Corso di Comunicazioni Ottiche Anno accademico ottiche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di Comunicazioni Ottiche Anno accademico 2003-200. ottiche"

Transcript

1 Corso di Comunicazioni Ottiche Anno accademico Tecniche di produzione p delle fibre ottiche

2 Indice (1) Famiglie di fibre ottiche: fibre monomodali; fibre multimodali. Materiali per le fibre ottiche: fibre in vetro; fibre plastiche. Produzione delle fibre ottiche: preparazione della preforma: tecnica OVD; tecnica VAD; tecnica MCVD; tecnica PCVD.

3 Indice (2) filatura della preforma; filatura diretta. Test e misure: meccanici; ottici; geometrici. Cavi ottici: cavi tight-jacket; cavi loose-tube; cavi ribbon; cavi sottomarini.

4 Fibre ottiche monomodali (SMF) La fibra monomodale è la scelta preferita per comunicazioni ottiche a lunga distanza ad alto bitrate con o senza repeaters. L elevata capacità trasmissiva è dovuta al diametro del nucleo piccolo ( 9µm)( ) rispetto alla lunghezza d onda della luce propagante. Questo permette la propagazione ad un solo modo guidato, con conseguente minimizzazione della distorsione degli impulsi e aumento della massima distanza di trasmissione. Applicazioni: reti ottiche sottomarine; reti terrestri WAN a elevato bitrate.

5 Fibre ottiche multimodali (MMF) La fibra multimodale è la scelta preferita per comunicazioni a breve distanza e con molte connessioni. Il diametro del nucleo è grande rispetto alla lunghezza d onda della luce trasmessa, permettendo la propagazione di più modi guidati. Si hanno quindi manutenzione e connettorizzazione più semplici rispetto alle fibre monomodali. Applicazioni: LAN; MAN e WAN (a bitrate o distanze minori rispetto alle monomodali); installazioni locali.

6 Fibre monomodali e multimodali Confronto tra la struttura dei due tipi di fibre:

7 Materiali per le fibre ottiche Ci sono molti materiali disponibili per la produzione di fibre ottiche, ma solo alcuni rispettano tutti i requisiti necessari. Il materiale deve essere: adatto a realizzare strutture lunghe, sottili e flessibili; trasparente alle lunghezze d onda di interesse; fisicamente compatibile con altri materiali con indice di rifrazione ione leggermente diverso per realizzare nucleo e mantello; economico e abbondante in natura. Due materiali comunemente usati che hanno tutte queste caratteristiche sono materie plastiche e vetro (includendo vetri ossidi,alogenuri e calcogenuri).

8 Vetri per fibre ottiche Vetri ossidi: è la categoria di vetro più usata per la produzione di fibre ottiche; il più comune e usato è la silice vetrosa (SiO 2 ), poiché il materiale grezzo di partenza è la sabbia; la silice si ottiene fondendo composti di ossidi di metallo, solfuri e seleniuri in appositi forni; la principale difficoltà nel processo produttivo sta nella elevata purezza necessaria per minimizzare l attenuazione della fibra; principali caratteristiche: resistenza alla deformazione anche a temperature superiori a 1000 C; 0 C; bassa espansione termica e quindi bassa probabilità di rottura per p shock termici; ottima stabilità chimica nel tempo; elevata trasparenza nelle regioni del visibile e dell infrarosso.

9 Vetri per fibre ottiche Vetri alogenuri: i vetri derivanti dai fluoruri hanno perdite di trasmissione molto basse per lunghezze d onda comprese tra 0.2 e 8mm; la stessa caratteristica vale per gli alogenuri da metalli pesanti, che sono combinazioni di metalli pesanti e elementi non metallici del settimo gruppo; la ricerca si è quindi focalizzata su questi composti, al fine di d produrre fibre con attenuazione notevolmente inferiore rispetto a quelle standard in silice vetrosa; teoricamente, il minimo di attenuazione per questi materiali è pari p a db/km rispetto ai 0.2 db della silice vetrosa. I vetri fluoruri si dividono in due classi: sistemi binari e ternari; i sistemi ternari hanno migliori proprietà ottiche, chimiche e bassa sa tossicità.

10 Vetri per fibre ottiche Vetri calcogenuri: le fibre prodotte con vetri calcogenuri contengono arsenico, germanio, fosforo, zolfo, selenio o tellurio; i processi produttivi per queste fibre sono molto complessi e questo le rende non particolarmente usate; un metodo usato è il raffinamento a zona; teoricamente, l attenuazione minima raggiungibile per questi materiali è pari a 0.01 db/km.

11 Droganti Al fine di produrre materiali simili aventi indici di rifrazione leggermente diversi per nucleo e mantello, la silice viene drogata con ossidi classificabili in due categorie: droganti che aumentano l indice di rifrazione all aumentare della percentuale molare (es. titanio, germanio, fosforo); droganti che diminuiscono l indice di rifrazione all aumentare della d percentuale molare (es. boro, fluoro). Si riportano in tabella tre esempi di droganti utilizzati per produrre fibre monomodali e multimodali: Nucleo GeO 2 -B 2 O 3 -SiO 2 GeO 2 -SiO 2 SiO 2 Mantello B 2 O 3 - P 2 O 5 -SiO 2 F- P 2 O 5 -SiO 2 F- P 2 O 5 -SiO 2 Tipologia MMF SMF SMF

12 Reazioni chimiche L obiettivo è la produzione della preforma, cioè una barra di vetro solido, punto di partenza per la produzione della fibra. Composti chimici purissimi (principalmente tetracloruro di silicio SiCl 4 e tetracloruro di germanio GeCl 4 ) sono usati nel processo di produzione della preforma, variandone le proporzioni in modo da ottenere i differenti tipi desiderati. Le reazioni chimiche che stanno alla base della produzione del vetro per applicazioni ottiche sono: SiCl 4 (gas) + O 2 SiO 2 (solido) + 2Cl 2 (in presenza di calore) GeCl 4 (gas) + O 2 GeO 2 (solido) + 2Cl 2 (in presenza di calore)

13 Reazioni chimiche La composizione del nucleo della maggior parte delle fibre per telecomunicazioni consiste principalmente di silice vetrosa e di germanio aggiunto come drogante per aumentare l indice di rifrazione al livello desiderato. Le fibre monomodali (SMF) tipicamente richiedono meno germanio al fine di minimizzare l attenuazione e sono caratterizzate da profilo di indice di rifrazione uniforme nel nucleo. Le fibre multimodali (MMF) sono caratterizzate da maggiore presenza di germanio e quindi indice di rifrazione più elevato, inoltre il profilo di indice di rifrazione nel nucleo è parabolico per combattere la dispersione modale.

14 Fibre ottiche plastiche Le fibre ottiche plastiche sostituiscono quelle in silice per brevi distanze (fino a 100m) o in ambienti in cui sia necessaria resistenza meccanica superiore. Sono adatte inoltre per illuminazione, applicazioni mediche, automobilistiche, strumentazione e sensori che necessitano di cortissimi spezzoni di fibra. Negli ultimi anni c è un rinnovato interesse per le fibre plastiche, poiché la ricerca ha portato le performance a livelli competitivi con le fibre in silice. Esempi di composti usati in fibre plastiche: nucleo: polystirene,polymethyl methacrylate; mantello: methyl methacrylate, copolymer.

15 Fibre ottiche plastiche Le fibre plastiche (POF) sono di tipo step-index con diametro tipico di 1mm. Queste dimensioni rendono semplice e efficiente l accoppiamento di luce dalla sorgente ed economici i connettori (10-20% in meno rispetto a quelli standard).

16 Fibre ottiche plastiche La terminazione si effettua semplicemente a mano tagliando con una lama! La natura plastica rende queste fibre robuste, facili da installare, leggere e poco costose. Le proprietà ottiche delle POF convenzionali sono decisamente peggiori rispetto alle fibre in silice: attenuazione elevata apertura numerica; bitrate limitato dalla dispersione modale.

17 Fibre ottiche plastiche Recentemente la ricerca ha portato a nuove fibre GI-POF, caratterizzate da bassa apertura numerica, profilo d indice graduale e elevato bitrate a distanze di 100m. utilizzo per connessioni in LAN: installazione rapida, strumentazione semplice, prezzo competitivo con il rame.

18 Produzione delle fibre ottiche Si prende in considerazione il processo produttivo per fibre ottiche in silice vetrosa, che ad oggi occupano ancora buona parte del mercato. Esistono due tecniche fondamentali per la produzione di fibre ottiche in silice vetrosa: filatura diretta a partire da un crogiolo contenente silice pura; ossidazione da fase di vapore e filatura della preforma. La filatura diretta non consente di ottenere fibre pure e omogenee, quindi la seconda tecnica è la più usata. I processi comunemente usati si dividono quindi in due fasi: preparazione della preforma; filatura della fibra.

19 Preparazione della preforma I processi di produzione moderni partono da una preforma, in modo da filare un materiale sufficientemente puro, con bassa concentrazione di ioni OH -, bassa concentrazione di ioni metallici contaminanti e poco costoso. Di seguito si illustrano alcune delle più comuni tecniche per la preparazione delle preforme, che si differenziano principalmente per come vengono depositati gli strati: Outside vapor deposition (OVD); Vapor phase axial deposition (VAD); Modified chemical vapor deposition (MCVD); Plasma chemical vapor deposition (PCVD).

20 Tecnica OVD La tecnica OVD, chiamata anche processo soot, è stata sviluppata dalla Corning, ed ha permesso di realizzare le prime fibre con attenuazione minore di 20dB/km. I tre passi principali del processo sono: deposizione; consolidamento; filatura.

21 Tecnica OVD Durante la deposizione,, materiali quali SiCl 4, GeCl 4, BCl 3, O 2 vengono fatto reagire a temperature elevate producendo il cosiddetto soot (solide particelle submicrometriche), che è depositato su una barra ceramica rotante. Inizialmente avviene la formazione del nucleo, quindi quella del mantello; il soot si deposita sulla barra e, strato per strato, si costruisce una preforma cilindrica. Il processo prevede il controllo accurato in tempo reale di composizione del vetro, indice di rifrazione e dimensioni di nucleo e mantello.

22 Tecnica OVD La preforma così ottenuta è rimossa dalla barra ceramica e posta in un forno di consolidamento,, dove viene sinterizzata; l alta temperatura rimuove ogni traccia di vapore acqueo e si ottiene un solido e denso vetro bucato. Il prodotto è quindi sottoposto a filatura all interno di apposite torri; durante questo passo, descritto più in dettaglio più avanti, il buco nel tubo collassa e si forma una fibra perfettamente simmetrica.

23 Tecnica VAD Nella tecnica VAD, le particelle di SiO 2 sono formate nello stesso modo visto per l OVD. Le particelle sono deposte all estremità di una barra di vetro collegata a un motore: una pulling machine ruota la barra verso l alto crescendo assialmente una preforma porosa. La preforma è quindi trasformata in barra solida mediante fusione a zona ed è pronta per la filatura. Vantaggi rispetto all OVD: prevede l uso di una camera di deposizione con atmosfera pulita; non si crea nessun buco centrale; si realizzano preforme di lunghezze continue; costi contenuti.

24 Tecnica VAD

25 Tecnica MCVD La tecnica MCVD è stata sviluppata dai Bell Labs della AT&T nel 1970; il suo successo ha portato AT&T alla decisione di cominciare, a partire dal 1980, la produzione a livello di massa delle fibre ottiche. Secondo il Journal of Lightwave Technology questo metodo consente di produrre le fibre di miglior qualità sotto condizioni di lavoro industriali. MCVD è un processo semplice e immediato per produrre fibre di elevata qualità soddisfacendo diverse specifiche di progetto usando sempre la stessa attrezzatura. L uso massiccio a livello industriale rende necessario lo studio di ogni passo di processo in dettaglio.

26 Tecnica MCVD Nella tecnica MCVD, la miscela di composti chimici illustrata precedentemente è introdotta all interno di un tubo rotante di vetro (in particolare puro SiO 2 sintetico). Il tubo è quindi montato su un tornio equipaggiato con una speciale fiamma riscaldante. Il gas che fluisce nel tubo reagisce con il calore formando il soot nelle vicinanze della zona riscaldata. Il soot generato si deposita quindi sulla parete interna del tubo. Mentre la fiamma si muove lungo il tubo, il calore trasforma le bianche e solide particelle del soot in puro e trasparente vetro (vetrificazione( vetrificazione)

27 Tecnica MCVD Il materiale depositato andrà a formare il nucleo della fibra. Il processo viene ripetuto per molte ore; per ogni passaggio della fiamma è possibile modificare composizione, viscosità e spessore dello strato deposto al fine di rispettare le specifiche di progetto. La possibilità di produrre un ampia gamma di fibre ottiche deriva proprio da questo fattore, unitamente alla capacità di cambiare la velocità di movimento del bruciatore e la temperatura della fiamma. Tutti i parametri critici di processo sono monitorati e controllat da calcolatori, in particolare è fondamentale il controllo accurato della composizione chimica della miscela.

28 Tecnica MCVD Dopo la deposizione della quantità desiderata di materiale il flusso di reagenti è arrestato, si diminuisce la velocità del bruciatore e si incrementa la temperatura della fiamma. Il tubo quindi collassa fino a formare una barra solida, che viene separata da un operatore e preparata per il passo successivo. L indice di rifrazione della preforma è misurato usando un analizzatore di preforma, che confronta i parametri sperimentali con le specifiche di progetto fornendo i risultati all operatore. Si può notare come l intero processo sia altamente automatizzato e richieda solo minimo intervento umano.

29 Tecnica MCVD Il tubo di silice pura da cui è partito il processo è diventato alla fine parte della regione che costituisce il mantello della preforma. Lo spessore del mantello è ulteriormente aumentato mediante il processo di sleeving o overcollapse : un altro tubo di silice pura viene fatto collassare all esterno della preforma originale, portando le dimensioni della preforma a rispettare le specifiche.

30 Tecnica MCVD

31 Tecnica MCVD TELAIO ORIZZONTALE PER PREFORMA TELAIO VERTICALE PER PREFORMA

32 Tecnica PCVD La tecnica PCVD è stata ideata dagli scienziati della Philips Research. A differenza dell MCVD, si deposita vetro puro all interno di un tubo di silice e si usa plasma non isotermico nel range delle microonde (2.45GHz) al posto della fiamma. Il plasma provoca la reazione chimica alla temperatura di C, minore rispetto all MCVD. Questa tecnologia permette di produrre fibre ottiche di elevatissima qualità, con ottime capacità trasmissive e perdite molto basse. L efficienza di deposizione del processo è molto elevata (vicino al 100% per la silice vetrosa)

33 Tecnica PCVD Vantaggi (rispetto all MCVD): alta efficienza e accuratezza della deposizione; bassa temperatura di deposizione; deposizione di strati più sottili; più semplice trattamento dei gas di reazione; processo estremamente versatile; Svantaggi: il processo è molto più lento rispetto all MCVD, e questo costituisce un grosso problema per applicazioni industriali.

34 Filatura della preforma Il secondo passo nella produzione è convertire la preforma in una fibra ottica avente le dimensioni di un capello (fiber drawing) all interno della cosiddetta draw tower. Un estremità della preforma è posta in un forno al quarzo, in cui sono iniettati gas purissimi al fine di creare un atmosfera pulita e termicamente conduttiva. Nel forno la temperatura deve essere accuratamente controllata (circa 1900 C) fino a far raggiungere lo stato pastoso all estremità della preforma. A questo punto la forza di gravità prevale e il vetro viene stirato fino ad ottenere un filo sottile.

35 Filatura della preforma L operatore infila questo filo di fibra attraverso una serie di stampi ricoprenti ( threading step ) e il processo di filatura vero e proprio può cominciare. La fibra viene tirata da un dispositivo a cinghia posto nella parte inferiore della draw tower e quindi avvolta su apposite bobine. Durante la filatura, la preforma viene riscaldata ad una temperatura ottima per ottenere la tensione di drawing ideale. In campo industriale si possono raggiungere velocità di filatura di metri al secondo.

36 Filatura della preforma Il diametro della fibra è continuamente monitorato mediante micrometri laser; tipicamente, si richiede un valore di 125µm con una tolleranza di 1µm. Il micrometro laser campiona il valore del diametro oltre 750 volte al secondo; il valore reale è confrontato con il target di 125µm, e l errore l viene convertito in variazioni della velocità di filatura della fibra dal sistema di controllo: se il diametro è maggiore del target, si incrementa la velocità; se il diametro è minore del target, si diminuisce la velocità. In ambito industriale si ottiene il valore desiderato di 125µm ±1µm m in un intervallo statistico pari a 6σ 6 (più del 99%).

37 Filatura della preforma Il passo conclusivo prevede l applicazione sulla fibra di due strati protettivi: uno interno più morbido e uno esterno più duro e resistente. Questo duplice rivestimento protettivo fornisce solidità meccanica consentendo di maneggiare la fibra senza danneggiarla, inoltre ne protegge la superficie dall ambiente esterno. I due rivestimenti sono infine trattati con raggi ultravioletti. Il processo di filatura è molto bene automatizzabile e non richiede nessun intervento umano dopo il threading step.

38 Filatura della preforma

39 Filatura della preforma La torre mostrata in figura è alta 9 metri ed è equipaggiata per il trattamento termico e UV di rivestimenti protettivi per fibre speciali. La torre in figura è usata per filatura ad alta velocità (2000 metri/min).

40 Filatura diretta Una tipica tecnica a filatura diretta è il metodo a doppio crogiolo, che può essere usato per fibre a silice e alogenuri. La tecnica è semplice e immediata: si realizzano due barre di vetro a partire da polveri di silice, una per il nucleo e una per il mantello. Le barre sono usate per rifornire due crogioli concentrici: quello interno contiene il nucleo fuso, l altro il mantello. In un processo continuo, la fibra viene filata a partire dallo stato fuso. Lo svantaggio del metodo, inutilizzabile a livello industriale, è il rischio di introdurre contaminanti durante la fusione.

41 Test e misure La fibra filata viene accuratamente esaminata: tutti i parametri ottici e geometrici sono verificati al fine di rispettare le stringenti specifiche previste. Si realizzano tre tipi di test: meccanici; ottici; geometrici;

42 Test e misure Viene verificata innanzitutto la resistenza a trazione: : ogni fibra viene sottoposta a carichi di prova che assicurino una resistenza minima di libbre al pollice quadrato; la fibra viene quindi riavvolta in bobine e tagliata secondo la lunghezza specificata. La fibra è quindi testata al fine di individuare difetti puntuali mediante un OTDR (Optical Time Domain Reflectometer), che permette di localizzare le anomalie lungo la fibra analizzando la luce retro-scatterata.

43 Test e misure Una serie di parametri ottici è verificata a diverse lunghezze d onda: attenuazione; prodotto bitrate per lunghezza del collegamento (in particolare per fibre multimodali); apertura numerica (angolo di accettanza per la luce in ingresso); lunghezza d onda di taglio (per fibre monomodali delimita la regione di monomodalità); diametro modale (diametro del modo fondamentale, importante per le interconnessioni); dispersione cromatica (principale fattore limitante per le fibre monomodali).

44 Test e misure I seguenti parametri geometrici sono verificati: diametro del mantello; eccentricità del mantello; diametro del rivestimento esterno; eccentricità del rivestimento esterno; concentricità dei rivestimenti; concentricità nucleo-mantello; eccentricità del nucleo; diametro del nucleo. I costruttori devono garantire la calibrazione degli strumenti di test; periodiche misure round-robin robin con clienti e altri produttori assicurano accuratezza, consistenza e ripetibilità.

45 Test e misure I seguenti test meccanici e ambientali sono realizzati periodicamente per assicurare che la fibra mantenga l integrità ottica e meccanica secondo le specifiche dei clienti: forza necessaria per lo strappo del rivestimento; range operativo di temperatura; dipendenza dell attenuazione dalla temperatura; cicli temperatura-umidità; umidità; invecchiamento accelerato; immersione in acqua. I metodi di test che consentono di ottenere misure consistenti sono pubblicati dalla Telecommunications Industry Associatio (Arlington,VA) che fissa gli standard USA per le fibre ottiche.

46 Cavi ottici La fibra ottica presenta elevata resistenza a trazione ma bassa resistenza a sollecitazioni radiali quali le piegature; nasce quindi la necessità di inserire la fibra all interno di strutture protettive formando i cosiddetti cavi ottici. Il cavo si realizza attorcigliando le fibre le une contro le altre al fine di ottenere una lunghezza di cavo minore di quella di fibra, minimizzando l effetto delle micropiegature. Il cablaggio non deve alterare le caratteristiche trasmissive del mezzo a fronte di sollecitazioni chimiche e fisiche esterne dipendenti dall ambiente di posa e dal procedimento di installazione.

47 Cavi ottici Fattori di danneggiamento della fibra ottica: sollecitazioni a trazione: : lo stress indotto dalla posa o dal vento per i cavi in sospensione degenera le caratteristiche trasmissive; piegatura: : rischio di spezzare il mezzo trasmissivo o aumentare l attenuazione ; umidità: : l infiltrazione di acqua amplifica l attenuazione dovuta agli ioni ossidrile e può creare microfratture; fulmini: : il cavo deve essere isolato elettricamente se contiene i conduttori per l alimentazione dei repeaters; danneggiamento causato da roditori o termiti,, dal transito di mezzi pesanti per cavi interrati o da imbarcazioni e animali marini per cavi sottomarini.

48 Cavi ottici Ogni tipologia di cavo è caratterizzata da numero di fibre, materiale di isolamento e armatura di protezione adatti all ambiente di impiego. Si distinguono in particolare: cavi interrati per brevi e lunghe distanze; cavi sospesi inseriti nelle linee di massa dei tralicci dell alta a tensione; cavi per gli edifici; cavi sottomarini per collegamenti a lunga distanza. Esistono configurazioni elementari per realizzare cavi: tight jacket cable; loose tube cable; ribbon cable.

49 Cavi ottici tight jacket Tight jacket cable: è lo stadio minimo di ricoprimento, costituito da un rivestimento o di materiale plastico colorato di 250µm m di diametro ricavato per estrusione diretta sul ricoprimento primario; è utilizzabile solo o in laboratorio, mentre per uso industriale si aggiunge un rivestimento secondario del diametro di 900µm; la struttura tight jacket ha grande resistenza a urti e rotture, è molto sensibile agli stress dovuti alle variazioni di temperatura ma permette p di progettare strutture leggere e semplici; se il cavo tight jacket è inserito in strutture twisted o ad elevata curvatura, le perdite eccedono quelle dovute a micropiegature; una tipologia più raffinata è il cavo breakout: : ogni fibra singola tight jacket è avvolta da una guaina di PVC, quindi queste singole unità vengono protette da una copertura comune.

50 Cavi ottici loose tube Loose tube cable: le fibre con rivestimento primario vengono inserite in tubi in laminato l di alluminio o polietilene del diametro di 2mm; i tubi contengono o una fibra o gruppi di attorcigliate, libere in aria o gel sintetico; più tubi possono essere attorcigliati su un elemento di trazione in acciaio nel caso di cavi multifibra, al fine di minimizzare stress, ss, elongazioni e contrazioni; variando il numero di fibre all interno del tubo si può controllare l effetto delle variazioni di temperatura sull attenuazione; la configurazione loose-tube minimizza l attenuazione dovuta alle micropiegature e permette di ottenere elevato isolamento dagli agenti esterni: sotto stress meccanico continuo, si ottengono caratteristiche trasmissive più stabili.

51 Tight-jacket vs. Loose tube Cable Cable structure Parameter Loose tube Tight buffer Breakout Bend radius Diameter Larger Larger Smaller Smaller Lower Larger Larger Higher Higher Tensile Strength Higher Impact Resistance Lower Higher Crush Resistance Lower Higher Higher Attenuation vs. Temp Lower Higher Higher

52 Cavi ottici tight-jacket e loose tube Una volta effettuata la scelta tra cavo tight-jacket e loose tube il progettista del sistema ha implicitamente scelto un compromesso tra perdite per micropiegature e flessibilità. Nell installazione del cavo, sono molto importanti proprietà meccaniche quali resistenza a trazione, urti, flessione e piegature. Specifiche ambientali riguardano principalmente resistenza a umidità, agenti chimici e vari tipi di agenti atmosferici. Se le condizioni di posa del cavo creano sforzi di trazione inaccettabili, si possono avere perdite per micropiegature, rotture e affaticamento del cavo.

53 Cavi ottici tight-jacket e loose tube Per contrastare queste tensioni aggiuntive, è possibile aggiungere al cavo elementi di trazione, che conferiscono al cavo ottico la stessa resistenza dei cavi elettronici, proteggendo le fibre da stress, elongazioni e contrazioni. In alcuni casi, l elemento di trazione agisce anche come stabilizzatore meccanico in temperatura. E importante notare come le fibre ottiche si deformino pochissimo prima della rottura, quindi l elemento di trazione deve avere bassa elongazione in corrispondenza del carico previsto. Gli elementi di trazione tipicamente usati nei cavi ottici sono cavi di acciaio, FGE (fiberglass epoxy rod) e Aramid.

54 Cavi ottici tight-jacket e loose tube L Aramid è cinque volte più resistente dell acciaio; quando è richiesta la costruzione di una struttura interamente dielettrica, Aramid e FGE sono la scelta obbligata. Acciaio e FGE devono essere scelti quando quando si richiede il funzionamento a basse temperature, poiché presentano maggiore stabilità. Fiberglass epoxy rod Steel Aramid Load to break Diameter Elongation inches break Weight per 1000ft 480lbs % 1.4lbs 480lbs % 7.5lbs 944lbs % 1.8lbs

55 Cavi ottici tight jacket (tight buffer)

56 Cavi ottici loose tube

57 Cavi ottici ribbon Ribbon cable: è una variazione sullo schema generale dei cavi tight-jacket: un gruppo di fibre rivestite viene disposto in parallelo e ricoperto o con plastica fino a formare un nastro multifibra; la principale differenza rispetti ai cavi tight-jacket sta nel fatto che un rivestimento plastico ricopre la serie di fibre parallele; i ribbon tipici contengono da 5 a 12 fibre; si possono impilare fino a 12 ribbon per formare il nucleo del cavo ottico; la struttura del ribbon permette installazione semplice sul campo o e facilità di connettorizzazione, fattori che sono una necessità per p molteplici applicazioni.

58 Cavi ottici ribbon

59 Cavi ottici sottomarini Contengono tipicamente poche fibre (4-20) e vengono realizzati in configurazione tight-jacket o loose-tube con gel di riempimento. Sono caratterizzati da armatura di protezione in acciaio inossidabile, da una guaina interna in rame contro l umidità e ogni parte vuota del cavo è riempita con polimeri. Devono resistere alle forti pressioni e alle basse temperature dei fondali oceanici, inoltre l elemento di trazione è in acciaio per resistere alle sollecitazioni di posa e di recupero.

60 Cavi ottici sottomarini

CAVI IN FIBRA OTTICA. Fibra ottica tipo LOOSE Fibra ottica tipo LOOSE ARMATA Fibra ottica tipo TIGHT

CAVI IN FIBRA OTTICA. Fibra ottica tipo LOOSE Fibra ottica tipo LOOSE ARMATA Fibra ottica tipo TIGHT CAVI IN FIBRA OTTICA Fibra ottica tipo LOOSE Fibra ottica tipo LOOSE ARMATA Fibra ottica tipo TIGHT Fibra OTTICA tipo LOOSE Per posa esterna/interna Cavi per trasmissione dati in fibra ottica OM1 OM2 OM3

Dettagli

SPECIFICA TECNICA TECHNICAL SPECIFICATION

SPECIFICA TECNICA TECHNICAL SPECIFICATION Indice 1. Generale... 1 2. Caratteristiche della fibra ottica SM-R, in accordo a ITU-T Recommendation G.652... 2 3. Caratteristiche della fibra ottica SM-NZD, in accordo a ITU-T Recommendation G.655...

Dettagli

02/10/2015. Cavi a Fibre Ottiche. Light and Progress run together. Le fibre Ottiche offrono benefici unici.

02/10/2015. Cavi a Fibre Ottiche. Light and Progress run together. Le fibre Ottiche offrono benefici unici. Cavi a Fibre Ottiche Ampia gamma di costruzioni, materiali e armature Conformità alle norme internazionali Approvazioni DNV/ABS/Warrington Costruzioni personalizzate Possono essere usati con conduttori

Dettagli

Cavi fibra ottica CAVI FO

Cavi fibra ottica CAVI FO CAVI FO Cavi fibra ottica Il primo componente dei sistemi di cablaggio ottico è il cavo. La scelta del tipo di cavo è fondamentale e va effettuata considerando le caratteristiche di costruzione l applicazione

Dettagli

Settembre 2003 LE FIBRE OTTICHE. Pietro Nicoletti. Silvano Gai. Fibre- 1 Copyright: si veda nota a pag. 2

Settembre 2003 LE FIBRE OTTICHE. Pietro Nicoletti. Silvano Gai. Fibre- 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 LE FIBRE OTTICHE Pietro Nicoletti Silvano Gai Fibre- 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides) è protetto dalle leggi sul copyright e

Dettagli

FIBRE OTTICHE ULTRA VIOLETTO VISIBILE. 10 nm 390 nm 770 nm 10 6 nm

FIBRE OTTICHE ULTRA VIOLETTO VISIBILE. 10 nm 390 nm 770 nm 10 6 nm Fibre ottiche FIBRE OTTICHE Le fibre ottiche operano nelle bande infrarosso, visibile e ultravioletto. La lunghezza d onda di tali bande è: (1 nm = 10-9 m) ULTRA VIOLETTO VISIBILE INFRAROSSO 10 nm 390

Dettagli

LE FIBRE OTTICHE NELLE TELECOMUNICAZIONI. Presentato da: FAR ITALY S.r.l

LE FIBRE OTTICHE NELLE TELECOMUNICAZIONI. Presentato da: FAR ITALY S.r.l CENNI STORICI 1 LE FIBRE OTTICHE NELLE TELECOMUNICAZIONI Presentato da: Nicola Ferrari FAR ITALY S.r.l 2 CENNI STORICI Jean - Daniel Colladon 1802-1893 fisico svizzero John Tyndall 1820-1893 Fisico inglese

Dettagli

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione Sistemi e Tecnologie della Comunicazione Lezione 9: strato fisico: mezzi trasmissivi 1 Mezzi trasmissivi Vedremo una panoramica sui diversi mezzi trasmissivi utilizzati tipicamente nelle reti di computer,

Dettagli

SISTEMI DI ILLUMINAZIONE A FIBRE OTTICHE

SISTEMI DI ILLUMINAZIONE A FIBRE OTTICHE SISTEMI DI ILLUMINAZIONE A FIBRE OTTICHE 1 Illuminatore L illuminatore provvede a generare la luce e inviarla, minimizzando ogni dispersione con un sistema ottico opportuno, nel bundle cioè nel collettore

Dettagli

CAPITOLO 10. La soluzione Sky Italia per la distribuzione del segnale in Fibra Ottica. INDICE DA FARE pag.

CAPITOLO 10. La soluzione Sky Italia per la distribuzione del segnale in Fibra Ottica. INDICE DA FARE pag. CAPITOLO 10 La soluzione Sky Italia per la distribuzione del segnale in Fibra Ottica INDICE DA FARE pag. 319 10.1 Introduzione Il presente Capitolo fornisce una breve descrizione dei principi della trasmissione

Dettagli

Introduzione alle fibre ottiche

Introduzione alle fibre ottiche Introduzione alle fibre ottiche Struttura delle fibre ottiche Una fibra ottica è sostanzialmente un cilindro (solitamente in vetro) con una parte centrale, detta core, con un indice di rifrazione superiore

Dettagli

Le Fibre ottiche e le loro origini

Le Fibre ottiche e le loro origini Le Fibre ottiche e le loro origini Le fibre ottiche si basano sul principio della riflessione totale interna. Tale principio venne osservato dallo scienziato svizzero, Daniel Colladon, all inizio dell

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI Cos è un vetro? COS È UN VETRO? SOLIDO? LIQUIDO? ALTRO? GLI STATI DELLA MATERIA Volume specifico Liquido Vetro Tg CAMBIAMENTO DI VOLUME Tf Tf =TEMPERATURA

Dettagli

T13 FIBRE OTTICHE. T13.1 Elencare i principali vantaggi delle fibre ottiche come mezzo trasmissivo, in confronto con le linee di trasmissione in rame.

T13 FIBRE OTTICHE. T13.1 Elencare i principali vantaggi delle fibre ottiche come mezzo trasmissivo, in confronto con le linee di trasmissione in rame. T13 FIBRE OTTICHE T13.1 Elencare i principali vantaggi delle fibre ottiche come mezzo trasmissivo, in confronto con le linee di trasmissione in rame. T13. Perché le fibre ottiche possono essere considerate

Dettagli

MEZZI TRASMISSIVI 1. Il doppino 2. Il cavo coassiale 3. La fibra ottica 5. Wireless LAN 7

MEZZI TRASMISSIVI 1. Il doppino 2. Il cavo coassiale 3. La fibra ottica 5. Wireless LAN 7 MEZZI TRASMISSIVI 1 Il doppino 2 Il cavo coassiale 3 La fibra ottica 5 Wireless LAN 7 Mezzi trasmissivi La scelta del mezzo trasmissivo dipende dalle prestazioni che si vogliono ottenere, da poche centinaia

Dettagli

Luce laser, fibre ottiche e telecomunicazioni

Luce laser, fibre ottiche e telecomunicazioni Luce laser, fibre ottiche e telecomunicazioni Guido Giuliani - Architettura Università di Pavia guido.giuliani@unipv.it Fotonica - Cos è? Scienza che utilizza radiazione elettromagnetica a frequenze ottiche

Dettagli

GigaBit-Ethernet. 10-GigaBit Ethernet

GigaBit-Ethernet. 10-GigaBit Ethernet GigaBit-Ethernet 10-GigaBit Ethernet Le Opzioni per i Sistemi di Cablaggio in Fibra Ottica Versione 1.0 IT / 12.02.02 Wolfgang Rieger Hans-Jürgen Niethammer Gianluca Musetti A publication of Tyco Electronics

Dettagli

Cavi e Patch cord. Sommario

Cavi e Patch cord. Sommario Sommario Cavi e Patch cord Introduzione Gamma Excillence a 10 GB......................... pagina 22 Cavi in rame categoria 5....................................... pagina 24 Cavi in rame categoria 6.......................................

Dettagli

Fibre ottiche. Fiisiica delllle ffiibre ottiiche

Fibre ottiche. Fiisiica delllle ffiibre ottiiche Il livello fisico Parte IV Fibre ottiche... 1 Fisica delle fibre ottiche... 1 Riflessione totale dell energia nel core... 3 Fibre multimodali e problema della dispersione modale... 5 Fibre monomodali...

Dettagli

Fibre Ottiche. FORMAZIONE PROFESSIONALE SCHEDA CORSO TITOLO DEL CORSO: Digital forenser

Fibre Ottiche. FORMAZIONE PROFESSIONALE SCHEDA CORSO TITOLO DEL CORSO: Digital forenser Fibre Ottiche Informazioni generali Descrizione sintetica Contesto Formativo Obiettivi formativi Titolo del corso: Fibre Ottiche Durata: 40 ore Data inizio: da definire in base al numero di partecipanti

Dettagli

Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE

Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE Facoltà di Ingegneria Master in Sicurezza e Protezione Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDI Docente Fabio Garzia Ingegneria della Sicurezza w3.uniroma1.it/sicurezza

Dettagli

APPUNTI DI OPTOELETTRONICA ad uso degli studenti

APPUNTI DI OPTOELETTRONICA ad uso degli studenti APPUNTI DI OPTOELETTRONICA ad uso degli studenti Guide ottiche integrate Massimo Brenci IROE-CNR Firenze Esempio di guida ottica integrata Propagazione della luce in una guida ottica integrata (vista in

Dettagli

I mezzi trasmissivi Per formare una rete

I mezzi trasmissivi Per formare una rete I mezzi trasmissivi Per formare una rete di comunicazione possono essere usati diversi mezzi trasmissivi (o media). La loro classificazione può essere fatta in base alle loro caratteristiche fisiche e

Dettagli

Tecnologie di saldatura per fusione

Tecnologie di saldatura per fusione La saldatura laser Tecnologie di saldatura per fusione saldatura ad arco (MIG, TIG, SAW, Plasma ecc.) saldatura a gas (ossiacetilenica, ossidrica ecc.) saldatura ad elettroscoria saldatura alluminotermica

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

MATERIALI PER L ELETTRONICA - Epitassia 49

MATERIALI PER L ELETTRONICA - Epitassia 49 8 Epitassia Per epitassia si intende la deposizione di sottili strati di materiale cristallino su un substrato massivo, anch'esso cristallino, che ne indirizza la crescita e ne determina le proprietà strutturali.

Dettagli

Sistemi per Profili Termici di Forni. Dove l esperienza conta!

Sistemi per Profili Termici di Forni. Dove l esperienza conta! Sistemi per Profili Termici di Forni Dove l esperienza conta! Le Barriere Termiche Barriere Termiche PhoenixTM produce Barriere Termiche adatte ad applicazioni specifiche; i processi di verniciatura necessitano,

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI I MATERIALI La tecnologia è quella scienza che studia: i materiali la loro composizione le loro caratteristiche le lavorazioni necessarie e le trasformazioni che possono subire e il loro impiego. I materiali

Dettagli

Sistemi di Telecomunicazione

Sistemi di Telecomunicazione Sistemi di Telecomunicazione Parte 6: Sistemi Ottici Parte 6.1: Propagazione in Fibra Ottica Universita Politecnica delle Marche A.A. 2013-2014 A.A. 2013-2014 Sistemi di Telecomunicazione 1/42 Trasmissione

Dettagli

www.alegem.weebly.com LE FIBRE OTTICHE

www.alegem.weebly.com LE FIBRE OTTICHE LE FIBRE OTTICHE Le fibre ottiche inventate nel 1966 da Kao e Hockham rappresentano il mezzo trasmissivo migliore per le telecomunicazioni: oggi si stanno installando anche nelle reti di accesso oltre

Dettagli

Livello fisico. Mezzi di Trasmissione. Fattori di Progetto. Mezzi trasmissivi. Prof. Vincenzo Auletta

Livello fisico. Mezzi di Trasmissione. Fattori di Progetto. Mezzi trasmissivi. Prof. Vincenzo Auletta I semestre 03/04 Livello fisico Mezzi di Trasmissione Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Il livello fisico deve garantire il trasferimento di un flusso

Dettagli

FIBRA OTTICA. A cura di Alessandro Leonardi Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università degli studi di Catania

FIBRA OTTICA. A cura di Alessandro Leonardi Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università degli studi di Catania FIBRA OTTICA A cura di Alessandro Leonardi Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università degli studi di Catania Fibra ottica Minuscolo e flessibile filo di vetro costituito

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

Cavi Tecsun INTEGRATED CABLING SOLUTIONS

Cavi Tecsun INTEGRATED CABLING SOLUTIONS Cavi Tecsun technergy INTEGRATED CABLING SOLUTIONS TM TECSUN Chi siamo Tecsun µ Il gruppo Prysmian è tra i leader mondiali nel settore dei cavi per l energia e per le telecomunicazioni e vanta un forte

Dettagli

REGOLE DI BASE. - La fibra ottica non è un cavo elettrico, ma un conduttore in vetro. Va maneggiata con cura.

REGOLE DI BASE. - La fibra ottica non è un cavo elettrico, ma un conduttore in vetro. Va maneggiata con cura. REGOLE DI BASE - La fibra ottica non è un cavo elettrico, ma un conduttore in vetro. Va maneggiata con cura. - Il passaggio della luce all interno della fibra ottica è paragonabile a quello dell acqua

Dettagli

TECNOLOGIE DELLA TRASMISSIONE OTTICA. Tecniche di giunzione e connettorizzazione

TECNOLOGIE DELLA TRASMISSIONE OTTICA. Tecniche di giunzione e connettorizzazione TECNOLOGIE DELLA TRASMISSIONE OTTICA Tecniche di giunzione e connettorizzazione TECNICHE DI GIUNZIONE Giuntare tra loro 2 fibre non è un operazione banale. La luce che viaggia in una fibra non si comporta

Dettagli

Le fibre ottiche Trasmettitori e rivelatori ottici

Le fibre ottiche Trasmettitori e rivelatori ottici Reti di Telecomunicazioni R. Bolla, L. Caviglione, F. Davoli La propagazione e la legge di Snell Le fibre ottiche Trasmettitori e rivelatori ottici Link budget I cavi 11.2 Ci sono due ragioni importanti

Dettagli

Sensori, trasduttori e trasmettitori: Evoluzioni e tendenze

Sensori, trasduttori e trasmettitori: Evoluzioni e tendenze Piero G. Squizzato Sensori, trasduttori e trasmettitori: Evoluzioni e tendenze Nell automazione l elemento fondamentale è una precisa e affidabile misura delle variabili fisiche e chimiche, identificanti

Dettagli

Tecniche di schermatura

Tecniche di schermatura E.M.I. Shield e Grounding: analisi applicata ai sistemi di cablaggio strutturato Tecniche di schermatura Pier Luca Montessoro pierluca.montessoro@diegm.uniud.it SCHERMI - 1 Copyright: si veda nota a pag.

Dettagli

Principio di funzionamento dei cavi scaldanti autoregolanti

Principio di funzionamento dei cavi scaldanti autoregolanti 1 Principio di funzionamento dei cavi scaldanti autoregolanti Sfruttando un particolare principio fisico, i cavi scaldanti autoregolanti consentono di mantenere sgelati o in temperatura tubazioni, sili

Dettagli

CROMATURA PEVD SOTTOVUOTO

CROMATURA PEVD SOTTOVUOTO CROMATURA PEVD SOTTOVUOTO Causa i ben noti problemi legati ai processi di cromatura galvanica, da alcuni anni ormai si parla di procedimenti alternativi con basso impatto ambientale e ridotti consumi energetici.

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

Livello fisico: i mezzi trasmissivi

Livello fisico: i mezzi trasmissivi Livello fisico: i mezzi trasmissivi Mod4_1_2_3 Uno degli aspetti più importanti di una rete, indipendentemente dal fatto che sia essa locale o geografica, è costituito dal tipo e dalle caratteristiche

Dettagli

Materiali, Sviluppo, Soluzioni. Prodotti di Molibdeno per la industria del vetro

Materiali, Sviluppo, Soluzioni. Prodotti di Molibdeno per la industria del vetro Materiali, Sviluppo, Soluzioni Prodotti di Molibdeno per la industria del vetro H.C. Starck, Molibdeno Materiali come il molibdeno e il tungsteno, sono vitali per le applicazioni di fusione, omogeneizzazione

Dettagli

BONIFICA ACUSTICA: SILENZIATORI. SCUOLA SUPERIORE DI INGEGNERIA The post-graduate School of Advanced Engineering Studies. SpA

BONIFICA ACUSTICA: SILENZIATORI. SCUOLA SUPERIORE DI INGEGNERIA The post-graduate School of Advanced Engineering Studies. SpA BONIFICA ACUSTICA: SILENZIATORI Silenziamento lungo i condotti o tramite silenziatori dissipativi I canali rettangolari costruiti con lamiera metallica presentano una bassa attenuazione sonora dell ordine

Dettagli

Tecnologie fondamentali dei circuiti integrati:panoramica

Tecnologie fondamentali dei circuiti integrati:panoramica Tecnologie fondamentali dei circuiti integrati:panoramica Riferimenti Bibliografici: Paolo Spirito Elettronica digitale, Mc Graw Hill Capitolo 2 Zs. M. Kovàcs Vajna Tecnologia planare del silicio I sistemi

Dettagli

Tecnologia di formatura in autoclave

Tecnologia di formatura in autoclave POLITECNICO DI MILANO Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale Corso di Tecnologie Aeronautiche Docente: Giuseppe Sala Tecnologia di formatura in autoclave Paolo Bettini tel. 0223998044 E-mail bettini@aero.polimi.it

Dettagli

Tubazioni in cemento armato ordinario (CAO)

Tubazioni in cemento armato ordinario (CAO) Tubazioni in cemento armato ordinario (CAO) Le tubazioni in cemento armato ordinario utilizzano le caratteristiche di resistenza alla compressione del calcestruzzo ed a trazione per l'acciaio. Le condotte

Dettagli

CAVI OTTICI OPTICAL CABLES. Optical Cables

CAVI OTTICI OPTICAL CABLES. Optical Cables CAVI OTTICI OPTICAL CABLES Optical Cables 183 Sommario Table of Contents Fibra ottica tight 0,9 mm Tight Optical Fiber 0,9 mm Cavo monofibra tight Tight Monofiber Cable Cavo monofibra monomodale SM -

Dettagli

RIVESTIMENTO TERMOREGOLATORE INDITHERM PER CONTENITORI E FUSTI

RIVESTIMENTO TERMOREGOLATORE INDITHERM PER CONTENITORI E FUSTI RIVESTIMENTO TERMOREGOLATORE PER CONTENITORI E FUSTI Rev. Descrizione Data Redazione Approvazione Pag. 0.1 Ins. esempi di applicazione 03/02/03 1/7 Il rivestimento termoregolatore è costituito da un polimero

Dettagli

Il casco e le sue varianti

Il casco e le sue varianti Casco D+ Liceo Scientifico Statale Federico II Altamura Il casco e le sue varianti E il nostro progetto riguarda 1 L ELMETTO DA LAVORO Domanda: perché si è soliti non rispettare tale cartello?? PERCHE

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

OSNASOL. Sistema integrato per impianti termici a energia solare. Member of the KME Group OSNASOL [I]

OSNASOL. Sistema integrato per impianti termici a energia solare. Member of the KME Group OSNASOL [I] Sistema integrato per impianti termici a energia solare OSNASOL [I] Member of the KME Group Collettore solare osnasol qualità, praticità e sicurezza Vantaggi Il rame ha da sempre rappresentato il materiale

Dettagli

Cos è il nastro autoadesivo?

Cos è il nastro autoadesivo? Cos è il nastro autoadesivo? Per nastro autoadesivo si intende una striscia di materiale che può aderire con la semplice pressione su varie superfici senza la necessità di calore, umettatura od altro.

Dettagli

Caratterizzazione della fibra ottica

Caratterizzazione della fibra ottica Caratterizzazione della fibra ottica La qualità di una fibra ottica per la trasmissione d informazioni è caratterizzata dai dati essenziali: L attenuazione che limita in modo fondamentale la distanza di

Dettagli

PIANO DIDATTICO SCIENZA DEI MATERIALI PER LA CONVERSIONE FOTOVOLTAICA

PIANO DIDATTICO SCIENZA DEI MATERIALI PER LA CONVERSIONE FOTOVOLTAICA PIANO DIDATTICO SCIENZA DEI MATERIALI PER LA CONVERSIONE FOTOVOLTAICA Celle solari: dai mirtilli agli spaghetti CONVERSIONE FOTOVOLTAICA: L ENERGIA DEL FUTURO v Energia inesauribile e rinnovabile v Non

Dettagli

Misuratore di potenza per fibre ottiche Sorgente luminosa per fibre ottiche

Misuratore di potenza per fibre ottiche Sorgente luminosa per fibre ottiche FOM, FOS 850, FOS 1300, FOS 850/1300 Misuratore di potenza per fibre ottiche Sorgente luminosa per fibre ottiche Foglio di istruzioni Introduzione Il misuratore FOM (Fiber Optic Meter - misuratore per

Dettagli

ENERGIA SOLARE FOTOVOLTAICA MODULI MONOCRISTALLINI - SI-ESF-M-M156-60

ENERGIA SOLARE FOTOVOLTAICA MODULI MONOCRISTALLINI - SI-ESF-M-M156-60 Solar Innova utilizza materiali di ultima generazione per la fabbricazione dei suoi moduli fotovoltaici. I nostri moduli sono ideali per qualsiasi applicazione che utilizzi l'effetto fotoelettrico come

Dettagli

CAVO IN FIBRA OTTICA A 12 FIBRE tipo VDE: A-BQ(BN)H 1x12 E9/125 - gel free

CAVO IN FIBRA OTTICA A 12 FIBRE tipo VDE: A-BQ(BN)H 1x12 E9/125 - gel free CAVO IN FIBRA OTTICA A 12 FIBRE tipo VDE: A-BQ(BN)H 1x12 E9/125 - gel free Immagine puramente indicativa Codice AER-EWN 35 99 04 Caratteristiche costruttive Cavo in fibra ottica del tipo VDE - A-BQ(BN)H

Dettagli

APRIAMO LE PORTE AL VANTAGGIO

APRIAMO LE PORTE AL VANTAGGIO APRIAMO LE PORTE AL VANTAGGIO APRIAMO LE PORTE AL VANTAGGIO Albany porte ad avvolgimento rapido contribuiscono ad una efficiente gestione dell energia. Più di un quarto del fabbisogno di energia in Germania

Dettagli

PRESENTAZIONE DELL AZIENDA Anno di costituzione 1994

PRESENTAZIONE DELL AZIENDA Anno di costituzione 1994 PRESENTAZIONE DELL AZIENDA Anno di costituzione 1994 Attività della Azienda Area di Mercato Produzione e distribuzione di componenti passivi e attivi in Fibra Ottica e Rame sul territorio Nazionale ed

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Come garantire che le reti LAN in fibra di domani siano in buone condizioni

Come garantire che le reti LAN in fibra di domani siano in buone condizioni Come garantire che le reti LAN in fibra di domani siano in buone condizioni Analisi delle tracce OTDR Come diventare un esperto nella risoluzione dei problemi grazie all analisi avanzata delle tracce OTDR.

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

TRASMISSIONE IN FIBRA OTTICA

TRASMISSIONE IN FIBRA OTTICA TRASMISSIONE IN FIBRA OTTICA Storia delle comunicazioni ottiche 84 a.c.: caduta di Troia comunicata a Micene (550km di distanza) attraverso una serie di fuochi allineati 794 d.c.: rete di Chappe collega

Dettagli

Actassi sistema fibra ottica

Actassi sistema fibra ottica Presentazione... 72 Actassi connettori e kit ottici FLC...73 Pigtail FLC...76 Bussole FLC... 77 Cavi in fibra ottica FLC...78 Patch cord in fibra ottica FLC...87 71 Un portafoglio di prodotti completo

Dettagli

F. Nenciati,, E. Origgi, A. Lazzeri

F. Nenciati,, E. Origgi, A. Lazzeri Analisi termica ed elettromagnetica di un impianto pilota per la produzione di materiali compositi a matrice ceramica mediante il processo di Chemical Vapour Infiltration con riscaldamento a microonde

Dettagli

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia 1.Gli stati fisici della materia 2.I sistemi omogenei e i sistemi eterogenei 3.Le sostanze pure e i miscugli 4.I passaggi di stato 5. la teoria particellare

Dettagli

Cablaggio in fibra ottica

Cablaggio in fibra ottica Cavi in fibra ottica 60 Connettori ottici 63 Patch panel per fibra ottica 64 Supporti per connettori ottici 65 Patch cord in fibra ottica 66 Sistemi di connettorizzazione per fibra ottica 67 Cavi in fibra

Dettagli

INSUL-TUBE SOLAR NT La nanotecnologia nel solare

INSUL-TUBE SOLAR NT La nanotecnologia nel solare INSUL-TUBE SOLAR NT La nanotecnologia nel solare NMC Italia S.r.l. soggetta a direzione e coordinamento di NMC International Sàrl 20060 PESSANO CON BORNAGO (MI) - Via Volta, 27/29 Tel.: +39 02.955454.1

Dettagli

SCELTA DEL TIPO DI FRESA

SCELTA DEL TIPO DI FRESA LAVORAZIONE CON FRESE A CANDELA SCELTA DEL TIPO DI FRESA La scelta del tipo di fresa a candela dipende dal grado di tolleranza e finitura superficiale richiesti. Utilizzare una fresa riaffilabile per applicazioni

Dettagli

Innovativo e affidabile. Economico ed ecologico

Innovativo e affidabile. Economico ed ecologico L'efficienza laser Innovativo e affidabile Economico ed ecologico La macchina laser 2D PLATINO Fiber di Prima Power è il perfetto punto di incontro fra innovazione ed esperienza. Questo prodotto integra

Dettagli

MEZZI DI RTASMISSIONE 1 DOPPINO TELEFONICO 2 CAVO COASSIALE 1 MULTI 2 MONO 1 ONDE RADIO 2 MICROONDE 3 INFRAROSSI 4 LASER

MEZZI DI RTASMISSIONE 1 DOPPINO TELEFONICO 2 CAVO COASSIALE 1 MULTI 2 MONO 1 ONDE RADIO 2 MICROONDE 3 INFRAROSSI 4 LASER 1 ELETTRICI 2 OTTICI 3 WIRELESS MEZZI DI RTASMISSIONE 1 DOPPINO TELEFONICO 2 CAVO COASSIALE 1 MULTI 2 MONO 1 ONDE RADIO 2 MICROONDE 3 INFRAROSSI 4 LASER MODALI ELETTRICI PARAMETRI 1 IMPEDENZA 2 VELOCITA'

Dettagli

Energenia sponsorizza eventi a favore della bioagricoltura e dello sport per ragazzi

Energenia sponsorizza eventi a favore della bioagricoltura e dello sport per ragazzi Energenia sponsorizza eventi a favore della bioagricoltura e dello sport per ragazzi Via Positano 21, 70014 Conversano (BA) Tel.080 2141618 Fax 080 4952302 WWW.ENERGENIA.NET www.energenia.net 1 EDUCARSI

Dettagli

Cos'è il cablaggio strutturato?

Cos'è il cablaggio strutturato? Cos'è il cablaggio strutturato? Il cablaggio strutturato è una grande rete di trasmissione dati costituita da un insieme di cavi, prese, armadi ed altri accessori tramite i quali trasportare ed integrare

Dettagli

NUOVA COPERTURA DELL EDIFICIO BARATTA

NUOVA COPERTURA DELL EDIFICIO BARATTA NUOVA COPERTURA DELL EDIFICIO BARATTA Per individuare una soluzione alla copertura in eternit dell edificio in data 4 febbraio 2009 abbiamo potuto partecipare alla fiera made expo di Milano sull architettura

Dettagli

Specifiche tecniche per la fornitura di camere da vuoto per l upgrade di DAΦNE

Specifiche tecniche per la fornitura di camere da vuoto per l upgrade di DAΦNE ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE LABORATORI NAZIONALI DI FRASCATI Frascati, 28 febbraio 2007 Divisione Acceleratori Via E. Fermi, 40 Specifiche tecniche per la fornitura di camere da vuoto per l upgrade

Dettagli

METALLURGICA BRESCIANA

METALLURGICA BRESCIANA CAVI A FIBRA OTTICA 2 AZIENDA Metallurgica Bresciana S.p.A., con oltre 45 anni di attività, è azienda Leader in Europa nella produzione e progettazione di cavi elettrici speciali e a fibra ottica. Il sito

Dettagli

BIKO: Made in Italy, Qualità, Stile ed Attenzione al Cliente. Biko BENDING ROLLS

BIKO: Made in Italy, Qualità, Stile ed Attenzione al Cliente. Biko BENDING ROLLS SHAPING THE FUTURE Da oltre 20 anni BIKO è sinonimo di qualità. Già subito dopo il suo lancio, la linea di calandre BIKO è diventata la marca preferita di centinaia di produttori di serbatoi, scambiatori

Dettagli

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità.

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Materiale sintetico parzialmente o totalmente cristallino solido, inorganico, non metallico, formato a freddo e consolidato per trattamento

Dettagli

La pultrusione può essere definita sinteticamente. Semilavorati in materiale composito per applicazioni industriali. I pultrusi MATERIALE DEL MESE

La pultrusione può essere definita sinteticamente. Semilavorati in materiale composito per applicazioni industriali. I pultrusi MATERIALE DEL MESE La rubrica Materiale del mese è curata da: Matech materiali innovativi g Alessio Cuccu MaTech Parco Scientifico e Tecnologico Galileo Corso Stati Uniti,14 35127 Padova Tel.+39.049.8705973 - Fax.+39.049.8061222

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI DEFINIZIONE DI VETRO LO STATO VETROSO È QUELLO DI UN SOLIDO BLOCCATO NELLA STRUTTURA DISORDINATA DI UN LIQUIDO (FASE AMORFA) SOLIDO:ORDINE A LUNGO RAGGIO

Dettagli

Silicato isolstyle per edilizia/bioedilizia. Pareti fredde, umidità, muffa...

Silicato isolstyle per edilizia/bioedilizia. Pareti fredde, umidità, muffa... Pareti fredde, umidità, muffa... Con le lastre in silicato di calcio isolstyle è possibile risolvere definitivamente questi problemi! Le lastre in sono molto leggere, (1) 6 kg/m2 e si posano facilmente

Dettagli

Alcuni parametri di scelta dei trasduttori Criteri generali: Banda passante Segnale fornito Compatibilità strutturale e di installazione Costo...

Alcuni parametri di scelta dei trasduttori Criteri generali: Banda passante Segnale fornito Compatibilità strutturale e di installazione Costo... Alcuni parametri di scelta dei trasduttori Criteri generali: Banda passante Segnale fornito Compatibilità strutturale e di installazione Costo... 1 tipici per misure strutturali: Potenziometri LVDT Estensimetri

Dettagli

Fibre Ottiche. Svantaggi: conversione del segnale da elettrico a ottico e viceversa precauzioni di installazione strumentazione di test sofisticata

Fibre Ottiche. Svantaggi: conversione del segnale da elettrico a ottico e viceversa precauzioni di installazione strumentazione di test sofisticata Fibre Ottiche Lo sviluppo delle fibre ottiche è stato spinto dalle telecomunicazioni che, inzialmente, ne hanno apprezzato le possibilità di trasmettere a grandi distanza con pochi amplificatori intermedi.

Dettagli

Università degli Studi di Genova

Università degli Studi di Genova Università degli Studi di Genova RELAZIONE SULL'ATTIVITA' E LE RICERCHE SVOLTE ALLA CONCLUSIONE DEL I ANNO DEL XX CICLO DEL CORSO DI DOTTORATO DI RICERCA IN SCIENZE E TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA

Dettagli

NOBILIUM VEL. Velo per armatura di fibra NOBILIUM SCHEDA TECNICO-COMPARATIVA

NOBILIUM VEL. Velo per armatura di fibra NOBILIUM SCHEDA TECNICO-COMPARATIVA NOBILIUM VEL Velo per armatura di fibra NOBILIUM SCHEDA TECNICO-COMPARATIVA Origine: Il velo è un prodotto relativamente nuovo nel settore edilizio ed è principalmente associato alla fibra di vetro e/o

Dettagli

5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE

5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE Il Manuale della Presagomatura 49 5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE La posa in opera delle armature è un operazione di grande importanza dal punto di vista della qualità, durabilità

Dettagli

TUBO IN POLIETILENE PE-Xa

TUBO IN POLIETILENE PE-Xa TUBO TUBO IN POLIETILENE PE-Xa CODICE PRODOTTO PTR 373 Il tubo in polietilene reticolato Ercos Pe-Xa è ottenuti con il sistema di reticolazione a perossidi, ed è classificato nel gruppo Pe-Xa. Questo processo

Dettagli

LEZIONI N 9, 10, 11 E 12 COSTRUZIONI DI ACCIAIO: IPOTESI DI BASE E METODI DI VERIFICA

LEZIONI N 9, 10, 11 E 12 COSTRUZIONI DI ACCIAIO: IPOTESI DI BASE E METODI DI VERIFICA LEZIONI N 9, 10, 11 E 12 COSTRUZIONI DI ACCIAIO: IPOTESI DI BASE E METODI DI VERIFICA L acciaio da carpenteria è una lega Fe-C a basso tenore di carbonio, dall 1 al 3 per mille circa. Gli acciai da costruzione

Dettagli

Termoresistenza per misure superficiali Modello TR50

Termoresistenza per misure superficiali Modello TR50 Misura di temperatura elettrica Termoresistenza per misure superficiali Modello TR50 Scheda tecnica WIKA TE 60.50 per ulteriori omologazioni vedi pagina 9 Applicazioni Per la misura di temperature di superficiali

Dettagli

RICOSTRUZIONE UNGHIE

RICOSTRUZIONE UNGHIE RICOSTRUZIONE UNGHIE Santolo Testa Le unghie non hanno una resistenza infinita, gli agenti patogeni, lo stress e le carenze alimentari (calcio, ferro, vitamine D-B6-B12) possono disidratarle,indebolirle,

Dettagli

MATRICE DELLE COMPETENZE DI SCIENZE E TECNOLIE APPLICATE INDIRIZZO DI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA

MATRICE DELLE COMPETENZE DI SCIENZE E TECNOLIE APPLICATE INDIRIZZO DI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA MATRICE DELLE COMPETENZE DI SCIENZE E TECNOLIE APPLICATE INDIRIZZO DI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA Competenze in esito al quinquennio (dall Allegato C del Regolamento) 1. Individuare le proprietà

Dettagli

Tubi per ventilazione <250 C

Tubi per ventilazione <250 C 21 ASPIREX EOLO Descrizione: Tubo in PVC plastificato di colore grigio, con spirale di rinforzo in PVC rigido, corrugato esternamente, liscio internamente. Impiego: Idoneo per aspirazione di aria, fumi,

Dettagli

DIREZIONE GENERALE Unità Organizzativa a Progetto per la gestione delle attività negoziali nell ambito del PON e dei Progetti Regionali

DIREZIONE GENERALE Unità Organizzativa a Progetto per la gestione delle attività negoziali nell ambito del PON e dei Progetti Regionali P.O.N. Ricerca & Competitività 2007-2013 per le Regioni della Convergenza. PONa3_00053 finanziato a valere sull Asse I - Sostegno ai mutamenti strutturali. Obiettivo operativo 4.1.1.4 Potenziamento delle

Dettagli

FERMADUR. Materiale poliuretanico bicomponente da colata con reticolazione a temperatura ambiente. chemicals

FERMADUR. Materiale poliuretanico bicomponente da colata con reticolazione a temperatura ambiente. chemicals FERMADUR Materiale poliuretanico bicomponente da colata con reticolazione a temperatura ambiente. chemicals La Chimica fatta su misura per i Vostri Componenti Elettronici. FERMADUR è la denominazione commerciale

Dettagli

Trasmissione termica

Trasmissione termica ISOLAMENTO TERMICO Per oltre 80 anni l utilizzo della vetrata isolante è stata riconosciuta come una condizione essenziale per garantire l isolamento termico degli edifici. Recenti sviluppi tecnologici

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli