117/07 E S.M.) RUOLO DELL'ENERGY BUILDING MANAGER (DGR LOMBARDIA N. 5117/07 E S.M.) IL RIFERIMENTO NORMATIVO: DGR 8/5117 del 18.07.07 e s.m. Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione, l ispezione degli

Dettagli

A quale categoria Euro appartiene la mia auto

A quale categoria Euro appartiene la mia auto A quale categoria Euro appartiene la mia auto Dal 1991 la Comunità europea ha emanato una serie di Direttive per regolamentare le emissioni di inquinanti da parte dei veicoli. In base a queste direttive

Dettagli

Figura 4.7.1 Contributi percentuali dei macrosettori alle emissioni di metano nella provincia di Milano 1998 19% < 5%

Figura 4.7.1 Contributi percentuali dei macrosettori alle emissioni di metano nella provincia di Milano 1998 19% < 5% 4.7 IL METANO Il metano è un gas incolore e inodore, che abbonda in natura quale costituente principale del gas naturale. Buona parte delle emissioni in atmosfera derivano dalle operazioni di estrazione,

Dettagli

FINANZIARIA 2007. Energia. www.governo.it

FINANZIARIA 2007. Energia. www.governo.it FINANZIARIA 2007 Energia www.governo.it 1 Risparmio energetico per la bolletta e per l ambiente Agevolazioni fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici Fondo per l incentivazione di edifici

Dettagli

Il controllo degli impianti termici privati. Argomenti trattati

Il controllo degli impianti termici privati. Argomenti trattati Il controllo degli impianti termici privati Massimo Donati Ingegnere Settore Lavori pubblici Comune di Faenza Argomenti trattati Obiettivi delle normative Compiti assegnati agli enti locali Il servizio

Dettagli

DIRETTIVE EURO CON ESEMPI DI DUE CARTE DI CIRCOLAZIONE

DIRETTIVE EURO CON ESEMPI DI DUE CARTE DI CIRCOLAZIONE DIRETTIVE EURO CON ESEMPI DI DUE CARTE DI CIRCOLAZIONE Euro 1: indica le autovetture conformi alla Direttiva 91/441 o i "veicoli commerciali leggeri" conformi alla direttiva 93/59. La normativa ha obbligato

Dettagli

Impianto di cogenerazione realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia)

Impianto di cogenerazione realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia) OPET SEED (Italia) Impianto di realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia) ENERGIE Introduzione L impianto di in esame è installato presso un azienda

Dettagli

TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA. 12 gennaio 2016

TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA. 12 gennaio 2016 TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA 12 gennaio 2016 LA QUALITA DELL ARIA CONFRONTI TREND PM10 (dati ARPA) 2 LA QUALITA DELL ARIA CONFRONTI TREND PM10 (dati ARPA) 3 LA QUALITA DELL ARIA CONFRONTI TREND PM10 (dati

Dettagli

Business idea. Informazioni: network@bluecalore.it

Business idea. Informazioni: network@bluecalore.it Guida al Network Business idea Il progetto nasce dall idea di creare un sistema professionale integrato - network - che operi ad alti standard qualitativi, contraddistinto da un marchio che divenga un

Dettagli

LE MANUTENZIONI E I CONTROLLI DEGLI IMPIANTI TERMICI

LE MANUTENZIONI E I CONTROLLI DEGLI IMPIANTI TERMICI LE MANUTENZIONI E I CONTROLLI DEGLI IMPIANTI TERMICI Perche fare i controlli? RISPARMIO ENERGETICO Un impianto termico più efficiente consuma meno combustibile a parità di calore prodotto. RISPARMIO ECONOMICO

Dettagli

Marzio Quadri Product Manager di Daikin Air Conditioning Italy 26 Gennaio 2013

Marzio Quadri Product Manager di Daikin Air Conditioning Italy 26 Gennaio 2013 Marzio Quadri Product Manager di Daikin Air Conditioning Italy 26 Gennaio 2013 OBIETTIVI, CAMPO DI APPLICAZIONE E STRATEGIA Impegno preso dagli stati membri dell unione europea. Target raggiungibile tramite

Dettagli

DOCUMENTO A SUPPORTO DEL PIANO DI RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA

DOCUMENTO A SUPPORTO DEL PIANO DI RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l Ambiente dell Emilia-Romagna Via Po, n. 5 40139 - BOLOGNA tel 051/6223811 - fax 051/543255 P.IVA e C.F. 04290860370 Sezione Provinciale di Forlì-Cesena C.P. 345

Dettagli

dott. Pasquale De Vita Audizione del presidente dell Unione Petrolifera Senato Commissione Industria (10 a )

dott. Pasquale De Vita Audizione del presidente dell Unione Petrolifera Senato Commissione Industria (10 a ) Attuazione della direttiva 2009/28/CE sulla promozione dell uso dell energia da fonti rinnovabili, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 2001/77/CE e 2003/30/CE Audizione del presidente

Dettagli

Vademecum per i cittadini

Vademecum per i cittadini Impianti termici degli edifici Esercizio, controllo e manutenzione, accertamenti ed ispezioni nella Regione Marche. (Legge Regionale 20 aprile 2015, n. 19) Vademecum per i cittadini IMPIANTO TERMICO L

Dettagli

Estratto Bilancio Energetico Comunale

Estratto Bilancio Energetico Comunale Data N. incarto Oggetto Proprietà 31 maggio 2011 11316 Città dell Energia AMB Estratto Bilancio Energetico Comunale Comune di Bellinzona - 2010 Bilancio Energetico Globale BILECO Bellinzona 31/05/2011

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI: LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA. Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 192 (Direttiva 2002/91/CE)

EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI: LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA. Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 192 (Direttiva 2002/91/CE) EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI: LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 192 (Direttiva 2002/91/CE) La certificazione energetica Domanda di energia nel 2000 nei Paesi UE

Dettagli

Su proposta dell'assessore alle Politiche del Territorio e Tutela ambientale Pier Michele Civita

Su proposta dell'assessore alle Politiche del Territorio e Tutela ambientale Pier Michele Civita OGGETTO:Impianti termici civili di qualsiasi potenza siti negli edifici esistenti nei Comuni della provincia di Roma con popolazione fino a 40.000 abitanti. Fissazione delle nuove tariffe relative ai controlli

Dettagli

DIREZIONE PARCHI, TERRITORIO, AMBIENTE, ENERGIA

DIREZIONE PARCHI, TERRITORIO, AMBIENTE, ENERGIA DIREZIONE PARCHI, TERRITORIO, AMBIENTE, ENERGIA UFFICIO ATTIVITÀ TECNICHE ECOLOGICHE Servizio Politica Energetica Qualità dell Aria Inquinamento Acustico ed Elettromagnetico Rischio Ambiente SINA Via Passolanciano,

Dettagli

Efficienza energetica e condomini Una visione di insieme. Ing. Emanuele Bulgherini Project Manager EfficiencyKNow srl

Efficienza energetica e condomini Una visione di insieme. Ing. Emanuele Bulgherini Project Manager EfficiencyKNow srl Efficienza energetica e condomini Una visione di insieme Ing. Emanuele Bulgherini Project Manager EfficiencyKNow srl Direttiva 2012/27/UE Stabilisce un quadro comune di misure per la promozione dell efficienza

Dettagli

EMISSIONI DA TRAFFICO E QUALITA DELL ARIA: ELEMENTI PER LA GESTIONE NELLA CITTA DI MILANO

EMISSIONI DA TRAFFICO E QUALITA DELL ARIA: ELEMENTI PER LA GESTIONE NELLA CITTA DI MILANO EMISSIONI DA TRAFFICO E QUALITA DELL ARIA: ELEMENTI PER LA GESTIONE NELLA CITTA DI MILANO Hanno collaborato: dott.. Bruno Villavecchia dott.. Marco Bedogni per l Agenzia Mobilità e Ambiente s.r.l. prof..

Dettagli

VADEMECUM PER I CITTADINI (versione aggiornata a Dicembre 2015)

VADEMECUM PER I CITTADINI (versione aggiornata a Dicembre 2015) Legge Regionale 20 aprile 2015, n. 19 Impianti termici degli edifici Esercizio, controllo e manutenzione, accertamenti ed ispezioni VADEMECUM PER I CITTADINI (versione aggiornata a Dicembre 2015) Impianti

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DELLE ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E DI ISPEZIONE NECESSARIE ALL OSSERVANZA DELLE NORME RELATIVE ALL ESERCIZIO E ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI, AL CONTENIMENTO DEI CONSUMI

Dettagli

Servizio Politiche Energetiche

Servizio Politiche Energetiche Servizio Politiche Energetiche FUNZIONI DEL SERVIZIO Controlli impianti termici 1. Sensibilizzazione utenti E l attività di diffusione presso i cittadini delle informazioni (tramite avvisi pubblici affissi

Dettagli

Piano Regionale di Tutela e Risanamento dell'atmosfera

Piano Regionale di Tutela e Risanamento dell'atmosfera Prot. n. 7648/07 Piano Regionale di Tutela e Risanamento dell'atmosfera Bando per la concessione di contributi a fondo perduto per la lotta all inquinamento atmosferico Incentivi alla installazione di

Dettagli

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it unione nazionale r a p p r e s e n t a n t i autoveicoli esteri UNRAE: INGIUSTO PENALIZZARE I DIESEL EURO 4 NEI CENTRI URBANI Le auto diesel Euro 4 di

Dettagli

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Mobilita' sostenibile nelle aree urbane (GU n. 179 del 3-8-1998) Registrato alla Corte dei conti il 9 luglio 1998 Registro n. 1 Ambiente, foglio n. 212

Dettagli

NAOHG LIVING WATER www.naohg.com

NAOHG LIVING WATER www.naohg.com NAOHG LIVING WATER www.naohg.com LE GRANDI TRASFORMAZIONI ECONOMICHE DELLA STORIA AVVENGONO QUANDO UNA NUOVA TECNOLOGIA DI COMUNICAZIONE CONVERGE CON UN NUOVO SISTEMA ENERGETICO www.naohg.com COMPANY Registrata

Dettagli

Provincia di Pisa. Assessorato all Ambiente e alle Politiche Energetiche

Provincia di Pisa. Assessorato all Ambiente e alle Politiche Energetiche Provincia di Pisa Assessorato all Ambiente e alle Politiche Energetiche Riapertura del bando per la concessione di contributi per l innovazione del parco caldaie nella direzione del risparmio energetico

Dettagli