Gestione della produzione MRP e MRPII

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gestione della produzione MRP e MRPII"

Transcript

1 Sommario Gesione della produzione e Inroduzione Classificazione Misure di presazione La Disina Base Logica Lo Sizing in II Inroduzione Inroduzione Def: Gesire la produzione significa generare e sfruare informazioni in modo da coordinare nel modo più appropriao i flussi di maeriali e l assegnazione nel empo delle risorse produive, ineragendo da una pare con i clieni e dall alra con i forniori. Problemi ipici: ) Gesione delle score ) Gesione della produzione e degli ordini. ) Schedulazione di deaglio. Classificazione Le ecniche di gesione della produzione dipendono da: ) La ecnologia alla base del processo produivo ) Il Layou dell impiano. ) Il ipo di mercao. L impao di quesi elemeni deermina la possibilià o meno di uilizzare un cero approccio nella gesione della produzione. Classificazione I sisemi di gesione della produzione possono essere classificai in maniera gerarchica a seconda del livello di deaglio e dell orizzone emporale: ) Programmazione (orizzone emporale mensile o rimesrale, sabilisce le dae di consegna e la produzione seimanale nonché la dimensione dei loi). ) Schedulazione (orizzone emporale seimanale o più breve, sabilisce il carico di lavoro effeivo di ogni singola macchina e la empisica per produzione del loo assegnao). ) Conrollo (decisioni in empo reale a causa di imprevisi, devono ener cono dei vincoli e raccogliere informazioni per i livelli superiori).

2 Classificazione Classificazione I sisemi di gesione della produzione dipendono anche dal modo con cui l azienda si inerfaccia con il mercao: ) Grado di personalizzazione del prodoo ) Volume delle vendie ) Lead ime ) Livello di concorrenza Sraegie di produzione possibili: ) Make o Sock ) Assemble o Order ) Make o Order ) Engineer o Order Quese sraegie dipendono dalla complessià dimensione e volume di vendia di un cero prodoo. Misure di Presazione Misure di presazione Daa la varieà dei livelli gerarchici e degli scenari produivi esisono moli indici di presazione; i principali sono i segueni: ) Cosi legai all uilizzo delle risorse ) Cosi e empi di Seup (dipendeni,indipendeni major/minor) ) Coi legai al livello del magazzino (WIP, empo di araversameno, dimensione dei loi) ) Lead Time (empo di risposa alla produzione di un ordinaivo) ) Throughpu (pari prodoe per unià di empo la legge di Lile sabilisce che Throughpu = WIP x Lead Time) ) Cosi legai al servizio al cliene ( riardi e Backlog) ) Cosi di movimenazione dei maeriali ) Cosi ecnologici (sfruameno di cicli alernaivi per migliorare la produzione) La Disina Base La Disina Base Per la realizzazione di un singolo prodoo sono spesso necessari moli semilavorai e per ognuno di quesi mole maerie prime. La rappresenazione delle relazioni che inercorrono ra le maerie prime, i semilavorai ed il prodoo finio nonché dei loro rappori quaniaivi definisce la disina base di un prodoo. La disina base (bill of maerials) descrive ui i componeni di un prodoo con progressivo deaglio avendo come obieivo quello di deerminare il fabbisogno di ogni maeriale o semilavorao che viene uilizzao per oenere il prodoo finale P P(X) P P P P

3 Maerial Requiremens Planning () nascono negli anni e di diffondono negli anni sull onda dell informaizzazione delle aziende. Ad un nucleo iniziale vengono via via aggiune nuove funzionalià, dando origine ai sisemi dei Manufacuring Resource Planning ( per disinguerli) I sisemi nascono per superare i limii dei radizionali sisemi di gesione delle score che: ) Si basano su modelli saici dove la domanda viene consideraa cosane. ) Non disinguono ra domanda indipendene (dal mercao) e dipendene (dalla disina base). ) Non considerano i vincoli legai alla disponibilià di risorse produive. Il problema della domanda variabile L orizzone emporale di ineresse viene discreizzao in inervalli di pianificazione (ime bucke) all inerno dei quali la domanda può considerarsi cosane. E necessario comunque un sisema informaivo e previsionale (forecasing) capace di prevedere con un cero margine di sicurezza l andameno della domanda. Il problema della domanda variabile Occorre enere espliciamene cono del caraere dinamico della domanda, per il ime bucke il bilancio dei maeriali è: I = I + x d Se h indica il coso uniario di giacenza allora il coso di magazzino lungo l orizzone di pianificazione [ T] è: T i = hi Il problema della domanda variabile Se s è il coso fisso di magazzino per periodo allora il coso fisso di magazzino divena: T I se x > = sδ i ( ) δ ( x) = se x La deerminazione della quanià oima da produrre va soo il nome di Lo Sizing ed è rappresenabile nella forma di un problema di oimizzazione vincolaa: T T min = C x + = s i ( ) [ δ i I = I + x d i =,... T I, x i =,... T ( I ) + hi ] Il problema della domanda variabile Proprieà imporane della soluzione oima di ale modello è che le dimensioni dei loi sono sempre del ipo: = + τ x d k= k La dimensione del loo è quindi pari all accorpameno dei fabbisogni di un cero numero di periodi consecuivi riducendo quindi i cosi fissi. viene deo periodo di ricoperura τ

4 Il problema della domanda dipendene Le maerie prime ed i semilavorai hanno una domanda che dipende direamene da quella del prodoo finio per queso si parla di domanda dipendene. La domanda relaiva al prodoo ulimo dipende esclusivamene dal mercao ed ha quindi un caraere indipendene. Il problema della domanda dipendene Anche in presenza di domanda noa e cosane per il prodoo finio, le corrispeive domande per i prodoi inermedi della disina base risulano irregolari o Lumpy (accidenae) p p p p p p Disina Base Il problema della capacià finia Osserviamo che nel modello di oimizzazione vincolaa presenao le variabili x non sono limiae e perano anche il sisema non iene cono della possibilià di caricare il sisema di approvvigionameno o produzione di una quanià superiore al possibile. Si iene cono della capacià ramie il lead ime che però è fissao a priori menre in realà risula essere dipendene dall esplosione degli ordini delle disine basi. Il problema della capacià finia Lavorare a capacià infinia permee di disaccoppiare la pianificazione di diversi prodoi enendo cono solo delle inerazioni degli elemeni della disina base. Al nucleo originario di sono sae aggiune pari che si occupano ra l alro anche della gesione della capacià produiva. Logica Logica La logica Maerial Requiremens Planning riguarda la pianificazione della produzione ed è: ) A capacià infinia (uilizza un lead ime ed anicipa gli ordini lead ime offseing ) ) Orienaa alla riduzione delle score Prima di applicare il lead ime offseing è necessario provvedere al calcolo dei Fabbisogni nei quesi si periodo Fabbisogni Lordi oengono per ogni codice a parire dalla domanda, dalle giacenze in magazzino e dagli Consegne Aese Magazzino ordini effeuai e che verranno Disponibile versai in magazzino in fuuro. Fabbisogni Srumeno fondamenale è il Nei Record, una abella del ipo in figura: Ordini Pianificai

5 Logica I sisemi parono dai prodoi finali (end iem) e creano ani Record quani sono i codici delle disine basi considerando ui i bisogni e ui i prodoi soccai nei magazzini. Applicano varie regole per definire i loi di produzione. In linea di principio permeono di ridurre il WIP in quano sincronizzano la produzione di codici diversi per renderli disponibili quando necessari (se il lead ime è simao correamene) Logica I sisemi pianificano la produzione secondo esigenze e quaniaivi deerminai ad un livello gerarchico superiore (in base alla domanda reale o simaa), deo MPS (Maser Producion Schedule). Il MPS riflee esigenze simae dovue alla previsione della domanda, che possono variare nel empo. Gli ordini pianificai vengono rasferii ai livelli gerarchici inferiori che si occupano di renderli effeivi. ( e schedulaore di deaglio o capacià finia) Logica Ripianificazione: Quando le previsioni sulla domanda cambiano, a frone di imprevisi o muae esigenze o nuovi ordini, o semplicemene perché è passao del empo, il sisema (poliica rolling horizon) rideermina un nuovo piano di produzione. La ripianificazione può essere di ipo rigeneraivo se il sisema ricalcola i fabbisogni e gli ordini a parire da zero menre è di ipo ne change quando iene cono solo dei ime bucke aggiuni. Logica I sisemi possono anche prevedere delle score di sicurezza in magazzino e rilasciare ordini di acquiso/produzione quando il magazzino va soo il livello di sicurezza. Spesso nel rilascio di ordinaivi il sisema iene cono di una cera percenuale di difeosià negli approvvigionameni ramie il cosiddeo gozino facor. Le regole di lo sizing sono molissime ma possono essere classificae in: ) Lo sizing a quanià fissa. ) Lo sizing a quanià variabile. Regole a quanià fissa Regole a quanià variabile Fixed Order Quaniy(FOQ): Quesa regola sabilisce la possibilià di rilasciare ordini solo per una cera quanià fissaa (o mulipli di una quanià fissaa) dipendene dal processo ecnologico di produzione o dall approvvigionameno minimo dai produori. Economic Order Quaniy (EOQ): anche in queso caso la quanià da ordinare è fissa ma viene sabilia minimizzando i cosi di soccaggio e massimizzando la possibilià di sconi da pare dei forniori.( Al variare della domanda il loo economico può venir ricalcolao e quindi modificao). Lo for Lo (LL): è la regola più semplice, in essa i fabbisogni nei e gli ordini coincidono LL con loo minimo: m è la quanià minima da ordinare. periodo Fabb. nei ordini d se d m x = m se d < m

6 Regole a quanià variabile Periodo di ricoperura: quesa è una famiglia di regole per cui un ordine di produzione copre la domanda di un numero cosane di ime bucke consecuivi (empo τ di ricoperura cosane). Il calcolo di ale periodo avviene secondo regole eurisiche come ad esempio la regola leas uni cos (LUC) che definisce l enià del periodo di ricoperura minimizzando il coso oale per unià nell orizzone di pianificazione. Tali approcci non sono globalmene oimali perché risolvono un problema più vincolao del necessario e spesso riguardano un orizzone di produzione ridoo (miopi) Regole a quanià variabile periodo Fabb. nei ordini LUC: consideriamo solamene i primi periodi e sia il coso uniario di magazzino e il coso fisso dell ordine. Se ipoizziamo τ = allora il primo ordine cosa / =,. Se invece τ = resa un residuo di magazzino pari a e quindi il coso divena (+)/ =,. Con τ = il coso è pari a,. il risulao migliore si oiene quindi per τ =. Regole a quanià variabile Alre regole: ) Leas Toal Cos ) Par period balancing ) Coso fisso eguagliao al coso di magazzino Uleriori raffinameni si possono oenere adoando poliiche di ipo look ahead e look back Regole a quanià variabile periodo Fabb. nei ordini Si può oenere un migliorameno producendo il fabbisogno del periodo durane il periodo. In queso modo resano in magazzino unià di prodoo per re periodi ma una quanià pari a unià verrà enua per un periodo di meno. periodo Fabb. nei ordini Esempio loi di produzione Esempio Nella abella sono mosrai differeni approcci per il lo sizing (lead ime ) Periodi Fabbisogno Neo Lo for lo FOQ EOQ Loo con ricoperura Time Bucke Si aribuisce un numero di livello a ciascun codice e si cosruiscono i record livello per livello. Le regole di lo sizing sono: ) LL per P,P e P ) Periodo di ricoperura pari a re per P e P ) FOQ con mulipli di per P. A P è associaa una scora di sicurezza di. Il lead ime vale per P e P menre vale per gli alri. P P(X) P P P P P

7 Esempio Esempio Codice P Codice P Consegne Aese Consegne Aese Fabbisogni nei Fabbisogni nei Ordini pianificai Ordini pianificai Codice P Codice P Consegne Aese Consegne Aese Fabbisogni nei Fabbisogni nei Ordini pianificai Ordini pianificai Esempio Codice P Consegne Aese Fabbisogni nei Ordini pianificai Codice P Consegne Aese Fabbisogni nei Un modulo rasforma l MPS in un sisema di ordini pianificai. Nel empo sono sai aggiuni dei moduli per la realizzazione dell MPS e per il conrollo dell effeiva esecuzione della pianificazione oenua. Inolre, essendo l a capacià infinia, occorre verificare a poseriori che i piani prodoi siano realisici e quindi compaibili con i vincoli di capacià produiva. Ordini pianificai Si è venua a deerminare con il empo una sruura gerarchica complessa cosiuia da moli livelli ognuno dei quali capace di rasferire informazioni al livello superiore in modo da incremenare la qualià dei risulai. Si parla quindi di sisemi di Manufacuring Resource Planning (). La logica MPR resa ancora il cuore del sisema ma sono sae aggiune le segueni funzionalià: ) Supporo nella aivià di MPS con la possibilià di verificare la congruenza con la pianificazione aggregaa per famiglie. ) Un modulo CRP calcola sulla base degli ordini pianificai e degli ordini in esecuzione una previsione del carico di lavoro sui diversi cenri. ) Livello di esecuzione degli ordini e di acquiso NO FCS Producion Aciviy Conrol MPS CRP Piani Realisici? SI Purchasing

8 Maser Producion Scheduling Realizzao a parire dalle previsioni di domanda, dagli ordini dei clieni e dal piano sraegico di produzione (di cui dovrebbe essere una disaggregazione consisene). Queso livello coniene quindi moduli per il forecasing che devono inerfacciarsi con lo sorico del daabase aziendale e con il modulo di gesione delle disine basi. La previsione della domanda viene faa in base alla soria degli ordini servii e di quelli non soddisfai per mancanza di capacià produiva. Alri elemeni di predizione engono cono degli ordini già acceai e quindi deve esisere un inerfacciameno con i sisemi di Order Enry. Maser Producion Scheduling La realizzazione di un MPS risula paricolarmene problemaica per quei prodoi che offeri in numerose variani (feaure e opion). Siuazioni di queso ipo si verificano spesso in ambieni di ipo assemble-o-order. Non è possibile cosruire previsioni corree a livello di end iem quando sono preseni molissime variani. Maser Producion Scheduling Nei casi appena descrii spesso la disina base è molo esesa ma presena una sora di srozzaura a un cero livello di soo-assiemi. La pianificazione MPS si riferirà quindi alla produzione di ali moduli fondamenali, lasciando al Final Assembly Schedule (FAS) l assemblaggio del prodoo a seconda delle richiese del cliene. (es. Produzione Auomobilisica). MPS Capaciy Requiremens Planning L analisi CRP permee di verificare a poseriori il soddisfacimeno dei vincoli di capacià in ermini di disponibilià di macchine e manodopera. Richiede una rappresenazione ed una conoscenza accuraa dei cicli di lavorazione e della capacià dei singoli elemeni produivi (macchine e urni di lavorazione). Con queso srumeno si possono appianare siuazioni di overloading e underloading. Capaciy Requiremens Planning Il calcolo del carico per ogni cenro di lavorazione richiede di schedulare le singole operazioni del ciclo di lavorazione; queso, coerenemene con l approccio, è fao a capacià infinia. Per ogni loo da produrre vengono considerae le singole operazioni e simao un lead ime all inerno del quale dovranno venir realizzae. Il modulo cerca di ener in cono del empo di aesa in coda, del empo di movimenazione e dell evenuale empo di seup. Il lead ime uilizzao è in funzione della dimensione del loo e simao in base alle informazioni oenue dai moduli di conrollo della produzione. Capaciy Requiremens Planning In caso di violazione dei vincoli di capacià o di eccessiva disuguaglianza di carico, il CRP ena una oimizzazione del carico uilizzando, ad esempio, un modello di Programmazione Maemaica. La funzione da oimizzare in ale modello è spesso il massimo della violazione dei carichi per periodo oppure la massima differenza di carico all inerno di uno sesso periodo.

9 Finie Capaciy Scheduling Tengono cono della effeiva capacià delle risorse produive e dei vincoli dello shop floor. La funzione da oimizzare in ale modello è spesso la massimizzazione della capacià produiva, il makespan o la minimizzazione dei riardi (se il piano non è faibile). In queso modo si oiene uno schedule deagliao che verrà uilizzao dal modulo gesore della produzione. Producion Aciviy Conrol I moduli di Producion Aciviy Conrol (PAC) hanno una duplice funzione: ) Fornire informazioni allo shop floor circa la produzione pianificaa. ) Raccogliere informazioni dallo shop floor sulla produzione realizzaa da desinare ai moduli cui spea la pianificazione della produzione. Producion Aciviy Conrol Fornire informazioni allo shop floor significa essenzialmene deerminare e aggiornare le priorià degli ordini ed i empi di rilascio in modo da consenire il sequenziameno delle aivià produive. Ha funzioni simili alla schedulazione di deaglio ma menre ques ulima lavora essenzialmene off line, il PAC opera in empo reale in base ad una lisa ordinaa di operazioni dea dispach lis. Producion Aciviy Conrol Il modulo PAC ha il compio anche di raccogliere informazioni sulla produzione, per far ciò calcola un cero numero di indici di presazione come rapporo ra ordini programmai ed ordini realizzai Tale modulo ha il compio di raccogliere informazioni circa lo sao di avanzameno degli ordini, dei cosi e delle pari difeose prodoe. Producion Aciviy Conrol I moduli PAC si inerfacciano con i moduli di conrollo dei magazzini; infai la prima aivià associaa ad un ordine è il prelievo dei componeni dal magazzino, e l ulima è il versameno a magazzino delle pari prodoe. I moduli PAC non devono solo moniorare le rese dei processi in ermini di qualià e quanià, ma anche manenere in memoria il numero idenificaivo del loo di ogni componene usao nell assemblare il prodoo, in modo da poer risalire a ue le unià in cui è sao usao un componene che si riveli difeoso durane l uso. (Tracciabilià) Criiche a Saisiche dimosrano che, nonosane la grande diffusione di sisemi di ipo, ancora poche aziende usano ali sisemi al massimo delle loro poenzialià. La correa inroduzione ed uilizzo di sisemi dipende soprauo dalla capacià dell azienda di sapersi innovare anche nella formazione del personale.

10 Criiche a Criiche a E opinione diffusa che ali sisemi non siano riuscii a manenere la promessa di riduzione delle score rilasciando gli ordini di produzione in modo inelligene. Queso è dovuo soprauo alla presenza di un lead ime che non può essere calcolao con sufficiene precisione, esso dipende in effei da moli faori come: ) Tempi di aesa in coda. ) Tempi di movimenazione dei maeriali ) Rilavorazioni dovue a difei ) Baching a causa di empi di seup elevai Quesi empi devo aggiungersi al empo necessario al processo produivo vero e proprio. Quese considerazioni endono a enere alo il lead ime e con esso cresce il empo di permanenza nella filiera di produzione dei maeriali e quindi a far lieviare il WIP. I sisemi più moderni sono buckeless hanno la possibilià di gesire le dae di rilascio e di consegna nonché i urni di lavoro in modo direo. In modo da eviare sprechi di empo. Criiche a L uilizzo efficace dei sisemi richiede la realizzazione ed il manenimeno di un imporane sisema di gesione dell informazione il che richiede un elevao sforzo iniziale ed un uleriore sforzo coninuaivo per manenere la coerenza nelle informazioni di un sisema così capillare. Nonosane le criiche rivole a ali sisemi, quesi risulano essere largamene diffusi. Queso è dovuo alla loro flessibilià e quindi alla capacià di adaarsi facilmene a qualsiasi ambio produivo ed anche alla loro capacià di gesire una socieà soo ui i puni di visa, dal livello finanziario alla gesione della produzione.

La programmazione aggregata nella supply chain. La programmazione aggregata nella supply chain 1

La programmazione aggregata nella supply chain. La programmazione aggregata nella supply chain 1 La programmazione aggregaa nella supply chain La programmazione aggregaa nella supply chain 1 Linea guida Il ruolo della programmazione aggregaa nella supply chain Il problema della programmazione aggregaa

Dettagli

2. Politiche di gestione delle scorte

2. Politiche di gestione delle scorte deerminisica variabile nel empo Quando la domanda viaria nel empo, il problema della gesione dell invenario divena preamene dinamico. e viene deo di lo-sizing. Consideriamo il caso in cui la domanda pur

Dettagli

Programmazione della produzione a lungo termine e gestione delle scorte

Programmazione della produzione a lungo termine e gestione delle scorte Programmazione della produzione a lungo ermine e gesione delle score Coneso. Il problema della gesione delle score consise nel pianificare e conrollare i processi di approvvigionameno dei magazzini di

Dettagli

La previsione della domanda nella supply chain

La previsione della domanda nella supply chain La previsione della domanda nella supply chain La previsione della domanda 1 Linea guida Il ruolo della prerevisione nella supply chain Le caraerisiche della previsione Le componeni della previsione ed

Dettagli

V AK. Fig.1 Caratteristica del Diodo

V AK. Fig.1 Caratteristica del Diodo 1 Raddrizzaore - Generalià I circuii raddrizzaori uilizzano componeni come i Diodi che presenano la caraerisica di unidirezionalià, cioè permeono il passaggio della correne solo in un verso. In figura

Dettagli

tp = 0 P + t r a 0 P Il modello di crescita aritmetico deriva dalla logica del tasso di interesse semplice

tp = 0 P + t r a 0 P Il modello di crescita aritmetico deriva dalla logica del tasso di interesse semplice Eserciazione 7: Modelli di crescia: arimeica, geomerica, esponenziale. Calcolo del asso di crescia e del empo di raddoppio. Popolazione sabile e sazionaria. Viviana Amai 03/06/200 Modelli di crescia Nella

Dettagli

Ottobre 2009. ING ClearFuture

Ottobre 2009. ING ClearFuture Oobre 2009 ING ClearFuure Una crescia cosane. Con una solida proezione nel empo. ING ClearFuure è la soluzione assicuraiva Uni Linked di dirio lussemburghese, realizzaa apposiamene da ING Life Luxembourg

Dettagli

1.7. Il modello completo e le sue proprietà

1.7. Il modello completo e le sue proprietà La Teoria Generale 1 1.7. Il modello compleo e le sue proprieà Il ragionameno svolo fino a queso puno è valido per un livello dao del salario nominale e dei prezzi. Le grandezze preseni nel modello, per

Dettagli

A.A. 2013/14 Esercitazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI

A.A. 2013/14 Esercitazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI A.A. 2013/14 Eserciazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI Esercizio 1 - IRPEF Il signor X, che vive solo e non ha figli, ha percepio, nel corso dell anno correne, i segueni reddii: - Reddii da lavoro dipendene

Dettagli

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria Universià di Napoli Parenope Facolà di Ingegneria Corso di Comunicazioni Elerice docene: Prof. Vio Pascazio a Lezione: 7/04/003 Sommario Caraerizzazione energeica di processi aleaori Processi aleaori nel

Dettagli

Modelli di Ricerca Operativa per il Lot Sizing

Modelli di Ricerca Operativa per il Lot Sizing Modelli di Ricerca Oeraiva er il Lo Sizing Corso di Modelli di Sisemi di Produzione I Sommario Inroduzione La gesione delle score (Problema e modelli) Parameri Fondamenali (cosi di e soccaggio) Aroccio

Dettagli

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta Lezione 11 (BAG cap. 10) Inflazione, produzione e crescia della monea Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Tre relazioni ra produzione, disoccupazione e inflazione Legge di Okun

Dettagli

Anche sugli impianti in esercizio è possibile intervenire attuando una serie di soluzioni in grado di ridurre sensibilmente il consumo di energia.

Anche sugli impianti in esercizio è possibile intervenire attuando una serie di soluzioni in grado di ridurre sensibilmente il consumo di energia. Risparmio Energeico Risparmio Energeico per Scale e Tappei Mobili La riduzione dei consumi di energia proveniene dalle foni fossili non rinnovabili (perolio, carbone) è una delle priorià assolue, insieme

Dettagli

velocità angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un intervallo di tempo)

velocità angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un intervallo di tempo) V A = AMPIEZZA = lunghezza di V A ALTERNATA Proiezione di V X ISTANTE = velocià angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un inervallo di empo) DEVE ESSERE COSTANTE Angolo

Dettagli

Economia e gestione delle imprese - 01

Economia e gestione delle imprese - 01 Economia e gesione delle imprese - 01 L impresa come organizzazione che crea valore Leve di creazione di ricchezza e responsabilià sociale Prima pare : L impresa che crea valore 1. L impresa 2. L evoluzione

Dettagli

flusso in uscita (FU) Impresa flusso in entrata (FE)

flusso in uscita (FU) Impresa flusso in entrata (FE) Analisi degli invesimeni Il bilancio è una sinesi a poseriori della siuazione di un'azienda. La valuazione degli invesimeni è un enaivo di valuare a priori la validià delle scele dell'azienda. L'invesimeno

Dettagli

Argomenti trattati. Rischio e Valutazione degli investimenti. Teoria della Finanza Aziendale. Costo del capitale

Argomenti trattati. Rischio e Valutazione degli investimenti. Teoria della Finanza Aziendale. Costo del capitale Teoria della Finanza Aziendale Rischio e Valuazione degli invesimeni 9 1-2 Argomeni raai Coso del capiale aziendale e di progeo Misura del bea Coso del capiale e imprese diversificae Rischio e flusso di

Dettagli

INTERBANCA Codice ISIN IT0004041478

INTERBANCA Codice ISIN IT0004041478 REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZNAR INTERBANCA 2006/2011 Discoun Dynamic Index 24 fino a EUR 250.000.000 Ar. 1 - TITOLI Il presio obbligazionario Inerbanca 2006/2011 Discoun Dynamic Index 24 fino a EUR

Dettagli

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

Analisi e valutazione degli investimenti

Analisi e valutazione degli investimenti Analisi e valuazione degli invesimeni Indice del modulo L analisi degli invesimeni e conceo di invesimeno Il valore finanziario del empo e aualizzazione Capializzazione e aualizzazione Il coso opporunià

Dettagli

Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendite mensili di shampoo

Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendite mensili di shampoo Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendie mensili di shampoo Mese y 1 266,0 2 145,9 3 183,1 4 119,3 5 180,3 6 168,5 7 231,8 8 224,5 9 192,8 10 122,9 11 336,5 12 185,9 1 194,3 2 149,5 3 210,1

Dettagli

LEZIONE 3 INDICATORI DELLE PRINCIPALI VARIABILI MACROECONOMICHE. Argomenti trattati: definizione e misurazione delle seguenti variabili macroecomiche

LEZIONE 3 INDICATORI DELLE PRINCIPALI VARIABILI MACROECONOMICHE. Argomenti trattati: definizione e misurazione delle seguenti variabili macroecomiche LEZIONE 3 INDICATORI DELLE RINCIALI VARIABILI MACROECONOMICHE Argomeni raai: definizione e misurazione delle segueni variabili macroecomiche Livello generale dei prezzi, Tasso d inflazione, π IL nominale,

Dettagli

La matrice di contabilità sociale (SAM): uno strumento per la valutazione IPI, 2009

La matrice di contabilità sociale (SAM): uno strumento per la valutazione IPI, 2009 La marice di conabilià sociale (SAM): uno srumeno per la valuazione IPI, 2009 Sono vieae le riproduzioni del eso, dei dai e dei conenui informaici dei CD allegai non auorizzai dall IPI con qualsiasi mezzo

Dettagli

TEMPUS PECUNIA EST COLLANA DI MATEMATICA PER LE SCIENZE ECONOMICHE FINANZIARIE E AZIENDALI

TEMPUS PECUNIA EST COLLANA DI MATEMATICA PER LE SCIENZE ECONOMICHE FINANZIARIE E AZIENDALI TEPUS PECUNIA EST COLLANA DI ATEATICA PER LE SCIENZE ECONOICHE FINANZIARIE E AZIENDALI 3 Direore Bearice VENTURI Universià degli Sudi di Cagliari Comiao scienifico Umbero NERI Universiy of aryland Russel

Dettagli

In questo caso entrambi i gruppi chiedono copertura completa: q = d = 100.

In questo caso entrambi i gruppi chiedono copertura completa: q = d = 100. Soluzione dell Esercizio 1: Assicurazioni a) In un mercao perfeamene concorrenziale, deve valere la condizione di profii aesi nulli: E(P)=0. E possibile mosrare che ale condizione implica che l impresa

Dettagli

Lezione 15. Lezione 15. ADC di tipo Flash. ADC di tipo Flash. ADC di tipo Flash. ADC di tipo Flash. Sommario. Materiale di riferimento

Lezione 15. Lezione 15. ADC di tipo Flash. ADC di tipo Flash. ADC di tipo Flash. ADC di tipo Flash. Sommario. Materiale di riferimento Sommario Lezione 15 Converiore di ipo Flash Converiore a gradinaa Converiore a rampa Converiore ad approssimazioni successive (SA) Converiore di ipo SigmaDela Esempi di converiori preseni a bordo di mc

Dettagli

4 Il Canale Radiomobile

4 Il Canale Radiomobile Pare IV G. Reali: Il canale radiomobile 4 Il Canale Radiomobile 4.1 INTRODUZIONE L evoluzione fondamenale nella filisofia di progeo delle rei di comunicazione indoor è il passaggio dalla modalià di rasmissione

Dettagli

Cenni di Matematica Finanziaria

Cenni di Matematica Finanziaria Cenni di Maemaica Finanziaria M.Leizia Guerra Facolà di Economia Universià di Urbino Carlo Bo Leggi e regimi finanziari Operazioni finanziarie elemenari Un conrao finanziario ra due soggei Alfa e Bea prevede

Dettagli

Introduzione all analisi delle serie storiche e dei metodi di previsione

Introduzione all analisi delle serie storiche e dei metodi di previsione Inroduzione all analisi delle serie soriche e dei meodi di previsione Indice. Capiolo inroduivo,. Inroduzione.2 Fasi di un analisi di previsione e sruura delle dispense 2. Meodi e srumeni di base, 5 2.

Dettagli

Introduzione all analisi quantitativa dei beni pubblici. Italo M. Scrocchia

Introduzione all analisi quantitativa dei beni pubblici. Italo M. Scrocchia Diparimeno di Scienze Economiche, Maemaiche e Saisiche Universià degli Sudi di Foggia Inroduzione all analisi quaniaiva dei beni pubblici Ialo M. Scrocchia Quaderno n. 27/2008 Esemplare fuori commercio

Dettagli

Le polizze rivalutabili

Le polizze rivalutabili Capiolo 6 Le polizze rivaluabili 6.1 Inroduzione Le polizze via rivaluabili sono sae inrodoe nel mercao ialiano negli anni di ala inflazione e oggi, con l eccezione delle polizze TCM, hanno compleamene

Dettagli

Apertura nei Mercati Finanziari

Apertura nei Mercati Finanziari Lezione 20 (BAG cap. 6.2, 6.4-6.5 e 18.5-18.6) La poliica economica in economia apera Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Aperura nei Mercai Finanziari 1) Gli invesiori possono

Dettagli

Soluzione degli esercizi del Capitolo 2

Soluzione degli esercizi del Capitolo 2 Sisemi di auomazione indusriale - C. Boniveno, L. Genili, A. Paoli 1 degli esercizi del Capiolo 2 dell Esercizio E2.1 Il faore di uilizzazione per i processi in esame è U = 8 16 + 12 48 + 6 24 = 1. L algorimo

Dettagli

Azionamenti Elettrici

Azionamenti Elettrici Azionameni Elerici 2.4. CONVERTITORI DC/DC... 33 2.4.1. Conrollo dei converiori DC/DC... 33 2.4.2. FullBridge converer (DC/DC)... 34 2.4.2.1. PWM con commuazione di ensione bipolare...35 2.4.2.2. PWM con

Dettagli

4 La riserva matematica

4 La riserva matematica 4 La riserva maemaica 4.1 Inroduzione La polizza, come si è viso, viene cosruia in modo da essere in equilibrio auariale alla daa di sipula = 0 e rispeo alla base ecnica del I ordine: se X è il flusso

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 2007 2008 Prova dell 8 febbraio 2008. Esercizio 1 (6 punti)

MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 2007 2008 Prova dell 8 febbraio 2008. Esercizio 1 (6 punti) MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 007 008 Prova dell 8 febbraio 008 Nome Cognome Maricola Esercizio (6 puni) La vendia raeale di un bene di valore 000 prevede il pagameno di rae mensili posicipae cosani calcolae

Dettagli

FUNZIONI REALI DI UNA VARIABILE REALE E APPLICAZIONI

FUNZIONI REALI DI UNA VARIABILE REALE E APPLICAZIONI CAPITOLO FUNZIONI REALI DI UNA VARIABILE REALE E APPLICAZIONI Sono le funzioni aveni come dominio e codominio dei sooinsiemi dei numeri reali; esse sono alla base dei modelli maemaici preseni in ogni campo

Dettagli

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE Durane un erreoo, le oscillazioni del erreno di fondazione provocano nelle sovrasani sruure delle oscillazioni forzae. Quando il erreoo si arresa, i ovieni della sruura

Dettagli

Fabio Grasso LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: I PROFILI TECNICI

Fabio Grasso LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: I PROFILI TECNICI Fabio Grasso Direore Diparimeno di Scienze Saisiche Presidene Area Didaica delle Scienze Saisiche, Auariali e Finanziarie Universià degli Sudi di Roma La Sapienza LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: I PROFILI

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO DI IMBRAGATURA A CATENA PER AGGANCIARE, ACCORCIARE, SOLLEVARE

SISTEMA INTEGRATO DI IMBRAGATURA A CATENA PER AGGANCIARE, ACCORCIARE, SOLLEVARE SISTEMA INTEGRATO DI IMBRAGATURA A CATENA PER AGGANCIARE, ACCORCIARE, SOLLEVARE Isruzioni e manuenzione nuovo grado +, con poraa maggioraa del 5% rispeo al radizionale grado ; allungameno minimo a roura

Dettagli

TECNICA DELLE ASSICURAZIONI

TECNICA DELLE ASSICURAZIONI TECNICA DELLE ASSICURAZIONI E DELLE FORME PENSIONISTICHE Prof. Annamaria Olivieri a.a. 25/26 Esercizi: eso. Una socieà di calcio si impegna a risarcire con 5 euro il proprio allenaore, in caso di licenziameno

Dettagli

L'UTILIZZO DI TRADING RULES IN MODELLI A CAMBIAMENTO DI REGIME (SWITCHING REGIMES)

L'UTILIZZO DI TRADING RULES IN MODELLI A CAMBIAMENTO DI REGIME (SWITCHING REGIMES) L'UTILIZZO DI TRADING RULES IN MODELLI A CAMBIAMENTO DI REGIME (SWITCHING REGIMES) Monica Billio Universià Ca Foscari e GRETA, Venezia Michele Paron GRETA, Venezia Inroduzione. Moli meodi di analisi ecnica

Dettagli

Esercizi di Matematica Finanziaria

Esercizi di Matematica Finanziaria Esercizi di Maemaica Finanziaria Copyrigh SDA Bocconi Faori nanziari Classi care e rappresenare gra camene i segueni faori nanziari per : (a) = + ; 8 (b) = ( + ; ) (c) = (d) () = ; (e) () = ( + ; ) (f)

Dettagli

Lezione 10. (BAG cap. 9) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia

Lezione 10. (BAG cap. 9) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Lezione 10 (BAG cap. 9) Il asso naurale di disoccupazione e la curva di Phillips Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia In queso capiolo Inrodurremo uno degli oggei più conosciui

Dettagli

La Finanza di Progetto per la realizzazione e gestione di un parco Eolico

La Finanza di Progetto per la realizzazione e gestione di un parco Eolico SUSTAINABLE ENERGY FORUM - Le nuove froniere della produzione di energia pulia La Finanza di Progeo per la realizzazione e gesione di un parco Eolico Roma, 6 Giugno 2007 Gabriele FERRANTE Unià ecnica Finanza

Dettagli

RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO

RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO Nel dominio del empo le variabili sono esaminae secondo la loro evoluzione emporale. Normalmene si esamina la risposa del sisema a un segnale di prova canonico, cioè si sollecia

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI Universià degli Sudi di Parma Diparimeno di Economia Obieivi della lezione Capire i profili di analisi di un invesimeno in beni srumenali Saper scegliere correamene

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA Facolà di Scienze Saisiche CORSO DI LAUREA IN STATISTICA, ECONOMIA E FINANZA RELAZIONE FINALE: INFLUENZA DI ALCUNI CARATTERI SOCIOECONOMICI NELLE SCELTE DI PORTAFOGLIO

Dettagli

Il valore delle. Argomenti. Domande chiave. Teoria della Finanza Aziendale Prof. Arturo Capasso A.A. 2005-2006

Il valore delle. Argomenti. Domande chiave. Teoria della Finanza Aziendale Prof. Arturo Capasso A.A. 2005-2006 - 4 Teoria della Finanza Aziendale rof. Aruro Capasso A.A. 5-6 Il valore delle A. azioni ordinarie - Argomeni Rendimeni richiesi rezzi delle azioni e ES Cash Flows e valore economico d impresa - 3 Domande

Dettagli

Facoltà di Agraria - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Analisi Costi e Benefici

Facoltà di Agraria - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Analisi Costi e Benefici Facolà di Agraria - Universià di Sassari Anno Accademico 004-005 Dispense Corso di Pianificazione e Difesa del erriorio Docene: Luciano Guierrez Analisi Cosi e Benefici. Inroduzione. Decisioni individuali

Dettagli

La Riassicurazione. Prof. Cerchiara Rocco Roberto. email: rocco.cerchiara@unical.it. Materiale e Riferimenti

La Riassicurazione. Prof. Cerchiara Rocco Roberto. email: rocco.cerchiara@unical.it. Materiale e Riferimenti Prof. R.R. Cerciara La Riassicurazione Prof. Cerciara Rocco Robero email: rocco.cerciara@unical.i Maeriale e Riferimeni 1. Lucidi disribuii in aula. Daboni, pagg. 13-17 e 137-148 (Leggere Riassicurazione

Dettagli

METODI DECISIONALI PER L'AZIENDA. www.lvproject.com. Dott. Lotti Nevio

METODI DECISIONALI PER L'AZIENDA. www.lvproject.com. Dott. Lotti Nevio METODI DECISIONALI PER L'AZIENDA www.lvprojec.com Do. Loi Nevio Generalià sui sisemi dinamici. Variabili di sao, di ingresso, di uscia. Sisemi discrei. Sisemi lineari. Paper: Dynamic Modelling Do. Loi

Dettagli

Appunti e Domande di Affidabilità e Controllo della Qualità

Appunti e Domande di Affidabilità e Controllo della Qualità Appuni e Domande di Affidabilià e Conrollo della Qualià Auori: eagleone - eagleone2 (a) in.i lubo23 lubo23 (a) infinio.i Ulima revisione: 14/11/24 by eagleone 1 Inroduzione...4 Disclaimer...4 Dirii e permessi

Dettagli

COME RISOLVERE GLI ESERCIZI DI ANALISI MATEMATICA 2

COME RISOLVERE GLI ESERCIZI DI ANALISI MATEMATICA 2 COME RISOLVERE GLI ESERCIZI DI ANALISI MATEMATICA Ecco una piccola e semplice guida che illusra come risolvere, a grandi linee gli esercii proposi agli esami di Analisi Maemaica (del DM 509/99, cioè successione

Dettagli

Opportunità di arbitraggio nel mercato del BTP Futures: una verifica empirica.

Opportunità di arbitraggio nel mercato del BTP Futures: una verifica empirica. Opporunià di arbiraggio nel mercao del BTP Fuures: una verifica empirica. Andrea Giacomelli Grea, Venezia Domenico Sarore Universià Ca' Foscari e Grea, Venezia Michele Trova Inesa Asse Managemen Come è

Dettagli

LEZIONE 10. Il finanziamento dell istruzione. Economia del Settore Pubblico. Modalità dell intervento pubblico. Il finanziamento dell istruzione

LEZIONE 10. Il finanziamento dell istruzione. Economia del Settore Pubblico. Modalità dell intervento pubblico. Il finanziamento dell istruzione Economia del Seore Pubblico Laura Vici laura.vici@unibo.i www2.dse.unibo.i/lvici/edsp_ii.hm Modalià dell inerveno pubblico Regolamenazione Finanziameno: parziale o inegrale? Produzione: pubblica o privaa?

Dettagli

7 I convertitori Analogico/Digitali.

7 I convertitori Analogico/Digitali. 7 I converiori Analogico/Digiali. 7 1. Generalià Un volmero numerico, come si evince dal nome, è uno srumeno che effeua misure di ensione mediane una conversione analogicodigiale della grandezza in ingresso

Dettagli

I possibili schemi di Partenariato Pubblico Privato

I possibili schemi di Partenariato Pubblico Privato OSSERVATORIO collegameno ferroviario Torino-Lione Collegameno ferroviario Torino-Lione I possibili schemi di Parenariao Pubblico Privao Torino, 30 Oobre 2007 Unià Tecnica Finanza di Progeo 1 PPP: analisi

Dettagli

APPUNTI DI ANALISI DEI SEGNALI DAVIDE BASSI

APPUNTI DI ANALISI DEI SEGNALI DAVIDE BASSI UNIVERIÀ DEGLI UDI DI RENO FACOLÀ DI CIENZE MAEMAICHE, FIICHE E NAURALI CORO DI LAUREA IN FIICA APPLICAA DAVIDE BAI APPUNI DI ANALII DEI EGNALI Indice Risposa impulsionale dei sisemi lineari -. isemi lineari

Dettagli

LA GESTIONE COORDINATA DEGLI ATTIVI E DEI PASSIVI NEI FONDI PENSIONE

LA GESTIONE COORDINATA DEGLI ATTIVI E DEI PASSIVI NEI FONDI PENSIONE LA GESTIONE COORDINATA DEGLI ATTIVI E DEI PASSIVI NEI FONDI PENSIONE Prof. PAOLO DE ANGELIS Auario - Sudio ACRA Do. STEFANO VISINTIN Auario - Sudio Auariale Visinin & Associai Roma 19 giugno 2012 ASPETTI

Dettagli

9. Conversione Analogico/Digitale

9. Conversione Analogico/Digitale 9.1. Generalià 9. Conversione Analogico/Digiale 9.1. Generalià In un converiore analogico/digiale, il problema di fondo consise nello sabilire la corrispondenza ra la grandezza analogica di ingresso (che

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI ECONOMIA FEDERICO CAFFÈ

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI ECONOMIA FEDERICO CAFFÈ UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI ECONOMIA FEDERICO CAFFÈ CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E COMMERCIO Tesi di laurea IL RUOLO DELL ESPANSIONE DELLA DOMANDA DI CONSUMI NELLA CRESCITA ECONOMICA: ALCUNE

Dettagli

Il modello di Black-Scholes. Il modello di Black-Scholes/2

Il modello di Black-Scholes. Il modello di Black-Scholes/2 Il modello di Black-Scholes Si raa sosanzialmene del modello in empo coninuo che si oiene facendo endere a 0 nel modello binomiale. Come vedremo, è un modello di fondamenale imporanza, e per esso a Myron

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI SCIENZE STATISTICHE TESI DI LAUREA IN STATISTICA ECONOMIA E FINANZA STIMA DELLA VOLATILITA NEI MERCATI FINANZIARI CON DATI INFRA-GIORNALIERI: ALCUNI CONFRONTI

Dettagli

6 Le polizze rivalutabili

6 Le polizze rivalutabili 6 Le polizze rivaluabili 6.1 Inroduzione Le polizze via rivaluabili sono sae inrodoe nel mercao ialiano negli anni di ala inflazione e oggi ui i conrai dei rami via proposi dalla compagnie ialiane, con

Dettagli

LA DINAMICA DEL DEBITO PUBBLICO. UN ANALISI DEL CASO ITALIANO, 1980-1996

LA DINAMICA DEL DEBITO PUBBLICO. UN ANALISI DEL CASO ITALIANO, 1980-1996 Liuc Papers n. 33, Serie Economia e Impresa 8, seembre 1996 LA DINAMICA DEL DEBITO PUBBLICO. UN ANALISI DEL CASO ITALIANO, 1980-1996 Angelo Marano Inroduzione Le dimensioni anomale che il debio pubblico

Dettagli

Gli effetti dell offshoring di servizi sulla produttività: Un analisi empirica su dati italiani ed europei

Gli effetti dell offshoring di servizi sulla produttività: Un analisi empirica su dati italiani ed europei Gli effei dell offshoring di servizi sulla produivià: Un analisi empirica su dai ialiani ed europei Rosario Crinò Insiu d Anàlisi Econòmica, CSIC Absrac Queso lavoro sudia gli effei dell offshoring di

Dettagli

Ma nel dettaglio, come si svolge una seduta di allenamento con la metodica SPLIT SYSTEM?

Ma nel dettaglio, come si svolge una seduta di allenamento con la metodica SPLIT SYSTEM? LO SPLIT SYSTEM Di Fabio Zonin Volee oenere oimi guadagni di forza e massa e enere conemporaneamene soo conrollo la percenuale di grasso corporeo e farlo allenandovi solo per un ora re vole la seimana?

Dettagli

Sistemi di drenaggio urbano. Prof. Antonino Cancelliere. I sistemi di drenaggio urbano

Sistemi di drenaggio urbano. Prof. Antonino Cancelliere. I sistemi di drenaggio urbano Corso di Proezione Idraulica del Terriorio Sisemi di drenaggio urbano Prof. Anonino Cancelliere Diparimeno di Ingegneria Civile e Ambienale Universià di Caania acance@dica.unic.i 095 7382718 I sisemi di

Dettagli

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. IL MODELLO ECONOMETRICO PER LA STIMA DEGLI STOCK SETTORIALI... 3 Foni... 3 Meodologia... 3 La formulazione

Dettagli

RELAZIONE FINALE: MODELLAZIONE DEI PREZZI DELL ENERGIA ELETTRICA: UN ESEMPIO

RELAZIONE FINALE: MODELLAZIONE DEI PREZZI DELL ENERGIA ELETTRICA: UN ESEMPIO RELAZIONE FINALE: MODELLAZIONE DEI PREZZI DELL ENERGIA ELETTRICA: UN ESEMPIO RELATORE: CH.MO PROF. LISI FRANCESCO LAUREANDO: CANELLA FRANCESCO MATRICOLA: 45835 ANNO ACCADEMICO: 003-004 4 Alla mia famiglia

Dettagli

Sofferenze bancarie di imprese e famiglie: evidenza sull Italia

Sofferenze bancarie di imprese e famiglie: evidenza sull Italia Corso di Laurea magisrale (ordinameno ex D.M. 270/2004) in Economia e Finanza Tesi di Laurea Sofferenze bancarie di imprese e famiglie: evidenza sull Ialia Relaore Ch. Prof. Domenico Sarore Laureanda Francesca

Dettagli

Provincia di Treviso

Provincia di Treviso Treviso, 21 dicembre 2004 OGGETTO: Gesione rifiui urbani e assimilai Servizio pubblico inegraivo di gesione rifiui speciali Adempimeni relaivi alla compilazione di formulari di idenificazione, regisri

Dettagli

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni Domanda 1: Valuazione e Analisi di Obbligazioni (31 puni) Lei lavora per il diparimeno Invesimeni Obbligazionari di una compagnia di assicurazioni sulla via e ha preparao la Tabella 1 dei rendimeni obbligazionari

Dettagli

IL FENOMENO DELLA LONGEVITA ED IL RISCHIO DI MODELLO: ANALISI E MISURA

IL FENOMENO DELLA LONGEVITA ED IL RISCHIO DI MODELLO: ANALISI E MISURA IL FENOMENO DELLA LONGEVITA ED IL RISCHIO DI MODELLO: ANALISI E MISURA Valeria D Amao Doorao in Maemaica per l Analisi economica e la Finanza XX Ciclo Coordinaore: Prof. Emilia Di Lorenzo Tuor: Prof. Emilia

Dettagli

Luiss Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli

Luiss Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli Luiss Libera Universià Inernazionale degli Sudi Sociali Guido Carli CeMASM Cenro Mario Arcelli di Sudi Moneari Quaderno di Ricerca n. 1/2005 Iseresi, domanda aggregaa, rend socasici comuni in un modello

Dettagli

Preparare l ambiente di posa in opera

Preparare l ambiente di posa in opera Preparare l ambiene di posa in opera Prima della posa in opera, il parque deve essere conservao in ambieni asciui, con imballo inegro e chiuso, proeo da evenuali influenze dell'ambiene eserno che porebbero

Dettagli

SELEZIONE DI UN PORTAFOGLIO MEDIANTE LA FORZA RELATIVA

SELEZIONE DI UN PORTAFOGLIO MEDIANTE LA FORZA RELATIVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA, ECONOMIA E FINANZA SELEZIONE DI UN PORTAFOGLIO MEDIANTE LA FORZA RELATIVA RELATORE: Ch.mo Prof. Francesco

Dettagli

6.1 VALUTAZIONI GENERALI

6.1 VALUTAZIONI GENERALI Piano di risanameno e uela della qualià dell aria e per la riduzione dei gas serra 6 SCENARI DI PIANO 6.1 VALUTAZIONI GENERALI Le azioni di risanameno dovranno garanire il rispeo dei limii in ue le zone

Dettagli

INTRODUZIONE 1 LA STIMA DEI VINCOLI FINANZIARI AGLI INVESTIMENTI IN RICERCA E SVILUPPO DELLE IMPRESE MANUFATTURIERE ITALIANE 4

INTRODUZIONE 1 LA STIMA DEI VINCOLI FINANZIARI AGLI INVESTIMENTI IN RICERCA E SVILUPPO DELLE IMPRESE MANUFATTURIERE ITALIANE 4 INDICE INTRODUZIONE 1 CAPITOLO 1 LA STIMA DEI VINCOLI FINANZIARI AGLI INVESTIMENTI IN RICERCA E SVILUPPO DELLE IMPRESE MANUFATTURIERE ITALIANE 4 1.1 INTRODUZIONE...4 1.2 LA DEFINIZIONE DELLA STRUTTURA

Dettagli

Si trova all interno dell unità centrale e su di essa sono montati la maggior parte dei dispositivi che compongono il PC.

Si trova all interno dell unità centrale e su di essa sono montati la maggior parte dei dispositivi che compongono il PC. 2008-10-07 - pagina 1 di 9 PC Deskop Il PC da scrivania in una configurazione minima è cosiuio da: Unià cenrale con unià di memorizzazione ed elaborazione Tasiera Mouse Monior Unià cenrale Nell unià cenrale

Dettagli

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO Fisica generale, a.a. /4 TUTOATO 8: ALO EFFC &CCUT N A.C. ALOE EFFCE DEL OLTAGGO 8.. La leura con un mulimero digiale del volaggio ai morsei di un generaore fornisce + in coninua e 5.5 in alernaa. Tra

Dettagli

Direzione Sistemi informativi Servizio statistica e toponomastica. Bollettino mensile di Statistica

Direzione Sistemi informativi Servizio statistica e toponomastica. Bollettino mensile di Statistica Direzione Sisemi informaivi Servizio saisica e oponomasica Bolleino mensile di Saisica Seembre 2013 Sisema Saisico Nazionale Comune di Firenze Ufficio Comunale di Saisica Direzione Sisemi informaivi Servizio

Dettagli

DISPENSA DI ECONOMIA DEL TURISMO. Parte Seconda: Offerta, Sostenibilità e Impatto. Jan van der Borg

DISPENSA DI ECONOMIA DEL TURISMO. Parte Seconda: Offerta, Sostenibilità e Impatto. Jan van der Borg DISPENSA DI ECONOMIA DEL TURISMO. Pare Seconda: Offera, Sosenibilià e Impao Jan van der Borg Dicembre 2009 CAPITOLO 1: L OFFERTA TURISTICA 1.1 Offera urisica In prima approssimazione possiamo definire

Dettagli

Analisi dei guasti a terra nei sistemi MT a neutro isolato e neutro compensato

Analisi dei guasti a terra nei sistemi MT a neutro isolato e neutro compensato Analisi dei uasi a erra nei sisemi MT a neuro isolao e neuro compensao - Problemaiche inereni alle proezioni 5N e 67N - A cura di: n. laudio iucciarelli n. Marco iucciarelli . nroduzione Di seuio viene

Dettagli

UNITà E. Biblioteca di Telepass + 2 biennio TOMO 3 ESERCIZIO. La contabilità generale: le operazioni d esercizio 1/11

UNITà E. Biblioteca di Telepass + 2 biennio TOMO 3 ESERCIZIO. La contabilità generale: le operazioni d esercizio 1/11 Biblioeca di Telepass + 2 biennio TOMO 3 UNITà E La conabilià generale: le operazioni d esercizio Cosiuzione di azienda, acquisi e vendie: scriure in P.D. Tuorial ESERCIZIO In daa 27 marzo 20.. il signor

Dettagli

Questioni di Economia e Finanza

Questioni di Economia e Finanza Quesioni di Economia e Finanza (Occasional Papers) La grande disribuzione organizzaa e l indusria alimenare in Ialia di Eliana Viviano (coordinaore), Luciana Aimone Gigio, Emanuela Ciapanna, Daniele Coin,

Dettagli

Conversione Analogico-Digitale

Conversione Analogico-Digitale Capiolo 4 Conversione Analogico-Digiale I segnali del mondo reale sono analogici, menre un elaboraore digiale è in grado di memorizzare e raare esclusivamene sequenze finie di bi. Per raare con ecniche

Dettagli

Il ricorso alla Finanza di Progetto nei progetti di generazione da fonti rinnovabili

Il ricorso alla Finanza di Progetto nei progetti di generazione da fonti rinnovabili I disrei produivi ialiani : Energia e sicurezza Il ricorso alla Finanza di Progeo nei progei di generazione da foni rinnovabili Pisa, 21-22 22 Novembre 2007 Gabriele FERRANTE Unià Tecnica Finanza di Progeo

Dettagli

I mercati dei beni e i mercati finanziari in economia aperta

I mercati dei beni e i mercati finanziari in economia aperta I mercai dei beni e i mercai finanziari in economia apera Economia apera Mercai dei beni: l opporunià per i consumaori e le imprese di scegliere ra beni nazionali e beni eseri. Mercai delle aivià finanziarie:

Dettagli

LA TEORIA DEL CICLO ECONOMICO REALE (RBC: Real Business Cycle) Però offre una diversa spiegazione delle fluttuazioni economiche:

LA TEORIA DEL CICLO ECONOMICO REALE (RBC: Real Business Cycle) Però offre una diversa spiegazione delle fluttuazioni economiche: LA TEORIA DEL CICLO ECONOMICO REALE (RBC: Real Business Cycle) Edward Presco, Finn Kydland, Rober King, ecc. Si inserisce nel filone della NMC: - Equilibrio generale walrasiano; - incerezza e dinamica:

Dettagli

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico Il condensaore IASSUNTO: apacia ondensaori a geomeria piana, cilindrica, sferica La cosane dielerica ε r ondensaore ceramico, a cara, eleroliico Il condensaore come elemeno di circuio: ondensaori in serie

Dettagli

OTTIMIZZAZIONE DELLA FILIERA DI PRODUZIONE DI BIOETANOLO IMPLEMENTANDO MECCANISMI ECONOMICI DI "EMISSION TRADING"

OTTIMIZZAZIONE DELLA FILIERA DI PRODUZIONE DI BIOETANOLO IMPLEMENTANDO MECCANISMI ECONOMICI DI EMISSION TRADING UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE TESI DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CHIMICA E DEI PROCESSI INDUSTRIALI OTTIMIZZAZIONE DELLA FILIERA DI

Dettagli

Automazione Industriale AA 2002-2003 Prof. Luca Ferrarini

Automazione Industriale AA 2002-2003 Prof. Luca Ferrarini Auomazione Indusriale AA 2002-2003 Prof. Luca Ferrarini Laboraorio 1 Obieivi dell eserciazione Sviluppare modelli per la realizzazione di funzioni di auomazione Comprensione e uilizzo di Ladder Diagrams

Dettagli

SCHEDULING INDICE SCHEDULING ESEMPIO INTRODUTTIVO ESEMPIO INTRODUTTIVO SCHEDULING SCHEDULING

SCHEDULING INDICE SCHEDULING ESEMPIO INTRODUTTIVO ESEMPIO INTRODUTTIVO SCHEDULING SCHEDULING orso di Laurea Triennale in INGEGNERIA GESTIONALE Anno Accademico 2012/13 Prof. Davide GIGLIO INDIE Esempio Inroduivo Generalià sui problemi di scheduling SINGLE MAHINE SPT (shores processing ime) scheduling

Dettagli

In questi ultimi tre anni le società di assicurazione europee hanno. Polizze vita l Approfondimenti

In questi ultimi tre anni le società di assicurazione europee hanno. Polizze vita l Approfondimenti Polizze via l Approfondimeni Incorporare le aese dell assicurao nell ALM In quesi ulimi anni le socieà di assicurazione europee hanno affinao l uilizzo dell ALM nel ramo via. I loro sforzi, uavia, si sono

Dettagli

Corso di Comunicazioni Elettriche. 2 RICHIAMI DI TEORIA DEI SEGNALI Prof. Giovanni Schembra TEORIA DEI SEGNALI DETERMINATI

Corso di Comunicazioni Elettriche. 2 RICHIAMI DI TEORIA DEI SEGNALI Prof. Giovanni Schembra TEORIA DEI SEGNALI DETERMINATI Corso di Comunicazioni Eleriche RICHIAMI DI TEORIA DEI SEGNALI Pro. Giovanni Schembra Richiami di Teoria dei segnali TEORIA DEI SEGNALI DETERMINATI Richiami di Teoria dei segnali Valori caraerisici di

Dettagli

Un modello econometrico mensile per la previsione dell indice COMIT nel mercato azionario italiano

Un modello econometrico mensile per la previsione dell indice COMIT nel mercato azionario italiano WORKING PAPER n.0.07 Seembre 00 Un modello economerico mensile per la previsione dell indice COMIT nel mercao azionario ialiano R. Casarin a,b P. Guderzo c a. Universià Ca Foscari, Venezia. b. GRETA, Venezia.

Dettagli

CONTO DI BILANCIO GESTIONE DELLE SPESE - Anno 2014 Analitico

CONTO DI BILANCIO GESTIONE DELLE SPESE - Anno 2014 Analitico UNIONE DI COMUNI VALDARNO e VALDISIEVE Prov. (FI) CONO DI BILANCIO GESIONE DELLE SPESE - Anno 2014 Analitico otale (M) otale (N) Res. al 31/12 (O=C+H) Imp. al 31/12 (P=D+I) Pagina 2 itolo I - SPESE CORRENI

Dettagli