AUTORIPARATORE - ELETTRAUTO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AUTORIPARATORE - ELETTRAUTO"

Transcript

1 AUTORIPARATORE - ELETTRAUTO PREMESSA L attività di autoriparazione potrà essere svolta solo dalle imprese iscritte regolarmente nel Registro delle Imprese o nell Albo delle Imprese Artigiane della Camera di Commercio nella cui Provincia ha sede l unità operativa dell impresa. Le attività in oggetto si distinguono in: a) meccanica e motoristica b) carrozzeria c) elettrauto d) gommista Rientrano nell attività di autoriparazione tutti quegli interventi di sostituzione, modificazione e ripristino di qualsiasi componente, anche particolare, dei veicoli e dei complessi dei veicoli a motore, di impianti e componenti fissi. Per veicoli si intendono tutte le macchine di qualsiasi specie, che circolano sulle strade, guidate dall uomo. Sono compresi i ciclomotori e motocicli. Non rientrano nell attività di autoriparazione, per esplicita indicazione della legge (art. 1, n.2 L. 122/92) le attività di autolavaggio, rifornimento del carburante, sostituzione di filtro dell aria e dell olio, sostituzione dell olio lubrificante e di altri liquidi lubrificanti o di raffreddamento.

2 CLIENTI La clientela potenziale di un attività di autoriparazione è rappresentata sia da privati, possessori di autoveicoli, motocicli, ecc.., sia da imprese industriali, commerciali, ecc che dispongono di una flotta aziendale di veicoli e domandano servizi di riparazione e manutenzione necessari per il perfetto stato di efficienza e di messa in sicurezza del mezzo. La domanda in particolare è data: da persone che a seguito di incidenti stradali necessitano di riparazioni al proprio veicolo o motoveicolo; da chi decide di inserire sul proprio autoveicolo un impianto stereo o di antifurto o deve riparare gli stessi; da persone che vogliono apportare modifiche al proprio veicolo sia estetiche che impiantistiche; da chi necessita di aiuto per un improvviso guasto al veicolo(un faro bruciato, un finestrino rotto, ); concessionari di automobili che possono necessitare di ritocchi ai mezzi usati e permutati. Nel dettaglio l officina acquista più potere attrattivo se: le strutture sono gestite da personale preparato,disponibile e gentile; offrono il servizio richiesto nel minor tempo possibile. Prendendo in considerazione la possibilità di sviluppo del mercato nella provincia di Cuneo emerge come oggi sempre più spesso venga richiesto a questo genere di impresa una continua offerta di nuovi servizi ed un continuo aggiornamento dovuto principalmente allo sviluppo tecnologico applicato ai veicoli. Il cliente vuole potersi fidare e questo lo si può ottenere con una solida preparazione professionale e del continuo aggiornamento. Data la zona ad alto afflusso turistico non è da sottovalutare la possibilità di poter contare tra i propri clienti anche stranieri che necessitano di lavori ai propri veicoli. L attività deve essere caratterizzata dalla disponibilità del personale alle esigenze del cliente e dalla varietà di lavori che si svolgono, i quali spaziamo dal cambio di un fanale alla sistemazione della carrozzeria dopo un incidente piuttosto che la predisposizione di un impianto di allarme ecc I servizi che, tra gli altri, si possono offrire sono: - verifica dei lavori di cui il veicolo necessita; - preventivi su lavori da eseguire o modifiche richieste; - taglio e saldatura lamiere; - verniciatura delle parti sostituite o riparate; - trattamento anticorrosione e lucidatura; - sostituzione, raddrizzatura e quadratura porte, cofani, parabrezza e paraurti; - installazione impianti di antifurto ed impianti stereo; - riparazione dell impianto elettrico del veicolo; - sistemazione dell impianto di alimentazione, di avviamento, ecc ; - revisioni e bollini blu;

3 REQUISITI E NORMATIVE I requisiti richiesti per l esercizio dell attività artigiana di autoriparazione sono di ordine generale, di ordine morale e di ordine tecnico-professionale e devono essere posseduti dal titolare oppure, se l attività è intrapresa in forma societaria, i requisiti previsti devono essere posseduti da tutti i soci che abbiano la rappresentanza. Requisiti generali: aver raggiunto la maggiore età essere cittadino italiano o di uno degli stati membri dell UE o straniero non comunitario residente in Italia e munito permesso di soggiorno Requisiti morali: avere il godimento dei diritti civili non essere stato interdetto o inabilitato non essere stato dichiarato fallito, o in caso di fallimento essere stato riabilitato non essere sottoposto a misure di prevenzione contro la delinquenza mafiosa. Requisiti tecnico-professionali in capo all imprenditore: aver esercitato, per almeno tre anni nell arco degli ultimi cinque, l attività di autoriparazione come dipendente (operaio qualificato), titolare, socio legale rappresentante o familiare collaboratore nell ambito di imprese operanti nel settore. oppure aver frequentato con esito positivo corso regionale teorico pratico di qualificazione, seguito da almeno un anno di esercizio dell attività di autoriparazione, come operaio qualificato, alle imprese operanti nel settore nell arco degli ultimi cinque anni oppure aver conseguito un titolo di studio a carattere tecnico professionale attinente all attività, seguiti da almeno un anno di esercizio dell attività di autoriparazione come operaio qualificato nell arco degli ultimi cinque oppure aver conseguito in materia tecnica attinente all attività un diploma di istruzione secondaria di secondo grado o diploma di laurea I LOCALI L esercente l attività di autoriparazione deve avere la disponibilità di spazi e di locali idonei a contenere i veicoli oggetto di intervento e le attrezzature e le strumentazioni occorrenti per l esercizio dell attività. Il locale proposto deve essere caratterizzato da una superficie abbastanza ampia in modo da poter ospitare tutti i macchinari e gli attrezzi necessari per svolgere l attività e i veicoli che necessitano di riparazione o di lavori vari. Deve essere un ambiente ordinato, pulito, ben illuminato, essere fornito di attrezzi e macchinari all avanguardia per poter soddisfare le diverse esigenze della clientela. ITER NORMATIVO Le imprese che intendono esercitare l attività di autoriparazione sono tenute a presentare, ai sensi dell art.22, comma 3, del Dgls.112/1998 una denuncia di inizio attività al Registro delle Imprese o alla Commissione Provinciale per l Artigianato presso la Camera di Commercio nella cui Provincia ha sede l unità operativa dell impresa, specificando le attività che intendono esercitare tra quelle previste dalla L. 122/1992.

4 La denuncia di inizio attività deve essere contestuale alla data d inizio attività e va presentata utilizzando un apposito modello distribuito dalla Camera di commercio. Al fine dell iscrizione al Registro delle Imprese/Albo Imprese artigiane occorre documentare i seguenti requisiti: Disponibilità di spazi e di locali idonei a contenere i veicoli oggetto di intervento; Dotazione delle attrezzature e le strumentazioni necessarie per lo svolgimento dell attività indicate in apposite tabelle approvate dal Ministero dei Trasporti; Designazione di un Responsabile Tecnico Saranno verificati i requisiti urbanistici e del rumore del locale in cui si svolge l attività presso l ufficio tecnico del comune per dimensioni e destinazione d uso e presso l ASL di competenza per l agibilità igienico-sanitaria e i requisiti di sicurezza sul lavoro previsti dalla L. 626/94. La documentazione (obbligatoria) da allegare alla DIA è la seguente: certificato medico in bollo, rilasciato dall ASL competente per la sede dell officina, attestante l idoneità fisica del responsabile tecnico all esercizio dell attività di autoriparazione; dichiarazione del preposto alla gestione tecnica attestazione del versamento di 168,00 per la Tassa di Concessione Governativa; IL RESPONSABILE TECNICO Il responsabile tecnico (RT) è colui che, in possesso dei requisiti prescritti, surroga il titolare nell esercizio dell attività di autoriparazione. Il responsabile tecnico deve possedere i seguenti requisiti personali: essere cittadino italiano o di un altro Stato membro dell Unione Europea, ovvero di uno Stato anche non appartenente all U.E. con cui sia operante la condizione di reciprocità; non aver riportato condanne e non essere sottoposto a procedimenti penali per reati commessi nell esercizio dell attività di autoriparazione; essere fisicamente idoneo all esercizio dell attività in base a certificazione rilasciata dall ufficiale sanitario del comune di esercizio dell attività. Deve, inoltre, possedere almeno uno dei seguenti requisiti tecnicoprofessionali: - aver esercitato l attività di autoriparatore alle dipendenze di imprese operanti nel settore nell arco degli ultimi cinque anni, come operaio qualificato, o titolare o socio legale rappresentante o familiare collaboratore per almeno tre anni; tale ultimo periodo è ridotto ad un anno qualora l interessato abbia conseguito un titolo di studio a carattere tecnico-professionale attinente all attività; - aver frequentato, con esito positivo, un apposito corso regionale tecnico-pratico di qualificazione, seguito da almeno un anno di esercizio dell attività di autoriparazione, come operaio qualificato alle dipendenze di imprese operanti nel settore nell arco degli ultimi cinque anni; - aver conseguito, in materia tecnica attinente all attività, un diploma di istruzione secondaria di secondo grado o una laurea. E obbligatorio nominare un responsabile tecnico per ogni eventuale unità operativa. Il RT non può operare in più unità locali (officine, salvo che queste risultino contigue o comunque estremamente prossime).

5 Il RT deve avere un rapporto di immedesimazione con l impresa; la nomina può avvenire tramite procura institoria o attraverso la sottoscrizione di un apposita dichiarazione. Sono considerati immedesimati con l impresa, secondo la normativa in materia: - il titolare - il lavoratore dipendente - il socio prestatore d opera - il familiare collaboratore - l institore - l associato in partecipazione LA REVISIONE DEI VEICOLI Le imprese di autoriparazione, per effettuare la revisione dei veicoli ed avere l affidamento in concessione delle revisioni di cui all art.80, comma 8,del codice della strada, devono possedere i seguenti requisiti: essere in possesso dei requisiti per l esercizio effettivo di tutte e quattro le attività previste e regolamentate dalla legge 122/1992; A) possedere adeguata capacità finanziaria, stabilita con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, dimostrata mediante attestazione di affidamento nelle forme tecniche, rilasciata da parte di: 1) aziende o istituti di credito 2) società finanziarie con capitale sociale non inferiore a ,50 euro 3) avere sede in una delle province per le quali il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti abbia ritenuto di avvalersi della facoltà di cui all art. 80, comma 8 del codice della strada; B) essere dotate di appositi locali che, oltre a possedere le prescritte autorizzazioni amministrative devono avere: 1) superficie di officina non inferiore a 120 mq 2) larghezza, lato ingresso, non inferiore a 6metri 3)ingresso avente larghezza ed altezza rispettivamente non inferiori a m. 2,50 e m.3,50 essere permanentemente dotate delle attrezzature e strumentazioni indicate nell appendice X al D.P.R.495/1992 Per l esercizio dell attività di revisione è necessario essere in possesso di una specifica autorizzazione rilasciata dalla Provincia. La modulistica necessaria per ottenere il rilascio dell autorizzazione è scaricabile direttamente dai siti Internet di ciascuna Provincia. COMPETENZE PROFESSIONALI Le competenze che un autoriparatore deve possedere riguardano principalmente la preparazione tecnico-professionale, la conoscenza della struttura del veicolo, il funzionamento degli impianti elettrico, frenante, ecc, la conoscenza dei materiali che compongono la carrozzeria piuttosto che altre parti fisse del veicolo. Tali competenze si acquisiscono o con studi tecnici adeguati o con la pratica, lavorando presso un impresa del settore.

6 Non vanno trascurate le capacità gestionali e di promozione dell azienda; quelle relative alla comunicazione sono capacità sicuramente essenziali, infatti la clientela si aspetta di ricevere un servizio da persone che sappiano come accoglierle, consigliarle e dare tutte le informazioni relative al lavoro che si dovrà fare sul proprio veicolo. Trattandosi di una zona caratterizzata da un forte flusso turistico, sarebbe molto utile nella gestione dell officina la conoscenza anche basilare della terminologia tecnica in almeno una lingua straniera per essere in grado di offrire assistenza a tutti quei turisti che dovessero avere problemi con i propri veicoli. ANALISI DI MERCATO E SCELTE STRATEGICHE LA CONCORRENZA Per valutare le possibilità di successo di una qualsiasi attività imprenditoriale è necessario considerare sia le potenzialità della domanda dei servizi offerti sia le caratteristiche quantitative e qualitative delle imprese concorrenti già esistenti. Conoscere la concorrenza, è infatti importantissimo per scoprire se esistono, e dove, spazi di mercato per avviare la propria attività. Nel caso in cui questi spazi esistano, è importante aver acquisito tutte le informazioni sulla concorrenza per mettere a punto la propria formula imprenditoriale e cioè decidere quali servizi offrire, quali prezzi proporre, a quali segmenti di mercato rivolgersi, ecc.. Per ogni impresa concorrente è anche importante conoscere, dov è ubicata, da quanti anni è operativa, quali e quante attrezzature utilizza, quali sono le dimensioni dei locali in cui viene svolta l attività, ecc.. Si tratta di informazioni, a volte difficili da reperire ma assolutamente indispensabili per mettere a punto una formula imprenditoriale originale, per diversificare la propria attività dai concorrenti, e conquistare magari anche solo una parte dei loro clienti. LA PROMOZIONE E PUBBLICITÀ La promozione, sia all inizio dell attività che durante tutta la sua esistenza, è uno degli elementi essenziali per garantire all attività buone opportunità di successo. Nel proporre l officina si può usufruire dei diversi mezzi pubblicitari che il mercato è in grado di offrire. Un efficace forma di promozione è il passaparola dei clienti soddisfatti che possono diventare dei veri e propri promotori dell attività trasformando amici, parenti, soci in clienti. Fondamentale è, quindi, la cura della clientela, ovvero la capacità dell imprenditore e dei suoi collaboratori di porre attenzione alle esigenze del cliente creando in questo modo un rapporto amichevole e familiare. Un modo di conquistare la fedeltà duratura del cliente è di superare costantemente le sue attese: fornire ai clienti un servizio che va oltre le loro aspettative. Promuovere la propria attività attraverso spazi pubblicitari su riviste specializzate; Creare depliant da diffondere soprattutto in ambito locale attraverso accordi con le strutture ricettive del territorio circostante per la vicendevole distribuzione di materiale pubblicitario, distribuzione degli stessi presso altre attività commerciali (quali negozi di bar, negozi di materiale elettrico o ricambi per auto, ), ecc. Comprare uno spazio pubblicitario nella locale stazione radiofonica. Creare un sito internet.

7 Stampare biglietti da visita e carta intestata per i preventivi con il proprio logo e denominazione. Garantirsi una presenza su pubblicazioni settimanali e quotidiane le quali dedicano spazio alle automobili piuttosto che altri mezzi di trasporto. Far pubblicare su riviste di annunci di compravendite di vario genere la pubblicità della propria officina. Inserire volantini pubblicitari nelle buche delle lettere. LA POLITICA DEI PREZZI I prezzi applicati dovranno essere in linea con il resto del mercato e dovranno variare a seconda dell intervento effettuato. Esiste, per quanto riguarda la categoria degli autoriparatori, un listino prezzi, depositato dalle Associazioni di categoria presso la Camera di Commercio, al quale si può fare riferimento. Ciò non esclude la possibilità di utilizzare la politica dei prezzi come leva di marketing praticando sconti ai clienti che tornano a richiedere i servizi dell officina. LA LOCALIZZAZIONE La localizzazione dell officina varia a seconda del tipo di clientela che si vuole servire. Infatti se la maggior parte dei clienti sono famiglie o comunque privati conviene scegliere di stabilizzarsi in zone residenziali, mentre se la clientela è prevalentemente composta da imprese che necessitano di riparazione ai propri mezzi da lavoro (ad esempio camion) conviene localizzarsi nella zona industriale della città. Potrebbe essere vantaggioso avviare la propria officina in zone di forte passaggio (ed esempio vicino ad una superstrada o su una delle strade principali di ingresso ed uscita dalla città). RISORSE UMANE Occorre che da parte dell imprenditore vi sia una valutazione rispetto al tipo di organizzazione che conta di mettere in piedi per svolgere la propria attività. A questo proposito le domande cruciali alle quali si dovrà trovare una risposta sono: -quali sono le competenze necessarie per il funzionamento dell impresa e come reperire ed inquadrare le persone che debbono ricoprire le varie funzioni (soci, dipendenti, collaboratori, consulenti esterni)? -se l imprenditore ritiene di svolgere in prima persona tutta l attività, come organizzerà il suo tempo? -è necessario avvalersi di consulenze esterne (commercialista, consulenti del lavoro, ecc..)? SCELTA DELLA FORMULA SOCIETARIA La forma giuridica più semplice è l impresa individuale (art C.C.), o quella dell impresa a conduzione famigliare che prevede la collaborazione di parenti entro il terzo grado ed affini entro il secondo (art. 230-bis C.C.). In presenza di più soggetti, l impresa si può costituire in forma societaria nelle diverse forme previste dalla legge ma per ottenere la qualifica di impresa artigiana è necessario che: nelle società in nome collettivo (S.n.c.) e nelle società cooperative la maggioranza dei soci partecipi al processo produttivo ed almeno uno dei soci sia in possesso dei requisiti tecnico-professionali;

8 nelle società in accomandita semplice (S.a.s) i soci accomandatari partecipino tutti al processo produttivo e almeno uno dei soci accomandatari sia in possesso dei requisiti tecnicoprofessionali nelle S.r.l. unipersonali il socio unico partecipi personalmente al processo produttivo e sia in possesso dei requisiti tecnico-professionali nelle S.r.l. la maggioranza dei soci partecipi personalmente alla produzione, detenga la maggioranza del capitale e la maggioranza nell organo deliberante. INVESTIMENTI Il fabbisogno di risorse per la realizzazione dell attività imprenditoriale dipende dalle dimensioni e dalla formula imprenditoriale prescelta per la conduzione del business. In primo luogo occorre considerare i costi per effettuare i lavori di messa a norma dei locali; questi devono, infatti, possedere le caratteristiche strutturali e igienico sanitarie che la normativa e i regolamenti prevedono per un attività di questo genere. Occorre poi stimare il costo relativo all acquisto dei macchinari e delle attrezzature necessari per svolgere l attività (pompe idrauliche, sollevatori, saldatore a filo continuo, compressore, chiavi, utensili specifici, ecc ). Se il locale non è di proprietà, ma deve essere acquistato, l investimento iniziale è molto più elevato. L alternativa è, naturalmente, la locazione dell immobile. Gli investimenti necessari all esercizio dell attività d impresa dovranno essere realizzati durante il primo esercizio. Le voci più significative riguarderanno le opere di adeguamento locali e l acquisto di macchinari ed attrezzature. Nella tabella che segue sono riportati i costi che, indicativamente, una struttura in discrete condizioni di partenza e con una dotazione base di strumentazione dovrà sostenere: ADEGUAMENTO LOCALI Ristrutturazione e impiantistica 8.000,00 Allacciamento utenze 1.000,00 MACCHINARI E ATTREZZATURA Macchinari ,00 Attrezzature ,00 ATTREZZATURA INFORMATICA Computer, stampante,fax 1.000,00 ARREDAMENTO Arredo ufficio 2.000,00 TOTALE ,00

9 RICAVI E COSTI Dopo aver illustrato le peculiarità che definiscono l idea dell officina, forniamo le prospettive di investimento e sviluppo economico che possono derivarne. Lo facciamo pensando di dar vita ad una laboratorio di dimensioni e con caratteristiche tipo : sarà aperto dal lunedì al venerdì con una media di 2 veicoli al giorno riparati per almeno 46 settimane all anno. La gestione dell attività è a livello famigliare; l imprenditore, iscritto in CCIAA come impresa individuale, dovrà poter contare sull aiuto di 1 famigliare a tempo pieno. Si ipotizza un officina su un unico piano, al piano terra, con una superficie di 120mq che comprende la zona lavoro, la zona in cui parcheggiare i veicoli in attesa di lavorazione ed un piccolo ufficio per accogliere i clienti. Se si offre anche il servizio di verniciatura occorre prevedere la presenza di una stanza da adibire a tale trattamento. LE PREVISIONI DI FATTURATO Si può ipotizzare solamente a grandi linee quale potrà essere il fatturato di un attività di questo tipo dal momento che le variabili e le differenze nell offerta dei servizi è notevole. Occorre, anche, tener conto delle differenze di clientela (privati, imprenditori, ecc ) Prima Annualità Seconda Annualità Terza Annualità Fatturato , , ,00 acquisto esterno merci e materie prime , , ,00 Reddito lordo , , ,00 Affitto , , ,00 Utenze (acqua,energia, , , ,00 telefono) Promozione/pubblicità , , ,00 Costo del lavoro , , ,00 Costi vari e , , ,00 amministrazione e tasse Ammortamenti , , ,00 Margine d impresa 1.267, , ,00 NORMATIVA DI RIFERIMENTO Legge 5 febbraio Disciplina dell'attività di autoriparazione 1992, n. 122 Legge 5 gennaio 1996, n. 25 Legge 26 settembre 1996, n. 507 D.lgs 31 marzo 1998, n. 112 D.p.R. 14 dicembre 1998, n. 558 Differimento di termini previsti da disposizioni legislative nel settore delle attività produttive. Art. 4 e 6. Modifiche alla legge 122/1992 Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle Regioni ed agli Enti locali, in attuazione del capo I legge 59/1997. Articoli estratti (art. 20, 22, 42, 102, 105) Regolamento per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di inizio attività

10 Decreto ministeriale 30 luglio 1997, n Regolamento recante le dotazioni delle attrezzature e delle strumentazioni delle imprese di autoriparazione; categorie di attività soggette alla verifica di determinati requisiti tecnici; Decreto legislativo 152/2006 Testo Unico sull ambiente.

ELETTRICISTA INSTALLATORE D IMPIANTI

ELETTRICISTA INSTALLATORE D IMPIANTI ELETTRICISTA INSTALLATORE D IMPIANTI PREMESSA L'elettricista/installatore d impianti, è una figura professionale che dispone di conoscenze generali di elettrotecnica, disegno di schemi elettrici, impiantistica

Dettagli

L attività di autoriparazione

L attività di autoriparazione L attività di autoriparazione Area Studi Giuridici Settore Anagrafico La redazione del documento è stata curata da: Massimiliano Palombi in collaborazione con Paolo Carducci e Luisa Petetta Indice 1. FINALITÀ

Dettagli

UFFICIO ALBO IMPRESE ARTIGIANE. Istruzioni per la compilazione dei modelli di segnalazione certificata di inizio attività:

UFFICIO ALBO IMPRESE ARTIGIANE. Istruzioni per la compilazione dei modelli di segnalazione certificata di inizio attività: UFFICIO ALBO IMPRESE ARTIGIANE Istruzioni per la compilazione dei modelli di segnalazione certificata di inizio attività: IMPRESE DI AUTORIPARAZIONE (L. 122 del 5.2.1992 modificata con L. 224/2012) MAGGIO

Dettagli

ATTIVITA DI AUTORIPARAZIONE (Legge n. 122 del 5.2.1992 - D.P.R. n. 558 del 14.12.1999) (modulo SCIA aggiornato al 24 novembre 2010)

ATTIVITA DI AUTORIPARAZIONE (Legge n. 122 del 5.2.1992 - D.P.R. n. 558 del 14.12.1999) (modulo SCIA aggiornato al 24 novembre 2010) ATTIVITA DI AUTORIPARAZIONE (Legge n. 122 del 5.2.1992 - D.P.R. n. 558 del 14.12.1999) (modulo SCIA aggiornato al 24 novembre 2010) SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) Questo modello va

Dettagli

Istruzioni per la compilazione dei modelli di denuncia di inizio attività:

Istruzioni per la compilazione dei modelli di denuncia di inizio attività: UFFICIO DEL REGISTRO DELLE IMPRESE Istruzioni per la compilazione dei modelli di denuncia di inizio attività: IMPRESE DI AUTORIPARAZIONE (L. 122/92) SETTEMBRE 2012 con aggiornamento dei diritti di segreteria

Dettagli

AUTORIPARATORI Legge 5 febbraio 1992, n. 122 e D.lgs. 112/98 art. 22 e dall art. 10 del D.P.R. 558/1999

AUTORIPARATORI Legge 5 febbraio 1992, n. 122 e D.lgs. 112/98 art. 22 e dall art. 10 del D.P.R. 558/1999 AUTORIPARATORI Legge 5 febbraio 1992, n. 122 e D.lgs. 112/98 art. 22 e dall art. 10 del D.P.R. 558/1999 1. IMPRESE AUTORIPARATORI soggette alla L. 122/92: 2. IMPRESE AUTORIPARATORI NON soggette alla L.122/92:

Dettagli

MODELLO VARIAZIONI SOGGETTIVE E DATI IMPRESA Attività commerciali

MODELLO VARIAZIONI SOGGETTIVE E DATI IMPRESA Attività commerciali Allo Sportello Unico delle Attività Produttive del COMUNE di MODELLO VARIAZIONI SOGGETTIVE E DATI IMPRESA Attività commerciali PRIVACY: Nel compilare questo modello le chiederemo di fornire dati personali

Dettagli

Camera di Commercio. Industria Artigianato ed

Camera di Commercio. Industria Artigianato ed Camera di Commercio Industria Artigianato ed Agricoltura Caltanissetta ! " #$ #% & ' & #' #$ %% $# ' ' ( #$ ' & ' #$ ' & # #% '&' #% ( $ # & ' & #' #$ )!' ' * $ ' $ & ' '#!' ' +$ & &$ &," & - $ $ %./0

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA DI INSTALLAZIONE, AMPLIAMENTO, TRASFORMAZIONE, MANUTENZIONE DI IMPIANTI 1 (D.M. n. 37 del 22.1.

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA DI INSTALLAZIONE, AMPLIAMENTO, TRASFORMAZIONE, MANUTENZIONE DI IMPIANTI 1 (D.M. n. 37 del 22.1. SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA DI INSTALLAZIONE, AMPLIAMENTO, TRASFORMAZIONE, MANUTENZIONE DI IMPIANTI 1 (D.M. n. 37 del 22.1.2008) al Registro delle Imprese o all Albo delle Imprese Artigiane

Dettagli

Come aprire un'attività di idraulica. Classe III A TER UDA di Storia - Diritto - Economia Politica

Come aprire un'attività di idraulica. Classe III A TER UDA di Storia - Diritto - Economia Politica Come aprire un'attività di idraulica Classe III A TER UDA di Storia - Diritto - Economia Politica La normativa che precisa le caratteristiche per essere considerati imprenditori artigiani è la Legge 8

Dettagli

IMPRESE DI PULIZIA. Normativa di riferimento: Legge 25 gennaio 1994 n. 82 e successive modifiche o integrazioni. Decreto 7 luglio 1997 n. 274.

IMPRESE DI PULIZIA. Normativa di riferimento: Legge 25 gennaio 1994 n. 82 e successive modifiche o integrazioni. Decreto 7 luglio 1997 n. 274. IMPRESE DI PULIZIA Normativa di riferimento: Legge 25 gennaio 1994 n. 82 e successive modifiche o integrazioni. Decreto 7 luglio 1997 n. 274. Le attività di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione

Dettagli

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA La Microimpresa è una misura prevista dal Titolo II del Decreto 185/2000 pensata per chi vuole creare una piccola impresa nel settore

Dettagli

Indicare n. tel. / posta elettronica @. di chi presenta il modello. CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI CROTONE

Indicare n. tel. / posta elettronica @. di chi presenta il modello. CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI CROTONE Indicare n. tel. / posta elettronica @. di chi presenta il modello. CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI CROTONE SCIA (Segnalazione certificata di inizio di attività relativa agli

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione UFFICIO DEL REGISTRO DELLE IMPRESE Istruzioni per la compilazione dei modelli di denuncia di inizio attività: AUTORIPARATORI (L. 122/92) 30/11/2003 1 Premessa La legge 122/92 prevede che coloro che esercitano

Dettagli

Domanda di autorizzazione

Domanda di autorizzazione Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di Domanda di autorizzazione COMPLESSO TURISTICO-RICETTIVO ALL ARIA APERTA L.R. n. 28 dell 11 luglio 1986 Il sottoscritto, Cognome: Nome: 1. Dati azienda

Dettagli

Comune di Sabaudia Provincia di Latina

Comune di Sabaudia Provincia di Latina \ Protocollo generale Comune di Sabaudia Provincia di Latina N del Sportello Unico Attività Produttive SPETT.LE COMUNE DI SABAUDIA SETTORE AA.PP. S.U.A.P. S.C.I.A. ACCONCIATORI, ESTETISTI E MESTIERI AFFINI

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO Allegato a) cap.fin. ZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO 2000 n. - Il/La sottoscritto/a nato a Via n. in qualità di della ditta con sede legale a Via che l impresa suindicata ha ottenuto, dalla Filiale di

Dettagli

Al Comune di Monte San Savino (Arezzo)

Al Comune di Monte San Savino (Arezzo) al SUAP del Comune competente Da inoltrare utilizzando il Portale Regionale accessibile dal sito web del Comune - SUAP OLINE Forme speciali di vendita al dettaglio PER CORRISPONDENZA,TELEVISIONE ED ALTRI

Dettagli

Modulistica unificata

Modulistica unificata Modello: COM_0103_ITA - Revisione n. 03 del 17/01/2009 - Pagina 1 di 11 In fondo al modello brevi istruzioni per l utilizzo e la compilazione Scheda Generale Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

C.F. Partita IVA (se diversa da C.F.) denominazione o ragione sociale

C.F. Partita IVA (se diversa da C.F.) denominazione o ragione sociale AL COMUNE/ALL UNIONE DEI COMUNI DI ALLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE DI ATTIVITÀ DI ESTETISTA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (L. n. 1/1990, L.R. n. 17/2011, D.Lgs 59/2010, art.

Dettagli

ATTIVITA DI ACCONCIATORE/ESTETISTA E MESTIERI AFFINI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA)

ATTIVITA DI ACCONCIATORE/ESTETISTA E MESTIERI AFFINI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 ATTIVITA DI ACCONCIATORE/ESTETISTA E MESTIERI AFFINI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) INIZIO ATTIVITÀ - SUBINGRESSO TRASFERIMENTO DI SEDE VARIAZIONI

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 37 - Mercoledì 10 settembre 2014

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 37 - Mercoledì 10 settembre 2014 5 D.G. Istruzione, formazione e lavoro D.d.u.o. 5 agosto 2014 - n. 7558 Regolamentazione regionale dello standard professionale e formativo del tecnico meccatronico delle autoriparazioni IL DIRIGENTE U.O.

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

MENSA AZIENDALE Segnalazione certificata di inizio attività/comunicazione

MENSA AZIENDALE Segnalazione certificata di inizio attività/comunicazione spazio per la protocollazione Allo Sportello Unico delle Attività Produttive del COMUNE di NARNI MENSA AZIENDALE Segnalazione certificata di inizio attività/comunicazione Il/La sottoscritto/a QUADRO INIZIALE

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive Corso Sangallo, 38 52048 Monte San Savino (Arezzo) Da inoltrare utilizzando il Portale Regionale accessibile dal sito web del

Dettagli

Modulo E7.02 Mod.COM_38_scia_vend corrispondenza vers. 01 del 29/10/2014

Modulo E7.02 Mod.COM_38_scia_vend corrispondenza vers. 01 del 29/10/2014 Modulo E7.02 Mod.COM_38_scia_vend corrispondenza vers. 01 del 29/10/2014 Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ (ai sensi del D.L. 78/10 convertito

Dettagli

CITTÀ DI FIUMICINO (PROVINCIA DI ROMA)

CITTÀ DI FIUMICINO (PROVINCIA DI ROMA) CITTÀ DI FIUMICINO (PROVINCIA DI ROMA) Rep.n / Quietanza n del (Diritti d istruttoria) Protocollo Generale del Comune AL S.U.A.P. Sportello Unico delle Attività Produttive del Comune di Fiumicino (Modello

Dettagli

Settore Attività Economiche - Servizi alle imprese Progetti e Finanziamenti Comunitari U.O. Attività economiche, commerciali e libero professionali

Settore Attività Economiche - Servizi alle imprese Progetti e Finanziamenti Comunitari U.O. Attività economiche, commerciali e libero professionali Settore Attività Economiche - Servizi alle imprese Progetti e Finanziamenti Comunitari U.O. Attività economiche, commerciali e libero professionali L.R. 07/02/05, N. 28 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

Il sottoscritto nato a il nazionalità residente a Via Codice fiscale Tel. (barrare la casella che interessa)

Il sottoscritto nato a il nazionalità residente a Via Codice fiscale Tel. (barrare la casella che interessa) ALLO SPORTELLO UNICO DEL COMUNE DI marca da bollo Domanda di AUTORIZZAZIONE AMMINISTRATIVA ALL APERTURA DI ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Art. 7 comma 1 Legge Regionale n. 14 del 26.7.2003

Dettagli

Il/La sottoscritto/a. nato/a a il. e residente in (prov. ) via n. Codice Fiscale P. IVA DICHIARA (3)

Il/La sottoscritto/a. nato/a a il. e residente in (prov. ) via n. Codice Fiscale P. IVA DICHIARA (3) Città metropolitana di Venezia mod. TR040 ver. 02-09.15 TRASPORTI DOMANDA DI RILASCIO LICENZA AUTOTRASPORTO DI COSE IN CONTO PROPRIO PER VEICOLI CON PORTATA UTILE OLTRE 30 QUINTALI marca da bollo da 16,00

Dettagli

Modulo E7.02 mod. COM_38_scia_vend corrispondenza vers. 02 del 09/04/2015

Modulo E7.02 mod. COM_38_scia_vend corrispondenza vers. 02 del 09/04/2015 Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ FORME SPECIALI DI VENDITA AL DETTAGLIO Vendita per Corrispondenza, Radio, Televisione o altri sistemi di

Dettagli

0574/534439 417 (Ing. F.Agostini Dott. C.Renzi) Fax. 0574/534281 e-mail: motorizzazione@provincia.prato.it; fagostini@provincia.prato.

0574/534439 417 (Ing. F.Agostini Dott. C.Renzi) Fax. 0574/534281 e-mail: motorizzazione@provincia.prato.it; fagostini@provincia.prato. Amministrazione Trasparente Servizi erogati - Carta dei servizi e Standard di qualità art.32 c.1 D.Lgs.33/2013 > Iscrizione Albo Autotrasportatori di cose per conto di terzi > Licenze per l autotrasporto

Dettagli

ALLO SUAP DEL COMUNE DI MANTA 0 0 4 1 1 6

ALLO SUAP DEL COMUNE DI MANTA 0 0 4 1 1 6 CODICE PRATICA riservato allo SUAP MOD.6COM FORME SPECIALI DI VENDITA AL DETTAGLIO COMMERCIO ELETTRONICO Segnalazione Certificata di Inizio attività (compilare in stampatello) ALLO SUAP DEL COMUNE DI MANTA

Dettagli

IMPRESE DI AUTORIPARAZIONE

IMPRESE DI AUTORIPARAZIONE IMPRESE DI AUTORIPARAZIONE (Legge n. 122 del 05.02.1992) Istruzioni per l iscrizione nell Albo Imprese Artigiane dei soggetti esercenti l attività di autoriparazione (versione del 27 dicembre 2012) IMPRESE

Dettagli

Il sottoscritto. nato a il, cittadinanza. residente in Via n. c.f./,quale titolare /legale rappresentante dell impresa. (REA ) con sede in. via n.

Il sottoscritto. nato a il, cittadinanza. residente in Via n. c.f./,quale titolare /legale rappresentante dell impresa. (REA ) con sede in. via n. Scia/82/agg07/2015 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ DI IMPRESA DI PULIZIA DISINFEZIONE DISINFESTAZIONE DERATTIZZAZIONE E SANIFICAZIONE (Legge n. 82/94 - D.M. n. 274/97) Al Registro delle Imprese

Dettagli

Responsabile tecnico

Responsabile tecnico Responsabile tecnico La figura è stata rilevata nei seguenti gruppi di attività economica della classificazione Ateco 91: G 50.2 Manutenzione e riparazione di autoveicoli Figure professionali contigue:

Dettagli

Autoimprenditorialità

Autoimprenditorialità Autoimprenditorialità Aspetti giuridici e burocratici dell impresa Febbraio 2012 La figura giuridica dell imprenditore L art. 2082 del Codice Civile definisce imprenditore chi esercita professionalmente

Dettagli

COMUNICAZIONE DI SUBINGRESSO PER IL COMMERCIO SU AREA PUBBLICA

COMUNICAZIONE DI SUBINGRESSO PER IL COMMERCIO SU AREA PUBBLICA (DA TRASMETTERE IN DUPLICE COPIA) Al Corpo di Polizia Municipale del Comune di Castiglione della Pescaia (Ufficio Polizia Amministrativa) Strada Provinciale n 3 del Padule, Km 19 58043 - Castiglione della

Dettagli

(PROVINCIA DI ROMA) MANIFESTAZIONE OCCASIONALE DI PUBBLICO SPETTACOLO DOMANDA NUOVA AUTORIZZAZIONE

(PROVINCIA DI ROMA) MANIFESTAZIONE OCCASIONALE DI PUBBLICO SPETTACOLO DOMANDA NUOVA AUTORIZZAZIONE CITTÀ DI FIUMICINO (PROVINCIA DI ROMA) Marca Bollo 16,00 AL S.U.A.P. Sportello Unico delle Attività Produttive del Comune di Fiumicino MANIFESTAZIONE OCCASIONALE DI PUBBLICO SPETTACOLO DOMANDA NUOVA AUTORIZZAZIONE

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE Il sottoscritto, Cognome: Nome: 1. Dati azienda e rappresentate

Dettagli

Quale tipo di società scegliere per il proprio business

Quale tipo di società scegliere per il proprio business Quale tipo di società scegliere per il proprio business È possibile scegliere la forma giuridica più conveniente all interno di queste quattro categorie: 1) Impresa individuale 2) Società di persone 3)

Dettagli

attività commerciali vendita della stampa quotidiana e periodica modello 2_15_01

attività commerciali vendita della stampa quotidiana e periodica modello 2_15_01 N. identificativo marca da bollo La marca da bollo deve essere annullata e conservata in originale dal soggetto interessato AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive Corso

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

Allegato alla denuncia di: Iscrizione Modificazione (1) Registro delle Imprese Albo imprese artigiane

Allegato alla denuncia di: Iscrizione Modificazione (1) Registro delle Imprese Albo imprese artigiane Denuncia inizio attività di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione (L. 25/1/1994 n. 82; D.M. 7/7/1997 n. 274; DPR 14/12/1999 n.558) Allegato alla denuncia di: Iscrizione

Dettagli

Comune di Portici Provincia di Napoli. ID Strada IN RELAZIONE ALL ATTIVITA QUI DI SEGUITO SPECIFICATA 1. Al COMUNE DI PORTICI (NA) 6 3 0 5 9

Comune di Portici Provincia di Napoli. ID Strada IN RELAZIONE ALL ATTIVITA QUI DI SEGUITO SPECIFICATA 1. Al COMUNE DI PORTICI (NA) 6 3 0 5 9 Comune di Portici Provincia di Napoli COMUNICAZIONE DI AFFIDAMENTO DI REPARTO Art.54 co.4 Decreto Dirigenziale n. 997 del 30/10/2014 avente ad oggetto: Legge Regionale 9 gennaio 2014 n. 1 Nuova circolare

Dettagli

COMUNE DI BIELLA SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE

COMUNE DI BIELLA SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE 1 COMUNE DI BIELLA SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE S.C.I.A. (Segnalazione certificata di Inizio Attività) ESERCIZIO COMMERCIALE AL DETTAGLIO CON SUPERFICIE DI VENDITA FINO A 250 MQ. D.Lgs. 31 marzo

Dettagli

legale rappresentante della Società C.F. Partita IVA (se diversa da C.F.) denominazione o ragione sociale

legale rappresentante della Società C.F. Partita IVA (se diversa da C.F.) denominazione o ragione sociale BOLLO COMUN DI FANO SETTORE IV SERVIZI TERRITORIALI ED ABIENTALI U.O. POLIZIA AMMINISTRATIVA COMMERCIO POLITICHE COMUNITARIE DOMANDA PER IL RILASCIO DI AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI COMMERCIO

Dettagli

STRALCIO N. 259-01. <<Disposizioni concernenti le revisioni periodiche dei veicoli a motore >>

STRALCIO N. 259-01. <<Disposizioni concernenti le revisioni periodiche dei veicoli a motore >> Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia IX LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI STRALCIO N. 259-01

Dettagli

ALLEGATO A PROGRAMMAZIONE PER GLI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE AI SENSI DELL ART. 42 BIS DELLA L.R. 28/05 E S.M.I.

ALLEGATO A PROGRAMMAZIONE PER GLI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE AI SENSI DELL ART. 42 BIS DELLA L.R. 28/05 E S.M.I. ALLEGATO A PROGRAMMAZIONE PER GLI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE AI SENSI DELL ART. 42 BIS DELLA L.R. 28/05 E S.M.I. Art. Zonizzazione Ai fini della presente programmazione il territorio

Dettagli

Forma giuridica dell impresa

Forma giuridica dell impresa Forma giuridica dell impresa Quando una impresa si costituisce deve affrontare il problema di quale forma giuridica scegliere: Impresa individuale Società di persone (S.s., S.n.c., S.a.s.) Società di capitali

Dettagli

OGGETTO: Disposizioni relative al settore dell autotrasporto merci su

OGGETTO: Disposizioni relative al settore dell autotrasporto merci su Prot. n. F69/RNS Bologna, 24 Aprile 2012 OGGETTO: Disposizioni relative al settore dell autotrasporto merci su strada. Decreto Legge n. 5 /2012 Disposizioni urgenti in materia di semplificazione e di sviluppo

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (art. 45 L. r. 7.2.2005 n. 28)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (art. 45 L. r. 7.2.2005 n. 28) ESTREMI DI ISCRIZIONE DELLA DICHIARAZIONE (A CURA DELL UFFICIO) Ufficio ricevente Presentata il A mezzo Data protocollo Num. Prot fax a mano posta via telematica NUMERO ASSEGNATO ALLA PRATICA SEGNALAZIONE

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA ESTREMI DI ISCRIZIONE DELLA DICHIARAZIONE (A CURA DELL UFFICIO) Ufficio ricevente Presentata il A mezzo Data protocollo Num. Prot fax a mano posta via telematica NUMERO ASSEGNATO ALLA PRATICA DICHIARAZIONE

Dettagli

25065 LUMEZZANE (Bs) Via Rosmini n. 14 ENTE ACCREDITATO PRESSO LA REGIONE LOMBARDIA

25065 LUMEZZANE (Bs) Via Rosmini n. 14 ENTE ACCREDITATO PRESSO LA REGIONE LOMBARDIA SETTORE SEGRETERIA GENERALE Prot. N. 33/CdA AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DI UN ELENCO DI PRESTATORI PER SVOLGERE ATTIVITA IN AMBITO DIDATTICO E FORMATIVO NEI PERCORSI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE Il

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA CENTRO DI TELEFONIA E COMUNICAZIONE (c.d. phone center e/o internet point) 1

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA CENTRO DI TELEFONIA E COMUNICAZIONE (c.d. phone center e/o internet point) 1 Al Responsabile SUAP Via della Pineta 117 00040 Rocca Priora RM SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA CENTRO DI TELEFONIA E COMUNICAZIONE (c.d. phone center e/o internet point) 1 D. Lgs n. 259/2003

Dettagli

Nei locali posti in Taranto, Via/P.za n, per complessivi mq per un totale di nr vetture Con la rappresentanza di: ...nato a...il... ...nato a...il...

Nei locali posti in Taranto, Via/P.za n, per complessivi mq per un totale di nr vetture Con la rappresentanza di: ...nato a...il... ...nato a...il... AUTORIMESSE COMMERCIALI (DPR. N.480 DEL 19.12.2001) I I Comunicazione esente da bollo Da presentare in duplice copia NOLEGGIO SENZA CONDUCENTE (DPR. N. 481 del 19.12.2001) I SCIA SEGNALAZIONE CERTIFICATA

Dettagli

Al Responsabile SUAP Del Comune di Calcinaia. Cognome Nome. Data di nascita Cittadinanza

Al Responsabile SUAP Del Comune di Calcinaia. Cognome Nome. Data di nascita Cittadinanza SPECIALI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO VENDITA PER CORRISPONDENZA-TRAMITE TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE DI SUBINGRESSO-TRASFERIMENTO DI SEDE- Al Responsabile SUAP Del Comune di

Dettagli

Segnalazione certificata di inizio attività di somministrazione di alimenti e bevande. Codice Fiscale TEL FAX

Segnalazione certificata di inizio attività di somministrazione di alimenti e bevande. Codice Fiscale TEL FAX AREA COMMERCIO E ATTIVITA PRODUTTIVE Sportello Unificato per il Commercio Timbro Protocollo MOD. 311 ESERCIZI PUBBLICI Servizio Attività economiche e di servizio SUAP Pianificazione Commerciale COMPILARE

Dettagli

MODULO A OGGETTO DELL APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA AREE ESTERNE E MANUTENZIONE DEL VERDE COMUNALE ANNI 2014 2015 2016. Il sottoscritto... nato il...

MODULO A OGGETTO DELL APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA AREE ESTERNE E MANUTENZIONE DEL VERDE COMUNALE ANNI 2014 2015 2016. Il sottoscritto... nato il... MODULO A OGGETTO DELL APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA AREE ESTERNE E MANUTENZIONE DEL VERDE COMUNALE ANNI 2014 2015 2016 Il sottoscritto... nato il... a... e residente a... Via... titolare legale rappresentante

Dettagli

Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013

Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013 Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013 A seguito delle numerose domande inerenti al Patentino dei Frigoristi, giunte in redazione nei giorni scorsi, riportiamo le FAQ (domande

Dettagli

Il/La sottoscritto/a, nato/a ( ) il. cittadinanza residente a. Prov. CAP Via/Piazza. n. tel. cell. ###### Il/La sottoscritto/a, nato/a ( ) il

Il/La sottoscritto/a, nato/a ( ) il. cittadinanza residente a. Prov. CAP Via/Piazza. n. tel. cell. ###### Il/La sottoscritto/a, nato/a ( ) il Al Comune di BORDIGHERA Ufficio Commercio 18012 BORDIGHERA IM OGGETTO: comunicazione di SUBINGRESSO, ai sensi dell art. 132 della legge regionale 2 gennaio 2007, n.1 (Testo Unico in materia di commercio),

Dettagli

COMMERCIO AL DETTAGLIO GRANDI STRUTTURE. S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attivita. Data di nascita / / Cittadinanza Sesso: M F

COMMERCIO AL DETTAGLIO GRANDI STRUTTURE. S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attivita. Data di nascita / / Cittadinanza Sesso: M F COMMERCIO AL DETTAGLIO GRANDI STRUTTURE S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attivita AL COMUNE DI Cod. ISTAT _ _ _ _ _ _...l... sottoscritt...: Cognome Nome C.F. _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

Dettagli

Il/La sottoscritto/a. nato/a a. il e residente in prov. via n. codice fiscale P. IVA D I C H I A R A (3)

Il/La sottoscritto/a. nato/a a. il e residente in prov. via n. codice fiscale P. IVA D I C H I A R A (3) mod. TR071 ver. 01-10.12 TRASPORTI DOMANDA DI RILASCIO LICENZA AUTOTRASPORTO DI COSE IN CONTO PROPRIO PER VEICOLI CON PORTATA UTILE sotto i 30 QUINTALI marca da bollo da 16,00 anche assolta in modo virtuale

Dettagli

COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza

COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza PIANO DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI VENDITA ESCLUSIVI DI QUOTIDIANI E PERIODICI E DEFINIZIONE DEI CRITERI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER PUNTI VENDITA

Dettagli

Indicare la casella p.e.c. @ e n. tel. di chi presenta il modello. Il sottoscritto. residente in Via n

Indicare la casella p.e.c. @ e n. tel. di chi presenta il modello. Il sottoscritto. residente in Via n Indicare la casella p.e.c. @ e n. tel. di chi presenta il modello Scia/82 Al Registro delle Imprese SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ DI IMPRESA DI PULIZIA DISINFEZIONE DISINFESTAZIONE DERATTIZZAZIONE

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA ATTIVITA' DI TATUAGGIO E PIERCING

SCHEDA INFORMATIVA ATTIVITA' DI TATUAGGIO E PIERCING SCHEDA INFORMATIVA ATTIVITA' DI TATUAGGIO E PIERCING Titolo abilitativo: DIA ad efficacia immediata. A. DESCRIZIONE. Per tatuaggio si intende la colorazione permanente di parti del corpo ottenuta con l

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER L APERTURA O IL TRASFERIMENTO DI PUBBLICO ESERCIZIO

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER L APERTURA O IL TRASFERIMENTO DI PUBBLICO ESERCIZIO DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER L APERTURA O IL TRASFERIMENTO DI PUBBLICO ESERCIZIO Marca da bollo 14,62 Al Comune di Crema Il/La sottoscritt nat_ a il prov. cittadinanza residente a via n. C.F. tel. fax

Dettagli

DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ. LE IMPRESE DI AUTORIPARAZIONE (legge 122/92)

DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ. LE IMPRESE DI AUTORIPARAZIONE (legge 122/92) DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ LE IMPRESE DI AUTORIPARAZIONE (legge 122/92) (L. 5.2.1992 n. 122 D.P.R. 18/04/1994 n. 387 L. 05/01/1996 n. 25 L. 26/09/1996 n. 507 Circolare Ministero industria n. 3286/C del

Dettagli

Documento di sintesi della nota ministeriale sull accesso alla professione ed accesso al mercato

Documento di sintesi della nota ministeriale sull accesso alla professione ed accesso al mercato Documento di sintesi della nota ministeriale sull accesso alla professione ed accesso al mercato I ) Accesso alla professione con applicazione delle disposizioni del DL 5/2012, convertito dalla Legge 35/2012

Dettagli

COMUNE DI BIELLA SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE ****************************************************** COMMERCIO ELETTRONICO

COMUNE DI BIELLA SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE ****************************************************** COMMERCIO ELETTRONICO COMUNE DI BIELLA SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE ****************************************************** FORME SPECIALI DI VENDITA AL DETTAGLIO COMMERCIO ELETTRONICO D.Lgs. 31 marzo 1998, n. 114 e ss.mm.ii,

Dettagli

Commercio Esercizi di vicinato e forme speciali di vendita al dettaglio

Commercio Esercizi di vicinato e forme speciali di vendita al dettaglio Commercio Esercizi di vicinato e forme speciali di vendita al dettaglio Descrizione Gli Esercizi di Vicinato sono esercizi per il commercio al dettaglio, posti su area privata, aventi superficie di vendita

Dettagli

SCHEDA SINTETICA LEGGE n. 215/1992 Azioni positive per l'imprenditoria femminile

SCHEDA SINTETICA LEGGE n. 215/1992 Azioni positive per l'imprenditoria femminile SCHEDA SINTETICA LEGGE n. 215/1992 Azioni positive per l'imprenditoria femminile SCOPO E OBIETTIVO DELLA LEGGE La Legge n. 215 del 25 febbraio 1992 riporta un ampio ventaglio di disposizioni con lo scopo

Dettagli

Capitolo 1. Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali

Capitolo 1. Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali Capitolo 1 Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali Il termine imprenditore esprime un concetto economico prima ancora che giuridico. L imprenditore è, infatti, colui che si pone

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SUBINGRESSO NELL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE SIA DI TIPO A (su posteggi dati in concessione per dieci anni) SIA DI TIPO B (su qualsiasi area purché

Dettagli

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) ATTIVITA DI ACCONCIATORE E/O ESTETISTA

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) ATTIVITA DI ACCONCIATORE E/O ESTETISTA CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*-GGMMAAAA-HH:MM Mod. Comunale (Modello 0050 Versione 005-2014) Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) ATTIVITA DI ACCONCIATORE E/O ESTETISTA Allo Sportello Unico

Dettagli

COMUNE DI QUARTU SANT ELENA AREA ECONOMICA E DELLO SVILUPPO

COMUNE DI QUARTU SANT ELENA AREA ECONOMICA E DELLO SVILUPPO COMUNE DI QUARTU SANT ELENA AREA ECONOMICA E DELLO SVILUPPO SETTORE SVILUPPO LOCALE REGOLAMENTO AGENZIE D AFFARI EX ART. 115 DEL R.D. n 773 del 18.06.1931 (Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza)

Dettagli

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola)

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola) METTERSI IN PROPRIO METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE (A cura di: Ezio Casavola) L. 1 DISCIPLINA DELLE ATTIVITA COMMERCIALI FINO AL 1942: CODICE DI COMMERCIO, CHE REGOLAVA

Dettagli

ALLA PROVINCIA DI COSENZA SETTORE TRASPORTI Viale Crati Cda Vaglio Lise 87100 COSENZA

ALLA PROVINCIA DI COSENZA SETTORE TRASPORTI Viale Crati Cda Vaglio Lise 87100 COSENZA Mod. D_TRAS_REV (vers. 13/01) MARCA DA BOLLO DA EURO 14.62 ALLA PROVINCIA DI COSENZA SETTORE TRASPORTI Viale Crati Cda Vaglio Lise 87100 COSENZA DOMANDA PER TRASFERIMENTO SEDE DI ESERCIZIO DELLA ATTIVITA

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER L APERTURA O IL TRASFERIMENTO DI PUBBLICO ESERCIZIO

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER L APERTURA O IL TRASFERIMENTO DI PUBBLICO ESERCIZIO DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER L APERTURA O IL TRASFERIMENTO DI PUBBLICO ESERCIZIO Marca da bollo 14,62 Spazio riservato al Protocollo Al Comune di Costa Masnaga Il/La sottoscritt nat_ a il prov. cittadinanza

Dettagli

Usato Smile e l automobilista ti sorride

Usato Smile e l automobilista ti sorride Usato Smile e l automobilista ti sorride Proponi anche tu Usato Smile e otterrai: Nasce un nuovo servizio che ti offre nuove opportunità L accesso a una flotta potenziale di 2,5 milioni di veicoli questo

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 (Agg 11/2010) SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE ATTIVITÀ TEMPORANEA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA Al Comune di Ai sensi del d.lgs. n.59/2010 (art.

Dettagli

CHIEDE IL RILASCIO DICHIARA

CHIEDE IL RILASCIO DICHIARA Mod. RILASCIO D OMANDA DI RILASCIO A UTORIZZAZIONE PER LE R EVISIONI DEI V EICOLI A M OTORE MARCA DA BOLLO 14,62 Al Dirigente del Servizio Trasporti Via - Il/la sottoscritto/a in qualità di : Titolare

Dettagli

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo Genesis s.r.l. - Via Galliera, 26-40121 Bologna - www.genesis.it Copyright Genesis, 2004. - 1 - CHECK LIST 1. Hai messo a fuoco il mercato a cui rivolgerti?

Dettagli

COM 6 CORRISPONDENZA, TV, ALTRI SISTEMI

COM 6 CORRISPONDENZA, TV, ALTRI SISTEMI spazio per la protocollazione Allo Sportello Unico delle Attività Produttive del COMUNE DI SESTO FIORENTINO COM 6 CORRISPONDENZA, TV, ALTRI SISTEMI PRIVACY: Nel compilare questo modello le chiederemo di

Dettagli

Al Dipartimento SUAP Sportello Unico Attività Produttive Comune Di Messina

Al Dipartimento SUAP Sportello Unico Attività Produttive Comune Di Messina Scheda 4 vic SCIA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO Al Dipartimento SUAP Sportello Unico Attività Produttive Comune Di Messina l sottoscritt :

Dettagli

Programma formativo del corso di specializzazione per il conseguimento della Abilitazione Professionale di ACCONCIATORE

Programma formativo del corso di specializzazione per il conseguimento della Abilitazione Professionale di ACCONCIATORE Allegato n. 1 alla Delib.G.R. n. 12/33 del 10.3.2011 Programma formativo del corso di specializzazione per il conseguimento della Abilitazione Professionale di ACCONCIATORE (ex Qualifiche Parrucchiere

Dettagli

Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Catania

Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Catania Dalla pianificazione dell investimento all avvio dell attività imprenditoriale INVENTALAVORO JOB 2011 Catania, Le Ciminiere 14, 15, 16 dicembre 2011 LA PIANIFICAZIONE DELL INVESTIMENTO La creazione di

Dettagli

RIVOLGE ISTANZA DI RILASCIO DI. prima autorizzazione: alla realizzazione; all esercizio;

RIVOLGE ISTANZA DI RILASCIO DI. prima autorizzazione: alla realizzazione; all esercizio; Marca da bollo - euro 14,62 All Assessorato alla sanità, salute e politiche sociali Via de Tillier, 30 11100 AOSTA AO OGGETTO: richiesta di rilascio o di rinnovo di autorizzazione ai sensi dell articolo

Dettagli

attività commerciali vendita della stampa quotidiana e periodica modello 2_15_02

attività commerciali vendita della stampa quotidiana e periodica modello 2_15_02 N. identificativo marca da bollo La marca da bollo deve essere annullata e conservata in originale dal soggetto interessato AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive Corso

Dettagli

La definizione del piano d impresa: una fase necessaria alla realizzazione della propria idea imprenditoriale. Relatore: dott.

La definizione del piano d impresa: una fase necessaria alla realizzazione della propria idea imprenditoriale. Relatore: dott. La definizione del piano d impresa: una fase necessaria alla realizzazione della propria idea imprenditoriale Relatore: dott.ssa Anna Censi Innanzitutto chi sono.. Mi chiamo Anna Censi ed ho collaborato

Dettagli

FORME SPECIALI DI VENDITA AL DETTAGLIO COMMERCIO ELETTRONICO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (compilare in stampatello)

FORME SPECIALI DI VENDITA AL DETTAGLIO COMMERCIO ELETTRONICO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (compilare in stampatello) FORME SPECIALI DI VENDITA AL DETTAGLIO COMMERCIO ELETTRONICO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (compilare in stampatello) MOD. SCIA-COM 6bis Al Comune di * Ai sensi del D.L.vo 31/3/1998 n.114

Dettagli

..l.. sottoscritt... nat a... il.. residente in

..l.. sottoscritt... nat a... il.. residente in SCIA - subingresso esercizio di somministrazione alimenti e bevande a seguito reintestazione per risoluzione contratto di affitto di azienda. Al Comune di CARCARE Ufficio Commercio..l.. sottoscritt...

Dettagli

Il/la sottoscritto/a nato/a a il residente in Via/Piazza CAP Comune. in proprio quale legale rappresentante della Società

Il/la sottoscritto/a nato/a a il residente in Via/Piazza CAP Comune. in proprio quale legale rappresentante della Società Bollo da Euro 14,62 (in caso di domanda) Al Signor Sindaco del Comune di 10080 SAN BENIGNO CANAVESE (TO) Oggetto: COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE Il/la sottoscritto/a nato/a a il residente in Via/Piazza CAP

Dettagli

Domanda di autorizzazione

Domanda di autorizzazione Modulo E17.01 Mod.COM_32_AUT_Realizzaizone_Stabilimento_balneare Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di Domanda di autorizzazione REALIZZAZIONE STABILIMENTO BALNEARE L.R. n. 17 del 21/12/2005

Dettagli

ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5

ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5 1. PREMESSA La Legge n. 40 del 2 aprile 2007 Conversione in legge, con modificazioni, del D.L. 31 gennaio 2007, n. 7, recante

Dettagli

DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08

DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08 DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08 DM del 22/01/08 n. 37 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ATTIVITA DI INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI Art. 1 - IMPIANTI SOGGETTI ALL APPLICAZIONE

Dettagli

L ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALLA LUCE DEL DECRETO LEGISLATIVO 205/10, DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2008/98/CE

L ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALLA LUCE DEL DECRETO LEGISLATIVO 205/10, DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2008/98/CE L ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALLA LUCE DEL DECRETO LEGISLATIVO 205/10, DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2008/98/CE Eugenio Onori Presidente dell Albo Nazionale Gestori Ambientali Modifiche all art.212

Dettagli

COMMERCIO AL DETTAGLIO ESERCIZI DI VICINATO. S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attività. Data di nascita / / Cittadinanza Sesso: M F

COMMERCIO AL DETTAGLIO ESERCIZI DI VICINATO. S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attività. Data di nascita / / Cittadinanza Sesso: M F COMMERCIO AL DETTAGLIO ESERCIZI DI VICINATO S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attività AL COMUNE DI Cod. ISTAT...l... sottoscritt...: Cognome Nome C.F. Data di nascita / / Cittadinanza Sesso:

Dettagli

Al Comune di GIUGLIANO IN CAMPANIA.

Al Comune di GIUGLIANO IN CAMPANIA. Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 ATTIVITA DI ESTETISTA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) INIZIO ATTIVITÀ - SUBINGRESSO TRASFERIMENTO DI SEDE VARIAZIONI - CESSAZIONE ATTIVITA Al Comune

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA AGENZIE DI AFFARI ( Art.115 T.U.L.P.S.)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA AGENZIE DI AFFARI ( Art.115 T.U.L.P.S.) SUAP Sportello Unico Attività Produttive Comune di Messina SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA AGENZIE DI AFFARI ( Art.115 T.U.L.P.S.) sottoscrit COGNOME (1) NOME (2) Cittadinanza (3) nato/a (4)

Dettagli