I class diagram. Class - names

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I class diagram. Class - names"

Transcript

1 I class diagram Forniscono una vista strutturale (statica) del sistema in termini di classi attributi operazioni relazioni tra classi (associazioni, generalizzazioni,...) Un class diagram rappresenta uno schema concettuale se una classe A è in relazione con una classe B, allora ogni istanza di A sarà in relazione con un istanza di B 1 Class - names name Libro cod_libro titolo data edizione ISDN data acquisizione richiesta( ) restituzione( ) create( ) attributes Una class può essere rappresentata anche usano solo la sezione del nome Libro Un nome può essere un: simple name, il solo nome della class path name, il nome della class preceduto dal nome del package in cui la classe è posta operations Cliente Libro simple names Magazzino::Cliente Graphics::Rettangolo path names 2 1

2 Class - Attributes Attributes Una classe può avere un qualsiasi numero di attributi, o nessuno Per ciascun attributo si può specificare il tipo ed un eventuale valore iniziale tipicamente il nome di un attributo è composto da una parola o più parole insieme, usare il maiuscolo per la prima lettera di ciascuna parola lasciando minuscola la lettera iniziale del nome Scaffale altezza: Float larghezza: Float profondità: Float numeroscansie: Int èpieno: Boolean=false 3 Class - Operations Operations Una classe può avere un qualsiasi numero di operations, o nessuna Per ciascun operation si può specificare il solo nome o la sua signature, indicando il nome, il tipo, parametri e, in caso di funzione, il tipo ritornato stesse convenzioni dette per attributes per l uso di minuscolo e maiuscolo per i nomi delle operations SensoreTemperatura reset() setalarm(t:temperatura) leggival():temperatura 4 2

3 Class - Attributes e Operations Attributes e Operations di una class non devono obbligatoriamente essere descritti tutti subito Attributi ed operations possono essere mostrati solo parzialmente, elidendo la class Una sezione vuota non indica necessariamente che non esistono attributes/operations Per indicare che esistono più attributes/operations di quelli mostrati usare i punti sospensivi. Per meglio organizzare lunghe liste di attributes/operations raggrupparli insieme in categorie usando stereotypes Agente Finanziario. <<costruttore>> new() new(p: Polizza). <<query>> èsolvibile(o:ordine) èemesso(o:ordine) 5 Visibility E possibile specificare la visibiltà di attributes e operations La visibilità di un elemento specifica se esso può essere usato da altri. In UML è possibile specificare tre livelli di visibilità - public: qualsiasi altro classifier con visibilità al dato classifier può usare l elemento; è utilizzato il simbolo + (è il default se nessun simbolo è indicato) - protected: qualsiasi discendente del classifier può usare l elemento; è usato il simbolo # - private: solamente il classifier stesso può usare l elemento ; è usato il simbolo - Libro Visibility per attributes ed operations di una class + cod_libro + titolo # data edizione ISDN #richiesta( ) restituzione( ) + create( ) 6 3

4 Multiplicity La multiplicity è usata per indicare il numero di istanze di una classe; una multiplicity pari a zero indicherà una classe astratta, una multiplicity pari ad uno una singleton class; per default è assunta una multiplicity maggiore di uno. La multiplicity di una class è indicata con un numero intero posto nell angolo in alto a destra del simbolo della class La multiplicity si applica anche agli attributi, indicandola tra [ ] NetworkController 1 consoleport [2..*]: Port ControlRod 4 7 Class - Attributes e Operations La sintassi completa per specificare un attribute in UML è: [visibility] name [ [multiplicity] ] [: type] [= inital-value] [{property-string}] dove property-string può assumere uno dei seguenti 3 valori: changeable nessuna limitazione per la modifica del valore dello attribute addonly per attributi con molteplicità maggiore di 1 possono essere aggiunti ulteriori valori, ma una volta creato un valore non può essere né rimosso né modificato frozen il valore non può essere modificato dopo la sua inizializzazione 8 4

5 Class - Attributes e Operations La sintassi completa per specificare un operation in UML è: [visibility] name [(parameter-list)] [:return-type] [{propertystring}] con la lista dei parametri avente questa sintassi [direction] name: type [=default-value] dove direction può assumere uno dei seguenti 3 valori: in parametro di input out parametro di output inout parametro di input/output 9 Class - Attributes e Operations property-string può assumere uno dei seguenti valori isquery l esecuzione dell operazione lascia lo stato del sistema immutato sequential i chiamanti devono coordinare l oggetto dall esterno in modo che vi sia un sol flusso per volta verso l oggetto; in presenza di più flussi di controllo, non è garantita la semantica e l integrità dell oggetto guarded la semantica e l integrità dell oggetto è garantita in presenza di flussi di controllo multipli dalla sequenzializzazione di tutte le chiamate a tutte le operation guarded dell oggetto; concurrent la semantica e l integrità dell oggetto è garantita in presenza di flussi di controllo multipli trattando la operation come atomica. Chiamate multiple da flussi di controllo concorrente possono presentarsi contemporaneamente ad un oggetto o ad una sua operation concurrent ed essere eseguite correttamente con corretta semantica Le ultime tre proprità riguardano la concorrenza di una operation Sono rilevanti solo in presenza di oggetti attivi, processi o threads 10 5

6 Class Abstract, root, leaf e polymorphic elements Le classi astratte sono indicate ponendo il nome in corsivo Per specificare che una class non può avere : - discendenti indicare la proprietà leaf sotto il suo name - avi indicare la proprietà root sotto il suo name Per indicare una operation astratta scrivere il suo nome in corsivo Una operazione con la stessa signature in più classi di una gerarchia di generalizzazione/specializzazione è polimorphic ClassA {root} ClassB ClassC {leaf} 11 Relationships Una relationship è una connessione tra things. Dependency relazione semantica tra due things in cui un cambiamento su una (quella indipendente) può influenzare la semantica dell altra (quella dipendente), ma non necessariamente anche l inverso. 12 6

7 Relationships La freccia punta verso la thing indipendente Una dependency indica un uso di una thing da parte di un altra (ciò spesso è mostrato dall indicazione in una signature di una operation di un argomento dell altra class) Una relationship può avere un nome UML defisce 17 stereotypes (organizzati in 6 gruppi) per che possono essre applicati a dependency VideoRegistratore name playon(c:channel) start() stop() reset() Channel 13 Dipendenza tra classi Esempi di dipendenza tra classi C1 e C2: Un metodo di C1 ha come parametro un oggetto di classe C2 Un metodo di C1 restituisce come risultato un oggetto di classe C2 Un metodo di C1 istanzia un oggetto di classe C2 Un metodo di C1 invia un messaggio ad un oggetto di classe C2 di cui possiede il riferimento 14 7

8 Dipendenza tra classi <<instantiates>> Un metodo di una classe crea istanze di un altra classe <<calls>> Un metodo di una classe chiama un metodo di un altra classe <<friend>> Indica la possibilità di accesso al contenuto di un altra classe indipendentemente dalla visibilità prevista dalla classe target <<usage>> Indica che un elemento richiede la presenza di un altro per il suo corretto funzionamento (comprende <<calls>>, <<instantiates>>) 15 Relationships Generalization relazione di generalizzazione/specializzazione, in cui oggetti dell elemento specializzato (figlio) sono sostituibili all oggetto generalizzato (genitore). I figli condividono la struttura ed il comportamento del genitore. la freccia punta al genitore Una class può avere zero, uno o più genitori; se non ha genitori è detta root class, se ha un solo genitore è detta a singola ereditarietà, se ha più genitori è detta ad ereditarietà multipla 16 8

9 Relationships Generalization UML definisce 4 constraints per la Generalization: complete : tutte le sottoclassi sono state specificate, nessun altra sottoclasse è permessa incomplete : non tutte le sottoclassi sono state specificate, altre sottoclassi sono permesse disjoint : oggetti del genitore possono avere non più di un figlio come tipo overlapping : oggetti del genitore possono avere più di un figlio come tipo 17 Forma {root} display() Rettangolo {leaf} Ellisse Poligono display() Circonferenza {leaf} 18 9

10 Relationships Association relazione strutturale che descrive un insieme di link, cioè connessioni tra oggetti. Un particolare tipo di associazione è l aggregazione tra un tutto e le sue parti. Multiplicity Ditta 1 1..* datorelavoro impiegato Persona Role name Una association può avere un name ed una name direction name direction Ditta Lavora per name Persona 19 Cardinalità Indica il numero di istanze di una classe che possono essere associate ad una singola istanza dell altra classe Può non essere specificata ad uno degli estremi ( association-end ) o a entrambi E in questo caso non significa cardinalità pari a 1! 20 10

11 Cardinalità 21 Associazioni n-arie Alcune associazioni con cardinalità maggiore di due non sono riducibili a semplici associazioni binarie

12 Ruoli nelle associazioni Una classe può partecipare ad un associazione con un ruolo specifico, che può essere indicato 23 Relationships Aggregation Un particolare tipo di association è la aggregation che indica una relazione tutto-parti Tutto Ditta 1 Parte * Dipartimento aggregation 24 12

13 Relationships Compositon Un particolare tipo di aggregation è la compositon che indica una relazione una stretta relazione tutto-parti, nel senso che ciascuna parte ha la stessa durata di vita del tutto (cioè una parte una volta creata vive per tutto e solo il tempo del Tutto cui appartiene). Ciò significa anche che una parte può appartenere ad un solo tutto per volta. Tutto Finestra 1 Parte * Anta composition 25 Relationships Association qualifier Una association può avere un qualifier, cioè un attributo (o insieme di attributi) il cui valore partiziona un insieme di oggetti (detti targets) associati ad un altro oggetto (detto source). Il qualifier è attaccato alla source class di una association e determina come gli oggetti della class target sono partizionati e identificati Definisce la regola con cui associare gli oggetti nella relazione qualifier Dipartimento nomedip Professore 26 13

14 Relationships Association interface specifier Una association può avere un interface specifier, per specificare quale parte dell interfaccia di una classe è mostrata da questa, in una association, nei confronti di un altra classe della stessa association. intefafce spcifier worker : IEmployee Persona * 1 supervisor: IManager Persona nel ruolo di supervisor presenta solo la faccia IManager al worker; Persona nel ruolo di worker presenta solo la faccia IEmployee al supervisor. E utilizzata una notazione esplicita del tipo di ruolo usando la sintassi: rolename : iname 27 Relationships Association class Una association può essere caratterizzata da una association class, ovvero un gruppo di cartteristiche appartenenti alla relazione e che non sono proprie di nessuna classe coinvolta in questa. Ditta 1 1..* datorelavoro impiegato Persona Lavoro descrizione dataassunzione salario association class Possono essere viste come association con proprietà di class o class con proprietà di association 28 14

15 Associazioni riflessive Una associazione o aggregazione si dice riflessiva ( o ricorsiva) se coinvolge oggetti della stessa classe una associazione ricorsiva indica che più oggetti della stessa classe interagiscono e collaborano in qualche modo 29 Relationships Realization Una association può essere una realization, ovvero una relationship tra elementi in cui uno specifica un contratto che l altro garantisce di compiere. E un incrocio tra dependency e generalization; usata principalmente in due circostanze: contesto delle interface e delle collaboration. la freccia punta al classifier che definisce il contratto <<interface>> IruleAgent addrule() changerule() explainaction() realization RegolamentazioneConto 30 15

16 Interfaccia (Definizione) Specifica il comportamento di una classe senza darne l implementazione 31 Interfaccia (Uso) 32 16

17 Class diagrams Un class diagram rappresenta un insieme di class, interface, collaboration e le loro relationship specifica, mediante le association, i vincoli che legano tra loro le classi e le dipendenze tra queste modellano la vista di statica di un sistema, che supporta principalmente i requisiti funzionali del sistema se includono active class descrivono la vista statica di un processo di un sistema 33 Class diagrams Un class diagram è tipicamente usato per modellare: il dominio del sistema il glossario di un sistema sono prese decisioni relativamente alle astrazioni da considerare lo schema concettuale di un database Un class diagram possiede un nome significativo che comunica il suo scopo, può contenere note e costraints, package o subsystem

18 Class diagrams generalization (genitore- figlio) Libro cod_libro titolo data edizione ISDN data acquisizione richiesta( ) restituzione( ) create( ) Libro antico valore valorizza( ) 0..* 1..* 0..* pubblicato da relationship scritto da 0..* 1 0..* Editore ragione sociale nome breve indirizzo sede telefono variazione dati editore( ) Autore nome : type = initval cognome : type = initval anno nascita anno morte Utente variazione anagrafica( ) variazioneanagrafica( ) 35 Ditta * 1..* Dipartimento nome: Nome Location * * 1..* Ufficio indirizzo: String telefono: Number member * manager Persona nome: Nome matricola: Integer posizionelav: String getcontactinfo() getschedapersonale() getfoto() * 1..* 1 ContactInfo address: String SedeCentrale ISecureInfo 36 18

19 Class diagrams Un class diagram ben strutturato è incentrato sul comunicare un solo aspetto della vista dello static design contiene solamente gli elementi che sono essenziali a comprendere quell aspetto fornisce dettagli consistenti con il suo livello di astrazione, con solo quegli adornments che sono essenziali alla comprensione non è così minimalista da disinformare il lettore circa la reale semantica non possiede troppi tipi di relationships (se si hanno relationship complicate è meglio mettere tali elementi in un ulteriore diagramma di dettaglio) ha un lay out che ne facilita la lettura ed evidenzia i vari componenti ha un nome significativo possiede, eventualmente, note e colori per evidenziare aspetti particolari 37 Linee Guida per costruire un class diagram Obiettivo: identificare e caratterizzare gli elementi del modello a oggetti e come sono in relazione tra loro Non cercare di mettere tutto su un solo diagramma, specie per sistemi di grosse dimensioni Eventualmente disegnare un diagramma per ogni vista del sistema Ogni diagramma deve avere uno scopo: mostrare le classi e gli oggetti che partecipano in ogni singola collaborazione mostrare una tassonomia di generalizzazione mostrare la suddivisione delle partizioni logiche (packages) E possibile non mostrare attributi ed operazioni delle classi per migliorare la leggibilità del diagramma 38 19

20 Linee Guida per costruire un class diagram Identificare le classi di oggetti Preparare un dizionario dei dati Identificare le associazioni (incluse specializzazioni ed aggregazioni) tra classi Identificare gli attributi delle classi Identificare le operazioni L ordine non è rigido e sono possibili più iterazioni 39 Identificare le classi di oggetti Cosa cercare oggetti fisici, altri sistemi, dispositivi esterni, eventi da ricordare, ruoli, locazioni, unità organizzative Dove cercare conoscenza generale del problema, descrizioni testuali, figure Cosa considerare candidati aventi confini ben definiti e identità distinte candidati con proprietà da ricordare candidati che forniscono o richiedono servizi Scartare: candidati ridondanti, irrilevanti, o vaghi candidati che rappresentano singoli oggetti, o operazioni su oggetti, o ruoli in associazioni candidati legati alla realizzazione 40 20

21 Esempio: Problema del Bancomat Il sistema software da progettare per gestire una rete bancaria automatizzata prevede che i cassieri e gli sportelli automatici (Bancomat) siano condivisi da un consorzio di banche. Ogni banca fornisce il proprio computer per gestire i propri conti ed elaborare le transazioni su questi conti. I terminali dei cassieri sono posseduti dalle singole banche e comunicano direttamente con il computer della propria banca. I cassieri inseriscono dati su conti e transazioni. I Bancomat comunicano con un computer centrale che passa le transazioni alle banche appropriate. Un Bancomat accetta una scheda magnetica, interagisce con l utente, comunica con il sistema centrale per portare a termine la transazione, distribuisce il denaro, e stampa la ricevuta. Il sistema richiede appropriati provvedimenti per la registrazione e la sicurezza. Il sistema deve gestire correttamente accessi concorrenti allo stesso conto. Ogni banca fornirà il proprio software per il proprio computer; bisogna progettare il software per i Bancomat e per la rete. Il costo del sistema condiviso sarà distribuito proporzionalmente tra le banche secondo il numero di clienti con carta Bancomat. 41 Esempio: Identificare le classi di oggetti Classi selezionate Conto Bancomat Banca Scheda Cassiere Terminale del cassiere Cliente Transazione Classi scartate Vaghe» Sistema, Provvedimento di sicurezza» Provvedimento per la registrazione» Rete bancaria Singoli oggetti»consorzio Attributi» Dati del conto, Ricevuta, Contante» Dati della transazione Irrilevanti»Costo Realizzazione» Software 42 21

22 Preparare un dizionario dei dati Definire cosa la classe rappresenta nel contesto del problema Specificare quali sono le responsabilità della classe nel sistema Esempio Bancomat Conto Rappresenta un singolo conto di un cliente in una banca. Tutti gli accessi e le modifiche al conto della banca devono avvenire attraverso questa classe Transazione Remota Una richiesta integrale di operazioni sul conto effettuata dal cliente attraverso un Bancomat 43 Identificare le associazioni Cercare le dipendenze tra classi considerare le espressioni verbali nella descrizione del problema La relazione di aggregazione/composizione è un tipo speciale di associazione ( è parte di o si compone di ) Aggiungere i nomi alle associazioni o ai ruoli delle classi associate Specificare la molteplicità Scartare le associazioni: non rilevanti per il problema specifico troppo legate alla realizzazione derivabili da altre associazioni 44 22

23 Esempio: Identificare le associazioni 45 Identificare l ereditarietà Considerare solo classificazioni utili per il problema specifico Specializzazione E possibile raffinare una classe in sottoclassi con attributi e operazioni specifici? Generalizzazione E possibile identificare una superclasse che astrae attributi e operazioni comuni? Posizionare nella superclasse gli attributi e le operazioni comuni a tutte le sottoclassi 46 23

24 Esempio: Identificare l ereditarietà 47 Identificare gli attributi degli oggetti e dei legami Gli attributi necessari dipendono dal problema specifico In fase di analisi Si può non essere immediatamente esaustivi Si possono omettere attributi derivati attributi che descrivono stati interni alla classe 48 24

25 Esempio: Identificare gli attributi degli oggetti e dei legami 49 Identificare le operazioni Operazioni base (costruttore, selettore, distruttore) non è necessario esplicitarle nel diagramma; indicarle solo se utili nella comprensione del problema o se menzionate esplicitamente nella descrizione Altre operazioni Consultare gli scenari che descrivono i casi d uso Attribuire le funzionalità richieste alle classi identificate Considerare le operazioni che modificano lo stato degli oggetti Si può non essere immediatamente esaustivi 50 25

26 Esempio: Identificare le operazioni 51 Oggetti: Notazione grafica Un oggetto è un istanza di una classe Per rappresentare un oggetto si utilizza lo stesso simbolo usato per rappresentare le classi Il nome viene sottolineato per evidenziare che si tratta di un oggetto Analogamente a quanto accade per le classi è possibile decidere il livello di visibilita per attributi e valori 52 26

27 Object diagrams Un object diagram rappresenta un insieme di oggetti e le relazioni tra essi rappresentano una istanziazione di things di class diagrams rappresentano la vista statica di un sistema (o vista statica di un processo) ma dalla prospettiva di un caso reale, o prototipale 53 Object diagrams L:Libro cod_libro=xx111 Titolo= YYYYY data edizione=1/1/87 ISDN= data acquisizione=2/2/90 0..* pubblicato da 1 Ed:Editore ragione sociale=... nome breve=... indirizzo sede=... Telefono= * LA:Libro antico 0..* scritto da 0..* Aut: Autore nome =... cognome =... anno nascita=... anno morte=... Valore= * Utente 54 27

28 Classi: Implementazione Esiste una corrispondenza tra la rappresentazione UML di una classe e l implementazione con un linguaggio O-O (Es. Java) 55 Associazioni: Implementazione In generale non esiste un mapping diretto su un costrutto di un linguaggio di programmazione Possono essere implementate introducendo degli attributi ad hoc che contengono dei riferimenti (o puntatori) alle istanze delle classi associate Il riferimento a più istanze di una classe può essere modellato con liste, array, etc. Direzionalità In fase di implementazione si può decidere di codificarla solo in una delle due direzioni (con un puntatore), perdendo però così la possibilità di percorrere il link nella direzione opposta! 56 28

29 57 29

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it UML: Class Diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Class Diagram Forniscono una vista strutturale

Dettagli

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I Programmazione a Oggetti Lezione 3 Il linguaggio Java: aspetti generali e definizione di classi I Sommario Storia e Motivazioni Definizione di Classi Campi e Metodi Istanziazione di oggetti Introduzione

Dettagli

Informatica Industriale Modello funzionale: Informazione Progettazione concettuale

Informatica Industriale Modello funzionale: Informazione Progettazione concettuale DIIGA - Università Politecnica delle Marche A.A. 2006/2007 Informatica Industriale Modello funzionale: Informazione Progettazione concettuale Luca Spalazzi spalazzi@diiga.univpm.it www.diiga.univpm.it/~spalazzi/

Dettagli

Corso di Programmazione ad Oggetti

Corso di Programmazione ad Oggetti Corso di Programmazione ad Oggetti Introduzione alla programmazione ad oggetti a.a. 2008/2009 Claudio De Stefano 1 La programmazione modulare Un programma può essere visto come un insieme di moduli che

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI OGGETTI in C++

PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI OGGETTI in C++ PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI OGGETTI in C++ Classi ed oggetti. Classi derivate, ereditarietà e polimorfismo. Template Capitoli 12, 13, 14 Luis Joyannes Aguilar. Fondamenti di Programmazione in C++. Algoritmi,

Dettagli

P a s q u a l e t t i V e r o n i c a

P a s q u a l e t t i V e r o n i c a PHP: OOP Pasqualetti Veronica Oggetti Possiamo pensare ad un oggetto come ad un tipo di dato più complesso e personalizzato, non esistente fra i tipi tradizionali di PHP, ma creato da noi. 2 Gli oggetti

Dettagli

La fase di realizzazione. La fase di realizzazione (cont.) Traduzione in Java del diagramma degli use case

La fase di realizzazione. La fase di realizzazione (cont.) Traduzione in Java del diagramma degli use case Università degli Studi di Roma La Sapienza Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Sede di Latina Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Consorzio Nettuno La fase di realizzazione si occupa

Dettagli

Business Process Modeling and Notation e WebML

Business Process Modeling and Notation e WebML Business Process Modeling and Notation e WebML 24 Introduzione I Web Service e BPMN sono standard de facto per l interoperabilità in rete a servizio delle imprese moderne I Web Service sono utilizzati

Dettagli

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Lezione 1 Cosa è la Programmazione Orientata agli Oggetti Metodologia per costruire prodotti software di grosse dimensioni che siano affidabili e facilmente

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori Gli array Array e puntatori Laboratorio di Informatica I un array è un insieme di elementi (valori) avente le seguenti caratteristiche: - un array è ordinato: agli elementi dell array è assegnato un ordine

Dettagli

Abstract Data Type (ADT)

Abstract Data Type (ADT) Abstract Data Type Pag. 1/10 Abstract Data Type (ADT) Iniziamo la nostra trattazione presentando una nozione che ci accompagnerà lungo l intero corso di Laboratorio Algoritmi e Strutture Dati: il Tipo

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final

Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final romina.eramo@univaq.it http://www.di.univaq.it/romina.eramo/tlp Roadmap Definire una classe» Variabili membro» Metodi La parola chiave

Dettagli

! Programmazione strutturata ! TDA. ! Classi, incapsulamento, ! OO. ! Scambio messaggi, eredità, polimorfismo. ! OO in Java

! Programmazione strutturata ! TDA. ! Classi, incapsulamento, ! OO. ! Scambio messaggi, eredità, polimorfismo. ! OO in Java Riassunto Rassegna API - 1 Stefano Mizzaro Dipartimento di matematica e informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/mizzaro/ mizzaro@uniud.it Programmazione, lezione 17 3 maggio 2015! Programmazione

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

Classi ed Oggetti in JAVA

Classi ed Oggetti in JAVA Classi ed Oggetti in JAVA Dott. Ing. Leonardo Rigutini Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Siena Via Roma 56 53100 SIENA Uff. 0577233606 rigutini@dii.unisi.it www.dii.unisi.it/~rigutini/

Dettagli

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Algoritmi Algoritmi Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Il procedimento (chiamato algoritmo) è composto da passi elementari

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Manuale di installazione e d uso

Manuale di installazione e d uso Manuale di installazione e d uso 1 Indice Installazione del POS pag. 2 Funzionalità di Base - POS Sagem - Accesso Operatore pag. 2 - Leggere una Card/braccialetto Cliente con il lettore di prossimità TeliumPass

Dettagli

Progettazione Orientata agli Oggetti

Progettazione Orientata agli Oggetti Progettazione Orientata agli Oggetti Sviluppo del software Ciclo di vita del software: comprende tutte le attività dall analisi iniziale fino all obsolescenza (sviluppo, aggiornamento, manutenzione) Procedimento

Dettagli

Progettazione di un DB....in breve

Progettazione di un DB....in breve Progettazione di un DB...in breve Cosa significa progettare un DB Definirne struttura,caratteristiche e contenuto. Per farlo è opportuno seguire delle metodologie che permettono di ottenere prodotti di

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Progettazione di Database

Progettazione di Database Progettazione di Database Progettazione Concettuale: strutturazione della realtà che si vuole rappresentare secondo uno schema concettuale Dallo schema concettuale si ricava lo schema del database relazionale

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Algebra di Boole: Concetti di base Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Algebra di Boole E un algebra basata su tre operazioni logiche OR AND NOT Ed operandi che possono

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

Visibilità dei Membri di una Classe

Visibilità dei Membri di una Classe Visibilità dei Membri di una Classe Lezione 10 Ogni classe definisce un proprio scope racchiude il codice contenuto nella definizione della classe e di tutti i suoi membri ogni metodo della classe definisce

Dettagli

Concetto di Funzione e Procedura METODI in Java

Concetto di Funzione e Procedura METODI in Java Fondamenti di Informatica Concetto di Funzione e Procedura METODI in Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Metodi e Sottoprogrammi Mentre in Java tramite le classi e gli oggetti è possibile

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi I semestre 03/04 Inidirizzi IP e Nomi di Dominio Domain Name System Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

Software Emeris Communication Manager

Software Emeris Communication Manager ecm Software Emeris Communication Manager Manuale operativo Fantini Cosmi S.p.A. Via dell Osio 6 20090 Caleppio di Settala MI Tel 02.956821 - Fax 02.95307006 e-mail: info@fantinicosmi.it http://www.fantinicosmi.it

Dettagli

Analisi e progettazione orientate agli oggetti. Discorso sul metodo. Analisi e progettazione. Obiettivi della lezione

Analisi e progettazione orientate agli oggetti. Discorso sul metodo. Analisi e progettazione. Obiettivi della lezione Obiettivi della lezione Analisi e progettazione orientate agli oggetti Che cos è la progettazione? Un processo che anticipa un futuro artefatto mediante problem solving creativo Quali sono le regole di

Dettagli

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale Elementi di semantica denotazionale ed operazionale 1 Contenuti! sintassi astratta e domini sintattici " un frammento di linguaggio imperativo! semantica denotazionale " domini semantici: valori e stato

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Così come le macchine meccaniche trasformano

Così come le macchine meccaniche trasformano DENTRO LA SCATOLA Rubrica a cura di Fabio A. Schreiber Il Consiglio Scientifico della rivista ha pensato di attuare un iniziativa culturalmente utile presentando in ogni numero di Mondo Digitale un argomento

Dettagli

Elementi di UML (7): Diagrammi dei componenti e di deployment

Elementi di UML (7): Diagrammi dei componenti e di deployment Elementi di UML (7): Diagrammi dei componenti e di deployment Università degli Studi di Bologna Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Scienze di Internet Anno Accademico 2004-2005 Laboratorio

Dettagli

Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela

Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela Pagina 1 di 9 Indice generale 1 Accesso alla raccolta... 3 2 Il pannello di controllo della raccolta e attivazione delle maschere...

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Generalizzazione di funzioni e di classi. Macro come funzioni generiche

Generalizzazione di funzioni e di classi. Macro come funzioni generiche Alessio Bechini - Corso di - Generalizzazione di funzioni e di classi Il meccanismo di template Macro come funzioni generiche long longmax(long x, long y) { Possibile soluzione int intmax(int x, int y)

Dettagli

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux DNS (Domain Name System) Gruppo Linux Luca Sozio Matteo Giordano Vincenzo Sgaramella Enrico Palmerini DNS (Domain Name System) Ci sono due modi per identificare un host nella rete: - Attraverso un hostname

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni Funzioni Le funzioni Con il termine funzione si intende, in generale, un operatore che, applicato a un insieme di operandi, consente di calcolare un risultato, come avviene anche per una funzione matematica

Dettagli

Introduzione al VHDL. Alcuni concetti introduttivi

Introduzione al VHDL. Alcuni concetti introduttivi Introduzione al VHDL Alcuni concetti introduttivi Riferimenti The VHDL Cookbook, Peter J. Ashenden, Reperibile nel sito: http://vlsilab.polito.it/documents.html The VHDL Made Easy, David Pellerin, Douglas

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

Funzioni. Corso di Fondamenti di Informatica

Funzioni. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Funzioni Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti e dei

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN

2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche italiane e per le informazioni bibliografiche APPLICATIVO SBN-UNIX IN ARCHITETTURA CLIENT/SERVER 2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN Manuale d uso (Versione

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

MODELLO AD OGGETTI PER LE BASI DI DATI E ANALISI DI PRODOTTI COMMERCIALI. Luca Carnini. Tesina presentata per la discussione del diploma di laurea in

MODELLO AD OGGETTI PER LE BASI DI DATI E ANALISI DI PRODOTTI COMMERCIALI. Luca Carnini. Tesina presentata per la discussione del diploma di laurea in MODELLO AD OGGETTI PER LE BASI DI DATI E ANALISI DI PRODOTTI COMMERCIALI di Luca Carnini Tesina presentata per la discussione del diploma di laurea in Ingegneria informatica Politecnico di Milano sede

Dettagli

Pila.h versione 6. class Pila { private: int marker; int * contenuto; public:

Pila.h versione 6. class Pila { private: int marker; int * contenuto; public: 1 Pila.h versione 6 struct Pila { private: int size; int defaultgrowthsize; int marker; int * contenuto; void cresci(int increment); public: Pila(int initialsize) ; Pila(); ~Pila() ; void copy(pila * to)

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Ambienti di sviluppo integrato

Ambienti di sviluppo integrato Ambienti di sviluppo integrato Un ambiente di sviluppo integrato (IDE - Integrated Development Environment) è un ambiente software che assiste i programmatori nello sviluppo di programmi Esso è normalmente

Dettagli

Progettazione Logica

Progettazione Logica PROGETTAZIONE Ricordiamo le fasi della progettazione di una Base di Dati Progett. CONCETTUALE Progett. LOGICA Progett. FISICA Ci occuperemo adesso della progettazione logica R.Gori - G.Leoni BD Relazionali

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1)

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1) Strutture Strutture e Unioni DD cap.10 pp.379-391, 405-406 KP cap. 9 pp.361-379 Strutture Collezioni di variabili correlate (aggregati) sotto un unico nome Possono contenere variabili con diversi nomi

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0)

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0) Indice generale PREMESSA... 2 ACCESSO... 2 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 DATI DELLA SCUOLA... 6 UTENTI...7 LISTA UTENTI... 8 CREA NUOVO UTENTE...8 ABILITAZIONI UTENTE...9 ORARI D'ACCESSO... 11 DETTAGLIO UTENTE...

Dettagli

ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE

ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE Pag. 1 di 14 INDICE 1. Glossario... 3 2. il servizio SPCoop - Ricezione... 5 3. Il web-service RicezioneFatture... 8 3.1 Operazione RiceviFatture... 9 3.1.1

Dettagli

ALGORITMI 1 a Parte. di Ippolito Perlasca. Algoritmo:

ALGORITMI 1 a Parte. di Ippolito Perlasca. Algoritmo: ALGORITMI 1 a Parte di Ippolito Perlasca Algoritmo: Insieme di regole che forniscono una sequenza di operazioni atte a risolvere un particolare problema (De Mauro) Procedimento che consente di ottenere

Dettagli

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof.

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof. Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica Programmazione I - corso B a.a. 009-10 prof. Viviana Bono Blocco 9 Metodi statici: passaggio parametri, variabili locali, record

Dettagli

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Condizione di sincronizzazione Qualora si voglia realizzare una determinata politica di gestione delle risorse,la decisione se ad

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

Teoria degli insiemi

Teoria degli insiemi Teoria degli insiemi pag 1 Easy Matematica di dolfo Scimone Teoria degli insiemi Il concetto di insieme si assume come primitivo, cioè non riconducibile a concetti precedentemente definiti. Sinonimi di

Dettagli

Il linguaggio Java. Concetti base. I packages

Il linguaggio Java. Concetti base. I packages Il linguaggio Java I packages Concetti base Un package è una collezione di classi ed interfacce correlate che fornisce uno spazio dei nomi ed un controllo sugli accessi Un package facilita il reperimento

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

Programmazione Funzionale

Programmazione Funzionale Programmazione Funzionale LP imperativi: apparenza simile modello di progettazione = macchina fisica Famiglia dei LP imperativi = progressivo miglioramento del FORTRAN Obiezione: pesante aderenza dei LP

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Progettazione orientata agli oggetti

Progettazione orientata agli oggetti Progettazione orientata agli oggetti Obiettivi del capitolo Conoscere il ciclo di vita del software Imparare a individuare nuove classi e metodi Capire l utilizzo delle schede CRC per l identificazione

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

Dal modello concettuale al modello logico

Dal modello concettuale al modello logico Dal modello concettuale al modello logico Traduzione dal modello Entita - Associazione al modello Relazionale Ciclo di sviluppo di una base di dati (da parte dell utente) Analisi dello scenario Modello

Dettagli

Manipolazione di testi: espressioni regolari

Manipolazione di testi: espressioni regolari Manipolazione di testi: espressioni regolari Un meccanismo per specificare un pattern, che, di fatto, è la rappresentazione sintetica di un insieme (eventualmente infinito) di stringhe: il pattern viene

Dettagli

Sottoprogrammi: astrazione procedurale

Sottoprogrammi: astrazione procedurale Sottoprogrammi: astrazione procedurale Incapsulamento di un segmento di programma presente = false; j = 0; while ( (j

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

INDICE. 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3. 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10. 3. Come acquistare on line Pag. 14

INDICE. 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3. 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10. 3. Come acquistare on line Pag. 14 INDICE Carte Prepagate istruzioni per l uso 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10 3. Come acquistare on line Pag. 14 4. Come creare il 3D security Pag. 16 5. Collegamento

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

R.Focardi Laboratorio di Ingegneria del Software 6. 1

R.Focardi Laboratorio di Ingegneria del Software 6. 1 Networking Java permette comunicazioni in rete basate sul concetto di socket, che permette di vedere la comunicazione in termini di flusso (stream), in modo analogo all input-output di file, usando Stream

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main Paolo Torroni Dipartimento di Elettronica, Informatica e Sistemistica Università degli

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli