SEZIONE TRASVERSALE Elementi della sezione trasversale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SEZIONE TRASVERSALE Elementi della sezione trasversale"

Transcript

1 SEZIONE TRASVERSALE Elementi della sezione trasversale Art. 28. (art.18 Cod. Str.) Fasce di rispetto per l'edificazione nei centri abitati. Edificazioni Con strumenti urbanistici a) 30 m per le strade di tipo A; b) 20 m per le strade di tipo D. Senza strumenti urbanistici a) 30 m per le strade di tipo A; b) 20 m per le strade di tipo D ed E; c) 10 m per le strade di tipo F. Muri di recinzione a) m 3 per le strade di tipo A; b) m 2 per le strade di tipo D. Art. 26. (Art. 16 Cod. Str.) Fasce di rispetto fuori dai centri abitati. Edificazioni a) 60 m per le strade di tipo A; b) 40 m per le strade di tipo B; c) 30 m per le strade di tipo C; d) 20 m per le strade di tipo F, ad eccezione delle «strade vicinali» come definite dall'articolo 3, comma 1, n. 52 del codice; e) 10 m per le «strade vicinali» di tipo F. Fuori dai centri abitati nelle aree edificabili a) 30 m per le strade di tipo A; b) 20 m per le strade di tipo B; c) 10 m per le strade di tipo C. Muri di recinzione a) 5 m per le strade di tipo A, B; b) 3 m per le strade di tipo C, F Art.27. ( art. 17Cod. Str.) Fasce di rispetto nelle curve fuori dai centri abitati. R>250 m come in rettifilo R<250 corda congiungente i punti di tangenza, ovvero dalla linea, tracciata alla distanza dal confine stradale indicata dall'articolo 26 in base al tipo di strada 1

2 SEZIONE TRASVERSALE Corpo stradale - in rilevato - in trincea - a mezza costa - Opera d arte (ponti, viadotti e gallerie) 2

3 SEZIONE TRASVERSALE Corpo stradale - in rilevato - in trincea - a mezza costa - Opera d arte (ponti, viadotti e gallerie) 3

4 SEZIONE TRASVERSALE Corpo stradale - in rilevato - in trincea - a mezza costa - Opera d arte Corpo stradale - in rilevato - in trincea - a mezza costa - Opera d arte 4

5 SEZIONE TRASVERSALE Corpo stradale - in rilevato - in trincea - a mezza costa - Opera d arte (ponti viadotti, gallerie) 5

6 LE DIMENSIONI DEGLI ELEMENTI CHE COMPONGONO LA SEZIONE TRASVERSALE DELLA STRADA E LA LORO COMPOSIZIONE SONO INFLUENZATE DA: FATTORI RELATIVI ALLA FUNZIONE SVOLTA NELL AMBITO DELLA RETE FATTORI RELATIVI AL TRAFFICO: volumi di traffico, dimensioni veicoli, componenti di traffico (p.e. presenza di pedoni o ciclisti); FATTORI LEGATI ALLA STRADA : tracciato planimetrico, funzione delle corsie, arredo funzionale, procedure di esecuzione dei lavori di costruzione e soprattutto di manutenzione; FATTORI COMPORTAMENTALI: comportamento dei guidatori riguardo a velocità e posizione rispetto al bordo laterale, percezione generale dello spazio stradale; FATTORI RELATIVI ALLA SICUREZZA DELLA CIRCOLAZIONE: tassi di incidentalità e mortalità, costo degli incidenti; FATTORI RELATIVI ALL ESERCIZIO: livello di servizio della strada, capacità, tempo perso dagli utenti (p.e. in concomitanza di eventi critici come incidenti); FATTORI RELATIVI AI COSTI: costi di costruzione, manutenzione, costi legati all incidentalità, e all esercizio (p.e. facilità di esecuzione di operazioni di manutenzione); 6

7 SEZIONE TRASVERSALE ELEMENTI DELLA PIATTAFORMA STRADALE E DEI MARGINI 7

8 SEZIONE TRASVERSALE FATTORI RELATIVI AL COMPORTAMENTO UTENTI ED ALLE VELOCITA - INGOMBRO DINAMICO VEICOLI 8

9 SEZIONE TRASVERSALE FATTORI RELATIVI AL CONFORT ED AL COMPORTAMENTO DEGLI UTENTI Tipo di Vmax a min. a min. Corsia Banchina Distanza ciglio a min Strada [km/h] Vis. Dist [ ] d =5*10-3 [m] d =3*10-3 [m] [m] [m] [m] A B C C F1 extr F2 extr

10 SEZIONE TRASVERSALE FATTO RI RELATIVI AL CONFORT ED AL COMPORTAMENTO DEGLI UTENTI Per raggiungere i valori max dell intervallo di velocità di progetto prescelto Piattaforma di larghezza > 8 m 10

11 SEZIONE TRASVERSALE FATTO RI RELATIVI ALLA SICUREZZA 11

12 SEZIONE TRASVERSALE FATTO RI RELATIVI ALLA SICUREZZA Dimensione delle Corsie [m] 12

13 SEZIONE TRASVERSALE FATTO RI RELATIVI ALLA SICUREZZA 13

14 SEZIONE TRASVERSALE FATTORI RELATIVI ALLA SICUREZZA Incidenti /ml veic. km morti /ml veic. km feriti /ml veic. km Strade tipo IV Totale km valori analizzati medi= L m Dev. St. = Strade tra tipo Totale km valori IV e tipo V analizzati medi= > L > Dev. St. = Strade tipo V Totale km valori analizzati medi= L Dev. St. =

15 SEZIONE TRASVERSALE FATTO RI RELATIVI ALLA SICUREZZA 15

16 SEZIONE TRASVERSALE NORMA Sulle Caratteristiche Geometriche e Funzionali delle Strade D.M 5/11/2001 LARGHEZZA CORSIE [m] 16 Valori unici per alcuni elementi CORSIE Valori minimi per banchine e spartitraffico

17 SEZIONE TRASVERSALE NORMA Sulle Caratteristiche Geometriche e Funzionali delle Strade D.M 5/11/

18 SEZIONE TRASVERSALE Allargamento in curva È possibile ridurre K se è bassa la probabilità di incrocio di 2 veicoli commerciali Norme CNR 1980: K=15 % veic. comm<15% K=30 % 15%<veic. comm<30% 18

19 SEZIONE TRASVERSALE W=K/R [m] R = raggio esterno corsia R>40 m W 0.20 m nessun allargamento Allargamento in curva Strade unica carreggiata R asse strada Strade doppia carreggiata R asse carreggiata 19

20 SEZIONE TRASVERSALE Allargamento in curva 20

21 SEZIONE TRASVERSALE Allargamento in curva 21

22 SEZIONE TRASVERSALE Allargamento in curva 22

23 SEZIONE TRASVERSALE NORMA Sulle Caratteristiche Geometriche e Funzionali delle Strade BANCHINE OGNI 1000 su ciscun lato D.M 5/11/

24 SEZIONE TRASVERSALE PENDENZA TRASVERSALE Pendenza funzione del raggio di curva: q min =2.5 % (rettifilo o R>2500m) q max =7.00 % da R* a Rmin (strade extraurbane) q max =5.00 % da R* a Rmin (strade Urbane di scorrimento) q max =3.50 % da R* a Rmin (strade Urbane quartiere e locali) 24

25 SEZIONE TRASVERSALE VARIAZIONE DI PENDENZA Avviene lungo le curve di transizione clotoidiche Viene rappresentata attraverso il profilo dei cigli 25

26 SEZIONE TRASVERSALE Limitazione relative alla rotazione della sezione Limitare velocità di rotazione Limitare lunghezza tratto con pendenza trasversale < 2.5% Comunque 26

27 SEZIONE TRASVERSALE PENDENZA TRASVERSALE 27

28 SEZIONE TRASVERSALE NORMA - Sulle Caratteristiche Geometriche e Funzionali delle Strade - D.M 5/11/2001 MARGINE ESTERNO CIGLI CUNETTE ARGINELLI DISPOSITIVI DI RITENUTA MARCIAPIEDI PISTE CICLABILI ARREDI URBANI 28

29 SEZIONE TRASVERSALE NORMA - Sulle Caratteristiche Geometriche e Funzionali delle Strade - D.M 5/11/2001 MARGINE ESTERNO CIGLI CUNETTE ARGINELLI DISPOSITIVI DI RITENUTA MARCIAPIEDI PISTE CICLABILI ARREDI URBANI ELEMENTO DENOMINAZIONE STRADA DIMENSIONE s striscia di delimitazione A - B C- D - E F 0,25 m 0,15 m 0,12 m m bordo carreggiata tutte 0,30 m ic pendenza trasversale carreggiata in rettifilo tutte 2,5 % 2,5 % in curva ib pendenza trasversale Tutte = ic banchina cr ciglio o arginello in rilevato A -B-C-D E - F 0,75 m 0,50 m d raccordo ove previsto 1,00 m cs ciglio in scavo ove previsto come cr ia pendenza trasversale tutte 4 % cr e cs lc larghezza cunetta tutte 0,80 m pc profondità cunetta tutte vedi figure b/c b banchina vedi Tab. 3.4.a al Cap. 3 29

30 SEZIONE TRASVERSALE NORMA - Sulle Caratteristiche Geometriche e Funzionali delle Strade - D.M 5/11/2001 MARGINE ESTERNO DISPOSITIVI DI RITENUTA MARCIAPIEDI PISTE CICLABILI ARREDI URBANI Q = D * V = 1 [ped/sec] = 3600 [ped / h m] D= 1 [ped /mq ] V= 1[m/sec] (meglio 0.75 m/sec) Vp<70 km/h Vp>70 km/h 30

31 SEZIONE TRASVERSALE MARGINE ESTERNO PISTE CICLABILI ARREDI URBANI LARGHEZZA 1.50 m senso unico 2.50 m doppio senso DECRETO MINISTERIALE 30 novembre 1999, n. 557 Pendenze Trasversali q=2%. 31

32 SEZIONE TRASVERSALE MARGINE ESTERNO PISTE CICLABILI ARREDI URBANI DECRETO MINISTERIALE 30 novembre 1999, n. 557 Velocità di progetto 25 km/h in piano e 40 km/ h su pendenze > 5% Distanze di visibilità per l arresto t p =1sec (ambito urbano) e t p =2.5sec (ambito extraurbano) Aderenza f<0.35 Raggi planimetrici minimi > 5 m Pendenze livellette i<5% (10% negli attraversamenti) 32

33 SEZIONE TRASVERSALE NORMA - Sulle Caratteristiche Geometriche e Funzionali delle Strade - D.M 5/11/2001 MARGINE ESTERNO PISTE CICLABILI ARREDI URBANI 33

34 SEZIONE TRASVERSALE FUNZIONE DELLA STRADA E CATEGORIE DI TRAFFICO 34

35 SEZIONE TRASVERSALE NORMA - Sulle Caratteristiche Geometriche e Funzionali delle Strade - D.M 5/11/2001 SEZIONI PARTICOLARI OPERE DISCAVALCAMENTO GALLERIE SOTTOVIA / SOTTOPASSI (L<20m) I piedritti dei ponti ubicati a distanza 5,0 m dalla sede stradale, dovranno essere protetti contro il pericolo di urti di veicoli stradali. Per distanze <6m forze di urto (par Norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M. 14 gennaio 2008) 36

36 SEZIONE TRASVERSALE Gallerie 37

37 SEZIONE TRASVERSALE Gallerie 38

38 SEZIONE TRASVERSALE Gallerie 39

39 SEZIONE TRASVERSALE Gallerie 40

40 SEZIONE TRASVERSALE Gallerie L int (Norme UNI 10439) 43

41 SEZIONE TRASVERSALE Gallerie 46

42 SEZIONE TRASVERSALE VENTILAZIONE LONGITUDINALE Gallerie 47

43 SEZIONE TRASVERSALE VENTILAZIONE TRASVERSALE Gallerie 48

44 SEZIONE TRASVERSALE VENTILAZIONE SEMI-TRASVERSALE Gallerie 49

45 SEZIONE TRASVERSALE Gallerie 50

46 SICUREZZA SICUREZZA STRADALE RIDUZIONE NUMERO INCIDENTI SICUREZZA ATTIVA RIDUZIONE GRAVITA INCIDENTI SICUREZZA PASSIVA Educazione stradale, Controllo, Progettazione corretta, Ecc. Cinture di sicurezza, Casco, Barriere di sicurezza, Ecc. 1

47 BARRIERE DI SICUREZZA FINALITÀ Le barriere di sicurezza e gli altri dispositivi di ritenuta stradali sono posti in opera essenzialmente al fine di realizzare accettabili condizioni di sicurezza per gli utenti della strade per i terzi esterni,eventualmente presenti garantendo entro certi limiti il contenimento dei veicoli che dovessero tendere alla fuoriuscita dalla carreggiata stradale LE BARRIERE DEVONO QUINDI ESSERE IDONEE AD ASSORBIRE PARTE DELL ENERGIA DI CUI È DOTATO IL VEICOLO IN MOVIMENTO, LIMITANDO CONTEMPORANEAMENTE GLI EFFETTI D URTO SUI PASSEGGERI 2

48 BARRIERE DI SICUREZZA NORMATIVA ISTRUZIONI TECNICHE SULLA OMOLOGAZIONE ED IMPIEGO DELLE BARRIERE DI SICUREZZA STRADALI OBBLIGO DI ISTALLARE SOLO BARRIERE OMOLOGATE D.M. n. 223 del 18/02/1992 D.M. 15 ottobre 1996 D.M. 3 giugno 1998 D.M. 11 giugno 1999 D.M. 21 giugno 2004 D.M. n.223 Installazione di barriere omologate dal 18/08/1992 D.M. 3/6/ /12/1999 D.M. 11/6/ /6/2001 D.M. 11/6/ /6/2001 D.M. 2/8/2001 2/8/2002 Solo H4 bordo ponte, H3 spartitraffico, H3 bordo ponte, H2 bordo ponte, H2 spartitraffico, N2 bordo laterale, N2 spartitraffico, N1 bordo laterale. D.M. 23/12/ /12/2003 3

49 BARRIERE DI SICUREZZA BARRIERE DI SICUREZZA PER VEICOLI PER PEDONI Parapetti per pedoni Guardrails per pedoni PROVE DI OMOLOGAZIONE NORME UNI EN 1317 BARRIERE DI SICUREZZA PER PEDONI comprendenti i parapetti (ponti o cime di muri) e i guardrail per pedoni (lungo il margine di un sentiero o un marciapiede al fine di impedire a pedoni e altri utenti di attraversare o di scendere su una strada o altre zone che potrebbero essere pericolose). 4

50 BARRIERE DI SICUREZZA PER VEICOLI CLASSIFICAZIONE UBICAZIONE BARRIERE CENTRALI DA SPARTITRAFFICO BARRIERE LATERALI, IN RILEVATO O SCAVO BARRIERE PER OPERE D ARTE BARRIERE O DISPOSITIVI PER PUNTI SINGOLARI (barriere chiusura varchi, attenuatori d urto, letti di arresto, terminali speciali, dispositivi per zone di approccio ad opere d arte dispositivi per zone di transizione esimili) LIVELLO DI CONTENIMENTO Contenimento con angolo d urto basso: T1, T2, T3 Contenimento normale: N1, N2 Contenimento più elevato: H1, H2, H3 Contenimento più elevato: H1, H2, H3 Contenimento molto elevato: H4a e H4b 5

51 BARRIERE DI SICUREZZA CLASSIFICAZIONE BARRIERE O DISPOSITIVI PER PUNTI SINGOLARI ATTENUATORI D URTO sono dispositivi di assorbimento dell energia dei veicoli installati davanti ad oggetti rigidi per ridurre la severità dell urto. TERMINALI rappresentano gli elementi iniziali o finali di una barriera di sicurezza longitudinale, dotati di capacità di contenimento graduale dei veicoli, da zero, all origine, fino alle prestazioni complete, nel punto in cui si uniscono alla barriera; la loro origine, per quanto possibile non deve essere esposta al traffico, in caso contrario deve avere caratteristiche di deformabilità tali da limitare la severità di urti frontali. TRANSIZIONI sono barriere di connessione di due barriere di sicurezza di tipo e/o prestazioni diverse, in grado di garantire un cambiamento graduale delle caratteristiche. 6

52 BARRIERE DI SICUREZZA CLASSIFICAZIONE Norma europea EN 1317 parti 1, 2, 3,4 FINALITÀ Minimizzare i danni per gli occupanti e i terzi evitando la fuoriuscita Evitare fuoriuscita Minimizzare danni occupanti a x,a y ea z sono le componenti dell accelerazione mediate su un intervallo mobile δ di 50 ms, da misurare nel baricentro del veicolo di prova con tolleranza di ± 5 centimetri per l asse x (longitudinale) e ± 3 centimetri per gli assi y (trasversale) e z (verticale). T.H.I.V. (indice di velocità teorica d urto della testa) P.H.D. (Indice di decelerazione della testa dopo l urto) VALORI MISURATI IN PROVE D URTO Lc con veicolo commerciale e ASI con autovettura di massa = 900 kg 7

53 BARRIERE DI SICUREZZA CLASSIFICAZIONE Norma europea EN 1317 parti 1, 2, 3,4 8

54 BARRIERE DI SICUREZZA CLASSIFICAZIONE VALORI MISURATI IN PROVE D URTO Norma europea EN 1317 parti 1, 2, 3,4 Massima energia d urto 9

55 BARRIERE DI SICUREZZA CLASSIFICAZIONE Norma europea EN 1317 parti 1, 2, 3,4 VALORI MISURATI IN PROVE D URTO Massimo valore dell accelerazione (danno occupanti veicolo) 11

56 BARRIERE DI SICUREZZA CLASSIFICAZIONE BARRIERE LATERALI SPARTITRAFFICO Tipo a), b) e c) ATTENUATORI D URTO 13

57 BARRIERE DI SICUREZZA CLASSIFICAZIONE BARRIERE LATERALI SPARTITRAFFICO Tipo a), b) e c) CONDIZIONI DI PROVA PREVISTE NELLA NORMA UNI EN Prova Velocità Angolo Massa totale Tipo di veicolo d urto km/h d urto gradi del veicolo kg TB Automobile TB Automobile TB Automobile TB Automobile TB Automobile TB Autocarro rigido TB Autocarro rigido TB Autobus TB Autocarro rigido TB Autocarro rigido TB Autocarro articolato 14

58 BARRIERE DI SICUREZZA CLASSIFICAZIONE CONDIZIONI DI PROVA PREVISTE NELLA NORMA UNI EN Livelli di contenimento Prova di accettazione Contenimento con angolo d urto basso T1 T2 T3 Contenimento normale N1 N2 Livelli di contenimento Prova di accettazione TB 21 TB 22 TB 41 e TB 21 TB 31 TB 32 e TB 11 Velocità [km/h] Angolo impatto Massa [kg] Contenimento più elevato H1 TB 42 e TB H2 TB 51 e TB H3 TB 61 e TB Contenimento molto elevato H4a H4b TB 71 e TB 11 TB 81 e TB Nota 1 - I livelli di contenimento con angolo basso sono destinati per l uso esclusivamente di barriere di sicurezza temporanee. Le barriere di sicurezza temporanee possono essere sottoposte a prova anche per livelli di contenimento più elevati. Nota 2 - Se un installazione è stata sottoposta a prova con esito positivo a un dato livello di contenimento, si suppone che abbia soddisfatto le condizioni di prova di un livello minore eccezione fatta per N1 e N2 che non comprendono T3. Nota 3 - Poiché nei diversi Paesi le prove e lo sviluppo di barriere di sicurezza a contenimento molto elevato sono state effettuate usando tipi di veicoli pesanti molto diversi, sia le prove TB 71 che TB 81 sono attualmente comprese nella norma. I due livelli di contenimento H4a e H4b non dovrebbero essere considerati equivalenti e fra essi non vi è una gerarchia. 15

59 BARRIERE DI SICUREZZA GRANDEZZE ASSOCIATE AD OGNI TIPO DI BARRIERA RELATIVE ALLA DEFORMAZIONE DEL SISTEMA DI CONTENIMENTO LARGHEZZA DI LAVORO W La distanza tra la posizione iniziale del frontale del sistema di contenimento e la massima posizione dinamica laterale di qualsiasi componente principale del sistema DEFLESSIONE DINAMICA Dn Il massimo spostamento dinamico trasversale del frontale del sistema di contenimento INTRUSIONE DEL VEICOLO Vlm La distanza tra la posizione iniziale del sistema indeformato e la massima posizione dinamica del veicolo. 16

60 BARRIERE DI SICUREZZA GRANDEZZE ASSOCIATE AD OGNI TIPO DI BARRIERA LARGHEZZA DI LAVORO W La distanza tra la posizione iniziale del frontale del sistema di contenimento e la massima posizione dinamica laterale di qualsiasi componente principale del sistema DEFLESSIONE DINAMICA Dn Il massimo spostamento dinamico trasversale del frontale del sistema di contenimento 17

61 BARRIERE DI SICUREZZA GRANDEZZE ASSOCIATE AD OGNI TIPO DI BARRIERA INTRUSIONE DEL VEICOLO Vlm La distanza tra la posizione iniziale del sistema indeformato e la massima posizione dinamica del veicolo. W= LARGHEZZA DI LAVORO Dn= DEFLESSIONE DINAMICA Vlm=INTRUSIONE DEL VEICOLO 18

62 BARRIERE DI SICUREZZA CLASSIFICAZIONE CLASSIFICAZIONE IN BASE ALLA LARGHEZZA UTILE Larghezza di Lavoro Elemento per la corretta ubicazione della barriere di sicurezza 19

63 BARRIERE DI SICUREZZA CLASSIFICAZIONE CLASSIFICAZIONE IN BASE ALLA LARGHEZZA DI INTRUSIONE Larghezza di Intrusione Elemento per la corretta ubicazione della barriere di sicurezza 20

64 BARRIERE DI SICUREZZA CLASSIFICAZIONE Attenuatori Urto CLASSIFICAZIONE IN BASE ALLO SPOSTAMENTO LATERALE Test tipo 3 21

65 BARRIERE DI SICUREZZA ESEMPI DI BARRIERE COSTITUISCONO SICURAMENTE OSTACOLO PER LA VSIBIILITA 22

66 BARRIERE DI SICUREZZA ESEMPI DI BARRIERE 23

67 BARRIERE DI SICUREZZA ESEMPI DI BARRIERE 24

68 BARRIERE DI SICUREZZA ESEMPI DI BARRIERE 25

69 BARRIERE DI SICUREZZA BARRIERE OMOLOGATE ELENCO PUBBLICATO SUL SITO DEL MINISTERO: Denominazione Barriera Certificato di omologazione ai sensi del D.M Numero Data Destinazione Classe di contenimento T /06/2005 Bordo Laterale H2 B Livello di severità d'urto Materiale acciaio e legno 3n /07/2005 Bordo Laterale H3 A acciaio Ditta Le Bois De Tertu Società Metalmeccanica Fracasso S.p.a* 3n /1 17/05/2006 Bordo Laterale H2 A acciaio Società Metalmeccanica Fracasso S.p.a* LEONESSA 83 31/01/2006 Bordo Laterale H2 A acciaio S.C.T s.r.l HE 120 B 84 31/03/2006 Spartitraffico H4b B acciaio società SINA LEONESSA 85 05/05/2006 Bordo Ponte H2 A acciaio e legno S.C.T s.r.l Woodrail 90 14/12/2006 Bordo Laterale H2 B acciaio e legno Deflorian s.n.c 3n /12/2006 opera d'arte H2 B acciaio Società Metalmeccanica Fracasso S.p.a* CAR/H1/BL 93 22/12/2006 Bordo Laterale H1 A acciaio CAR/H3/BL 94 22/12/2006 Bordo Laterale H3 A acciaio CAR/H3/SP/PL 95 22/12/2006 Spartitraffico H3 A acciaio CAR/H2/BL 97 10/01/2007 Bordo Laterale H2 A acciaio Società CAR Segnaletica Stradale s.r.l Società CAR Segnaletica Stradale s.r.l Società CAR Segnaletica Stradale s.r.l Società CAR Segnaletica Stradale s.r.l 3n *** 16/01/2007 Bordo Laterale H2 A acciaio Società Metalmeccanica Fracasso S.p.a* ABESCA E T /02/2007 Bordo Laterale H2 B calcestruzzo Abesca Europe s.r.l. 26

70 BARRIERE DI SICUREZZA CRITERI DI SCELTA TIPO DI STRADA Autostrade ( A ) e Strade Extraurbane principali ( C ), Strade extraurbane Secondarie ( C ) e Strade Urbane di Scorrimento ( D ) Strade Urbane di Quartiere (F), Strade Locali ( F ) TIPO DI TRAFFICO COLLOCAZIONE Bordo laterale Spartitraffico Bordo ponte Punti singolari (chiusura varchi, terminali speciali, zone di approccio ad opere d'arte, zone di transizione e simili) 27

71 BARRIERE DI SICUREZZA CRITERI DI SCELTA (D.M del 21/06/2004) 28

72 ZONE DA PROTEGGERE BARRIERE DI SICUREZZA Secondo la Norma (D.M. n del 21/06/2004) 29

73 BARRIERE DI SICUREZZA ZONE DA PROTEGGERE RIFERIMENTO ALLA GUIDA AASHTO ROADSIDE DESIGN GUIDE 30

74 BARRIERE DI SICUREZZA ZONE DA PROTEGGERE RIFERIMENTO ALLA GUIDA AASHTO ROADSIDE DESIGN GUIDE 31

75 ZONE DA PROTEGGERE BARRIERE DI SICUREZZA RIFERIMENTO ALLA GUIDA AASHTO ROADSIDE DESIGN GUIDE 32

76 ZONE DA PROTEGGERE BARRIERE DI SICUREZZA RIFERIMENTO ALLA GUIDA AASHTO ROADSIDE DESIGN GUIDE 33

77 BARRIERE DI SICUREZZA art. 2 del D.M. 223/92 cogente dal (vedi art. 3, comma 2, del D.M. 3 giugno 98) I PROGETTI ESECUTIVI RELATIVI ALLE STRADE PUBBLICHE EXTRAURBANE ED A QUELLE URBANE CON VELOCITÀ DI PROGETTO >70 km/h DEVONO COMPRENDERE UN APPOSITO ALLEGATO PROGETTUALE COMPLETO DI RELAZIONE MOTIVATA SULLE SCELTE REDATTO DA UN INGEGNERE il progettista dovrà curare con specifici disegni esecutivi e relazioni di calcolo l adattamento dei singoli dispositivi omologati o per i quali siano stati redatti rapporti di prova, alla sede stradale, con riferimento ai terreni di supporto, ai sistemi di fondazione, allo smaltimento delle acque, alle zone di approccio e di transizione. 34

78 BARRIERE DI SICUREZZA art. 2 del D.M. 223/92 cogente dal (vedi art. 3, comma 2, del D.M. 3 giugno 98) I PROGETTI ESECUTIVI RELATIVI ALLE STRADE PUBBLICHE EXTRAURBANE ED A QUELLE URBANE CON VELOCITÀ DI PROGETTO >70 km/h DEVONO COMPRENDERE UN APPOSITO ALLEGATO PROGETTUALE COMPLETO DI RELAZIONE MOTIVATA SULLE SCELTE REDATTO DA UN INGEGNERE TIPI DI BARRIERE DI SICUREZZA DA ADOTTARE UBICAZIONE (zone da proteggere) OPERE COMPLEMENTARI CONNESSE (FONDAZIONI, SUPPORTI, DISPOSITIVI DI SMALTIMENTO DELLE ACQUE, ACC.) VERIFICA DEL POSSIBILE CORRETTO FUNZIONAMENTO DELLE STESSE 35

79 BARRIERE DI SICUREZZA PROGETTO - ELABORATO BARRIERE 37

80 BARRIERE DI SICUREZZA PROGETTO ATTENZIONE ALLE ZONE DI TRANSIZIONE 40

81 BARRIERE DI SICUREZZA PROGETTO - CORRETTA UBICAZIONE DISTANZA DAGLI OSTACOLI > DELLA LARGHEZZA UTILE 41

82 BARRIERE DI SICUREZZA PROGETTO CORRETTA INSTALLAZIONE Adeguata distanza dal ciglio della scarpata per un corretto ancoraggio del sostegno 42

Barriere di Sicurezza Stradali

Barriere di Sicurezza Stradali Barriere di Sicurezza Stradali Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 1 Interventi di sicurezza attiva Obiettivo : raggiungere elevati standard di sicurezza Def. Sicurezza attiva:

Dettagli

BARRIERE DI SICUREZZA... 1 SEGNALETICA STRADALE... 8 BIBLIOGRAFIA...

BARRIERE DI SICUREZZA... 1 SEGNALETICA STRADALE... 8 BIBLIOGRAFIA... INDICE BARRIERE DI SICUREZZA... 1 SEGNALETICA STRADALE... 8 BIBLIOGRAFIA... 10 I BARRIERE DI SICUREZZA CONSIDERAZIONI GENERALI La normativa vigente (D.M. 18/02/1992, n. 223 e successivo D.M. 24/06/2004,

Dettagli

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione generale del moto

Dettagli

Tavola riassuntiva tipologie

Tavola riassuntiva tipologie Tavola riassuntiva tipologie BORDO STRADA Classe Tipologia Caratteristiche Certificazioni H4b DWG: 050-001/01 Peso: 7,99 kg/m Acciaio: S235JR Zincatura EN.ISO141 Interasse pali: 1500 mm LIER, BSI-22/375

Dettagli

Unifonne applicazione delle nonne in materia di progettazione, omologazione e impiego dei dispositivi di ritenuta nelle costruzioni stradali.

Unifonne applicazione delle nonne in materia di progettazione, omologazione e impiego dei dispositivi di ritenuta nelle costruzioni stradali. " /,. DIPARTL\1E~TO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE E I SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIO}.;E GENERALE PER LA SICUREZZA STRADALE Via G. Caraci, 36-00157 Roma M_TRA-DIPT -hp Trasporti Navigazione

Dettagli

dott. ing. Francesca Maltinti - "Costruzione di Strade, ferrovie ed Aeroporti 1" AA 2012-2013 1 SISTEMI DI RITENUTA STRADALI

dott. ing. Francesca Maltinti - Costruzione di Strade, ferrovie ed Aeroporti 1 AA 2012-2013 1 SISTEMI DI RITENUTA STRADALI dott. ing. Francesca Maltinti - "Costruzione di Strade, ferrovie ed Aeroporti 1" AA 2012-2013 1 SISTEMI DI RITENUTA STRADALI dott. ing. Francesca Maltinti - "Costruzione di Strade, ferrovie ed Aeroporti

Dettagli

APG AREA PROGETTO GENOVA SCHEDA DESCRITTIVA PROGETTO

APG AREA PROGETTO GENOVA SCHEDA DESCRITTIVA PROGETTO APG AREA PROGETTO GENOVA SCHEDA DESCRITTIVA PROGETTO INDICE 1 NODO STRADALE ED AUTOSTRADALE DI GENOVA Adeguamento del Nodo di San Benigno... 3 1.1 Descrizione progetto... 3 1.2 Opere d arte... 9 1 NODO

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2010-2011 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE

ANNO ACCADEMICO 2010-2011 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE ANNO ACCADEMICO 2010-2011 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI STRADE FERROVIE AEROPORTI Studente: Gaetano Passaro Matricola: 278723 ANNO ACCADEMICO 2010-2011 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE

Dettagli

7 ACCESSI E DIRAMAZIONI

7 ACCESSI E DIRAMAZIONI 7 ACCESSI E DIRAMAZIONI 7.1 - ACCESSI E DIRAMAZIONI. DEFINIZIONI E TIPOLOGIA Tra i diversi fattori che possono influire sulle prestazioni, in termini di sicurezza e di funzionalità, di una strada, occupano

Dettagli

ACS ACAI Servizi S.r.l. La protezione dei margini stradali

ACS ACAI Servizi S.r.l. La protezione dei margini stradali ACS ACAI Servizi S.r.l Copywright 2011 ACS ACAI Servizi srl La protezione dei margini stradali - Estratto del documento completo - Prof. Ing. Mariano PERNETTI INTRODUZIONE 1 1 - INCIDENTI PER FUORIUSCITA

Dettagli

B.4 ANALISI DI SICUREZZA DI UNA STRADA ESISTENTE IN

B.4 ANALISI DI SICUREZZA DI UNA STRADA ESISTENTE IN B.4 ANALISI DI SICUREZZA DI UNA STRADA ESISTENTE IN AMBITO EXTRAURBANO B.4.1 INTRODUZIONE 1. Questo rapporto descrive un analisi di sicurezza di fase 5 condotta su una strada in esercizio (SS xx Km 78-90).

Dettagli

PROVINCIA di CHIETI. Settore 6 Manutenzione e Progettazione Stradale

PROVINCIA di CHIETI. Settore 6 Manutenzione e Progettazione Stradale PROVINCIA di CHIETI Settore 6 Manutenzione e Progettazione Stradale LAVORI DI: ADEGUAMENTO E RIFACIMENTO DELLE BARRIERE METALLICHE NEL CHIETINO 1 E 2 Distretto della viabilità provinciale PROGETTO ESECUTIVO

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Civile Corso di Laboratorio di Strade, Ferrovie ed Aeroporti

Corso di Laurea in Ingegneria Civile Corso di Laboratorio di Strade, Ferrovie ed Aeroporti Corso di Laurea in Ingegneria Civile Corso di Laboratorio di Strade, Ferrovie ed Aeroporti anno accademico 2012-13 Progetto di una Strada tipo??? Relazione Allievi F. Crispi L. Enaudi?????? Docente: Prof.

Dettagli

www.digicorpingegneria.com

www.digicorpingegneria.com DM 21 06 2004 Istruzioni tecniche per la progettazione, l'omologazione e l'impiego dei dispositivi di ritenuta nelle costruzioni stradali Circolare 25 08 2004 Direttiva sui criteri di progettazione, installazione,

Dettagli

FORNITURA DI BARRIERE METALLICHE DI SICUREZZA E PROTEZIONI MARGINALI ANNO 2008 RELAZIONE TECNICA

FORNITURA DI BARRIERE METALLICHE DI SICUREZZA E PROTEZIONI MARGINALI ANNO 2008 RELAZIONE TECNICA AREA VIABILITA - SERVIZIO ESERCIZIO VIABILITA www.proincia.torino.it FORNITURA DI BARRIERE METALLICHE DI SICUREZZA E PROTEZIONI MARGINALI ANNO 2008 Torino, OTTOBRE 2008 RELAZIONE TECNICA Redatta da: Ing.

Dettagli

BARRIERA DI SICUREZZA SINGOLA SU TERRA H4b-A-W5 (3n31679)

BARRIERA DI SICUREZZA SINGOLA SU TERRA H4b-A-W5 (3n31679) BARRIERA DI SICUREZZA SINGOLA SU TERRA Hb-A-W (n679) Prestazioni Livello di contenimento Indice di severità accelerazione ASI Larghezza di lavoro Intrusione del veicolo Deflessione dinamica Hb A W (.70

Dettagli

Normativa nazionale italiana

Normativa nazionale italiana Normativa nazionale italiana Direttiva sui criteri di progettazione, installazione, verifica e manutenzione dei dispositivi di ritenuta nelle costruzioni stradali (Piano nazionale Italia) Direttiva sui

Dettagli

Il progetto della sicurezza stradale: i sistemi di contenimento dei veicoli

Il progetto della sicurezza stradale: i sistemi di contenimento dei veicoli Il progetto della sicurezza stradale: i sistemi di contenimento dei veicoli ing. Andrea Demozzi CEN (Comité Européen de Normalisation), Road restraint systems (TC226/WG1) UNI (Ente Italiano di Unificazione),

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Prot. n.6792 VISTO l art.13 comma 1 del Decreto Legislativo 30.4.92, n.285 (Nuovo Codice della strada) e successive modificazioni che prevede l emanazione

Dettagli

BARRIERA DI SICUREZZA SINGOLA SU TERRA H4b-B-W5 (3n31862)

BARRIERA DI SICUREZZA SINGOLA SU TERRA H4b-B-W5 (3n31862) BARRIERA DI SICUREZZA SINGOLA SU TERRA Hb-B-W (n86) Prestazioni Livello di contenimento Indice di severità accelerazione ASI Larghezza di lavoro Intrusione del veicolo Deflessione dinamica Hb B W (,0 m),0

Dettagli

RINA Organismo Internazionale di Certificazione. RINA Organismo Internazionale di Certificazione

RINA Organismo Internazionale di Certificazione. RINA Organismo Internazionale di Certificazione Schema RINA di Certificazione del Livello Qualitativo Autostradale (LQA) Genova, 25 ottobre 2007 Maura Moretti A chi è rivolto: Enti Gestori, Società Concessionarie per la gestione di tratte autostradali

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE DI CALCOLO BARRIERE DI SICUREZZA STRADALE

PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE DI CALCOLO BARRIERE DI SICUREZZA STRADALE ELABORATO N C.7 SETTORE LAVORI PUBBLICI SERVIZIO PROGETTAZIONE E COSTRUZIONI STRADALI S.P. n 569 DI VIGNOLA COMPLETAMENTO DELLA VARIANTE GENERALE ALLA S.P. N 569 E REALIZZAZIONE DELLE VARIANTI ALLA S.P.

Dettagli

La tematica inerente la protezione degli ostacoli puntuali

La tematica inerente la protezione degli ostacoli puntuali 110 Protezioni Puntuali Sostegni certificati a sicurezza passiva UN OPPORTUNITÀ PER PROGETTISTI E GESTORI DI infrastrutture. è quella che può essere colta sostituendo gli ostacoli puntuali presenti ai

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DI STRADE E DI INTERSEZIONI Il D.M. 05/11/2001, il D.M. 19/04/2006.

LA PROGETTAZIONE DI STRADE E DI INTERSEZIONI Il D.M. 05/11/2001, il D.M. 19/04/2006. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI UDINE LA PROGETTAZIONE DI STRADE E DI INTERSEZIONI Il D.M. 05/11/2001, il D.M. 19/04/2006. QUADERNO N 1 PROGETTAZIONE DI STRADE Relatori: Dr. Ing.

Dettagli

Lezione PONTI E GRANDI STRUTTURE. Prof. Pier Paolo Rossi Università degli Studi di Catania

Lezione PONTI E GRANDI STRUTTURE. Prof. Pier Paolo Rossi Università degli Studi di Catania Lezione PONTI E GRANDI STRUTTURE Prof. Pier Paolo Rossi Università degli Studi di Catania Azioni variabili da traffico Azioni sugli impalcati Azioni variabili da traffico I carichi variabili da traffico

Dettagli

Capitolo. Sosta, fermata, definizioni stradali. 6.1 Sosta

Capitolo. Sosta, fermata, definizioni stradali. 6.1 Sosta . S. p. A 6 Sosta, fermata, definizioni stradali Capitolo br i 6.1 Sosta La sosta è la sospensione della marcia del veicolo protratta nel tempo. La sosta non è consentita: Es se li in corrispondenza o

Dettagli

BARRIERA A MURETTO IN CAV PROFILO NEW JERSEY TESTATA CON LA NORMA EUROPEA EN1317 parte 1-2-3-4-5

BARRIERA A MURETTO IN CAV PROFILO NEW JERSEY TESTATA CON LA NORMA EUROPEA EN1317 parte 1-2-3-4-5 BARRIERA A MURETTO IN CAV PROFILO NEW JERSEY TESTATA CON LA NORMA EUROPEA EN1317 parte 1-2-3-4-5 BORDO PONTE CON CORRIMANO IN ACCIAIO MODELLO ABESCA NJBPH4 OMOLOGATA IN CLASSE DI CONTENIMENTO H4b Pagina

Dettagli

PROGETTO TUBE INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLA SICUREZZA STRADALE

PROGETTO TUBE INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLA SICUREZZA STRADALE PROGETTO TUBE INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLA SICUREZZA STRADALE Alba, APRILE 2013 1- SINTESI DEL PROGETTO : TUBE Realizzazione di una nuova famiglia di ATTENUATORI D URTO ai sensi della normativa 1317 parte

Dettagli

SEMINARIO TECNICO SUL D.LGS. N. 81/2008 E S.M.I. SICUREZZA E SALUTE NELLE OPERE DI ASFALTATURA

SEMINARIO TECNICO SUL D.LGS. N. 81/2008 E S.M.I. SICUREZZA E SALUTE NELLE OPERE DI ASFALTATURA SEMINARIO TECNICO SUL D.LGS. N. 81/2008 E S.M.I. SICUREZZA E SALUTE NELLE OPERE DI ASFALTATURA LA GESTIONE IN SICUREZZA DI UN CANTIERE NELLE ASFALTATURE Ing. Paolo Bellezza 1 INDICE 1. Introduzione 2.

Dettagli

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 Pagina 1 di 7 1.PREMESSE La presente relazione illustra i lavori previsti nel progetto definitivo per la Ristrutturazione

Dettagli

BARRIERA DI SICUREZZA SINGOLA SU TERRA H1-A-W6 (B21300)

BARRIERA DI SICUREZZA SINGOLA SU TERRA H1-A-W6 (B21300) BARRIERA DI SICUREZZA SINGOLA SU TERRA H-A-W6 (B00) Livello di contenimento Prestazioni H Indice di severità accelerazione ASI Larghezza di lavoro Intrusione del veicolo Deflessione dinamica A W6 (,08

Dettagli

PUBBLICITA' SULLE STRADE (art.23 Codice della Strada)

PUBBLICITA' SULLE STRADE (art.23 Codice della Strada) ALLEGATO B PUBBLICITA' SULLE STRADE (art.23 Codice della Strada) art.47 Regolamento di Esecuzione (Definizione mezzi pubblicitari ) Manifesto: elemento bidimensionale privo di rigidezza posto su strutture

Dettagli

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica Articoli C. d. S. Punti Violazioni che comportano la perdita punti Velocità art. 141, comma 8 5 Circolare a velocità non commisurata alle particolari condizioni in cui si svolge la circolazione art. 142,

Dettagli

PROGRAMMA DI MANUTENZIONE

PROGRAMMA DI MANUTENZIONE Comune di Bitritto Provincia di Bari PIANO DI MANUTENZIONE PROGRAMMA DI MANUTENZIONE SOTTOPROGRAMMA DELLE PRESTAZIONI (Articolo 40 D.P.R. 554/99) OGGETTO: OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA E DI RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

LA MOVIMENTAZIONE E LO STOCCAGGIO DEI MATERIALI

LA MOVIMENTAZIONE E LO STOCCAGGIO DEI MATERIALI LA MOVIMENTAZIONE E LO STOCCAGGIO DEI MATERIALI a cura di Marialuisa Diodato SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V IA A LBERTONI, 15-40138 BOLOGNA! 051.63.61.371-FAX 051.63.61.358 E-mail: spp@aosp.bo.it

Dettagli

Scheda n. 1. 1 Giorno: MODULO B SEGNALETICA - SEGNALI DI PERICOLO

Scheda n. 1. 1 Giorno: MODULO B SEGNALETICA - SEGNALI DI PERICOLO 1 Giorno: MODULO B SEGNALETICA - SEGNALI DI PERICOLO Scheda n. 1 Il segnale n. 1 1) preavvisa una doppia curva VF 2) preavvisa un tratto di strada in cattivo stato V F 3) preavvisa una discesa pericolosa

Dettagli

BARRIERA DI SICUREZZA DOPPIA SU TERRA H2-B-W4 (3n30401)

BARRIERA DI SICUREZZA DOPPIA SU TERRA H2-B-W4 (3n30401) BARRIERA DI SICUREZZA DOPPIA SU TERRA H2-B-W4 (3n30401) Livello di contenimento Risultati H2 Indice di severità accelerazione ASI Larghezza di lavoro Posizione laterale estrema del veicolo B W4 (1,3 m)

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CARTELLONISTICA E SEGNALETICA STRADALE (approvato con Delibera del Comitato Direttivo n.8 del 1 luglio 2008)

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CARTELLONISTICA E SEGNALETICA STRADALE (approvato con Delibera del Comitato Direttivo n.8 del 1 luglio 2008) REGOLAMENTO IN MATERIA DI CARTELLONISTICA E SEGNALETICA STRADALE (approvato con Delibera del Comitato Direttivo n.8 del 1 luglio 2008) REGOLAMENTO IN MATERIA DI SEGNALETICA STRADALE IN AREA INDUSTRIALE

Dettagli

INDICE 1.5 FASCE DI RISPETTO E AREE DI VISIBILITÀ NEI CENTRI ABITATI... 9 1.6 FASCE DI RISPETTO ED AREE DI VISIBILITÀ FUORI DAI CENTRI ABITATI...

INDICE 1.5 FASCE DI RISPETTO E AREE DI VISIBILITÀ NEI CENTRI ABITATI... 9 1.6 FASCE DI RISPETTO ED AREE DI VISIBILITÀ FUORI DAI CENTRI ABITATI... INDICE 1.0 CLASSIFICA FUNZIONALE DELLE STRADE E REGOLAMENTO VIARIO... 2 1.1 PRINCIPALI DEFINIZIONI RELATIVE ALLA VIABILITÀ... 2 1.2 DEFINIZIONE E CLASSIFICAZIONE DELLE STRADE... 4 1.3 DESCRIZIONE DELLE

Dettagli

Capitolo 5. 5.1 Segnaletica orizzontale. Segnaletica orizzontale. Segnali complementari. Strisce longitudinali

Capitolo 5. 5.1 Segnaletica orizzontale. Segnaletica orizzontale. Segnali complementari. Strisce longitudinali 5.1 Segnaletica orizzontale Capitolo 5 Segnaletica orizzontale. Segnali complementari La segnaletica orizzontale è rappresentata dai segni sulla carreggiata che si suddividono in: strisce longitudinali;

Dettagli

ANALISI CRITICA DELLE CARATTERISTICHE PRESTAZIONALI DELLE BARRIERE DI SICUREZZA

ANALISI CRITICA DELLE CARATTERISTICHE PRESTAZIONALI DELLE BARRIERE DI SICUREZZA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA SALVATORE LEONARDI - GIUSEPPINA PAPPALARDO ANALISI CRITICA DELLE CARATTERISTICHE PRESTAZIONALI DELLE BARRIERE DI SICUREZZA Quaderno n. 110 ISTITUTO

Dettagli

Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Messa in sicurezza e riqualificazione SS76

Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Messa in sicurezza e riqualificazione SS76 Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Enrico Pastori TAVOLO TECNICO ALLARGATO Jesi, 19 novembre 2009 Indice della presentazione Stato di fatto Obiettivi del progetto Descrizione del progetto

Dettagli

La circolazione delle biciclette in doppio senso di marcia

La circolazione delle biciclette in doppio senso di marcia La circolazione delle biciclette in doppio senso di marcia PREMESSA Il tema della mobilità sostenibile è divenuto ormai oggetto quotidiano di confronto e di impegno istituzionale. Il Nuovo Codice della

Dettagli

COMUNE DI MARZABOTTO

COMUNE DI MARZABOTTO COMUNE DI MARZABOTTO RELAZIONE GENERALE La relazione in argomento è relativa ad un intervento di adeguamento viario delle rampe di accesso al cavalcavia carrabile della Linea Ferroviaria Pistoia Bologna

Dettagli

Art. 3 Elaborati di piano... 2. Art. 6 Dati di piano... 5

Art. 3 Elaborati di piano... 2. Art. 6 Dati di piano... 5 SOMMARIO Art. 1 Campo di applicazione... 2 Art. 2 Ambito del Piano Urbanistico Attuativo... 2 Art. 3 Elaborati di piano... 2 Art. 4 Convenzione attuativa... 3 Art. 5 Modalità di intervento... 3 Art. 6

Dettagli

CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO UNA CADUTA. Anche da una piccola altezza una caduta può avere conseguenze drammatiche!! È volontario.

CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO UNA CADUTA. Anche da una piccola altezza una caduta può avere conseguenze drammatiche!! È volontario. Sistemi anticaduta CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO È volontario UNA CADUTA È involontaria E quindi è ammortizzato E quindi non è ammortizzata Buon assorbimento d energia IMPATTO DEBOLE Minimo assorbimento

Dettagli

DIAGRAMMA DELLE VELOCITA ESERCITAZIONE

DIAGRAMMA DELLE VELOCITA ESERCITAZIONE PROGETTI DI INFRSTRUTTURE VIRIE DIGRMM DELLE VELOCIT ESERCITZIONE Il capitolo 5.4 del Decreto Ministeriale del 5/11/2001 prevede che per la verifica della correttezza della progettazione si debba redigere

Dettagli

SCHEDA TECNICA. Autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria

SCHEDA TECNICA. Autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria SCHEDA TECNICA Autostrada A3 SalernoReggio Calabria Progettazione esecutiva ed esecuzione dei lavori di ammodernamento ed adeguamento al tipo1/a delle norme CNR/80Macrolotto 3 Parte 3 dal Km 173+900 al

Dettagli

SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI.

SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI. SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI. 1. RETE ANTICADUTA CERTIFICATA EN 1263-1, PER APPLICAZIONI

Dettagli

Le opere verranno svolte previo idoneo titolo di dichiarazione/autorizzazione, sulla base della vigente normativa in materia edilizia.

Le opere verranno svolte previo idoneo titolo di dichiarazione/autorizzazione, sulla base della vigente normativa in materia edilizia. (mod. DG 330 / 09 ) Bollo Euro 14,62 AL SIG. SINDACO DEL COMUNE DI RIMINI Direzione Polizia Municipale Ufficio Edilizia-Ambiente Via Della Gazzella, 27 RIMINI Tel. 0541.704189/88 OGGETTO: Richiesta di

Dettagli

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica Articoli C. d. S. Punti Violazioni che comportano la perdita punti Velocità art. 141, comma 8 5 Circolare a velocità non commisurata alle particolari condizioni in cui si svolge la circolazione art. 142,

Dettagli

NORME FUNZIONALI E GEOMETRICHE PER LA COSTRUZIONE DELLE STRADE

NORME FUNZIONALI E GEOMETRICHE PER LA COSTRUZIONE DELLE STRADE Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ISPETTORATO GENERALE PER LA CIRCOLAZIONE E LA SICUREZZA STRADALE NORME FUNZIONALI E GEOMETRICHE PER LA COSTRUZIONE DELLE STRADE Versione corretta a seguito

Dettagli

Identificazione e Adeguamento delle Strade Pericolose ANALISI DI SICUREZZA DI UNA STRADA IN ESERCIZIO. Strada SP XXX. Ente Gestore: XXXXXXXX

Identificazione e Adeguamento delle Strade Pericolose ANALISI DI SICUREZZA DI UNA STRADA IN ESERCIZIO. Strada SP XXX. Ente Gestore: XXXXXXXX Università degli Studi di Catania Unione Europea Provincia Regionale di Catania PROJECT TREN-03-ST-S07.31286 Identification of Hazard Location and Ranking of Measures to Improve Safety on Local Rural Roads

Dettagli

COMUNE DI CATANIA PIANO GENERALE DEL TRAFFICO URBANO. Versione 1.1 REGOLAMENTO DI VIABILITA (Art.36 del D.lgs 285/92)

COMUNE DI CATANIA PIANO GENERALE DEL TRAFFICO URBANO. Versione 1.1 REGOLAMENTO DI VIABILITA (Art.36 del D.lgs 285/92) COMUNE DI CATANIA PIANO GENERALE DEL TRAFFICO URBANO Versione 1.1 REGOLAMENTO DI VIABILITA (Art.36 del D.lgs 285/92) Settembre 2012 Sommario DISPOSIZIONI GENERALI... - 4 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO... -

Dettagli

Numero carrelli senza guidatore a bordo presenti in azienda

Numero carrelli senza guidatore a bordo presenti in azienda Pagina 1di 11 AZIENDA Redatto da Verificato Approvato Ines Magnani Carlo Veronesi Massimo Magnani firma firma TIPO SCHEDA A formazione ed informazione dei lavoratori NUMERO DI SCHEDE DATA VERIFICATO RI

Dettagli

ALCOOL E DROGHE CAMBI DI DIREZIONE CIRCOLAZIONE IN AUTOSTRADA. Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti

ALCOOL E DROGHE CAMBI DI DIREZIONE CIRCOLAZIONE IN AUTOSTRADA. Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti ALCOOL E DROGHE art. 86, comma e 7 art. 87, comma 7 e 8 Guidare in stato di ebbrezza Guida in condizioni di alterazione fisica e psichica

Dettagli

COMUNE DI PADOVA SETTORE MOBILITÀ E TRAFFICO Codice Fiscale 00644060287

COMUNE DI PADOVA SETTORE MOBILITÀ E TRAFFICO Codice Fiscale 00644060287 2010-03 - biciplan - regolamento viario mobilità ciclistica.doc 1/62 BICIPLAN PADOVA 2010 2015 1 LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ CICLISTICA.........3 1.1 Premessa...3 1.2 Definizioni...4 2 SPAZIO PEDONALE

Dettagli

VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014

VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014 VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014 AZV_A1_A3_9.004 INDICE - PREMESSA - TIPOLOGIA DELL INTERVENTO - RIFERIMENTI NORMATIVI -

Dettagli

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI 1 AREA TECNICA Direttore Ing. Carlo Faccin Titolo Raccomandazioni ad indirizzo dell attività degli

Dettagli

CAPITOLO I CARATTERI COSTITUTIVI DEL PIANO DELLA VIABILITÀ

CAPITOLO I CARATTERI COSTITUTIVI DEL PIANO DELLA VIABILITÀ Provincia di Cremona - U.T.P. Sett. IX PARTE A 12. LE NORME DI ATTUAZIONE CAPITOLO I CARATTERI COSTITUTIVI DEL PIANO DELLA VIABILITÀ Art. 1 Natura giuridica Il Piano della Viabilità costituisce parte del

Dettagli

Tipo EA1a Strada rurale di pianura

Tipo EA1a Strada rurale di pianura Schede dei tipi di percorso Percorso EA1a Foglio 1 di 10 DEFINIZIONE DEL TIPO DESCRIZIONE SINTETICA Ambito: Sistema funzionale: Extraurbano Sistema insediativo diffuso Percorso su Strada rurale di pianura

Dettagli

T40 BL BARRIERA STRADALE CLASSE H2 BORDO LATERALE

T40 BL BARRIERA STRADALE CLASSE H2 BORDO LATERALE 13/01/2014 rev 0 T40 BL MANUALE PER L'INSTALLAZIONE E L'UTILIZZO CONFORME AL DECRETO DEL MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI 28/06/2011 (GU n. 233 DEL 06/10/2011) Azienda: METAL WOOD s.r.l.

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti estructura. Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Prot. n.6792 VISTO l art.13 comma 1 del Decreto Legislativo 30.4.92, n.285 (Nuovo Codice della strada) e successive modificazioni che prevede

Dettagli

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione generale del moto

Dettagli

PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO

PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO Gemona del Friuli, 23 maggio 2012 Dott.ssa Francesca Piva Tecnico della Prevenzione A.S.S. n. 3 Alto Friuli CLASSIFICAZIONE COPERTURE CLASSIFICAZIONE COPERTURE TIPOLOGIA Fortemente

Dettagli

Fondamenti di Trasporti Cenni di teoria del deflusso

Fondamenti di Trasporti Cenni di teoria del deflusso Corso di: Lezione: Fondamenti di Trasporti Cenni di teoria del deflusso Corso di Laurea Ingegneria Civile AA 0910 Giuseppe Inturri Università di Catania Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale IL

Dettagli

Sistema Tangenziale di Lucca Progetto Preliminare INDICE

Sistema Tangenziale di Lucca Progetto Preliminare INDICE INDICE 1 OGGETTO... 2 2 DESCRIZIONE DELL INFRASTRUTTURA ESISTENTE... 3 2.1 Caratteristiche plano-altimetriche... 3 2.2 Organizzazione della sezione trasversale... 3 3 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO DI ADEGUAMENTO

Dettagli

Prot. Gen. n. 468953 Venezia, 03/11/2008

Prot. Gen. n. 468953 Venezia, 03/11/2008 Prot. Gen. n. 468953 Venezia, 03/11/2008 Oggetto: D.P.R. n. 753/1980 art. 5 comma 7 - criteri per il riconoscimento dell idoneità e della sicurezza delle fermate dei servizi pubblici di trasporto urbano

Dettagli

Progetto TI MUOVI. Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE

Progetto TI MUOVI. Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE Progetto TI MUOVI Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE LA BUONA STRADA A cura della I A (anno scolastico 2009-2010) Scuola secondaria di primo grado CARLO LEVI - I.C. King GRUGLIASCO IL NOSTRO PERCORSO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA VV.F

RELAZIONE TECNICA VV.F VAR. MET.: DERIVAZ. PER MARATEA DN 250 (10 ) - 75 bar L = 508 m RELAZIONE TECNICA VV.F 3 Nov. 12 Emissione per permessi con inserita P.E. Faragasso Lupinacci Barci 2 Giu. 12 Variato tracciato Inserita

Dettagli

3 Giorno: MODULO B - SEGNALI DI INDICAZIONE - SEGNALI LUMINOSI - SEGNALI ORIZZONTALI

3 Giorno: MODULO B - SEGNALI DI INDICAZIONE - SEGNALI LUMINOSI - SEGNALI ORIZZONTALI Scheda n 1 3 Giorno: MODULO B - SEGNALI DI INDICAZIONE - SEGNALI LUMINOSI - SEGNALI ORIZZONTALI Il segnale n. 153 indica 1) che si ha la precedenza rispetto a chi viene in senso contrario V F 2) l'inizio

Dettagli

Modello: linea vita temporanea 2 operatori. Norma: EN 795 B CODICE: 0840112

Modello: linea vita temporanea 2 operatori. Norma: EN 795 B CODICE: 0840112 UNI EN 795:2012 Dispositivo di ancoraggio con uno o più punti di aggancio / ancoraggio fissi, senza la necessità di un ancoraggio strutturale o elemento di fissaggio per essere solidale alla struttura

Dettagli

PROGRAMMA DI MANUTENZIONE

PROGRAMMA DI MANUTENZIONE Comune di Bitritto Provincia di Bari PIANO DI MANUTENZIONE PROGRAMMA DI MANUTENZIONE SOTTOPROGRAMMA DEGLI INTERVENTI (Articolo 0 D.P.R. 55/99) OGGETTO: OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA E DI RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

1 PREMESSA pag. 2. 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2. 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2

1 PREMESSA pag. 2. 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2. 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2 1 PREMESSA pag. 2 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2 4 ANALISI DEL MOVIMENTO DELLE ACQUE METEORICHE pag. 3 5 CALCOLO STATICO pag. 4 6 VERIFICA IDRAULICA

Dettagli

La sicurezza nelle infrastrutture della Provincia. Il Progetto Pilota sulla sicurezza sulla S.P. n. 3 Reggio E. - Bagnolo- Novellara.

La sicurezza nelle infrastrutture della Provincia. Il Progetto Pilota sulla sicurezza sulla S.P. n. 3 Reggio E. - Bagnolo- Novellara. La sicurezza nelle infrastrutture della Provincia Il Progetto Pilota sulla sicurezza sulla S.P. n. 3 Reggio E. - Bagnolo- Novellara. 12/1/2010 Francesco Capuano 1 Articolazione strutturale dei Servizi

Dettagli

principi, metodo e schemi di riqualificazione delle fermate bus

principi, metodo e schemi di riqualificazione delle fermate bus m&ss informazione/formazione - le mini dispense di buone pratiche principi, metodo e schemi di riqualificazione delle fermate bus Pag. 1 a 38 Pag. 2 a 38 m&ss informazione/formazione - le mini dispense

Dettagli

COMPLETAMENTO DELLA A 12 LIVORNO CIVITAVECCHIA PROGETTO DEFINITIVO della tratta TARQUINIA CIVITAVECCHIA (LOTTO 6 A) SCHEDA TECNICA

COMPLETAMENTO DELLA A 12 LIVORNO CIVITAVECCHIA PROGETTO DEFINITIVO della tratta TARQUINIA CIVITAVECCHIA (LOTTO 6 A) SCHEDA TECNICA COMPLETAMENTO DELLA A 12 LIVORNO CIVITAVECCHIA PROGETTO DEFINITIVO della tratta TARQUINIA CIVITAVECCHIA (LOTTO 6 A) SCHEDA TECNICA Premessa In anticipazione rispetto al progetto complessivo, e analogamente

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

Sistema Tangenziale di Lucca Progetto Preliminare INDICE

Sistema Tangenziale di Lucca Progetto Preliminare INDICE INDICE 1 OGGETTO... 2 2 DESCRIZIONE DELL INFRASTRUTTURA ESISTENTE... 3 2.1 Caratteristiche plano-altimetriche... 3 2.2 Organizzazione della sezione trasversale... 3 3 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO DI ADEGUAMENTO

Dettagli

Art. 91 DL 81.08 come modificato dal DL 106.09

Art. 91 DL 81.08 come modificato dal DL 106.09 ARCH. NICOLA BELLENTANI nicolabellentani@alice.it Art. 91 DL 81.08 come modificato dal DL 106.09 Allegato XVI DPI ASSORBITORI CONNETTORI CORDINI DISPOSITIVI RETRATTILI IMBRACATURE SISTEMI ANTICADUTA DISPOSITIVI

Dettagli

DECRETO INTERMINISTERIALE 4 MARZO

DECRETO INTERMINISTERIALE 4 MARZO DECRETO INTERMINISTERIALE 4 MARZO 2013 Segnaletica stradale per attività lavorative svolte in presenza di traffico veicolare SCOPO: detta i criteri generali di sicurezza inerenti le procedure di revisione,

Dettagli

STRADE FERROVIE AEROPORTI DEFINIZIONI

STRADE FERROVIE AEROPORTI DEFINIZIONI STRADE FERROVIE AEROPORTI DEFINIZIONI Elementi costitutivi dello spazio stradale Elementi costitutivi dello spazio stradale BANCHINA: parte della strada, libera da qualsiasi ostacolo (segnaletica verticale,

Dettagli

ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI

ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI Roma, 31 ottobre 2012 ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI (-3,5%) Obiettivo UE 2010 (-50% morti sulle strade): Italia non raggiunge target nemmeno nel 2011 ma fa meglio della

Dettagli

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi Martedì 22 luglio2014, dalle ore 15.00 alle ore 17.00 presso la sede CPT, Viale Milano 56/60 Lodi Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi ing. Massimiliano Colletta I LAVORI

Dettagli

La Bicicletta un mezzo semplice in un sistema di trasporto complesso. Daniele Yari Stati Libero Ateneo del Ciclismo Urbano

La Bicicletta un mezzo semplice in un sistema di trasporto complesso. Daniele Yari Stati Libero Ateneo del Ciclismo Urbano La Bicicletta un mezzo semplice in un sistema di trasporto complesso Daniele Yari Stati Libero Ateneo del Ciclismo Urbano Il perché di un corso sull uso della bicicletta Il motore della bicicletta e la

Dettagli

FAQ - Frequently Asked Questions "per saperne di più"

FAQ - Frequently Asked Questions per saperne di più Ministero dell'istruzione dell'università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova servizio per la comunicazione FAQ - Frequently Asked Questions

Dettagli

L epidemiologia degli incidenti stradali in Veneto

L epidemiologia degli incidenti stradali in Veneto Venezia, 26/11/2007 L epidemiologia degli incidenti stradali in Veneto Paolo Spolaore Francesco Zambon SER Sistema Epidemiologico Regionale Incidenti stradali SCENARIO Mondo: 1,2 milioni morti all anno

Dettagli

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione generale del moto

Dettagli

AUTORE: Mirarafiori Natale Consulente e Ricercatore - Sicurezza Stradale MIRAFIORI CONSULENZE Via San Bartolomeo del Fossato, 8/5-16149 - Genova Tel.

AUTORE: Mirarafiori Natale Consulente e Ricercatore - Sicurezza Stradale MIRAFIORI CONSULENZE Via San Bartolomeo del Fossato, 8/5-16149 - Genova Tel. AUTORE: Mirarafiori Natale Consulente e Ricercatore - Sicurezza Stradale MIRAFIORI CONSULENZE Via San Bartolomeo del Fossato, 8/5-16149 - Genova Tel. 010/418.310 Fax 010/465.504-335/5865939 Internet: www.mirafioricr.it

Dettagli

Premessa. Premessa. In auto. Quanti seggiolini nella vita di un bambino? Attenzione! Abbiate cura della vostra bicicletta!

Premessa. Premessa. In auto. Quanti seggiolini nella vita di un bambino? Attenzione! Abbiate cura della vostra bicicletta! Premessa Premessa In auto Quanti seggiolini nella vita di un bambino? Attenzione! Abbiate cura della vostra bicicletta! In bicicletta pag. 2 pag. 3 pag. 5 pag. 15 pag. 21 pag. 23 In Italia, ogni anno,

Dettagli

Cavatigozzi Via Milano via Ghinaglia

Cavatigozzi Via Milano via Ghinaglia Cavatigozzi Via Milano via Ghinaglia Inquadramento cartografico Descrizione/introduzione Itinerario radiale che collega Piazza Risorgimento con la zona periferica ovest di Cremona nei pressi del Quartiere

Dettagli

nome classe data i segnali Collega le definizioni dei segnali stradali ai termini appropriati. PERICOLO PRECEDENZA DIVIETO OBBLIGO INDICAZIONE

nome classe data i segnali Collega le definizioni dei segnali stradali ai termini appropriati. PERICOLO PRECEDENZA DIVIETO OBBLIGO INDICAZIONE I segnali stradali Leggi, rifletti e poi rispondi alle domande. I segnali stradali sono uguali in tutto il mondo. È importante osservare e imparare bene la forma geometrica, il colore ed eventualmente

Dettagli

Università degli Studi di Catania Unione Europea Provincia Regionale di Catania. S. Cafiso, G. La Cava, A. Montella, G. Pappalardo

Università degli Studi di Catania Unione Europea Provincia Regionale di Catania. S. Cafiso, G. La Cava, A. Montella, G. Pappalardo Università degli Studi di Catania Unione Europea Provincia Regionale di Catania Manuale per le Ispezioni di Sicurezza delle Strade Extraurbane Secondarie e Locali S. Cafiso, G. La Cava, A. Montella, G.

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 8 PER L INSTALLAZIONE DI BARRIERE MOTORIZZATE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1, EN

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili Percorsi ciclabili Il presente documento inquadra la rete ciclabile comunale. E indicativo nelle linee guida ma non prescrittivo nelle modalità di esecuzione per consentire in tal modo una compartecipazione

Dettagli

Minieolico Realizzazione di un caso pratico ROMA 15-16 MARZO 2012

Minieolico Realizzazione di un caso pratico ROMA 15-16 MARZO 2012 Minieolico Realizzazione di un caso pratico ROMA 15-16 MARZO 2012 Soluzioni realizzative e costruzione E importante valutare in fase di verifica preliminare del sito anche gli aspetti e le eventuali problematiche

Dettagli

18 NUOVE IPOTESI ALTERNATIVE DI INTERVENTO IL POTENZIAMENTO IN SEDE AUTOSTRADALE E TANGENZIALE

18 NUOVE IPOTESI ALTERNATIVE DI INTERVENTO IL POTENZIAMENTO IN SEDE AUTOSTRADALE E TANGENZIALE 18 NUOVE IPOTESI ALTERNATIVE DI INTERVENTO IL POTENZIAMENTO IN SEDE AUTOSTRADALE E TANGENZIALE 18-1 18.1 Fattibilità tecnica del Potenziamento in sede di A14 e tangenziale 18.1.1 Premessa metodologica

Dettagli

Uso in italia del personal transporter

Uso in italia del personal transporter Uso in italia del personal transporter L utilizzo del personal transporter non è, allo stato, regolato da alcuna norma del Codice della Strada italiano. L unica trattazione è una lettera del Ministero

Dettagli

Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento

Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento La Relazione Geologica è allegata al presente progetto ed il suo contenuto ha approfondito le notizie generali di carattere geologico,

Dettagli