Gestione della produzione MRP e MRPII

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gestione della produzione MRP e MRPII"

Transcript

1 Sommario Gesione della produzione e Inroduzione Classificazione Misure di presazione La Disina Base Logica Lo Sizing in II Inroduzione Inroduzione Def: Gesire la produzione significa generare e sfruare informazioni in modo da coordinare nel modo più appropriao i flussi di maeriali e l assegnazione nel empo delle risorse produive, ineragendo da una pare con i clieni e dall alra con i forniori. Problemi ipici: ) Gesione delle score ) Gesione della produzione e degli ordini. ) Schedulazione di deaglio. Classificazione Le ecniche di gesione della produzione dipendono da: ) La ecnologia alla base del processo produivo ) Il Layou dell impiano. ) Il ipo di mercao. L impao di quesi elemeni deermina la possibilià o meno di uilizzare un cero approccio nella gesione della produzione. Classificazione I sisemi di gesione della produzione possono essere classificai in maniera gerarchica a seconda del livello di deaglio e dell orizzone emporale: ) Programmazione (orizzone emporale mensile o rimesrale, sabilisce le dae di consegna e la produzione seimanale nonché la dimensione dei loi). ) Schedulazione (orizzone emporale seimanale o più breve, sabilisce il carico di lavoro effeivo di ogni singola macchina e la empisica per produzione del loo assegnao). ) Conrollo (decisioni in empo reale a causa di imprevisi, devono ener cono dei vincoli e raccogliere informazioni per i livelli superiori).

2 Classificazione Classificazione I sisemi di gesione della produzione dipendono anche dal modo con cui l azienda si inerfaccia con il mercao: ) Grado di personalizzazione del prodoo ) Volume delle vendie ) Lead ime ) Livello di concorrenza Sraegie di produzione possibili: ) Make o Sock ) Assemble o Order ) Make o Order ) Engineer o Order Quese sraegie dipendono dalla complessià dimensione e volume di vendia di un cero prodoo. Misure di Presazione Misure di presazione Daa la varieà dei livelli gerarchici e degli scenari produivi esisono moli indici di presazione; i principali sono i segueni: ) Cosi legai all uilizzo delle risorse ) Cosi e empi di Seup (dipendeni,indipendeni major/minor) ) Coi legai al livello del magazzino (WIP, empo di araversameno, dimensione dei loi) ) Lead Time (empo di risposa alla produzione di un ordinaivo) ) Throughpu (pari prodoe per unià di empo la legge di Lile sabilisce che Throughpu = WIP x Lead Time) ) Cosi legai al servizio al cliene ( riardi e Backlog) ) Cosi di movimenazione dei maeriali ) Cosi ecnologici (sfruameno di cicli alernaivi per migliorare la produzione) La Disina Base La Disina Base Per la realizzazione di un singolo prodoo sono spesso necessari moli semilavorai e per ognuno di quesi mole maerie prime. La rappresenazione delle relazioni che inercorrono ra le maerie prime, i semilavorai ed il prodoo finio nonché dei loro rappori quaniaivi definisce la disina base di un prodoo. La disina base (bill of maerials) descrive ui i componeni di un prodoo con progressivo deaglio avendo come obieivo quello di deerminare il fabbisogno di ogni maeriale o semilavorao che viene uilizzao per oenere il prodoo finale P P(X) P P P P

3 Maerial Requiremens Planning () nascono negli anni e di diffondono negli anni sull onda dell informaizzazione delle aziende. Ad un nucleo iniziale vengono via via aggiune nuove funzionalià, dando origine ai sisemi dei Manufacuring Resource Planning ( per disinguerli) I sisemi nascono per superare i limii dei radizionali sisemi di gesione delle score che: ) Si basano su modelli saici dove la domanda viene consideraa cosane. ) Non disinguono ra domanda indipendene (dal mercao) e dipendene (dalla disina base). ) Non considerano i vincoli legai alla disponibilià di risorse produive. Il problema della domanda variabile L orizzone emporale di ineresse viene discreizzao in inervalli di pianificazione (ime bucke) all inerno dei quali la domanda può considerarsi cosane. E necessario comunque un sisema informaivo e previsionale (forecasing) capace di prevedere con un cero margine di sicurezza l andameno della domanda. Il problema della domanda variabile Occorre enere espliciamene cono del caraere dinamico della domanda, per il ime bucke il bilancio dei maeriali è: I = I + x d Se h indica il coso uniario di giacenza allora il coso di magazzino lungo l orizzone di pianificazione [ T] è: T i = hi Il problema della domanda variabile Se s è il coso fisso di magazzino per periodo allora il coso fisso di magazzino divena: T I se x > = sδ i ( ) δ ( x) = se x La deerminazione della quanià oima da produrre va soo il nome di Lo Sizing ed è rappresenabile nella forma di un problema di oimizzazione vincolaa: T T min = C x + = s i ( ) [ δ i I = I + x d i =,... T I, x i =,... T ( I ) + hi ] Il problema della domanda variabile Proprieà imporane della soluzione oima di ale modello è che le dimensioni dei loi sono sempre del ipo: = + τ x d k= k La dimensione del loo è quindi pari all accorpameno dei fabbisogni di un cero numero di periodi consecuivi riducendo quindi i cosi fissi. viene deo periodo di ricoperura τ

4 Il problema della domanda dipendene Le maerie prime ed i semilavorai hanno una domanda che dipende direamene da quella del prodoo finio per queso si parla di domanda dipendene. La domanda relaiva al prodoo ulimo dipende esclusivamene dal mercao ed ha quindi un caraere indipendene. Il problema della domanda dipendene Anche in presenza di domanda noa e cosane per il prodoo finio, le corrispeive domande per i prodoi inermedi della disina base risulano irregolari o Lumpy (accidenae) p p p p p p Disina Base Il problema della capacià finia Osserviamo che nel modello di oimizzazione vincolaa presenao le variabili x non sono limiae e perano anche il sisema non iene cono della possibilià di caricare il sisema di approvvigionameno o produzione di una quanià superiore al possibile. Si iene cono della capacià ramie il lead ime che però è fissao a priori menre in realà risula essere dipendene dall esplosione degli ordini delle disine basi. Il problema della capacià finia Lavorare a capacià infinia permee di disaccoppiare la pianificazione di diversi prodoi enendo cono solo delle inerazioni degli elemeni della disina base. Al nucleo originario di sono sae aggiune pari che si occupano ra l alro anche della gesione della capacià produiva. Logica Logica La logica Maerial Requiremens Planning riguarda la pianificazione della produzione ed è: ) A capacià infinia (uilizza un lead ime ed anicipa gli ordini lead ime offseing ) ) Orienaa alla riduzione delle score Prima di applicare il lead ime offseing è necessario provvedere al calcolo dei Fabbisogni nei quesi si periodo Fabbisogni Lordi oengono per ogni codice a parire dalla domanda, dalle giacenze in magazzino e dagli Consegne Aese Magazzino ordini effeuai e che verranno Disponibile versai in magazzino in fuuro. Fabbisogni Srumeno fondamenale è il Nei Record, una abella del ipo in figura: Ordini Pianificai

5 Logica I sisemi parono dai prodoi finali (end iem) e creano ani Record quani sono i codici delle disine basi considerando ui i bisogni e ui i prodoi soccai nei magazzini. Applicano varie regole per definire i loi di produzione. In linea di principio permeono di ridurre il WIP in quano sincronizzano la produzione di codici diversi per renderli disponibili quando necessari (se il lead ime è simao correamene) Logica I sisemi pianificano la produzione secondo esigenze e quaniaivi deerminai ad un livello gerarchico superiore (in base alla domanda reale o simaa), deo MPS (Maser Producion Schedule). Il MPS riflee esigenze simae dovue alla previsione della domanda, che possono variare nel empo. Gli ordini pianificai vengono rasferii ai livelli gerarchici inferiori che si occupano di renderli effeivi. ( e schedulaore di deaglio o capacià finia) Logica Ripianificazione: Quando le previsioni sulla domanda cambiano, a frone di imprevisi o muae esigenze o nuovi ordini, o semplicemene perché è passao del empo, il sisema (poliica rolling horizon) rideermina un nuovo piano di produzione. La ripianificazione può essere di ipo rigeneraivo se il sisema ricalcola i fabbisogni e gli ordini a parire da zero menre è di ipo ne change quando iene cono solo dei ime bucke aggiuni. Logica I sisemi possono anche prevedere delle score di sicurezza in magazzino e rilasciare ordini di acquiso/produzione quando il magazzino va soo il livello di sicurezza. Spesso nel rilascio di ordinaivi il sisema iene cono di una cera percenuale di difeosià negli approvvigionameni ramie il cosiddeo gozino facor. Le regole di lo sizing sono molissime ma possono essere classificae in: ) Lo sizing a quanià fissa. ) Lo sizing a quanià variabile. Regole a quanià fissa Regole a quanià variabile Fixed Order Quaniy(FOQ): Quesa regola sabilisce la possibilià di rilasciare ordini solo per una cera quanià fissaa (o mulipli di una quanià fissaa) dipendene dal processo ecnologico di produzione o dall approvvigionameno minimo dai produori. Economic Order Quaniy (EOQ): anche in queso caso la quanià da ordinare è fissa ma viene sabilia minimizzando i cosi di soccaggio e massimizzando la possibilià di sconi da pare dei forniori.( Al variare della domanda il loo economico può venir ricalcolao e quindi modificao). Lo for Lo (LL): è la regola più semplice, in essa i fabbisogni nei e gli ordini coincidono LL con loo minimo: m è la quanià minima da ordinare. periodo Fabb. nei ordini d se d m x = m se d < m

6 Regole a quanià variabile Periodo di ricoperura: quesa è una famiglia di regole per cui un ordine di produzione copre la domanda di un numero cosane di ime bucke consecuivi (empo τ di ricoperura cosane). Il calcolo di ale periodo avviene secondo regole eurisiche come ad esempio la regola leas uni cos (LUC) che definisce l enià del periodo di ricoperura minimizzando il coso oale per unià nell orizzone di pianificazione. Tali approcci non sono globalmene oimali perché risolvono un problema più vincolao del necessario e spesso riguardano un orizzone di produzione ridoo (miopi) Regole a quanià variabile periodo Fabb. nei ordini LUC: consideriamo solamene i primi periodi e sia il coso uniario di magazzino e il coso fisso dell ordine. Se ipoizziamo τ = allora il primo ordine cosa / =,. Se invece τ = resa un residuo di magazzino pari a e quindi il coso divena (+)/ =,. Con τ = il coso è pari a,. il risulao migliore si oiene quindi per τ =. Regole a quanià variabile Alre regole: ) Leas Toal Cos ) Par period balancing ) Coso fisso eguagliao al coso di magazzino Uleriori raffinameni si possono oenere adoando poliiche di ipo look ahead e look back Regole a quanià variabile periodo Fabb. nei ordini Si può oenere un migliorameno producendo il fabbisogno del periodo durane il periodo. In queso modo resano in magazzino unià di prodoo per re periodi ma una quanià pari a unià verrà enua per un periodo di meno. periodo Fabb. nei ordini Esempio loi di produzione Esempio Nella abella sono mosrai differeni approcci per il lo sizing (lead ime ) Periodi Fabbisogno Neo Lo for lo FOQ EOQ Loo con ricoperura Time Bucke Si aribuisce un numero di livello a ciascun codice e si cosruiscono i record livello per livello. Le regole di lo sizing sono: ) LL per P,P e P ) Periodo di ricoperura pari a re per P e P ) FOQ con mulipli di per P. A P è associaa una scora di sicurezza di. Il lead ime vale per P e P menre vale per gli alri. P P(X) P P P P P

7 Esempio Esempio Codice P Codice P Consegne Aese Consegne Aese Fabbisogni nei Fabbisogni nei Ordini pianificai Ordini pianificai Codice P Codice P Consegne Aese Consegne Aese Fabbisogni nei Fabbisogni nei Ordini pianificai Ordini pianificai Esempio Codice P Consegne Aese Fabbisogni nei Ordini pianificai Codice P Consegne Aese Fabbisogni nei Un modulo rasforma l MPS in un sisema di ordini pianificai. Nel empo sono sai aggiuni dei moduli per la realizzazione dell MPS e per il conrollo dell effeiva esecuzione della pianificazione oenua. Inolre, essendo l a capacià infinia, occorre verificare a poseriori che i piani prodoi siano realisici e quindi compaibili con i vincoli di capacià produiva. Ordini pianificai Si è venua a deerminare con il empo una sruura gerarchica complessa cosiuia da moli livelli ognuno dei quali capace di rasferire informazioni al livello superiore in modo da incremenare la qualià dei risulai. Si parla quindi di sisemi di Manufacuring Resource Planning (). La logica MPR resa ancora il cuore del sisema ma sono sae aggiune le segueni funzionalià: ) Supporo nella aivià di MPS con la possibilià di verificare la congruenza con la pianificazione aggregaa per famiglie. ) Un modulo CRP calcola sulla base degli ordini pianificai e degli ordini in esecuzione una previsione del carico di lavoro sui diversi cenri. ) Livello di esecuzione degli ordini e di acquiso NO FCS Producion Aciviy Conrol MPS CRP Piani Realisici? SI Purchasing

8 Maser Producion Scheduling Realizzao a parire dalle previsioni di domanda, dagli ordini dei clieni e dal piano sraegico di produzione (di cui dovrebbe essere una disaggregazione consisene). Queso livello coniene quindi moduli per il forecasing che devono inerfacciarsi con lo sorico del daabase aziendale e con il modulo di gesione delle disine basi. La previsione della domanda viene faa in base alla soria degli ordini servii e di quelli non soddisfai per mancanza di capacià produiva. Alri elemeni di predizione engono cono degli ordini già acceai e quindi deve esisere un inerfacciameno con i sisemi di Order Enry. Maser Producion Scheduling La realizzazione di un MPS risula paricolarmene problemaica per quei prodoi che offeri in numerose variani (feaure e opion). Siuazioni di queso ipo si verificano spesso in ambieni di ipo assemble-o-order. Non è possibile cosruire previsioni corree a livello di end iem quando sono preseni molissime variani. Maser Producion Scheduling Nei casi appena descrii spesso la disina base è molo esesa ma presena una sora di srozzaura a un cero livello di soo-assiemi. La pianificazione MPS si riferirà quindi alla produzione di ali moduli fondamenali, lasciando al Final Assembly Schedule (FAS) l assemblaggio del prodoo a seconda delle richiese del cliene. (es. Produzione Auomobilisica). MPS Capaciy Requiremens Planning L analisi CRP permee di verificare a poseriori il soddisfacimeno dei vincoli di capacià in ermini di disponibilià di macchine e manodopera. Richiede una rappresenazione ed una conoscenza accuraa dei cicli di lavorazione e della capacià dei singoli elemeni produivi (macchine e urni di lavorazione). Con queso srumeno si possono appianare siuazioni di overloading e underloading. Capaciy Requiremens Planning Il calcolo del carico per ogni cenro di lavorazione richiede di schedulare le singole operazioni del ciclo di lavorazione; queso, coerenemene con l approccio, è fao a capacià infinia. Per ogni loo da produrre vengono considerae le singole operazioni e simao un lead ime all inerno del quale dovranno venir realizzae. Il modulo cerca di ener in cono del empo di aesa in coda, del empo di movimenazione e dell evenuale empo di seup. Il lead ime uilizzao è in funzione della dimensione del loo e simao in base alle informazioni oenue dai moduli di conrollo della produzione. Capaciy Requiremens Planning In caso di violazione dei vincoli di capacià o di eccessiva disuguaglianza di carico, il CRP ena una oimizzazione del carico uilizzando, ad esempio, un modello di Programmazione Maemaica. La funzione da oimizzare in ale modello è spesso il massimo della violazione dei carichi per periodo oppure la massima differenza di carico all inerno di uno sesso periodo.

9 Finie Capaciy Scheduling Tengono cono della effeiva capacià delle risorse produive e dei vincoli dello shop floor. La funzione da oimizzare in ale modello è spesso la massimizzazione della capacià produiva, il makespan o la minimizzazione dei riardi (se il piano non è faibile). In queso modo si oiene uno schedule deagliao che verrà uilizzao dal modulo gesore della produzione. Producion Aciviy Conrol I moduli di Producion Aciviy Conrol (PAC) hanno una duplice funzione: ) Fornire informazioni allo shop floor circa la produzione pianificaa. ) Raccogliere informazioni dallo shop floor sulla produzione realizzaa da desinare ai moduli cui spea la pianificazione della produzione. Producion Aciviy Conrol Fornire informazioni allo shop floor significa essenzialmene deerminare e aggiornare le priorià degli ordini ed i empi di rilascio in modo da consenire il sequenziameno delle aivià produive. Ha funzioni simili alla schedulazione di deaglio ma menre ques ulima lavora essenzialmene off line, il PAC opera in empo reale in base ad una lisa ordinaa di operazioni dea dispach lis. Producion Aciviy Conrol Il modulo PAC ha il compio anche di raccogliere informazioni sulla produzione, per far ciò calcola un cero numero di indici di presazione come rapporo ra ordini programmai ed ordini realizzai Tale modulo ha il compio di raccogliere informazioni circa lo sao di avanzameno degli ordini, dei cosi e delle pari difeose prodoe. Producion Aciviy Conrol I moduli PAC si inerfacciano con i moduli di conrollo dei magazzini; infai la prima aivià associaa ad un ordine è il prelievo dei componeni dal magazzino, e l ulima è il versameno a magazzino delle pari prodoe. I moduli PAC non devono solo moniorare le rese dei processi in ermini di qualià e quanià, ma anche manenere in memoria il numero idenificaivo del loo di ogni componene usao nell assemblare il prodoo, in modo da poer risalire a ue le unià in cui è sao usao un componene che si riveli difeoso durane l uso. (Tracciabilià) Criiche a Saisiche dimosrano che, nonosane la grande diffusione di sisemi di ipo, ancora poche aziende usano ali sisemi al massimo delle loro poenzialià. La correa inroduzione ed uilizzo di sisemi dipende soprauo dalla capacià dell azienda di sapersi innovare anche nella formazione del personale.

10 Criiche a Criiche a E opinione diffusa che ali sisemi non siano riuscii a manenere la promessa di riduzione delle score rilasciando gli ordini di produzione in modo inelligene. Queso è dovuo soprauo alla presenza di un lead ime che non può essere calcolao con sufficiene precisione, esso dipende in effei da moli faori come: ) Tempi di aesa in coda. ) Tempi di movimenazione dei maeriali ) Rilavorazioni dovue a difei ) Baching a causa di empi di seup elevai Quesi empi devo aggiungersi al empo necessario al processo produivo vero e proprio. Quese considerazioni endono a enere alo il lead ime e con esso cresce il empo di permanenza nella filiera di produzione dei maeriali e quindi a far lieviare il WIP. I sisemi più moderni sono buckeless hanno la possibilià di gesire le dae di rilascio e di consegna nonché i urni di lavoro in modo direo. In modo da eviare sprechi di empo. Criiche a L uilizzo efficace dei sisemi richiede la realizzazione ed il manenimeno di un imporane sisema di gesione dell informazione il che richiede un elevao sforzo iniziale ed un uleriore sforzo coninuaivo per manenere la coerenza nelle informazioni di un sisema così capillare. Nonosane le criiche rivole a ali sisemi, quesi risulano essere largamene diffusi. Queso è dovuo alla loro flessibilià e quindi alla capacià di adaarsi facilmene a qualsiasi ambio produivo ed anche alla loro capacià di gesire una socieà soo ui i puni di visa, dal livello finanziario alla gesione della produzione.

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta Lezione 11 (BAG cap. 10) Inflazione, produzione e crescia della monea Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Tre relazioni ra produzione, disoccupazione e inflazione Legge di Okun

Dettagli

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE Durane un erreoo, le oscillazioni del erreno di fondazione provocano nelle sovrasani sruure delle oscillazioni forzae. Quando il erreoo si arresa, i ovieni della sruura

Dettagli

7 I convertitori Analogico/Digitali.

7 I convertitori Analogico/Digitali. 7 I converiori Analogico/Digiali. 7 1. Generalià Un volmero numerico, come si evince dal nome, è uno srumeno che effeua misure di ensione mediane una conversione analogicodigiale della grandezza in ingresso

Dettagli

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. IL MODELLO ECONOMETRICO PER LA STIMA DEGLI STOCK SETTORIALI... 3 Foni... 3 Meodologia... 3 La formulazione

Dettagli

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO Fisica generale, a.a. /4 TUTOATO 8: ALO EFFC &CCUT N A.C. ALOE EFFCE DEL OLTAGGO 8.. La leura con un mulimero digiale del volaggio ai morsei di un generaore fornisce + in coninua e 5.5 in alernaa. Tra

Dettagli

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico Il condensaore IASSUNTO: apacia ondensaori a geomeria piana, cilindrica, sferica La cosane dielerica ε r ondensaore ceramico, a cara, eleroliico Il condensaore come elemeno di circuio: ondensaori in serie

Dettagli

Esercizi svolti di teoria dei segnali

Esercizi svolti di teoria dei segnali Esercizi svoli di eoria dei segnali Alessia De Rosa Mauro Barni Novembre Indice Inroduzione ii Caraerisiche dei segnali deerminai Sviluppo in Serie di Fourier di segnali periodici Trasformaa di Fourier

Dettagli

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI Alma Maer Sudiorum Universià di Bologna FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Maemaica Maeria di Tesi: Maemaica per le applicazioni economiche e finanziarie MODELLI PER

Dettagli

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF TEMPOIZZATOE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A GAO ) SCHEMA A BLOCCHI : M (8) NE555 00K C7 00uF STAT S 4 K C6 0uF (6) (5) () TH C T A B 0 0 Q S Q rese T DIS (7) OUT () 0 T T09*()*C7 (sec) GND () (4) 6

Dettagli

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 356/2013/R/IDR CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI SERVIZI IDRICI Documeno per la consulazione nell ambio del procedimeno avviao con la deliberazione

Dettagli

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine Lezione 4 Ripoe canoniche dei iemi del primo e del econdo ordine Parameri caraeriici della ripoa allo calino Per ripoe canoniche i inendono le ripoe dei iemi dinamici ai egnali coiddei canonici (impulo,

Dettagli

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici OTORI A ORRENTE ONTINUA OTORIDUTTORI W W W.DAGU.IT cerificazioni Dagu s.r.l. è un azienda che si è sviluppaa negli anni con discrea rapidià, seguendo un rend di cosane crescia, ciò grazie ad un assiduo

Dettagli

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A.

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A. Eserciio ( es le La marice è diagonaliabile: verificare, rovando la marice diagonaliane, che è simile a. Esisono re auovalori: mol.alg(- dim V - ; mol.alg( dim V ; mol.alg(- dim V -. Esise una marice simile

Dettagli

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO NUMERO 2 del 23.04.08 COSER COSER IME Applicazioni Apparecchiature Numero 2 del 23-04-08 APPLICAZIONI APPARECCHIAURE E IMPIANI LE VARIE SOLUZIONI SARANNO ELENCAE NEL MODO PIÙ SINEICO POSSIBILE. ROVAA LA

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica Principi di ingegneria elerica Lezione 19 a Conversione eleromeccanica dell'energia Trasmissione e disribuzione dell'energia elerica acchina elerica elemenare Una barra condurice di lunghezza l immersa

Dettagli

Problema 1: Una collisione tra meteoriti

Problema 1: Una collisione tra meteoriti Problema : Una colliione ra meeorii Problemi di imulazione della econda prova di maemaica Eami di ao liceo cienifico 5 febbraio 05 Lo udene deve volgere un olo problema a ua cela Tempo maimo aegnao alla

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboraorio di Algorimi e Sruure Dai Aniello Murano hp://people.na.infn.i people.na.infn.i/ ~murano/ 1 Algorimi per il calcolo di percori minimi u un grafo 1 Un emplice problema Pr oblema: Supponiamo che

Dettagli

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus 13, Seembre 10 Lampade: Plus Lampade ai vapori di sodio ad ala pressione di ala qualià realizzae con ecnologia PIA (Philips Inegraed Anenna). Vanaggi La ecnologia PIA aumena l'affidabilià e riduce il asso

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

Circuiti del primo ordine

Circuiti del primo ordine Circuii del primo ordine Un circuio del primo ordine è caraerizzao da un equazione differenziale del primo ordine I circuii del primo ordine sono di due ipi: L o C Teoria dei Circuii Prof. Luca Perregrini

Dettagli

Il piano principale di produzione

Il piano principale di produzione Il piano principale di produzione Piano principale di produzione 1 Piano principale di produzione (Master Production Schedule) MPS pianifica le consegne di prodotto finito in termini di quantità e di data

Dettagli

LIVELLO STRATEGICO E TATTICO

LIVELLO STRATEGICO E TATTICO Corso di Laurea Triennale in INGEGNERIA GESTIONALE Anno Accademico 2012/13 Prof. Davide GIGLIO 1 ESEMPI DI PROBLEMI DECISIONALI LIVELLO STRATEGICO Capacity growth planning LIVELLO TATTICO Aggregate planning

Dettagli

Buon appetito 3. comunicazione. grammatica. vocabolario Espresso. bene / buono

Buon appetito 3. comunicazione. grammatica. vocabolario Espresso. bene / buono Buon appeio comunicazione Cosa desidera? Vorrei solo un primo Che cosa avee oggi? Prende un caffè? Scusi, mi pora ancora un po di pane? Il cono, per coresia È possibile prenoare un avolo? grammaica I verbi

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE. Introduzione

LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE. Introduzione LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE Introduzione La complessità e la moltitudine delle realtà competitive che caratterizzano oggi le aziende industriali hanno progressivamente condotto alla ricerca di soluzioni

Dettagli

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future.

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Roma, 11.11.2014

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Product Overview. ITI Apps Enterprise apps for mobile devices

Product Overview. ITI Apps Enterprise apps for mobile devices Product Overview ITI Apps Enterprise apps for mobile devices ITI idea, proge2a e sviluppa apps per gli uten6 business/enterprise che nell ipad, e nelle altre pia2aforme mobili, possono trovare un device

Dettagli

INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA

INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA PIETRO CALOI Isiuo Naionale di Geofisica - Roma. RIASSUNTO: Fra i legami che vincolano i movimeni di pari della idrosfera mari, laghi a quelli dell'amosfera, si prendono

Dettagli

Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto anno tra contenuti e attività

Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto anno tra contenuti e attività XXXII CONVEGNO UMI-CIIM IL VALORE FORMATIVO DELLA MATEMATICA NELLA SCUOLA DI OGGI dedicato a Federigo Enriques Livorno, 16-18 ottobre 2014 Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Raduno precampionato. 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat. Il referto di gara. Indicazioni per la corre1a compilazione

Raduno precampionato. 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat. Il referto di gara. Indicazioni per la corre1a compilazione Raduno precampionato 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat Il referto di gara Indicazioni per la corre1a compilazione Il referto di gara Il referto di gara rappresenta il documento che completa l incarico arbitrale:

Dettagli

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :,

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :, TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Un rsforzione geoeric del pino in sé è un corrispondenz iunivoc r i puni del pino P P, P P P è l igine di P rispeo ll rsforzione. Ad ogni puno P(,) corrisponde uno ed un solo

Dettagli

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali POCESSI CASUALI POCESSI CASUALI Segnal deermnsc e casual Un segnale () s dce DEEMIISICO se è una funzone noa d, coè se, fssao un qualunque sane d empo o, l valore ( o ) assuno dal segnale è noo con esaezza

Dettagli

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD)

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Lecce, 19.02.2014 La

Dettagli

API (FORMATO JSON) PER IMPORT DATI IN CONTABILITA' FACILE ONLINE

API (FORMATO JSON) PER IMPORT DATI IN CONTABILITA' FACILE ONLINE API (FORMAO JSON) PER IMPOR DAI IN CONABILIA' FACILE ONLINE Lo Staff della Geritec SRL mette a disposizione delle API per lo scambio DAI tra applicativi di terze parti e Contabilità facile online (di seguito

Dettagli

chiarezza delle aspettative dell organizzazione verso l individuo e chiara esplicitazione all individuo di tali aspettative

chiarezza delle aspettative dell organizzazione verso l individuo e chiara esplicitazione all individuo di tali aspettative FORMA 3: Valutazione dei comportamenti organizzativi Nozioni di base 1. LA VALUAZION DLL COMPNZ INDIVIDUALI 1.1 L COMPNZ INDIVIDUALI In base ai recenti contributi di numerosi autori, possiamo intendere

Dettagli

FOOD & BEVERAGE. Il nuovo mondo della BI e del CPM

FOOD & BEVERAGE. Il nuovo mondo della BI e del CPM FOOD & BEVERAGE C P M B I F B Il nuovo mondo della BI e del CPM CPM e BI nel FOOD & BEVERAGE BOARD IN BREVE BOARD è un soluzione so ware che aiuta le aziende a presidiare l intero processo decisionale:

Dettagli

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità)

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità) 4 Quai eravamo, quai siamo, quai saremo Che cosa si impara el capiolo 4 er cooscere le caraerisiche e l evoluzioe della popolazioe ialiaa araverso u lugo arco di empo uilizziamo il asso di icremeo medio

Dettagli

Analisi dei segnali nel dominio del tempo

Analisi dei segnali nel dominio del tempo Appui di Teoria dei Segali a.a. / Aalisi dei segali el domiio del empo L.Verdoliva I quesa prima pare del corso sudieremo come rappreseare i segali empo coiuo e discreo el domiio del empo e defiiremo le

Dettagli

La do&rina del precedente

La do&rina del precedente La do&rina del precedente I Stare Decisis Lo stare decisis è invece una tecnica decisionale elaborata dai giudici per garan6re stabilità, una sorta di «gerarchia» tra le fon6 giurisprudenziali. Esprime

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

Tipologie di pianificatori. Pianificazione. Partial Order Planning. E compiti diversi. Pianificazione gerarchica. Approcci integrati

Tipologie di pianificatori. Pianificazione. Partial Order Planning. E compiti diversi. Pianificazione gerarchica. Approcci integrati Tipologie di pianificatori Pianificazione Intelligenza Artificiale e Agenti II modulo Pianificazione a ordinamento parziale (POP) (HTN) pianificazione logica (SatPlan) Pianificazione come ricerca su grafi

Dettagli

Valore di costo procedimen+ sinte+ci

Valore di costo procedimen+ sinte+ci Corso di valutazione es+ma+va del proge5o Clasa a.a. 2012/13 Valore di costo procedimen+ sinte+ci Docente Collaboratore prof. Stefano Stanghellini arch. Pietro Bonifaci Il mercato delle costruzioni LE

Dettagli

ADVANCED MES SOLUTIONS

ADVANCED MES SOLUTIONS ADVANCED MES SOLUTIONS PRODUZIONE MATERIALI QUALITA MANUTENZIONE HR IIIIIIIIIaaa Open Data S.r.l. all rights reserved About OPERA OPERA MES è il software proprietario di Open Data. È un prodotto completo,

Dettagli

Modelli di Sistemi di Produzione

Modelli di Sistemi di Produzione Modelli di Sistemi di Produzione 2 Indice 1 I sistemi di produzione 1 1.1 Generalità............................. 1 1.2 I principi dei sistemi manifatturieri............... 4 1.3 Descrizione dei principali

Dettagli

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE OO E AZZATO PECSONE raddrzzar ( refcar) sn crcu mpega per la rasfrmazne d segnal bdreznal n segnal undreznal. Usand, però, dd per raddrzzare segnal, s avrà l svanagg d nn per raddrzzare segnal la cu ampezza

Dettagli

RefWorks Guida rapida VERSIONE 6.0

RefWorks Guida rapida VERSIONE 6.0 RefWorks Guida rapida VERSIONE 6.0 ISTRUZIONI DI ACCESSO Accedere a www.refworks.com/refworks e imme ere il proprio nome (Login Name) e la password. (Gli uten che accedono al sistema per la prima volta

Dettagli

Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel

Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel FATTURAZIONE ELETTRONICA Fa# PA è il servizio online di fa/urazione ele/ronica semplice e sicuro

Dettagli

CI series CI SERIES: HYDRAULIC SHEAR CI SERIES

CI series CI SERIES: HYDRAULIC SHEAR CI SERIES CI series CI SERIES: HYDRAULIC SHEAR 16 SERIE CI : CESOIA IDRAULICA Le cesoie VTN rovano impiego ano nella demolizione aerea (demolizione di inere sruure in ferro), quano nella demolizione a erra (in fonderia,

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015

Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015 Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015 Corso di Economia Aziendale II modulo Capitolo 4 Lo scambio monetario e i valori scaturenti da esso 1 Stru%ura del corso Introduzione

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

23/04/14 1. Capitolo 8: La comunicazione nei gruppi. La comunicazione nei gruppi 1/6. La comunicazione nei gruppi 2/6. La comunicazione nei gruppi 3/6

23/04/14 1. Capitolo 8: La comunicazione nei gruppi. La comunicazione nei gruppi 1/6. La comunicazione nei gruppi 2/6. La comunicazione nei gruppi 3/6 La comunicazione nei gruppi 1/6 Capitolo 8: La comunicazione nei gruppi Luigi Anolli, Fondamen> di Psicologia della Comunicazione Il Mulino 2006 Psicologia della Comunicazione Pof. Fabrizia Mantovani 1

Dettagli

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità.

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità. 0. Risrs uman cinvl nlla prima fas dl prg Cis cmunià. funzini n. n. r Oprari di Prg Prgazin, pianificazin dl prg O p r a ri d l p r g prari di bas prari cnici cn qualifica prfssinal prari spcializzai Op.

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Cenni sul calcolo combinatorio

Cenni sul calcolo combinatorio Cenni sul calcolo combinatorio Disposizioni semplici Le disposizioni semplici di n elementi distinti di classe k con kn sono tutti i gruppi di k elementi scelti fra gli n, che differiscono per almeno un

Dettagli

Lezione n.19 Processori RISC e CISC

Lezione n.19 Processori RISC e CISC Lezione n.19 Processori RISC e CISC 1 Processori RISC e Superscalari Motivazioni che hanno portato alla realizzazione di queste architetture Sommario: Confronto tra le architetture CISC e RISC Prestazioni

Dettagli

Principali funzionalità di Tustena CRM

Principali funzionalità di Tustena CRM Principali funzionalità di Tustena CRM Importazione dati o Importazione da file dati di liste sequenziali per aziende, contatti, lead, attività e prodotti. o Deduplica automatica dei dati importati con

Dettagli

R.P. Consulting Portfolio

R.P. Consulting Portfolio R.P. Consulting Portfolio WEB & DEVELOPING La ricerca al servizio del web. R.P. Consulting ha a>ivato nel 2012 la sua divisione Web & Developing, forte di uno staff con esperienza comprovata nel campo.

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta?

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta? Pagina 1 di 7 FAQ passaggio dalla misurazione lorda a quella netta Con la revisione dell Ordinanza sull energia (OEn) e la sua entrata in vigore con effetto al 1 gennaio 2010 è stata introdotta, nell ambito

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL SAP Customer Success Story Prodotti Industriali Raffineria Metalli Capra Raffineria Metalli Capra. Utilizzata con concessione dell autore. Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL Partner

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali

15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali Informa(on and Communica(on Technology supply chain security 15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali Luca Lazzaretto Rosangela D'Affuso Padova, 29 aprile 2015 1 15

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013 UNA SOLUZIONE INNOVATIVA Businesspass è la soluzione Cloud Computing, usufruibile anche tramite Tablet, ipad, iphone o Smartphone, per gestire l intero processo amministrativo e gestionale dello Studio,

Dettagli

un occhio al passato per il tuo business futuro

un occhio al passato per il tuo business futuro 2 3 5 7 11 13 17 19 23 29 31 37 41 43 47 53 59 61 un occhio al passato per il tuo business futuro BUSINESS DISCOVERY Processi ed analisi per aziende virtuose Che cos è La Business Discovery è un insieme

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

HORIZON SQL PREVENTIVO

HORIZON SQL PREVENTIVO 1/7 HORIZON SQL PREVENTIVO Preventivo... 1 Modalità di composizione del testo... 4 Dettaglia ogni singola prestazione... 4 Dettaglia ogni singola prestazione raggruppando gli allegati... 4 Raggruppa per

Dettagli

La soluzione di gestione aziendale per le piccole e medie imprese Overview della soluzione

La soluzione di gestione aziendale per le piccole e medie imprese Overview della soluzione La soluzione di gestione aziendale per le piccole e medie imprese Overview della soluzione Indice dei contenuti Introduzione 3 SAP Business One: le caratteristiche 4 Vantaggi per le aziende 5 Panoramica

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

GESTIONE DELLA CAPACITA

GESTIONE DELLA CAPACITA Capitolo 8 GESTIONE DELLA CAPACITA Quale dovrebbe essere la capacità di base delle operations? (p. 298 e segg.) 1 Nel gestire la capacità l approccio solitamente seguito dalle imprese consiste nel fissare

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

x = AP = AC PC = R (θ sen θ) y = PB = PQ + BQ = R (1 cos θ).

x = AP = AC PC = R (θ sen θ) y = PB = PQ + BQ = R (1 cos θ). L iloide L urv no oggi ome iloide fu onsider per primo d Glileo, he in un primo momeno ongeurò he l re dell figur rhius fosse re vole quell del erhio he l gener Più rdi, forse us di qulhe esperimeno ml

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 1. Introduzione IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 Ottobre 1970 Caratteristica saliente dell'epoca odierna sembra essere quella della transitorietà. E- spansione, andamento

Dettagli

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso UMB Power Day 15-11-2012 Lugano-Paradiso Mission Competenza e flessibilità al fianco delle imprese che necessitano di esperienza nel gestire il cambiamento. Soluzioni specifiche, studiate per migliorare

Dettagli

MES & EMI DI WONDERWARE. Real Collaboration. Real-Time Results.

MES & EMI DI WONDERWARE. Real Collaboration. Real-Time Results. MES & EMI DI WONDERWARE Real Collaboration. Real-Time Results. Wonderware ci ha dato la possibilita` di implementare una soluzione per la gestione di produzione e performance estesa a tutti i nostri diversi

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA PO 7. 3 G estione del progetto Formativo C o p i a n C o n s e g n a t a / u p lo a d A : C N C q

PROCEDURA OPERATIVA PO 7. 3 G estione del progetto Formativo C o p i a n C o n s e g n a t a / u p lo a d A : C N C q Pag. 1/7 Indice 1.Scopo e campo di applicazione... 2 2.Responsabilità... 2 3. Modalità operative... 2 3.1 Pianificazione della progettazione e dello sviluppo... 2 3.2 Elementi in ingresso alla progettazione

Dettagli

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE. Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE. Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE Proff.. Alberto Baggini Marco Melacini A.A. 2008/2009 Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing Allocazione dei costi industriali

Dettagli

Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1

Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1 Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1 352*(77$=,21(','$77,&$ 3UHVHQWD]LRQH: Consolidiamo la conoscenza dei numeri naturali, decimali e interi relativi, dei procedimenti

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

IT\lOSSIDAE}TLEX. úîmúli tendenze. dei mercati spingono verso il rinnovamento delle tradizionali linee di ricottura e

IT\lOSSIDAE}TLEX. úîmúli tendenze. dei mercati spingono verso il rinnovamento delle tradizionali linee di ricottura e ACGAO T\lOSSDAE}TLEX Silupp* sw &'$me d,x raamem&m, l Y r*cm&&wra & deempagg,fim per masr* & ea&dw.i*'*sssidab,$&* *lx A. Dulceí, S. Maríes, D. Moroí L r fr1 Ls úîmúli edeze. dei mercai spigoo erso il

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Grafi, alberi e re1: modelli su cui cercare soluzioni o;me

Grafi, alberi e re1: modelli su cui cercare soluzioni o;me Università degli Studi Roma Tre Dipar-mento di Scienze della Formazione Laboratorio di Matema-ca per la Formazione Primaria Grafi, alberi e re: modelli su cui cercare soluzioni o;me Mini corso Informa.ca

Dettagli

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP Storia ed evoluzione dei sistemi ERP In questo breve estratto della tesi si parlerà dei sistemi ERP (Enterprise Resource Planning) utilizzabili per la gestione delle commesse; questi sistemi utilizzano

Dettagli

Università degli studi di Padova

Università degli studi di Padova Università degli studi di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di tecnica e gestione dei sistemi industriali Tesi per il conseguimento della laurea magistrale in Ingegneria Gestionale Formulazione

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Integrazione tra sistemi MES e ERP

Integrazione tra sistemi MES e ERP ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA SEDE DI CESENA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Informatiche Integrazione tra sistemi MES e ERP Relazione

Dettagli

ersità Carlo Ca/aneo - LIUC emi di Business Intelligence

ersità Carlo Ca/aneo - LIUC emi di Business Intelligence 2010 Pearson Management Informa4on Systems versità Carlo Ca/aneo - LIUC temi di Business Intelligence Alta direzione e staff Direzioni Funzionali o di Divisione Personale EsecuFvo Problem Iden4fica4on Solu4on

Dettagli

Esercizio di Sincronizzazione tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato con Capacità Limitata

Esercizio di Sincronizzazione tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato con Capacità Limitata Esercizio di Sincronizzazione tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato con Capacità Limitata Supponiamo sempre di avere un ponte stretto che permette il passaggio delle auto solo in un verso per volta,

Dettagli

Mai più senza smartphone.

Mai più senza smartphone. Mai più senza smartphone. Il telefonino ha superato il pc come mezzo di consultazione del web: 14,5 milioni contro 12,5 milioni.* Sempre più presente, lo smartphone è ormai parte integrante delle nostre

Dettagli