Classificazioni dei sistemi di produzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Classificazioni dei sistemi di produzione"

Transcript

1 Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1

2 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione viene effettuata, quindi dalla prospettiva secondo cui ci si pone. Sistemi di produzione 2

3 Vale rilevare che: un sistema produttivo reale contiene spesso aspetti riconducibili a diverse classificazioni; i diversi sottosistemi possono essere differenti (ad esempio, una linea di fabbricazione all interno di un reparto job shop). Le diverse tipologie produttive hanno comunque significato strategico: dipendono dal mercato di riferimento; dipendono dalle tecnologie; dipendono dalle scelte strategiche dell impresa. Sistemi di produzione 3

4 Criteri base per la scelta dei sistemi produttivi Progetto del prodotto e livello di qualità: il progetto del prodotto configura i processi necessari per l ottenimento del prodotto a partire da materiali e componenti; la qualità progettata può essere effettivamente ritrovata nel prodotto solo tenendo conto delle caratteristiche e delle prestazioni ottenibili dal processo di produzione. Sistemi di produzione 4

5 Caratteristiche del mercato e flessibilità necessaria: si devono considerare variabilità di volumi e di preferenze; processi flessibili richiedono impianti e macchine flessibili e operatori adattabili a compiti diversi. Aspetti legati a quantità e capacità: è naturalmente diverso progettare un prodotto e un processo per la realizzazione di una o di molte unità; quantità di prodotto richieste e processo produttivo scelto influenzano la capacità richiesta. Sistemi di produzione 5

6 Coinvolgimento del cliente: dipende dalla personalizzazione del prodotto e dal livello di servizio che l impresa intende offrire; ha forti ricadute al di fuori della funzione produzione. Decisioni make or buy : hanno forti ricadute al di fuori della funzione produzione; le motivazioni alla base della scelta sono molteplici. Sistemi di produzione 6

7 Classificazione secondo il modo di soddisfare la domanda (asse mercato) Produzione su commesse singole ordini diversi per quantità unitarie (o limitate); elevata differenziazione dei prodotti; la commessa necessita dell elaborazione di un progetto ad hoc; elevato contenuto di servizio; innovazione dei prodotti frequente; i clienti sono sensibili a: progetto, qualità, velocità e affidabilità delle consegne, innovazione. Sistemi di produzione 7

8 Produzione su commesse ripetitive prodotti differenziati per clienti stabili; forniture scaglionate nel tempo; i clienti sono sensibili a: qualità, velocità e affidabilità delle consegne, flessibilità alla varietà e ai volumi, innovazione. prodotti da catalogo per clientela vasta; la progettazione e l ingegnerizzazione precedono l ordine; i clienti sono sensibili a: qualità, velocità e affidabilità delle consegne, varietà dei prodotti, prezzo. Sistemi di produzione 8

9 Produzione per il magazzino la produzione precede l ordine; volumi di prodotti spesso poco differenziati (prodotti standard); il progetto e la qualità dei prodotti sono determinati sulla base di indagini di mercato per determinare necessità e preferenze (possibile segmentazione); le varietà dei prodotti sono rigidamente determinate; i clienti sono sensibili a: prezzo, velocità di consegna, qualità. Sistemi di produzione 9

10 Classificazione secondo il modo di realizzare il volume di produzione (asse gestionale) Produzioni unitarie le attività produttive concorrono alla realizzazione del singolo ordine; variabilità dei cicli produttivi molto spinta flessibilità è condizione necessaria; Sistemi di produzione 10

11 spesso avviene l acquisizione di capacità produttiva esterna per: sopperire a carenze di capacità transitorie; lavorazioni specializzate; il tempo di consegna è spesso un fattore critico: internamente: per la complessità della gestione di più commesse in parallelo; esternamente: per il mantenimento della competitività dell impresa. Sistemi di produzione 11

12 Produzioni intermittenti (a lotti) tenuto conto di incrementi nei costi di investimento e di crescente complessità gestionale, può assicurare un alta varietà di prodotti e di volumi; il ciclo di lavorazione riguarda lotti di prodotti tra loro omogenei. In generale: sistemi produttivi flessibili alta varietà bassa saturazione, sistemi produttivi dedicati alti volumi alta saturazione; Sistemi di produzione 12

13 Incrementi di utilizzazione degli impianti si possono ottenere: raggruppando elevati volumi di prodotti in ogni fase del processo produttivo, producendo molti prodotti dello stesso tipo (riduzione dei tempi di riattrezzaggio), utilizzando i tempi di attesa tra lavorazioni successive (ad esempio, per ispezioni). Sistemi di produzione 13

14 Produzioni continue le stazioni di lavoro sono disposte secondo la sequenza delle fasi successive di lavorazione; uno o più materiali base sono sottoposti a cicli produttivi che rimangono costanti per tempi lunghi; si hanno flussi ininterrotti di prodotti con caratteristiche omogenee nel tempo; i volumi elevati e le caratteristiche dei materiali base ne consentono un facile trasferimento lungo le diverse fasi; gli impianti operano spesso 24 ore al giorno tutti i giorni; Sistemi di produzione 14

15 le fasi di lavorazione sono altamente automatizzate, spesso l operatore umano ha solo funzioni di controllo; si hanno elevati investimenti tecnologici e impiantistici; il fattore critico è il costo di produzione necessità di elevati volumi; elevata rigidità dei sistemi di produzione; l elemento base della gestione è la tecnologia produttiva; nel caso di unità discrete di prodotto si parla spesso di produzione ripetitiva. Sistemi di produzione 15

16 Relazioni tra tipi produttivi: esempi Commesse singole Es. Impianti complessi Commesse ripetitive Es. macchinari, impianti, attrezzature Es. componentistica per diversi settori. Es. prodotti chimici Prod. per magazzino Es. componenti standard Es. prodotti di largo consumo Unitarie Intermittenti Continue Sistemi di produzione 16

17 Relazioni tra tipi di produzione e volumi: esempi Unitarie Impianti Appar. speciali Intermittenti Componenti e prodotti ad alto contenuto tecnologico Prodotti personalizzati e con varianti Prodotti standardizzati e di serie Continue Produzione petrolchimica Basso Volume Alto Sistemi di produzione 17

18 Classificazione sulla base del modo di realizzare il prodotto (asse tecnologico) Produzione per processo trasformazione fisica, chimica o della natura dei componenti; il ciclo tecnologico è definito e, spesso, vincolante (ciclo tecnologico obbligato); problemi principali di tipo tecnologico; si può adottare una gestione di tipo continuo o intermittente (indipendentemente dai flussi continui o discontinui di materiali buffer di processo). Esempio: prodotti petrolchimici. Sistemi di produzione 18

19 Produzione per parti (manifatturiera) comprendono: una fase di fabbricazione, modifica di forma, dimensioni ecc., una fase di montaggio, formazione di assiemi; i cicli tecnologici ammettono varianti (ciclo tecnologico non obbligato); problemi principali di tipo impiantistico e gestionale. Esempio: industria automobilistica. Sistemi di produzione 19

20 Fabbricazioni Produzione per reparti (job shop) ciascun ordine di lavorazione (pezzo unico o lotto) richiede operazioni da più centri di lavoro; il ciclo tecnologico può ammettere alternative; spesso sono utilizzate stazioni di lavoro general purpouse; Sistemi di produzione 20

21 elevata varietà di cicli aggregazione delle macchine per lavorazioni omogenee (reparti con omogeneità tecnologica); flussi intrecciati; difficoltà gestionale progressiva da produzioni ripetitive a commesse singole; il raggruppamento di macchine e operatori facilita l utilizzo di attrezzature comuni; flessibilità operativa; sono spesso associabili alla produzione intermittente. Sistemi di produzione 21

22 Produzione per cellule (cell production) lavorazione di famiglie di prodotti con cicli omogenei; cellule di macchine tecnologicamente non omogenee; flussi non intrecciati; flessibilità operativa contenuta; si può perseguire maggiore efficacia qualora: il progetto dei prodotti preveda molti elementi comuni, le informazioni e le attrezzature necessarie siano posizionate all interno della cellula, gli operatori abbiano una formazione interfunzionale. Sistemi di produzione 22

23 Linee di produzione per prodotto (transfer lines) produzioni di elevate quantità poco differenziate; insieme di macchine che realizzano una sequenza rigida e prestabilita di lavorazioni; flusso di materiali lineare; il flusso costante dei materiali garantisce il contenimento del work-in-process; la specificità delle stazioni di lavoro consente un contenimento dei costi (attrezzaggi); la costanza delle sequenze implica semplicità gestionale ma scarsa flessibilità operativa; sono associabili alla produzione ripetitiva e continua. Sistemi di produzione 23

24 Confronto tra tipi di fabbricazione Job shop Linea Volumi di produzione ++ Flessibilità ++ Aspetti legati alla progettazione + Aspetti di gestione + Costi di investimento + Obsolescenza + Avvio di nuove produzioni ++ Tempi di attraversamento ++ Work-in-process ++ Saturazione + Uniformità della qualità + Vulnerabilità ai guasti + Sistemi di produzione 24

25 Montaggi Con riferimento al prodotto che viene montato si possono considerare: montaggio a posto fisso: il prodotto viene montato in una localizzazione fissa dagli operatori, che hanno a disposizione le macchine e le attrezzature necessarie. Sistemi di produzione 25

26 montaggio a trasferimento (linea): linee a ritmo non imposto stazioni di lavoro in successione e buffer di disaccoppiamento; collegamento con trasporti, spesso meccanizzati; il montaggio può avvenire in modo sequenziale oppure ci può essere il montaggio di più sottoassiemi convogliati ad un assiemaggio finale (montaggio stellare); Sistemi di produzione 26

27 linee a ritmo imposto stazioni di lavoro collegate da un trasporto che impone la cadenza a tutta la linea; possono esserci buffer di disaccoppiamento; linee a trasferimento continuo serie di stazioni poste lungo un convogliatore in moto continuo; riguarda per lo più prodotti voluminosi in grande serie (es. automobili). Sistemi di produzione 27

28 Con riferimento all organizzazione del lavoro si possono considerare: montaggi parcellizzati netta divisione tra attività di montaggio, ispezione, collaudo, riparazione; ogni operatore conosce un limitato segmento del ciclo di produzione; Sistemi di produzione 28

29 montaggi ricomposti gli operatori agiscono su una porzione rilevante del ciclo; gli operatori eseguono in genere sia attività di montaggio, sia controlli, riparazioni ecc.; montaggi a isola la responsabilità di realizzazione di una rilevante parte del ciclo è assegnata ad un gruppo di operatori; il gruppo svolge tutte le attività di montaggio, i controlli e i collaudi; possono essere presenti forme di rotazione del lavoro. Sistemi di produzione 29

30 Corrispondenza prodotto-processo Una produzione focalizzata richiede che i processi utilizzati siano i più efficaci per produrre gli attributi di prodotto scelti. Scegliere il processo adatto per il prodotto è importante per perseguire la strategia di produzione. Uno strumento di supporto è costituito dalla matrice prodotto-processo. Sistemi di produzione 30

31 Sull asse orizzontale si riporta la varietà di prodotto e su quella verticale la flessibilità di processo. L asse verticale misura quindi la capacità del processo di produrre la varietà richiesta. Idealmente un tipo di processo è adatto a un tipo specifico di varietà di prodotto. Tale corrispondenza ideale identifica le tipologie poste sulla diagonale della matrice. Al di fuori della diagonale sono identificabili delle inefficienze. Sistemi di produzione 31

32 eccesso di flessibilità linea di corrispondenza naturale eccesso di rigidità Sistemi di produzione 32

33 Si osservi che la matrice pone in relazione un solo attributo di prodotto con una sola competenza di processo. In realtà sono presenti relazioni: tra flessibilità di processo e costo del prodotto (la standardizzazione comporta economie di scala); tra flessibilità di processo e tempi di risposta (il tempo di attraversamento delle linee è più breve di quello dei job shop). Si noti invece che la qualità di prodotto può (e deve) essere ottenuta indipendentemente dal tipo di processo. Sistemi di produzione 33

34 Classificazione di Wortmann Engineer to order (ETO) personalizzazione completa (anche su disegni e specifiche del cliente); responsabilità delle fasi pre-produzione: progetto specifiche acquisti impresa e/o cliente; impresa e/o cliente; impresa e/o cliente; attività post-ordine: (progetto), (specifiche), ingegnerizzazione, (acquisti), fabbricazioni, assemblaggi, consegna; generalmente produzione su commesse singole. Esempi: macchinari complessi, impianti. Sistemi di produzione 34

35 Purchase to order (PTO) prodotti personalizzati e spesso ad elevato livello tecnologico; l acquisto di parte dei componenti o materiali è concordato con il cliente; l acquisizione di tali item avviene a valle dell ordine; la pianificazione e gestione degli acquisti post ordine assume un ruolo rilevante. Esempio: impianti produttivi realizzati da società di ingegneria Sistemi di produzione 35

36 Make to order (MTO) personalizzazione effettuata: modificando progetti esistenti (nuove specifiche); variando progetti modulari (opzioni); assente (prodotti standard complessi); responsabilità delle fasi pre-produzione: progetto specifiche acquisti impresa; impresa e/o cliente; impresa (a volte cliente); Sistemi di produzione 36

37 attività post-ordine: (specifiche), (ingegnerizzazione), (acquisti), fabbricazioni, assemblaggi, consegna; la produzione può avvenire utilizzando componenti o sottogruppi standard; produzione su commesse singole o ripetute. Esempi: attrezzature industriali (es. sistemi refrigeranti), strumentazione industriale, componenti elettronici complessi. Sistemi di produzione 37

38 Assemble to order (ATO) personalizzazione effettuata: variando progetti modulari (opzioni); assente (prodotti standard complessi); prevede: produzione di sottogruppi standard; assemblaggio finale post ordine; elevata differenziazione di end-item, accomunati da sottogruppi standard; produzione su previsione dei sottogruppi e su commessa dei codici finali; sono costituite scorte di sottogruppi. Esempi: automobili, elaboratori elettronici. Sistemi di produzione 38

39 Make to stock (MTS) prodotti standard a limitata complicanza; gli item (o codici) considerati dal piano principale di produzione coincidono spesso con gli end-item della distinta base; produzioni del prodotto finito su previsione; costituzione di scorte di prodotto finito. Esempi: prodotti di consumo (lampadine, elettrodomestici) Sistemi di produzione 39

40 Classificazione e strategia produttiva La classificazione appena vista ha un profondo significato strategico: si delineano i contenuti di prodotto + servizio che il fornitore intende dare al cliente; ciò influisce sui tempi di consegna (delivery lead time): dal ricevimento dell ordine al suo completamento e consegna; Sistemi di produzione 40

41 si definisce il grado di coinvolgimento del cliente nelle fasi di: progettazione del prodotto, acquisizione dei materiali, produzione, consegna, stato delle scorte. Il coinvolgimento e l influenza del cliente aumentano da MTS a ETO. A qualunque livello, in generale, i prodotti personalizzati sono realizzati o completati dopo il ricevimento dell ordine. Sistemi di produzione 41

42 Schematizzazione delle tipologie produttive Tempo di consegna Progettazione Acquisti Fabbricazioni Montaggi Spedizione ETO Tempo di consegna Acquisti Scorte Fabbricazioni Montaggi Spedizione MTO Tempo di consegna Fabbricazioni Scorte Montaggi Spedizione ATO Tempo di consegna Fabbricazioni Montaggi Scorte Spedizione MTS Sistemi di produzione 42

43 Le decisioni in termini di tipologia di prodotto e servizio la complessità della gestione delle singole commesse dipendono inoltre: dal portafoglio clienti (un cliente, pochi, molti); dal tipo di relazione con i clienti (occasionale o duratura); dal numero e tipo di materiali utilizzati (da pochi utilizzati regolarmente a molti utilizzati saltuariamente); dal tipo di fornitura (nuova fornitura, modifica di precedenti forniture, commessa ripetitiva). Sistemi di produzione 43

44 Le diverse tipologie produttive viste incidono soprattutto su: complessità gestionale della produzione (flussi di materiali e di informazioni); grado di integrazione delle diverse macro-attività (progettazione, ingegnerizzazione, fabbricazioni, assemblaggi, gestione materiali); complessità delle infrastrutture di supporto; rapporti di fornitura. Sistemi di produzione 44

45 Engineer to order "Punti di entrata" degli ordini Progettazione Ingegnerizzazione CLIENTI FORNITORI Make to order Assemble to order Make to stock Fabbricazioni Montaggi Semilavorati Montaggi Prodotti Finiti Sistemi di produzione 45

46 Buffer di protezione (o disaccoppiamento) Tra i fattori competitivi è sempre più sentita l esigenza di abbreviare il lead time (time based competition). Tipologie diverse di mercati (e prodotti) valutano tale grandezza in modo diverso. Considerando la totalità delle fasi del processo di produzione, le imprese attivano dei buffer di protezione (buffer barrier) in alcuni punti del processo allo scopo di contenere l incertezza legata alla variabilità delle domanda. Sistemi di produzione 46

47 Buffer di protezione Scopo produzione a monte MTS scorta prodotti finiti assicurare livello scorte finiti ATO scorta sottogruppi standard assicurare fabbisogni a valle MTS fasi di lavorazione intermedie assicurare fabbisogni a valle ETO fase di progettazione - Le fluttuazioni a valle del buffer possono essere gestite in termini di: flessibilità; capacità. Sistemi di produzione 47

48 Nel caso MTO la tendenza è spingere a valle per quanto possibile il buffer; ciò però comporta: scorte a più alto valore aggiunto; più fasi completate minore flessibilità. Il buffer di protezione virtualmente consente una maggiore stabilità e quindi efficienza e produttività per i processi a monte dello stesso. Sistemi di produzione 48

49 Implicazioni per la gestione della produzione: A monte del buffer A valle del buffer Obiettivo Rifornire il buffer Rispondere all ordine specifico Criteri di efficacia Efficienza e affidabilità Flessibilità e tempi di risposta Focus della gestione Il buffer Il singolo ordine Sistemi di produzione 49

50 Attività indipendenti Buffer nel caso ATO Attività dipendenti Attività indipendenti Buffer nel caso MTS Attività dipendenti Progettazione Progettazione Acquisti Ingresso ordine Acquisti Fabbricazioni Buffer Componenti, sottogruppi Assemblaggi Fabbricazioni Buffer Ingresso ordine Assemblaggi Prodotti finiti Consegna Le attività indipendenti non dovrebbero incidere sul lead time per il cliente. Consegna Sistemi di produzione 50

Strategie Funzionali di Manufacturing

Strategie Funzionali di Manufacturing Strategie Funzionali di Manufacturing Metodologie Best Practices Processi Produttivi Le tre classificazioni 1 Strategie per il Manufacturing La strategie di manufacturing sono il collegamento tra strategia

Dettagli

- - - - produzioni su commesse singole - produzioni su commesse ripetitive - produzioni per il magazzino produzioni su commesse singole

- - - - produzioni su commesse singole - produzioni su commesse ripetitive - produzioni per il magazzino produzioni su commesse singole 1 SISTEMI PRODUTTIVI CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI PRODUTTI: - modalità di manifestazione della domanda - modalità di manifestazione dell offerta - modalità di esecuzione del prodotto modalità di manifestazione

Dettagli

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA (CAP. 9) 1. Illustra le principali tipologie dei processi produttivi. Sulla base della diversa natura tecnologica del ciclo di produzione, i processi produttivi si distinguono

Dettagli

Prof. Ferdinando Azzariti

Prof. Ferdinando Azzariti Materiali di Economia e Organizzazione Aziendale, Università di Udine A.A. 2011-12 Prof. Ferdinando Azzariti www.ferdinandoazzariti.com 1 La gestione della produzione La programmazione e il controllo della

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI PRODUTTIVI

CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI PRODUTTIVI CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI PRODUTTIVI Prof. Vincenzo Duraccio Cap. 1 Definizione di Impianto industriale Si definisce impianto industriale,ovvero sistema produttivo, un insieme di elementi di qualsiasi

Dettagli

La funzione di produzione LA FUNZIONE DI PRODUZIONE

La funzione di produzione LA FUNZIONE DI PRODUZIONE La funzione di produzione Prof. Arturo Capasso LA FUNZIONE DI PRODUZIONE La funzione di produzione si occupa della trasformazione fisica dei prodotti e delle attività accessorie necessarie per rendere

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Università degli Studi di Napoli Federico II Università degli Studi di Napoli Federico II Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e della Produzione Ph.D. Ing. Mosè Gallo Introduzione La produzione di un bene o l erogazione di in servizio richiede

Dettagli

La Gestione della Produzione

La Gestione della Produzione La Gestione della Produzione Gestione dei sistemi industriali Consiste nel: - predisporre i mezzi ed assumere le decisioni necessarie a realizzare gli obiettivi strategici aziendali - operare scelte tra

Dettagli

Appunti di Produzione Industriale

Appunti di Produzione Industriale Risposta all Ordine Appunti di Produzione Industriale Corso di LOGISTICA Facoltà di Scienze Politiche Università di Padova Ricezione dell ordine. Dal momento in cui il cliente effettua l ordine (1) devono

Dettagli

Capitolo XIV. La gestione della produzione

Capitolo XIV. La gestione della produzione Capitolo XIV La gestione della produzione La funzione di produzione Approvvigionamenti La funzione di produzione riguarda il processo di trasformazione dei beni, ossia l insieme l di operazioni mediante

Dettagli

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Per TECNOLOGIA si intendono i processi, le tecniche, i macchinari e le azioni utilizzati per trasformare gli input organizzativi (materiali,

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione della produzione e la logistica industriale

Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione della produzione e la logistica industriale Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione della produzione e la logistica industriale dott. Matteo Rossi La funzione produzione La produzione assume caratteristiche differenti da impresa a impresa,

Dettagli

Prodotto: Innovazione, Progettazione e Fabbricazione

Prodotto: Innovazione, Progettazione e Fabbricazione Prodotto: Innovazione, Progettazione e Fabbricazione Ciclo di vita di un sistema produttivo La forma delle cose che verranno Il ciclo di vita di un prodotto La progettazione di un prodotto, e di conseguenza

Dettagli

Ottava Edizione. Programmazione Aggregata e MPS Prof. Sergio Cavalieri

Ottava Edizione. Programmazione Aggregata e MPS Prof. Sergio Cavalieri Ottava Edizione Programmazione Aggregata e MPS Prof. Sergio Cavalieri Le fasi del processo di PPC 2 Pianificazione di lungo termine Pianificazione aggregata Elaborazione del piano principale di produzione

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO QUINTO I MODELLI DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE E DEI MATERIALI SOMMARIO: 1. I processi produttivi. - 2. Layout delle macchine operatrici. - 3. I sistemi flessibili di produzione. - 4. La scelta

Dettagli

Corso di Gestione dell Informazione Aziendale. Processi snelli GIA-L04 terza parte

Corso di Gestione dell Informazione Aziendale. Processi snelli GIA-L04 terza parte UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Processi snelli terza parte UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Processi snelli Corso di Gestione dell Informazione

Dettagli

Le Aziende di produzione non sono tutte uguali. Axioma ha prodotti e persone adatti a te.

Le Aziende di produzione non sono tutte uguali. Axioma ha prodotti e persone adatti a te. www.axioma.it Le Aziende di produzione non sono tutte uguali. Axioma ha prodotti e persone adatti a te. www.softwareproduzione.it Come lavora la tua azienda? Quale modello produttivo usa? Processo continuo

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014 Prof.ssa Laura Michelini

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014 Prof.ssa Laura Michelini ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014 Prof.ssa Laura Michelini Università LUMSA - A.A. 2013-2014 Contenuti: - Capitolo 14 Una definizione La funzione di produzione riguarda

Dettagli

Tecnologie per la produzione manifatturiera e per i servizi

Tecnologie per la produzione manifatturiera e per i servizi ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Tecnologie per la produzione manifatturiera e per i servizi 2 Processo di trasformazione di base per un azienda manifatturiera Organizzazione Risorse umane Contabilità R&S Marketing

Dettagli

Lean Production. e approccio Just In Time CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE. Lean Production. Value stream e lotta agli sprechi

Lean Production. e approccio Just In Time CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE. Lean Production. Value stream e lotta agli sprechi Lean Production CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE Lean Production e approccio Just In Time! Insieme di attività integrate progettato per ottenere alti volumi produttivi pur utilizzando scorte

Dettagli

prof. Paolo Aymon Piani operativi GIA-L04 seconda parte

prof. Paolo Aymon Piani operativi GIA-L04 seconda parte UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Piani operativi seconda parte Sommario della lezione Gestione dell Informazione nella Supply Chain Piani

Dettagli

Corso di gestione dell informazione aziendale. Teoria

Corso di gestione dell informazione aziendale. Teoria Corso di gestione dell informazione aziendale Teoria Anno Accademico 2004/2005 1 Programma $ % $ $!" # # 2 Operations Management In questa Area vedremo: Le strategie produttive (problemi di make or buy,

Dettagli

Strategie di produzione

Strategie di produzione Strategie di produzione Strategie di produzione 1 Aspetti generali Nel contesto industriale una strategia è in estrema sintesi un piano finalizzato al raggiungimento di un obiettivo. Il piano deve esplicitare

Dettagli

Sistemi informativi aziendali struttura e processi

Sistemi informativi aziendali struttura e processi Sistemi informativi aziendali struttura e processi ERP: L area produttiva Copyright 2011 Pearson Italia Obiettivi Funzioni base dei sistemi per il flusso produttivo Trattamento dei processi di definizione

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione della produzione e la gestione finanziaria dott. Matteo Rossi Benevento, 21 gennaio 2008 La funzione produzione La produzione

Dettagli

www.plannet.it La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain

www.plannet.it La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain - VANTAGGI L introduzione della soluzione software COMPASS e la contemporanea realizzazione di cambiamenti di carattere organizzativo

Dettagli

Introduzione al corso

Introduzione al corso Produzione e Logistica a.a. 2007/08 docente: Tommaso Rossi Introduzione al corso 1 Modalità e materiale didattico Modalità didattiche: Lezioni Discussione di casi aziendali Esercitazioni numeriche sugli

Dettagli

LA PRODUZIONE JUST IN TIME

LA PRODUZIONE JUST IN TIME Economia e Organizzazione Aziendale II Prof. Gestione della Produzione Industriale LA PRODUZIONE JUST IN TIME IL KAN-BAN: LE REGOLE 1. LA FASE DI LAVORO A VALLE DEVE PRELEVARE PRESSO LA FASE DI LAVORO

Dettagli

Il piano principale di produzione

Il piano principale di produzione Il piano principale di produzione Piano principale di produzione 1 Piano principale di produzione (Master Production Schedule) MPS pianifica le consegne di prodotto finito in termini di quantità e di data

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria Meccanica Dipartimento di Tecnica e Gestione dei Sistemi Industriali Tesi di Laurea Gestione dei processi di approvvigionamento.

Dettagli

Che cos è una supply chain? Definizione

Che cos è una supply chain? Definizione Che cos è una supply chain? Definizione L espressione supply chain descrive le forme di collegamento esistenti fra le organizzazioni (fornitori, produttori, distributori e clienti) Servizi Fornitori Operations

Dettagli

LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA. QualitiAmo La Qualità gratis sul web

LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA. QualitiAmo La Qualità gratis sul web LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA GLI SPRECHI DA EVITARE Quali erano gli sprechi che Toyota voleva evitare, applicando la Produzione snella? Essenzialmente 3: le perdite di tempo legate alle rilavorazioni

Dettagli

Sistemi produttivi Just In Time. Just-In-Time Systems (Lean Production)

Sistemi produttivi Just In Time. Just-In-Time Systems (Lean Production) Sistemi produttivi Just In Time Just-In-Time Systems (Lean Production) 1 Origini del JIT e della Produzione Snella Introdotto da Toyota Adottato da altre aziende giapponesi Introdotto successivamente nelle

Dettagli

Definizioni di scorte

Definizioni di scorte LA GESTIONE DELLE SCORTE Nozioni di base Definizioni di scorte insieme di materie, semilavorati e prodotti che in un determinato momento sono in attesa di partecipare ad un processo di trasformazione o

Dettagli

Just-In-Time (JIT) eliminate tutte le motivazioni che costringono un sistema produttivo alla costituzione di scorte di materiali

Just-In-Time (JIT) eliminate tutte le motivazioni che costringono un sistema produttivo alla costituzione di scorte di materiali Just-In-Time (JIT) Filosofia produttiva nata presso l azienda giapponese Toyota negli anni 70. Ha l obiettivo di soddisfare la domanda del cliente in termini di cosa e quanto produrre, configurando l intero

Dettagli

I I SISTEMI INFORMATIVI INTEGRATI. Baan IV IV - Manufacturing e Automotive NOTE

I I SISTEMI INFORMATIVI INTEGRATI. Baan IV IV - Manufacturing e Automotive NOTE I I SISTEMI INFORMATIVI INTEGRATI Baan IV IV - Manufacturing e Automotive Obiettivi per i sistemi produttivi Riduzione dei costi totali nella catena logistica Maggior servizio ai clienti Riduzione dei

Dettagli

NOTA: i pezzi di uno stesso lotto sono fra di loro intercambiabili, ma non è detto che siano intercambiabili con i pezzi di un altro lotto.

NOTA: i pezzi di uno stesso lotto sono fra di loro intercambiabili, ma non è detto che siano intercambiabili con i pezzi di un altro lotto. 1 T I P I D I P R O D U Z I O N E Per PRODUZIONE s intende l insieme delle lavorazioni, dei controlli, dei montaggi necessari alla realizzazione di un particolare o di un complessivo. La produzione può

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 4 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4 Modulo 4 Il Sistema Informativo per la gestione della catena di fornitura: Supply Chain Management; Extended

Dettagli

IL PIANO PRINCIPALE DI PRODUZIONE

IL PIANO PRINCIPALE DI PRODUZIONE IL PIANO PRINCIPALE DI PRODUZIONE (a cura di E. Padoano) [Bozza 2010] Indice 1 Generalità 1 2 Elaborazione del piano principale per produzione MTS 2 2.1 MPS per produzione MTS...................... 2 2.2

Dettagli

Produzione. Durata e costi. A chi è indirizzato. Obiettivi

Produzione. Durata e costi. A chi è indirizzato. Obiettivi 34 P01 Il miglioramento rapido in produzione in ottica lean : il Quick Kaizen Approccio innovativo ispirato a principi e tecniche di Lean Production e TPS Il QuicK Kaizen è un approccio innovativo per

Dettagli

Corso di. Analisi e contabilità dei costi

Corso di. Analisi e contabilità dei costi Corso di Analisi e Contabilità dei Costi 6_L Activity Based Costing Il calcolo del costo di prodotto sulla base delle attività Le tradizionali metodologie per il calcolo del costo di prodotto sono state

Dettagli

Modelli di Sistemi di Produzione

Modelli di Sistemi di Produzione Modelli di Sistemi di Produzione 2 Indice 1 I sistemi di produzione 1 1.1 Generalità............................. 1 1.2 I principi dei sistemi manifatturieri............... 4 1.3 Descrizione dei principali

Dettagli

LOGISTICA INDUSTRIALE L Prof. Ing. Cesare Saccani Dott. Ing. Marco Liverani

LOGISTICA INDUSTRIALE L Prof. Ing. Cesare Saccani Dott. Ing. Marco Liverani Corso di LOGISTICA INDUSTRIALE L Prof. Ing. Cesare Saccani Dott. Ing. Marco Liverani MODELLI DI GESTIONE DELLE SCORTE DIEM Facoltà di Ingegneria - Università di Bologna 1/28 Scorte Le scorte possono essere

Dettagli

Il sistema logistico integrato

Il sistema logistico integrato Il sistema logistico integrato Che cos è la logistica? Il concetto di logistica è spesso poco chiaro Per logistica, spesso, s intendono soltanto le attività di distribuzione fisica dei prodotti (trasporto

Dettagli

Industrial Equipment Manufacturing. Industrial Equipment Manufacturing per Microsoft Dynamics AX

Industrial Equipment Manufacturing. Industrial Equipment Manufacturing per Microsoft Dynamics AX Industrial Equipment Manufacturing Industrial Equipment Manufacturing per Microsoft Dynamics AX Vantaggi principali ñ Aumento dell efficienza operativa. ñ Integrazione di innovazioni nella produzione.

Dettagli

La Pianificazione dei Fabbisogni

La Pianificazione dei Fabbisogni 1 La Pianificazione dei Fabbisogni Le tecniche di Gestione a Fabbisogno in contrapposizione alle tecniche di Gestione a Scorta La Tecnica del Material Requirement Planning o MRP: i dati d ingresso le fasi

Dettagli

La contabilità gestionale: full costing e direct costing

La contabilità gestionale: full costing e direct costing La contabilità gestionale: full costing e direct costing Impostazione tradizionale: la contabilità gestionale a costi diretti A seconda del metodo con cui si calcola il costo di un oggetto, ossia del tipo

Dettagli

Il caso FrescoMagic s.r.l.

Il caso FrescoMagic s.r.l. LE TECNICHE DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DELLE SCORTE Il caso FrescoMagic s.r.l. Le scorte servono a fronteggiare in ogni momento improvvise esigenze di produzione e di vendita Rilevano importanza perché

Dettagli

Ottava Edizione. Gestione delle Scorte Prof. Sergio Cavalieri

Ottava Edizione. Gestione delle Scorte Prof. Sergio Cavalieri Ottava Edizione Gestione delle Scorte Prof. Sergio Cavalieri Fenomeni di obsolescenza 2 Determinati da: Prodotto inidoneo al segmento di mercato (es: computer) Effetto moda (es: abbigliamento) Mancato

Dettagli

INTRODUZIONE 2 1. SUPPLY CHAIN MANAGEMENT 3 1.1 DECISIONI SUL NUMERO E LOCALIZZAZIONE DELLE FACILITIES 5 1.2 DECIDERE L ASSEGNAZIONE E LA CAPACITÀ

INTRODUZIONE 2 1. SUPPLY CHAIN MANAGEMENT 3 1.1 DECISIONI SUL NUMERO E LOCALIZZAZIONE DELLE FACILITIES 5 1.2 DECIDERE L ASSEGNAZIONE E LA CAPACITÀ INTRODUZIONE 2 1. SUPPLY CHAIN MANAGEMENT 3 1.1 DECISIONI SUL NUMERO E LOCALIZZAZIONE DELLE FACILITIES 5 1.2 DECIDERE L ASSEGNAZIONE E LA CAPACITÀ DELLE FACILITIES 5 1.3 DECIDERE IL RUOLO E LA SPECIALIZZAZIONE

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1

Introduzione. Capitolo 1 Capitolo 1 Introduzione Che cos è un azienda lean? Sono molte, al giorno d oggi, le imprese che stanno trasformandosi in azienda lean, convertendo i loro sistemi di produzione di massa ormai obsoleti in

Dettagli

Release 3.1.3 WHIT E PAPER. e-fab

Release 3.1.3 WHIT E PAPER. e-fab Release 3.1.3 WHIT E PAPER Giugno 2003 A chi si rivolge, è stato pensato per la gestione ed il controllo delle fasi del ciclo produttivo. Caratteristiche generali I moduli affrontano e risolvono tutte

Dettagli

Indice. pagina 2 di 8

Indice. pagina 2 di 8 LEZIONE SOURCING, PROCUREMENT E METODOLOGIE PER L'OTTIMIZZAZIONE DELLA CATENA DEL VALORE DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1 Catena del valore e creazione del valore --------------------------------------------------------------

Dettagli

Specialisti della Supply Chain

Specialisti della Supply Chain Specialisti della Supply Chain Link Management Srl Via S. Francesco, 32-35010 Limena (PD) Tel. 049 8848336 - Fax 049 8843546 www.linkmanagement.it - info@linkmanagement.it Analisi dei Processi Decisionali

Dettagli

Lezione 6. La microstruttura organizzativa. Il job design e la motivazione

Lezione 6. La microstruttura organizzativa. Il job design e la motivazione Lezione 6 La microstruttura organizzativa Il job design e la motivazione 1 Un modello di progettazione organizzativa d impresa Ambiente Cultura Obiettivi e strategia Macro Struttura 1. Formalizzazione

Dettagli

Le prestazioni della Supply Chain

Le prestazioni della Supply Chain Le prestazioni della Supply Chain L ottenimento dell adattamento strategico e la sua portata Le prestazioni della Supply Chain 1 Linea guida Le strategie Competitiva e della supply chain L ottenimento

Dettagli

Misure di Prestazione di Sistemi Produttivi

Misure di Prestazione di Sistemi Produttivi Misure di Prestazione di Sistemi Produttivi 1) Modello di riferimento Per prestazioni di un sistema produttivo si intendono i risultati direttamente percepibili e misurabili dal cliente oppure dal sistema

Dettagli

Modelli di Sistemi di Produzione

Modelli di Sistemi di Produzione Modelli di Sistemi di Produzione 2 Indice 1 I sistemi di produzione 1 1.1 Generalità............................. 1 1.2 I principi dei sistemi manifatturieri............... 4 1.3 Descrizione dei principali

Dettagli

L ANALISI ABC PER LA GESTIONE DEL MAGAZZINO

L ANALISI ABC PER LA GESTIONE DEL MAGAZZINO L ANALISI ABC PER LA GESTIONE DEL MAGAZZINO È noto che la gestione del magazzino è uno dei costi nascosti più difficili da analizzare e, soprattutto, da contenere. Le nuove tecniche hanno, però, permesso

Dettagli

Migliorare il processo produttivo con SAP ERP

Migliorare il processo produttivo con SAP ERP ICI Caldaie Spa. Utilizzata con concessione dell autore. Migliorare il processo produttivo con SAP ERP Partner Nome dell azienda ICI Caldaie Spa Settore Caldaie per uso residenziale e industriale, generatori

Dettagli

Obiettivi conoscitivi

Obiettivi conoscitivi Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Strumenti avanzati di management accounting. Profili internazionali. Anno Accademico

Dettagli

Sistem Elettrica Due Automazioni industriali

Sistem Elettrica Due Automazioni industriali Sistemi di collaudo Sistem Elettrica Due Automazioni industriali Un Gruppo che offre risposte mirate per tutti i vostri obiettivi di produzione automatizzata e di collaudo ESPERIENZA, RICERCA, INNOVAZIONE

Dettagli

Il Progetto Gefran Lean Manufacturing 2008: illustrazione del progetto. Riccardo Ferrari (AQM S.r.l.) e Antonio Altobelli (AQM S.r.l.

Il Progetto Gefran Lean Manufacturing 2008: illustrazione del progetto. Riccardo Ferrari (AQM S.r.l.) e Antonio Altobelli (AQM S.r.l. Workshop: Lean Manufacturing 2008 il progetto Il Progetto Gefran Lean Manufacturing 2008: illustrazione del progetto Riccardo Ferrari (AQM S.r.l.) e Antonio Altobelli (AQM S.r.l.) Agenda Obiettivi della

Dettagli

Parte Prima Le imprese industriali: aspetti strutturali, gestionali e contabili

Parte Prima Le imprese industriali: aspetti strutturali, gestionali e contabili Parte Prima Le imprese industriali: aspetti strutturali, gestionali e contabili 1. Le caratteristiche organizzative e gestionali delle imprese industriali 1) Definizione e classificazione delle imprese

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO. Classe terza, quarta e quinta

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO. Classe terza, quarta e quinta Anno Scolastico 2014_2015 Istituto Tecnico Tecnologico E. Barsanti Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 5 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Classe terza, quarta e quinta Disciplina

Dettagli

OUTSOURCING DELLA LOGISTICA. Dossier LOGISTICA & TRASPORTI

OUTSOURCING DELLA LOGISTICA. Dossier LOGISTICA & TRASPORTI Dossier & TRASPORTI Renato Fabbri CUBO Società di Consulenza Aziendale S.r.l. OUTSOURCING DELLA Questo articolo presenta il case history di una media impresa in cui si è realizzato l outsourcing completo

Dettagli

Fig. 2.1. La filiera produttivo-distributiva nel turismo fai da te

Fig. 2.1. La filiera produttivo-distributiva nel turismo fai da te Fig. 2.1. La filiera produttivo-distributiva nel turismo fai da te Produzione Consumo Trasporto Ospitalità Risorse naturaliculturali Fig. 2.2. La filiera produttivo-distributiva nel turismo intermediato

Dettagli

executive master course www.cspmi.it Production Manager Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti

executive master course www.cspmi.it Production Manager Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti executive master course www.cspmi.it Production Manager Modena, aprile - dicembre 20 Sempre un passo avanti EXECUTIVE MASTER COURSE Production Manager OBIETTIVI Il corso mette in condizione i partecipanti

Dettagli

Supply Chain Operations Reference - SCOR

Supply Chain Operations Reference - SCOR easypoli Supply Chain Operations Reference - SCOR Definizioni e schema di funzionamento del modello SCOR e discussione sui fornitori www.easypoli.it facebook.com/easypoli contatti@easypoli.it Supply Chain

Dettagli

ECONOMIA E DINAMCA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it)

ECONOMIA E DINAMCA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA E DINAMCA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Fino anni '70 modello basato su standardizzazione

Dettagli

King Produzione. Gestione. produzione

King Produzione. Gestione. produzione King Produzione Gestione flessibile della produzione Gestione flessibile della produzione... 3 CARATTERISTICHE GENERALI... 4 IL LANCIO DI PRODUZIONE... 6 IL LANCIO PRODUZIONE CON MRP... 7 PRODUZIONE BASE...

Dettagli

cellular manufacturing: le mini fabbriche integrate 15.10.08 Engineering Intelligence for Customer Productivity

cellular manufacturing: le mini fabbriche integrate 15.10.08 Engineering Intelligence for Customer Productivity cellular manufacturing: le mini fabbriche integrate 15.10.08 Agenda CHI E MIKRON CELLULAR MANUFACTURING IL CASO MIKRON LO STUDIO PRELIMINARE L IMPLEMENTAZIONE DEL CASO PILOTA L ORGANIZZAZIONE A SUPPORTO

Dettagli

www.mbm.it MBM Italia S.r.l. - Via L. Pellizzo 14/A - 35128 Padova Tel.+39.049.2138422 - Fax +39.049.2106668 - E-mail marketing@mbm.

www.mbm.it MBM Italia S.r.l. - Via L. Pellizzo 14/A - 35128 Padova Tel.+39.049.2138422 - Fax +39.049.2106668 - E-mail marketing@mbm. 1 APACHE V4 è la soluzione ERP (Enterprise Resource Planning) di MBM Italia per le aziende di produzione. È un software integrato e modulare, che fornisce gli strumenti gestionali alle aree operative di

Dettagli

PrintVis LA SOLUZIONE PER IL SETTORE DELL'INDUSTRIA GRAFICA. PrintVis è una soluzione integrata ERP/MIS per l industria grafica.

PrintVis LA SOLUZIONE PER IL SETTORE DELL'INDUSTRIA GRAFICA. PrintVis è una soluzione integrata ERP/MIS per l industria grafica. LA SOLUZIONE PER IL SETTORE DELL'INDUSTRIA GRAFICA PrintVis PrintVis è una soluzione integrata ERP/MIS per l industria grafica. PrintVis è integrato con Microsoft Dynamics NAV e, in qualità di prodotto

Dettagli

ERP: L area produ/va

ERP: L area produ/va ERP: L area produ/va Obie/vi Funzioni base dei sistemi per il flusso produ/vo Tra=amento dei processi di definizione del prodo=o Pianificazione della produzione, sia da un punto vista strategico che operacvo

Dettagli

PIANO DI GESTIONE DEI FABBISOGNI DI

PIANO DI GESTIONE DEI FABBISOGNI DI PIANO DI GESTIONE DEI FABBISOGNI DI CAPACITÀ (a cura di E. Padoano) [Bozza 2010] Indice 1 Introduzione 1 2 Capacity Requirements Planning (CRP) 2 3 Dati di input di CRP 2 4 La capacità disponibile 4 5

Dettagli

IN COLLABORAZIONE CON OPTA SRL

IN COLLABORAZIONE CON OPTA SRL PROGRAMMARE LA PRODUZIONE IN MODO SEMPLICE ED EFFICACE IN COLLABORAZIONE CON OPTA SRL SOMMARIO 1. L AZIENDA E IL PRODOTTO 2. IL PROBLEMA 3. DATI DI INPUT 4. VERIFICA CARICO DI LAVORO SETTIMANALE 5. VERIFICA

Dettagli

Automazione gestionale

Automazione gestionale ERP, MRP, SCM e CRM Automazione gestionale verticale editoria banche assicurazioni orizzontale contabilita (ordini fatture bolle) magazzino logistica (supply chain) Funzioni orizzontali (ERP) ordini vendita

Dettagli

Ottava Edizione. La Programmazione e Controllo della Produzione Prof. Sergio Cavalieri

Ottava Edizione. La Programmazione e Controllo della Produzione Prof. Sergio Cavalieri Ottava Edizione La e Controllo della Produzione Prof. Sergio Cavalieri e Controllo di Produzione : compiti 2 Rendere disponibili le informazioni necessarie per: Gestire in modo efficiente ed efficace il

Dettagli

TIPOLOGIE DI PROCESSI PRODUTTIVI E CONTROLLO DI GESTIONE PRODUZIONE SU COMMESSA PRODUZIONE SU MODELLO PRODUZIONE A FLUSSO CONTINUO

TIPOLOGIE DI PROCESSI PRODUTTIVI E CONTROLLO DI GESTIONE PRODUZIONE SU COMMESSA PRODUZIONE SU MODELLO PRODUZIONE A FLUSSO CONTINUO TIPOLOGIE DI PROCESSI PRODUTTIVI E CONTROLLO DI GESTIONE PRODUZIONE SU COMMESSA PRODUZIONE SU MODELLO PRODUZIONE A FLUSSO CONTINUO 1 PRODUZIONE SU COMMESSA CARATTERISTICHE DELL ATTIVITA : - ORIGINA DAL

Dettagli

Delocalizzazione produttiva e sistemi di supply chain management. Claudio Sella Area Produzione e Tecnologia 21 maggio 2004

Delocalizzazione produttiva e sistemi di supply chain management. Claudio Sella Area Produzione e Tecnologia 21 maggio 2004 Delocalizzazione produttiva e sistemi di supply chain management Claudio Sella Area Produzione e Tecnologia 21 maggio 2004 Punti da discutere La delocalizzazione produttiva come elemento della strategia

Dettagli

Impianti Industriali

Impianti Industriali Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria Meccanica Sedi di Latina Dispensa didattica del Corso di Impianti Industriali Docente Lorenzo Fedele (con

Dettagli

2.1 La logistica integrata ed il sistema CIM 10

2.1 La logistica integrata ed il sistema CIM 10 Indice Prefazione alla 2 edizione Prefazione alla 1 edizione CAPITOLO 1 - GENERALITÀ 1.1 Definizione della funzione logistica 2 1.1.1 Integrazione ed automazione logistica 2 1.1.2 Flessibilità come risposta

Dettagli

Pianificazione e controllo produttivo in un contesto in continua evoluzione

Pianificazione e controllo produttivo in un contesto in continua evoluzione Pianificazione e controllo produttivo in un contesto in continua evoluzione Michelangelo Ingrassia Responsabile Soluzioni Aziendali Hub Nord Ovest m.ingrassia@teamsystem.com Diamo forma al cambiamento

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA

TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

ISO 9001: 2000 E L APPROCCIO PER PROCESSI (Giorgio Facchetti)

ISO 9001: 2000 E L APPROCCIO PER PROCESSI (Giorgio Facchetti) ISO 9001: 2000 E L APPROCCIO PER PROCESSI (Giorgio Facchetti) Tra le novità della UNI EN ISO 9001: 2000 il più aggiornato standard di riferimento per la certificazione della qualità non sono tanto il monitoraggio

Dettagli

www.mbm.it APACHE V4 è la soluzione ERP di MBM per le a- ziende di produzione.

www.mbm.it APACHE V4 è la soluzione ERP di MBM per le a- ziende di produzione. APACHE V4 è la soluzione ERP di MBM per le a- ziende di produzione. È un software integrato e modulare, che fornisce gli strumenti gestionali alle aree operative di un azienda manifatturiera (definizione

Dettagli

La gestione dell incertezza nella Supply Chain: la scorta di sicurezza. La scorta di sicurezza nella supply chain 1

La gestione dell incertezza nella Supply Chain: la scorta di sicurezza. La scorta di sicurezza nella supply chain 1 a gestione dell incertezza nella Supply Chain: la scorta di sicurezza a scorta di sicurezza nella supply chain 1 Il ruolo della giacenza nella supply chain Migliora l adattamento di domanda / fornitura

Dettagli

Si Fides R7. Il top della tecnologia. Su misura per la tua azienda. Una metodologia consolidata. Un ERP completo per gestire tutta la tua azienda

Si Fides R7. Il top della tecnologia. Su misura per la tua azienda. Una metodologia consolidata. Un ERP completo per gestire tutta la tua azienda Si Fides R7 Si Fides è un extended ERP realizzato interamente da Sinfo One. Si Fides nasce dalla conoscenza e dal monitoraggio dei processi dei nostri clienti e con i quali interagiamo in maniera proattiva.

Dettagli

Ottimizzazione della disponibilità delle risorse in produzione gli effetti di una gestione efficiente della schedulazione

Ottimizzazione della disponibilità delle risorse in produzione gli effetti di una gestione efficiente della schedulazione Ottimizzazione della disponibilità delle risorse in produzione gli effetti di una gestione efficiente della schedulazione Relatore : Dario Capellini Contatti: dario.capellini@capellinitechnology.com -

Dettagli

PRODUZIONE SNELLA E JUST-IN-TIME

PRODUZIONE SNELLA E JUST-IN-TIME PRODUZIONE SNELLA E JUST-IN-TIME (a cura di E. Padoano) [Bozza 2010] Indice 1 Introduzione 1 2 Il valore aggiunto e gli sprechi 2 3 Principi ed elementi costitutivi del TPS 4 3.1 Stabilità operativa...........................

Dettagli

MOTIS MOTIS. Sistema integrato per la pianificazione, il controllo e la gestione della produzione

MOTIS MOTIS. Sistema integrato per la pianificazione, il controllo e la gestione della produzione MOTIS MOTIS Sistema integrato per la pianificazione, il controllo e la gestione della produzione MOTIS COMMERCIALE AMMINISTRAZIONE PERSONALE - ACQUISTI PROGETTAZIONE DIREZIONE MAGAZZINO MATERIA PRIMA INGRESSO

Dettagli

APPROFONDIMENTO FINANZA

APPROFONDIMENTO FINANZA APPROFONDIMENTO FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento LE SCELTE DI STRUTTURA FINANZIARIA ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA LE SCELTE

Dettagli

WHIT E PAPER. skipper

WHIT E PAPER. skipper WHIT E PAPER skipper Giugno 2003 schedulatore a capacità finita Skipper è un programma di elevato contenuto tecnologico che non richiede particolari installazioni. Si interfaccia con la base dati (comune

Dettagli

Costo fisso Costo variabile Costo totale Costo medio = CT / Q Costo marginale: costo di una unità addizionale di output

Costo fisso Costo variabile Costo totale Costo medio = CT / Q Costo marginale: costo di una unità addizionale di output Vantaggio di costo Un'impresa ha un vantaggio di costo se i suoi costi cumulati per realizzare tutte le attività generatrici di valore sono più bassi di quelli dei suoi concorrenti" Porter Costo fisso

Dettagli

Logistica industriale e gestione degli approvvigionamenti

Logistica industriale e gestione degli approvvigionamenti Logistica industriale e gestione degli approvvigionamenti ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE CAP. 16 Una definizione La logistica è il sistema di connessione tra l approvvigionamento dei materiali, la trasformazione

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL BUDGET

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL BUDGET WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL BUDGET A CUR A DEL B IC S AR DEGNA S P A 1 SOMMARIO LA NOZIONE E LA FUNZIONE DEL BUDGET... 3 LE CARATTERISTICHE DEL BUDGET... 3 IL PROCESSO DI FORMULAZIONE

Dettagli

Tecniche di programmazione, lancio e controllo della produzione

Tecniche di programmazione, lancio e controllo della produzione Tecniche di programmazione, lancio e controllo della produzione 1 PIANIFICAZIONE DI LUNGO PERIODO DELLA PRODUZIONE CAP.1 :Terminologia 2 TERMINOLOGIA Efficacia Efficacia : Risultato fornito Risultato previsto

Dettagli

GESTIONE DELLA CAPACITA

GESTIONE DELLA CAPACITA Capitolo 8 GESTIONE DELLA CAPACITA Quale dovrebbe essere la capacità di base delle operations? (p. 298 e segg.) 1 Nel gestire la capacità l approccio solitamente seguito dalle imprese consiste nel fissare

Dettagli

Parte Quarta Pianificazione del servizio al Cliente

Parte Quarta Pianificazione del servizio al Cliente Parte Quarta Pianificazione del servizio al Cliente C è una sola definizione valida dello scopo del business: creare un cliente. Sarà quest ultimo che determinerà ciò che deve essere il business. Non è

Dettagli