CORSO FORMAZIONE SICUREZZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORSO FORMAZIONE SICUREZZA"

Transcript

1 CORSO FORMAZIONE SICUREZZA Accordo Stato Regioni del inerente all attività di informazione e formazione datori di lavoro, lavoratori, dirigenti e preposti artt. 34 comma 2, 36, 37 comma 1-4, 6, 7,8 D.Lgs 81/0 L'uomo e la sua sicurezza devono costituire la prima preoccupazione di ogni avventura tecnologica A.Einstein Pagina1

2 Indice Formazione generale A. Accordo stato regioni pag_3 B. Tappe della Sicurezza a livello legislativo in Italia pag_3 C. Le parole chiave della sicurezza pag_4 D. Organizzazione della prevenzione aziendale, pag_7 E. Diritti, doveri e sanzioni per i vari soggetti aziendali, pag_8 F. Organi di vigilanza, controllo e assistenza pag_9 Formazione specifica 1_Rischio infortuni G. Meccanici generali, H. Elettrici generali, I. Macchine, Attrezzature, J. Cadute dall'alto, pag_11 2_Rischio chimico K. Rischi chimici, L. Nebbie - Oli - Fumi - Vapori - Polveri, M. Etichettatura, N. Rischi da esplosioni O. Rischi biologici, P. Rischi da esplosione, Q. Rischi cancerogeni pag_14 3_Rischio fisico R. Microclima S. illuminazione T. Rumore, U. Vibrazione, V. Radiazioni, pag_18 4_Rischi d organizzazione del lavoro W. Videoterminali, X. Stress lavoro correlato Y., Ambienti di lavoro, Z. Dispositivi Protezione Iindividuale(DPI) AA., Movimentazione manuale carichi, pag_20 5_Procedure di sicurezza BB. Emergenze. CC. Procedure d esodo DD. Segnaletica di sicurezza, EE. Le procedure in caso d incendio pag_23 Pagina2

3 FF. Procedure organizzative per il primo soccorso, GG. Incidenti e infortuni mancati, HH. Altri Rischi Tappe della Sicurezza a livello legislativo in Italia Pagina3

4 FORMAZIONE Generale 4 ORE PER TUTTI I SETTORI Le parole chiave della sicurezza SICUREZZA: Condizione oggettiva esente da pericoli o garantita contro eventuali pericoli Nei luoghi di lavoro la sicurezza gioca un ruolo fondamentale nella tutela della salute dei lavoratori Le 3 dimensioni della sicurezza 1. Della Persona : consapevolezza, conoscenza, capacità, preparazione 2. Della macchina: caratteristiche, intrinseche, ergonomia, interfaccia 3. Dell ambiente di lavoro: Igiene, pulizia,illuminazione, aspetti organizzativi SALUTE: Condizione di benessere fisico e psichico dovuta ad uno stato di perfetta funzionalità dell organismo. E un diritto umano fondamentale secondo la Carta dei diritti universali dell uomo, che non consiste solo nell assenza di malattia e/o infermità (Oms) RISCHIO: Probabilità di raggiungimento del livello potenziale di danno nelle condizioni di impiego o di esposizione ad un determinato fattore o agente oppure alla loro combinazione (D.lgs 81/08, art. 2) È una concreta probabilità che, nelle condizioni di impiego o di esposizione, sia raggiunto il livello potenziale di danno. Pagina4

5 PERICOLO: è una proprietà o qualità intrinseca di un determinato fattore (materiali di lavoro, materie prime o intermedi, metodi di lavoro, macchine e strumenti) in grado di causare danni alle persone o all'ambiente (concetto deterministico) PROBABILITÀ: il raggiungimento del livello potenziale di danno nelle condizioni di impiego o di esposizione ad un determinato fattore o agente oppure alla loro combinazione (D.lgs 81/08, art. 2) DANNO: Una qualunque alterazione, transitoria o permanente, dell'organismo, di una sua parte o di una sua funzione (Esempi: - una frattura - la perdita di una mano - un'infezione- una gastrite da stress) Il pericolo e potenziale, il rischio e concreto Formula per il calcolo del rischio R = P x D Ki R=Rischio P=Probabilitàcheavvengal'evento(->prevenzione) D= Danno (gravità) dell'evento sulla persona(->protezione) Ki: Informazione, formazione, addestramento, istruzioni Quindi non tutto ciò che rappresenta un pericolo costituisce anche rischio: la differenza può nascere dalle quantità di sostanza in gioco, maltempo dalla frequenza di esposizione,dalle misure precauzionali prese, dalla maggiore o minore evidenza del pericolo stesso PREVENZIONE: Il complesso delle disposizioni o misure necessarie anche secondo la particolarità del lavoro, l esperienza e la tecnica, per evitare o diminuire i rischi professionali nel rispetto della salute della popolazione e dell integrità dell ambiente esterno (D.lgs 81/08, art. 2) La prevenzione la misura tende ad abbattere la probabilità che si verifichi il danno la misura di PROTEZIONE tende a ridurre la gravità del danno stesso (entrambe concorrono a diminuire il rischio) R = P x D Pagina5

6 INFORTUNIO: Evento lesivo che si verifica in modo improvviso ed imprevisto per causa violenta in occasione di lavoro dal quale possono derivare:la morte, un inabilità permanente (parziale o assoluta) o un inabilità temporanea (parziale o assoluta) che comporta l astensione dal lavoro (definizione assicurativa) nel quale si riconoscono tutte le seguenti caratteristiche: rilevanza clinica (criterio di gravità) nesso causaeffetto (criterio di causalità)danno a breve distanza di tempo (criterio cronologico) INCIDENTE: Evento che ha prodotto danni solo materiali, ma che ha rischiato di causare danni anche alle persone PROTEZIONE: Difesa contro ciò che potrebbe recare danno. Elemento che si interpone tra qualcuno che può subire un danno e ciò che lo può causare VALUTAZIONE DEL RISCHIO: Processo complesso, articolato in più fasi e afferente a diversi soggetti, che, a partire dall individuazione di un pericolo, stabilisce l entità del rischio ad esso associato. Il processo è finalizzato ad individuare le adeguate misure di prevenzione e protezione e ad elaborare il programma ed il monitoraggio delle misure atte a garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di salute e sicurezza (D.lgs 81/08, art. 2) Pagina6

7 Organizzazione della prevenzione aziendale, L 81/2008 prevede la presenza di taluni soggetti che hanno il compito di collaborare con il datore di lavoro nelle attività di prevenzione e tutela della sicurezza sul lavoro e queste figure sono: Pagina7

8 IL DATORE DI LAVORO E responsabile della sicurezza e della salute di tutte le persone che collaborano a qualsiasi titolo all attività lavorativa e degli allievi anche quando questi sono equiparati ai lavoratori perché impegnati in attività di laboratorio. OBBLIGHI: nominare il RSPP e le figure preposte alla sicurezza e gli addetti all emergenza e assicurarne la formazione, l informazione e l'addestramento elaborare il DVR individuare, programmare, attuare e aggiornare le misure di prevenzione e protezione e organizzare l emergenza richiedere l osservanza delle norme e delle disposizioni aziendali e l uso dei dispositivi di protezione collettivi e individuale nominare il medico competente e assicurare la sorveglianza sanitaria DIRIGENTE Persona che in ragione delle competenze professionali e di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dell incarico conferitogli, attua le direttive del datore di lavoro, organizzando l attività lavorativa e vigilando su di essa IL PREPOSTO: Persona che, in ragione delle competenze professionali e di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dell incarico conferitogli, sovrintende alla attività lavorativa e garantisce l attuazione delle direttive ricevute, controllandone la corretta esecuzione da parte dei lavoratori ed esercitando un funzionale potere di iniziativa IL LAVORATORE: persona che, indipendentemente dalla tipologia contrattuale, svolge un attività lavorativa nell ambito dell organizzazione di un datore di lavoro pubblico o privato, con o senza retribuzione, anche al solo fine di apprendere un mestiere, un arte o una professione... l allievo degli istituti di istruzione nei quali si faccia uso di laboratori, attrezzature di lavoro in genere, agenti chimici, fisici e biologici, ivi Pagina8

9 comprese le apparecchiature fornite di videoterminali limitatamente ai periodi in cui l allievo sia effettivamente applicato alla strumentazioni o ai laboratori in questione... IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA: Persona eletta o designata [dai lavoratori di ogni singola istituzione scolastica] per rappresentare i lavoratori per quanto concerne gli aspetti della salute e della sicurezza durante il lavoro IL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI: Insieme di persone, sistemi e mezzi esterni o interni alla scuola, finalizzati all attività di prevenzione e protezione dai rischi professionali per i lavoratori E' composto dal Responsabile RSPP ( persona designata dal datore di lavoro, a cui risponde, per coordinare il SPP ) più eventuali Addetti ( persona facente parte del SPP ) IL MEDICO COMPETENTE: Medico in possesso dei titoli e requisiti previsti dalla normativa, che collabora con il datore di lavoro ai fini della valutazione dei rischi ed è nominato dallo stesso per effettuare la sorveglianza sanitaria e per tutti gli altri compiti che la normativa gli attribuisce Diritti, doveri e sanzioni per i vari soggetti aziendali, I lavoratori hanno diritto A lavorare in un ambiente i cui rischi siano stati adeguatamente valutati e dove siano state adottate tutte le misure necessarie affinché i pericoli siano evitati, arginati o affrontati in maniera adeguata (art. 15), utilizzare dei DPI conformi alle norme di legge e adatti alle mansioni che svolgono (art. 74), ricevere un adeguato controllo sanitario (art. 41), ricevere adeguata informazione e formazione in materia di sicurezza sul lavoro (art. 36 e 37), allontanarsi dal luogo di lavoro in caso di pericolo (art. 43 e 44), avere un RLS che tuteli la loro sicurezza e li rappresenti (art. 2), non subire oneri finanziari per le misure adottate relative alla sicurezza (art. 15 e 37) Ciascun lavoratore deve prendersi cura della propria sicurezza e di quella delle altre persone, presenti sul luogo di lavoro, sulle quali possono ricadere gli effetti delle sue azioni o omissioni. I lavoratori contribuiscono, insieme al datore di lavoro, al miglioramento delle condizioni di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro. In particolare i lavoratori devono: Osservare le disposizioni e istruzioni fornite dal datore di lavoro, dirigenti e preposti; Utilizzare correttamente macchinari, attrezzature, sostanze pericolose, ecc.; Utilizzare in modo appropriato i dispositivi di protezione individuale; Segnalare al datore di lavoro, dirigente o preposto le deficienze di dispositivi di protezione, macchine, attrezzature ecc. e le condizioni di pericolo di cui vengono a conoscenza; Adoperarsi, nell ambito delle proprie competenze e possibilità, per eliminare o ridurre deficienze e pericoli; Non rimuovere o modificare senza autorizzazione dispositivi di sicurezza, segnalazione o controllo; Non compiere di propria iniziativa operazioni o manovre non di propria competenza ovvero che possano compromettere la sicurezza propria o di altri; Sottoporsi ai controlli sanitari previsti; Contribuire all adempimento degli obblighi imposti dall autorità competente o necessari alla sicurezza e salute sul lavoro FORMAZIONE DEI LAVORATORI ART. 37 D.LGS 81/08 Ai sensi dell Art. 37 del D.lgs 9 APRILE 2008 n. 81 tutto il personale (ATA e docenti) deve ricevere una formazione sufficiente ed adeguata in materia di salute e sicurezza. La normativa sulla sicurezza prevede delle sanzioni, per gli inadempienti: (Il datore di lavoro/dirigente che non fornisce adeguata e Pagina9

10 sufficiente formazione ai lavoratori è punito con l arresto da 2 a 4 mesi o con l ammenda da a Il preposto che non partecipa ai programmi di formazione è punito con l arresto fino a 1 mese o con l ammenda da 200 a 800. Il lavoratore che non partecipa ai programmi di formazione è punito con l arresto fino a 1 mese o con l ammenda da 200 a 600). Organi di vigilanza, controllo e assistenza. Il D.lgs 81/08 prevede sanzioni (arresto, ammenda, sanzione amministrativa pecuniaria) per il datore di lavoro, il dirigente, il preposto, il lavoratore e il medico competente che non assolvano agli obblighi previsti ARPAV INAIL ex ISPESL SOGGETTI AGENZIA REGIONALE PER L AMBIENTE - VENETO ISTITUTO SUPERIORE PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO PRINCIPALI COMPETENZE Servizio Antinfortunistica e Impiantistica delle sedi provinciali Verifiche periodiche su Ascensori e mezzi di sollevamento mpianti elettrici speciali e di messa a terra Impianti di protezione contro le scariche atmosferiche Apparecchi a pressione e generatori di vapore Idroestrattori a forza centrifuga Tutela il lavoratore contro i danni fisici ed economici derivanti da infortuni e malattie causati dall attività lavorativa ed esonera il datore di lavoro dalla responsabilità civile conseguente all evento subito dai propri dipendenti, salvo i casi in cui, in sede penale o civile, sia riconosciuta la sua responsabilità per reato commesso con violazione delle norme di prevenzione e igiene sul lavoro DTL DIREZIONE TERRITORIALE DEL LAVORO (ex Ispettorato del Lavoro) Servizio Ispettivo del Lavoro - Ministero del Lavoro compiti di vigilanza e controllo sul lavoro in genere Contratti, Orario, Libretto di lavoro, Minimo paga e prospetti paga, Minori avviati al lavoro, Lavoratrici madri, Assicurazione obbligatoria contro infortuni e malattie professionali, Verifica delle modalità di infortunio (ex inchiesta pretorile), Vigilanza in materia di sicurezza solo nelle attività e previa comunicazione allo SPISAL: Edilizia (costruzioni, opere stradali, ferroviarie, idrauliche, etc.) Lavori in sotterraneo o in galleria anche con impiego di esplosivi, Lavori mediante cassoni in aria Pagina10

11 compressa e lavori subacquei, Indagini di PG su delega della Autorità Giudiziaria VVF SPISAL INPS COMANDI PROVINCIALI DEI VIGILI DEL FUOCO Servizio di Prevenzione, Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Istituto Nazionale di Previdenza Sociale Ente del Ministero dell Interno Servizio Ispettivo per le attività produttive e per le altre attività soggette alla normativa di prevenzione incendi Vigilanza sulla prevenzione incendi, Informazione, consulenza, assistenza, Attività autorizzativa la prevenzione delle malattie professionali e degli infortuni causati o correlati al lavoro il miglioramento del benessere del lavoratore strumenti, vigilanza, assistenza, informazione Certificazioni di idoneità al lavoro (minori, utilizzo di esplosivi, conduzione caldaie a vapore, impiego di gas tossici, attività di autoriparazione, responsabile impianti a fune, maestri di sci, ecc). Ricorsi contro il parere espresso dal medico competente Visite specialistiche in medicina del lavoro per consulenza a medici di base e ospedalieri. Esami strumentali di screening (audiometrie, spirometrie) su richiesta del medico competente. Vigilanza e controllo sull attività del medico competente Tutela delle lavoratrici madri mediante accertamento delle condizioni lavorative e ambientali di rischio per le gravidanze Eroga le rendite pensionistiche di fine lavoro e la prestazione economica sostitutiva della retribuzione in caso di assenza per incapacità temporanea assoluta al lavoro dovuta a malattia o a gravidanza Formazione Specifica : Pagina11

12 8 ore per i settori della classe di rischio medio 1_Rischi infortuni, Per Testo unico in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro (noto anche con l'acronimo TUSL, col quale per brevità viene spesso citata la normativa) si intende, nell'ambito del diritto italiano, l'insieme di norme contenute nel Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 che - in attuazione dell'articolo 1 della Legge 3 agosto 2007, n ha riformato, riunito ed armonizzato, abrogandole, le disposizioni dettate da numerose precedenti normative in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro succedutesi nell'arco di quasi sessant'anni, al fine di adeguare il corpus normativo all'evolversi della tecnica e del sistema di organizzazione del lavoro. Obiettivi della normativa: tutela della SICUREZZA e della SALUTE Rischi per la salute Parametri igienici Postazione di lavoro Esposizione a rumore Rischi per la sicurezza Rischi strutturali (passaggi, scale, pavimenti) Rischi connessi all utilizzo delle attrezzature di lavoro(scale, macchine da ufficio, ecc.) Rischi impiantistici (es. impianti elettrici Meccanici generali, Qualsiasi macchina, apparecchio, utensile, deve rispondere ai requisiti di legge ed essere installato, mantenuto ed utilizzato in modo corretto. L uso delle attrezzature che richiedono conoscenze o responsabilità particolari, è riservato a lavoratori incaricati e addestrati. L informazione e l addestramento degli addetti devono considerare sia il normale utilizzo sia le situazioni anormali prevedibili. Attenzione a: Impigliamento Schiacciamento Intrappolamento Trascinamento Proiezione Attrito-abrasione Attorcigliamento Urto Perforazione Contatto - taglio Dopo l entrata in vigore della Direttiva Macchine(1996) ogni macchina deve essere accompagnata: Dichiarazione di conformità Marcatura CE Manuale di istruzione per l uso Pagina12

13 Elettrici generali, Quando una corrente elettrica attraversa il corpo umano, i danni conseguenti dipendono dall intensità della corrente Attenzione a: Fili scoperti Impianto di terra Differenziale adeguato ed efficiente di protezione contro le sovracorrenti Una buona progettazione secondo le leggi, i regolamenti e le norme tecniche Una realizzazione a regola d arte (dichiarazione di conformità) Un adeguata manutenzione: dell impianto elettrico dell impianto di messa a terra dell impianto contro le scariche atmosferiche Macchine, Attrezzature, Qualsiasi macchina, apparecchio, utensile o impianto destinato ad essere usato durante il lavoro 1. macchine (fisse, portatili, 2. mobili,trasportabili, singole, 3. complesse) 4. mezzi di sollevamento, 5. trasporto, immagazzinamento 6. mezzi d opera 7. impianti 8. utensili Chi intende immettere sul mercato macchine costruite prima del D.Lgs. 459/96 e quindi NON MARCATE CE deve produrre un ATTESTATO DI CONFORMITÀ dichiarando che la macchina è conforme alla normativa antecedente Pagina13

14 CAUSE D INFORTUNIO L uso delle attrezzature di lavoro possibilità di infortunio può comportare soprattutto rischi meccanici 1. Uso di attrezzature prive di sistemi di sicurezza 2. Mancato uso di dispositivi di protezione 3. individuali 4. Manomissione dei dispositivi di protezione 5. Scarsa informazione e formazione sull uso 6. Disattenzione, fretta, o sottovalutazione 7. del pericolo 8. Scarsa manutenzione delle attrezzature 9. Abbigliamento non idoneo 10. Ambiente con presenza di pericoli RICORDA: 1. le protezioni di sicurezza non debbono mai essere rimosse o bypassate durante la lavorazione 2. alla fine del lavoro e prima di pulire le macchine togliete sempre la tensione di alimentazione 3. non pulire, oliare,riparare o registrare manualmente gli organi e gli elementi in moto 4. prima di iniziare il lavoro, controllate sempre l adeguatezza e l efficienza dei ripari e dei dispositivi di sicurezza 5. non abbandonate mai alcuna macchina o impianto durante l utilizzo 6. accertatevi sempre che qualsiasi impianto o macchina abbiate terminato di utilizzare non conservi parti in movimento Cadute dall'alto. Attrezzature manuali frequentemente impiegate associate ad un elevato livello di rischio (caduta dall'alto) Scale portatili Scale semplici Scale doppie È buona norma, per garantire l'equilibrio della persona: Evitare di operare permanendo oltre il terzultimo piolo (in caso contrario si deve ricorrere a scala di maggiore lunghezza) Salire e scendere conservando il viso rivolto verso la scala e mantenere salda la presa delle mani (che devono essere rigorosamente tenute libere, riponendo attrezzi, utensili e materiali minuti in tasche o borse da portare a tracolla) Mantenere sgombri da ostacoli o materiali i punti di accesso alla scala, sia in basso, sia in sommità. Pagina14

15 2_Rischi chimici, Rischio dovuto a sostanze inquinanti che interagiscono con l organismo umano e che possono provocare patologie acute croniche e irreversibili. - Gas - Vapori Aerosol (Polveri, fibre, nebbie, fumi) i rischi chimici sono legati a 1- alle caratteristiche dell agente stesso (acido, alcalino, neutro, liquido, polvere,.) 2- alle modalita d uso(a spruzzo, con spugna,.) gli agenti chimici possono essere pericolosi: le sostanze pericolose sono elencate in un elenco ufficiale, continuamente aggiornato dalla comunità europea tipi di rischio chimico 1. TOSSICOLOGICO: INALAZIONE CONTATTO CON EFFETTI CRONICI dovuto all impiego di sostanze e di preparati pericolosi ad elevata disponibilità in aria 2. INCIDENTALE/INFORTUNISTICO: CON EFFETTI ACUTI errori di conferimento e stoccaggio, cedimento recipienti e reti adduzione, spandimento, investimento, contatti tra incompatibili, rilascio di gas tossici 3. TECNOLOGICO: DA ANOMALIE D IMPIANTO E DI PROCESSO tracimazioni, cedimenti e rotture di rete e di valvole, reazioni fuggitive, errori di gestione e di stoccaggio, ecc.) 4. INCENDIO E DI ESPLOSIONE relativi a sostanze usate con proprietà esplosive, comburenti, infiammabili e a sostanze prodotte accidentalmente con queste USO DEGLI AGENTTI CHIMICI per comunicare agli utilizzatori l eventuale pericolosita dell agente chimico sono previsti dalla legislazione due strumenti: Pagina15

16 ATTENZIONE!!! NON TUTTO CIÒ CHE È PERICOLOSO HA : ODORE SAPORE COLORE Nebbie - Oli - Fumi - Vapori - Polveri, COME INTERVENIRE emergenze esterne: nube tossica + Rifugiarsi al chiuso senza allontanarsi dall aula + Mantenere tutto il personale all interno dei locali di lavoro + Chiudere immediatamente porte e finestre, sigillare gli infissi con scotch o stracci bagnati + Disattivare sistemi di condizionamento e ventilazione + Stendersi sul pavimento + Respirare attraverso le apposite mascherine o, in mancanza, ponendo un panno, fazzoletto o straccio bagnato sul naso e la bocca + Predisporre l immediata evacuazione dei locali interrati e seminterrati, ove possibile allontanare le classi ed il personale spostandoli dai piani bassi ai piani superiori Etichettatura, L ETICHETTA DEVE ESSERE IN LINGUA ITALIANA E DEVE CONTENERE ALMENO: SCHEDE DI SICUREZZA (in 16 punti) 1.Identificazione della sostanza o del preparato e della società/impresa 2.Composizione / Informazioni sugli ingredienti 3.Identificazione dei pericoli 4.Interventi di primo soccorso 5.Misure antincendio Pagina16

17 6.Provvedimenti in caso di fuoriuscita accidentale 7.Manipolazione ed immagazzinamento 8.Protezione personale - Controllo dell'esposizione 9.Proprietà fisiche e chimiche 10.Stabilità e reattività 11.Informazioni tossicologiche 12.Informazioni ecologiche 13.Osservazioni sullo smaltimento 14.Informazioni sul trasporto 15.Informazioni sulla normativa 16.Altre informazioni I PRODOTTI CHIMICI PERICOLOSI SONO RICONOSCIBILI PERCHÉ SULLA LORO CONFEZIONE È APPLICATA UNA ETICHETTA CON UNO O PIÙ SIMBOLI DI PERICOLO Pagina17

18 Rischi da esplosione Si intende per atmosfera esplosiva una miscela con l aria, in condizioni atmosferiche, di sostanze infiammabili allo stato di gas, vapori, nebbie e o polveri. L attività connessa alla distribuzione del gas metano comporta necessariamente che negli impianti ci sia presenza di gas naturale e quindi possa formarsi, in determinate circostanze, un atmosfera esplosiva. La normativa prevede che il datore di lavoro effettui la valutazione in oggetto procedendo alla classificazione delle aree dove è presente il rischio di formazione di atmosfere potenzialmente esplosive, ed adotti le misure tecniche ed organizzative più adeguate alla natura dell attività. La classificazione delle aree ha consentito di identificare le zone che richiedono particolari precauzioni in caso di svolgimento di attività al loro interno oppure anche di semplice accesso. All interno di queste aree gli impianti devono avere caratteristiche antideflagranti e le attrezzature di lavoro devono essere di tipo antiscintilla. L abbigliamento di lavoro deve avere caratteristiche antistatiche. Pagina18

19 Rischi biologici, Rischio dovuto alla esposizione ad agenti biologici (batteri, muffe, funghi, virus,parassiti) che potrebbero provocare infezioni, allergie o intossicazioni. Protezione da Agenti Biologici: Riguarda tutte le attività lavorative in cui vi è rischio di esposizione ad agenti biologici, cioè qualsiasi microrganismo che potrebbe provocare infezioni, allergie o intossicazioni. Gli agenti vengono suddivisi in quattro gruppi: 1. A basso rischio per l uomo; 2. A rischio poco probabile, curabile con terapie mirate; 3. Che possono causare gravi malattie, curabili con terapie mirate; 4. Rischio grave, che si può estendere alla collettività, e non sono disponibili terapie mirate. Rischi cancerogeni Le sostanze e i preparati indicati nelle direttive CEE relative alle sostanze pericolose ed etichettate con le frasi: può provocare il cancro (R45) può provocare il cancro per inalazione (R49) possibilità di effetti irreversibili (R50). 3_Rischi fisici: Microclima Pagina19

20 L insieme dei fattori fisici ambientali che caratterizzano l ambiente di lavoro (non necessariamente confinato) e che, assieme ai parametri individuali quali l attività metabolica e l abbigliamento, determinano gli scambi termici tra l ambiente stesso e gli individui che vi operano. BENESSERE TERMICO : è rappresentato da quelle condizioni in cui l organismo riesce a mantenere l equilibrio termico (omeotermia) senza l intervento del sistema di termoregolazione propria. ISO 7730: "quello stato della mente che esprime la soddisfazione verso l'ambiente termico Illuminazione L illuminazione rappresenta uno dei principali fattori ambientali atti ad assicurare il benessere nei luoghi di lavoro. Una corretta illuminazione oltre a contribuire all'incremento della produttività, riveste grande importanza nella prevenzione degli infortuni sul lavoro L illuminazione dei luoghi di lavoro deve essere ottenuta per quanto è possibile con luce naturale poiché essa è più gradita all occhio umano e quindi meno affaticante. In ogni caso, tutti i locali e i luoghi di lavoro devono essere dotati di adeguata luce artificiale per la sicurezza e la salute dei lavoratori. In ogni caso, tutti i locali e i luoghi di lavoro devono essere dotati di adeguata luce artificiale per la sicurezza e la salute dei lavoratori. Dal punto di vista igienico l illuminazione artificiale degli ambienti di lavoro deve avere almeno due requisiti essenziali: essere sufficiente, senza provocare peraltro fenomeni di abbagliamento; essere uniforme, con giusta proporzione tra luce ed ombra; Rumore Comunemente si intende per umore un suono che provoca una sensazione sgradevole, fastidiosa o intollerabile. I lavoratori sono normalmente esposti a diversi tipi di rumore, in relazione alle attività svolte. Pagina20

21 La normativa richiede che: qualora non si possa escludere l esposizione a rumore, si proceda all effettuazione di misurazioni tecniche al fine di stabilire il rispetto dei limiti di azione imposti. I livelli di rumorosità presenti negli uffici non sono di norma causa di danni uditivi e le maggiori fonti di rumore sono costituite dalle stampanti e da altri strumenti di lavoro (fotocopiatrici, centri CED non insonorizzati, telefoni, ecc.) oppure può esservi presenza di disturbo acustico in relazione al numero delle persone che dialogano. I livelli di rumore nei nostri uffici risultano sempre al di sotto del valore inferiore di azione = 80dB(A). Il livello di rumorosità riferibile all uso di attrezzature di lavoro manuali, quali ad esempio utensili meccanici o elettrici, è molto variabile e può anche comportare esposizioni significative, che richiedono, tra le altre cose, una sorveglianza specifica di tipo sanitario e l utilizzo di apposite protezioni individuali al bisogno. La rumorosità presente nelle installazioni sul territorio dipende dal ciclo di funzionamento e può anche richiedere interventi di insonorizzazione allo scopo di salvaguardare l impatto con l ambiente circostante. Vibrazione L'esposizione dell'uomo alle vibrazioni è aumentata progressivamente con lo sviluppo della meccanizzazione industriale ed agricola e con lo impiego crescente dei mezzi di trasporto. Vibrazioni al corpo intero : il corpo umano viene sollecitato nella sua totalità della struttura che vibra attraverso la superficie di appoggio (guida di automezzi) Vibrazione del sistema mano braccio : utensili vibranti, macchine ad aria compressa, elettroutensili (smerigliatrici, trapani, frese etc.) 4_Rischi d organizzazione del lavoro Videoterminali Pagina21

22 La moderna tecnologia informatica ha portato alla presenza sempre più diffusa di apparecchiature munite di schermo (dette videoterminali) nei luoghi di lavoro e, conseguentemente, maggiore esposizione di lavoratori a quello che viene definito rischio da videoterminale. È però necessario sottolineare che la tecnologia utilizzata per la realizzazione di queste apparecchiature esclude un rischio legato alla esposizione alle radiazioni provenienti dallo schermo. Quindi il rischio non è di esposizione a radiazioni, ma piuttosto legato a problemi di postura e di affaticamento visivo. Norme di Comportamento Rispettare le naturali pause nell utilizzo dei videoterminali (almeno 15 minuti ogni due ore consecutive); Adeguare il proprio posto di lavoro alle proprie esigenze fisiche. In particolare è necessario adattare l altezza della sedia ed eventualmente richiedere un poggiapiedi; Evitare che il contrasto del video provochi facile lacrimazione; Ingrandire i caratteri in modo da non esigere un eccessivo sforzo visivo; Posizionare il monitor in modo tale da evitare di avere fonti luminose sull asse occhio-schermo. Qualora ciò non fosse possibile, avvalersi di tende oscuranti; Collocare la tastiera in modo da permettere un comodo posizionamento degli avambracci; Avvisare il proprio superiore se la postazione è soggetta a correnti d aria; Segnalare al Medico Competente dell Azienda l eventuale insorgenza di difficoltà visive (anche presunte). Stress lavoro -correlato Lo stress può mettere in pericolo la sicurezza sul luogo di lavoro e contribuire all insorgere di altri problemi di salute legati all attività lavorativa quali i disturbi muscolo-scheletrici. Pagina22

23 Lo stress incide in misura massiccia sul risultato economico di un organizzazione. L obbligo di redazione del DVR Documento di Valutazione Rischio stress mira a identificare le potenziali cause di stress e a pianificare azioni preventive per tutelare i lavoratori contro questa forma di malattia professionale. Ambienti di lavoro, Pagina23

24 D.Lgs. 81/2008 TITOLO II capo I ( disposizioni generali) art all.iv; capo II (sanzioni) art.68 Per luoghi di lavoro si intendono : Tutti i luoghi destinati a contenere i posti di lavoro, ubicati all'interno dell'azienda.. nonché ogni altro luogo nell'area della medesima azienda o unità produttiva comunque accessibile per il lavoro. Dispositivi protezione individuali (DPI) Art. 78. Obblighi dei lavoratori Si intende per dispositivo di protezione individuale, di seguito denominato «DPI», qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi suscettibili di minacciarne la sicurezza o la salute durante il lavoro, nonche' ogni complemento o accessorio destinato a tale scopo. 2. In ottemperanza a quanto previsto dall'articolo 20, comma 2, lettera d), i lavoratori utilizzano i DPI messi a loro disposizione conformemente all'informazione e alla formazione ricevute e all'addestramento eventualmente organizzato ed espletato. 3. I lavoratori: a) provvedono alla cura dei DPI messi a loro disposizione; b) non vi apportano modifiche di propria iniziativa. 4. Al termine dell'utilizzo i lavoratori seguono le procedure aziendali in materia di riconsegna dei DPI. 5. I lavoratori segnalano immediatamente al datore di lavoro o al dirigente o al preposto qualsiasi difetto o inconveniente da essi rilevato nei DPI messi a loro disposizione. Movimentazione manuale carichi, D.Lgs. 81/08 Titolo VI - art. da 168 allegati XXXIII Movimentazione merci (apparecchi di sollevamento, mezzi trasporto). Per Movimentazione manuale dei carichi si intendono le operazioni di trasporto o di sostegno di un carico ad opera di uno o più lavoratori... Pagina24

25 L uso corretto della schiena e uno dei mezzi principali per ridurre il dolore e allontanare le ricadute. (back school) Con il nuovo D.Lgs. 81/08 la MMC è disciplinata dal Titolo VI e dall'allegato XXIII nel quale si fa riferimento alla norma ISO come riferimento a norme tecniche. Nella ISO si stabilisce che: il peso massimo sollevabile in condizioni ottimali (ovvero senza curvare o ruotare la schiena) è di 25 kg per gli uomini e 15 kg per le donne e gli adolescenti maschi, 10 kg per le adolescenti femmine. Il limite precedentemente stabilito dal D.Lgs. 626/94 era di 30 kg per l'uomo, 20 kg per la donna e l'adolescente maschio e 15 kg per l'adolescente femmina. Pagina25

26 5_Le procedure di sicurezza Emergenze, Emergenza = immediato pericolo di vita, tutte le risorse su quel caso. Urgenza = Potenzialmente in pericolo di vita, tutte le risorse sul caso, salvo emergenze in atto. Non urgente = Si monitorizza il caso e viene gestito dopo emergenza e urgenza. Allertare immediatamente il coordinatore dell emergenza + Allertare immediatamente i responsabili di piano + Avvertire telefonicamente i vigili del fuoco + Avvertire telefonicamente il pronto soccorso sanitario + Se necessario fare scattare il piano di evacuazione + Aprire cancelli esterni per permettere l accesso dei mezzi di soccorso + Presidiare l ingresso impedendo l accesso a chiunque non sia addetto alle operazioni di emergenza Procedure esodo Vie e uscite di emergenza Le vie e le uscite di emergenza devono rimanere sgombre e consentire di raggiungere il più rapidamente possibile un luogo sicuro; In caso di pericolo tutti i posti di lavoro (es:aule, laboratori) devono poter essere evacuati rapidamente e in piena sicurezza da parte dei lavoratori; Il numero, la distribuzione e le dimensioni delle vie e delle uscite di emergenza devono essere adeguate alle dimensioni dei luoghi di lavoro, Le vie e le uscite di emergenza devono avere: - altezza minima di m 2,0 e - larghezza minima conforme alla normativa vigente in materia antincendio (multipli di 0,60 m ; se una sola allora 0,80 m) Le vie e le uscite di emergenza nonché le vie di circolazione e le porte che vi danno accesso non devono essere ostruite da oggetti in modo da poter essere utilizzate in ogni momento senza impedimenti; Le vie e le uscite di emergenza devono essere evidenziate da apposita segnaletica Pagina26

27 Segnaletica di sicurezza D.Lgs. 81/08 Titolo V - art. da 161 a 166 allegati da XXIV a XXXII SEGNALE DI AVVERTIMENTO: un segnale che avverte di un rischio o pericolo SEGNALI DI DIVIETO: un segnale che vieta un comportamento che potrebbe far incorrere o causare un pericolo SEGNALE DI PRESCRIZIONE:un segnale che prescrive un determinato comportamento SEGNALE DI SALVATAGGIO O DI SOCCORSO: segnale che fornisce indicazioni relative alle uscite di sicurezza o ai mezzi di soccorso o di salvataggio Procedure incendi L incendio è definito come una reazione di combustione, più o meno complessa, che si manifesta in presenza di ossigeno. La combustione è una reazione chimica accompagnata in genere da un forte sviluppo di calore, dalla manifestazione della fiamma e dall emanazione di fumi, gas, ceneri, fuliggine e varie scorie. Gli elementi che contribuiscono allo sviluppo di un incendio sono tre e devono agire in concomitanza: 1. COMBURENTE ossigeno presente nell aria 2. COMBUSTIBILE materiali solidi, liquidi o gassosi 3. CALORE elemento di innesco Pagina27

28 CLASSIFICAZIONE DEGLI INCENDI Gli incendi vengono classificati secondo tre tipologie: A Incendio di materiali solidi che comportano la formazione di braci (carta, legname, tessuti, ecc.); B Incendio di liquidi infiammabili (benzina, alcol, ecc.); C Incendio di gas infiammabili (metano, GPL, ecc.). Tutti gli estintori presentano in etichetta i simboli, di seguito riportati, per indicare per quale classe di incendio sono stati omologati. Inoltre, è opportuno sapere che esistono anche degli incendi di natura elettrica (apparecchiature e sistemi sotto tensione), generalmente classificati di tipo E, sui quali è possibile intervenire con estintori a polvere o a CO 2. Il rischio incendio è sempre presente nella maggioranza dei luoghi di lavoro. Il datore di lavoro ha l obbligo di designare il/i lavoratore/i addetti alla prevenzione incendi e gestione delle emergenze. Questi lavoratori hanno diritto ad avere una formazione specifica in merito a tale rischio e alle norme per prevenire gli incendi. Pagina28

29 Procedure organizzative per il primo soccorso, COME INTERVENIRE in caso di infortunio/malore + Convocare immediatamente sul luogo dell infortunio/malore l incaricato al pronto soccorso + Astenersi da qualsiasi intervento sull infortunato fino all arrivo dell incaricato al pronto soccorso + Evitare affollamenti nei pressi dell infortunato + Collaborare con l incaricato del pronto soccorso seguendone le istruzioni Pagina29

30 e fornendogli le attrezzature ed i materiali richiesti + Chiamare telefonicamente il soccorso medico esterno Incidenti e infortuni mancati, INCIDENTE: Evento che ha prodotto danni solo materiali, ma che ha rischiato di causare danni anche alle persone INFORTUNIO MANCATO: È detto anche evento sentinella perché un numero elevato di incidenti caratterizza una situazione a forte rischio d infortunio Pagina30

31 Incidente sul lavoro Con il termine"incidente sul lavoro"viene indicato un evento inatteso e che può interrompere un'attività con o senza danni per le persone e/o le proprietà e/o l ambiente. Altri Rischi e buoni consigli 1. Avere cura della propria tutela personale e di quella dei colleghi; 2. Osservare le disposizioni e le istruzioni di lavoro dal preposto ; 3. Utilizzare correttamente macchinari, apparecchiature, utensili e dispositivi di sicurezza; 4. Non rimuovere, non modificare, non manomettere i dispositivi di sicurezza; 5. Non compiere di propria iniziativa operazioni o manovre che, diverse da quelle impartite possono compromettere la sicurezza propria o altrui; 6. Segnalare al preposto eventuali anomalie, inconvenienti o condizioni di potenziale pericolo; 7. Utilizzare in modo appropriato i dispositivi di protezione individuale forniti dall azienda; 8. Non lubrificare, non registrare, né eseguire operazioni su organi in movimento; 9. Usare con cura le predisposizioni di uso comune (es. spogliatoi, servizi igienici, arredi ); 10. Non usare calzature non consone con l ambiente di lavoro (es. scarpe di tela, calzature aperte). Pagina31

Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro

Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro ACCONCIATORI ESTETISTI TATUATORI BODY PIERCING LUOGO DI LAVORO dott. Roman Sisto Scarselletta geom. Guido Barba Tecnici della Prevenzione Bussana 30/11/2015

Dettagli

Figure coinvolte nella gestione della sicurezza. Cominciamo dalle figure generiche, ovvero senza specifici compiti di gestione della sicurezza

Figure coinvolte nella gestione della sicurezza. Cominciamo dalle figure generiche, ovvero senza specifici compiti di gestione della sicurezza Figure coinvolte nella gestione della sicurezza Già il D.Lgs. 626/94 prevedeva precise misure organizzative L impostazione è stata confermata dal D.Lgs. 81/08 Analisi delle particolarità dell applicazione

Dettagli

E LA SICUREZZA DELLE APPARECCHIATURE ELETTROMEDICALI E DEGLI IMPIANTI

E LA SICUREZZA DELLE APPARECCHIATURE ELETTROMEDICALI E DEGLI IMPIANTI Il D.Lgs. 81/2008 il D.Lgs. 106/2009, le Norme Europee E LA SICUREZZA DELLE APPARECCHIATURE ELETTROMEDICALI E DEGLI IMPIANTI Vincenzo Ventimigla IL D.LGS. 81/2008, il D.Lgs. 106/2009 e le attrezzature

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO

CORSO DI SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO CORSO DI SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013-2014 ASL AZIENDA SANITARIA LOCALE PROVINCIA DI BERGAMO Dott. Sergio Piazzolla Medico del Lavoro S.P.S.A.L. SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA

Dettagli

INFORMAZIONE FIGURE SENSIBILI

INFORMAZIONE FIGURE SENSIBILI INFORMAZIONE FIGURE SENSIBILI ASPP: gli addetti al servizio di prevenzione e protezione vengono designati dal Dirigente scolastico, sentito il RLS, tenendo conto delle dimensioni della scuola e della struttura

Dettagli

Formazione generale dei lavoratori. FORMAZIONE DEI LAVORATORI EX D.Lgs. 81/08 (art. 37) E ACCORDO STATO-REGIONI 21/12/2011

Formazione generale dei lavoratori. FORMAZIONE DEI LAVORATORI EX D.Lgs. 81/08 (art. 37) E ACCORDO STATO-REGIONI 21/12/2011 Formazione generale dei lavoratori M2 FORMAZIONE DEI LAVORATORI EX D.Lgs. 81/08 (art. 37) E ACCORDO STATO-REGIONI 21/12/2011 CONCETTI GENERALI 2 SALUTE 3 SALUTE Stato di completo benessere fisico, mentale

Dettagli

Premessa generale alla valutazione dei rischi. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO A Unità didattica A3.

Premessa generale alla valutazione dei rischi. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO A Unità didattica A3. Premessa generale alla valutazione dei rischi MODULO A Unità didattica A3.1 CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03 SALUTE SALUTE Stato di completo benessere fisico, mentale e sociale,

Dettagli

Cenni Storici. Il Decreto Legislativo n. 81/2008 e s.m.i. Cenni Storici. Cenni Storici. Principi generali

Cenni Storici. Il Decreto Legislativo n. 81/2008 e s.m.i. Cenni Storici. Cenni Storici. Principi generali Il Decreto Legislativo n. 81/2008 e s.m.i. Principi generali Dott. Ing. Trimarchi Luigi INAIL Dir. Reg. Emilia Romagna Bologna 12 ottobre 2010 Cenni Storici La normativa italiana si è evoluta nel tempo;

Dettagli

RUOLO DEL PREPOSTO INDIVIDUAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI

RUOLO DEL PREPOSTO INDIVIDUAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI CORSO DI FORMAZIONE PER PREPOSTI D.lgs. 81/08 RUOLO DEL PREPOSTO INDIVIDUAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI a cura di Giuliano Pancaldi D.LGS. 81/08 TITOLO I Capo III Sezione II Valutazione dei rischi Articolo

Dettagli

RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA

RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA DURATA: 08 10 1/09 Qualora il lavoratore risulti INIDONEO ad una mansione specifica il datore di lavoro adibisce il lavoraotre, ove possibile ad altra mansione

Dettagli

Sommario PARTE I - T.U. N. 81/2008

Sommario PARTE I - T.U. N. 81/2008 XI Presentazione... Profili Autori... V VII PARTE I - T.U. N. 81/2008 CAPITOLO 1 TITOLO I T.U. - PRINCIPI COMUNI CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI... 1 Il lavoratore... 6 Il datore di lavoro... 8 Il dirigente...

Dettagli

DATA: DITTA (ragione sociale): SEDE LEGALE E AMMINISTRATIVA: SEDE OPERATIVA (se presente): SETTORE:

DATA: DITTA (ragione sociale): SEDE LEGALE E AMMINISTRATIVA: SEDE OPERATIVA (se presente): SETTORE: DATA: DITTA (ragione sociale): SEDE LEGALE E AMMINISTRATIVA: SEDE OPERATIVA (se presente): SETTORE: (industria, commercio, edilizia, artigianato, servizi etc.) CODICE ATECO PRINCIPALE: CODICE FISCALE/P.IVA:

Dettagli

Modulo B. Formazione tecnica specifica per settore produttivo (per RSPP e ASPP) Durata 60 ore per il macrosettore ATECO 1 Agricoltura

Modulo B. Formazione tecnica specifica per settore produttivo (per RSPP e ASPP) Durata 60 ore per il macrosettore ATECO 1 Agricoltura Modulo B Formazione tecnica specifica per settore produttivo (per RSPP e ASPP) Durata 60 ore per il macrosettore ATECO 1 Agricoltura Questo modulo si articola in macrosettori costruiti tenendo conto dell

Dettagli

MODULO A PER RSPP/ASPP- MACRO SETTORE DI ATTIVITA : TUTTI

MODULO A PER RSPP/ASPP- MACRO SETTORE DI ATTIVITA : TUTTI MODULO A PER RSPP/ASPP- MACRO SETTORE DI ATTIVITA : TUTTI MODULO ORE ARGOMENTO La filosofia del D.lgs 66/94 in riferimento METODI MATERIALI DIDATTICI DOCENTI L approccio alla prevenzione attraverso il

Dettagli

CATALOGO CORSI. Novembre Dicembre Catalogo corsi Novembre - Dicembre 2016 Valrisk S.r.l. Pagina 1 di 15

CATALOGO CORSI. Novembre Dicembre Catalogo corsi Novembre - Dicembre 2016 Valrisk S.r.l. Pagina 1 di 15 CATALOGO CORSI Sede Operativa: Via Stelvio, 19-23014 Delebio (Sondrio) Sede legale: Via Giulio Uberti, 12-20129 MILANO Telefono:0342-684377 - FAX:0342-685899 e-mail: info@valrisk.it P.Iva 07246240969 Novembre

Dettagli

FORMAZIONE OBBLIGATORIA RESPONSABILE SERVIZI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP) E ADDETTO SERVIZI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (ASPP) Modulo base A

FORMAZIONE OBBLIGATORIA RESPONSABILE SERVIZI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP) E ADDETTO SERVIZI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (ASPP) Modulo base A FORMAZIONE OBBLIGATORIA RESPONSABILE SERVIZI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP) E ADDETTO SERVIZI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (ASPP) Modulo base A Comparto: Sicurezza aziendale Codice: 1911023 Descrizione

Dettagli

TITOLO III - USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE D.Lgs. 09 aprile 2008 n. 81

TITOLO III - USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE D.Lgs. 09 aprile 2008 n. 81 Note all Art. 77 Richiami all Art. 77: - Art. 78, co. 1 - Art. 79, co. 1 Articolo 78 - Obblighi dei lavoratori 1. In ottemperanza a quanto previsto dall articolo 20, comma 2, lettera h), i lavoratori si

Dettagli

Adempimenti obbligatori per studi medici e odontoiatrici

Adempimenti obbligatori per studi medici e odontoiatrici Università di Asti 11 maggio 2013 Adempimenti obbligatori per studi medici e odontoiatrici D.Lgs 81/2008 DVR RSPP - RLS Collaboratori di studio medico e odontoiatrico Relatore: Dott. Ing. Francesco Carbone

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CASSINO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CASSINO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CASSINO FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di laurea in ingegneria meccanica Modulo didattico Sicurezza degli impianti industriali Seminario Il documento di valutazione dei rischi (Ing.

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI E LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Informazioni relative alla prevenzione, alla lotta antincendio e alla gestione dell emergenza

LA PREVENZIONE INCENDI E LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Informazioni relative alla prevenzione, alla lotta antincendio e alla gestione dell emergenza LA PREVENZIONE INCENDI E LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Informazioni relative alla prevenzione, alla lotta antincendio e alla gestione dell emergenza Definizione di incendio L incendio è la combustione sufficientemente

Dettagli

CORSO PER GLI RLS (32 ore)

CORSO PER GLI RLS (32 ore) SANZIONI 1 SANZIONI 2 3 CORSO PER GLI RLS (32 ore) Corso RLS in aziende con meno di 50 dipendenti e aziende con più di 50 dipendenti Ogni attività lavorativa, nella quale sono presenti dei lavoratori,

Dettagli

Normativa in tema di Sicurezza sui luoghi di lavoro

Normativa in tema di Sicurezza sui luoghi di lavoro Normativa in tema di Sicurezza sui luoghi di lavoro L esigenza nasce da ragioni di carattere: Perché la Sicurezza? ETICO ECONOMICO OBBLIGHI CONTRATTUALI OBBLIGHI LEGISLATIVI Gli obiettivi finali della

Dettagli

MANUALE DELLA SICUREZZA

MANUALE DELLA SICUREZZA In caso di MANUALE DELLA SICUREZZA Incendio Fuga di gas Sversamento Allagamento Azione criminosa Infortunio/malore Guasto elettrico Terremoto Nube tossica Alluvione Pagina 1 di 15 Devi sapere che la tua

Dettagli

QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO Corso di formazione in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro

QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO Corso di formazione in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO Corso di formazione in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro.. 1. Il D.Lgs. 81/2008: Sostituisce solo il D.Lgs. 626/94 Modifica le norme di sicurezza

Dettagli

Dispositivi Di Protezione Individuale

Dispositivi Di Protezione Individuale Sezione di Roma 1 Roma, 28 Gennaio 2008 Giornata Formativa Sicurezza Nei Luoghi Di Lavoro Dipartimento di Fisica Ed. Marconi Aula Conversi Dispositivi Di Protezione Individuale Antonio Giampaoli giampaoli@lngs.infn.it

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità

Istituto Superiore di Sanità Istituto Superiore di Sanità Disposizione Operativa Generale N 3 ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DEI RISCHI DA LAVORO VERSIONE DATA DI EMISSIONE PREPARATA DA APPROVATA DA 00 25

Dettagli

Rischi connessi all uso di Macchine e Attrezzature di lavoro

Rischi connessi all uso di Macchine e Attrezzature di lavoro Rischi connessi all uso di Macchine e Attrezzature di lavoro D. Lgs. 81-2008 Titolo III CAPO I -Articolo 69 - Definizioni 1. Agli effetti delle disposizioni di cui al presente Titolo si intende per: a)

Dettagli

Corso di formazione. Per RLS ed ASPP

Corso di formazione. Per RLS ed ASPP Corso di formazione Per RLS ed ASPP INTRODUZIONE Dal 27 gennaio 2012 sono entrati in vigore gli Accordi Stato-Regioni del 21 dicembre 2011, pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale n. 8 dell 11 gennaio 2012,

Dettagli

Modulo B. Obiettivi generali:

Modulo B. Obiettivi generali: Modulo B Formazione tecnica specifica per settore produttivo (per RSPP e ASPP) Durata 60 ore per il macrosettore ATECO 3 Estrazioni minerali - Altre industrie estrattive - Costruzioni Questo modulo si

Dettagli

Corso RLS 32 ore. Docente: 123 Formazione iltuocorso Ermes srl Via E. De Amicis, Milano

Corso RLS 32 ore. Docente: 123 Formazione  iltuocorso Ermes srl Via E. De Amicis, Milano Corso RLS 32 ore Docente: 123 Formazione www.123formazione.it iltuocorso Ermes srl Via E. De Amicis, 57 20123 Milano Il corso Corso online R.L.S. - Rappresentante sicurezza dei lavoratori 32 Ore (Ai sensi

Dettagli

RIPRENDIAMO DAL MODULO BASE I

RIPRENDIAMO DAL MODULO BASE I CORSO DI FORMAZIONE (ai sensi art. 37, D.Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81) LA SICUREZZA NELLA SCUOLA CORSO BASE MODULO A 1 PRINCIPALI RISCHI PER IL PERSONALE ATA RIPRENDIAMO DAL MODULO BASE I CONCETTI DI: PERICOLO,

Dettagli

Modulo B. Formazione tecnica specifica per settore produttivo (per RSPP e ASPP) Durata 60 ore per il macrosettore ATECO 7 - sanità servizi sociali

Modulo B. Formazione tecnica specifica per settore produttivo (per RSPP e ASPP) Durata 60 ore per il macrosettore ATECO 7 - sanità servizi sociali Modulo B Formazione tecnica specifica per settore produttivo (per RSPP e ASPP) Durata 60 ore per il macrosettore ATECO 7 - sanità servizi sociali Questo modulo si articola in macrosettori costruiti tenendo

Dettagli

DVR E - Pag. 1 di 6. Valutazione dei rischi per attività lavorativa. Istituto Comprensivo PONSO. Em. 01 del EGATO ALLEG VORATIVA

DVR E - Pag. 1 di 6. Valutazione dei rischi per attività lavorativa. Istituto Comprensivo PONSO. Em. 01 del EGATO ALLEG VORATIVA DVR E - Pag. 1 di 6 AEG EGATO E VAU TAZIO NE DEI RISCHI PER ATTIVI TA AVO VORATIVA DVR E - Pag. 2 di 6 VAUTAZIONE DEI RISCHI PER ATTIVITA' AVORATIVA effettuata ai sensi del D.gs. 81/2008 egenda A RISCHI

Dettagli

I CONCETTI DI RISCHIO, DANNO, PERICOLO, PREVENZIONE, PROTEZIONE RAAM SRL

I CONCETTI DI RISCHIO, DANNO, PERICOLO, PREVENZIONE, PROTEZIONE RAAM SRL I CONCETTI DI RISCHIO, DANNO, PERICOLO, PREVENZIONE, PROTEZIONE 1 I CONCETTI DI RISCHIO, DANNO, PERICOLO, PREVENZIONE, PROTEZIONE RISCHIO Probabilità di raggiungere il livello potenziale di danno nelle

Dettagli

Modulo B. Obiettivi generali:

Modulo B. Obiettivi generali: Modulo B Formazione tecnica specifica per settore produttivo (per RSPP e ASPP) Durata 24 ore per il macrosettore ATECO 8 Pubblica amministrazione e istruzione Questo modulo si articola in macrosettori

Dettagli

I concetti di rischio e pericolo

I concetti di rischio e pericolo I concetti di rischio e pericolo Durata: 12 26 La valutazione del rischio D.Lgs. 81/2008 Articolo 15 - Misure generali di tutela Nelle misure generali di tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori

Dettagli

MODULO PRATICO (ORE) RSPP 16/32/48 // // Provana Quality Center. Aggiornamento RSPP 6/10/14 // // Provana Quality Center

MODULO PRATICO (ORE) RSPP 16/32/48 // // Provana Quality Center. Aggiornamento RSPP 6/10/14 // // Provana Quality Center CATALOGO CORSI ANNO 2016 1. RIEPILOGO CORSI Area SICUREZZA SUL LAVORO ATTREZZATURA MODULO TEORICO (ORE) MODULO PRATICO (ORE) SEDE DEL CORSO Piattaforma di Lavoro mobili elevabili (PLE) 4 4 per PLE con

Dettagli

Annalisa Lantermo ASL1 Torino Convegno Sicurezza sul lavoro oggi Città di Torino, Presidenza del Consiglio Comunale Torino, 13 maggio 2008

Annalisa Lantermo ASL1 Torino Convegno Sicurezza sul lavoro oggi Città di Torino, Presidenza del Consiglio Comunale Torino, 13 maggio 2008 EVOLUZIONE NORMATIVA, VIGILANZA, INFORMAZIONE E ASSISTENZA Annalisa Lantermo ASL1 Torino Convegno Sicurezza sul lavoro oggi Città di Torino, Presidenza del Consiglio Comunale Torino, 13 maggio 2008 D.LGS.

Dettagli

Salute e sicurezza sul lavoro, elemento determinante per la competitività delle imprese

Salute e sicurezza sul lavoro, elemento determinante per la competitività delle imprese Ferrara, 29 giugno 2015 Salute e sicurezza sul lavoro, elemento determinante per la competitività delle imprese La Prevenzione Incendi nei luoghi di lavoro Ing. Massimo Fratti Corpo Nazionale Vigili del

Dettagli

Formazione dei Lavoratori

Formazione dei Lavoratori pagina 1 di 8 Formazione dei Lavoratori articolo 37 D.Lgs. 81/08 Accordo Conferenza Stato Regioni del 21/12/2011 Rep. Atti n. 221/CSR Gazzetta Ufficiale n. 8 del 11 gennaio 2012 pagina 2 di 8 paragrafo

Dettagli

IL DLgs 81/08: QUALI OBBLIGHI? leo morisi

IL DLgs 81/08: QUALI OBBLIGHI? leo morisi IL DLgs 81/08: QUALI OBBLIGHI? leo morisi 1 Struttura Il DLgs 81/08 è composto da 305 articoli, 51 allegati + di 20 decreti o linee guida o regolamenti delegati Abroga: Il DPR 547/55 Il DPR 164/56 Il DPR

Dettagli

L'accordo Stato-Regioni del 2011 prevede una formazione generale per i lavoratori, studenti di ore 4 e una formazione specifica di ore 4.

L'accordo Stato-Regioni del 2011 prevede una formazione generale per i lavoratori, studenti di ore 4 e una formazione specifica di ore 4. FORMAZIONE GENERALE SICUREZZA L'accordo Stato-Regioni del 2011 prevede una formazione generale per i lavoratori, studenti di ore 4 e una formazione specifica di ore 4. 1) Responsabilizzazione dei lavoratori.

Dettagli

Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. Sezione di Milano Bicocca

Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. Sezione di Milano Bicocca Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Sezione di Milano Bicocca Corsi di formazione anno 2009 in collaborazione con: Istituto Superiore di Formazione alla Prevenzione 30 NOVEMBRE 2009 Aula (da definire)

Dettagli

Modulo B. Formazione tecnica specifica per settore produttivo (per RSPP e ASPP) Da 8 a 68 ore a seconda del macrosettore di appartenenza

Modulo B. Formazione tecnica specifica per settore produttivo (per RSPP e ASPP) Da 8 a 68 ore a seconda del macrosettore di appartenenza Modulo B Formazione tecnica specifica per settore produttivo (per RSPP e ASPP) Da a 6 ore a seconda del macrosettore di appartenenza Questo modulo si articola in macrosettori costruiti tenendo conto dell

Dettagli

Obblighi dei lavoratori previsti dal D.Lgs Agg. al D.Lgs. 3 agosto 2009, n Corso SIC-03

Obblighi dei lavoratori previsti dal D.Lgs Agg. al D.Lgs. 3 agosto 2009, n Corso SIC-03 Obblighi dei lavoratori previsti dal D.Lgs. 81-08 Agg. al D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106 Corso SIC-03 Rev 03 del 20.01.11 Obblighi dei lavoratori Definizione - Lavoratore - (art. 2) Si intende per: LAVORATORE

Dettagli

PIANO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

PIANO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI CITTA DI ALESSANDRIA DIREZIONE EDUCAZIONE SPORT, CULTURA, MUSEI E TURISMO PIANO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI (artt. 28/29 D.Lgs. 81/2008) CAMPO ATLETICA LEGGERA VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LAVORATRICI IN STATO

Dettagli

Formazione del personale

Formazione del personale Formazione del personale Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro DEFINIZIONI Attrezzatura di lavoro: qualsiasi macchina, apparecchio, utensile o impianto, inteso come il complesso di macchine, attrezzature

Dettagli

Provincia di Forlì-Cesena

Provincia di Forlì-Cesena Provincia di Forlì-Cesena Servizio Progettazione e Manutenzione Fabbricati Ufficio Servizio Prevenzione e Protezione PROGRAMMA DELLA FORMAZIONE ANNUALE Provincia di Forlì-Cesena 2012 sito web: www.provincia.fc.it

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE Art. 37, comma 2, D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011. g Antonio Giorgi RSPP

CORSO DI FORMAZIONE Art. 37, comma 2, D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011. g Antonio Giorgi RSPP I.C. A. VOLTA Via Botticelli, 31 04100 Latina CORSO DI FORMAZIONE Art. 37, comma 2, D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011 Ing. g Antonio Giorgi g RSPP Il Decreto legislativo 9 aprile

Dettagli

Responsabile e Addetto del Servizio di Prevenzione e Protezione

Responsabile e Addetto del Servizio di Prevenzione e Protezione Responsabile e Addetto del Servizio di Prevenzione e Protezione MODULO B5 Decreto Legislativo coordinato 81/2008 e 106/2009-STATO-REGIONI 26.01.06 RAFFINERIE-TRATTAMENTO COMBUSTIBILI NUCLEARI- INDUSTRIA

Dettagli

Materiale didattico validato da: Rischio Chimico. Rev. 2 ott Rischio Chimico slide 1 di 24

Materiale didattico validato da: Rischio Chimico. Rev. 2 ott Rischio Chimico slide 1 di 24 Rischio Chimico Rev. 2 ott. 2009 Rischio Chimico slide 1 di 24 Cos è il rischio chimico Il rischio chimico in ambiente di lavoro è riconducibile all insieme dei rischi per la Sicurezza e per la Salute,

Dettagli

Istituto Comprensivo Centro Storico. Dispensa informativa per docenti e non docenti. Informazioni di base per la sicurezza nell ambiente scolastico

Istituto Comprensivo Centro Storico. Dispensa informativa per docenti e non docenti. Informazioni di base per la sicurezza nell ambiente scolastico Dispensa informativa per docenti e non docenti PREMESSA Le informazioni contenute nella presente dispensa sono nozioni fondamentali per l organizzazione e la gestione della sicurezza all interno della

Dettagli

Rischio da atmosfere esplosive (ATEX) Premessa Obiettivi

Rischio da atmosfere esplosive (ATEX) Premessa Obiettivi Risschi io da attmossfferre esspl lossi ive ((ATTEX)) Premessa Nonostante i continui miglioramenti delle condizioni di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro che hanno caratterizzato gli ultimi decenni,

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER RESPONSABILI ED ADDETTI AL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AI SENSI DEL D. LGS. N 81/2008

CORSO DI FORMAZIONE PER RESPONSABILI ED ADDETTI AL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AI SENSI DEL D. LGS. N 81/2008 CORSO DI FORMAZIONE PER RESPONSABILI ED ADDETTI AL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AI SENSI DEL D. LGS. N 81/2008 Accordo Stato Regioni del 26 gennaio 2006 Modulo A I Dispositivi di Protezione Individuale

Dettagli

Modulo B6. PROGRAMMA CORSO MODULO A Il sistema legislativo: D. Lgs. 81/2008 e modifiche (D. Lgs. 106/09)

Modulo B6. PROGRAMMA CORSO MODULO A Il sistema legislativo: D. Lgs. 81/2008 e modifiche (D. Lgs. 106/09) Corso RSPP Modulo A+B+C+ per consulenti Titolo corsosettore Costo (IVA Durata ore esclusa) Modulo A 28 600 Modulo B1 Agricoltura 36 800 Modulo B2 Pesca 36 800 Modulo B3 Estrazioni Minerali e Costruzioni

Dettagli

Il ruolo delle ASL in relazione alla sicurezza e igiene del lavoro. Giuseppe Petrioli Direttore Dipartimento di Prevenzione ASL 10 di Firenze

Il ruolo delle ASL in relazione alla sicurezza e igiene del lavoro. Giuseppe Petrioli Direttore Dipartimento di Prevenzione ASL 10 di Firenze Il ruolo delle ASL in relazione alla sicurezza e igiene del lavoro Giuseppe Petrioli Direttore Dipartimento di Prevenzione ASL 10 di Firenze Enti preposti al controllo: ASL Azienda USL (Unità funzionali

Dettagli

Formazione di Base per i Lavoratori. Servizio di Prevenzione e Protezione

Formazione di Base per i Lavoratori. Servizio di Prevenzione e Protezione Formazione di Base per i Lavoratori Servizio di Prevenzione e Protezione D.P.I. Se ne parla esplicitamente al Titolo III, Capo II del D.Lgs. 81/08 Inoltre si fa riferimento anche all allegato VIII: Indicazioni

Dettagli

INFORMAZIONE, AGGIORNAMENTO

INFORMAZIONE, AGGIORNAMENTO RSPP Corso di aggiornamento 14 ore LAVORATORI E RSPP: FORMAZIONE, INFORMAZIONE, AGGIORNAMENTO Contenuti della formazione e informazione ai lavoratori, della formazione RSPP e relative scadenze 4.1 RSPP

Dettagli

Decreto Legislativo 81/2008

Decreto Legislativo 81/2008 Decreto Legislativo 81/2008 Introduzione Il DLvo 81, naturale evoluzione della precedente normativa di sicurezza (principalmente individuabile nel DPR 547/55 e nel DLvo 626/94), indica le misure finalizzate

Dettagli

Parte 1. Rischi meccanici e attrezzature, Rischi elettrici generali, Cadute dall alto, Esplosione

Parte 1. Rischi meccanici e attrezzature, Rischi elettrici generali, Cadute dall alto, Esplosione Parte 1 Rischi meccanici e attrezzature, Rischi elettrici generali, Cadute dall alto, Esplosione 1 XXXXXXXXXX Nella nostra azienda sono presenti le seguenti attrezzature: XXXXXXX XXXXXXXXXX XXXXXXXXXXX

Dettagli

Rischio Chimico. Definizioni

Rischio Chimico. Definizioni Rischio Chimico Definizioni a) agenti chimici: tutti gli elementi o composti chimici, sia da soli sia nei loro miscugli, allo stato naturale o ottenuti, utilizzati o smaltiti, compreso lo smaltimento come

Dettagli

ALLEGATI: - Elenco Addetti e numeri telefonici di emergenza. - Planimetrie Edificio. - Comportamento in caso di terremoto

ALLEGATI: - Elenco Addetti e numeri telefonici di emergenza. - Planimetrie Edificio. - Comportamento in caso di terremoto ALLEGATI: - Elenco Addetti e numeri telefonici di emergenza - Planimetrie Edificio - Pianta schematica edificio - TAV. 1 planimetria Piano Terra - TAV. 2 planimetria Piano Primo - TAV. 3 planimetria Piano

Dettagli

-PROGRAMMA DEL CORSO-

-PROGRAMMA DEL CORSO- -PROGRAMMA DEL CORSO- RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE MODULO B 7 (Decreto Legislativo coordinato 81/2008 e 106/2009-STATO-REGIONI 26.01.06 ) SANITA - SERVIZI SOCIALI Corso di 60 ore

Dettagli

Presentazione del corso Le regole generali

Presentazione del corso Le regole generali Università di Ferrara Insegnamento di Sicurezza sui luoghi di lavoro CdL Professioni Sanitarie A.A. 2015-2016 Presentazione del corso Le regole generali Dott. Salvatore Mìnisci 1 Le motivazioni: perché

Dettagli

Le emergenze: definizione e gestione

Le emergenze: definizione e gestione LE EMERGENZE 1 Le emergenze: definizione e gestione Procedure e piani di emergenza 2 Cosa è una «emergenza»? Dai Dizionari: Circostanza, difficoltà imprevista Situazione critica, di grave pericolo (es:

Dettagli

Formazione dei Lavoratori

Formazione dei Lavoratori Formazione dei Lavoratori Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Sezione di Bari Servizio di Prevenzione Protezione La percezione del rischio negli esseri umani [ fortemente condizionata dalle emozioni

Dettagli

Valutazione del rischio per i lavori su coperture

Valutazione del rischio per i lavori su coperture CONVEGNO NAZIONALE I lavori su coperture Valutazione del rischio per i lavori su coperture Luca Rossi 8 ottobre 2011 Sala Large Gallery Hall 22-25 Bolognafiere, Quartiere Fieristico Programma Introduzione

Dettagli

I soggetti della prevenzione aziendale nel nuovo quadro legislativo. Ruoli e responsabilità enrico galileo catelani

I soggetti della prevenzione aziendale nel nuovo quadro legislativo. Ruoli e responsabilità enrico galileo catelani I soggetti della prevenzione aziendale nel nuovo quadro legislativo Ruoli e responsabilità enrico galileo catelani prima però facciamo qualche passo indietro Sicurezza e salute del lavoro La promozione

Dettagli

Modulo 00 Introduzione alla formazione

Modulo 00 Introduzione alla formazione e-mail:info@studioingsardo.com Generale insegnanti e personale ATA Modulo 00 Introduzione alla Materiale tratto dai pacchetti di del SiRVeSS (Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole)

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER STUDENTI DELL ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI IN MATERIA DI SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO NEL COMPARTO EDILE

CORSO DI FORMAZIONE PER STUDENTI DELL ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI IN MATERIA DI SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO NEL COMPARTO EDILE CORSO DI FORMAZIONE PER STUDENTI DELL ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI IN MATERIA DI SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO NEL COMPARTO EDILE Sergio PIAZZOLLA ASL della Provincia di Bergamo Servizio Prevenzione

Dettagli

Decreto legislativo , n. 626 (Gazzetta Ufficiale 12 novembre 1994, n. 265)

Decreto legislativo , n. 626 (Gazzetta Ufficiale 12 novembre 1994, n. 265) Decreto legislativo 19.09.1994, n. 626 (Gazzetta Ufficiale 12 novembre 1994, n. 265) Attuazione delle direttive 89/391/CEE, 89/654/CEE, 89/655/CEE, 89/656/CEE, 90/269/CEE, 90/270/CEE, 90/394/CEE, 90/679/CEE,

Dettagli

AGENTI CHIMICI PERICOLOSI

AGENTI CHIMICI PERICOLOSI RISCHIO CHIMICO Il RISCHIO CHIMICO in ambiente di lavoro è riconducibile all insieme dei rischi per la Sicurezza e per la Salute, connessi con la presenza, nell ambito dello svolgimento delle lavorazioni,

Dettagli

Decreto Legislativo 81/2008 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

Decreto Legislativo 81/2008 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Decreto Legislativo 81/2008 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Articolo 2 - Definizioni 1. Ai fini ed agli effetti delle disposizioni di cui al presente decreto legislativo si intende

Dettagli

La formazione e addestramento al lavoro sicuro degli studenti

La formazione e addestramento al lavoro sicuro degli studenti La formazione e addestramento al lavoro sicuro degli studenti Claudio Bendanti Im.Tech S.r.l. Settimane della Sicurezza 2014 LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SICUREZZA NELL'ALTERNANZA SCUOLA/LAVORO Lunedì 10

Dettagli

LISTA DI CONTROLLO PER PARERE DI AGIBILITA NS. RIF. N. anno 2007

LISTA DI CONTROLLO PER PARERE DI AGIBILITA NS. RIF. N. anno 2007 DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA Commissione Nuovi Insediamenti Produttivi Distretto di LISTA DI CONTROLLO PER PARERE DI AGIBILITA NS. RIF. N. anno Risposta al prot.n. del Dati identificazione unità immobiliare:

Dettagli

INFN - SEZIONE DI GENOVA GARA CONDIZIONAMENTO CLEAN ROOM ATLAS/CMS

INFN - SEZIONE DI GENOVA GARA CONDIZIONAMENTO CLEAN ROOM ATLAS/CMS Istituto Nazionale Di Fisica Nucleare INFN - SEZIONE DI GENOVA GARA CONDIZIONAMENTO CLEAN ROOM ATLAS/CMS DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE ai sensi

Dettagli

D Lgs 81/2008. Evoluzione legislativa 04/05/2014. assicurazione. Anni 30 nascita dell INAIL. Legislazione prescrittiva DPR 547/1955 DPR 303/1956

D Lgs 81/2008. Evoluzione legislativa 04/05/2014. assicurazione. Anni 30 nascita dell INAIL. Legislazione prescrittiva DPR 547/1955 DPR 303/1956 Corso Base per Operatori Volontari A1 01 Pubblicazione 05/2014 revisione D. Lgs. 81/2008 1 Evoluzione legislativa Normativa sui luoghi di lavoro Normativa sulla Protezione Civile assicurazione Anni 30

Dettagli

Dispositivi di Protezione Individuale (DPI)

Dispositivi di Protezione Individuale (DPI) Dispositivi di Protezione Individuale (DPI) Dispositivi di Protezione Individuale (D.P.I.) Per D.P.I. si intende qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo

Dettagli

PROGRAMMA CORSO PER RSPP

PROGRAMMA CORSO PER RSPP PROGRAMMA CORSO PER RSPP MODULO A Titolo Argomenti Tempi Presentazione del corso L approccio alla prevenzione attraverso il D. Lgs. 626/94 per un percorso di miglioramento della sicurezza e della salute

Dettagli

CORSO PER RSPP - ASPP MODULO B

CORSO PER RSPP - ASPP MODULO B CORSO PER RSPP - ASPP MODULO B Il modulo B di specializzazione è relativo al corso di formazione che tratta la natura dei rischi presenti sul luogo di lavoro, correlati alle specifiche attività lavorative.

Dettagli

RISCHI CHIMICI RISCHI CONNESSI CON L ESPOSIZIONE A SOSTANZE CHIMICHE, TOSSICHE O NOCIVE

RISCHI CHIMICI RISCHI CONNESSI CON L ESPOSIZIONE A SOSTANZE CHIMICHE, TOSSICHE O NOCIVE PRIMA DELLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO PREGHIAMO DI PRENDERE VISIONE DELLA SEGUENTE DESCRIZIONE DEI FATTORI DI RISCHIO POTENZIALMENTE PRESENTI IN AZIENDA RISCHI DA INFORTUNIO RISCHI DOVUTI A CARENZE

Dettagli

20/11/2014 Parte 3 - Formazione Preposti 1

20/11/2014 Parte 3 - Formazione Preposti 1 Definizione e individuazione dei fattori di rischio 1 PERICOLO Il pericolo è la potenzialità di una determinata entità (processo produttivo, macchina, sostanza) di provocare danni Circostanza o complesso

Dettagli

REGISTRO DEI CONTROLLI ANTINCENDIO

REGISTRO DEI CONTROLLI ANTINCENDIO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SCUOLA COMUNE DI PREMESSA L art. 5 del D.P.R. 37/98 obbliga i responsabili di attività soggette ai controlli di prevenzione incendi a mantenere in stato di efficienza i sistemi,

Dettagli

MODULO 2 Rischio elettrico _ Rischio meccanico Macchine attrezzature _ Cadute dall alto

MODULO 2 Rischio elettrico _ Rischio meccanico Macchine attrezzature _ Cadute dall alto ModuloAteco Raffinerie Trattamento combustibili nucleari. Industria chimica, Fibre Gomma, Plastica. MODULO 1 L approccio alla prevenzione e valutazione dei rischi attraverso il D. Lgs. 81/2008 _La valutazione

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO AI SENSI DEL D.L.vo 626/94 RELATIVAMENTE ALLE ATTIVITA SCOLASTICHE E ALLE UNIVERSITA.

L ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO AI SENSI DEL D.L.vo 626/94 RELATIVAMENTE ALLE ATTIVITA SCOLASTICHE E ALLE UNIVERSITA. L ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO AI SENSI DEL D.L.vo 626/94 RELATIVAMENTE ALLE ATTIVITA SCOLASTICHE E ALLE UNIVERSITA. 1) L AUTORIZZAZIONE ANTINCENDIO NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE Il D.M. 16.02.1982,

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE Art. 37, comma 2, D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011. g g. Ing. Antonio Giorgi RSPP

CORSO DI FORMAZIONE Art. 37, comma 2, D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011. g g. Ing. Antonio Giorgi RSPP I.I.S. MATTEI-EINAUDI EINAUDI Via Don Torello, 38 04100 Latina CORSO DI FORMAZIONE Art. 37, comma 2, D.Lgs. 81/08 e s.m.i. g g e Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011 Ing. Antonio Giorgi RSPP Il Decreto

Dettagli

Programma di Gestione del Cantiere e Sicurezza dell ambiente di lavoro

Programma di Gestione del Cantiere e Sicurezza dell ambiente di lavoro ISTITUTO A. GEMELLI 2.0 - SCUOLA PARITARIA ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI Programma di Gestione del Cantiere e Sicurezza dell ambiente di lavoro Classe IV a A Geometri Anno scolastico 2015/2016 Modulo 9

Dettagli

La sicurezza negli impianti sportivi e nelle palestre

La sicurezza negli impianti sportivi e nelle palestre La sicurezza negli impianti sportivi e nelle palestre CAMPAGNA INFORMATIVA 2016 Soluzioni flessibili per ogni esigenza Introduzione Il Decreto legislativo n.81 del 2008 e successive modifiche e integrazioni,

Dettagli

QUESTIONARIO di AUTOVALUTAZIONE SULLA SALUTE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

QUESTIONARIO di AUTOVALUTAZIONE SULLA SALUTE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO QUESTIONARIO di AUTOVALUTAZIONE SULLA SALUTE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO Ufficio Sicurezza ed Ambiente Ottobre 2008-1 - Domanda 1: E stato nominato il Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione

Dettagli

La sorveglianza sanitaria: cosa dice la norma, cosa succede nella applicazione concreta.

La sorveglianza sanitaria: cosa dice la norma, cosa succede nella applicazione concreta. Dott.ssa T. Vai Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro - ASL Milano La sorveglianza sanitaria: cosa dice la norma, cosa succede nella applicazione concreta. Assemblea Regionale RLS FILCAMS Milano

Dettagli

Azienda Esempio DOCUMENTO VALUTAZIONE RISCHI ESEMPIO DI STAMPA. Realizzato secondo le procedure standardizzate

Azienda Esempio DOCUMENTO VALUTAZIONE RISCHI ESEMPIO DI STAMPA. Realizzato secondo le procedure standardizzate Azienda Esempio Data: DOCUMENTO VALUTAZIONE RISCHI Realizzato secondo le procedure standardizzate ai sensi degli artt. 17, 28, 29 del D. Lgs.81/08 e s.m.i. Datore di Lavoro Datore di lavoro esempio RSPP

Dettagli

Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81

Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 "Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro" pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

ALLEGATO B. Rende disponibili le risorse necessarie all attuazione delle misure di igiene e sicurezza del lavoro

ALLEGATO B. Rende disponibili le risorse necessarie all attuazione delle misure di igiene e sicurezza del lavoro ALLEGATO B DATORE DI LAVORO è il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o, comunque, quel soggetto che, secondo il tipo e l organizzazione dell impresa, ha la responsabilità della stessa

Dettagli

D.LGS. 231/2001 E ADEMPIMENTI NELL AMBITO DELLA COMPLIANCE AZIENDALE Torino, 1 dicembre 2011

D.LGS. 231/2001 E ADEMPIMENTI NELL AMBITO DELLA COMPLIANCE AZIENDALE Torino, 1 dicembre 2011 D.LGS. 231/2001 E ADEMPIMENTI NELL AMBITO DELLA COMPLIANCE AZIENDALE Torino, 1 dicembre 2011 OMICIDIO COLPOSO E LESIONI GRAVI O GRAVISSIME COMMESSE CON VIOLAZIONE DELLE NORME SULLA TUTELA DELLA SALUTE

Dettagli

Il servizio di prevenzione e protezione: attribuzioni e compiti. Perugia,

Il servizio di prevenzione e protezione: attribuzioni e compiti. Perugia, Il servizio di prevenzione e protezione: attribuzioni e compiti., in tutti gli ambienti di vita e, quindi, anche in quelli dove svolgiamo il lavoro, vi sono rischi che, a volte anche in maniera inconsapevole,

Dettagli

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE 1. autorizzazioni edilizie planimetrie aggiornate (sede dell impresa) certificato di Licenza d Uso o Agibilità (sede dell

Dettagli

Metodologie semplificate di valutazione dei rischi (Allegato II, Linee direttrici pratiche non obbligatorie Direttiva agenti chimici 98/24/CE)

Metodologie semplificate di valutazione dei rischi (Allegato II, Linee direttrici pratiche non obbligatorie Direttiva agenti chimici 98/24/CE) Metodologie semplificate di valutazione dei rischi (Allegato II, Linee direttrici pratiche non obbligatorie Direttiva agenti chimici 98/24/CE) Titolo IX, Capo I Protezione da agenti chimici Misure e principi

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 626/94. Il Datore di Lavoro, nell'ambito degli Adempimenti previsti dal Decreto in oggetto e successive modifiche ( 242 / 96 )

DECRETO LEGISLATIVO 626/94. Il Datore di Lavoro, nell'ambito degli Adempimenti previsti dal Decreto in oggetto e successive modifiche ( 242 / 96 ) DECRETO LEGISLATIVO 626/94 Il Datore di Lavoro, nell'ambito degli Adempimenti previsti dal Decreto in oggetto e successive modifiche ( 242 / 96 ) non può delegare ( responsabilità diretta ) la 1 ) Nomina

Dettagli

qualificata gamma di servizi di consulenza e formazione. La Eco System srl- org ha

qualificata gamma di servizi di consulenza e formazione. La Eco System srl- org ha CHI SIAMO : La ECO SYSTEM S.R.L. - Org è una società che si avvale di personale esperto e opera nel settore della sicurezza sui luoghi di lavoro, dell igiene industriale, della medicina del lavoro, dell

Dettagli

La sicurezza delle macchine utensili

La sicurezza delle macchine utensili La sicurezza delle macchine utensili Casistica di infortuni derivanti dall uso di macchine utensili Nicola Delussu Coordinamento Tecnico Regioni Gruppo macchine e impianti D.lgs. 81/2008 Art. 70 - Requisiti

Dettagli